PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2014"

Transcript

1 COMUNE di ISORELLA Prov. di Brescia INDICE PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE PREMESSA Obiettivi Aree d'intervento 2. INTERVENTI ECONOMICI Interventi economici straordinari Assistenza economica finalizzata Prestito d onore Bonus Energia Bonus Gas Bando Affitti Voucher lavoro 3. AREE DI INTERVENTO AREA FAMIGLIA E MINORI Assegno per famiglie numerose Assegno di maternità Servizio di assistenza domiciliare educativa minori (ADM) Affido familiare Servizio tutela minori. Contributo per frequenza micro-nido Attività ricreative estive AREA ANZIANI Rimborso spese ticket sanitari Contributo badanti Contributo per anziani invalidi gravi Contributi economici per abitazione e utenze domestiche Contributo per spese funerarie. Soggiorni climatici anziani Contributi per cure termali

2 Servizio di trasporto convenzionato Integrazione rette Casa di Riposo e Istituti Residenziali per diversamente abili Servizio di assistenza domiciliare e pasti a domicilio Contributo per spese odontoiatriche e oculistiche. Voucher sociale AREA DISABILI Interventi per soggetti diversamente abili Inserimento in Centri Diurni per Disabili (CDD), Centri Socio Educativi (CSE) e Servizi di Formazione all Autonomia (SFA) Inserimento liste del Servizio Inserimento Lavorativo (SIL) Contributo per ausili protesici Voucher sociale educativo AREA DISAGIO ADULTO Interventi per la prevenzione delle tossicodipendenze e per l'educazione della salute AREA POLITICHE GIOVANILI Informagiovani Voucher Leva Civica 4. MODALITÀ' DI ACCESSO AI SERVIZI Destinatari Requisiti Criteri per la determinazione del reddito 2

3 1. PREMESSA OBIETTIVI : In attuazione delle norme Costituzionali sull'assistenza sociale ed allo scopo di assicurare a tutti i cittadini l'effettivo diritto al pieno e libero sviluppo della loro personalità, rimuovendone le cause ostative (art. 38), il Comune organizza idonei servizi sociali ed eroga adeguati interventi di carattere economico. Affinché le condizioni di vita di ogni cittadino siano il più possibile adeguate alla dignità della persona, il Comune, nell'ambito dei servizi sociali basa il suo intervento su alcuni obiettivi di fondo, quali : - l'integrazione dei servizi sociali con quelli sanitari, culturali e del tempo libero; - la realizzazione di una politica dei servizi che privilegi forme di gestione sociale attraverso la partecipazione e la collegialità; - il perseguimento di livelli ottimali sia sul piano quantitativo che qualitativo degli interventi, superando forme costose ed emarginanti di istituzionalizzazione; - la utilizzazione dei servizi la destinazione degli interventi aperte a tutti i cittadini, a prescindere da ogni riferimento a categorie giuridiche, economiche, sociali, politiche, religiose o razziali. AREE DI INTERVENTO : In particolare si intende avviare un programma che affronti con progetti specifici i problemi relativi a : - Area minori - Area dei diversamente abili - Area della devianza giovanile e della prevenzione delle tossicodipendenze - Area degli anziani. In tutti questi ambiti ci si dovrà rapportare con l'attività specifica dell' A.S.L. di riferimento, e in particolare al servizio sociale dell' A.S.L. e del Distretto Socio- Sanitario, che esprimono la dimensione territoriale a noi più vicina. La legislazione vigente, gli ambiti di competenza specifici devono inoltre vedere il Comune preparato e disponibile a realizzare quei necessari interventi di razionalizzazione che permettano di dare alla popolazione servizi adeguati e funzionali. Nella sua azione il Comune, dovrà avere uno stretto raccordo con l'azienda Sanitaria di riferimento e con gli altri Enti erogatori di servizi. In attesa che venga formulato un unico Regolamento per la applicazione di criteri per la fruizione di prestazioni e servizi ai cittadini dell ambito distrettuale n 9 ( il quale è composto dai seguenti Paesi: Alfianello-Bagnolo Mella- Bassano Bresciano- Cigole- Fiesse- Gambara- Ghedi - Gottolengo- Isorella- Leno- Manerbio- Milzano- Offlaga- Pavone del Mella- Pontevico- Pralboino- San Gervasio- Seniga- Verolanuova- Verolavecchia ) il Comune ha attuato il proprio P.S.A Impegno del Comune è l'inventario delle risorse umane e strumentali esistenti. E' utile sotto questo aspetto sottolineare l'importanza del volontariato. Infatti, il solidarismo, 3

4 opportunamente valorizzato, può rappresentare una forma più incisiva e capillare dell'intervento pubblico. 2. INTERVENTI ECONOMICI INTERVENTI ECONOMICI STRAORDINARI Pur avendo sempre come obiettivo prioritario l'erogazione di servizi, il Comune prevede anche interventi economici a carattere straordinario, intesi a sanare situazioni eccezionali o di emergenza, sempre comunque dopo aver verificato l'impossibilità contributiva da parte di altre Istituzioni. I contributi straordinari vengono intesi di norma come non ripetibili, pur potendo essere scaglionati nel corso dell'anno. L'intervento straordinario si effettua in casi di particolare necessità ed urgenza. La domanda dovrà essere presentata presso l'ufficio servizi sociali ed indirizzata al sindaco. ASSISTENZA ECONOMICA FINALIZZATA L assistenza economica finalizzata consiste nell intervento a favore di soggetti o nuclei familiari indigenti, il cui progetto, allo scopo di coinvolgere in modo attivo il fruitore dell intervento rendendolo partecipe dell azione di recupero /sostegno, prevede e definisce delle prescrizioni che l interessato deve svolgere e che possono concretizzarsi nella messa a disposizione del proprio impegno in uno dei seguenti settori organizzati dell Amministrazione comunale : -servizio di custodia, vigilanza e manutenzione, apertura e chiusura di strutture pubbliche (palestre, piattaforme ecologiche, e simili); -servizio di manutenzione e salvaguardia del verde pubblico; -servizio di aiuto a disabili e anziani; -servizio di homemaker (piccoli lavori di manutenzione domestica, ecc.) Ad ogni assistito impegnato sarà erogato un contributo, la cui entità dovrà essere determinata in base al progetto individuale che dovrà inoltre contenere le modalità di impegno dell interessato e quelle relative al pagamento del contributo. PRESTITO D ONORE Il servizio di prestito d onore consiste nella concessione di una somma in prestito a tasso zero per i beneficiari, da restituire con rate mensili, per un periodo massimo di 12 MESI. L importo del prestito può variare da un minimo di 50,00 a un massimo di L ammontare del prestito può essere aumentata nel caso di famiglie con 4 o più figli a carico. Possono farne richiesta le famiglie residenti che dimostrino criticità determinata dalla perdita del posto di lavoro, dalla crisi, dalla cassa integrazione o mobilità oppure di dover affrontare impreviste situazioni che richiedano maggiore afflusso di denaro. Tra questi imprevisti sono comprese le difficoltà legate alla casa: per anticipo caparra alloggio in locazione, primo arredo, anticipo spese allacci pubblici servizi, pagamento di utenze ordinarie come ad esempio bollette o affitto, spese legate alla nascita di un 4

5 figlio; spese mediche,sanitarie, sociosanitarie non coperte dalle prestazioni erogate a carico del Servizio Sanitario nazionale; spese scolastiche ed ogni altra situazione che venga considerata determinante per il raggiungimento o mantenimento dell autonomia con particolare riferimento all esercizio di impegni genitoriali. SISTEMA DI GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONIO SULLE TARIFFE ELETTRICHE BONUS ENERGIA Il Bonus Energia ( ovvero il regime di compensazione della spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di energia elettrica) è uno strumento introdotto dal Governo con l obiettivo di sostenere le famiglie in condizione di disagio economico, garantendo loro un risparmio sulla spesa annua per l energia elettrica. Il bonus sociale è uno sconto applicato alle bollette dell energia elettrica, per 12 mesi; al termine di tale periodo, per ottenere un nuovo bonus, il cittadino dovrà rinnovare la richiesta di ammissione. Il sistema è pienamente operativo dal mese di gennaio Possono accedere al Bonus sociale tutti i cittadini domestici, intestatari di una fornitura elettrica nell abitazione di residenza con potenza fino a 3 kw, che abbiano un ISEE inferiore o uguale a Euro ed i nuclei familiari con almeno 4 figli a carico, con ISEE non superiore a ,00 e una fornitura elettrica con potenza fino a 3 KW. Hanno inoltre diritto al bonus sociale tutti i clienti domestici presso i quali vive un soggetto affetto da grave malattia, costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita. Ogni nucleo familiare può chiedere il bonus per una sola fornitura di energia elettrica. L importo del bonus sarà quantificato in occasione dell aggiornamento annuale delle tariffe. Per accedere al bonus sociale il cittadino deve recarsi presso l Ufficio Servizi Sociali e compilare l apposita modulistica allegando copia dell attestazione ISEE con copia della fattura della fornitura elettrica e copia carta d identità. Lo sconto in bolletta è applicato non prima di due mesi dalla presentazione della richiesta di ammissione presso il Comune. SISTEMA DI GESTIONE DELLE AGEVOLAZIONIO SULLE TARIFFE ELETTRICHE BONUS GAS E una riduzione sulle bollette del gas riservata alle famiglie a basso reddito e numerose. Il bonus è stato introdotto dal Governo e reso operativo dall Autorità per l energia, con la collaborazione dei Comuni. Il bonus vale esclusivamente per il gas metano distribuito a rete ( e non per il gas in bombola o per il GPL), per i consumi nell abitazione di residenza. Possono accedere al bonus sociale tutti i clienti domestici che abbiano un ISEE inferiore o uguale a euro ed i nuclei familiari con almeno 4 figli a carico, con ISEE non superiore a Euro ,00. Il bonus è determinato ogni anno dall Autorità per l Energia per consentire un risparmio del 15% circa sulla spesa media annua presunta per la fornitura di gas naturale (al netto delle imposte). Il valore del bonus sarà differenziato: per tipologia di utilizzo del gas (solo cottura cibi e acqua calda; solo riscaldamento; oppure cottura cibi, acqua calda e riscaldamento insieme); 5

6 - per numero di persone residenti nella stessa abitazione; - per zona climatica di residenza (in modo da tenere conto delle specifiche esigenze di riscaldamento delle diverse località); Per accedere al bonus sociale il cittadino deve recarsi presso il CAF DELEGATO e compilare l apposita modulistica. CONTRIBUTO AFFITTO Sulla base di un fondo nazionale, istituito nel 1998 dall'art. 11 della Legge n. 431/98, ogni anno i Comuni pubblicano un bando per assegnare contributi economici a integrazione del pagamento del canone d'affitto. Il bando è rivolto a tutti coloro che, in possesso dei requisiti di reddito, necessitano di un contributo per il pagamento del canone di affitto dell'alloggio. Questo "contributo" non copre per intero l'importo, ma ha lo scopo di abbatterne una parte rendendolo più equo. Sulle domande presentate in autocertificazione si effettuano in percentuale i controlli, ai sensi di legge. Nei casi in cui la documentazione prodotta risulti difforme dai dati di reddito e di canone dichiarati, il contributo viene sospeso e i fascicoli trasmessi all'autorità giudiziaria. Ogni anno la Regione Lombardia stabilisce i requisiti e le priorità per l assegnazione del contributo. VOUCHER LAVORO Il progetto voucher lavoro si pone una duplice finalità, sia economica che sociale. Dal punto di vista economico, l intervento fornisce un integrazione salariale, per i destinatari che usufruiscono di un ammortizzatore sociale, nonché un sostegno al reddito per coloro che non percepiscono alcuna indennità o sostegno legato al proprio status occupazionale. Dal punto di vista sociale, permette al prestatore di svolgere attività per il proprio Comune di residenza, arricchendo il proprio bagaglio professionale. I Comuni, in qualità di committenti pubblici, possono avvalersi per tutto l anno 2014 dell attività occasionale prestata dai soggetti nel rispetto dei vincoli previsti dalla normativa in materia di contenimento delle spese di personale e, ove previsto, del patto di stabilità. Ai fini del presente intervento le attività accessorie di cui può avvalersi il Comune, possono essere svolte dai seguenti prestatori: - disoccupati (con e senza indennità) / inoccupati; - iscritti alle liste di mobilità (indennizzata e non indennizzata); - percettori di integrazione salariale: cassa integrazione guadagni in deroga, cassa - integrazione guadagni ordinaria, cassa integrazione guadagni straordinaria, gestione speciale edilizia e gestione speciale agricoli. I prestatori che intendono aderire all iniziativa devono rivolgersi al proprio Comune di Residenza e compilare il modulo di adesione. Il valore nominale di ogni voucher è di 10/00 euro lordi, comprensivo della contribuzione della Gestione Separata INPS (13%), dell assicurazione INAIL (7%) e della quota dell INPS per la gestione del servizio (5%). Al netto il valore del voucher è 7,50 euro. L erogazione di un voucher corrisponde ad un ora di attività lavorativa prestata. 6

7 Il presente programma prevede l erogazione di un buono lavoro di 300/00 euro lordi, 225/00 euro al netto, a fronte di 30 ore di attività prestata presso il Comune. Per l anno 2014 non vi sono in previsione voucher da attivare. 3. AREE D INTERVENTO AREA FAMIGLIA E MINORI ASSEGNO PER FAMIGLIE NUMEROSE (ex art. 65 L. 448/98) Viene erogato in favore di nuclei familiari composti da cittadini italiani, da cittadini comunitari e da possessori di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, residenti, con tre o più figli di età inferiore ai diciotto anni, con modesta situazione economica. (Ogni anno l inps pubblica sulla Gazzetta ufficiale l adeguamento dei parametri ISE da applicare per ottenere il beneficio) L assegno è corrisposto dall Inps per tredici mensilità e la domanda deve essere presentata presso l Ufficio Servizi Sociali del Comune entro il 31 gennaio dell anno successivo a quello per il quale è richiesto l assegno. ASSEGNO DI MATERNITÀ (ex art. 66 L. 448/98) Viene erogato alle madri, cittadine italiane, comunitarie o alle straniere in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, che non beneficiano di un trattamento previdenziale di indennità di maternità e con situazione economica non elevata. (Ogni anno l inps pubblica sulla Gazzetta ufficiale l adeguamento dei parametri ISE da applicare per ottenere il beneficio) L assegno viene erogato dall Inps e concesso per un massimo di cinque mensilità per ogni figlio nato o per ogni minore adottato o in affidamento preadottivo. La domanda deve essere presentata presso l Ufficio Servizi Sociali del Comune entro sei mesi dalla data del parto. SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA PER MINORI (ADM) Il servizio si propone di attivare interventi preventivi e di sostegno a favore di famiglie con minori definiti a rischio o in situazioni di temporanea difficoltà, dove sia possibile un parere favorevole al cambiamento. Il servizio è gestito a livello distrettuale, su progetto presentato dal servizio sociale di base o dalla Tutela Minori. Sulla quota pagata dal Comune si può prevedere un contributo da parte della famiglia. AFFIDAMENTO FAMILIARE L affido etero familiare è disposto dalla L. 184 del 1983 modificata dalla L. 149/2001 ed è un servizio a supporto di famiglie in situazioni di difficoltà, temporaneamente impossibilitate ad occuparsi dei propri figli. L affido può essere disposto dal servizio sociale o dall Autorità Giudiziaria. Per gli affidamenti di minori presso le famiglie affidatarie a tempo pieno l'amministrazione Comunale, data la rilevante valenza preventiva di questo servizio, eroga un contributo economico alle famiglie affidatarie, quantificato in 300 al mese volto a coprire le spese sostenute dalla famiglia. 7

8 L'Amministrazione Comunale in alcuni casi particolari può chiedere alla famiglia di origine dei minori, il cui ISEE superi i Euro, fino ad un terzo ( 100 al mese) del contributo previsto per l affido. Per gli affidamenti diurni il contributo va parametrato per ogni singola situazione, sulla base dell'impegno richiesto rapportandolo al contributo sopra indicato. Per gli affidi intra familiari a parenti entro il IV grado non è previsto alcun contributo economico, rientrando all interno dei rapporti di solidarietà tra parenti. L Amministrazione, in deroga a quanto sopra esposto, può valutare eventuali aumenti dei contributi in relazione a: età, situazioni di handicap e di disadattamento del minore affidato. L'onere dell'affidamento deve essere sostenuto dal Comune di residenza dei genitori della famiglia originaria del minore. SERVIZIO TUTELA MINORI Attualmente la gestione della Tutela minori è affidata ad un equipe facente capo all Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Ambito 9-Ghedi La Tutela Minori prende in carico le situazioni di famiglie e minori a seguito di decreto del Tribunale dei Minorenni o del Tribunale Ordinario. CONTRIBUTO PER FREQUENZA MICRO-NIDO L Obiettivo del contributo è quello di agevolare le famiglie con basso reddito dove entrambi i genitori lavorano. Le richieste devono essere presentate all ufficio Servizi Sociali entro il 30/06 ed il 30/12 di ciascun anno. Fra la documentazione richiesta, oltre all attestazione ISEE dove risulta il reddito di entrambi i genitori, dovranno essere presentate le fatture del Micro-nido emesse nell anno in corso. Si Prevede un impegno di 2.500,00; qualora le richieste siano superiori all importo impegnato l entità del contributo sarà riparametrato alle disponibilità di Bilancio. E previsto un contributo che copre il 60% delle spese realmente sostenute per i possessori di un attestazione ISEE non superiore ad 9.436,00 mentre per i titolari di un attestazione ISEE che va da 9.436,01 ad ,00 il contributo copre il 30% delle spese sostenute. Il Contributo massimo ammonta a 60 mensili. ATTIVITA RICREATIVE ESTIVE Per l anno 2014 l Amministrazione Comunale intende individuare delle attività ricreative estive rivolte ai minori attraverso uno specifico atto, in accordo con la Parrocchia, nel quale vengono specificati obiettivi, costi e modalità di gestione e di organizzazione dei centri estivi diurni. AREA ANZIANI RIMBORSO SPESE TICKET SANITARI. Al fine di garantire la possibilità di soddisfare il bisogno primario quale quello dell'assistenza sanitaria, è previsto un contributo a parziale copertura delle spese sostenute per il pagamento dei ticket per i cittadini indigenti che sono esclusi 8

9 dall'esenzione, che rientrino nei limiti di reddito previsti nell'allegata tabella e dai criteri per la determinazione del reddito nel regolamento dell I.S.E.E. Il requisito per l accesso a tale contributo, oltre all incapacità totale o parziale del soggetto solo a produrre un reddito sufficiente anche l incapacità del proprio nucleo familiare o dei tenuti agli alimenti in base all art. 433 del codice civile di assicurare l'assistenza necessaria. Si rende quindi indispensabile oltre al proprio reddito ISEE fornire anche l ISEE delle persone tenute agli alimenti ( figli, nipoti, coniugi ecc.). Agli aventi diritto, escluso ticket per ricetta, viene rimborsato dal 60% fino al 100% per farmaci fascia C, e per le spese di diagnostica e prestazioni specialistiche presso strutture pubbliche; escluse le prestazioni rese da strutture private non convenzionate e spese odontoiatriche e per ausili ortopedici. Viene rimborsato l importo massimo annuo di 780,00 salvo deroghe proposte dall assistente sociale ( come da accordi previsti dall ambito 9 ) o il cui nucleo familiare non sia in grado di assicurare l'assistenza necessaria. Alle persone che rientrano nei limiti di reddito previsti nella tabella del regolamento I.S.E.E verranno rimborsate : 100% farmaci di fascia C e prestazioni diagnostiche e specialistiche per coloro che rientrano nel reddito I.S.E.E pari o inferiore a Euro 8.318,00 60% farmaci fascia C e prestazioni diagnostiche e specialistiche per coloro che rientrano nel reddito I.S.E.E pari o inferiore a Euro ,00. DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE : autocertificazione in base al regolamento I.S.E.E fotocopia della ricetta medica con le relative fustelle e timbro della farmacia : scontrino fiscale ; per visite specialistiche, analisi e diagnostica strumentale (es. TAC, ecografie, etc.) copia ricevuta di pagamento del ticket da esibire anche in fotocopia ; le richieste verranno effettuate ed evase semestralmente 30 GIUGNO \ 31 DICEMBRE, e devono essere inoltrate presso l'ufficio Servizi Sociali del Comune. CONTRIBUTO PER BADANTI Per l anno 2014 in via sperimentale è prevista l erogazione di un contributo forfettario per gli anziani che usufruiscono dei servizi di una badante con permesso o carta di soggiorno ed assunta regolarmente con iscrizione all Inps. Il contributo pari ad 500,00 annui verrà erogato ai possessori di attestazione ISEE pari o inferiore a ,00 Rimane comunque valido per la richiesta del contributo di produrre l ISEE proprio, ammesso che non vi siano familiari in condizione di provvedere. CONTRIBUTO PER ANZIANI INVALIDI GRAVI Il contributo è previsto per le famiglie che hanno al loro interno un invalido grave, anche se non percepisce l accompagnamento, al fine di garantire il mantenimento al domicilio dell anziano. I requisiti necessari per la presentazione della domanda sono i seguenti: 9

10 - presenza all interno dello stato di famiglia di un anziano ultrassantacinquenne, con invalidità civile al 100%, anche senza indennità di accompagnamento; - Isee del nucleo familiare pari o inferiore a ,00 - Essere assistiti a domicilio in maniera continuativa. CONTRIBUTI ECONOMICI PER SPESE SOSTENUTE PER L'ABITAZIONE E PER LE UTENZE DOMESTICHE. Allo scopo di sovvenire alle crescenti difficoltà che le fasce economicamente più deboli incontrano nel mantenere la loro autonomia abitativa, è previsto un contributo per i seguenti interventi: 1. TARI Rimborso sotto forma di contributo per la tassa rifiuti per gli ultrasessantacinquenni che non usufruiscono di altre agevolazioni che abbiano i seguenti requisiti: Coppia di anziani ( di cui anche un solo ultra65enne) detentori di un unica abitazione ; reddito I.S.E.E. pari o inferiore a Euro ,00 Il contributo si ottiene calcolando la riduzione del 30% della tassa e sarà condizionato alle richieste presentate. La domanda dovrà essere presentata all Ufficio Servizi Sociali del Comune entro il 30/06/ e 31/12/ di ogni anno. 2. RISCALDAMENTO ED ENERGIA ELETTRICA Contributo per il riscaldamento e energia elettrica per famiglie con anziani ultrasessantacinquenni o disabili che abbiano i seguenti requisiti: proprietari di un unica abitazione ; reddito I.S.E.E. pari o inferiore a Euro ,00 Il contributo prevede il rimborso fino ad un massimo di 200,00 a famiglia e sarà in relazione alle richieste presentate. La domanda dovrà essere presentata all Ufficio Servizi Sociali del Comune entro il 30/06 e 31/12 di ogni anno. Chi ha familiari con handicap grave il reddito I.S.E.E. è di ,00. Le richieste, corredate dalla documentazione delle spese sostenute, dovranno essere indirizzate al Sindaco e presentate entro il 30 GIUGNO \ 31 DICEMBRE all'ufficio Servizi Sociali. CONTRIBUTO PER SPESE FUNERARIE. In caso di bisogno, e su presentazione di regolari fatture, verrà erogato un contributo di 300,00 per famiglie di pensionati con ISEE pari o inferiore a ,00 come contributo per le spese funerarie. SOGGIORNI CLIMATICI ANZIANI Ai soggiorni climatici per anziani possono partecipare tutte le persone pensionate. 10

11 Il servizio dei soggiorni è organizzato per soddisfare le esigenze di cure climatiche dell'anziano che ha problemi di carattere sanitario, e anche per favorire la socializzazione ed i rapporti, con gli altri, che risultano essere molto positivi anche agli effetti della salute. Il servizio verrà organizzato anche nel 2014 allo scopo di offrire soggiorni montani, marini e lacustri secondo un intenso calendario, tale da coprire le varie esigenze ai costi più accessibili. Il Comune intende garantire la massima partecipazione di tutta la popolazione ultrasessantenne, nonché l'utilizzo di strutture alberghiere di sperimentata qualità ed ospitalità, erogando contributi in favore dei partecipanti COME DA TABELLA. Ogni partecipante ai soggiorni climatici può presentare entro il 31/12 una richiesta di contributo indirizzata al Sindaco, presentata presso l'ufficio Servizi Sociali e integrata con il proprio reddito I.S.E.E. CONTRIBUTI PER CURE TERMALI. Anche per l anno 2014 l Amministrazione Comunale si impegna a organizzare il servizio di trasporto e prenotazione per effettuare le cure termali presso gli stabilimenti di Sirmione Virgilio e Catullo stabilendo una quota massima di 40,00 a carico dell utente, indipendentemente dal reddito posseduto. SERVIZIO TRASPORTO CONVENZIONATO In collaborazione con l Ass. Au.Ser. è stato attivato il servizio convenzionato di trasporto per persone anziane o sprovviste di mezzi propri presso le sedi ospedaliere di Leno, Manerbio, Asola e Montichiari, Brescia, Desenzano ecc.. La richiesta,motivata,deve pervenire al Comune con almeno 3 giorni di anticipo, con indicazione precisa dell orario e della destinazione. Il Comune provvederà a contattare il Responsabile Au.Ser del servizio. Premesso che il rimborso all Auser da parte del Comune sarà di Euro 0,48/km, la quota a carico dell utente viene stabilita come segue: per Leno e Asola Euro 6,00 per Montichiari, Manerbio e Castelgoffredo Euro 8,50 per Brescia e Desenzano Euro 11,00 Tale quota verrà versata direttamente al responsabile Auser a servizio effettuato. CONTRIBUTO PER SPESE ODONTOIATRICHE ED OCULISTICHE. E un contributo previsto in questo esercizio, a beneficio delle persone con più di 65 anni. Tale sovvenzione è erogata previa presentazione delle seguenti documentazioni: attestazione ISEE pari o inferiore ad ,00 fattura o scontrino fiscale in originale Le richieste verranno evase annualmente e dovranno essere inoltrate presso l ufficio Servizi Sociali del Comune entro il 31 Dicembre. 11

12 INTEGRAZIONE RETTE CASA DI RIPOSO E ISTITUTI RESIDENZIALI PER DIVERSAMENTE ABILI. L'Amministrazione Comunale, su richiesta degli interessati, sostiene parzialmente o totalmente l'onere della retta presso la Casa di Riposo, seguendo questi criteri : - gli ospiti che non hanno parenti tenuti agli alimenti versano interamente la quota della/e loro pensione/i, detratte, dietro espressa richiesta, di Euro 62,00 massimo mensili fino alla copertura della retta di degenza ; - qualora durante l'anno intervengano aumenti tali di pensione che l'utente riesca a coprire interamente la retta, tali aumenti saranno trattenuti fino alla copertura di quanto già versato dall'amministrazione Comunale ; - qualora l'ospite sia proprietario di casa/e o terreno/i oppure li abbia venduti negli ultimi 5 anni il Comune non interviene nell'integrazione della retta, salvo diversa valutazione in base all'entità del valore dell'immobile. Al termine di tale periodo l'amministrazione si riserva di riesaminare la situazione economica dell'ospite per la determinazione del proprio intervento. Per il calcolo della percentuale di partecipazione alla copertura della retta da parte dei familiari tenuti al mantenimento in base all'art. 433 del c.c., si farà riferimento alla tabella del regolamento I.S.E.E. Nel caso di più tenuti si sommeranno le percentuali di ciascuno di essi in base alla fascia corrispondente al suo nucleo familiare, ottenendo in tal modo la quota complessiva di recupero. Qualora uno o più dei tenuti fosse inadempiente, gli altri dovranno integrare la propria quota fino a raggiungere la somma complessiva dovuta. Le indagini relative all'accertamento dei familiari tenuti al mantenimento verranno svolte dalla Casa di Riposo al momento del ricovero. Gli interessati obbligati verranno contattati dall'istituto affinché provvedano a versare direttamente allo stesso la propria quota. SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) E PASTI A DOMICILIO E importante sottolineare come fra gli interventi più significativi e che richiedono maggior impegno economico vi siano i pasti a domicilio per gli anziani e il servizio di assistenza domiciliare, oltre naturalmente alla integrazione delle rette per gli istituti residenziali per i diversamente abili. Il servizio di Assistenza Domiciliare e il servizio pasti a domicilio sono interventi veramente sentiti e indispensabili per la popolazione. L'Assistenza Domiciliare rappresenta la modalità specifica più vicina e aderente ai bisogni degli anziani. Gli interventi del S.A.D. vengono garantiti a tutti i cittadini che per età, condizioni psicofisiche, ambientali, familiari, necessitano di prestazioni domestiche ed assistenziali. Le prestazioni fondamentali del S.A.D. sono : igiene e cura della persona; prestazioni di tipo domestico, il governo della casa e il soddisfacimento di esigenze individuali tali da favorire nell'utente l'autosufficienza nelle attività quotidiane. Ulteriore prestazione complementare fornite dal Comune è il servizio pasti a domicilio. 12

13 Chi vuole usufruire di questo servizio deve presentare una richiesta che deve essere indirizzata all Ufficio Servizi Sociali su modulo definito e debitamente corredata dall ISEE e da ulteriore eventuale documentazione. L'Assistente Sociale, incaricato dal coordinamento del servizio, provvederà ad una attenta valutazione del bisogno nonché i tempi e le modalità d'intervento. In fase di avvio del Servizio, per il pagamento ci si rifà alle tabelle del Regolamento dell I.S.E.E, ponendo come costo medio convenzionale orario Euro 18,00. Trattandosi di un servizio prestato in situazioni di gravi difficoltà, è necessario tenere conto di tutti gli elementi che potrebbero vanificare gli obiettivi di servizio. Si potrà prevedere quindi un diverso concorso da parte degli utenti alla spesa ed anche all'erogazione gratuita del servizio prevedendo inoltre un costo massimo del servizio di Euro 8,50 all ora. Per quanto riguarda il pasto a domicilio si fa riferimento alla tabella di compartecipazione alla spesa da parte dell utenza e per l anno 2014 il costo a pasto è stabilito in 9,35. VOUCHER SOCIALE Il servizio di assistenza domiciliare voucherizzato si configura come un servizio complementare e il più possibile integrato con il consueto SAD erogato Comune. Il voucher consiste in prestazioni domiciliari assistenziali (Sad) a favore di persone anziane, disabili e/o in condizioni di disagio in fasce orarie specifiche (sabato/domenica/festivi e dopo le 18 dei giorni feriali). Il servizio è gestito a livello distrettuale tramite l Azienda Territoriale per i servizi alla persona, su attivazione di un progetto presentato dall Assistente Sociale in accordo con il beneficiario o i suoi familiari; il costo del servizio è determinato in base all ISEE. I criteri, le modalità e le priorità d accesso sono stabilite annualmente dall Ambito territoriale. AREA DISABILITA INTERVENTI PER SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Nell'ambito dei servizi rivolti ai soggetti portatori di handicap, il Comune perseguirà l'obiettivo di consentire all'utente disabile la permanenza nel suo ambiente familiare e sociale, nonché l'esercizio pieno del diritto allo studio, alla formazione professionale, all'inserimento nel mondo del lavoro e alla socializzazione. Compatibilmente con le risorse umane e finanziarie disponibili e nel caso se ne prospettasse l'esigenza, si predispongono iniziative ed interventi quali : servizio di segretariato sociale, con l'apporto del volontariato e del personale del Comune, allo scopo di fornire appoggio e consulenza agli utenti dei vari servizi presenti sul territorio; assistenza a domicilio, nei casi che richiedano prestazioni di aiuto domestico, sociale e/o educativo; servizio trasporto per soddisfare particolari esigenze di ordine riabilitativo e specialistico ; 13

14 interventi finalizzati a perseguire l'integrazione sociale dei soggetti disabili e all'inserimento lavorativo di persone disabili o esposte al rischio di emarginazione; interventi economici a sostegno delle famiglie, finalizzati all'acquisizione di prestazioni specifiche e servizi indispensabili ; assistenza " ad personam " per i soggetti inseriti nella scuola dell'obbligo e con adeguata certificazione ; interventi economici per il pagamento totale o parziale di oneri derivanti da rette di frequenza a Centri Residenziali e Istituti scolastici speciali. La compartecipazione alla spesa da parte della famiglia è regolamentata dal Regolamento dell I.S.E.E INSERIMENTO NEI CENTRI DIURNI: C.D.D., C.S.E. E S.F.A. Tramite l equipe dell area disabilità dell ASL, è possibile inserire persone diversamente abili presso i Centri Diurni per Disabili (CDD) per le disabilità gravi, presso i Centri Socio Educativi (CSE) per disabili con difficoltà cognitive medie, e nei Servizi di Formazione all Autonomia (SFA) per il mantenimento e il potenziamento delle capacità delle persone diversamente abili. I progetti vengono seguiti dall ASL del distretto di Leno in collaborazione con il Servizio Sociale del Comune. Per l anno 2014 il Comune compartecipa al costo del CDD con una quota di al mese. Per i CSE e per gli SFA la contribuzione del Comune sarà determinata per ogni singolo progetto in base all ISEE del nucleo familiare. SERVIZIO INSERIMENTO LAVORATIVO (SIL) Per le persone con invalidità civile superiore al 46% e con difficoltà a reperire autonomamente un attività lavorativa, è possibile l inserimento nelle graduatorie del Servizio Inserimento Lavorativo, gestito a livello sovra distrettuale, dal Consorzio Tenda di Montichiari. Il SIL, ha lo scopo di promuovere percorsi di integrazione al lavoro per persone disabili e/o svantaggiate, svolgendo una funzione di mediazione con i datori di lavoro e di accompagnamento per il primo periodo di inserimento della persona nella struttura lavorativa. CONTRIBUTO PER AUSILI PROTESICI Rimanendo sempre nell ottica di agevolare la permanenza dell anziano presso la propria abitazione, questa Amministrazione intende promuovere un contributo riguardante gli ausili protesici che non vengono forniti gratuitamente dall A.S.L. Ci si riferisce principalmente a (montascale, corrimano,water, vasche da bagno ecc.) ausili che la Regione lombardia finanzia con tempi molto lunghi. I requisiti sono: Residenza nel comune di Isorella; Avere un età non inferiore a 75 anni Essere invalidi al 100% Non essere beneficiari di buono sociale Avere un ISEE pari o inferiore ad ,00 14

15 Il contributo può aggiungersi a quello regionale o essere solo un anticipo di spesa; verrà valutato di volta in volta, in proporzione alla spesa sostenuta con regolare fattura, alla disponibilità di Bilancio e alla valutazione economica dei tenuti agli alimenti (ex art. 433 del C.C ) VOUCHER SOCIALE EDUCATIVO PER DISABILI Consiste in prestazioni domiciliari educative a favore di persone disabili, con invalidità (o in corso di accertamento) o certificazione NPIA (o in corso di accertamento) per progetti di particolare complessità, svolte da soggetti/enti qualificati.il servizio è svolto tramite personale professionale da soggetti accreditati dall Ambito distrettuale. Il servizio è gestito a livello distrettuale tramite l Azienda Territoriale per i servizi alla persona, su attivazione di un progetto presentato dall Assistente Sociale in accordo con il beneficiario o i suoi familiari; il costo del servizio è determinato in base all ISEE. I criteri, le modalità e le priorità d accesso sono stabilite annualmente dall Ambito territoriale. AREA DISAGIO ADULTO INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLE TOSSICODIPENDENZE E PER L'EDUCAZIONE ALLA SALUTE Poiché é evidente che l'educazione alla salute e la conseguente prevenzione delle devianze e delle dipendenze non può esaurirsi in singoli interventi isolati, ma si attua innanzitutto creando intorno alla persona in qualsiasi età, ma soprattutto in età evolutiva, un ambiente familiare e sociale affettivamente e culturalmente appagante, il Comune offrirà la sua collaborazione alle altre istituzioni e realtà sociali ed associazionistiche direttamente coinvolte nel campo educativo, culturale e ricreativo. Iniziative che favoriscono la collaborazione, l educazione alla convivenza, il rispetto della vita propria ed altrui, troveranno incentivo e sostegno da parte dell'amministrazione. Per questo la prevenzione sarà mirata allo sviluppo della sensibilità e dell'educazione socio-sanitaria della popolazione, interessando positivamente i giovani e procurando loro momenti significativi di incontro. Viene garantita la collaborazione con l'asl e i Servizi Specialistici, le Comunità terapeutiche e le Cooperative di solidarietà sociale al fine della riabilitazione delle persone e di un positivo rientro nel tessuto sociale. AREA POLITICHE GIOVANILI INFORMAGIOVANI Tra i servizi di competenza degli Enti Locali rientra anche la realizzazione di politiche giovanili. La Rete Informagiovani Bresciana (RIB) finalizzata alla strutturazione ed alla conduzione secondo standard unitari e condivisi di un efficace servizio di informazione dedicato alle fasce giovanili mirato a fornire la più ampia gamma di 15

16 informazioni alle giovani generazioni impegnate nel loro processo di crescita personale e professionale. La Provincia è impegnata a rendere disponibili i servizi specialistici prestati dal Coordinamento Provinciale R.I.B. cui vengono demandate le seguenti funzioni: Produzione di archivi organizzati di informazione, da utilizzare ad uso interno eper gli uffici della Rete, sui settori di intervento consolidati come : scuola e formazione, lavoro, mobilità giovanile, cultura, sport, tempo libero, diritti e salute nonché su temi emergenti con pubblicazioni periodiche di divulgazione ed approfondimento. Gestione del centro Eurodesk provinciale per l implementazione delle politiche dell Unione Europea riguardanti la mobilità dei giovani e la formazione scolastico professionale in ambito U.E. Realizzazione di una rete Extranet connettibile via internet dedicata alla rete, per consentire un contatto permanente fra tutti gli uffici aderenti; Attivazione a favore di tutti gli uffici R.I.B. dell accesso riservato alla Banca Dati SPRING 2000; VOUCHER LEVA CIVICA L Amministrazione Comunale per l anno 2014 nell ambito delle politiche giovanili del programma di mandato ha inteso investire sulla formazione dei giovani per agevolarne l ingresso del mondo del lavoro e la partecipazione alla vita sociale. La Regione Lombardia, nell ambito delle politiche di promozione di progetti di cittadinanza. attiva ha pubblicato un bando per l erogazione di contributi agli enti locali che attivino percorsi formativi destinati ai giovani in un ottica di sostegno e rilancio di percorsi innovativi in grado di coniugare la partecipazione attiva dei giovani ad opportunità di crescita formativa e occupazionale. (D.G.R. Lombardia n. X/1340 del 07/02/2014). L Amministrazione ha aderito a questo bando che prevede per ciascun progetto avviato del valore di almeno 6.400,00, un contributo regionale pari a 3.900,00. Per i Comuni con popolazione da 3001 a abitanti, il bando riconosce un cofinanziamento regionale massimo erogabile di 7.800,00. Si sono, pertanto,attuati n. 2 progetti formativi di leva civica regionale. 4. MODALITÀ DI ACCESSO AI SERVIZI DESTINATARI DEI SERVIZI Fruiscono delle prestazioni del sistema socio-assistenziale, in condizioni di eguaglianza, tutti i cittadini residenti e le persone dimoranti o temporaneamente presenti nel Comune di Isorella (Art. 9 L.R. 1/86 ) che siano in uno stato di grave necessità, salva la facoltà di rivalersi sul Comune di residenza per i costi sostenuti. REQUISITI I requisiti per l'accesso alle prestazioni previste dal piano socio-assistenziale sono : 1. insufficienza del reddito familiare, in rapporto alle esigenze minime vitali di tutti i membri della famiglia ; 16

17 2. incapacità totale o parziale del soggetto solo o il cui nucleo familiare non sia in grado di assicurare l'assistenza necessaria. L' erogazione del contributo non sarà automatica, ma avverrà solo dopo una completa analisi della possibilità dei componenti la famiglia di produrre reddito, dell'inizio dello stato di bisogno, e delle possibilità economiche dei parenti tenuti al mantenimento e su documentata relazione dell'assistente sociale. Nel caso in cui l'utente non risulti in grado di gestire autonomamente le proprie entrate, dopo la valutazione approfondita del Servizio Sociale, il contributo economico potrà essere sostituito in tutto o in parte con l'erogazione di beni in natura (buoni pasto, buoni viveri ) o con il pagamento da parte del Comune di fatture, conti od obbligazioni a carico dell'utente ( affitto, utenze domestiche, ecc. ). CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEL REDDITO Per la determinazione degli interventi e servizi previsti dal Piano, si devono tenere in considerazione tutti i redditi familiari a qualunque titolo percepiti, al lordo delle ritenute erariali ( imponibile IRPEF ), che dovranno essere dichiarati all'atto della presentazione della domanda in base al regolamento dell I.S.E.E del Comune di Isorella. Per nucleo familiare s'intende il nucleo di convivenza di fatto, e pertanto non necessariamente di risultanza anagrafica, anche se tra le persone non ci sono vincoli di parentela, purché conviventi da almeno un anno. Non possono usufruire di contributi finanziari oppure agevolazioni comprese nel Piano Socio Assistenziale i possessori di terreni agricoli o aree edificabili e di abitazioni che non siano abitate dal beneficiario del contributo. L accertamento del diritto ad usufruire di interventi economici é comunque sempre subordinato alla verifica da parte dell'amministrazione Comunale della situazione patrimoniale e reddituale dei richiedenti e dei tenuti agli alimenti. Qualora si accerti che il richiedente abbia omesso di dichiarare in modo completo tutti i suoi redditi, imponibili e non, la domanda di contributo verrà respinta. 17

18 FASCE DI REDDITO QUOTA DI COMPARTECIPAZIONE A CARICO DELL UTENTE.( es. PASTI) Fino Euro 8.320,00 25% Da Euro 8.320,01 a Euro ,00 50% Da Euro ,01 a Euro ,00 75% Da Euro ,01 100% SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Fino Euro 8.320,00 4,00 Da Euro 8.320,01 a Euro ,00 6,70 Da Euro ,01 a Euro ,00 7,70 Da Euro ,01 a Euro ,00 8,50 Oltre ,01 quota intera CONTRIBUTO SOGGIORNI CLIMATICI Fino a Euro 6.403,00 di I.S.E.E 200,00 Da Euro 6.403,01 a Euro 8.320,00 150,00 Da Euro 8.320,01 a Euro ,00 100,00 Da Euro ,01 a Euro ,00 50,00 Da Euro ,

COMUNE DI ISORELLA PROVINCIA DI BRESCIA PROTOCOLLO D INTESA

COMUNE DI ISORELLA PROVINCIA DI BRESCIA PROTOCOLLO D INTESA COMUNE DI ISORELLA PROVINCIA DI BRESCIA PROTOCOLLO D INTESA Tra l Amministrazione Comunale di Isorella rappresentata dall assessore ai Servizi Sociali Amazzoni Massimiliano e dalle OO.SS. dei pensionati

Dettagli

PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2012

PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2012 COMUNE di ISORELLA Prov. di Brescia INDICE PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE 2012 1. PREMESSA Obiettivi Aree d'intervento 2. INTERVENTI ECONOMICI Interventi economici straordinari Assistenza economica finalizzata

Dettagli

PIANO SOCIO ASSISTENZIALE. COMUNE DI ISORELLA Provincia di Brescia. P.za Roma n. 4 25010 ISORELLA (Bs) PIANO SOCIO ASSISTENZIALE 2010

PIANO SOCIO ASSISTENZIALE. COMUNE DI ISORELLA Provincia di Brescia. P.za Roma n. 4 25010 ISORELLA (Bs) PIANO SOCIO ASSISTENZIALE 2010 Assessorato ai Sevizi Sociali PIANO SOCIO ASSISTENZIALE 2010 INDICE 1. PREMESSA Obiettivi Aree d'intervento 2. INTERVENTI ECONOMICI Interventi economici straordinari Assistenza economica finalizzata Prestito

Dettagli

2. MODALITA DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

2. MODALITA DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZI SOCIALI I Servizi Sociali del comune di Pontoglio riuniscono una serie articolata di servizi ed interventi, coordinati tra loro, rivolti ai cittadini residenti, di ogni età, con particolare riferimento

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSISTENZA ECONOMICA IN FAVORE DI PERSONE BISOGNOSE E/O A RISCHIO DI EMARGINAZIONE. (Approvato con delibera C.C.n. 24 del 27/09/2003)

REGOLAMENTO DELL'ASSISTENZA ECONOMICA IN FAVORE DI PERSONE BISOGNOSE E/O A RISCHIO DI EMARGINAZIONE. (Approvato con delibera C.C.n. 24 del 27/09/2003) REGOLAMENTO DELL'ASSISTENZA ECONOMICA IN FAVORE DI PERSONE BISOGNOSE E/O A RISCHIO DI EMARGINAZIONE. (Approvato con delibera C.C.n. 24 del 27/09/2003) ART. 1 - Oggetto del regolamento Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 30 Marzo

Dettagli

COMUNE DI NOVI DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUZIONI DA PARTE DEL COMUNE A SOGGETTI BISOGNOSI.

COMUNE DI NOVI DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUZIONI DA PARTE DEL COMUNE A SOGGETTI BISOGNOSI. COMUNE DI NOVI DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUZIONI DA PARTE DEL COMUNE A SOGGETTI BISOGNOSI. Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 del 09.03.1995, divenuta

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

Per fruire dell Assegno di Incollocamento devono essere rispettati i seguenti requisiti:

Per fruire dell Assegno di Incollocamento devono essere rispettati i seguenti requisiti: 1 2 Il Comune di Boville Ernica eroga il servizio di assistenza specialistica in favore degli alunni con disabilità frequentanti le scuole primarie e secondarie di primo grado. Tale servizio si realizza

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 Approvato con deliberazione del consiglio dell unione n

Dettagli

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS:

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: Requisiti: per i nuclei familiari residenti a Trezzo, con dichiarazione isee che non superi i 7500 euro oppure per utilizzo di apparecchiature elettromedicali.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSISTENZA ECONOMICA IN FAVORE DI PERSONE BISOGNOSE E/O A RISCHIO DI EMARGINAZIONE. (Approvato con delibera C.C.n.

REGOLAMENTO DELL'ASSISTENZA ECONOMICA IN FAVORE DI PERSONE BISOGNOSE E/O A RISCHIO DI EMARGINAZIONE. (Approvato con delibera C.C.n. REGOLAMENTO DELL'ASSISTENZA ECONOMICA IN FAVORE DI PERSONE BISOGNOSE E/O A RISCHIO DI EMARGINAZIONE. (Approvato con delibera C.C.n.75 del 26/07/2002) ART. 1 - Oggetto del regolamento Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

Regolamento tariffario degli Interventi alla persona

Regolamento tariffario degli Interventi alla persona Regolamento tariffario degli Interventi alla persona Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.44 del 10.07.2003 In vigore dal 01.01.2004 Modificato con deliberazione della Giunta comunale n.15

Dettagli

COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI PRESENTAZIONE La Carta dei Servizi Sociali del Comune di Ospedaletto Lodigiano nasce come strumento di cittadinanza attiva,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE 1 INDICE CAPO I FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Ambito di applicazione CAPO II INDICATORE DELLA SITUAZIONE

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Chioggia Settore Servizi Sociali CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE allegato C alla deliberazione G.M. n. 163 del 13.04.2001 modificato con D.G. 141 del 28-03-2003

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO

REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO ART.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi di natura economica

Dettagli

COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza)

COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza) COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 84 del 28/11/2013)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI approvato con delibera

Dettagli

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE - Attività e Servizi - I Servizi Sociali del Comune di Cinto Caomaggiore operano nel territorio offrendo ai cittadini informazione e sponsorizzazione dei servizi presenti e si

Dettagli

COMUNE DI GAMBARA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI GAMBARA PROVINCIA DI BRESCIA VERBALE DI ACCORDO TRA I SINDACATI DEI PENSIONATI ED AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI GAMBARA ANNO 2014 Tra l Amministrazione Comunale di Gambara, nella persona del Sindaco Sig.Lorenzetti Ferdinando, dell Assessore

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI

CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Approvato con Delibera dell Assemblea dei soci della Società della Salute di Firenze n.10 del 30/12/2014) CAPO I PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Finanziamento anno 2011 1 Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) CARTA DEI SERVIZI SOCIALI PREMESSA CASTROLIBERO, CITTÀ SOLIDALE E DELL ACCOGLIENZA La Carta dei Servizi viene proposta con i vari progetti che si svolgono

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

COMUNE DI DOLO. Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI A FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

COMUNE DI DOLO. Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI A FINI SOCIO-ASSISTENZIALI COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI A FINI SOCIO-ASSISTENZIALI Approvato con delibera C.C. n. 65 del 29.09.2009 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Destinatari

Dettagli

Esenzione/riduzione tariffe comunali

Esenzione/riduzione tariffe comunali Esenzione/riduzione tariffe comunali Per l'accesso ai servizi comunali a tariffe agevolate, si fa riferimento al "Regolamento Comunale per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica". Per

Dettagli

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 ARTICOLO 1 - FINALITÀ E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità, il

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste famiglia Assegno di Maternità e Assegno per il Nucleo Famigliare 01 Tali sostegni economici sono volti a favorire il benessere di nuclei familiari con figli. L assegno di maternità è un contributo economico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SOCIALI COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SOCIALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 140 DEL 29/11/2005 1/7 TITOLO 1 - NORME

Dettagli

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004)

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA del Comune di Capaci (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento, in esecuzione della

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI Carta dei Servizi PRINCIPI FONDAMENTALI EGUAGLIANZA I cittadini accedono ai servizi in condizioni di uguaglianza. Il Comune garantisce loro parità e uniformità di trattamento. Nessuna discriminazione può

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 25 del 29/09/2004 Parte Prima - INTRODUZIONE ART. 1- DEFINIZIONE Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 All. A AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 IL RESPONSABILE AREA SERVIZI ALLA PERSONA In attuazione della deliberazione di Giunta Comunale n. 6 del 15/07/2015 e della determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno

Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno tre figli minori di 18 anni. L'importo massimo dell'assegno

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 18/12/2015 1 INDICE Art. 1 Finalità del servizio Pag. 3 Art. 2 Organizzazione

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) 1 COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI INDIGENZA Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) COMUNE DI OCCHIOBELLO PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) ART. 1 DEFINIZIONE Il servizio di assistenza domiciliare (S.A.D.) e' costituito dal responsabile del

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Premessa L'Amministrazione Comunale di Pianoro, nell'ambito della rete dei servizi socioassistenziali (a favore della popolazione residente : non

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D'AMPEZZO - Provincia di Belluno - REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI CORTINA D'AMPEZZO - Provincia di Belluno - REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CORTINA D'AMPEZZO - Provincia di Belluno - REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.07.1994. Modificato

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA Art. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina, nell ambito del territorio comunale, l intervento del Servizio di Assistenza Domiciliare diretto a garantire al cittadino il libero sviluppo della propria

Dettagli

REGOLAMENTO DETERMINANTE I CRITERI PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTEGRAZIONE RETTA NELLE CASE PROTETTE PUBBLICHE E/O PRIVATE CONVENZIONATE

REGOLAMENTO DETERMINANTE I CRITERI PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTEGRAZIONE RETTA NELLE CASE PROTETTE PUBBLICHE E/O PRIVATE CONVENZIONATE REGOLAMENTO DETERMINANTE I CRITERI PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTEGRAZIONE RETTA NELLE CASE PROTETTE PUBBLICHE E/O PRIVATE CONVENZIONATE Approvato con deliberazione C.C. 180/04.09.2002 Pagina 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI DI ACCESSO ALL INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI DI ACCESSO ALL INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI DI ACCESSO ALL INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO LINEA D INTERVENTO 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

Avviso di Concorso Bonus Bebè Cod. 04/2013

Avviso di Concorso Bonus Bebè Cod. 04/2013 Avviso di Concorso Bonus Bebè Cod. 04/2013 800 contributi per bambini nati nell anno 2012, figli a carico di dipendenti del Gruppo Poste Italiane S.p.A. CONCORSO per l assegnazione di 800 contributi di

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S.

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. REGOLAMENTO MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 13 del 22-12-2014

Dettagli

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOGGETTI PRIVATI (approvato con delibera C.C. n 49 del 24/06/2000)

Dettagli

C O M U N E di F O R M I A Provincia di Latina

C O M U N E di F O R M I A Provincia di Latina C O M U N E di F O R M I A Provincia di Latina REGOLAMENTO DELL ASSISTENZA ECONOMICA IN FAVORE DI PERSONE BISOGNOSE E A RISCHIO DI EMARGINAZIONE PREMESSA Vista la L.R.9.9.1996 n.38 Riordino, programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI Allegato alla deliberazione di C.C. n. 35 del 29/04/2010 COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI

Dettagli

Servizi rivolti agli anziani

Servizi rivolti agli anziani Municipio Roma Centro Storico Servizi rivolti agli anziani 1- ASSISTENZA DOMICILIARE Il servizio è rivolto agli anziani soli o inseriti in nucleo familiare, che si trovino in condizione di temporanea o

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE 1 Art. 1- Oggetto e finalità Regolamento del servizio di affidamento familiare di minori L'affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CRITERI PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ED ECONOMICHE.

REGOLAMENTO DEI CRITERI PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ED ECONOMICHE. Comune di Fiano Romano (Provincia di Roma) Piazza Matteotti, 2 Fiano Romano (RM) cap 00065 Tel. 0765.4071 - Fax 0765. 480385 SERVIZI SOCIO-CULTURALI - Tel. 0765.407227/225 REGOLAMENTO DEI CRITERI PER L

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 1. SCOPO DEL REGOLAMENTO L I.S.E.E. è lo strumento di valutazione

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI

Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Ultime modifiche apportate con deliberazione C.C. n. 43 del 15.09.2003 2 TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 Art.

Dettagli

In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013

In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013 In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI PERSONALE DISPONIBILE A SVOLGERE LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PRESSO I

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI POLIZZI GENEROSA PROVINCIA DI PALERMO Via Garibaldi n. 13 - cap. 90028 - tel. 0921 551621 - fax 0921 688205 Sito internet: www.comune.polizzi.pa.it CARTA DEI SERVIZI SOCIALI Delibera n. 38 del

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA ECONOMICA AGLI INCAPIENTI

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA ECONOMICA AGLI INCAPIENTI COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA ECONOMICA AGLI INCAPIENTI Sommario: Art. 1: Scopo ed oggetto dell'assistenza economica agli incapienti Art. 2: Destinatari degli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME

AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME Iniziative in sostegno delle persone in condizione di disabilità grave e/o non autosufficienti Riferimento legislativo D.G.R. n.4249 del 30/10/2015_ Regione Lombardia (Misura B2) Anno 2016 BANDO GENERALE

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI-

COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- COMUNE DI POGGIO TORRIANA - PROVINCIA DI RIMINI- REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013,

Dettagli

CONTRIBUTI ORDINARI. La percentuale di contributo erogabile è fissata nella misura del 30% per i dirigenti e del 60% per il personale del comparto.

CONTRIBUTI ORDINARI. La percentuale di contributo erogabile è fissata nella misura del 30% per i dirigenti e del 60% per il personale del comparto. CRITERI GENERALI PER L UTILIZZO DEI FONDI DI CUI ALLA L.R. 54/1976, IN ORDINE AL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA ASSISTENZIALI A FAVORE DEL PERSONALE REGIONALE 1 - Spese mediche CONTRIBUTI ORDINARI Visite

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI Comune di Toscolano Maderno Provincia di Brescia Allegato A REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI 1. Definizione,

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSISTENZA ECONOMICA NEI CONFRONTI DI PERSONE CHE VERSANO IN SITUAZIONI DI BISOGNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSISTENZA ECONOMICA NEI CONFRONTI DI PERSONE CHE VERSANO IN SITUAZIONI DI BISOGNO COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSISTENZA ECONOMICA NEI CONFRONTI DI PERSONE CHE VERSANO IN SITUAZIONI DI BISOGNO INDICE TITOLO 1: NORME GENERALI...2 ART. 1: OGGETTO DEL REGOLAMENTO...2

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con Medaglia d Argento al Valor Militare) PROVINCIA DI VENEZIA ----------------------------------------- UFFICIO SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

I contributi economici a sostegno del reddito

I contributi economici a sostegno del reddito Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate I contributi economici a sostegno del reddito Rimini, 24 gennaio 2012 Le misure della

Dettagli

Bur n. 82 del 22/08/2014

Bur n. 82 del 22/08/2014 Bur n. 82 del 22/08/2014 (Codice interno: 279947) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1393 del 05 agosto 2014 Disposizioni attuative e relativi criteri per l'accesso al finanziamento regionale ai sensi

Dettagli