LE TECNOLOGIE ITALIANE PER IL RICICLO MECCANICO DELLE MATERIE PLASTICHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE TECNOLOGIE ITALIANE PER IL RICICLO MECCANICO DELLE MATERIE PLASTICHE"

Transcript

1 LE TECNOLOGIE ITALIANE PER IL RICICLO MECCANICO DELLE MATERIE PLASTICHE Oreste Pasquarelli D.1

2 RICICLO MECCANICO IMPIANTI ITALIANI Il settore è molto sviluppato come selezione dei diversi materiali e come lavaggio e produzione di scaglie e granuli le fonti dei materiali sono i rifiuti solidi urbani e i beni durevoli a fine vita i prodotti riciclati sono materie prime affidabili poiché le prestazioni devono rispondere ai requisiti delle norme UNI D.2

3 DIRETTIVA 2008/98/CE RIFIUTI - OBIETTIVI Privilegiare riutilizzo, riuso e riciclo per aiutare la CE ad avvicinarsi a una società del riciclaggio la produzione di rifiuti prodotti dovrà essere ridotta e i rifiuti utilizzati come risorse la gerarchia dei rifiuti costituisce l ordine di priorità della normativa e della politica nel settore dei rifiuti (articolo 4 D.3

4 GERARCHIA DEI RIFIUTI Prevenzione: progettazione imballaggi ed elementi costruttivi di beni utilizzando correttamente i materiali e progettando per il riciclo e riuso riuso e riciclaggio meccanico: predisposizione al riuso per beni durevoli e al riciclo per imballaggi recupero: per termovalorizzazione con recupero di energia e per biodegradazione o compostaggio smaltimento: residui avviati alla discarica D.4

5 SELEZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Esempi di linee di separazione a Grugliasco (TO è in funzione un impianto che tratta ton/anno di rifiuti urbani da raccolta differenziata D.5

6 TECNOLOGIE DI RICICLO Impianti progettati per i seguenti tipi di plastica post-consumo: linee per riciclare bottiglie di PET e produrre scaglie o granuli di polimero da a kg/h linee per riciclare film industriali, agricoli di LDPE da 300 a kg/h linee progettate appositamente per riciclare pezzi di grandi dimensioni stampati a iniezione o prodotti per estrusione soffiaggio di HDPE (taniche, fusti, pezzi realizzati per stampaggio rotazionale da 500 a kg/h D.6

7 RICICLO DI BOTTIGLIE DI PET - ESEMPIO Materiale di partenza: balle di bottiglie dimensioni circa 1 mc e peso kg D.7

8 RICICLO DI BOTTIGLIE PET Fasi del processo 1500 kg/h impianto modulare BOTTIGLIE SCAGLIE WET SCAGLIE DRY Apertura balle Lavaggio a caldo Essiccamento Trattamento a secco Risciacquo Depolverazione Pre-lavaggio Flottazione HDPE Miscelazione Selezione Risciacquo Imballaggio Macinazione D.8

9 RICICLO DI BOTTIGLIE PET Prodotti estranei TIPI ACCETTABILI CRITICI Bottiglie non PET HDPE PP PVC PC PETG Chiusure HDPE PP Alluminio, metalli Inorganici Sabbia, terra, ghiaia Metalli Etichette Carta BOPP PVC PS Guarnizioni Nessuna EVA PVC P Residui liquidi Tipi comuni Tossici Strati barriera Nessuno Strato PA D.9

10 RICICLO DI BOTTIGLIE PET Caratteristiche delle scaglie R.PET CARATTERISTICHE UNITA VALORI I.V. Viscosità Intrinseca g/dl 0,70 0,80 Residui colle, hot-melt ppm 0 10 Residui poliolefine ppm 0 10 Residui PVC ppm 0 20 Residui carta ppm 0 10 Residuo umidità % 0,6 0,7 Granulometria %/mm 95% 5-8 mm Polveri fini %/mm 1% < 1 mm D.10

11 RICICLO DI BOTTIGLIE PET Consumi e manodopera kg/r.pet UTILITIES UNITA CONSUMI kg/r.pet Energia elettrica kw/kg 0,23 0,27 Vapore kcal/kg 250 lavaggio 200 pre-lavaggio Acqua di processo l/kg 1,5 5 Detergenti grado di sporco Aria compressa N.mc/h 1 3 per impianto N.mc/h 0,8 1 detettori Manodopera 3 x turno D.11

12 R.PET PER USI ALIMENTARI 1 R.PET per usi alimentari è stato regolamentato da diversi Paesi (Francia, Germania, Olanda, Belgio. Le regole per permetterne l impiego sono: le bottiglie post-consumo devono aver contenuto solo liquidi alimentari i granuli devono aver subito un challenge-test per verificare l efficienza del trattamento di depurazione da sostanze indesiderate a livello CE, è stato pubblicato il Regolamento n 282/2008 che prevede la valutazione delle domande da EFSA D.12

13 R.PET PER USI ALIMENTARI 2 L Italia aveva un divieto esplicito di impiego di riciclati plastici a contatto con alimenti (D.M. 21 marzo 1973, articolo 13 che ha subito una modifica nel 2010 Decreto 18 maggio 2010 che inserisce l articolo 13-ter che prevede l uso del R.PET previo challenge-test soltanto per il confezionamento di acque minerali nella misura massima del 50% le decisioni dell EFSA relativamente alle domande presentate non sono ancora state pubblicate, pertanto i tipi di R.PET food-grade utilizzabili sono quelli prodotti dai Paesi che hanno una specifica legislazione D.13

14 NORME UNI Riciclo materie plastiche 1 Generalità 9 PET foglie 2 LDPE Polietilene 10 PS Polistirene 3 PP Polipropilene 11 LDPE film agricolo 4 PVC Bottiglie 12 EPS Polistirene espanso 5 PVC plastificato 13 BMC + SMC cariche 6 PVC serramenti 14 Plastica fonoassorbenti 7 PET fibre 15 PET riciclo chimico 8 PET bottiglie 16 Poliolefine miste D.14

15 CONCLUSIONI L Italia è un Paese leader nel settore della costruzione di impianti di riciclo ed ha una importante capacità installata D.15

16 COSTRUTTORI ITALIANI I costruttori italiani di linee per il riciclo di materie plastiche e gomma sono: AMUT, COMAC, GAMMA MECCANICA, ICMA SAN GIORGIO, PREVIERO/SOREMA, REG-MAC, TECNODINAMICA, TECNOVA, D.16

17 ORIGINALITA ITALIANA Grazie! Per ulteriori informazioni: telefax: D.17

Il trattamento di recupero dei materiali che dà più valore alla raccolta differenziata

Il trattamento di recupero dei materiali che dà più valore alla raccolta differenziata Il trattamento di recupero dei materiali che dà più valore alla raccolta differenziata SRI SOCIETA RECUPERO IMBALLAGGI SRI è il punto di avvio di un ciclo di valorizzazione che porta alla creazione di

Dettagli

Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata

Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata Flavio Deflorian Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e Tecnologie Industriali, Università di Trento, Via Mesiano

Dettagli

Il riciclo delle materie plastiche (Proposta di un percorso tecnico) (1)

Il riciclo delle materie plastiche (Proposta di un percorso tecnico) (1) 32 UT 6/2011 AMBIENTE Il riciclo delle materie plastiche (Proposta di un percorso tecnico) (1) di Alberto Pierobon * Stante quanto ribadito dalla nuova versione degli artt. 184-bis e 184-ter del decreto

Dettagli

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2.

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2. Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0 - Protocollo - INDICE Il Consorzio PolieCo 2 Scopo del Protocollo 2 Definizioni 3 1 Marchio base/marchio Base Mix (KM0 KM0 MIX) 3 2 Marchio Oro (KM0

Dettagli

BILANCIO ECONOMICO DEL RICICLO DELLE MATERIE PLASTICHE

BILANCIO ECONOMICO DEL RICICLO DELLE MATERIE PLASTICHE UNIONpLAST Gruppo riciclatori BILANCIO ECONOMICO DEL RICICLO DELLE MATERIE PLASTICHE MARINO LAMPERTI FEDERAZIONE GOMMA PLASTICA CONVEGNO ENEA 19 NOVEMBRE 2013 Bilancio economico del riciclo di Materie

Dettagli

L UTILIZZO DEI MATERIALI RECUPERATI NELL INDUSTRIA DELLA PLASTICA IL CASO ERREPLAST

L UTILIZZO DEI MATERIALI RECUPERATI NELL INDUSTRIA DELLA PLASTICA IL CASO ERREPLAST L UTILIZZO DEI MATERIALI RECUPERATI NELL INDUSTRIA DELLA PLASTICA IL CASO ERREPLAST Antonio Diana INTRODUZIONE La rigenerazione delle materie plastiche in Italia è nata negli anni 50 per recuperare scarti

Dettagli

CONVEGNO Gli imballaggi in plastica per l industria alimentare tra innovazione e sostenibilità Venerdì 26 Settembre 2008 Castello di San Gaudenzio

CONVEGNO Gli imballaggi in plastica per l industria alimentare tra innovazione e sostenibilità Venerdì 26 Settembre 2008 Castello di San Gaudenzio CONVEGNO Gli imballaggi in plastica per l industria alimentare tra innovazione e sostenibilità Venerdì 26 Settembre 2008 Castello di San Gaudenzio Realtà e prospettive degli imballaggi in plastica per

Dettagli

CODICI E SIMBOLI DELLE TIPOLOGIE DI MATERIALI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Per rendere più chiaro ed immediato riconoscere quali rifiuti possono essere riciclati ed in che modo vanno raccolti in maniera

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

SORTICANTER FLOTTWEG Innovazione nella tecnologia della centrifugazione per riciclare la plastica

SORTICANTER FLOTTWEG Innovazione nella tecnologia della centrifugazione per riciclare la plastica SORTICANTER FLOTTWEG Innovazione nella tecnologia della centrifugazione per riciclare la plastica I RIFIUTI SI CONVERTONO IN RISORSE Quando imballaggi leggeri, fibre plastiche e rifiuti plastici provenienti

Dettagli

il ciclo della carta

il ciclo della carta il ciclo della carta 6 Prodotti a seconda della carta recuperata (giornali, cartoni, carta mista) si ottengono prodotti diversi: carta da imballo e da scrittura, cartoni, cartoncini e altri tipi la carta

Dettagli

Ciclo carta e cartone

Ciclo carta e cartone Ciclo carta e cartone la carta e il cartone inseriti negli appositi contenitori vengono prelevati dal gestore del servizio 6 PRODOTTI a seconda della carta recuperata (giornali, cartoni, carta mista) si

Dettagli

LINEA BIOF3< IMBALLAGGI FLESSIBILI IN POLIETILENE

LINEA BIOF3< IMBALLAGGI FLESSIBILI IN POLIETILENE > LINEA BIOF3< IMBALLAGGI FLESSIBILI IN POLIETILENE > LINEA BIOF3< Gli shoppers e i sacchi della nostra Linea BIOF3 sono realizzati in coestrusione a tre strati, utilizzando solo materiali certificati,

Dettagli

Materiali, risorse e ambiente: le tecnologie di riciclo dei materiali

Materiali, risorse e ambiente: le tecnologie di riciclo dei materiali Facoltà di Ingegneria Corso di laure di Ingegneria Industriale Attività seminariali Nuovi Materiali per le Tecnologie del Futuro Materiali, risorse e ambiente: le tecnologie di riciclo dei materiali Prof.

Dettagli

CONVEGNO IIP I MARCHI DI QUALITA DI PRODOTTO E LE CERTIFICAZIONI COME GARANZIA PER LO SVILUPPO COMPETITIVO DELLE IMPRESE E LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE

CONVEGNO IIP I MARCHI DI QUALITA DI PRODOTTO E LE CERTIFICAZIONI COME GARANZIA PER LO SVILUPPO COMPETITIVO DELLE IMPRESE E LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE CONVEGNO IIP I MARCHI DI QUALITA DI PRODOTTO E LE CERTIFICAZIONI COME GARANZIA PER LO SVILUPPO COMPETITIVO DELLE IMPRESE E LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE PLAST FIERA MILANO RHO 10 MAGGIO 2012 Marino Lamperti

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DEL MATERIALE E SPECIFICHE MERCEOLOGICHE

1. INDIVIDUAZIONE DEL MATERIALE E SPECIFICHE MERCEOLOGICHE 1. INDIVIDUAZIONE DEL MATERIALE E SPECIFICHE MERCEOLOGICHE 1.1 NOME COMMERCIALE COMPLETO E NUMERO DI RIFERIMENTO VOCE n. 402 POLIETILENE A BASSA DENSITA RICICLATO (RLDPE) GRANULO PER FILM NEUTRO 1.2 TIPOLOGIA

Dettagli

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15 Disegno di legge C. 2093 "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali (collegato alla legge di stabilità 2014)"

Dettagli

SEMINARIO organizzato da ISTITUTO ITALIANO dei PLASTICI

SEMINARIO organizzato da ISTITUTO ITALIANO dei PLASTICI SEMINARIO organizzato da ISTITUTO ITALIANO dei PLASTICI Il nuovo sistema di qualificazione degli imballaggi e dei manufatti a contatto con sostanze alimentari Materiali riciclati a contatto con alimenti

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

Il Caso di Studio della Plastica

Il Caso di Studio della Plastica Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio della Plastica Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DELLA PLASTICA...4 3. IL RUOLO DEL

Dettagli

La nuova vita per i rifiuti in plastica e gomma

La nuova vita per i rifiuti in plastica e gomma La nuova vita per i rifiuti in plastica e gomma Produzione di materie prime secondarie e possibili applicazioni mercoledì 16 febbraio 2011 ore 15,15 Sala Biagi Cna Bologna Viale A.Moro 22 Bologna La nuova

Dettagli

Liquid Handling & Filling Milano, 10 Febbraio 2015. Bosi Giuseppe

Liquid Handling & Filling Milano, 10 Febbraio 2015. Bosi Giuseppe Liquid Handling & Filling Milano, 10 Febbraio 2015 Bosi Giuseppe ErgoBloc L Soffiaggio etichettatura riempimento: il blocco per bottiglie PET 3 krones Lean production di bottiglie PET State cercando Volete

Dettagli

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio Del Vecchio-Governatori Riciclaggio 1 Il problema della gestione dei rifiuti Il problema della gestione dei rifiuti è diventato sempre più rilevante: la crescita dei consumi e dell'urbanizzazione hanno

Dettagli

SCHEDA TECNICA RELATIVA A TRAFILATI OTTENUTI DAL PROCESSO DI RECUPERO DI ECO LIFE SRL ECO TRAFILATI

SCHEDA TECNICA RELATIVA A TRAFILATI OTTENUTI DAL PROCESSO DI RECUPERO DI ECO LIFE SRL ECO TRAFILATI SCHEDA TECNICA RELATIVA A TRAFILATI OTTENUTI DAL PROCESSO DI RECUPERO DI ECO LIFE SRL ECO TRAFILATI derivanti dalla raccolta differenziata post-consumo di rifiuti solidi urbani SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO

Dettagli

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie :

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie : COREPLA, il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica, nasce con il Decreto Legislativo 22/97 per organizzare la raccolta dei rifiuti di imballaggi

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Massimo Centemero Direttore Tecnico Consorzio Italiano Compostatori centemero@compost.it zanardi@compost.it

Massimo Centemero Direttore Tecnico Consorzio Italiano Compostatori centemero@compost.it zanardi@compost.it Composabilità Milano, 23 gennaio 2008 Massimo Centemero Direttore Tecnico Consorzio Italiano Compostatori centemero@compost.it zanardi@compost.it Il Consorzio Italiano Compostatori riunisce imprese, enti

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI MATERIALI

RECUPERO E RICICLO DEI MATERIALI corso di : RECUPERO E RICICLO DEI MATERIALI...polimerici!!! Dr. Paola Fabbri Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia Tel. 059-2056202 email: fabbri.paola@unimore.it

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

La filiera degli imballaggi compostabili

La filiera degli imballaggi compostabili IV Forum Interregionale sul Compostaggio 5 marzo 2008 Torino La filiera degli imballaggi compostabili Werner Zanardi Focus qualità dell ammendante compostato il problema delle plastiche nella FORSU standard

Dettagli

I.L.P.A. S.r.l. ILPA srl. di ILPA srl. L organizzazione. DIVISIONE MP3 M. Garagnani (General. DIVISIONE ILIP A. Sibani Manager) Prodotti completi

I.L.P.A. S.r.l. ILPA srl. di ILPA srl. L organizzazione. DIVISIONE MP3 M. Garagnani (General. DIVISIONE ILIP A. Sibani Manager) Prodotti completi L organizzazione di ILPA srl ILPA srl DIVISIONE MP3 M. Garagnani (General Manager) Prodotti semi-lavorati DIVISIONE ILIP A. Sibani (General Manager) Prodotti completi Lo stabilimento MP3 Lo stabilimento

Dettagli

Tabella 1 Consumo di materie plastiche in Canada: 2000 2014

Tabella 1 Consumo di materie plastiche in Canada: 2000 2014 Tabella 1 Consumo di materie plastiche in Canada: 2000 2014 Anno Tonnellate Indice 2000 = 100 2000 5.650.000 100 2003 5.825.000 103,1 2004 5.960.000 105,5 2005 6.354.000 112,5 2006 6.235.000 110,3 2007

Dettagli

IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA

IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA La raccolta differenziata degli imballaggi in plastica in Italia Nel corso del 2006 in Italia sono state recuperate più di un milione di tonnellate

Dettagli

Recycling: Corepla points to a million tonnes collected

Recycling: Corepla points to a million tonnes collected Recycling: Corepla points to a million tonnes collected The objective could be achieved next year according to the president of the Consortium Giorgio Quagliuolo. Riciclo: Corepla punta al milione di tonnellate

Dettagli

GELSIA AMBIENTE SRL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA SACCHI PER RACCOLTA DIFFERENZIATA

GELSIA AMBIENTE SRL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA SACCHI PER RACCOLTA DIFFERENZIATA GELSIA AMBIENTE SRL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA SACCHI PER RACCOLTA DIFFERENZIATA Caratteristiche dei sacchi e della fornitura: Il presente capitolato prevede la fornitura di 15.623.500 sacchi

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Progetto. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti. Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa

Progetto. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti. Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Torino, 8 ottobre 2013 Francesca Ilgrande Quanti rifiuti da imballaggio in un anno?

Dettagli

Linee guida per la valutazione dell idoneità al contatto con alimenti del packaging realizzato con materiale proveniente da riciclo

Linee guida per la valutazione dell idoneità al contatto con alimenti del packaging realizzato con materiale proveniente da riciclo Linee guida per la valutazione dell idoneità al contatto con alimenti del packaging realizzato con materiale proveniente da riciclo INDICE Prefazione 19 Premessa 21 Scopo 29 Campo di applicazione 29 Destinatari

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Ecodesign e innovazione di prodotto. Casi studio di polimeri riciclati

Ecodesign e innovazione di prodotto. Casi studio di polimeri riciclati Arc. Marco Capellini Ecodesign e innovazione di prodotto. Casi studio di polimeri riciclati MATREC EcoMaterial database MATREC EcoMaterial database èla prima banca dati Made in Italy di eco design internazionale

Dettagli

La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA

La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA QUANTA ACQUA IN BOTTIGLIA SI CONSUMA IN ITALIA? Il consumo nazionale di acqua in bottiglia è molto elevato: nel 2007, gli italiani ne hanno acquistato 12,4 miliardi

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Liquid Handling & Filling. Materiali: focus sul PET (riciclato e non)

Liquid Handling & Filling. Materiali: focus sul PET (riciclato e non) Liquid Handling & Filling 10 febbraio 2015 Materiali: focus sul PET (riciclato e non) G. Vestrucci Pack Co. Srl Indice: 1. Il Regolamento (EU) n. 10/2011 riguardante i materiali e gli oggetti di materia

Dettagli

MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI AGGIORNAMENTI NORMATIVI

MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI AGGIORNAMENTI NORMATIVI AGGIORNAMENTI NORMATIVI Marino Lamperti Federazione Gomma Plastica Area Tecnico Scientifica MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL AGGIORNAMENTI NORMATIVI > Stato attuativo del Regolamento (CE) N. relativo

Dettagli

Recycling & Horticultural Packaging Systems

Recycling & Horticultural Packaging Systems Recycling & Horticultural Packaging Systems 1 Overview AMP Recycling - Ferrara Fondazione 1962 Dipendenti 570 Fatturato 2012 195 M (+10%) Fatturato 2013 200 M (+2,5%) ILIP e MP3 - Valsamoggia Loc. Bazzano

Dettagli

La leggerezza per la sostenibilità ambientale, economica, sociale

La leggerezza per la sostenibilità ambientale, economica, sociale La leggerezza per la sostenibilità ambientale, economica, sociale Riciclo e recupero: Norme e Leggi Oreste Pasquarelli - UNIPLAST 1 DIRETTIVE del PARLAMENTO EUROPEO e del CONSIGLIO Le Direttive che riguardano

Dettagli

tecnica di essiccazione

tecnica di essiccazione tecnica di essiccazione we process the future Tecnica del trattamento di materiali I COMPITI L operazione tecnica dell essiccazione costituisce una fase importante in molti processi industriali. Vari materiali

Dettagli

PROGRAMMA DI FORNITURA

PROGRAMMA DI FORNITURA PROGRAMMA DI FORNITURA Pezzi di avvio di grossa dimensione e componenti con pareti ad elevato spessore, fibre, film in pacchi, rimanenze di cavi La serie è versatile e particolarmente adatta a grandi prestazioni.

Dettagli

Rifiuti. RSA Provincia di Milano. Rifiuti

Rifiuti. RSA Provincia di Milano. Rifiuti RSA Provincia di Milano Rifiuti La normativa affida la gestione dei rifiuti urbani ai Comuni mentre alla Provincia spettano, oltre ai compiti di controllo, anche quelli di programmazione e di coordinamento

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO Tesi di Laurea SMALTIMENTO E RIUTILIZZO DEL MATERIALE

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate.

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate. CATEGORIA 2 RACCOLTA E TRASPORTO DO RIFIUTI NON PERICOLOSI INDIVIDUATI AI SENSI DELL ARTICOLO 33 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 FEBBRAIO 1997, N. 22, AVVIATI AL RECUPERO IN MODO EFFETTIVO ED OGGETTIVO. IMPRESA:

Dettagli

Raccolta differenziata della plastica e risparmio energetico

Raccolta differenziata della plastica e risparmio energetico Raccolta differenziata della plastica e risparmio energetico Ognuno di noi produce circa 30 kg di plastica ogni anno: se questa plastica fosse completamente riciclata, in un comune di 35.000 abitanti si

Dettagli

Intervento ipotizzato per i quantitativi stimati in circa 80.125 ton delle Province di NUORO, ORISTANO e OGLIASTRA

Intervento ipotizzato per i quantitativi stimati in circa 80.125 ton delle Province di NUORO, ORISTANO e OGLIASTRA PROPOSTA PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLE FRAZIONI SECCHE DEI RIFIUTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA costituite da IMBALLAGGI e FRAZIONE SECCA RESIDUA FINALIZZATO ALLA PRODUZIONE DI MATERIE PRIME SECONDE Intervento

Dettagli

IMBALLAGGI IN MATERIA PLASTICA RIGIDI PER ALIMENTI INNOVAZIONI E MERCATO

IMBALLAGGI IN MATERIA PLASTICA RIGIDI PER ALIMENTI INNOVAZIONI E MERCATO IMBALLAGGI IN MATERIA PLASTICA RIGIDI PER ALIMENTI INNOVAZIONI E MERCATO Castello S.Gaudenzio 26/09/08 Gruppo famigliare, con 50 anni di esperienza LEADER ITALIANO nella produzione di IMBALLAGGI RIGIDI

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli

Analisi del livello di riciclabilità di imballaggi cellulosici

Analisi del livello di riciclabilità di imballaggi cellulosici INNOVHUB - STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA Divisione Carta Analisi del livello di riciclabilità di imballaggi cellulosici Daniele Bussini-Milano -30 Gennaio 2013 1 UNI EN 13430-2005 UNI EN 13430-2005:

Dettagli

Trasportatori Meccanici A Nastro

Trasportatori Meccanici A Nastro I N O S T R I T R A S P O R T A T O R I A N A S T R O P E R L ' I M P I E G O P E S A N T E Piena Affidabilità Nel Trasporto Delle Grandi Portate Su Lunghe Distanze Per essere performante e sicuro, un

Dettagli

I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità

I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità Giacomo Scarascia Mugnozza Dipartimento di Progettazione e Gestione dei Sistemi Agro-zootecnici e Forestali Università di Bari I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità Bologna 12 Novembre

Dettagli

PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE

PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE LA PREVENZIONE: LA PRIMA OPPORTUNITÀ La produzione di rifiuti rappresenta una perdita di risorse materiali e d'energia. Circa un terzo delle risorse usate in Europa viene

Dettagli

La filiera selezione+riciclo_parte I_le plastiche

La filiera selezione+riciclo_parte I_le plastiche Corso di Impianti di Trattamento dei Rifiuti Solidi Laurea Specialistica in Scienze e Tecnologie Ambientali, a.a. 2015 16 La filiera selezione+riciclo_parte I_le plastiche prof. ing. Umberto Arena Dipartimento

Dettagli

Tabella 1 Consumo di materie plastiche in Romania: (1) Anno Tonnellate Indice 2000 =

Tabella 1 Consumo di materie plastiche in Romania: (1) Anno Tonnellate Indice 2000 = Tabella 1 Consumo di materie plastiche in Romania: 2000 2014 (1) Anno Tonnellate Indice 2000 = 100 2000 390.000 100 2001 395.000 101,3 2002 420.000 107,7 2003 544.000 139,5 2004 618.000 158,5 2005 630.000

Dettagli

Consorzio volontario CORIPET:

Consorzio volontario CORIPET: Consorzio volontario CORIPET: la prima filiera chiusa del PET Napoli, 7 novembre 2013 Monica Pasquarelli, consigliere Coripet 1 Consorzio Volontario Coripet Di recente costituzione associa, in forma paritetica,

Dettagli

Operazioni di smaltimento

Operazioni di smaltimento D1 Deposito sul o nel suolo (a esempio discarica) Operazioni di smaltimento D2 Trattamento in ambiente terrestre (a esempio biodegradazione di rifiuti liquidi o fanghi nei suoli) D3 Iniezioni in profondità

Dettagli

AVVIO DEL SERVIZIO PORTA A PORTA

AVVIO DEL SERVIZIO PORTA A PORTA AVVIO DEL SERVIZIO PORTA A PORTA 1 COME SEPARARE CORRETTAMENTE LE DIVERSE FRAZIONI DI RIFIUTO CARTA E CARTONE PLASTICA E METALLO VETRO 2 Ricorda che la raccolta differenziata della plastica riguarda SOLO

Dettagli

COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI MOTTA D AFFERMO CALENDARIO RACCOLTA DIFFERENZIATA dei rifiuti solidi urbani ANNO 2016 GENNAIO 2016 1 venerdì 2 sabato umido ed organico -secco non riciclabile 3 domenica 4 lunedì umido ed organico

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007

L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007 L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007 Ai sensi dell art. 196 del D.lgs.152, sono di competenza della Regione: la predisposizione, l adozione e l aggiornamento

Dettagli

Imballaggi Gli imballaggi, prevalentemente cartoni, costituiscono oggi la maggior parte del volume dei rifiuti che è sempre più consistente.

Imballaggi Gli imballaggi, prevalentemente cartoni, costituiscono oggi la maggior parte del volume dei rifiuti che è sempre più consistente. Imballaggi Gli imballaggi, prevalentemente cartoni, costituiscono oggi la maggior parte del volume dei rifiuti che è sempre più consistente. Con il riuso di questi imballaggi e la loro restituzione ai

Dettagli

BEST SOLUTIONS FOR GREEN BUSINESS

BEST SOLUTIONS FOR GREEN BUSINESS BEST SOLUTIONS FOR GREEN BUSINESS TRASFORMIAMO IN VALORE CIÒ CHE È RIFIUTO IN PARTENZA. Seguiamo il processo della gestione del rifiuto per valorizzarlo e trasformarlo in materia prima secondaria. Lo rendiamo

Dettagli

RIFIUTI ZERO Si può e conviene

RIFIUTI ZERO Si può e conviene RIFIUTI ZERO Si può e conviene Federico Valerio Comitato Tecnico-Scientifico LIP Rifiuti Zero Rifiuti Zero è la strategia vincente di tutti gli ecosistemi naturali, sin da quando la Vita ha colonizzato

Dettagli

BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS

BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS Obiettivi dello studio oggetto d analisi: BOTTIGLIA DI PLASTICA da 1 lt ampiezza ciclo di vita: DALLE MATERIE PRIME AL RICICLO/RIUSO FINALITÀ: Dai risultati dello studio

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Cos è il Compostaggio

Cos è il Compostaggio Composabilità Milano, 23 gennaio 2008 Massimo Centemero Direttore Tecnico Consorzio Italiano Compostatori Il Consorzio Italiano Compostatori riunisce imprese, enti pubblici e privati produttori di compost

Dettagli

ID5183/2008 PROGETTO R&S TECMAPLAST nanotecnologie per il recupero di materiali plastici.

ID5183/2008 PROGETTO R&S TECMAPLAST nanotecnologie per il recupero di materiali plastici. DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI G.S.G. - G.S.G. Spa Gussago (MI) - POLYSTARS Srl Milano - FPS Srl Gussago (MI) - B.M.B. Spa Brescia ID5183/2008

Dettagli

La Filiera RI-inerte - da rifiuto a risorsa

La Filiera RI-inerte - da rifiuto a risorsa La Filiera RI-inerte - da rifiuto a risorsa RISERVATA ALLE IMPRESE EDILI DEL SETTORE EDILE-STRADALE E/O MOVIMENTO TERRA D. Lgs. 3/4/2006 n 152 (TUA) D.M. 8/5/2003 n 203 Circ. MinAmbiente 15/7/2005 n 5205

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

APPUNTI DI TECNOLOGIA

APPUNTI DI TECNOLOGIA APPUNTI DI TECNOLOGIA LA PLASTICA Classificazione e tipi Fabbricazione Riciclaggio DOWNLOAD MAPPA CONCETTUALE published by Danilo Eandi 2013 NOTA dell autore Prof. Danilo Eandi, docente di Tecnologia presso

Dettagli

E C O R K. PRODOTTI e CARATTERISTICHE LINEA SUPERFICI SOLIDE LINEA ACQUE DOLCI LINEA MARE GRANULARE SFUSO, CUSCINI, BARRIERE, CHEMICALS

E C O R K. PRODOTTI e CARATTERISTICHE LINEA SUPERFICI SOLIDE LINEA ACQUE DOLCI LINEA MARE GRANULARE SFUSO, CUSCINI, BARRIERE, CHEMICALS E C O R K GRANULARE SFUSO, CUSCINI, BARRIERE, CHEMICALS PRODOTTI e CARATTERISTICHE LINEA SUPERFICI SOLIDE LINEA ACQUE DOLCI LINEA MARE LINEA SUPERFICI SOLIDE ECORK GROUND Cod. EG10 Prodotto sfuso in granuli

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

SMALTIMENTO PNEUMATICI USATI

SMALTIMENTO PNEUMATICI USATI SMALTIMENTO PNEUMATICI USATI PNEUSRECYCLE: l idea ASPIRECO Luglio 2011 1 Il settore In Europa si producono annualmente circa 3.250.000 ton. di pneumatici usati. In Italia circa 400.00 ton. In Europa circa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ANCONA POSSIBILITÀ E MODALITÀ DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE NELLE COSTRUZIONI STRADALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ANCONA POSSIBILITÀ E MODALITÀ DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE NELLE COSTRUZIONI STRADALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ANCONA POSSIBILITÀ E MODALITÀ DI UTILIZZO DEI MATERIALI DA DEMOLIZIONE NELLE COSTRUZIONI STRADALI CORPO STRADALE E PAVIMENTAZIONE Tappeto di usura Binder Conglomerato bituminoso

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

Via E. Segrè n.14 36034 Malo (VI) Tel./Fax 0445-581381 E-mail : info@seaecocentro.com Web : www.seaecocentro.com

Via E. Segrè n.14 36034 Malo (VI) Tel./Fax 0445-581381 E-mail : info@seaecocentro.com Web : www.seaecocentro.com S.E.A. srl Servizi Ecologici Ambientali investe costantemente in ricerca ed innovazione, ponendosi obiettivi sempre maggiori nelle percentuali di materie prime secondarie recuperate dal trattamento di

Dettagli

dalla carbon footprint all ecoprogettazione

dalla carbon footprint all ecoprogettazione Verso gli imballaggi alimentari del futuro: dalla carbon footprint all ecoprogettazione Calcolo del Carbon Footprint relativo a vaschette per alimenti freschi in materiale polimerico Progetto co finanziato

Dettagli

CENTRO RICICLO VEDELAGO S.r.l.

CENTRO RICICLO VEDELAGO S.r.l. CENTRO RICICLO VEDELAGO S.r.l. Milano 18.04.2009 1 STORIA La Società Centro Riciclo Vedelago Srl gestisce dal 1999 un impianto di stoccaggio e selezione (meccanica) di rifiuti ai fini del recupero di materiali

Dettagli

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc LINEA DI TRATTAMENTO Rifiuti solidi Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc Impianto di recupero energetico mediante forno a letto fluido Produzione di CdR e/o CnC SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO

Dettagli

Green Public Procurement

Green Public Procurement Andrea Monsignori, Servizio Qualità dell Ambiente gestione rifiuti e attività estrattive Workshop: Procedure e opportunità del comprare verde Perugia, 24 Febbraio 2010 Green Public Procurement (Acquisti

Dettagli

MATERIE PLASTICHE DI RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI IL MARCHIO PLASTICA SECONDA VITA FOOD CONTACT

MATERIE PLASTICHE DI RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI IL MARCHIO PLASTICA SECONDA VITA FOOD CONTACT Marino Lamperti IPPR Materiali e prodotti interessati a) Materie plastiche post consumo provenienti dalla raccolta differenziata e manufatti realizzati con tali materiali secondo quanto previsto dal Decreto

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

Contenuto di umidita. Calore specifico. c [kj/kgk] [%]

Contenuto di umidita. Calore specifico. c [kj/kgk] [%] Allegato A Proprietà termofisiche dei materiali da costruzione Materiale Massa Volumica ρ [kg/m 3 ] Calore specifico c [kj/kgk] Contenuto di umidita [%] Conduttività termica utile di calcolo λ [W/mK] Permeabilità

Dettagli

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta 1 Porta a Porta: che cosa cambia? Scompaiono definitivamente i cassonetti stradali 1: Raccolta differenziata Porta a Porta Una grande idea per un mondo libero dai rifiuti il Comune di Trinitapoli attiva

Dettagli

criterion Tecnologia per l ambiente Flessibilità di trattamento dei materiali leggeri nel XXI secolo we process the future

criterion Tecnologia per l ambiente Flessibilità di trattamento dei materiali leggeri nel XXI secolo we process the future criterion Flessibilità di trattamento dei materiali leggeri nel XXI secolo we process the future Tecnologia per l ambiente compito Le materie prime fossili stanno per esaurirsi. Le discariche sono al limite

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

BIOGAS: CENNI NORMATIVI

BIOGAS: CENNI NORMATIVI BIOGAS: CENNI NORMATIVI RELATORE: avv. Federico Manzalini DEFINIZIONE DI BIOGAS E una miscela di vari tipi di gas prodotti dalla fermentazione batterica di residui organici provenienti da rifiuti vegetali

Dettagli