LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA DIRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA DIRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX)"

Transcript

1 LA PNEUMATICA E LE ZONE POTENZIALMENTE ESPLOSIVE: LA IRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) al 1 Luglio 2003, tutti i prodotti messi in commercio nell Unione Europea e destinati ad essere utilizzati in zone potenzialmente esplosive, devono essere approvati secondo la direttiva 94/9/EC meglio conosciuta come ATEX. Questa nuova direttiva interessa anche i particolari non elettrici come i comandi pneumatici i quali devono essere approvati. Queste le principali novità introdotte con la nuova direttiva 94/9/EC: Rientrano nella direttiva anche apparecchiature e dispositivi non elettrici, come i cilindri pneumatici. I dispositivi sono assegnati a delle categorie le quali sono assegnate a delle determinate zone potenzialmente esplosive. I prodotti sono identificati con il marchio CE. Istruzioni di impiego e dichiarazioni di conformità devono essere forniti con ogni prodotto venduto per essere impiegato in zone potenzialmente esplosive. Prodotti destinati ad essere usati in zone potenzialmente esplosive per la presenza di polveri ricadono nella direttiva analogamente ai prodotti destinati a zone con presenza di gas pericolosi. Una atmosfera potenzialmente esplosiva può essere composta da gas, nebbie vapori o polveri che possono crearsi nelle industrie o in tutte quelle aree in cui c è la presenza, costante o saltuaria, di sostanze infiammabili. Un esplosione può verificarsi quando in una atmosfera potenzialmente esplosiva si verifica la presenza contemporanea di sostanze infiammabili e di una sorgente di innesco dell esplosione. Una fonte di innesco può essere: di origine elettrica (archi elettrici,correnti indotte, calore generato da effetto Joule). i origine meccanica (superfici calde generata dall attrito, scintille generate dall urto fra corpi metallici, scariche elettrostatiche, compressioni adiabatiche) i origine chimica (reazioni esotermiche fra materiali) Fiamme libere I prodotti soggetti ad approvazione sono tutti quelli che, durante l utilizzo normale o per cause dovute a malfunzionamento, presentino una o più sorgenti di innesco per le atmosfere potenzialmente esplosive. La responsabilità ricade sia sul costruttore del dispositivo che su chi installa questo dispositivo in una attrezzatura che deve funzionare in un atmosfera pericolosa. a questo la necessità di una cooperazione fra le parti in modo che ci sia la certezza della corrispondenza fra la classe di appartenenza del dispositivo e la zona pericolosa in cui esso verrà messo in opera. Il costruttore del dispositivo deve rispettare le indicazioni della normativa e classificare il prodotto secondo la normativa 94/9/EC; a seconda della categoria di appartenenza del prodotto, il costruttore dell impianto, che conosce la zona in cui questo andrà in funzione deve scegliere il dispositivo adatto, in accordo con la direttiva 99/92/EC. IRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) L UNIONE I PARTICOLARI ELETTRICI E MECCANICI Secondo la direttiva 94/9/EC, sia i dispositivi elettrici che quelli meccanici sono soggetti alla approvazione di conformità. E importante notare che il componente che è classificato nella categoria più bassa definisce la classe di appartenenza di tutto il dispositivo di cui esso fa parte. Se, ad esempio, la bobina è marcata Ex II 2 e la valvola è marcata Ex II 3 l assieme valvola+bobina non potrà essere messo in servizio in zona 1 o 21 ma solamente in zona 2 o 22. Marcatura bobina Marcatura valvola 6-22

2 RUPPI E CATEORIE I dispositivi per l utilizzo in zone potenzialmente esplosive sono divisi in RUPPI: RUPPO I: dispositivi usati nelle miniere RUPPO II: dispositivi per le installazioni di superficie. ISPOSITIVI PER MINIERE RUPPO I Contenuto di gas esplosivo Categoria del dipositivo da utilizzare secondo 94/9/ce Nessun limite M1 Al di sotto di un valore limite M2 ISPOSITIVI PER INSTALLAZIONI IN SUPERFICIE RUPPO II ZONE Tipologia dell atmosfera Presenza dell atmosfera pericolosa Categoria di dispositivi da utilizzare secondo 94/9/EC *indicativo 0 AS 20 POLVERE Continuativa (.1000 h/anno)* 1 1 AS 21 POLVERE Non presente durante il funzionamento normale (.10,1000 h/anno)* 2 2 AS 22 POLVERE Presenza accidentale (.0,1,10 h/anno)* 3 CORRISPONENZE FRA ZONE E CATEORIE SECONO LA 94/9/EC. ZONA 0/ZONA 20 CATEORIA 1: I dispositivi di questa garantiscono l adeguato livello di sicurezza anche in presenza di rari malfunzionamenti. Questi dispositivi sono usati in zone dove l atmosfera esplosiva è presente in maniera continuativa per lunghi periodi. ZONA 1/ZONA 21 ZONA 2/ZONA 22 CATEORIA 2: I dispositivi di questa garantiscono l adeguato livello di sicurezza in presenza di probabili malfunzionamenti. Questi dispositivi sono usati in zone dove l atmosfera esplosiva è presente in maniera occasionale. CATEORIA 3: I dispositivi di questa garantiscono l adeguato livello di sicurezza durante il loro normale funzionamento. Questi dispositivi sono usati in zone dove l atmosfera esplosiva è presente raramente e per brevi periodi. IRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) 6-23

3 MARCATURA: COME LEERLA MARCATURA PROOTTI SENZA COMPONENTI ELETTRICI (UNI EN 13463) A B C E F H L ESEMPIO II 2 c T4 T120 C x 20 C<aT<60 C A B C E F H L = Indica che il dispositivo può essere utilizzato in zona ATEX = ruppo di appartenenza: miniere oppure altro = Categoria di appartenenza: indica l uso nelle varie zone = Tipo di atmosfera esplosiva: = gas; = polvere = Metodo di protezione dalle sorgenti d innesco: c = protezione mediante sicurezza costruttiva = Classe di temperatura: massima temperatura superficiale in atmosfere con as = Massima temperatura superficiale in atmosfere con Polveri = Presenza di specifiche condizioni d uso = Temperatura ambiente per l utilizzo del dispositivo MARCATURA PROOTTI CON COMPONENTI ELETTRICI (UNI EN e CEI EN 60079) A B C E F H L M N O ESEMPIO II 3 Ex na c IIC T4 c / x 20 C<Ta<60 C II 3 Ex tc IIIC T120 C c IP65 x 20 C<Ta<60 C IRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) A B C E F H L M N O = Indica che il dispositivo può essere utilizzato in zona ATEX = ruppo di appartenenza: miniere oppure altro = Categoria di appartenenza: indica l uso nelle varie zone = Tipo di atmosfera esplosiva: = gas; = polvere = Indica che il dispositivo può essere utilizzato in zona ATEX = Metodo di protezione dalle sorgenti d innesco (anche più di uno) c = protezione mediante sicurezza costruttiva tc = protezione mediante custodia na = protezione antiscintilla ma,mb = protezione mediante incapsulamento ia,ib, ic = sicurezza intrinseca = Suddivisione del gruppo di esplosività IIC: sottogruppo di esplosività che comprende tutti i tipi di gas IIIC: sottogruppo di esplosività che comprende particelle combustibili, polveri conduttive e non = Classe di temperatura: massima temperatura superficiale in atmosfere con as massima temperatura superficiale in atmosfere con Polveri = c = atmosfere esplosive per presenza di as c = atmosfere esplosive per presenza di Polveri = rado di protezione = Presenza di specifiche condizioni d uso = Temperatura ambiente per l utilizzo del dispositivo 6-24

4 METOO I PROTEZIONE ALLE SORENTI I INNESCO Simbolo di protezione Zone c X X X X d X X X X e X X X X i ia X X X X X X ib X X X X m X X X X n X X o X X X X p X X X X q X X X X escrizione Protezione tramite sicurezza costruttiva (PrEN ) Involucro antifiamma Metodo di protezione di un apparato elettrico che contiene le parti in grado di innescare un esplosione in un involucro in grado di resistere alle pressioni generate dalle esplosioni interne Sicurezza aumentata Apparato elettrico con alto coefficiente di sicurezza Sicurezza intrinseca Circuito elettrico nel quale né le scintille né le temperature possono innescare un esplosione, durante le condizioni di utilizzo previste (normale o malfunzionamento) Incapsulamento Involucro speciale in cui le parti che potrebbero innescare un esplosione sono immerse in una sostanza che impedisce il contatto con l atmosfera esplosiva Metodo di protezione per apparecchi elettrici progettati in in modo che non inneschino l atmosfera esplosiva circostante durante il funzionamento normale e in specifiche condizioni di malfunzionamento. Ci sono 5 categorie: na (non scintillante); nc (chiusura ermetica); nr (Respirazione limitata); nl (energia limitata); np (pressurizzazione). Immersione Apparecchio elettrico immerso in olio Involucro pressurizzato La pressurizzazione rispetto alla pressione esterna è mantenuta mediante un gas inerte. Involucro contenente polvere di riempimento CLASSI I TEMPERATURE RUPPO I: Temperature # 150 C oppure # 450 C a seconda dello strato di polvere accumulato sull apparecchio. RUPPO II Classi di temperatura per gas () Temperatura superficiale ammissibile T1 450 C T2 300 C T3 200 C T4 135 C T5 100 C T6 85 C UTILIZZATORE E FORNITORE: OBBLIHI E RESPONSABILITA E importante evidenziare la necessità che le parti utilizzatore e fornitore collaborino e si scambino tutte le informazioni utili per definire la corretta tipologia di prodotti che possono essere utilizzati nel pieno rispetto delle condizioni di sicurezza. UTILIZZATORE: dopo aver svolto l analisi di rischio della propria azienda (in base alla direttiva 99/92/CE) e aver individuato la zona di rischio in cui andranno a operare i particolari acquistati, deve comunicarlo al FORNITORE, il quale deve verificare che i prodotti forniti siano compatibili con la zona indicata, che le condizioni ambientali rientrino nei limiti di funzionamento dei particolari. Inoltre deve accertarsi che siano sempre allegate ai vari prodotti le istruzioni di utilizzo. ICHIARAZIONI I CONFORMITà, CERTIFICATI, ISTRUZIONI Consultare il sito alla voce irettive e certificati, poi Atex. IRETTIVA EUROPEA 94/9/EC (ATEX) 6-25

5 COMPONENTI I SICUREZZA: PANORAMA NORMATIVO INTROUZIONE Il tema della sicurezza sui luoghi di lavoro è di assoluta importanza e gli enti normatori hanno sviluppato negli anni una serie di norme in continua evoluzione il cui punto focale resta la irettiva Macchine. Per assicurare la conformità della macchina, il costruttore deve verificare che soddisfi i requisiti di sicurezza elencati nella direttiva e garantire l osservanza delle norme armonizzate pubblicate nella azzetta Ufficiale dell Unione Europea relative al prodotto in questione. Le norme di sicurezza per il macchinario sono di tre tipi: norme di tipo A, che fissano i principi generali validi per la progettazione di tutti i macchinari norme di tipo B, che trattano uno o più aspetti di sicurezza per un ampia gamma di macchinari norme di tipo C, che trattano nel dettaglio una specifica categoria di macchine Tra le norme di tipo A ricordiamo le EN ISO che riportano i concetti base ed i principi generali per la progettazione di macchinari sicuri e le EN ISO che descrivono un metodo per l identificazione dei pericoli e la valutazione dei rischi. Tra le norme di tipo B spiccano le EN ISO che forniscono gli strumenti per la progettazione delle parti di sistemi di comando legate alla sicurezza delle macchine ovvero dei sistemi di comando, costituiti da componenti realizzati con varie tecnologie, che servono a ridurre il rischio connesso all utilizzo della macchina e le norme IEC che riguardano esclusivamente sistemi basati su tecnologie elettriche ed elettroniche. Una delle principali affinità tra la EN ISO e la IEC è che la prima definisce come parametro di sicurezza desiderato un indice chiamato PL (performance level) mentre la seconda identifica un parametro simile che viene denominato SIL (safety integrity level); entrambi rappresentano l affidabilità della macchina in termini di probabilità di guasto pericoloso e possono essere messi in relazione tra di loro mediante la seguente tabella: PL SIL a Nessuna corrispondenza b 1 c 1 d 2 e 3 Anche le norme EN982 e EN983 sono di tipo B e si occupano di sicurezza, ma a differenza delle precedenti sono relative ai componenti (rispettivamente idraulici e pneumatici) invece che alle parti di comando. COMPONENTI I SICUREZZA: PANORAMA NORMATIVO Quando, per la macchina in questione, esistono norme di tipo C, il costruttore può seguire direttamente tali norme per conseguire la presunzione di conformità alla irettiva Macchine; se non esiste una norma di tipo C è comunque necessario seguire una strategia di riduzione del rischio come quella descritta nelle norme armonizzate di tipo A e B. alla revisione denominata 98/37/EC la irettiva Macchine non tratta solamente le macchine ma anche i componenti di sicurezza, ovvero quei componenti appositamente prodotti e commercializzati allo scopo di realizzare una funzione di sicurezza e la cui rottura o malfunzionamento mette a repentaglio la sicurezza e la salute delle persone. LA NORMA EN ISO Quando non esistono norme specifiche di tipo C per la macchina in questione, il costruttore può utilizzare la strategia di riduzione del rischio indicata nella EN ISO La norma è divisa in due parti: nella prima parte vengono riportati i principi generali ed il metodo da seguire; la seconda parte è dedicata alla validazione dei risultati. Secondo quanto riportato nella prima parte della norma, il progettista della macchina può ridurre il rischio progettando opportune parti del comando legate alla sicurezza (SRP/CS - safety-related parts of a control system) che svolgono una o più funzioni di sicurezza, quali l arresto d emergenza, la prevenzione dall avviamento inatteso, l isolamento e la dissipazione dell energia, ecc Riportiamo ad esempio una funzione costituita da tre SRP/CS: una barriera di sicurezza (ingresso - sensore), un PLC (elaborazione - logica) e una valvola (uscita - attuatore); in caso di intrusione la barriera invia un segnale al PLC che comanda la valvola la quale a sua volta ha il compito di mettere a scarico una sezione del circuito pneumatico in pressione eseguendo in tal modo la funzione di isolamento e dissipazione dell energia pneumatica. Sensore Logica Attuatore 6-26

6 Per ogni funzione di sicurezza si deve determinare il Performance Level richiesto (PLr) secondo la procedura indicata nell allegato A della norma. A tale scopo vanno valutati: la gravità della lesione (S) derivante dall eventuale guasto la frequenza di esposizione al pericolo (F) la possibilità di evitare il pericolo (P) Se ad esempio la gravità della lesione derivante dal guasto è bassa e/o la frequenza di esposizione al pericolo è bassa e/o la possibilità di evitare il pericolo è elevata, il PLr sarà basso. Viceversa se la gravità e/o la frequenza di esposizione sono alte e/o la possibilità di evitare il pericolo è bassa allora il PLr per quella funzione di sicurezza sarà elevato. Quindi il progettista della macchina per ogni SRP/CS o combinazione di SRP/CS che svolgono una funzione di sicurezza deve determinare il livello di prestazione PL ottenibile. A tale calcolo devono essere utilizzati alcuni dati, tra i quali riportiamo: MTTFd (Mean Time To Failure) dei singoli componenti C (iagnostic Coverage) CCF (Common Cause Failure) Struttura della funzione La conformità dei componenti utilizzati ai principi di sicurezza di base e/o ben provati L MTTFd, che è il tempo medio tra due guasti pericolosi, si può ottenere avendo a disposizione i dati sul ciclo di lavoro della funzione di sicurezza ed il B10d dei componenti, ovvero il numero di cicli ai quali il 10% dei componenti in questione si guasta in maniera pericolosa; il B10d è pari al doppio del B10 che a sua volta è un indice di affidabilità del componente ricavabile seguendo quanto indicato nelle norme EN ISO I valori del B10d dei prodotti Metal Work sono pubblicati sul sito web: C e CCF, ovvero copertura diagnostica e stima dei guasti di causa comune, vengono ricavati con l ausilio delle appendici alla norma EN ISO ; per la determinazione del C ci si può aiutare con strumenti per l analisi delle modalità e degli effetti dei guasti come, per esempio, la FMEA. La struttura della funzione dipende dalla sua architettura. Si può avere ad esempio un architettura a singolo canale non monitorato: ove: im: mezzo di interconnessione i: dispositivo di ingresso, per esempio sensore l: logica o: dispositivo di uscita, per esempio valvola COMPONENTI I SICUREZZA: PANORAMA NORMATIVO 6-27

7 Si passa quindi all architettura semplice canale con diagnostica; in questo caso esiste un modulo denominato Test Equipment (TE) che fornisce un output (OTE) legato in qualche modo allo stato della funzione di sicurezza: ove: im: mezzo di interconnessione i: dispositivo di ingresso, per esempio sensore l: logica m: mezzo di sorveglianza o: dispositivo di uscita, per esempio valvola ote: OUTPUT del Test Equipment te: Test Equipment Un terzo esempio è un architettura a doppio canale che sfrutta la ridondanza della funzione: se una linea si guasta, l altra rimane attiva: ove: im: mezzo di interconnessione i1, I2: dispositivo di ingresso, per esempio sensore l1, L2: logica m: mezzo di sorveglianza o1, O2: dispositivo di uscita, per esempio valvola c: sorveglianza incrociata COMPONENTI I SICUREZZA: PANORAMA NORMATIVO Per la conformità dei componenti utilizzati ai principi di sicurezza di base e/o ben provati si tratta di valutare una serie di considerazioni riportate nelle norme EN ISO che garantiscono che le SRP/CS ed i relativi componenti rispondano a taluni principi di progettazione, costruzione ed assemblaggio. Con tali dati il progettista della macchina può determinare la categoria della funzione di sicurezza (che può essere, in ordine crescente di importanza, B, 1, 2, 3 oppure 4) ed il PL raggiunto; si tratta quindi verificare che sia maggiore o uguale al PLr richiesto. 6-28

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Norma UNI EN ISO 13849-1

Norma UNI EN ISO 13849-1 Sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma UNI EN ISO 13849-1 Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza. Parte 1: principi generali per la progettazione. Per.Ind. Antonio Rigutto

Dettagli

Aspetti metodologici innovativi per la valutazione dei rischi nell'ambito della Nuova Direttiva Macchine

Aspetti metodologici innovativi per la valutazione dei rischi nell'ambito della Nuova Direttiva Macchine ISPESL - Politecnico di Bari - ARPA Puglia La sicurezza delle macchine tra nuova Direttiva Macchine e Testo Unico Aspetti metodologici innovativi per la valutazione dei rischi nell'ambito della Nuova Direttiva

Dettagli

Approccio alla nuova normativa macchine con Easy Safe Calculator

Approccio alla nuova normativa macchine con Easy Safe Calculator Approccio alla nuova normativa macchine con Easy Safe Calculator SAVE, Verona 21 ottobre 2009 Pierluca Bruna Product Manager Safety & Atex CEI CT 44 Schneider Electric La Direttiva Macchine Il riferimento

Dettagli

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione

Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Verifica di adeguatezza delle attrezzature (apparecchi e impianti) presenti all interno delle aree con pericolo di esplosione Salvatore Iannello 30 giugno 2003 Ex Attrezzature esistenti Devono risultare

Dettagli

ATEX. Corso di Formazione. Modulo 3. Patrocinio. Docenza: Gonzato Ing. Stefano

ATEX. Corso di Formazione. Modulo 3. Patrocinio. Docenza: Gonzato Ing. Stefano Corso di Formazione ATEX Modulo 3 Docenza: Gonzato Ing. Stefano Patrocinio Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della Provincia di Vicenza Associazione dei Periti Industriali della

Dettagli

ATEX 94/9/CE. Decreto legislativo n 81/2008. esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE

ATEX 94/9/CE. Decreto legislativo n 81/2008. esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE ATEX 99/92/CE Decreto legislativo n 81/2008 Titolo XI - Protezione da atmosfere esplosive ATEX 94/9/CE & ATEX 99/92/CE Utilizzatori AREE PERICOLOSE ATEX 1999/92/CE Dlgs. 81/2008 titolo XI (già Dlgs. 233/2003)

Dettagli

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061

SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 Per_Ind_Valeri_Vanni - PL.doc PAG. 1 DI 8 REV. 00 SAVE DATA: 09/10/12 PRINT DATA: 10/10/12 SICUREZZA FUNZIONALE SECONDO LE NORME: EN ISO 13849-1 ed EN IEC 62061 LA EN 954-1 VA IN PENSIONE A fine 2011,

Dettagli

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche»

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» 6 Workshop della Logistica Chimica: "Uno strumento di supporto alle Imprese per la scelta più idonea delle unità di confezionamento". «IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» Massimo Vitali

Dettagli

www.rechner-sensors.com

www.rechner-sensors.com www.rechner-sensors.com Catalogo Prodotti certificati atex Gas: Zona 0, 1 e 2 Polvere: Zona 20, 21 e 22 Per tutte le transizioni vengono applicate le più aggiornate Condizioni generali di vendita e di

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

Machines 2010. :Nuova legge in Europa. :Nuove norme. Quasi-macchine. MTTFd. Documenti DC SIL PL. B10d CCF

Machines 2010. :Nuova legge in Europa. :Nuove norme. Quasi-macchine. MTTFd. Documenti DC SIL PL. B10d CCF Machines 2010 :Nuova legge in Europa :Nuove norme Quasi-macchine MTTFd B10d CCF Documenti DC SIL PL : Nuovi obblighi per progettisti, utilizzatori, costruttori, importatori di macchine: - Nuova Direttiva

Dettagli

. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di.

. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma di. Direttiva ATEX 94/9/CE info@atexsafetyservice.it www.atexsafetyservice.it Ing. Maurizio Toninelli ATmosfera EXplosiva. miscela con l aria, in condizioni atmosferiche, di sostanze infiammabili sottoforma

Dettagli

Le direttive ATEX e la direttiva macchine

Le direttive ATEX e la direttiva macchine Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO Le direttive ATEX e la direttiva macchine ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento, TANTE specializzazioni Un team di oltre 100 tecnici 5 sedi operative Friuli,

Dettagli

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature. SOCIETÀ DI INGEGNERIA PER LE COSTRUZIONI, L AMBIENTE, LA SICUREZZA Applicazione delle direttive Atex al settore della verniciatura: esempi di classificazione delle zone e scelta della apparecchiature.

Dettagli

BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007

BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007 BOLOGNA, 02-03 OTTOBRE 2007 VINCOLI DI PROGETTAZIONE PER LA PARTE DI COMANDO E CONTROLLO ESPRESSI NELLA ATTUALE DIRETTIVA MACCHINE 1998/37/CE E NELLA NUOVA 2006/42/CE 1.2.1. Sicurezza e affidabilità dei

Dettagli

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione]

[Tab.1 Elenco settori a maggiore rischio esplosiosione] PERICOLO ESPLOSIONE: IL GIUSTO APPROCCIO PER NON CORRERE RISCHI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ESPLOSIONE Due direttive europee, la 94/9/CE (ATEX 100a) e la 99/92/CE (ATEX 137), hanno modificato radicalmente

Dettagli

SAFETY SERVICE. Valutazione dei rischi

SAFETY SERVICE. Valutazione dei rischi SAFETY SERVICE Valutazione dei rischi AZIENDA: DATA: MACCHINA: REFERENTE (Cliente): IL TECNICO VERBALIZZANTE (Safety Service): IL RESPONSABILE TECNICO (Safety Service): IL RESPONSABILE DEL SERVICE: TRASMESSO

Dettagli

consulenza industriale integrata nuove marcature Ex ed il coordinamento tra gli aspetti tecnici e gli acquisti relatore: Massimo E.

consulenza industriale integrata nuove marcature Ex ed il coordinamento tra gli aspetti tecnici e gli acquisti relatore: Massimo E. S T U D I O P I C A consulenza industriale integrata nuove marcature Ex ed il coordinamento tra gli aspetti tecnici e gli acquisti relatore: Massimo E. PICA 21 giugno 2013 Termoli (CB) 1 I PERSONAGGI EX

Dettagli

La manomissione dei circuiti di sicurezza nelle macchine SEMINARIO TECNICO. Milano 4 dicembre 2013

La manomissione dei circuiti di sicurezza nelle macchine SEMINARIO TECNICO. Milano 4 dicembre 2013 SEMINARIO TECNICO Milano 4 dicembre 2013 LA MANOMISSIONE DEI CIRCUITI DI SICUREZZA NELLE MACCHINE Relatore Dott. Ing. Federico Dosio Copyright F.D. - All rights reserved. - 1-11/17/2013 1 DIRETTIVA 2006/42/CE

Dettagli

APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO. ing.

APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO. ing. Seminario tecnico - 25 novembre 2011 - MILANO APPLICAZIONE CONGIUNTA DELLE DIRETTIVE 97/23/CE (PED), 2006/42/CE (MD) E 94/9/CE (ATEX) AGLI IMPIANTI DI PROCESSO ing. Matteo Pettenuzzo UNICO riferimento,

Dettagli

Sicurezza delle Macchine e marcatura CE

Sicurezza delle Macchine e marcatura CE Sicurezza delle Macchine e marcatura CE (direttiva 2006/42/CE) Reggio Emilia 16-23 - 29 Giugno 2015 Il corso affronta nel dettaglio e con taglio operativo, i principali standard (UNI, ISO, ecc) la cui

Dettagli

Le direttive Europee di Prodotto

Le direttive Europee di Prodotto . Le direttive Europee di Prodotto Ing. Giorgio Zerboni Roma, 19 aprile 2011 1 Le Direttive Europee Le Direttive europee sono le regole generali che l Unione Europea si è data in ogni settore e, quindi,

Dettagli

Sicurezza Funzionale Macchinari

Sicurezza Funzionale Macchinari Sicurezza Funzionale Macchinari Uno degli aspetti fondamentali della sicurezza dei macchinari è l affidabilità delle parti di comando legate alla sicurezza, ovvero la Sicurezza Funzionale, definita come

Dettagli

PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE. I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti

PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE. I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti PROTEZIONE ANTIDEFLAGRANTE I modi di protezione negli impianti elettrici antideflagranti LA COMBUSTIONE Combustibile Energia di innesco Comburente Un po di storia Inghilterra 1913: esplosione per cause

Dettagli

APPLICAZIONI PER L INDUSTRIA DI PROCESSO Sommario

APPLICAZIONI PER L INDUSTRIA DI PROCESSO Sommario APPLICAZIONI PER L INDUSTRIA DI PROCESSO Sommario 00127IT-2008/R02 Ci riserviamo il diritto di modifi care caratteristiche e dimensioni senza preavviso. Tutti i diritti riservati. Funzione P Temperatura

Dettagli

Safety Speed Monitoring. Considerazioni sui sensori in applicazioni per il controllo della velocità di sicurezza

Safety Speed Monitoring. Considerazioni sui sensori in applicazioni per il controllo della velocità di sicurezza Safety Speed Monitoring Considerazioni sui sensori in applicazioni per il controllo della velocità di sicurezza Safety Speed ESEMPI DI COMBINAZIONE TRA SENSORI E MOSAIC MV Encoder Proximity Modulo MV Livello

Dettagli

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE

IL RISCHIO DI ESPLOSIONE IL RISCHIO DI ESPLOSIONE DIRETTIVE ATEX Dott. Carmineraffaele ROSELLI Dott. Nicola Carriero U.O. Medicina del Lavoro P. P. I. L. L. ASP - Potenza - Cosa si intende per atmosfera esplosiva? E una miscela

Dettagli

Concetti base per la protezione dalle esplosioni

Concetti base per la protezione dalle esplosioni Concetti base per la protezione dalle esplosioni 1 2 Direttiva 94/9/CE del 23/3/1994 Direttiva ATEX 95 detta anche nuovo approccio 3 Entrata in vigore l 1/3/1996 facoltativamente. Recepita in Italia con

Dettagli

Sicurezza e sicurezza funzionale. Guida generale

Sicurezza e sicurezza funzionale. Guida generale Sicurezza e sicurezza funzionale. Guida generale ABB, da sempre attenta al mondo della sicurezza, offre un portafoglio di prodotti e di soluzioni di automazione innovativo e completo in grado di rispondere

Dettagli

Progettazione dei sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma EN ISO 13849-1

Progettazione dei sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma EN ISO 13849-1 Pubblicato il 21/04/2010 Aggiornato al: 25/03/2010 Progettazione dei sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma EN ISO 13849-1 di Gianfranco Ceresini 1 Premessa La nuova Direttiva macchine

Dettagli

Redazionale tecnico. La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione

Redazionale tecnico. La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione La prova di sicurezza intrinseca per i trasmettitori di pressione Nell industria dei costruttori di macchine, oltre alle macchine stesse, i produttori esportano verso i mercati globali anche gli standard

Dettagli

Sicurezza macchine. Preventa. PLC di sicurezza. Configuratori di sicurezza. Moduli di sicurezza 8/0

Sicurezza macchine. Preventa. PLC di sicurezza. Configuratori di sicurezza. Moduli di sicurezza 8/0 Sicurezza macchine 8 Preventa Moduli di sicurezza Configuratori di sicurezza PLC di sicurezza 8/0 Sicurezza macchine Preventa, una soluzione globale di sicurezza per tutte le fasi del ciclo di vita delle

Dettagli

DIRETTIVA EUROPEA 94/9/CE

DIRETTIVA EUROPEA 94/9/CE Introduzione Dal 1 Luglio 2003, tutti i prodotti messi in commercio nell'unione Europea e destinati ad essere utilizzati in zone potenzialmente esplosive, devono essere approvati secondo la direttiva 94/9/CE

Dettagli

ATEX ed Ambienti Confinanti DCS Safety System Sistemi di Sicurezza e Controllo in ambienti a rischio esplosione

ATEX ed Ambienti Confinanti DCS Safety System Sistemi di Sicurezza e Controllo in ambienti a rischio esplosione TUSL - TESTO UNICO IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO In ambito lavorativo, il Dlgs. 81/2008 propone un sistema di gestione della sicurezza e della salute preventivo e permanente,

Dettagli

Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE)

Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE) Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE) 1 Componenti oleoidraulici e pneumatici e loro classificazione secondo la Direttiva 1 Macchine 1.1 Macchine 2 1.2 Quasi-macchine (PCM, Partly

Dettagli

GUIDA alla ATEX (PRIMA EDIZIONE)

GUIDA alla ATEX (PRIMA EDIZIONE) GUIDA alla ATEX (PRIMA EDIZIONE) GUIDA ALL APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 94/9/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO, DEL 23 MARZO 1994, CONCERNENTE IL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI

Dettagli

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX www.atos.com Tabella E0-6/I Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX corpo cursore solenoide a sicurezza intrinseca connettore elettrico comando manuale -06/6 Valvole on/off

Dettagli

706292 / 00 11 / 2012

706292 / 00 11 / 2012 Istruzioni per l uso (parte rilevante per la protezione antideflagrante) per sensori di temperatura ai sensi della direttiva europea 94/9/CE Appendice VIII (ATEX) gruppo II, categoria di apparecchi 3D/3G

Dettagli

Dimensioni. Dati tecnici. Dati generali Funzione di un elemento di commutazione Contatto NC NAMUR Distanza di comando misura s n 2 mm

Dimensioni. Dati tecnici. Dati generali Funzione di un elemento di commutazione Contatto NC NAMUR Distanza di comando misura s n 2 mm Dimensioni M12x1 4 17 32 35 0102 LED Codifica PEPPERL+FUCHS NCB2-12GM35-N0 Caratteristiche Linea comfort 2 mm allineato Applicabile fino a SIL 2 secondo IEC 61508 Allacciamento Schema elettrico N / N0

Dettagli

ANALISI DI RISCHIO SEMIQUANTITATIVA IN SUPPORTO ALLE VALUTAZIONI IN PRESENZA DI ATMOSFERE ESPLOSIVE (ATEX)

ANALISI DI RISCHIO SEMIQUANTITATIVA IN SUPPORTO ALLE VALUTAZIONI IN PRESENZA DI ATMOSFERE ESPLOSIVE (ATEX) ANALISI DI RISCHIO SEMIQUANTITATIVA IN SUPPORTO ALLE VALUTAZIONI IN PRESENZA DI ATMOSFERE ESPLOSIVE (ATEX) T. Pezzo *, D. Vannucci *, G. Uguccioni + * D Appolonia SpA, Genova + D Appolonia SpA, San Donato

Dettagli

Il recepimento delle direttive comunitarie

Il recepimento delle direttive comunitarie SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IGIENE E SICUREZZA I metodi per la progettazione, la costruzione, le prove e la marcatura sono specificati nella norma EN 13463-1 Direttive ATEX: adempimenti e certificazione per

Dettagli

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione

Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Distributori di gas naturale compresso (metano) per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX Direttiva 94/9/CE ATEX 95 (ex art. 100) del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 Marzo 1994. Concerne il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di

Dettagli

VALVOLE ISO 5599/1 SERIE SAFE AIR

VALVOLE ISO 5599/1 SERIE SAFE AIR Partendo da una serie di valvole robusta ed affidabile come quelle a norma ISO 5599/1, sono state aggiunte alcune caratteristiche peculiari quali la presenza di un sistema di diagnostica dello stato della

Dettagli

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering DM03 IL MANUALE D ISTRUZIONI Scrivere le Istruzioni per l uso è un attività specialistica che va affidata ad esperti con conoscenze interdisciplinari di tipo legislativo, tecnico e scientifico. È necessaria

Dettagli

Valvola di scarico di sicurezza ridondante serie P33T

Valvola di scarico di sicurezza ridondante serie P33T aerospace climate control electromechanical filtration fluid & gas handling hydraulics pneumatics process control sealing & shielding Valvola di scarico di sicurezza ridondante serie P33T Catalogo PDE675TCIT

Dettagli

154 ATEX - ATmosphere EXplosive

154 ATEX - ATmosphere EXplosive 154 ATEX - ATmosphere EXplosive DIRETTIVA 94/9/CE (ATEX= ATMOSPHERE EXPLOSIVE) DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO (23-03 - 1994). Impatto sugli apparecchi per illuminazione APPLICAZIONI Le armature

Dettagli

Istruzioni per l'uso originali Pulsante di emergenza con modulo di sicurezza AS-i integrato AC011S 7390990/00 05/2013

Istruzioni per l'uso originali Pulsante di emergenza con modulo di sicurezza AS-i integrato AC011S 7390990/00 05/2013 Istruzioni per l'uso originali Pulsante di emergenza con modulo di sicurezza AS-i integrato AC011S 7390990/00 05/2013 Indice 1 Premessa3 1.1 Spiegazione dei simboli 3 2 Indicazioni di sicurezza 4 2.1 Requisiti

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Introduzione alla Sicurezza

Introduzione alla Sicurezza 6 Introduzione alla Sicurezza - Prefazione Scopo di questa sezione è di fornire al costruttore di macchine una rapida introduzione su alcune normative relative alla sicurezza macchine, chiarire alcuni

Dettagli

Sicurezza delle Macchine

Sicurezza delle Macchine Sicurezza delle Macchine Indicazioni per l applicazione delle norme EN 62061 ed EN ISO 13849-1 2 o Edizione Fachverband Automation S I G L A E D I T O R I A L E Sicurezza delle Macchine Indicazioni per

Dettagli

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI BERGAMO, 20.12.2005 Relatore: dott. ing. Pier Alberto Frighi DIRETTIVE EUROPEE SETTORIALI Documenti promulgati dal Legislatore europeo per gamma di prodotti,

Dettagli

Introduzione alla norma (EN) ISO 14119 Dispositivi di interblocco associati ai ripari

Introduzione alla norma (EN) ISO 14119 Dispositivi di interblocco associati ai ripari Introduzione alla norma (EN) ISO 14119 Dispositivi di interblocco associati ai ripari Derek Jones Business Development Manager (Functional Safety Engineer TÜV Rheinland) David Reade Business Development

Dettagli

Machinery safety directives

Machinery safety directives Machinery safety directives General directives, national (Italy) Italian directives: D.Lgs. 81/2008, ha abrogato e sostituito, tra gli altri, il D.Lgs. 626/94. Direttiva macchine: Direttiva 98/37/CE recepita

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE

MISURE DI PREVENZIONE MISURE DI PREVENZIONE 1. Inertizzazione Allo scopo di impedire che si verifichi l esplosione di una miscela aria/gas o vapori infiammabili o di una nube di polvere-aria è possibile aggiungere alla atmosfera

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO NEWSLETTER N2 - I dispositivi elettronici posti a protezione degli operatori E stato indicato nella precedente newsletter che la sicurezza degli operatori in un contesto industriale è affidata a una catena

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02) C 306/2 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della direttiva 94/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 marzo 1994, concernente il ravvicinamento delle legislazioni

Dettagli

CONTRO LE ESPLOSIONI

CONTRO LE ESPLOSIONI DISPOSITIVI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE CONTRO LE ESPLOSIONI ETEA Sicurezza s.r.l. con S.U. CONTROLLO ELETTROSTATICO MESSA A TERRA DELLE AUTOCISTERNE MESSA A TERRA DEI FUSTI MESSA A TERRA DEI BIG-BAG MESSA

Dettagli

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO

Workshop 2012. Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Workshop 2012 Associazione Provinciale Periti Industriali TECNOLOGIA GRAN SASSO Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di TERAMO Workshop 2012 I settori: -Sicurezza -Automazione

Dettagli

La sicurezza dell uomo e della macchina IV Edizione

La sicurezza dell uomo e della macchina IV Edizione La sicurezza dell uomo e della macchina IV Edizione Per un mondo industriale sicuro! TECHNO GR SAFETY SERVICE Partner per la sicurezza industriale per tutto il ciclo di vita della macchina. Analisi del

Dettagli

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo

SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI. Relatore Ing. Andrea Doardo SISTEMI DI FILTRAZIONE PER POLVERI E GAS POTENZIALMENTE ESPLOSIVI Relatore Ing. Andrea Doardo SOSTANZE PERICOLOSE PER LA FORMAZIONE DI ATMOSFERE POTENZIAMENTE ESPLOSIVE GAS, VAPORI E NEBBIE sprigionate

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

Esempio applicativo: Arresto d emergenza degli attuatori tramite pulsante d'emergenza. Siemens AG 2011. All Rights Reserved.

Esempio applicativo: Arresto d emergenza degli attuatori tramite pulsante d'emergenza. Siemens AG 2011. All Rights Reserved. Esempio applicativo: Arresto d emergenza degli attuatori tramite pulsante d'emergenza L aiuto di Siemens Cosa offre Siemens in supporto alla progettazione Supporto globale per l uso ottimale della Sicurezza

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

Istruzioni per l'uso

Istruzioni per l'uso Istruzioni per l'uso (parte rilevante per la protezione antideflagrante) per trasmettitori di pressione Profibus PA ai sensi della direttiva europea 94/9/CE Appendice VIII (ATEX) Gruppo II, categoria di

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) (Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) OEN ( 1 ) CEN EN 1010-1:2004 Sicurezza del macchinario Requisiti di sicurezza per la progettazione e la costruzione

Dettagli

SENSORE DI TEMPERATURA Tipo ETEX

SENSORE DI TEMPERATURA Tipo ETEX SENSORE DI TEMPERATURA Tipo ETEX Manuale delle istruzioni di sicurezza La riproduzione parziale o totale di questo documento è proibita. Per ottenere copia di tale documento si prega di contattare ETEA

Dettagli

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Bologna - 4 maggio 2011 Ing. Mario Alvino Coordinatore Operativo CTS L Allegato V del Testo Unico tratta i requisiti

Dettagli

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX

ISTRUZIONI DI SICUREZZA. euromotori. Manuale istruzioni di sicurezza per motori serie LEX Pag. 1/7 Motori asincroni SERIE LEX 80, 90, 100, 112, 132, 160, 180, 200, 225, 250, 280, 315, 355 In esecuzione adatta al funzionamento in presenza di: gas, vapori, nebbie infiammabili (II 3G) polveri

Dettagli

Istruzioni per l uso originali Pulsante di emergenza di sicurezza AS-i AC012S 7390991/00 05/2013

Istruzioni per l uso originali Pulsante di emergenza di sicurezza AS-i AC012S 7390991/00 05/2013 Istruzioni per l uso originali Pulsante di emergenza di sicurezza AS-i AC012S 7390991/00 05/2013 Indice 1 Premessa3 1.1 Spiegazione dei simboli 3 2 Indicazioni di sicurezza 4 2.1 Requisiti tecnici di sicurezza

Dettagli

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva

Selezione GUIDA ATEX. Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Selezione GUIDA ATEX Concetti base per la protezione in atmosfera esplosiva Guida alle direttive ATEX > SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. DIRETTIVA ATEX 94/9/CE: PRODOTTI...4 3. MODI DI PROTEZIONE...9 4.

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Fieldbus Foundation e la sicurezza

Fieldbus Foundation e la sicurezza Fieldbus Foundation Freedom to choose. Power to integrate Italia Fieldbus Foundation e la sicurezza Safety Integrity System Alberto Digiuni Filedbus Foundation Italia La sicurezza Cosa è la sicurezza?...

Dettagli

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella /I Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri Questo manuale di uso e manutenzione è valido solo per cilindri idraulici Atos e si propone di fornire utili informazioni

Dettagli

PRESSE MECCANICHE PRESSE IDRAULICHE E PNEUMATICHE

PRESSE MECCANICHE PRESSE IDRAULICHE E PNEUMATICHE PRESSE MECCANICHE PRESSE IDRAULICHE E PNEUMATICHE Tipologia: Presse meccaniche con innesto a chiavetta Presse meccaniche con innesto a frizione Presse a funzionamento idraulico Presse a funzionamento pneumatico

Dettagli

Introduzione alla Sicurezza

Introduzione alla Sicurezza 2007 2008 Introduzione alla Sicurezza Introduzione alla Sicurezza 1- Progettare in sicurezza. La struttura normativa Europea. Qualsiasi prodotto o macchinario, per essere liberamente commercializzato all

Dettagli

La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma

La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma Università Carlo Cattaneo - LIUC 7 Giugno 2010 Ing. E. Moroni Organismo Notificato n.0066 I.C.E.P.I S.p.A. Via P. Belizzi

Dettagli

Consulenza nell ambito della conformità delle apparecchiature e dei sistemi

Consulenza nell ambito della conformità delle apparecchiature e dei sistemi Consulenza nell ambito della conformità delle apparecchiature e dei sistemi La marcatura CE delle apparecchiature (quadri, quadri comando, macchine, dispositivi, ecc) è regolamentata per mezzo delle direttive

Dettagli

Introduzione alla Sicurezza

Introduzione alla Sicurezza Introduzione alla Sicurezza 1- Prefazione Scopo di questa sezione è di fornire al costruttore di macchine una rapida introduzione su alcune normative relative alla sicurezza macchine, chiarire alcuni principi

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

Dimensioni. Allacciamento elettrico

Dimensioni. Allacciamento elettrico Dimensioni 55 27 Altezza del campo protettivo Lunghezza alloggiamento 85 28 52 Codifica d'ordine Barriera luminosa di sicurezza con 2 uscite semiconduttore separate e a prova di errore Allacciamento elettrico

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

Presentazione. Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive KOMSAITALIASRL

Presentazione. Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive KOMSAITALIASRL 1 Presentazione Impianti di aspirazione centralizzati a bassa pressione ATEX per polveri potenzialmente esplosive ARCH. PIER GIORGIO AMATI KOMSA ITALIA SRL www.komsa.it Unindustria Pordenone, 18/11/2010

Dettagli

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Normativa di riferimento Requisiti di ammissione Durata e modalità Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Il modulo B5 è il corso

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. a cura di Norberto Canciani

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. a cura di Norberto Canciani TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE a cura di Norberto Canciani Capo I Uso delle attrezzature di lavoro Definizioni Aggiunte due nuove definizioni: Lavoratore

Dettagli

PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO

PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE CRS8 Pannello sinottico La centrale antincendio mod. CRS8, controllata a microprocessore, è stata progettata per alimentare e gestire

Dettagli

Componenti per applicazioni di sicurezza

Componenti per applicazioni di sicurezza Componenti per applicazioni di sicurezza Catalogo 0-0 Sommario generale 0 Componenti per applicazioni di sicurezza Sicurezza delle persone e delle macchine I supporti Preventa e le funzioni di sicurezza

Dettagli

Impianti Tecnologici

Impianti Tecnologici Impianti Tecnologici OGGETTO: ELENCO DELLE PRINCIPALI NORME E GUIDE CEI Il presente Registro è redatto in n. 11 pagine (copertina presente) ver. 1.0 1 Elenco Norme e Guide CEI 0-1 Adozione di nuove norme

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

Introduzione alla Sicurezza

Introduzione alla Sicurezza Introduzione alla Sicurezza 1- Prefazione Scopo di questa sezione è di fornire al costruttore di macchine una rapida introduzione su alcune normative relative alla sicurezza macchine, chiarire alcuni principi

Dettagli

o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

o Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; Distributori di GPL per autotrazione Sistema di alimentazione: TT, TN-S, Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata

Dettagli

LABORATORIO PROVE. Descrizione del Servizio

LABORATORIO PROVE. Descrizione del Servizio LABORATORIO PROVE Descrizione del Servizio 1. PREMESSA... 3 2. LE DIRETTIVE COMUNITARIE... 4 3. IL LABORATORIO PROVE... 5 3.1. PROVE DI COMPATIBILITÀ E SUSCETTIBILITÀ ELETTROMAGNETICA... 5 3.2. PROVE DI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI PERICOLOSI. Cliente SECOMIND S.r.l. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via collegamento Rubattino-Cassanese SEGRATE (MI)

CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI PERICOLOSI. Cliente SECOMIND S.r.l. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via collegamento Rubattino-Cassanese SEGRATE (MI) CLASSIFICAZIONE DEI LUOGHI PERICOLOSI Cliente SECOMIND S.r.l. STAZIONE DI SERVIZIO CARBURANTI Via collegamento Rubattino-Cassanese SEGRATE (MI) Committente PROTEKNO S.r.l. Via Pavia n.10 MUGGIO (MB) Milano,

Dettagli

Guida agli impianti ATEX. Normative, installazioni e soluzioni 20 13. I edizione

Guida agli impianti ATEX. Normative, installazioni e soluzioni 20 13. I edizione Guida agli impianti ATEX Normative, installazioni e soluzioni 20 13 I edizione Gewiss Group FRANCE Gewiss France - Les Ulis germany Gewiss Deutschland - Merenberg united kingdom Gewiss U.k. - Cambourne

Dettagli

Guida applicativa Sicurezza Macchine

Guida applicativa Sicurezza Macchine Guida applicativa Sicurezza Macchine 2 Sommario Introduzione...4 Le Direttive Europee...6 Le Norme Tecniche Europee...10 Analisi del rischio... 16 Progettazione delle funzioni di sicurezza...22 Sicurezza

Dettagli