CARTA DEI SERVIZI DISTRETTO SOCIO SANITARIO UNITÀ OPERATIVA DI CURE PRIMARIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI DISTRETTO SOCIO SANITARIO UNITÀ OPERATIVA DI CURE PRIMARIE"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI DISTRETTO SOCIO SANITARIO UNITÀ OPERATIVA DI CURE PRIMARIE Struttura Unità operativa/servizio Direttore Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Distretto Socio Sanitario U. O. di Cure Primarie dott. Giampaolo Ben Documento emesso il Rev. 1 Iter di approvazione Redazione Verifica Approvazione Gruppo lavoro Marco Cristofoletti Giusi Da Pra Loretta Rossa Antonella De Donà Lena Antonia Saviane Tiziana De Biasio Renzo Dalla Rosa Elda Zanella Marinella De Toffol Direttore del Distretto Sandro De Col Ufficio qualità Asmara Da Ronchi URP Patrizia Milani Direttore dell UOC Cure Primarie Giampaolo Ben B 1 di 16

2 INDICE Premessa Pag. 3 Presentazione Pag. 3 di cosa ci occupiamo Pag. 4 Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Pag. 4 Assistenza Presidi Sanitari Pag. 6 Assistenza Protesica Pag. 7 Assistenza Residenziale per Non Autosufficienti Pag. 9 Sanità Penitenziaria Pag. 11 Coordinamento Strutture Sanitarie Intermedie Pag. 11 Come contattarci Area territorio Bellunese Pag. 12 Come arrivare alla struttura Sede di Belluno Pag. 14 Come contattarci Area territorio Cadorino Pag. 15 Come arrivare alla struttura Sede di Pieve di Cadore Pag. 16 Come contattarci Area territorio Agordino Pag. 17 Come arrivare alla struttura Sede di Agordo Pag. 18 Segnalazioni Pag. 19 Riservatezza Pag. 19 Aggiornamenti Pag. 19 Diritti e doveri dei pazienti Pag. 20 Sintesi delle modifiche Pag. 20 Pag. 2 di 20

3 PREMESSA La presente carta dei servizi, redatta in coerenza con i principi e i contenuti definiti nella Carta dei Servizi dell Azienda ULSS n. 1 (si veda è rivolta agli utenti allo scopo di fornire loro indicazioni relativamente a servizi erogati, modalità di accesso alle prestazioni, riferimenti logistici, personale dell'unità Operativa, modalità per la segnalazione di eventuali reclami e/o suggerimenti e altro. PRESENTAZIONE Ai sensi dell art.20 L.R. 26/96, Il Distretto è la struttura dell Azienda Sanitaria Locale finalizzata a realizzare sul territorio un elevato livello di integrazione tra i diversi servizi che erogano prestazioni sanitarie e fra questi e i servizi socio-assistenziali, in modo da consentire una risposta coordinata e continuativa ai bisogni sanitari della popolazione. Il Distretto assicura livelli essenziali ed uniformi di assistenza nel rispetto dei principi della dignità della persona umana, del bisogno di salute, dell equità nell accesso all assistenza, della qualità delle cure e della loro appropriatezza riguardo alle specifiche esigenze, nonché dell economicità nell impiego delle risorse. PRINCIPI ISPIRATORI Il Distretto socio-sanitario, nell erogazione dei servizi e nei rapporti con l utenza, si fa garante dei seguenti principi fondamentali: STO 1)E(NTAZIONE Uguaglianza: a parità di esigenze, i servizi devono essere forniti in modo uguale a tutti gli utenti, senza distinzioni di razza, sesso, nazionalità, religione ed opinione politica. Rispetto della persona: l attenzione centrale deve essere posta alla persona nel pieno rispetto della sua dignità, qualunque siano le sue condizioni fisiche o mentali, culturali o sociali. Il cittadino ha diritto ad essere accolto con cortesia, educazione, rispetto e disponibilità da parte di tutti gli operatori. Personalizzazione: l erogazione dei servizi deve avvenire in rapporto alle esigenze del singolo, in relazione al suo stato di minore, disabile o anziano, garantendo il diritto ad un piano d intervento individualizzato e condiviso, assicurando al massimo grado possibile il diritto della persona ad una scelta libera e consapevole. Continuità: il servizio deve essere erogato in modo regolare e continuativo, compatibilmente con le risorse ed i vincoli. Partecipazione: diritto di accesso agli atti amministrativi e possibilità di presentare osservazioni e suggerimenti, proposte, segnalazioni e reclami. Inoltre deve essere promosso il coinvolgimento degli utenti curando l informazione sui servizi, sulle procedure di accesso, sulle modalità di erogazione e la partecipazione alla verifica della qualità erogata. Efficienza ed Efficacia: intese sostanzialmente come rispetto di standard di qualità e dei tempi previsti nell erogazione dei servizi nella formazione e aggiornamento del personale. Le risorse disponibili devono essere impiegate nel modo più razionale ed oculato al fine di produrre i massimi risultati possibili in termini di benessere degli utenti e di gratificazione del personale. Integrazione dei servizi: una volta individuata la porta d accesso, l utente ha diritto di trovarsi di fronte a punti unitari di riferimento dove l informazione e l erogazione stessa dei servizi deve risultare, il più possibile, integrata e completa. Diritto alla Riservatezza: i dati forniti all utente sono trattati in conformità alle disposizioni di legge in materia di protezione dei dati personali. Pag. 3 di 20

4 Diritto di scelta: il Distretto riconosce ai cittadini la possibilità di esercitare la libera scelta del luogo di cura e dei professionisti nell ambito del Servizio Sanitario Nazionale, nonché tra i soggetti accreditati con cui siano stati definiti appositi accordi contrattuali. All interno del Distretto Socio Sanitario trova collocazione l Unità Operativa Complessa Cure Primarie, che svolge le seguenti attività: 1. Sviluppo, coordinamento e gestione delle Cure primarie, attraverso l implementazione delle Medicine di Gruppo Integrate previste dagli specifici atti di indirizzo regionale, coinvolgendo tutte le componenti della medicina convenzionata e organizzando le necessarie risorse commisurate agli obiettivi; 2. implementazione e responsabilità del funzionamento dell assistenza domiciliare integrata (ADI); 3. garanzia della continuità dell assistenza e delle cure h 24, 7gg/7 assicurando l integrazione funzionale tra la Medicina di famiglia, la Continuità Assistenziale, la Specialistica e ADI; 4. definizione ed implementazione dei percorsi assistenziali, provvedendo a garantire il coinvolgimento di tutte le competenze e delle strutture anche sviluppando un sistema di monitoraggio dei processi e degli esiti in ogni contesto di cura dell assistito (ambulatoriale, domiciliare o residenziale); 5. partecipazione all attività di pianificazione e di programmazione aziendale mediante l analisi e la valorizzazione dei bisogni di salute e coordinamento delle UU.OO. semplici e dei servizi in cui si articola l unità organizzativa; 6. coordinamento e verifica dell appropriatezza prescrittiva ed erogativa nell ambito della farmaceutica, della protesica e della specialistica, partecipando al buon governo delle risorse. Il Distretto Socio Sanitario, e di conseguenza l UO Cure Primarie, erogano i propri servizi e le prestazioni in varie sedi, dislocate sul territorio afferente a questa Azienda. La sede centrale del Distretto è dislocata a Belluno, e ad essa fanno riferimento le sedi sub distrettuali di Forno di Zoldo, Longarone e Puos d Alpago. Altre due sedi periferiche sono dislocate rispettivamente ad Agordo, cui fanno riferimento le sedi subdistrettuali di Canale d Agordo e Caprile, e a Pieve di Cadore, cui fanno riferimento le sedi subdistrettuali di Auronzo di Cadore, Cortina d Ampezzo e Santo Stefano di Cadore. DI COSA CI OCCUPIAMO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di mantenere a domicilio le persone con problemi di non autosufficienza psicofisica, rimuovendo gli ostacoli e valorizzando le risorse della rete familiare e sociale, tramite interventi professionali adeguati ai bisogni, nel pieno rispetto delle volontà e degli stili di vita espressi dalla persona. Il servizio eroga varie tipologie di assistenza e prestazioni, destinate ad utenti con problematiche diverse, ciascuna con specifiche modalità di accesso: 1. Assistenza Infermieristica Domiciliare (ADI Profilo B) Cos è: È un servizio che eroga assistenza a domicilio ed assicurata da infermieri che hanno scelto di svolgere la propria attività professionale in ambito domiciliare. Pag. 4 di 20

5 A chi è rivolto: A tutti i cittadini senza limiti di età, non deambulanti, non trasportabili, che necessitano di interventi socio sanitari. Le prestazioni erogate: Prelievo venoso. Misurazione pressione. Educazione sanitaria per gestione di patologie complesse. Medicazioni decubiti, ulcere trofiche, ferite chirurgiche, tracheotomie. Gestione del catetere vescicale, urostomia, colon/ileostomia, clistere evacuativo. Gestione della nutrizione enterale (Sng, Peg). Gestione del catetere venoso centrale, port-a cath, terapia infusiva periferica, iniezioni. Come si accede: Le prestazioni vengono richieste dal medico di famiglia su apposito modulo in base ai bisogni del paziente. Nelle richieste è specificato il tipo di intervento e la necessità di effettuare l assistenza a domicilio. La richiesta va inoltrata presso la sede dell equipe infermieristica della zona di appartenenza. Ogni richiesta va sottoposta al responsabile del distretto per l autorizzazione previa valutazione dell appropriatezza. Obiettivi: Il servizio si rivolge a persone non autosufficienti con patologie croniche o patologie acute temporaneamente invalidanti; si propone di favorire la permanenza nel proprio ambito familiare dell utente, migliorandone la qualità della vita e coinvolgendo nell assistenza tutte le risorse disponibili; l erogazione dell assistenza è basata su criteri di efficacia, efficienza, rapidità nella risposta e personalizzazione. La valutazione dei bisogni, il dialogo, l educazione sanitaria dell utente e della famiglia e l assistenza secondo linee guida, sono i punti qualificanti; Le prestazioni non sono soggette a pagamento. 2. Assistenza medica programmata (ADI profilo C) Cos è: È l assistenza fornita dal medico di medicina generale e dal pediatra di libera scelta a favore di assistiti non deambulanti o non autosufficienti, attraverso visite programmate periodicamente (a seconda delle necessità assistenziali a cadenza settimanale, quindicinale o mensile) a domicilio del paziente. Modalità di accesso: È il Medico di Medicina Generale, o il Pediatra di Libera Scelta, che propone e concorda questo tipo di assistenza con gli utenti che ne necessitano ed i loro familiari. Il protocollo assistenziale deve essere approvato dal direttore del distretto o suo delegato. Pag. 5 di 20

6 3. Assistenza riabilitativa domiciliare (ADI profilo A) Cos è: È l assistenza fornita dai fisioterapisti a favore di assistiti non deambulanti o non autosufficienti su prescrizione di uno specialista. Modalità di accesso: È il medico di medicina generale, il pediatra di libera scelta e il medico ospedaliero alla dimissione che propone la visita specialistica fisiatrica a cui può seguire la prescrizione degli interventi riabilitativi, che il direttore del distretto approva. 4. Assistenza domiciliare a carattere sanitario e integrata con il servizio sociale (ADIMED) Cos è: È una forma di assistenza domiciliare complessa che prevede interventi di varie figure professionali, riservata ai pazienti con patologie di particolare gravità, che richiedono un elevato impegno medico e una pronta reperibilità, garantita da personale medico e infermieristico di una ditta convenzionata e dal medico curante. Per ogni paziente seguito viene predisposto un piano assistenziale individualizzato dall UVMD (Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale), a cui partecipano il medico di medicina generale, l assistente sociale, il direttore del distretto o un suo delegato, e altre figure sanitarie o sociali (infermiere, fisioterapista, medico specialista, psicologo). Modalità di accesso: Sono il Medico di Medicina Generale, il Pediatra di Libera Scelta e l Assistente Sociale che generalmente propongono questo tipo di assistenza all Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale, a cui spetta il compito di valutare le domande e quindi di predisporre il piano assistenziale individualizzato. ASSISTENZA PRESIDI SANITARI Cos è: È l assistenza che assicura agli utenti con stomia, incontinenza, microinfusore e con malattie rare, la fornitura di presidi sanitari. Modalità di accesso: L utente presenta al Servizio Assistenza Presidi Sanitari la prescrizione redatta da un medico specialista con l indicazione del dispositivo necessario. Tale prescrizione verrà autorizzata dal Direttore di Distretto. Nel caso di prescrizione definitiva, l utente dovrà presentare anche il certificato di invalidità civile o relativa domanda. Modalità di ordine e consegna dei prodotti: I presidi richiesti saranno consegnati all utente presso questo ufficio, entro circa 15 giorni dalla presentazione della richiesta (tempo necessario per gli ordini e l invio dei prodotti dalla farmacia ospedaliera). Successivamente alla prima consegna, le altre avverranno con cadenza trimestrale. Pag. 6 di 20

7 Ogni variazione relativa al tipo o alla quantità del prodotto da richiedere dovrà essere presentata a questo ufficio previa nuova prescrizione specialistica. ASSISTENZA PROTESICA Cos è: È l assistenza che assicura agli utenti in condizione di disabilità permanente la fornitura di ausili per l autonomia, l assistenza e la vita quotidiana (ad esempio: letti, materassi antidecubito, carrozzine, sollevatori, etc.). Il Medico Specialista dedicato eroga, per conto dell ULSS n. 1, valutazioni anche al domicilio delle persone disabili per le prescrizioni e la fornitura di ausili personalizzati o ad alta tecnologia e per la fornitura diretta di ausili semplici. Da parte dell ULSS n. 1 sono inoltre garantiti sopralluoghi ed informazioni per le possibili soluzioni di adattamento dell abitazione alle necessità proprie del disabile, attività che viene svolta dagli operatori dell Ufficio Informazione e Consulenza su Accessibilità e Ausili (UICAA) operanti presso l Amministrazione Provinciale. Gli operatori UICAA svolgono la loro attività presso le sedi distrettuali alle dipendenze del Direttore del Distretto. Il servizio ausili UICAA si avvale per la propria attività dell Ausilioteca del Territorio che ha sede in via Roma, 62 Ponte nelle Alpi presso l ex Casa del Sole, dove possono essere visionate e provate dagli utenti le diverse tipologie di ausili. Il servizio ausili UICAA ha anche a disposizione un Magazzino Ausili in via Fiammoi, 7/A a Belluno, dove gli operatori provvedono alla fornitura diretta degli ausili semplici, alla loro sanificazione e manutenzione. I destinatari: Il Decreto Ministeriale n. 332 del 1999 detto anche Nomenclatore Tariffario individua quali sono le persone che possono beneficiare della fornitura gratuita degli ausili, descrive le modalità di fornitura, i tempi di rinnovo e le tipologie di ausili. Alcuni esempi di persone aventi diritto: invalidi civili; invalidi per servizio; minori di anni 18 che necessitano di intervento di prevenzione cura e riabilitazione di una invalidità permanente; ricoverati in una struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, per i quali il medico responsabile dell'unità operativa certifichi la contestuale necessità ed urgenza dell'applicazione di una protesi, di una ortesi o di un ausilio prima della dimissione, per l'attivazione tempestiva o la conduzione del progetto riabilitativo, a fronte di una menomazione grave o permanente; invalidi civili con riduzione della capacità lavorativa superiore ad un terzo. Modalità di accesso: Per utenti non ricoverati: il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta propongono una valutazione specialistica per la prescrizione di protesi ed ausili. Per utenti ricoverati: il medico specialista della struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, qualora ne ravvisi la necessità, redige la prescrizione specialistica ed avvia contestualmente l iter per il riconoscimento della invalidità, qualora il paziente ne sia sprovvisto. La proposta di valutazione troverà seguito mediante l intervento, anche a Pag. 7 di 20

8 domicilio, degli operatori UICAA (Medico Specialista, Terapisti della Riabilitazione, Logopedista, Manutentori Ausili). La prescrizione specialistica già redatta, di una protesi o di un ausilio necessari, corredata dalla certificazione dell invalidità civile (o dalla domanda di invalidità civile esclusivamente per l utente ricoverato in struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata) viene consegnata all ufficio ausili dell ambito distrettuale di residenza, per l autorizzazione a cura del Distretto. Se l ausilio richiesto risulterà disponibile presso il Magazzino Ausili gli operatori dell UICAA provvederanno alla fornitura diretta, se non disponibile la fornitura avverrà attraverso ditte private sanitarie ortopediche scelte dall utente. L UICAA è contattabile attraverso i seguenti numeri: Sede distrettuale del Cadore fax Sede distrettuale di Agordo fax Sede distrettuale di Belluno fax Sede sub distrettuale di S. Stefano di Cadore fax Provincia di Belluno fax Magazzino Ausili fax Presidi per l incontinenza: Cellulare di servizio I presidi per l incontinenza vengono erogati nelle tre sedi distrettuali con i seguenti orari: Sede distrettuale di Belluno lunedì e giovedì dalle ore 8.00 alle ore (tel ). Sede distrettuale di Pieve di Cadore lunedì e giovedì dalle ore 8.00 alle ore (tel ). Pag. 8 di 20

9 Sede distrettuale di Agordo lunedì dalle ore 8.00 alle ore e dal martedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore (tel ). ASSISTENZA RESIDENZIALE PER NON AUTOSUFFICIENTI Cos è: È la forma assistenziale assicurata dalle 13 Strutture Residenziali per non autosufficienti (già definite Case di Riposo) distribuite sul territorio della ULSS 1, dotate di un numero prestabilito di posti letto, cui è possibile accedere, secondo criteri di trasparenza, equità e non discriminazione, nel rispetto di un Regolamento Aziendale adottato con deliberazione del Direttore Generale. È la forma di assistenza territoriale per le persone non autosufficienti che non possono essere assistite in famiglia e per le quali non sia possibile attivare l Assistenza Domiciliare Integrata in forma coerente con gli obiettivi di qualità e continuità richiesti. La figura istituzionale di riferimento è l assistente sociale territoriale. Modalità di attivazione: L iter viene attivato con l invio al Distretto di appartenenza della domanda di accoglienza, con il consenso informato della persona interessata, corredata della SVAMA sanitaria, sociale e cognitivo funzionale, compilate rispettivamente dal medico curante, dall assistente sociale e dall infermiere abilitato. Il Distretto attiva l UVMD (Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale), un gruppo di lavoro formato dal Direttore di Distretto o suo delegato, il medico di medicina generale e l assistente sociale territoriale. La specificità del Caso può richiedere la partecipazione di altri professionisti con specifiche competenze. L UVMD ha il compito di: - valutare le condizioni di salute e i bisogni della persona, le sue aspettative e il supporto della rete familiare; - attestare lo stato di non autosufficienza; - verificare la necessità o meno dell accoglienza in struttura e la sussistenza di un punteggio minimo, definito per legge, derivato dall elaborazione della documentazione esistente. Tale verifica è finalizzata all inserimento nella graduatoria unica aziendale ai fini dell accoglienza in struttura. In ogni caso l UVMD elabora, sulla scorta della documentazione agli atti e delle considerazioni maturate nell ambito del gruppo di lavoro, un progetto assistenziale condiviso, coerente con i bisogni emersi e nel rispetto del Regolamento e dei vincoli normativi esistenti. L attività di valutazione viene effettuata: - per i pazienti al proprio domicilio, sia presso le sedi distrettuali di Belluno, di Pieve di Cadore e di Agordo, sia presso alcune sedi periferiche; - per le segnalazioni riferite ai pazienti ricoverati e segnalati dalle Unità Operative ospedaliere, sia presso l Ospedale S. Martino di Belluno, che presso gli Ospedali periferici. Pag. 9 di 20

10 Dopo la valutazione si accede in questo modo alla graduatoria unica del registro di residenzialità, che viene aggiornata settimanalmente garantendo la priorità di accesso per le situazioni più difficili, in una qualsiasi delle seguenti strutture residenziali per non autosufficienti dell ULSS n. 1 di Belluno. STRUTTURE RESIDENZIALI PER NON AUTOSUFFICIENTI SEDE DISTRETTUALE DEL CADORE 1. AURONZO DI CADORE Centro di servizi per persone anziane "Beata G. Sterni" Tel CORTINA D'AMPEZZO Centro di servizi per persone anziane Casa di Riposo Comunale Tel SANTO STEFANO DI CADORE - Centro di servizi per persone anziane "Giovanni Paolo II^" Tel PIEVE DI CADORE - RSA Tel SEDE DISTRETTUALE DI AGORDO 5. AGORDO Centro di servizi per persone anziane Tel LIVINALLONGO Centro di servizi per persone anziane "Villa S. Giuseppe" Tel SEDE DISTRETTUALE DI BELLUNO 7. BELLUNO Centro di servizi per persone anziane "Maria Gaggia Lante" Tel FARRA D'ALPAGO - Centro servizi per persone anziane Villa Don Gino Ceccon" Tel FORNO DI ZOLDO Centro di servizi per persone anziane "A. Santin" Tel LIMANA Centro di servizi per persone anziane Ing. Testolini Tel LONGARONE Centro di servizi per persone anziane Cav. Luigi Barzan Tel PONTE NELLE ALPI Centro di servizi per persone anziane Tel PUOS D'ALPAGO Centro servizi per persone anziane C.S. Socio-assistenziali Alpago Tel Pag. 10 di 20

11 SANITÀ PENITENZIARIA Cos è: L Unità Operativa Semplice di Sanità Penitenziaria appartiene all Unità Operativa Complessa di Cure Primarie ed è preposta alla gestione unitaria di tutte le attività socio-sanitarie, di base e specialistiche, a favore dei detenuti secondo le Linee di indirizzo sull organizzazione della Sanità Penitenziaria approvate con DGR n. 2337/2011. Destinatari: L UO assicura l assistenza sanitaria ai detenuti e svolge le funzione di: - garanzia dell assistenza sanitaria nei confronti dei ospiti stessi in termini di prestazioni di medicina generale individuate dai LEA, assistenza specialistica, gestione delle emergenze-urgenze, assistenza infermieristica, fornitura di farmaci e presidi; - raccordo delle attività con quelle assicurate dal Dipartimento per le Dipendenze e dal Dipartimento di Salute Mentale a favore dei detenuti; - garanzia dei rapporti fra l Azienda ULSS e la direzione dell Istituto Penitenziario zonale che trova sede a Belluno in località Baldenich. Il responsabile dell UOS Sanità Penitenziaria è il Dirigente Medico dott. Marco Cristofoletti, presso la sede Distrettuale di Belluno, via Feltre n. 57 (per i riferimenti e contatti si rimanda alla sezione dedicata a pag. 13). COORDINAMENTO STRUTTURE RESIDENZIALI INTERMEDIE Cos è e destinatari: L Unità Operativa si occupa del coordinamento funzionale tra le strutture residenziali intermedie così come definite dai provvedimenti regionali e secondo le linee guida delle DGR n.2271/2013 e n.2122/2013. In particolare fanno capo a tale struttura: Hospice La struttura è ubicata all interno del perimetro ospedaliero dell O.C. di Belluno in viale Europa n. 22. Gli standard strutturali ed organizzativi sono garantiti da un equipe multi professionale formata da medici palliativisti, infermieri professionali, O.T.A./O.A.A.. L ULSS garantisce, inoltre, la presenza di uno psicologo, di un assistente sociale e degli specialisti ospedalieri per le consulenze. L Hospice ha l obiettivo di realizzare, sulla base dell UVMD, un programma di cure palliative personalizzato ed orientato a migliorare la qualità della vita residua, attraverso una risposta globale ai bisogni (fisici, psico-emozionali, sociali e spirituali) del paziente affetto da una malattia inguaribile, in condizioni di terminalità, e della sua famiglia. Deve dare una valida alternativa al domicilio del malato quando questo non è, temporaneamente o definitivamente, idoneo ad accoglierlo, evitando il ricorso a ricoveri impropri in ospedale. Si rimanda, per ogni dettaglio alla Carta dei Servizi dedicata alla pagina del sito internet di questa Azienda ULSS n. 1. Pag. 11 di 20

12 Ospedale di Comunità di Auronzo di Cadore L equipe clinica, assistenziale e riabilitativa per l OdC di Auronzo (presso il Centro Sanitario Polifunzionale di Auronzo di Cadore di via Ospitale, 16) comprende personale medico, un coordinatore infermieristico, infermieri, O.S.S. e terapisti della riabilitazione. Compito degli OdC è quello di garantire cure necessarie per quei pazienti che sono stabilizzati dal punto di vista medico quindi che non richiedono assistenza ospedaliera, ma sono troppo instabili per poter essere trattati in un semplice regime ambulatoriale o residenziale. Si tratta di una struttura di residenzialità extraospedaliera a carattere temporaneo (indicativamente 4-6 settimane) con compartecipazione alla spesa dopo il 30 giorno di degenza. Sono garantiti gli accessi degli specialisti ospedalieri per le consulenze. Le richieste di ricovero sono gestite in stretto coordinamento con la Centrale operativa territoriale. Deve garantire risposte assistenziali a tutti i residenti nel territorio dell ULSS 1 garantendo quindi sia equità territoriale sia equità nella modalità di ingresso da parte delle U.O. ospedaliere che da parte dei MAP/PLS. Si rimanda, per ogni dettaglio alla Carta dei Servizi dedicata alla pagina del sito internet di questa Azienda ULSS n. 1. La responsabile dell'u.o. è la dott.ssa Giusi Da Pra, dirigente medico del Distretto Socio Sanitario (tel ). COME CONTATTARCI SEDI DISTRETTUALI AREA TERRITORIO BELLUNESE SEDE DISTRETTUALE DI BELLUNO - LONGARONE/FORNO DI ZOLDO - PUOS D ALPAGO Nell area della sede distrettuale di Belluno ricadono anche le sedi distrettuali periferiche di Longarone/Forno Di Zoldo e di Puos D Alpago che svolgono attività di prelievo ambulatoriale, attività di competenza del Dipartimento di Prevenzione e attività di competenza del Servizio Convenzioni, riservate ai cittadini residenti nei comuni di riferimento. Sede di via Feltre 57 Belluno: Tel Fax OPERATORI Nominativo: Sandro De Col Giampaolo Ben Marco Cristofoletti Loretta Rossa Antonella De Donà Lena Antonia Saviane Funzione: Direttore del Distretto Socio Sanitario Direttore dell UOC Cure Primarie Dirigente Medico Resp.le UO Sanità Penitenziaria Dirigente Medico Assistente Sanitaria Coordinatrice - ADI Assistente Sanitaria Coordinatrice - Residenzialità Pag. 12 di 20

13 ADI Segreteria Distrettuale ADI tel fax Dirigente medico: dott.ssa Loretta Rossa tel Assistente sanitaria: Antonella De Donà Infermiera professionale: Gabriella Balcon Residenzialità Assistente sociale coordinatrice: dott.ssa Lena Antonia Saviane tel: fax Assistente sociale: Silvia Funes Nova tel (Ospedale) Protesica Dirigente medico: dott.ssa Loretta Rossa tel Terapista della Riabilitazione: Renzo Dalla Rosa tel: fax Presidi Sanitari Assistente Sanitaria dott.ssa Tiziana De Biasio Tel Sanità Penitenziaria Dirigente Medico Responsabile dott. Marco Cristofoletti Tel Orario apertura al pubblico per presidi sanitari: Orario apertura al pubblico per consegna materiale per nutrizione artificiale domiciliare: Pag. 13 di 20

14 Sede sub distrettuale di Longarone - via Polla, 2 Segreteria tel Orario: Infermiere professionali: Rosi Sacchet e Pierina Casanova Coadiutore amministrativo: Miriana Santin Sede sub distrettuale di Forno di Zoldo - via Roma Segreteria tel Orario: Infermiere professionali: Rosi Sacchet e Pierina Casanova Coadiutore amministrativo: Miriana Santin Sede sub distrettuale di Puos - P.za Papa Lucani, 2 Segreteria tel Orario: Infermiere professionali: Gabriella Cignola e Daniela Fagherazzi Coadiutore amministrativo: Loretta Calegari COME ARRIVARE ALLA STRUTTURA Sede Distrettuale di Belluno via Feltre Belluno secondo e terzo piano scala B. In automobile Dal Cadore SS 51 Alemagna Dall Agordino SR Dal Feltrino SS 50 Da Venezia Autostrada A27 uscita a Cadola In autobus La linea R urbana collega la locale stazione ferroviaria all'azienda Ospedaliera Pag. 14 di 20

15 In treno La stazione ferroviaria è quella di Belluno a circa 1 km, con collegamenti continui tramite corriere e autobus: Telefono taxi / Fermata Autobus di fronte all'ingresso principale Posteggio Auto a pagamento fronte sede SEDI DISTRETTUALI AREA TERRITORIO CADORINO PIEVE DI CADORE - AURONZO DI CADORE - CORTINA D AMPEZZO - SANTO STEFANO DI CADORE Sede distrettuale di Pieve di Cadore Si trova a Pieve di Cadore, in via Carducci, presso l ex colonia Vazzoler, in una struttura di nuova costruzione, denominata Centro Sociosanitario del Cadore. È collocato al terzo piano ed è privo di barriere architettoniche. Tel / , fax Il servizio è aperto nei seguenti orari: Sede distrettuale di Auronzo di Cadore Si trova presso l Ospedale di Auronzo di Cadore, al secondo piano. Tel Lo sportello Convenzioni è aperto presso l Ufficio Cassa nei seguenti orari: Sede distrettuale di Cortina d Ampezzo Si trova in via Cesare Battisti 80, zona centrale di Cortina. Tel fax Orari di apertura al pubblico: Pag. 15 di 20

16 Sede distrettuale del Comelico di Santo Stefano di Cadore Si trova a Santo Stefano di Cadore in via Dante Alighieri 31. Tel fax Orario di apertura al pubblico dello sportello Convenzioni/ Esenzioni: OPERATORI Nominativo: Sandro De Col Giampaolo Ben Giusi Da Pra Elda Zanella Funzione: Direttore del Distretto Socio Sanitario Direttore dell UOC Cure Primarie Dirigente Medico Resp.le UO Coordinamento Strutture Sanitarie Intermedie Infermiera coordinatrice COME ARRIVARE ALLA STRUTTURA Sede Distrettuale di Pieve di Cadore via Carducci Pieve di Cadore In automobile Da Venezia Autostrada A27 uscita a Pian di Vedoia - SS 51 Alemagna, indicazioni per Cortina. Al bivio di Tai di Cadore, svoltare a destra in via degli Alpini, proseguire verso il centro di Pieve di Cadore e poi seguire le indicazioni per l Ospedale. Superato l Ospedale continuare sulla strada per Pozzale, il Centro Sociosanitario del Cadore si trova a destra dopo la prima curva. In autobus Fermata in centro a Pieve di Cadore, eventuale coincidenza per Pozzale. Pag. 16 di 20

17 In treno La stazione ferroviaria più vicina è quella di Calalzo di Cadore a circa 4 km, con collegamenti tramite autobus. Posteggio taxi di fronte alla stazione SEDI DISTRETTUALI AREA TERRITORIO AGORDINO AGORDO - CANALE D AGORDO CAPRILE Il Servizio Agordino è suddiviso in tre Equipe. Sede distrettuale di Agordo Per i Comuni di Agordo, Taibon Agordino,La Valle Agordina, Voltago Agordino, Rivamonte e Gosaldo, si trova ad Agordo presso gli Uffici dei Servizi Sociali in via Dozza n. 1, è collocata a piano terra ed è priva di barriere architettoniche. Telefono / Fax Il servizio è aperto nei seguenti orari: Sede distrettuale di Canale d Agordo Comuni di Canale d'agordo, Cencenighe Agordino, Falcade, San Tomaso Agordino e Vallada Agordina si trova a Canale d'agordo presso il Distretto in via Roma n. 20, è collocata a piano terra ed è priva di barriere architettoniche. Telefono e Fax Il servizio è aperto nei seguenti orari: Sede distrettuale di Caprile Comuni di Alleghe, Colle S. Lucia, Selva di Cadore, Rocca Pietore e Livinallongo del Col di Lana) si trova ad Alleghe- Caprile presso il Distretto in via Corso Veneto, è collocata al primo piano ed è priva di barriere architettoniche, mediante scale e montascale. Telefono Fax Pag. 17 di 20

18 OPERATORI Nominativo: Sandro De Col Giampaolo Ben De Toffol Marinella Funzione: Direttore del Distretto Socio Sanitario Direttore dell UOC Cure Primarie Infermiere coordinatore COME ARRIVARE ALLA STRUTTURA Sede di Agordo - via Dozza n Agordo, presso i Servizi Sociali di Agordo, nella palazzina Polifunzionale,1, che è adiacente all Ospedale. In automobile Si arriva in auto dalla strada regionale 203 principale arteria viaria che attraversa la città di Agordo - svoltando a destra, se si proviene da Belluno, all altezza del distributore Agip, dopo il ponte sul torrente Rova, o dalla piazza prima della Chiesa Arcidiaconale. I Servizi Sociali presso il Polifunzionale posseggono un parcheggio proprio, con posti riservati agli utenti o, in alternativa, possono essere utilizzati i parcheggi comunali posti poco prima dell Ospedale in corrispondenza di entrambe le strade di accesso. In autobus Partendo dalla locale stazione degli autobus vi sono quotidianamente corse che garantiscono il collegamento con l Ospedale e dunque con i Servizi Distrettuali: ore 7.50 partenza Autostazione ore 7.55 arrivo in Ospedale ore partenza Autostazione ore arrivo in Ospedale ore partenza Ospedale ore arrivo in Autostazione Fermata Autobus di fronte all'ingresso principale. In treno La stazione ferroviaria più vicina è quella di Belluno a circa 30 km, con collegamenti tramite corriere e autobus. Pag. 18 di 20

19 SEGNALAZIONI Il Servizio garantisce la funzione di tutela nei confronti del cittadino anche attraverso la possibilità di presentare osservazioni, opposizioni e reclami (segnalazioni) che rilevano situazioni di disservizio e atti o comportamenti con i quali si nega o si limita la fruibilità delle prestazioni, anche rispetto a quanto contenuto nella presente Guida ai servizi. Il cittadino che intenda inoltrare una segnalazione (compresi i suggerimenti, le proposte e gli apprezzamenti) può procedere nei seguenti modi: Segnalazione scritta È possibile compilare l'apposita scheda (disponibile presso tutte le Unità Operative e i Servizi) oppure scrivere una lettera. La scheda o la lettera possono essere spedite per posta: Al Direttore Generale dell'ulss 1 - via Feltre, Belluno", oppure consegnate direttamente al personale dell'unità Operativa (o del Servizio), che provvederà all inoltro alla Direzione Generale. Le segnalazioni possono anche essere inviate via fax allo o via all indirizzo: È anche possibile recarsi di persona all Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) per compilare, con l assistenza di un operatore, la scheda di segnalazione. L'URP provvederà a gestire la procedura di reclamo e a darne riscontro all'interessato. Segnalazione orale È possibile contattare l'urp telefonando al numero verde oppure allo /98. Regolamentazione La procedura e le modalità di presentazione delle segnalazioni sono definiti dal Regolamento di Pubblica Tutela, disponibile presso l'ufficio Relazioni con il Pubblico e contenuto nella Carta dei Servizi dell'ulss 1 Belluno consultabile all'indirizzo Internet RISERVATEZZA Tutela dei dati personali Ai sensi D.Lgs. 196/2003 il Direttore di questa Unità Operativa è il responsabile del trattamento dei dati personali su delega del titolare; garantisce di rispettare e far rispettare le regole di segretezza e riservatezza dei dati sensibili relativi ai destinatari della prestazione e dei servizi erogati. Per ulteriori informazioni relativamente alle modalità di trattamento dei dati personali è possibile rivolgersi al Servizio Convenzioni della ULSS n. 1 di Belluno (via Feltre, Belluno - tel / Fax ). AGGIORNAMENTI E REVISIONI La versione più aggiornata di questa Carta dei Servizi è disponibile sul sito Internet aziendale: Pag. 19 di 20

20 DIRITTI E DOVERI DEI PAZIENTI La Carta dei diritti e dei doveri dei pazienti e dei loro congiunti è disponibile a questo indirizzo: SINTESI DELLE MODIFICHE Revisione Data Descrizione modifiche Prima Emissione Aggiornamento dati, nominativo direttore ed indice Pag. 20 di 20

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

2 La residenzialità per anziani non autosufficienti

2 La residenzialità per anziani non autosufficienti LE POLITICHE SOCIO-SANITARIE. PARTE PRIMA. I SERVIZI PER LE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI 2 La residenzialità per anziani non autosufficienti L invecchiamento della popolazione e il progressivo diffondersi

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI

CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La mission del Centro Diurno è quella di garantire il benessere psicofisico degli ospiti, in un ambiente idoneo, volto a

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Azienda ULSS n. 9 Treviso Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica

Azienda ULSS n. 9 Treviso Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS9 Azienda ULSS n. 9 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ELEZIONI EUROPEE E AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 DESIGNAZIONE dei DIRIGENTI MEDICI AUTORIZZATI al RILASCIO dei

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli