CARTA DEI SERVIZI DISTRETTO SOCIO SANITARIO UNITÀ OPERATIVA DI CURE PRIMARIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI DISTRETTO SOCIO SANITARIO UNITÀ OPERATIVA DI CURE PRIMARIE"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI DISTRETTO SOCIO SANITARIO UNITÀ OPERATIVA DI CURE PRIMARIE Struttura Unità operativa/servizio Direttore Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Distretto Socio Sanitario U. O. di Cure Primarie dott. Giampaolo Ben Documento emesso il Rev. 1 Iter di approvazione Redazione Verifica Approvazione Gruppo lavoro Marco Cristofoletti Giusi Da Pra Loretta Rossa Antonella De Donà Lena Antonia Saviane Tiziana De Biasio Renzo Dalla Rosa Elda Zanella Marinella De Toffol Direttore del Distretto Sandro De Col Ufficio qualità Asmara Da Ronchi URP Patrizia Milani Direttore dell UOC Cure Primarie Giampaolo Ben B 1 di 16

2 INDICE Premessa Pag. 3 Presentazione Pag. 3 di cosa ci occupiamo Pag. 4 Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Pag. 4 Assistenza Presidi Sanitari Pag. 6 Assistenza Protesica Pag. 7 Assistenza Residenziale per Non Autosufficienti Pag. 9 Sanità Penitenziaria Pag. 11 Coordinamento Strutture Sanitarie Intermedie Pag. 11 Come contattarci Area territorio Bellunese Pag. 12 Come arrivare alla struttura Sede di Belluno Pag. 14 Come contattarci Area territorio Cadorino Pag. 15 Come arrivare alla struttura Sede di Pieve di Cadore Pag. 16 Come contattarci Area territorio Agordino Pag. 17 Come arrivare alla struttura Sede di Agordo Pag. 18 Segnalazioni Pag. 19 Riservatezza Pag. 19 Aggiornamenti Pag. 19 Diritti e doveri dei pazienti Pag. 20 Sintesi delle modifiche Pag. 20 Pag. 2 di 20

3 PREMESSA La presente carta dei servizi, redatta in coerenza con i principi e i contenuti definiti nella Carta dei Servizi dell Azienda ULSS n. 1 (si veda è rivolta agli utenti allo scopo di fornire loro indicazioni relativamente a servizi erogati, modalità di accesso alle prestazioni, riferimenti logistici, personale dell'unità Operativa, modalità per la segnalazione di eventuali reclami e/o suggerimenti e altro. PRESENTAZIONE Ai sensi dell art.20 L.R. 26/96, Il Distretto è la struttura dell Azienda Sanitaria Locale finalizzata a realizzare sul territorio un elevato livello di integrazione tra i diversi servizi che erogano prestazioni sanitarie e fra questi e i servizi socio-assistenziali, in modo da consentire una risposta coordinata e continuativa ai bisogni sanitari della popolazione. Il Distretto assicura livelli essenziali ed uniformi di assistenza nel rispetto dei principi della dignità della persona umana, del bisogno di salute, dell equità nell accesso all assistenza, della qualità delle cure e della loro appropriatezza riguardo alle specifiche esigenze, nonché dell economicità nell impiego delle risorse. PRINCIPI ISPIRATORI Il Distretto socio-sanitario, nell erogazione dei servizi e nei rapporti con l utenza, si fa garante dei seguenti principi fondamentali: STO 1)E(NTAZIONE Uguaglianza: a parità di esigenze, i servizi devono essere forniti in modo uguale a tutti gli utenti, senza distinzioni di razza, sesso, nazionalità, religione ed opinione politica. Rispetto della persona: l attenzione centrale deve essere posta alla persona nel pieno rispetto della sua dignità, qualunque siano le sue condizioni fisiche o mentali, culturali o sociali. Il cittadino ha diritto ad essere accolto con cortesia, educazione, rispetto e disponibilità da parte di tutti gli operatori. Personalizzazione: l erogazione dei servizi deve avvenire in rapporto alle esigenze del singolo, in relazione al suo stato di minore, disabile o anziano, garantendo il diritto ad un piano d intervento individualizzato e condiviso, assicurando al massimo grado possibile il diritto della persona ad una scelta libera e consapevole. Continuità: il servizio deve essere erogato in modo regolare e continuativo, compatibilmente con le risorse ed i vincoli. Partecipazione: diritto di accesso agli atti amministrativi e possibilità di presentare osservazioni e suggerimenti, proposte, segnalazioni e reclami. Inoltre deve essere promosso il coinvolgimento degli utenti curando l informazione sui servizi, sulle procedure di accesso, sulle modalità di erogazione e la partecipazione alla verifica della qualità erogata. Efficienza ed Efficacia: intese sostanzialmente come rispetto di standard di qualità e dei tempi previsti nell erogazione dei servizi nella formazione e aggiornamento del personale. Le risorse disponibili devono essere impiegate nel modo più razionale ed oculato al fine di produrre i massimi risultati possibili in termini di benessere degli utenti e di gratificazione del personale. Integrazione dei servizi: una volta individuata la porta d accesso, l utente ha diritto di trovarsi di fronte a punti unitari di riferimento dove l informazione e l erogazione stessa dei servizi deve risultare, il più possibile, integrata e completa. Diritto alla Riservatezza: i dati forniti all utente sono trattati in conformità alle disposizioni di legge in materia di protezione dei dati personali. Pag. 3 di 20

4 Diritto di scelta: il Distretto riconosce ai cittadini la possibilità di esercitare la libera scelta del luogo di cura e dei professionisti nell ambito del Servizio Sanitario Nazionale, nonché tra i soggetti accreditati con cui siano stati definiti appositi accordi contrattuali. All interno del Distretto Socio Sanitario trova collocazione l Unità Operativa Complessa Cure Primarie, che svolge le seguenti attività: 1. Sviluppo, coordinamento e gestione delle Cure primarie, attraverso l implementazione delle Medicine di Gruppo Integrate previste dagli specifici atti di indirizzo regionale, coinvolgendo tutte le componenti della medicina convenzionata e organizzando le necessarie risorse commisurate agli obiettivi; 2. implementazione e responsabilità del funzionamento dell assistenza domiciliare integrata (ADI); 3. garanzia della continuità dell assistenza e delle cure h 24, 7gg/7 assicurando l integrazione funzionale tra la Medicina di famiglia, la Continuità Assistenziale, la Specialistica e ADI; 4. definizione ed implementazione dei percorsi assistenziali, provvedendo a garantire il coinvolgimento di tutte le competenze e delle strutture anche sviluppando un sistema di monitoraggio dei processi e degli esiti in ogni contesto di cura dell assistito (ambulatoriale, domiciliare o residenziale); 5. partecipazione all attività di pianificazione e di programmazione aziendale mediante l analisi e la valorizzazione dei bisogni di salute e coordinamento delle UU.OO. semplici e dei servizi in cui si articola l unità organizzativa; 6. coordinamento e verifica dell appropriatezza prescrittiva ed erogativa nell ambito della farmaceutica, della protesica e della specialistica, partecipando al buon governo delle risorse. Il Distretto Socio Sanitario, e di conseguenza l UO Cure Primarie, erogano i propri servizi e le prestazioni in varie sedi, dislocate sul territorio afferente a questa Azienda. La sede centrale del Distretto è dislocata a Belluno, e ad essa fanno riferimento le sedi sub distrettuali di Forno di Zoldo, Longarone e Puos d Alpago. Altre due sedi periferiche sono dislocate rispettivamente ad Agordo, cui fanno riferimento le sedi subdistrettuali di Canale d Agordo e Caprile, e a Pieve di Cadore, cui fanno riferimento le sedi subdistrettuali di Auronzo di Cadore, Cortina d Ampezzo e Santo Stefano di Cadore. DI COSA CI OCCUPIAMO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di mantenere a domicilio le persone con problemi di non autosufficienza psicofisica, rimuovendo gli ostacoli e valorizzando le risorse della rete familiare e sociale, tramite interventi professionali adeguati ai bisogni, nel pieno rispetto delle volontà e degli stili di vita espressi dalla persona. Il servizio eroga varie tipologie di assistenza e prestazioni, destinate ad utenti con problematiche diverse, ciascuna con specifiche modalità di accesso: 1. Assistenza Infermieristica Domiciliare (ADI Profilo B) Cos è: È un servizio che eroga assistenza a domicilio ed assicurata da infermieri che hanno scelto di svolgere la propria attività professionale in ambito domiciliare. Pag. 4 di 20

5 A chi è rivolto: A tutti i cittadini senza limiti di età, non deambulanti, non trasportabili, che necessitano di interventi socio sanitari. Le prestazioni erogate: Prelievo venoso. Misurazione pressione. Educazione sanitaria per gestione di patologie complesse. Medicazioni decubiti, ulcere trofiche, ferite chirurgiche, tracheotomie. Gestione del catetere vescicale, urostomia, colon/ileostomia, clistere evacuativo. Gestione della nutrizione enterale (Sng, Peg). Gestione del catetere venoso centrale, port-a cath, terapia infusiva periferica, iniezioni. Come si accede: Le prestazioni vengono richieste dal medico di famiglia su apposito modulo in base ai bisogni del paziente. Nelle richieste è specificato il tipo di intervento e la necessità di effettuare l assistenza a domicilio. La richiesta va inoltrata presso la sede dell equipe infermieristica della zona di appartenenza. Ogni richiesta va sottoposta al responsabile del distretto per l autorizzazione previa valutazione dell appropriatezza. Obiettivi: Il servizio si rivolge a persone non autosufficienti con patologie croniche o patologie acute temporaneamente invalidanti; si propone di favorire la permanenza nel proprio ambito familiare dell utente, migliorandone la qualità della vita e coinvolgendo nell assistenza tutte le risorse disponibili; l erogazione dell assistenza è basata su criteri di efficacia, efficienza, rapidità nella risposta e personalizzazione. La valutazione dei bisogni, il dialogo, l educazione sanitaria dell utente e della famiglia e l assistenza secondo linee guida, sono i punti qualificanti; Le prestazioni non sono soggette a pagamento. 2. Assistenza medica programmata (ADI profilo C) Cos è: È l assistenza fornita dal medico di medicina generale e dal pediatra di libera scelta a favore di assistiti non deambulanti o non autosufficienti, attraverso visite programmate periodicamente (a seconda delle necessità assistenziali a cadenza settimanale, quindicinale o mensile) a domicilio del paziente. Modalità di accesso: È il Medico di Medicina Generale, o il Pediatra di Libera Scelta, che propone e concorda questo tipo di assistenza con gli utenti che ne necessitano ed i loro familiari. Il protocollo assistenziale deve essere approvato dal direttore del distretto o suo delegato. Pag. 5 di 20

6 3. Assistenza riabilitativa domiciliare (ADI profilo A) Cos è: È l assistenza fornita dai fisioterapisti a favore di assistiti non deambulanti o non autosufficienti su prescrizione di uno specialista. Modalità di accesso: È il medico di medicina generale, il pediatra di libera scelta e il medico ospedaliero alla dimissione che propone la visita specialistica fisiatrica a cui può seguire la prescrizione degli interventi riabilitativi, che il direttore del distretto approva. 4. Assistenza domiciliare a carattere sanitario e integrata con il servizio sociale (ADIMED) Cos è: È una forma di assistenza domiciliare complessa che prevede interventi di varie figure professionali, riservata ai pazienti con patologie di particolare gravità, che richiedono un elevato impegno medico e una pronta reperibilità, garantita da personale medico e infermieristico di una ditta convenzionata e dal medico curante. Per ogni paziente seguito viene predisposto un piano assistenziale individualizzato dall UVMD (Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale), a cui partecipano il medico di medicina generale, l assistente sociale, il direttore del distretto o un suo delegato, e altre figure sanitarie o sociali (infermiere, fisioterapista, medico specialista, psicologo). Modalità di accesso: Sono il Medico di Medicina Generale, il Pediatra di Libera Scelta e l Assistente Sociale che generalmente propongono questo tipo di assistenza all Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale, a cui spetta il compito di valutare le domande e quindi di predisporre il piano assistenziale individualizzato. ASSISTENZA PRESIDI SANITARI Cos è: È l assistenza che assicura agli utenti con stomia, incontinenza, microinfusore e con malattie rare, la fornitura di presidi sanitari. Modalità di accesso: L utente presenta al Servizio Assistenza Presidi Sanitari la prescrizione redatta da un medico specialista con l indicazione del dispositivo necessario. Tale prescrizione verrà autorizzata dal Direttore di Distretto. Nel caso di prescrizione definitiva, l utente dovrà presentare anche il certificato di invalidità civile o relativa domanda. Modalità di ordine e consegna dei prodotti: I presidi richiesti saranno consegnati all utente presso questo ufficio, entro circa 15 giorni dalla presentazione della richiesta (tempo necessario per gli ordini e l invio dei prodotti dalla farmacia ospedaliera). Successivamente alla prima consegna, le altre avverranno con cadenza trimestrale. Pag. 6 di 20

7 Ogni variazione relativa al tipo o alla quantità del prodotto da richiedere dovrà essere presentata a questo ufficio previa nuova prescrizione specialistica. ASSISTENZA PROTESICA Cos è: È l assistenza che assicura agli utenti in condizione di disabilità permanente la fornitura di ausili per l autonomia, l assistenza e la vita quotidiana (ad esempio: letti, materassi antidecubito, carrozzine, sollevatori, etc.). Il Medico Specialista dedicato eroga, per conto dell ULSS n. 1, valutazioni anche al domicilio delle persone disabili per le prescrizioni e la fornitura di ausili personalizzati o ad alta tecnologia e per la fornitura diretta di ausili semplici. Da parte dell ULSS n. 1 sono inoltre garantiti sopralluoghi ed informazioni per le possibili soluzioni di adattamento dell abitazione alle necessità proprie del disabile, attività che viene svolta dagli operatori dell Ufficio Informazione e Consulenza su Accessibilità e Ausili (UICAA) operanti presso l Amministrazione Provinciale. Gli operatori UICAA svolgono la loro attività presso le sedi distrettuali alle dipendenze del Direttore del Distretto. Il servizio ausili UICAA si avvale per la propria attività dell Ausilioteca del Territorio che ha sede in via Roma, 62 Ponte nelle Alpi presso l ex Casa del Sole, dove possono essere visionate e provate dagli utenti le diverse tipologie di ausili. Il servizio ausili UICAA ha anche a disposizione un Magazzino Ausili in via Fiammoi, 7/A a Belluno, dove gli operatori provvedono alla fornitura diretta degli ausili semplici, alla loro sanificazione e manutenzione. I destinatari: Il Decreto Ministeriale n. 332 del 1999 detto anche Nomenclatore Tariffario individua quali sono le persone che possono beneficiare della fornitura gratuita degli ausili, descrive le modalità di fornitura, i tempi di rinnovo e le tipologie di ausili. Alcuni esempi di persone aventi diritto: invalidi civili; invalidi per servizio; minori di anni 18 che necessitano di intervento di prevenzione cura e riabilitazione di una invalidità permanente; ricoverati in una struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, per i quali il medico responsabile dell'unità operativa certifichi la contestuale necessità ed urgenza dell'applicazione di una protesi, di una ortesi o di un ausilio prima della dimissione, per l'attivazione tempestiva o la conduzione del progetto riabilitativo, a fronte di una menomazione grave o permanente; invalidi civili con riduzione della capacità lavorativa superiore ad un terzo. Modalità di accesso: Per utenti non ricoverati: il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta propongono una valutazione specialistica per la prescrizione di protesi ed ausili. Per utenti ricoverati: il medico specialista della struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, qualora ne ravvisi la necessità, redige la prescrizione specialistica ed avvia contestualmente l iter per il riconoscimento della invalidità, qualora il paziente ne sia sprovvisto. La proposta di valutazione troverà seguito mediante l intervento, anche a Pag. 7 di 20

8 domicilio, degli operatori UICAA (Medico Specialista, Terapisti della Riabilitazione, Logopedista, Manutentori Ausili). La prescrizione specialistica già redatta, di una protesi o di un ausilio necessari, corredata dalla certificazione dell invalidità civile (o dalla domanda di invalidità civile esclusivamente per l utente ricoverato in struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata) viene consegnata all ufficio ausili dell ambito distrettuale di residenza, per l autorizzazione a cura del Distretto. Se l ausilio richiesto risulterà disponibile presso il Magazzino Ausili gli operatori dell UICAA provvederanno alla fornitura diretta, se non disponibile la fornitura avverrà attraverso ditte private sanitarie ortopediche scelte dall utente. L UICAA è contattabile attraverso i seguenti numeri: Sede distrettuale del Cadore fax Sede distrettuale di Agordo fax Sede distrettuale di Belluno fax Sede sub distrettuale di S. Stefano di Cadore fax Provincia di Belluno fax Magazzino Ausili fax Presidi per l incontinenza: Cellulare di servizio I presidi per l incontinenza vengono erogati nelle tre sedi distrettuali con i seguenti orari: Sede distrettuale di Belluno lunedì e giovedì dalle ore 8.00 alle ore (tel ). Sede distrettuale di Pieve di Cadore lunedì e giovedì dalle ore 8.00 alle ore (tel ). Pag. 8 di 20

9 Sede distrettuale di Agordo lunedì dalle ore 8.00 alle ore e dal martedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore (tel ). ASSISTENZA RESIDENZIALE PER NON AUTOSUFFICIENTI Cos è: È la forma assistenziale assicurata dalle 13 Strutture Residenziali per non autosufficienti (già definite Case di Riposo) distribuite sul territorio della ULSS 1, dotate di un numero prestabilito di posti letto, cui è possibile accedere, secondo criteri di trasparenza, equità e non discriminazione, nel rispetto di un Regolamento Aziendale adottato con deliberazione del Direttore Generale. È la forma di assistenza territoriale per le persone non autosufficienti che non possono essere assistite in famiglia e per le quali non sia possibile attivare l Assistenza Domiciliare Integrata in forma coerente con gli obiettivi di qualità e continuità richiesti. La figura istituzionale di riferimento è l assistente sociale territoriale. Modalità di attivazione: L iter viene attivato con l invio al Distretto di appartenenza della domanda di accoglienza, con il consenso informato della persona interessata, corredata della SVAMA sanitaria, sociale e cognitivo funzionale, compilate rispettivamente dal medico curante, dall assistente sociale e dall infermiere abilitato. Il Distretto attiva l UVMD (Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale), un gruppo di lavoro formato dal Direttore di Distretto o suo delegato, il medico di medicina generale e l assistente sociale territoriale. La specificità del Caso può richiedere la partecipazione di altri professionisti con specifiche competenze. L UVMD ha il compito di: - valutare le condizioni di salute e i bisogni della persona, le sue aspettative e il supporto della rete familiare; - attestare lo stato di non autosufficienza; - verificare la necessità o meno dell accoglienza in struttura e la sussistenza di un punteggio minimo, definito per legge, derivato dall elaborazione della documentazione esistente. Tale verifica è finalizzata all inserimento nella graduatoria unica aziendale ai fini dell accoglienza in struttura. In ogni caso l UVMD elabora, sulla scorta della documentazione agli atti e delle considerazioni maturate nell ambito del gruppo di lavoro, un progetto assistenziale condiviso, coerente con i bisogni emersi e nel rispetto del Regolamento e dei vincoli normativi esistenti. L attività di valutazione viene effettuata: - per i pazienti al proprio domicilio, sia presso le sedi distrettuali di Belluno, di Pieve di Cadore e di Agordo, sia presso alcune sedi periferiche; - per le segnalazioni riferite ai pazienti ricoverati e segnalati dalle Unità Operative ospedaliere, sia presso l Ospedale S. Martino di Belluno, che presso gli Ospedali periferici. Pag. 9 di 20

10 Dopo la valutazione si accede in questo modo alla graduatoria unica del registro di residenzialità, che viene aggiornata settimanalmente garantendo la priorità di accesso per le situazioni più difficili, in una qualsiasi delle seguenti strutture residenziali per non autosufficienti dell ULSS n. 1 di Belluno. STRUTTURE RESIDENZIALI PER NON AUTOSUFFICIENTI SEDE DISTRETTUALE DEL CADORE 1. AURONZO DI CADORE Centro di servizi per persone anziane "Beata G. Sterni" Tel CORTINA D'AMPEZZO Centro di servizi per persone anziane Casa di Riposo Comunale Tel SANTO STEFANO DI CADORE - Centro di servizi per persone anziane "Giovanni Paolo II^" Tel PIEVE DI CADORE - RSA Tel SEDE DISTRETTUALE DI AGORDO 5. AGORDO Centro di servizi per persone anziane Tel LIVINALLONGO Centro di servizi per persone anziane "Villa S. Giuseppe" Tel SEDE DISTRETTUALE DI BELLUNO 7. BELLUNO Centro di servizi per persone anziane "Maria Gaggia Lante" Tel FARRA D'ALPAGO - Centro servizi per persone anziane Villa Don Gino Ceccon" Tel FORNO DI ZOLDO Centro di servizi per persone anziane "A. Santin" Tel LIMANA Centro di servizi per persone anziane Ing. Testolini Tel LONGARONE Centro di servizi per persone anziane Cav. Luigi Barzan Tel PONTE NELLE ALPI Centro di servizi per persone anziane Tel PUOS D'ALPAGO Centro servizi per persone anziane C.S. Socio-assistenziali Alpago Tel Pag. 10 di 20

11 SANITÀ PENITENZIARIA Cos è: L Unità Operativa Semplice di Sanità Penitenziaria appartiene all Unità Operativa Complessa di Cure Primarie ed è preposta alla gestione unitaria di tutte le attività socio-sanitarie, di base e specialistiche, a favore dei detenuti secondo le Linee di indirizzo sull organizzazione della Sanità Penitenziaria approvate con DGR n. 2337/2011. Destinatari: L UO assicura l assistenza sanitaria ai detenuti e svolge le funzione di: - garanzia dell assistenza sanitaria nei confronti dei ospiti stessi in termini di prestazioni di medicina generale individuate dai LEA, assistenza specialistica, gestione delle emergenze-urgenze, assistenza infermieristica, fornitura di farmaci e presidi; - raccordo delle attività con quelle assicurate dal Dipartimento per le Dipendenze e dal Dipartimento di Salute Mentale a favore dei detenuti; - garanzia dei rapporti fra l Azienda ULSS e la direzione dell Istituto Penitenziario zonale che trova sede a Belluno in località Baldenich. Il responsabile dell UOS Sanità Penitenziaria è il Dirigente Medico dott. Marco Cristofoletti, presso la sede Distrettuale di Belluno, via Feltre n. 57 (per i riferimenti e contatti si rimanda alla sezione dedicata a pag. 13). COORDINAMENTO STRUTTURE RESIDENZIALI INTERMEDIE Cos è e destinatari: L Unità Operativa si occupa del coordinamento funzionale tra le strutture residenziali intermedie così come definite dai provvedimenti regionali e secondo le linee guida delle DGR n.2271/2013 e n.2122/2013. In particolare fanno capo a tale struttura: Hospice La struttura è ubicata all interno del perimetro ospedaliero dell O.C. di Belluno in viale Europa n. 22. Gli standard strutturali ed organizzativi sono garantiti da un equipe multi professionale formata da medici palliativisti, infermieri professionali, O.T.A./O.A.A.. L ULSS garantisce, inoltre, la presenza di uno psicologo, di un assistente sociale e degli specialisti ospedalieri per le consulenze. L Hospice ha l obiettivo di realizzare, sulla base dell UVMD, un programma di cure palliative personalizzato ed orientato a migliorare la qualità della vita residua, attraverso una risposta globale ai bisogni (fisici, psico-emozionali, sociali e spirituali) del paziente affetto da una malattia inguaribile, in condizioni di terminalità, e della sua famiglia. Deve dare una valida alternativa al domicilio del malato quando questo non è, temporaneamente o definitivamente, idoneo ad accoglierlo, evitando il ricorso a ricoveri impropri in ospedale. Si rimanda, per ogni dettaglio alla Carta dei Servizi dedicata alla pagina del sito internet di questa Azienda ULSS n. 1. Pag. 11 di 20

12 Ospedale di Comunità di Auronzo di Cadore L equipe clinica, assistenziale e riabilitativa per l OdC di Auronzo (presso il Centro Sanitario Polifunzionale di Auronzo di Cadore di via Ospitale, 16) comprende personale medico, un coordinatore infermieristico, infermieri, O.S.S. e terapisti della riabilitazione. Compito degli OdC è quello di garantire cure necessarie per quei pazienti che sono stabilizzati dal punto di vista medico quindi che non richiedono assistenza ospedaliera, ma sono troppo instabili per poter essere trattati in un semplice regime ambulatoriale o residenziale. Si tratta di una struttura di residenzialità extraospedaliera a carattere temporaneo (indicativamente 4-6 settimane) con compartecipazione alla spesa dopo il 30 giorno di degenza. Sono garantiti gli accessi degli specialisti ospedalieri per le consulenze. Le richieste di ricovero sono gestite in stretto coordinamento con la Centrale operativa territoriale. Deve garantire risposte assistenziali a tutti i residenti nel territorio dell ULSS 1 garantendo quindi sia equità territoriale sia equità nella modalità di ingresso da parte delle U.O. ospedaliere che da parte dei MAP/PLS. Si rimanda, per ogni dettaglio alla Carta dei Servizi dedicata alla pagina del sito internet di questa Azienda ULSS n. 1. La responsabile dell'u.o. è la dott.ssa Giusi Da Pra, dirigente medico del Distretto Socio Sanitario (tel ). COME CONTATTARCI SEDI DISTRETTUALI AREA TERRITORIO BELLUNESE SEDE DISTRETTUALE DI BELLUNO - LONGARONE/FORNO DI ZOLDO - PUOS D ALPAGO Nell area della sede distrettuale di Belluno ricadono anche le sedi distrettuali periferiche di Longarone/Forno Di Zoldo e di Puos D Alpago che svolgono attività di prelievo ambulatoriale, attività di competenza del Dipartimento di Prevenzione e attività di competenza del Servizio Convenzioni, riservate ai cittadini residenti nei comuni di riferimento. Sede di via Feltre 57 Belluno: Tel Fax OPERATORI Nominativo: Sandro De Col Giampaolo Ben Marco Cristofoletti Loretta Rossa Antonella De Donà Lena Antonia Saviane Funzione: Direttore del Distretto Socio Sanitario Direttore dell UOC Cure Primarie Dirigente Medico Resp.le UO Sanità Penitenziaria Dirigente Medico Assistente Sanitaria Coordinatrice - ADI Assistente Sanitaria Coordinatrice - Residenzialità Pag. 12 di 20

13 ADI Segreteria Distrettuale ADI tel fax Dirigente medico: dott.ssa Loretta Rossa tel Assistente sanitaria: Antonella De Donà Infermiera professionale: Gabriella Balcon Residenzialità Assistente sociale coordinatrice: dott.ssa Lena Antonia Saviane tel: fax Assistente sociale: Silvia Funes Nova tel (Ospedale) Protesica Dirigente medico: dott.ssa Loretta Rossa tel Terapista della Riabilitazione: Renzo Dalla Rosa tel: fax Presidi Sanitari Assistente Sanitaria dott.ssa Tiziana De Biasio Tel Sanità Penitenziaria Dirigente Medico Responsabile dott. Marco Cristofoletti Tel Orario apertura al pubblico per presidi sanitari: Orario apertura al pubblico per consegna materiale per nutrizione artificiale domiciliare: Pag. 13 di 20

14 Sede sub distrettuale di Longarone - via Polla, 2 Segreteria tel Orario: Infermiere professionali: Rosi Sacchet e Pierina Casanova Coadiutore amministrativo: Miriana Santin Sede sub distrettuale di Forno di Zoldo - via Roma Segreteria tel Orario: Infermiere professionali: Rosi Sacchet e Pierina Casanova Coadiutore amministrativo: Miriana Santin Sede sub distrettuale di Puos - P.za Papa Lucani, 2 Segreteria tel Orario: Infermiere professionali: Gabriella Cignola e Daniela Fagherazzi Coadiutore amministrativo: Loretta Calegari COME ARRIVARE ALLA STRUTTURA Sede Distrettuale di Belluno via Feltre Belluno secondo e terzo piano scala B. In automobile Dal Cadore SS 51 Alemagna Dall Agordino SR Dal Feltrino SS 50 Da Venezia Autostrada A27 uscita a Cadola In autobus La linea R urbana collega la locale stazione ferroviaria all'azienda Ospedaliera Pag. 14 di 20

15 In treno La stazione ferroviaria è quella di Belluno a circa 1 km, con collegamenti continui tramite corriere e autobus: Telefono taxi / Fermata Autobus di fronte all'ingresso principale Posteggio Auto a pagamento fronte sede SEDI DISTRETTUALI AREA TERRITORIO CADORINO PIEVE DI CADORE - AURONZO DI CADORE - CORTINA D AMPEZZO - SANTO STEFANO DI CADORE Sede distrettuale di Pieve di Cadore Si trova a Pieve di Cadore, in via Carducci, presso l ex colonia Vazzoler, in una struttura di nuova costruzione, denominata Centro Sociosanitario del Cadore. È collocato al terzo piano ed è privo di barriere architettoniche. Tel / , fax Il servizio è aperto nei seguenti orari: Sede distrettuale di Auronzo di Cadore Si trova presso l Ospedale di Auronzo di Cadore, al secondo piano. Tel Lo sportello Convenzioni è aperto presso l Ufficio Cassa nei seguenti orari: Sede distrettuale di Cortina d Ampezzo Si trova in via Cesare Battisti 80, zona centrale di Cortina. Tel fax Orari di apertura al pubblico: Pag. 15 di 20

16 Sede distrettuale del Comelico di Santo Stefano di Cadore Si trova a Santo Stefano di Cadore in via Dante Alighieri 31. Tel fax Orario di apertura al pubblico dello sportello Convenzioni/ Esenzioni: OPERATORI Nominativo: Sandro De Col Giampaolo Ben Giusi Da Pra Elda Zanella Funzione: Direttore del Distretto Socio Sanitario Direttore dell UOC Cure Primarie Dirigente Medico Resp.le UO Coordinamento Strutture Sanitarie Intermedie Infermiera coordinatrice COME ARRIVARE ALLA STRUTTURA Sede Distrettuale di Pieve di Cadore via Carducci Pieve di Cadore In automobile Da Venezia Autostrada A27 uscita a Pian di Vedoia - SS 51 Alemagna, indicazioni per Cortina. Al bivio di Tai di Cadore, svoltare a destra in via degli Alpini, proseguire verso il centro di Pieve di Cadore e poi seguire le indicazioni per l Ospedale. Superato l Ospedale continuare sulla strada per Pozzale, il Centro Sociosanitario del Cadore si trova a destra dopo la prima curva. In autobus Fermata in centro a Pieve di Cadore, eventuale coincidenza per Pozzale. Pag. 16 di 20

17 In treno La stazione ferroviaria più vicina è quella di Calalzo di Cadore a circa 4 km, con collegamenti tramite autobus. Posteggio taxi di fronte alla stazione SEDI DISTRETTUALI AREA TERRITORIO AGORDINO AGORDO - CANALE D AGORDO CAPRILE Il Servizio Agordino è suddiviso in tre Equipe. Sede distrettuale di Agordo Per i Comuni di Agordo, Taibon Agordino,La Valle Agordina, Voltago Agordino, Rivamonte e Gosaldo, si trova ad Agordo presso gli Uffici dei Servizi Sociali in via Dozza n. 1, è collocata a piano terra ed è priva di barriere architettoniche. Telefono / Fax Il servizio è aperto nei seguenti orari: Sede distrettuale di Canale d Agordo Comuni di Canale d'agordo, Cencenighe Agordino, Falcade, San Tomaso Agordino e Vallada Agordina si trova a Canale d'agordo presso il Distretto in via Roma n. 20, è collocata a piano terra ed è priva di barriere architettoniche. Telefono e Fax Il servizio è aperto nei seguenti orari: Sede distrettuale di Caprile Comuni di Alleghe, Colle S. Lucia, Selva di Cadore, Rocca Pietore e Livinallongo del Col di Lana) si trova ad Alleghe- Caprile presso il Distretto in via Corso Veneto, è collocata al primo piano ed è priva di barriere architettoniche, mediante scale e montascale. Telefono Fax Pag. 17 di 20

18 OPERATORI Nominativo: Sandro De Col Giampaolo Ben De Toffol Marinella Funzione: Direttore del Distretto Socio Sanitario Direttore dell UOC Cure Primarie Infermiere coordinatore COME ARRIVARE ALLA STRUTTURA Sede di Agordo - via Dozza n Agordo, presso i Servizi Sociali di Agordo, nella palazzina Polifunzionale,1, che è adiacente all Ospedale. In automobile Si arriva in auto dalla strada regionale 203 principale arteria viaria che attraversa la città di Agordo - svoltando a destra, se si proviene da Belluno, all altezza del distributore Agip, dopo il ponte sul torrente Rova, o dalla piazza prima della Chiesa Arcidiaconale. I Servizi Sociali presso il Polifunzionale posseggono un parcheggio proprio, con posti riservati agli utenti o, in alternativa, possono essere utilizzati i parcheggi comunali posti poco prima dell Ospedale in corrispondenza di entrambe le strade di accesso. In autobus Partendo dalla locale stazione degli autobus vi sono quotidianamente corse che garantiscono il collegamento con l Ospedale e dunque con i Servizi Distrettuali: ore 7.50 partenza Autostazione ore 7.55 arrivo in Ospedale ore partenza Autostazione ore arrivo in Ospedale ore partenza Ospedale ore arrivo in Autostazione Fermata Autobus di fronte all'ingresso principale. In treno La stazione ferroviaria più vicina è quella di Belluno a circa 30 km, con collegamenti tramite corriere e autobus. Pag. 18 di 20

19 SEGNALAZIONI Il Servizio garantisce la funzione di tutela nei confronti del cittadino anche attraverso la possibilità di presentare osservazioni, opposizioni e reclami (segnalazioni) che rilevano situazioni di disservizio e atti o comportamenti con i quali si nega o si limita la fruibilità delle prestazioni, anche rispetto a quanto contenuto nella presente Guida ai servizi. Il cittadino che intenda inoltrare una segnalazione (compresi i suggerimenti, le proposte e gli apprezzamenti) può procedere nei seguenti modi: Segnalazione scritta È possibile compilare l'apposita scheda (disponibile presso tutte le Unità Operative e i Servizi) oppure scrivere una lettera. La scheda o la lettera possono essere spedite per posta: Al Direttore Generale dell'ulss 1 - via Feltre, Belluno", oppure consegnate direttamente al personale dell'unità Operativa (o del Servizio), che provvederà all inoltro alla Direzione Generale. Le segnalazioni possono anche essere inviate via fax allo o via all indirizzo: È anche possibile recarsi di persona all Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) per compilare, con l assistenza di un operatore, la scheda di segnalazione. L'URP provvederà a gestire la procedura di reclamo e a darne riscontro all'interessato. Segnalazione orale È possibile contattare l'urp telefonando al numero verde oppure allo /98. Regolamentazione La procedura e le modalità di presentazione delle segnalazioni sono definiti dal Regolamento di Pubblica Tutela, disponibile presso l'ufficio Relazioni con il Pubblico e contenuto nella Carta dei Servizi dell'ulss 1 Belluno consultabile all'indirizzo Internet RISERVATEZZA Tutela dei dati personali Ai sensi D.Lgs. 196/2003 il Direttore di questa Unità Operativa è il responsabile del trattamento dei dati personali su delega del titolare; garantisce di rispettare e far rispettare le regole di segretezza e riservatezza dei dati sensibili relativi ai destinatari della prestazione e dei servizi erogati. Per ulteriori informazioni relativamente alle modalità di trattamento dei dati personali è possibile rivolgersi al Servizio Convenzioni della ULSS n. 1 di Belluno (via Feltre, Belluno - tel / Fax ). AGGIORNAMENTI E REVISIONI La versione più aggiornata di questa Carta dei Servizi è disponibile sul sito Internet aziendale: Pag. 19 di 20

20 DIRITTI E DOVERI DEI PAZIENTI La Carta dei diritti e dei doveri dei pazienti e dei loro congiunti è disponibile a questo indirizzo: SINTESI DELLE MODIFICHE Revisione Data Descrizione modifiche Prima Emissione Aggiornamento dati, nominativo direttore ed indice Pag. 20 di 20

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino - Belluno Salute della donna e del bambino Ostetricia e Ginecologia

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino - Belluno Salute della donna e del bambino Ostetricia e Ginecologia CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA DI OSTERICIA E GINECOLOGIA Ospedale San Martino - BELLUNO Struttura Dipartimento Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Direzione Funzione Ospedaliera

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Direzione Funzione Ospedaliera CARTA DEI SERVIZI U.O.C. DIREZIONE DI OSPEDALE Ospedale del Cadore Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Direzione Funzione Ospedaliera Ospedale del Cadore Dipartimento Struttura Unità operativa

Dettagli

INDICE. Pagina 2 di 12

INDICE. Pagina 2 di 12 INDICE Premessa Pag. 3 Presentazione Pag. 3 Di cosa ci occupiamo Pag. 3 Il lavoro della Centrale Operativa sul territorio Pag. 4 Prestazioni offerte Pag. 6 Erogazione dei Servizi Pag. 9 Come contattarci

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Distretto sociosanitario n. 1 del Cadore

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Distretto sociosanitario n. 1 del Cadore CARTA DEI SERVIZI Distretto Socio Sanitario n.1 del Cadore Cure primarie Struttura Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Distretto sociosanitario n. 1 del Cadore

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. UNITÀ OPERATIVA DI PSICHIATRIA CENTRO DIURNO PSICHIATRICO Ospedale di Pieve di Cadore

CARTA DEI SERVIZI. UNITÀ OPERATIVA DI PSICHIATRIA CENTRO DIURNO PSICHIATRICO Ospedale di Pieve di Cadore CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI PSICHIATRIA CENTRO DIURNO PSICHIATRICO Ospedale di Pieve di Cadore Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Struttura CENTRO DIURNO PSICHIATRICO Unità operativa/servizio

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità. Carta dei Servizi. Documento emesso il 26/7/2013 Rev. 2. Iter di approvazione. Redazione Verifica Approvazione

Sistema di gestione per la Qualità. Carta dei Servizi. Documento emesso il 26/7/2013 Rev. 2. Iter di approvazione. Redazione Verifica Approvazione CARTA DEI SERVIZI STRUTTURA TRASFUSIONALE E DIPARTIMENTO TRASFUSIONALE PROVINCIALE Ospedale di Belluno Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Struttura Unità Operativa Direttore f.f. Ospedale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 2014

CARTA DEI SERVIZI 2014 CARTA DEI SERVIZI 2014 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA INDICE: PREMESSA 2 METODOLOGIA DI LAVORO 2 ARTICOLAZIONE DELLE RESPONSABILITA 3 IL PERCORSO DI CURA 3 COME OTTENERE LE CURE DOMICILIARI 3 I PRINCIPI

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop.

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop. CARTA dei SERVIZI di Cure Domiciliari della coop. 1 La carta dei servizi costituisce un importante punto di riferimento per l utente che può conoscere agevolmente i servizi e le loro modalità di erogazione.

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Distretto Socio Sanitario U.O.C. Cure Primarie U.O.S. Funzioni Delegate Servizio Residenziale Anziani Non Autosufficienti di Agordo

CARTA DEI SERVIZI. Distretto Socio Sanitario U.O.C. Cure Primarie U.O.S. Funzioni Delegate Servizio Residenziale Anziani Non Autosufficienti di Agordo CARTA DEI SERVIZI Distretto Socio Sanitario U.O.C. Cure Primarie U.O.S. Funzioni Delegate Servizio Residenziale Anziani Non Autosufficienti di Agordo Azienda Dipartimento Strutturale Struttura Unità Operativa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Utente, La ringraziamo in anticipo qualora voglia scegliere o abbia scelto la nostra Cooperativa sociale per il servizio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. UNITÀ OPERATIVA DI MEDICINA GENERALE Ospedale di Belluno

CARTA DEI SERVIZI. UNITÀ OPERATIVA DI MEDICINA GENERALE Ospedale di Belluno CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI MEDICINA GENERALE Ospedale di Belluno Struttura Unità operativa Dipartimento Direttore Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Ospedale San Martino - Belluno

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PALOMA 2000 Cooperativa sociale di assistenza a.r.l. Viale Tunisia, 10 20124 Milano tel. 02/29536073-4 fax. 02/29536075 www.paloma200.it - e-mail: info@paloma2000.it DOCUMENTO 04 CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ;

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ; Il PROGETTO SCUDO VALDICHIANA è un iniziativa delle Sezioni CALCIT della Valdichiana, dei Medici di Medicina Generale facenti parte della Cooperativa Etruria Medica, della USL8 e dei Comuni di Cortona,

Dettagli

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti dott. Lorenzo Brusa Novara 17

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Carta dei servizi Voucher/Credit

Carta dei servizi Voucher/Credit Fondazione Ospedale e Casa di Riposo Nobile Paolo Richiedei Via Richiedei 16 25064 Gussago Tel 030 2528.1 U.O. Medicina Riabilitativa Specialistica Riabilitazione Generale e Geriatrica Direttore Dott.ssa

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 DISTRETTO SANITARIO H4 U.O.S. CAD H4 Tel/fax 06/93275260 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 CARTA DEI SERVIZI CENTRO ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

PARTE TERZA CURE PRIMARIE

PARTE TERZA CURE PRIMARIE PARTE TERZA CURE PRIMARIE a cura del Dott. Oliviero Zanardi UNITA ORGANIZZATIVA COMPLESSA CURE PRIMARIE E l Unità organizzativa che all interno del D.S.S.B. comprende i servizi e gli interventi rivolti

Dettagli

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità)

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA REGOLAMENTO AZIENDALE CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) PREMESSA Con deliberazione n. 3632 del 13 dicembre 2002 Residenzialità

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari Convegno «La 975 alla prova» Accessibilità, Presa in carico e Continuità delle Cure Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR), 13 dicembre 2013 Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali

Dettagli

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE CURE DOMICILIARI HOSPICE I quadri sono stati eseguiti e donati all Hospice dagli Allievi della Scuola Media Statale Della Torre - Garibaldi di Chiavari CURE PALLIATIVE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Servizio Assistenza Domiciliare Integrata

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Servizio Assistenza Domiciliare Integrata CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Azienda Speciale del Comune di Monticello Brianza Servizio Assistenza Domiciliare Integrata Casa di Riposo Monticello Via G. Sirtori 1 23876 Monticello B.za (LC) www.casadiriposomonticello.it

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DEMETRA SRL

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DEMETRA SRL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DEMETRA SRL vicolo Gerosa, 15 27020 San Giorgio Lomellina (PV) tel. 0384/43102 cellulare: 340/7973742 Fax 0384/439870 e-mail: adi.demetra@gmail.com CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo FONDAZIONE OPERA IMMACOLATA CONCEZIONE ONLUS CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO INTEGRATO LA SPERANZA Il servizio consiste nell ospitare ed assistere 15 persone dei Comuni di Bozzolo e limitrofi, dalle 8.00

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

CALENDARIO TURNAZIONE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI. Periodo di validità: dal 01.07.2015 al 30.06.2016

CALENDARIO TURNAZIONE IMPRESE ONORANZE FUNEBRI. Periodo di validità: dal 01.07.2015 al 30.06.2016 QUESTURA DI BELLUNO Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico Centro Operativo Telecomunicazioni tel. 0437-945731- 945732 COORDINATORE 0437/945736 fax 0437 945737 upgsp.bl@poliziadistato.it CALENDARIO

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare Allegato A) P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione 1 Acronimi INDICE pag.3 1. Introduzione pag.4 2. Quadro Attuale pag.4 3. Definizione ed obiettivi delle cure domiciliari pag.4 3.1 Cure Domiciliari Prestazionali

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi Gentile Utente, La ringraziamo per aver scelto la nostra Struttura per il servizio di assistenza domiciliare integrata. La nostra segreteria è attiva

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi. Ospedale San Martino di Belluno. Iter di approvazione. Redazione Verifica Approvazione

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi. Ospedale San Martino di Belluno. Iter di approvazione. Redazione Verifica Approvazione CARTA DEI SERVIZI UNITA' OPERATIVA DI GASTROENTEROLOGIA Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Struttura Ospedale San Martino di Belluno Unità operativa/servizio Direttore Documento emesso

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana Paganella e Cembra Centro Servizi Sanitari 38100 Trento - U.O. DI ASSISTENZA PRIMARIA CARTA DEL SERVIZIO CURE

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE I NTEGRATA 1. FINALITA E OBIETTIVI Il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata(ADI) si colloca nella rete dei servizi sociosanitari volti a garantire alle persone

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COOPERATIVA ESPERANTO

CARTA DEI SERVIZI COOPERATIVA ESPERANTO CARTA DEI SERVIZI COOPERATIVA ESPERANTO Presidio Sanitario Esperanto Attività riabilitativa estensiva e di mantenimento, semiresidenziale e non residenziale per soggetti maggiori di anni 14 affetti da

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO DIRETTORE: DR.SSA CHIARA FRANCESCA MARANGON

DISTRETTO SOCIO SANITARIO DIRETTORE: DR.SSA CHIARA FRANCESCA MARANGON Guida alle cure domiciliari DISTRETTO SOCIO SANITARIO DIRETTORE: DR.SSA CHIARA FRANCESCA MARANGON 1 indice 4 5 Presentazione Introduzione Cos è l ADI 6 7 7 7 ADI significa: Assistenza Domiciliare Integrata

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

) 21 38060 - NOMI (TN)

) 21 38060 - NOMI (TN) O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n.7 REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI Gennaio

Dettagli

Carta dei Servizi ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Voucher Socio Sanitario

Carta dei Servizi ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Voucher Socio Sanitario Carta dei Servizi ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Voucher Socio Sanitario Unità di Offerta accreditata da Regione Lombardia D.d.g. 27 settembre, n. 8403 INDICE PERCHÉ LA CARTA DEI SERVIZI 3 CHI SIAMO

Dettagli

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI Sedi e numeri di telefono L Ente Erogatore ADI ASL di Brescia ha una sede principale presso il Distretto di Brescia in Viale Duca degli Abruzzi, 13. La Segreteria, sita al primo piano, opera con il seguente

Dettagli

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI ADI

A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI ADI A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) CARTA DEI SERVIZI VIA AGOSTINO DA LODI 9-26900 LODI C.F. / P.IVA 11065670157 Tel. 0371/940500 Fax. 0371/940590 e-mail: segreteria.mosaico@socialeonlus.it Carta

Dettagli

HMA02B 07-06-12 PAG. BLEEA266Z6 COMUNE SC.EL. DI CORTINA D'AMPEZZO *********************** * POSTI * * * POSTI * * ORGANICO * DISPONIB.EL.EL.EL.EL.

HMA02B 07-06-12 PAG. BLEEA266Z6 COMUNE SC.EL. DI CORTINA D'AMPEZZO *********************** * POSTI * * * POSTI * * ORGANICO * DISPONIB.EL.EL.EL.EL. HMA02B 07-06-12 PAG. 1 TIPO POSTO COMUNE... BLEEA266Z6 COMUNE SC.EL. DI CORTINA D'AMPEZZO. BLEE81804T DUCA D'AOSTA * 30 * *.. BLEEA501Z5 COMUNE SC.EL. DI AURONZO DI CADORE. BLEE810058 FRAZ. REANE * 27

Dettagli

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro Progetto Assistenza Domiciliare Integrata per Pazienti con quadro di grave insufficienza respiratoria (ADIGIR) dr.

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi. Ospedale di Pieve di Cadore

Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi. Ospedale di Pieve di Cadore CARTA DEI SERVIZI UNITA OPERATIVA DI OSTETRICIA GINECOLOGIA E CENTRO DI PROCREAZIONE MEDICO ASSISTITA Ospedale di PIEVE DI CADORE Struttura Unità operativa/servizio Sistema di gestione per la Qualità Carta

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI IN CONVENZIONE CON ULSS 20

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI IN CONVENZIONE CON ULSS 20 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI IN CONVENZIONE CON ULSS 20 Nucleo di RSA di base per assistenza ad intensità media e Sezione S.V.P. R.S.A. ex o.p. di base H.O.S.P.I.C.E. LA MISSION Lo scopo dell Ente, quale

Dettagli

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA Presentazione L organizzazione dei Servizi Sociali a favore

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I. REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) L ADI consiste in una metodologia di lavoro, orientata ad erogare

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

Dott.ssa Laura Calcara Dott.ssa Julie Lidia Citarrella U.O.C. Integrazione Socio-Sanitaria ASP PALERMO. Le dimissioni protette: esperienze sul campo

Dott.ssa Laura Calcara Dott.ssa Julie Lidia Citarrella U.O.C. Integrazione Socio-Sanitaria ASP PALERMO. Le dimissioni protette: esperienze sul campo Dott.ssa Laura Calcara Dott.ssa Julie Lidia Citarrella U.O.C. Integrazione Socio-Sanitaria ASP PALERMO Le dimissioni protette: esperienze sul campo Il territorio dell ASP Palermo Comprende la provincia

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO. Il miglior modo di unire gli uomini è di persuaderli a lavorare insieme Antoine-Marie-Roger de Saint Exupery

SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO. Il miglior modo di unire gli uomini è di persuaderli a lavorare insieme Antoine-Marie-Roger de Saint Exupery SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO Il miglior modo di unire gli uomini è di persuaderli a lavorare insieme Antoine-Marie-Roger de Saint Exupery La Provincia di Belluno, con la riforma del mercato

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda ULSS 22 Reg. Veneto Distretto Sociosanitario n.5 Villafranca di Verona ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AD INTENSITA ELEVATA RIVOLTA A PAZIENTI CON VENTILAZIONE MECCANICA:

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04 Pag. 1 di 6 Revisione Data Redatto e Elaborato Approvato Firma U.F. DISTRETTO 1 13/10/2012 RAQ Dr.C. Martelli Dr. Fabio Michelotti Pag. 2 di 6 Scopo : Lo scopo del presente protocollo è garantire una omogenea

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE INDICE assegno di cura per anziani non autosufficienti... 3 assegno di cura per disabili non autosufficienti... 4 voucher sociale... 5 servizio assistenza

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli