PRINCIPI DI FONETICA INGLESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPI DI FONETICA INGLESE"

Transcript

1 Humaniter, Milano Corso di Lingua inglese Docente: Roberto Maritan PRINCIPI DI FONETICA INGLESE - PRESENTAZIONE - CONOSCERE LO SCHWA PAG CONOSCERE LE VOCALI INGLESI PAG Gennaio

2

3 Humaniter, Milano Corso di Lingua inglese Docente: Roberto Maritan PRESENTAZIONE

4

5 Humaniter, Milano Corso di Lingua inglese Docente: Roberto Maritan PRESENTAZIONE 1) Questo fascicolo raccoglie due mie monografie di fonetica inglese intitolate Conoscere lo schwa (pagg. 1-8) e Conoscere le vocali inglesi (pagg. 9-21). Se la comunicazione in inglese come lingua di scambio funziona tra parlanti non di lingua madre (in ragione del livello medio di conoscenza che accomuna gli interlocutori) nell esperienza pratica non è rara la difficoltà che si incontra con i parlanti di lingua madre, già per le sole ragioni di pronuncia e a prescindere da altre considerazioni. Il problema diventa poi rilevante riguardo la visione di film, l ascolto di trasmissioni, di canzoni ecc. Le pagine che seguono espongono con un approccio tecnico la natura del problema, formulando anche pratici enunciati di pronta applicazione per il superamento di quei limiti che caratterizzano la pronuncia inglese da parte di discenti stranieri, italiani e non. Quasi sicuramente la prima memoria ( Conoscere lo schwa, il suono vocalico più ricorrente nella lingua inglese) susciterà nel lettore quella stessa grande sorpresa e soddisfazione da me provata nel corso delle mie ricerche: grande sorpresa per l inaspettata portata del fenomeno considerato, soddisfazione per l acquisizione di conoscenze veramente stimolanti. La confidenza acquisita mi ha poi incoraggiato ad estendere le ricerche anche ai suoni vocalici inglesi che notevolmente più numerosi di quelli italiani vengono semplicisticamente, tipicamente ed erroneamente ridotti ed assimilati ai suoni vocalici italiani, con varie conseguenze. Ne è quindi seguita la monografia Conoscere le vocali ) Gli argomenti sono tutti esposti in modo e con intento divulgativo, indirizzandosi ad un pubblico che sebbene non specializzato potrà avere dei benefici solo da una lettura necessariamente attenta ed interessata. E stato inevitabile ma strumentale il ricorso all uso dei simboli dell alfabeto fonetico IPA (International Phonetic Association), la cui difficoltà solo apparente - è agevolmente superata dopo la lettura della nota 5) Familiarizzarsi con i simboli IPA a pag ) Il fenomeno fonetico della riduzione vocalica rappresentato dallo schwa è trattato nella prima parte di questo lavoro (pagg.1 8) considerata la rilevanza del fenomeno, il suo impatto, l interesse che può suscitare e, non ultima, la prima data di redazione. Se in ragione della simbologia IPA utilizzata il lettore avesse difficoltà nell approcciare subito tale trattazione, invito a considerare in prima istanza la monografia Conoscere le vocali inglesi, (pagg. 9 21) in ragione dei suoi contenuti propedeutici alla lettura di Conoscere lo schwa Revisioni delle monografie saranno pubblicate sul sito citato in calce. Roberto Maritan (Dr. Mag.) Milano, 1 Gen VISITATE IL SITO (Corsi di inglese/monografie Letteratura) PER CONSULTARE POSSIBILI REVISIONI DELLE MEMORIE QUI RACCOLTE.

6

7 Humaniter, Milano Corso di Lingua inglese Docente: Roberto Maritan CONOSCERE LO SCHWA

8

9 CONOSCERE LO SCHWA (Rev. 1.1f) 0.0 Introduzione. Lo schwa è il suono vocalico più ricorrente nella lingua inglese, paradossalmente sconosciuto allo studente straniero a dispetto della sua rilevanza nella comunicazione verbale. La comprensione dei fenomeni fonetici associati allo schwa è infatti funzionale all' intelleggibilità orale, quindi al successo della comunicazione, in particolar modo nei riguardi dei parlanti l'inglese come lingua madre (v.nota 1 pag. 8). Questo lavoro è il risultato di approfondimenti e considerazioni personali seguite ad un casuale incontro con lo schwa, che mi ha sollecitato a concettualizzare l argomento e a formulare principi e regole pratiche di pronta applicabilità per il superamento di consolidate lacune di pronuncia tipiche dello studente italiano. Lo schwa, come sarà evidente, può ben considerarsi il più importante fenomeno fonetico presente nella lingua inglese. La nozione dello schwa alimenterà un rinnovata coscienza linguistica nel discente, trasformando la ricerca dei termini sul dizionario da esercizio noioso in indagine curiosa dai risultati sorprendenti. Parole chiave. Schwa, comunicazione verbale, intelleggibilità, IPA (International Phonethic Alphabet), simboli fonetici, accento tonico, suoni vocalici, immagine sonora, unità di informazione, intonazione, mutazioni, principio di pronuncia, principio del bilancio energetico, principio del probabile vantaggio, informazioni spurie, prosodia, termini sorgenti, termini derivati, ritmo lento, ritmo ordinario, vocabolo dominante, aggregati verbali. 0.1 Premessa. Ai fini di questa trattazione i termini inglesi sono affiancati dalla relativa trascrizione in simboli fonetici secondo IPA (International Phonetic Alphabet), nell'assunzione che il lettore conosca la relativa problematica, trattata in un altra mia dispensa (intitolata Conoscere le vocali inglesi). In ragione delle varie possibili edizioni, del loro divenire e delle varietà di dizioni, non sono escludibili differenze nell'uso editoriale di alcuni simboli fonetici seppur tutti riferentisi alla stessa simbologia IPA. (Es.le coppie /u, i/ in luogo di /Ț, Ǻ/ oppure /Ț, u/ in luogo di /Ț, uə/ ecc.) 1.0 il nome di una vecchia conoscenza... Il suono che la linguistica definisce schwa /ȓwaə/ (2) ci è molto familiare. Infatti vari idiomi del sud Italia quali il campano, l'abruzzese, il molisano, il pugliese (limitatamente alla sola parte nord) sono caratterizzati da una preponderante presenza di schwa. In ragione della grande mole di opere artistiche diffuse quello che più ci è noto è lo schwa veicolatoci dalla parlata napoletana, il cui tentativo di imitazione sarà qui utile a scopo didattico. Si provi a pronunciare le parole sottoscritte imitando un napoletano quando parla, rafforzando cioè l'accento tonico e sfumando la vocale scritta in carattere piccolo fino a renderla impercettibile (come tentativamente rappresentato in forma tipografica): fazzulètto (fazzoletto) père (piede) jàmmo (andiamo) telèfono (telefono) Edizione a Pag. 1 di 21 Documento soggetto a revisione

10 l risultato dell'esercizio proposto porta a considerare che: la vocale su cui cade l'accento tonico è carica di energia sonora, alcune vocali perdono energia sonora diventando sfumate, indefinite, poco percettibili, insignificanti: queste vocali sono schwa, lo schwa è un suono univoco, indipendentemente dal tipo di vocale a cui è associato: le vocali i, u, o, a, e che diventano schwa si pronunciano quindi tutte allo stesso modo, in un vocabolo possono essere presenti più schwa, come nel napoletano teléfono. La conseguente omogeneizzazione e neutralizzazione in un unico suono uguale è un processo che generalmente prelude alla futura scomparsa delle vocali non solo nella forma parlata (come avviene spesso in inglese) ma anche nella forma scritta, come si verifica nello sloveno-croato Trst (Trieste), Krk, nella lingua ebraica e in quella araba. Tale processo è operato istintivamente pure nelle scritture improvvisate (appunti, sms), stenografico-telegrafiche (anche in quelle che possono far uso di caratteri tipografici come Speedwriting, Dutton Speedwords ecc.), nei linguaggi dei forum in Internet ecc. 2.0 Lo schwa nella lingua inglese. 2.1 Rappresentazione del simbolo fonetico. Il suono che la linguistica definisce schwa è rappresentato da IPA con il simbolo / ǩ /, simile ad una e rovesciata ma da questa ben distinto (v. nota 3 pag.8). Si verifichi su un dizionario provvisto di simboli IPA come la rimarchevole presenza dello schwa in inglese sia immediatamente riscontrabile in una grandissima quantità di parole, già nei vocaboli inizianti con la lettera a. Lo schwa è generalmente presente non solo nei vocaboli inglesi polisillabilici, ma anche in quelli monosillabici, spesso anche come unico tipo di suono vocalico presente o comunque gravato da accento tonico. Le vocali di seguito evidenziate in grassetto sono tutte schwa, come da simbolo IPA. Esempi: bird /bǩəd/, church /tȓǩətȓ/, word /wǩəd, ago /ǩ gou/, about /ǩ baut/, purchase / pǩətȓǩs/ Principio della pronuncia : tutte le schwa si pronunciano allo stesso modo indipendentemente dalla scrittura delle vocali. Nella prassi si nota invece che lo studente italiano pronuncia in inglese: bird, church in modo solo a volte tendente verso la forma corretta, ma impreciso word in modo sbagliato (perch é la o è pronunciata quasi come in italiano) ago, about come se fossero scritte con la e iniziale La corretta pronuncia e il suono dello schwa dei vocaboli discussi in questo paragrafo e nei successivi sono verificabili sui dizionari e sui siti web specializzati (v.nota 4 pag.8). È d uopo annotare che la rappresentazione della pronuncia dei vocaboli inglesi può presentare differenze in base alla variante considerata e all edizione del dizionario consultato. Al riguardo va necessariamente valutato quanto esposto in nota 5, a pag. 8. Edizione a Pag. 2 di 21 Documento soggetto a revisione

11 2.2. Due banane per assimilare lo schwa. La parola banana si presta convenientemente a proficue analisi sullo schwa, grazie anche all'omografia tra italiano e inglese. La banana italiana. Nella parola banana, in italiano, si distinguono chiaramente i suoni delle tre vocali banana /ba nana/ Le vocali sono scritte in grassetto, a significare che ognuna è dotata di un livello energetico, che è maggiore laddove cade l'accento tonico. In riferimento e limitatamente alla sola criticità rappresentata dai suoni vocalici, i tre punti energetici veicolano ciascuno un' unità di informazione verbale. L'immagine sonora della banana italiana contiene quindi tre unità di informazione significanti, cioè tutte rilevanti, cosi come rappresentato in fig. 1, diagramma A. La banana inglese. Nella parola banana, in inglese, si distingue chiaramente la sola vocale centrale /bǩ nǡənǩ/, le altre due vocali sono schwa, quindi indistinte, neutre. banana La parola banana in inglese è contraddistinta da un solo punto veramente energetico in luogo di tre, quindi rappresentabile con un immagine sonora contenente una sola unità di informazione significante e due unità di informazione insignificanti, queste ultime caratterizzate da bassa intensità sonora. V. Fig. 1, diagramma B. Non solo, ma la differenza interessa anche la qualità della vocale centrale a che in italiano è breve e anteriore /a /, mentre in inglese è lunga e posteriore / ǡə/, come si evince dal diagramma di Jones (v. nota 2, pag. 8). Diagramma A Diagramma B Fig. 1 Rappresentazione concettuali delle immagini sonore della pronuncia di banana in italiano e in inglese. L accento tonico comporta talmente spesso la produzione di schwa, che risulta senz altro enunciabile il seguente Principio del bilancio energetico: l' accento tonico sottrae energia ad altre vocali, che spesso mutano in schwa. Edizione a Pag. 3 di 21 Documento soggetto a revisione

12 Questo principio non ha valore assoluto ma è di grande utilità pratica, per le ragioni che saranno spiegate al paragrafo 2.3 (Principio del probabile vantaggio). Ne consegue che se la parola banana fosse scritta in modo diverso la sua pronuncia non cambierebbe, per il fatto che qualsiasi altra vocale eventualmente scritta diventerebbe schwa, quindi senza differenze ai fini della pronuncia, che rimarrebbe invariata. Il risultato è che le seguenti parole si pronunceranno in inglese sempre e comunque /bǩ nǡənǩ/ anche se scritte in modo diverso: benano, bonano, bunana,benane, bonane, bunanu, ecc. Con buona probabilità lo studente italiano tenderà invece a pronunciare le varie combinazioni di parole sopra elencate così come sono scritte, producendo quindi un'immagine sonora con tre informazioni invece che con una, due delle quali superflue. Mentre l'informazione centrale veicolata dalla vocale a della sillaba centrale rimarrà costante in tutte le parole, le altre informazioni spurie veicoleranno informazioni variabili in base alle diverse vocali di volta in volta pronunciate. In ogni caso il risultato sarà sempre costituito da un' immagine acustica assolutamente inquinata, che forzerà l'ascoltatore inglese ad identificare (ma come?) le informazioni spurie al fine di rimuoverle per poter disporre infine di una parola bonificata. Mantenendo la proporzione prima discussa di 3 informazioni contro 1, se uno straniero dicesse iuevoau invece di uva ci troveremmo nella condizione di difficoltà in cui viene a trovarsi un ascoltatore inglese di fronte a un immagine sonora ricca di informazioni spurie. Come identificare quali suoni rimuovere? La minor presenza di informazioni evidente caratteristica intrinseca di minor intelleggibilità viene necessariamente compensata in inglese da una rimarcata pronuncia degli attacchi vocalici duri e delle consonanti (con chiara distinzione tra sorde e sonore) e, soprattutto, dalla ricca specificità della prosodia (accento, tono, intonazione, quantità). Nella prassi si rileva che questi aspetti sono insufficientemente considerati nell insegnamento della lingua inglese, costituendo per lo studente un problema che si somma a quelli della capacità di espressione, del vocabolario, della padronanza complessiva della lingua straniera ecc. Approfondimenti al riguardo risultano profittevoli anche a molti di coloro che ritengono soddisfacenti le proprie conoscenze della lingua straniera. 2.3 Non solo banane... La banana ci ha introdotti alla comprensione di un fenomeno che riguarda la quasi totalità di parole inglesi alle quali è applicabile il principio del bilancio energetico, per cui l'accento tonico trasforma in schwa altre vocali (come indicato con la trascrizione fonetica), che quindi non dovranno essere pronunciate con il suono italiano ma con quello dello schwa. È utile familiarizzarsi con l applicazione del principio del bilancio energetico alla seguente serie di parole di uso comune verificandone la trascrizione fonetica a fianco. Allo scopo di facilitare il compito sono contrassegnate in grassetto le vocali su cui cade l accento tonico: Edizione a Pag. 4 di 21 Documento soggetto a revisione

13 billion / bǻljǩn/ doctor / dǥktǩ*/ graffiti /grǩ fiətǻ/ history / hǻstǩrǻ/ liberty / lǻbǩtǻ/ method / mǭθǩd/ neighbour / neǻbǩ*/ open / oupǩn/ police /pǩ liəs/ protester /prǩ tǭstǩ*/ station / steǻȓǩn/ sugar / ȓug ǩ*/ In merito a situazioni che riguardano l esperienza in campo e che non consentono verifiche di sorta non si abbia timore di abbondare nell uso di schwa, pur improvvisando, considerato il Principio del probabile vantaggio: l applicazione impropria dello schwa risolve più problemi della sua mancata applicazione. Infatti nel processo di ricezione e piu facile per l ascoltatore ricostruire informazioni mancanti (dovute all uso di schwa improprio) piuttosto che bonificare la parola da informazioni spurie (cioe da vocali non pronunciate come schwa). Esercitazioni con altri vocaboli e relative verifiche sul dizionario saranno di utilità. 2.4 L'accento tonico. Dove? In relazione all'accento tonico si rileva l'importanza che debba gravare sulla sillaba giusta. Un errore in tal senso oltre ad assegnare alla parola un possibile diverso significato - determinerebbe conseguenti schwa su vocali sbagliate, risultando in una immagine sonora indecifrabile all'ascoltatore di lingua inglese. Non si esiti a consultare un dizionario in caso di dubbio in merito all'accento: l improvvisazione qui non è suggerita. In caso di mancata verifica il margine di errore è almeno del 50 %: un vero gioco d azzardo... Il problema è piuttosto sottostimato. La quantità di informazioni rilevanti presenti nella pronuncia italiana costituisce un fattore di elevatissima intelleggibilità linguistica rispetto all inglese: in italiano l'immagine sonora complessiva non degrada sensibilmente nel caso in cui un accento tonico sia posto su una sillaba sbagliata, poichè la quantità di informazioni rilevanti alternative rimane comunque molto alta, ciò in ragione della pronuncia delle molte vocali e della mancanza di schwa. Le immagini sonore della lingua italiana si possono considerare ad altissima definizione. Lo studente deve essere cosciente che in inglese non avviene altrettanto a causa della minor intelleggibilità : l'accento tonico posto su una sillaba piuttosto che su un'altra ha i seguenti effetti: rafforzamento di un'informazione sbagliata (accento su vocale sbagliata) conseguente generazione di schwa su vocali non pertinenti (magari con scomparsa anche della vocale più importante, cioè quella veicolante l informazione più importante) distorsione complessiva dell'immagine sonora risultante possibile cambiamento di significato del vocabolo, come da esempi sottostanti: desert / dez ǩt/ deserto dessert /di zǩət/ dessert, dolce personal / pǩəsǩnl/ personale (aggettivo) personnell /,p ǩəsǩ nel/ personale (sostantivo) E interessante considerare che quando i vocaboli hanno un accento principale e uno secondario (negli esempi a seguire segnati da lettere in grassetto, rispettivamente con e senza accento) Edizione a Pag. 5 di 21 Documento soggetto a revisione

14 quest ultimo previene la trasformazione in schwa delle relative vocali e/o altri fenomeni di contrazione. Sono tipici in americano i vocaboli desinenti in ary come dìctionary, mìlitary, nècessary, sècretary, tèmporary e altri ancora. Gli stessi vocaboli nell inglese britannico hanno invece un solo accento, con tutti gli effetti conseguenti di schwa e di possibile contrazione. 2.5 Schwa e termini derivati. In inglese molti vocaboli - qui definiti termini sorgenti - caratterizzati ognuno da un proprio accento tonico e da relativi schwa, si uniscono ad altri risultando in sostantivi composti, aggettivi oppure danno luogo a forme verbali aventi medesima radice. Tali forme sono qui definite termini derivati. I termini derivati hanno spesso (ma non sempre) accenti tonici diversi, con conseguenti effetti dello schwa o, almeno, di altra mutazione vocalica. Termine sorgente Termine derivato 1) berry / bǭrǻ/ gooseberry / guzbǩrǻ/ 2) grammar / græmǩ*/ grammatical /grǩ mætikl/ 3) credit / krǭdǻt/ card / kǡəd/ credit-card creditcard / krǭditkǩəd/ 4) week / wiək/ end /end/ week-end weekend / wiəkǩnd/ In merito ai vocaboli 3,4) va annotato che il termine derivato può trovarsi scritto con trattino (ogni vocabolo mantiene accento e schwa originario) come due parole distinte senza trattino (idem) come unica parola (accento su prima sillaba, schwa conseguente) più comune in USA. Nel caso di sostantivi la cui radice origini una corrispondente forma verbale l'accento tonico è generalmente posto sulla prima sillaba nel caso del sostantivo e sulla seconda sillaba nel caso del verbo, con tutte le conseguenze del caso. Sostantivo Verbo progress / prougres/ progresso record / rǭkǥəd/ nota increase / inkriəs/ aumento progress (to) /prǩ gres/ progredire record (to) /rǻ kǥəd/ annotare increase (to) /in kriəs/ aumentare Esempio di un eccezione comune è control /kən troul/ controllo la cui pronuncia rimane invariata anche nella forma verbale to control controllare. 2.6 Godiamoci una tazza di tè! Nella prassi didattica si insiste inopportunamente sulla corretta pronuncia di certi suoni che trova applicabilità solo in situazioni in cui le parole vengono pronunciate lentamente, scandite, sottolineate, dettate ecc., cioè nel ritmo lento non tipico della quotidianità ma solo di particolari situazioni. Edizione a Pag. 6 di 21 Documento soggetto a revisione

15 Nella contesto reale, invece, moltissimi suoni diventano schwa: il fenomeno interessa articoli, preposizioni, forme verbali ecc. Non solo, ma nel ritmo ordinario all interno di una proposizione si possono riscontrare i seguenti effetti dovuti all intonazione : rafforzamento dell'accento sul vocabolo dominante induzione dello schwa sui vocaboli vicini L accento su un vocabolo dominante dovuto all intonazione ha effetti su interi aggregati verbali. Dopo questo biscottino introduttivo si può finalmente affrontare la tazza di tè bollente offertaci dal sito della BBC in chiusura di un filmato sullo schwa che invito a visionare (v.nota 4 pag.8). Vi si considera l'espressione a cup of tea (una tazza di tè) la cui pronuncia è a ritmo lento /ei kȝp k Ǥv tiə/ a ritmo ordinario /ǩ,kȝp ǩ tiə/ Nel ritmo ordinario l'articolo indeterminativo a e la particella of sono diventati schwa. Ma ciò non basta, perché in tale contesto - come in altri - scompare anche la parola tea che è data ovviamente per scontata, considerato l argomento in questione... per cui la nostra tazza di tè diventa semplicemente / kȝpǩ/. L'effetto schwa non si esaurisce ovviamente nella tazza di tè, ma si manifesta parimenti in una molteplicità di espressioni del parlare comune. Conclusioni. Si può certamente affermare che lo schwa è tanto importante quanto sorprendentemente sconosciuto. La corretta nozione del fenomeno fonetico dello schwa è strumento di immediata applicazione per un effettivo miglioramento della propria pronuncia inglese, quindi della comunicazione verbale. Lo schwa, cosi come discusso, aiuta a chiarire le principali ragioni della difficoltà di comprensione tra testo scritto o parlato a ritmo lento e inglese parlato a ritmo ordinario. È interessante considerare come l indebolimento che lo schwa opera sulle vocali, finanche a determinarne la loro scomparsa, tenda a renderli monosillabici arricchendone quindi la quantità già presente nella lingua, per ragioni naturali o per effetto di abbreviazioni o contrazioni ricorrenti [doc = doctor, sec = secretary, stats = statistics, critter = creature (USA) ecc.]. A questi effetti si sommano elisioni e contrazioni, mutazioni vocaliche e consonantiche, intrusioni ecc. che oltre alla difficoltà fonetica spiegano in larga misura anche il successo della musica inglese/anglo americana: i vocaboli monosillabici sono adattabili a qualsiasi ritmo musicale; inoltre la dizione è spesso modificata come licenza artistica per facilitare la formazione di rime. Quanto considerato è vicendevolmente causa ed effetto di diversificazione delle già molteplici peculiarità e varianti della lingua inglese. Roberto Maritan Milano, 2 nov (Rev.1.1f 31ott. 2010) Edizione a Pag. 7 di 21 Documento soggetto a revisione

16 NOTE (1) Si intendano l inglese, l anglo-americano e tutte le relative varianti (che la scuola linguistica anglo-germanica denomina dialetti anche in relazione ad idiomi di riconosciuta dignità linguistica, secondo una definizione non proprio coincidente con quella italiana). (2) Schwa. Termine di derivazione ebraica, sinonimo di insignificante, zero. In linguistica designa una vocale centrale posta al centro del diagramma di D.Jones (v. sotto, nel circoletto). Il diagramma rappresenta il luogo di produzione delle vocali. È un suono solitamente neutrale, di bassa intensità sonora, che in inglese non privilegia accento rispetto ad altre vocali all interno dello stesso vocabolo. Diagramma vocalico di D.Jones (1956) : il trapezoide schematizza qui il luogo di produzione di alcune vocali intermedie e di quelle cardinali. Le sezioni sagittali rappresentano la posizione della lingua per la produzione delle sole vocali cardinali. (3) Per ascoltare il suono schwa v. sito internet Digitando un lemma nel sito è possibile verificarne il suono schwa, se presente. (4) V. sito internet (5) Nel caso di suono schwa prolungato alcuni dizionari di recente edizione riportano il simbolo /Ǭə/, mentre la pronuncia data da dizionari accreditati più tradizionali (come l Oxford Dictionary, il Merriam Webster s e altri) è indicata con il segno /ǩə/. Tale differenza esprime due suoni vicini ma diversi (v.diagramma vocalico di Jones) ed è sintomatica di una possibile tendenza alla mutazione vocalica. Nella pratica il discente potrà considerare equivalenti i due diversi simboli. Esempi: bird /bǭəd/ invece di /bǩəd/ church /tȓǭətȓ/ invece di /tȓǩətȓ/ word /wǭəd/ invece di /wǩəd/ girl /gǭəl/ invece di /gǩəl/ Anche in uno stesso dizionario possono coesistere i due diversi simboli grafici per uno stesso lemma, a seconda che sia sostantivo o verbo. Es.: sostantivo permit / pǭəmit/, verbo to permit /pǩ mit/. Edizione a Pag. 8 di 21 Documento soggetto a revisione

17 Humaniter, Milano Corso di Lingua inglese Docente: Roberto Maritan CONOSCERE LE VOCALI INGLESI

18

19 CONOSCERE LE VOCALI INGLESI (Rev.1.1d) INTRODUZIONE NTRODUZIONE. Il grande divario tra il nostro sistema di suoni e quello inglese costituisce per il discente italiano una riconosciuta difficoltà ai fini della pronuncia di un inglese almeno intelleggibile. Se l esperienza pratica è senz altro necessaria, è anche vero che un approccio tecnico costituito dall analisi e dalla coscienza dei fenomeni fonetici che distinguono i due sistemi di suoni è uno strumento efficacissimo per il riconoscimento del problema e per la sua rapida soluzione. Dedicare un minimo di attenzione allo studio di alcuni aspetti basilari della fonetica può quindi rivelarsi un investimento straordinariamente remunerativo, dai risultati sorprendenti: l obiettivo concreto è il successo della comunicazione che in inglese a differenza di quanto avviene in italiano dipende in modo cruciale dalla qualità della pronuncia, a sua volta pesantemente condizionata dall accentazione. Questo lavoro analizza brevemente aspetti basilari relativi alla pronuncia dei suoni vocalici inglesi. In base al contesto il termine vocale può essere di seguito indifferentemente usato anche a significare suono vocalico. Questo lavoro si propone lo scopo pratico di consentire il superamento della curva di saturazione oltre la quale il processo di apprendimento è solito non progredire. Parole chiave. Simboli IPA, suoni vocalici italiani, suoni vocalici inglese, diagramma di Jones, vocali critiche, accentazione, schwa, riduzione vocalica, immagine sonora, intelligibilità, enunciati, monosillabi, dittonghi, distanza vocalica, distanza di pronuncia. IPA (International Phonetic Association). L associazione fonetica internazionale (IPA, International Phonetic Association) ha elaborato un sistema di rappresentazione grafica mediante simboli di tutti i suoni (foni) presenti nella molteplicità delle lingue considerate. Ogni simbolo IPA rappresenta sempre e comunque un suono univoco ben preciso, dalla stessa ripetibilità in qualsiasi contesto, indipendentemente dalla lingua considerata, senza alcuna necessità di precisazioni aggiuntive, di regole o altro: questo costituisce il cardine del sistema. L alfabeto IPA raccoglie centinaia di simboli diversi, soggetti ad affinamenti solo in parte apportati nel corso degli anni. Per ogni lingua è disponibile la raccolta di simboli Edizione a Pag. 9 di 21 Documento soggetto a revisione

20 IPA che ne rappresentano i suoni specifici. Uno stesso simbolo può essere iscritto nelle raccolte di altre lingue qualora il suono corrispondente sia ad esse comune. La necessità di disporre di un riferimento per la pronuncia ha consolidato l uso della simbologia IPA negli stessi paesi anglofoni, ove coesistono anche sistemi alternativi non accreditati internazionalmente. In ambito scolastico italiano lo studio dell alfabeto IPA è spesso snobbato e prontamente liquidato sulla base della sua presunta improponibilità didattica, mentre rappresenta invece una rilevante opportunità, come questa monografia si propone di dimostrare. Infatti la trascrizione fonetica si dimostra spesso indispensabile. Inoltre l applicabilità dei simboli più importanti è facilmente padroneggiabile (v. nota n. 5, pag. 16). Si osservi che già da qualche decennio i simboli IPA sono riportati anche da alcuni vocabolari italiani (es. Il nuovo Zingarelli) per indicare la corretta dizione. Tuttavia, mentre nella lingua italiana tale aspetto rappresenta generalmente una questione di stile, in inglese la corretta dizione non è un opzione ma una questione di sostanza. L uso di un dizionario inglese completo di trascrizione con i simboli IPA risponde ai molti inevitabili dubbi di pronuncia e di accentazione, rivelandosi uno strumento prezioso, un indispensabile compagno di studi, una miniera di informazioni e un occasione di serendipità (v. nota n. 1, pag. 15). IL DIAGRAMMA VOCALICO DI JONES. Ognuno può autonomamente notare che i suoni delle consonanti sono evidentemente prodotti in modi diversi. Si verifichi la diversa posizione e la modalità con cui le consonanti sono articolate pronunciando la p di pane, la c di cane, la f di fiore, la g di gelo ecc. In fonetica le consonanti sono denominate in base al luogo e al modo di articolazione, (es.: labiali, postdentali, velari ecc. e liquide, plosive, affricate ecc.). Anche le vocali si differenziaziono tra loro in base al luogo e alla modalità di produzione, sebbene in modo non così evidente da riscontrare. Le varie vocali sono il risultato di suoni conseguenti a variazioni della posizione linguale nella cavità orale: sono quindi classificate come anteriori o posteriori e superiori, centrali, inferiori. Sono ovviamente possibili produzioni vocaliche in luoghi intermedi (es. posteriore-centrale, anteriore-inferiore ecc.) soggette a successiva e ancor più accurata definizione. Nella casistica vanno anche considerate le combinazioni di vocali doppie o triple, come nel caso di dittonghi e trittonghi ecc. Edizione a Pag. 10 di 21 Documento soggetto a revisione

21 Si deve all inglese Daniel Jones la modalità di rappresentare i suoni vocalici mediante un grafico noto come diagramma vocalico di Jones (1956) (v. nota 2 p. 15). Trattasi di uno schema deila sezione verticale delle posizioni linguali utilizzate per la produzione delle varie vocali indicate su tale grafico. La versione di riferimento ufficiale del diagramma è quella dell IPA, estesa ad indicare anche la molteplicità di tutti gli altri suoni considerati. IL DIAGRAMMA DEI SUONI VOCALICI ITALIANI. In fig. 1 è dato il diagramma che rappresenta le otto vocali enunciate da Jones come vocali cardinali primarie. Sette delle otto vocali indicate coincidono esattamente con i suoni vocalici presenti nella lingua italiana, mentre il simbolo in parentesi all estremità inferiore destra del diagramma indica un suono vocalico estraneo all italiano (ma non ad alcuni idiomi del Nord Italia). Per semplicità espositiva le vocali non sono indicate con i simboli IPA, ma con i tipi grafici, cioè nella forma scritta dell italiano corrente, qui necessariamente arricchita con l accento acuto o grave, come e dove applicabile. Si notino infatti le varianti acute e gravi della e e della o, rispettivamente indicate con l accento acuto e con quello grave. Alle cinque vocali scritte dell italiano corrispondono quindi sette suoni vocalici. Nella parte destra della figura è indicata la sezione anatomica del cavo orale, con rappresentati i luoghi di massima tensione linguale necessaria per la produzione delle vocali considerate. Fig. 1. Diagramma dei suoni vocalici della lingua italiana. Si osserva che le vocali in questione sono tutte disposte sul perimetro del poligono, costituendo un fenomeno tipico della lingua italiana : altre lingue sono infatti ricche di vocali i cui simboli si collocano nell area interna del poligono e non sul perimetro, Edizione a Pag. 11 di 21 Documento soggetto a revisione

I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole. Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it

I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole. Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it i www.sanscrito.it I suoni del sanscrito: trascrizione e pronuncia ii Indice 1 La trascrizione

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere

IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere IL METODO CA. PA. LE. S.: CApire, PArlare, LEggere, Scrivere Paola Casi paola.casi@italianoperme.it Il percorso naturale di acquisizione di una lingua madre per un bambino piccolo segue le tappe indicate

Dettagli

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale)

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale) NOTE SUL METODO DI STUDIO a cura di Valeria Calcagno prima fase Quando ci si accinge a studiare un nuovo argomento è necessario avere prima di tutto un'idea generale di esso. come? attraverso l'ascolto

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2015 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2016 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA o COMPORTAMENTO o LETTERE (ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA) o MATEMATICA E SCIENZE o PRIMA E SECONDA LINGUA COMUNITARIA o TECNOLOGIA o EDUCAZIONE MUSICALE o SCIENZE

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

Introduzione alla lingua cinese moderna

Introduzione alla lingua cinese moderna Introduzione alla lingua cinese moderna Per lingua cinese moderna si intende la lingua ufficiale, parlata e scritta, nella Repubblica Popolare Cinese, lingua definita dal 1956 Ptnghuà 普 通 话 (letter.: lingua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

L ITALIANO TRA NOTE E COLORI. L italiano per studenti stranieri neo-arrivati in Italia Fondazione Telecom-Miur.

L ITALIANO TRA NOTE E COLORI. L italiano per studenti stranieri neo-arrivati in Italia Fondazione Telecom-Miur. L ITALIANO TRA NOTE E COLORI L italiano per studenti stranieri neo-arrivati in Italia Fondazione Telecom-Miur. Obiettivi del Progetto Facilitare l apprendimento della lingua italiana a studenti stranieri

Dettagli

Esercizi all interno del programma (On-Line)

Esercizi all interno del programma (On-Line) Esercizi Esercizi all interno del programma (On-Line) Layout di una schermata standard Barra di navigazione Riferimenti alla pagina Link alla pagina didattica Esercizi Area didattica La maggior parte delle

Dettagli

Esercizi del programma (solo su CD-ROM)

Esercizi del programma (solo su CD-ROM) Esercizi Esercizi del programma (solo su CD-ROM) Utilizzo dei comandi Per capire il significato dei termini utilizzati nei video è possibile consultare il glossario.. Passa alla schermata successiva. Ritorna

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

I.C. ARBE -ZARA. Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano. a.s. 2015/2016

I.C. ARBE -ZARA. Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano. a.s. 2015/2016 I.C. ARBE -ZARA Scuola Secondaria di Primo Grado Falcone - Borsellino Viale Sarca 24 Milano a.s. 2015/2016 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI INGLESE CLASSI 1A - 1B Docente: DANIELA BAIO 1 1. COMPETENZE Tenendo

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA

VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA 48 VALUTAZIONI RELATIVE ALL ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI E DEI LIVELLI DI PARTENZA Nel presente documento vengono elencate le competenze d ingresso relative alla classe prima in continuità con la scuola

Dettagli

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 ITALIANO Ascolto e conversazione: l alunno comprende e organizza gli elementi principali della comunicazione orale Intervenire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

4. Inglese. II. Il settore lingue 37. 4.1. Considerazioni preliminari. 4.1.1. Premessa

4. Inglese. II. Il settore lingue 37. 4.1. Considerazioni preliminari. 4.1.1. Premessa II. Il settore lingue 37 4. Inglese 4.1. Considerazioni preliminari 4.1.1. Premessa Considerata la crescente importanza dell inglese e il crescente numero di parole inglesi usate correntemente nelle altre

Dettagli

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2.

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. Gabriella Debetto Il presente fascicolo contiene le proposte didattiche elaborate dai docenti che hanno partecipato all intervento formativo Scrivere

Dettagli

SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI

SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI TUTTI I DOCENTI DI ALFABETIZZAZIONE ITALIANO MATEMATICA REFERENTE INTERCULTURA: MARIANGELA BERTINO

Dettagli

Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Traguardi per lo sviluppo delle competenze CURRICOLO VERTICALE DELLE LINGUE COMUNITARIE (INGLESE E FRANCESE) COMPETENZE CHIAVE La comunicazione nelle lingue straniere Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA. Conoscere alcuni vocaboli in inglese di uso comune.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA. Conoscere alcuni vocaboli in inglese di uso comune. ISTITUTO COMPRENSIVO DI EDOLO CURRICOLO DI LINGUA INGLESE - SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA NUCLEO FONDANTE COMPETENZE ATTESE CONOSCENZE E ABILITA' AMBIENTE DI APPRENDIMENTO (Quadro Comune Riferimento Europeo)

Dettagli

Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma

Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma (testo tradotto da Accommodating students with dyslexia in all classroom settings International

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

LINGUA INGLESE I^A Liceo ANNA VALDEVIT OBIETTIVI

LINGUA INGLESE I^A Liceo ANNA VALDEVIT OBIETTIVI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE a.s. 2014-2015 LINGUA INGLESE I^A Liceo ANNA VALDEVIT OBIETTIVI 1- Competenze: - acquisire un livello di competenza comunicativa che metta l alunno in grado di conversare con

Dettagli

Raccomandazioni per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati nella Scuola Primaria Inglese La lingua inglese,

Raccomandazioni per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati nella Scuola Primaria Inglese La lingua inglese, Raccomandazioni per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati nella Scuola Primaria Inglese La lingua inglese, come ogni lingua che non sia madre, riveste un ruolo fondamentale

Dettagli

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione di lingua inglese. I medie

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione di lingua inglese. I medie I.O. Angelo Musco Scuola Secondaria di I grado Programmazione di lingua inglese a.s. 2015/2016 L insegnamento della lingua inglese avrà come obiettivo principale l acquisizione delle funzioni comunicative

Dettagli

ABILITA. Memoria. Abilità linguistiche. Decifrazione. Classificare e ordinare. Comprensione. Analisi. Anticipazione. Progettazione.

ABILITA. Memoria. Abilità linguistiche. Decifrazione. Classificare e ordinare. Comprensione. Analisi. Anticipazione. Progettazione. MONOENNIO LINGUA ITALIANA ASCOLTO-COMPRENSIONE-COMUNICAZIONE OBIETTIVI SPECIFICI DI Comunicare oralmente: concordanze, tratti prosodici, la frase e le sue funzioni in contesti comunicativi. Organizzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

LABORATORIO di MUSICA

LABORATORIO di MUSICA Pag. 1 di 6 LABORATORIO di MUSICA Anno Scolastico 2015/2016 CLASSI I A e B In-canto: magia dei suoni Scuola Primaria Messina EMISSIONE APPROVAZIONE REVISIONI FIRMA REFERENTE 1 Pag. 2 di 6 PRESENTAZIONE.

Dettagli

LATINO (biennio linguistico)

LATINO (biennio linguistico) LATINO (biennio linguistico) OBIETTIVI (CLASSE I) Al termine della classe prima lo studente dovrà essere in possesso delle seguenti: morfologia e sintassi della lingua italiana (recupero e consolidamento

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami)

SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami) SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami) L individuazione di strumenti facilitanti l apprendimento e l autonomia nello studio è obiettivo fondamentale

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA INDICE 1 - Prerequisiti in entrata alla Scuola Primaria 2 Scuola Primaria Classe prima

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Presentazione della classe

Presentazione della classe Presentazione della classe La classe I A del Liceo Scientifico è composta da 19 alunni (7 maschi e 12 femmine). Un ragazzo ha iniziato a frequentare a fine ottobre. Si rileva la presenza di un allievo

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

Genitori. Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni. www.helendoron.it

Genitori. Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni. www.helendoron.it Genitori Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni www.helendoron.it Cari genitori, siamo felici che abbiate deciso di includere vostro/a figlio/a nelle lezioni di gruppo del programma Helen

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO ITALIANO INDICATORE DISCIPLINARE Sviluppare le abilità di base come l ascoltare, il parlare, il leggere e lo scrivere per maturare padronanza

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca E. DE AMICIS II CIRCOLO

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca E. DE AMICIS II CIRCOLO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca E. DE AMICIS II CIRCOLO Via Papa Giovanni Paolo II, 2/6 20013 MAGENTA (MI) Tel. 0297297390 Fax. 0297295091 E-mail:MIEE347009@ISTRUZIONE.IT - C.F.

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (BES - SVANTAGGIO LINGUISTICO)

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (BES - SVANTAGGIO LINGUISTICO) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO "VIA GUICCIARDINI, 6" PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (BES - SVANTAGGIO LINGUISTICO)

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Classe Prima

PROGRAMMAZIONE LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Classe Prima Presentazione della classe PROGRAMMAZIONE LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Classe Prima All inizio dell anno scolastico vengono effettuate prove d ingresso e osservazioni sistematiche che permettono

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

Dimostrare di mantenere l attenzione con differenti interlocutori ed in diversi ambiti

Dimostrare di mantenere l attenzione con differenti interlocutori ed in diversi ambiti ITALIANO PRIMARIA CLASSE I NUCLEI COMPETENZE OBIETTIVI DESCRITTORI CONOSCENZE ASCOLTO E PARLATO Mantenere l attenzione sul messaggio orale e sull interlocutore, nelle diverse situazioni comunicative Ascoltare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 013-14 SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE madrelingua COMPETENZE DISCIPLINARI Interagisce oralmente nella lingua italiana

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Listening. Learning. Leading. Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Comprendere i punteggi del test TOEFL Junior Per scoprire il proprio potenziale. Per estendere le proprie opportunità.

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale Esame di Diploma Professionale I riferimenti per la costruzione delle prove sono: lo Standard Formativo

Dettagli

La valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria: aspetti normativi di un iter pedagogico e didattico

La valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria: aspetti normativi di un iter pedagogico e didattico LA VALUTAZIONE DEGLI ALLIEVI CON CERTIFICAZIONE NELLA SCUOLA SECONDARIA prof.ssa Lupo Loredana Le disposizioni normative concernenti la valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO Anno Scolastico 2015/2016 2013/2014 POF 2015-16 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO 65016 MONTESILVANO (PE) Via Olona n. 9 - Distretto Scolastico N. 12 Il futuro del mondo è nelle nostre mani! PIANO

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

COME STUDIARE CON DynEd

COME STUDIARE CON DynEd COME STUDIARE CON DynEd I corsi DynEd sono progettati per consentire l acquisizione della lingua inglese in modo naturale, accelerando i tempi dell apprendimento. Rappresentano un notevole passo avanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Allegato E (Art. 25 comma 1 lett. c)) Indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati Obiettivi specifici di apprendimento per l inglese

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

SINTESI ANALISI DEI BISOGNI DI FORMAZIONE LINGUISTICA E DEI LIVELLI IN INGRESSO presso AZIENDA GENERICA S.p.A

SINTESI ANALISI DEI BISOGNI DI FORMAZIONE LINGUISTICA E DEI LIVELLI IN INGRESSO presso AZIENDA GENERICA S.p.A SINTESI ANALISI DEI BISOGNI DI FORMAZIONE LINGUISTICA E DEI LIVELLI IN INGRESSO presso AZIENDA GENERICA S.p.A DATA INTERVISTE: 30/09/2011 DATA ASSESSMENT: 14/10/2011 1 I bisogni di formazione linguistica

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12

Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12 Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classi : 2 A Insegnante Banfi Gabriella (Discipline:

Dettagli

Cristina Gaggioli Pedagogista esperta in TIC _ Formatore AID

Cristina Gaggioli Pedagogista esperta in TIC _ Formatore AID Cristina Gaggioli Pedagogista esperta in TIC _ Formatore AID E la prima circolare emanata dal MIUR per studenti con DSA Dispensa dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso del vocabolario,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

CLASSE 32/A - EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA. Ambito Disciplinare 3. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 32/A - EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA. Ambito Disciplinare 3. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 32/A - EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA Ambito Disciplinare 3 Programma d'esame CLASSE 31/A - EDUCAZIONE MUSICALE NEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI SECONDO GRADO CLASSE 32/A - EDUCAZIONE

Dettagli

ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE ASCOLTARE E PARLARE ABILITÀ (l'alunno è in grado di) Nell ascolto: - assumere un atteggiamento di ascolto individuale e collettivo

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

In questo primo anno di scuola media il metodo adottato sarà il più vario possibile. Sarà data molta importanza all aspetto orale per abituare gli

In questo primo anno di scuola media il metodo adottato sarà il più vario possibile. Sarà data molta importanza all aspetto orale per abituare gli ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRASANTA 1^ SCUOLA MEDIA SECONDARIA DI 1^GRADO P.E.BARSANTI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ANNUALE DOCENTE: PROF.SSA SILVIA BIBOLOTTI MATERIA: LINGUA FRANCESE CLASSE 1^ A

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

Linee-guida e conseguenti pratiche didattiche nell insegnamento dell inglese. S. Greco G. Nascimbene

Linee-guida e conseguenti pratiche didattiche nell insegnamento dell inglese. S. Greco G. Nascimbene Linee-guida e conseguenti pratiche didattiche nell insegnamento dell inglese S. Greco G. Nascimbene - Premessa Linee-guida e pratiche didattiche nell insegnamento dell inglese Indice I. Accorgimenti trasversali

Dettagli

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli LA PAROLA SCRITTA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Francesco Nota Capita con una certa frequenza di incontrare bambini che sanno leggere e scrivere già alla scuola dell infanzia, scuola che finora si è per

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

Lingue straniere e dislessia Un quadro linguistico e glottodidattico

Lingue straniere e dislessia Un quadro linguistico e glottodidattico Lingue straniere e dislessia Un quadro linguistico e glottodidattico Michele Daloiso Università Ca Foscari, Venezia daloiso@unive.it Contenuti Barriere dell allievo dislessico nell apprendimento linguistico

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA Pag. 1 di 11 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIPARTIMENTO DI INDIRIZZO RIM SPAGNOLO CLASSE BIENNIO TRIENNIO RIUNIONE DEL 10 settembre 2015 Orario di inizio 9,00 orario di conclusione 11.00 PRESENTI : Prof.ssa

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Istituzioni di linguistica. a.a.2014-2015 Federica Da Milano

Istituzioni di linguistica. a.a.2014-2015 Federica Da Milano Istituzioni di linguistica a.a.2014-2015 Federica Da Milano Leo Spitzer, Lettere di prigionieri di guerra italiani 1915-1918 Il più formidabile corpus di testimonianze di appartenenti alle classi popolari

Dettagli

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO PREMESSA

PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO PREMESSA PIANO EDUCATIVO PERSONALIZZATO PREMESSA Vi sono molti ragazzi che, pur in situazione di piena integrità cognitiva, trovano difficoltà a seguire il normale piano di studi, ragazzi per i quali è urgente

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro fonte. Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumentali musicali, imparando

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio

UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Come sottolineano Ferreiro

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

UNITA DIDATTICHE DI EDUCAZIONE AL SUONO E ALLA MUSICA

UNITA DIDATTICHE DI EDUCAZIONE AL SUONO E ALLA MUSICA UNITA DIDATTICHE DI EDUCAZIONE AL SUONO E ALLA MUSICA Dott.ssa Piera Bagnus Non sempre gli insegnanti sono consapevoli di come attività musicali specifiche possano contribuire a diminuire le difficoltà

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI A completamento delle nuove linee guida della P.A.T. relative alla valutazione degli studenti stranieri, si forniscono alcune indicazioni in vista

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

1. Fonetica e fonologia. La fonetica studia le caratteristiche fisiche dei suoni linguistici

1. Fonetica e fonologia. La fonetica studia le caratteristiche fisiche dei suoni linguistici Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2011 / 2012 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. Fonetica e fonologia La fonetica studia le caratteristiche

Dettagli