FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI"

Transcript

1 FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI DOCUMENTO SULLA POLITICA DI INVESTIMANTO (Documento approvato in data 15/10/2014) DENOMINAZIONE FONDO DI PREVIDENZA DIPENDENTI S.I.SER O DELLA SOCIETÀ O ENTE CHE GESTISCE I GIOCHI AMERICANI PRESSO IL CASINO DE LA VALLÉE DI SAINT VINCENT - FONDO PENSIONE - Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n Il presente documento si compone delle seguenti sezioni: Premessa Obiettivi da realizzare nella gestione finanziaria Criteri da seguire nell attuazione della Politica di investimento Compiti e responsabilità dei soggetti coinvolti nel processo di investimento Sistema di controllo e valutazione dei risultati conseguiti Modifiche apportate al documento Il Documento è redatto dal FONDO DI PREVIDENZA DIPENDENTI S.I.SER O DELLA SOCIETÀ O ENTE CHE GESTISCE I GIOCHI AMERICANI PRESSO IL CASINO DE LA VALLÉE DI SAINT VINCENT - FONDO PENSIONE di seguito denominato FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI,secondo le indicazioni stabilite dalla COVIP con la Delibera 16 marzo Il Documento è a disposizione degli aderenti che ne facciano richiesta scritta a mezzo mail o posta ai seguenti indirizzi: ; Fondo Pensione Giochi Americani Via I. Mus Saint-Vincent (AO) Pagina 1 di 15

2 Il presente Documento ha lo scopo di definire la strategia finanziaria che la forma pensionistica intende attuare per ottenere, dall impiego delle risorse affidate, combinazioni rischio/rendimento efficienti nell arco temporale coerente con i bisogni previdenziali degli aderenti. Il Documento è soggetto a costante aggiornamento. Esso pertanto non costituisce documentazione contrattuale. Conseguentemente nessuna azione, lamentela o richiesta potrà essere formulata sulla base delle informazioni contenute nel presente Documento, se non riportate nella Nota informativa che, oltre all accordo sindacale, allo Statuto e al regolamento, rappresenta l unico documento contrattuale che lega l aderente al FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI. Pagina 2 di 15

3 1. PREMESSA Il Documento ha lo scopo di definire la strategia finanziaria che il FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI intende attuare per ottenere, dall impiego delle risorse affidate, una combinazione di rischio-rendimento efficiente nell arco temporale coerente con i bisogni previdenziali degli aderenti e con le prestazioni da erogare. Tale documento è redatto in conformità alla deliberazione Covip del 16 marzo 2012 che ha introdotto nuove regole di governante in materia di investimenti. Il documento indica gli obiettivi che il FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI mira a realizzare. Per il raggiungimento dell obiettivo finale, il FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI ha ritenuto porre in essere un unico comparto caratterizzato da una gestione a basso rischio, da un rendimento minimo garantito e dal consolidamento del capitale. Il Documento sulla politica di investimento é soggetto a revisione periodica triennale. Esso viene trasmesso in sede di prima definizione ed in seguito in occasione di ogni sua modifica: - Agli Organi di Controllo del FONDO PENSIONE DIPENDENTI GIOCHI AMERICANI ed al Responsabile - Ai soggetti incaricati della gestione - Alla COVIP, entro venti giorni dalla sua formalizzazione. 1.1 Caratteristiche generali del Fondo Pensione Giochi Americani Il Fondo Pensione Giochi Americani è un fondo pensione complementare a capitalizzazione per i lavoratori dipendenti S.I.Ser o della società o ente che gestisce i giochi americani presso il Casinò de la Vallée di Saint-Vincent, è finalizzato all erogazione di trattamenti pensionistici complementari del sistema previdenziale obbligatorio ai sensi del d.lgs. 5 dicembre 2005, n Il Fondo Pensione Giochi Americani è strutturato secondo una gestione monocomparto secondo quanto previsto dallo Statuto e dal Regolamento di Attuazione applicati ai dipendenti della Casinò de la Vallée S.p.A. - Giochi Americani -, nel rispetto dell art. 23 del CCAL. Il Fondo Pensione Giochi Americani è iscritto all albo tenuto dalla COVIP con il n ed è stato costituito in attuazione dell accordo stipulato nell aprile 1987 tra la S.I.Ser S.p.A. concessionaria pro tempore dei Giochi Americani presso il Casinò de la Vallée di Saint-Vincent e le Organizzazioni Sindacali. Il Fondo Pensione Giochi Americani,al fine di realizzare l obiettivo come riportato nell art. 6.1 dello Statuto,gestisce le proprie attività mediante la stipula di contratti assicurativi, con imprese di assicurazione di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n 209 e successive modificazioni e integrazioni (di seguito d.lgs. 209/2005). I contributi netti raccolti sono quindi investiti nella Gestione Separata denominata VITARIV di Allianz S.p.A. 1.2 Destinatari Come previsto dall art. 5 dello Statuto Il FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI è rivolto a tutti i dipendenti regolarmente assunti dalla Casinò de la Vallée S.p.A. - Giochi Americani -,l adesione è su base volontaria. Pagina 3 di 15

4 Destinatari delle prestazioni sono quindi i dipendenti in servizio presso la Casinò de la Vallée S.p.A. - Giochi Americani- (Associati effettivi), quelli in quiescenza (Associati onorari) e quelli che abbiano inteso mantenere in vigore la propria posizione previdenziale presso il FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI anche se in servizio presso Società non aderenti, ovvero in quiescenza avendo prestato servizio presso una Società non aderente immediatamente prima del pensionamento (Associati cessati). 1.3 Tipologia, natura giuridica e regime previdenziale Il FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI è un Fondo Pensione negoziale preesistente, costituito in forma di associazione riconosciuta, non ha fini di lucro e opera in regime di contribuzione definita (l entità della prestazione è determinata in funzione della contribuzione effettuata e dei relativi rendimenti). Pagina 4 di 15

5 2. OBIETTIVI DA REALIZZARE NELLA GESTIONE FINANZIARIA L obiettivo finale della politica d investimento del FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI è quello di perseguire combinazioni rischio rendimento efficienti in un determinato arco temporale, coerente con quello delle prestazioni da erogare; esse devono massimizzare le risorse destinate alle prestazioni esponendo gli aderenti a un livello di rischio ritenuto accettabile. In questo ambito va sottolineato come FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI sia vincolato all osservanza delle previsioni delle fonti istitutive come espressamente previsto dallo Statuto. Il FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI ha lo scopo di consentire agli associati di disporre, all atto del pensionamento, di prestazioni pensionistiche complementari al sistema obbligatorio, come illustrato all art A tal fine provvede alla raccolta dei contributi, alla gestione delle risorse ed all erogazione delle prestazioni nell esclusivo interesse degli Associati, stipulando le necessarie convenzioni con i soggetti a ciò autorizzati, secondo quanto disposto dalla normativa in materia di previdenza complementare e dall art. 3 del suo Statuto. 2.1 Caratteristiche degli associati IL FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI è riservato ai dipendenti della società o ente che gestisce i Giochi Americani presso il Casinò de la Vallée di Saint-Vincent,(vedi art. 1.2), per cui trova applicazione la Fonte Istitutiva. Per quanto riguarda, invece, la segmentazione per fasce di età e la suddivisione per sesso degli attuali aderenti la situazione attuale è così riassumibile: Classi di età maschi femmine totale Tra 30 e Tra 35 e Tra 40 e Tra 45 e Tra 50 e Tra 55 e Tra 60 e Oltre Totale Il perdurare della crisi e l innalzamento dell età pensionabile hanno generato un aumento dell età media degli aderenti. ( meno assunzioni e meno pensionamenti) Tutti i dipendenti sono iscritti al FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI, la percentuale di coloro che conferiscono il T.F.R. supera il 90%. Contribuzione al fondo pensione. CONTO DITTA CONTO DIPENDENTE TFR da 103,29 a 149,77 mensili in funzione del livello varia dall 1% all 8% dell imponibile previdenziale. Andamento delle adesioni e delle uscite dal Fondo. Si riportano di seguito il numero di liquidazioni e assunzioni avvenute negli ultimi 5anni. Pagina 5 di 15

6 Anno liquidazioni assunzioni Gli obiettivi di rendimento e rischio Risultati delle analisi svolte ed individuazione degli obiettivi strategici. Risultati delle analisi svolte: Tenuto conto delle indicazioni derivanti dalle analisi e agli approfondimenti effettuati in relazione alle caratteristiche socio-demografiche del bacino dei potenziali aderenti e degli aderenti al FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI, si ritiene, considerata l età media e la bassa propensione al rischio degli aderenti,di individuare una linea di investimento comune che rispecchi le aspettative di un basso profilo di rischio, di un consolidamento dei risultati di gestione e di un rendimento minimo garantito. Obiettivi strategici del Fondo pensione: Posta la situazione specifica del Fondo e quanto evidenziato, relativamente alla platea di potenziali aderenti e degli attuali aderenti, sono individuabili obiettivi strategici molto simili, ai quali il Fondo deve risultare essere in grado di offrire risposte adeguate attraverso le politiche di gestione, che così possono essere schematizzate: 1) mantenimento di un tenore di vita adeguato al momento del pensionamento attraverso l integrazione alla rendita pensionistica di base: soggetti che saranno maggiormente toccati dagli effetti delle riforme pensionistiche in termini di diminuzione del tasso di sostituzione; 2) forma di risparmio previdenziale aggiuntivo rispetto al primo pilastro e di massimizzazione dei rendimenti e vantaggi in relazione a quanto previsto dalle disposizioni fiscali vigenti e dalle disposizioni relative alla materia del TFR: soggetti che, tenuto conto dell anzianità previdenziale, non subiranno effetti rilevanti in termini di tasso di sostituzione dalle riforme pensionistiche; 3) Protezione e crescita del capitale in linea con le dinamiche inflazionistiche e prospettiva di percepire la prestazione totalmente sotto forma di capitale: aderenti che godono della qualifica di vecchi iscritti, che non destinano a previdenza complementare quote di TFR e che godranno del diritto a ricevere la prestazione 100% in capitale; 4) Fondo pensione inteso anche come strumento di welfare in grado di garantire un sostegno economico nei momenti di bisogno/difficoltà economica e famigliare attraverso forme di anticipazione (spese mediche, prima casa o per altre cause) e la possibilità di riscattare la posizione parzialmente o totalmente (licenziamento e altri fenomeni legati alla crescente precarizzazione del lavoro e alla perdurante crisi economica/produttiva): aderenti e potenziali aderenti messi in mobilità, cassa integrazione ecc. Tutto ciò considerato si rileva come: Pagina 6 di 15

7 - appare coerente con gli obiettivi e le esigenze previdenziali omogenee dell attuale platea degli iscritti e dei potenziali aderenti la strutturazione in essere del Fondo secondo un unico comparto di investimento avente come caratteristica un basso profilo di rischio, la garanzia di un rendimento minimo garantito e di un capitale consolidato; - l attuale articolazione in un unico comparto così determinato appare coerente anche con le indicazioni normative relative ai concetti di conferimento tacito del T.F.R. e, soprattutto, su quello di efficiente gestione finalizzata a ottimizzare i risultati, contenendo i costi di gestione e amministrazione. Conclusioni: Preso atto e considerato quanto analizzato e fin qui esposto, sulla base dei risultati emersi e delle conclusioni e valutazioni individuate, risulta opportuno in futuro, qualora ci sia un numero importante di nuove assunzioni di soggetti giovani, provvedere all individuazione di una o più linee di investimento più appropriate. Pagina 7 di 15

8 3. CRITERI DA SEGUIRE NELL ATTUAZIONE DELLA POLITICA DI INVESTIMENTO Finalità della gestione: Il FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI come precedentemente illustrato investe i contributi netti raccolti in polizze assicurative stipulate con la Compagnia di Assicurazioni Allianz S.p.A.. Detti contributi, sulla base della politica di investimento definita per la gestione separata del Comparto, produce nel tempo un rendimento variabile in funzione degli andamenti dei mercati e delle scelte di gestione. La presenza di una garanzia di risultato consente di soddisfare le esigenze di un soggetto con una bassa propensione al rischio e rispecchia le caratteristiche per il conferimento tacito del T.F.R. Nella Nota Informativa del Fondo sono descritte le politiche d investimento della Gestione Separata di cui la Convenzione Assicurativa è collegata ed è specificato altresì come la responsabilità esclusiva della politica di investimento rimanga a totale carico della Compagnia Assicurativa. La Gestione separata consente di: - Disporre, all atto del pensionamento, di prestazioni pensionistiche complementari del sistema obbligatorio; - Rivalutare il capitale con una garanzia di rendimento minimo all atto dell erogazione delle prestazioni previste sia in caso di sopravvivenza che di premorienza; - Consolidare annualmente i risultati ottenuti; Di seguito una sintesi del documento sulla politica di investimento della gestione VITARIV di ALLIANZ. Gestione separata VITARIV Orizzonte temporale Breve ( fino a 5 anni ) Grado di rischio Basso Rendimento Medio Annuo atteso 1,80% (al netto dell inflazione) 3,80% (al lordo dell inflazione) Volatilità attesa n.a. Probabilità di rendimenti < garanzia 0 Criteri da seguire nell attuazione degli obiettivi. Finalità della gestione L obiettivo della gestione separata è di ottimizzare gli investimenti in coerenza con gli impegni contrattuali e di conseguire un rendimento annuo tendenzialmente stabile. Criteri da seguire nell attuazione degli obiettivi. Garanzia Con riferimento al capitale assicurato, la Società riconosce un rendimento minimo garantito nella misura del 2% annuo per quanto riguarda le riserve al 31/12/2014 per i versamenti successivi si garantisce il capitale: Pagina 8 di 15

9 Politica di investimento Lo stile gestionale adottato è volto a perseguire la sicurezza, la redditività e la liquidità degli investimenti. Le politiche gestionali sono strettamente connesse alle regole contabili utilizzate per la determinazione del rendimento. In particolare, in base a tali regole, le attività (i titoli e gli altri strumenti finanziari presenti in portafoglio) vengono contabilizzate al valore di carico, definito anche costo storico e al valore di realizzo o di rimborso, laddove oggetto di negoziazione o alla scadenza. Il rendimento non viene pertanto calcolato in base al valore di mercato delle attività, criterio generalmente utilizzato per strumenti di investimento diversi dalle gestioni assicurative di questo tipo, ma è determinato dalla somma delle cedole, dei dividendi e degli effettivi realizzi di plus e minusvalenze. Ne consegue che la gestione, nel breve periodo, risenta in misura minore dell andamento dei corsi dei mercati finanziari rispetto a portafogli contabilizzati al valore di mercato. Le scelte di gestione tengono conto inoltre delle indicazioni che derivano dall attività di monitoraggio del rischio e dell Asset Liability Management (ALM). In particolare, la gestione del rischio e l ALM sono effettuati dalla Società attraverso un apposita funzione che adotta strumenti per l analisi della rischiosità coerente con l orizzonte temporale che caratterizza gli investimenti. Ripartizione strategica delle attività e limiti di investimento Le risorse della gestione separata sono investite prevalentemente in strumenti finanziari di natura obbligazionaria (titoli obbligazionari e OICR armonizzati di tipo obbligazionario) anche fino al 100% del patrimonio della gestione stessa. L investimento in strumenti finanziari di natura azionaria (titoli azionari e OICR armonizzati di tipo azionario) è residuale, fino ad un massimo del 25% del patrimonio della gestione separata. L investimento nel comparto immobiliare (diretto o tramite fondi immobiliari) non sarà superiore al 20% del patrimonio della gestione separata e gli investimenti c.d. alternativi, in fondi azionari e obbligazionari non armonizzati e in fondi speculativi, non saranno complessivamente superiori al 10% del patrimonio della gestione separata. I depositi bancari rappresentano un investimento residuale non superiore al 10% della gestione. Categorie di emittenti e settori industriali I titoli obbligazionari sono selezionati prevalentemente tra quelli emessi da Stati sovrani, organismi internazionali ed emittenti di tipo societario con merito creditizio rientrante nel c.d. investment grade, secondo le scale di valutazione attribuite da primarie Agenzie di rating. Aree geografiche di investimento L area geografica di riferimento è prevalentemente l Area Euro. OICR, derivati ed investimenti alternativi Le risorse della gestione separata VITARIV possono essere investite in strumenti finanziari derivati con lo scopo di ridurre il rischio di investimento o di pervenire ad una gestione efficace del portafoglio. I limiti di investimento in strumenti finanziari o altri attivi emessi o gestiti da società del gruppo di appartenenza di Allianz S.p.A. sono i seguenti: Pagina 9 di 15

10 - OICR armonizzati istituiti, promossi o gestiti da società del gruppo di appartenenza di Allianz S.p.A.: fino ad un massimo del 50% del patrimonio della gestione separata. - Obbligazioni, azioni ed altri attivi emessi da società del gruppo di appartenenza di Allianz S.p.A.: fino ad un massimo del 30% del patrimonio della gestione separata. Per tutelare gli assicurati da possibili situazioni di conflitto di interesse, Allianz S.p.A. pone in essere operazioni infragruppo in coerenza con i principi di sana e prudente gestione, evitando di attuare operazioni che possano produrre effetti negativi per la sua solvibilità o che possano arrecare pregiudizio agli interessi degli assicurati o degli altri aventi diritto a prestazioni assicurative. In ogni caso, l impiego di strumenti alternativi è contenuto nei limiti prudenziali già previsti dalla normativa di settore ed è comunque limitato esclusivamente a singole opportunità di investimento. Gli investimenti in strumenti alternativi, derivati e OICR sono effettuati qualora siano chiaramente esplicitati il livello di accesso da parte della forma pensionistica alle informazioni sulle strategie poste in essere dal gestore, la struttura dei costi dello strumento, i periodi di uscita dall investimento (lock up period). Benchmark Non esiste benchmark. Modalità di gestione Indiretta, la gestione del comparto è effettuata tramite una polizza assicurativa di ramo V agganciata alla gestione separata VITARIV di Allianz SpA. Stile di gestione Le scelte di investimento sono effettuate sulla base delle previsioni sull evoluzione dei tassi di interesse, considerando le opportunità di posizionamento sui diversi tratti della curva dei rendimenti e su diverse classi di attività, nonché sulla base dell analisi dell affidabilità degli emittenti. Turnover Livello massimo di turnover pari a 1. Budget di rischio / TEV n.a. Si evidenzia infine che, in considerazione delle particolari regole contabili previste per la gestione separata (c.d. criterio del costo storico) e della garanzia offerta, non è possibile effettuare una stima significativa della variabilità attesa del rendimento medio annuo atteso e della probabilità che il rendimento nell orizzonte temporale sia inferiore al tasso di rendimento minimo garantito. 4. COMPITI E RESPONSABILITA DEI SOGGETTI COINVOLTI NEL PROCESSO DIINVESTIMENTO I soggetti coinvolti nel processo di attuazione della politica di investimento, con ruoli e competenze diversificate all interno del FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI sono: Pagina 10 di 15

11 - Il Consiglio di Amministrazione - Il Comitato Finanziario - Il Direttore Generale Responsabile del Fondo - I soggetti incaricati della gestione assicurativa: Allianz S.p.A. - Il Collegio Sindacale - Il Gestore Amministrativo In particolare ai suddetti organi/soggetti sono attribuiti i compiti e le responsabilità riportati sinteticamente di seguito: 4.1 Il Consiglio d Amministrazione Il Consiglio d Amministrazione svolge i seguenti compiti: 1) Verifica il rispetto della politica d investimento idonea al raggiungimento degli obiettivi strategici e ne verifica il rispetto; a tal fine esamina i rapporti sulla gestione finanziaria e valuta le proposte formulate dal Comitato Finanziario, adottando opportune determinazioni nel rispetto dei vincoli imposti dalle Fonti Istitutive e dallo Statuto; 2) Revisiona periodicamente la politica di investimento; 3) Esercita il controllo sul Comitato Finanziario assumendo le relative determinazioni, sempreché non in contrasto con i vincoli imposti dallo Statuto; 4) Delibera l affidamento e la revoca dei mandati di gestione ovvero, in caso di gestione diretta, individua i soggetti incaricati della gestione, nonché verifica e valuta i risultati ottenuti mediante il raffronto con parametri oggettivi e comparabili; 5) Approva le procedure interne di controllo della gestione finanziaria, tenendo conto delle proposte del Comitato Finanziario. 4.2 Il Comitato Finanziario Presso FONDO PENSIONE GIOCHI AMERICANI è costituito il Comitato finanziario, composto dai seguenti consiglieri: - BALEGNO Massimo - NARDO Mariandrea Il Comitato Finanziario: - Contribuisce all impostazione della politica di investimento; - formula le raccomandazioni per l organo di amministrazione; - Controlla l attuazione delle strategie e verifica la gestione assicurativa esaminando i risultati conseguiti nel tempo, valutando l operato dei soggetti incaricati della gestione. Al riguardo relaziona agli organi di amministrazione e controllo circa la situazione assicurativa in rapporto al rendimento realizzato. A fronte di significativi cambiamenti nei livelli di rendimento-rischio derivanti dall attività di investimento o di possibili futuri superamenti delle soglie di rischiosità predispone una relazione straordinaria, indirizzandola agli organi di amministrazione e controllo; - verifica periodicamente la politica di investimento e, se ritenuto necessario, propone all organo di amministrazione le modifiche da apportare. I componenti del Comitato sono in possesso di preparazione professionale, livello di conoscenze ed esperienze adeguate. In particolare: Pagina 11 di 15

12 - BALEGNO Massimo, Consigliere di amministrazione,eletto dagli Aderenti,in possesso dei requisiti di professionalità di cui all art. 2, comma 1, lettera b), del D.M. Lavoro 79/2007, Consigliere dello scrivente fondo dal 1995, Consigliere del Fondo Pensione Giochi Tradizionali c/o Casinò de la Vallée di Saint-Vincent dall aprile 2011, attualmente ricopre il ruolo di Direttore Generale in entrambi i Fondi sopra citati. - NARDO Mariandrea, Consigliere di amministrazione, eletto dagli Aderenti,in possesso dei requisiti di professionalità di cui all art. 2, comma 1, lettera b), del D.M. Lavoro 79/2007, Presidente dello scrivente fondo dal 1989, Consigliere del Fondo Pensione Giochi Tradizionali c/o Casinò de la Vallée di Saint-Vincent dal maggio 2012, è stato componente dell organo di amministrazione del Fondo Pensione Territoriale FOPADIVA dal 2010 al 2013 rivestendo il ruolo di Direttore Generale, mansione riconfermata per il periodo Il Direttore Generale e Responsabile del Fondo Il Direttore Generale Responsabile del fondo è Massimo BALEGNO. Il Direttore Generale Responsabile del Fondo svolge le seguenti funzioni: - verifica che la gestione del Fondo sia svolta nell esclusivo interesse degli aderenti, nel rispetto della normativa vigente nonché delle disposizioni dello Statuto; - segnala alla COVIP, in presenza di vicende in grado di incidere sull equilibrio del Fondo, i provvedimenti ritenuti necessari per la salvaguardia delle condizioni di equilibrio; - predispone gli strumenti utili all espletamento del costante controllo sulla gestione assicurativa e mantiene il contatto periodico con i gestori, in particolare ogni qual volta si renda necessario in base all andamento dei singoli mandati e/o criticità dei mercati di riferimento, fermo restando che ogni disposizione o intervento che si rendesse necessario nei confronti dei gestori rimane di esclusiva competenza del Consiglio di Amministrazione; - predispone gli strumenti utili alla verifica e al controllo del rispetto delle convenzioni per tutte le attività esternalizzate, all elaborazione della reportistica periodica prevista. 4.4 Soggetti incaricati della gestione I soggetti incaricati della gestione svolgono i seguenti compiti: - Investono le risorse finanziarie secondo quanto previsto nella Convenzione, ovvero secondo quanto previsto dallo Statuto; - Trasmettono al Consiglio d Amministrazione del FONDOPENSIONE GIOCHI AMERICANIuna rendicontazione annuale. 4.5 Collegio sindacale Il Collegio sindacale relativamente alla gestione Assicurativa non ha compiti specifici ma, nell ambito dei doveri e compiti previsti dallo Statuto e dalle disposizioni vigenti, ha l obbligo di segnalare alla COVIP eventuali vicende in grado di incidere sull equilibrio del Fondo, nonché i provvedimenti ritenuti necessari per la salvaguardia delle condizioni di equilibrio. 4.6 Gestore amministrativo La gestione amministrativa e contabile del Fondo è affidata a PREVINET S.p.A. con sede in Via Enrico Forlanini, 24 - Località Borgo Verde Preganziol (TV) - ITALY. Pagina 12 di 15

13 In particolare il gestore amministrativo, si occupa delle attività relative a: - Servizi di amministrazione, contabilità, elaborazione bilanci consuntivi e previsionali; - Gestione adesioni, contribuzioni e prestazioni, riscatti, trasferimenti; - Aggiornamento mensile dei conti individuali degli aderenti; - Gestione adempimenti fiscali relativi al Fondo e alle prestazioni; - Attività connesse all osservanza ed espletamento dei controlli e degli adempimenti previsti dalla normativa applicabile e dalle Autorità di Vigilanza. Pagina 13 di 15

14 5. SISTEMA DI CONTROLLO DELLA POLITICA DI INVESTIMENTO Di seguito sono indicati i controlli e la relativa periodicità. Parametro Soggetto Modalità di verifica Periodicità Caricamento Funzione Conteggio sui annuale Finanza flussi Minimo Trattenuto Funzione Verifica Posizioni alla annuale Finanza data di rivalutazione Verifica combinazione Comitato Analisi e valutazioni in caso di mani- Rischio/rendimento Finanza in riferimento agli obiettivi festa necessità Pagina 14 di 15

15 6. MODIFICHE APPORTATE AL DOCUMENTO In data 15 ottobre 2014 si sono apportate le seguenti modifiche: art.2.1 Caratteristiche degli associati Si è aggiornato al 31/12/2013 il dato riguardante la segmentazione per fasce di età e la suddivisione per sesso degli attuali aderenti. art. 2.1 Andamento delle adesioni e delle uscite dal Fondo. Si è aggiornato al 31/12/2013 il dato riguardante l andamento delle adesioni e delle uscite dal Fondo. art. 3 Garanzia Con il rinnovo della convenzione con riferimento al capitale assicurato, la Società riconosce un rendimento minimo garantito nella misura del 2% annuo per quanto riguarda le riserve al 31/12/2014 per i versamenti successivi si garantisce il solo capitale: art. 4.2 Il Comitato Finanziario In attuazione della delibera del C.d.A. del 17 settembre u.s. si è ridotto il numero dei componenti il comitato finanziario da tre a due; art. 5.1 Sistema di controllo della politica di investimento Nelle verifiche periodiche si è appurato che nel controllo del minimo trattenuto si accerta anche il caricamento, si è ritenuto quindi compiere entrambi gli accertamenti in un unico contesto con cadenza annuale. Pagina 15 di 15

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it GUIDA PRATICA La trasmissione degli esposti alla COVIP Cosa c'è in questa guida Le domande di base Cosa fare prima di inviare un esposto Come si prepara un esposto Come la COVIP esamina gli esposti Memo

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli