2.11 IMBALLAGGI MULTIMODALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.11 IMBALLAGGI MULTIMODALI"

Transcript

1 2.11 IMBALLAGGI MULTIMODALI Dal momento che è sempre più frequente il trasporto intermodale, riteniamo utile ricordare che le diverse modalità di trasporto non sono ancora completamente armonizzate per quanto riguarda le Istruzioni di imballaggio. Una delle differenze più significative è costituita dal fatto che, per molte merci pericolose, ADR, RID, ADN e Codice prevedono la possibilità di trasportarle negli imballaggi indicati nelle Istruzioni di imballaggio P001 (per i liquidi) e P002 (per i solidi). Tale possibilità non è però prevista nelle Istruzioni Tecniche dell ICAO, secondo le quali è sempre necessario utilizzare la specifica Istruzione di imballaggio assegnata alla specifica merce. A tale proposito si ricorda peraltro che è in corso, da parte del Dangerous Goods Panel, una revisione delle Istruzioni Tecniche dell ICAO per allinearle il più possibile, in termini di Istruzioni di imballaggio, alle Raccomandazioni ONU - Regolamento tipo, alle quali ADR, RID, ADN e Codice già sono allineate. Con riferimento alle Istruzioni di imballaggio P001 e P002, esistono peraltro alcune differenze significative fra ADR,RID,ADN, da una parte, e Codice dall altra: differenze che riguardano soprattutto le materie classificate nel Gruppo di imballaggio I, per le quali il Codice proibisce alcune tipologie di imballaggio (coperchio amovibile) o ne limita a valori inferiori il contenuto massimo. Le differenze in questione sono evidenziate nelle tabelle seguenti, nelle quali sono riportati gli imballaggi consentiti e i quantitativi massimi previsti da tali normative. Si ricorda comunque che esistono ulteriori differenze fra ADR,RID, ADN e Codice, relative a queste istruzioni di imballaggio (quali ad esempio la richiesta, in ADR, RID, ADN, di prevedere sfiati per materie della classe 3, gruppo di imballaggio III che sviluppano anidride carbonica o azoto, prevista in una disposizione supplementare, oppure l estensione, nel Codice, della disposizione speciale PP31, che prevede la chiusura ermetica, a ulteriori rubriche). Nota editoriale: Nelle tabelle seguenti sono indicati in blu i valori che nel Codice differiscono da ; quando nella colonna non è riportato alcun valore, si intende che i valori sono eguali per le diverse normative P001 Istruzione di imballaggio (materie liquide) P001 Sono autorizzati i seguenti imballaggi se soddisfano le disposizioni generali delle sezioni e : Imballaggi combinati Massima capacità/massa netta massima (vedere ) Imballaggi interni Imballaggi esterni Gruppo di imballaggio I Gruppo di imballaggio II Gruppo di imballaggio III

2 vetro plastica metallo 10 l 30 l 40 l acciaio (1A2) alluminio (1B2) metallo diverso dall acciaio o dall alluminio (1N2) plastica (1H2) legno compensato (1D) cartone (1G) acciaio (4A) alluminio (4B) legno naturale (4C1, 4C2) legno compensato (4D) legno ricostituito (4F) cartone (4G) plastica espansa (4H1) plastica rigida (4H2) acciaio (3A2) alluminio (3B2) plastica (3H2) Imballaggi semplici: acciaio con coperchio non amovibile (1A1) acciaio con coperchio amovibile (1A2) alluminio con coperchio non amovibile (1B1) alluminio con coperchio amovibile (1B2) metallo diverso dall acciaio o dall alluminio, con coperchio non amovibile (1N1) metallo diverso dall acciaio o dall alluminio, con coperchio amovibile (1N2) plastica con coperchio non amovibile (1H1) plastica con coperchio amovibile (1H2) acciaio con coperchio non amovibile (3A1) acciaio con coperchio amovibile (3A2) alluminio con coperchio non amovibile (3B1) alluminio con coperchio amovibile (3B2) plastica con coperchio non amovibile (3H1) plastica con coperchio amovibile (3H2) *) proibito *) proibito *) proibito *) proibito *) proibito *) proibito *) proibito Imballaggi compositi Recipiente di plastica con fusto esterno di acciaio o di alluminio (6HA1, 6HB1) Recipiente di plastica con fusto esterno di cartone, di plastica o di legno compensato (6HG1, 6HH1, 6HD1) 120 l

3 Recipiente di vetro con fusto esterno di acciaio o di alluminio, di cartone, di legno compensato, di plastica rigida o di plastica espansa (6PA1, 6PB1, 6PG1, 6PD1, 6PH1 o 6PH2) o con gabbia o cassa esterna di acciaio o di alluminio (6PA2, 6PB2) o con cassa esterna di legno naturale, o di cartone, o paniere esterno intrecciato (6PC, 6PG2 o 6PD2)

4 P002 Istruzione di imballaggio (materie solide) P002 Sono autorizzati i seguenti imballaggi se soddisfano le disposizioni generali delle sezioni e : Imballaggi combinati Massa netta massima (vedere ) Imballaggi interni vetro 10 kg plastica 50 kg metallo 50 kg carta 50 kg cartone 50 kg Imballaggi esterni Gruppo di imballaggio I Gruppo di imballaggio II Gruppo di imballaggio III acciaio (1A2) alluminio (1B2) metallo diverso dall acciaio o dall alluminio (1N2) plastica (1H2) legno compensato (1D) cartone (1G) acciaio (4A) alluminio (4B) legno naturale (4C1) legno naturale, con pannelli a tenuta di polveri (4C2) legno compensato (4D) legno ricostituito (4F) cartone (4G) plastica espansa (4H1) plastica rigida (4H2) acciaio (3A2) alluminio (3B2) plastica (3H2) kg 125 kg 125 kg Imballaggi semplici: acciaio (1A1 o 1A2 4) ) alluminio (1B1 o 1B2 4) ) metallo diverso dall acciaio o dall alluminio (1N1 o 1N2 4) ) plastica (1H1 o 1H2 4) ) cartone (1G) 5) legno compensato (1D) 5) acciaio (3A1 o 3A2 4) ) alluminio (3B1 o 3B2 4) ) plastica (3H1 o 3H2 4) ) acciaio (4A) 5) Non autorizzato alluminio (4B) 5) Non autorizzato legno naturale (4C1) 5) Non autorizzato legno compensato (4D) 5) Non autorizzato legno ricostituito (4F) 5) Non autorizzato legno naturale, con pannelli a tenuta di polveri Non autorizzato (4C2) 5) cartone (4G) 5) Non autorizzato plastica rigida (4H2) 5) Non autorizzato Sacchi di Plastica, tessuto, carta (5H3, 5H4, 5L3, 5M2) 5) Non autorizzato 50 kg 50 kg Imballaggi compositi

5 Recipiente di plastica con fusto esterno di acciaio, di alluminio, di cartone, di legno compensato o di plastica (6HA1, 6HB1, 6HG1 5), 6HD1 5) o 6HH1) Recipiente di plastica con gabbia o cassa esterna di acciaio, di alluminio, cassa esterna di legno naturale, di legno compensato, di cartone o di plastica rigida (6HA2, 6HB2, 6HC, 6HD2 5), 6HG2 5) o 6HH2) Recipiente di vetro con fusto esterno di acciaio, di alluminio, di legno compensato o di cartone (6PA1, 6PB1, 6PD1 5) o 6PG1 5) ) o con gabbia o cassa esterna di acciaio o di alluminio, o con cassa esterna di legno naturale o di cartone o con paniere esterno intrecciato (6PA2, 6PB2, 6PC, 6PG2 5) o 6PD2 5) ) o con imballaggio esterno di plastica rigida o espansa (6PH2 o 6PH1 5) )

PARTE 4 UTILIZZAZIONE DEGLI IMBALLAGGI, GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), GRANDI IMBALLAGGI, CISTERNE MOBILI, CISTERNE

PARTE 4 UTILIZZAZIONE DEGLI IMBALLAGGI, GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), GRANDI IMBALLAGGI, CISTERNE MOBILI, CISTERNE PARTE 4 UTILIZZAZIONE DEGLI IMBALLAGGI, GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), GRANDI IMBALLAGGI, CISTERNE MOBILI, CISTERNE METALLICHE E CONTENITORI-CISTERNA IN MATERIA PLASTICA RINFORZATA

Dettagli

Scheda del rifiuto classificato in ADR UN 3082

Scheda del rifiuto classificato in ADR UN 3082 Scheda del rifiuto classificato in ADR Modalità di Trasporto: in COLLI Data 26/03/2013 1. Classificazione ADR N. ONU: 3082 Denominazione: MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, LIQUIDA, N.A.S. Classe ADR:

Dettagli

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 6

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 6 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA COSTRUZIONE E ALLE PROVE DEGLI IMBALLAGGI, DEI CONTENITORI INTERMEDI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (IBC), DEI GRANDI IMBALLAGGI, DELLE CISTERNE E DEI CONTAINER PER IL TRASPORTO

Dettagli

1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa V. 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione V

1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa V. 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione V 3001 Cosa s'intende per collo? 1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione 3) L'imballaggio o recipiente pronto

Dettagli

PARTE 6 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA COSTRUZIONE DI IMBALLAGGI, DI GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), DI GRANDI IMBALLAGGI, DI

PARTE 6 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA COSTRUZIONE DI IMBALLAGGI, DI GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), DI GRANDI IMBALLAGGI, DI PARTE 6 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA COSTRUZIONE DI IMBALLAGGI, DI GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), DI GRANDI IMBALLAGGI, DI CISTERNE MOBILI, DI CISTERNE METALLICHE E DI CONTENITORI

Dettagli

Prot. n. 174-MOT2/C Roma, 14 gennaio 2002

Prot. n. 174-MOT2/C Roma, 14 gennaio 2002 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO DEI TRASPORTI TERRESTRI Unità di gestione motorizzazione e sicurezza del trasporto terrestre MOT 2 Prot. n. 174-MOT2/C Roma, 14 gennaio 2002

Dettagli

Definizioni su ADR. un dispositivo che deve essere considerato come un contenitore-cisterna;

Definizioni su ADR. un dispositivo che deve essere considerato come un contenitore-cisterna; Definizioni su ADR ADR Aerosol o Generatore di aerosol Cassa L ADR è un accordo elaborato dalla Commissione economica delle Nazioni Unite per l Europa a Ginevra mediante il quale la maggior parte degli

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO DEI TRASPORTI TERRESTRI Unità di Gestione Motorizzazione Ufficio MOT 2 Roma, 14.1.2002 Prot. n. 174-MOT2/C DIRIGENTI COORDINATORI LORO SEDI UFFICI

Dettagli

COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA dei rifiuti solidi urbani ANNO 2016 GENNAIO 2016 1 venerdì 2 sabato umido ed organico -secco non riciclabile 3 domenica 4 lunedì umido ed organico

Dettagli

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Torino, 8 ottobre 2013 Francesca Ilgrande Quanti rifiuti da imballaggio in un anno?

Dettagli

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l.

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. IL TRASPORTO DEI RIFIUTI PERICOLOSI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. ARGOMENTI TRATTATI Classificazione di un rifiuto ai fini della normativa A.D.R. Prescrizioni applicabili al trasporto

Dettagli

Commento alle modifiche dell ADR

Commento alle modifiche dell ADR Commento alle modifiche dell ADR Il presente commento fa riferimento agli aspetti più importanti contenuti nel documento «Modifications de l ADR» (documento 1.1). Definizioni Nel capitolo vengono inserite

Dettagli

Commenti alle modifiche dell ADR 2015

Commenti alle modifiche dell ADR 2015 Commenti alle modifiche dell ADR 2015 Le proposte di modifica all ADR 2015 sono raccolte in un documento di oltre 150 pagine (cfr. documento 1.1 «Modifiche ADR 2015»). I commenti che seguono si riferiscono

Dettagli

TABELLA 1 Codice CER Descrizione R13 R12 SC R12 EI/A/DR/RV R3 02.01.04 rifiuti plastici (ad esclusione degli imballaggi) 03.01.01 scarti di corteccia e sughero 03.01.05 04.01.08 segatura, trucioli, residui

Dettagli

Imballaggio in Cifre 2013. Consuntivo generale 2013 dell'industria italiana dell'imballaggio

Imballaggio in Cifre 2013. Consuntivo generale 2013 dell'industria italiana dell'imballaggio Imballaggio in Cifre 2013 Consuntivo generale 2013 dell'industria italiana dell'imballaggio A cura di Barbara Iascone Plinio Iascone Daniela Aldrigo Copyright 2013 by Istituto Italiano Imballaggio Ogni

Dettagli

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO.

SPAZIO RISERVATO AL DESTINARIO DEL RIFIUTO. ABC 123456/14 FORMULARIO RIFIUTI D.Lgs. del 5 febbraio 1997, n.22 (art. 15 e successive modifiche e integrazioni) D.M. del 1 aprile 1998, n 145 Direttiva Ministero Ambiente 9 aprile 2002 D.Lgs 3 aprile

Dettagli

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 Settore: Sicurezza e Salute sul Lavoro / Ambiente Normativa di Settore collegata: ADR 2015 D.Lgs. 35/2010 e smi D.Lgs. 40/2000 e smi Destinatari: Servizio HSE - Consulenti Revisione

Dettagli

I contenitori per il trasporto in ADR

I contenitori per il trasporto in ADR I contenitori per il trasporto in ADR I contenitori per il trasporto in ADR COSA DOBBIAMO INTENDERE COL TERMINE «CONTENITORE»? Termine generico non presente nell ADR. Dobbiamo intendere ciò che contiene

Dettagli

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche»

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» 6 Workshop della Logistica Chimica: "Uno strumento di supporto alle Imprese per la scelta più idonea delle unità di confezionamento". «IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» Massimo Vitali

Dettagli

Imballaggio in Cifre 2015. Consuntivo generale 2014 dell'industria italiana dell'imballaggio

Imballaggio in Cifre 2015. Consuntivo generale 2014 dell'industria italiana dell'imballaggio anno 2015 dati 2014 Imballaggio in Cifre 2015 Consuntivo generale 2014 dell'industria italiana dell'imballaggio A cura di Barbara Iascone Plinio Iascone Copyright 2015 by Istituto Italiano Imballaggio

Dettagli

Direttiva sul trasporto di merci pericolose

Direttiva sul trasporto di merci pericolose Direttiva sul trasporto di merci pericolose Merci pericolose a destinazione con la massima sicurezza. Valida dal 1 /05/2015 Indice 1. Premessa 2. Campo di applicazione della direttiva e condizioni 3. Merci

Dettagli

UTENZE DOMESTICHE COMUNE DI PETTINEO SERVIZIO IGIENE URBANA GENNAIO 2015

UTENZE DOMESTICHE COMUNE DI PETTINEO SERVIZIO IGIENE URBANA GENNAIO 2015 GENNAIO 2015 1 giovedì 2 venerdì secco non riciclabile - umido ed organico 3 sabato vetro e lattine - umido ed organico 4 domenica 5 lunedì umido ed organico -secco non riciclabile 6 martedì 7 mercoledì

Dettagli

Gli emendamenti ufficiali UNECE che costituiscono il complesso delle novità ADR 2013 sono:

Gli emendamenti ufficiali UNECE che costituiscono il complesso delle novità ADR 2013 sono: Il 1 gennaio 2013 è entrato in vigore l'aggiornamento 2013 del Regolamento internazionale sull'autotrasporto delle merci pericolose ADR 2013. Nella fase iniziale, l'applicazione delle nuove norme è obbligatoria

Dettagli

Gli Allegati A e B sono stati periodicamente aggiornati dall entrata in vigore dell ADR.

Gli Allegati A e B sono stati periodicamente aggiornati dall entrata in vigore dell ADR. ADR European Agreement concerning the International Carriage of Dangerous goods by Road Accordo europeo per il trasporto internazionale delle merci pericolose su strada Cenni generali e storici L Accordo

Dettagli

Quiz-2013-Addendum 1

Quiz-2013-Addendum 1 GA 057 GC-124 GC-125 GC-126 Le autorità competenti dei Paesi RID/ADR/ADN non possono mai derogare al RID/ADR/ADN possono, limitatamente al territorio nazionale, adottare deroghe al RID/ADR/ADN possono

Dettagli

Come imballare le vostre spedizioni. Guida generale per l imballaggio delle spedizioni

Come imballare le vostre spedizioni. Guida generale per l imballaggio delle spedizioni Come imballare le vostre spedizioni p Guida generale per l imballaggio delle spedizioni A cosa serve l imballaggio? La funzione dell imballaggio è quella di fornire il livello di protezione necessario

Dettagli

4.3 Il recupero di materia

4.3 Il recupero di materia 4.3 Il recupero di materia Nel 2008 sono state gestite tramite operazioni di recupero di materia (da R2 a R13) oltre 13.000.000 t di rifiuti in Veneto nei circa 1.200 impianti ubicati sul territorio regionale.

Dettagli

ALLEGATO A - DISPOSIZIONI GENERALI E DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE MATERIE E OGGETTI PERICOLOSI

ALLEGATO A - DISPOSIZIONI GENERALI E DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE MATERIE E OGGETTI PERICOLOSI Pagina 1 di 43 Decreto Ministeriale del 23/09/2005 Pubblicazione della traduzione in lingua italiana del testo consolidato della versione 2005 delle disposizioni degli allegati A e B dell'accordo europeo

Dettagli

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA 1.2.1 Definizioni NOTA: In questa sezione, figurano tutte le definizioni d ordine generale o specifico. Nell'ADR s'intende per: A "Acciaio di riferimento", un

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE

(Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE L 86/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.4.2005 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 marzo 2005 che stabilisce

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

Spedizioni di merci pericolose nel canale postale Factsheet

Spedizioni di merci pericolose nel canale postale Factsheet Spedizioni di merci pericolose nel canale postale Factsheet Ultimo adattamento: 01.01.2008 Principio: senza autorizzazione speciale => nessuna spedizione di merci pericolose all estero Tutte le sostanze

Dettagli

Novità ADR 2013 ad altri aspetti applicativi

Novità ADR 2013 ad altri aspetti applicativi IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE Novità ADR 2013 ad altri aspetti applicativi Dott. Ing.. Alfonso SIMONI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione 1 Argomenti

Dettagli

Pannelli di segnalazione

Pannelli di segnalazione Pannelli di segnalazione Posizionamento di etichettatura e segnalazioni Se una cisterna a più scomparti trasporta sostanze con i numeri ONU1202 (gasolio), 1203 (benzina) e 1223 (cherosene), oppure 1268

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

Corsi di Formazione DGSA-ffi : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1

Corsi di Formazione DGSA-ffi : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1 Corsi di Formazione : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1 Codice Corso MI 02-04 PI 03-04 TR 04-04 SEDE del Corso FLASHPOINT S.r.l. (MILANO) www.flashpointsrl.com Via Pelizza

Dettagli

Inserimento Prenotazione Booking On-Line. NUOVE INFORMAZIONI ADR 2015 SPECIFICA N. 1

Inserimento Prenotazione Booking On-Line. NUOVE INFORMAZIONI ADR 2015 SPECIFICA N. 1 Inserimento Prenotazione Booking On-Line. NUOVE INFORMAZIONI ADR 2015 Adeguamento alle Normative in vigore in materia di Trasporto di merci Pericolose e Rifiuti vigore dal 1/7/2015. Di seguito le novità

Dettagli

Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003. Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici

Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003. Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003 Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici 1-Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Sono state anche revisionate le esenzioni relative al trasporto dei carburanti liquidi (1.1.3.3), per le quali sono state aggiunte nuove condizioni:

Sono state anche revisionate le esenzioni relative al trasporto dei carburanti liquidi (1.1.3.3), per le quali sono state aggiunte nuove condizioni: Novità ADR 2015 ESENZIONI (CAP. 1.1.3) Le novità più rilevanti riguardano il campo dell applicazione della norma ed alcuni tipi di esenzione. Va evidenziata l introduzione di una specifica esenzione riguardante

Dettagli

Scheda Rifiuto UN 3077 MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, SOLIDA, N.A.S., 9, III AGGIORNAMENTO: 10/8/2016 ADR 2015

Scheda Rifiuto UN 3077 MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, SOLIDA, N.A.S., 9, III AGGIORNAMENTO: 10/8/2016 ADR 2015 Possibili codici CER : 12.01.14, 12.01.18, 15.02.02, 16.03.03, 16.03.05, 19.08.06 Classificazione ADR UN 3077 MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, SOLIDA, N.A.S., 9, III Nome tecnico del rifiuto (da riportare

Dettagli

STUDIO DI CASI MODALITA STRADALE UN AUTOCISTERNA CONTENENTE ISOPROPILAMMINA E TRASPORTATA CON MODALITA COMBINATA STRADA-FERROVIA

STUDIO DI CASI MODALITA STRADALE UN AUTOCISTERNA CONTENENTE ISOPROPILAMMINA E TRASPORTATA CON MODALITA COMBINATA STRADA-FERROVIA STUDIO DI CASI MODALITA STRADALE CASO 1 SV UN AUTOCISTERNA CONTENENTE ISOPROPILAMMINA E TRASPORTATA CON MODALITA COMBINATA STRADA-FERROVIA a) Indicare la classificazione della merce pericolosa secondo

Dettagli

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 1 DISPOSIZIONI GENERALI

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 1 DISPOSIZIONI GENERALI PARTE 1 DISPOSIZIONI GENERALI 7 8 1.1.1 Struttura 2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali CAPITOLO 1.1 CAMPO D APPLICAZIONE E APPLICABILITÀ Gli allegati A e B dell ADR sono articolati

Dettagli

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Dott. Marco Ottaviani Coordinatore Area Ambiente ANIE-CSI Convegno Mercoledì 6 maggio 2009 Palazzo delle Stelline, Milano, C.so Magenta

Dettagli

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 ing. Cesare Cosentino Coordinatore AIAS Calabria Consigliere Nazionale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI

Dettagli

--------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------- D.M. 3 maggio 2001 Recepimento della direttiva 2000/61/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 ottobre 2000 che modifica la direttiva 94/55/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle

Dettagli

BetonTherm. Sistemi di isolamento a cappotto termico corazzato LISTINO PREZZI CAPPOTTI TERMICI BETONTHERM 2016

BetonTherm. Sistemi di isolamento a cappotto termico corazzato LISTINO PREZZI CAPPOTTI TERMICI BETONTHERM 2016 LISTINO PREZZI CAPPOTTI TERMICI BETONTHERM 2016 BetonTherm Sistemi di isolamento a cappotto termico corazzato Sistemi costruttivi a secco per la bioedilizia LEGENDA Cappotti termici corazzati BetonTherm

Dettagli

Specifiche tecniche. KeyKeg Slimline 20 e 30 litri. KeyKeg Baseline 20 e 30 litri

Specifiche tecniche. KeyKeg Slimline 20 e 30 litri. KeyKeg Baseline 20 e 30 litri Specifiche tecniche KeyKeg Slimline 20 e 30 litri e KeyKeg Baseline 20 e 30 litri 2 Indice Pagina Specifiche tecniche 3 KeyKeg Slimline e Baseline 3 Consigli per il trasporto e lo stoccaggio di KeyKeg

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 38.32.20 RECUPERO E PREPARAZIONE PER

Dettagli

Procedura e Metodi di prova per gli imballaggi per merci pericolose ai sensi del paragrafo 6.1.5 del Codice IMDG

Procedura e Metodi di prova per gli imballaggi per merci pericolose ai sensi del paragrafo 6.1.5 del Codice IMDG Allegato (Decreto n. 481/2010) Procedura e Metodi di prova per gli imballaggi per merci pericolose ai sensi del paragrafo 6.1.5 del Codice IMDG 1. Scopo 1.1 Il presente documento stabilisce le procedure

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO ALLEGATO 1 GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO RIFIUTI SANITARI: i rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità,

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

CARRELLI SALA OPERATORIA

CARRELLI SALA OPERATORIA CARRELLI SALA OPERATORIA 1) N. 2 TAVOLI SERVITORI Tavolo servitore con struttura in acciaio inox 18/10 (AISI 304). Regolazione dell'altezza mediante pompa oleodinamica a circuito chiuso con movimento a

Dettagli

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate.

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate. CATEGORIA 2 RACCOLTA E TRASPORTO DO RIFIUTI NON PERICOLOSI INDIVIDUATI AI SENSI DELL ARTICOLO 33 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 FEBBRAIO 1997, N. 22, AVVIATI AL RECUPERO IN MODO EFFETTIVO ED OGGETTIVO. IMPRESA:

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Colli: prove, condizionamenti e compatibilità. Piero Luigi Tagliabue 24 novembre 2015

Colli: prove, condizionamenti e compatibilità. Piero Luigi Tagliabue 24 novembre 2015 Colli: prove, condizionamenti e compatibilità Piero Luigi Tagliabue 24 novembre 2015 Le normative che disciplinano il trasporto di merci pericolose prevedono, per il trasporto di merci pericolose, l obbligo

Dettagli

Raccolta domiciliare porta a porta

Raccolta domiciliare porta a porta Città di Sasso Marconi Raccolta domiciliare porta a porta Sasso Marconi, novembre 2007 Il continuo aumento della quantità di rifiuti prodotti ci sta ponendo urgenti problemi di gestione e di smaltimento

Dettagli

DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR

DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR 5.4.1.1 Informazioni generali che devono figurare nel documento di trasporto 5.4.1.1.1 Il o i documenti di trasporto devono contenere le seguenti informazioni per ogni materia

Dettagli

Confronto dei criteri di classificazione tra regolamento CLP e ADR 2015

Confronto dei criteri di classificazione tra regolamento CLP e ADR 2015 Confronto dei criteri di classificazione tra regolamento CLP e ADR 2015 Milano, 25 Marzo 2015 ADR : Da Norma internazionale a norma nazionale Accordo Europeo relativo al trasporto internazionale di merci

Dettagli

Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti

Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti Dipartimento di Energia DIEM DIIAR Dipartimento Ingegneria Civile e Ambientale Istituto Economia delle Fonti di Energia

Dettagli

Il recupero dei rifiuti in Italia: alcune buone pratiche settoriali

Il recupero dei rifiuti in Italia: alcune buone pratiche settoriali Il recupero dei rifiuti in Italia: alcune buone pratiche settoriali Silvia Navach, FISE UNIRE I numeri del riciclo nel 2012 Carta e cartone: avviata a riciclo 3,6 Mton pari all 84% dell immesso al consumo

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Tavola rotonda: «Esperienze e tecnologie per le bonifiche ambientali» Ing. Roberto Vespa Direttore Tecnico -

Dettagli

MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata

MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata LIFE09 ENV/IT/000068 WASTELESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Francesca Ilgrande. Ridurre l impatto l nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali

Francesca Ilgrande. Ridurre l impatto l nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Francesca Ilgrande Quanti rifiuti in un anno? Andamento della produzione di rifiuti

Dettagli

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia.

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. Al fine di ridurre l'impatto ambientale,si occupa del riciclaggio dei materiali

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

Il trasporto di rifiuti speciali e la compatibilità con la norma ADR

Il trasporto di rifiuti speciali e la compatibilità con la norma ADR Il trasporto di rifiuti speciali e la compatibilità con la norma ADR Prefazione La presente pubblicazione è frutto di una sinergia tra vari enti pubblici ed operatori specializzati, che si sono confrontati

Dettagli

A casa in tutte le serie. COMPONENTI TECNICI COMPONENTI TECNICI. 258 A casa in tutte le serie. 260 Esempio: edilizia

A casa in tutte le serie. COMPONENTI TECNICI COMPONENTI TECNICI. 258 A casa in tutte le serie. 260 Esempio: edilizia 256 COMPONENTI TECNICI 258 A casa in tutte le serie. 260 Esempio: edilizia 261 Esempio: settore solare ed elettronico 262 Esempio: tecnica di trasporto 263 Esempio: elettrodomestici / apparecchi A casa

Dettagli

Mi Rifiuto. Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08

Mi Rifiuto. Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08 Mi Rifiuto Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08 Giuseppe CONCARO La gestione dei rifiuti agricoli Ecologos Via M. Buniva 8 10124 Torino Tel 011.19707846

Dettagli

COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI

COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI AVVISO AI CITTADINI APERTURA ECOCENTRO COMUNE DI USINI Alle ore 9:00 di Sabato 14 Marzo 2015 avrà luogo l inaugurazione del Centro

Dettagli

Incontro formativo Il trasporto marittimo delle merci pericolose

Incontro formativo Il trasporto marittimo delle merci pericolose ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza Incontro formativo Il trasporto marittimo delle merci pericolose Presentazione Ing. Giovanbattista Marini Milano, 16 maggio

Dettagli

Un sacco. di differenza

Un sacco. di differenza Un sacco di differenza Utenze commerciali - Q.re Porto Un sacco di differenza Buongiorno, il Comune ed Hera hanno una buona notizia da darvi: nel quartiere Porto, dove avete la vostra attività commerciale,

Dettagli

ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI

ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI Deliberazione 27 settembre 2000, n. 4 Contenuti dell attestazione, a mezzo di perizia giurata, dell idoneità dei mezzi di trasporto di

Dettagli

Manometro differenziale con contatti elettrici Costruzione completamente saldata Modelli DPGS43.1x0, versione in acciaio inox

Manometro differenziale con contatti elettrici Costruzione completamente saldata Modelli DPGS43.1x0, versione in acciaio inox Misura di pressione meccatronica Manometro differenziale con contatti elettrici Costruzione completamente saldata Modelli DPGS43.1x0, versione in acciaio inox Scheda tecnica WIKA PV 27.05 Applicazioni

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Aimeri Ambiente. per l ambiente. Premessa. Questione Risposte Che fare? Fine

Aimeri Ambiente. per l ambiente. Premessa. Questione Risposte Che fare? Fine l ambiente CARCARE SCUOLE settembre 2012 Sistema Amministrazione Pubblica Gestione Cittadino A che vale accettare che tutto cambi, tranne il nostro modo di pensare? Einstein Il cambiamento non va accettato,

Dettagli

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Rifiuti solidi urbani indifferenziati (1) 92,50 (*) 10% Pneumatici assimilati agli urbani e conferiti in modo differenziato alle piattaforme di lavorazione (1) 92,50

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti.

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. 2 LA ECO. LAN. S. P.A. SI OCCUPA DI SMALTIMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI (SERVIZI

Dettagli

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile Raccolta differenziata Comune di Torre del Greco (NA) Dati di produzione R.U. e percentuale di raccolta differenziata Anno 2015 % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile 50% 45% 40% 35% 30% 25%

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD30U ATTIVITÀ 38.31.10 DEMOLIZIONE DI CARCASSE ATTIVITÀ 38.32.10 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 38.32.20 RECUPERO E PREPARAZIONE PER

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 -

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 - Strada Vecchia per Bosco Marengo 15067 NOVI LIGURE (Alessandria) Tel. 0143 744.516 - Fax 0143 321.556 - www.srtspa.it - e-mail: srtspa@srtspa.it Cod. Fisc./Part. IVA/R.I. AL n 02021740069 - R.E.A. n 219668

Dettagli

ADR 2011 E TRASPORTO DI RIFIUTI PERICOLOSI

ADR 2011 E TRASPORTO DI RIFIUTI PERICOLOSI PROGETTAZIONE, ALLESTIMENTO E MANUTENZIONE DI VEICOLI PER TRASPORTO MERCI PERICOLOSE E COSTRUZIONE DELLE RELATIVE CISTERNE. PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DI IMPIANTI TECNOLOGICI RELATIVI

Dettagli

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Simona Fontana Responsabile Centro Studi - Area Prevenzione Rimini, 5 novembre 2014 Il Sistema CONAI,

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA 1.2.1 Definizioni CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA NOTA: In questa sezione, figurano tutte le definizioni di ordine generale o specifico. Nell'ADR si intende per: A Acciaio di riferimento, un

Dettagli

RID. ristrutturato in vigore dal 1 luglio 2001. Regolamento concernente il trasporto internazionale ferroviario di merci pericolose (RID)

RID. ristrutturato in vigore dal 1 luglio 2001. Regolamento concernente il trasporto internazionale ferroviario di merci pericolose (RID) RID ristrutturato in vigore dal 1 luglio 2001 Regolamento concernente il trasporto internazionale ferroviario di merci pericolose (RID) Traduzione italiana a cura dell ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Dato atto che le aziende agricole possono produrre rifiuti speciali non pericolosi, anche in modeste quantità;

LA GIUNTA COMUNALE. Dato atto che le aziende agricole possono produrre rifiuti speciali non pericolosi, anche in modeste quantità; G.C. n. 34 del 28/03/2012 OGGETTO: Prosecuzione per l'anno 2012 del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi assimilati agli urbani prodotti dalle imprese agricole

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Condividere saperi. I corsi di base della Fondazione Serughetti La Porta ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Il linguaggio. La comunicazione che vogliamo sentirci raccontare

Dettagli

Contenuto di umidita. Calore specifico. c [kj/kgk] [%]

Contenuto di umidita. Calore specifico. c [kj/kgk] [%] Allegato A Proprietà termofisiche dei materiali da costruzione Materiale Massa Volumica ρ [kg/m 3 ] Calore specifico c [kj/kgk] Contenuto di umidita [%] Conduttività termica utile di calcolo λ [W/mK] Permeabilità

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111 SEGUE ALLEGATO N.2 ALLE PRESCRIZIONI DI GARA SCHEDA PREZZI ANNUALI SERVIZI IN APPALTO Servizi base Totale Cernobbio Maslianico Brienno Carate-Urio Laglio Moltrasio Servizio raccolta e trasporto all impianto

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli