VADEMECUM. colza. Gli innovativi ibridi Pioneer Note di tecnica colturale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM. colza. Gli innovativi ibridi Pioneer Note di tecnica colturale"

Transcript

1 VADEMECUM colza Gli innovativi ibridi Pioneer Note di tecnica colturale

2 UNA GAMMA COMPLETA DI IBRIDI DI COLZA Con grande piacere Le presentiamo la gamma di ibridi di colza per le semine 20. Gli ibridi che troverà descritti in queste pagine sono il risultato di un avanzato ed esclusivo sistema di incrocio e produzione (Pioneer hybridization technology) che permette lo sviluppo di prodotti innovativi, con caratteri agronomici superiori e con un alta potenzialità produttiva sia di granella che di olio, in grado quindi di soddisfare le esigenze degli agricoltori nei diversi areali di coltivazione e per le diverse destinazioni d uso. Pioneer per prima ha introdotto la coltivazione degli ibridi di colza in Italia, riconoscendo i loro indubbi vantaggi rispetto alle semplici varietà: Significativo aumento della produttività. Maggiore stabilità delle rese nei diversi ambienti. Eccezionale vigore di partenza, per una migliore competizione con le infestanti. Uniformità di emergenza, sviluppo e maturazione e di conseguenza semplicità e rapidità di raccolta. Migliore competitività del colza nel produrre reddito rispetto ad altre colture, grazie anche agli sbocchi produttivi nelle filiere bioenergetiche. Con gli ibridi Pioneer, i coltivatori di colza, possono disporre del frutto della migliore genetica, con prodotti ben collaudati e dal grande potenziale produttivo, in grado di assicurare costanza delle rese, facilità e sicurezza di raccolta, elevate produzioni di olio per ettaro, caratteristiche che, per la maggior parte degli ambienti, trovano la migliore espressione nella classe di ibridi a taglia bassa (semi-dwarf). Tutti gli ibridi della gamma Pioneer appartengono alla categoria 00 e sono cioè caratterizzati da un basso contenuto di glucosinolati nel seme e dall assenza di acido erucico nell olio.

3 GLI IBRIDI DI COLZA PIONEER MAXIMUS Si tratta di una nuova e affermata classe di ibridi a taglia bassa che ha reso la coltura ancora più competitiva ed affidabile in Italia, diventando un vero riferimento per gli agricoltori dei diversi ambienti di coltivazione. Gli ibridi MAXIMUS sono caratterizzati da uno sviluppo controllato della pianta, ottenuto attraverso il raccorciamento mirato degli internodi del fusto, mentre l apparato radicale risulta vigoroso e profondo, in grado di esplorare ed utilizzare pienamente le risorse naturali del terreno. Oggi, gli ibridi della classe MAXIMUS, grazie anche al continuo migliramento genetico e allo sviluppo di nuovi prodotti, rappresentano il miglior strumento per massimizzare la redditività della coltura. MASSIMA POTENZIALITà PRODUTTIVA Grazie ad un più favorevole indice di raccolta (Harvest Index), con una minore massa vegetativa sviluppata. Più efficiente utilizzazione dell azoto da parte della coltura. Migliore e più elevato contenuto in olio del seme. MASSIMA ADATTABILITà AMBIENTALE L apparato radicale particolarmente sviluppato garantisce una migliore tolleranza agli stress idrici, con un più efficiente assorbimento dei nutrienti dal suolo. L ampia finestra di semina, rende possibili semine più anticipate, senza incorrere nel rischio di un eccessivo sviluppo vegetativo in autunno. MASSIMA FLESSIBILITà + E possibile gestire in maniera più efficiente le concimazioni azotate, in quanto la pianta ha assorbimenti più graduali e bilanciati. Possibilità di entrare in campo per effettuare trattamenti tardivi a protezione della coltura. MASSIMA SICUREZZA + La taglia contenuta ed il portamento equilibrato sono garanzia di un elevata resistenza all allettamento. Fioriture estremamente uniformi, con una rapida maturazione delle siliquie. Sicurezza di trebbiare sempre in condizioni ottimali e con rapidità, minimizzando le perdite di seme. MASSIMA REDDITIVITà PER L AZIENDA = + +

4 TECNICA COLTURALE PRINCIPI DI BASE ROTAZIONE E GESTIONE AGRONOMICA minima lavorazione o sodo 2 lavorazione tradizionale o minima SOIA II raccolto SOIA II raccolto NORD ITALIA CENTRO - SUD ITALIA FRUMENTO FRUMENTO COLZA COLZA 2 COLZA 2 COLZA 2 2 MAIS FRUMENTO 2 GIRASOLE LEGUMINOSE IL COLZA IN ROTAZIONE Il colza rappresenta un ottima scelta nella rotazione con cereali vernini, leguminose da granella, girasole e mais. In molti ambienti, caratterizzati da una rotazione stretta dei cereali vernini, l inserimento del colza comporta positivi riflessi sulle rese del frumento in successione, migliorando anche la sanità delle colture e la qualità della produzione. Il colza, inoltre, rappresenta un eccellente coltura da rinnovo. Grazie ad un apparato radicale profondo, lascia un terreno ben strutturato, arricchito di sostanza organica ed in condizioni favorevoli per ridurre le lavorazioni nella preparazione del letto di semina per la coltura successiva. In stretta successione al colza, è possibile prevedere la coltura intercalare di soia, specialmente nei terreni irrigui; in questo caso la soia deve essere seminata tempestivamente, subito a ridosso della raccolta del colza, adottando la tecnica della semina diretta su sodo. Il colza predilige terreni profondi e tendenzialmente leggeri, ma ha capacità di adattarsi anche a quelli pesanti, purché ben drenati. Da inserire con maggiore prudenza in rotazione con bietola, specie nei terreni con presenza di nematodi come Heterodera schachtii, in quanto anche il colza può essere attaccato da questo parassita. PREPARAZIONE DEL LETTO DI SEMINA Unitamente alla semina, è una delle operazioni più delicate ed importanti per raggiungere ottimi risultati produttivi. L'agricoltore, supportato da un attenta valutazione delle condizioni del terreno, deve programmare con il dovuto anticipo dove intende seminare colza e mettere quindi in atto tutti gli accorgimenti tecnici e agronomici per operare nelle condizioni ottimali. A seconda dell'ordinamento colturale, della struttura del terreno e dell'organizzazione aziendale, la preparazione del terreno può essere effettuata secondo due modalità principali: Lavorazione tradizionale con aratura Nella maggior parte dei casi è la tecnica da preferire, specialmente nei terreni più pesanti ed eccessivamente compattati, oppure quando il colza segue colture che lasciano notevoli quantità di residui in superficie. Poiché il seme di colza è di piccole dimensioni, è necessaria un accurata preparazione del letto di semina che favorisca la corretta deposizione del seme, una giusta adesione al terreno e, di conseguenza, un emergenza uniforme. Questo tipo di lavorazione deve essere programmato in anticipo, identificando per tempo quali saranno gli appezzamenti destinati a colza, lavorandoli in tempera ed affinandoli adeguatamente anche in funzione della prevedibile epoca di semina. Nel caso il letto di semina risulti troppo soffice, può essere conveniente una rullatura presemina, al fine di favorire sia una più uniforme profondità di semina che il mantenimento dell umidità nel terreno.

5 Minima lavorazione E una tecnica praticabile con successo nei terreni meglio strutturati e con un buon drenaggio, effettuando le lavorazioni in diverse epoche. In successione a cereali vernini, dopo aver tolto la paglia, conviene effettuare una tempestiva lavorazione delle stoppie (discatura ecc.) quando il terreno è in tempera. Questa operazione consente di preservare al meglio l umidità nel terreno, favorisce una più rapida degradazione dei residui colturali ed il contenimento delle erbe infestanti. Il successivo affinamento dello strato superficiale del terreno, da effettuarsi in prossimità dell'epoca di semina prevista, consente la preparazione di un adeguato letto di semina. In ogni caso, devono essere posti in atto tutti gli accorgimenti per evitare la compattazione del terreno. Anche la semina diretta, può essere possibile e praticabile, se effettuata in terreni caratterizzati da una buona capacità drenante e con seminatrici idonee ed opportunamente regolate. SEMINA E un operazione da effettuare scrupolosamente e con grande attenzione, in quanto da essa dipende l uniformità di emergenza e sviluppo della coltura. Il periodo varia in funzione dell ambiente e delle caratteristiche dell ibrido. Una semina ottimale deve consentire alla pianta di raggiungere lo stadio di rosetta (circa 8 foglie) prima dell inverno. Raggiunto questo stadio, infatti, la pianta manifesta una notevole resistenza al freddo ed alle avversità invernali. Con gli ibridi semi-dwarf Pioneer MAXIMUS vi è il notevole vantaggio di poter effettuare semine più precoci (entro la prima decade di settembre al Nord), ottenendo un accrescimento della coltura ottimale ed equilibrato nel periodo autunnale. Si consiglia una semina di precisione con interfila di 45 cm. Sono praticabili, tuttavia, semine con macchine da frumento con interfila di 5 cm o meglio di 30 cm. La semina con interfila a 45 cm, presenta anche il vantaggio di consentire lavorazioni del terreno tra le file a fine inverno (sarchiatura), operazione che può risultare di particolare utilità nel caso di eccessivi compattamenti del terreno durante l'inverno. La profondità di semina ideale è di circa 2-2,5 cm e il seme deve aderire al meglio al terreno. La densità varia mediamente da 70 a 00 semi/mq, in funzione delle caratteristiche dell'ibrido, dell'epoca di semina e della seminatrice impiegata. Negli ambienti più fertili e in caso di semine anticipate, sono da preferire le densità più contenute. Per calcolare la dose di semina, tener presente che il peso di.000 semi può variare mediamente tra 4 e 5 grammi. FERTILITà DENSITà MEDIA SEMI/M 2 IBRIDI ALTA BASSA IBRIDI CONVENZIONALI ALTA BASSA 75-85

6 DISERBO Il controllo delle infestanti deve essere basato su interventi di pre-emergenza (eventualmente post precoce) con erbicidi a base di Metazachlor. A fine inverno - inizio primavera, formulati a base di Clopyralid permettono il controllo di alcune specie di dicotiledoni, mentre la gestione delle infestanti graminacee è facilmente ottenibile con l impiego di formulatti specifici. Da considerare, comunque, che la coltura, specie se sviluppata uniformemente, manifesta una forte competizione verso le infestanti primaverili, rendendo spesso non necessario l intervento in questa fase. CONCIMAZIONE Il colza è un eccellente coltura miglioratrice grazie all apporto di sostanza organica e per l abbondante restituzione di elementi minerali al terreno. Offre inoltre il vantaggio di poter sfruttare al meglio, nella fase autunnale, la fertilità residua del terreno e gli apporti di letame - liquami distribuiti in presemina. Il colza, con il suo apparato radicale fittonante, può esplorare il terreno in profondità, riuscendo ad approvvigionarsi di buona parte degli elementi minerali necessari al proprio sviluppo. La coltura ha esigenze medie per l azoto e il fosforo, più elevate per il potassio, che però è restituito in buona parte al terreno con i residui colturali. Tra gli elementi minori, sono importanti le esigenze di zolfo, (70-75 unità di SO3), da apportare in pre-semina se abbinato ad un concime complesso o preferibilmente, con la prima concimazione a fine inverno. In genere non sono consigliabili apporti autunnali di azoto. La concimazione azotata di copertura deve essere opportunamente programmata nei tempi e nelle quantità, tenendo in considerazione sia la precessione colturale che lo stadio di sviluppo raggiunto dalla coltura in autunno. In linea generale, se la coltura risulta poco sviluppata a fine inverno, occorre stimolarne la crescita aumentando la quantità di azoto da distribuire in copertura. In ogni caso, è opportuno frazionare in due interventi, gli apporti azotati, il primo alla ripresa vegetativa di fine inverno, il secondo nella fase di inizio levata. In una situazione di media fertilità, gli apporti dovrebbero essere di circa kg N/ha, da distribuire secondo il seguente schema: unità a fine inverno (come solfato/nitrato ammonico) unità ad inizio levata (come nitrato ammonico/urea) Anche la distribuzione di formulati con azoto a lenta cessione, preferibilmente contenenti zolfo, effettuata in un unico passaggio a fine inverno, rappresenta una valida soluzione, in grado di assicurare un adeguata disponibilità di elementi fertilizzanti in linea con le necessità della pianta nelle successive fasi di sviluppo. Gli ibridi a taglia bassa MAXIMUS offrono l'indubbio vantaggio di assicurare la migliore resistenza all'allettamento, specie negli ambienti con buona potenzialità produttiva, dove maggiori livelli di concimazione azotata sono necessari per supportare adeguatamente la produzione.

7 MONITORAGGIO DEI PATOGENI ALTICA (Psylliodes chrysocephala): coleottero della famiglia dei crisomelidi, particolarmente dannosa dallo stadio di emergenza fino alla levata. Gli adulti, dal colore blu scuro o brillante, attaccano la coltura già nelle prime fasi di sviluppo, provocando erosioni di - 2 mm su cotiledoni e foglie. Dalle ovature, deposte nel terreno in prossimità dei peduncoli delle Crucifere, fuoriescono larve che penetrano nelle piante attraverso il peduncolo fogliare, da dove continuano lo sviluppo per tutto l'inverno. Alla ripresa vegetativa di fine inverno, quando la coltura inizia la fase di levata, le larve minano progressivamente gli steli fino ad arrivare a distruggere la gemma terminale. Di conseguenza la crescita della pianta appare estremamente stentata, con caratteristiche rosure e gallerie negli steli. Foto P. Falatico PUNTERUOLO dell apice (Ceuthorrhynchus picitarsis): è un coleottero curculionide i cui adulti compaiono all'inizio dell'autunno, generalmente verso metà ottobre, periodo in cui le femmine cominciano rapidamente ad ovideporre. In inverno le larve rimangono localizzate all'interno della gemma apicale, influendo sull'intera struttura della pianta, che inizia a sviluppare numerose ramificazioni laterali. I danni possono essere rilevanti, specie se gli attacchi avvengono su piante poco sviluppate ed essere causa di consistenti diradamenti. Le piante colpite sono molto più esposte all attacco di patogeni fungini e più sensibili alle basse temperature invernali. Punteruolo dello stelo (Ceuthorrynchus napi): gli adulti, di 3-5 mm di lunghezza presentano un tipico, colore grigio, ovidepongono a fine inverno nello stelo di diverse specie del genere Brassica, provocando una lacerazione dei tessuti che tende a divenire via via più consistente con l'allungamento dello stelo. Questo danno comporta spesso lo sviluppo di una pianta che tende a deformasi man mano che si sviluppa in altezza. All'inizio della primavera, con temperature tra 4 e 6 gradi, le larve entrano in piena attività provocando l'alterazione della struttura e della fisiologia della pianta. Meligete (Meligethes aeneus): coleottero i cui adulti presentano una lunghezza di 2-2,5 mm, di colore blu scuro. Gli adulti svernano nel terreno ed emergono all'inizio della primavera, danneggiando i bottoni fiorali delle crucifere per nutrirsi del polline. La fertilità dei fiori viene così seriamente compromessa, a causa dei danni riportati dagli stigmi. Al contrario, gli adulti che si nutrono di polline nella fase di fioritura non causano danni alla coltura. Tra marzo e aprile, le femmine gravide ovidepongono alla base dei bottoni fiorali riuniti. Le larve che si svilupperanno attaccano i bottoni fiorali, danneggiando stigmi ed ovari provocandone l'aborto. Afide Ceroso (Brevicoryne brassicae): si manifesta in colonie compatte che invadono la pagina inferiore delle foglie e gli steli. Solo quando la colonia raggiunge un'elevata densità compaiono le forme alate (torace verde scuro e addome giallo verdastro ricoperto da una polvere cerosa grigia), che sono vettori di diffusione dell'infestazione. Le punture del fitofago compromettono il bilancio idrico della pianta, arrivando a provocare ingiallimenti fogliari e aborti.

8 DIFESA Nelle fasi ritenute critiche è fondamentale un monitoraggio periodico della coltura per verificare la presenza degli insetti dannosi più comuni. L uso di trappole per la cattura degli insetti risulta spesso determinante per individuare il momento più opportuno per effettuare i trattamenti. L impiego di insetticidi, trova una giustificazione al superamento di valori-soglia di riferimento: Trappola a bacinella per meligete Stadio emergenza-levata ALTICA: considerata l entità del danno, è opportuno trattare alle prime evidenze di danni degli adulti su circa il 60% delle piantine. Punteruolo dell apice vegetativo: trattare in autunno dopo circa 8-0 gg dalla prima comparsa degli adulti, generalmente nella seconda metà di ottobre Punteruolo dello stelo: interventi devono essere programmati dopo 8-0 gg dalle prime catture degli adulti. Limacce: sono possibili danni nella fase di emergenza, quindi è consigliabile monitorarne l eventuale presenza in campo, tenendo presente che il danno inizia dal bordo dei campi. Stadio di prefioritura Meligete: soglia d intervento con 3-6 adulti per pianta a seconda dell epoca di comparsa del parassita e dello stadio di sviluppo della coltura. La difesa contro il meligete deve essere condotta con la pianta ancora allo stadio dei bottoni fiorali. RACCOLTA Può essere effettuata quando l umidità del seme scende sotto il 4%. Dopo il raggiungimento della maturazione fisiologica, la pianta vira di colore ed il seme passa da una tinta verde-giallognola al bruno/nero, arrivando alle condizioni per la raccolta. La maturazione è leggermente scalare, passando dalle silique sullo stelo principale a quelle sulle ramificazioni. La trebbiatura deve essere effettuata tempestivamente appena si verificano le condizioni per raccogliere. La barra di taglio della trebbia deve essere tenuta il più alto possibile per ridurre le impurità nella granella e per velocizzare i tempi di raccolta. Trebbie con piattaforma di taglio avanzata consentono di minimizzare le perdite sul fronte di taglio. Barre laterali di taglio sono di valido supporto, specie nella raccolta di colture allettate o semi-allettate. In caso di sovramaturazione (umidità del seme inferiore al 0%) è consigliabile anticipare la trebbiatura al mattino per minimizzare le perdite. Per la commercializzazione della granella è richiesto di rispettare i parametri del 9% di umidità e del 2% di impurità. Per ulteriori informazioni sulla tecnica colturale del colza potete consultare il sito del Servizio Agronomico di Pioneer Hi-Bred Italia:

9 Il semi-dwarf dallo straordinario livello produttivo che semplifica la gestione agronomica della coltura. Un ibrido compatto e molto produttivo, che con il suo ciclo medio, risulta idoneo anche per le semine più anticipate di inizio Settembre e per la coltivazione nelle regioni del Centro - Nord. Ottima anche la resistenza alle gelate invernali. Caratterizzato da un elevatissimo indice di raccolta, si distingue per la particolare uniformità nello sviluppo vegetativo e per l elevato grado di ramificazione. Grazie alla grande uniformità di maturazione, consente trebbiature molto rapide, efficienti con produzioni di granella di alta qualità. Seme con eccellente contenuto in olio. Potenzialità produttiva: eccellente Altezza pianta: bassa Ciclo alla fioritura: medio alla maturità: medio Vigore di partenza: medio Resistenza al freddo: molto elevata Epoca di semina: anticipata Ambienti consigliati: tutti i tipi di terreno Interfila 5-45 cm Azoto in copertura in due interventi: Ripresa vegetativa Inizio levata IBRIDO INVERNALE 00 CARATTERISTICHE Resistenza all allettamento: eccellente Tolleranza alle patologie: Phoma e Cylindrosporiosi Maturazione molto uniforme e rapida Contenuto in olio del seme: eccellente Tenore di glucosinolati <2 micromoli CONSIGLI AGRONOMICI PR 45D05 NOVITà 2 0 Densità di semina: Bassa fertilità e semine più tardive: semi/mq (3,6-4,3 kg/ha)* Alta fertilità e semine in giusta epoca: semi/mq (3,2-4,0 kg/ha)* *(in funzione del peso dei.000 semi) In caso di semina con minima lavorazione, aumentare la dose di seme del 0-5% PERIODO DI SEMINA CONSIGLIATO PER AREA GEOGRAFICA Settembre Ottobre Novembre NORD CENTRO SUD

10 IBRIDO INVERNALE 00 PR 44D06 Altissime potenzialità produttive con eccellente contenuto in olio del seme. Un ibrido che si distingue per la sua robustezza e stabilità, grazie anche ad un eccezionale resistenza all allettamento ed un profilo sanitario superiore. La grande uniformità di fioritura e la rapidità di maturazione, permettono di semplificare le operazioni di trebbiatura. Grazie all ampio periodo di semina, PR44D06, è consigliato per gli ambienti tendenzialmente fertili del Centro e Nord Italia. Manifesta una spiccata resistenza al freddo invernale. Potenzialità produttiva: eccellente Altezza pianta: bassa Ciclo alla fioritura: medio alla maturità: medio - precoce Vigore di partenza: medio Resistenza al freddo: molto elevata CARATTERISTICHE Resistenza all allettamento: molto elevata Ripresa vegetativa: medio - tardiva Tolleranza alle patologie: Phoma e Cylindrosporiosi Maturazione molto uniforme e rapida Contenuto in olio del seme: molto elevato Tenore di glucosinolati <2 micromoli CONSIGLI AGRONOMICI Epoca di semina: Densità di semina: NORD: ottimale entro la seconda decade di Settembre Bassa fertilità e semine più tardive: CENTRO: da fine Settembre a metà Ottobre semi/mq (3,6-4,3 kg/ha)* Ambienti consigliati: terreni a media e buona fertilità Interfila 5-45 cm Alta fertilità e semine in giusta epoca: semi/mq (3,2-4,0 kg/ha)* Azoto in copertura in due interventi: *(in funzione del peso dei.000 semi) Ripresa vegetativa Inizio levata In caso di semina con minima lavorazione, aumentare la dose di seme del 0-5% PERIODO DI SEMINA CONSIGLIATO PER AREA GEOGRAFICA Settembre Ottobre Novembre NORD CENTRO SUD

11 IBRIDO INVERNALE 00 PR 45D04 L ibrido Pioneer Maximus che offre potenzialità produttiva, resistenza al freddo ed elevato contenuto in olio del seme. Compatto e molto produttivo, è la scelta ideale per gli ambienti fertili e per le diverse tipologie di terreno. La spiccata resistenza all allettamento, il ridotto sviluppo vegetativo e l uniformità di maturazione consentono raccolte tempestive e di qualità, ottimizzando i tempi e i costi di trebbiatura. Potenzialità produttiva: eccellente Altezza pianta: bassa Ciclo alla fioritura: medio - tardivo alla maturità: medio Vigore di partenza: medio Resistenza al freddo: molto elevata CARATTERISTICHE Resistenza all allettamento: eccellente Tolleranza alle patologie: Phoma e Cylindrosporiosi Maturazione molto uniforme e rapida Contenuto in olio del seme: elevato Tenore di glucosinolati del seme: <2 micromoli CONSIGLI AGRONOMICI Epoca di semina: NORD: ottimale entro la seconda decade di Settembre CENTRO: da fine Settembre a metà Ottobre Ambienti consigliati: buona fertilità e per tutti i tipi di terreno Interfila 5-45 cm Azoto in copertura in due interventi: Ripresa vegetativa Inizio levata Densità di semina: Bassa fertilità e semine più tardive: semi/mq (3,8-4,5 kg/ha)* Alta fertilità e semine in giusta epoca: semi/mq (3,4-4,2 kg/ha)* *(in funzione del peso dei.000 semi) In caso di semina con minima lavorazione, aumentare la dose di seme del 0-5% PERIODO DI SEMINA CONSIGLIATO PER AREA GEOGRAFICA Settembre Ottobre Novembre NORD CENTRO SUD

