26 marzo 2015 Lugano, Palazzo dei congressi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "26 marzo 2015 Lugano, Palazzo dei congressi"

Transcript

1 26 marzo 2015 Lugano, Palazzo dei congressi 1

2 Piano cantonale quadriennale degli interventi nel campo delle tossicomanie (PCI 2015) Daniele Intraina, presidente Gruppo esperti 2

3 La Svizzera si è finora concentrata principalmente su campi ancora poco collegati tra loro: alcol, tabacco, droghe illegali e dipendenze senza sostanza Affrontare il fenomeno dell abuso di sostanze e comportamenti a rischio in una società confrontata con un mercato senza riferimenti spaziali, aperto 24h su 24h, con un disponibilità continua di beni e servizi, che ognuno è libero di utilizzare o meno, tra responsabilità individuali e collettive. L importanza di misure strutturali: società, economia e politica devono mantenere un equilibrio tra responsabilità collettive e responsabilità individuali. 3

4 Il ricorso a sostanze psicotrope in origine supportata da pratiche culturali, oggi tende a liberarsi dall influenza di norme, in un contesto di crescenti bombardamenti pubblicitari. Trasformazione del cittadino in consumatore. Nonostante l attuazione di programmi di prevenzione e repressione, la cui presenza non è messa in discussione, il consumo di psicotropi resta un fatto antropologico, in cui sempre più il consumatore rivendica l autodeterminazione. Ricorrere a principi attivi non solo per scopi terapeutici o quale auto medicazione, ma per vivere più intensamente, superare i limiti, ottimizzare prestazioni, rincorrere il sogno della prestazione garantita con il minimo sforzo. Nei giovani questo si manifesta come anticipazione dell adultità, trasgressione, rito di passaggio, celebrazione del piacere, vie di fuga, complicità, ecc. 4

5 Decisione del Gran Consiglio del 14 marzo 2012 di chiedere l allestimento di una Legge cantonale sulle dipendenze. Quale politica coerente? Verso una politica meno frammentata, regolamentazione del mercato, rafforzamento delle competenze del consumo? 5

6 A livello federale La politica nazionale dei 4 pilastri avvallata nella votazione popolare del 2008: prevenzione, terapia e reinserimento, riduzione dei danni e aiuto alla sopravvivenza, controllo e repressione (nella mini riforma del 1975 si teorizzò la politica dei tre pilastri con inserimento del divieto del consumo non autorizzato, affermando che la punibilità avrebbe facilitato l operato dei tre ambiti. Successivamente venne introdotta la riduzione del danno) 1. ottobre 2013: introduzione della multa disciplinare per il consumo di canapa (per maggiorenni multa di Fr per possesso =< 10 g): Polizia e Magistratura concentrati nelle azioni in zone sensibili, protezione gioventù e repressione del narcotraffico 6

7 A livello federale 2008 Psychoaktiv (Commissione federale per le questioni di droga: linee direttive, oltre il paradigma degli stupefacenti, propone una visione strategica con misure concepite secondo le sostanze, declinate secondo i 4 pilastri e differenziate secondo la tipologia di consumo: consumo non problematico, consumo problematico e dipendenza) 2010 Sfida alla dipendenze (4 Commissioni federali, droga, tabagismo, alcol e formazione: oltre le dipendenze dipendenza o consumo problematico, oltre lo statuto legale repressione e/o regolamentazione del mercato, oltre le sostanze psicoattive comportamenti compulsivi) Strategia nazionale delle dipendenze (si prevede sia presentata prossimamente al Consiglio federale, uno sviluppo di un piano di misure entro la primavera 2016 con una loro attuazione a partire dal 2017) 7

8 A livello federale Arginare l assuefazione sociale al consumo (non banalizzazione, non demonizzazione, bensì pragmatismo evitando l approccio ideologico) 8

9 A livello cantonale fine 2014 il CdS ha presentato il Piano cantonale d azione alcol inizio 2015 il Programma cantonale tabagismo dicembre 2013 Strategia e programma quadro di prevenzione e promozione della salute crescere in salute, lavorare in salute, invecchiare in salute. 9

10 A livello cantonale marzo 2015: PCI 2015 (Legge cantonale applicazione: ogni 4 anni il GE sottopone al CdS un piano degli interventi in seguito discusso in Parlamento) Una chiave di lettura delle mutate e variegate modalità di consumo e di contesto Sostanze psico attive, comportamenti compulsivi Modalità: consumo rinunciatario, scelta edonistica, consumo integrato, fattori di poli consumo, rischi secondari Allargamento all approccio: dalla dipendenza ai comportamenti a rischio 10

11 A livello cantonale Strategie di salute pubblica atte ad attuare e favorire stili di vita e comportamenti sani e protezione della gioventù Il grado di pericolosità di una sostanza non è legato al suo statuto giuridico, ma principalmente alle modalità di assunzione Oltre le modalità di consumo (dipendenza o consumo problematico), oltre la sostanza psicoattiva (legale o illegale), oltre la repressione (repressione e regolamentazione del mercato) 11

12 A livello cantonale L uso ricreativo di canapa (tendenze in atto a livello internazionale e le richieste nazionali di sperimentazione dei Cannabis social clubs : in TI non sussiste un emergenza e si ritiene necessaria una modifica della LStup. Si ribadisce la pericolosità in età evolutiva Completare l approccio della riduzione del danno: trattamento a base di eroina (autorizzazione da parte della CH, requisiti per la somministrazione in apposite strutture interdisciplinari) drug checking (riduzione del danno non rivolta unicamente a tossicomani: incoraggiare il consumatore ad adottare pratiche di consumo meno rischiose, facilitare l aggancio, test tossicologici) 12

13 A livello cantonale Conseguenze di un consumo problematico di sostanze: ruolo cruciale assunto da una corretta e puntuale informazione per una maggiore consapevolezza dei propri modelli di consumo Competenze nel consumo 13

14 A livello cantonale Utenza: minor presa a carico residenziale, maggiore presa a carico ambulatoriale Casistica cronica stabilizzata con un importante grado di invecchiamento (il percorso residenziale terapeutico classico non è risolutivo) Assistenza a domicilio: offerta di appartamenti protetti (sostegno o accompagnamento abitativo che favorisca stabilità) Favorire l integrazione e il reinserimento Offerta inter e multidisciplinare e case manager (enti collocanti: riferimento specializzato) 14

15 A livello cantonale Lavoro di prossimità ed educativa di strada : non solo interventi di bassa soglia (aggancio, accoglienza, sviluppo motivazionale, permanenza nella cura, reinserimento sociale ed abitativo, riduzione dei rischi), ma anche approcci preventivi soprattutto rivolti ai giovani (ambito di politiche giovanili) I giovani con consumo problematico restano a cavallo tra due sistemi: quello di presa a carico classico delle tossicomanie e l ambito di protezione delle istituzioni sociali Cocaina: i consumatori integrati restano difficilmente avvicinabili La realtà del policonsumo e le doppie diagnosi Non smantellamento bensì riallocazione delle risorse 15

16 A livello cantonale In TI restano due norme disattese: Facoltà di segnalazione (art. 3c LStup.) atta a favore l intervento precoce Decisione del GC di allestire una Legge cantonale sulle dipendenze 16

17 Panorama Svizzero sulle Addictions Tendenze attuali sul consumo di alcol, tabacco e droghe illegali in Svizzera e problematiche legate al gioco d azzardo 17

18 Una politica che manca di coerenza Le addictions non sono un problema che tocca solo l individuo, ma investe la società tutta. Occorre lottare per rafforzare le misure strutturali a livello di prevenzione intervenendo sul prezzo e sull accessibilità. Il mercato infatti non può che influire sul comportamento della persona, soprattutto tra gli individui più vulnerabili. Occorre dunque intervenire anche nell ottica della regolamentazione del mercato. Il consumo/abuso di alcol soprattutto negli spazi pubblici è percepito come un problema, ma il mercato rimane estremamente liberale Si auspica un aumento dell offerta dei giochi d azzardo su internet, ma si preconizza anche una diminuzione dei fondi dedicati alla prevenzione. Il sostegno alla produzione resta uguale ai mezzi attribuiti alla prevenzione del tabagismo, o ancora le restrizioni alla pubblicità si scontrano con una opposizione vigorosa. 18

19 Tendenze in atto Sostanze psicoattive e gioca d azzardo - oltre 10'000 decessi all anno e dei costi sociali superiori a 10 miliardi di franchi l anno. Sofferenze per i parenti e i conoscenti (che toccano la metà della popolazione). 19

20 Alcol L ultimo decennio ha conosciuto una abbassamento del consumo pro capite di alcol: 8.3 litri d alcol puro per abitante (nella media dei Paesi UE) Vino - 36 litri, birra 56 litri, distillati 4 litri /anno Il 90% del consumo è dato dalla metà della popolazione. Il 10% consuma giornalmente Il 22% beve regolarmente in modo eccessivo 250'000 alcolisti L alcol resta la terza causa di mortalità precoce in Svizzera. 1'600 decessi all anno (1/10 delle morti), trai 15 e i 34 anni 1/5 dei decessi (> infortunistica) Tendenzialmente solo le persone più anziane (55 74 anni) conoscono ancora un consumo quotidiano con un avvicinamento tra uomini e donne. 20

21 Il consumo e il consumo a rischio tra i giovani anni è aumentato dal 1997 al 2012 soprattutto nella fascia anni. Le intossicazioni alcoliche restano costanti (estensione dell offerta, abbassamento dei prezzi) 40% dei giovani tra 20 e 24 anni ha un consumo eccessivo mensile Costo sociali: 4,2 miliardi di franchi dei quali 3,4 miliardi a carico dell economia e dei cantoni (salute, polizia, giustizia). Mercato dell alcol liberalizzato: accessibilità 24/24, diminuzione prezzi. Revisione della legge sull alcol: due passi avanti e tre indietro obiettivo la riduzione del consumo problematico e la protezione della gioventù, tuttavia viene rifiutato l introduzione di un prezzo minimo, il divieto di pubblicità, autorizzazione per gli Happy Hours. Trasferimento alla responsabilità individuale con l iniziativa parlamentare Bortoluzzi con la richiesta di far assumere i costi sanitari dovuti al consumo eccessivo al singolo (rischio di mancati ricoveri, impossibilità di una presa a carico precoce). 21

22 Tabacco L uso del tabacco è diminuito a seguito delle misure strutturali adottate (es. divieto di fumo nei luoghi pubblici e aumento del prezzo). ¼ della popolazione fuma, ma attenzione a un potenziale inversione di tendenza. (dal 2000 al 2008 dal 33% al 27%) Il tabacco resta la prima causa di mortalità precoce in Svizzera: 9'000 decessi /anno ovvero 1 morto /ora 5,5 miliardi /anno di costi sociali (4 miliardi a carico dell economia, 1,5 ai cantoni) Il 57% dei fumatori quotidiani verrebbe smettere 22

23 Il 6% della popolazione (ca 400'000 persone) è ancora esposta al fumo passivo almeno 7 ore alla settimana. L uso delle e-sigarette è molto diffuso tra i giovani adulti. Prezzo delle sigarette aumentato, ma ancora sostenibile rispetto al ns. potere d acquisto ad altri Paesi. Verso la nuova Legge sul tabacco: divieto di pubblicità nella stampa scritta e su internet, nei cinema e nel corso di festival; divieto di distribuzione di campioni di sigarette gratuiti; limite di vendita a 18 anni generalizzato. 23

24 Droghe illegali Abbassamento del consumo di eroina (20'000 persone in trattamento sostitutivo). 100 decessi /anno per overdose (miglior presa a carico dei consumatori). 40'000 giovani consumano canapa giornalmente: 7,1% dei giovani tra 15 e 34 anni ha fumato negli ultimi 30 giorni (1,4% di loro fuma giornalmente) Ritorno del ecstasy (MDMA) dal 1997 al 2012 dall 1% al 2.6% Consumo di cocaina dal 1997 al 2012 dal 1,6% al 3,4% (1% dei giovani tra i 15 e 34 anni) 24

25 Vendita di nuove sostanze psicoattive in internet (solo nel nuove molecole). Costi sociali: 3.7 miliardi di franchi /anno Nazioni Unite: 2016 un nuovo orientamento nella politica delle droghe a livello internazionale? In CH questione aperta: la regolamentazione del mercato della canapa Approccio pragmatico: cambiamento del mercato delle sostanze psicoattive; saper riconoscere i cambiamenti in atto e reagire a queste trasformazioni. 25

26 Gioco d azzardo Aumento dell offerta di giochi d azzardo (aumento delle case da gioco e delle lotterie): 1 punto di vendita ogni 1'000 abitanti (8'000 punti vendita e 21 casinò, 8 con licenza A e 13 con autorizzazione B) Quasi la metà della popolazione svizzera (ca 3 milioni di persone) hanno giocato soldi nell ultimo anno. 200'000 persone sono considerati giocatori a rischio moderato 75'000 persone (1,1% del maggiorenni) sono considerati giocatori eccessivi (47'000 persone sono giocatori problematici e 28'000 patologici) 26

27 Nel '123 giocatori sono stati diffidati o auto esclusi La Svizzera dispone di una densità di casinò la più elevata al mondo. Le conseguenze del gioco patologico e la pericolosità del gioco online. 1/5 dichiara di avere nel suo entourage una persona con un problema al gioco d azzardo Costi sociali: 460 milioni di franchi /anno 0.5% del prodotto lordo è destinato alla prevenzione e alla presa a carico dei giocatori patologici. 27

28 La Legge sulle case da gioco (1998) distingue i casinò A (numero illimitato di giochi e senza restrizioni sulle puntate dai casinò B) i impone delle misure sociali per la protezione dei giocatori eccessivi. Una nuova legge sul gioco d azzardo messa in consultazione nel 2014 prevede l apertura anche in internet. Occorre sviluppare delle misure efficaci da attribuire a una commissione dotata di competenze per materia di regolamentazione. Occorre inoltre sviluppare approcci atti ad una identificazione precoce dei giocatori a rischio e non unicamente patologici come attualmente. 28

Droghe, riduzione del danno, politiche delle città

Droghe, riduzione del danno, politiche delle città Droghe, riduzione del danno, politiche delle città Matteo Ferrari Divisione della salute pubblica, Delegato cantonale per le tossicomanie, Canton Ticino Milano, 13 aprile 2012 Barometro delle apprensioni

Dettagli

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO Valentina Di Mario INTRODUZIONE L uso di bevande alcoliche è da lungo tempo considerato un fattore di rischio per la salute pubblica. Il significato

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Prevenzione e riduzione dei rischi: il drug checking quale risposta al consumo ricreativo di sostanze psicoattive

Prevenzione e riduzione dei rischi: il drug checking quale risposta al consumo ricreativo di sostanze psicoattive Prevenzione e riduzione dei rischi: il drug checking quale risposta al consumo ricreativo di sostanze psicoattive Lugano 26. Marzo 2015 MA, Alexander Bücheli; Collaboratore di Safer Nightlife Svizzera

Dettagli

Mappa dell impatto delle droghe sulla salute pubblica in un mercato europeo in evoluzione

Mappa dell impatto delle droghe sulla salute pubblica in un mercato europeo in evoluzione Sintesi Mappa dell impatto delle droghe sulla salute pubblica in un mercato europeo in evoluzione Le principali conclusioni della nuova analisi dell EMCDDA sul problema europeo della droga restano coerenti

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Argomenti Pro 13.107. Dokumentation Documentation Documentazione

Argomenti Pro 13.107. Dokumentation Documentation Documentazione Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi 13.107 del Parlamento Servetschs dal parlament Argomenti Pro Tassare le eredità milionarie per finanziare la nostra AVS (Riforma dell imposta sulle successioni).

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Sintesi. Programma nazionale Alcol 2008 2012

Sintesi. Programma nazionale Alcol 2008 2012 Sintesi Programma nazionale Alcol 2008 2012 Programma nazionale Alcol 2008 2012 Genesi e contenuto del PNA Nel 2005 il Consiglio federale ha incaricato l Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) di

Dettagli

Simone Bertacca Responsabile Centro Studi Farmacotossicodipendenze Ser.T. Parma

Simone Bertacca Responsabile Centro Studi Farmacotossicodipendenze Ser.T. Parma Simone Bertacca Responsabile Centro Studi Farmacotossicodipendenze Ser.T. Parma Ignazio Morreale Responsabile Unità Di Strada Programma Dipendenze Patologiche Oppiacei 7751 8173 Cocaina 614 1362 Stimolanti

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

Dottor Intaschi Guido Responsabile U.F. SERT ASL 12 di Viareggio Auditorium Ospedale Versilia 27 ottobre 2009

Dottor Intaschi Guido Responsabile U.F. SERT ASL 12 di Viareggio Auditorium Ospedale Versilia 27 ottobre 2009 REGIONE TOSCANA-SST - RLS in Toscana SEMINARIO FORMATIVO su USO di ALCOOL e di SOSTANZE STUPEFACENTI nei luoghi di lavoro.il ruolo del RLS. Effetti di alcool e sostanze stupefacenti sulle funzioni cognitive

Dettagli

La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines.

La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines. La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines. Keywords: Training, Vocational Training, Retraining, Traineeships, Lifelong Training (Learning), Apprenticeship Training, Open Land Training,

Dettagli

Gruppo Esperti PIANO CANTONALE DEGLI INTERVENTI NEL CAMPO DELLE TOSSICOMANIE 2010. Raccomandazioni 2011 2014

Gruppo Esperti PIANO CANTONALE DEGLI INTERVENTI NEL CAMPO DELLE TOSSICOMANIE 2010. Raccomandazioni 2011 2014 Gruppo Esperti PIANO CANTONALE DEGLI INTERVENTI NEL CAMPO DELLE TOSSICOMANIE 2010 Raccomandazioni 2011 2014 luglio 2010 Indice INTRODUZIONE RIASSUNTIVA 1 Evoluzione a livello federale 1 I Pilastro: prevenzione

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia Sabrina Molinaro, PhD Dir. Sez. Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari Istituto di Fisiologia

Dettagli

Il ruolo dei servizi di Alcologia nel giudizio di idoneità alla guida SECONDA PARTE. Giovanni Greco - Ravenna- Società Italiana di Alcologia

Il ruolo dei servizi di Alcologia nel giudizio di idoneità alla guida SECONDA PARTE. Giovanni Greco - Ravenna- Società Italiana di Alcologia Il ruolo dei servizi di Alcologia nel giudizio di idoneità alla guida SECONDA PARTE Giovanni Greco - Ravenna- Società Italiana di Alcologia Il Certificato Consumo continuativo ed incongruo di bevande

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Valutazione del rischio Alcol dipendenza Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano (RM)- info@euservice.it 81@euservice.it www.euservice.it

Dettagli

stili di vita e disuguaglianze

stili di vita e disuguaglianze stili di vita e disuguaglianze Gli stili di vita insalubri sono fattori di rischio che possono causare disuguaglianze di salute. Come dimostrano diversi studi, abitudini e comportamenti malsani contribuiscono

Dettagli

Marzo 2008. Fondazione Il Gabbiano

Marzo 2008. Fondazione Il Gabbiano Marzo 8 Fondazione Il Gabbiano Rapporto di attività 7 Indice pagina. Introduzione. Relazioni di gestione. Obiettivi 9. Conclusioni 9. Allegati: budget e conto economico . Introduzione Il 7 è stato un anno

Dettagli

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD)

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD) I GRUPPI DI TERAPIA PER I GIOCATORI D AZZARDO E LE LORO FAMIGLIE : L ESPERIENZA DI CAMPOFORMIDO (UD) ROLANDO DR. DE LUCA PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA RESPONSABILE DEL CENTRO DI TERAPIA DI CAMPOFORMIDO E-mail

Dettagli

Lotta alla produzione industriale di marijuana tra miti, coperture e dubbi. G. M. Zanini Convegno internazionale sulla canapa Lugano, 10 ottobre 2003

Lotta alla produzione industriale di marijuana tra miti, coperture e dubbi. G. M. Zanini Convegno internazionale sulla canapa Lugano, 10 ottobre 2003 Lotta alla produzione industriale di marijuana tra miti, coperture e dubbi G. M. Zanini Convegno internazionale sulla canapa Lugano, 10 ottobre 2003 Panoramica sulla canapa e i suoi derivati 1. la pianta

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA una riflessione complessiva dell'impatto degli interventi In Italia sono le singole Regioni e provincie autonome

Dettagli

L uso di sostanze tra i giovani svizzeri

L uso di sostanze tra i giovani svizzeri Informazioni per i media del 1 luglio 8 L uso di sostanze tra i giovani svizzeri Introduzione Il progetto "The European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs" (ESPAD) è un inchiesta che viene

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

La popolazione svizzera si considera in buona salute

La popolazione svizzera si considera in buona salute Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 12.09.2008, 9:15 14 Salute N. 0352-0809-10 Indagine sulla salute in Svizzera 2007 La popolazione svizzera

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Settimo torinese, S.Maria Madre della Chiesa

Settimo torinese, S.Maria Madre della Chiesa Settimo torinese, S.Maria Madre della Chiesa Il dolore della mente Le nuove dimensioni del consumo d sostanze Leopoldo Grosso I mutamenti del fenomeno dei consumi e delle dipendenze Le trasformazioni sociali

Dettagli

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA ANNI 50 60: GLI INIZI DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE Anni 50 non diffuse Elite Anni 60 diffusione

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare

Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare l'efficacia dell'intervento del Medico del lavoro Workshop

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze Missione

www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze Missione 22 www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze L area dipendenze raggruppa attività e servizi rivolti alle persone con problemi di dipendenza da sostanze legali e illegali, di dipendenza senza sostanza,

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev)

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev) Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute (Legge sulla prevenzione, LPrev) del L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 117 capoverso 1 e 118 capoverso

Dettagli

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica XIV LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI PREFAZIONE La riduzione dei danni sanitari e sociali causati dall alcol è, attualmente, uno dei più

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI ANNO 2010 EUROPA ITALIA ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI Bere a rischio pari al 15% della polazione ovvero a 55 milioni di persone compresi i Binge drinkers, 23 milioni

Dettagli

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org Percezione del danno, comportamenti protettivi, significati: fenomenologia del consumo di sostanze psicoattive tra i soggetti con età inferiore a anni Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute

Dettagli

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino 1 I giovani e il gioco d azzardo in Ticino Analisi delle abitudini di gioco dei giovani tra 14 e 25 anni a livello cantonale Emiliano Soldini 2 Obiettivi dell indagine (1) I risultati emersi dallo studio

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Dal 26 Ottobre al 13 Dicembre è stato realizzato in alcune classi terze dell Istituto il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute SCHEDA I NUMERI DEL TABAGISMO Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. L epidemia del tabacco è una delle più grandi

Dettagli

I Martedì della Scuola

I Martedì della Scuola I Martedì della Scuola Dipartimento di Medicina e Sanità pubblica Sezione di Medicina legale Bologna, 27 marzo 2007 MILA FERRI Regione Emilia-Romagna LUISA GAROFANI Azienda Usl di Ferrara Coordinamento

Dettagli

Quo vadis? cronicità e invecchiamento. Lugano, 26 marzo 2015

Quo vadis? cronicità e invecchiamento. Lugano, 26 marzo 2015 Quo vadis? cronicità e invecchiamento Lugano, 26 marzo 2015 RELATORI Lucia GALGANO lic. phil. lavoro sociale collaboratrice scientifica Infodrog Centrale nazionale di coordinamento delle dipendenze - Berna

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

Indagine sulla salute in Svizzera 2012

Indagine sulla salute in Svizzera 2012 14 Salute 213-1203 Indagine sulla salute in Svizzera 2012 Panoramica Neuchâtel, 2013 Indice Introduzione 4 Stato generale di salute 6 Sovrappeso 8 Ipertensione e colesterolo 10 Diabete 12 Disturbi fisici

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI AREA WELFARE SETTORE SERVIZIO SOCIALE E SOCIO-SANITARIO LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA TERRITORIALE RIVOLTA A MINORI E AD ADULTI IN SITUAZIONE DI DISAGIO, NON AFFETTI DA HANDICAP CERTIFICATO

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

RACCOMANDAZIONI POLITICHE DELLA CFIG

RACCOMANDAZIONI POLITICHE DELLA CFIG Titel Raccomandazioni politiche della CFIG Estratto dal Rapporto della Commissione federale per l infanzia e la gioventù "CRITICI O MANIPOLATI? I giovani e il consumo consapevole", Berna, ottobre 2014

Dettagli

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi PARTE 11 APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi 11.1 Opinione pubblica sull uso di sostanze psicoattive legali e sul gioco d azzardo 11.1.1 Disapprovazione dell uso di altre sostanze psicoattive

Dettagli

ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO. A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano

ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO. A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano Una nuova rappresentazione dell adolescenza Furia di ormoni? Condizione di disagio e sofferenza?

Dettagli

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale Assistente Sanitaria Giuliana Faccini Referente Regionale Antifumo SPISAL Dipartimento di Prevenzione Az ULSS 21 Di cosa parleremo Premessa

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI. Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE

LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI. Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE LA DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI Savona 10/11/12 DEPRESSIONE E DIPENDENZE DA SOSTANZE Dr.Franco Badii Responsabile Struttura Semplice Abuso e Dipendenza da sostanze illegali S.C.Area Dipendenze Ser.T.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

Una scuola che promuove salute

Una scuola che promuove salute Una scuola che promuove salute Educazione alla salute Prevenzione: Tossicodipendenze Abuso alcolico Tabagismo Educazione: Stili di vita sani Corretta alimentazione Attività motoria Prevenzione delle tossicodipendenze

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 12/04/1963. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0171450129

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Data di nascita 12/04/1963. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0171450129 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Re Silvia Data di nascita 12/04/1963 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Psicologa ASL CN1 Responsabile - Ser.T. 0171450128 Fax dell ufficio

Dettagli

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità salute Art. 32 della Costituzione Italiana: la Repubblica tutela la salute

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

proposta di legge n. 210

proposta di legge n. 210 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 210 a iniziativa dei Consiglieri Ciriaci, Eusebi, Trenta, Natali, Marangoni, Bucciarelli, Carloni, Massi, Latini, Sciapichetti, Acquaroli, Pieroni,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Traduzione non ufficiale a cura del Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali (DGREI) Ufficio III Rapporti con

Dettagli

ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione

ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione 2 approcci concettuali: quello che persegue l astinenza dalle sostanze psicoattive proibizionismo a livello sociale e nel campo personale evitando di

Dettagli

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara 13 marzo 2007 Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Azienda USL di Ferrara LIVELLO

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Milano e le droghe. Analisi del fenomeno ed i nodi problematici. Dott. Riccardo C. Gatti. Direttore Dipartimento Dipendenze A.S.L.

Milano e le droghe. Analisi del fenomeno ed i nodi problematici. Dott. Riccardo C. Gatti. Direttore Dipartimento Dipendenze A.S.L. Milano e le droghe Analisi del fenomeno ed i nodi problematici Dott. Riccardo C. Gatti Direttore Dipartimento Dipendenze A.S.L. Milano La situazione I consumi di droga a Milano sono tendenzialmente superiori

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3168 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DI STANISLAO Istituzione dei consultori scolastici antidroga e altri interventi per il contrasto

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

www.ossdipbo.org STUDIO MULTICENTRICO PCS Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze

www.ossdipbo.org STUDIO MULTICENTRICO PCS Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze Tra percezione del rischio e ricerca del piacere: I significati attribuiti all uso delle sostanze STUDIO MULTICENTRICO PCS Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico

Dettagli

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari I forfait per caso negli ospedali svizzeri Informazioni di base per gli operatori sanitari Che cos è SwissDRG? SwissDRG (Swiss Diagnosis Related Groups) è il nuovo sistema tariffario per la remunerazione

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE. OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI

Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE. OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI OSPEDALE di SAN BONIFACIO (VR) SALA CONVEGNI Venerdì 13 dicembre 2013 Accessibilità, Presa in Carico e Continuità delle Cure LE CURE DELLA SALUTE MENTALE E DELLE DIPENDENZE Dr. Alfio De Sandre Direttore

Dettagli

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Quadro epidemiologico Caratteristiche tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d azzardo patologici Attività dei servizi A cura di Raimondo

Dettagli

ASL DI BERGAMO AZIENDA LIBERA DAL FUMO

ASL DI BERGAMO AZIENDA LIBERA DAL FUMO CENTRO BERGAMASCO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE ASL DI BERGAMO AZIENDA LIBERA DAL FUMO Documento di Policy 24 novembre 2010 ASL DI BERGAMO: AZIENDA LIBERA DAL FUMO La nostra Policy Perché un ASL libera dal

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta

Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Convenzione dell ONU sui Diritti dell Infanzia Versione ridotta Un impegno totale per l infanzia. Preambolo Nel preambolo, vengono ricordati i principî fondamentali delle Nazioni Unite e le disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

3.03 Stato al 1 gennaio 2011

3.03 Stato al 1 gennaio 2011 3.03 Stato al 1 gennaio 2011 Rendite per superstiti dell AVS Rendite per superstiti 1 Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, del padre o della madre, i superstiti

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza Storia del progetto Il SerT dell ASL 9 ha consuetudine alla collaborazione con i familiari, attraverso accoglienza diretta della domanda

Dettagli

I tirocini terapeutico - riabilitativi nelle comunità del dipartimento. progetti di inclusione socio-lavorativa

I tirocini terapeutico - riabilitativi nelle comunità del dipartimento. progetti di inclusione socio-lavorativa I tirocini terapeutico - riabilitativi nelle comunità del dipartimento progetti di inclusione socio-lavorativa SerT del Dipartimento hanno costruito negli anni una gnificativa esperienza nel settore dell

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli