Umberto Caroni Area Gioco d Azzardo Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII di Reggio Emilia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Umberto Caroni Area Gioco d Azzardo Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII di Reggio Emilia"

Transcript

1 Torna all INDICE Umberto Caroni Area Gioco d Azzardo Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII di Reggio Emilia Firenze 2002 Giornata Scientifica sul Gambling organizzata da ERIT-Italia Riassunto Il gambling appare come un nuovo strumento di interpretazione del sociale in un mondo dove poco rimane da inventare e molto da ripensare. Per arrivare ad agire sul disturbo gambling e proporre strategie territoriali di salute si impone per cerchi concentrici la definizione di 4 aree: trattamento, informazione, formazione e ricerca, visitando le conoscenze e le strategie attuate sino ad ora per poter continuare il costruttivo gioco del formulare domande da cui far derivare risposte parziali e nuove domande in perfetto stile evoluzionistico. Abstract Gambling is like new means of interpretation of social existence in a world where few things have to be invented and lots of things have to be rethought. To do something on the disturb of gambling it is necessary to offer health territorial strategies shared in four concentric areas: treatment, information, formation, research. We have also to join knowledges and strategies up to now built, in order to continue the constructive game to stimulate questions that give partial answers and other new questions in an evolutionistic style.

2 L esperienza dell Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII di Reggio Emilia Quando il Centro Sociale Papa Giovanni XXIII di Reggio Emilia inizia ufficialmente la propria attività in relazione al gioco d azzardo patologico trova un terreno di per sé esplorato. Accanto alla bibliografia classica [Callois, Huizinga et al.] professionisti, autori e ricercatori [Blume, Croce, Custer, Dickerson, Guerreschi, Imbucci, Lisieur, Rosenthal et al.] hanno già disegnato una cornice che permette di conoscere l universo del gioco d azzardo e possibili metodologie di intervento nei confronti dell emergere di un Disturbo del controllo degli impulsi [DSM III DSM IV], ora non più ritenuto solo vizio, legato alla pratica del gioco d azzardo. Chi non riesce a fare a meno di giocare soldi ed è mosso dalla preoccupazione ossessiva di puntare somme sempre più alte, anche se non le possiede o comunque non può permettersi di perderle, non deve essere visto come una persona libera, che della propria vita e dei propri averi può fare ciò che gli pare è una persona che sta male, e che ha bisogno di essere aiutata a fermarsi E dimostrata l associazione del gambling con la criminalità, l alcolismo, la tossicodipendenza [Ravizza 1999]. Il modello di trattamento è stato costruito alla luce dei saperi e delle esperienze di allora, arricchite in itinere da nuove pubblicazioni e nuove pratiche che serviranno ad ottimizzare la nostra esperienza. L unico dato da sottolineare è stata la scelta di incontrare persone a vario titolo in difficoltà, gamblers e familiari, e intervenire per migliorare la qualità della loro esistenza.

3 Nel 1999 il videopoker mostrava tutto il suo potenziale distruttivo, mentre nei Casinò italiani circa la metà degli incassi era derivata dalle Slot-Machine [Romani 2000] e in sede politica si dibatteva sulla opportunità o meno di aumentare il numero dei Casinò in Italia. Erano già iniziate le grandi manovre verso l apertura di 420 Sale Bingo, nuovi giochi d azzardo spuntavano all orizzonte sotto il patrocinio dell istituzione Stato, le scommesse on-line avevano già una schiera di affezionati clienti. Inizialmente la nostra esigenza era quella di rispondere in maniera adeguata alle richieste di persone in difficoltà, giocatori e/o familiari, tenendo in debita considerazione le risorse umane ed economiche che l Associazione poteva mettere in campo. Le chiare indicazioni scientifiche [Custer 1982; Rosenthal 1994; Cancrini b- c 1996; Croce a-b-c-d-e ] che invitano ad approfondire il gambling alla stregua di una dipendenza/tossicomania pur in assenza di una sostanza e tuttavia con sintomi similari e naturali differenze, la presenza di professionisti vicini al trattamento di patologie alcool-correlate ora dediti anche al gambling e con metodologie di intervento derivate dal trattamento degli stati di alcooldipendenza, l esperienza maturata all interno dei C.A.T. [Hudolin 1995] Club Alcolisti in Trattamento da parte di operatori della Papa Giovanni, la stessa esperienza di Alcolisti Anonimi parafrasati in Giocatori Anonimi, e altri input similari hanno indotto l Associazione ad attivare un gruppo multifamiliare di auto-aiuto con un helper (E.P. o Psicologo) al suo interno; - il gruppo multifamiliare di per sé è uno strumento accessibile e a costo zero, per permettere al giocatore traumatico o da nevrosi attuale, per dirla con le categorie diagnostiche utilizzate da Luigi Cancrini in relazione alla tossicomania [Cancrini a 1984], o al giocatore d azione con sindrome di dipendenza e al giocatore per fuga con sindrome di dipendenza come indicano le categorie diagnostiche di Cesare Guerreschi [Guerreschi a

4 2000], di raggiungere e mantenere le distanze dal suo disturbo attraverso l interazione con altri portatori del Disturbo. Il coinvolgimento delle famiglie nel trattamento, già interessate in primis dai danni economici, psicologici e sociali arrecati alla famiglia dal giocatore, serve oltre che a prescrivere una forma di controllo economico ove necessaria, anche a superare la vergogna, il senso di colpa e l emarginazione sociale autoimposta, per giungere sia a ridefinire il modello comunicativo tra i componenti il nucleo sia a riattivare relazioni socialigruppali territoriali. - la presenza dell helper professionista è stata parzialmente modificata ed è attualmente più partecipata sia all interno del gruppo originario che nel secondo e nel terzo gruppo di trattamento attivati, data la necessità di dover affrontare interventi con giocatori con gravi disturbi di personalità borderline e di area sociopatica, [Cancrini a 1994] e comunque di Asse II [DSM IV], persone tendenzialmente autoescludentisi, che male reggono conflitti e tensioni, e che spesso necessitano anche di un accompagnamento verso servizi specialistici per trattamenti psicoterapici e/o farmacologici idonei alla gravità della loro condizione. Colloqui motivazionali, anamnestici e di indirizzo, sono filtro e premessa per un trattamento di gruppo. L area trattamento si completa ora con la possibilità di un intervento residenziale all interno di una struttura del Centro Sociale, intervento educativo e riadattativo, per soggetti incapaci di interrompere il discontrollo verso il gioco restando sul territorio, a cui si associano furti in casa e fuori, assegni a vuoto, truffe e quant altro serve per poter continuare il gioco dell autodistruzione. Obiettivo naturale del trattamento, sia di gruppo che residenziale, è permettere a questi soggetti di poter cominciare o ricominciare ad attuare libere scelte nei confronti del loro vivere avendo acquisita la capacità di assumersi responsabilità precise nel merito delle loro scelte.

5 Il mettere in guardia dal fatto che nessun intervento preventivo in relazione all abuso di alcool o tabacco abbia ridotto o inciso in maniera significativa sui consumi o sull incidenza dei morti per anno fa riflettere non poco [De Luca 1999]. D altro canto non vi è possibilità di incidere in maniera significativa in una economia di mercato rispetto ai rischi indotti dall uso di qualsiasi prodotto e tanto meno di proibirlo senza creare un mercato illegale e problemi di ordine pubblico. In tal senso si ha l impressione che lo stato italiano sia decisamente in concorrenza col gioco clandestino [Romani 2000] e che la politica di invadere il mercato con giochi autorizzati verrà misurata sia in termini di entrate che in termini di riduzione del sommerso. Il dibattito è aperto. E necessario: Sensibilizzare lo stato, e le società che per conto dello stato gestiscono e ottengono proventi da lotterie e simili, sui potenziali effetti nocivi del gioco, in modo che destinino parte dei loro profitti alla prevenzione e alla cura; e istituire presso i luoghi di massima diffusione del gioco, come casinò e ippodromi, ma anche presso le ASL, sportelli appositi per giocatori anonimi, in cui ci siano chiare indicazioni sugli specialisti e le strutture a cui rivolgersi per affrontare la malattia [Imbucci, c 1999]. Meglio quindi informare i cittadini, proporre professionisti all interno dei Casinò sul modello svizzero [Guerreschi, b 1999], fare formazione agli addetti delle Sale per offrire risposte idonee e adeguate (sarà questa la prevenzione?) a giocatori in difficoltà, tentando almeno di salvaguardare il libero arbitrio delle persone di fronte alle pressioni di un mercato che vende illusioni e dispiaceri più che dispensare ricchezza e divertimento, sottolineando con decisione la pericolosità dei giochi ad alta frequenza connotati da facilità di accesso al gioco, modestia della puntata minima, velocità di esecuzione del gioco, breve intervallo di tempo tra puntata-

6 giocata e risultato della puntata, possibilità di frequenti piccole vincite, possibilità di una grande vincita poiché ogni tanto qualcuno vince. Sappiamo per certo che i gestori di videopoker, di Casinò, di Sale Bingo hanno ben chiaro di ciò che accade a quelle persone pesantemente invischiate dal gioco anche se sono una minoranza dei loro clienti; dopotutto per i gestori si tratta di vendere un prodotto anziché un altro. Nessun gestore ci ha chiuso la porta in faccia o si è messo a ridere o ha negato il problema, anzi la loro parte vogliono farla poi vedremo. La SAPAR, Società di gestione di videopoker, ha dato un contributo per il nostro materiale informativo riguardante il gioco d azzardo patologico. Esiste il rischio concreto che il nostro atteggiamento venga interpretato come un vendersi al miglior offerente, o che i gestori finanzino iniziative per ammorbidire la nostra posizione o per lavarsi la coscienza, ma a noi questo dibattito non interessa, non siamo in vendita e basta. Sarebbe un suicidio strategico e come tale moralmente discutibile, accusare di chissà quali nefandezze i gestori dei giochi d azzardo, sarebbe come dare degli spacciatori di morte ai baristi che vendono alcolici, oppure ai tabaccai per le sigarette, o alla case automobilistiche perché vendono auto che possono oltrepassare il limite di velocità. L informazione, come atto di prevenzione agli effetti collaterali da gioco d azzardo, è basata sulla produzione di materiale audio-video-cartaceo da far circolare sul territorio, nelle Scuole, nei Circoli, nelle Circoscrizioni, e su incontri di sensibilizzazione con la cittadinanza. La formazione invece serve per sensibilizzare tutti quei soggetti che a vario titolo sono posti in relazione col gioco d azzardo e non solo come clienti.

7 Teniamo a sottolineare che la Papa Giovanni XXIII è un collaboratore interessato a tutto quanto può far meglio comprendere l universo del gioco d azzardo. Non esiste uno strumento che ci possa indicare chi dei 30 milioni circa di italiani che praticano giochi d azzardo diventerà un giocatore patologico. E nostra intenzione e desiderio aderire alle realtà che praticano ricerca, realtà che dimostrino un interesse per le scienze umane e per le persone in difficoltà, realtà che veicolano il sapere scientifico come trasmissione di informazioni per avere informazioni e viceversa, con l obiettivo ultimo dello sviluppo armonico della società nel suo complesso di fronte ai veloci mutamenti sociali e culturali dei quali tutti noi siamo da un lato artefici e dall altro inseguitori. Riteniamo prioritario discutere della nozione di benessere che al giorno d oggi pare essere legata a pericolose relazioni oggettuali delle quali il denaro è l artefice principale; il denaro inteso come guadagno è la prima motivazione al gioco d azzardo [Tazio Carlevaro et al. 2000], gioco che a sua volta ha funzioni non solo ricreative e piacevoli, non solo magiche nel poter cambiare improvvisamente la vita delle persone con una grossa vincita, ma anche funzioni compensative di ingiustizie vere o presunte e di frustrazioni indotte dal vivere [Croce c-d 1998, Imbucci b 1999]. Il denaro unito al gioco d azzardo è anche causa di rovina e istigazione a delinquere, è la dannazione del giocatore nel voler recuperare i soldi persi al gioco prima di dirsi, falsamente, che interromperà il gioco. Non è improbabile che queste persone mostrino in maniera macroscopica una relazione complessa con il denaro in primis, e con i significati del gioco d azzardo in genere, che appartiene a tutti noi. Un dato: il debito di gioco contratto dai 27 utenti in carico al nostro Centro Sociale nel 2001 superava il milione e mezzo di euro (circa 3 miliardi di lire).

8 Concludendo si può affermare senza possibilità di essere smentiti che siamo tutti impegnati a cercare risposte alle molte domande che quotidianamente emergono in tema di gioco d azzardo e dintorni, e come sempre accade ad ogni domanda segue una possibile risposta e una nuova domanda: sono i destini incrociati della teoria vista come ricerca scientifica da un lato, e della prassi volta ad ottimizzare continuamente l agire sul campo.

9 BIBLIOGRAFIA AA. VV. Quaderni di animazione e formazione I GRUPPI DI AUTOAIUTO ED. Gruppo Abele, Torino 1998 MAGVENEZIA (a cura di) IL GIOCO E IL DANNO Atti del Convegno di Mestre Ed. Tip. Eurooffset, Martellago (VE) 2000 Callois R. I GIOCHI E GLI UOMINI. LA MASCHERA E LA VERTIGINE. Ed. Bompiani, Milano 1983 Cancrini Luigi (a) QUEI TEMERARI SULLE MACCHINE VOLANTI Ed. NIS 1984 cap. IV pagg Cancrini Luigi (c) UNA TOSSICOMANIA SENZA FARMACI pagg Prefazione a F. Dostoevskij IL GIOCATORE Ed. UP, Roma 1996 Costantini D. Monari P. PROBABILITA E GIOCO D AZZARDO Ed. ARIES Franco Muzzio, Padova 1996

10 Croce M. (a) TOSSICOMANIE E GIOCO D AZZARDO: QUANDO LA SFIDA DIVENTA PASSIONE. Postfazione all edizione italiana di Dickerson Mark G. LA DIPENDENZA DA GIOCO 1993 pagg Croce M. (b) RIFLESSIONI SU GIOCO D AZZARDO E TOSSICOMANIE Atti della seconda conferenza Europea ERIT, Parigi, 1996 Croce M. GIOCO D AZZARDO (c) C.N.C.A., Guida per l informazione sociale Comunità Edizioni, 1998 Croce M. (d) GIOCO D AZZARDO in Rigliano P. In-dipendenze Ed. Gruppo Abele, Torino 1998 Custer R.L. PATHOLOGICAL GAMBLING in Whitfield, A., Patients with Alcoholism and Other Drug Problems Years Book Publishers, New York 1982 Dallago A. Rovatti A. PER GIOCO Piccolo manuale dell esperienza ludica Ed. Raffaello Cortina, Milano 1993 De Luca Rolando IL GIOCO E IL DANNO Atti del Convegno di Mestre del pg 61

11 Dickerson Mark G. LA DIPENDENZA DA GIOCO Ed. Gruppo Abele, Torino 1993 (Titolo orig. COMPULSIVE GAMBLERS Longman Group Ltd 1984) DSM IV CRITERI DIAGNOSTICI Masson Ed., Milano 1996 Galli Giancarlo LA FABBRICA DEI SOLDI Mondadori Ed., Milano 2000 Garbesi M. MALATI D AZZARDO, GIOVANI AD ALTO RISCHIO Quotidiano La Repubblica del Guerreschi Cesare (a) GIOCATI DAL GIOCO pagg Ed. San Paolo, Milano 2000 Guerreschi Cesare (b) IL GIOCO E IL DANNO Atti del Convegno di Mestre del pg 57 Hudolin Vladimir SOFFERENZA MULTIDIMENSIONALE DELLA FAMIGLIA Ed. Eurocare, PADOVA 1995 Huizinga J. HOMO LUDENS Ed. Einaudi, Torino 1982

12 Imbucci Giuseppe (a) IL GIOCO-Lotto, totocalcio, lotterie. Storia dei comportamenti sociali. Marsilio Editori, Venezia 1997 Imbucci Giuseppe (b) IL GIOCO PUB\\\BLICO IN ITALIA Marsilio Editori, Venezia 1999 INTERNET Carlevaro Tazio et al. IPERTESTO sul Gioco d Azzardo pagg a Versione CD-ROM INTERNET Cancrini Luigi (b) LA DIPENDENZA? NON E CHIMICA PARTE DALLA TESTA Quotidiano L Unità del INTERNET Croce M. (e) PERCHE IL GIOCO D AZZARDO PUO INTERESSARE GLI STUDIOSI DELLE TOSSICOMANIE 1999 Atti della III Conferenza Europea degli Operatori delle Tossicodipendenze, Reggio Emilia, 1999 pagg INTERNET Imbucci Giuseppe (c) Rivista TEMPO MEDICO n. 647 del Approfondimenti in Internet pagg 1-2

13 INTERNET Ravizza Luigi Rivista TEMPO MEDICO n. 647 del Approfondimenti in Internet pg 1-3 Iori Vanna FONDAMENTI PEDAGOGICI E TRASFORMAZIONI FAMILIARI Ed. La Scuola, Brescia 2001 Izzo Sebastiano GIOCHI D AZZARDO Demetra S.r.l., Verona 1998 Lesieur H.R. Blume S.B. The South Oaks Gambling Screen (SOGS): A new instrument for the identification of pathological gamblers American Journal Psychiatry, 1987 Luft Joseph INTRODUZIONE ALLA DINAMICA DI GRUPPO Ed. La Nuova Italia, Firenze 1984 MIXER Magazine Il mensile del pubblico esercizio n. 140 pagg Stampa Rototre, Castano Primo (MI) Dic.2001-Genn.2002 Noventa A. Nava R. Oliva F. SELF-HELP Ed. Gruppo Abele, Torino 1990 Peres E. FEBBRE DA GIOCO Avverbi Edizioni (Graffiti srl), Roma 2000

14 Romani Pierpaolo LE CASE DA GIOCO pg 75 pagg pg 57 ED. Commercio, Roma 2000 Rosenthal R.J. PATOLOGICAL GAMBLING (1992) Trad. It. Il gioco d azzardo patologico Rivista BASIS 5/6, 1994 Secchiaroli Gianfranco DINAMICHE FAMILIARI E SISTEMI DI INTERAZIONE Ed. CLUEB, Bologna 1980

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

Going across addiction & looking for gambling Attraversando la tossicodipendenza alla ricerca del gioco d azzardo

Going across addiction & looking for gambling Attraversando la tossicodipendenza alla ricerca del gioco d azzardo Going across addiction & looking for gambling Attraversando la tossicodipendenza alla ricerca del gioco d azzardo UMBERTO CARONI AzzardoPoint, Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII di Reggio

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Elsa Marcaccini Psicologa psicoterapeuta Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Intervento presentato al Convegno «A che gioco giochiamo», organizzato dal Forum del Volontariato,

Dettagli

Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica

Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica Il lavoro di rete e community care. I gruppi di auto mutuo aiuto nelle dipendenze : una riflessione teorica Ferrara 24 settembre 2009 Andrea Noventa Responsabile Area-Prevenzione Ser.T1 Dipartimento delle

Dettagli

«L auto mutuo aiuto come risorsa per il trattamento»

«L auto mutuo aiuto come risorsa per il trattamento» «L auto mutuo aiuto come risorsa per il trattamento» di Matteo Iori (*) San Pellegrino Terme (BG), 29 settembre 2015 La storia e il contesto italiano L aiuto reciproco è un antica e preziosa modalità con

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare

Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare l'efficacia dell'intervento del Medico del lavoro Workshop

Dettagli

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino 1 I giovani e il gioco d azzardo in Ticino Analisi delle abitudini di gioco dei giovani tra 14 e 25 anni a livello cantonale Emiliano Soldini 2 Obiettivi dell indagine (1) I risultati emersi dallo studio

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD)

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD) I GRUPPI DI TERAPIA PER I GIOCATORI D AZZARDO E LE LORO FAMIGLIE : L ESPERIENZA DI CAMPOFORMIDO (UD) ROLANDO DR. DE LUCA PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA RESPONSABILE DEL CENTRO DI TERAPIA DI CAMPOFORMIDO E-mail

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO Slot-machine, casinò, videopoker e Bingo sono i giochi più a rischio dipendenza Bologna, 13 maggio 2009

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

Il gruppo come strumento-mezzo per affrontare il gioco d azzardo problematico

Il gruppo come strumento-mezzo per affrontare il gioco d azzardo problematico AGCI Sede Amministrativa : Via San Biagio n. 114 51100 Pistoia (Italy) tel. +39-(0)573-50431 - 504330 fax +39-(0)573-975388 E.mail gamblig@agcionline.org Progetto GAP Testa o Croce Il gruppo come strumento-mezzo

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi di Chiara Ratto Un ossessione vissuta alla sazietà si annulla nei suoi stessi eccessi. E. M. Cioran Al giorno d oggi, leggendo le riviste, i quotidiani,

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Intervento multimodale integrato sul GAP: individuo, famiglia, gruppo

Intervento multimodale integrato sul GAP: individuo, famiglia, gruppo Intervento multimodale integrato sul GAP: individuo, famiglia, gruppo Massimo Cecchi 1 Il nostro lavoro sul Gioco d Azzardo Patologico (GAP) è iniziato in modo casuale, molti anni fa. Sin dall inizio dell

Dettagli

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA EFFETTI DELLA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE CONSEGUENZE DA DIPENDENZA COME USCIRE DA QUESTO FENOMENO QUANTO E DIFFUSO ATTUALMENTE NEL

Dettagli

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta Il business del gioco in Italia è enorme e in rapida crescita: nel 2001 la raccolta annua era pari a 14 miliardi di euro. Oggi ammonta

Dettagli

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE Differenze tra gioco sano e patologico: inquadramento diagnostico CONVEGNO: "LUDOPATIA TRA SOCIETA E TERAPIA" Pieve Emanuele, 23 Novembre 2013 Dott.ssa Beatrice Peroni DEFINIZIONE

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Il Club degli Alcolisti in Trattamento. nella Rete territoriale : comunità di famiglie. attiva nella comunità locale

Il Club degli Alcolisti in Trattamento. nella Rete territoriale : comunità di famiglie. attiva nella comunità locale Scuola Alcologica Territoriale 2 modulo Chieri, 7 e 14 giugno 2013 CONDUTTORE: Paolo Barcucci - Servitore-Insegnante Club degli Alcolisti in Trattamento il Ciclamino Andezeno (TO) Il Club degli Alcolisti

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA Ricordare che l 80% dei malati vive in famiglia! (indagine Censis 2006) Chi è il caregiver? (letteralmente: colui che presta assistenza) Un familiare Un

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Lazise Provincia di Verona n. 223 Registro deliberazioni del 19-12-2013 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE O G G E T T O ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI PER LA LEGALITÀ

Dettagli

Servizio Sociale e Prevenzione GAP

Servizio Sociale e Prevenzione GAP 28 ottobre 2014 L azzardo non e un gioco Servizio Sociale e Prevenzione GAP Dr.ssa Cristina Bassini Assistente Sociale Sert Cremona Dr.ssa Irene Ronchi - Psicologa Sert Cremona Dipartimento Dipendenze

Dettagli

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013 DA PASSATEMPO A DIPENDENZA Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA Rovigo 8-Giugno 2013 LE DIMENSIONI DEL FENOMENO GIOCO D AZZARDO 1. In Italia il gioco d azzardo

Dettagli

NELLA CURA RIFLESSIONI SUGLI ASPETTI

NELLA CURA RIFLESSIONI SUGLI ASPETTI IL TUTORAGGIO ECONOMICO NELLA CURA DEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO: RIFLESSIONI SUGLI ASPETTI EDUCATIVI E RELAZIONALI Il trattamento di recupero del giocatore d azzardo patologico presuppone il coinvolgimento

Dettagli

Riabilitazione delle Dipendenze

Riabilitazione delle Dipendenze Sistema Sanitario Regione Lombardia A.O. Ospedale Maggiore di Crema Ospedale S. Marta - Rivolta d Adda Riabilitazione delle Dipendenze U.O. di Riabilitazione delle Dipendenze Ospedale S. Marta di Rivolta

Dettagli

ESITI QUESTIONARIO DI GRADIMENTO (01.10.2011)

ESITI QUESTIONARIO DI GRADIMENTO (01.10.2011) 1 ESITI QUESTIONARIO DI GRADIMENTO (01.10.2011) Per favore, rispondi a tutte le domande. Totale Questionari pervenuti 128 1. Le informazioni che hai ricevuto nella giornata di oggi ti hanno permesso di

Dettagli

Anche gli anziani. L azzardoinsidia glianziani Giocano7sudieci 16,4% il caso MARIA TERESA MARTINENGO. Slot e videopoker minacciano le pensioni

Anche gli anziani. L azzardoinsidia glianziani Giocano7sudieci 16,4% il caso MARIA TERESA MARTINENGO. Slot e videopoker minacciano le pensioni il caso MARIA TERESA MARTINENGO Anche gli anziani sono a rischio di dipendenza dal gioco d azzardo. E non importa se la pensione è modesta, anzi. La speranza di potersi permettere un «piccolo lusso», la

Dettagli

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO Spunti di riflessione teorici e pratici a cura di Thomas Gilardi e Paolo Molinari Valori didattici, formativi e sociali dell

Dettagli

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché.

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché. LA RICERCA TI CERCA Come diventare ricercatore. E perché. INDICE CHE COS È LA RICERCA FARMACEUTICA? Una lunga storia, in breve 3 COME SI ENTRA NEL MONDO DELLA RICERCA? Un lavoro che guarda lontano, visto

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014 K N O W L E D G E F O R Waste Watcher - Knowledge for Expo Expo Milano Ottobre 2014 Waste Watcher 2014 / Knowledge for Expo L osservatorio sullo spreco domestico Waste Watcher è promosso da Last Minute

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA www.previsioniborsa.net 1 lezione METODO CICLICO INTRODUZIONE Questo metodo e praticamente un riassunto in breve di anni di esperienza e di studi sull Analisi Tecnica di borsa con specializzazione in particolare

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G.

Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. Delib. n. 190-9.12.2013 N. 115043 P.G. OGGETTO: Mozione presentata dai gruppi consiliari PD- Partito Democratico Del Bono Sindaco, Civica per Del Bono Sindaco, Al Lavoro con Brescia, Brescia per Passione,

Dettagli

Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma

Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma Gambling:attività svolte dal marzo 2004 presso il Ser.T di Parma FORMAZIONE Formazione interna Ser.T Parma (marzo 2004) Convegno nazionale La Terapia Famigliare nei Servizi per le dipendenze patologiche

Dettagli

Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo

Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo Torna all INDICE Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo Sommario 1. COORDINAMENTO E GIOCO - Finalità - Segreteria Organizzativa - I gruppi per giocatori d azzardo - I problemi nei gruppi

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org TRATTAMENTO DI GRUPPO NEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 29 novembre 2012 Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org DOVE? Il trattamento del giocatore si articola all interno

Dettagli

Il Gioco : programmazione, realtà virtuale e Second Life

Il Gioco : programmazione, realtà virtuale e Second Life 128 Il Gioco : programmazione, realtà virtuale e Second Life Recentemente si sta animando la discussione su un argomento dove gioco, programmazione e realtà virtuale fanno da parole chiave. La stretta

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Il lavoro alcologico nel Ser.T. di Alessandria. Dott.ssa Cormaio Marialuisa Dott.ssa Ubaldeschi Daria Dott. Boetti Alberto

Il lavoro alcologico nel Ser.T. di Alessandria. Dott.ssa Cormaio Marialuisa Dott.ssa Ubaldeschi Daria Dott. Boetti Alberto Il lavoro alcologico nel Ser.T. di Alessandria Dott.ssa Cormaio Marialuisa Dott.ssa Ubaldeschi Daria Dott. Boetti Alberto Nei disturbi da uso di sostanze la metodologia che si è rilevata più efficace consiste

Dettagli

Trattamento residenziale Un approccio emotivo e cognitivo comportamentale

Trattamento residenziale Un approccio emotivo e cognitivo comportamentale Mauro Cibin DIPARTIMENTO PER LE DIPENDENZE Az. U.L.S.S. 13 Regione del Veneto Dolo - Mirano Trattamento residenziale Un approccio emotivo e cognitivo comportamentale Verona, 6 Giugno 2006 Progetto cocaina

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa LA SIMG: SIAMO LE SENTINELLE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE PARTE VÌOLA, IL PROGETTO PER ABBATTERE IL MURO DEL SILENZIO Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER FACILITATORI DI GRUPPI

CORSO DI FORMAZIONE PER FACILITATORI DI GRUPPI CORSO DI FORMAZIONE PER FACILITATORI DI GRUPPI Ascoltare e dare voce a bambini e adolescenti che affrontano la transizione separativa Con il Patrocinio dell A.I.Me.F (Associazione Italiana Mediatori Familiari)

Dettagli

Verbale 01. focus design e grafica. Verbale 01 - riunione del 12/02/2014

Verbale 01. focus design e grafica. Verbale 01 - riunione del 12/02/2014 Verbale 01 Redatto da: Daniele Druella, Tommaso Delmastro, Yussef Ech-Chibani, Michele Cafarelli Di seguito, brevemente, un report del nostro primo incontro: 00 - Introduzione dei Consiglieri Alessandro

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Gioco d azzardo. dalle illusioni alla realtà. Convegno. Lunedì 1 ottobre 2012. Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna. Viale della Fiera, 8 Bologna

Gioco d azzardo. dalle illusioni alla realtà. Convegno. Lunedì 1 ottobre 2012. Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna. Viale della Fiera, 8 Bologna Convegno Gioco d azzardo dalle illusioni alla realtà Sala Terza Torre Regione Emilia-Romagna Viale della Fiera, 8 Bologna Lunedì 1 ottobre 2012 ore 9.00-17.30 Paul Cézanne (1839-1906) Due giocatori di

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona L Assistente Sociale in Provincia di Cremona Indagine sulla condizione professionale e lavorativa della Assistente Sociale nella Provincia di Cremona Questa indagine è nata dall impegno che ci siamo presi

Dettagli

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Disturbi dell'umore. Depressione

Disturbi dell'umore. Depressione Disturbi dell'umore Depressione Probabilmente tutti nell'arco della propria hanno attraversato un periodo o anche un solo giorno in cui si sono "sentiti giù" e hanno pronunciato parole come: "Mi sento

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Presentazione e Studio della Mappatura Regionale. Progetto Lazio In Gioco

Presentazione e Studio della Mappatura Regionale. Progetto Lazio In Gioco Presentazione e Studio della Mappatura Regionale Progetto Lazio In Gioco Mappa dei Servizi e degli Interventi dedicati al gioco d azzardo o al GAP, attualmente attivi sul territorio del Lazio Divisione

Dettagli

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza Storia del progetto Il SerT dell ASL 9 ha consuetudine alla collaborazione con i familiari, attraverso accoglienza diretta della domanda

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE Corso Base di formazione per allievi Volontari di Protezione Civile Todi 20 maggio 2014 Tecnici ANCI Umbria Protezione Civile CULTURA Il concetto moderno di

Dettagli

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena Via Natale Dell Amore 42\a Cesena - tel. 0547\21572 - fax 0547\21907 - e.mail cspcesena@uil.it Gentili ospiti, prima di introdurre le riflessioni che hanno dato

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

I Martedì della Scuola

I Martedì della Scuola I Martedì della Scuola Dipartimento di Medicina e Sanità pubblica Sezione di Medicina legale Bologna, 27 marzo 2007 MILA FERRI Regione Emilia-Romagna LUISA GAROFANI Azienda Usl di Ferrara Coordinamento

Dettagli

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013 Gioco d azzardo d e dipendenzad Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare Lo scopo di una Informativa Breve La collana In Breve fornisce ai Consiglieri regionali informazioni

Dettagli

REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave della popolazione residente nel Comune di Arezzo

REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave della popolazione residente nel Comune di Arezzo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Ser.T. zona Aretina Via Fonte Veneziana, 7 00 Arezzo Direttore - Dr. Paolo E. Dimauro REPORT RICERCA-AZIONE sul GIOCO d AZZARDO Studio su informazioni e competenze delle figure-chiave

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

ITIS A.Volta Frosinone

ITIS A.Volta Frosinone ITIS A.Volta Frosinone LE DIPENDENZE DA GIOCO Accanto alle tradizionali forme di dipendenza da sostanze (droghe e alcol) è oggi in costante aumento il fenomeno delle nuove dipendenze o new addictions.

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

REGIONE TOSCANA CENTRO REGIONALE PER LA SALUTE IN CARCERE. La presa in carico del detenuto nuovo-giunto.

REGIONE TOSCANA CENTRO REGIONALE PER LA SALUTE IN CARCERE. La presa in carico del detenuto nuovo-giunto. REGIONE TOSCANA CENTRO REGIONALE PER LA SALUTE IN CARCERE La presa in carico del detenuto nuovo-giunto. Anche in queste preoccupanti condizioni di sovraffollamento in cui versa la maggior parte degli Istituti

Dettagli

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE 1 Associazione Nazionale Aperta/MENTE IL MONDO INTERNO Onlus ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI CATTOLICI Provincia di Napoli Soggetto qualificato per la formazione dal M.I.U.R. con D.M. del 10 luglio 2000

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA Corso di Laurea Specialistica in PSICOLOGIA CLINICA DINAMICA Elaborato Finale PERICOLOSITA SOCIALE UNO STUDIO ETNOGRAFICO CONDOTTO ALL INTERNO DEL

Dettagli

Negli ultimi decenni la

Negli ultimi decenni la Ilgioco nonvale lacandela Un progetto dell associazione Arciragazzi di Roma ha l obiettivo di intervenire sulle problematiche legate al gioco d azzardo soprattutto quello che coinvolge i più giovani di

Dettagli

La Promozione della Salute Mentale in Europa: sfide, azioni, ricadute a livello locale

La Promozione della Salute Mentale in Europa: sfide, azioni, ricadute a livello locale S.C. FORMAZIONE E SVILUPPO PROFESSIONALE DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE in collaborazione con DSM ASL TO1 DSM ASL TO2 Promuovere la salute mentale: lo sviluppo della resilienza di fronte alla

Dettagli

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata Lo psicologo e il Distretto Sociale 1 Atti del convegno AUPI su Il lavoro dello psicologo nell U.S.L.: specificità ed integrazione con altre figure professionali. Ritengo utile fare alcune premesse al

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna all INDICE in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia Assessorato Servizi e Opportunità U.O.C. Unità di Prevenzione LA RICERCA DEL GIOCO Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

L azzardo non èun gioco

L azzardo non èun gioco L azzardo non èun gioco Gioco d azzardo legale e rischio dipendenza tra le persone over 65 incontrate da Auser Torino, Fabbrica delle e 3 marzo 2014 1 Gioco d azzardo -il giocatore punta qualcosa, -la

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

09/01/2014-15:34:00 Agenzia: Agi1 Cat. : CRONACA

09/01/2014-15:34:00 Agenzia: Agi1 Cat. : CRONACA Omniroma-DROGA, MINEO (CEIS): NO A LIBERALIZZAZIONE CANNABIS (OMNIROMA) Roma, 09 GEN - "Rimaniamo esterrefatti di fronte alle nuove proposte di liberalizzazione delle droghe così dette leggere tra le quali

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

Tecniche di. Outreach. per i giocatori d azzardo. G. Serpelloni

Tecniche di. Outreach. per i giocatori d azzardo. G. Serpelloni Tecniche di Outreach per i giocatori d azzardo G. Serpelloni PREMESSA Outreach Il tema dell outreach è stato valutato come l area più importante della ricerca nel prossimo futuro, in tema di gioco d azzardo

Dettagli