Pietro Belli. Quaderno di Calcolo Matematico-Finanziario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pietro Belli. Quaderno di Calcolo Matematico-Finanziario"

Transcript

1 Pietro Belli MATE_FINA Quaderno di Calcolo Matematico-Finanziario

2 Argomento 1 L interesse semplice Preambolo L interesse rappresenta il prezzo da pagare per poter disporre di un capitale monetario non proprio e pertanto può essere definito come prezzo d uso del capitale ; in pratica, è il frutto del capitale monetario. L interesse sale sia col crescere del capitale sia con l aumentare del tempo di investimento: si dice che è funzione crescente del tempo e del capitale. L interesse prodotto dall unità di capitale (1 euro) nell unità di tempo (1 anno) è detto tasso di interesse o saggio di interesse e può essere indicato come tasso unitario (es. 0,05) o come tasso percentuale (es. 5%). Nei calcoli si usa il tasso unitario; il tasso di interesse è direttamente proporzionale al rischio e al tempo di impiego del capitale. La somma del capitale investito e dell interesse maturato in un dato tempo è detta montante: in sostanza è un capitale posticipato alla fine del tempo di impiego; pertanto il calcolo del montante in funzione del capitale iniziale è chiamato posticipazione. Posticipare significa riferire un valore finanziario a un momento futuro e, per contro, anticipare significa riferire un valore finanziario a un momento antecedente: il calcolo del capitale iniziale in funzione del montante è quindi chiamato anticipazione. Si definisce sconto l interesse calcolato sul montante anziché sul capitale: dunque è quella somma che va detratta dal montante per ottenere il capitale iniziale. L interesse matura sempre alla fine del periodo di investimento: se tale periodo non supera l unità di tempo assunta (normalmente l anno), il calcolo segue la legge dell interesse semplice. Quando invece si deve operare per periodi di più unità temporali, alla fine di ogni periodo matura un interesse che si somma al capitale divenendo anch esso fruttifero: si ha allora l interesse composto. Le formule; Esercizi svolti Le formule Formula generale dell interesse semplice I =. r. n I = interesse; = capitale iniziale; r = tasso unitario di interesse, cioè l interesse di 1 euro in 1 anno (es. 3% = 0,03); n = durata dell investimento espressa in anni o frazioni di anno (es. per 32 giorni n = 32/360; per 4 mesi n = 4/12); si noti che l anno finanziario ha, per convenzione, la durata di 360 giorni (12 mesi di 30 giorni). Dove Nelle applicazioni finanziarie l interesse semplice si applica per frazioni di anno. ESEMPIO Un capitale di ,00 è investito al tasso di interesse del 3% per 4 mesi e 20 giorni. Quale interesse è prodotto al termine dell investimento? 140 I = ,03. = 140,

3 Argomento 1 L interesse semplice Formule derivate C = I 0 rn I r = 0 I n = C r 0 ESEMPI 1. Un certo capitale è stato investito al tasso del 2,50% per un tempo di 8 mesi, al termine del quale si è ottenuto l interesse di 100,00. Qual è l ammontare del capitale investito? 100,00 = = 6.000,00 0,025. 8/12 2. A quale tasso di interesse fu investito il capitale di ,00 che in 7 mesi e 15 giorni ha prodotto un interesse pari a 506,25? 506,25 r = = 0, / Si è investito un capitale di ,00 al tasso del 4% ottenendo l interesse di 315,00. Quanto durò l investimento? 315,00 n = = 0, ,04 N.B. Per esprimere il tempo in mesi si moltiplica il risultato per 12; per ottenerlo in giorni si moltiplica per ,75 12 = 9 mesi 0, = 270 giorni Formula del montante semplice Serve per effettuare posticipazioni di capitali all interesse semplice. = (1 + r n) Dove = montante (capitale finale); = capitale iniziale; (1 + r n) = fattore di posticipazione a interesse semplice; n = tempo espresso in anni; r = tasso di interesse. ESEMPIO Un capitale di ,00 è investito per 6 mesi al tasso del 4%. Quale capitale finale si otterrà? = (1 + 0,04 6/12) = ,00 10

4 L interesse semplice 1 Argomento Formula del valore scontato Serve per effettuare anticipazioni di capitali all interesse semplice. Cn C 0 = 1+ r n = capitale iniziale; = montante (capitale finale); 1 = fattore di anticipazione a interesse semplice; 1 + r. n n = tempo espresso in anni; r = tasso di interesse. Dove ESEMPIO Un certo capitale è stato investito il 10 aprile al tasso del 3% e al 10 novembre dello stesso anno ha prodotto un montante di ,75. A quanto ammontava il capitale iniziale? ,75 = 1 + 0,03 7/12 = , Formula dello sconto semplice razionale Cn r n Sc = 1+r n ESEMPIO Pago con tre mesi di anticipo un debito di ,00. Quale sconto devo detrarre dal capitale se il tasso convenuto è del 5%? ,05 3/12 Sc = = 185, ,05 3/ Formula dello sconto commerciale Lo sconto commerciale è impiegato per le operazioni di sconto cambiario. Sc = r n Per ottenere la somma scontata si applica direttamente la formula seguente: = (1 r n) 11

5 Argomento 1 ESEMPI L interesse semplice 1. Una cambiale del valore nominale di 6.000,00, con scadenza a 3 mesi, è presentata per lo sconto bancario al tasso del 6%. Quale sconto detrarrà la banca dall importo del titolo? Sc = 6.000,00 0,06 3/12 = 90,00 2. Una cambiale di ,00, che scade fra 8 mesi e 20 giorni, viene presentata a una banca per lo sconto. Quale somma ne ricaverà se la banca applica all operazione il tasso del 6%? = ,00 (1 0,06 260/360) = , Formula per il calcolo di interessi e sconti col metodo dei divisori fissi I = N D Dove N = numero = prodotto di capitali per giorni di investimento; D = divisore fisso = 360/r. ESEMPIO Si presentano allo sconto le seguenti cambiali: N. IMPORTI GIORNI MANCANTI ALLA SCADENZA NUMERI (CAPITALI PER GIORNI) , , , , , SOMME , Si determini, al tasso di sconto del 5%, l ammontare complessivo dello sconto e degli importi scontati. N = D = = , Sc = = 964, = ,00 964,96 = ,04 12

6 L interesse semplice 1 Argomento 1.2 Esercizi svolti ESERCIZIO 1.1 All inizio dell anno un risparmiatore deposita, al tasso di interesse netto del 2,80%, la somma di 2.500,00. Successivamente effettua i seguenti ulteriori depositi: 3.000,00 alla fine di Marzo, 1.500,00 al 15 aprile, 2.800,00 al 22 maggio, 3.600,00 al 10 Luglio, 4.000,00 alla fine di settembre ed 3.200,00 al 25 novembre. Di quale somma potrà complessivamente disporre alla fine dell anno? Si devono sommare i montanti di ogni deposito maturati dalla valuta di ciascuna operazione fino alla fine dell anno: = (1 + 0,028) (1 + 0,028 9/12) (1 + 0, /360) (1 + 0, /360) (1 + 0, /360) (1 + 0,028 3/12) (1 + 0,028 35/360) = ,53 ESERCIZIO 1.2 Un risparmiatore deposita in forma fruttifera al tasso netto del 2% le seguenti somme: 5.000,00 al 10 gennaio; 4.000,00 al 10 febbraio; ,00 al 30 aprile; 7.000,00 al 30 giugno; 8.000,00 al 30 Settembre; 6.000,00 al 30 novembre. Nel medesimo anno effettua i seguenti prelievi: 3.000,00 al 10 Maggio; 5.000,00 al 10 agosto. Considerando che l istituto di credito, a partire dal 1 Settembre, ha operato una riduzione del tasso di interesse portandolo all 1,75%, si determini l ammontare del deposito esistente alla fine dell anno. Occorre anzitutto determinare il montante complessivo riferito alla fine di agosto al tasso del 2% e successivamente procedere al calcolo del montante a fine anno al tasso dell 1,75%. C 8/12 = (1 + 0,02 230/360) (1 + 0,02 200/360) (1 + 0,02 4/12) (1 + 0,02 2/12) (1 + 0,02 110/360) (1 + 0,02 20/360) = ,44 C 12/12 = ,44 (1 + 0,0175 4/12) (1 + 0,0175 3/12) (1 + 0,0175 1/12) = ,20 Un impresa agricola ha dato luogo, nell arco dell anno, ai seguenti ricavi e costi: ESERCIZIO 1.3 DATE RICAVI ( ) COSTI ( ) 15/ ,00 18/ ,00 30/ ,00 10/ ,00 20/ ,00 30/ ,00 30/ ,00 13

7 Argomento 1 L interesse semplice Si determini, al tasso di interesse del 3%, l ammontare del reddito netto annuo posticipato dell imprenditore. Il reddito netto è dato dalla somma dei ricavi al netto della somma dei costi Rn = (1 + 0,03 170/360) (1 + 0,03 2/12) (1 + 0,03 315/360) (1 + 0,03 282/360) (1 + 0,03. 7/12) (1 + 0,03 100/360) = ,36 ESERCIZIO 1.4 Il sig. Giuseppe ha acquistato un immobile urbano al prezzo di ,00 e ha concordato il pagamento così dilazionato: ,00 alla firma del preliminare di vendita; ,00 contestualmente al rogito notarile, che è avvenuto dopo 30 giorni; - il saldo dopo 3 mesi dal rogito. Considerando r = 0,04, determinare l importo dell ultimo versamento a saldo. Poiché il saldo avviene dopo 3 mesi dal rogito, cioè dopo 4 mesi dal preliminare, occorre posticipare ogni valore al quarto mese dal preliminare. = ( ) (1 + 0,04 4/12) (1 + 0,04 3/12) = ,67 ESERCIZIO 1.5 La sig.ra Luisa deve far fronte ai seguenti debiti: ,00 al 10/12 dell anno in corso; ,00 al 20/02 del prossimo anno; ,00 al 10/03 del prossimo anno. Chiede al creditore di posticipare il primo pagamento alla fine dell anno in corso e gli altri due al 30/05 del prossimo anno. Il creditore accetta concordando un tasso di interesse del 5%. Si determini l ammontare delle somme che dovranno essere versate dalla sig.ra Luisa alle nuove scadenze. Montante del primo pagamento alla fine dell anno in corso: C 31/12 = ,00 (1 + 0,05 20/360) = ,56 Somma del secondo e terzo pagamento riferita al 10/3 dell anno successivo: C 30/05 = ,00 (1 + 0,05 310/360) ,00 (1 + 0,05 290/360) = ,78 ESERCIZIO 1.6 La sig.ra Ester acquista un appartamento concordando i seguenti pagamenti: ,00 al rogito, che avviene dopo 2 mesi dall accordo preliminare di vendita; ,00 dopo altri 30 giorni; ,00 a 4 mesi dal preliminare. Sapendo che alla firma del preliminare ha versato una caparra pari al 20% del prezzo pattuito, si determini, al tasso del 5%: a) il prezzo concordato; b) l ammontare della caparra. 14

8 L interesse semplice 1 Argomento N.B. Se la caparra è pari al 20% del prezzo, significa che le altre rate, nell insieme, rappresentano l 80% del prezzo pattuito. Somma delle rate riferita all attualità: = = , ,05 2/ ,05 3/ ,05 4/12 Ammontare del prezzo, di cui la somma delle rate rappresenta l 80% (0,80): ,46 Prezzo = = ,32 0,80 Ammontare della caparra (pari al 20% del prezzo): Caparra = ,32 0,20 = ,86 ESERCIZIO 1.7 Il sig. Luigi deve far fronte ai seguenti debiti: ,00 con scadenza al 15/4; ,00 con scadenza al 22/7; ,00 con scadenza al 30/9. Chiede di poter effettuare tutti i pagamenti in unico versamento da effettuarsi al 10/8. Il creditore acconsente concordando un tasso di interesse del 3%. Quanto dovrà pagare il sig. Luigi al 10/8? Bisogna calcolare la somma di tutti i debiti riferendoli alla data del 10/8. 1 C 10/8 = (1 + 0,03 115/360) (1 + 0,03 18/360) = , ,03 50/360 ESERCIZIO 1.8 Per l acquisto di un fondo rustico è stato convenuto il prezzo di ,00 corrisposto mediante i seguenti versamenti: ,00 alla stipula del contratto preliminare di vendita in data 20/1; ,00 al rogito in data 20/2; ,00 al 20/4; ,00 al 20/5; ,00 al 20/6; - il resto al 20/07. Considerando r = 0,05, si determini l ammontare del versamento effettuato in data 20/7. Bisogna detrarre, dal prezzo convenuto, la somma dei diversi pagamenti tranne quello incognito. Il tutto va riferito alla data del versamento incognito, cioè al 20/7. C 20 = ( ) (1 + 0,05 180/360) (1 + 0,05 150/360) (1 + 0,05 90/360) (1 + 0,05 60/360) (1 + 0,05 30/360) = ,67 15

9 Argomento 1 ESERCIZIO 1.9 L interesse semplice Un imprenditore riceve un finanziamento da un istituto di credito al 20/1 del corrente anno e si impegna a restituire il prestito con i relativi interessi al tasso del 5%, secondo il seguente programma: ,00 al 20/2; ,00 al 20/3; ,00 al 20/4; ,00 al 20/5; ,00 al 20/6; ,00 al 20/7. Al 1 giugno il debitore realizza di non poter far fronte agli ultimi 2 pagamenti e chiede all istituto di credito di poter fruire di un ulteriore finanziamento. Valutata la situazione, l istituto accorda il rifinanziamento dell impresa per un importo di ,00 a condizione che a fine anno l imprenditore restituisca l intero importo comprendente le due rate insolute e il nuovo prestito, conteggiando un tasso di interesse del 6%. Determinare: a) l importo del finanziamento acceso il 20/1; b) la somma da rimborsare alla data del 31/12. L ammontare del finanziamento è pari alla somma dei diversi pagamenti, anticipati al 20/ , , , ,00 = ,05 1/ ,05 2/ ,05 3/ ,05 4/ , , = , ,05 5/ ,05 6/12 Al 1 giugno, data in cui è richiesto un ulteriore finanziamento, restano da corrispondere 2 pagamenti, rispettivamente scadenti il 20/6 e il 20/7. Pertanto, la nuova somma da rimborsare a fine anno è ottenuta posticipando, al tasso del 6%, l importo del nuovo finanziamento più gli ultimi 2 pagamenti fino al 31/12. = ,00 (1 + 0,06 190/360) ,00 (1 + 0,06 160/360) ,00 (1 + 0,06 7/12) = ,33 ESERCIZIO 1.10 L impresa edile Palanca & C. è titolare di un c/c bancario su cui deposita tutti i proventi della propria attività e dal quale preleva di volta in volta i fondi necessari per sostenere i costi di gestione. All inizio dell anno disponeva di un saldo attivo di ,00 e, nell esercizio in corso, ha effettuato i seguenti prelievi e versamenti: 16 VALUTA PRELIEVI VERSAMENTI 10/ ,00 20/ ,00 05/ ,00 20/ ,00 04/ ,00 10/ ,00 20/ ,00 15/ ,00 09/ ,00 30/ ,00 10/ ,00

10 L interesse semplice 1 Argomento Determinare, al tasso del 3%, il reddito netto realizzato nel corso dell esercizio. N.B. Per il calcolo degli interessi usiamo il metodo dei numeri e divisori fissi, computando i giorni da ciascuna valuta alla fine dell anno e assegnando ai capitali e ai numeri un segno positivo per i depositi e negativo per i prelievi. VALUTA CAPITALI GIORNI NUMERI 01/ , / , / , v / , / , / , / , / , / , / , / , / , Saldi , Calcolo degli interessi. Divisore fisso: 360/0,03 = N I = = = 4.701,62 D Determinazione del reddito netto (ricavi meno costi): Rn = , ,62 = ,62 ESERCIZIO 1.11 La sig.ra Milena lo scorso anno ha effettuato i seguenti investimenti: - per un certo tempo ha tenuto sul conto corrente bancario il capitale iniziale di ,00, ottenendo 150,00 di interessi maturati al tasso netto del 2%; - successivamente ha investito il montante ottenuto, per lo stesso periodo di tempo, al tasso del 3%; - il montante di questo secondo investimento è stato quindi impiegato, al tasso del 5%, fino alla fine dell anno. Quale montante finale ha ottenuto la sig.ra Milena? a) Tempo del primo investimento: 150,00 n = = 0, ,02 Mesi 0,25 12 = 3 17

11 Argomento 1 L interesse semplice b) Montante del secondo investimento: = (1 + 0,03 3/12) = ,12 c) Montante del terzo investimento: = ,12 (1 + 0,05 6/12) = ,52 ESERCIZIO 1.12 Il 10 febbraio dello scorso anno il sig. Lorenzo ha investito, al tasso del 5,50%, il capitale di ,00, ottenendo, dopo un certo tempo, l interesse di 522,50. Al termine di tale impiego, ha investito il montante ricavato al tasso del 6% per lo stesso periodo di tempo. Successivamente, il nuovo montante, destinato a un diverso investimento fino alla fine dell anno, ha fruttato l interesse di 335,50. A quale tasso è avvenuto quest ultimo investimento? a) Tempo del primo investimento: 522,50 n = = 0,3333 = 4 mesi ,055 b) Montante del primo investimento (capitale + interessi): = , ,50 = ,50 c) Montante del secondo investimento: = ,50 (1 + 0,06 4/12) = ,95 d) Tasso di impiego del terzo investimento: 335,50 r = = 0, ,95 4/12 ESERCIZIO 1.13 Nello scorso anno un risparmiatore ha depositato in banca, al tasso netto del 2,50%, le seguenti somme: ,00 il 10/01; ,00 il 25/03; ,00 il 20/06; ,00 il 15/09; ,00 il 10/11. Sapendo che a fine anno il saldo del conto corrente ammontava a ,96, determinare l importo del prelievo che il risparmiatore ha effettuato in data 30/07. a) Saldo finale del conto se non si fosse verificato il prelievo: = (1 + 0, /360) (1 + 0, /360) (1 + 0, /360) (1 + 0, /360) (1 + 0,025 50/360) = ,96 18

12 L interesse semplice 1 Argomento b) Importo del prelievo alla data del 30/07 (5 mesi prima della chiusura del conto): , ,96 = = , ,025 5/12 ESERCIZIO 1.14 La sig.ra Chiara, all inizio dell anno, ha contrattoun debito da restituire mediante i seguenti versamenti concordati al tasso del 5%: ,00 al 15/02; ,00 al 15/04; ,00 al 15/06; ,00 al 15/08; ,00 al 15/10. In data 30/07 la sig.ra Chiara chiede al creditore di saldare il debito residuo con un unico versamento immediato. Il creditore acconsente, ma concordando una riduzione del tasso di sconto al 4%. Determinare l ammontare del debito iniziale e l importo della sua estinzione al 30/07. a) Debito iniziale: 2.000, , , , ,00 = = , ,05 45/ ,05 105/ ,05 165/ ,05 225/ ,05 285/360 b) Debito residuo al 30/07. Alla data del 30/7 mancano 2 rate al saldo del debito, per cui il debito residuo è dato dalla somma di queste rate anticipate al 30/7: 3.000, ,00 = + = 5.970, ,04 15/ ,04 75/360 Per l impianto di un frutteto un imprenditore agricolo sostiene i seguenti costi: ESERCIZIO 1.15 DATA OPERAZIONE IMPORTO ( ) 30/08 Preparazione del terreno ,00 30/10 Concimazione 2.000,00 30/03 Acquisto astoni 8.500,00 10/04 Acquisto sostegni e varie 4.500,00 15/05 Retribuzione salariati 4.200,00 Per far fronte a questi impegni finanziari l agricoltore ricorre al credito agevolato, che viene concesso al tasso del 3,75%, con l impegno di rimborsare il capitale e i relativi interessi in data 30/07. Si determini l ammontare della somma da rimborsare alla data indicata. La somma da rimborsare è pari al montante di ciascuna rata posticipata al 30/7: = (1 + 0, /12) (1 + 0,0375 9/12) (1 + 0,0375 4/12) (1 + 0,0375 3/12) (1 + 0, /360) = ,50 19

13 Argomento 1 L interesse semplice ESERCIZIO 1.16 Un agricoltore decide di investire parte dei suoi risparmi nell esecuzione di un miglioramento fondiario. Gli si prospettano due possibilità: eseguire opere di drenaggio del suolo (miglioramento A) oppure costruire un magazzino attrezzato per lo stoccaggio della frutta (miglioramento B). Decide, pertanto, di orientare l investimento verso la soluzione cui corrisponde il maggior tasso di rendimento del capitale impiegato. Il capitale corrisponde al costo della miglioria; l interesse che se ne ottiene è dato dall incremento del reddito annuo conseguito per effetto della miglioria e il tasso di rendimento deriva dal rapporto tra interesse e capitale. Il tasso della provvista del capitale è del 4%. Si prospettano le seguenti risultanze: INVESTIMENTO COSTO REDDITO ANTE REDDITO POST Miglioramento A al 30/ , , al 30/06 Miglioramento B al 30/ al 30/ al 30/ , ,00 a) Costo totale a fine anno del miglioramento A: Kt A = (1 + 0,04 9/12) (1 + 0,04 6/12) = ,00 b) Costo totale a fine anno del miglioramento B: Kt B = (1 + 0,04 8/12) (1 + 0,04 6/12) (1 + 0,04 4/12) = ,33 c) Incrementi di reddito: - Miglioramento A: 5.000,00 - Miglioramento B: 3.000,00 d) Tassi di fruttuosità. Il tasso di interesse è dato dal rapporto tra interesse annuo e capitale: I r = Nella fattispecie l incremento di reddito rappresenta l interesse tratto dall investimento e il costo totale rappresenta il capitale investito Miglioramento A: r = = 0, Miglioramento B: r = = 0, ,33 Conviene effettuare il miglioramento A, cui corrisponde un tasso di fruttuosità del 12% contro un tasso del 9,1% della miglioria B. 20

14 L interesse semplice 1 Argomento ESERCIZIO 1.17 Un agricoltore acquista il 10 maggio una trattrice al prezzo di ,00 concordandone il pagamento mediante le seguenti rate senza interessi aggiuntivi: - il 40% del prezzo dopo un mese; - il 20% del prezzo dopo due mesi; - il 20% del prezzo dopo tre mesi; - il 20% del prezzo dopo quattro mesi. I pagamenti avverranno mediante prelievo su c/c bancario intestato all agricoltore con tasso di interesse a suo favore del 2,70%, il cui saldo, al momento dell acquisto, è di ,00. Quale saldo rimarrà sul suo c/c appena corrisposta l ultima rata della trattrice? Il saldo finale è dato dalla differenza tra il saldo iniziale e ciascuna rata di pagamento, il tutto riferito alla data dell ultima rata. = (1 + 0,027 4/12) ,40 (1 + 0,027 3/12) ,20 (1 + 0,027 2/12) ,20 (1 + 0,027 1/12) ,20 = 8.294,75 Un imprenditore presenta alla sua banca per lo sconto le seguenti cambiali: ,00 scadenza 30 giorni; ,00 scadenza 60 giorni; ,00 scadenza 80 giorni; ,00 scadenza 90 giorni. Determinare, al tasso del 6%, il ricavo netto che l imprenditore otterrà dall operazione. ESERCIZIO 1.18 a) Procedimento con l uso della formula diretta: = (1 r n) = (1 0,06 30/360) (1 0,06 60/360) (1 0,06 80/360) (1 0,06 90/360) = ,50 b) Procedimento con i divisori fissi: N. CAPITALI GIORNI NUMERI , , , , Totali , Divisore fisso = = ,06 N Sc = = = 148,50 D = ,50 = ,50 21

15 Argomento 1 ESERCIZIO 1.19 L interesse semplice Detengo una cambiale di ,00 che scade fra 3 mesi e 20 giorni. Desidero sapere se, scontando subito questo titolo al tasso di sconto del 6%, posso ottenere la somma necessaria a estinguere un mio debito di ,00 contratto al tasso del 4% con scadenza fra 2 mesi. Valore scontato della cambiale: = (1 0,06 110/360) = ,00 Valore attuale del debito: = = , ,04 2/12 Il valore scontato della cambiale non copre del tutto la somma necessaria a estinguere il debito. ESERCIZIO 1.20 Il sig. Carlo possiede il seguente patrimonio: - un immobile urbano valutato ,00; - un credito di ,00 esigibile tra 9 mesi; - una cambiale attiva di ,00 con scadenza a 6 mesi. Potendo realizzare subito l ammontare di tutti i suoi averi, il sig. Carlo si propone di acquistare un fondo rustico al prezzo di ,00. Considerando un tasso di interesse del 3% e un tasso di sconto del 6%, si determini l ammontare della somma residua da esborsare per l acquisto del fondo rustico. a) Valore di realizzo del patrimonio del sig. Carlo: 1 = (1 0,06 6/12) = , ,03 9/12 b) Somma residua necessaria per l acquisto del fondo rustico: S = , ,70 = ,30 ESERCIZIO 1.21 La sig.ra Marisa necessita di un prestito a fronte del quale può offrire in garanzia una cambiale del valore nominale di ,00 con scadenza a 9 mesi. Il finanziatore accetta l operazione convenendo lo sconto razionale del titolo al tasso del 6.50%. Quanto otterrà dal finanziatore la sig.ra Marisa? Sconto razionale della cambiale: r n ,00 0,065 9/12 Sc = = = 836, r n 1 + 0,065 9/12 22

16 L interesse semplice 1 Argomento Valore scontato o capitale iniziale: = ,00 836,71 = ,29 N.B. Allo stesso risultato si perviene applicando direttamente la formula del valore scontato: ,00 = = = , r n 1 + 0,065 9/12 Il titolare di un c/c bancario registra, all inizio dell anno, un saldo attivo di ,80. Nel corso dell anno avvengono i seguenti movimenti: ESERCIZIO 1.22 VALUTA DEPOSITI PRELIEVI 10/ ,00 25/ ,00 10/ ,00 15/06 Valore scontato di una cambiale di ,00, scadenza a 3 mesi 10/ ,00 20/09 Valore scontato di una cambiale di 7.800,00, scadenza a 4 mesi 16/ ,00 15/ ,00 03/ ,00 Determinare l ammontare del saldo a fine anno considerando un tasso di interesse del 2% e un tasso di sconto del 6%. Il saldo finale è dato dalla differenza tra depositi e prelievi, ciascuno posticipato a fine anno: = ,80 (1 + 0,02) (1 + 0,02 320/360) (1 + 0,02 275/360) (1 + 0,02 200/360) (1 0,06 3/12) (1 + 0,02 195/360) (1 + 0,02 170/360) (1 0,06 4/12) (1 + 0,02 100/360) (1 + 0,02 74/360) ( ,02 45/360) (1 + 0,02 27/360) = ,60 ESERCIZIO 1.23 La sig.ra Giovanna possiede una cambiale di 2.800,00 con scadenza a 170 giorni, scontabile al tasso del 6,35%. Ha, poi, un debito di 1.200,00, contratto al tasso del 5%, che scade fra un mese e mezzo. Dispone, inoltre, dei seguenti capitali: - montante di un capitale di ,00 investito 6 mesi fa al tasso del 3%; - interesse prodotto da un capitale di 5.000,00 impiegato al tasso del 4,50% per un tempo di 235 giorni. La sig.ra Giovanna investe la sua attuale disponibilità netta al tasso del 3% ottenendo 262,00 di interessi. Quanto è durato questo investimento? 23

17 Argomento 1 L interesse semplice a) Capitale netto disponibile, calcolato portando all attualità ogni componente del capitale personale: = (1 0, /360) (1 + 0,03 6/12) , /360 = , ,05 45/360 I 262,00 b) Durata dell investimento: n = = 0,63 = 226 giorni r ,37 0,03 ESERCIZIO 1.24 Il signor Gianni sconta in banca una cambiale del valore nominale di , con scadenza fra 6 mesi, ottenendo un ricavo netto di ,00. Determinare il tasso di interesse praticato dalla banca per l operazione di sconto. Si determina l ammontare dello sconto calcolato come differenza tra montante e capitale: Sc = , ,00 = 1.050,00 Dalla formula dello sconto commerciale si ricava, quindi, il tasso di interesse: Sc = C. n r. Sc n; r = = = 0,07 C. n r /12 ESERCIZIO 1.25 La sig.ra Sonia è titolare di un c/c bancario con tasso attivo lordo del 2%. Nell anno in corso sono avvenuti i seguenti movimenti: - 01/01: saldo attivo con valuta 31/12 anno precedente: ,00; - 28/02: versamento di 1.000,00; - 15/04: prelievo di 2.500,00; - 31/08: prelievo di 1.500,00; - 31/010: versamento di 2.000,00. Determinare il saldo finale del conto al 31/12 considerando l anno civile di 365 giorni e la ritenuta fiscale del 27% sugli interessi attivi maturati. N.B. Nel c/c bancario si utilizza, per il calcolo degli interessi, il metodo dei numeri e divisori fissi calcolando i giorni che intercorrono tra la valuta di un operazione e quella dell operazione successiva / /02 15/04 31/08 31/ RIASSUNTO SCALARE VALUTA SALDI PER LA VALUTA PERIODO GIORNI NUMERI 31/ ,00 31/12-28/ / ,00 28/02-15/ / ,00 15/04-31/ / ,00 31/08-31/ / ,00 31/10-31/ SALDO CAPITALI TOTALE NUMERI , Divisore fisso: D = 365/0,02 = Interessi: N = = 273,80 D Imposta erariale: Imp = 273,80. 0,27 = 73,93 Interessi netti: I = 273,80 73,93 = 199,87 Saldo finale del c/c: S = , ,87 = ,87

18 Argomento 2 Preambolo L interesse L interesse composto può essere annuo, se matura e si converte in capitale alla fine di ogni anno, oppure convertibile se matura e si converte in composto capitale per frazioni di anno (semestrale, trimestrale, ecc.). L interesse composto annuo è quello più diffuso nelle applicazioni economiche ed estimative. Ne è un esempio la maggior parte dei depositi annuo bancari e postali. I problemi che si presentano in questo ambito sono legati alla ricerca del montante, al calcolo del valore attuale, al calcolo dell interesse maturato e del tasso di interesse applicato. Chi usa un capitale non proprio per un certo tempo, alla scadenza dovrà restituire il capitale più l interesse maturato. Tale somma complessiva costituisce il montante. Per valore attuale si intende, invece, l ammontare del capitale iniziale corrispondente a un montante noto. Un caso particolare richiede l applicazione simultanea dell interesse semplice e composto. Questa problematica concerne i calcoli relativi a investimenti che comprendono anni interi e frazioni di anno; in tali casi si deve applicare l interesse composto per gli anni interi e l interesse semplice per le frazioni di anno. Nelle applicazioni economico-estimative assumono notevole rilievo le operazioni di posticipazione e anticipazione a interesse composto, che peraltro hanno lo stesso significato di quelle relative all interesse semplice. L uso dei coefficienti di posticipazione e di anticipazione consente di spostare avanti e indietro nel tempo i valori finanziari. Le formule; Esercizi svolti. 2.1 Le formule Formula del montante composto Serve per effettuare posticipazioni di capitali a interesse composto. = q n = montante (capitale più interesse); = capitale iniziale; q = 1 + r; n = tempo espresso in anni; r = tasso di interesse (interesse di 1 euro in 1 anno). Nelle applicazioni finanziarie l interesse composto si applica per anni interi. Dove ESEMPI 1. Investendo al tasso del 3% un capitale di ,00, quale montante si otterrà dopo 4 anni? = ,03 4 = ,28 2. Ho depositato in banca al tasso del 2,50% la somma di ,00. Dopo 2 anni la banca ha ridotto il tasso di interesse portandolo al 2,25%. Quale montante otterrò dopo altri 2 anni? = , , = ,88 25

19 Argomento 2 L interesse composto annuo Applicazione simultanea dell interesse semplice e composto Si applica per tempi che comprendono anni interi e frazioni di anno. ESEMPIO Investendo un capitale di ,00 al tasso del 2%, quale montante si otterrà dopo 3 anni e 9 mesi? = q 3 (1 + 0,02 9/12) = , Formula del valore attuale C =C I q 0 n n Dove 1 = fattore di anticipazione a interesse composto annuo. q n ESEMPI 1. Ho il diritto di riscuotere la somma di ,00 fra 3 anni. Chiedo di poter disporre subito di tale diritto: quanto otterrò se viene applicato un tasso di interesse del 5%? 1 = = ,94 q 3 2. Per estinguere un debito dovrei versare ,00 fra 2 anni e ,00 fra 3 anni. Chiedo di estinguere il mio debito mediante un versamento immediato. Quanto dovrò pagare se è stato convenuto un tasso di interesse del 2,50%? 1 1 = = ,13 q 2 q Formula dell interesse composto annuo I = (q n 1) ESEMPIO Un capitale di ,00 è stato impiegato al tasso del 5% per un tempo di 3 anni. Quale interesse se ne è ottenuto? I = (q 3 1) = 1.970,31 26

20 L interesse composto annuo 2 Argomento Formule inverse I C = q 0 n 1 r= n C C n Quale capitale, impiegato oggi al tasso del 3%, è in grado di produrre dopo 2 anni l interesse di 2.500,00? 2.500,00 = = ,90 q 2 1 ESEMPI 2. Un capitale di ,00 ha prodotto, in 2 anni, un montante di ,00. A quale tasso è avvenuto l investimento? r= ,00 2 1= 0, , Esercizi svolti ESERCIZIO 2.1 Il sig. Filippo riscuote oggi la somma derivante dal rimborso di un prestito di originari ,00, concesso 3 anni fa al tasso d interesse del 4%. Per contro, ha l impegno di pagare l importo di ,00 fra 5 anni. Chiede di utilizzare il rimborso ottenuto per estinguere subito il suo debito, concordando con il creditore un tasso di sconto del 3%. Qual è la situazione finanziaria odierna del sig. Filippo? Occorre posticipare il valore del prestito concesso 2 anni addietro e detrarvi il valore attuale del debito. 1 C = (1 + 0,04) = , ,52 = 6.063,12 (1 + 0,03) 5 ESERCIZIO 2.2 La sig.ra Laura ha intenzione di acquistare un immobile alle seguenti condizioni: oggi, alla firma del preliminare di vendita, versa un assegno di ,00 e paga 6,22 di spese; successivamente concorda i seguenti pagamenti: - fra 6 mesi, alla stipula del rogito, ,00; - fra 2 anni ; - fra 3 anni Considerando un tasso di interesse del 4%, qual è il prezzo di compravendita dell immobile? Il prezzo corrisponde alla somma di tutti i pagamenti portati all attualità: = , = , ,04 6/12 q 2 q 3 27

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti)

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. Mutuante o creditore = chi concede il

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

La polizza Capital 5 con Bonus

La polizza Capital 5 con Bonus Risparmio & Sicurezza La polizza Capital 5 con Bonus Codice F001001 - Edizione dicembre 2014 Contratto di assicurazione sulla vita a capitale differito, con premio annuo costante e capitale rivalutabile

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli