LA FINANZA A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DEL PAESE GLI STRUMENTI PER LE IMPRESE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA FINANZA A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DEL PAESE GLI STRUMENTI PER LE IMPRESE"

Transcript

1 LA FINANZA A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DEL PAESE GLI STRUMENTI PER LE IMPRESE Perugia, 16 aprile 2015

2 Indice CDP a sostegno dell economia: overview Gli strumenti attivi: debito Export e internazionalizzazione Gli strumenti attivi: equity Iniziative in cantiere

3 CDP a sostegno dell economia> overview Imprese 21,5mld Finanziamenti diretti e indiretti oltre 66mld Export 14mld Plafond PMI mld Nuovo Plafond PMI 8mld Piattaforma Imprese 5,5mld Plafond PMI 2mld Plafond MID 2mld Plafond Reti PMI 0,5mld Plafond Esportazione 1mld Immobili Residenziali 5mld Plafond Casa 2mld Acquisto OBG/RMBS 3mld Credito Agevolato 11mld FRI-Fondo Rotativo Imprese 6mld Plafond Beni Strumentali 5mld Nuova operatività nell export e internazionalizzazione 14mld Ambiente&Territorio 14,7mld Plafond Abruzzo 2mld Plafond Sisma mld Plafond Sardegna 0,09mld Fondo Kyoto 0,6mld Investimenti in capitale di rischio Fondo Strategico Italiano 7mld Fondo Italiano Investimento 1,2mld Investimenti in aziende di rilevante interesse nazione 7mld 7,6mld Investimenti diretti e indiretti in PMI 0,25mld (quota CDP) FoF Private Debt e FoF Venture Capital 0,35mld (impegno CDP) 3

4 CDP a sostegno dell economia> gli strumenti attivi Prodotti Plafond PMI Sostenere, attraverso il sistema bancario, gli investimenti e il capitale circolante delle PMI PMI finanziate: ad oggi, quasi 100 mila imprese Adesione Banche: 92% delle quote di mercato Risorse 16 mld (interamente erogati) Export Banca Supportare l export delle imprese italiane, mediante operazioni di credito all esportazione e di internazionalizzazione Operatività: diretta o indiretta attraverso il sistema bancario 14 mld (4,5 impegnati) FRI Cofinanziamento di CDP degli investimenti delle imprese ammesse a godere di agevolazioni pubbliche (R&D, Industria, commercio, artigianato, turismo, filiere agricole, ecc.). Condizioni economiche agevolate (0,50%) 6 mld (2,4 impegnati) Fondo Kyoto Strumento gestito per conto del MATTM. Attraverso risorse pubbliche, CDP finanzia a condizioni agevolate, (0,50%) gli investimenti di imprese, famiglie e enti pubblici che accrescono l efficienza energetica 0,6 mld 4

5 CDP a sostegno dell economia> gli strumenti attivi Prodotti Risorse Plafond Beni Strumentali Finanziare, attraverso il sistema bancario, gli acquisti da parte delle PMI in macchinari e impianti e attrezzature Contributo da parte del MiSE del 2,75%. I finanziamenti possono essere assistiti dalla garanzia del FCG. Dato l ottimo avvio dello strumento, la Legge di stabilità 2015 ha raddoppiato della dotazione, portandola a 5 mld 5 mld (1,5 impegnati) Pacchetto Casa Plafond Casa: 2 mld di provvista al sistema bancario per l accesso al credito delle famiglie per acquisto e ristrutturazione di immobili residenziali Acquisto OBG/ABS: 3 mld per sostenere la ripresa del settore edilizio-residenziale, attraverso la concessione di nuovo credito. 5 mld (2 impegnati) Piattaforma Imprese La Piattaforma Imprese, attivata ad agosto 2014, destina ulteriori 5,5 miliardi di euro alle misure di CDP per il sostegno dell economia, raggruppando in uno strumento organico quattro nuovi Plafond dedicati a favorire l accesso al credito dei diversi comparti imprenditoriali, con l obiettivo di favorire un maggior afflusso di risorse a medio-lungo termine. 5,5 mld (0,3 impegnati) 5

6 Piccole e Medie Imprese> Piattaforma Imprese Con la Piattaforma Imprese, CDP ha razionalizzato l offerta e ampliato i target delle imprese a cui sono rivolti, attraverso il Sistema Bancario, i suoi strumenti di sostegno all economia. La Convenzione CDP-ABI è stata sottoscritta il 5 agosto u.s. Copertura di ogni tipologia di operazione di esportazione (originariamente solo operazioni di post-financing delle lettere di credito), a fronte di esportazioni di imprese operanti in Italia di qualsiasi dimensione. Plafond Esportazione 1 mld Plafond PMI 2 mld Plafond MID 2 mld Plafond Reti PMI 0,5 mld Spese di investimento e incremento del capitale circolante delle Imprese c.d. «MID Cap», ossia delle imprese con numero di dipendenti compreso fra 250 e unità (definizione BEI). Finanziamento diretto delle «Reti PMI Soggetto» e delle PMI aderenti ad una «Rete PMI Contratto», per spese di investimento e incremento del capitale circolante, anche non connessi alla realizzazione del Programma di Rete. Apporto di provvista BEI. Spese di investimento e incremento del capitale circolante delle piccole e medie imprese, secondo la definizione BEI (numero di dipendenti inferiore a 250 unità, a prescindere dal dato sul fatturato/attivo di bilancio). 6

7 Export e internazionalizzazione> Potenziamento dell offerta Considerata la centralità per la crescita economica del Paese, CDP ha di recente potenziato la sua offerta nell export e nell internazionalizzazione Incremento dei volumi messi a disposizione da CDP (fino a 15 mld): Il 18 marzo 2015 sottoscritto un Protocollo d Intesa CDP-ABI, per portare a conoscenza del mercato il ventaglio degli strumenti offerti da CDP e le nuove modalità di intervento nel Sistema Export Banca SACE, altre ECA, Banche di sviluppo nazionali e Multilaterali Intervento diretto (> 25 mln): quota CDP 50% operazioni sempre ammissibili; quota CDP > 50% verifica preliminare dell indisponibilità (parziale o totale) del sistema bancario Condizioni economiche: se la quota di cofinanziamento bancario è > 25% dell operazione, CDP si allinea alle condizioni economiche applicate dai cofinanziatori. Negli altri casi, CDP applica le condizioni economiche di mercato vigenti per la tipologia di operazione, tenendo conto della normativa UE Garanzie: CDP gode delle medesime garanzie offerte agli altri finanziatori (anche <100%) Potenziamento del Plafond Esportazione (in sottoscrizione addendum) Raddoppio della dotazione (da 0,5 a 1 mld ) Estensione delle forme tecniche a tutte le operazioni di export Incremento dell importo unitario delle operazioni finanziabili (da 10 a 15 mln ) Riduzione della % collateral 7

8 Piattaforma Imprese> funzionamento Convenzione PMI MID Impresa Esportatrice Rete PMI (Contratto o Soggetto) 1 Richiesta di Finanziamento su provvista CDP Eventuale attivazione Garanzia Ponderazione Zero Banche aderenti 2 Verifica formale criteri soggettivi e oggettivi Istruttoria creditizia Delibera / Stipula / Erogazione del Finanziamento A Richiesta di Provvista a CDP B Banche aderenti Erogazione Provvista MID PMI Rete PMI (Contratto o Soggetto) Al massimo entro 6 mesi dall erogazione CDP: rendicontazione puntuale sui finanziamenti realizzati con provvista CDP C Impresa / Banca Estera 8

9 Piattaforma Imprese> condizioni economiche vigenti (1) CDP ha confermato l offerta della provvista «a Ponderazione Zero» sul Plafond PMI, sul Plafond MID e sul Plafond Esportazione. Tale provvista è erogata a condizioni ulteriormente calmierate, mediamente dello 0,20%. Le condizioni economiche della provvista a tasso fisso, disponibile su tutti i Sotto-plafond, sono ridotte dello 0,10% rispetto alle corrispondenti condizioni a tasso variabile. Plafond PMI/MID Margine Euribor - Provvista Senza Ponderazione Zero - Tier 1 > 9% Pre-amm. 3 anni 5 anni 7 anni 10 anni 15 anni Breve 0,40% 0,55% 0,70% 0,85% 1,05% Lungo 0,60% 0,75% 0,90% 1,05% Sul Plafond Reti PMI, la stessa scadenza è erogata allo 0,20% (Δ -0,35%) Sul Plafond Reti PMI, la stessa scadenza è erogata allo 0,45% (Δ -0,40%) Durata 15Y introdotta a partire dal Nuovo Plafond PMI, riservata alle imprese operanti nei territori abruzzesi e emiliani colpiti dagli eventi sismici del 2009 e del Al 30/06/2014, risultano stipulati in Umbria 18 Contratti di Rete (2). La Regione si colloca al 14 posto a livello nazionale. A tali Contratti di Rete aderiscono 192 imprese che potrebbero accedere al Plafond Reti PMI, che gode di condizioni particolarmente calmierate, beneficiando di provvista BEI. (1) A partire dalla Data di Erogazione del 7 aprile 2015 (2) Fonte: MiSE, «Il Contratto di Rete, analisi quantitativa, Dati di sintesi»; dati al 30 giugno

10 Piattaforma Imprese> come accedere I criteri e le condizioni di utilizzo della provvista di CDP sono pubblici e consultabili sul sito internet dell Istituto nella sezione del sito dedicata alla Piattaforma Imprese, contenente informazioni utili (per tutti i Sotto-plafond) per attivare il prodotto, sia lato Imprese che lato Banche. In questa sezione, oltre alla documentazione e alla descrizione del processo di adesione allo strumento, sono pubblicate le condizioni economiche applicabili alla provvista di CDP alle Banche (informazione accessibile al pubblico). Nella sezione dedicata alle imprese, è consultabile l elenco aggiornato delle Banche aderenti e una descrizione sintetica delle caratteristiche dei finanziamenti alle imprese. Avvalendosi dell apposito MODULO, reso disponibile per ogni tipologia di impresa beneficiaria, è possibile presentare alla Banca aderente prescelta la richiesta di finanziamento su provvista CDP. Aderendo alla Piattaforma Imprese (così come ai precedenti strumenti di sostegno all economia di CDP), le Banche assumono specifici obblighi nei confronti delle potenziali Imprese beneficiare: 1. dare adeguata e diffusa pubblicità all iniziativa su tutto il territorio di rispettiva competenza, informando la clientela e garantendo un accesso non discriminatorio ai prodotti che si avvalgono della provvista di CDP; 2. nel Contratto di Finanziamento con l impresa, indicare costo, provenienza e durata della provvista; 3. tener conto del costo della provvista CDP nella fissazione delle condizioni economiche finali praticate alle Imprese, ferma restando la valutazione autonoma del rischio dell operazione, che resta in capo alla Banca finanziatrice. PMI Rete PMI Impresa (Contratto o MID Esportatrice Soggetto) 10

11 CDP a sostegno dell economia> Plafond Beni Strumentali Plafond Beni Strumentali: risorse elevate a 5 mld dalla Legge di Stabilità 2015 (ulteriori novità introdotte dal D.L. Investment Compact) Base giuridica e Convenzione Articolo 2 del D.L. 69/2013 («Decreto Fare»): misura destinata alle PMI che acquistano macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, in software ed in tecnologie digitali; DM MiSE-MEF 27/11/2013 Circolare MiSE 11/02/2014 Convenzione CDP-ABI-MiSE: 14/02/2014. Scopo Provvista alle banche aderenti destinata alla concessione, entro il 31 dicembre 2016, di finanziamenti di durata massima di 5 anni, per un importo massimo di 2 mln per PMI beneficiaria, anche frazionato in più iniziative. Alle PMI viene riconosciuto un contributo da parte del MiSE (a valere su apposita allocazione sul bilancio dello Stato) e i finanziamenti concessi a valere sul Plafond possono essere assistiti dalla garanzia del FCG. I numeri dello strumento Al 09/04/2015, sono pervenute domande di accesso allo strumento per circa 3,1 mld. Le erogazioni e le prenotazioni attive ammontano complessivamente a circa 1,5 mld. 11

12 CDP a sostegno dell economia> Pacchetto Casa Plafond Casa Base giuridica: art. 6, co. 1, lett. a), del D.L. 102/2013, convertito in L. 124/2013 Dimensione: 2 miliardi di euro Finalità: favorire l accesso al credito delle persone fisiche per l acquisto e la ristrutturazione con accrescimento dell efficienza energetica di immobili residenziali Beneficiari: persone fisiche Convenzione CDP-ABI 20/11/2013 Acquisto OBG/ABS Base giuridica: art. 6, co. 1, lett. b), del D.L. 102/2013, convertito in L. 124/2013 Dimensione: 3 miliardi di euro Finalità: sostenere la ripresa del settore edilizioresidenziale, liberando spazi per la concessione di nuovi mutui residenziali Titoli acquistabili: OBG emesse su mutui residenziali e/o titoli emessi nell'ambito di operazioni di cartolarizzazione aventi ad oggetto crediti della stessa specie Dall avvio del «Pacchetto Casa», CDP ha mobilitato complessivamente circa 2 mld in favore del settore residenziale In corso di introduzione link con il «Fondo Prima Casa» presso il MEF/Consap 12

13 Gli strumenti attivi> Equity_ FSI CDP: 80% Banca d Italia: 20% SETTORI Difesa; sicurezza; infrastrutture; trasporti; comunicazioni; energia; assicurazioni e intermediazione finanziaria; ricerca e innovazione ad alto contenuto tecnologico; pubblici servizi; turistico-alberghiero; agroalimentare e distribuzione; gestione beni culturali e artistici Obiettivo: acquisizione di partecipazioni (di norma minoritarie) in aziende strategiche per il Paese, per il sostegno alla crescita, all aggregazione e alla competitività internazionale RILEVANTE INTERESSE NAZIONALE DIMENSIONE Fatturato annuo netto > 300 mln Dipendenti > 250 unità REQUISITI CHIAVE DELLE AZIENDE TARGET STABILE EQUILIBRIO FINANZIARIO, PATRIMONIALE, ECONOMICO ADEGUATE PROSPETTIVE DI REDDITIVITÀ SIGNIFICATIVE PROSPETTIVE DI SVILUPPO 13

14 Gli strumenti attivi> Equity _ FII Fondo Italiano d Investimento (FII) SGR: capitale 1,2mld (CDP: 250mln) Gestisce FII UNO, il più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo delle PMI 825mln Investimenti (circa il 80% del capitale impegnato totale) 120 Numero di imprese coinvolte direttamente e indirettamente per un fatturato di oltre 5 mld e circa dipendenti Investimenti Diretti 39 investimenti finalizzati e deliberati: 32 società italiane 400 mln di capitale investito e impegnato 4 disinvestimenti realizzati nel 2014: 43 mln di capital gain complessivo 1,9x di capitale investito IRR superiore al 30% Fondo di Fondi 21 commitment deliberati complessivi 425 mln, di cui 65 mln nel venture capital Catalizzatore di risorse: Attivate ulteriori risorse per circa 2 mld di cui circa 500 mln provenienti da primari investitori esteri (tra cui FEI, CDC, Rothschild) CDP ha sottoscritto un impegno di investimento di 300 mln (più ulteriori 50 mln) in due fondi sponsorizzati e gestiti da FII: FoF Private Debt e FoF Venture Capital Fund Risultati aggiornati a gennaio

15 Novità normative e Iniziative in cantiere La L. di Stabilità 2014 ha introdotto la possibilità per CDP di acquistare titoli emessi nell ambito di operazioni di cartolarizzazioni di crediti verso PMI. Possibili evoluzioni normative, anche connesse ai programmi BCE e BEI Iniziative in risk-sharing con il Sistema Bancario, per favorire la concessione di nuovo credito alle PMI Piano Juncker 15

16 Appendice Plafond PMI> focus Umbria Export e internazionalizzazione> offerta CDP FSI> cifre chiave e portafoglio

17 Piccole e Medie Imprese> Plafond PMI Area Geografica Regione Distribuzione per Regione Erogazioni Banche vs PMI % n.pmi Importo Medio LOMBARDIA ,66 26,5% ,30 PIEMONTE Nord Ovest ,94 9,1% ,19 LIGURIA ,35 1,4% ,49 Nord Est Centro Sud Isole VALLE D'AOSTA ,96 0,2% ,11 VENETO ,87 15,5% ,14 EMILIA ROMAGNA ,89 10,8% ,71 TRENTINO-ALTO ADIGE ,68 2,1% ,82 FRIULI-VENEZIA GIULIA ,17 1,9% ,85 TOSCANA ,27 8,1% ,30 LAZIO ,96 5,3% ,65 MARCHE ,88 3,5% ,46 UMBRIA ,68 1,5% ,25 CAMPANIA ,91 3,8% ,47 PUGLIA ,38 3,6% ,12 ABRUZZO ,10 1,1% ,23 CALABRIA ,51 0,8% ,41 BASILICATA ,32 0,4% ,23 MOLISE ,01 0,2% ,03 SICILIA ,40 3,2% ,80 SARDEGNA ,90 1,0% ,92 Totale ,84 100,0% ,51 Dati al 31/12/

18 Plafond PMI in Umbria> distribuzione settoriale Nella distribuzione per settori produttivi, si evidenzia una sostanziale omogeneità con il dato nazionale. Macro Settore Attività Economica Erogazioni Banche vs PMI % n.pmi Imp.Medio INDUSTRIA IN SENSO STRETTO ,33 50,1% ,38 COMMERCIO, TRASPORTI E ALBERGHI ,86 28,8% ,74 ALTRI SERVIZI ,75 10,6% ,87 COSTRUZIONI ,83 5,5% ,96 AGRICOLTURA ,91 4,9% ,10 Totale ,68 100% ,25 Dati al 31/12/

19 Plafond PMI in Umbria> distribuzione provinciale Nello specifico ranking nazionale, la provincia di Perugia occupa il 21 posto nei finanziamenti alle PMI. Province Erogazioni Banche vs PMI % n.pmi Importo Medio PERUGIA ,56 85,4% ,46 TERNI ,12 14,6% ,25 Totale ,68 100% ,25 Dati al 31/12/

20 Export e internazionalizzazione> L offerta di CDP La gamma di prodotti CDP a sostegno dell export e dell internazionalizzazione si compone di strumenti specificatamente dedicati a tali finalità (Export Banca e Plafond Esportazione) e di plafond di provvista al sistema bancario, che possono essere utilizzati anche per progetti di internazionalizzazione (Piattaforma Imprese) Piattaforma Imprese (1) Strumento Finalità Modalità di intervento CDP Plafond Reti PMI Internazionalizzazione Indiretta 12,5 mln Plafond PMI Internazionalizzazione Indiretta Plafond MID Internazionalizzazione Indiretta Plafond Esportazione Export Indiretta Soglie di importo rilevanti 15 mln (su tutte le linee di provvista) - 25 mln (sulla linea a ponderazione zero) - Nessuna soglia sulla linea senza ponderazione zero 15 mln (su tutte le linee di provvista) Export Banca (2) Nuova operatività indiretta Nuova operatività diretta Export e internazionalizzazione Export e internazionalizzazione Indiretta Diretta > 15 mln > 25 mln (1) Le soglie di importo si riferiscono all importo massimo unitario delle operazioni finanziabili con provvista CDP. (2) Le soglie di importo si riferiscono all attivabilità delle due modalità di intervento di CDP (diretta e indiretta) 20

21 Gli strumenti attivi> Equity_ FSI: Cifre chiave 5,1mld Capitale disponibile per investimenti 2,7mld Capitale investito CIFRE CHIAVE 7,0mld Obiettivo di capitale 2,5mld Accordi di Co-investimento con partner internazionali SETTORI DI INVESTIMENTO 4 accordi internazionali con Investitori Istituzionali esteri di lungo periodo Oltre 300 imprenditori, manager e associazioni di categoria incontrati in poco più di tre anni Iniziative proattive in 14 settori merceologici Oltre 35 opportunità analizzate dal Comitato Investimenti 23 offerte presentate Biofarmaceutica Infrastrutture e TLC Assicurazioni Meccanica per le costruzioni e l energia Turismo e alberghiero Alimentare Source: Annual Report

22 Gli strumenti attivi> Equity_ FSI: Portafoglio TLC: 200 mln (46,2%) Investimento finalizzato allo sviluppo della Banda larga nel Paese Biofarmaceutica: 100 mln (23,2%) + prestito obbligazionario convertibile per 50 mln Crescita organica e attraverso acquisizioni del quinto produttore mondiale nel settore plasma-derivati Turbine a gas: 348 mln (44,84%) con opzione da esercitare entro il 2017 per ulteriore 15% ( 147mln) A sostegno della crescita e l innovazione tecnologica di un azienda strategica per l economia italiana Valvole a sistemi di controllo dei flussi principalmente per il settore Oil&Gas: 151 mln (49,5%) Stabilizzare l azionariato in vista della prosecuzione della crescita Infrastrutture IT e servizi tecnologici per il settore finanziario: 238 mln (49%). Rafforzare il sistema dei pagamenti, accelerare la penetrazione della monetica, aumentare il supporto alla gestione del debito pubblico italiano e favorire la digitalizzazione della PA Ingegneria del sottosuolo nel settore Oil & Gas: 101 mln (16,9%) Investimento finalizzato alla crescita nei mercati internazionali Gestione di hotel a 5 stelle: 60 mln (ca. 76 mln) (23,0%) Ingresso finalizzato ad un piano di sviluppo del mercato italiano

23 Disclaimer I termini e i contenuti del presente documento ("Presentazione") non costituiscono, da parte di CDP o da parte dei destinatari, alcun impegno od obbligazione legale, espressa o implicita, a negoziare o a concludere alcuna transazione, eccetto per quanto previsto da accordi definitivi e vincolanti, soddisfacenti nella forma e nella sostanza per ciascuna delle suddette parti e condizionatamente al sussistere di un accordo e alla conclusione delle transazioni descritte. Negli accordi definitivi e vincolanti non si include la Presentazione e alcuno dei suoi allegati. Le stime e le valutazioni di carattere finanziario contenute nella Presentazione hanno valore meramente indicativo e non possono essere assunte quali dati significativi ai fini delle deliberazioni che saranno adottate dai clienti. Si segnala inoltre che CDP non si prefigge di fornire consulenza nella Presentazione. I destinatari non devono basare il loro giudizio sulla Presentazione per trarne consulenza, dal momento che la Presentazione è fornita a titolo puramente informativo. CDP raccomanda ai destinatari di effettuare verifiche finanziarie, legali e fiscali indipendenti prima di agire in qualunque modo sulla base delle informazioni contenuti nella Presentazione.

Diventare più competitivi con le Reti d Impresa

Diventare più competitivi con le Reti d Impresa Diventare più competitivi con le Reti d Impresa Gli strumenti per l accesso al credito delle imprese di Cassa depositi e prestiti S.p.A. Il Plafond Reti PMI Brescia, 5 novembre 2015 CDP a sostegno dell

Dettagli

Il ruolo di Cassa Depositi e Prestiti a sostegno delle Imprese

Il ruolo di Cassa Depositi e Prestiti a sostegno delle Imprese Il ruolo di Cassa Depositi e Prestiti a sostegno delle Imprese Giovanni Malitesta Area Supporto all Economia Alessandria, 28 novembre 2014 Agenda CDP a sostegno dell economia: overview Gli strumenti già

Dettagli

Il sostegno di CDP: sviluppi

Il sostegno di CDP: sviluppi Il sostegno di CDP: sviluppi Roma, 28 novembre 2013 Il Contesto Nel biennio 2011 12, CDP ha mobilitato circa il 90% delle risorse previste dal Piano Industriale 2011 13,raggiungendo,difatto,gliobiettiviconunanno

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP per l economia reale: sostegno alle imprese e sviluppo infrastrutturale Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo

Cassa depositi e prestiti. Sostegno al sistema produttivo Cassa depositi e prestiti Sostegno al sistema produttivo CDP a sostegno del sistema produttivo e dello sviluppo delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti è un operatore chiave a sostegno del sistema

Dettagli

Finanziamenti con provvista. Finanza Agevolata - Novembre 2015

Finanziamenti con provvista. Finanza Agevolata - Novembre 2015 Finanziamenti con provvista Cassa Depositi e Prestiti Finanza Agevolata - Novembre 2015 Cassa Depositi e Prestiti Identità e missione (1/2) La Cassa Depositi e Prestiti (CDP) è una società per azioni a

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI PROTOCOLLO D INTESA LINEE GUIDA AI PRODOTTI CDP PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E LE ESPORTAZIONI Associazione Bancaria Italiana, con sede legale in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice Fiscale

Dettagli

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Interventi In vigore dal Innovazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Finanziamenti per progetti di R&S 26 giugno

Dettagli

Pagamento dei debiti della PA!

Pagamento dei debiti della PA! Pagamento dei debiti della PA L intervento della CDP SpA Forum Banche e PA 2014 Roma 30 Ottobre 2014 I debiti della PA: stima e pagamenti 2013/2014 Banca d Italia Indebitamento commerciale della PA 75Mld

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

Ripresa debole ed incerta > Domanda interna depressa

Ripresa debole ed incerta > Domanda interna depressa Finanziare l economia in tempo di crisi: il ruolo degli investitori di lungo periodo Giovanni Gorno Tempini Amministratore delegato, Cassa depositi e prestiti Convegno AIAF - L'Italia fuori dalla crisi

Dettagli

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Dati al 30.06.2015 Digitalizzazione R&S Tabella di sintesi*/1 Incentivo In vigore dal Attuazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013

Dettagli

La riforma della Legge 488/92

La riforma della Legge 488/92 Ministero delle Attività Produttive IPI Istituto per la Promozione Industriale La riforma della Legge 488/92 Nuovi criteri e modalità per la concessione delle agevolazioni ex lege 488/92 a seguito della

Dettagli

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni Le Guide professionalità quotidiana SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni a cura di Bruno Pagamici Soggetti beneficiari Investimenti e spese finanziabili Contributo in conto interessi Domanda di agevolazione

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA

Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA Gli strumenti Agevolativi presso BNL SpA D.Bartolo Divisione Corporate Gestione Operativa Agevolati, Incentivi e Innovazione Finanziamenti Agevolati Internazionali Portobuffolè, 29/09/2014 Agenda 1. I

Dettagli

I programmi di rimodulazione per gli Enti Locali

I programmi di rimodulazione per gli Enti Locali I programmi di rimodulazione per gli Enti Locali Forum ABI: Banche e PA 2012 Roma, 23 febbraio 2012 Indice Pag. L indebitamento degli Enti Locali 3 CDP e la gestione del debito degli Enti Locali 5 I prestiti

Dettagli

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013 La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013 Roadshow settembre-novembre 2013 1 Indice Pag. Scenario di riferimento Enti Locali 3 La nuova Circolare CDP n. 1280 4 Le nuove schede istruttorie 6 Cassa

Dettagli

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Sondrio, 14 giugno 2013 11ª Giornata dell Economia Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Roberto Calugi Consorzio camerale per il credito e la finanza Camera di Commercio

Dettagli

Guida alla garanzia RSI/FEI

Guida alla garanzia RSI/FEI Guida alla garanzia RSI/FEI Ottobre 2013 Cos è il FEI? Il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) è stato istituito con sede in Lussemburgo nel 1994 allo scopo di sostenere le piccole e medie imprese

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

a supporto dell economia

a supporto dell economia a supporto dell economia Camera dei deputati Commissione X (Attività produttive, commercio e turismo) Roma, 15 gennaio 2015 INDICE Overview di CDP Finanziamenti alle imprese Internazionalizzazione ed export

Dettagli

Il ruolo di BNL nell intermediazione dei fondi BEI

Il ruolo di BNL nell intermediazione dei fondi BEI Il ruolo di BNL nell intermediazione dei fondi BEI NUOVI STRUMENTI PER R&I E PER LE PMI ACCORDO CONFINDUSTRIA - BEI - ABI Roma, 24 febbraio 2010 Unione degli Industriali e delle Imprese di Roma Divisione

Dettagli

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010 Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale Torino, 4 Febbraio 2010 Premessa Nel febbraio 2009 Cassa Depositi e Presiti Spa (CDP), ACRI ed ABI hanno costituito CDP Investimenti Sgr S.p.A. (CDPI

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese

Cassa depositi e prestiti. Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti A sostegno del Paese Cassa depositi e prestiti è l operatore di riferimento per gli Enti pubblici, per lo sviluppo delle opere infrastrutturali, per

Dettagli

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione.

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione. E vietata ogni forma di riproduzione totale e/o parziale del seguente materiale. Copyright e diritti di autore: Link S.r.l. I nostri servizi Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti

Dettagli

CONFERENZA STAMPA CDP-ABI. Nuovo Plafond PMI da 10 mld

CONFERENZA STAMPA CDP-ABI. Nuovo Plafond PMI da 10 mld CONFERENZA STAMPA CDP-ABI Nuovo Plafond PMI da 10 mld Roma, 6 marzo 2012 CDP operatore chiave a supporto dell economia PMI SOCIAL HOUSING IMPRESE STRATEGICHE RICERCA EXPORT AMBIENTE, EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis)

Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) SABATINI BIS 1 SABATINI - BIS Plafond PMI Beni Strumentali (Sabatini bis) Direzione Corporate e Reti Alleate Marzo 2014 2 SABATINI BIS FONTI NORMATIVE Il Plafond PMI - Beni Strumentali si fonda sui seguenti

Dettagli

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 1/2010 MARZO 2010 LEPSIS A CURA DI LEPSIS

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 1/2010 MARZO 2010 LEPSIS A CURA DI LEPSIS MARZO 2010 A CURA DI LEPSIS Pur essendo posta la massima cura nello studio e nella redazione dell INFORMATIVA nessuna responsabilità viene assunta in merito alle informazioni e commenti forniti. L INFORMATIVA

Dettagli

IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

IL CONTESTO DI RIFERIMENTO L attività di finanziamento di Cassa depositi e prestiti a supporto dello sviluppo regionale Giovanni Gorno Tempini Amministratore delegato, Cassa depositi e prestiti Confindustria Piemonte Torino, 20

Dettagli

L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli. Roma Novembre 2005

L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli. Roma Novembre 2005 L assicurazione del credito per le PMI Fabio Fritelli Roma Novembre 2005 Indice Le PMI: l asse portante dell economia italiana Vincoli finanziari per le PMI Il Mercato Europeo dei CDO Il ruolo del settore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Pres. Prof. Franco Bassanini - A.D. Dott. Giovanni Gorno Tempini SENATO - COMMISSIONE INDUSTRIA 22 ottobre 2014 Missione CDP in

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SABATINI

LA NUOVA LEGGE SABATINI LA NUOVA LEGGE SABATINI (DECRETO FARE Decreto Legge 69/2013 convertito con modificazioni dalla legge 98/2013) I DESTINATARI La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare, si rivolge alle micro,

Dettagli

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp La normativa nazionale di supporto agli investimenti delle imprese cooperative ed altre opportunità

Dettagli

PON IC - Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020

PON IC - Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 PON IC - Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 Carlo Castaldi Assistenza Tecnica Ministero dello Sviluppo Economico adg.ponic@mise.gov.it Principali caratteristiche Ambiti tematici

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini )

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) CONFIDUSTRIA VICENZA Le agevolazioni della nuova Sabatini Incontro informativo Intervento di A. Balboni Resp. Direzione Corporate di Banca Popolare di Vicenza

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione. Brescia, 5 novembre 2015

Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione. Brescia, 5 novembre 2015 Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione Brescia, 5 novembre 2015 2 Agevolazioni a supporto dell internazionalizzazione Contributi a fondo perduto Voucher Export Manager Campo Libero Bando Reti

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Imprese e Infrastrutture. Finanziamenti per le infrastrutture. Fondi equity infrastrutturali

Cassa depositi e prestiti. Imprese e Infrastrutture. Finanziamenti per le infrastrutture. Fondi equity infrastrutturali CDP imprese B_cmyk:CDP imprese 04/01/12 14.13 Pagina 1 Finanziamenti per le infrastrutture CDP finanzia imprese private e interventi strutturati in Partenariato Pubblico Privato (PPP) per la realizzazione

Dettagli

DIREZIONE FINANZA Cristiano Vincenzi Responsabile Funzione Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia

DIREZIONE FINANZA Cristiano Vincenzi Responsabile Funzione Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia DIREZIONE FINANZA Cristiano Vincenzi Responsabile Funzione Finanza Agevolata ed Enti di Garanzia Banca Europea per gli Investimenti: nuove linee di approvvigionamento Centro Servzi Marmo Volargno di Dolcè,

Dettagli

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Finalità ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda.

Dettagli

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE

MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Valentina Piuma mercoledì, 18 settembre 2013 G i o r n a ta d e l D e c r e to del fare MISURE ECONOMICO FINANZIARIE Art. 1 Rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese La norma è

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione Il FRI sostiene investimenti realizzati da imprese lombarde in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di insediamenti

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA LINEE D INTERVENTO: 1. SVILUPPO AZIENDALE; 2. INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO; 3. APPLICAZIONE INDUSTRIALE DI RISULTATI DELLA RICERCA; 4. CRESCITA DIMENSIONALE

Dettagli

Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL

Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL Descriviamo nel seguito alcune forme di credito agevolato attivabili anche tramite BNL BEI La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) è l'istituzione finanziaria istituita nel 1958 con il Trattato di

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

AGEVOLAZIONI ED IMPRESE

AGEVOLAZIONI ED IMPRESE AGEVOLAZIONI ED IMPRESE BANDO ISI INAIL 2016 BENEFICIARI: Pmi, anche individuali,ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura AGEVOLAZIONE:

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa Il Progetto di Confindustria per competere in rete Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa La rete d impresa: Non ha: sovrastrutture (burocratiche e parapubbliche) Limiti territoriali Limiti settoriali

Dettagli

Dott. Jacopo Calvano. Dottore Commercialista e Revisore Legale dei conti Esperto in finanza comunitaria per imprese ed enti locali

Dott. Jacopo Calvano. Dottore Commercialista e Revisore Legale dei conti Esperto in finanza comunitaria per imprese ed enti locali Dott. Jacopo Calvano Dottore Commercialista e Revisore Legale dei conti Esperto in finanza comunitaria per imprese ed enti locali IT IMPRESA E TERRITORIO SRL Ufficio Finanziamenti e Incentivi 00199 Roma

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Agenda. CDP e contesto di riferimento I prodotti a supporto dell economia Prospettive future

Agenda. CDP e contesto di riferimento I prodotti a supporto dell economia Prospettive future Cassa depositi e prestiti L attività di finanziamento a supporto dell economia Milano, 6 ottobre 2015 Agenda CDP e contesto di riferimento I prodotti a supporto dell economia Prospettive future Scenario

Dettagli

Per favorire l insediamento dei giovani in agricoltura ISMEA ha messo a punto una serie di strumenti finanziari finalizzati:

Per favorire l insediamento dei giovani in agricoltura ISMEA ha messo a punto una serie di strumenti finanziari finalizzati: Audizione Senato della Repubblica Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Testo Unificato per i disegni di legge nn. 2674, 2710, 2919 e 3043 «imprenditoria giovanile in agricoltura» Roma, 26

Dettagli

GRUPPO CDP: «one-door» per export e internazionalizzazione. Gli strumenti a disposizione delle aziende

GRUPPO CDP: «one-door» per export e internazionalizzazione. Gli strumenti a disposizione delle aziende GRUPPO CDP: «one-door» per export e internazionalizzazione Gli strumenti a disposizione delle aziende Piano industriale Gruppo CDP 2016-2020: 160 miliardi, di cui 117 dedicati al sostegno delle imprese

Dettagli

Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI. Bergamo, Ottobre 2014

Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI. Bergamo, Ottobre 2014 Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI Bergamo, Ottobre 2014 Agenda Interventi Nazionali Interventi Regione Lombardia Interventi Regione Piemonte Interventi Regione Puglia 2 Agenda Interventi

Dettagli

Tabella di sintesi/1

Tabella di sintesi/1 SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi/1 Digitalizzazione R&S Start up innovative e PMI innovative Turismo digitale Incentivo Finanziamenti per progetti di R&S (settore ICT Agenda Digitale) Finanziamenti

Dettagli

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare 1 Gli attori Le Banche olesocietà di leasing, erogano il finanziamento per acquisto o acquisizione in leasing di «beni strumentali» a condizioni di

Dettagli

Il giorno 9 luglio dell anno 2013 tra:

Il giorno 9 luglio dell anno 2013 tra: Oggetto: Convenzione tra il Comune di Capannori e la Banca del Monte di Lucca S.p.a. finalizzata alla concessione di finanziamenti agevolati sotto forma di contributo alle imprese Il giorno 9 luglio dell

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

La BEI in Italia nel 2013

La BEI in Italia nel 2013 La BEI in Italia nel 2013 Ministero dell Economia e delle Finanze Roma, 31 gennaio 2014 DATI PRINCIPALI Nuovi prestiti 2013 in Italia: 10,4 miliardi (+ 50% rispetto 2012) con 71 progetti. Anno record per

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014 La storia Lettera Presidente Renzi; 1650 Comuni segnalano oltre 3300 richieste. (insieme eterogeneo) Incarico a DIPE per inizio istruttoria sui finanziamenti del DL DPCM 28/10 su allentamento Patto di

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A 10122 Torino Via Sant Agostino, 12 10024 Moncalieri (TO) Via Real Collegio, 6 Tel. +39 011 4366646/6404991 - Fax +39 011 2274327 AGOSTO 2010 Pur essendo posta la massima cura nello studio e nella redazione

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 29 m a r z o 2016 P a g. 1 di 5. Sostegno finanziario alle PMI: i fondi BEI e FEI. Contenuto

C i r c o l a r e d e l 29 m a r z o 2016 P a g. 1 di 5. Sostegno finanziario alle PMI: i fondi BEI e FEI. Contenuto C i r c o l a r e d e l 29 m a r z o 2016 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 8/2016 Oggetto Sostegno finanziario alle PMI: i fondi BEI e FEI. Sommario Lo scorso autunno la Commissione Europea ha varato il

Dettagli

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Le Guide professionalità quotidiana DECRETO DEL FARE Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Tavole sinottiche Finanziamenti agevolati Responsabilità solidale negli appalti Assistenza fiscale Riscossione

Dettagli

Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015

Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015 Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015 Mercoledì 11 febbraio Dott. Matteo Farina Progetti di Sviluppo Banco Popolare Confindustria Firenze Banco Popolare e innovazione tecnologica: un

Dettagli

Misure per il credito alle PMI

Misure per il credito alle PMI Misure per il credito alle Fondo Italiano di Rafforzamento patrimoniale delle Investimento (MEF -SGR) attraverso l ingresso nel capitale da parte del Fondo. Obiettivo: sostenere aziende con piani di sviluppo

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

TOSCANA. TOSCANAMUOVE "Creazione impresa" A PARTIRE DAL: 15/10/2015. REGIONE TOSCANA "Finanziamenti per l'area di Piombino" SCADENZA: giugno 2016

TOSCANA. TOSCANAMUOVE Creazione impresa A PARTIRE DAL: 15/10/2015. REGIONE TOSCANA Finanziamenti per l'area di Piombino SCADENZA: giugno 2016 TOSCANAMUOVE "Creazione impresa" Disponibile il fondo rotativo che intende sostenere attraverso agevolazioni (finanziamento agevolato a tasso zero e vocuher) per la realizzazione di progetti di investimento

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA

GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA 13 dicembre 2013 Siena www.ismea.it www.ismeaservizi.it I FONDI DI GARANZIA ISMEA Garanzia di ultima istanza dello Stato ISMEA Fondo di garanzia sussidiaria Fondo di garanzia

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON I FONDI DI ROTAZIONE e DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DEI FONDI DI GARANZIA E LA

Dettagli

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011. 15 giugno 2011

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011. 15 giugno 2011 LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011 15 giugno 2011 FINALITA E STANZIAMENTO 2011 Finalità: Agevolare l accesso al credito delle pmi milanesi attraverso l erogazione

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE

DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE INFORMAZIONI SU COOPERFIDI ITALIA DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE Versione N. 9 aggiornata all 26.03.2015 Cooperfidi Italia soc. coop. Sede legale e direzione generale

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012

Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Punto 5 dell Ordine del Giorno: Contratti di Sviluppo Informativa sulle domande presentate al 31 maggio 2012 Comitato di Sorveglianza Roma, 15 giugno 2012 Cosa sono i Contratti di Sviluppo Strumento attuativo

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli