Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona"

Transcript

1 Segretariato Cantonale Via Balestra 19 CH Lugano tel.: fax: Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport 6501 Bellinzona N. rif. V. rif. Lugano, 14 marzo 008 Consultazione sul progetto di Accordo intercantonale sull armonizzazione dei criteri per la concessione delle borse di studio (Concordato sulle borse di studio) Egregio signor Consigliere di Stato, gentili Signore e Signori, ringraziando per essere stati consultati sul progetto di Concordato sulle borse di studio, rispondiamo nel seguente modo alle domande formulate nel questionario, che per comodità riprendiamo in questa lettera. In alcuni casi, ci soffermiamo anche su articoli non compresi nel questionario-tipo. Osservazioni generali L impegno del Cantone Ticino in questo campo è importante. Il contributo complessivo di,5 milioni di franchi versati nel 007 in assegni e prestiti di studio dimostra come il nostro Cantone attui i principi sanciti dalla Legge della scuola del 1 febbraio 1990 agli articoli 19 e segg. e sostenga in modo sussidiario alla famiglia la formazione scolastica postobbligatoria, professionale e universitaria di giovani e adulti. Le modifiche intervenute nel quadro della nuova perequazione finanziaria e nella ripartizione dei compiti tra Confederazione e Cantoni prevedono conseguenze finanziarie di una certa portata per il Ticino. Da una parte, il contributo della Confederazione diminuirà in modo sostanzioso, passando dagli attuali 6,5 mio a 1,5 mio di franchi, e dall altra, il nuovo Concordato comporterà, per effetto dell estensione dei criteri di erogazione, un aumento dei contributi, calcolato indicativamente in 7 mio di franchi. Nella nostra risposta abbiamo ritenuto di soffermarci in particolare sui cambiamenti che il progetto di Accordo intercantonale introduce rispetto alle norme attualmente in vigore nel nostro Cantone. 1

2 Domanda 1: Avete delle osservazioni generali in merito al progetto di accordo intercantonale? Nello specifico settore delle borse di studio il sindacato OCST condivide la opportunità di un processo di armonizzazione dei criteri per la concessione delle borse di studio previsti dalle legislazioni cantonali. In particolare, rileviamo come l ordinamento vigente in Ticino realizzi già nei fatti diversi degli obiettivi di miglioramento ora proposti sul piano nazionale. Pensiamo nondimeno che il progetto di Concordato debba recepire una particolarità del nostro Cantone: il fatto che storicamente molti studenti ticinesi frequentano scuole universitarie in Italia. Le nuove disposizioni dovranno perciò, come ora, prevedere adeguate modalità di riconoscimento degli istituti, delle formazioni e dei titoli conseguiti, per consentire di erogare borse di studio a studenti ticinesi che svolgono studi in Italia. Domande relative all accordo intercantonale Domanda : Ritenete utile l Accordo intercantonale sull'armonizzazione dei criteri per la concessione delle borse di studio? Art. 1 e - Domanda 3: Siete d accordo con gli obiettivi dell accordo? Art. 5, cpv. 1, lett. c - Domanda 4: Siete d accordo di prevedere il diritto ad una borsa di studio alle persone in possesso di un permesso di dimora da cinque anni (permesso B)? Art. 6 - Domanda 5: Siete d accordo con le disposizioni che definiscono il domicilio determinante per la concessione di una borsa di studio? Art. 7 Esercizio di un attività professionale L OCST valuta favorevolmente la nuova definizione del periodo di attività professionale che consente di assicurare l indipendenza finanziaria del richiedente considerata al pari di una prima formazione che dà accesso a una professione. In particolare, perché include l attività educativa e di cura dei figli o di altre persone a carico in famiglia. Il concetto si estende pure al tempo dedicato al servizio militare e al servizio civile, nonché al periodo trascorso in disoccupazione. Secondo noi è soprattutto positivo riconoscere il periodo in cui una donna si occupa della cura della famiglia e dei figli, prima di un percorso per riqualificarsi in vista di un rientro nella vita professionale e il tempo in cui una persona si trova disoccupata. Art. 8 e 9 - Domanda 6: Siete d accordo che una formazione iniziale riconosciuta del grado secondario II o del grado terziario (compresi i corsi obbligatori di preparazione agli studi) dia diritto ad una borsa di studio? Art Domanda 7: Siete d accordo con il testo previsto dall art. 10? Art. 1, cpv. 3 - Domanda 8: Siete d accordo con il limite d età massima proposto?

3 La modifica del Regolamento delle borse di studio dell 8 marzo 1995 introdotta come misura di risparmio a partire dal 1 settembre non è condivisa dal sindacato OCST. L introduzione del limite di 40 anni di età per avere diritto a una borsa di studio penalizza in modo ingiustificato lavoratrici e lavoratori (ma in particolare le donne), che intendono qualificarsi in una determinata professione intraprendendo una formazione in età adulta. Si tratta di persone senza una qualifica o che intendono, a causa di un mercato del lavoro sempre più difficile, qualificarsi in una seconda professionale o ancora che decidono di riprendere un attività lavorativa dopo essersi dedicati alla cura della famiglia e all educazione dei figli. Sacrosanti diritti e principi esigono, a nostro modo di vedere, che questa decisione sia corretta e la norma del 004 stralciata. Per questi motivi non possiamo essere d accordo con la disposizione di cui al cpv. 3 dell art. 1 del progetto di Accordo, sebbene essa stabilisca un limite (35 anni) inferiore a quello applicato in Ticino e risulti perciò ancora più sfavorevole. Art. 13 Durata del diritto a una borsa di studio Il progetto di Concordato introduce in questo articolo due importanti cambiamenti, che modificano la situazione vigente in Ticino per quanto riguarda i criteri per la concessione comportando effetti a livello finanziario. Il cpv. fissa che una borsa di studio (nella forma dell assegno o del prestito) è concessa fino a due semestri oltre la durata regolamentare di un curriculum di studi. Considerando la consolidata applicazione delle norme vigenti nel nostro Cantone (che stabilisce che dopo la durata regolamentare sia erogato il prestito invece dell assegno) e ponderato l interesse generale, che potrebbe anche non essere equamente presente nella nuova disposizione che estende il diritto all assegno di studio in tutti i casi fino a due semestri oltre la durata normale di una formazione (sia per il secondario II, studi liceali, sia per le scuole universitarie), la nostra Organizzazione ritiene prudente esprimersi per il mantenimento dell attuale ordinamento in vigore in Ticino. Analoga presa di posizione esprimiamo anche per la seconda modifica, che prevede il diritto all assegno di studio anche nei casi di uno o due cambiamenti di formazione. Potremmo perciò essere confrontati con richieste di assegni di studio all ente pubblico di persone che hanno cambiato ben tre indirizzi di formazione. È legittimo, a nostro giudizio, interrogarsi sul senso di continuare ad assicurare il diritto a un contributo dello Stato in caso di ripetuti insuccessi o cambiamenti di formazione. In ambedue le situazioni la concessione del prestito (da rimborsare senza interessi e a rate secondo termini proposti dallo studente al termine degli studi) in luogo dell assegno risponde, secondo noi, a un corretto principio di responsabilizzazione individuale e di distribuzione delle risorse disponibili su un numero più ampio di beneficiari. Art. 14 Libera scelta degli studi e dell istituto di formazione Questo articolo dell Accordo prevede il principio della libera scelta di una formazione riconosciuta e dell istituto dove svolgerla, ponendo sullo stesso piano una scuola privata e 1 Art. 1b Limite d età Gli assegni possono essere concessi a richiedenti che, nel corso dell anno civile di inizio della formazione per la quale è richiesta la borsa di studio, non hanno ancora compiuto o non compiano il quarantesimo anno di età. Art. 7 Condizioni L assegno è concesso per anno scolastico, rinnovabile per la durata minima del ciclo di studio frequentato. 3

4 una statale. Fissando così una impostazione comune a tutti i Cantoni svizzeri. È unicamente precisato che il riconoscimento dei costi avviene sulla base della formazione meno onerosa. Il nostro Cantone ha adottato una norma legislativa diversa: la Legge della scuola cita la continuazione degli studi nelle scuole pubbliche ticinesi 3. Da questo principio è derivata un applicazione restrittiva, che ha escluso dai beneficiari di assegni e prestiti di studio cantonali gli studenti che frequentano licei privati. Più aperta per contro la considerazione di istituti universitari privati italiani (in particolare quando non ne esistono di parificabili in Ticino). Qualora il principio previsto dall art. 14, applicato, lo ricordiamo, in tutti gli altri Cantoni, dovesse entrare in vigore nel quadro del nuovo Concordato, è probabile che la Legge della scuola del 1 febbraio 1990 dovrebbe essere modificata e il diritto alle borse di studio esteso anche agli studenti degli istituti privati di grado secondario II, che peraltro hanno storicamente concorso allo sviluppo della scolarizzazione superiore in Ticino e contribuiscono a formare con successo significativo studenti che accedono agli studi universitari in Svizzera e all estero. Art Domanda 9: Siete d accordo con il fatto che l accordo definisca i massimi sussidiabili per gli assegni di studio? Oggi l importo massimo dell assegno di studio in Ticino è di 13'000 franchi annui indipendentemente dall ordine di scuola per il quale è richiesto. L importo massimo previsto dall Accordo intercantonale è perciò inferiore di 1'000 franchi per gli studi liceali, mentre è superiore di 3'000 franchi per le formazioni del grado terziario. In teoria ci potrebbero essere casi di studenti del secondario II che riceveranno in futuro un assegno di 1'000 franchi più basso rispetto a quello attuale. Secondo noi, la definizione del concetto di borsa di studio (v. anche l art. 1, in part. il testo del capoverso ) deve essere meglio precisata. Se consideriamo la situazione ticinese, vediamo come il prestito di studio è un aiuto finanziario che il Cantone può concedere in aggiunta a un assegno di studio o in sua sostituzione. Esso costituisce una modalità di concessione della borsa di studio, che merita di essere sostenuta e, nel limite del possibile, incrementata (v. commento all art. 13). Potrebbe, tra l altro, essere una valida alternativa all assegno nei casi di prolungamento della durata normale degli studi, rispettivamente di cambiamento di formazione. Se sì, preferite la variante 1 o la variante? Esprimiamo la nostra preferenza per la variante la variante 1. Rilevando peraltro che la Legge della scuola, se ben intendiamo la norma legislativa, già consente al Consiglio di Stato di concedere la borsa di studio nella forma combinata: assegno più prestito 4. L Accordo stabilisce in ogni caso che il prestito può essere pari al massimo alla metà della borsa di studio. 3 Art. 19 Principio 1 Il Cantone favorisce l accesso alla formazione scolastica e professionale postobbligatoria, il perfezionamento e la riqualificazione professionali con la concessione di assegni e di prestiti di studio per l assolvimento di un tirocinio, per la continuazione degli studi nelle scuole pubbliche ticinesi, per la frequenza di istituti superiori e di istituti specializzati per il perfezionamento e la riqualificazione professionali, se il richiedente è in possesso del certificato di studi adeguato. 4 Art. Disposizioni di applicazione 1 Il Consiglio di Stato emana per regolamento le disposizioni di applicazione del presente capitolo. Il Consiglio di Stato determina segnatamente la forma dell aiuto: assegno di studio oppure prestito di studio oppure combinazione delle due prestazioni. 4

5 Art Domanda 10: Siete d accordo,nella concessione delle borse di studio, di obbligare i cantoni a tener conto sia delle persone che studiano a tempo parziale sia delle formazioni con strutture particolari? Art. 18, cpv. 1, lett. a e b - Domanda 11: Calcolo delle borse di studio: siete d accordo con l allestimento di preventivi separati per la persona in formazione e per la sua famiglia? Art. 18, cpv. 1, lett. b - Domanda 1: Calcolo delle borse di studio: siete d accordo di poter utilizzare dei costi forfettari per calcolare il contributo dei genitori ritenuto che, in ogni caso, il fabbisogno debba coprire il minimo esistenziale della famiglia (secondo le norme della COSAS)? Art. 18, cpv. - Domanda 13: Siete d accordo con il fatto che una persona in formazione che dispone di un reddito personale possa studiare nel luogo di sua scelta e possa vivere con il minimo esistenziale (anche nel caso in cui non si tratti della formazione più a buon mercato)? Ciò significa che la borsa di studio che risulta dal calcolo effettuato può essere diminuita solo dal momento in cui la somma totale, tenuto conto del reddito personale della persona in formazione, superi il minimo esistenziale. Art Domanda 14: Siete d accordo, a determinate condizioni,di calcolare l ammontare della borsa di studio in modo parzialmente indipendente dalle prestazioni dei genitori? Se sì, preferite la variante 1 o la variante? Ci esprimiamo per la variante 1, che considera una persona parzialmente indipendente dai suoi genitori dal momento in cui ha concluso una prima formazione professionale e quando, prima di iniziarne una nuova e senza trovarsi in un curriculum di studio che porta a un diploma riconosciuto, si sia resa finanziariamente indipendente per due anni. Non si giustifica un ulteriore restrizione delle condizioni, introducendo (come prevede la variante ) un limite minimo di 5 anni di età del richiedente. Ringraziando di essere stati consultati, rimaniamo a disposizione e porgiamo, signor Consigliere di Stato, gentili Signore e Signori, i nostri migliori saluti. Per l Organizzazione Cristiano-Sociale Ticinese Il Presidente: Il Vicesegretario: R. Rossi R. Ricciardi 5

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.2015

BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.2015 BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.215 Il concordato sulle della CDPE Considerato che per la concessione delle sono competenti i Cantoni, con il Concordato sulle s'intende raggiungere

Dettagli

Regolamento delle borse di studio

Regolamento delle borse di studio 5.1.3.1 Campo d applicazione Definizioni Regolamento delle borse di studio (del 17 aprile 2012) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati gli art. 22 e 84 della legge della scuola

Dettagli

Legge sugli aiuti allo studio (LASt) (del 23 febbraio 2015)

Legge sugli aiuti allo studio (LASt) (del 23 febbraio 2015) Legge sugli aiuti allo studio (LASt) (del 23 febbraio 2015) 5.1.3.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 25 giugno 2014 n. 6955 e il messaggio aggiuntivo 23 dicembre 2014

Dettagli

Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990)

Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990) Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990) 5.1.4.3 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 15 novembre 1989 n. 3528 del Consiglio di Stato, d e c

Dettagli

Foglio informativo: l assicurazione contro la disoccupazione

Foglio informativo: l assicurazione contro la disoccupazione Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Segreteria di Stato dell economia SECO Mercato del lavoro / Assicurazione contro la disoccupazione Foglio informativo: l assicurazione

Dettagli

852.11 Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero

852.11 Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero Ordinanza sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero (OAPE) del 4 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 25 della legge federale del

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CONCESSIONE DI AIUTI FINANZIARI IN AMBITO EDUCATIVO SPORTIVO E MUSICALE ANNO 2013/2014 (del 3.09.2013)

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CONCESSIONE DI AIUTI FINANZIARI IN AMBITO EDUCATIVO SPORTIVO E MUSICALE ANNO 2013/2014 (del 3.09.2013) ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CONCESSIONE DI AIUTI FINANZIARI IN AMBITO EDUCATIVO SPORTIVO E MUSICALE ANNO 2013/2014 (del 3.09.2013) Ordinanza municipale sulla concessione di aiuti finanziari in ambito educativo,

Dettagli

Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia

Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia 861.1 del 9 dicembre 2002 (Stato 1 febbraio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 9 della legge

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

6439 R 5 settembre 2011 EDUCAZIONE, CULTURA E SPORT

6439 R 5 settembre 2011 EDUCAZIONE, CULTURA E SPORT 6439 R 5 settembre 2011 EDUCAZIONE, CULTURA E SPORT della Commissione speciale scolastica sul messaggio 11 gennaio 2011 concernente l'adesione del Cantone Ticino all'accordo intercantonale sull'armonizzazione

Dettagli

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008)

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) Legge federale sulla politica regionale 901.0 del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il

Dettagli

d e c r e t a : I. Disposizioni generali

d e c r e t a : I. Disposizioni generali 5.1.8.4.4 Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie per i docenti e le docenti del livello prescolastico e del livello elementare (del 10 giugno 1999) La Conferenza

Dettagli

Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero

Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero (Ordinanza sull istruzione degli Svizzeri all estero, OISE) 418.01 del 29 giugno 1988 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio

Dettagli

Bellinzona, 30 giugno 2014

Bellinzona, 30 giugno 2014 Bellinzona, 30 giugno 2014 Nuova Legge sugli aiuti allo studio (LASt) Il Consiglio di Stato ha approvato il messaggio che propone la nuova Legge sugli aiuti allo studio (LASt). 1. Alcuni dati in breve

Dettagli

Legge concernente l aggiornamento dei docenti del 19 giugno 1990; modifica

Legge concernente l aggiornamento dei docenti del 19 giugno 1990; modifica 1 Foglio ufficiale 16/2014 Venerdì 27 febbraio 1776 LA SEGRETERIA DEL GRAN CONSIGLIO, visto il regolamento sulle deleghe del 24 agosto 1994, ordina la pubblicazione della presente legge nel Foglio ufficiale

Dettagli

COMMENTO. sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012

COMMENTO. sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012 COMMENTO sull Accordo intercantonale sui contributi per i cicli di formazione delle scuole specializzate superiori (ASSS) del 22 marzo 2012 Versione modificata del 7 maggio 2012 Introduzione L Accordo

Dettagli

Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999)

Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999) Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999) 5.3.2.3.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti la Legge della scuola del 1 febbraio 1990;

Dettagli

Regolamento sulla formazione continua dei docenti

Regolamento sulla formazione continua dei docenti 27/2015 Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi 12 giugno 297 Regolamento sulla formazione continua dei docenti (del 9 giugno 2015) Dipartimento competente Organizzazione e finanziamento

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI COMUNALI IN AMBITO SOCIALE

REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI COMUNALI IN AMBITO SOCIALE REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI COMUNALI IN AMBITO SOCIALE Il Consiglio Comunale di Locarno Vista la Legge organica comunale (LOC) e le relative norme di applicazione, d e c r e t a CAPITOLO 1 Generalità

Dettagli

Regolamento della Scuola superiore di informatica di gestione (SSIG) (del 31 maggio 2011)

Regolamento della Scuola superiore di informatica di gestione (SSIG) (del 31 maggio 2011) Regolamento della Scuola superiore di informatica di gestione (SSIG) (del 31 maggio 2011) 5.3.2.2.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati: la Legge della scuola del 1 febbraio

Dettagli

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II Strategia della CDPE del 24 ottobre 2013 per il coordinamento a livello nazionale dell insegnamento delle lingue seconde nel settore del secondario

Dettagli

Ordinanza concernente i provvedimenti atti a promuovere il mutuo riconoscimento degli studi e la mobilità in Svizzera

Ordinanza concernente i provvedimenti atti a promuovere il mutuo riconoscimento degli studi e la mobilità in Svizzera Ordinanza concernente i provvedimenti atti a promuovere il mutuo riconoscimento degli studi e la mobilità in Svizzera 414.411 del 9 luglio 1991 Il Dipartimento federale dell interno, visto l articolo 5

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

NeIl articolo 81 OPSpo ~ sancita labrogazione dellordinanza del 14 giugno 1976 sull educazione tisica neue scuole professionali.

NeIl articolo 81 OPSpo ~ sancita labrogazione dellordinanza del 14 giugno 1976 sull educazione tisica neue scuole professionali. Schweizerische Eidgenossenschaft Dipartimento federale delreconomia, ~ Conföd4ration suisse della fomiazione e della ricerca DEFR Confederazione Svizzera Segreterla di Stato perle tormazione, Confederaziun

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 12 /2007 nell'adunanza del 26 settembre 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

B. Finanziamento I. Finanziamento per l acquisto di terreni, la costruzione, la ristrutturazione e l ampliamento 1. Principio Art.

B. Finanziamento I. Finanziamento per l acquisto di terreni, la costruzione, la ristrutturazione e l ampliamento 1. Principio Art. Legge concernente il promovimento, il coordinamento e il finanziamento delle attività a favore delle persone anziane (LAnz) (del 30 novembre 2010) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO 6.4.5.1

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Operatrice sociosanitaria/ con attestato federale di capacità (AFC) del 13 novembre 2008 86911 Operatrice sociosanitaria AFC/ Operatore sociosanitario

Dettagli

Ordinanza d esecuzione del decreto federale inteso a promuovere le cooperative di fideiussione delle arti e mestieri

Ordinanza d esecuzione del decreto federale inteso a promuovere le cooperative di fideiussione delle arti e mestieri Ordinanza d esecuzione del decreto federale inteso a promuovere le cooperative di fideiussione delle arti e mestieri 951.241 del 9 dicembre 1949 (Stato 1 febbraio 2000) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

VISTA la legge 23 novembre 1998, n. 407, recante Nuove norme in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata;

VISTA la legge 23 novembre 1998, n. 407, recante Nuove norme in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata; Concorso pubblico per titoli per l'assegnazione di borse di studio in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, nonché dei loro superstiti, di cui all'articolo 4 della legge

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Assistente d ufficio con certificato federale di formazione pratica (CFP) dell 11 luglio 2007 (stato il 1 febbraio 2012) 68103 Assistente d ufficio

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Falegname CFP Del 1 dicembre 2005 (stato: ) Proposte di modifica del 24.02.2012 30506 Falegname CFP Schreinerpraktikerin/Schreinerpraktiker Aide-menuisière/Aide-menuisier

Dettagli

VISTA la legge 23 novembre 1998, n. 407, recante Nuove norme in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata;

VISTA la legge 23 novembre 1998, n. 407, recante Nuove norme in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata; Concorso pubblico per titoli per l'assegnazione di borse di studio in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, nonché dei loro superstiti, di cui all'articolo 4 della legge

Dettagli

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO (Provincia di Frosinone)

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO (Provincia di Frosinone) COMUNE DI TREVI NEL LAZIO (Provincia di Frosinone) REGOLAMENTO COMUNALE FORNITURA GRATUITA - TOTALE O PARZIALE - DEI LIBRI DI TESTO E ASSEGNAZIONE BORSE DI STUDIO Approvato con Deliberazione C. C. n. 20

Dettagli

uno o due passi Per ottenere una o più prestazioni sociali per lei e la sua famiglia

uno o due passi Per ottenere una o più prestazioni sociali per lei e la sua famiglia Per ottenere una o più prestazioni sociali per lei e la sua famiglia si rechi alla cancelleria del suo comune di domicilio, che la informerà sulle prestazioni sociali cantonali. Non dovrà compilare nessun

Dettagli

COMUNE DI MONTECENERI. Messaggio Municipale No. 115. Risoluzione municipale No. 690. 26 ottobre 2015

COMUNE DI MONTECENERI. Messaggio Municipale No. 115. Risoluzione municipale No. 690. 26 ottobre 2015 COMUNE DI MONTECENERI Messaggio Municipale No. 115 Risoluzione municipale No. 690 26 ottobre 2015 Approvazione dei conti preventivi 2016 del Comune di Monteceneri Egregio Signor Presidente, Gentili signore,

Dettagli

Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline)

Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline) ad 00.403 Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline) Rapporto del 22 febbraio 2002 della Commissione

Dettagli

Codice civile svizzero Avamprogetto (luglio 2012)

Codice civile svizzero Avamprogetto (luglio 2012) Codice civile svizzero Avamprogetto (luglio 2012) (Mantenimento del figlio) Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera; visto il messaggio del Consiglio federale del... 1, decreta:

Dettagli

Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 96 della legge federale del 18 marzo 1994 2 sull assicurazione malattie (legge), 3 ordina:

Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 96 della legge federale del 18 marzo 1994 2 sull assicurazione malattie (legge), 3 ordina: Ordinanza sul calcolo dei costi e la registrazione delle prestazioni da parte degli ospedali, delle case per partorienti e delle case di cura nell assicurazione malattie 1 (OCPre) del 3 luglio 2002 (Stato

Dettagli

Tabella per il calcolo del minimo di esistenza agli effetti del diritto esecutivo

Tabella per il calcolo del minimo di esistenza agli effetti del diritto esecutivo Tabella per il calcolo del minimo di esistenza agli effetti del diritto esecutivo (art. 93 LEF), estratto dal Foglio ufficiale 68/2009 La Camera di esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello, quale

Dettagli

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004)

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) Ordinanza sulla maturità professionale 412.103.1 del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) L Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (Ufficio federale), visto l articolo

Dettagli

Legge federale sull assicurazione per la maternità

Legge federale sull assicurazione per la maternità Termine di referendum: 9 aprile 1999 Legge federale sull assicurazione per la maternità (LAMat) del 18 dicembre 1998 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34 quinquies capoverso

Dettagli

Giorgio Ostinelli La formazione degli insegnanti nella Confederazione Elvetica

Giorgio Ostinelli La formazione degli insegnanti nella Confederazione Elvetica Bergamo, 26 ottobre 2012 Giorgio Ostinelli La formazione degli insegnanti nella Confederazione Elvetica Il sistema educativo in un paese federalista e plurilingue In Svizzera l educazione, dalla scuola

Dettagli

RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO

RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO Ecc.mi Capitani Reggenti, On.li Membri del Consiglio Grande e Generale Con il provvedimento che sottoponiamo al Consiglio Grande

Dettagli

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV)

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) 4.3.3.1.5. Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) del 10 giugno 1999 1. Statuto Le scuole universitarie d arti visive 1 e d arti applicate (SUAAV) rientrano nella

Dettagli

Ordinanza sulla promozione dello sport e dell'attività fisica (Ordinanza sulla promozione dello sport)

Ordinanza sulla promozione dello sport e dell'attività fisica (Ordinanza sulla promozione dello sport) 470.00 Ordinanza sulla promozione dello sport e dell'attività fisica (Ordinanza sulla promozione dello sport) del 7 luglio 05 (stato agosto 05) emanata dal Governo il 7 luglio 05 visto l'art. 45 della

Dettagli

Ordinanza sugli aiuti finanziari alle organizzazioni che concedono fideiussioni alle piccole e medie imprese

Ordinanza sugli aiuti finanziari alle organizzazioni che concedono fideiussioni alle piccole e medie imprese Spiegazioni relative all avamprogetto del 3 novembre 2006 Sezione 1: Procedura di riconoscimento (art. 1 e 2) Questa sezione contiene le disposizioni esecutive concernenti il riconoscimento delle organizzazioni

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Regolamento concernente l'erogazione di sussidi dal finanziamento speciale lotteria intercantonale * (Regolamento sulla lotteria, RFL)

Regolamento concernente l'erogazione di sussidi dal finanziamento speciale lotteria intercantonale * (Regolamento sulla lotteria, RFL) 70.600 Regolamento concernente l'erogazione di sussidi dal finanziamento speciale lotteria intercantonale * (Regolamento sulla lotteria, RFL) del 7 marzo 998 (stato dicembre 0) emanato dal Governo il 7

Dettagli

L A C O N F E R E N Z A L A T I N A D E I C A P I D E I D I P A R T I M E N T I D I G I U S T I Z I A E P O L I Z I A (CLDGP)

L A C O N F E R E N Z A L A T I N A D E I C A P I D E I D I P A R T I M E N T I D I G I U S T I Z I A E P O L I Z I A (CLDGP) L A C O N F E R E N Z A L A T I N A D E I C A P I D E I D I P A R T I M E N T I D I G I U S T I Z I A E P O L I Z I A (CLDGP) Decisione del 25 settembre 2008 relativa alla remunerazione e alle indennità

Dettagli

Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO

Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO 1 Sommario Criteri per l attribuzione di borse di studio...

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo sul futuro finanziamento delle Scuole europee (2002/2083 (INI))

Risoluzione del Parlamento europeo sul futuro finanziamento delle Scuole europee (2002/2083 (INI)) P5_TA-PROV(2002)0605 Finanziamento futuro delle scuole europee Risoluzione del Parlamento europeo sul futuro finanziamento delle Scuole europee (2002/2083 (INI)) Il Parlamento europeo, visto l articolo

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

NOI CON. Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione.

NOI CON. Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione. NOI CON VIi VOi Il nostro impegno e le nostre prestazioni per voi. Gli uffici regionali di collocamento e le casse di disoccupazione. Una campagna dell Assicurazione contro la disoccupazione in collaborazione

Dettagli

Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008)

Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) 5.1.7.2 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati la Legge sulle scuole medie superiori del 26 maggio 1982 e il relativo Regolamento

Dettagli

Introduzione del principio di causalità nella copertura dei costi di smaltimento dei rifiuti solidi urbani

Introduzione del principio di causalità nella copertura dei costi di smaltimento dei rifiuti solidi urbani Controprogetto del Consiglio di Stato in risposta all iniziativa parlamentare del 19.10.2009 Per l introduzione della tassa sul sacco cantonale, modifica parziale della LALPAmb Introduzione del principio

Dettagli

(Legge sulla formazione professionale, LFPr) del 13 dicembre 2002 (Stato 1 gennaio 2012)

(Legge sulla formazione professionale, LFPr) del 13 dicembre 2002 (Stato 1 gennaio 2012) Legge federale sulla formazione professionale (Legge sulla formazione professionale, LFPr) 412.10 del 13 dicembre 2002 (Stato 1 gennaio 2012) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l

Dettagli

Comune di Malborghetto-Valbruna Provincia di Udine

Comune di Malborghetto-Valbruna Provincia di Udine Comune di Malborghetto-Valbruna Provincia di Udine VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ANNO 2014 N. 97 del Reg. Delibere OGGETTO: REQUISITI E CRITERI PER ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER L'ACQUISTO

Dettagli

ACCORDO INTERCANTONALE SULL'ARMONIZZAZIONE DEI CRITERI PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO

ACCORDO INTERCANTONALE SULL'ARMONIZZAZIONE DEI CRITERI PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO ACCORDO INTERCANTONALE SULL'ARMONIZZAZIONE DEI CRITERI PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO Commento 18 giugno 2009 Indice 1. Parte generale 1.1 Introduzione 1.2 Necessità di armonizzare le borse di

Dettagli

Consultazione sul progetto di nuova Legge sulla pedagogia speciale

Consultazione sul progetto di nuova Legge sulla pedagogia speciale Consultazione sul progetto di nuova Legge sulla pedagogia speciale Il Partito Socialista prende posizione sul progetto di Legge sulla pedagogia speciale, elaborato dalla commissione ad hoc incaricata dal

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Disegnatrice/Disegnatore con attestato federale di capacità (AFC) nel campo professionale pianificazione del territorio e della costruzione del

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Operatrice pubblicitaria/operatore pubblicitario con attestato federale di capacità (AFC) del 20 dicembre 2005 (Stato 26 febbraio 2007) 53106 Operatrice

Dettagli

Ordinanza sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali

Ordinanza sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali Ordinanza sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali (OPGA) 830.11 dell 11 settembre 2002 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 81 della legge federale

Dettagli

Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 Legge federale sugli stranieri

Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 Legge federale sugli stranieri Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 (LStr) (Integrazione) e-parl 08.01.2014 15:39 Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

Maternità e lavoro Agevolare i genitori al lavoro e non disperdere esperienze e competenze. Comunicato

Maternità e lavoro Agevolare i genitori al lavoro e non disperdere esperienze e competenze. Comunicato Maternità e lavoro Agevolare i genitori al lavoro e non disperdere esperienze e competenze Comunicato La Svizzera soffre, come altri paesi, di mancanza di personale qualificato. La diagnosi è chiara e

Dettagli

6065 6 maggio 2008 EDUCAZIONE, CULTURA E SPORT

6065 6 maggio 2008 EDUCAZIONE, CULTURA E SPORT 6065 6 maggio 2008 EDUCAZIONE, CULTURA E SPORT Rapporto del Consiglio di Stato sulla mozione 21 gennaio 2008 presentata da Norman Gobbi, Boris Bignasca e Lorenzo Quadri Borse di studio: togliere gli assegni

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 25/09/2002 1712 2 OGGETTO: Legge n. 338/2000 L.R. n. 38/1996. Indirizzi agli sulle modalità di finanziamento dei progetti per la realizzazione di nuovi alloggi per studenti universitari

Dettagli

11.1.3.2. Pubblicato nel BU 2008, 212. Oggetto. Scopo. Organi. Competenza. serie I/2008 1

11.1.3.2. Pubblicato nel BU 2008, 212. Oggetto. Scopo. Organi. Competenza. serie I/2008 1 11.1.3.2 Convenzione intercantonale sulla sorveglianza, l autorizzazione e la ripartizione dei proventi delle lotterie e delle scommesse gestite sul piano intercantonale o su tutto il territorio della

Dettagli

Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione

Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione (OFAD) 837.141 del 31 gennaio 1996 (Stato 12 marzo 2002) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 109 della legge del 25

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Impiegata del commercio al dettaglio/ Impiegato del commercio al dettaglio con attestato federale di capacità (AFC) 1 dell 8 dicembre 2004 (stato

Dettagli

Analisi della Bozza Decreto D.S.U.

Analisi della Bozza Decreto D.S.U. Analisi della Bozza Decreto D.S.U. Analizziamo in questo documento la bozza dello Schema di Decreto Ministeriale Determinazione dei livelli essenziali e requisiti di eleggibilità delle prestazioni per

Dettagli

nell'adunanza del 20 febbraio 2008

nell'adunanza del 20 febbraio 2008 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 3 /2008 nell'adunanza del 20 febbraio 2008 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

Su richiesta motivata degli offerenti, le forfettarie possono venire riesaminate e adeguate.

Su richiesta motivata degli offerenti, le forfettarie possono venire riesaminate e adeguate. Ordinanza sui sussidi a fornitori di prestazioni senza finanziamento del disavanzo nella formazione professionale e nelle offerte di formazione continua (Ordinanza sui sussidi) del 5 febbraio 008 (stato

Dettagli

Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà

Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà FONDO DI SOLIDARIETÀ A FAVORE DEI DIPENDENTI DI AMOS SCRL Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà Art. 1 Tipologia dei trattamenti di solidarietà 1. I trattamenti del fondo di solidarietà

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale

Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale (RSPPF) del 31 agosto 2010 Il Tribunale penale federale, visti gli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL CONCORSO SPESE SCOLASTICHE, PREMI SCOLASTICI E BORSE DI STUDIO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL CONCORSO SPESE SCOLASTICHE, PREMI SCOLASTICI E BORSE DI STUDIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL CONCORSO SPESE SCOLASTICHE, PREMI SCOLASTICI E BORSE DI STUDIO ART. 1 SCOPO DELL ATTIVITÀ L ARCA, fra le sue attività istituzionali, persegue l obiettivo di favorire

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

Capitolo II Ammissione e promozione

Capitolo II Ammissione e promozione Regolamento sulla maturità professionale (del aprile 000) ultima modifica: cfr. Bollettino ufficiale 11/007/.0.007...1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti: - la Legge federale

Dettagli

Ordinanza 418.01 concernente il promovimento dell'istruzione dei giovani Svizzeri all'estero

Ordinanza 418.01 concernente il promovimento dell'istruzione dei giovani Svizzeri all'estero Ordinanza 418.01 concernente il promovimento dell'istruzione dei giovani Svizzeri all'estero (Ordinanza sull'istruzione degli Svizzeri all'estero, OISE) del 29 giugno 1988 (Stato il 1 ottobre 1996) Il

Dettagli

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr)

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) 3.6. Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) del 22 giugno 2006 I. Disposizioni generali Art.

Dettagli

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (OTDis) del 12 novembre 2003 (Stato 22 dicembre 2003) Il Consiglio federale svizzero, visti gli

Dettagli

Regolamento concernente gli esami per l ottenimento del Diploma cantonale di. Pizzaiolo/a

Regolamento concernente gli esami per l ottenimento del Diploma cantonale di. Pizzaiolo/a Regolamento concernente gli esami per l ottenimento del Diploma cantonale di Pizzaiolo/a Stato al 5 novembre 2014 Regolamento concernente gli esami per l ottenimento del Diploma cantonale di Pizzaiolo/a

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) 418.01 del 28 novembre 2014 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti

Dettagli

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino

Assessore alla Formazione professionale Istruzione ed Edilizia scolastica Provincia di Torino Benvenuta! Benvenuto! Le scuole di Torino e provincia ti aspettano: andare a scuola è un tuo diritto, ma anche un dovere. Conoscere i propri diritti e sapere come accedere ai servizi è fondamentale per

Dettagli

della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale)

della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale) di minoranza 4802 R2 17 novembre 1999 FINANZE E ECONOMIA della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale) Il Consiglio

Dettagli

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Repubblica e Cantone 340 Ticino Estratto Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Volume 134 Bellinzona, 27 giugno 34/2008 Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) IL CONSIGLIO

Dettagli

Decisioni del Consiglio nazionale del 19.6.2014 Codice civile svizzero

Decisioni del Consiglio nazionale del 19.6.2014 Codice civile svizzero Decisioni del Consiglio nazionale del 19.6.2014 Codice civile svizzero (Mantenimento del figlio) e-parl 26.06.2014 11:15 Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER IL DIRITTOALLO STUDIO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina gli interventi del Comune

Dettagli

Modena e Reggio Emilia 2014/2015

Modena e Reggio Emilia 2014/2015 SEDE TERRITORIALE DI Modena e Reggio Emilia 2014/2015 Bando per la concessione di: Borse di studio Servizi residenziali Servizi ristorativi Contributi di mobilità internazionale Interventi straordinari

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 2 novembre 2010 28404 Imbottitrice di mobili AFC/Imbottitore di mobili AFC Industriepolsterin EFZ/Industriepolsterer

Dettagli

Codice civile svizzero

Codice civile svizzero Codice civile svizzero (Mantenimento del figlio) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 29 novembre 2013 1, decreta: I Il

Dettagli

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE Approvato con D.C.C. n. 169 del 09.11.1995 e D.C.C. n. 6 del 13.02.1996 esecutive FINALITÀ Art. 1 1. La legge 142/90 e lo Statuto Comunale pongono a carico delle

Dettagli

852.1 Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero

852.1 Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero (LAPE) 1 del 21 marzo 1973 (Stato 1 gennaio 2010) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli