Regolamento per la concessione di posti distinti e delle aree per la costruzione e l uso dei sepolcreti privati nei cimiteri comunali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento per la concessione di posti distinti e delle aree per la costruzione e l uso dei sepolcreti privati nei cimiteri comunali"

Transcript

1 COMUNE DI CAMPI BISENZIO Regolamento per la concessione di posti distinti e delle aree per la costruzione e l uso dei sepolcreti privati nei cimiteri comunali Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 26 aprile 1962 Modificato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 111 del 28 luglio 2003

2 Art. 1 La concessione dei posti distinti (colombari e celle ossario), si intende fatta a perpetuità. Art. 2 Chiunque intenda prendere in concessione un posto distinto nei Cimiteri Comunali, deve farne domanda al sindaco specificandone la categoria e assoggettandosi a pagare anticipatamente la relativa tassa. L assegnazione del posto d Ufficio. Art. 3 La tumulazione delle salme nei posti distinti dei Cimiteri Comunali, dovrà essere eseguita a cura e spesa dei familiari, sotto la sorveglianza dell Ufficiale Sanitario. Art. 4 La tumulazione deve essere eseguita con sollevamento meccanico della cassa. La chiusura effettiva della tomba deve essere assicurata mediante muratura dello spessore non inferiore a cm. 10 ristuccata ai lati e intonacata a cemento. La chiusura esterna apparente sarà eseguita mediante l applicazione di una lastra di marmo, di cui è munito ogni colombaro, previamente incisa ad epigrafe e secondo le modalità prescritte dal presente Regolamento. Oltre agli oneri suddetti è a carico e cura della famiglia l eventuale sostituzione dei marmi che occasionalmente dovessero, durante le operazioni suddette, venir manomessi. Art. 5 Le epigrafi funerarie dovranno essere redatte in lingua italiana o latina e non contenere più di 250 lettere ad incisione o a rilievo e dovranno previamente riportare l approvazione dell Ufficio Segreteria cui saranno sottoposte i duplice originale. Art. 6 Alle lapide funerarie potranno essere applicati ricordi fotografici, su smalto, porcellana ecc. nonché portafiori ed altri ornamenti di soggetto, lampade votive infisse o sospese, con divieto assoluto di usare lumi ad olio o a candela libera. Le applicazioni stesse dovranno essere comprese nel perimetro segnato dalle fasce di bardiglio limitanti le rispettive lapidi e non dovranno avere sporgenze dal filo del muro superiori a cm. 25. Per color che vorranno applicare la illuminazione elettrica delle lampade votive, è obbligatorio valersi dell impianto esistente nei Cimiteri Comunali, la cui utenza è disciplinata da apposite norme. Art. 7 È vietato collocare tanto sul pavimento del loggiato quanto in quello del sotterraneo vasi, candelabri o qualsiasi altro soggetto di ornamento; è altresì proibita l applicazione sugli zoccoli di base tanto delle pareti del loggiato che quelli del sotterraneo. Art.8 Tanto le lettere epigrafiche, se a rilievo, quanto ogni altra applicazione sulle lapidi, dovranno essere foggiate in bronzo o metallo inalterabile, escluso ferro, latta o simili ossidabili. Art. 9

3 La sistemazione estetica delle lapidi, dovrà essere approvata dall Ufficio Tecnico Comunale dietro presentazione di un bozzetto dettagliato a metà del vero da allegarsi alla domanda diretta al Sindaco, in conformità della procedura del presente Regolamento. Art. 10 Le modalità per qualsiasi opera di finimento delle cappelle private s posti multipli, dovranno risultare da apposito progetto dettagliato in scala non inferiore a 1:25, con particolari in scala da 1:10, allegato alla domanda in conformità della procedura del precedente articolo 9. Art. 11 Le lapidi a chiusura esterna delle piccole celle ossario dovranno avere epigrafi incise col solo nome, cognome, data di nascita e di morte. Vi sarà tollerata solo l applicazione di lampade votive nella forma e dimensioni da approvare preventivamente. Art. 12 La spesa per le iscrizioni delle epigrafi rimane a totale carico dei concessionari dei posti distinti. Art. 13 Qualunque ornamento dei marmi potrà essere rimosso dal personale di vigilanza del Cimitero quando, per l usura del tempo od altro, venga ritenuto indecoroso dalla Amministrazione Comunale, e quando i concessionari dei posti distinti, preventivamente avvertiti, non provvedano al restauro nel termine di tempo che sarà loro assegnato mediante ingiunzione. Quando i concessionari e i loro aventi causa siano irreperibili, alla forma dell avviso personale verrà sostituita la pubblicazione sull Albo Pretorio per due domeniche successive: e quando neppure questo mezzo abbia avuto effetto, gli oggetti di cui sopra, riconosciuti indecorosi, saranno custoditi per tre mesi in apposito locale, e se non reclamati entro detto termine, alienati. Art. 14 I concessionari dei posti distinti saranno ritenuti responsabili in proprio di tutti i danni eventuali che da essi, dai propri congiunti o incaricati, vengano arrecati in qualunque modo e tempo, durante il periodo della concessione, alle sepolture e alle altre parti del cimitero. Art. 15 Chiunque rimuova il cadavere da una sepoltura per trasferirlo in altra, o nello stesso Cimitero o altrove, perderà ogni diritto sulla cella abbandonata, la quale si intende ritornata di esclusiva proprietà del Comune, che non è tenuto per questo alla refusione di alcuna spesa o compenso, salvo che la traslazione non avvenga in un sepolcreto o in una cappella di famiglia nel medesimo cimitero o in altri cimiteri del Comune nei quali casi si applicano le disposizioni dell Art. 35 del presente regolamento. Art. 16 Le esumazioni e le traslazioni delle salme da un posto ad un altro anche dello stesso cimitero sono a totale carico di chi le richiede e devono essere eseguite sotto la sorveglianza dell Ufficio Comunale di Igiene. Art. 17

4 Presso i Cimiteri Comunali è stabilito un recinto laterale destinato esclusivamente alla tumulazione dei cadaveri in cappelle o edicole private isolate, da costruirsi su lotti di terreno separati secondo lo spartito assegnato dal Comune. Art. 18 La costruzione e l uso dei sepolcreti privati nella predetta zona sono subordinati alle norme del presente Regolamento. Art. 19 Le richieste per l acquisto dei lotti dovranno essere rivolte alla Giunta Comunale e saranno accompagnate da un progetto della cappella, edicola o sepolcreto da erigere, con pianta, sezioni e prospetto e colla dichiarazione dettagliata della qualità del materiale da adoperare, e di ogni altro particolare tecnico di essenziale importanza. Tutti i disegni dovranno essere in duplice copia. Non sarà proceduto alla concessione se, a giudizio insindacabile dalla Giunta, il progetto non presenterà quel grado di monumentalità che si addica al desiderato decoro estetico della zona assegnata. Art. 20 Le cappelle e i sepolcreti privati sono inalienabili, né in nessuna forma cedibili. Art. 21 Nella domanda di cui all art. 19, l acquirente deve anche dichiarare entro quale periodo di tempo si obbliga di eseguire la erezione della Cappella o monumento, si obbliga per sé e i suoi eredi a mantenere in perpetuo, a sua cura e spese, un perfetto stato e buona conservazione, le opere eseguite. Dalle spese suddette l Amministrazione Comunale rimane interamente esonerata. Al prezzo di acquisto del terreno sarà aggiunta una somma commisurata all entità delle costruzioni e che verrà stabilita volta per volta dalla Giunta comunale all atto della concessione. Detta somma servirà come deposito affinché il Comune possa provvedere, a suo arbitrio, ai lavori di conservazione esteriore delle cappelle e dei sepolcreti, in caso di completo abbandono di essi, derivante da estinzione o accertata povertà della famiglia o di coloro che ne avrebbero l obbligo. Art. 22 La giunta, dietro parere dell Ufficio Tecnico e dell Ufficiale Sanitario, deciderà in merito all approvazione del progetto presentato, e stabilirà anche di volta in volta, il numero massimo delle tumulazioni che potranno aver luogo in ciascuna cappella o sepolcreto, il cui accesso dovrà essere stabilito esclusivamente dal Cimitero: il progetto dovrà anche essere approvato, nei riguardi sanitari, dalla Prefettura, dopo di che, l acquirente, entro il termine di giorni quindici dalla data di partecipazione, dovrà soddisfare al pagamento del prezzo per la concessione ottenuta. Art. 23 Non sarà consentita la tumulazione in cappelle o sepolcreti privati di persone non appartenenti alla famiglia che ne è proprietaria o per le quali non risulti dal contratto che ne è stato fatto l acquisto.

5 Art. 24 Non potrà essere la consegna del terreno se prima non sia stato eseguito il pagamento ed esibita la relativa ricevuta. La consegna del terreno dovrà risultare da verbale da eseguire sul posto. Le spese di carta bollata, registrazione od altro, inerenti al verbale suddetto, saranno a carico dell acquirente. Art. 25 La erezione delle cappelle o dei monumenti o dei loro accessori, potrà essere subordinata agli allineamenti ed ai piani che verranno segnati sul posto a cura dell Ufficio Tecnico Comunale. Art. 26 I muri sotto il piano di campagna dovranno essere costruiti a corda e rinforzati e intonacati su tutte le pareti, ed in modo che la linea di confine del terreno coincida con l asse del muro stesso. Lo spessore dei detti muri non potrà essere inferiore ai cm. 40. nel caso che tale spessore debba superarsi, la parte di muro oltre la linea di confine non dovrà mai superare la larghezza di cm. 20. Art. 27 L acquirente non avrà diritto ad alcun compenso sia da parte del Comune, sia dai concessionari confinanti per il valore del muro costruito oltre la linea di confine, il quale muro potrà essere utilizzato dal Comune o dai confinanti stessi. Art. 28 L acquirente di terreno per la costruzione di tombe o monumenti, avrà l obbligo di circoscrivere, a sue spese, il terreno medesimo con lista di pietra o di marmo conforme a quanto verrà indicato dall Ufficio Tecnico Comunale: nonché di stabilire, in corrispondenza della linea dei vialetti, una guida e zanella in pietra, secondo le istruzioni dell ufficio stesso. Art. 29 Per la formazione dei rivestimenti esterni e delle decorazioni, sono ammessi i seguenti materiali: a)i marmi naturali di solida struttura e non facilmente deteriorabili all azione degli agenti atmosferici. b)le pietre naturali, purché non siano spugnose, facilmente sfaldabili o comunque deteriorabili sotto l azione degli agenti atmosferici. c)le pietre di marmi artificiali, purché la materia agglomerante sia il cemento, il colore sia dato alla pasta agglomerante stessa e siano tali da scambiare il materiale artificiale con le pietre e i marmi naturali. I materiali di rivestimento e le decorazioni dovranno essere preparate fuori d opera, e quelli artificiali, prima del loro impiego saranno stagionati in modo che mai nessuna parte, sottoposta alla compressione, abbia un carico di rottura minore di 150 kg. al cmq. La muratura dei materiali di rivestimento, sia naturali che artificiali dovrà essere fatta adoperando esclusivamente malta di cemento a lenta presa, e, dove siano necessarie grappe di sostegno, queste dovranno essere in rame o ottone. Art. 30 La costruzione delle cappelle o monumenti dovrà essere eseguita scrupolosamente in conformità del disegno e delle condizioni approvate dall Amministrazione comunale e sotto il controllo dell Amministrazione stessa. Quando si dovessero introdurre varianti, queste dovranno essere antecedentemente sanzionate dall Amministrazione stessa.

6 Art. 31 Le iscrizioni sui sepolcreti, tanto esterne, dovranno essere redatte in lingua italiana o latina e riportare l approvazione dell Autorità Comunale. Art. 32 Oltre al prezzo per l acquisto del terreno stabilito in L al metro quadrato, dovrà essere versato al Comune un contributo di L a titolo rimborso spese per l assistenza tecnico sanitaria per ogni tumulazione. Art. 33 Per la costruzione delle celle sepolcrali e per le tumulazioni dovranno scrupolosamente osservarsi le vigenti leggi e regolamenti di Polizia Mortuaria, oltre a quelle norme che venissero emanate dall Autorità Comunale ogni volta che lo ritenga opportuno. Art. 34 Sono a carico dei concessionari le eventuali indennità per danni che potessero pretendere i proprietari delle Cappelle o sepolcreti prossimi. Ogni azione legale o contestazione dovrà svolgersi direttamente fra i concessionari interessati. Art. 35 Nel caso di traslazione di salme da tomba di sezione ad un sepolcreto o ad una Cappella di famiglia del medesimo Cimitero o in altro Cimitero Comunale, le tombe che rimangono vacanti ritorneranno in piena disponibilità del Comune, il quale rimborserà la metà di prezzo sborsato per il loro acquisto, fermo restando il pagamento della tassa L stabilito dall art. 32, come se si trattasse di una nuova tumulazione. Tale rimborso verrà fatto soltanto quando il Comune avrà venduto il colombaro o cinerario lasciato libero dal primo acquirente. Art. 36 Quando una salma tumulata in una tomba distinta di qualsiasi classe sia trasferita ad altro Cimitero non appartenente al Comune, la tomba rimasta libera torna in piena disponibilità dell Amministrazione comunale, senza diritto, da parte degli interessati, ad alcun rimborso. Art. 37 Il mantenimento delle cappelle private, dei sepolcreti e delle singole tombe di qualsiasi classe, è a carico della famiglia dei defunti ivi tumulati. Art. 38 Le famiglie hanno facoltà di provvedere personalmente, o per mezzo di propri rappresentanti, alla manutenzione delle tombe, alla pulizia e alla accensione dei lumi, quando questo non sia fatto dai concessionari dell impianto elettrico, alla apposizione periodica di fiori freschi, alla coltivazione delle aiuole o a quant altro può occorrere per il mantenimento e l ornamento. Art. 39 Tutte le spese relative all atto, saranno a carico completo dell acquirente.

7 Art. 40 Per tutte le altre disposizione di Polizia Mortuaria, non contemplate nel presente Regolamento, saranno scrupolosamente osservate le disposizioni del Regolamento di Polizia Mortuaria, approvato con Regio Decreto 25 luglio 1892, n 448, nonché quelle del Regolamento comunale d Igiene.

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI CUASSO AL MONTE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera del Consiglio comunale n. in data 1 TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Oggetto

Dettagli

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE IL TECNICO ESTENSORE IL SINDACO IL SEGRETARIO COMUNALE IN ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL PIANO REGOLATORE CIMITERIALE Comune di GENIVOLTA Provincia di Cremona Allegato n. : B Titolo : 1 NORME TECNICHE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SEPOLTURE PRIVILEGIATE PER I CIMITERI COMUNALE

REGOLAMENTO DELLE SEPOLTURE PRIVILEGIATE PER I CIMITERI COMUNALE REGOLAMENTO DELLE SEPOLTURE PRIVILEGIATE PER I CIMITERI COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. 563 del 16.12.1974 e successivamente modificato con deliberazioni C.C.114 DEL 30.05.1991 e C.C. 28 del

Dettagli

Regolamento del cimitero comunale

Regolamento del cimitero comunale Comune di Mendrisio Quartiere di Rancate Regolamento del cimitero comunale I. DISPOSIZIONI GENERALI Ubicazione, definizione Art. 1 Il cimitero di Rancate, di proprietà comunale, è situato sul mappale 414

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Delibera C.C. n 59 del 28/11/2008 modificato con Delibera C.C. n 45 del 11/09/2012 e modificato con Delibera C.C. n

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna C O M U N E D I M O N T E V E G L I O NORME PER L'APPOSIZIONE DI LAPIDI E DEI CIPPI FUNEBRI PRESSO I CIMITERI COMUNALI approvate con deliberazione della giunta comunale n. 77 dell 11.11.2010 I riferimenti

Dettagli

INDICE. CAPO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI Art. 19 - Riferimenti normativi e legislativi Art. 20 - Disposizioni finali

INDICE. CAPO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI Art. 19 - Riferimenti normativi e legislativi Art. 20 - Disposizioni finali INDICE CAPO I - TITOLI ABILITATIVI Art. 1 - Segnalazione Certificata di Inizio Attività Art. 2 - Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata Art. 3 - Comunicazione di Inizio Lavori Art. 4 - Imprese autorizzate

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ==========================

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ========================== REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ========================== INDICE 1. Amministrazione e sorveglianza 2. Suddivisione e utilizzazione dell area del cimitero 3. Disposizioni per il campo comune

Dettagli

Regolamento del cimitero del Comune di Lumino

Regolamento del cimitero del Comune di Lumino Regolamento del cimitero del Comune di Lumino Comune di Lumino Regolamento del cimitero del Comune di Lumino 2 CAPITOLO I: Organizzazione del cimitero Art. 1 Autorità competente Art. 2 Registrazione Art.

Dettagli

Comune delle Centovalli. Regolamento dei cimiteri di Bordei Camedo Costa s.borgnone Golino Intragna Lionza Moneto Palagnedra Rasa Verdasio

Comune delle Centovalli. Regolamento dei cimiteri di Bordei Camedo Costa s.borgnone Golino Intragna Lionza Moneto Palagnedra Rasa Verdasio Comune delle Centovalli Regolamento dei cimiteri di Bordei Camedo Costa s.borgnone Golino Intragna Lionza Moneto Palagnedra Rasa Verdasio IL CONSIGLIO COMUNALE DEL COMUNE DELLE CENTOVALLI d e c r e t a:

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 11 Indice I GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale... 4 Art. 2 Autorità

Dettagli

Regolamento comunale dei cimiteri

Regolamento comunale dei cimiteri Regolamento comunale 1 TITOLO I AMMINISTRAZIONE Art. 1 Amministrazione I cimiteri di Aurigeno, Coglio, Giumaglio, Lodano, Maggia, Moghegno e Someo sono amministrati dal Municipio, riservate le competenze

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

D I O S C O E D I F R E G G I O

D I O S C O E D I F R E G G I O R E G O L A M E N T O D E I C I M I T E R I C O M U N A L I D I O S C O E D I F R E G G I O MUNICIPIO DI OSCO 2 TITOLO I - ORGANIZZAZIONE Art. 1 Definizione, proprietà e amministrazione I cimiteri di Osco

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DI NOVAGGIO

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DI NOVAGGIO REGOLAMENTO DEL CIMITERO DI NOVAGGIO SORVEGLIANZA DEL CIMITERO Art. 1 Sono di competenza del Municipio la sorveglianza e la manutenzione del Cimitero. Art. 2 Il Municipio, a tale scopo, nomina la Commissione

Dettagli

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 3 DURATA DELLE CONCESSIONI Art. 4 MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE Art. 5 DIRITTO

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale. Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005

REGOLAMENTO. Comune di Follonica. per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale. Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005 Comune di Follonica per la concessione dei sepolcri del Cimitero Comunale Delibera del Consiglio Comunale n. 52 del 28 giugno 2005 REGOLAMENTO SOMMARIO SOMMARIO Articolo 1 Oggetto dell attività 1 Articolo

Dettagli

MUNICIPIO DI PONTE TRESA

MUNICIPIO DI PONTE TRESA MUNICIPIO DI PONTE TRESA CH 6988 Ponte Tresa 091 606 16 86 091 606 70 47 info@pontetresa.ch Regolamento Capitolo 1 AMMINISTRAZIONE Art. 1 Ubicazione Il cimitero del Comune di Ponte Tresa si trova alla

Dettagli

Regolamento e tariffe del cimitero comunale

Regolamento e tariffe del cimitero comunale Comune di Mendrisio Quartiere di Arzo Regolamento e tariffe del cimitero comunale I. SORVEGLIANZA DEL CIMITERO Art. 1 Sono di competenza del Municipio la sorveglianza e la manutenzione del cimitero. Art.

Dettagli

Venerabile Arciconfraternita di Misericordia di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI EI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI CASTELFIORENTINO

Venerabile Arciconfraternita di Misericordia di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI EI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI CASTELFIORENTINO Venerabile Arciconfraternita di Misericordia di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI EI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO DI CASTELFIORENTINO approvato dall Assemblea Generale degli Iscritti tenutasi

Dettagli

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE 1 Disciplina generale per la concessione di aree e loculi cimiteriali C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE DISCIPLINA GENERALE PER LA CONCESSIONE DI AREE E LOCULI CIMITERIALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI Adottato con Delibera di Consiglio Comunale N 60 del 30 luglio 2008 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina i

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...

Dettagli

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE COMUNE DI VALFLORIANA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE Approvato con deliberazione consiliare nr. 20 dd. 22.09.2005, integrato con la deliberazione consiliare nr. 3 dd. 08.02.2010 e

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ...4 II. SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Autorità

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI AVEGNO GORDEVIO

COMUNE DI AVEGNO GORDEVIO COMUNE DI AVEGNO GORDEVIO REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Il presente Regolamento è stato approvato dal Municipio nella seduta del 22 settembre 2009 con ris. 697/09. Il presente Regolamento è

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal 01.01.2013 atto CC 45/2012

REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal 01.01.2013 atto CC 45/2012 CF e PI 00259290518 http://wwwcivichianait REGOLAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI In vigore dal 01012013 atto CC 45/2012 TITOLO I POLIZIA MORTUARIA - PRESCRIZIONI D'IGIENE SEPOLTURE E LAPIDI Art 1 Art 2 Art

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO. alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del

COMUNE DI LIVORNO. alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del COMUNE DI LIVORNO N del Repertorio CONVENZIONE ACCESSIVA alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del Cimitero Comunale La Cigna sul V.le Monumentale. L anno e questo di

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali NORME DI ATTUAZIONE Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali Sulle sepolture dei campi comuni (concessione gratuita per 10 anni, come previsto nella normativa) il Comune provvede a proprie

Dettagli

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI \\cluster\settore4\p_paoli\cimitero38\garaservizicimiteriali\2011 nuova gara\determina approvazione disciplinare\elenco

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI SAN PIETRO IN GUARANO (Prov. di COSENZA) IV SETTORE - SERVIZI CIMITERIALI Largo Municipio n 1 87047 San Pietro in Guarano (CS) Tel./Fax 0984.4725.24/44 E-mail: servizicimiteriali@comune.sanpietroinguarano.cs.it

Dettagli

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Soazza Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Legge comunale sulla costruzione di abitazioni a scopo sociale Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI 1 S O M M A R I O Art. Descrizione Art. Descrizione 1 2 3 CAPO I NORME GENERALI Oggetto del Regolamento Norme applicabili alle concessioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DI ASTANO

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DI ASTANO REGOLAMENTO DEL CIMITERO DI ASTANO Gestione del cimitero Art. 1 Sono di competenza del Municipio la gestione e la manutenzione del cimitero. Art. 2 Il Municipio nomina la Commissione del cimitero e un

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico OGGETTO: ISTRUTTORIA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE PREMESSO che: Le tariffe di

Dettagli

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni

i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni i servizi cimiteriali i Servizi cimiteriali PoStuMi e le AutorizzAzioni AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza.

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale C ittà d i Squillace -Provincia di Catanzaro- Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento disciplina il servizio per l illuminazione

Dettagli

Comune di Leggia REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Leggia REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Leggia Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO SUL CIMITERO L`assemblea del comune Politico di Leggia - vista la legge Cantonale sull`igiene pubblica del 2 dicembre

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI

CITTA' DI CASTROVILLARI CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI EDICOLE PRIVATE NEL CIMITERO DI CASTROVILLARI. Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.8 del 23 Marzo 2007

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (PROVINCIA DI GROSSETO) CONVENZIONE PER CONCESSIONE LOCULO/POSTO A TERRA CIMITERIALE Repertorio n. L anno duemila questo giorno

COMUNE DI ORBETELLO (PROVINCIA DI GROSSETO) CONVENZIONE PER CONCESSIONE LOCULO/POSTO A TERRA CIMITERIALE Repertorio n. L anno duemila questo giorno COMUNE DI ORBETELLO (PROVINCIA DI GROSSETO) CONVENZIONE PER CONCESSIONE LOCULO/POSTO A TERRA CIMITERIALE Repertorio n. L anno duemila questo giorno del mese di in Orbetello, nella sede del Comune ubicata

Dettagli

COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO MODIFICAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA IN RELAZIONE ALLE ATTIVITA CIMITERIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

Comune di Verdabbio REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Verdabbio REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Verdabbio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Pagina 1 di 13 REGOLAMENTO SUL CIMITERO (del 09 dicembre 2008 ) L`assemblea del comune Politico di Verdabbio - vista la legge Cantonale

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE Esente dall'imposta di bollo ai sensi dell'art. 27 bis del D.P.R.26.10.1972 n. 642 (Onlus). Rep. n. atti privati CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO COMUNALE DI MEZZOLOMBARDO

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE DI PONSACCO Regolamento approvato con Delibera C.C. N. 42 del 28/09/2012 1 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

4.5 Polizia mortuaria, bb. 19 (1947-1971)

4.5 Polizia mortuaria, bb. 19 (1947-1971) 4.5 Polizia mortuaria, bb. 19 (1947-1971) 4.5.1 Personale del cimitero; esumazione e tumulazione di salme, b. 1 (1954-1959) Busta 2 (1954 1959) 20. Approvazione lavori di manutenzione e alberatura del

Dettagli

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA -

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA - CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI PERIODO 01 GIUGNO 2009 31 MAGGIO 2011. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Formano oggetto del seguente appalto le prestazioni relative a

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n, 19 del 27 aprile 2001 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Allegato alla deliberazione C.C. n 25 del 9 novembre 2009 Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO

REGOLAMENTO DEL CIMITERO REGOLAMENTO DEL CIMITERO II INDICE TITOLO PRIMO : SORVEGLIANZA Art. 1 Competenza pag. 1 TITOLO SECONDO : SEPOLTURE, ESUMAZIONI, SPURGHI Art. 2 Autorizzazione alla sepoltura pag. 1 Art. 3 Diritto alla sepoltura

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E SUL CIMITERO. (del 1 giugno 1981) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E SUL CIMITERO. (del 1 giugno 1981) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA 1 REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E SUL CIMITERO (del 1 giugno 1981) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA - visti gli art. 181 e 182 RC; - visto il messaggio municipale no. 2 del 31 marzo 1981; decreta: CAMPO

Dettagli

Capitolo I. Definizione - gestione

Capitolo I. Definizione - gestione Capitolo I Definizione - gestione Art. 1 Definizione Il cimitero del Comune di Riva San Vitale sorge sul mappale 1766 RFD di proprietà comunale. E luogo destinato ad ospitare salme, ceneri o resti di salme

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

Comune di S. Agata sul Santerno

Comune di S. Agata sul Santerno Comune di S. Agata sul Santerno Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIVICO CIMITERO TESTO COORDINATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Scopo Proprietà, ubicazione Amministrazione Registro delle sepolture Art. 1 Il presente regolamento disciplina l utilizzazione degli spazi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI DI CASTAGNETO CARDUCCI DONORATICO BOLGHERI Approvato

Dettagli

COMUNE DI ALTO MALCANTONE REGOLAMENTO DEI CIMITERI

COMUNE DI ALTO MALCANTONE REGOLAMENTO DEI CIMITERI COMUNE DI ALTO MALCANTONE REGOLAMENTO DEI CIMITERI del 0 ottobre 009 INDICE TITOLO I Disposizioni generali Art. Scopo, proprietà, ubicazioni Art. Autorità competente Art. Competenza Art. 4 Registro delle

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CIMITERI

REGOLAMENTO SUI CIMITERI Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUI CIMITERI Regolamento sui cimiteri Pagina 1 di 11 Indice I. NORME GENERALI...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Oggetto...4 Art. 3 Competenza...4 Art.

Dettagli

! Cosa. Richiesta di esumazione

! Cosa. Richiesta di esumazione Richiesta di esumazione! Cosa Esumazione è il dissotterramento della salma o dei resti mortali, dalla sepoltura situata nel campo comune del cimitero. Le esumazioni ordinarie Con l Ordinanza Sindacale

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti ALLEGATO A AL CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI DESCRIZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ A SERVIZIO SEPOLTURE ED ATTIVITA CONNESSE A1 -

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 01.08.2014 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO CIMITERIALE

REGOLAMENTO CIMITERIALE COMUNE DI LAVARONE Provincia di Trento REGOLAMENTO CIMITERIALE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 36 di data 31.08.2007. Modificato con deliberazione consiliare n. 23 dd. 18.09.2013

Dettagli

COMUNE DI CAMPORANCO

COMUNE DI CAMPORANCO COMUNE DI CAMPORANCO Provincia di Caltanissetta REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI COMUNALI Approvato con Deliberazione di C. C. n. 88 del 29/12/1998 successive modifiche ed integrazioni apportate

Dettagli

COMUNE DI STRA REGOLAMENTO EDILIZIO ARCHITETTONICO CIMITERIALE STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO AL NUOVO AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI S.

COMUNE DI STRA REGOLAMENTO EDILIZIO ARCHITETTONICO CIMITERIALE STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO AL NUOVO AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI S. COMUNE DI STRA REGOLAMENTO EDILIZIO ARCHITETTONICO CIMITERIALE STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO AL NUOVO AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI S. PIETRO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 57 del 29.09.2004

Dettagli

COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n del INDICE Titolo 1 DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione e competenze.

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE T I T O L O I AMMINISTRAZIONE E SORVEGLIANZA DEL CIMITERO Art. 1 Il Cimitero è di proprietà del comune e come tale sottoposto alla vigilanza del Municipio. Art. 2 Il Municipio

Dettagli

COMUNE DI CAPO D ORLANDO

COMUNE DI CAPO D ORLANDO COMUNE DI CAPO D ORLANDO REGOLAMENTO DI EDILIZIA CIMITERIALE Approvato con delibera C.C. n. 28 del 30/07/2007 Art. 1 Premesse Il Comune di Capo D Orlando di recente ha provveduto a realizzare le opere

Dettagli

Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione

Art. 1 Oggetto  Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione PROVINCIA DI CUNEO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Autorizzazione alla cremazione Art. 3 Identità delle ceneri Art. 4 Feretri per la cremazione Art. 5 Insufficienza sepolture. Cremazioni Art. 6 Caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CIMITERI DI ALTANCA CATTO QUINTO

REGOLAMENTO SUI CIMITERI DI ALTANCA CATTO QUINTO REGOLAMENTO SUI CIMITERI DI ALTANCA CATTO QUINTO REGOLAMENTO SUI CIMITERI DI ALTANCA, CATTO E QUINTO del 5 ottobre 2011 Il Consiglio comunale del comune di Quinto, in applicazione dell art. 40 della Legge

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 29/11/2010 - Entrato in vigore il 01/01/2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MOGGIO UDINESE PROVINCIA DI UDINE CONTRATTO DI CONCESSIONE TOMBA DI FAMIGLIA ART.

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MOGGIO UDINESE PROVINCIA DI UDINE CONTRATTO DI CONCESSIONE TOMBA DI FAMIGLIA ART. REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MOGGIO UDINESE PROVINCIA DI UDINE CONTRATTO DI CONCESSIONE TOMBA DI FAMIGLIA ART. 45 BIS REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA. L anno duemila, il giorno, del mese di,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Allegato A alla deliberazione C.C. n. 18 del 28.9.2011 Il segretario comunale De Marco dott. Roberto COMUNE DI BORGHI Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI

Dettagli

Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria

Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria CAPO IV TRASPORTO DEI CADAVERI ART. 24 1. Il trasporto di un cadavere, di resti mortali o

Dettagli

Regolamento del Cimitero comunale

Regolamento del Cimitero comunale Regolamento del Cimitero comunale Indice Titolo I Amministrazione e sorveglianza 1 Art. 1 Generalità 1 Art. 2 Suddivisione 1 Art. 3 Pianta del Cimitero 1 Art. 4 Custodeaffossatore 1 Titolo II Inumazioni

Dettagli

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 3 Del 25-02-2014 Oggetto: APPROVAZIONE SECONDA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI,

Dettagli

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA)

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 01 del 13.02.2012 e successiva

Dettagli

Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo. nata a ( ) il (c.f.: ) CHIEDE

Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo. nata a ( ) il (c.f.: ) CHIEDE Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo OGGETTO: Istanza per illuminazione votiva. Con la presente istanza il sottoscritto nata a ( ) il (c.f.: ) residente a in Via (Tel.: )

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A LA GIUNTA COMUNALE Vista la proposta di deliberazione avanzata dall'ufficio Servizi cimiteriali relativa al seguente oggetto: SERVIZI CIMITERIALI. MODIFICA SCHEMI SCRITTURE PRIVATE PER CONCESSIONI LOCULI

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI O COLOMBARI E DI CELLE-OSSARIO NEI CIMITERI COMUNALI

COMUNE DI LEGNAGO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI O COLOMBARI E DI CELLE-OSSARIO NEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI LEGNAGO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI O COLOMBARI E DI CELLE-OSSARIO NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 133 del 15.12.2005 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI POSA LAPIDE MORTUARIA CON CONTORNI TOMBA Ai sensi dell art. 36 del Regolamento di Polizia Mortuaria

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI POSA LAPIDE MORTUARIA CON CONTORNI TOMBA Ai sensi dell art. 36 del Regolamento di Polizia Mortuaria li / /20 MARCA DA BOLLO 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI CLES COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI POSA LAPIDE MORTUARIA CON CONTORNI TOMBA Ai sensi dell art. 36 del Regolamento di Polizia Mortuaria Il/La

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI (Approvazione originaria Deliberazione del Consiglio Comunale n 76 del 30/05/2000) (Testo coordinato con le modifiche approvate

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli