Il Sistema CONAI e la Gestione del Contributo Ambientale. Asolo, 25 ottobre 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Sistema CONAI e la Gestione del Contributo Ambientale. Asolo, 25 ottobre 2013"

Transcript

1 Il Sistema CONAI e la Gestione del Contributo Ambientale Asolo, 25 ottobre 2013

2 INDICE 1. Il Problema Produzione di rifiuti 2. La risposta normativa Legislazione europea Sistema Conai/Consorzi di Filiera 3. Adesione a Conai gestione del Contributo ambientale Procedure, termini e modalità di applicazione, esenzione e versamento del Contributo Attività di controllo e procedura di autodenuncia Guida Conai La soluzione CONAI I risultati

3 1. IL PROBLEMA Produzione di rifiuti

4 La crescita del benessere e il cambiamento degli stili di vita hanno modificato la produzione dei rifiuti Crescita del benessere e diversificazione dei consumi 1/66 Maggiore quantità di rifiuti prodotti Diversa qualità dei rifiuti Crescenti difficoltà nello smaltimento Maggiori oneri a carico della Pubblica Amministrazione

5 La quantità di imballaggi presente sul mercato dipende dai consumi e dagli stili di vita Le merci vengono prodotte in un luogo e trasportate in altri per essere consumate Le persone vivono in un posto, lavorano in un altro, hanno i parenti che vivono in un altro posto ancora Globalizzazione Questa divaricazione dei luoghi e dei bisogni è intrinseca al modello di vita delle civiltà più industrializzate: le possibilità aumentano, si differenziano nello spazio e nel tempo e ridisegnano i meccanismi di produzione, circolazione e consumo dei prodotti e dei loro imballaggi 2/66

6 I rifiuti di imballaggi rappresentano solo il 4% del totale dei rifiuti prodotti Totale rifiuti prodotti 100% ton Rifiuti speciali 80% ton Rifiuti urbani 20% ton Rifiuti di imballaggio da rifiuti urbani* 4% ton * L'immesso al consumo complessivo di imballaggi nel 2009 è stato pari a kton (meno del 7% del totale dei rifiuti prodotti). Fonte: elaborazioni CONAI su dati ISPRA aggiornati al 2009 Nel 2011 l immesso al consumo degli imballaggi è stato pari a kton. 3/66

7 Nel 1998 si recuperava solo 1 imballaggio su 3 Rifiuti solidi urbani nel % 8% Discarica 82% Riciclo Recupero energetico 4/66 Fonte: elaborazioni CONAI su dati ISPRA

8 Nel 2010 si recuperano 3 imballaggi su 4 Rifiuti solidi urbani nel % Discarica 29% 54% Riciclo Recupero energetico 5/66 Fonte: elaborazioni CONAI su dati ISPRA

9 2. LA RISPOSTA NORMATIVA Legislazione europea Sistema Conai/Consorzi di Filiera

10 Le tappe principali che hanno regolato gli imballaggi Europa: Direttiva 85/339/CEE Italia: Legge 475/88 Germania: Decreto Topfer del 1991 Anni 80 Europa: Italia: Direttiva 94/62/CE D. Lgs 22/97, il «Decreto Ronchi» Anni 90 Europa: Italia: Direttiva 2004/12/CE D.Lgs 152/06, Testo Unico Anni 2000 RIFIUTI: Direttiva Europea 2008/98/CE che riprende 30 anni di regole attive per la filiera degli imballaggi e le estende ai materiali. 6/66

11 Ma perché proprio gli IMBALLAGGI? L importanza degli imballaggi nella società e nell economia contemporanee è evidente: gli imballaggi sono necessari per consentire lo spostamento del consumo dei beni nello spazio e nel tempo; sono presenti spesso sotto i nostri occhi e nei gesti quotidiani sono facilmente reintroducibili nei cicli produttivi (acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro). MA ALLO STESSO TEMPO vengono percepiti come rifiuti alla fine della loro funzione e quindi inutili 7/66

12 Nel 1994 arriva la Direttiva 94/62/CE DALLA RESPONSABILITA DI PROCESSO ALLA RESPONSABILITA DI PRODOTTO COSA RIGUARDA tuttigliimballaggiimmessisulmercatoeuropeo(primari,secondarie terziari) A CHI SI RIVOLGE a tutti i produttori di materiale e di imballaggi e a tutti gli utilizzatori di imballaggi. Con il termine utilizzatori si intendono i produttori di beni di consumo che imballano la propria merce e successivamente la immettono al consumo. 8/66

13 si ispira a due PRINCIPI fondamentali ❶ PRINCIPIO DEL CHI INQUINA PAGA, ovvero i produttori/utilizzatori sono responsabili del raggiungimento degli obiettivi per tutti i tipi di imballaggio ❷ PRINCIPIO DELLA RESPONSABILITA SOLIDALE tra tutte la parti coinvolte nella produzione, nell uso e nella distribuzione di imballaggi e di prodotti imballati, per la gestione dei rifiuti di imballaggio 9/66

14 e introduce obiettivi prevenire e ridurre l impatto dei rifiuti di imballaggio sull ambiente ed assicurare un elevato livello di tutela dell ambiente; garantire il funzionamento del mercato e prevenire l insorgere di ostacoli agli scambi, nonché distorsioni e restrizioni alla concorrenza; obiettivi di recupero e riciclo con % da raggiungere; obiettivi qualitativi di prevenzione della produzione di rifiuti di imballaggio; e gerarchia nel trattamento dei rifiuti di imballaggio. 10/66

15 Gli Obiettivi di RECUPERO e RICICLO Obiettivi al 2001* 94/62 CE min. max Recupero complessivo 45% 65% Riciclo complessivo 25% 45% Riciclo per materiale acciaio 15% alluminio 15% carta 15% legno 15% plastica 15% vetro 15% *In Italia al 2002 ** In Italia incrementati: per legno al 35% per la plastica al 26% 11/66 Obiettivi al /12 CE min. max Recupero complessivo 60% Riciclo complessivo 55% 80% Riciclo per materiale acciaio 50% alluminio 50% carta 60% legno ** 15% plastica** 22,5% vetro 60%

16 La politica definisce il «cosa», le imprese il «come» Nel 1997, con il D.Lgs n. 22, viene istituito il CONAI, Consorzio dei Produttori e degli Utilizzatori di imballaggi. Gli enti politici ed amministrativi definiscono obiettivi e vincoli; il sistema delle imprese, industriali e commerciali, ha la libertà e l onere di organizzare e gestire un sistema che raggiunga gli obiettivi rispettando i vincoli. 12/66

17 Sono a carico delle imprese I costi del ritiro degli imballaggi usati e della raccolta dei rifiuti di imballaggio secondari e terziari; Il corrispettivo per i maggiori oneri della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio conferiti al servizio pubblico; I costi per il riutilizzo degli imballaggi usati; I costi per il riciclo e il recupero dei rifiuti di imballaggio; I costi per lo smaltimento dei rifiuti di imballaggio secondari e terziari. 13/66

18 Con le ultime modifiche al 152/06 i PRODUTTORI Per adempiere ai propri obblighi possono: a) organizzare autonomamente, anche in forma collettiva, la gestione dei propri rifiuti di imballaggio sull intero territorio nazionale; b) aderire ad uno dei consorzi di filiera; c) attestare sotto la propria responsabilità che è stato messo in atto un sistema di restituzione dei propri imballaggi, mediante idonea documentazione che dimostri l'autosufficienza del sistema. 14/66

19 Principi dell attività di gestione dei rifiuti di imballaggio Responsabilità condivisa Chi inquina paga e inoltre (art. 219, comma 2 D. Lgs. 152/2006) [ ]individuazione degli obblighi di ciascun operatore economico, garantendo che il costo della raccolta differenziata, della valorizzazione e dell'eliminazione dei rifiuti di imballaggio sia sostenuto dai produttori e dagli utilizzatori in proporzione alle quantità di imballaggi immessi sul mercato nazionale e che la pubblica amministrazione organizzi la raccolta differenziata [ ] Produttori (di imballaggi) Utilizzatori (di imballaggi) Pubblica Amministrazione Cittadini 15/66

20 Gli aspetti sistemici che caratterizzano CONAI Alternative per l adempimento degli oneri Compliance scheme unico, con alternativa per i produttori (gestione autonoma dei rifiuti dei propri imballaggi) Tipologia di imballaggi coinvolti Soggetti coinvolti Modalità di prelievo del «fee» Oneri per i soggetti coinvolti Rapporti/ruolo con le autorità locali 16/66 TUTTI: primari, secondari e terziari TUTTI: Produttori e Utilizzatori (tra cui la distribuzione) Contributo ambientale ( /ton per materiale) Maggiori oneri per i domestici, ripresa per gli industriali Accordo quadro ANCI CONAI: i Comuni raccolgono, il sistema copre i «maggiori oneri»

21 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi ONAI E UN SISTEMA PRIVATO, ISTITUITO PER LEGGE, COSTITUITO DA PRODUTTORI E UTILIZZATORI DI IMBALLAGGI. E un consorzio di diritto privato senza fini di lucro nato per perseguire gli obiettivi di recupero e riciclo dei materiali di imballaggio immessi sul territorio nazionale. II Sistema CONAI si basa sull attività dei sei Consorzi rappresentativi dei materiali che vengono utilizzati per la produzione di imballaggi: acciaio, alluminio, carta, legno, plastica, vetro. 17/66

22 Gestione del Packaging PRIMA CESSIONE CAC Convenzione Accordo Quadro Anci Conai MPS VALORIZZAZIONE, RICICLO/RECUPERO 18/66 Legenda flussi sistema Packaging Monetario

23 3. ADESIONE A CONAI GESTIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE Procedure, termini e modalità di applicazione, esenzione e versamento del Contributo Attività di controllo e procedura di autodenuncia Guida Conai 2013

24 Adesione a CONAI Come previsto dall art. 221 del D.Lgs. 152/2006, i Produttori e gli Utilizzatori di imballaggi primari, secondari e terziari partecipano al Consorzio Nazionale Imballaggi. PRODUTTORI Fornitori di materiali di imballaggio, Fabbricanti, Trasformatori e Importatori di imballaggi vuoti e di materiali di imballaggio UTILIZZATORI Commercianti, Distributori, Addetti al riempimento, Utenti di imballaggi e Importatori di imballaggi pieni 20/66

25 Adesione a CONAI Per iscriversi a CONAI occorre inviare la Domanda di Adesione con allegata la ricevuta di versamento della quota di adesione. La quota si versa soltanto una volta e può essere adeguata ogni anno a discrezione del Consorziato. 21/66

26 Determinazione della quota di adesione L adesione a CONAI comporta il versamento di una quota costituita da: un importo fisso di 5,16 Euro al quale si aggiunge un importo variabile, solo per le imprese che nel corso dell esercizio precedente all adesione abbiano avuto ricavi complessivi superiori a ,00 Euro Ad esempio per un produttore di imballaggi con ricavi di vendite nazionali pari a 1 mln di euro l importo variabile è di 150,00 (0,015% dei ricavi). 22/66

27 Aspetti amministrativi e fiscali Dal punto di vista fiscale, l adesione a CONAI comporta l acquisto di quote di partecipazione al Consorzio. La quota versata dai Consorziati all atto dell adesione, nonché gli eventuali successivi adeguamenti, costituiscono contributo straordinario e pertanto andranno inseriti all attivo dello Stato patrimoniale del Consorziato (nel conto Partecipazione a altre imprese, Sez. BIII, voce 1, lettera d, articolo 2424 del Codice civile). Le quote di adesione a CONAI non sono soggette a IVA. 23/66

28 Categoria di appartenenza L impresa, all atto dell adesione, deve indicare la categoria alla quale intende iscriversi: se produttore o utilizzatore di imballaggi. Nel caso in cui l azienda svolge attività che corrispondono a più categorie, la scelta della categoria di adesione va effettuata in base all attività economica prevalente, quella cioè che comporta maggior fatturato per l impresa. 24/66

29 Aziende di nuova costituzione o apertura di nuove attività riferite agli imballaggi Aziende di nuova costituzione, Aziende che iniziano una nuova attività che produzione o utilizzo di imballaggi comporta aderiscono a CONAI entro un mese dalla data di inizio dell attività prendendo come riferimento la prima fattura ricevuta o emessa. La stessa procedura potrà essere utilizzata dalle aziende che, ad attività già avviata, siano tenute ad aderire a CONAI. 25/66

30 Soggetti esclusi Sono esclusi dall obbligo di adesione a CONAI gli utenti finali degli imballaggi (ossia quei soggetti che, pur acquistando merce imballata per l esercizio della propria attività o per proprio consumo, non effettuano alcuna attività di commercializzazione e distribuzione della merce imballata acquistata) Tale esclusione viene meno quando gli utenti finali: svolgono, con la merce imballata acquistata, un attività commerciale, anche marginale; acquistano direttamente all estero merce imballata o imballaggi vuoti per l esercizio della propria attività; acquistano imballaggi vuoti sul territorio nazionale per l esercizio della propria attività. 26/66

31 Adesione ai Consorzi di Filiera I Produttori, oltre a iscriversi a CONAI nella categoria dei Produttori, si iscrivono a uno o più Consorzi di Filiera in rapporto ai materiali prodotti e ai singoli Statuti Consortili. In alternativa, possono organizzare autonomamente, anche in forma collettiva, la gestione dei propri rifiuti di imballaggio su tutto il territorio nazionale; oppure attestano sotto la propria responsabilità che è stato messo in atto un sistema di restituzione dei propri imballaggi, mediante idonea documentazione che dimostri l autosufficienza del sistema[ ]. Nel modulo di adesione a CONAI, l impresa dichiara a quali Consorzi aderisce. 27/66

32 Domanda di adesione Scaricabile: sul sito internet CONAI Guida e modulistica; all interno della Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale edizione 2013 )

33 A CONAI partecipano circa imprese I Consorziati sono circa suddivisi in due categorie: Produttori materiali Produttori imballaggi Produttori Importatori di imballaggi vuoti 0,8% Utilizzatori industriali Importatori di prodotti confezionati Utilizzatori Commercianti 99,2% 29/66 il 60% circa sono Utilizzatori commerciali Peso in Assemblea e CDA ( Rappresentante dei consumatori)

34 Sanzioni In caso di mancata adesione al Conai e/o ai Consorzi di filiera, le Province possono irrogare specifiche sanzioni amministrative pecuniarie (ai sensi dell art. 262, comma 1, D.Lgs. 152/2006, in relazione a quanto disposto dall art. 261, commi 1 e 2, dello stesso decreto). 30/66

35 Il Contributo Ambientale Ai sensi del D.Lgs. 152/2006 CONAI ripartisce tra produttori e utilizzatori il corrispettivo per i maggiori oneri della raccolta differenziata, nonché gli oneri per il riciclaggio e per il recupero dei rifiuti di imballaggio conferiti al servizio di raccolta differenziata, in proporzione alla quantità totale, al peso e alla tipologia del materiale di imballaggio immessi sul mercato nazionale. A tal fine CONAI determina e pone a carico dei consorziati il Contributo Ambientale CONAI (CAC). Le somme versate al CONAI sono da questo incassate in nome e per conto dei Consorzi di Filiera ed entrano direttamente a far parte dei loro mezzi propri MATERIALI CAC 2011 /ton CAC 2012 /ton CAC 2013 /ton Acciaio 31,00 31,00/26,00** 26,00 Alluminio 52,00 45,00 45,00 Carta 22,00 14,00/10,00*** 10,00/6,00/4,00*** Legno 8,00 8,00 8,00 Plastica 160,00/140,00* 120,00/110,00**** 110,00 Vetro 17,82 17,82 17,82 * Fino al 30/06/ ,00 /ton dall 1/07/ ,00 /ton ** Fino al 30/09/ ,00 /ton dall 1/10/ ,00 /ton *** Fino al 30/09/ ,00 /ton dall 1/10/ ,00 /ton dall 1/04/2013 6,00 /ton dall 1/10/2013 4,00 /ton **** Fino al 30/09/ ,00 /ton dall 1/10/ ,00 /ton

36 Il CAC è applicato in un punto del ciclo del packaging, detto «PRIMA CESSIONE» Per prima cessione si intende il trasferimento, anche temporaneo e a qualunque titolo, nel territorio nazionale: dell imballaggio finito effettuato dall ultimo produttore al primo utilizzatore ; del materiale di imballaggio effettuato da un produttore di materia prima o di semilavorati a un autoproduttore che gli risulti o si dichiari tale. I materiali di imballaggio e gli imballaggi importati dall estero sono soggetti al Contributo Ambientale in quanto il loro utilizzo darà luogo a rifiuti sul territorio nazionale. 32/66

37 La «prima cessione» segna l effettivo ingresso al consumo dell imballaggio Produttori materiali Produttori imballaggi Riempitori Importatori Distributori Contributo Ambientale CONAI (prima cessione) Gli importatori di imballaggi vuoti versano il Contributo per singolo materiale Gli importatori di merce imballata possono versare il Contributo a forfait (procedure semplificate di dichiarazione) Gli autoproduttori di imballaggi pagano il Contributo esposto in fattura dal Produttore di materia prima /semilavorato 33/66

38 Esposizione in fattura per una singola tipologia di imballaggio di un solo materiale Nel caso della fornitura di un solo imballaggio in un unico materiale si può fare riferimento allo schema seguente: Descrizione Unità di Misura Quantità Prezzo Unit. Euro Importo Tot. Euro IVA sacchi in plastica (gr cadauno 500= ton lotto 1,000) Contributo Ambientale plastica Pz , ,00 21% ton 1, ,00 110,00 21% IMPONIBILE 2.110,00 21% 34/66

39 Fatture di vendita dell Importatore e fatture di vendita successive alla prima cessione Il cedente può, alternativamente: utilizzare la dicitura Contributo Ambientale Conai Assolto oppure, in alternativa, evidenziare il Contributo Ambientale per referenza 35/66

40 Dichiarazione periodica del Contributo I soggetti obbligati all applicazione del Contributo Ambientale sono tenuti a dichiarare a CONAI i quantitativi di imballaggio ceduti/importati sul territorio nazionale. Tutte le dichiarazioni periodiche vanno effettuate entro il 20 del mese successivo al periodo di riferimento. La periodicità potrà essere annuale, trimestrale o mensile in funzione dell ammontare del Contributo Ambientale complessivamente dichiarato, per materiale, nell anno precedente. CONAI prevede anche procedure semplificate di dichiarazione (es. per importatori di merci imballate, produttori di etichette, produttori di imballaggi in sughero, nastri adesivi). 36/66

41 Classi di dichiarazione Periodicità Procedura ordinaria (moduli 6.1; 6.2 quadro 3; 6.10) A. Esente Nell anno solare precedente, Contributo Ambientale complessivo per singolo materiale fino a 26,00 Euro Esenzione della dichiarazione. Verifiche annuali rispetto al non superamento della soglia di esenzione B. Annuale Nell anno solare precedente, Contributo Ambientale complessivo per singolo materiale fino a 310,00 Euro C. Trimestrale Nell anno solare precedente, Contributo Ambientale complessivo per singolo materiale fino a ,00 Euro D. Mensile Nell anno solare precedente, Contributo Ambientale complessivo per singolo materiale oltre ,00 Euro 37/66 Invio di un unica dichiarazione entro il 20 gennaio dell anno successivo a quello di riferimento Invio di quattro dichiarazioni trimestrali (20 aprile, 20 luglio, 20 ottobre e 20 gennaio) Invio di dodici dichiarazioni mensili (entro il 20 di ogni mese)

42 A. Esente Classi di dichiarazione Periodicità Procedura semplificata (modulo 6.2 quadro 4) Nell anno solare precedente, Contributo Ambientale complessivo fino a 52,00 Euro Esenzione della dichiarazione. Verifiche annuali rispetto al non superamento della soglia di esenzione B. Annuale Nell anno solare precedente, Contributo Ambientale complessivo fino a 310,00 Euro C. Trimestrale Nell anno solare precedente, Contributo Ambientale complessivo fino a ,00 Euro Invio di un unica dichiarazione entro il 20 gennaio dell anno successivo a quello di riferimento Invio di quattro dichiarazioni trimestrali (20 aprile, 20 luglio, 20 ottobre e 20 gennaio) D. Mensile Nell anno solare precedente, Contributo Ambientale complessivo oltre ,00 Euro Invio di dodici dichiarazioni mensili (entro il 20 di ogni mese) 38/66

43 Dichiarazione per importazione: procedura semplificata (anno 2013) PROCEDURA SEMPLIFICATA per importazioni di imballaggi pieni: A) prodotti alimentari 0,07% sul valore delle fatture di acquisto di merci imballate B) prodotti non alimentari 0,04% 0,03% * sul valore delle fatture di acquisto di merci imballate C) Calcolo forfetario 32 /ton 31 /ton * * sul peso dei soli imballaggi delle merci * Dal 1 ottobre 2013 ** Dal 1 aprile /66

44 Modalità di invio delle dichiarazioni Le dichiarazioni devono essere inviate a CONAI con mezzi tali che garantiscano la prova dell avvenuta spedizione, tra i quali: Dichiarazioni on line: all indirizzo Per la dichiarazione inviata, il Consorziato riceve immediatamente via e mail la ricevuta di presentazione (da cui risulta anche la data di invio) che deve essere debitamente conservata. Dichiarazioni inviate via fax ai numeri indicati nei diversi moduli di dichiarazione ( , ). In tal caso è opportuno conservare la stampa del rapporto di avvenuta trasmissione unitamente alla dichiarazione inviata. Dichiarazioni inviate con raccomandata A.R. 40/66 all indirizzo: Via P. Litta, Milano. Il Consorziato è tenuto a conservare la ricevuta di spedizione e di avvenuto ricevimento (con la copia della dichiarazione inviata).

45 Versamento del Contributo Gli importi risultanti dalla dichiarazione periodica devono essere versati al ricevimento delle relative fatture da parte di CONAI CONAI invia le fatture per conto di ciascuno dei sei Consorzi di Filiera, in riferimento ai rispettivi materiali I produttori, o gli importatori in procedura ordinaria, riceveranno fatture distinte per singolo materiale In caso di dichiarazione in procedura semplificata, CONAI invia un unica fattura complessiva 41/66

46 Esentati gli imballaggi che escono dal territorio nazionale Gli imballaggi che vengono esportati escono dalle competenze di CONAI e sono pertanto esenti dal Contributo Ambientale. Le procedure previste sono: Ordinaria Ex Post Semplificata Ex Ante Compensazione Import/Export 42/66

47 Procedure ordinaria ex post: Rimborso Consiste nel documentare a consuntivo i quantitativi esportati (per singolo materiale) e richiedere il rimborso del Contributo Ambientale versato su questi quantitativi. Entro il occorre trasmettere a Conai il Modulo 6.6 con allegato: Scheda tecnica (solo la prima volta che si richiede la procedura ex post e ogni volta che cambiano i criteri di calcolo e/o le tipologie di imballo) Modello Dichiarazione IVA (quadri VE e VF) Elenco con i riferimenti delle fatture con esplicita indicazione del Contributo Ambientale pagato al fornitore per materiale 43/66 Conai autorizza in forma scritta il rimborso

48 Procedura semplificata ex ante Consiste nel determinare preventivamente la quota di esportazione (plafond) prevista per singolo materiale nel corso dell anno solare ed evitare il pagamento del Contributo Ambientale su tale quota. Entro il occorre trasmettere a Conai il Modulo 6.5 con allegato: Elenco dei fornitori; e se si tratta del primo anno di utilizzo della procedura ex ante: Scheda tecnica (da inviare ogni volta che dovessero cambiare i criteri di calcolo e/o le tipologie di imballo); Modello Dichiarazione IVA (o comunicazione annuale dati IVA); Elenco delle fatture di acquisto. Il consorziato, inoltre, trasmette ai propri fornitori il Modulo 6.5/Fornitori nel quale comunica i Plafond di esenzione. 44/66

49 Procedura di compensazione import export Consente di effettuare un saldo estero su estero per categorie omogenee di imballaggi e/o materiali di imballaggio La dichiarazione si effettua attraverso la compilazione del Modulo 6.10 Le eventuali posizioni creditorie risultanti alla fine dell'anno solare (indipendentemente dalla periodicità di dichiarazione e/o dalla volontà di proseguire la procedura di compensazione nell anno successivo) dovranno essere chiuse attraverso l'invio della richiesta di rimborso con la procedura ordinaria ex post, nel senso che non potranno essere riportate nella colonna B della prima dichiarazione dell anno successivo. 45/66

50 Attività di controllo di Conai Lo Statuto ed il Regolamento Conai prevedono la possibilità di eseguire controlli diretti nei confronti delle AZIENDE CONSORZIATE le quali, al momento dell adesione, accettano senza riserve l osservanza delle norme consortili, compreso l obbligo di fornire al Conai dati e informazioni se richiesti. 46/66

51 Sensibilizzazione delle aziende non consorziate Conai svolge altresì un attività di sensibilizzazione nei confronti delle AZIENDE NON CONSORZIATE potenzialmente obbligate ad aderire a Conai in qualità di produttore o utilizzatore di imballaggi mediante l invio di una richiesta scritta con il richiamo agli obblighi di legge e consortili e/o con l invito a regolarizzare la loro posizione verso Conai, se ne ricorrono i presupposti. 47/66

52 Violazioni L art. 13 del Regolamento CONAI sancisce: costituiscono gravi violazioni degli obblighi consortili le seguenti infrazioni: a) omessa applicazione del contributo ambientale; b) omessa o insufficiente indicazione del contributo ambientale ( ); c) omessa o ritardata presentazione della dichiarazione del contributo ambientale ( ); d) infedele dichiarazione del contributo ambientale ( ); e) utilizzo fraudolento delle procedure di esenzione ( ). 48/66

53 Sanzioni Per una o più di dette infrazioni ( ) si applica una sanzione pecuniaria pari al: 50% delle somme dovute, nel caso di prima infrazione ( ); 150% delle somme dovute, nel caso di ulteriori infrazioni ( ). Dette sanzioni sono ridotte alla metà qualora: (i) ai sensi dell art. 11, comma 4, non vi sia stata contestazione o l impresa consorziata vi abbia rinunciato in seguito alla comunicazione delle motivazioni contrarie del CONAI; (ii) in relazione alla infedele presentazione della dichiarazione del contributo ambientale risulti comunque accertata un omissione non superiore al 10% del contributo ambientale dichiarato su base annua. 49/66

54 L autodenuncia Il Consorziato che desidera regolarizzare la propria posizione rispetto ad infrazioni commesse nell applicazione o nella dichiarazione del Contributo Ambientale può avvalersi della procedura di autodenuncia. NESSUNA SANZIONE È PREVISTA A SEGUITO DI AUTODENUNCIA, fermo restando l applicazione degli interessi di mora, a condizione che il Consorziato: informi spontaneamente CONAI, prima dell avvio dei controlli; dichiari il Contributo dovuto entro 30 giorni dalla presentazione dell autodenuncia. 50/66

55 Per saperne di più Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale /66

56 Guida Conai 2013 aggiornamenti L edizione 2013 della Guida ha mantenuto la veste grafica e la struttura dell edizione precedente. I principali aggiornamenti e novità sono: Riduzione dei Contributi ambientali per gli imballaggi in acciaio, carta e plastica; Riduzione dei contributi sulle procedure semplificate di dichiarazione di imballaggi pieni; Riduzione del Contributo ambientale forfetizzato sulle etichette; 52/66

57 Guida Conai 2013 aggiornamenti Aggiornamento delle procedure semplificate di esenzione del CAC: A partire dall anno 2013, qualora il termine per l invio dei moduli 6.5 e 6.6 coincida con un giorno festivo, lo stesso deve intendersi prorogato al primo giorno successivo non festivo. 53/66

58 Guida Conai 2013 aggiornamenti Integrazione e aggiornamento del capitolo 8 "casi particolari": Per l anno 2013 il capitolo è stato aggiornato con evidenza: dell abrogazione della convenzione Conaicommercianti/importatori di contenitori in vetro vuoti; di nuove procedure che riguardano varie tipologie di imballaggi (cisternette multimateriali rigenerate reimmesse al consumo, pallet in legno reimmessi al consumo e pallet di nuova produzione strutturalmente concepiti per il pluriennale riutilizzo) e flussi di imballaggi (imballaggi riutilizzabili impiegati nell ambito di un ciclo produttivo/rete commerciale, imballaggi riutilizzabili impiegati in sistemi virtuosi controllati, certificati, verificabili). 54/66

59 Guida Conai 2013 aggiornamenti aggiornamento del testo sulle sanzioni per mancata adesione al Conai in funzione delle modifiche apportate all art. 261, comma 1 del D.lgs. 152/06 (D.L. 1 del 24/01/2012, art. 26); aggiornamento di alcune schede tecniche riguardanti in particolare le bombole per aerosol in acciaio e in alluminio e i tubetti in alluminio. 55/66

60 Guida Conai 2014 principali novità aggiornamento della modulistica (e relative istruzioni) e adeguamento dei testi a seguito di: variazione dei contributi ambientali ordinari per i materiali carta e plastica nonché delle aliquote/contributi previsti per le procedure semplificate/forfetizzate; obbligo di invio on line della modulistica alla luce di quanto deliberato dal CdA Conai, a partire dal 1 gennaio aggiornamento delle procedure di rimborso/esenzione per attività di esportazione aggiornamento dei capitoli 8 Casi particolari e 10 Controlli, sanzioni e autodenuncia aggiornamento delle schede tecniche per materiale 56/66

61 Il servizio informativo e i canali di comunicazione Imprese CONAI Per tutte le informazioni sull adesione al Consorzio e la gestione del Contributo Ambientale CONAI è attivo, dalla fine del 2006, un servizio informativo che risponde al numero verde gratuito Inoltre CONAI porta avanti una consolidata collaborazione con le Associazioni di Categoria territoriali, espressione diretta delle imprese 57/66

62 Il servizio dichiarazioni on line Sono disponibili, attraverso il servizio dichiarazioni on line, tutti i moduli di dichiarazione del contributo ambientale. Il servizio è fruibile direttamente all indirizzo oppure accedendo al sito Area Consorziati, alla voce Dichiarazioni on line. Vantaggi: Connessione internet protetta Programma semplice e guidato, con controllo automatico degli errori Notifica di conferma del ricevimento del modulo Possibilità di verificare lo stato delle dichiarazioni effettuate Possibilità di correggere eventuali errori nella compilazione del modulo anche in un secondo tempo Procedura per rimborsi più semplice e veloce 58/66

63 Dichiarazioni on line: supporto Per problemi o chiarimenti sul funzionamento del servizio si può scrivere al seguente indirizzo e mail: oppure telefonare al seguente numero: /66

64 4. LA SOLUZIONE CONAI I risultati

65 Il primo risultato: garantita la concorrenza leale Lo Statuto ed il Regolamento prevedono strumenti per assicurare alle AZIENDE CONSORZIATE la corretta partecipazione alla gestione del Consorzio. In particolare CONAI svolge attività nei confronti delle AZIENDE NON CONSORZIATE verificando la loro posizione e, ne caso, invitandole a regolarizzarla. 60/66

66 Inoltre Individuazione e contrasto di fenomeni di evasione/elusione del Contributo Ambientale Responsabilizzazione dei produttori ed utilizzatori per la corretta applicazione del Contributo Ambientale Analisi della genesi dell evasione Supporto ai Consorziati per la soluzione di specifici problemi attinenti l applicazione della normativa CONAI 61/66

67 La struttura del Sistema Consortile Dipendenti di cui dirigenti Dipendenti di cui dirigenti CONAI Ricrea CiAl Comieco Rilegno Corepla Coreve % TOTALE DIPENDENTI MATERIALE GESTITO* * rifiuti di imballaggio conferiti in convenzione dati in migliaia di tonnellate 62/ %

68 Nel 2010 il contributo ambientale italiano è stato inferiore alla media europea per tutti i materiali MEDIA UE GERMANIA FRANCIA ITALIA 70 /ton 175 /ton 163,3 /ton 22 /ton 28 /ton 74 /ton 4,8 /ton 15,82 /ton 222 /ton 237,8 /ton 160 /ton 174 /ton 60,6 /ton 52 /ton 89 /ton 30,2 /ton 31 /ton 63/66 Fonte: Fondazione Sviluppo Sostenibile FISE UNIRE L Italia del riciclo 2012

69 In termini di performance Nel 2012 il recupero complessivo di imballaggi, ha raggiunto la percentuale del 73,8%, equivalente a 8,3 milioni di tonnellate recuperate su un totale di 11,2 milioni di tonnellate immesse al consumo: 3 imballaggi su 4 sono quindi recuperati. Il riciclo èstatodel63,9% dell immesso al consumo (2 imballaggi su 3), equivalente a 7,2 milioni di tonnellate. 64/66

70 Il sistema ha raggiunto e sostenuto l intero Paese Lo sviluppo delle convenzioni sulla raccolta differenziata previste dall Accordo quadro ANCI CONAI, ha coinvolto nel Comuni (circa 58 milioni di cittadini: il 97% dell intera popolazione). I corrispettivi 2012 erogati ai Comuni nell ambito dell accordo quadro ANCI CONAI sono stati oltre 300 milioni. In 15 anni oltre 2,5 miliardi di euro. 65/66

71 66/66 Nel 2012 sono ampiamente superati gli obiettivi minimi di riciclo e recupero

72 L impegno di tutti ha prodotto, negli imballaggi, un Italia diversa Nel 2012 solo il 26,2% dei rifiuti di imballaggio prodotti è stato smaltito in discarica

73 Il sistema ha sempre avuto un ruolo sussidiario Confronto tra quantità avviate a riciclo da gestione consortile e indipendente

74 Grazie per l attenzione

La gestione dei rifiuti di imballaggio:

La gestione dei rifiuti di imballaggio: La gestione dei rifiuti di imballaggio: la soluzione CONAI Pierluigi Gorani gorani@conai.org Torino, 19 marzo 2013 INDICE 1. Il Problema Produzione di rifiuti: origini e dimensioni del problema Il cambiamento

Dettagli

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Pierluigi Gorani Area Tecnica CONAI Piacenza, 15 maggio 2013 INDICE Il Sistema CONAI Composizione Obiettivi Finanziamento del Sistema Accordo Quadro Anci CONAI

Dettagli

EASY CONAI. Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Edizione dicembre 2015

EASY CONAI. Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Edizione dicembre 2015 EASY CONAI Edizione dicembre 2015 Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Conai e il sistema consortile CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, è un Consorzio privato senza

Dettagli

CONAI obbligo di iscrizione

CONAI obbligo di iscrizione ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 21 25 OTTOBRE 2014 CONAI obbligo di iscrizione Copyright 2014 Acerbi & Associati ASSOCIAZIONE

Dettagli

dichiara di possedere i requisiti di cui all articolo 5 dello Statuto e di appartenere alla seguente categoria e relativa componente:

dichiara di possedere i requisiti di cui all articolo 5 dello Statuto e di appartenere alla seguente categoria e relativa componente: Domanda di adesione Da inviare a: CdA CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.59904315 1 1.1 Ragione Sociale 1.2 Via/Piazza PEC 1.3

Dettagli

EASY CONAI. Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Edizione 2013

EASY CONAI. Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Edizione 2013 EASY CONAI Edizione 2013 Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Introduzione CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, è un Consorzio privato senza fini di lucro, a cui

Dettagli

La gestione degli imballaggi: il Sistema CONAI obblighi e opportunità per le imprese. Milano, 25 febbraio 2016

La gestione degli imballaggi: il Sistema CONAI obblighi e opportunità per le imprese. Milano, 25 febbraio 2016 La gestione degli imballaggi: il Sistema CONAI obblighi e opportunità per le imprese Milano, 25 febbraio 2016 La corretta gestione degli imballaggi è responsabilità di produttori e utilizzatori La Direttiva

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI Raggiungere in Italia il 50% di riciclo Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA Valter Facciotto Direttore Generale CONAI L ESPERIENZA DEL SETTORE IMBALLAGGI La Direttiva 1994/62 CE e la Direttiva

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Versione sintetica

Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Versione sintetica Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Versione sintetica Sintesi principali adempimenti CONAI Al fine di consentire ad ogni impresa di disporre degli elementi essenziali per individuare

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi Riferimenti normativi: D.Lgs

Dettagli

SANZIONE ELEVATISSIMA

SANZIONE ELEVATISSIMA Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale 2014

Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale 2014 Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale 2014 Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale 2014 Note introduttive Per l anno 2014 la Guida ha mantenuto la veste

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli

Conai. guida all adesione e all applicazione del. Contributo Ambientale

Conai. guida all adesione e all applicazione del. Contributo Ambientale Conai guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale dicembre 2004 2005 Conai guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale 2005 Le principali novità introdotte da questa

Dettagli

CONAI GUIDA ALL ADESIONE E ALL APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE. Dicembre 2005

CONAI GUIDA ALL ADESIONE E ALL APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE. Dicembre 2005 CONAI GUIDA ALL ADESIONE E ALL APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE 2006 Dicembre 2005 CONAI GUIDA ALL ADESIONE E ALL APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE 2006 La Guida al Contributo Conai 2006 viene

Dettagli

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Simona Fontana Responsabile Centro Studi - Area Prevenzione Rimini, 5 novembre 2014 Il Sistema CONAI,

Dettagli

Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Guida

Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Guida Guida all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Guida 2010 NOTE INTRODUTTIVE Alcune delle principali modifiche presenti nella Guida 2010 sono in relazione alla variazione del Contributo

Dettagli

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Luca Piatto Pordenone, 19 novembre 2009 Il nuovo Accordo Quadro ANCI CONAI Gli allegati tecnici: le principali novità Viviamo da un anno nella

Dettagli

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Seminario sulla raccolta differenziata e sulla qualità dei materiali La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Porto S. Elpidio,

Dettagli

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Latina, 28 maggio 2009 Giancarlo Longhi Direttore Generale CONAI Adempimenti nella gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio 1 Prevenire la formazione

Dettagli

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero!

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! La gestione dei rifiuti di imballaggio in Italia Valter Facciotto Direttore CONAI Università LIUC, 15 novembre 2011 Lo scenario nazionale di produzione dei rifiuti

Dettagli

Il recupero dei rifiuti di imballaggio gestito dal sistema CONAI

Il recupero dei rifiuti di imballaggio gestito dal sistema CONAI CORSO DI FORMAZIONE LIGURIA Ottobre 2014 Il recupero dei rifiuti di imballaggio gestito dal sistema CONAI Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Introduzione 2 primo CHI siamo 3 CONAI èil sistema

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD

Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD San Costanzo (PU), 15 aprile 2014 Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio CONAI è il sistema privato per la gestione degli imballaggi

Dettagli

Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti. Il Caso di Studio dell Acciaio. Riciclaggio e Ciclo di Recupero

Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti. Il Caso di Studio dell Acciaio. Riciclaggio e Ciclo di Recupero Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio dell Acciaio Riciclaggio e Ciclo di Recupero Rev. 1 10 Dicembre 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DELL ACCIAIO...3 3. IL

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

Quali modelli organizzativi efficaci

Quali modelli organizzativi efficaci Quali modelli organizzativi efficaci Il sistema CONAI Piero Perron Vicepresidente CONAI Intervento al VIII Forum G.I. Federalimentare 17 Settembre 2011 La gestione degli imballaggi Il sistema CONAI e i

Dettagli

Seminario di formazione CONAI

Seminario di formazione CONAI Seminario di formazione CONAI Aree tematiche 1. Il contesto normativo di riferimento 2. Il sistema CONAI Consorzi di Filiera 3. Adesione a CONAI e gestione del Contributo Ambientale 4. L Accordo ANCI-CONAI

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

Chi è Rilegno la responsabilità condivisa

Chi è Rilegno la responsabilità condivisa Chi è Rilegno la responsabilità condivisa Nell ordinamento ambientale nazionale il Decreto Ronchi (D.Lgs. 22/97) ha introdotto un nuovo orientamento nella gestione dei rifiuti, vocato alla prevenzione,

Dettagli

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Il sistema Conai. Raccolta e riciclo dei rifiuti di imballaggio nella regione Emilia Romagna Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Bologna, 5 febbraio 2010 Il sistema Conai I risultati del quinquennio

Dettagli

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica Bologna, 16 Ottobre 2007 Rilegno la mission e il sistema consortile LA

Dettagli

L ECO CONTRIBUTO RAEE

L ECO CONTRIBUTO RAEE Circolare N. 86 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 7 dicembre 2007 L ECO CONTRIBUTO RAEE Come previsto dal D.Lgs 151/2005, in capo ai produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche sono

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7594 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GERARDINI Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Presentata il 6

Dettagli

L industria del riciclo in Italia

L industria del riciclo in Italia L industria del riciclo in Italia Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Firenze, 19 febbraio 2008 Industria del recupero/riciclo Industria del recupero: insieme delle attività ed operazioni che,

Dettagli

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI 27 febbraio 2015 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori

Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori I PRODUTTORI IL REGISTRO NAZIONALE DEI PRODUTTORI IL VISIBLE FEE I produttori di AEE: chi sono? Il Decreto Legislativo 151 riguarda un numero

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima I RIFIUTI ED I RESIDUI: ASPETTI GIURIDICI. Capitolo I LA DEFINIZIONE GIURIDICO-TECNICA DI RIFIUTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima I RIFIUTI ED I RESIDUI: ASPETTI GIURIDICI. Capitolo I LA DEFINIZIONE GIURIDICO-TECNICA DI RIFIUTO INDICE-SOMMARIO Premessa... xvii Parte Prima I RIFIUTI ED I RESIDUI: ASPETTI GIURIDICI Introduzione... 1 Capitolo I LA DEFINIZIONE GIURIDICO-TECNICA DI RIFIUTO 1.1. Concettigenerali... 5 1.2. La definizione

Dettagli

RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci

RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci Il Nuovo Accordo Anci-Conai 2014-2019 2019 Una nuova fase della raccolta e del recupero degli imballaggi RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci Torino 30 Marzo 2015 Chi è Rilegno LA MISSION RILEGNO Nato

Dettagli

CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi

CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi File di servizio 1) Cosa è il CONAI 2) Come funziona 3) Alcuni numeri 3 4) accordo CONAI/ANCI 5) Criticità 6) ODG da presentare in tutte le Province e Comuni CONAI

Dettagli

NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE MAGGIO 2016

NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE MAGGIO 2016 NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE MAGGIO 2016 LA FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Anche nel secondo quadrimestre 2016, Confartigianato Torino ha organizzato una serie di corsi in materia di salute e sicurezza

Dettagli

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni esterne

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

DICHIARAZIONE PERIODICA ai fini del contributo Polieco

DICHIARAZIONE PERIODICA ai fini del contributo Polieco FOGLIO 1 Vers 10 04 2015 nuovo iban Spettabile Polieco Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA DICHIARAZIONE PERIODICA ai fini del contributo Polieco La dichiarazione, completa degli estremi del versamento

Dettagli

Gestione del CONAI Euro09 Evolution 3

Gestione del CONAI Euro09 Evolution 3 29 Ottobre2013 Gestione del CONAI Euro09 Evolution 3 In generale il CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi - è il consorzio privato, senza fini di lucro, costituito dai produttori e utilizzatori di imballaggi

Dettagli

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità Andrea Quaranta Il 29 luglio 2005 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 151/2005, che ha recepito le direttive 2002/95/CE,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO BANCA DATI COMIECO (BA.DA.COM.) 2014 Dati relativi all esercizio 2013

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO BANCA DATI COMIECO (BA.DA.COM.) 2014 Dati relativi all esercizio 2013 Comieco ha predisposto un database per contenere tutte le informazioni relative ai propri Consorziati. Questi dati sono richiesti alle imprese consorziate per poter assolvere agli obblighi derivanti dall

Dettagli

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA A distanza di 10 anni dall inizio della sua attività è possibile fare un primo bilancio dei risultati dell impegno che il sistema delle imprese, rappresentato

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.)

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) Approvato con deliberazione consiliare n. 19 del 30/07/2014 1 INDICE Art. 1. Oggetto

Dettagli

Napoli 24 marzo 2012. Il riciclo faccia i conti con CONAI e CONAI con il riciclo

Napoli 24 marzo 2012. Il riciclo faccia i conti con CONAI e CONAI con il riciclo Napoli 24 marzo 2012 Il riciclo faccia i conti con CONAI e CONAI con il riciclo Quando nel mondo degli imballaggi è attivo un sistema che ne recupera circa il 75%, non è possibile pensare al riciclo se

Dettagli

SETTORE SERVIZI AL CITTADINO AMBIENTE SVILUPPO ECONOMICO

SETTORE SERVIZI AL CITTADINO AMBIENTE SVILUPPO ECONOMICO Registro Determinazione n. 178 Del 12/12/ /2013 CITTA DI ALCAMO Provincia di Trapani SETTORE SERVIZI AL CITTADINO AMBIENTEE SVILUPPO ECONOMICO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE IMPEGNO DI SPESA N 2298 del 30/12/2013

Dettagli

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa

RISOLUZIONE N. 55/E. OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa RISOLUZIONE N. 55/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 marzo 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Trattamento Iva apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE Consorzio Alfa La

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2011

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2011 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2011 Regime per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità Nel Quadro VA il rigo VA14 è stato denominato «Regime per l imprenditoria giovanile e lavoratori in

Dettagli

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA Edo Ronchi Presidente Fondazione per lo sviluppo sostenibile Obiettivi dello studio Individuare

Dettagli

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio TITOLO II Gestione, costo, tariffe TITOLO II Gestione, costo, tariffe ART. 3 Gestione e costo del servizio 3. Il soggetto gestore è tenuto a comunicare alla Giunta Comunale, entro il mese di settembre

Dettagli

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Riccardo Passigato Vice-Direttore Generale Gestione Operativa Materie

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE

AMBITO DI APPLICAZIONE PROCEDURA OPERATIVA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO ALTERNATIVO DI FORNITURA DI GAS TRAMITE CARRO BOMBOLAIO PRESSO I PUNTI DI RICONSEGNA ALLACCIATI ALLA RETE NETENERGY SERVICE SRL OGGETTO La presente

Dettagli

WORKSHOP RAEE. La nuova normativa nazionale RAEE

WORKSHOP RAEE. La nuova normativa nazionale RAEE WORKSHOP RAEE La nuova normativa nazionale RAEE PV CYCLE 2014 INDICE La Direttiva europea RAEE Finalità, obbiettivi, scadenze e campo di applicazione La nuova normativa nazionale RAEE Introduzione e principali

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno FIRE La professione dell energy manager: esempi e opportunità Milano, 4 dicembre 2007 Andrea Galliani

Dettagli

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria.

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi 3 Premessa Per assicurare il riciclo degli imballaggi, in Italia è operativo un sistema consortile costituito da sei Consorzi di filiera, uno per

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA ZONA ARANCIO ZONA VERDE EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA I cambiamenti di orari e modalità di conferimento per un servizio ancora più puntuale ed efficiente. Per un centro cittadino

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi hanno molteplici funzioni quali quelle di contenere, proteggere, trasportare, garantire sicurezza igienica e informazione al consumatore e pertanto

Dettagli

Industria del recupero e packaging chain

Industria del recupero e packaging chain Gestione rifiuti, riciclo materiali, recupero energetico: il possibile contributo alla sfida di Kyoto Ecomondo, 3 novembre 2004 Giancarlo Longhi Direttore Generale 1 Le positive conseguenze dell industria

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

Oggetto: Raccolta delle adesioni e modalità di versamento dei contributi Fondo Pensione Filcoop

Oggetto: Raccolta delle adesioni e modalità di versamento dei contributi Fondo Pensione Filcoop Roma, 10 aprile 2006 A tutte le Aziende Associate.. Circolare n. 1/2006 Oggetto: Raccolta delle adesioni e modalità di versamento dei contributi Fondo Pensione Filcoop Si informa che il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Il Caso di Studio del Vetro

Il Caso di Studio del Vetro Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Vetro Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL VETRO...4 3. IL RUOLO DEL COREVE...5

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE ALLEGATO 1.A MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE -------- Dati anagrafici Il sottoscritto. nato a il. residente in via.... n.. cap... del Comune di Prov..... nella qualità di... dell

Dettagli

AMBIENTE E AGRICOLTURA

AMBIENTE E AGRICOLTURA Comunicazione Energia Ambiente Il Tuo spazio dedicato all Ambiente Incontro formativo AMBIENTE E AGRICOLTURA Proposte per una corretta gestione San Ginesio - 12 febbraio 2005 La corretta gestione dei rifiuti

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

Comune di Badia Calavena PROVINCIA DI VERONA

Comune di Badia Calavena PROVINCIA DI VERONA Comune di Badia Calavena PROVINCIA DI VERONA Tel. 045 / 7810503 045 / 7810685 Fax. 045 / 7810266 C R I T E R I PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI DI NORME IN MATERIA DI TRIBUTI

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n 5442 Decreto Ministeriale recante la procedura a livello nazionale per la registrazione delle DOP e IGP ai sensi del Regolamento (CE) n. 510/2006. Visto il regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio

Dettagli

Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO. Principali Novità

Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO. Principali Novità Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO Principali Novità RICREA: nascita, scopo, obiettivo Il Consorzio Nazionale Acciaio (RICREA) è stato costituito in data 18 novembre

Dettagli

Schema di regolamento comunale

Schema di regolamento comunale Schema di regolamento comunale Regolamento per l applicazione della maggiorazione tributaria a copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili comunali (art. 14, comma 13, del D.L. 201/2011) SOMMARIO

Dettagli

IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO

IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO CAPITOLO 4 IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO 367 IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO 4.1 LE FONTI DEI DATI La principale fonte di informazioni sul ciclo degli imballaggi

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia In vigore dal 01 gennaio 2001 CRITERI GENERALI PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA TRIBUTARIA Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

RAEE Professionali. Giugno 2007

RAEE Professionali. Giugno 2007 Giugno 2007 RAEE Professionali COPYRIGHT Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di Consorzio Re.Media e rientrano nelle proprietà intellettuali del Consorzio stesso. E' fatto,

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Legno Riciclaggio e Ciclo di Recupero 10 Dicembre 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL LEGNO...3 3. IL RUOLO DI RILEGNO...5

Dettagli

Il Sistema COREPLA. Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne

Il Sistema COREPLA. Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne Il Sistema COREPLA Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne Dalla raccolta differenziata al riciclo dei rifiuti da imballaggio: l esperienza dei Consorzi di Filiera in Italia

Dettagli

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008 CIRCOLARE N. 43/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 maggio 2008 OGGETTO: Rifiuti e rottami trattamento fiscale ai fini IVA N. 127-sexiesdecies, della Tabella A Parte III allegata al DPR

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE Anno rif.: 2005 Pagina 1 di 8 NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE 1. QUADRO GENERALE....2 2. DEFINIZIONI....2 3. MODALITA DI NOMINA...2 4. INTEGRAZIONE

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE.

- FONDI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DELLE RISORSE. Allegato 1 alla Det. Dir. n 387/2015 BANDO Potenziamento della raccolta differenziata e prevenzione e riutilizzo dei rifiuti urbani D.G.R. Lazio 406/2012 risorse anno 2013 e D.G.R. Lazio 547/2014 risorse

Dettagli

Rapporto di sostenibilità Conai 2013. La governance

Rapporto di sostenibilità Conai 2013. La governance 62 Rapporto di sostenibilità Conai 2013 La governance Conai dispone di una propria organizzazione che svolge, attraverso le sedi di Roma e Milano, l attività di coordinamento e gli altri compiti descritti

Dettagli

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE D. Lgs. 151/2005 Normativa RAEE D. Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale NORMATIVA

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

l Allegato I, recante Misure sulla tutela dei consumatori (di seguito: direttiva

l Allegato I, recante Misure sulla tutela dei consumatori (di seguito: direttiva DELIBERAZIONE 31 OTTOBRE 2013 477/2013/S/COM AVVIO DI UN PROCEDIMENTO PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI PRESCRITTIVI E SANZIONATORI PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI FATTURAZIONE L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

UNIONCAMERE LOMBARDIA OSSERVATORIO CODICE AMBIENTE 2012 5 novembre 2012

UNIONCAMERE LOMBARDIA OSSERVATORIO CODICE AMBIENTE 2012 5 novembre 2012 UNIONCAMERE LOMBARDIA OSSERVATORIO CODICE AMBIENTE 2012 5 novembre 2012 Responsabilità estesa del produttore: la nuova Direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)

Dettagli