idomini MANUALE UTENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "idomini MANUALE UTENTE"

Transcript

1 idomini MANUALE UTENTE Introduzione al software per la determinazione dei domini di resistenza di sezioni in cemento armato e cemento armato rinforzato con FRP.

2

3 COPYRIGHT idomini e tutta la relativa documentazione sono proprietà privata e sono protetti da diritti di autore. L uso del programma senza licenza o la riproduzione della documentazione relativa, senza preventiva autorizzazione dei proprietari, sono espressamente proibiti. idomini è prodotto da: Ing. D Urso Domenico & Ing. Fidotta Giuseppe. DICHIARAZIONE LIBERATORIA Il programma idomini è stato sviluppato con dedizione e dispendio di tempo e risorse, tuttavia, l utente accetta e capisce che nessuna garanzia sulla sua accuratezza è espressamente o implicitamente offerta dai produttori. All utente spetta l onere di verificare in modo indipendente l esattezza dei risultati offerti dal software, nonché la piena comprensione dello stesso.

4 RINGRAZIAMENTI Un doveroso ringraziamento va a tutti i colleghi e amici ingegneri strutturisti per i preziosi suggerimenti che hanno consentito di portare a termine questo progetto. Un riconoscimento particolare al Dott. Ing. Giuseppe D Agata per aver stimolato il nostro interesse nei confronti delle innovative tecniche di rinforzo tramite materiali compositi in FRP e per l aiuto fornitoci in ogni fase dello sviluppo del software. ii

5 Sommario Capitolo Organizzazione e interfaccia grafica Barra dei comandi... 2 Pulsante Nuovo ;... 2 Pulsante Apri ;... 2 Pulsante Salva ;... 2 Pulsante Esporta in DXF ;... 2 Pulsante Stampa ;... 2 Pulsante Preferenze ; Pulsante Aiuto ; Definizione del modello Finestra Caratteristiche Geometriche Caratteristiche meccaniche dei materiali Legame costitutivo del calcestruzzo Legame costitutivo dell acciaio Legame costitutivo della fibra di rinforzo Caratteristiche delle sollecitazioni Risultati Capitolo Campi di comportamento di una sezione in calcestruzzo armato Definizione del rinforzo a flessione Legame costitutivo del calcestruzzo confinato Capitolo Verifica di una sezione in c.a Adeguamento di una sezione in c.a. rinforzata in fibra di carbonio ii

6 iv

7 idomini - Manuale Utente Introduzione Introduzione al software idomini Congratulazioni per aver scelto idomini, lo strumento di calcolo che vi sarà di prezioso aiuto nella progettazione di sezioni in cemento armato fibrorinforzate. Il programma è tanto semplice e immediato quanto preciso e affidabile, fin da subito noterete, infatti, come in pochi passaggi sarete già produttivi. In questo manuale si presenterà il programma, ciò sarà fatto attraverso anche esempi e applicazioni di calcolo, saranno inoltre messe in evidenza le scelte che fanno di idomini un software non solo intuitivo ma soprattutto accurato e rigoroso nei risultati. Nella prima parte del manuale saranno descritte le principali funzioni e comandi del software; la seconda parte presenta degli approfondimenti tecnici, i quali descrivono il funzionamento del programma e le normative cui si riferisce; seguiranno infine delle applicazioni.

8

9 idomini - Manuale Utente Lista dei simboli Lista dei simboli utilizzati in idomini f cd ε c2 ε cu f ccd ε c0 ε ccu f yd ε yd f fd ε fd E φ Μ Ν Resistenza di progetto a compressione del calcestruzzo Deformazione al limite elastico del calcestruzzo Deformazione ultima del calcestruzzo Resistenza di progetto del calcestruzzo confinato Deformazione del cls al lembo compresso prima dell applicazione del rinforzo Deformazione ultima di progetto del calcestruzzo confinato Resistenza di progetto allo snervamento dell acciaio in barre Deformazione di progetto al limite di snervamento dell acciaio in barre Resistenza di progetto del rinforzo di FRP Deformazione massima di progetto del rinforzo di FRP Modulo di elasticità normale Diametro delle barre in acciaio Momento flettente Sforzo normale

10

11 idomini - Manuale Utente Capitolo 1 Interfaccia grafica e comandi principali 1.1. Organizzazione e interfaccia grafica All avvio del programma sarà mostrata a video la finestra principale dalla quale sono accessibili la maggior parte dei comandi e dove sono presenti le finestre grafiche che visualizzeranno i risultati del lavoro. La finestra è organizzata in tre parti principali: 1. La barra dei comandi; 2. Il box per la definizione del modello; 3. La finestra grafica centrale nella quale saranno mostrati i domini di resistenza. Figura Finestra Principale

12 Capitolo Barra dei comandi Nella barra dei programmi si trovano i pulsanti che permettono di effettuare le consuete operazioni di gestione del progetto, quindi: Pulsante Nuovo : Avvia un nuovo progetto; Pulsante Apri : Apre un progetto salvato; Pulsante Salva : Salva il progetto corrente; Pulsante Esporta in DXF : Permette di esportare il dominio di resistenza che è visualizzato in quel momento nella finestra principale, il formato d esportazione,.dxf, è leggibile dai più comuni software CAD; Pulsante Stampa : Effettua la stampa del dominio di resistenza che è visualizzato a video in quel momento; 2

13 idomini - Manuale Utente Pulsante Preferenze : Nel pannello preferenze è possibile scegliere il tema dell interfaccia grafica e il passo d integrazione. Il passo d integrazione, fissato di default a 0.1, regola l accuratezza numerica con la quale è calcolato il dominio di resistenza, tanto più piccolo è il valore immesso tanto più preciso sarà il calcolo, di contro aumenterà il tempo di computazione che in alcuni casi limite potrebbe causare problemi di stabilità al software, pertanto si consiglia di utilizzare valori non inferiori a Figura 1.2 Pannello preferenze Pulsante Aiuto : Rimanda al presente documento; 3

14 Capitolo Definizione del modello Per la determinazione del dominio di resistenza e della successiva verifica sarà necessario impostare le caratteristiche geometriche, dei materiali e delle sollecitazioni che caratterizzano la sezione che si vuole studiare. Queste operazioni sono raggiungibili attraverso i rispettivi pulsanti dal box sulla destra Finestra Caratteristiche Geometriche Nella finestra Geometria Sezione, raggiungibile tramite l omonimo pulsante sopra raffigurato, è possibile immettere la geometria della sezione, l armatura in barre d acciaio e l eventuale rinforzo con fibra. Per quanto riguarda la geometria idomini permette il calcolo di sole sezioni rettangolari, sarà quindi sufficiente inserire base e altezza in millimetri della sezione. L armatura in barre d acciaio è divisa in ferri superiori e ferri inferiori, basterà immettere numero di barre, diametro e copriferro. Nelle caselle di testo Asup. e Ainf. Verrà riportato il calcolo dell area di armatura superiore e inferiore. Qualora sia attivato il check Sezione fibrorinforzata idomini effettuerà il calcolo del dominio di resistenza sia per la sezione in c.a. che per la sezione in c.a. fibrorinforzata ed entrambi verranno visualizzati nella finestra principale del programma. Sarà necessario inserire la larghezza della fibra e lo spessore per gli strati superiori e inferiori. 4

15 idomini - Manuale Utente Figura 1.3 Finestra Caratteristiche Geometriche Nella finestra grafica di fianco sono visualizzati e aggiornati in tempo reale la geometria immessa, l armatura e la fibra di rinforzo (riportata da una retta rossa). Con il pulsante applica" si accettano le modifiche e si chiude la finestra; Il pulsante Annulla cancella le modifiche e chiude la finestra; Il pulsante Anteprima mostra un anteprima del domino di resistenza nella finestra principale del programma a seguito delle modifiche apportate Caratteristiche meccaniche dei materiali Le caratteristiche meccaniche dei materiali, necessarie ai fini del calcolo, sono raggiungibili attraverso i tre pulsanti presenti nel relativo box nell interfaccia principale del programma. I pulsanti, cls, acciaio e FRP, aprono le relative finestre sotto riportate Legame costitutivo del calcestruzzo 5

16 Capitolo 1 Dalla finestra Legame costitutivo Calcestruzzo, raggiungibile tramite il pulsante cls sopra raffigurato, è possibile immettere i parametri che caratterizzano il legame costitutivo che verrà utilizzato nel calcolo dal programma. Il legame costitutivo di base è il classico Parabola-Rettangolo, per il quale sarà sufficiente inserire il valore di deformazione ultima ε cu e la resistenza a compressione f cd. La resistenza a trazione del calcestruzzo è ipotizzata nulla. Il check Benefici del confinamento attiva un legame costitutivo sulla base del primo ma capace di cogliere gli effetti benefici dovuti ad un eventuale confinamento della sezione, così come proposto dalle norme vigenti, ciò può essere fatto considerando un legame Parabola- Rettangolo con tratto incrudente caratterizzato da una deformazione ultima dovuta al confinamento ε ccu cui corrisponde il valore di resistenza a compressione fccd (vedi approfondimenti teorici del cap.2). Una volta attivato il legame del calcestruzzo confinato questo sarà utilizzato dal software per il calcolo del dominio di resistenza. Figura 1.4 Finestra Legame Costitutivo del Calcestruzzo Nella finestra grafica di fianco sono visualizzati e aggiornati in tempo reale il legame costitutivo del calcestruzzo non confinato e quello del calcestruzzo confinato. Con il pulsante applica" si accettano le modifiche e si chiude la finestra; Il pulsante Annulla cancella le modifiche e chiude la finestra; 6

17 idomini - Manuale Utente Il pulsante Anteprima mostra un anteprima del domino di resistenza nella finestra principale del programma a seguito delle modifiche apportate Legame costitutivo dell acciaio Dalla finestra Legame costitutivo Acciaio, raggiungibile tramite il pulsante acciaio sopra raffigurato, è possibile immettere i parametri che caratterizzano il legame costitutivo che sarà utilizzato nel calcolo dal programma. Il legame costitutivo è Elastico-Perfettamente Plastico, per il quale sarà sufficiente inserire il modulo di elasticità E ed il valore di resistenza f yd. Il legame è ipotizzato a comportamento simmetrico. Figura 1.5 Legame Costitutivo Acciaio 7

18 Capitolo 1 Nella finestra grafica di fianco è visualizzato e aggiornato in tempo reale il legame. Con il pulsante applica" si accettano le modifiche e si chiude la finestra; Il pulsante Annulla cancella le modifiche e chiude la finestra; Il pulsante Anteprima mostra un anteprima del domino di resistenza nella finestra principale del programma a seguito delle modifiche apportate Legame costitutivo della fibra di rinforzo Dalla finestra Legame costitutivo FRP, raggiungibile tramite il pulsante FRP sopra raffigurato, è possibile immettere i parametri che caratterizzano il legame costitutivo che verrà utilizzato nel calcolo dal programma. Il legame costitutivo è di tipo Elastico Lineare, per il quale sarà sufficiente inserire il modulo di elasticità E ed il valore di deformazione a trazione ε yd. Per ipotesi si considera nulla la resistenza a compressione della fibra. 8

19 idomini - Manuale Utente Figura 1.6 Legame Costitutivo Fibra Nella finestra grafica di fianco è visualizzato e aggiornato in tempo reale il legame. Con il pulsante applica" si accettano le modifiche e si chiude la finestra; Il pulsante Annulla cancella le modifiche e chiude la finestra; Il pulsante Anteprima mostra un anteprima del domino di resistenza nella finestra principale del programma a seguito delle modifiche apportate Caratteristiche delle sollecitazioni Dal relativo box presente nella finestra principale del programma è possibile inserire le caratteristiche sollecitanti della sezione al fine di effettuarne un rapida verifica. Una volta inseriti i valori di sforzo Normale e Momento flettente, rispettivamente in KN e KNm, cliccando sul pulsante Verifica idomini controllerà se la coppia di sollecitazioni scelte ricade o meno all interno del dominio di resistenza della sezione in esame. La coppia di sollecitazioni M-N sarà visualizzata nella finestra principale tramite un pallino rosso in corrispondenza di dette coordinate. 9

20 Capitolo 1 Qualora la coppia sollecitante dovesse ricadere all interno del dominio di resistenza verrà riportata una scritta di colore verde con la dicitura Verificata. Una scritta di colore giallo riportante la dicitura Verificata con Rinforzo è visualizzata dal software quando la coppia sollecitante ricade all interno del dominio di resistenza della sezione fibrorinforzata ma all esterno del dominio della sezione priva di rinforzo. Se la sollecitazione sarà esterna a entrambi i domini verrà visualizzato il messaggio di colore rosso Non Verificata. 10

21 idomini - Manuale Utente 1.4. Risultati Figura 1.7 Esempio di dominio di resistenza M-N Il risultato del calcolo è il classico dominio di resistenza MN. Questo viene raffigurato riportando lo sforzo normale nelle ascisse e il momento flettente nelle ordinate. Se si è scelto di studiare una sezione fibrorinforzata saranno visualizzati due domini di resistenza; è possibile comunque in ogni momento visualizzare i domini uno per volta semplicemente accendendo o spegnendo quello desiderato attraverso i pulsanti On/off posti nella barra sotto la finestra. 11

22 Capitolo 1 Figura 1.8 Accensione e Spegnimento dei Layers dei domini. Nella stessa barra sono inoltre presenti alcuni comandi utili per la visualizzazione dei risultati: Pulsante Zoom Meno : Effettua uno zoom indietro; Pulsante Zoom Più : Effettua uno zoom avanti;; Pulsante Griglia : Attiva/Disattiva la griglia; Pulsante Reset : Resetta la vista; Pulsante Assi : Attiva/Disattiva gli assi; Pulsante Testo : Attiva/Disattiva il testo; Un ulteriore ausilio alla visualizzazione dei risultati è fornito dal riquadro che indica la posizione del mouse nella vista in funzione dei valori M e N. Figura 1.9 Riquadro dei valori M e N. 12

23 idomini - Manuale Utente Capitolo 2 Approfondimenti teorici 2.1. Campi di comportamento di una sezione in calcestruzzo armato Figura 2.1 Campi di comportamento secondo l NTC2008 Le attuali normative italiane ed europee prevedono limiti solo per la deformazione del calcestruzzo. Si possono individuare, in sostanza, due soli campi di comportamento: 1. Sezione parzializzata, con deformazione pari a!!" al bordo superiore; 2. Sezione tutta compressa, con deformazione pari a!!! in un punto situato a!! dell altezza rispetto al bordo superiore.

24 Capitolo 2 Diagramma di deformazione A: Figura 2.2 Diagramma di deformazione A La sezione è soggetta ad allungamento con deformazioni infinite e quindi con tensione nell acciaio pari a!!". Si ha pertanto:! =!! +!!!!!" Equilibrio alla traslazione! =!!!!! h 2!!!" Equilibrio alla rotazione Dove As è l area di armatura inferiore e A s è l area di armatura superiore. Il momento flettente è calcolato rispetto al centro geometrico della sezione. CAMPO 1: La sezione è parzializzata con deformazione nel cls!!,!"# =!!" ed è quindi soggetta ad un diagramma di tensioni parabola-rettangolo. Il generico diagramma limite di deformazione è univocamente individuato dalla distanza! dell asse neutro dal bordo superiore. Le deformazioni!! ed!!! in corrispondenza delle armature inferiori e superiori valgono: 14

25 !! =!!!!!"!!! =!!!!!" idomini - Manuale Utente Le corrispondenti tensioni!! e!!! possono essere ricavate dalle relazioni!! =!!" per!!!!"!! =!!!! per!!"!!!!"!! =!!" per!!!!" Le caratteristiche della sollecitazione valgono:! =!"#!!" +!!!! +!!!!!!! =!"#!!" h 2!" +!!!!!!!!!! h 2! con! = 0,810 e! = 0,416. Diagramma di deformazione D: Figura 2.3 Diagramma di deformazione D Come caso particolare dalle espressioni in precedenza ricavate si ha per! = h 15

26 Capitolo 2!! =! h!!"!!! =! h!!" Per valori usuali del copriferro c l armatura inferiore è elastica, quella superiore è snervata (compressa), quindi:!!!"!! = 0,810!h!!"!! +! h!!!!"!"! = 0,0680!h!!!!" h!!!" +!! +! h!!!" 2!!!" Campo 2: In questo campo la sezione è tutta compressa e la deformazione si mantiene pari! =!!! ad una distanza! =!!!!!!!"! =! h dal baricentro!!"!" Figura 2.4 Campo 2. Il generico diagramma limite di deformazione è univocamente individuato dal valore normalizzato della deformazione al bordo inferiore!!"# =!!,!"#!!!. Le deformazioni!! ed!!! in corrispondenza delle armature inferiori e superiori valgono: 16

27 idomini - Manuale Utente!! =! 1!!"# +!!"#!!! 4 7ℎ!!! =! 1!!"# +!!"#!!! 4 7ℎ Le caratteristiche della sollecitazione valgono ancora:! =!"#!!" +!!!! +!!!!!!! =!"#!!" ℎ!" +!!!!!!!!!! 2 ℎ! 2 ma in questo caso si ha:! =1 4 1!!"# 21! !!"#!! = !!"#! Diagramma di deformazione E: Come caso particolare dalle espressioni in precedenza ricavate si ha per!!"# = 1!! =!!! =!!!!! =!!! =!!" le caratteristiche della sollecitazione valgono:! =!"!!"!! +!!!!!"! =!!!!! ℎ!!!" 2 Si noti che il momento flettente così ottenuto è uguale in valore ma opposto in segno rispetto a quello che si ha nel diagramma A. Esso è nullo solo se le armature sono simmetriche. Se invece!!!!! il momento flettente è negativo se!! >!!!, positivo se!! <!!!. 17

28 Capitolo Definizione del rinforzo a flessione Figura 2.5 Campi di comportamento della sezione rinforzata. Le ipotesi fondamentali su cui si basa l analisi allo SLU delle sezioni in c.a. rinforzate con FRP sono le seguenti: Conservazione delle sezioni piane fino a rottura, in modo che il diagramma delle deformazioni normali sia lineare; Perfetta aderenza tra i materiali componenti (acciaio-calcestruzzo, FRPcalcestruzzo); Incapacità del calcestruzzo di resistere a sforzi di trazione; Legami costitutivi del calcestruzzo e dell acciaio conformi alla normativa vigente; Legame costitutivo del composito fibro-rinforzato elastico lineare fino a rottura; La fibra non reagisce a compressione. L intervento di rinforzo risulta efficace per sezioni a debole armatura (acciaio teso snervato) allo SLU: dilatazione dell acciaio,!!, maggiore o uguale al valore di progetto di deformazione di snervamento!!". Si ipotizza che la rottura per flessione si manifesti quando si verifica una delle seguenti condizioni: Raggiungimento della massima deformazione plastica nel calcestruzzo compresso,!!", come definita dalla Normativa vigente; Raggiungimento di una deformazione massima del rinforzo di FRP,!!", calcolata come:!!" =!"#!!!!"!!,!!"" 18

29 idomini - Manuale Utente dove!!" è la deformazione caratteristica a rottura del rinforzo,!! è il coefficiente parziale per il materiale e!! il fattore di conversione ambientale per varie condizioni di esposizione e vari sistemi di FRP, detti coefficienti sono valori tabellati per i quali si rimanda alle istruzioni CNR DT200/2004. Mentre!!"" è la deformazione massima per delaminazione intermedia. Le due equazioni da utilizzare per la risoluzione del problema sono quella di equilibrio alla traslazione nella direzione dell asse della trave e quella di equilibrio alla rotazione intorno all asse passante per il baricentro delle armature tese e parallelo all asse neutro. Con riferimento ai campi di comportamento si possono distinguere due tipi di rottura, a seconda che si raggiunga la massima dilatazione del rinforzo di FRP (zona 1) o la massima contrazione del calcestruzzo (zona 2). ZONA 1: Nella zona 1 la rottura si attinge per raggiungimento della deformazione elastica limite di progetto nelle fibre: un qualunque diagramma delle deformazioni corrispondente a tale modalità di rottura ha come punto fisso il valore limite della deformazione delle fibre,!!". Le deformazioni normali che competono alle diverse fibre della sezione retta, distese parallelamente all asse neutro, possono essere calcolate invocando la linearità del diagramma, attraverso le seguenti relazioni: FRP!! =!!" Calcestruzzo al lembo compresso!! =!!" +!!! h!!!" Acciaio in compressione!!! =!!" +!!!! h! Acciaio in trazione!! =!!" +!!!! h! 19

30 Capitolo 2 dove!!" è la deformazione limite che il calcestruzzo può attingere a compressione. Zona 2: Nella zona 2 la rottura avviene per schiacciamento del calcestruzzo con acciaio teso snervato, mentre la deformazione limite delle fibre non è stata ancora raggiunta: in tal caso resta fissata la deformazione massima del calcestruzzo compresso,!!", in funzione della quale si ricavano, per linearità le deformazioni normali negli altri materiali: FRP!! =!!"! h!!!!!" Calcestruzzo al lembo compresso!! =!!" Acciaio in compressione!!! =!!"!!! Acciaio in trazione!! =!!"!!! Per entrambe le tipologie di rottura la posizione x, dell asse neutro è determinata a partire dall equazione di equilibrio alla traslazione lungo l asse della trave:!!" =!"#!!" +!!!! +!!!!!" +!!!!!!" =!"#!!"!!" +!!!!!!!! +!!!!! 2.3. Legame costitutivo del calcestruzzo confinato Al fine di ottenere una modellazione più realistica idomini implementa il legame costitutivo, per quanto riguarda il calcestruzzo, suggerito nel CNR DT200/2004 rev. 7 ottobre 2008 (APPENDICE D). Il legame costitutivo adottato è un legame non lineare del tipo rappresentato in Figura 2.6, costituito da un primo tratto parabolico e da un secondo lineare crescente. Nel punto di 20

31 idomini - Manuale Utente passaggio dal tratto parabolico a quello lineare s ipotizza la continuità della derivata prima della funzione σ (ε). Figura 2.6 Legame costitutivo del calcestruzzo confinato. In termini analitici il legame proposto può essere espresso come segue: Tratto parabolico:!!!!" =!!!!!"# 0! 1 Tratto lineare:!!!!" = 1 +!!!"# 0!!!!"!!! 21

32 Capitolo 2! è un coefficiente adimensionale! =!!!!! f cd e e co sono, rispettivamente, la resistenza di progetto del calcestruzzo non confinato e la competente deformazione (generalmente assunta pari a 0.002); ε ccu è la deformazione ultima di progetto del calcestruzzo confinato, competente alla resistenza di progetto f ccd ; i coefficienti a e b sono: a=1+γ b=γ-1 e inoltre:! =!!" +!!!!!!!"!! =!!!"!!"!!!" NOTA: per ottenere il legame costitutivo classico parabola-rettangolo basta porre f ccd =f cd. 22

33 idomini - Manuale Utente Capitolo 3 Esempi 3.1. Verifica di una sezione in c.a. Si supponga di voler eseguire il calcolo del dominio di resistenza M-N per una sezione rettangolare in c.a. 30x30 armata con 4φ20 sotto e 2φ18 sopra. Step1. Avviamo idomini per iniziare un nuovo progetto;

34 Capitolo 3 Step2. Definiamo le caratteristiche geometriche: Base e Altezza: 300x300 [mm]; Copriferro superiore e inferiore: 40 [mm]; Ferri superiore: n =2 diametro 18 [mm]; Ferri inferiori: n =4 diametro 20 [mm]; Lasciamo la casella Sezione fibrorinforzata non selezionata e clicchiamo su Applica per accettare i dati immessi; Step3. Definiamo le caratteristiche del materiale Calcestruzzo: Avendo scelto di studiare una sezione non rinforzata con fibra non avremo a disposizione gli effetti benefici che normalmente si considerano dovuti al confinamento che la fibra apporta al calcestruzzo, per questo motivo lasceremo disattivato il check benefici del confinamento ; 24

35 idomini - Manuale Utente Il legame costitutivo diventa allora del tipo Parabola-Rettangolo senza incrudimento, e ci dovremo preoccupare solo di impostare i seguenti parametri: ε cu =0,0035: deformazione ultima a compressione del calcestruzzo; f cd =14,17 [MPa]: resistenza di progetto a compressione del calcestruzzo; Clicchiamo su Applica per confermare. Step4. Definiamo le caratteristiche del materiale Acciaio: Apriamo la finestra del legame costitutivo dell acciaio cliccando sull omonimo pulsante. Il legame costitutivo è del tipo elastico perfettamente plastico, ed è simmetrico a trazione e compressione; Per definirlo inseriamo i seguenti parametri: f yd =391 [MPa]: resistenza di snervamento di progetto; Ε= [Mpa]: modulo elastico; Step5. Inseriamo le caratteristiche della sollecitazione: 25

36 Capitolo 3 Momento = 200 KNm; Sforzo Normale = 1000 KN; Clicchiamo sul pulsante Verifica ; Step6. Restituzione dei risultati del calcolo: Il calcolo del dominio è concluso, avremo a video, nella finestra principale, il dominio di resistenza della nostra sezione e sulla sinistra un messaggio indicherà se la verifica è soddisfatta o meno. La sezione scelta per questo esempio non soddisfa la verifica, infatti, si può notare il puntino rosso che individua la coppia sollecitante ricadere all esterno del dominio e il messaggio di testo che ci avvisa della mancata verifica. I risultati così ottenuti, a questo punto, sono pronti per essere stampati o esportati in formato dxf per la visualizzazione in CAD. 26

37 idomini - Manuale Utente Per finire è possibile concludere la sessione di lavoro salvando il progetto, come mostrato in figura: Il nostro progetto sarà così disponibile per successive modifiche, per riprenderlo basterà un doppio click sul file appena salvato. 27

38 Capitolo Adeguamento di una sezione in c.a. rinforzata in fibra di carbonio Si supponga di voler effettuare l adeguamento della sezione in c.a. vista nell esempio precedente, e di voler utilizzare elementi in fibra di carbonio. Step1. Apriamo il progetto in precedenza salvato: doppio click sul file; Step2. Attiviamo il rinforzo in FRP: Apriamo la finestra delle caratteristiche geometriche; Spuntiamo il check sezione fibrorinforzata ; Inseriamo spessori e larghezza della fibra superiore e inferiore, come mostrato in figura: 28

39 idomini - Manuale Utente Clicchiamo su Applica per confermare e chiudere la finestra. Step2. Definiamo le caratteristiche costitutive della fibra: Apriamo la finestra del legame costitutivo FRP; Impostiamo la deformazione di progetto a trazione della fibra: ε fd =0,0073; ed il modulo elastico: E= [MPa]; Clicchiamo su Applica per confermare e chiudere la finestra. Step3. Attiviamo i benefici del confinamento sul calcestruzzo: Apriamo la finestra del legame costitutivo del cls; Attiviamo il check benefici del confinamento ; Impostiamo la deformazione di progetto a trazione della fibra: ε ccu =0,0045; e la resistenza a compressione di progetto dovuta al confinamento: f ccd =17,00 [MPa]; Il legame costitutivo che idomini utilizzerà per effettuare il calcolo del dominio sarà visualizzato in rosso; come è possibile notare dalla figura sotto riportata stiamo considerando sia un aumento in termini di duttilità (cioè di deformazione ultima) si in termini di resistenza grazie alla pendenza del tratto incrudente. Ovviamente non è 29

40 Capitolo 3 necessario considerare tali effetti, l utente è libero di scegliere se tenerne conto o se continuare ad utilizzare lo stesso legame costitutivo. Clicchiamo su Applica per confermare e chiudere la finestra. Step4. Inserimento sollecitazioni e verifica: Manteniamo le stesse sollecitazioni dell esempio precedente e avviamo la verifica. Step5. Risultati: Nella finestra grafica principale, a questo punto, compariranno due domini di resistenza, quello in rosso è il nuovo domino, quello cioè relativo alla sezione fibrorinforzata che chiaramente sarà più ampio del precedente. 30

41 idomini - Manuale Utente Possiamo notare come a seguito dell inserimento del rinforzo il messaggio di testo della verifica riporta la dicitura verifica con rinforzo, ciò significa che la coppia sollecitante ricade all interno del dominio di resistenza della nuova sezione rinforzata, e che quindi l adeguamento è sufficiente. Il lavoro può considerarsi terminato. 31

42

43 idomini - Manuale Utente Bibliografia CNR-DT 200/2004, Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo di Compositi Fibrorinforzati, ROMA CNR 13 luglio 2004 rev. 7 ottobre D.M. 14/01/08, Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni, (Gennaio 2008).

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V AGGIORNAMENTO 22/09/2012 DOMINIO DI RESISTENZA Prendiamo in considerazione la trave rettangolare

Dettagli

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata)

VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) Software VEMA (Verifica Elementi Muratura Armata) (Manuale d uso - Versione 1.0.0) www.edificiinmuratura.it info@edificiinmuratura.it COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Generalità e note di teoria

Generalità e note di teoria Capitolo 1 Generalità e note di teoria In questo capitolo sono riportate alcune note delle teorie utilizzate, riguardanti: Verifiche di resistenza. Dati del problema e convenzioni. Ipotesi fondamentali.

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l.

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l. Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato 2S.I. s.r.l. www.2si.it Ing. Marco Pizzolato Ing. Gennj Venturini 201310 Introduzione Una volta modellato un edificio esistente è possibile assegnare

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

Esempi guidati. Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi:

Esempi guidati. Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi: Capitolo 4 Esempi guidati Questo capitolo presenta alcuni esempi guidati sull applicazione del programma PRO_VLIM. Verranno presentati i seguenti esempi: Analisi di una sezione rettangolare in c.a. soggetta

Dettagli

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Flessione composta Spoleto, 21 maggio 2004 Aurelio Ghersi Verifica di sezioni soggette flessione composta 1 Verifica tensioni ammissibili h d c n A s x σ c

Dettagli

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite

Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Dalle tensioni ammissibili agli stati limite Flessione composta Spoleto, 21 maggio 2004 Aurelio Ghersi Verifica di sezioni soggette flessione composta Verifica tensioni ammissibili c A s σ c max σ s /

Dettagli

Formule per la verifica ed il progetto del rinforzo in FRP di pilastri rettangolari soggetti a pressoflessione deviata

Formule per la verifica ed il progetto del rinforzo in FRP di pilastri rettangolari soggetti a pressoflessione deviata Formule per la verifica ed il progetto del rinforzo in FRP di pilastri rettangolari soggetti a pressoflessione deviata Giorgio Monti, Silvia Alessandri Università di Roma La Sapienza Contenuti Approccio

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI. 2 Il calcestruzzo armato 2.4 La flessione composta

ESERCIZI SVOLTI. 2 Il calcestruzzo armato 2.4 La flessione composta ESERCIZI SVOLTI Costruire la frontiera del dominio di resistenza della sezione rettangolare di mm con armatura simmetrica A s,tot + 6, copriferro mm, impiegando calcestruzzo classe C /. Resistenza di calcolo

Dettagli

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica

IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 374/003) POTENZA, 004 IL METODO DEGLI STATI LIMITE Esempi di verifica Dott. Ing.. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata

Dettagli

Prove di caratterizzazione dei compositi e dell interfaccia

Prove di caratterizzazione dei compositi e dell interfaccia Prove di caratterizzazione dei compositi e dell interfaccia di riferimento D.M. Infrastrutture del 14.01.2008 Nuove norme tecniche per le costruzioni e relative circolari integrative. CNR-DT 200/2004 rev.7,

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE I: ANALISI A FIBRE

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE I: ANALISI A FIBRE Valutazione e riduzione della vulnerabilità sismica di edifici esistenti in c.a. Roma, 29-3 maggio 28 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE I: ANALISI A FIBRE Di Ludovico

Dettagli

Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche

Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche Il c.a.p. nelle nuove Norme Tecniche plizzari@ing.unibs.it Università di Brescia Corso di Tecnica delle Costruzioni Verifica di una struttura esistente Corso Tecnica delle Costruzioni 2/71 Comportamento

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A"

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO A VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A" 1 VERIFICA PIASTRA FONDALE...3 VERIFICA RESTANTI OPERE IN C.A...9 VERIFICHE SLE...11 2 VERIFICA PIASTRA FONDALE Verifica a flessione Stati limiti La piastra fondale presenta

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014

GUIDA DELL UTENTE. Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 GUSCI Analisi dello stato tensionale tangenziale per i profili sottili aperti v. 1.00.55 del 14 aprile 2014 dott. ing. FERRARI Alberto GUIDA DELL UTENTE centro di taglio; valutazione delle sollecitazioni

Dettagli

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007

CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 CRITERI PER IL PROGETTO DEL CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN C.A. Relatore: Prof. Ing. Paolo Spinelli Firenze, 30 novembre 2007 INTRODUZIONE La verità scomoda di Al Gore che mette in luce i pericoli per

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Strutture in Acciaio:

Strutture in Acciaio: Strutture in Acciaio: i Verifica degli elementi strutturali STATI LIMITE DI ESERCIZIO STATI LIMITE ULTIMI DELLE SEZIONI (RESISTENZA DELLE SEZIONI) Si possono considerare due stati limite: 1. Stato

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Parte I: Basi del progetto

Parte I: Basi del progetto XV XVII Introduzione Prefazione Parte I: Basi del progetto 3 CAP. 1 - LA CONCEZIONE STRUTTURALE 3 1.1 Carattere di una costruzione 5 1.2 La forma tecnica della costruzione in calcestruzzo armato 11 1.3

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools.

Indice. ET - Engineering Tools. <S.T.A. DATA srl> RINFORZI MURATURE 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9

Dettagli

WallVerine - Tutorial

WallVerine - Tutorial WallVerine - Tutorial 1 2013, Softing srl Riproduzione consentita citando la fonte rev 130111 2 WallVerine Tutorial Ing. Francesco Canterini Softing srl 3 4 Indice Generalità...7 Utilizzo di WallVerine...8

Dettagli

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Ricercatore di Tecnica delle Costruzioni Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi

Dettagli

Istruzioni per l uso dei programmi MomCad, TraveCon, TraveFon

Istruzioni per l uso dei programmi MomCad, TraveCon, TraveFon Istruzioni per l uso dei programmi MomCad, TraveCon, TraveFon I tre programmi sono utility generali preparate appositamente per gli studenti (ma che potrebbero essere utili anche per professionisti). MomCad

Dettagli

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti)

Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) Esempio guida n. 1: Progettazione di un telaio tridimensionale in c.a. (modellazione in 3 minuti) In questa semplice esercitazione di progettazione viene eseguito il calcolo completo di una struttura in

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE CNR-DT 200/2004 Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo dicompositi Fibrorinforzati Materiali, strutture in c.a. e in c.a.p.,

Dettagli

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM 1 1. Premessa La presente relazione ha per oggetto lo studio delle strutture in cemento armato in cui il rinforzo interno, anzichè

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Progetto di un telaio tridimensionale in. cemento armato. Esempio guidato 2 Pag. 1

Progetto di un telaio tridimensionale in. cemento armato. Esempio guidato 2 Pag. 1 Esempio guidato 2 Progetto di un telaio tridimensionale in cemento armato Esempio guidato 2 Pag. 1 Esempio guidato 2 - Progetto di un telaio tridimensionale in cemento armato In questo Tutorial viene eseguito

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

Leonardo Principato Trosso

Leonardo Principato Trosso Leonardo Principato Trosso Software per il calcolo con i metodi delle tensioni ammissibili e agli stati limite ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008 * Solai in cemento armato, ferro, legno e a piastra * Sbalzi

Dettagli

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità)

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) DI SEGUITO ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE PRINCIPALI NOVITA CHE SONO STATE INTRODOTTE DI RECENTE OPPURE CHE VERRANNO INTRODOTTE NELLA VERSIONE VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) MASTERSAP

Dettagli

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3

Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1 Certificazione di produzione di codice di calcolo Programma CAP3 1) CARATTERISTICHE DEL CODICE Titolo programma : CAP3 - Travi precompresse ad armatura pretesa, Metodo agli stati limite. Autore : ing.

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica. Domenico Leone

ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica. Domenico Leone ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica Domenico Leone ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica TRAVI SU SUOO AA WINKER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Prof.. Cavaleri Ing. F. Di Trapani TRAVI

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

NORMATIVE DI RIFERIMENTO

NORMATIVE DI RIFERIMENTO INDICE 1. PREMESSA 3 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO 4 3. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI 5 4. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI 6 4.1 Sopraelevazione del fondo vasca della Piscina 6 4.2 Vasca di Compensazione 8

Dettagli

Solaio. Analisi di solai in laterocemento. La definizione del solaio. Newsoft Centro Metropolis, Rende 0984 463798 463884 www.newsoft-eng.

Solaio. Analisi di solai in laterocemento. La definizione del solaio. Newsoft Centro Metropolis, Rende 0984 463798 463884 www.newsoft-eng. Newsoft SOLAIO Scheda Tecnica Solaio Analisi di solai in laterocemento Solaio è un programma per la progettazione di solai continui in latero-cemento a nervature parallele, gettate in opera o realizzate

Dettagli

!"#!!$#!!"!$$% che pone l Italia in posizione di avanguardia tecnica nel settore.

!#!!$#!!!$$% che pone l Italia in posizione di avanguardia tecnica nel settore. !"#!!$#!!"!$$% Si fa nel seguito riferimento alla tecnologia SIKA Italia s.p.a. e al riferimento bibliografico: Carotti A., Composti FibroRinforzati. Costruzioni e Rinforzi strutturali in CPFR, CLUP 2003

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI Capitolo 4B - Stati limite ultimi 51 Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI 4.1 Trazione Il comportamento sotto carico crescente di un pezzo di acciaio è ricavabile dalla prova a trazione effettuata con apposite

Dettagli

COEFFICIENTI BETA. per sezioni in cemento armato SEZIONI RETTANGOLARI E SEZIONI A T ITALO MARCHIONNI

COEFFICIENTI BETA. per sezioni in cemento armato SEZIONI RETTANGOLARI E SEZIONI A T ITALO MARCHIONNI ITALO MARCHIONNI COEFFICIENTI BETA per sezioni in cemento armato SEZIONI RETTANGOLARI E SEZIONI A T * Trattazione teorica completa Coeffi cienti Beta e relative grandezze correlate per sezioni rettangolari

Dettagli

STR (Spettri e Tempi di Ritorno)

STR (Spettri e Tempi di Ritorno) Software STR (Spettri e Tempi di Ritorno) (Manuale d uso - Versione 1.0.1) www.edificiinmuratura.it info@edificiinmuratura.it COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente i file

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools. 1 Carpenteria.

Indice. ET - Engineering Tools. 1 Carpenteria. <S.T.A. DATA srl> UNIONI LEGNO 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9 5 Area...

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

Interventi con FRP-rafforzamento locale di nodi d angolo

Interventi con FRP-rafforzamento locale di nodi d angolo Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2012 2013 Pro. Felice C. Ponzo Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata Interventi con FRP-raorzamento locale di nodi d angolo Ing. Gianluca AULETTA

Dettagli

Sforzo normale e flessione

Sforzo normale e flessione Capitolo 4 Sforzo normale e flessione La condizione di sollecitazione più generale che produce tensioni normali è la combinazione di sforzo normale e flessione. La flessione semplice, esaminata nel capitolo

Dettagli

Verifica allo SLU di sezioni inflesse in cap

Verifica allo SLU di sezioni inflesse in cap Università degli Studi di Roma Tre - Facoltà di Ingegneria Laurea magistrale in Ingegneria Civile in Protezione Corso di Cemento Armato Precompresso A/A 2016-17 Verifica allo SLU di sezioni inflesse in

Dettagli

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo

Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo Norme Tecniche per le Costruzioni D.M. 16 gennaio 2008 Costruzioni composte acciaio-calcestruzzo 4.3.1 Valutazione della sicurezza Definizione: Le strutture composte sono costituite da parti realizzate

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

Aztec Informatica s.r.l. RAF 10.0. Progetto e Verifica di Sezioni MANUALE OPERATIVO

Aztec Informatica s.r.l. RAF 10.0. Progetto e Verifica di Sezioni MANUALE OPERATIVO Aztec Informatica s.r.l. RAF 10.0 Progetto e Verifica di Sezioni MANUALE OPERATIVO Aztec Informatica II RAF 10.0 Resistenza al Fuoco Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche

Dettagli

COPYRIGHT. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a:

COPYRIGHT. Informazioni e permessi sui prodotti o parti di essi possono essere richiesti a: COPYRIGHT Tutto il materiale contenuto nella confezione (CD contenente i files dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

Via Giacobbi 5, 40134 Bologna Tel. 051/61.41.772 P.IVA 01900471200. Comune di Cremona. Cavalcavia di Cremona RELAZIONE TECNICA

Via Giacobbi 5, 40134 Bologna Tel. 051/61.41.772 P.IVA 01900471200. Comune di Cremona. Cavalcavia di Cremona RELAZIONE TECNICA Comune di Cremona Cavalcavia di Cremona RELAZIONE TECNICA Analisi e consolidamento statico Progettista strutturale: Bologna, Settembre 2007 1 Descrizione del ponte Il ponte oggetto della valutazione sismica

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO VERIFICHE SEZIONI IN ACCIAIO - Classiicazione e veriica sezioni - Modelli sismo-resistenti dissipativi per le strutture in acciaio - Veriiche per gli elementi dissipativi - Applicazione della Gerarchia

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003, DGR Basilicata 2000/2003) POTENZA, 2004 GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Prof. Ing. Angelo MASI DiSGG, Università di

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP

Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP Roma, 29 gennaio 2009 Convegno Sika INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO: utilizzo di materiali fibrorinforzati e malte da ripristino Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP Ugo Ianniruberto

Dettagli

INTERVENTI DI RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE SISTEMI FRCM STRUTTURE IN C.A.

INTERVENTI DI RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE SISTEMI FRCM STRUTTURE IN C.A. INTERVENTI DI RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE SISTEMI FRCM STRUTTURE IN C.A. LE ESPERIENZE RUREDIL NEL CONSOLIDAMENTO E NEL RINFORZO CON FRCM SU EDIFICI IN C.A. casi di studio Siena 12.12.2014 Ing. Bernie

Dettagli

SOMMARIO DEMATERIALIZZAZIONE DELLA RICETTA...

SOMMARIO DEMATERIALIZZAZIONE DELLA RICETTA... SOMMARIO DEMATERIALIZZAZIONE DELLA RICETTA... 3 POSTAZIONE MEDICO - COME STAMPARE UNA RICETTA DEMATERIALIZZATA... 4 COME CANCELLARE UNA RICETTA DEMATERIALIZZATA SULLA POSTAZIONE MEDICO... 8 COME STAMPARE

Dettagli

Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A.

Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A. Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria D.I.S.T.A.R.T. Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A. Appunti dai seminari tenuti dal ing. Ferretti XVII ciclo del dottorato

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1

Modellazione mediante importazione di. file.dxf. Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 Modellazione mediante importazione di file.dxf Esempio guidato 4 Pag. 1 Esempio guidato 4 - Modellazione mediante importazione di file.dxf In questo Tutorial viene illustrata la procedura

Dettagli

Pagina 1 di 16. Manuale d uso 626 VISITE MEDICHE

Pagina 1 di 16. Manuale d uso 626 VISITE MEDICHE Pagina 1 di 16 Manuale d uso MANUALE D USO 626 Visite Mediche Copyright GRUPPO INFOTEL s.r.l.- Via Strauss 45 PBX 0828.302200 Battipaglia (SA) Windows e Ms-Word sono marchi registrati dalla Microsoft Corporation

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE Servizio INT Sistema Informativo Geografico INDICE Utilizzare il bt.viewer Navigare nella mappa Confrontare foto aeree Tematismi Tematismi: applicare la

Dettagli

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Panoramica delle funzionalità Fornisce un ampio ventaglio di strumenti per il controllo statistico dei processi (SPC) in modo da soddisfare ogni esigenza

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

DÀ PIÙ VALORE AL TUO TEMPO VERIFICA AL FUOCO MANUALE D USO

DÀ PIÙ VALORE AL TUO TEMPO VERIFICA AL FUOCO MANUALE D USO DÀ PIÙ VALORE AL TUO TEMPO VERIFICA AL FUOCO MANUALE D USO Revisione 1 19/09/2012 Sommario Sommario... 2 SETTAGGI... 3 CARICHI NEVE VENTO... Errore. Il segnalibro non è definito. UTILITY... Errore. Il

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

DUPLIKO! Manuale Utente

DUPLIKO! Manuale Utente DUPLIKO Manuale Utente Indice 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Generalità 2. Menu Principale 2.1 Interfaccia 2.2 Il Menu Principale 3. Archivi 3.1 Tabelle Generiche 4. Gestione 4.1 Caricare un anagrafica

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli