Consorzio ZAI Comune di Verona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consorzio ZAI Comune di Verona"

Transcript

1

2

3 Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI INQUADRAMENTO TERRITORIALE SISTEMA INFRASTRUTTURALE ESISTENTE... 6 Consorzio ZAI Comune di Verona PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DEL QUADRANTE EUROPA - AREA NORD VARIANTE N. 1 Studio del Traffico Aprile RETE ATTUALE TRAFFICO ATTUALE MODELLI DI TRAFFICO STATO DI FATTO TRAFFICO ATTRATTO/GENERATO NELLO STATO DI FATTO COSTRUZIONE DELLE MATRICI OD ASSEGNAZIONE STATO DI PROGETTO SISTEMA INFRASTRUTTURALE NELLO STATO DI PROGETTO AREE DI INTERVENTO UNITARIO TRAFFICO ATTRATTO/GENERATO NELLO STATO DI PROGETTO DISTRIBUZIONE VERIFICHE DI CAPACITÀ E CALCOLO DEI LIVELLI DI SERVIZIO CRITERI GENERALI DI CAPACITÀ E LIVELLI DI SERVIZIO DELLE INTERSEZIONI SVINCOLO DELIVELLATO SR 62 - VIA SOMMACAMPAGNA NODO (1) VIA SOMMACAMPAGNA - MERCATO ORTOFRUTTICOLO - TERMINALI ITALIA NODO (2) NUOVA VARIANTE VIA SOMMACAMPAGNA - DISTRIBUTORE/OFFICINE TIR NODO (3) VIA SOMMACAMPAGNA - OFFICINE CAILOTTO (3) NODO (4) NUOVA VIABILITÀ - NUOVO CENTRO DIREZIONALE NODO (5) NUOVA VIABILITÀ - SVINCOLO SAN MASSIMO NODO (6) NUOVA VIABILITÀ - ROTATORIA NORD EST Q.E NODO (7) NUOVA VIABILITÀ - VIA SOMMACAMPAGNA NODO (8) VIA SOMMACAMPAGNA - RAMPE S.R. 62 (LATO EST) NODO (9) VIA SOMMACAMPAGNA - RAMPE S.R. 62 (LATO OVEST) ALLEGATI PRINCIPALI AREE, SERVIZI ED OPERATORI PRESENTI NELL AREA NORD DEL Q.E RILIEVI DI TRAFFICO AI NODI E ALLE SEZIONI STRADALI (ALLEGATO RE-02) NR. 3 FLUSSOGRAMMI STATO DI FATTO NR. 3 FLUSSOGRAMMI STATO DI PROGETTO (BREVE TERMINE) NR. 3 FLUSSOGRAMMI STATO DI PROGETTO (MEDIO TERMINE) Infratec s.r.l. via G. Camuzzoni Verona Tel Fax

4 Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd 1 Premessa Il presente STUDIO DEL TRAFFICO è redatto a supporto delle procedure VAS Regionale collegate alla Variante n. 1 del PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Q.E. Area rd che prevede lo sviluppo degli insediamenti nell area del comparto ZAI e la contestuale realizzazione degli interventi di miglioramento / potenziamento della viabilità. Tali interventi interessano le Tangenziali Sud e Ovest di Verona ed il sistema di accesso e di circolazione interna al Q.E. Quadrante Europa. Le differenze di superfici tra il Piano urbanistico precedentemente approvato e la Variante n. 1 sono riportate sinteticamente nella seguente tabella. La superficie totale dell area oggetto del Piano non è variata rispetto a quella già approvata e le differenze sono minime. Per questi motivi, nel presente Studio è stato considerato l impatto sulla viabilità del PUA Variante 1 rispetto allo stato attuale. PRINCIPALI AREE E SUPERFICI INTERNE ALL AREA PUA APPROVATO VARIANTE N.1 AREE PER LA VIABILITA MECCANICA E I PARCHEGGI PUBBLICI AREE PER LA VIABILITA DI SUPERFICIE mq mq PARCHEGGI PUBBLICI mq mq TOTALE mq mq AREE PER LA VIABILITA PEDONALE E CICLABILE MARCIAPIEDI ESTERNI E PISTA CICLABILE mq mq TOTALE mq mq AREE VERDI AREE A VERDE PUBBLICO ATTREZZATO mq mq AREE A PARCO URBANO mq mq AREE A VERDE DI COMPLETAMENTO DELLA VIABILITA mq mq BACINO LACUSTRE mq mq TOTALE mq mq AREE EDIFICABILI AREE PER LA LOGISTICA INTEGRATA mq mq AREE PER LA LOGISTICA FERROVIARIA mq mq AREE PER ATTREZZATURE E SERVIZI mq mq TERMINALS INTERMODALI mq mq AREE DIREZIONALI* (SUL = mq) mq mq AREE DOGANALI mq mq CORTE MORESCHI, CASE BATTISTOLLI E EDIFICI LIMITROFI mq mq TOTALE mq mq AREA DI PUA TOTALE SUPERFICIE mq mq AREA DI PUA PERIMETRO COMPLESSIVO m m Tabella 1-1: Dati dimensionali PUA approvato e di Variante 2 Contenuti dello studio e anticipazione dei risultati Lo Studio, a supporto del Piano Urbanistico Attuativo dell area denominato PUA rd da sottoporre a Valutazione Ambientale Strategica VAS, è finalizzato al rilievo e alla successiva elaborazione dei flussi di traffico che interessano la rete stradale del comparto ed alla verifica di Capacità e al Calcolo dei Livelli di Servizio del sistema viario ante e post intervento tenuto conto dei futuri interventi di riqualificazione e trasformazione. Come stabilito con il Committente e con il Comune di Verona, lo Studio è suddiviso in tre scenari con i seguenti elementi: 1. Grafo dello Stato Attuale SdF anno Grafo dello Stato di Progetto SdP0 a Breve Termine (4 anni) che introduce: a) gli interventi di miglioramento dello Svincolo sulla Tangenziale Ovest di VR di accesso al Q.E. (via Sommacampagna) con realizzazione delle due rotatorie agli accessi est e ovest (che saranno realizzati dall Autostrada A22 Del Brennero in forza dell accordo con Comune e Provincia di VR e/o dallo stesso Consorzio ZAI); b) la realizzazione della viabilità locale interna al comparto per il collegamento dei nuovi lotti alla viabilità esterna (realizzata dal Consorzio ZAI nell ambito del PUA rd); c) la variante di via Sommacampagna all interno del PUA rd del Consorzio ZAI; d) l insediamento del 40% circa delle nuove attività previste dal PUA, in termini globali sul totale delle superfici delle A.I.U. di nuova realizzazione. 3. Grafo dello Stato di Progetto SdP1 a Medio Termine (10 anni ) che introduce infine: e) gli interventi di miglioramento dello Svincolo di VR rd ed in particolare il raddoppio della corsia della Tangenziale direzione nord SS12 (che sarà realizzato dall Autostrada A22 Del Brennero c.s.); f) la realizzazione di prima fase della nuova strada di collegamento fra il PUA rd via Sommacampagna e lo Svincolo di S. Massimo della Tangenziale T4-T9 di VR rd (realizzata dal Consorzio ZAI nell ambito del PUA rd o dal Comune di Verona / Autostrada A22); g) l insediamento e il funzionamento a regime del 100% delle attività previste dal PUA la cui realizzazione totale è programmata nell arco temporale decennale del PUA. I grafi allegati riportano il Traffico dell ora di punta del mattino ( ) del giorno feriale medio, il Traffico Giornaliero Medio TGM e il Traffico Giornaliero Medio Diurno TGMD sui vari assi e nodi stradali ricavati in base ai valori di punta e all andamento giornaliero dei dati rilevati in continuo sopra indicati. 2 Infratec s.r.l. via G. Camuzzoni Verona Tel Fax

5 Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Di seguito sono riportate le tabelle riassuntive dei risultati di verifica delle intersezioni nello Stato di Fatto, nello Stato di Progetto a Breve Termine e nello Stato di Progetto a Medio Termine. I risultati sono espressi con i valori più alti di Lunghezza media della coda, e i valori globali di Ritardo medio per veicolo e Livello di Servizio (Level of Service ) per le intersezione a rotatoria o a precedenza, mentre per le corsie di accelerazione e decelerazione i parametri considerati sono la densità (Veic Eq/Km/corsia) e la velocità (Km/h) del tratto di scambio, e Livello di Servizio (). I risultati delle verifiche riassunte nelle seguenti Tabelle e riportati in dettaglio nella Relazione, evidenziano che i parametri geometrici / funzionali delle intersezioni e degli assi stradali afferenti soddisfano la vigente normativa e presentano Livelli di Servizio adeguati all ambito territoriale nello Stato di Progetto. La viabilità esistente e di progetto è quindi in grado di sostenere gli insediamenti previsti e di garantirne l accessibilità e la sostenibilità sul piano viabilistico sia nella fase di Breve Termina (4 anni) che di Medio Termine (10 anni). do Svincolo carreggiata dir rd lato rd Svincolo carreggiata dir Sud lato rd Svincolo carreggiata dir Sud Svincolo carreggiata dir rd Densità (Veic.eq/Km/Corsia) Velocità (km/h) Entrata C Uscita C Entrata Uscita C Entrata C Uscita Entrata C Uscita C Tabella 2-2: Riassunto verifiche di capacità svincolo via Sommacampagna-SR 62 - Stato di Progetto (Breve Termine) do Svincolo carreggiata dir. rd - lato rd Svincolo carreggiata dir. Sud - lato rd Svincolo carreggiata dir. Sud - Svincolo carreggiata dir. rd - Densità (Veic.eq/Km/Corsia) Velocità (km/h) Entrata C Uscita C Entrata C Uscita B Entrata C Uscita C Entrata C Uscita C Tabella 2-1: Riassunto verifiche di capacità svincolo via Sommacampagna-SR 62 - Stato di Fatto do Svincolo carreggiata dir rd lato rd Svincolo carreggiata dir Sud lato rd Svincolo carreggiata dir Sud Svincolo carreggiata dir rd Densità (Veic.eq/Km/Corsia) Velocità (km/h) Entrata C Uscita C Entrata Uscita B Entrata C Uscita Entrata C Uscita C Tabella 2-3: Riassunto verifiche di capacità svincolo via Sommacampagna-SR 62 - Stato di Progetto (Medio Termine) Infratec s.r.l. via G. Camuzzoni Verona Tel Fax

6 Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd do Via Sommacampagna Mercato Ortofrutticolo Terminali Italia Volume (Veic/h) Coda media (m) Ritardo medio (Sec/Veic) A Via Sommacampagna Officine Cailotto A Via Sommacampagna Rampe SR 62 (lato Est) A Via Sommacampagna Rampe SR 62 (lato Ovest) A Tabella 2-4: Riassunto verifiche di capacità delle intersezioni - Stato di Fatto do Via Sommacampagna Mercato Ortofrutticolo Terminali Italia Via Sommacampagna Distributore/Officine TIR Volume (Veic/h) Coda media (m) Ritardo medio (Sec/Veic) A A Via Sommacampagna Officine Cailotto B Nuova Viabilità Nuovo Centro Direzionale A Nuova Viabilità Svincolo San Massimo A Nuova Viabilità/Rotatoria rd Est A do Via Sommacampagna Mercato Ortofrutticolo Terminali Italia Via Sommacampagna Distributore/Officine TIR Volume (Veic/h) Coda media (m) Ritardo medio (Sec/Veic) A A Via Sommacampagna Officine Cailotto B Nuova Viabilità Via Sommacampagna A Via Sommacampagna Rampe SR 62 (lato Est) A Via Sommacampagna Rampe SR 62 (lato Ovest) B Tabella 2-6: Riassunto verifiche di capacità delle intersezioni - Stato di Progetto (Medio Termine) Nuova Viabilità Nuovo Centro Direzionale A Via Sommacampagna Rampe SR 62 (lato Est) A Via Sommacampagna Rampe SR 62 (lato Ovest) B Tabella 2-5: Riassunto verifiche di capacità delle intersezioni - Stato di Progetto (Breve Termine) 4 Infratec s.r.l. via G. Camuzzoni Verona Tel Fax

7 Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd 3 Inquadramento territoriale L area del Quadrante Europa è collocata al margine occidentale del Comune di Verona, ad Ovest del quartiere Santa Lucia e della ferrovia del Brennero Verona-Bologna, a Sud della ferrovia Milano- Venezia e ad Est della Autostrada A22 del Brennero e della Tangenziale Ovest di Verona (Figura 3-1). L area del Quadrante Europa è caratterizzata dalla presenza di una serie di funzioni aggregate intorno a tre poli principali: la logistica, i terminal del trasporto combinato e l agro-alimentare. Mentre le prime due funzioni trovano sede prevalentemente nell area nord del Q.E. all interno dell area PUA, l agro alimentare rappresenta un area funzionalmente separata e autonoma all interno del sistema del Q,E. I primi due poli costituiscono nell area rd del Quadrante un importante presenza organizzata per il trasporto combinato e per la logistica integrata. Quest ultima è organizzata da un sistema complesso di operatori e società all interno del Centro Spedizionieri, dei Magazzini Generali, della Dogana, del Centro Logistico dell Autogerma e delle officine Cailotto. Un Centro Direzionale prospiciente Via Sommacampagna ospita gli uffici del Consorzio ZAI, della Società Quadrante Servizi e di altre 40 società operanti nell area, oltre a numerosi servizi generali di tipo terziario. Questo insieme di funzioni ha dato luogo ad un organizzazione morfologica dell area in alcune parti ordinata e per così dire conclusa, in altre parti invece ad una organizzazione che presenta ancora una grande commistione tra attività ed aree destinate alla logistica e funzioni preesistenti di tipo residenziale, artigianale e anche agricole. Oggi l area si trova in una condizione di passaggio, di transizione da un sistema insediativo ancora commisto ed in parte frammentato ad un sistema insediativo tendenzialmente unitario anche se articolato. Inoltre la domanda posta dall evoluzione della logistica ed in parte del trasporto combinato è quella da un lato di procedere verso strutture insediative di sempre più grandi dimensioni, d altro lato di effettuare nell ambito dell interporto lavorazioni delle merci che non siano riferibili unicamente alla rottura di carico. A questa evoluzione si ricollega la necessità di attrezzare l area dell'interporto per funzioni sempre più complesse e tra di loro interrelate, anche per far fronte alla crescente competitività nazionale e internazionale dei principali sistemi interportuali. Figura 3-1: Corografia dell area Attualmente il traffico di accesso all area è sostenuto: - perimetralmente dal sistema delle Tangenziali Sud e Ovest, e dalla Bretella di VR rd Tronco T4-T9; - in attraversamento dalla Via Sommacampagna. Il sistema perimetrale è un sistema efficiente, ma non separato dalla rete urbana. Infatti a nord la Bretella T4-T9 ha lo svincolo che confluisce nella Via Fenilon prima di immettersi nel Quadrante Europa. A sud la Tangenziale serve in maniera diretta il mercato agro-alimentare, ma anche le strade di penetrazione urbana di Via Sommacampagna e della Via Mantovana sul cui tracciato in prossimità del Quadrante è collocato il quartiere di Madonna di Dossobuono. La Via Sommacampagna che attraversa attualmente l area è oggi gravata da un doppio tipo di traffico: quello con origine / destinazione del Q.E. e quello urbano di attraversamento e ciò ingenera una commistione, soprattutto nella prospettiva di uno sviluppo importante dell area (Figura 3-2). Infratec s.r.l. via G. Camuzzoni Verona Tel Fax

8 Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd 4 Sistema infrastrutturale esistente 4.1 Rete attuale L area oggetto di studio comprende l area del Quadrante Europa e la viabilità afferente. Si possono individuare direttrici principali di grande comunicazione, come le autostrade e le tangenziali, strade interquartiere e strade locali. Principalmente a causa della natura del traffico del Quadrante Europa e della viabilità di accesso, lo studio ha preso in considerazione l area significativa delimitata a nord dal Tronco T4-T9, dal casello di Verona rd sulla A22, a ovest dall autostrada A22 e dall abitato di Caselle, a sud dall aeroporto, dall autostrada A4 e dalla Tangenziale Sud, a est dalla ferrovia del Brennero. All interno di quest area la viabilità principale è rappresentata, oltre alle strade appena citate, da Via Sommacampagna, da alcune strade interne al Quadrante Europa, e da Via Mantovana. Di seguito vengono analizzati in dettaglio i singoli rami presenti nell area di studio: Tangenziale Ovest S.R. 62 Tangenziale Sud Tronco T4-T9 Via Sommacampagna Via Mantovana Figura 3-2: Viabilità nei pressi del Quadrante Europa 6 Infratec s.r.l. via G. Camuzzoni Verona Tel Fax

9 Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Tangenziale Ovest S.R. 62 La Tangenziale Ovest di Verona è un asse stradale che collega Dossobuono di Villafranca Villa a San Pietro in Cariano, affiancando l area del Quadrante Europa. La Tangenziale, angenziale, nella parte a sud, tra Dossobuono e lo svincolo di Verona rd della A22, A22 è classificata come S.R. 62 (Strada Strada Regionale gestita da Veneto Strade e dettagliata nella tabella); tabella nella parte centrale, tra lo svincolo di Verona rd e Balconi, è classificata come S.S. S 12 (Strada Nazionale gestita da ANAS); nella parte a nord, tra Balconi e San Pietro in Cariano, è infine classificata come SS.P. 1 (Provinciale gestita dalla Provincia di Verona). Tra gli svin svincoli coli Aeroporto e la fine del tratto gestito da ANAS,, la strada è a 4 corsie a carreggiate separate. Regionale Tangenziale m (compreso spartitraffico) 2+2, con spartitraffico 3.75 m Doppio senso, senso a carreggiate separate In prossimità degli svincoli Tangenziale Sud La Tangenziale Sud è un asse stradale che collega Vago alla Tangenziale Ovest in prossimità del Quadrante Europa. Europa Essa affianca, quasi per intero nel suo percorso, l'autostrada A4. n ha classificazione ufficiale ma è comunque riconducibile al Tipo B del DM ed è gestita dalla alla società Autostrada Brescia-Padova. Brescia Tangenziale Tangenziale 2x m (escluso spartitraffico) 2+2, con spartitraffico o sede separata 3.75 m Doppio senso,, a carreggiate separate In prossimità degli svincoli Infratec s.r.l. via G. Camuzzoni Verona Tel Fax

10 Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Tronco T4-T Il Tronco T4-T9 Bretella di VR rd identifica la strada a 4 corsie a carreggiate separate che collega la Tangenziale Ovest nei pressi del casello di Verona rd della A22 con il centro della città di Verona, nei pressi della Stazione Porta Nuova e della zona Stadio. La prima parte afferente al nodo di svincolo di VR rd è di competenza ANAS VE, la seconda di competenza del Comune di Verona. V 8 Comunale Tangenziale m (2x 9.00 m m spartitraffico) 2+2, con spartitraffico 3.50 m Doppio senso,, a carreggiate separate Via Sommacampagna (1) La Via Sommacampagna è un asse inter-quartiere inter che collega il quartiere di Santa Lucia a Sud-Ovest Sud Ovest di Verona con la frazione Caselle del comune limitrofo di Sommacampagna. Questo asse attraversa l area del Quadrante Europa e ha diverse sezioni stradali: una a due corsie (descritta nella tabella sottostante), stante), e un altra a più corsie per senso di marcia, con o senza spartitraffico, nell area del Quadrante Europa (descritta nel paragrafo successivo). È presente una pista ciclo-pedonale pedonale bidirezionale in sede propria, in affiancamento alla Via. Comunale Strada Interquartiere di 2 livello 6.50 m m Doppio senso. Presente pista ciclo-pedonale Infratec s.r.l. via G. Camuzzoni Verona Tel Fax

11 Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Via Sommacampagna (2) In questo paragrafo è descritto il tratto della Via Sommacampagna che attraversa l area del Quadrante Europa. In questo tratto la sezione prevede più corsie per senso di marcia e la separazione delle carreggiate. La separazione viene meno nei pressi del dello lo svincolo con la Tangenziale Ovest, dove i sensi di marcia sono separati dalla doppia linea continua invalicabile. Via Mantovana La Via Mantovana è un asse inter-quartiere inter quartiere che collega il quartiere di Santa Lucia a Sud-Ovest Sud Ovest di Verona con la frazione Dossobuono del comune limitrofo di Villafranca. Questo asse costeggia l area del Quadrante Europa a Sud, attraversa il nucleo abitativo di Madonna di Dossobuono (Verona) ed è collegato con la Tangenziale Sud di Verona. È presente una pista ciclo-pedonale ciclo bidirezionale bidirezion in sede propria in affiancamento alla Via. propria, Comunale Comunale Strada di quartiere Strada Interquartiere di 1 livello m m 2+2 (3+2 in brevi tratti), con spartitraffico m 3.25 m Doppio senso Doppio senso. Presente pista ciclo-pedonale pedonale Infratec s.r.l. via G. Camuzzoni Verona Tel Fax

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel Consorzio Zai Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel 1948 da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Verona ed

Dettagli

Verifiche di impatto sulla viabilità

Verifiche di impatto sulla viabilità Verifiche di impatto sulla viabilità (ai sensi della D.C.R. n 563-13414 e s.m.i.) Relazione allegata al P.E.C. del Comparto S25 per la realizzazione di nuovo insediamento commerciale-residenziale Premessa

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE COMUNE DI BRESCIA PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE RELAZIONE SUL TRAFFICO CONSULENZA SPECIALISTICA RELATIVA A: Studio mobilità e traffico BRESCIA MOBILITÀ

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

Picenengo Via Sesto Via Milano

Picenengo Via Sesto Via Milano Inquadramento cartografico Picenengo Via Sesto Via Milano Descrizione/introduzione L itinerario principale è radiale e collega il quartiere di Picenengo e relativa zona industriale e il quartiere di via

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA PROGETTI BOLOGNA L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA L'interporto di Bologna, oltre ad essere uno dei maggiori in Italia per traffico merci, si presenta come caso emblematico di infrastruttura interportuale,

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it Riferimento commessa: P0809 Novembre 2012 prof. arch. Giorgio Goggi ing. Michele D Alessandro Responsabile scientifico Direttore

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO

STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO STUDI SULLA MOBILITA' E SUL TRAFFICO Relazione Tecnica COMUNE DI POGGIBONSI PIANO STRUTTURALE APPROVAZIONE 1 Indice generale 1Premessa... 3 2Indagini conoscitive...4 2.1Rilievi di traffico...4 2.2Rilievi

Dettagli

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA RELAZIONE VIABILE Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA Data: 26 febbraio 2015 Autori: arch. Roberta Patt INDICE 1 INTRODUZIONE...2

Dettagli

L INTERPORTO DI BERGAMO MONTELLO

L INTERPORTO DI BERGAMO MONTELLO LOMBARDIA Situato a est di Bergamo, l'interporto di Montello si pone come il punto di riferimento per potenzialità, posizione e rete infrastrutturale del bacino produttivo a nord est di Milano e della

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Immagine 1_Piano_IM.01 "Mobilità"

RELAZIONE TECNICA. Immagine 1_Piano_IM.01 Mobilità RELAZIONE TECNICA L area di progetto insiste su una porzione del settore Nord-Est di Sesto San Giovanni, Comune confinante a Sud-Ovest con il capoluogo lombardo. L area in oggetto si trova in un punto

Dettagli

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO ALLEGATO F RELAZIONE ILLUSTRATIVA AI SENSI DEL D.P.R.

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

committente: oggetto: data consegna: 15 novembre 2010 progetto: MC+SG studio marco camplani architetto T: +39.035.225241 I : via garibaldi 24

committente: oggetto: data consegna: 15 novembre 2010 progetto: MC+SG studio marco camplani architetto T: +39.035.225241 I : via garibaldi 24 Regione Lombardia Provincia di Bergamo COMUNE DI NEMBRO committente: oggetto: APERTURA DI GRANDE STRUTTURA DI VENDITA CENTRO COMMERCIALE RAPPORTO INTEGRATO DI IMPATTO DCR 2 ottobre 2006, n. VIII/215 Programma

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

PADOVA VENETO. Venezia 35 km // 20 min Bologna 120 km // 80 min Trieste 200 km // 110 min Milano 220 km // 140 min 00-15 15-30 VIABILITA

PADOVA VENETO. Venezia 35 km // 20 min Bologna 120 km // 80 min Trieste 200 km // 110 min Milano 220 km // 140 min 00-15 15-30 VIABILITA PORTA NORD Roma PADOVA localizzazione VENETO bacino d utenza Venezia 35 km // 20 min Bologna 120 km // 80 min Trieste 200 km // 110 min Milano 220 km // 140 min 00-15 15-30 Limena MILANO A 4 Cadoneghe

Dettagli

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio Verona, 28 Febbraio 2011 Sommario La dotazione infrastrutturale attuale:

Dettagli

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono:

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: La realizzazione di un nuovo asse merci Vignale-Novara. Consente di potenziare il traffico merci da e per Domodossola-Luino e di liberare

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO Adottata dal Consiglio Comunale il 8 Novembre 2012 COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico

Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DELLA TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA DELLA MOBILITÀ DELL'EST MILANESE Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

ECONOMICA POPOLARE. Variante di specificazione art.34 L. 865/71 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE DI SPESA

ECONOMICA POPOLARE. Variante di specificazione art.34 L. 865/71 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE DI SPESA COMUNE DI MODENA PIANO EDILIZIA ECONOMICA POPOLARE 2006 Variante di specificazione art.34 L. 865/71 Zona Peep N 2-62 VIA SANTA CATERINA - Area 01 (intervento pubblico) Tav N RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE

Dettagli

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Inquadramento cartografico Descrizione/introduzione Itinerario radiale che collega Piazza Risorgimento con la zona periferica ovest di Cremona nei pressi del Quartiere

Dettagli

Aspetti gestionali. Superfici di impalcato

Aspetti gestionali. Superfici di impalcato Aspetti gestionali Superfici di impalcato A) trincea ferroviaria tra corso Turati e corso Vittorio Emanuele II - circa mq 60.000 B) trincea ferroviaria di corso Lione tra via Bobbio e via Millio - circa

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia.

Dettagli

GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015

GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015 ESTRATTO GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015 Domanda, offerta e rating di zona per investire e vendere al meglio Il mercato degli uffici di Milano e hinterland è il più importante

Dettagli

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12 Comune di Pavullo nel Frignano Piano Urbanistico Attuativo di Iniziativa Privata Ambito ASP 2.7 di rilievo sovracomunale sito in località Casa Zanaroli Cà del Lupo e denominato: POLO ARTIGIANALE INDUSTRIALE

Dettagli

Un progetto per il Paese

Un progetto per il Paese Un progetto per il Paese ASSISE 2011 La funzione di Unindustria Introduzione Lo sviluppo dell 'aeroporto "Leonardo da Vinci" di Roma Fiumicino rappresenta uno degli obiettivi più importanti per la crescita

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015

VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015 VARIANTE SP 65 DELLA FUTA PER L ATTRAVERSAMENTO DELL ABITATO DI RASTIGNANO NEI COMUNI DI BOLOGNA, PIANORO E SAN LAZZARO SETTEMBRE 2015 SETTORE MOBILITA INDIVIDUAZIONE DELL OPERA SULLA RETE PROVINCIALE

Dettagli

REQUISITI ILLUMINOTECNICI DELLE STRADE CON TRAFFICO MOTORIZZATO

REQUISITI ILLUMINOTECNICI DELLE STRADE CON TRAFFICO MOTORIZZATO REQUISITI ILLUMINOTECNICI DELLE STRADE CON TRAFFICO MOTORIZZATO STRADE CON TRAFFICO MOTORIZZATO Regola dell arte e norme tecniche In base alla legge 186/1968, art. 1 tutti gli impianti elettrici devono

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

1.5. Il centro storico 1.5.1. Un ambito urbano di pregio La ristretta fascia compresa fra la SP342dir. e la linea ferroviaria Carnate-Lecco è occupata dal centro storico, impostato sull unico asse viario

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

www.new-engineering.it

www.new-engineering.it www.new-engineering.it PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO OPERE STRADALI Realizzazione strada di collegamento Realizzazione del collegamento della zona industriale di Lavis con l Autostrada del Brennero

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

10 intersezioni e 1 sezione stradale. 12 sezioni in ingresso

10 intersezioni e 1 sezione stradale. 12 sezioni in ingresso La ricostruzione dei regimi di traffico veicolare lungo gli assi della rete viaria di Vimercate ha reso necessaria in fase preliminare l esecuzione di una campagna di rilevamento del traffico corredata

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico.

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico. Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 3. MODELLO DI SIMULAZIONE 3.1 Generalità Il modello di simulazione del traffico è un importante strumento per la pianificazione, che consente essenzialmente

Dettagli

Complessità e specificità dell area industriale di Padova

Complessità e specificità dell area industriale di Padova COMUNE di PADOVA Complessità e specificità dell area industriale di Padova Patrizio Mazzetto, Capo Settore Ambiente del Comune di Padova Dennis Wellington, Settore Ambiente del Comune di Padova Padova,

Dettagli

Dal programma elettorale all organizzazione del Comune: una proposta di lavoro integrato. Michele Bertola Direttore Generale del Comune di Cesena

Dal programma elettorale all organizzazione del Comune: una proposta di lavoro integrato. Michele Bertola Direttore Generale del Comune di Cesena Dal programma elettorale all organizzazione del Comune: una proposta di lavoro integrato Michele Bertola Direttore Generale del Comune di Cesena Lo stato dell arte I Come il magnifico mosaico, prelevato

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

portafoglio AREE PRODUTTIVE ZIP CONSORZIO ZONA INDUSTRIALE DI PADOVA

portafoglio AREE PRODUTTIVE ZIP CONSORZIO ZONA INDUSTRIALE DI PADOVA portafoglio AREE PRODUTTIVE ZIP CONSORZIO ZONA INDUSTRIALE DI PADOVA AREE PRODUTTIVE ZIP Il Consorzio Zona Industriale di Padova (ZIP), attraverso una rete di società di trasformazione urbana partecipate,

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano

COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano COMUNE DI LOCATE di TRIULZI Provincia di Milano Studio redatto da: Accordo di programma POLO DEI DISTRETTI PRODUTTIVI DESCRIZIONE DEL SISTEMA VIARIO, DEI TRASPORTI E DELLA RETE DI ACCESSO Via Della Birona,30

Dettagli

- Contributo Isfort -

- Contributo Isfort - POLOG - Contributo Isfort - - Ricerca scientifica e trasferimento tecnologico 1.1. Raccolta e analisi di dati documenti e progetti 1.2. Analisi del contesto logistico generale e di settore nella Regione

Dettagli

Classificazione dei nodi di trasporto merci

Classificazione dei nodi di trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt_2008 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Classificazione dei nodi di trasporto merci Strutture, caratteristiche, funzioni Struttura del trasporto

Dettagli

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma 1. L occasione III Municipio: apertura della linea metro

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

Tab. 4.1. Flussi giornalieri di traffico a Mestre e a Marghera (CST, 1992). Sistema tangenziale

Tab. 4.1. Flussi giornalieri di traffico a Mestre e a Marghera (CST, 1992). Sistema tangenziale 4. IL TERRITO RIO Attraversando Mestre si è colpiti dal forte miscuglio di funzioni delle sue parti: edifici alti e bassi, antichi e di recente costruzione si trovano l uno accanto agli altri, senza regola

Dettagli

INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE

INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE PROGETTI PADOVA INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE L'interporto di Padova mostra un modo diverso di intendere questo tipo di strutture, collocandosi al centro del comprensorio industriale

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

Comune di Rivalta (To)

Comune di Rivalta (To) Comune di Rivalta (To) Studio di traffico per autorizzazione CC Rivalta Analisi dello Stato di Fatto Luglio 2004 Indice 1. Inquadramento territoriale...2 2. Caratteristiche Centro Commerciale...3 3. Rilievi

Dettagli

Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita.

Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita. Prospetto di autocalcolo per la determinazione degli standards a parcheggio e verde negli insediamenti di strutture di vendita. (Istruzioni per la compilazione e descrizione delle procedure per il calcolo

Dettagli

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000 Milano (MI) PII Montecity Rogoredo Scala 1:20.000 Inquadramento territoriale Il Programma Integrato d Intervento interessa un area di circa 1.100.000 mq, collocata nel settore sud est di Milano, attualmente

Dettagli

INDICE 1.5 FASCE DI RISPETTO E AREE DI VISIBILITÀ NEI CENTRI ABITATI... 9 1.6 FASCE DI RISPETTO ED AREE DI VISIBILITÀ FUORI DAI CENTRI ABITATI...

INDICE 1.5 FASCE DI RISPETTO E AREE DI VISIBILITÀ NEI CENTRI ABITATI... 9 1.6 FASCE DI RISPETTO ED AREE DI VISIBILITÀ FUORI DAI CENTRI ABITATI... INDICE 1.0 CLASSIFICA FUNZIONALE DELLE STRADE E REGOLAMENTO VIARIO... 2 1.1 PRINCIPALI DEFINIZIONI RELATIVE ALLA VIABILITÀ... 2 1.2 DEFINIZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE... 4 1.3 DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI

I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI SISTEMI OPERATIVI S.R.L. SAN POLO, 2466/A 30125 VENEZIA TEL. 041 718519 FAX 041 5241758 e-mail: info@sistemioperativi.com http://www.sistemioperativi.com Venezia, luglio

Dettagli

SIstema TAngenziali VEnete

SIstema TAngenziali VEnete MITIGAZIONE COMPENSAZIONE. S I T A V E. RICOSTRUZIONE RESTAURO AMBIENTE SIstema TAngenziali VEnete Un opportunità unica e irripetibile per la salvaguardia dell Ambiente e della Qualità della Vita della

Dettagli

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE Il sistema viario esistente e i livelli di traffico La Provincia di Vicenza, come buona parte del Nordest, si caratterizza per l accentuato policentrismo in prossimità

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante 1 Premessa 1.1 Incarico Con Deliberazione della Giunta Comunale del Comune di San Vito di Leguzzano N. Reg. 75 del 30/07/2012 si è deliberato di avviare la procedura per una variante al Piano Particolareggiato

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI Progetto Territorio Snodo di Jesi Verso una piastra logistica verde per l Italia centrale Daniele Olivi, Assessore Comune di Jesi ANCONA JESI Indice della

Dettagli

COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo STUDIO VIABILISTICO NUOVA AREA DI SERVIZIO CARBURANTI DESCRIZIONE DEL SISTEMA VIARIO, DEI TRASPORTI E DELLA RETE DI ACCESSO TRM ENGINEERING S.r.l. Via della

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG)

RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) RELAZIONE TECNICA INERENTE LO STUDIO DEL TRAFFICO RELATIVO AL P.G.T. DEL COMUNE DI SOVERE (BG) PREMESSA Lo studio del traffico relativo al Piano del Governo del Territorio si articolerà in tre fasi distinte:

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI CREMONA

PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI CREMONA PROVINCIA DI CREMONA UFFICIO TECNICO SETTORE PROGRAMMAZIONE E INFRASTRUTTURE STRADALI U.O. Realizzazione Infrastrutture Stradali e Servizi Autorizzativi COMUNE DI CREMONA Settore Lavori Pubblici e Mobilità

Dettagli

Provincia di Pesaro e Urbino

Provincia di Pesaro e Urbino Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino OGGETTO: VENDITA DI LOTTI EDIFICABILI UBICATI NELL AREA DI PROPRIETÀ COMUNALE DESTINATA DALLO STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE AD UN AREA PROGETTO PREVALENTEMENTE

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

Comune di Venezia. Progetto AEV DESE

Comune di Venezia. Progetto AEV DESE Comune di Venezia Progetto AEV DESE Relazione descrittiva delle opportunita di sviluppo immobiliare di un area destinata ad attrezzature economiche varie, ad uso industriale logistico - commerciale direzionale

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO

S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE IMPATTO ACUSTICO 1 INDICE 1. PREMESSA...3 2. ANALISI DELLA

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO

PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO Il Programma Integrato di Intervento in esame risulta procedibile ai sensi della Legge regionale 11 marzo 2005 n. 12 e successive modifiche ed integrazioni in

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA. Committente: E.MA.PRI.CE. S.p.A. Sede Legale: Via Renon, 11-39100 Bolzano (BZ)

REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA. Committente: E.MA.PRI.CE. S.p.A. Sede Legale: Via Renon, 11-39100 Bolzano (BZ) REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA Committente: E.MA.PRI.CE. S.p.A. Sede Legale: Via Renon, 11-39100 Bolzano (BZ) PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA EX FUNGHI DEL MONTELLO IN PEDEROBBA

Dettagli

COMUNE DI CESENA Regione Emilia Romagna Provincia di Forlì Cesena STUDI SPECIALISTICI COMPONENTE MOBILITA E INFRASTRUTTURE

COMUNE DI CESENA Regione Emilia Romagna Provincia di Forlì Cesena STUDI SPECIALISTICI COMPONENTE MOBILITA E INFRASTRUTTURE COMUNE DI CESENA Regione Emilia Romagna Provincia di Forlì Cesena STUDI SPECIALISTICI COMPONENTE MOBILITA E INFRASTRUTTURE Luglio 2010 Rev. 2 Sede principale certificata: Torino: Corso De Gasperi, 34-10129

Dettagli

immagini STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA

immagini STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA MURA LORENESI A LIVORNO STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA Il 29 novembre 2003 sono stati presentati alla città dal Sindaco di Livorno Gianfranco Lamberti gli interventi del Programma di Riqualificazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli