UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO CORSO DI LAUREA IN TECNICHE ORTOPEDICHE Presidente : Prof. Walter Albisetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO CORSO DI LAUREA IN TECNICHE ORTOPEDICHE Presidente : Prof. Walter Albisetti"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO CORSO DI LAUREA IN TECNICHE ORTOPEDICHE Presidente : Prof. Walter Albisetti CLINICA MEDICO CHIRURGICA DELL APPARATO LOCOMOTORE III MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE LA GESTIONE DOMICILIARE DEL PAZIENTE anno di corso: III DOTT. ANNA CARLA POZZI SPECIALISTA IN ORTOPEDIA MEDICO DI MEDICINA GENERALE 24 OTTOBRE 2011

2 BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI ESTERNI ALL ABITAZIONE: PRESENZA DI GRADINI PER ACCEDERE ALL INTERNO DELL ABITAZIONE ASCENSORE NON SUFFICIENTEMENTE GRANDE PER FAR PASSARE UNA CARROZZINA

3 MONTASCALE MOBILE ELETTRICO DUE TIPOLOGIE INDISPENSABILE LA PRESENZA DI UN ACCOMPAGNATORE CHE DEVE ESSERE ISTRUITO SULL USO E SULLE CARATTERISTICHE NON OCCORRE GRANDE FORZA FISICA MA BUON COORDINAMENTO DEI MOVIMENTI AUSILIO PRESCRVIBILE DAL MEDICO SPECIALISTA CON MODELLO 03

4 MONTASCALE A CINGOLI: CON SEDILE BASCULANTE CHE REGOLA AUTOMATICAMENTE IL PROPRIO ASSETTO IN FUNZIONE DELLA PENDENZA DA SUPERARE DOTATA DI TRE RUOTE PER LA MOVIMENTAZIONE IN PIANO E DI CINGOLI PER LE SCALE NECESSITA PROVE A DOMICILIO CON PERSONALE SPECIALIZZATO AUSILIO PRESCRIVIBILE DAL MEDICO SPECIALISTA CON MODELLO 03

5 SERVOSCALA /MONTASCALE FISSO APPARECCHIO COSTITUITO DA UNA PEDANA O DA UNA POLTRONCINA CHE SI MUOVONO IN DUE SENSI DI MARCIA CON MOTORE ELETTRICO, ANCORATO ALLA RINGHIERA O AL MURO AUSILIO NON PRESCRIVIBILE (SOGGETTO PREVISTO AL RIMBORSO DALL ART. 9 DELLA L. 13/89)

6 BARRIERE ARCHITETTONICHE: SPAZI INTERNI ALL ABITAZIONE L ACCESSIBILITA DIPENDE DALLE CARATTERISTICHE DELLA SINGOLA PERSONA: DEAMBULA CON USO DI BASTONI O CON TUTORI SI SPOSTA SOLO ALL INTERNO DEL PROPRIO DOMICILIO SI SPOSTA SU SEDIA A ROTELLE E ALLETTATO USA OSSIGENOTERAPIA

7 OSSERVAZIONE DELL ABITAZIONE DIMENSIONI DELL ABITAZIONE CONVIVENTI (PARENTI, BADANTE, ABITA DA SOLO) STATO DI ORDINE E PULIZIA PRESENZA DI TAPPETI ILLUMINAZIONE SERVIZI IGIENICI (NUMERO, LARGHEZZA DELLA PORTA D INGRESSO)

8 PORTE E INFISSI ESTERNI LE FINESTRE E LE PORTE METTONO IN CONTATTO COL MONDO ESTERNO UN AFFACCIO ESTERNO E LA POSSIBILITA DI CONTINUARE A PARTECIPARE ALLA VITA DI QUARTIERE E DETERMINA SVAGO DEVONO SENTIRSI PROTETTI DA MALITENZIONATI SI SENTONO PARTICOLARMENTE ESPOSTI A PERICOLI ESTERNI GRADISCONO AD AVERE DISPOSITIVI CHE RENDONO PIU SICURO L APPARTAMENTO IN CASO DI MALORE QUESTI DISPOSITIVI POSSONO IMPEDIRE INTERVENTI ESTERNI (SE VIVONO DA SOLI) ATTENZIONE ALLO ZERBINO

9 INFISSI ESTERNI MEGLIO FINESTRE A BATTENTE INTERNO, EVITANO DI ESPORSI AD INTEMPERIELA SOGLIA INTERPOSTA FRA BALCONE O TERRAZZA E AMBIENTE INTERNO NON DEVE PRESENTARE UN DISLIVELLOTENDE, TAPPARELLE POSSONO ESSERE MOTORIZZATE

10 INFISSI INTERNI LARGHEZZA DELLE PORTE 90 CM

11 OSSERVAZIONE DELL ABITAZIONE SOGGIORNO - SALA DA PRANZO: ARREDI SEMPLICI SPAZI ADEGUATE TRA ARREDI E PORTE, FINESTRE E MURI PER CONSENTIRE IL PASSAGGIO DI PERSONE CHE SI SERVONO DI AUSILI: LO SPAZIO MINIMO DI PASSAGGIO FRA GLI ARREDI E DI CM LO SPAZIO NECESSARIO PER LA ROTAZIONE DELLA CARROZZINA E DI 150X X170

12 I MOBILI CON BORDI ARROTONDATI GARANTISCONO MAGGIOR SICUREZZA

13 CAMERA DA LETTO PUO ESSERE ORGANIZZATA IN VARI MODI IN RAPPORTO ALLA TIPOLOGIA DELLA DISABILITA ED ALLE ESIGENZE FAMILIARI DEL PAZIENTE

14 CAMERA DA LETTO SPAZIO A LATO DEL LETTO DEVE MSURARE 150 CM PER ASSICURARE LA ROTAZIONE, 90 CM PER IL PERCORSO PASSAGGIO TRA MOBILE/MOBILE O MOBILE / MURO DEVE ESSERE SI CM E DEVE ESSERE LASCIATO UNO SPAZIO LIBERO DI ALMENO 120 CM A FIANCO DEL LETTO PER CONSENTIRE I TRASFERIMENTI LETTO / CARROZZINA SPAZIO DI ROTAZIONE TRA I 150X150 E I 170X170 ALTEZZA DEL LETTO DI CM (O COMUNQUE ALTEZZA IDONEA PER ESIGENZE DEL MIELOLESO E DELLE PERSONE CHE LO ASSISTONO) EVENTUALE ISTALLAZIONE DI SOLLEVATORE

15 ALTEZZA LETTO PER PERSONA IN CARROZZINA ALTEZZA LETTO PER PERSONA ANZIANA

16 CAMERA DA LETTO GLI ANZIANI, QUALUNQUE SIA IL LORO GRADO DI AUTOSUFFICIENZA, SONO PORTATI A PASSARE MOLTE ORE A LETTO, NON NECESSARIAMENTE DORMENDO AMBIENTE IN CUI SI TRASCORRE MOLTE ORE DEL PROPRIO TEMPO SI DEVE DOTARE DI SPAZI PER ATTIVITA PRIMARIE (ALIMENTAZIONE, IGIENE PERSONALE, ABBIGLIAMENTO) E ATTIVITA DI SVAGO (TELEFONO, TELEVISIONE, LIBRI, GIORNALI)

17 ARMADIO: MEGLIO ANTE SCORREVOLI, MECCANISMI PER PRENDERE I VESTITI IN ALTO (MECCANISMO DI ABBASSAMENTO DELLA BARRA PER APPENDERE) MEGLIO ASSENZA DI ZOCCOLO E / O UTILIZZO DI CABINA ARMADIO

18 CUCINA I DIVERSI ELEMENTI DELLA CUCINA (PIANI DI LAVORO, ELETTRODOMESTICI, CONTENITORI) DOVREBBERO ESSERE SITUATI AD ALTEZZE TALI DA ESSERE RAGGIUNGIBILI, UTILIZZABILI E SICURI NON SOLO PER PERSONE IN CARROZZINA MA ANCHE PER PERSONE DI BASSA STATURA O CHE ABBIANO DIFFICOLTA AD ESTENDERE LE BRACCIA

19 CUCINA ALTEZZA DEL PIANO DEVE MISURARE 70/80 CM DA TERRA, MANTENERE LIBERI SPAZI SOTTOSTANTI PER IL PASSAGGIO DELLE GAMBE LE ALTEZZE MINIME RAGGIUNGIBILI DOVREBBERO MISURARE DA UN MINIMO DI 40 CM AD UN MASSIMO DI 140 CM GARANTIRE CONTINUITA TRA PIANI DI LAVORO (PIANO COTTURA E LAVELLO) PER EVITARE SITUAZIONI DI RISCHIO NELLO SPOSTAMENTO DI PENTOLE BOLLENTI LE ANTE DEGLI ARMADIETTI DEVONO ESSERE SCORREVOLI AMPLIFICANO GLI SPAZI DA UTILIZZARE LE PRESE DI CORRENTE E GLI INTERRUTTORI VANNO POSIZIONATI AD UN ALTEZZA TRA I 90 E I 110CM: SE AZIONABILI CON UNA LEGGERA PRESSIONE DEL GOMITO, POSSONO ESSERE UTILIZZATI ANCHE DAI TETRAPLEGICI ATTENZIONE ALLE CUCINE A GAS (IN CERTI CASI OCCORRE VALVOLA DI SICUREZZA O USO DEL MICROONDE)

20 BAGNO SANITARI E ACCESSORI VANNO COLLOCATI IN MODO TALE DA GARANTIRE UN GIUSTO SPAZIO DI MANOVRA E DI ACCOSTAMENTO LO SPAZIO DI ROTAZIONE DEVE ESSERE DI 150X150 PER ASSICURARE UNA SOLIDA PRESA NEI TRASFERIMENTI (CARROZZINA - WC / CARROZZINA - DOCCIA) E NECESSARIO INSTALLARE DEI MANIGLIONI SOLIDI MEGLIO USARE UN PAVIMENTO ANTISDRUCCIOLO PER PERDITA DI SENSIBILITA TERMICA ISOLARE LE TUBATURE DELL ACQUA ED INSTALLARE UN TERMOSTATO LE PORTE DEL BAGNO DEVONO APRIRSI ALL ESTERNO, PER EVITARE IN CASO DI MALORE CHE L APERTURA SIA OSTACOLATA DALLA PERSONA CADUTA O DALLA CARROZZINA

21 PIATTO DOCCIA PER DISABILI A FILO PAVIMENTO

22 DOCCIA PER DISABILI

23 PIATTO DOCCIA A FILO PAVIMENTO CORRELATO DI ALETTE PERIMETRALI DI IMPERMEABILIZZAZIONE BOX DOCCIA IN MATERAILE PLASTICO CON APERTURA A 90 CON GUARNIZIONI A TENUTA A PRESSIONE SUL PIATTO DOCCIA L ALTEZZA E DI CIRCA UN METRO PER CONSENTIRE ALL ASSISTENTE DI AIUTARE E NON BAGNARSI AUSILIO NON PRESCRIVIBILE

24 SEDILE PER VASCA DA BAGNO: ASPORTABILE IN MATERIALE TERMOPLASTICO RIGIDO E/O TUBO ACCIAIO RIVESTITO IN NYLONIL SEDILE E LO SCHIENALE POSSONO ESSERE A DOGHE O IMBOTTITE

25 PERMETTE L UTILIZZO DELLA VASCA DA BAGNO A PERSONE CON PROBLEMI DI MOBILITA, FACILITANDO LE OPERAZIONI DI ENTRATA E DI USCITA, MANTENENDO UNA SEDUTA CORRETTA NECESSARIO TRAINING SULLE MODALITA DI TRASFERIMENTO IN SICUREZZA: NECESSITA FREQUENTEMENTE DI SUPERVISIONE O ASSISTENZA E/O DELL UTILIZZO DI MANIGLIONI A PARETE AUSILIO NON PRESCRIVIBILE

26 WC - BIDET CON EROGATORI D ACQUA DIREZIONABILI ALL INTERNO DELLA TAZZA CONSENTE DI SVOLGERE OPERAZIONI DI IGIENE INTIMA ED EVITA IL TRASFERIMENTO SUL BIDET NECESSARIO MINIMO ADDESTRAMENTO SULL USO AUSILIO NON PRESCRIVIBILE

27 SOSTEGNI IN TUBO DI ACCIAIO INOSSIDABIL E LACCATI O RICOPERTI O IN PVC DI VARIE LUNGHEZZE E FORME

28

29 I MANIGLIONI POSSONO AVERE FORME DIVERSE PER ADATTARSI AD OGNI ESIGENZA GARANTISCONO L APPOGGIO NEI TRASFERIMENTI CARROZZINA BAGNO A PERSONE IN CARROZZINA O CHE HANNO DIFFICOLTA AD ALZARSI E SEDERSI NECESSARIE PROVE PER INSTALLARE IL MANIGLIONE ALLA GIUSTA ALTEZZA AUSILIO NON PRESCRIVIBILE

30 ACCESSIBILITA DEL WC

31 TRASFERIMENTO AL WC CON PASSAGGIO LATERALE. SE L ANZIANO NON E IN GRADO DI UTILIZZARE IL WC AUTONOMAMENTE, SI PUO UTILIZZARE UNA COMODA IN CASO DI ADEGUAMENTO DEL BAGNO PER UN UTENTE IN CARROZZINA, E CONSENTITO ELIMINARE IL BIDET PER OTTENERE MAGGIOR SPAZIO DI MANOVRA

32 PER VINCERE LA RESISTENZA E L ATTEGGIAMENTO DI RIGIDITA CHE ASSUME LA PERSONA ANZIANA CON DISTURBI LEGATI ALLA DEMENZA QUANDO DEVE SEDERSI SUL WC, E SUFFICIENTE ADOTTARE UN RIALZO PER WC CON BRACCIOLI O DEI MANIGLIONI, CHE LO FACCIANO SENTIRE PIU SICURO E ALLEVI LA SENSAZIONE DI CADERE NEL VUOTO

33 CORRIDOI MISURE ADEGUATE PER CONSENTIRE UN FACILE PASSAGGIO ALLE PERSONE CHE UTILIZZANO AUSILI LA LARGHEZZA DEL PASSAGGIO NON DEVE MISURARE MENO DI 90 CM (LA MISURA OTTIMALE E DI 150 CM)

34 DISIMPEGNI PRESENTANO PICCOLI SPAZI DI SPOSTAMENTO, NON SOLO PER CHI E IN CARROZZINA, MA ANCHE PER CHI TRASPORTA VALIGIE O PACCHI, PER LE PERSONE OBESE, PER LE DONNE IN GRAVIDANZA. PIU AGIBILI SONO LE PORTE SCORREVOLI, IN QUANTO NON HANNO INGOMBRO

35 ADEGUAMENTO DELL ABITAZIONE PROBLEMI ECONOMICI DIFFICOLTA MOTORIE: PROBLEMI DI AFFATICAMENTO E DEAMBULAZIONE, NECESSARI AMPI SPAZI DIFFICOLTA SENSORIALI: DIFFICOLTA CHE POSSONO NASCERE DA DIMINUZIONE O PERDITA COMPLETA DI CAPACITA UDITIVA E VISIVA (LE AZIONI QUOTIDIANE COMPORTANO UN GRADO ELEVATO DI RIPETITIVITA ) DIFFICOLTA COGNITIVE: RISOLVERE PROBLEMI LEGATI ALLA DIMINUZIONE DELL ATTENZIONE E /O COMPORTAMENTI PERICOLOSI

36 CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DI BARRIERE ARCHITETTONICHE ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 13/89 STABILISCE LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO A FAVORE DI DISABILI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DIRETTAMENTE FINALIZZATI AL SUPERAMENTO DI BARRIERE ARCHITETTONICHE CHE SI TROVANO IN EDIFICI PRIVATI ESISTENTI

37 LA LEGGE NON DEFINISCE UN ELENCO DI INTERVENTI MA LASCIA ALL INTERESSATO L ONERE DI DIMOSTRARE CHE L INTERVENTO E EFFETTIVAMENTE UTILE PER ABBATTERE BARRIERE ARCHITETTONICHE. LE DOMANDE DI CONTRIBUTO NON POSSONO ESSERE PRESENTATE DOPO L INIZIO LAVORI O PER LAVORI GIA AVVENUTI

38 DISABILI CHE HANNO DIRITTO AL CONTRIBUTO POSSONO PRESENTARE LA DOMANDA: DISABILI CON MENOMAZIONI O LIMITAZIONI FUNZIONALI PERMANENTI DI CARATTERE MOTORIO NON VEDENTI CHI HA A CARICO PERSONE CON DISABILITA CONDOMINI OVE RISIEDANO LE SUDDETTE CATEGORIE CENTRI OD ISTITUTI RESIDENZIALI DESTINATI ALL ASSISTENZA DI PERSONE CON DISABILITA

39 RICHIESTA INVALIDITA CIVILE IL MEDICO CURANTE DEVE COMPILARE IL CERTIFICATO CON L ELENCO DELLE PATOLOGIE DEL SOGGETTO IL CERTIFICATO DEVE ESSERE INVIATO VIA TELEMATICA ALL INPS CON IL NUMERO DEL CERTIFICATO SI VA AD UN PATRONATO CHE INOLTRA LA DOMANDA IL SOGGETTO VIENE CHIAMATO A VISITA DAVANTI ALLA COMMISSIONE DI PRIMA ISTANZA PER GLI ACCERTAMENTI DI INVALIDITA DELLA ASL (E EV. PREVISTA ANCHE LA VISITA DOMICILIARE) ENTRO TRE MESI RICEVE A CASA IL VERBALE CON LA VALUTAZIONE DELL INVALIDITA CONTRO TALE GIUDIZIO SI PUO PRESENTARE RICORSO AL MINISTERO DEL TESORO ENTRO 60 GIORNI

40 SOGGETTI < 65 ANNI TRA 18 E 65 ANNI CON DIMINUZIONE DELLA CAPACITA LAVORATIVA SUPERIORE AI 2/3, CHE SI TROVANO IN PRECARIA SITUAZIONE ECONOMICA E CHE NON USUFRUISCONO DI PENSIONI E CONCESSO UN ASSEGNO MENSILE DI ASSISTENZA PER INVALIDITA AL 100% VIENE EROGATA LA PENSIONE DI INABILITA ESENZIONE TICKET SUI MEDICINALI (FASCIA A), SULLA DIAGNOSTICA FORNITURA DI AUSILI TECNICI E DI MATERIALE SANITARIO CONTRASSEGNO POSTEGGIO PER DISABILI

41 SOGGETTI > 65 ANNI BENEFICIO ECONOMICO SOLO SE IL SOGGETTO VIENE RICONOSCIUTO INVALIDO AL 100% CON: NECESSITA DI ASSISTENZA CONTINUA NON ESSENDO IN GRADO DI COMPIERE GLI ATTI QUOTIDIANI DELLA VITA NON E IN GRADO DI DEAMBULARE SENZA L AIUTO COSTANTE DI UN ACCOMPAGNATORE

42 SOGGETTI > 65 ANNI RICONOSCIUTI INVALIDI DAL 70 AL 100% ESENZIONE TICKET SUI MEDICINALI (FASCIA A), SULLA DIAGNOSTICA FORNITURA DI AUSILI TECNICI E DI MATERIALE SANITARIO, ANCHE SE E GIA STATA FATTA LA VISITA E NON E ANCORA ARRIVATA LA RISPOSTA CONTRASSEGNO POSTEGGIO PER DISABILI

43 RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP GRAVE L. 104/92, ART. 3 E UNA DOMANDA DIVERSA DA QUELLA DELL INVALIDITA CIVILE PUO ESSERE PRESENTATA CONTESTUALMENTE ALLA DOMANDA DI INVALIDITA

44 DIRITTI ACQUISITI CON IL RICONOSCIMENTO DI HANDICAP GRAVE ASSEGNO DI ACCOMPAGNAMENTO PERMESSI LAVORATIVI PER I CONGIUNTI, POSSONO RICHIEDERE 3 GIORNI AL MESE, RIPARTIBILI IN 2 ORE GIORNALIERE PROGETTI DI SOSTEGNO E DI AIUTO ALLA PERSONA

45 FORNITURA DEGLI AUSILI TECNICI LA FORNITURA DEGLI AUSILI TECNICI E REGOLATA DAL DECRETO DEL MINISTERO DELLA SANITA 27 AGOSTO 1999, N 322: REGOLAMENTO RECANTE NORME PER LE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA EROGABILI NELL AMBITO DEL SSN: MODALITA DI EROGAZIONE E TARIFFE

46 AUSILI PRESCRIVIBILI CON RIMBORSO COMPLETO O PARZIALE CLASSE 03: AUSILI PER LA TERAPIA E LA RIEDUCAZIONE, CLASSE 06: ORTESI E PROTESI (CALZATURE ORTOPEDICHE) CLASSE 12: AUSILI PER LA MOBILITA PERSONALE (CARROZZINE PIEGHEVOLI, ELETTRICHE); CLASSE 18: SISTEMI DI POSTURA MODULARE E SU MISURA (LETTI, TAVOLI, ECC); CLASSE 21: AUSILI PER LA COMUNICAZIONE (AUSILI OTTICI, APPARECCHI ACUSTICI)

47 SUL MODELLO 03 DEVONO ESSERE INDICATE TUTTE LE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E IL NOME DELL AUSILIO CON UN CODICE DI RIFERIMENTO DEL PRODOTTO STESSO. DEVE ESSERE UN MEDICO SPECIALISTA DEL SSN, DIPENDENTE O CONVENZIONATO, E COMPETENTE PER TIPOLOGIA DI MENOMAZIONE E DISABILITA (DM 332/99, ART. 4, COMMA 2) L UTENTE O I SUOI FAMILIARI, POSSONO, IN ALCUNI CASI, SCEGLIERE UNA DITTA ORTOPEDICA FORNITRICE LA QUALE COMPILA LA SUA PARTE SUL MODELLO 03, A MENO CHE NON SI TRATTI DI AUSILI FORNITI DIRETTAMENTE DALLA ASL DI RESIDENZA LA CONSEGNA DELL AUSILIO DEVE AVVENIRE ALLA PRESENZA DEL MEDICO PRESCRITTORE, PER EFFETTUARE IL COLLAUDO IL MODELLO 03 DEVE ESSERE PRONTAMENTE CONSEGNATO DALL INTERESSATO ALL ASL

48 TEMPI MINIMI DI RINNOVO PER GLI AUSILI 3 ANNI PER IL CUSCINO ANTIDECUBITO 5 ANNI PER IL SISTEMA DI POSTURA 5 ANNI PER LA CARROZZINA MANUALE 6 ANNI PER LA CARROZZINA ELETTRICA 8 ANNI PER IL SOLLEVATORE 8 ANNI PER IL LETTO 12 MESI PER LE CALZATURE PER PZ DEAMBULANTI 18 MESI PER LE CALZATURE DI PZ NON DEAMBULANTI 5 ANNI PER LA PROTESI 2 ANNI PER LA PROTESI ARTO INFERIORE

49

50 L ASSISTENZA DOMICILIARE ADP ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA ADI: ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

51 PRESTAZIONI DOMICILIARI COME ACCEDERE IL SERVIZIO E GRATUITO; E LIMITATO A PZ ALLETTATI O NON AUTOSUFFICIENTI CON PATOLOGIE CRONICHE (ANZIANI, MALATTIE NEUROLOGICHE, MALATTIE NEOPLASTICHE, COMPLICANZE POST OPERATORIE, ECC) IL MMG DEVE FAR RICHIESTA MOTIVATA ALL ASL SPECIFICANDO LA DIAGNOSI, IL TIPO DI PRESTAZIONE RICHIESTA, DURATA E FREQUENZA DEL TRATTAMENTO) LA RICHIESTA VA PORTATA IN ASL, LA ASL EROGA IL VOUCHER SOCIO SANITARIO E FORNISCE UN ELENCO DI PATTANTI ED IL PZ PUO SCEGLIERE QUESTE PRESTAZIONI POSSONO AVERE CARATTERE EPISODICO, TRANSITORIO O PERMANENTE

52 PRESTAZIONI MEDICO SPECIALISTICHE DOMICILIARI PER IL MOMENTO NON SONO PREVISTE NELL AMBITO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE

53 PRESTAZIONI INFERMIERISTICHE DOMICILIARI MEDICAZIONI CHIRURGICHE (ULCERE VENOSE, PIAGHE DA DECUBITO, FERITE CHIRURGICHE, ECC) SOSTITUZIONI DI CATETERI VESCICALI; MEDICAZIONI DI TRACHEOSTOMIA (CON SOSTITUZIONE DI CONTROCANNULA) ASPIRAZIONE BRONCHIALE; GESTIONE DI CATETERI VENOSI CENTRALI; TERAPIA DEL DOLORE MEDIANTE POMPA ANTALGICA GESTIONE DI PZ IN AREA CRITICA CON RESPIRATORI AUTOMATICI O VENTILATORI

54 PRESTAZIONI FISIOTERAPISTICHE DOMICILIARI TERAPIA FISICA FISIOKINESITERAPIA APPROPRIATA PER PZ NEUROLOGICI, ORTOPEDICI, ECC

55 RICHIESTA DI ASSISTENZA SOCIALE

56 PAZIENTI CON UNA SITUAZIONE FAMILIARE E SOCIO ECONOMICA PARTICOLARMENTE DIFFICILE E DISAGIATA, POSSONO CHIEDERE L ACCESSO AL SERVIZIO SOCIALE AL COMUNE DI RESIDENZA

57 IL COMUNE DI RESIDENZA METTE A DISPOSIZIONE I SEGUENTI SERVIZI: CURE IGIENICHE PERSONALI ASSUNZIONE DI TERAPIE TRASPORTO A VISITE O FISIOTERAPIE DISTRIBUZIONE DI PASTI PRECONFEZIONATI CALDI CURA DELL ECONOMIA DELLA CASA (PULIZIA, APPROVVIGIONAMENTI) DISBRIGO DI PRATICHE BUROCRATICHE OGNI COMUNE HA UN REGOLAMENTO DIVERSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZID IN GENERE DIPENDONO DAL REDDITO DEL SOGGETTO

58 VIDAS E UN ASSOCIAZIONE CHE OFFRE SERVIZI SOLO PER I MALATI TERMINALI DI CANCRO: ADDETTO ALLA PULIZIA PERSONALE DEL PZ INFERMIERE PROFESSIONALE (MEDICAZIONI, PRELIEVI SANGUE, ECC) MEDICO SPECIALISTA ONCOLOGO MEDICO SPECIALISTA IN CURE PALLIATIVE ASSISTENZA TELEFONICA 24H SU 24H / 365 GG ALL ANNO OSPICE

59 OSPICE OFFRE ASSISTENZA MEDICA E INFERMIERISTICA CONTINUA A PZ CON MALATTIE TERMINALI CHE NECESSITANO DI CURE NON PIU EROGABILI A DOMICILIO. IL PZ E OSPITATO IN CAMERA SINGOLA CON LETTO RISERVATO AD UN CONGIUNTO CHE PUO ASSISTERLO ANCHE DI NOTTE.

60 IL PAZIENTE CON DIFFICOLTA RESPIRATORIA BRONCHITE CRONICA BRONCHIECTASIE ENFISEMA FIBROSI POLMONARE LARINGECTOMIZZATI TRACHEOSTOMIZZATI

61 IL PAZIENTE CON DIFFICOLTA RESPIRATORIA BRONCHITE CRONICA BRONCHIECTASIE ENFISEMA FIBROSI POLMONARE LARINGECTOMIZZATI TRACHEOSTOMIZZATI

62 OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE SOMMINISTRARE OSSIGENO E UN INTERVENTO TERAPEUTICO IN TUTTE LE SITUAZIONI, SIA ACUTE CHE CRONICHE, CON MARCATA IPOSSIEMIA E HA LO SCOPO DI CORREGGERE L IPOSSIA CELLULARE E I SINTOMI CORRELATI

63 OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE TERAPIA FONDAMENTALE NELLE FORME DI INSUFFICIENZA RESPIRATORIA CRONICA (IRC) SECONDARIA A VARIE PATOLOGIE (LA PIU FREQUENTE BPCO). TUTTE LE PATOLOGIE SONO CARATTERIZZATE DA UNA CRONICA RIDUZIONE DEL CONTENUTO DI OSSIGENO NEL SANGUE NELLE QUALI LA TERAPIA DEVE ESSERE EFFETTUATA PER TUTTA LA VITA CON FREQUENZA QUOTIDIANA

64 OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE OLTRE ALLE INDICAZIONI ALLA OLT, (COMPITO DELLO SPECIALISTA PNEUMOLOGO) E NECESSARIO CONOSCERE: IDENTIFICAZIONE DEL FLUSSO OTTIMALE DI SOMMINISTRAZIONE; TEMPI DI SOMMINISTRAZIONE; METODI DI SOMMINISTRAZIONE; MODALITA DI PRESCRIZIONE DELL OSSIGENO

65 TEMPI DI SOMMINISTRAZIONE IPOSSIEMIA CONTINUA: TEMPI DI SOMMINISTRAZIONE PIU VICINO ALLE 24 ORE E MAI INFERIORI ALLE 15 ORE IPOSSIEMIA INTERMITTENTE (NOTTURNA E/O DA SFORZO): SOMMINISTRAZIONE SOLO NOTTURNA E/O DURANTE ATTIVITA LAVORATIVA O DEAMBULAZIONE.

66 METODI DI SOMMINISTRAZIONE OCCHIALI NASALI (PIU DIFFUSO), LIMITI: NON PRECISA QUANTIFICAZIONE DELL OSSIGENO INSPIRATO; MASCHERINE (RISCHIO ULCERE CUTANEE) CATETERI POSIZIONATI PER VIA NASALE (RECENTI) OSSIGENO LIQUIDO, PIU USATO IN LOMBARDIA, MA DOPO UN MESE SI RITRASFORMA IN GASSOSO; CONCENTRATORI DI OSSIGENO CHE PRENDONO OSSIGENO DALL AMBIENTE PER PZ CHE NON ESCONO DI CASA; OSSIGENO GASSOSO, PERICOLOSO E POCO DURATURO

67 MASCHERA PER OSSIGENOTERAPIA CANNULA NASALE PER OSSIGENOTERAPIA

68

69 SISTEMI PER OSSIGENO GASSOSO

70 CONCENTRATORI DI OSSIGENO

71 L OSSIGENO E UN MEDICINALE E LA SUA MONOGRAFIA E CONTENUTA NELLA FARMACOPEA. LA FORNITURA AVVIENE TRAMITE LA FARMACIA O DIRETTAMENTE DALLA ASL PER OSSIGENO LIQUIDO E IL CONCENTRATORE PRESCRIZIONE DELLO PNEUMOLOGO E POI SI VA ASL PER AUTORIZZAZIONE OSSIGENO GASSOSO RICETTA DEL MMG

72 C PAP: POSITIVE AIRWAY PRESSURE VENTILAZIONE MECCANICA A PRESSIONE POSITIVA DELLE VIE AEREE NEL TRATTAMENTO DELLE APNEE NOTTURNE

73

74 VENTILAZIONE MECCANICA DOMICILIARE E INDICATA QUANDO GLI SFORZI RESPIRATORI SPONTANEI DEL PZ NON SONO IN GRADO DI SOSTENERE UN ADEGUATA VENTILAZIONE ALVEOLARE. E INDICATA NEI CASI DI: MALATTIE NEUROMUSCOLARI, DEFORMITA DELLA CASSA TORACICA,IPOVENTILAZIONE DA OBESITA, APNEE NOTTURNE E FALLIMENTO DELLA CPAP NASALE

75 ALTRI AUSILI PRINCIPALI ASPETTI TECNICO TERAPEUTICI IGIENE DEL CAVO ORALE ATTRAVERSO UNA RIMOZIONE PERIODICA DELLE SECREZIONI OROFARINGEE SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI CON AEROSOL E NEBULIZZATORI UMIDIFICAZIONE AMBIENTE GINNASTICA RESPIRATORIA ASPORTAZIONI TRACHEBRONCHIALI MEDIANTE BRONCOASPIRATORI MANUTENZIONE DELLE APPARECCHIATURE E DEI MATERIALI UTILIZZATI

76 ASPIRATORE CHIRURGICO APPARECCHIO COMPOSTO DA UNA POMPA DI ASPIRAZIONE, UN VASO DI RACCOLTA E UN TUBO DI ASPIRAZIONE PER ASPIRARE LE SECREZIONI PER BRONCHITE CRONICA, BRONCHIECTASIA, LARINGECTOMIA E TRACHEOSTOMIA VIENE ADDESTRATO UN FAMILIARE AUSILIO PRESCRIVIBILE CON MOD 03 DAL MEDICO SPECIALISTA

77 NEBULIZZATORE AD ULTRASUONI RIDUCE E DIFFONDE MINUTISSIME GOCCE D ACQUA PER CONSENTIRE L INALAZIONE PER FLUIDIFICARE LE SECREZIONI BRONCHIALI OPPORTUNO TRAINING DEL FAMILIARE AUSILIO ACQUISTATO DALLA ASL E ASSEGNATO IN USO ATTRAVERSO LE PRESTAZIONI DI ASSISETNZA PROTESICA PREVISTE DAL NOMENCLATORE TARIFFARIO

Ausili per il superamento delle barriere architettoniche

Ausili per il superamento delle barriere architettoniche Ausili per il superamento delle barriere architettoniche Spesso le abitazioni private non sono completamente accessibili per coloro che si spostano con una carrozzina o che comunque hanno difficoltà nella

Dettagli

ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi

ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi 172 ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi 173 ELENCO N. 3: Tavola di corrispondenza fra sistemi di classificazione FAMIGLIE

Dettagli

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti dott. Lorenzo Brusa Novara 17

Dettagli

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE Informazioni anagrafiche me Cognome Nato a il / / Residente a via/piazza n Anamnesi patologica remota oltre

Dettagli

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente Scheda CORSO TEORICO ausili PRATICO SULLA VALUTAZIONE DEGLI AUSILI PER IL MIGLIORAMENTO DELL APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili

Dettagli

scheda 7 Schededisupporto Sedile per vasca DESCRIZIONE

scheda 7 Schededisupporto Sedile per vasca DESCRIZIONE Sedile per vasca Sedute fisse o asportabili in materiale termoplastico rigido e/o in tubo d acciaio o alluminio rivestito in nylon. Il sedile e lo schienale possono essere a doghe di nylon oppure imbottiti,

Dettagli

PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale Roma, 13 Giugno 2015 DECRETO MINISTERIALE 332/99

Dettagli

SCHEDA DI INSERIMENTO

SCHEDA DI INSERIMENTO Dipartimento Sviluppo e Sussidiarietà A.S.S.I. Servizio Controllo del stema Socio-sanitario U.O. Accreditamento, Qualità e Appropriatezza del Servizi SCHEDA DI INSERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO

VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO Distretto di Sassari Direttore Dott. N. Licheri VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO Distretto di Sassari 1 VENTILAZIONE MECCANICA

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili «Ripartiamo dal territorio 2015 Lavori in corso» Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili Dott. Giuseppe Coluzzi Azienda ASL LATINA DISTRETTO 2 ASSISTENZA RIABILITATIVA SONO UTILIZZATI, A SECONDA

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

PER LA PRESCRIZIONE DI

PER LA PRESCRIZIONE DI LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DI AUSILI LE FOTO CONTENUTE SONO ESEMPLIFICATIVE DEL PRODOTTO 1 PRESCRIVIBILITA AUSILI: AVENTI DIRITTO: soggetti con invalidita riconosciuta (diagnosi compatibile con ausilio

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi MAN.VENTILAZ. 11-07-2000 10:23 Pagina 1 Il punto più importante è di capire e credere che anche se le condizioni di vita sono Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini modificate questo non può e non

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 30 giugno 2014 Breve quadro normativo e contenuto del D.M. 332/99 D.G.R 642/2014 Regione Liguria revisione a livello nazionale D.P.C.M. LEA La spesa dell assistenza

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

Letti e Materassi antidecubito

Letti e Materassi antidecubito Letti e Materassi antidecubito Allegato alla Delib.G.R. n. 51/16 del 28.12.2012 Codifica CND Y18.12 18.12 Letti 18.12.07 Letti e reti smontabili a regolazione manuale Y181207 18.12.07.006 (1) 501.01.03

Dettagli

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI REGIONE ABRUZZO Azienda Sanitaria Locale di Teramo DIPARTIMENTO ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE Direttore: Dott. Valerio F. Profeta SERVIZIO TERRITORIALE DI RIABILITAZIONE Dirigente Responsabile: Dott.sa

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

Timbro e firma della ditta offerente

Timbro e firma della ditta offerente DITTA: SEDE IN: CODICE FISCALE PARTITA IVA a b c a x c b x c A AUSILI PER EVACUAZIONE A.1 B 09.1.03.003 09.1..3 1.03.06.003 SEDIA PER WC E DOCCIA A.1.1 09.1.03.3 RUOTE ALMENO DA CM 60 A. A..1 A.. B.1 B.

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

Schededisupporto. Rialzo per WC e sedile imbottito DESCRIZIONE FUNZIONE ADDESTRAMENTO MANUTENZIONE ACCESSORI E MODIFICHE CONTROINDICAZIONI FORNITURA

Schededisupporto. Rialzo per WC e sedile imbottito DESCRIZIONE FUNZIONE ADDESTRAMENTO MANUTENZIONE ACCESSORI E MODIFICHE CONTROINDICAZIONI FORNITURA Rialzo per WC e sedile imbottito Rialzo per WC: fabbricato in plastica leggera e resistente. Alcuni modelli hanno un meccanismo di bloccaggio con ganci in alluminio rivestiti in gomma per proteggere la

Dettagli

Centro di I livello per l adattamento dell ambiente domestico del Comune di REGGIO NELL EMILIA Via F.lli Cervi n. 70 Tel. 0522/585540 Fax 0522/585582

Centro di I livello per l adattamento dell ambiente domestico del Comune di REGGIO NELL EMILIA Via F.lli Cervi n. 70 Tel. 0522/585540 Fax 0522/585582 Assessorato alle Politiche Sociali. Immigrazione. Progetto giovani.cooperazione internazionale Centro di I livello per l adattamento dell ambiente domestico del Comune di REGGIO NELL EMILIA Via F.lli Cervi

Dettagli

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari La Aipda Sanitas è lieta di proporre alla SIULP della POLIZIA di STATO di Roma e Provincia una CONVENZIONE nel settore sanitario per tutti i suoi dipendenti e familiari, con l ausilio di personale medico

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma

ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO. Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma ADATTAMENTO Dell AMBIENTE DOMESTICO Incontro informativo Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma Fidenza, 21 Febbraio 2013 Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche BARRIERE SOCIALI

Dettagli

Ostacoli senza barriere

Ostacoli senza barriere Ostacoli senza barriere Le barriere architettoniche dovrebbero essere scomparse o quanto meno diminuite notevolmente grazie a normative specifiche e al, pur lento, diffondersi di una cultura dell'accessibilità.

Dettagli

Residenze Sanitarie Assistenzali. Milano e Provincia Monza e Provincia 2014. Per informazioni: SERVIZIO CORTESIA

Residenze Sanitarie Assistenzali. Milano e Provincia Monza e Provincia 2014. Per informazioni: SERVIZIO CORTESIA Milano e Provincia Monza e Provincia 2014 Residenze Sanitarie Assistenzali La è una Struttura residenziale finalizzata all accoglienza, cura e recupero funzionale di Persone anziane parzialmente o totalmente

Dettagli

Le agevolazioni per le persone disabili:

Le agevolazioni per le persone disabili: Le agevolazioni per le persone disabili: percorso attraverso le principali normative ed i servizi per le persone con disabilità. Come accedere: per accedere ai servizi ed alle agevolazioni legate alla

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Trieste, 11 giugno 2005 Aspetti medico-legali nella gestione dei pazienti con Sclerosi Multipla ASSISTENZA PROTESICA Dott.ssa Viviana VARONE ASS n. 5 Bassa Friulana Dipartimento di Prevenzione SOGGETTI

Dettagli

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2)

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2) DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI ESISTENTI ALLA DATA DELL 11 AGOSTO 1989 (ai sensi della legge 9/1/1989, n.

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie

Dipartimento Cure Primarie Dipartimento Cure Primarie Direttore: Dr.ssa Ivanna Lascioli E-mail: dcp@aslvallecamonicasebino.it Il Dipartimento Cure Primarie, si articola in tre servizi con elencate le rispettive competenze: 1. SERVIZIO

Dettagli

NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI...

NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI... NEL MONDO EVOLUTO DEGLI ELEVATORI... ASCENSORI I nostri ascensori utilizzano le tecnologie più avanzate e innovative per conseguire elevati standard di affidabilità, sicurezza, comfort di marcia e rispetto

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 Dott. Leonardo Bonafede Medico del distretto Fossano-Savigliano NORME DI RIFERIMENTO NORMATIVA

Dettagli

Protocollo C H I E D E

Protocollo C H I E D E Protocollo Marca da Bollo. 16,00 Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE Corso di Formazione teorico-pratico 8 febbraio 2013 L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE SAV e CTVAI DUE PROGETTI PER L AUTONOMIA arch. Tiziana Cretti 1 il Il Servizio

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Aventi diritto alle prestazioni ANFFAS Brescia Onlus ASSISTENZA PROTESICA 1) invalidi civili (con valutazione superiore al 33%), di guerra, per servizio, ciechi e sordomuti 2) minori di anni 18 che necessitano

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

LA CASA PER LA TERZA ETÀ

LA CASA PER LA TERZA ETÀ LA CASA PER LA TERZA ETÀ C O M FORT D E S I GN P E R L E D I SABILITÀ M OTORIE LA CURA DELLA PROPRIETA EDILIZIA NELLA DIFESA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO Dott. Ing. Enrico Sterpi Ph.D. Dottore di Ricerca

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

Progetto Mai più soli/e-care

Progetto Mai più soli/e-care COMUNE DI PIEVE DI CENTO Progetto più soli/e-care UN QUESTIONARIO PER CHI HA PIÙ DI 75 ANNI Caro cittadino, cara cittadina, il Comune di Pieve di Cento intende raccogliere alcune informazioni al fine di

Dettagli

ASL3 LANCIANO-VASTO. Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese Totale. Numero di pazienti on-line Totale. Numero di pazienti deceduti Totale

ASL3 LANCIANO-VASTO. Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese Totale. Numero di pazienti on-line Totale. Numero di pazienti deceduti Totale ASL3 LANCIANO-VASTO Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese 13 Numero di pazienti on-line 84 Numero di pazienti deceduti 0 Numero di pazienti istituzionalizzati 95 ASL3 LANCIANO-VASTO 1 di 12 pazienti

Dettagli

V GIORNATA MONDIALE BPCO

V GIORNATA MONDIALE BPCO V GIORNATA MONDIALE BPCO DR.SSA MARIELLA MARTINI Direttore Generale Azienda Sanitaria Locale Reggio Emilia 1 Provincia di Reggio Emilia 486.961 Abitanti Azienda USL di Reggio Emilia 6 Distretti 3776 Dipendenti

Dettagli

ELEMENTI PER L ORGANIZZAZIONE DELLE AREE E DELLE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA A BENEFICIO DELLA POPOLAZIONE CON DISABILITA

ELEMENTI PER L ORGANIZZAZIONE DELLE AREE E DELLE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA A BENEFICIO DELLA POPOLAZIONE CON DISABILITA ELEMENTI PER L ORGANIZZAZIONE DELLE AREE E DELLE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA A BENEFICIO DELLA POPOLAZIONE CON DISABILITA PREMESSA * Ogni evento catastrofico compromette gli elementi identificativi più importanti

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

L economia articolare in reumatologia

L economia articolare in reumatologia L economia articolare in reumatologia Dott. Tonino Mele Fisioterapista - Pedagogista UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA CENTRO MEDICO SANT

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

www.siva.it Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service AUSILI PER IL BAGNO

www.siva.it Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service AUSILI PER IL BAGNO SIVA Servizio Informazione Valutazione Ausili Assistive Technology Research and Information Service www.siva.it AUSILI PER IL BAGNO Antonio Caracciolo Terapista della Riabilitazione SIVA (Servizio Informazione

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

Pianificazione interventi Specialistici: sostituzione tracheocannula, emogasanalisi, prelievo ematico, sostituzione PEG

Pianificazione interventi Specialistici: sostituzione tracheocannula, emogasanalisi, prelievo ematico, sostituzione PEG Pianificazione interventi Specialistici: sostituzione tracheocannula, emogasanalisi, prelievo ematico, sostituzione PEG Dott. A. Iuliano U.O.S. Pneumologia Subintensiva SISTEMA SANITARIO Organizzazione

Dettagli

1 LA TUTELA ASSISTENZIALE

1 LA TUTELA ASSISTENZIALE 20 Novembre 2010 CONVEGNO LA MALATTIA DI PARKINSON Stato dell arte e modalità assistenziali TRE FORME DI TUTELA principali: 1. La tutela assistenziale 2. La tutela provvidenziale 3. La tutela legale. 1

Dettagli

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private

Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private Lista di controllo Accertamento degli spazi abitativi Lista di controllo per l utilizzo nelle economie domestiche private 1. Aspetti generali Gli aspetti generali vanno verificati in ogni locale utilizzato

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA AllegatoRSA rev1 feb2014 ALLEGATO RSA 1. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE (RSA)... 3 1.1. La struttura residenziale... 3 1.2. Coordinamento dei servizi... 3 1.3.

Dettagli

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Se non può rientrare al domicilio compilare gli item qui a fianco COGNOME: Per inoltrare a Casa di Cura Ambrosiana: FAX 02.4587.6860 DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Nato il: A: NOME: Residente

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE INVALIDITA - CIVILE - DI SERVIZIO - DI LAVORO - DI GUERRA INVALIDI CIVILI Sono considerati invalidi civili secondo la Legge 118/1971: Cittadini di età

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ

4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ 4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA DATI GENERALI DATI GENERALI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE ANAGRAFICA GENERALE DATI EVENTUALI CORRETTIVI

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE DEVE ESSERE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

REGIONE CALABRIA ASP _

REGIONE CALABRIA ASP _ SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI REGIONE CALABRIA ASP _ _ _ Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte generale da compilare dal richiedente/familiare o persona

Dettagli

ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia

ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia 1. TEMPI MINIMI DI RINNOVO A) Dispositivi ortopedici: Plantari: - in fibra ad alta resistenza 36 mesi

Dettagli

Schededisupporto. Sedile per vasca DESCRIZIONE

Schededisupporto. Sedile per vasca DESCRIZIONE Sedile per vasca Sedute fisse o asportabili in materiale termoplastico rigido e/o in tubo d acciaio o alluminio rivestito in nylon. Il sedile e lo schienale possono essere a doghe di nylon oppure imbottiti,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

DGA-0108 Sedia 3 in 1

DGA-0108 Sedia 3 in 1 DGA-0108 Sedia 3 in 1 Dispositivo estremamente versatile che svolge le funzioni di sedia comoda, rialzo per water e sedile per doccia Dimensioni espresse in cm, con tolleranza +/- 1,5 cm. L azienda si

Dettagli

SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO

SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO SEZIONE A CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta per la Fornitura e affidamento del servizio di gestione manutentiva e di logistica distributiva di montascale di proprietà delle AA.SS.LL. della Regione Liguria

Dettagli

Respirare di notte con un aiuto meccanico. Ospedale San Paolo di Savona S.C. Otorinolaringoiatria Tecnico di Neurofisiopatologia M.

Respirare di notte con un aiuto meccanico. Ospedale San Paolo di Savona S.C. Otorinolaringoiatria Tecnico di Neurofisiopatologia M. Respirare di notte con un aiuto meccanico Ospedale San Paolo di Savona S.C. Otorinolaringoiatria Tecnico di Neurofisiopatologia M.Eloisa Cabano Trattamento dell OSAS OBIETTIVO Mantenere pervie le vie aeree

Dettagli

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE fase di remissione di malattia. Una gravidanza che insorge in fase di attività di malattia è infatti molto più a rischio di problemi materni e fetali. Secondo molti autori, una gravidanza può essere intrapresa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE C O M U N E D I N E R V I A N O (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE P R E M E S S A Il presente Regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare si ispira

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

MINI ALLOGGI PROTETTI

MINI ALLOGGI PROTETTI MINI ALLOGGI PROTETTI La Casa di Soggiorno per Anziani di Bedizzole dispone di un complesso di recente ristrutturazione, adiacente alla struttura principale ma completamente autonomo nel quale sono collocati

Dettagli

Criteri di accessibilità

Criteri di accessibilità Persona allergica All interno della camera assenza di: moquette, tappeti, arredi in tessuto Menù personalizzabili previa richiesta Quando si verifica solo una delle due ipotesi elencate nel grado buono

Dettagli

La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA

La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA La gestione della frattura di femore in RSA Carlo Fiori Elisa De Maestri Maria Teresa Parolini Rita Bormolini I dati oggetto del nostro studio si riferiscono al quinquennio 2006-2010 e riguardano un campione

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena INDICE AUSILI PER L INCONTINENZA AUSILI ORTOPEDICI OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE MEDICAZIONI

Dettagli

PanGas Healthcare Dalla diagnosi alla terapia

PanGas Healthcare Dalla diagnosi alla terapia PanGas Healthcare Dalla diagnosi alla terapia PanGas Healthcare Convincente, dalla diagnosi alla terapia Presente da oltre 100 anni nel campo dei gas e dei relativi impieghi, PanGas in Svizzera è sinonimo

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE

LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E LAVORATIVE AGEVOLAZIONI PER L'ACQUISTO DI VEICOLI I disabili, in caso di acquisto di un autovettura, senza limiti di cilindrata, nuova od usata, alla condizione che il veicolo

Dettagli

Fine istituzionale della Farmacia è dispensare i farmaci. A questo si aggiungono: Servizi di base,

Fine istituzionale della Farmacia è dispensare i farmaci. A questo si aggiungono: Servizi di base, PRINCIPI FONDAMENTALI Fine istituzionale della Farmacia è dispensare i farmaci. A questo si aggiungono: Servizi di base, Servizi socio sanitari specializzati, Servizi d informazione ed educazione sanitaria.

Dettagli

Fisioterapista Laura Caravelli scrf Moncalieri Direttore dott Gaffuri Andrea

Fisioterapista Laura Caravelli scrf Moncalieri Direttore dott Gaffuri Andrea ANZIANI MALATI NON AUTOSUFFICIENTI E/O CON DEMENZA Il diritto alle cure e la riorganizzazione delle prestazioni sanitarie e socio-sanitarie intra ed extra ospedaliere Fisioterapista Laura Caravelli scrf

Dettagli

Associazione Crescere

Associazione Crescere Associazione Crescere Gli Incontri del Sabato: AGEVOLAZIONI FISCALI PER L ADATTAMENTO DELLA CASA Bologna 29 gennaio 2011 Relazione della dr. Giulia Dolcetta 1 QUALI INTERVENTI? STRUTTURALI AUTOMAZIONI

Dettagli

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari ASIA e GSA Soc. Coop, da molti anni sono impegnate nel campo dell assistenza alla persona. Oggi, ASIA e GSA combinano tutte le proprie conoscenze nel campo dell assistenza domiciliare e attivano un innovativo

Dettagli

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro Progetto Assistenza Domiciliare Integrata per Pazienti con quadro di grave insufficienza respiratoria (ADIGIR) dr.

Dettagli

Agevolazioni sui veicoli

Agevolazioni sui veicoli Agevolazioni sui veicoli I soggetti portatori di handicap di cui all art. 3 della L.104/92 con ridotte o impedite capacità motorie permanenti, nonché, come ha inteso estendere l art. 30, comma 7, della

Dettagli