12 IBRIDO INVERNALE 00 PR 45D03 Potenzialità produttiva: molto elevata Altezza pianta: bassa Ciclo alla fioritura: medio alla maturità: medio Vigore di partenza: medio Resistenza al freddo: molto elevata Epoca di semina: anticipata Ambienti consigliati: buona fertilità e per tutti i tipi di terreno Interfila 5-45 cm Azoto in copertura in due interventi: Ripresa vegetativa Inizio levata CARATTERISTICHE Resistenza all allettamento: molto elevata Tolleranza alle patologie: Phoma e Cylindrosporiosi Maturazione molto uniforme e rapida Contenuto in olio del seme: elevato Tenore di glucosinolati <2 micromoli CONSIGLI AGRONOMICI L ibrido dalle grandi potenzialità per i massimi obiettivi di resa. Ibrido idoneo per le semine precoci di Settembre e per gli ambienti del Centro - Nord Italia. Di taglia particolarmente contenuta, PR45D03 rappresenta la soluzione ideale contro i rischi dell allettamento in ambienti ad elevata fertilità. Si caratterizza, inoltre, per una notevole efficienza nell utilizzo dell azoto, grazie alla particolare regolarità nello sviluppo primaverile. PR45D03 manifesta una grande uniformità di maturazione ed un alto indice di raccolta, favorendo le operazioni di trebbiatura e la qualità della produzione. Elevatissimo il contenuto in olio del seme. Densità di semina: Bassa fertilità e semine più tardive: semi/mq (3,8-4,5 kg/ha)* Alta fertilità e semine in giusta epoca: semi/mq (3,4-4,2 kg/ha)* *(in funzione del peso dei.000 semi) In caso di semina con minima lavorazione, aumentare la dose di seme del 0-5% PERIODO DI SEMINA CONSIGLIATO PER AREA GEOGRAFICA Settembre Ottobre Novembre NORD CENTRO SUD

13 IBRIDO INVERNALE 00 PR 44W29 Selezionato per le eccezionali performance produttive, costanti in ogni ambiente. PR44W29 è un nuovo ibrido a ciclo medio-precoce, in grado di raggiungere straordinari livelli produttivi. Il suo punto di forza è la spiccata adattabilità ai diversi ambienti. Ottima stabilità e resistenza all allettamento. Con un buon vigore di partenza, l elevata resistenza al freddo e la rapida ripresa vegetativa a fine inverno, assicura una buona uniformità della coltura al variare degli ambienti e della tipologia di terreno. Indicato per gli ambienti del Centro e Sud Italia. NOVITà 2 0 Potenzialità produttiva: elevata Altezza pianta: medio - alta Ciclo alla fioritura: medio - precoce alla maturità: precoce Vigore di partenza: medio Resistenza al freddo: molto elevata Epoca di semina: medio - tardiva Ambienti consigliati: tutti i tipi di terreno Interfila 5-45 cm Azoto in copertura in due interventi: Ripresa vegetativa Inizio levata CARATTERISTICHE Ripresa vegetativa: precoce Resistenza all allettamento: elevata Tolleranza alle patologie: Phoma e Cylindrosporiosi Maturazione molto uniforme e rapida Contenuto in olio del seme: eccellente Tenore di glucosinolati: <2 micromoli CONSIGLI AGRONOMICI Densità di semina: Bassa fertilità e semine più tardive: semi/mq (3,8-4,6 kg/ha)* Alta fertilità e semine in giusta epoca: semi/mq (2,8-3,6 kg/ha)* *(in funzione del peso dei.000 semi) In caso di semina con minima lavorazione, aumentare la dose di seme del 0-5% PERIODO DI SEMINA CONSIGLIATO PER AREA GEOGRAFICA Settembre Ottobre Novembre NORD CENTRO SUD

14 IBRIDO INVERNALE 00 PR 46W0 L ibrido che unisce la grande resistenza agli stress con livelli produttivi straordinari. PR46W0 è un ibrido convenzionale di ciclo medio - tardivo, caratterizzato da un prolungato periodo di fioritura. Risulta particolarmente indicato per i terreni con buona fertilità del Centro e del Nord Italia. La pianta è di taglia contenuta, con ottima resistenza all allettamento ed è dotata di una straordinaria tolleranza agli stress ambientali. Potenzialità produttiva: elevata Altezza pianta: media Ciclo alla fioritura: medio - tardivo alla maturità: medio - tardivo Vigore di partenza: elevato Resistenza al freddo: molto elevata CARATTERISTICHE Ripresa vegetativa: medio - precoce Resistenza all allettamento: ottima Tolleranza alle patologie: Phoma e Cylindrosporiosi Maturazione uniforme e rapida, con ottima resistenza delle silique alla deiscenza Contenuto in olio del seme: elevato Tenore di glucosinolati: 2-3 micromoli Epoca di semina: medio - tardiva Ambienti: mediamente fertili e per tutti i tipi di terreno Interfila 5-45 cm Azoto in copertura in due interventi: Ripresa vegetativa Inizio levata CONSIGLI AGRONOMICI Densità di semina: Bassa fertilità e semine più tardive: semi/mq (3,8-4,6 kg/ha)* Alta fertilità e semine in giusta epoca: semi/mq (3,0-3,8 kg/ha)* *(in funzione del peso dei.000 semi) In caso di semina con minima lavorazione, aumentare la dose di seme del 0-5% PERIODO DI SEMINA CONSIGLIATO PER AREA GEOGRAFICA Settembre Ottobre Novembre NORD CENTRO SUD

15 IBRIDO INVERNALE 00 PR 46W4 L ibrido di riferimento per la massima resa in olio/ha. Ibrido convenzionale di ciclo medio - precoce, coniuga altissime rese e grande qualità. è la soluzione ideale per massimizzare la produzione di olio per ettaro, particolarmente nel Centro - Sud Italia. Per lo spiccato early vigor, PR46W4 può essere impiegato anche a basse densità di semina nei terreni più fertili, ed è adatto per le semine su sodo o con minima lavorazione. La regolarità di altezza dei palchi produttivi e l uniformità di maturazione delle silique permettono raccolte tempestive e la massima efficienza nella trebbiatura. Potenzialità produttiva: molto elevata Altezza pianta: media Ciclo alla fioritura: medio - precoce alla maturità: medio - precoce Vigore di partenza: elevato Resistenza al freddo: molto elevata Epoca di semina: medio - tardiva Ambienti: media fertilità, terreni pesanti Interfila 5-45 cm Azoto in copertura in due interventi: Ripresa vegetativa Inizio levata CARATTERISTICHE Ripresa vegetativa: precoce Resistenza all allettamento: buona Tolleranza alle patologie: Phoma e Cylindrosporiosi Maturazione molto uniforme Contenuto in olio del seme: molto elevato Tenore di glucosinolati: 2-3 micromoli CONSIGLI AGRONOMICI Densità di semina: Bassa fertilità e semine più tardive: semi/mq (3,8-4,6 kg/ha)* Alta fertilità e semine in giusta epoca: semi/mq (2,8-3,6 kg/ha)* *(in funzione del peso dei.000 semi) In caso di semina con minima lavorazione, aumentare la dose di seme del 0-5% PERIODO DI SEMINA CONSIGLIATO PER AREA GEOGRAFICA Settembre Ottobre Novembre NORD CENTRO SUD

16 STADI DI SVILUPPO DEL COLZA E OPERAZIONI COLTURALI Concimazione di base Fosforo, Potassio + Zolfo* a Concimazione Azoto / Zolfo* 2 a Concimazione Azoto Fonte CETIOM, TM Marchio registrato da Pioneer Hi-Bred International Inc. Des Moines, IOWA, USA 20 Settembre Ottobre Diserbo Pre-semina Pre-emergenza Emergenza A B B4 B8 Bn C C2 D D2 E F F2 G G4 A - Stadio cotiledonare B - Formazione della rosetta Inverno C - Levata D - Bottoni uniti E - Bottoni separati F - Fioritura G - Maturazione e Raccolta Controllo limacce Controllo Altica Dicembre Marzo-Aprile Aprile Giugno Controllo Punteruolo dell apice vegetativo Diserbo Dicotiledonicidi - Graminicidi ADULTI: con danni su circa il 60% delle piantine. LARVE: se più del 70% delle piante presenta una galleria. Controllo Meligete Eventuale trattamento prima dell apertura dei fiori alla soglia di 3-6 insetti/pianta. Raccolta Con umidità < 4% * lo zolfo è da distribuire in pre-semina o in alternativa con la a concimazione di fine inverno, anche con formulati contenenti azoto a lenta cessione e zolfo

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

IVS LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA

IVS LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA IVS Ricerca applicata LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo autunno 2011 EXOTIC Una garanzia nel raccolto Rese eccellenti e costanti in

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

Tecnica colturale della soia

Tecnica colturale della soia Tecnica colturale della soia Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Impianto 1 2 Fertilizzazione 2 3 Cure colturali 2 1 Impianto Scelta varietale 1. Le

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

FORRICALE Varietà di origine spagnola

FORRICALE Varietà di origine spagnola FORRICALE Varietà di origine spagnola LETIZIA ERBA MEDICA LA VARIETÁ Origine: sintetica a 3 costituenti (70% ecotipo romagnolo, 20% ecotipo polesano, 10% varietà francese) Costitutore/responsabile selezione

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI.

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. Pagina1 LA PRIMA FASE: LA SEMINA E LA PRIMA CONCIMAZIONE La differenza tra le cariossidi

Dettagli

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Sempre primi! Anche nel 2015 le nostre varietà si confermano ai vertici delle prove nazionali del Frumento Tenero*: 1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

I Controlli in campo alle coltivazioni destinate alla produzione di sementi ibride di girasole

I Controlli in campo alle coltivazioni destinate alla produzione di sementi ibride di girasole Milano 18 marzo 2014 I Controlli in campo alle coltivazioni destinate alla produzione di sementi ibride di girasole Dott. Stefano Gualanduzzi Ricercatore CRA-SCS Sede di Bologna Percentuali di allogamia

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

ANGURIA LA GAMMA AD OGNUNO LE PROPRIE. 4 BOLOGNA ZSeeds Italia

ANGURIA LA GAMMA AD OGNUNO LE PROPRIE. 4 BOLOGNA ZSeeds Italia LA GAMMA AD OGNUNO LE PROPRIE 4 BOLOGNA PORTAINNESTI ZETASEEDS Le coltivazioni di ortaggi, sia in serra che in pieno campo, a volte trovano limitazioni al loro sviluppo dalle avverse condizioni dovute

Dettagli

Il pirodiserbo in frutti-viticultura:

Il pirodiserbo in frutti-viticultura: Il pirodiserbo in frutti-viticultura: l innovazione tecnologica per favorire la sostenibilità ambientale. www.pirodiserbo.it La nuova Organizzazione Comune di Mercato per il settore ortofrutticolo (Reg.

Dettagli

NOVITà NATURAL POWER

NOVITà NATURAL POWER NOVITà per il florovivaismo NATURAL POWER Il nuovo fertilizzante biostimolante naturale e sicuro in ogni aspetto. Hicure aiuta a ridurre lo stress abiotico, migliora la qualità della pianta e ne aumenta

Dettagli

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO CAPITOLO DELLE NORME GENERALI Scelta dell'ambiente di coltivazione e vocazionalità

Dettagli

La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina

La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina C. Richard Edwards Professore Emerito Purdue University West Lafayette, Indiana USA

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI

STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI Orzinuovi, 17 Luglio 2014 STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI Di Agr. Ph D. Mattia Trevini 1-LAVORAZIONI LAVORAZIONI CONVENZIONALI Obbiettivi principali: Favorire lo sviluppo della coltura

Dettagli

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Capofila: Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3)

Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3) Progetto 2: Risorse biologiche e tecnologie innovative per lo sviluppo sostenibile del sistema agroalimentare (2008-2012) Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3) Sergio Mapelli

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Stefano Monaco, Carlo Grignani - Dip. Agroselviter Torino, 12 gennaio 2012 Quali colture per la Deroga? Su almeno il 70% della SAU bisogna coltivare

Dettagli

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà Gli ibridi di mais ad alta efficienza idrica L acqua è una delle risorse chiave per la maiscoltura. Un adeguata disponibilità

Dettagli

DK SENSEI NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ PRODUTTIVE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE

DK SENSEI NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ PRODUTTIVE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE Un MONDO di COLZA DK SENSEI PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA Investimento Investimento consigliato 30-40 p/m 2 alla raccolta NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ

Dettagli

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Potere metanigeno: fattori determinanti Genetica Digeribilità della fibra Contenuto di amido Stress

Dettagli

Un generatore di energia di prima qualità

Un generatore di energia di prima qualità NOVITà Un generatore di energia di prima qualità Un generatore di energia di prima qualità Nel 2014 Syngenta presenta SY QUALITAT*, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità.

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2011 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Lo sviluppo di una attività di ricerca in Italia sulla

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2010 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Il 2009 è un anno importante per la storia di due

Dettagli

Per un mais trinciato di prima qualità

Per un mais trinciato di prima qualità Per un mais trinciato di prima qualità Il mais trinciato di prima qualità Nel 2014 Syngenta ha lanciato SY QUALITAT, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità. Classe: FAO

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

UNA GAMMA INNOVATIVA DI IBRIDI DI COLZA

UNA GAMMA INNOVATIVA DI IBRIDI DI COLZA UNA GAMMA INNOVATIVA DI IBRIDI DI COLZA Con grande piacere ed estremo orgoglio Le presentiamo la nuova gamma di colza Pioneer, realizzata appositamente per la prossima campagna di semina. I prodotti che

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 214 Pagamenti agroambientali Azione M Introduzione di tecniche di agricoltura conservativa ALLEGATO 6 disposizioni attuative anno 2012 DESCRIZIONE

Dettagli

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010 Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte OBIETTIVI Ottenimento di risultati produttivi, agronomici e di qualità dei prodotti, in areali piemontesi rappresentativi

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT)

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT) colture energetiche colza Confronto varietale 21 Negli ultimi anni in Italia e in Veneto si è osservata una progressiva diffusione della coltivazione di colza. A livello nazionale, infatti, le superfici

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Esperienze realizzate presso l azienda sperimentale di Veneto Agricoltura Vallevecchia - Caorle (VE) anni 2010-2011 Mauro

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero.

Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero. Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero. composizione consumo di lettiera* Materiale N P 2 O 5 K 2 O kg/capo al giorno % t.q. %

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

ampia FLESSiBiLitÀ Di impiego Zenith

ampia FLESSiBiLitÀ Di impiego Zenith AMPIA FLEIBILITÀ DI IMPIEGO Zenith ERBICIDA Zenith pettro d azione Zenith è la combinazione di 2 principi attivi: florasulam e 2,4-D, che vantano una grande sinergia d azione. i può applicare sia precocemente,

Dettagli

POMODORO DA INDUSTRIA

POMODORO DA INDUSTRIA home >> schede tecniche colturali di sintesi >> Pomodoro da industria POMODORO DA INDUSTRIA ZONA DI RIFERIMENTO Nord- Italia ESIGENZE PEDOCLIMATICHE Nel Nord-Italia il pomodoro da industria si adatta a

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

News Letter Selecta Italia

News Letter Selecta Italia Luglio 2005 News Letter Selecta Italia SOMMARIO: Riunione Agenti Primaverili 2005/06. pag. 1 Esposizione Commerciale Selecta Italia 2005/06 pag. 1 Papagena TM : novità Selecta Italia 2005/06 pag. 2 Los

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

Le micottossine del mais

Le micottossine del mais Le micottossine del mais Prevenzione, controllo in campo e in azienda 1 definizione Definizione Metaboliti secondari prodotti da funghi parassiti delle piante e agenti di ammuffimenti delle derrate alimentari

Dettagli

Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive

Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive Angelo Canale Antonio Belcari Ruggero Petacchi Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive Villa Montepaldi, S. Casciano V.P. (FI), 21 gennaio 2015 Argomenti Lotta

Dettagli

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA

BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA BUSINESS PLAN IMPIANTO DI PAULOWNIA clone 112. La coltivazione di paulownia, presenta le seguenti principali caratteristiche: a) Facilità colturale; b) Adattabilità

Dettagli

Guida alla concimazione

Guida alla concimazione Guida alla concimazione OLIVO 1 PREMESSA La Guida alla Concimazione, di breve e semplice consultazione, scientificamente corretta, non vuole essere un strumento esaustivo per tutti i casi verificabili

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra

Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra 1 Introduzione 2 SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA La sostenibilità è la capacità di produrre beni ed alimenti in modo economicamente vantaggioso

Dettagli

Criteri e procedure tecniche per l iscrizione al Registro Nazionale di varietà di Brassica carinata A. Braun

Criteri e procedure tecniche per l iscrizione al Registro Nazionale di varietà di Brassica carinata A. Braun A LLEGATO Criteri e procedure tecniche per l iscrizione al Registro Nazionale di varietà di Brassica carinata A. Braun 494 CRITERI E PROCEDURE TECNICHE PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO NAZIONALE DI BRASSICA

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia Parco Spina verde Corso Gev 2014 La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia 1 L ambrosia è una pianta erbacea stagionale appartenente alla famiglia delle composite o Asteraceae. Originaria

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Famiglia delle. Cucurbitaceae. Melone Cucumis melo L.

Famiglia delle. Cucurbitaceae. Melone Cucumis melo L. Famiglia delle Cucurbitaceae Melone Cucumis melo L. - Ortaggio di importante valore diatetico per l elevato contenuto di Vitamina A e Vitamina C, e per la ridotta quantità di calorie (33 calorie per 100

Dettagli

i quaderni dell orto Lattughe Le sempre verdi

i quaderni dell orto Lattughe Le sempre verdi i quaderni dell orto Le sempre verdi dell orto 1 Verdura fresca durante tutto l anno Insieme al pomodoro, la lattuga è l ortaggio più diffuso e popolare negli orti familiari. Croccante, fresca e gustosa

Dettagli

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 5 al 16 maggio 2014 20 maggio 2014. Numero venti 23 maggio 2014

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 5 al 16 maggio 2014 20 maggio 2014. Numero venti 23 maggio 2014 Numero venti 23 maggio 2014 In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli - pag. 1 Colza: indicazioni relative alla fase di raccolta - pagg. 2/3 Unionzucchero/CGBI:

Dettagli

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO FERTILIZZAZIONE CON DIGESTATO UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO Manuela Rancati Matteo Piombino Pioneer Hi-Bred Italia. Quando si parla di digestione

Dettagli

Disciplinari di Produzione per conseguire

Disciplinari di Produzione per conseguire Pag. 2 Centri di Ritiro Il recupero dei prezzi importante stimolo per le semine autunnali 2012! Come sempre, per fare le giuste scelte, conviene raccordarsi alla Struttura Organizzata che avrà il compito

Dettagli

Avvicendamento e consociazione

Avvicendamento e consociazione Avvicendamento e consociazione L avvicendamento (o rotazione) consiste nel coltivare un terreno (campo) con una successione di colture diverse in modo che una stessa specie torni su uno stesso terreno

Dettagli

PRODOTTI PER! AGRICOLTURA BIOLOGICA!

PRODOTTI PER! AGRICOLTURA BIOLOGICA! Catalogo Prodotti PRODOTTI PER AGRICOLTURA BIOLOGICA Dal 1997 ci occupiamo di sostenere l agricoltura biologica e migliorare l ambiente, tramite prodotti biologici, che formuliamo e confezioniamo direttamente

Dettagli

Energia ibrida per gli impianti di biogas

Energia ibrida per gli impianti di biogas Energia ibrida per gli impianti di biogas Energia ibrida: una grande opportunità per agricoltori ed allevatori Gli impianti di biogas per loro natura possono essere alimentati con vari tipi di matrici

Dettagli

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO a. Generalità: La seguente parte della misura definisce il concetto

Dettagli

Soluzioni Syngenta per la soia

Soluzioni Syngenta per la soia Soluzioni Syngenta per la soia Edizione 2013 Un partner unico per un agricoltura che guarda sempre avanti Syngenta è l unico Gruppo mondiale interamente dedicato all Agribusiness, una realtà unica che

Dettagli

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI:

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI: CALCIOCIANAMIDE NITRATA GRANULARE È un prodotto microgranulare azotato ideale per ogni coltura orticola, frutticola e floricola; particolarmente indicata per terreni a ph acido svolge un azione fertilizzante

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Come produrre più latte dai propri foraggi Piacenza 14 OTTOBRE 2011 Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Giorgio

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

DISCIPLINARI COLTURE CEREALICOLE. FRUMENTO DURO (Triticum turgidum L.)

DISCIPLINARI COLTURE CEREALICOLE. FRUMENTO DURO (Triticum turgidum L.) DISCIPLINARI COLTURE CEREALICOLE FRUMENTO DURO (Triticum turgidum L.) 1. VOCAZIONALITÀ PEDOCLIMATICA Tenuto conto di quanto indicato nelle Norme Generali, si riportano di seguito le caratteristiche specifiche

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria del 24-06-2015 Provincia di BOLOGNA Bollettino di Integrata obbligatoria PREVISIONI DEL TEMPO (24/06/15) Un vasto promontorio anticiclonico, in espansione sull europa occidentale manterrà sulla nostra

Dettagli

FRUMENTO ECOLOGIA E FISIOLOGIA DELLA COLTURA

FRUMENTO ECOLOGIA E FISIOLOGIA DELLA COLTURA FRUMENTO ECOLOGIA E FISIOLOGIA DELLA COLTURA 1 PIANTA: LONGIDIURNA MICROTERMA C3 ESIGENZE AMBIENTALI COLTIVAZIONE: FASCIA TEMPERATA EMISFERO NORD : 30-60 latitudine FASCIA TEMPERATA EMISFERO SUD: 25-40

Dettagli

Mastergreen per i professionisti

Mastergreen per i professionisti Mastergreen per i professionisti Linea caratterizzata da una vasta gamma di prodotti destinati ad un cliente esigente e preparato. Si articola in miscugli di sementi unicamente di provenienza americana,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE AGGIORNAMENTO 2005 3A - PARCO TECNOLOGICO AGROALIMENTARE DELL UMBRIA PREMESSA Il metodo di produzione su cui si basa l agricoltura integrata prevede l utilizzo

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

PROTEZIONE DALLE ERBE INFESTANTI

PROTEZIONE DALLE ERBE INFESTANTI Giornata di studio PROTEZIONE DELLE COLTURE DA FOGLIA PER LA IV GAMMA PROTEZIONE DALLE ERBE INFESTANTI AOP UNOLOMBARDIA Battipaglia (SA), 30 aprile 2013 LA FLORA INFESTANTE Quali sono le problematiche

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli