Configurabilità dello storno dei dipendenti come atto di concorrenza sleale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Configurabilità dello storno dei dipendenti come atto di concorrenza sleale"

Transcript

1 Configurabilità dello storno dei dipendenti come atto di concorrenza sleale di Piergiovanni Cervato avvocato* La recente e rilevante sentenza della Suprema Corte di Cassazione del 4 settembre 2013, n.20228, aggiorna ulteriormente lo status quo del fenomeno dello storno dei dipendenti, affrontando il giudizio di illiceità di quegli atti dell impresa che siano finalizzati all abbattimento dei costi di avviamento di attività complessive o di singoli rami produttivi, ma che comportino danno ai suoi concorrenti, ad esempio tramite la distrazione di risorse di personale collegate alla clientela o comunque strategiche per la zona di mercato rilevante per l ambito di concorrenza. Massima Storno di dipendenti atti di concorrenza sleale scorrettezza professionale animus nocendi Lo storno dei dipendenti di impresa concorrente rappresenta atto di concorrenza sleale laddove risulti perseguito un indebito vantaggio competitivo che crei danno al concorrente, tramite un piano di acquisizione di personale strategico soprattutto nella zona in concorrenza, destabilizzando l organizzazione del concorrente mediante sottrazione del modus operandi dei propri dipendenti e delle conoscenze da essi acquisite. Premessa La recente e rilevante sentenza della Suprema Corte di Cassazione del 4 settembre 2013, n.20228, costringe gli operatori del diritto a soffermarsi per un ulteriore aggiornamento sullo status quo dello storno dei dipendenti, tema quanto mai delicato e all ordine del giorno, specialmente nell attuale condizione di crisi economica in cui fioriscono gli stratagemmi aziendali finalizzati all abbattimento dei costi di avviamento di attività complessive o di singoli rami produttivi. Risulta sempre più difficile parlare appropriatamente di storno di dipendenti, data la contrapposizione degli interessi costituzionalmente tutelati che sono interessati da tale fenomeno, essendo concettualmente complesso ridurre gli equilibri in gioco entro rigorosi schemi interpretativi che permettano di tutelare maggiormente l uno o l altro diritto e che, invece, mal si attagliano alla questione in oggetto. Ciò a maggior ragione se si considera che lo storno di dipendenti può essere definito come quell azione posta in essere da un imprenditore nei confronti di un altro imprenditore concorrente (quindi teoricamente ricompresa nell alveo del principio costituzionale di libertà della concorrenza), finalizzata all avvantaggiarsi ingiustamente di investimenti sul personale, * Master in Diritto della Rete Università degli Studi di Padova. Si segnala che la alla stesura dell'articolo ha collaborato il Dott. Andrea Rinaldo. nonché delle spiccate capacità, qualità e qualifiche di quest ultimo, mediante l accaparramento indiscriminato dei dipendenti del concorrente (o altre figure a questi assimilabili, per tutte rimanendo quindi nel quadro del diritto costituzionale al lavoro), così da ridurre il costo d avviamento della propria impresa e danneggiare l altrui organizzazione, ovvero all avvantaggiarsi di conoscenze coltivate da altri e che non potrebbero essere normalmente accessibili (furti di know-how, liste clienti, liste fornitori etc) quindi nuovamente nell ambito concorrenziale dell innovazione e del libero mercato. La contrapposizione degli interessi in gioco Gli interessi che di volta in volta si contrappongono nello storno dei dipendenti sono, in relazione alle parti sopra esaminate: per l impresa stornante: l interesse a veder tutelato il principio costituzionale del libero mercato (art.41 Cost.) e della libera operabilità in concorrenza per la riduzione dei costi di avviamento. Attraverso l acquisizione di personale dei concorrenti (purché ovviamente in maniera lecita), l impresa riuscirebbe infatti a immagazzinare il relativo bagaglio culturale e organizzativo, così da evitare ulteriori e ingenti investimenti in formazione e pianificazione aziendale, riducendo pertanto sensibilmente i costi di avviamento; 26

2 per l impresa stornata: l interesse a veder tutelato il proprio investimento da malevoli distorsioni del mercato, nonché a difendersi dalle pratiche distrattive messe in opera dalle imprese concorrenti (sleali). La perdita del personale formato (sia in termini di know how aziendale sia di costi per corsi specifici di formazione) significherebbe per tale impresa dover sostenere costi ulteriori ed eccessivi rispetto a quelli che normalmente si dovrebbero sostenere nel libero mercato concorrenziale per recuperare forza lavoro. In molti casi, la situazione verrebbe aggravata altresì dal mancato ritorno dell investimento precedentemente effettuato, in quanto la tutela del proprio parco-dipendenti risulterebbe un elemento strategico che si relaziona a prospettive di investimenti a lungo termine 1. Non solo, l impresa stornata avrebbe altresì una necessità di tutela legata ai propri segreti aziendali e alle proprie liste clienti; si pensi infatti al caso dello storno degli agenti viaggiatori: il danno sarebbe potenzialmente enorme; per il lavoratore: l interesse in gioco è anche quello del lavoratore. La Costituzione, all art.35, tutela il lavoro in tutte le sue forme, pertanto sarebbe inconcepibile limitare le libertà del lavoratore di poter scegliere dove sviluppare le proprie capacità, in assenza di appositi patti di non concorrenza debitamente stipulati. Si deve infatti tenere sempre a mente che il lavoro è la massima espressione della personalità dell individuo. Il contesto normativo e l evoluzione giurisprudenziale: Cass. 4 settembre 2013, n Come può ben vedersi dalla semplice definizione teorica dello storno dei dipendenti, le parti interessate dallo storno stesso sono essenzialmente tre: 1. da un lato l impresa stornante (ovvero l impresa che cerca di accaparrarsi i lavoratori altrui); 2. dall altro l impresa stornata (vale a dire quell impresa che si veda spogliata dei propri lavoratori); 3. da ultimo i dipendenti che decidano, autonomamente o meno, di passare da un impresa all altra. Per ogni parte esistono, quindi, degli interessi che si contrappongono e che sono al pari meritevoli di tutela, tanto da porre nell evidenza giurisprudenziale un contrasto tra i giudicati di merito e legittimità. Visto tale necessario bilanciamento di interessi con- 1 Si pensi ad esempio alla formazione dei dipendenti sull utilizzo di un nuovo macchinario sperimentale concesso in uso esclusivo all azienda. La futura espansione dell esclusiva della concessione del macchinario potrebbe rendere allettante l assunzione da parte dei concorrenti dei dipendenti già formati, in quanto ridurrebbe i tempi e i costi di formazione in capo al concorrente stornante. 27 trapposti, la Suprema Corte di Cassazione ha via via individuato gli elementi tipici che debbono sussistere per qualificare lo storno, vale a dire quegli indizi di esistenza di una condotta illecita mantenuta dall impresa stornante al fin di poter obiettivamente connaturare l ipotesi di concorrenza sleale (art.2598 c.c.) rientrante in particolare nell ipotesi sub 3 (ossia la residuale ipotesi della concorrenza sleale per scorrettezza professionale). I rapporti tra datori di lavoro e lavoratori sono ricompresi sotto diversi profili normativi, che disciplinano di volta in volta le diverse posizioni contrapposte rilevanti nelle varie fasi del rapporto. I profili di criticità che possono individuarsi nella fuga dei dipendenti sono molteplici e variano in base agli elementi oggetto di specifica analisi: storno dei dipendenti; violazione dei segreti aziendali; concorrenza dell ex dipendente. L inquadramento giuridico dello storno dei dipendenti, oggetto di odierna trattazione, nonché dell ipotesi parallela di violazione dei segreti aziendali, è contenuto e disciplinato nel codice civile, in particolare nell ambito della concorrenza all art.2598 c.c., n.3 (scorrettezza professionale), e n.2 (violazione di segreti aziendali). Oltre a tali fattispecie si evidenzia l ipotesi prevista dall art.2105 c.c., il quale impone al lavoratore un divieto di concorrenza e un obbligo di riservatezza, in ottemperanza al dovere di fedeltà che è obbligazione accessoria a quella principale di lavorare 2. Da ultimo, è di interesse anche la disciplina del patto di non concorrenza ex art.2125 c.c., da stipularsi per iscritto, attraverso il quale l imprenditore può tutelare sé stesso nei confronti del lavoratore uscente, prevedendo un obbligo di fedeltà al termine del rapporto di lavoro. A livello normativo, sono state quindi previste diverse forme di tutela del datore di lavoro originario a fronte degli interposti interessi che possono intromettersi sia in contrasto con i propri dipendenti sia in contrasto con i propri concorrenti. Pare indubbio che, nei confronti del dipendente che lasci il proprio posto di lavoro, il datore potrà infatti sentire la necessità di tutelarsi da un lato in relazione alle potenzialità concorrenti di questo, dall altro lato nei confronti di eventuali pregiudizi scaturenti dalla divulgazione di segreti, metodi organizzativi e produttivi, prevedendo a propria difesa opportuni stru- 2 Cass. civ., Sez. I, 25 luglio 1986, n.4757.

3 menti volti a comprimere (legittimamente) il libero esercizio dell attività professionale del lavoratore. Tornando alla concorrenza sleale di cui all art.2598 c.c., ai fini applicativi della disamina in oggetto interessano le ipotesi disciplinate sub 2 secondo cui si produce illecito concorrenziale, tra l altro, qualora ci si appropri di pregi dell impresa di un concorrente e sub 3 - secondo cui costituisce illecito di carattere generale l avvalersi di un qualunque mezzo contrario a correttezza professionale al fine di danneggiare l altrui azienda. In particolare, tale ultima ipotesi propone, come detto, una clausola generale legata appunto all accertamento di un qualsiasi uso, anche indiretto, di mezzi contrari alla correttezza professionale 3, attuato al fine di ottenere un diretto vantaggio a danno del competitor. La condotta deve essere dunque rilevante e idonea ad arrecare danno ingiusto al concorrente, non potendosi trascendere dalla prova in concreto dell'idoneità degli atti ad arrecare detto pregiudizio 4. Ciò detto, con riferimento alla questione in oggetto si badi bene, peraltro, che non ogni azione di distrazione dei dipendenti può essere qualificata come illecito concorrenziale, altrimenti si correrebbe il rischio di un ingiustificata responsabilizzazione oggettiva degli operatori per azioni poste in essere nel normale svolgimento delle pratiche di libero mercato e di libera circolazione del lavoro. Affinché si possa parlare dunque di concorrenza sleale, si dovranno pertanto manifestare fatti giuridicamente rilevanti, causalmente idonei a produrre un danno ovvero a indurre il pericolo di un danno. L ipotesi di slealtà e, quindi, di illecito, necessita infatti della soddisfazione di alcuni requisiti determinati: la qualifica di imprenditore attribuibile tanto all impresa stornata quanto all impresa stornante; il rapporto di concorrenzialità derivante dal contemporaneo esercizio di una medesima attività industriale o commerciale, in un ambito territoriale anche solo potenzialmente comune 5, rilevando comunque anche il caso in cui l azione sia compiuta dal dipendente (più volte la giurisprudenza si è pronunciata circa la corresponsabilità del datore per l illecito di concorrenza sleale compiuto dal proprio dipendente, essendo infatti sufficiente l esistenza di un nesso di occasionalità necessaria tra l illecito e il rap- 3 Cass. civ. Sez. I Sent., , n Trib. Torino, Cass. Civ. Sez. I, , n porto che lega il datore al proprio dipendente 6 ); la contrarietà degli atti alla correttezza professionale. Parte della giurisprudenza, comunque, ha affermato anche come tale ipotesi sia alle volte residuale, potendo applicarsi solo qualora non si rientri in alcuna delle fattispecie previste dai punti precedenti dell art.2598 c.c. (nn.1 e 2) 7. Risulta infatti rilevante il rapporto di contiguità tra la fattispecie esposta e l art.2598 c.c., n.2) tra l altro già sopra citato il quale viene in auge sia nel caso di danno prodotto da rivelazione di segreti aziendali, sia nel caso del passaggio di know-how (ad es. con l assunzione di ex dipendenti alle dipendenze di altro imprenditore 8, ovvero tramite attività concorrenziale posta in essere direttamente da ex dipendenti o collaboratori 9, oppure ancora per mezzo di spionaggio industriale 10 ); l animus nocendi e l idoneità a danneggiare l altrui azienda: l azione, come già detto, deve essere idonea, anche solo astrattamente, a danneggiare l altrui azienda. Tale requisito non è comunque sufficiente a connaturare l ipotesi illecita, essendo altresì richiesto l elemento soggettivo della volontà della condotta, individuata dalla giurisprudenza nel c.d. animus nocendi, ovvero nell intenzione e nella volontà di danneggiare l altrui azienda in misura maggiore al normale pregiudizio conseguente all abbandono dei dipendenti, con modalità tali da non giustificarsi in rapporto alla normale correttezza professionale 11, attraverso la proposizione di azioni in grado di disgregare l organizzazione del concorrente o che vanifichino gli sforzi e gli investimenti delle imprese avversarie. Il tutto perpetuato attraverso l ipotesi di storno di un numero particolarmente elevato di dipendenti, o tenuto conto della qualifica dei dipendenti stornati, dando vita in tal modo a un meccanismo parassitario finalizzato all accaparramento dell avviamento dell altrui azienda e arrecando ingiusto vantaggio all impresa stornante 12. Da rilevare, 6 Trib. Torino, ; Trib. Mantova, Cass. civ. Sez. I, , n App. Roma ; Trib. Rimini ; Trib. Milano, ord., Trib. Torino, 11 gennaio Trib. Torino Cass. civ., , n.13424; Cass. civ., , n.6194; Cass. civ., , n Cfr., tra le varie: Cass. civ., , n.6079; Cass. civ., , n.5671; Cass. civ., , n.13658; Cass. civ., , n.13424; in particolare si legga Cass. civ., , n.6194: Non può essere considerata, di per sé, illecita l assunzione di personale proveniente da un impresa concorrente, se l operazione non viene condotta in violazione delle norme di correttezza richiamate dall art n. 3 c.c.; pertanto, lo storno di dipendenti può essere qualificato come atto di concorrenza sleale da parte dell impresa concorrente solo laddove l assunzione del

4 oltretutto, come l animus nocendi sia presunto nel soggetto stornante qualora il comportamento non possa giustificarsi alla luce dei principi di correttezza professionale 13. Stante l alea intrinseca nella delimitazione di detta condotta illecita, la giurisprudenza ha pertanto cercato di individuare elementi univoci che, qualora rilevati nella condotta dello stornante, rendano addebitabile l illecito di concorrenza sleale, così evitando di sanzionare ipotesi completamente avulse a detta fattispecie, quali potrebbero essere lo spostamento di lavoratori avvenuto con modalità obiettivamente corrette, non dirette ad arrecare danno all impresa sottratta dai propri dipendenti, o ipotesi assimilate 14. La giurisprudenza ha quindi dapprima cercato di individuare le situazioni da sanzionare, tutelando l impresa stornata da qualsivoglia condotta diretta a privarla del frutto del suo investimento. In tal modo, sono state biasimate: le ricerche sul mercato di collaboratori effettuate secondo strategie dirette a creare effetti confusori o screditanti o parassitari, che attribuiscano ingiustamente all impresa stornante il frutto dell investimento altrui 15 ; le condotte dirette a danneggiare l altrui impresa, che travalichino la normale e libera scelta del dipendente di lavorare per il concorrente 16 ; l utilizzo indebito delle conoscenze ottenute dall acquisizione massiva di dipendenti altrui, accedendo in tal modo al mercato prima di quanto sarebbe possibile con il solo utilizzo dei propri strumenti di ricerca e sviluppo 17. Si sono pertanto individuati alcuni elementi accompagnatori dell illecito così definito, che dovranno essere di volta in volta individuati e provati 18 : personale altrui sia avvenuta con modalità tali da non potersi giustificare, alla luce dei principi di correttezza professionale, se non supponendo nell autore l intenzione di danneggiare l impresa concorrente ; da ultimo si veda la recente Cass. civ., Ord., , n.9836: Costituisce concorrenza sleale a norma dell art. 2598, n. 3, cod. civ. l assunzione di dipendenti altrui o la ricerca della loro collaborazione non tanto per la capacità dei medesimi, ma per la utilizzazione, altrimenti impossibile o vietata, delle conoscenze tecniche usate presso altra impresa, compiuta con animus nocendi, ossia con un atto direttamente ed immediatamente rivolto ad impedire al concorrente di continuare a competere, attesa l esclusività di quelle nozioni tecniche e delle relative professionalità che le rendono praticabili, così da saltare il costo dell investimento in ricerca ed in esperienza, da privare il concorrente della sua ricerca e della sua esperienza, e da alterare significativamente la correttezza della competizione. 13 Cass. civ , n Trib. Napoli Cass. civ., , n Cass. civ., , n Tra le tante pronuce in materia, si segnalano, Cass , n.3365; Trib. Milano ; Trib. Torino numero di dipendenti stornati, che dovrà essere valutato in relazione al numero totale dei dipendenti impiegati presso l impresa stornata; qualifica dei dipendenti stornati, rilevando pertanto l essenzialità del dipendente all interno della struttura aziendale, la strumentalità di questo e le difficoltà che potrebbero intervenire nella sostituzione dello stesso; repentinità dello storno, rilevando l arco di tempo entro cui lo storno avviene. Si ritiene compiutamente avvenuto uno storno che, data la rapidità di tempo entro cui interviene, arrechi notevole danno all impresa che si ritrovi a dover formare nuovamente del personale e per questo in una situazione di svantaggio concorrenziale; volontà di indebolire e disgregare l altrui azienda; contestualità di dimissioni e riassunzioni; mancato preavviso delle dimissioni da parte dei dipendenti; standardizzazione delle comunicazioni e delle lettere di dimissioni (magari predisposte dalla stessa impresa stornante); utilizzo in modo parassitario degli investimenti effettuati dall altrui azienda ai fini di formare i dipendenti; alterazione della correttezza della competizione. Analisi specifica della sentenza in commento In tale percorso evolutivo del concetto di storno dei dipendenti si è introdotta la recente e rilevante sentenza della Suprema Corte di Cassazione del 4 settembre 2013, n.20228, che sostanzialmente ha ribadito quanto esposto finora, confermando ulteriormente la struttura del giudizio di illiceità della condotta concorrenziale al fine dell accertamento dello storno vietato. Gli Ermellini hanno affrontato un caso classico di storno, realizzatosi mediante lo spostamento di una nutrita schiera di agenti e di segretarie dall azienda stornata all azienda stornante, comportante la disgregazione della struttura aziendale e della rete distributiva della prima, oltre che l appropriazione della lista clientela della stessa. In particolare, la tesi difensiva dell impresa stornante si basava sulla ritenuta mancata prova dello storno e, comunque, del nesso causale tra l intervenuto passaggio di dipendenti e le potenzialità lesive alla concorrenza di detto passaggio, sostenendosi: la mancata prova dell effettiva assunzione dei dipendenti;

5 l esiguo numero dei dipendenti stornati, dato che nelle more dello storno per alcuni dipendenti si erano accavallate le dimissioni con il licenziamento disposto da parte dell impresa stornata; l esatta computazione dell arco di tempo entro cui questi venivano stornati; la mancata prova delle qualifiche e dell esperienza dei dipendenti; la rapida ricostruzione della rete distributiva della concorrente stornata; la contraddittorietà del giudizio di infungibilità dei dipendenti. La Cassazione, confermando il principio preliminare secondo cui la concorrenza illecita per scorrettezza professionale (art.2598 c.c., n.3) non può oggettivamente desumersi da ogni fattispecie di passaggio di collaboratori tra imprese, o dalla contrattazione intrattenuta alla base del passaggio suddetto, in quanto tali attività sono espressione della libera circolazione del lavoro e della libertà di iniziativa economica 19, dovendo sussistere entrambi gli elementi soggettivi della consapevolezza dell idoneità lesiva dell atto posto in essere e dell intenzionalità della messa in opera dell atto medesimo (animus nocendi), realizzati attraverso la predisposizione di atti direttamente ed immediatamente rivolti a ridurre l efficacia concorrenziale dell operatore opposto 20, ha affrontato (e rigettato) punto per punto la complessiva linea di difesa dell impresa stornante. Sulla ritenuta mancata prova dello storno, la Suprema Corte è intervenuta rapidamente con una soluzione strettamente processuale, poiché sebbene parte attrice non avesse in primo grado portato precise prove a proprio supporto circa l effettività del passaggio dei dipendenti tra le imprese, questo era comunque desumibile dagli scritti processuali nei quali si affermava che un certo numero di dipendenti era certamente stato coinvolto nel passaggio e ciò non era stato oggetto di specifica contestazione entro il termine di preclusione processuale (principio di non contestazione). Circa l arco di tempo entro cui era avvenuto il passaggio, nonché del numero di dipendenti stornati, la Cassazione non si è discostata dal necessario requisito della repentinità del passaggio di un numero elevato di dipendenti, affermando come fosse irrilevante l esatto numero di mesi (uno o due) entro cui lo storno era avvenuto, così come fosse altrettanto irrilevante la variazione di un ulteriore unità di di Cass. civ., Sent., , n.9386; Cass. civ., , n pendenti stornati, qualora comunque l insieme di tali elementi fosse idoneo a destabilizzare l organizzazione aziendale, provocando altresì una lesione al potenziale concorrenziale dell azienda stornata. Quanto alla percentuale dipendenti stornati rispetto ai dipendenti totali, la Corte ha rilevato che il danno risultasse perfettamente rilevabile nel caso in cui, su un impiego complessivo inferiore alle trenta unità, fosse stato spostato un numero di dipendenti pari a quattro-cinque unità. Circa l elemento della rapida ricostruzione della propria rete distributiva da parte dell impresa stornata, l ipotesi sostenuta dall impresa stornante secondo cui, in tal caso, non si sarebbe prodotto alcun danno, visto che non si era concretizzata una diminuzione dell effettivo confronto concorrenziale tra le imprese, è stata completamente disattesa dal giudice di legittimità, poiché tale ipotesi è stata ritenuta del tutto ininfluente ai fini della rilevabilità della concorrenza sleale. L impresa stornata, infatti, per un certo periodo di tempo non è stata in condizione di concorrere validamente sul mercato, in ragione dello smembramento dei propri uffici di distribuzione subendo pertanto un pregiudizio concorrenziale. Sull asserita mancanza di prove circa la sussistenza di una violazione della norma generale di correttezza professionale, la Corte ha rilevato come l elemento decisivo al fine della rilevazione della sussistenza della concorrenza sleale non andasse rilevato nelle mere aggressive e scorrette condotte di contatto dei dipendenti, bensì nell intenzionalità di compiere tale atto con il precipuo scopo di danneggiare l altrui azienda 21, qualora potessero sussistere gli elementi chiave della: qualità e qualifiche dei soggetti stornati, portata complessiva dell impresa concorrente, posizione dei dipendenti stornati, scarsa fungibilità dei dipendenti, rapidità dello storno, parallelismo con l iniziativa economica del concorrente stornante. Elemento rilevante, a detta della Corte, era il risultato conseguito dell indebito vantaggio competitivo, che avesse permesso di beneficiare illecitamente degli investimenti fatti dal concorrente 22. Il comportamento dell impresa stornante deve pertanto valutarsi a monte, alla luce degli obiettivi di appropriazione, 21 Cass. Civ., , n

6 attraverso lo spostamento di un gruppo di dipendenti, del metodo di lavoro e dell ambito operativo della concorrente (relativo alla rete distributiva della stornata) 23. Infine, sulla rilevanza della qualità e sulle qualifiche dei soggetti stornati, la Suprema Corte ha posto l accento sul contatto che questi avevano con i clienti, fondando la propria deduzione logica sul rapporto di vicinanza tra questi e l esterno dell impresa. Oltretutto, essendo questi in possesso della lista clienti, nonché essendo i principali attori nella rete distributiva dell impresa, sebbene non dotati di elevate qualifiche, doveva ritenersi pacifico come lo spostamento di una grossa parte di detti operatori avesse arrecato di per sé danno alla capacità dell impresa di proporsi nel mercato. Con tali motivazioni, la Suprema Corte ha quindi confermato la sussistenza dello storno nel caso di 23 specie, rigettando il ricorso dell impresa stornante. Conclusioni Il rigoroso giudizio della Suprema Corte si pone dunque in linea con il precedente quadro normativogiurisprudenziale, ma pone ulteriormente l attenzione sulle considerazioni di fatto che devono spingere l interprete a qualificare lo storno quale illecito o meno, secondo specifiche valutazioni caso per caso, soprattutto tenendo conto dello stretto regime di prova richiesto nell intera economia del rapporto tra le imprese concorrenti e tra le stesse e i dipendenti interessati. A maggior ragione, sia le imprese che i dipendenti vorranno considerare maggiormente l utilizzo di quegli strumenti negoziali (ad es. le policy aziendali e i patti di non concorrenza) che possano prevenire le ipotesi illecite disciplinando, oggi per il futuro, i limiti tra gli atti che sono vietati e quelli che non lo sono. 31

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Il Dirigente Generale

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale INTERPELLO N. 11/2008 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del lavoro Via Cristoforo Colombo, 456

Dettagli

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Per quanto riguarda la richiesta di chiarimenti presentata, relativa alla corretta qualificazione

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Avv. Barbara Sartori 24/09/2012 Il know-how aziendale Normativa comunitaria (Reg. CE 772/2004 art. 1, par. 1, lett. i) Il know

Dettagli

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy Sommario Introduzione La situazione italiana Il quadro europeo

Dettagli

Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto

Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto Storno di dipendenti e concorrenza sleale: l animus nocendi e responsabilità del terzo interposto Avv. Maurizio Bianco Tribunale di Torino, Sez. IX, 16 marzo 2012 Sommario: 1. Il caso; 2. Lo storno illecito

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013.

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 ----------------------------------------------- COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione

Dettagli

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI Avv. Debora Brambilla Dottore di ricerca brambilla@iplawgalli.com Contributoryinfringement o contraffazione

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Promotori finanziari ed IRAP

Promotori finanziari ed IRAP Promotori finanziari ed IRAP Nuove sentenze e le opzioni di cui dispone il pf PREMESSA Resta sempre vivo l interesse per il tema della debenza, o meno, dell IRAP i capo ai promotori finanziari. Va ribadito

Dettagli

Rilevanza di macchinari ed impianti situati all interno degli immobili ai fini della determinazione della rendita catastale degli immobili industriali

Rilevanza di macchinari ed impianti situati all interno degli immobili ai fini della determinazione della rendita catastale degli immobili industriali Rilevanza di macchinari ed impianti situati all interno degli immobili ai fini della determinazione della rendita catastale degli immobili industriali Come indicato nella breve scheda tecnica allegata,

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente BREVE COMMENTO A MARGINE DELLA SENTENZA SULLA ESTERNALIZZAZIONE EUTELIA-AGILE-OMEGA. IL RUOLO DEI COLLEGAMENTI SOCIETARI NELLA VALUTAZIONE DELLA ANTISINDACALITA DELLA CONDOTTA NELL AMBITO DEL TRASFERIMENTO

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SERVIZIO TRATTAMENTO DEL PERSONALE DFP-0027366-12/06/2008-1.2.3.3 Roma, 12 giugno 2008 Nota Circolare UPPA n. 41/08 Alla Presidenza del Consiglio dei ministri

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

L OGGETTO DEL CONTRATTO DI LOGISTICA

L OGGETTO DEL CONTRATTO DI LOGISTICA SCOPO DEL MIO INTERVENTO Con questo intervento vorrei riuscire a fornirvi dei facili strumenti interpretativi per gestire correttamente gli eventi sinistrosi di qualsiasi natura che possono verificarsi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE

Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE Regione Liguria SCEGLI CHI LAVORA ALLA LUCE DEL SOLE TITOLO I. P R I N C I P I G E N E R A L I 4. ART. 1 - Finalità Il presente codice deontologico contiene norme comportamentali finalizzate a qualificare

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 65/2009 Roma, 31 luglio 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI P&D.IT La terza sezione della Corte di Cassazione interviene sulla vexata questio

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO Il bilancio della attuale situazione Il punto di partenza del lavoro della Commissione Difesa di Ufficio UCPI, teso a proporre valide ipotesi di riordino della materia 1, è

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo DENIGRAZIONE E APPROPRIAZIONE DI PREGI a) diffusione di notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull'attività

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 49/E. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso. Roma, 11 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 49/E. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso. Roma, 11 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 49/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Permanenza dell agevolazione prima casa in caso di vendita infraquinquennale e riacquisto nell anno anche

Dettagli

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La legislazione italiana ha sempre dato attuazione alle Direttive Comunitarie nel campo della tutela dei consumatori anche se ha riscontrato in passato

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia Il tema dell'anatocismo ha acceso in questi anni un vivace dibattito alimentato tanto dal legislatore quanto dalla giurisprudenza, sull'inciso contenuto nell'art. 1283 c.c. - usi contrari- nel quadro della

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI SCUOLA FORENSE MILANO, 7 MARZO 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il mutamento del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa 1. Il trasferimento

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Parere n.88 del 12/11/2014 Autorità Nazionale Anticorruzione PREC 226/14/F OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del d.lgs. 163/2006 presentata da

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Clausole Contrattuali per l Approvvigionamento di Beni e Servizi nell Ambito di Attività Soggette ad Unbundling

Clausole Contrattuali per l Approvvigionamento di Beni e Servizi nell Ambito di Attività Soggette ad Unbundling Pag.: 1 di 7 Clausole Contrattuali per Il presente documento è pubblicato sul sito www.edison.it e www.infrastrutturedg.it REV. DESCRIZIONE DATA 1 Aggiornamento conseguente al cambio denominazione sociale

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica RISOLUZIONE N. 203/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 agosto 2009 OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Sul datore di lavoro, ex art. 18 TU 2008, grava la posizione di garanzia del rispetto delle norme antinfortunistiche.

Sul datore di lavoro, ex art. 18 TU 2008, grava la posizione di garanzia del rispetto delle norme antinfortunistiche. Sicurezza sul lavoro: posizione di garanzia del datore di lavoro ed elementi essenziali della delega di funzioni (Cass. pen. n. 41063/2012) Rinaldi Manuela Diritto.it Massima Il socio amministratore di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 41/E QUESITO RISOLUZIONE N. 41/E Roma, 5 aprile 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Attività finanziarie esercitate da concessionarie automobilistiche - Rilevanza quali operazioni esenti

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE SOMMARIO Prefazione di Umberto Scotti... I collaboratori... V XVII PARTE PRIMA IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE CAPITOLO 1 KNOW-HOW E SEGRETO NELL EVOLUZIONE DELLE FONTI di ALBERTO CAMUSSO 1. Introduzione...

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

Al riguardo si forniscono gli indirizzi che seguono.

Al riguardo si forniscono gli indirizzi che seguono. Protocollo: 130439 Rif.: Allegati: Roma, 13 Dicembre 2013 Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali LORO SEDI e, per conoscenza: Alla Direzione Centrale Affari Giuridici e Contenzioso Alla

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 23 Gennaio 2015, n 1262 (Pres. F. Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Dipendente

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 23 Gennaio 2015, n 1262 (Pres. F. Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Dipendente MASSIME LAVORO Corte di Cassazione Sez. Lav. 23 Gennaio 2015, n 1262 (Pres. F. Roselli; Rel. A. Manna) Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Dipendente Demansionamento Soppressione del posto Licenziamento

Dettagli

La concorrenza sleale

La concorrenza sleale La concorrenza sleale di Giulia Serena Paganini 12 marzo 2013 Giulia Serena Paganini 1 Profilo privatistico della disciplina sulla concorrenza Vengono disciplinate le modalità di svolgimento della gara

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli