IL RITUALE FUNEBRE DELLA CREMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RITUALE FUNEBRE DELLA CREMAZIONE"

Transcript

1 IL RITUALE FUNEBRE DELLA CREMAZIONE 922 d.c. Ibn Fadlan, ambasciatore del califfo di Bagdad, incontra i Rus tribù normanna nomade, lungo le rive del Volga (Vichinghi normanni, scandinavi, VIII-XI sec. d.c.) I funerali del capo tribù: Sepoltura in tomba per 10 gg accompagnato da cibi e bevande preparativi per la cerimonia funebre (la famiglia si occupa del funerale) Scelta volontaria di una schiava per il sacrificio, festeggiamenti e banchetti La nave del capo viene portata sulla riva e circondata di legna e con grosse statue di legno antropomorfe Sulla nave: oggetti appartenuti al morto, armi, animali sacrificati e smembrati: un cane, due cavalli, due buoi, due polli.

2 Il cadavere del capo viene vestito con abiti cerimoniali e posto seduto su un divano circondato da cibi e bevande La schiava destinata al sacrificio beve sostanze inebrianti e partecipa ad alcuni rituali che prevedono anche rapporti sessuali con diversi uomini La donna viene strangolata e pugnalata davanti al cadavere del padrone I rituali del sacrificio umano sono guidati da una vecchia strega Il parente più stretto del defunto incendia la nave In poco tempo tutto si trasforma in cenere Voi arabi dovete essere gente stupida: prendete l uomo che più avete amato e lo ficcate sottoterra per farlo divorare dai vermi. Noi invece lo bruciamo in modo che possa entrare subito in paradiso, senza il minimo ritardo Drakkar vichingo durante una cerimonia di cremazione di un capo

3 CREMAZIONE La cremazione enfatizza la cesura netta rappresentata dalla morte Tra le due pratiche funerarie possono riflettersi mentalità ed orientamenti differenti nel modo di porsi di fronte alla morte Il rito incineratorio rappresenta l espressione di una diversa concezione dell aldilà, che si riflette anche in diverse forme iconografiche (motivo della barca o del carro solare) e che implica una diversa e più alta idea del mondo ultraterreno con l abbandono progressivo di forme di religiosità naturalistica in favore di divinità antropomorfe (Peroni1992)

4 Il corredo funerario diventa maggiormente simbolico, gli oggetti di corredo che indicano il ruolo sociale del defunto sono spesso miniaturizzati o spezzati, spesso l ossuario ha forma di capanna o contiene una figurina che rappresenta il morto (trasposizioni simboliche) (Treccani)

5 INUMAZIONE : Rapporto di omologia tra mondo dei vivi e mondo dei morti (tomba con aspetto di capanna, necropoli con aspetto di villaggio) il corpo del defunto viene conservato con i suoi ornamenti e con i segni distintivi di ruolo sociale (amplificato attraverso il corredo)

6 SEPOLTURE A CREMAZIONE Motivazioni: fuoco purificatore che separa l anima dal corpo, facilita il passaggio all altro mondo, impedire il ritorno dei morti, modo più semplice e veloce per eliminare un cadavere (epidemie, ad esempio durante lo scoppio della peste nera nel 1656 i corpi di vittime sono stati bruciati a Napoli in una sola settimana)

7 URNA CINERARIA Contiene i resti cremati del defunto, in genere un individuo per urna, ma non mancano le bisome. L urna è spesso coperta da una ciotola capovolta o da una pietra o da un elmo.

8 L urna era posta in cassette di pietra, o in pozzetti rivestiti di ciottoli oppure erano contenute in tumuli. Alcune tombe erano fosse circolari più ampie e potevano racchiudere più cinerari. Tombe a cassetta necropli di Camaiore

9 Tomba a cassetta (Pulica) Recinti funerari (Ameglia) Tomba a cassetta con due cinerari e corredo (Ameglia)

10 Le urne erano frequentemente accompagnate da altri oggetti di ceramica (scodelle, coppe, ecc. forse per offerte di cibo) e da oggetti di corredo, spesso sessospecifici (rasoi e armi, spesso deliberatamente rotti o piegati, gioielli e fibule), Corredo femminile (Ameglia) Corredo maschile (Ameglia) Corredo necropoli di Levigliani Armilla (Camaiore)

11 IL RITUALE FUNEBRE DELLA CREMAZIONE Antico rituale funerario, in Asia si è mantenuto inalterato per millenni (ad. es. India). Grecia X sec a.c In Italia cremazioni sporadiche fin dal Neolitico (ad es. V millennio a.c. Emilia Romagna) Introduzione in Italia settentrionale: media età del bronzo (uso contemporaneo di inumazione ed incinerazione)

12 EUROPA Il rito dell'incinerazione arrivò in Europa nel bronzo medio e si diffuse ampiamente nella tarda età del bronzo (XIII-VIII sec.a.c.), attraverso la via dell ambra e si diffuse abbastanza rapidamente a partire dai massicci prealpini orientali o dai Balcani. La diffusione raggiunse infine una vasta area dell Europa centrale, dall Ungheria occidentale alla Francia orientale e dalle Alpi alle coste del mare del Nord. Diffusione del rituale della cremazione in Europa centrale abbracciata da diverse popolazioni (Illiri, Italici, Iberi, Liguri e Celti)

13 Cultura dei campi di urne Tarda età del bronzo (XIII-VIII sec.a.c.) I resti delle cremazioni erano sepolti in vaste necropoli, costituite da numerose tombe individuali a pozzetto. L urna era spesso coperta da una profonda scodella o da una pietra. La maggior parte dei campi di urne furono abbandonati alla fine dell'età del bronzo

14 ITALIA La cultura dei campi di urne si diffonde anche in Italia a partire dal XIII sec. a.c. (Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Puglia, Sicilia, ecc.) TERRAMARE (Bronzo medio e recente XVII-XIII sec.a.c.) Pianura padana Antichi villaggi in su palafitte costruiti sulla terraferma, generalmente in vicinanza di un corso d'acqua, costruiti secondo un progetto non casuale che denota il carattere di un insediamento fortificato. Nonostante lo stacco storico di alcuni secoli, le popolazioni terramaricole sono forse strettamente imparentate con i successivi Villanoviani ed Etruschi.

15 VILLANOVIANI (prima età del ferro X-VIII sec. A.C.) Emilia Romagna, Etruria meridionale, parte dell Italia centrale, Campania. Biconici villanoviani (VIII a.c.) Urne biconiche coperte da una scodella o, in qualche caso, da un elmo; urna a capanna (cultura laziale, si ritiene riservata ai pater familias). Le tombe, individuali, erano a buca o "pozzetto", a fossa, "a cassetta" di lastre di pietra. Nei corredi funebri si cominciano a cogliere i segni di una stabile differenziazione sociale: morsi di cavallo, rasoi lunati (con la lama a forma di crescente lunare) e fibule" (spille chiuse per le vesti) "serpeggianti" per gli uomini, oppure elementi di cinturoni, fibule "ad arco" ed elementi del telaio per le donne.

16 Riti Funerari nell età del ferro (IX-VIII sec. a.c.)

17 ETRUSCHI Età del ferro (IX-III sec. a.c.) Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio La civiltà etrusca fiorì a partire dalla cultura villanoviana e fu definitivamente inglobata nella civiltà romana entro la fine del primo secolo avanti Cristo Tarquinia: Ossuario biconico coperto da elmo fittile, accompagnato da vasi e oggetti in bronzo

18 In alcuni casi i due riti possono coesistere all interno della stessa comunità (es. Cerveteri, Tarquinia): espressione dell incontro tra due diverse culture (es. in età ellenistica), espressione di diversi ruoli sociali Sarcofago fittile con coppia di sposi dalla Collezione Campana Dal punto di vista del rito funebre si osserva un riaffermarsi dell'inumazione nell'etruria meridionale e marittima durante il villanoviano evoluto e l'orientalizzante; infine un uso promiscuo dei due riti - con prevalenza dell'inumazione nel sud, dell'incinerazione nel nord - per tutta la successiva durata della civiltà etrusca.

19 ROMANI Fonti letterarie ed archeologiche testimoniano come inumazione e cremazione erano praticate a Roma fin dalle fasi più antiche Età repubblicana fino a metà II sec. d.c.: coesistenza dei due riti Prevalenza della cremazione: III sec. a.c. I sec. d.c. Rituale utilizzato per classi sociali più elevate Colombario di Piazza Gregoriopoli (Ostia)

20 Abbandono della cremazione: non è un abbandono netto tra il I sec e la prima metà del II sec. d.c. si assiste al rituale misto. Mausolei con inumazioni e nicchie con cremazioni. Ritorno all inumazione: tra il 150 e il 200 d.c. (Collatina 8-10% cremazioni) avvento cristianesimo (a causa delle associazioni pagane ed a causa della preoccupazione che potrebbe interferire con la resurrezione del corpo e della relativa riunione con l anima), carenza di legname

21 Sepolcro dei Corneli (ex Barberini) Situato lungo la Via Latina (seconda metà del II sec. d.c.) Tomba laterizia a tempietto, su tre piani, nella camera funeraria fu rinvenuto un sarcofago raffigurante il mito di Protesilào e Laodamìa. Nei corridoi ipogei che circondano la tomba principale fu ricavato lo spazio per decine di deposizioni, disposte in arcosoli, forme o in tombe a cappuccina disposte su tre piani sovrapposti. Nel corridoio centrale, sepolture in arcosolio si alternano a nicchie con olle Cinerarie.

22 Esame dei resti cremati Prelievo sul campo dell urna cineraria intatta, evitando interventi in sito Documentazione fotografica, radiografica e TAC Microscavo Lavaggio e restauro Studio antropologico: Riconoscimento reperti e suddivisione in distretti scheletrici Determinazione del sesso e dell età alla morte Pesatura di ciascun distretto scheletrico Analisi cromatica temperatura di combustione Esame paleopatologico

23

24

25

26 MICROSCAVO VIRTUALE Microscavo virtuale di un urna villanoviana del IX secolo a.c. della necropoli di Via Marche (Pisa)

27 MICROSCAVO VIRTUALE Microscavo virtuale di un urna villanoviana (IX secolo a.c.) della necropoli di Via Marche (Pisa)

28 MICROSCAVO VIRTUALE Microscavo virtuale di un urna villanoviana del IX secolo a.c. della necropoli di Via Marche (Pisa)

29 MICROSCAVO VIRTUALE Localizzazione di un fermatrecce in bronzo posto a corredo della sepoltura

30

31

32

33 MICROSCAVO STRATIGRAFICO - Evidenziare eventuali sequenze volontarie nella deposizione dei resti all interno del cinerario. -In caso di sepolture multiple: comprendere se gli individui sono stati introdotti (e quindi cremati) contemporaneamente o in momenti successivi. -In caso di presenza di ossa animali: determinare se sono mescolate a quelle umane o separate (momento di deposizione) A partire dalla presenza di ossa 1 STRATO 2 STRATO 3 STRATO

34 I resti ossei umani provenienti da cremazione hanno un elevata resistenza a fattori diagenetici e la loro sopravvivenza nel suolo è superiore rispetto ad ossa incombuste. Ciò è dovuto al fatto che la distruzione della componente organica dell osso da parte del fuoco impedisce l azione dei microrganismi decompositori che degradano l osso. Ossicino dell orecchio: incudine Resti ossei di un feto di circa settimane

35 RIMOZIONE DELLA MATRICE TERROSA - LAVAGGIO

36 SUDDIVISIONE DEI FRAMMENTI NEI DIVERSI DISTRETTI SCHELETRICI Cranio Denti Cinto scapolare Arti superiori Tronco Cinto pelvico Arti inferiori Mani piedi Indeterminabili

37

38 ELEMENTI ESTRANEI

39 Il tempo necessario a cremare un cadavere va da 3 ore (nell India moderna) a 7-10 ore. La durata e l efficienza di una cremazione è comunque influenzata da diversi fattori, quali gli agenti atmosferici (temperatura, vento o pioggia) e dalla qualità e quantità di legna utilizzata (spesso correlata allo stato sociale del defunto) (McKinley 2000) Durante la combustione l acqua presente all interno dell osso evapora rapidamente, l osso assume un aspetto frammentario e distorto, mentre la sua componente minerale, l idrossiapatite, modifica la sua struttura cristallina tra i 525 C ed i 645 C A partire da 500 C la superficie dell osso subisce vistose modifiche caratterizzate da fratture trasversali di forma ellittica (fratture concoidi), la cui presenza indica che l osso, al momento della combustione era ancora ricoperto dai tessuti molli; diversamente, spaccature longitudinali suggeriscono una combustione successiva alla decomposizione (Ubelaker 1989).

40 La differenza nei pattern aiuta il riconoscimento dei frammenti A livello del cranio e, talvolta, delle diafisi si può osservare una differenza marcata di colorazione tra tavolato esterno ed interno e strato diploico (effetto sandwich ). Nel cranio e nelle superfici convesse o sferiche come le teste di omeri e femori, l azione del fuoco si manifesta sottoforma di un fitto mosaico di piccole fratture poligonali della superficie ossea (Reverte Coma 1996).

41 CROMATISMO E TEMPERATURA DI COMBUSTIONE Le tonalità di colore marrone-nerastro sono tipiche di ossa scarsamente carbonizzate (temperature inferiori ai 300 C), il colore grigio bluastro, invece, si riferisce a temperature intermedie (tra i 300 e i 600 C) mentre il bianco opaco indica una combustione completa (temperature superiori ai 600 C) Un estrema frammentazione e riduzione dimensionale dei resti ossei suggeriscono un incinerazione efficiente caratterizzata da alte temperature

42 CROMATISMO E TEMPERATURA DI COMBUSTIONE Temperatura ( C) Colore Shipman et al. (1984) < 285 Bianco o giallastro Marrone-rossiccio, giallo-rossastro, grigio scuro o grigio con sfumature marroni Nero con sfumature bluastre o giallo rossiccio Bianco, grigio chiaro o grigio bluastro 940 Bianco, talvolta con tonalità grigiastre o rossicce Temperatura ( C) Colore Mays (1998) 185 Rosso-arancio 285 Marrone scuro con tonalità nerastre 360 Nero 440 Marrone-grigiastro 525 Marrone-grigiastro chiaro Bianco, talvolta con sfumature giallastre

43 L'osservazione comparata delle diverse tonalità di colore consente di ricostruire quali distretti scheletrici sono stati sottoposti maggiormente all'azione del fuoco e di formulare ipotesi circa la disposizione del corpo sulla pira funebre. Osservazioni sperimentali hanno dimostrato che all interno di una pira funebre possono essere ottenute temperature superiori a 1000 C, mentre le parti periferiche raggiungono, in genere, temperature più basse.

44 PESO DEI DIVERSI DISTRETTI SCHELETRICI Rappresentatività in % di ciascun distretto rispetto al peso totale Raccolta selettiva dei resti Quantificazione del materiale disperso cranio mandibola colonna vertebrale coste sterno clavicola scapola omero radio ulna mano coxale femore tibia fibula piede Peso (%) 17,98 2,42 10,06 6,42 0,47 1,04 2,84 6,38 2,18 2,66 2,53 7,83 17,67 10,63 2,47 5,79 Sepoltura multipla Quantificazione del livello di frammentazione (rituale o involontaria) Età (anni) 0-0,5 0, uomo adulto donna adulta Peso medio (g) ( ) 1550 ( ) Peso della parte minerale dell osso (dopo cremazione) in diverse fasce d età Cranio Denti Cinto scapolare Arti superiori Tronco Cinto pelvico Arti inferiori Mani piedi Indeterminabili

45 RICONOSCIMENTO DEGLI ELEMENTI SCHELETRICI SEPOLTURE MULTIPLE O RACCOLTA ACCIDENTALE Ustrinum Tempo trascorso tra un rito funebre e l altro DETERMINAZIONE ETA ALLA MORTE Parti anatomiche ripetute o dello stesso lato Ossa a diverso stadio di maturazione (adulto e bambino) Dimensioni diverse di due parti controlaterali?!? (il fuoco può ridurre dal 15 al 30% l volume dell osso) Eruzione dentaria Saldatura epifisi-diafisi Sinostosi suture craniche Processi degenerativi (osteoartrosi) DETERMINAZIONE DEL SESSO Particolari morfologici Dimensioni ossa (spessore tavolato cranico e corticale diafisi)

46 ALTERAZIONI DI TIPO PATOLOGICO

47 La necropoli di Ameglia Planimetria della necropoli di Ameglia Particolare dei recinti funerari contenenti le tombe a cassetta E situata presso la foce del fiume Magra e venne utilizzata in un arco di tempo piuttosto breve, tra la fine del IV e l inizio del III sec. a.c.

48 Il rituale funerario caratteristico dei Liguri è l'incinerazione. I vasi cinerari accompagnati dal corredo funebre erano posti all' interno di tombe a cassetta in pietra. Ciò che resta di questo popolo sono essenzialmente le tombe ed i loro corredi. Quindi, malgrado i danni prodotti dalla combustione, l esame antropologico dei resti umani rappresenta l unica fonte biologica di conoscenza. Tombe a cassetta contenenti le urne cinerarie

49 -determinazione del numero di individui, del sesso e dell età alla morte -analisi quantitativa in base al peso differenziato dei resti - alterazioni scheletriche indicatrici delle condizioni di vita e di salute. - rituale funerario: modalità di raccolta dei frammenti ossei e temperatura di combustione raggiunta durante la cremazione Necropoli di Ameglia: 74 cinerari esaminati

50 PROFILO DEMOGRAFICO età maschi femmine N.D totali % (n=65) infantile 1 (0-6) ,9% infantile 2 (7-12) ,6% adolescente (13-19) ,6% giovane adulto (20-29) ,5% adulto (30-39) ,5% maturo (40-49) ,8% adulto n.d.* totali % M/F (n=63) 46% 54% subadulti < 19 anni (17:75=22,7%) bambini < 13 anni (14:75=18,7%) Corredo maschile Corredo femminile 84% di diagnosi del sesso corrette (42:50) Le tombe di Ameglia hanno restituito numerosi elementi di corredo diversificati in base al sesso, peculiarità che ha permesso una verifica a posteriori dell attendibilità della metodologia antropologica applicata.

51 ESAME PALEOPATOLOGICO Denti cariati, ascessi e perdite dentarie in vita. La presenza di un numero così elevato di affezioni dentoalveolari, suggerisce una scarsa igiene orale ed un alimentazione cariogena. Iperostosi porotica La presenza così diffusa di questa alterazione suggerisce un discreto carico patogeno ambientale.

52 Numero di individui con alterazioni patologiche e frequenza percentuale del grado di sviluppo delle inserzioni muscolari (solo adulti). FEMMINE MASCHI carie 7 3 perdite dentarie in vita 8 4 ascesso 4 1 parodontopatia 2 1 osteoporosi 3 0 cribra cranii / orbitalia 4 12 iperostosi endocranica 3 2 periostite 1 2 artropatie 8 8 stress funzionale/traumi 2 3 Inserzioni muscolari lievi 42,9% 9,1% medie 57,1% 63,6% forti 0,0% 27,3% Frammento di vertebra con segni artrosici Falange di una mano con alterazione artrosica all articolazione prossimale

53 Alterazione della superficie interna del cranio simile all iperostosi ma con un aspetto a canalicoli vermicolari (in 7 soggetti). Superficie endocranica Probabile meningite tubercolare? Concrezioni calcaree identificate come linfonodi calcificati La calcificazione dei linfonodi può rappresentare una risposta ad un infiammazione di tipo tubercolare Linfonodi calcificati Ulteriori indagini istologiche e biomolecolari sono in corso per conseguire una corretta diagnosi, che se venisse confermata, indicherebbe un ampia diffusione delle malattie infettive, in particolare della tubercolosi, tra la popolazione di Ameglia, soprattutto se si tiene presente che l individuazione di tale patologia in resti scheletrici è rara.

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo CAMPO PIANELLI il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo Il 5 di ottobre del 1875, i membri della neonata Sezione Alpinisti dell Enza si recarono a Castelnovo ne Monti e, sotto la guida

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA

LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA Gli autori greci e latini hanno sempre posto in cattiva luce il comportamento

Dettagli

MUV Museo della civiltà Villanoviana

MUV Museo della civiltà Villanoviana MUV Museo della civiltà Villanoviana RAVENNA BOLOGNA Laboratori e attività didattiche Anno scolastico 2013-2014 SAN LAZZARO MUV Museo della civiltà Villanoviana Via Tosarelli, 191 40055 Villanova di Castenaso

Dettagli

PERCORSO 3 Il sostegno e il movimento

PERCORSO 3 Il sostegno e il movimento PERCORSO Il sostegno e il movimento di Elena Ballarin Riferimento al testo base: A. Acquati, Con gli occhi dello scienziato, volume, unità 8, pp. - / volume C, unità, pp. 08-7 Destinatari: scuola secondaria

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO

ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO Progetto didattico Anno scolastico 2013-2014 Lo scavo come strumento di conoscenza:

Dettagli

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo.

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo. SISTEMA SCHELETRICO Sistema scheletrico Sistema scheletrico è formato da 205 ossa e ha delle funzioni importanti: sostiene il corpo e permette il movimento protegge gli organi delicati (cervello, cuore,

Dettagli

La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame

La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame Lo scheletro è una delle strutture più precoci e facili da vedere in un feto. Diviene visibile agli ultrasuoni appena le ossa sono

Dettagli

L area archeologica di via Aldini (Roma - X Municipio): la necropoli romana

L area archeologica di via Aldini (Roma - X Municipio): la necropoli romana The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo.

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo. GLI ETRUSCHI L origine del popolo etrusco è incerta; essendo gli insediamenti più antichi sulla costa, si suppone che venissero da Oriente (ma questa è solo una delle tante ipotesi formulate dagli studiosi).

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

Sostegno e locomozione

Sostegno e locomozione Sostegno e locomozione Uno scheletro è un apparato che deve svolgere almeno le seguenti funzioni: sostenere il corpo permettere il movimento proteggere organi interni Uno scheletro può essere: Idroscheletro

Dettagli

La mostra dal titolo Culti

La mostra dal titolo Culti CULTI DELLA FERTILITÀ NEL II MILLENNIO a.c. A LAVELLO di Addolorata Preite BASILICATA REGIONE Notizie La mostra dal titolo Culti della fertilità nel II millennio a.c., allestita nel Civico Antiquarium

Dettagli

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO 23 CONVEGNO NAZIONALE sulla Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I a cura di Armando Gravina SAN SEVERO 2003 Stampa:

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO ALLEGATO O PROGETTO Piano Regolatore Cimiteriale Settembre 2012 COMMITTENTE: Comune di Castano Primo presso Villa Rusconi Corso Roma 20022

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Regolamento del cimitero comunale

Regolamento del cimitero comunale Comune di Mendrisio Quartiere di Rancate Regolamento del cimitero comunale I. DISPOSIZIONI GENERALI Ubicazione, definizione Art. 1 Il cimitero di Rancate, di proprietà comunale, è situato sul mappale 414

Dettagli

Analisi degli insediamenti

Analisi degli insediamenti Analisi degli insediamenti Molteplici significati del termine insediamento (modelli di insediamento; abitato) Qui usato nel senso più ampio in riferimento a specifici luoghi: insediamenti come luoghi dove

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

TANGRAM. VIAGGIO ALL ORIGINE DEL CULTO DEI MORTI Relatrice: prof.ssa Annaluisa Pedrotti

TANGRAM. VIAGGIO ALL ORIGINE DEL CULTO DEI MORTI Relatrice: prof.ssa Annaluisa Pedrotti TANGRAM Viaggi nella storia e nell archeologia Agenzia certificata ISO 9001 VIAGGIO ALL ORIGINE DEL CULTO DEI MORTI Relatrice: prof.ssa Annaluisa Pedrotti Il personaggio che sta cadendo, raffigurato nell

Dettagli

16/06/2014. Indicatori scheletrici di stress nutrizionale e di malattia. Traumi

16/06/2014. Indicatori scheletrici di stress nutrizionale e di malattia. Traumi Indicatori scheletrici di stress nutrizionale e di malattia Simona Minozzi Div isione di Paleopatologia Univ ersità di Pisa Sono così comunemente chiamate alcune alterazioni scheletriche e dentali, riconducibili

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO MODIFICAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA IN RELAZIONE ALLE ATTIVITA CIMITERIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Sepolcro di Cartilio Poplicola

Sepolcro di Cartilio Poplicola Sepolcro di Cartilio Poplicola Il sepolcro di Cartilio Poplicola fu eretto tra il 25-20 a.c. Esso poggia su un basamento quadrato rivestito di travertino, una roccia calcarea particolarmente usata a Roma,

Dettagli

SCUOLA E MUSEO: I BAMBINI E L ARCHEOLOGIA

SCUOLA E MUSEO: I BAMBINI E L ARCHEOLOGIA Comune di Castelfranco Emilia Assessorato alla Cultura Festa Internazionale della Storia VIII edizione SCUOLA E MUSEO: I BAMBINI E L ARCHEOLOGIA Esposizione di materiali didattici e attività per l insegnamento

Dettagli

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco,

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, dalla vita quotidiana alle usanze funerarie. Orario di apertura:

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 24 APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano, formato da circa 206 ossa (circa il 20% del nostro peso corporeo),

Dettagli

Regolamento e tariffe del cimitero comunale

Regolamento e tariffe del cimitero comunale Comune di Mendrisio Quartiere di Arzo Regolamento e tariffe del cimitero comunale I. SORVEGLIANZA DEL CIMITERO Art. 1 Sono di competenza del Municipio la sorveglianza e la manutenzione del cimitero. Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 36 del

Dettagli

IL SISTEMA SCHELETRICO

IL SISTEMA SCHELETRICO IL SISTEMA SCHELETRICO Il sistema scheletrico è una complicata impalcatura interna che svolge tre importantissime funzioni: sostiene il corpo e consente di mantenersi in posizione eretta; protegge gli

Dettagli

Atti del 6 Convegno Nazionale di Archeozoologia

Atti del 6 Convegno Nazionale di Archeozoologia Associazione Italiana di ArcheoZoologia Dipartimento di Scienze Archeologiche Atti del 6 Convegno Nazionale di Archeozoologia Centro visitatori del Parco dell Orecchiella 21-24 maggio 2009 San Romano in

Dettagli

Città e comunità, le radici e le architetture Cecilia Tedeschi

Città e comunità, le radici e le architetture Cecilia Tedeschi SOCIETA, CULTURA, ARCHITETTURE CIMITERIALI Cimitero di Kyoto 2 ARCHITETTURE CIMITERIALI DEL XX sec - abbandono, in luogo aperto - sopraelevazione, su piattaforma - sepoltura in mare - cremazione - sepoltura

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

Il colombario di Pomponio Hylas

Il colombario di Pomponio Hylas Il colombario di Pomponio Hylas I monumenti funerari nel mondo romano: brevi cenni Nel mondo romano, dall età repubblicana fino a tutto il periodo imperiale, i tipi di architettura funeraria adottati sono

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

ARCHEOLOGIA E ANTROPOLOGIA DELLE NECROPOLI NEOLITICHE EMILIANE

ARCHEOLOGIA E ANTROPOLOGIA DELLE NECROPOLI NEOLITICHE EMILIANE ARCHEOLOGIA E ANTROPOLOGIA DELLE NECROPOLI NEOLITICHE EMILIANE LE NECROPOLI EMILIANE E LO STUDIO IN CORSO Il territorio che corrisponde alle province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza è l area dell Italia

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

CENNI STORICI SULLA CREMAZIONE

CENNI STORICI SULLA CREMAZIONE CENNI STORICI SULLA CREMAZIONE Premessa. Le notizie che verranno qui di seguito esposte non costituiscono una Storia della cremazione, ma vogliono essere semplicemente un compendio, sperabilmente breve

Dettagli

NECROPOLI CELTICHE E LIGURI NELL APPENNNO SETTENTRIONALE. di Laura Lotti

NECROPOLI CELTICHE E LIGURI NELL APPENNNO SETTENTRIONALE. di Laura Lotti NECROPOLI CELTICHE E LIGURI NELL APPENNNO SETTENTRIONALE di Laura Lotti La presenza dell uomo, nelle valli che dal mare risalgono fino ai passi appenninici, è documentata fin dal Paleolitico medio (da

Dettagli

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO CORPO UMANO CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO FACCIA ARTI SUPERIORI ARTI INFERIORI TORACE ADDOME AVAMBRACCIO BRACCIO MANO COSCIA GAMBA PIEDE EPIDERMIDE Strato corneo Strato germinativo Ghiandole sebacee

Dettagli

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria)

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) 1 Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) Relazione della campagna di scavo 2010 condotta dalla Missione Eufrate dell Università di Palermo di Gioacchino Falsone e Paola Sconzo Nell estate del 2010 la Missione

Dettagli

RITUALI FUNERARI - 39 -

RITUALI FUNERARI - 39 - II RITUALI FUNERARI Nelle colonie magnogreche e siceliote possiamo, in generale, osservare una netta prevalenza del rito inumatorio rispetto a quello crematorio 1. A Pithekoussai, ad esempio, nell VIII

Dettagli

Gennaio 2012 IISS G. Peano

Gennaio 2012 IISS G. Peano Gennaio 2012 IISS G. Peano LE FONTI Letterarie: non esistono testi sacri in senso stretto, né formule fisse di preghiera e liturgie (leit ourghia=azione del popolo) prestabilite. Poeti: compongono nuovi

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

LE INDAGINI STORICO - ARCHEOLOGICHE POBIETTO E LA CULTURA DI GOLASECCA

LE INDAGINI STORICO - ARCHEOLOGICHE POBIETTO E LA CULTURA DI GOLASECCA LE INDAGINI STORICO - ARCHEOLOGICHE POBIETTO E LA CULTURA DI GOLASECCA L indagine archeologica condotta nella necropoli dell età del Bronzo finale (1.050-900 circa a.c.) di Pobietto (comune di Morano sul

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

CORSO di LAUREA per TECNICI SANITARI di RADIOLOGIA MEDICA

CORSO di LAUREA per TECNICI SANITARI di RADIOLOGIA MEDICA CORSO di LAUREA per TECNICI SANITARI di RADIOLOGIA MEDICA TECNICA DI RADIOLOGIA SCHELETRICA CRANIO COLONNA VERTEBRALE SCHELETRO TORACICO ARTO SUPERIORE BACINO ARTO INFERIORE Il cammino nel tempo dei raggi

Dettagli

LE SEPOLTURE DI CASTEL PAGANO DATI ANTROPOLOGICI E PALEOPATOLOGICI

LE SEPOLTURE DI CASTEL PAGANO DATI ANTROPOLOGICI E PALEOPATOLOGICI LE SEPOLTURE DI CASTEL PAGANO DATI ANTROPOLOGICI E PALEOPATOLOGICI di Walter Pantano INTRODUZIONE Lo scheletro umano è un archivio di informazioni non solo biologiche ma anche culturali. I caratteri osservati

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6156 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Disposizioni in materia di cremazione e

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti La mummificazione o imbalsamazione è il metodo con cui gli antichi Egizi conservavano i corpi dei defunti, preservandoli dalla decomposizione. Questo risultato era particolarmente importante perché, secondo

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE T I T O L O I AMMINISTRAZIONE E SORVEGLIANZA DEL CIMITERO Art. 1 Il Cimitero è di proprietà del comune e come tale sottoposto alla vigilanza del Municipio. Art. 2 Il Municipio

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 11 Indice I GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale... 4 Art. 2 Autorità

Dettagli

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Soazza Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Legge comunale sulla costruzione di abitazioni a scopo sociale Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

D I O S C O E D I F R E G G I O

D I O S C O E D I F R E G G I O R E G O L A M E N T O D E I C I M I T E R I C O M U N A L I D I O S C O E D I F R E G G I O MUNICIPIO DI OSCO 2 TITOLO I - ORGANIZZAZIONE Art. 1 Definizione, proprietà e amministrazione I cimiteri di Osco

Dettagli

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo Sistema scheletrico - ossa Il sistema scheletrico è fatto da: - cartilagini - articolazioni Nel tessuto osseo ci sono tante lamelle e in mezzo ci sono le cellule chiamate osteociti. I vasi sanguigni passano

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

Laura Simone Zopfi, Roberto Mella Pariani, Emanuela Sguazza, Davide Porta, Cristina Cattaneo

Laura Simone Zopfi, Roberto Mella Pariani, Emanuela Sguazza, Davide Porta, Cristina Cattaneo The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

PRC-SETTEMBRE 2010 PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE. [info@manzoniarchitetti.it +39035463873]

PRC-SETTEMBRE 2010 PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE. [info@manzoniarchitetti.it +39035463873] PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE PREMESSA Il Piano Regolatore Cimiteriale è lo strumento che definisce la programmazione degli spazi

Dettagli

Regolamento del cimitero del Comune di Lumino

Regolamento del cimitero del Comune di Lumino Regolamento del cimitero del Comune di Lumino Comune di Lumino Regolamento del cimitero del Comune di Lumino 2 CAPITOLO I: Organizzazione del cimitero Art. 1 Autorità competente Art. 2 Registrazione Art.

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere autorizzata dal Comune (2) ove è avvenuto il decesso,

Dettagli

STORIA. Gli Etruschi. Le origini e la lingua. La massima potenza etrusca. il testo:

STORIA. Gli Etruschi. Le origini e la lingua. La massima potenza etrusca. il testo: 01 Le origini e la lingua chiamano se stessi Rasenna: sviluppano la loro civiltà nell attuale Toscana, chiamata anche Etruria. L origine di questo popolo è ancora oggi sconosciuta. Sul problema delle origini

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche Sezione 1 Infortuni: analisi e statistiche 1.1 Analisi del fenomeno infortunistico in Regione Nel 2012 l andamento infortunistico in Molise evidenzia una significativa flessione del -6,2% rispetto all

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia 1 Lo scavo della villa romana di San Felice, territorio di Gravina in Puglia, giugno e luglio 2010. Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia La campagna di scavo effettuata durante

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ...4 II. SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Autorità

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

ll Tesoro di Spilamberto. Signori longobardi alla frontiera

ll Tesoro di Spilamberto. Signori longobardi alla frontiera http://mostreemusei.sns.it/index.php?page=_layout_mostra&id=817&lang=it ll Tesoro di Spilamberto. Signori longobardi alla frontiera Spilamberto, Spazio Eventi L. Famigli 11 dicembre 2010-25 aprile 2011

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO PIANO REGOLATORE CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO PIANO REGOLATORE CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO _ PIANO REGOLATORE CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (Approvato con deliberazione di C.C. n. -- del --.--.----) Sommario ART.1 - APPLICAZIONE DEL PIANO...

Dettagli