Dichiarazioni dei redditi (pt. 2ª): reddito d'impresa, quadro RW, redditometro, studi di settore

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazioni dei redditi (pt. 2ª): reddito d'impresa, quadro RW, redditometro, studi di settore"

Transcript

1 Video Fisco 7 maggio 2014 Dichiarazioni dei redditi (pt. 2ª): reddito d'impresa, quadro RW, redditometro, studi di settore a cura di Paolo Meneghetti e Leonardo Pietrobon 1

2 Il nuovo redditometro a cura di Leonardo Pietrobon 2

3 IL CONFRONTO CON IL PRECEDENTE REDDITOMTERO 3

4 LE FONTI VECCHIO REDDITOMETRO NUOVO REDDITOMETRO LE BANCHE DATI CLASSICHE BANCHE DATI CLASSICHE LE INIZIATIVE PROPRIE DEGLI LE NUOVE BANCHE DATI UFFICI LE BANCHE DATI TRAVESTITE 4

5 I NUOVI PRINCIPI DEL REDDITOMETRO 5

6 I NUOVI INDICI DI SPESA X 6

7 LE SPESE CORRENTI MACRO AREE 7

8 Tabella A, allegata al decreto, individua le 10 aree in cui sono suddivise le 56 voci relative a consumi di cui l Amministrazione finanziaria si avvarrà nella determinazione del reddito complessivo del contribuente CONSUMI Consumi generi alimentari, bevande, abbigliamento e calzature 1. alimentari e bevande 2. abbigliamento e calzature 3. altre spese risultanti da dati disponibili o presenti in Anagrafe tributaria Abitazione 1. mutuo 2. canone di locazione 3. fitto figurativo (in assenza, nel Comune di residenza, di abitazione in proprietà, o altro diritto reale ovvero in locazione o di abitazione in uso gratuito da familiare) 4. canone di leasing immobiliare 5. acqua e condominio 6. manutenzione ordinaria 7. intermediazioni immobiliari (compensi ad agenti immobiliari) 8. altre spese risultanti da dati disponibili o presenti in Anagrafe tributaria Combustibili ed energia 1. energia elettrica 2. gas 3. riscaldamento centralizzato 4. altre spese risultanti da dati disponibili o presenti in Anagrafe tributaria 8

9 Mobili, elettrodomestici e servizi per la casa 1. elettrodomestici e arredi 2. altri beni e servizi per la casa (biancheria, detersivi, pentole, lavanderia e riparazioni) 3. collaboratori domestici 4. altre spese risultanti da dati disponibili o presenti in Anagrafe tributaria Sanità 1. medicinali e visite mediche 2. altre spese risultanti da dati disponibili o presenti in Anagrafe tributaria Trasporti 1. assicurazione responsabilità civile, incendio e furto per auto, moto, caravan, camper, minicar 2. bollo (auto, moto, caravan, camper, minicar) 3. assicurazione responsabilità civile, incendio e furto natanti, imbarcazioni e aeromobili 4. pezzi di ricambio, olio e lubrificanti, carburanti, manutenzione e riparazione di auto, moto, caravan, camper, minicar 5. pezzi di ricambio, olio e lubrificanti, carburanti, manutenzione, riparazione, ormeggio e rimessaggio di natanti ed imbarcazioni 6. pezzi di ricambio, olio e lubrificanti, carburanti, servizi di hangaraggio, manutenzione e riparazione di aeromobili 7. tram, autobus, taxi e altri trasporti 8. canone di leasing o noleggio di mezzi di trasporto 9. altre spese risultanti da dati disponibili o presenti in Anagrafe tributaria 9

10 Comunicazioni 1. acquisto apparecchi per telefonia 2. spese telefono 3. altre spese risultanti da dati disponibili o presenti in Anagrafe tributaria Istruzione 1. libri scolastici, tasse scolastiche, rette e simili per asili nido, scuola per l infanzia, scuola primaria, scuola secondaria, corsi di lingue straniere, corsi universitari, tutoraggio, corsi di preparazione agli esami, scuole di specializzazione e master 2. soggiorni studio all estero 3. canoni di locazione per studenti universitari 4. altre spese risultanti da dati disponibili o presenti in Anagrafe tributaria Tempo libero, cultura e giochi 1. giochi e giocattoli, radio, televisione, hi-fi, computer, libri non scolastici, giornali e riviste, dischi, cancelleria, abbonamenti radio, televisione ed internet, lotto e lotterie, piante e fiori, riparazioni radio, televisore, computer 2. abbonamenti pay-tv 3. attività sportive, circoli culturali, circoli ricreativi, abbonamenti eventi sportivi e culturali 4. giochi on-line 5. cavalli 6. animali domestici (comprese le spese veterinarie) 7. altre spese risultanti da dati disponibili o presenti in Anagrafe tributaria 10

11 Altri beni e servizi 1. assicurazioni danni, infortuni e malattia 2. contributi previdenziali obbligatori 3. barbiere, parrucchiere ed istituti di bellezza 4. prodotti per la cura della persona 5. centri benessere 6. argenteria, gioielleria, bigiotteria e orologi 7. borse, valige ed altri effetti personali 8. onorari liberi professionisti 9. alberghi, pensioni e viaggi organizzati 10. pasti e consumazioni fuori casa 11. assegni periodici corrisposti al coniuge 12. altre spese risultanti da dati disponibili o presenti in Anagrafe tributaria 11

12 COME FUNZIONA L ATTRIBUZIONE ISTAT PRIVACY 12

13 LE INDICAZIONI DEL GARANTE DELLA PRIVACY E L ADEGUAMENTO DELL AGENZIA CM 6/E/2014 Sul punto nella citata Circolare n. 6/E in esame l Agenzia precisa che rispettate le indicazioni poste dal Garante della Privacy il redditometro può essere utilizzato considerando, oltre alla quota di incremento patrimoniale imputabile al periodo d imposta ed alla quota di risparmio formatasi nell anno anche i seguenti elementi: - spese certe (ad esempio, spese per mutuo / canone di locazione, spese indicate in dichiarazione dei redditi per usufruire di deduzioni / detrazioni, altre spese per beni e servizi); - spese per elementi certi (spese collegate ad elementi certi, ad esempio, mq dell abitazione, kw veicoli, lunghezza natanti); 13

14 LE ALTRE INDICAZIONI DELL AGENZIA CM 6/E/2014 L Agenzia delle Entrate nella citata Circolare n. 6/E evidenzia che risulta di fondamentale importanza la corretta assegnazione al contribuente della tipologia di famiglia di appartenenza (c.d. lifestage ). Sul punto nella Circolare n. 6/E in commento l Agenzia, consapevole del fisiologico disallineamento tra famiglia fiscale e famiglia anagrafica precisa che l Ufficio dopo aver selezionato il contribuente nei cui confronti iniziare un accertamento da redditometro prima ancora di inviare formale invito verifica presso il Comune di residenza dello stesso la situazione familiare al fine di aggiornare la composizione del nucleo familiare di appartenenza. 14

15 IL FITTO FIGURATIVO Anche per tale aspetto l Agenzia, recependo le indicazioni del Garante, afferma che l utilizzo della voce in esame avverrà soltanto in sede di contraddittorio nell ambito del quale, se il contribuente rappresenta una diversa condizione abitativa sono calcolate le spese per elementi certi (manutenzione, acqua e condominio) collegate all immobile che risulta effettivamente a disposizione del contribuente. Tuttavia se il contribuente non chiarisce la propria posizione o non si presenta al contraddittorio, l ammontare della spesa per Fitto figurativo viene attribuita allo stesso in base al canone di locazione mensile al mq (desunto dai dati OMI riferiti al Comune di residenza) moltiplicato x 12 mesi e x 75 mq. 15

16 GLI INCREMENTI PATRIMONIALI 16

17 LE POSIZIONI DI MAGGIOR RISCHIO 17

18 L ULTERIORE NOVITA LA LETTERINA CONTRADDITTORIO N. 1 - OBBLIGATORIO CONTRADDITTORIO N. 2 SE NON SI SODDISFANO I DESIDERI DELL AGENZIA 18

19 CONTRADDITTORIO N. 1 19

20 CONTRADDITTORIO N. 1 LETTERA PRIMO APPUNTAMENTO AL BUIO L'UFFICIO ACCETTA FINE SVELIAMO I SEGRETI PER DIFENDERCI 20

21 CONTRADDITTORIO N. 1 LETTERA PRIMO APPUNTAMENTO AL BUIO SVELIAMO I SEGRETI PER DIFENDERCI SE NE ABBIAMO L'UFFICIO NON ACCETTA 21

22 L UFFICCIO NON ACCETTA X 22

23 CONTRADDITTORIO N. 2- POSSIBILE L'UFFICIO NON ACCETTA MI MANDA UN INVITO AD UN SECONDO CONTRADDITTORIO PRIMA DI QUESTO INCONTRO POSSO DEFINIRE CON LE SANZIONI SUPER RIDOTTE SE DECIDO DI NON PAGARE CON LE SANZIONI SUPER RIDOTTE CI SONO DUE POSSIBILITA 23

24 CONTRADDITTORIO N. 2- POSSIBILE SE DECIDO DI NON PAGARE CON LE SANZIONI SUPER RIDOTTE CI SONO DUE POSSIBILITA CONTRADDITTORIO N. 2 --> MI PRESENTO, DISCITO E HO LA POSSIBILITA DI DEFINIRE CON LE SANZIONI AD 1/3 NON MI PRESENTO MI MANDERANNO L AVVISO DI ACCERTAMENTO 24

25 Studi di settore a cura di Leonardo Pietrobon 25

26 congruità Indicatori Coerenza economica Normalità economica Modificati ad opera del DM 24/3/2014 Indici di anomalia 26

27 Indici di Coerenza economica NUOVI INDICATORI DI COERENZA MARGINE PER ADDETTO NON DIPENDENTE (MARGINE/1000)/NUMERO ADDETTI Tale indicatore misura il contributo di ciascun addetto non dipendente alla creazione del margine, ovvero rappresenta la capacita dell impresa di remunerare il lavoro non dipendente (titolare, collaboratori, soci, ecc.). 27

28 VALORE AGGIUNTO PER ADDETTO = MARGINE PER ADDETTO NON DIPENDENTE SI CONSIDERA IL LAVORATORE NON DIPENDENTE Per il 2013, l art. 2, comma 3, DM , sterilizza l applicazione di tale indicatore, prevedendo che il margine per addetto non dipendente non fornisce esiti di coerenza per gli studi di settore approvati per il periodo di imposta

29 Indici di Normalità economica Per individuare la correttezza dei dati dichiarati, per ogni singolo soggetto, sono calcolati degli indicatori da confrontare ai valori di riferimento che individuano le condizioni di normalità economica in relazione al gruppo omogeneo di appartenenza. Gli indicatori di normalità economica: q incidono sulla determinazione dei ricavi / compensi puntuali; q funzionano a cascata, singolarmente ed in via sequenziale, ossia, i maggiori ricavi /compensi che emergono dal primo indicatore sono già compresi nel secondo e così via. 29

30 INDICATORE ASSENZA DEL VALORE DEI BENI STRUMENTALI L indicatore di normalità economica Assenza del valore dei beni strumentali, è applicabile a 46studi di settore, evoluti nel 2013, per i quali: q q la variabile Valore dei beni strumentali entra nella funzione di regressione; sono richieste informazioni nei dati extracontabili riconducibili a beni strumentali utilizzati per lo svolgimento dell attivita, ossia e presente il quadro E Beni strumentali. 30

31 ATTENZIONE La condizione di non normalità si realizza qualora il valore dei beni strumentali sia: q q presente nei dati extracontabili (quadro E); e assente nei dati contabili (rigo F29, campo 1 per le imprese e rigo G14, campo 1 per ilavoratori autonomi). In pratica, l indicatore in esame, gia previsto per gli studi di settore evoluti dal 2012, e stato esteso agli studi in evoluzione dal 2013 (ad esempio, servizi dei centri per il benessere fisico e stabilimenti termali, commercio effettuato per mezzo di distributori automatici, produzione e commercio al dettaglio di prodotti di pasticceria, bar, gelaterie e pasticcerie, agenzie di mediazione immobiliare, software house, tintorie e lavanderie, commercio al dettaglio di alimentari, di carni, di frutta e verdura, di pesci, crostacei e molluschi, di fiori e piante, commercio al dettaglio ambulante di alimentari e bevande, di calzature e pelletterie, farmacie). 31

32 Indici di anomalia COSA SONO Dal 2011 sono stati introdotti, per tutti gli studi di settore (evoluti e non evoluti), gli indicatori di anomalia finalizzati ad evitare alcuni errori nella compilazione dei modelli dei dati degli studi e di conseguenza ridurre il numero delle comunicazioni di anomalia inviate dall Agenzia delle Entrate ai contribuenti / intermediari.

33 1 Incoerenza nel valore delle rimanenze finali e/o delle esistenze iniziali relative ad opere, forniture di servizi ultrannuali INDICI CONFERMATI Valore negativo del costo del venduto, comprensivo del costo per la produzione di servizi Valore negativo del costo del venduto, relativo a prodotti ad aggio o a ricavo fisso 33

34 2 Mancata dichiarazione delle spese per beni mobili acquisiti in dipendenza di contratti di locazione finanziaria in presenza del relativo valore dei beni strumentali INDICI CONFERMATI Mancata dichiarazione del valore dei beni strumentali in presenza dei relativi ammortamenti Mancata dichiarazione del numero e/o della percentuale di lavoro prestato degli associati in partecipazione in presenza di utili spettanti ad associati in partecipazione con apporti di solo lavoro 34

35 Mancata dichiarazione delle spese per beni mobili acquisiti in dipendenza di contratti di locazione non finanziaria in presenza del relativo valore dei beni strumentali INDICI NON CONFERMATI Presenza anomala di costi o ricavi relativi a prodotti soggetti ad aggio o a ricavo fisso Valore del costo del venduto, relativo a prodotti ad aggio o a ricavo fisso superiore al valore dei corrispondenti ricavi 35

36 CORRETTIVI ANTI CRISI L Agenzia delle Entrate nel Comunicato stampa ha evidenziato che per il 2013 la Commissione degli Esperti ha espresso parere favorevole ai correttivi anti-crisi.in particolare, tali correttivi rientrano nelle 4 seguenti tipologie già previste per il 2012: q q q q correttivi relativi all analisi di normalità economica; correttivi specifici per la crisi; correttivi congiunturali di settore; correttivi congiunturali individuali. Va sottolineato che soltanto successivamente all emanazione dell apposito Decreto da parte del MEF l Agenzia delle Entrate potrà rilasciare l applicativo GERICO per calcolare gli studi di settore

37 Approfondimento in tema di reddito d'impresa e quadro RW a cura di Paolo Meneghetti 37

38 RATEIZZAZIONE PLUSVALENZE Rateazione plusvalenze: contrasto tra art. 86 Tuir che utilizza il termine esercizio ed istruzioni che utilizzano il termine periodo d imposta Plus e minus da lease back: Circ. 38/10 le plus si rateizzano in max cinque esercizi e le minus sono deducibili in base all imputazione a conto economico 38

39 TASSAZIONE FONDIARIA E VALUTAZIONE RIMANENZE L. 147/13, art. 1, c. 36 : viene ripristinata opzione per reddito agrario da parte di societa di capitali ( SRL o coop agricole), ma per quelle costituite nel 2013, l opzione puo avere efficacia solo dal 2014, quindi il reddito del 2013 deve essere determinato in modo analitico Ris. 78/13: la rimanenze valutate a costo specifico non possono essere svalutate in base al minor valore recuperabile, la differenza, se e stata eseguita la svalutazione civilistica va segnalata al rigo RF 13 ( contro ADC 168/2007) 39

40 COMPENSI AMMINISTRATORI Elenco delle problematiche: 1) Necessita della delibera 2) Deducibilita del compenso 3) Sindacabilita del compenso 40

41 Delibera necessaria Cass. SSUU Sentenza , n La violazione dell articolo 2389 c.c., sul piano civilistico, da luogo a nullità degli atti di autodeterminazione dei compensi da parte degli amministratori per violazione di norma imperativa, nullità che, per il principio stabilito dall articolo 1423 c.c., non è suscettibile di convalida, in mancanza di una norma espressa che disponga diversamente...in contrasto con CTP Milano, sentenza , n. 48/21/12 Sono deducibili anche i compensi agli amministratori non deliberati semprechè siano stati pagati. Se così non fosse si avrebbe una discrasia poiché a fronte di compensi tassati in capo all amministratore si contrapporrebbe una non coerente indeducibilità in capo alla società, con duplicazione d imposta. 41

42 Cassazione n del 14 novembre 2013 L art. 62 Tuir (ante IRES) esclude la deduzioni per il lavoro prestato o l opera svolta dall imprenditore, limitando la deducibilità delle spese per compensi agli amministratori di società di persone. Ciò non consente di dedurre dall imponibile il compenso per il lavoro prestato e l opera svolta dall amministratore unico di società di capitali Ris n Ris n. 113 L art. 60 del TUIR si rivolge al solo imprenditore individuale/persona fisica e non anche all impresa esercitata in forma collettiva 42

43 Il compenso all amministratore è sindacabile? NO SI n. 6599/2002 n /2005 n /2008 n /2010 n /2000 n /2001 n /2006 n /2006 n /2008 n /2008 n. 9497/2008 n. 4554/2010 n /2011 n. 3243/2013 n /

44 DEDUCIBILITA IRAP E IMU Indicare le imposte imputate indeducibili nel Conto economico Deduzione Irap forfettaria Per interessi passivi Deduzione Irap analitica Costo del lavoro Deduzione Imu per immobili strumentali

45 Deduzione IMU 1) Percentuale del 30% sull imposta «pagata» nel 2013 ( attenzione a depurare eventuali versamenti tardivi eseguiti nel 2013 ma relativi al 2012) 2) Deduzione ammessa per Immobili strumentali Imprese: a) Strumentalità per destinazione b) Strumentalità per natura, quindi compresi anche gli immobili strumentali locati a terzi Professionisti: a) Strumentalità per destinazione, quindi non deducibile IMU relativa a immobili promiscui Esclusi gli immobili merce locati a terzi anche in via temporanea ( Telefisco 2014) e quelli patrimonio 45

46 Deducibilità spese per mezzi di trasporto Veicoli utilizzati nell esercizio di impresa 20% Veicoli utilizzati da professionisti 20% Veicoli utilizzati da agenti e rappresentanti di commercio 80% Veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo di imposta ( Telefisco 2014 : non sono beni di cui alla lett. B) quindi non si applicano nemmeno i limiti quantitativi del valore max del veicolo) 70% 46

47 Svalutazioni indeducibili Ris. 98/13: svalutazione indeducibile ma quota di ammortamento deducibile fino al raggiungimento dell aliquota tabellare Cespite acquistato nel 2008, valore 100, quote di ammortamento previste dal D.M pari a 10. Fine ammortamento nel Invece l azienda decide di stanziare a conto economico quote di ammortamento pari a 8, quindi con conclusione del processo di ammortamento ipotizzata nel Poi nel 2012 viene eseguita una svalutazione pari a 20. Quindi il bene, che presentava un residuo pari ad 68 ( 100 meno 4 anni di ammortamento per 8 ciascuno), viene svalutato a 48, La conclusione dell ammortamento viene mantenuta nel 2020, quindi la quota di ammortamento imputata a conto economico risulta essere 48/ anni residui al 2020, cioe 48/9= 5,3. mentre ai fini Ires e deducibile la variazione diminutiva di 4,7 RF 55 cod 99 47

48 Sponsorizzazioni e Pubblicità 1) CTP Mantova 114/01/2013: La contestazione sulla base del comportamento antieconomico non puo in se essere sufficiente poiche l Ufficio non puo sindacare ex post le scelte dell imprenditore ( in senso conforme CTR Marche n. 94 del ) Nel caso in cui il soggetto sponsorizzato sia associazione sportiva dilettantistica la deducibilita e sancita dall art. 90 comma 8 della L. 289/02 fino a ) Assonime Caso 6/2013 : sponsorizzazioni culturali ( DM ) : devono essere ricondotte tra le spese di pubblicita sia nel caso della sponsorizzazione tecnica, sia per quella pura, sia per quella mista. Non deducibile invece l ipotesi di «mero ringraziamento» 1) Capitalizzazione: OIC 24 > possibile solo se vi e un ritorno pluriennale della spesa, come nel caso del lancio di un nuovo prodotto 2) Inserimento totale a conto economico e deduzione rinviata in 5 esercizi > situazione che ha originato parere contrario ufficioso da parte di alcune Direzioni Regionali ma che risulta conforme al dettato dell articolo 108, c. 2 Tuir. In tal caso variazione in aumento per 5/5 e diminutiva per un 1/5 ogni anno 99 48

49 Indennità suppletiva clientela Circ. 33 del : viene riconosciuta la deducibilita dell accantonamento annuale nonostante il carattere aleatorio 49

50 Correzioni degli errori in materia di competenza (circ. 31/13) Componenti negativi contabilizzati nel 2013 ( cod 37) ma di competenza anni precedenti e componenti positivi del 2013 non contabilizzati ( cod 38) Esempio: componente negativo di competenza 2011 pari a rilevato nel 2013: variazione diminutiva Unico 2012, gestione del credito d imposta in Unico 2013 ( RX) e variazioni in aumento Unico Attenzione: in questo caso la correzione dei modelli Unico del passato avviene nel modello UNICO 2013 ( e prospetto manuale a parte per correggere i modelli del passato) 50

51 Correzioni degli errori in materia di competenza (circ. 31/13) Componenti positivi contabilizzati nel 2013 ( cod 35) ma di competenza anni precedenti e componenti negativi del 2013 non contabilizzati ( cod 36) Esempio: componente positivo di competenza 2011 pari a rilevato nel 2013: variazione diminutiva Unico 2014, e variazioni in aumento in Unico 2012, ma quali sanzioni? 51

52 Nel modello Unico 2012 ( periodo d imposta 2011) non e stato rilevato costo per 500. Correzione avviene nel 2014 rilevando sopravvenienza passiva che viene recuperata a tassazione nel modello UNICO Dichiarazione rettificativa tramite unico reddito Imposta dovuta 52

53 credito 53

54 Art. 9, L. 97/13 ( Legge Europea) Provvedimento Circ. 38 del Quadro RW ( art. 4 e 5 D.L. 167/90) 1) Abrogate le sezioni I ( trasferimenti per motivi legati a spese correnti) e III ( flussi finanziari). Obblighi di comunicazione dei flussi a carico degli intermediari 2) Sezione II ( detenzione): a) La locuzione al «termine del periodo d imposta» viene sostituita da «i soggetti che detengono nel periodo d imposta..» quindi obbligo anche se alla fine del periodo l attivita non e piu esistente b) Abrogato il tetto soglia pari a (reintrodotto per soli conti correnti dal D.L. 4/14) c) Introdotto il concetto di titolare effettivo 54

55 Quadro RW Elementi generali 1) Obbligo sussiste anche quando sia avvenuto il totale disinvestimento 2) Se attivita finanziaria o patrimoniale e cointestata ciascuno ha obbligo di dichiarare il valore totale del bene, con percentuale di possesso 3) Sono obbligati alla compilazione coloro che detengono la disponibilita ( ad esempio delegato sul conto corrente, ma non l amministratore di societa ) Modello unico per Monitoraggio, Ivafe ed Ivie 55

56 QUADRO RW Titolare effettivo Partecipazione in stati collaborativi In RW si indica la partecipazione, e codice fiscale partecipata Se partecipata e residente non si indica nulla Se unitamente alla partecipata residente vi e detenzione diretta, si indica il totale valore percentuale della partecipazione Partecipazione in stati non collaborativi In RW si indica il bene detenuto dalla societa ( cumulativamente salvo detenere apposito prospetto) In caso di titolarita effettiva tramite trust non rileva se il paese di residenza del trust e collaborativo o meno 56

57 Distinzione tra stati collaborativi e stati non collaborativi WHITE LIST NON WHITE LIST MA COLLABORATIVI 57

58 Quadro RW Valore degli immobili rilevante e quello IVIE ( anche se non dovuta), quindi: 1) Costo acquisto o in mancanza valore di mercato 2) Successione o donazione > il costo indicato in tali atti o in mancanza il costo di acquisto del donante o del de cuius 3) Immobili SEE > valore catastale o in mancanza come punto 1 4) Immobili Francia, Irlanda, Belgio, Malta > valore catastale dato del reddito medio per coefficienti IMU italiani 5) Valore delle Attivita Finanziarie e quello IVAFE cioe valore della quotazione a fine esercizio o alla data di dismissione Per i beni detenuti dalla societa partecipata ( titolare effettivo) indicazione cumulativa con compilazione di prospetto a parte 58

59 Coordinamento tra RW e IVAFE Esonero per RW > conti correnti non superiori a (soglia che sembra complessiva, quindi piu conti correnti che superano andrebbero indicati) Esonero per Ivafe > conti che per giacenza media non superano (tetto cumulativo per rapporti stesso intermediario) Quindi giacenza media es non rientra nell RW ma va indicato per Ivafe, oppure 5 conti correnti presso diversi intermediari, giacenza media 3.000, non pagano Ivafe ma devono essere indicati nell RW Delegato all utilizzo del conto corrente: deve segnalare l attivita in RW ma non deve pagare Ivafe (percentuale di possesso zero) 59

60 Provvedimento Prot /2014 ( correzioni al modello Unico) ATTENZIONE: l obbligo di monitoraggio non sussiste per i depositi e conti correnti bancari costituiti all estero il cui valore massimo complessivo raggiunto nel corso del periodo d imposta non sia superiore a euro (art. 4-bis del decreto legge 28 gennaio 2014, n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2014, n. 50); resta fermo l obbligo di compilazione del quadro laddove sia dovuta l IVAFE ; 60

61 Codice 2 per Titolare effettivo Codice 1 se delegato al prelievo IVAFE : 0,15% o 34,2 euro Valore iniziale, finale e giacenza max per non collaborativi, per conti correnti giacenza media ( ma se giacenza media fosse e picco come mi comporto?? Titolare effettivo : codice fiscale societa partecipata e codice altri partecipanti!!!! 61

62 Esempio 1 : comproprieta di bene Cinque persone fisiche detengono la proprieta di un immobile all estero il cui valore e Ciascuno dichiara il valore intero dell immobile riportando la quota di possesso del 20% Costo di acquisto 62

63 Esempio 2 : partecipazione 30% societa white list Detenzione partecipazione 30% in societa white list: RW per quota di partecipazione

64 Esempio 3 : partecipazione 50% societa italiana Detenzione partecipazione 50% societa italiana che detiene 100% di societa estera la quale a sua volta detiene investimenti all estero NO RW per quota di partecipazione, No RW per societa Italiana la quale e esclusa dall obbligo di monitoraggio 64

65 Esempio 4 : partecipazione 15% societa white list e 50% Italiana Detenzione partecipazione 15% societa white list piu 50% societa italiana che detiene 50% societa white list SI RW per quota di partecipazione, da indicare al 40% in quanto titolare effettivo

66 Esempio 5 : partecipazione 30% societa non w.l. partecipazione 30% societa non w.l. che detiene investimenti in italia: SI RW ma per quota di partecipazione, nonostante la societa sia non w.l. poiche i beni sono detenuti in italia

67 Esempio 6 : partecipazione 30% societa non w.l. partecipazione 30% societa non w.l. che detiene investimenti all estero SI RW per i beni esteri valore complessivo. Valore quota , valore beni (ma come lo calcolo?)

68 Arrivederci al prossimo incontro: VideoFisco 21 maggio 2014 Dichiarazione dei redditi (pt 3ª): Ultimi approfondimenti, ultime novità, esempi di compilazione, casi pratici e controversi, quesiti a cura di Sandro Cerato e Cristiano Corghi 68

Redditometro e dichiarazione dei redditi: riscontro e criticità operative.

Redditometro e dichiarazione dei redditi: riscontro e criticità operative. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ FISCALI E FOCUS FINALE SU MODELLI UNICO 2013 Redditometro e dichiarazione dei redditi: riscontro e criticità operative. ALESSANDRO CERATI 25 settembre

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visti i commi quarto, quinto, sesto, settimo e ottavo dell articolo 38 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, come sostituiti dall

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 14 Gennaio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 4/2013 del 14 Gennaio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 4/2013 del 14 Gennaio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Redditometro: primi chiarimenti sulle modalità di applicazione Gentile Cliente, iniziano a pervenire i primi chiarimenti sull'applicazione

Dettagli

REDDITOMETRO SCHEDA MONOGRAFICA TMG. Data aggiornamento scheda 15 gennaio 2013. Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012

REDDITOMETRO SCHEDA MONOGRAFICA TMG. Data aggiornamento scheda 15 gennaio 2013. Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012 SCHEDA MONOGRAFICA TMG REDDITOMETRO Data aggiornamento scheda 15 gennaio 2013 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012 Con il DM 24.12.2012 (di seguito anche DM ) sono stati

Dettagli

Fiscal News N. 79. Redditometro senza spese Istat. La circolare di aggiornamento professionale 17.03.2014

Fiscal News N. 79. Redditometro senza spese Istat. La circolare di aggiornamento professionale 17.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 79 17.03.2014 Redditometro senza spese Istat Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Redditometro L Agenzia delle Entrate con la

Dettagli

COME M E F U F NZI Z ONA A I L L «NUOVO» REDDITOMETRO

COME M E F U F NZI Z ONA A I L L «NUOVO» REDDITOMETRO COME FUNZIONA IL COME FUNZIONA IL «NUOVO» REDDITOMETRO PERCHE REDDITOMETRO OGGI BUDGET SU ACCERTAMENTI INVIO DELLE LISTE AGLI UFFICI Circolare 18/E/2012 Avvio controlli DA COSA PARTIAMO NORMA BASE DM 24

Dettagli

Redditometro: lo strumento rinnovato per la lotta contro l evasione fiscale

Redditometro: lo strumento rinnovato per la lotta contro l evasione fiscale Ai Gentili Clienti Redditometro: lo strumento rinnovato per la lotta contro l evasione fiscale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il nuovo redditometro ha visto la luce: nella

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 21 del 1 Febbraio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Redditometro: un attacco all evasione ma solo quella spudorata Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 cosìcome modificato dal D.L. n. 78 del 2010

NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 cosìcome modificato dal D.L. n. 78 del 2010 Il nuovo redditometro Strumento di controllo ma soprattutto di compliance Parma, 6 dicembre Dario Deotto NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 cosìcome modificato dal D.L. n. 78 del 2010 Il reddito

Dettagli

Il nuovo accertamento sintetico ed il redditometro. Valutazione delle possibili difese del contribuente. Data 24/10/2013

Il nuovo accertamento sintetico ed il redditometro. Valutazione delle possibili difese del contribuente. Data 24/10/2013 Il nuovo accertamento sintetico ed il redditometro. Valutazione delle possibili difese del contribuente. Data 24/10/2013 L accertamento sintetico del reddito delle persone fisiche, disciplinato principalmente

Dettagli

REDDITEST: cerchiamo di fare chiarezza

REDDITEST: cerchiamo di fare chiarezza Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 olga.circolari@studiocla.it Dott. Filippo CARLIN Rag. Daniele LAURENTI Dott.

Dettagli

NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 così come modificato dal D.L. n. 78 del 2010

NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 così come modificato dal D.L. n. 78 del 2010 IL NUOVO REDDITOMETRO STRUMENTO DI CONTROLLO MA SOPRATTUTTO DI COMPLIANCE 1 NORMA DI RIFERIMENTO Articolo 38 DPR 600/1973 così come modificato dal D.L. n. 78 del 2010 Il reddito complessivo può essere

Dettagli

IL (NUOVO) REDDITOMETRO

IL (NUOVO) REDDITOMETRO Circolare n. 5/2014 Pagina 1 di 8 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 5/2014 del 20 maggio 2014 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) Riferimenti

Dettagli

L'ACCERTAMENTO DEL FUTURO : I RIFLESSI COMBINATI DEL NUOVO REDDITOMETRO, DEGLI STUDI DI SETTORE E DELLE COMUNICAZIONI ALL'ANAGRAFE TRIBUTARIA

L'ACCERTAMENTO DEL FUTURO : I RIFLESSI COMBINATI DEL NUOVO REDDITOMETRO, DEGLI STUDI DI SETTORE E DELLE COMUNICAZIONI ALL'ANAGRAFE TRIBUTARIA L'ACCERTAMENTO DEL FUTURO : I RIFLESSI COMBINATI DEL NUOVO REDDITOMETRO, DEGLI STUDI DI SETTORE E DELLE COMUNICAZIONI ALL'ANAGRAFE TRIBUTARIA Premessa generale Dopo la presentazione del software Redditest

Dettagli

Al via i controlli fiscali: ecco il nuovo redditometro a prova di privacy

Al via i controlli fiscali: ecco il nuovo redditometro a prova di privacy Al via i controlli fiscali: ecco il nuovo redditometro a prova di privacy L'Agenzia delle Entrate sblocca la partenza del nuovo redditometro al fine di scovare i furbetti del Fisco Dopo quattro anni di

Dettagli

ACCERTAMENTO SINTETICO. a cura di Francesco Barone

ACCERTAMENTO SINTETICO. a cura di Francesco Barone ACCERTAMENTO SINTETICO a cura di Francesco Barone LA NUOVA DISCIPLINA La nuova disciplina: 1. la determinazione sintetica del reddito avviene mediante la presunzione relativa che tutto quanto è stato speso

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012

IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012 IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012 TORINO 4-5 FEBBRAIO 2013 DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSULENTI DEL LAVORO TORINO CORSO MATTEOTTI 44 TEL. 011 5623588 (3 LINEE R.A.) fax 011

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2013, il decreto 24 dicembre 2012 sul degli elementi indicativi di sulla base dei quali può essere fondata la determinazione

Dettagli

REDDITOMETRO SCHEDA MONOGRAFICA TMG. www.tmgcommercialisti.it. Data aggiornamento scheda 16 ottobre 2013

REDDITOMETRO SCHEDA MONOGRAFICA TMG. www.tmgcommercialisti.it. Data aggiornamento scheda 16 ottobre 2013 SCHEDA MONOGRAFICA TMG REDDITOMETRO Data aggiornamento scheda 16 ottobre 2013 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi DM 24 dicembre 2012 Ultimi interventi di prassi Circ. 24/E del 31.07.2013

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA

SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA SCHEDA DI SINTESI A CURA DEL SUPPORTO NORMATIVO SVILUPPO SOFTWARE WOLTERS KLUWER ITALIA Redditometro 2012 Premessa La rettifica delle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche segue le regole dell

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Alessandro Cotto

NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Alessandro Cotto NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Alessandro Cotto UNICO 2011 - NOVITÀ Nuova sezione del Quadro RS per la Tremonti-quater (agevolazione tessile) Istruzioni Quadro RW completamente riviste Eliminato

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 22 30.05.2014 I canoni di leasing in Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico-Società di capitali Con specifico riferimento

Dettagli

SCHEDA RACCOLTA DATI PER CONTEGGIO REDDITEST

SCHEDA RACCOLTA DATI PER CONTEGGIO REDDITEST SCHEDA RACCOLTA DATI PER CONTEGGIO REDDITEST I sigg.ri Clienti che fossero interessati alla elaborazione del conteggio del Redditest (strumento informatico che consente di valutare la coerenza del reddito

Dettagli

Oggetto: REDDITEST. Studio Sembenotti. Ai gentili Clienti Loro sedi

Oggetto: REDDITEST. Studio Sembenotti. Ai gentili Clienti Loro sedi Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: REDDITEST In data 20 novembre l Agenzia delle Entrate ha reso disponibile sul proprio sito internet (www.agenziaentrate.gov.it) un nuovo software chiamato Redditest.

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO Dott. Fabrizio SCOSSA LODOVICO Modena, 10 maggio 2013 FONTI NORMATIVE Articolo 22 Decreto Legge 78/2010 Articolo 38 D.P.R. 600/73 (come modificato dal D.L. 78/2010) D.M. 24 dicembre

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2014 pag. 238. Aggiornamento delle analisi della territorialità

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2014 pag. 238. Aggiornamento delle analisi della territorialità SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2014 pag. 238 16 luglio 2014 89/FS/om Studi di settore Periodo di imposta 2013 Circolare dell'agenzia delle Entrate del 4 luglio 2014, n. 20 Sintesi L Agenzia delle Entrate ha fornito

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

Studio di settore (3) ,00. Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti

Studio di settore (3) ,00. Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti 0 Modello UG9U DOMICILIO FISCALE 4 5 69.0. - Servizi forniti da revisori contabili, periti, consulenti ed altri soggetti che svolgono attività in materia di amministrazione, contabilità e tributi Comune

Dettagli

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Circolare informativa area tributaria La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Nel mese di ottobre sono in scadenza 2 adempimenti riguardanti

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti TRATTAMENTO DEGLI IMMOBILI nel reddito di lavoro autonomo RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Ammortamenti e canoni di leasing

Dettagli

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Seminario LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ Arezzo 20 maggio 2008 Firenze 22 maggio 2008 Pisa 28 maggio 2008 UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Dott. Fabio Giommoni Le novità della dichiarazione

Dettagli

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA

Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Le novità fiscali 2013 sulle auto: deducibilità e detraibilità IVA Il rapporto fra il fisco italiano e le auto non è certo dei più semplici e tranquilli. Le modifiche normative alla deducibilità dei costi

Dettagli

45.40.11 - Commercio all'ingrosso e al dettaglio di motocicli e ciclomotori 45.40.12 - Intermediari del commercio di motocicli e ciclomotori

45.40.11 - Commercio all'ingrosso e al dettaglio di motocicli e ciclomotori 45.40.12 - Intermediari del commercio di motocicli e ciclomotori 04 45.40. - Commercio all'ingrosso e al dettaglio di motocicli e ciclomotori 45.40. - Intermediari del commercio di motocicli e ciclomotori barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

UNICO 2014 ODCEC CREMA 27 giugno 2014. A cura di Giovanni Valcarenghi

UNICO 2014 ODCEC CREMA 27 giugno 2014. A cura di Giovanni Valcarenghi UNICO 2014 ODCEC CREMA 27 giugno 2014 A cura di Giovanni Valcarenghi PROROGHE ALL ULTIMO MINUTO PROROGHE ALL ULTIMO MINUTO finalmente! 1. I contribuenti tenuti ai versamenti risultanti dalle dichiarazioni

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 6 Giurisprudenza... 13 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006

ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006 ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006 1) La società a responsabilità limitata Y chiude l esercizio al 31/12/2005 con la seguente situazione

Dettagli

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara ASPETTI TRIBUTARI DEL IL BILANCIO D ESERCIZIO 2012 Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara I beni aziendali in uso ai soci Beni ai soci e spesometro

Dettagli

STUDIO CONSULENTI ASSOCIATI Dottori Commercialisti Revisori Legali Via G. Bovini, 41-48123 Ravenna (RA) www.consulentiassociati.ra.

STUDIO CONSULENTI ASSOCIATI Dottori Commercialisti Revisori Legali Via G. Bovini, 41-48123 Ravenna (RA) www.consulentiassociati.ra. Via G. Bovini, 41-48123 Ravenna (RA) www.consulentiassociati.ra.it Dott. Vincenzo Morelli Tel. +39 0544 501881 Dott. Paolo Mazza Fax +39 0544 461503 Dott. Marcello Toso info@consulentiassociati.ra.it -------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

RIDUZIONE DEL CAPITALE PER PERDITE

RIDUZIONE DEL CAPITALE PER PERDITE RIDUZIONE DEL CAPITALE PER PERDITE Tesi della dottrina Nozione di perdita e modalità di calcolo Teorie: aziendalista, nominalistica, maggioritaria Giurisprudenza Corte di Cassazione RIDUZIONE DEL CAPITALE

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2014

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2014 CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2014 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di aprile. Versamenti Iva mensili Scade il 16 aprile il termine di versamento

Dettagli

Esempio di determinazione delle imposte correnti

Esempio di determinazione delle imposte correnti Esempio di determinazione delle imposte correnti La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio X presenta il seguente conto economico: Conti Saldo dare ( ) Saldo avere ( ) Rimanenze iniziali di merci 55.000

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 2/2016

NOTA OPERATIVA N. 2/2016 NOTA OPERATIVA N. 2/2016 OGGETTO: I Maxi ammortamenti. - Introduzione La Legge di Stabilità n. 208 del 28 dicembre 2015 (Legge di Stabilità 2016 pubblicata nella GU n. 302 del 30 dicembre 2015) ha introdotto

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

AI SIGNORI CLIENTI IL NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO

AI SIGNORI CLIENTI IL NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Dott. Luisa Stritoni CIRCOLARE INFORMATIVA N. 14/2010 Padova, 27 dicembre 2010 AI SIGNORI CLIENTI

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 18 AL 24 LUGLIO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 18 AL 24 LUGLIO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 18 AL 24 LUGLIO 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Iva delle agenzie di viaggio Dal 1 gennaio 2010 entrerà

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI

COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI video FISCO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CASO PRATICO del 20.04.2011 n. 0376-775130 www.ratiofad.it COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI Artt. 110, 166, 167, 168 e 168-bis D.P.R. 22.12.1986, n.

Dettagli

REDDITOMETRO: le prime comunicazione dell Agenzia delle Entrate

REDDITOMETRO: le prime comunicazione dell Agenzia delle Entrate Invio 21 REDDITOMETRO: le prime comunicazione dell Agenzia delle Entrate In data 11 Novembre 2011, l aggiornamento fiscale n. 40, si era occupato del restyling dell istituto del Redditometro: metodo di

Dettagli

Scheda di raccolta dati redditometro www.studiocavallari.it

Scheda di raccolta dati redditometro www.studiocavallari.it Scheda di raccolta dati redditometro www.studiocavallari.it Nel 2009, rispetto all'anno precedente, gli accertamenti sintetici sono aumentati dell'81%, facendo registrare una maggiore imposta accertata

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

LE MODALITÀ DI ACCERTAMENTO SINTETICO. Le regole sino al periodo d imposta 2008. dott. Mauro Nicola LE PREMESSE L ACCERTAMENTO SINTETICO"

LE MODALITÀ DI ACCERTAMENTO SINTETICO. Le regole sino al periodo d imposta 2008. dott. Mauro Nicola LE PREMESSE L ACCERTAMENTO SINTETICO LE MODALITÀ DI ACCERTAMENTO SINTETICO Le regole sino al periodo d imposta 2008 dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara LE MODALITÀ DI ACCERTAMENTO

Dettagli

Parte il ReddiTest per misurare la coerenza tra reddito familiare e spese Si alza il sipario sul nuovo accertamento sintetico

Parte il ReddiTest per misurare la coerenza tra reddito familiare e spese Si alza il sipario sul nuovo accertamento sintetico Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Parte il ReddiTest per misurare la coerenza tra reddito familiare e spese Si alza il sipario sul nuovo accertamento sintetico Tutti i contribuenti possono verificare la

Dettagli

I chiarimenti del Fisco. Circolare 10/E del 14/05/2014

I chiarimenti del Fisco. Circolare 10/E del 14/05/2014 Fiscal Flash La notizia in breve N. 92 15.05.2014 I chiarimenti del Fisco Circolare 10/E del 14/05/2014 Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2014 Come di consueto l Agenzia delle Entrate, dopo aver fornito

Dettagli

Le novità del modello 730/2014

Le novità del modello 730/2014 Le novità del modello 730/2014 Sono state pubblicate e disponibili per la consultazioni sul sito dell Agenzia delle entrate le bozze del modello 730/2014 e le relative istruzioni. Numerose sono le novità

Dettagli

Il nuovo accertamento sintetico

Il nuovo accertamento sintetico Il nuovo accertamento sintetico 1 Lo strumento di accertamento 2 La nuova norma Articolo 38, commi 4 e 5, del DPR n. 600/1973 come modificato dal Dl n. 78/2010. L ufficio può sempre determinare sinteticamente

Dettagli

GUIDA UIL IL CONTRASTO ALL EVASIONE E AL SOMMERSO DA PARTE DEI COMUNI

GUIDA UIL IL CONTRASTO ALL EVASIONE E AL SOMMERSO DA PARTE DEI COMUNI Servizio Politiche Territoriali Servizio Politiche Fiscali e Previdenziali GUIDA UIL IL CONTRASTO ALL EVASIONE E AL SOMMERSO DA PARTE DEI COMUNI 1 COMPARTECIPAZIONE DEI COMUNI AL CONTRASTO ALLA LOTTA ALL

Dettagli

Il Modello Unico 2015

Il Modello Unico 2015 Il Modello Unico 2015 1) Reddito d impresa nei quadri RS, RF 1) Reddito da lavoro autonomo, impresa minore e minimi 2) Il monitoraggio valutario, Ivie e Ivafe VARIAZIONI IN AUMENTO E IN DIMINUZIONE NEL

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Circolare N. 26 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 5 aprile 2011 LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Nelle aziende, specie in quelle industriali, rivestono una notevole importanza i costi di

Dettagli

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle ! Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Francesco Chiaravalle 1 Legge n. 147 del 23 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014! Misure previste! Riallineamento dei valori fiscali ai maggiori

Dettagli

47.78.40 - Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento

47.78.40 - Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento 04 47.78.40 - Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento = inizio di attività entro sei mesi dalla data di cessazione nel corso dello stesso periodo d imposta; = cessazione

Dettagli

N. 10 del 10/04/2012

N. 10 del 10/04/2012 STUDIO DI CONSULENZA TRIBUTARIA LAI FRANCA Informativa per la clientela di studio N. 10 del 10/04/2012 Ai gentili Clienti Loro Sedi OGGETTO : REDDITOMETRO ANNO 2012 Gentile Cliente, con la stesura del

Dettagli

Circolare N.37 del 13 marzo 2012

Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta dei documenti necessari al fine dell adempimento Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

IL REDDITEST. Dott. Mauro Nicola

IL REDDITEST. Dott. Mauro Nicola IL REDDITEST Dott. Mauro Nicola IL NUCLEO FAMILIARE IL NUCLEO FAMILIARE SOLO 2011!!! 3 IL NUCLEO FAMILIARE SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2011 4 IL NUCLEO FAMILIARE OGNI TIPOLOGIA DI REDDITO 5 IL NUCLEO FAMILIARE

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: MAXI-AMMORTAMENTI PER I BENI STRUMENTALI NUOVI ACQUISTATI NEL PERIODO 15.10.2015-31.12.2016 PAG. 2 IN SINTESI:

Dettagli

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Giugno 2013 I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Gabriella Antonaci, Studio Legale e Tributario

Dettagli

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Imposta proporzionale sui redditi complessivi delle società. Risultato di bilancio

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

Numero giornate retribuite Personale

Numero giornate retribuite Personale 04 74.0.9 - Altre attività dei disegnatori grafici 74.0.30 - Attività dei disegnatori tecnici barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) DOMICILIO FISCALE ALTRE

Dettagli

49.32.10 - Trasporto con taxi 49.32.20 - Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente

49.32.10 - Trasporto con taxi 49.32.20 - Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente 0 Modello VG7A 49..0 - Trasporto con taxi 49..0 - Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni)

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI

STUDIO DOTT. BONVICINI NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 3 del 15 gennaio 2005 NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI Art. 1, commi da 341 a 345, Legge n. 311/2004 Dal 2005 entra

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

Il quadro RW 2015: le novità del modello

Il quadro RW 2015: le novità del modello Il quadro RW 2015: le novità del modello di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione Lo scopo del presente intervento è quello di fare il punto sul quadro RW segnalandone soprattutto gli elementi di novità

Dettagli

SOMMARIO. Le modalità di iscrizione nello stato patrimoniale... 175

SOMMARIO. Le modalità di iscrizione nello stato patrimoniale... 175 Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 5 Giurisprudenza... 9 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

S T U D I L E G A L I E T R I B U T A R I A S S O C I A T I STUDIO ASSOCIATO FRANCESCO GUIDI

S T U D I L E G A L I E T R I B U T A R I A S S O C I A T I STUDIO ASSOCIATO FRANCESCO GUIDI S T U D I L E G A L I E T R I B U T A R I A S S O C I A T I STUDIO ASSOCIATO FRANCESCO GUIDI VIALE BRUNO BUOZZI, 102 00197 ROMA TEL. 06 32 25 274 - FAX 06 32 25 047 segreteria@gggtaxlegal.it GIACOMO CAVALLO

Dettagli

Sabatini bis applicata al leasing

Sabatini bis applicata al leasing Convegno Federmacchine A.n.i.m.a Sabatini bis applicata al leasing Decreto Beni strumentali Chiara Palermo Area Consulenza Assilea 27 Febbraio 2014 2 Micro piccole e medie imprese: l ossatura del sistema

Dettagli

IRAP determinazione imponibile

IRAP determinazione imponibile Imposta Regionale sulle Attività Produttive - IRAP L IRAP è stata introdotta nel 1997, dando seguito a moltissime polemiche, in quanto si presenta come un imposta del tutto atipica sia per quanto riguarda

Dettagli

47.89.09 - Commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti nca

47.89.09 - Commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti nca 04 47.89.0 - Commercio al dettaglio ambulante di macchine, attrezzature e prodotti per l'agricoltura; attrezzature per il giardinaggio 47.89.03 - Commercio al dettaglio ambulante di profumi e cosmetici;

Dettagli

UNICO 2014. a cura di Francesco Barone. A cura di...

UNICO 2014. a cura di Francesco Barone. A cura di... UNICO 2014 a cura di Francesco Barone COMPENSAZIONE Crediti non superiori a 15.000 euro da compensare Crediti Ires e/o Irap superiori a 15.000 euro da compensare Non è necessaria la presentazione della

Dettagli

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW a cura di Roberta De Pirro e Federica Lorusso- Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net; federica.lorusso@sciume.net

Dettagli