LA «PRESA DI PAROLA» NELLE ESEQUIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA «PRESA DI PAROLA» NELLE ESEQUIE"

Transcript

1 LA «PRESA DI PAROLA» NELLE ESEQUIE SITUAZIONE, OPPORTUNITÀ, INDICAZIONI Paolo Sartor Mentre mi accingevo a stendere queste note, il teleschermo trasmetteva le immagini delle esequie di alcuni soldati italiani uccisi in Iraq. La celebrazione dei «funerali di stato» era presieduta dall Ordinario militare, che stava leggendo un omelia alquanto misurata nei toni e densa di contenuti tratti dalle Scritture e dall insegnamento della Chiesa. Raramente ho visto applicare in maniera così fedele l indicazione del Rito delle esequie promulgato dopo il Vaticano II, che chiede di tenere «una breve omelia, evitando però lo stile di un elogio funebre» 1. In effetti il presule è riuscito a parlare con tono misurato, sobrio, teso più alla sostanza del messaggio di fede che alla commemorazione dei caduti; mi domandavo però se la signorilità del tratto e la pacatezza dell eloquio non potessero risultare in qualche modo «freddi» alle persone presenti al rito, in particolare ai familiari dei militari defunti. Lo stesso RE, del resto, non disgiunge la proclamazione del significato salvifico della Pasqua di Cristo dall esigenza che tale significato sia colto come messaggio consolante dagli uomini e dalle donne: «La liturgia cristiana dei funerali è una celebrazione del mistero pasquale di Cristo Signore. Nelle esequie la Chiesa prega che i suoi figli, incorporati per il battesimo a Cristo morto e risorto, passino con lui dalla morte alla vita [...]. È per questo che la Chiesa, madre pietosa, offre per i defunti il sacrificio eucaristico, memoriale della Pasqua di Cristo, e innalza preghiere e compie suffragi; e poiché tutti i fedeli sono uniti in Cristo, tutti ne risentono vantaggio: aiuto spirituale i defunti, consolazione e speranza quanti ne piangono la scomparsa» (RE, Premesse, 1) All equilibrio estremo e alla totale assenza di pathos nell omelia ricordata devono aver contribuito non poco la ripresa televisiva e l amplificazio- 1 Rito delle esequie, CEI, Roma 1974 (ed. typ. 15 agosto 1969), n. 63 (Esequie degli adulti - Celebrazione della messa). Sulla stessa linea anche i nn. 69 (Esequie degli adulti - Senza la messa: = n. 63), 95 (Esequie degli adulti - Al cimitero senza la messa: «Si tenga una breve omelia, a meno che non si faccia presso il sepolcro»); 131 (Esequie dei bambini - Celebrazione con la messa: «Si tenga una breve omelia»), 137 (Esequie dei bambini - senza la messa: = n. 95). D ora in poi si indicherà il rituale con la sigla RE (quello della Liturgia ambrosiana con la sigla RE-Ambr). 93/6(2006) Rivista Liturgica

2 ne mediatica ormai attesa per le prediche dei funerali di stato. Ma ciò che conta è rilevare l esigenza di un annuncio davvero significativo, condotto con una modalità che rispetti la natura dell omelia liturgica, in un contesto sociale e culturale che non pare certo il più adatto ad accogliere la riflessione su «la visione cristiana della morte, la preparazione alla morte, la serietà della morte» L AFASIA CONTEMPORANEA SUL MORIRE Non è questa la sede per una considerazione approfondita delle difficoltà che il tema della morte propone alla coscienza cristiana e alla stessa pastorale; è però evidente che difficoltà e lacune sono da ricollegare all ostinata rimozione del pensiero della morte nella cultura corrente. In particolare la «medicalizzazione» del momento del morire 3, aggiungendosi alla diffusa privatizzazione della famiglia e alla connessa declinazione solo affettiva dei rapporti familiari, conduce a pensare che tale contemporanea rimozione non sia operazione meramente formale 4. Non stupisce, quindi, di poter riscontrare una tendenziale e almeno parziale afasia del discorso cristiano sulle cose ultime, riscontrata anche a un analisi recente di vari testi catechistici, dove dall ars moriendi si passa alla raccomandazione del vivere buono e alla considerazione delle realtà escatologiche, ignorando però il morire in sé stesso 5. 2 Come sottolinea l editoriale La morte e il dono di sé, in «La Rivista del Clero Italiano» 73 (1992) : «In una società nella quale si nasce in una clinica e si muore in un ospedale (Augé) la morte non solo è sempre meno vista nel suo lato brutale e impotente [...] ma essa è sempre di più letta e percepita (cioè culturalmente interpretata) come una scelta deliberata dei soggetti dinanzi a un organismo che oggettivamente non può più operare in modo umano. [...] La struttura ospedaliera, la degenza e le analisi specialistiche, il tentativo di ricorrere a un intervento chirurgico, il sorgere di complicazioni, permettono di situare il decesso come una sorta di evento inevitabile, in qualche caso preferibile allo stato di malattia e a scenari comunque sempre più problematici connessi al suo aggravarsi»: S. ABBRUZZESE, Domanda simbolica e contesti di razionalizzazione nella gestione dell evento morte, in «Ambrosius» 79 (2003) : Al riguardo, si veda la ricognizione fenomenologica proposta a suo tempo da CONSIGLIO PRESBITERALE MILANESE, Nascere e morire in Occidente, in «La Rivista del Clero Italiano» 72 (1991) : La riflessione si richiama, tra l altro, alle opere dello storico PH. ARIÈS (soprattutto L uomo e la morte dal Medioevo a oggi, Laterza, Bari ) e della psicologa E. KÜBLER-ROSS, La morte e il morire, Cittadella, Assisi Cf. E. COMBI, Quando corpus morietur. Per un approccio catechistico alla morte, in «Ambrosius» 79 (2003) [76] Paolo Sartor

3 Ora, sarebbe sorprendente se su questo punto la celebrazione cristiana si distanziasse di molto dalla catechesi, dato che il referente contenutistico non cambia (quello che possiamo chiamare il «sapere» del liturgo-omileta-catecheta). Rispetto alla considerazione catechistica, occorre però introdurre una variabile propria della liturgia: il fatto che esiste un «luogo» deputato all annuncio circa la morte e la speranza cristiana, ed è appunto la celebrazione liturgica delle esequie. In proposito X. Durand rammenta che non è infrequente, da parte dei preti, intendere le esequie come luogo privilegiato di evangelizzazione, sia nei confronti di coloro che non praticano la fede cristiana, sia nei confronti di quanti normalmente frequentano. Infatti «tous les pasteurs savent [...] la difficulté de ceux qui se disent chrétiens à entrer dans un language de foi en la résurrection des morts» 6. In particolare, richiamandosi al RE, l autore francese fa notare l incoerenza tra l invito a tener conto della varietà delle assemblee riunite ai funerali cristiani e la laconicità in merito all omelia, che pur potrebbe avere qualche carta da spendere per favorire una reale attenzione alla diversificazione dell assemblea. Non a caso, tra le non frequentissime occasioni nelle quali i media si occupano di liturgia e di omelia, vi è almeno in Italia la già menzionata situazione della predica tenuta durante eventi luttuosi di portata tale da meritare l attenzione della stampa e della televisione. Talvolta, anzi, sembra che spetti appunto alla sola omelia di offrire il senso di quanto sta avvenendo, e perciò le parole del presidente dell assemblea vengono sottoposte a vaglio accurato alla ricerca di qualche frase «memorabile» o almeno degna di menzione in un articolo o un servizio radiotelevisivo. 2. UNA PRESA DI PAROLA DISTRIBUITA IN PIÙ MOMENTI I giornalisti probabilmente rimarrebbero stupiti nell apprendere che l omelia è solo uno dei momenti di «presa di parola» previsti nella celebrazione delle esequie: essa ha certamente la funzione di esprimere un senso per coloro che partecipano al rito, ma unitamente e in armonia con la scelta e la proclamazione delle letture scritturistiche, con l esecuzione delle monizioni previste, con la gestione dei momenti di preghiera dei fedeli e di commiato. Ne consegue che per comprendere lo statuto di questa particolare omelia occorre riferirsi a quanto viene affermato a proposito della Liturgia della Parola, che per il RE ha un ruolo importante, perché «proclama il mistero pasquale, nutre la speranza di ritrovarsi nel regno, manifesta i legami profondi che uniscono i morti ai vivi ed esorta alla testimonianza della vita cristiana» 7. Ecco allora che, in continuità con queste indicazioni, l omelia funebre dovrebbe favorire il passaggio dal mistero pasquale annunciato dalle letture 6 X. DURAND, Prédication de laïcs aux funérailles, in «La Maison-Dieu» 227 (2001) : RE, n. 88. La «presa di parola» nelle esequie [77] 897

4 bibliche alla testimonianza attuale della fede, attraverso la misteriosa comunione tra vivi e morti. D altra parte, vale per il Lezionario delle esequie, e quindi per l omelia, quanto annota F. Brovelli in margine all esame dell intero RE: «Il problema consiste non nella trasposizione meccanica [...], bensì nello sforzo di far vivere nella concreta celebrazione il clima, i valori e le prospettive coi quali la Chiesa d oggi intende porre la testimonianza della fede e della comunione di fronte alla realtà della morte» 8. Sotto questo profilo della «creazione di un clima» nell assemblea, colpisce il fatto che i Praenotanda non prevedano, a livello di omelia liturgica dei funerali, un intervento più «personale» da parte del celebrante. Come scrive ancora Durand, un ipotesi interpretativa potrebbe essere che «une prise de parole personnelle et personalisée est à répartir tout au long de la célébration où la présence est d autant plus vive qu elle devient absence et séparation. La monition d ouverture (mot d accueil), le commentaire homilétique de la parole de Dieu, l invitation au dernier adieu ménagent plusieurs moments où peut être rappelée simplement mais clairement la grâce du mystère pascal pour l espérance des hommes confrontés à la mort d un proche ou d un ami 9. Queste considerazioni aiutano a non dissociare mai l omelia dal suo contesto, ovvero dall intera liturgia esequiale. Il problema della predicazione liturgica della morte si trova così precisato come quello delle opportunità e delle difficoltà di una presa di parola (del presidente, ma anche dei lettori, del commentatore e dei fedeli stessi) durante la celebrazione cristiana della morte. Tale precisazione corrisponde del resto alla connotazione specificamente cattolica del culto cui ci riferiamo. In effetti, come scrive un autore protestante, «nella tradizione riformata la liturgia non ha mai avuto gran peso: il culto protestante è centrato sulla parola, parola letta, parola spiegata, parola predicata»; al contrario, «nella tradizione cattolico-romana è la celebrazione eucaristia durante la messa a costituire il centro e non l omelia» UNO SGUARDO ALLA SITUAZIONE Se passiamo dalle indicazioni di principio già non abbondantissime alla realizzazione pratica, sarebbe prezioso poter disporre di qualche verifica empirica relativa all insieme della celebrazione esequiale, cosa che invece non 8 F. BROVELLI, Esequie, in D. SARTORE- A.M. TRIACCA (edd.), Nuovo dizionario di liturgia, Paoline, Roma 1984, pp , qui p DURAND, Prédication de laïcs, cit., p E. GENRE, Introduzione, in D. BONHOEFFER, La Parola predicata. Corso di omiletica a Finkenwalde, Claudiana, Torino 1995, p. 11. D altra parte, è lo stesso autore a sottolineare un paradosso recente: mentre nel mondo protestante si starebbe riservando una minore attenzione al sermone del pastore, dopo il concilio nel mondo cattolico la predica avrebbe assunto un nuovo rilievo. 898 [78] Paolo Sartor

5 si dà. La letteratura si limita a registrare alcune impressioni, anche se ben fondate nella sensibilità liturgica e nell esperienza pastorale 11. Quanto alla possibilità di adattare e di ri-creare le monizioni previste da rito, per esempio, è stato notato acutamente, a proposito della seconda ristampa aggiornata del RE-Ambr, che «nella vecchia e nella nuova edizione [le monizioni] sono sempre introdotte con l espressione con le seguenti od altre simili parole, ma sono per lo più usate» dagli operatori pastorali così come sono scritte nel libro liturgico 12. Non risulta che le cose vadano diversamente nelle diocesi che utilizzano il rituale della liturgia romana: il testo suggerito rappresenta una «scialuppa di salvataggio» buona in tutte le occasioni, anche quando la conoscenza del defunto per il quale si prega o la familiarità con i presenti domanderebbero di utilizzare maggiormente delle facoltà di adattamento e di creatività che sono lasciate al presidente dell assemblea. Per quanto attiene, inoltre, alla preghiera dei fedeli, occorre chiedersi se i problemi dell orazione comune nei funerali siano sostanzialmente diversi da quelli che può globalmente incontrare oggi la pratica diffusa della preghiera dei fedeli: la tendenziale riduzione a ulteriore «lettura» proclamata, la difficile condivisione tra i fedeli, la preferenza della quantità alla qualità, la frequente inosservanza dell articolazione di massima proposta nei Praenotanda. Quanto al momento del congedo finale, si devono probabilmente lamentare la «pigrizia» rilevata per le monizioni in genere. Con l aggravio che la fretta o la sciatteria compaiono in un momento, per quanto limitato come spazio, che di natura sua prevede un accento per così dire «fatico» o «lirico». In certi casi pensiamo alle esequie di persone note alla comunità, e tipicamente dei familiari di un presbitero può essere rivestito di maggiore comunicativa e «calore» il momento dei ringraziamenti finali e degli eventuali avvisi rispetto appunto a quello dell ultimo saluto (che appare consegnato al rito in quanto tale, al dettato stabilito dai formulari, alla successione dei momenti previsti e perciò sottratti a ogni dimensione di pathos). Alla luce di queste invero troppo brevi considerazioni, siamo rimandati al problema di partenza: preso atto dell indubitabile «distanza» della morte dalla vita, indotta dalle forme civili complessive, a quali considerazioni può ricorrere il pastore per restituire invece pertinenza alla «vicinanza» obiettiva della morte alla vita di ogni uomo? Poiché gli spazi di presa di parola nella liturgia diversi dalla predicazione sembrano poco sfruttati, passiamo a vedere se almeno l omelia offra opportunità degne di nota. 11 Cf. F. DI MOLFETTA, Esequie, in M. SODI - A.M. TRIACCA (edd.), Dizionario di omiletica, LDC-Velar, Leumann-Gorle 1998, pp con la bibliografia ivi indicata. 12 L. MANGANINI, La seconda ristampa aggiornata del Rito delle esequie, in «Ambrosius» 79 (2003) : 107, dove conclude: «Le nuove monizioni hanno un respiro più biblico e anche un linguaggio più vivo». La «presa di parola» nelle esequie [79] 899

6 4. CIRCA L OMELIA SULLA MORTE: UN PENSIERO OBIETTIVAMENTE «FASTIDIOSO» Da anni si lamenta l assenza di una verifica empirica interdisciplinare sulla predicazione in Italia, e in ogni caso neppure le ricerche dei decenni scorsi si sono occupate delle omelie dei funerali 13 ; si deve perciò continuare sulla via della registrazione di qualche impressione di fondo, suggerendo che non pare la stessa cosa parlare della morte in occasione della scomparsa recente di una persona conosciuta, la cui «presenza» e «ricordo» risultano palpabili nella celebrazione, e viceversa toccare l argomento in una celebrazione domenicale, sollecitati dalle letture scritturistiche o dall argomento della festa. Una futura auspicabile analisi delle omelie dei funerali potrebbe attendersi di registrare in questo contesto un parlare per così dire «consolatorio». Nel caso delle esequie, in effetti, si trasmette l immagine della religione come unica parola di fronte al dramma che la morte propone: «Accanto al cuore che piange c è sempre lo sguardo della fede che manifesta la disponibilità all ascolto per una consolazione che può venire solo da colui che si è proclamato la risurrezione e la vita» 14. Pare invece diverso il modo di occuparsi della morte nelle usuali omelie festive, dove dovrebbe essere più agevole ritrovare i tratti già descritti dal catecheta circa la tendenziale lacuna sul morire e l indulgenza sul «qui e oggi» della morale cristiana e sul «non ancora» del dopo morte Cf. Ricerca interdisciplinare sulla predicazione, EDB, Bologna 1973; G. BUS- SETTI - P. CORBETTA - F. RICARDI, Religione e periferia. Ricerca sull atteggiamento religioso in un quartiere di Milano, Il Mulino, Bologna 1974, pp ; P. SAR- TOR, L omelia a Milano dal concilio a oggi attraverso le indagini empiriche», in «La Scuola Cattolica» 124 (1996) ; S. BORELLO, Comunicazione e liturgia: per un analisi linguistica delle omelie, tesi di laurea in Linguistica generale discussa presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli studi di Torino (Corso di laurea in Scienze della comunicazione) nell a.a. 2001/2002; al di fuori del nostro paese, cf. almeno il recente contributo di E. GUENELEY, Quand la prédication se prête à l analyse..., in «La Maison-Dieu» 227 (2002) DI MOLFETTA, Esequie, cit., p In attesa che forze migliori pongano mano a un inchiesta dedicata a questo tema omiletico, non resta che rifarsi a un lavoro accademico di una decina di anni fa, il cui campione di riferimento era composto dalle prediche di una domenica di avvento (la III ambrosiana e I romana) e della solennità dell Immacolata concezione: cf. P. SARTOR, La «predicazione mariana», oggi. Dati e interrogativi alla luce di una verifica sul campo, in «Marianum» 46 (1994) ; G. AMBROSIO - P. SARTOR, L omelia senza identità precisa, in «Rivista di Pastorale Liturgica»188 (1995) Ora il materiale proposto dalle omelie considerate appare di due tipi: i riferimenti brevi al tema della morte nel quadro delle conseguenze del peccato originale; pochi esempi in cui ritorna il repertorio simbolico caratteristico della predica sulla morte della predicazione convenzionale. Poiché il pensiero alla morte è di somma utilità per la vita presente, i sacerdoti talvolta si lamentano del modo in cui esso è spesso 900 [80] Paolo Sartor

7 Al di là delle distinzioni tra omelia nelle esequie e predica festiva, può essere ripetuto quanto scriveva oltre un decennio fa l editorialista della «Rivista del Clero Italiano»: quello della morte «è un pensiero che infastidisce, e non sempre i predicatori hanno il coraggio di infastidire» 16. In effetti una delle conclusioni dell analisi socio-linguistica di S. Borello dedicata alla semantica dei testi omiletici rileva che «gli aggettivi sono numerosissimi, in molti casi l uso è ridondante ed estetizzante» 17. La ricercatrice richiama al riguardo una tendenza, rilevata a suo tempo da chi scrive e stigmatizzata come «linguaggio estetizzante», consistente nel rischio di un ricorso a «un parlare rotondo, a un aggettivazione ridondante, a una scelta di diminutivi, esclamativi, vezzeggiativi, che dice e non dice» 18. La tendenza «sposta la direzione prevista dalla celebrazione dal Signore all assemblea alle relazioni interpersonali tra le persone presenti e a volte tra l assemblea e l omileta privilegiando un transfert psico-affettivo, rassicurante e esaltante, alla coerenza della celebrazione liturgica» 19. È quello che C. Biscontin, dal canto suo, stigmatizza come «il proposito di radunare i partecipanti-ascoltatori in un grembo emotivamente e affettivamente caloroso, come risposta a bisogni che vanno in questa direzione» 20. Se la predicazione liturgica contemporanea si muove in questa linea, non stupisce che il pensiero della morte possa infastidire e che alla lacuna culturale finisca per corrispondere analoga lacuna pastorale. Può accadere insomma che il predicatore ritenga «che alcune insistenze rischiano di presentare un vangelo negativo, più preoccupato della vita futura che di quella presente, più attento a sottolineare la verità delle cose che a mostrare il loro valore». Si comprende allora che proclami il vangelo come «una notizia che dà senso al vivere nel mondo» e che parli «della vita nuova vittoriosa sulla morte che Gesù ha dischiuso alla speranza dell uomo. Ma non parli della morte» 21. considerato: o lo si emargina per esorcizzarlo, oppure lo si valuta solo nei suoi aspetti negativi. Sembrano dunque acquisiti a questi riferimenti, peraltro sporadici, al tema della morte alcuni dei luoghi comuni della denuncia corrente nei confronti della rimozione della morte nella cultura contemporanea. Manca in realtà una significativa attenzione al fenomeno antropologico-culturale della rimozione della morte nella cultura contemporanea, capace di andare oltre i luoghi comuni. Per una rilettura sintetica, cf. anche P. SARTOR, La morte nella predicazione liturgica. Appunti per una verifica della pratica dell omelia nelle esequie e nella Messa festiva, in «Ambrosius» 79 (2003) La morte e il dono di sé, cit., p BORELLO, Comunicazione e liturgia, cit., p SARTOR, La «predicazione mariana», cit., p BORELLO, Comunicazione e liturgia, cit., p C. BISCONTIN, Omelia e tendenze moraleggianti testuali e ad extra. Limiti di tolleranza, in A. CATELLA (ed.), L omelia: un messaggio a rischio, EMP-Abbazia di Santa Giustina, Padova 1996, pp , qui p La morte e il dono di sé, cit., p. 722 (corsivo nel testo). La «presa di parola» nelle esequie [81] 901

8 5. TRA OGGETTIVITÀ DELL ANNUNCIO E SOGGETTIVITÀ DELL ELOGIO: UNA PROPOSTA PASTORALE Torniamo in chiusura sul tema cui si alludeva iniziando: la difficoltà del predicatore a seguire la normativa che impone una predicazione ex textu e non un elogio del defunto 22. Si comprende bene l intenzione degli estensori dei testi liturgici: i panegirici si riferiscono ai santi, non ai cristiani comuni; la lode in ogni caso spetta a Dio, non alle persone umane; nella sua Parola e non nelle vicende quotidiane va rinvenuta la via di salvezza che soccorre ogni uomo e ogni donna. D altra parte, tale indicazione risulta segnare talvolta i confini di una via troppo stretta per l omileta; lo conferma il fatto che spesso l indicazione non trova riscontro nella pratica pastorale diffusa 23. Per dirlo in maniera probabilmente riduttiva, ma forse non del tutto inadeguata, le prediche nei funerali si possono raggruppare sotto due tipologie di fondo: quelle che assumono la forma di riflessioni ed esortazioni sul tema della morte e della speranza cristiana, sia pure con le incertezze e le lacune esaminate (e sono le prediche più frequenti, quelle tenute in occasione di esequie di persone poco note alla comunità e al celebrante) e quelle che al contrario assumono forma meno generica, alludendo alla vita, alle scelte e alla morte della persona per la quale si prega (e si tratta delle prediche tenute alle esequie di persone conosciute). Nel primo caso, l omileta compie il proprio dovere di «educatore delle fede» 24 e contribuisce alla testimonianza complessiva della comunità cristiana, ben sapendo che «nel celebrare le esequie dei loro fratelli, i cristiani intendono affermare senza reticenze la loro speranza nella vita eterna» 25 ; d altra parte egli corre il rischio di risultare alquanto generico e ripetitivo (e infatti il timore, nel caso di una verifica empirica che si appuntasse più volte sulla stessa chiesa e sullo stesso predicatore, è appunto quello della constatazione di una ripetizione). Nel secondo caso, il predicatore rischia di imboccare la strada dell encomio o elogio funebre, la cui forma e il cui stile andrebbero invece evitati con cura nei funerali cristiani, chiamati a essere anzitutto «celebrazione del mistero pasquale di Cristo» 26. Inoltre in entrambi i casi, ma forse soprattutto nel secondo esiste un pericolo ulteriore: quello di ridurre a poca cosa, oppure 22 Cf. RE, n Un ulteriore conferma si potrebbe vedere nell aggiunta a cura della CEI che rinvia al momento dell «ultima raccomandazione e commiato» eventuali «parole di cristiano commento nei riguardi del defunto»: cf. RE, Premesse, n Sul sacerdote fidei educator durante la celebrazione delle esequie, si vedano le indicazioni di DI MOLFETTA, Esequie, cit., pp RE, n RE, n [82] Paolo Sartor

9 di strumentalizzare, il riferimento alle letture proclamate: si devono ascoltare le letture, ma poi... si parla del defunto! Il fenomeno pare abbastanza frequente, e del resto ci appelliamo all esperienza e alla sensibilità umana e pastorale del lettore per domandare se il desiderio dell omileta di rivolgersi ai partecipanti con un discorso che non appaia scontato o generico sia cosa in sé riprovevole. E peraltro è ben sensata la denuncia del ritorno a un omelia non biblica, agli stilemi dell elogio che poco spazio lascia al vero obiettivo dell intervento pastorale, inteso come «servizio prestato dalla fede all uomo d oggi per aiutarlo a ritrovare e a costruire certezze vere e a resistere alla radicale tentazione di vivere senza speranza» 27. In casi dove appare praticamente inevitabile e pastoralmente opportuno riferirsi in maniera abbastanza diffusa alla vicenda umana e cristiana del defunto, ci chiediamo se non potrebbe essere più corretto scegliere le letture o almeno la pericope evangelica in base al profilo della persona per la quale si vuole pregare Dio. Per esempio, si tengono le omelie di una persona molto anziana, che ha mostrato serenità nella malattia e ha confidato nella forza che viene dalla fede? Si potrebbe opportunamente proclamare una delle pericopi sinottiche che narrano la guarigione della suocera di Simon Pietro (Mt 8,14-15 e parr.), indugiando poi nel commento del brano e nei riferimenti probabilmente non artificiali alla vicenda del defunto. Oppure si sta per ricordare una persona dotata di un certo carattere, di temperamento netto ma insieme capace di scelte di fede? Sarebbe bene leggere l elogio di Gesù per Natanaele, «un israelita in cui non vi è falsità» (Gv 1,47), o proclamare la parabola dei due figli di Mt 21,28-32, sottolineando l atteggiamento di colui che dopo aver detto che non sarebbe andato nella vigna in realtà ci va e compie l opera del Padre. E così via, attualizzando il vangelo mediante il richiamo di eventuali elementi notevoli della vicenda del defunto. Anche a questo proposito, riteniamo con F. Brovelli che il RE vada considerato come «un modello celebrativo» non esaustivo delle molteplici possibilità liturgiche e pastorali: esso «può avere una molteplicità di interpretazioni e di attuazioni» 28. Per questa ragione, almeno in taluni casi, è possibile ipotizzare che la scelta proposta dal Lezionario delle esequie possa utilmente venire integrata, a tutto vantaggio di una predicazione maggiormente capace di rapporto con la Parola e con la vita. Piazza Fontana, 2 I Milano P. S. 27 BROVELLI, Esequie, cit., p Ivi La «presa di parola» nelle esequie [83] 903

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Conferenza Episcopale Italiana Commissione Episcopale per la dottrina della fede, l annuncio e la catechesi ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Lettera alle comunità, ai presbiteri e ai catechisti

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI 1. Il rinnovamento della catechesi, pubblicato nel 1970 sotto la spinta del Concilio Vaticano II, ha segnato decisamente,

Dettagli

IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA

IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA Numeri 5/6 1 luglio 2004 IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA Nota pastorale dell Episcopato italiano Introduzione Pag. 129 I. Comunicare e vivere il Vangelo tra la gente in un

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Dai cantieri alle linee diocesane

Dai cantieri alle linee diocesane DUOMO DI MILANO, 28 MAGGIO 2013 Dai cantieri alle linee diocesane Convocazione Diocesana del Clero e intervento dell Arcivescovo Supplemento RIVISTA DIOCESANA MILANESE Mensile della Diocesi di Milano ANNO

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11)

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11) QUATTORDICESIMO INCONTRO CRISTO È VERAMENTE RISORTO : QUESTA È LA FEDE DI PAOLO, QUESTA È LA NOSTRA FEDE 1 Cor 15,1-11 ACCOGLIENZA E PRESENTAZIONE DELL INCONTRO PREGHIERA INIZIALE Lettore: Dio nostro,

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE

RIFLESSIONE SULL AVVENTO. Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL SIGNORE RIFLESSIONE SULL AVVENTO Auguri per un sereno Santo Natale apportatore di pace e gioia a voi e ai vostri cari RALLEGRATEVI NEL 20 SIGNORE INTRODUZIONE Accogliamo dal Signore un nuovo Anno di grazia, di

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

STATUTO DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE

STATUTO DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE STATUTO DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE SOMMARIO Titolo I: Natura e attuazione del Cammino Neocatecumenale Art. 1: Natura del Cammino Neocatecumenale Art. 2: Attuazione del Cammino Neocatecumenale Art. 3:

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE Significato dei termini DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE 1. Tra le meravigliose invenzioni tecniche che, soprattutto nel nostro tempo, l ingegno umano è riuscito,

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE 2012-2013

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE 2012-2013 Parrocchia San Carlo Borromeo Pesaro PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE 2012-2013 LE FINALITÀ DELL'INIZIAZIONE CRISTIANA Educare al pensiero di Cristo, a vedere la storia come Lui, a giudicare la vita

Dettagli

DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa

DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa CO.PER.LI.M DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa Elaborato di Liturgia a cura di ROBERTA FRAMEGLIA Roma- Frascati, 2002-2003 PREFAZIONE Questa breve analisi

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO PER AFFIDARE IL POPOLO ITALIANO ALLA VERGINE MARIA MATER UNITATIS PROPOSTA PER LE CHIESE PARTICOLARI a cura dell Ufficio Liturgico Nazionale - CEI CANTO INIZIALE: Vergine

Dettagli

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE COSTITUZIONE DOGMATICA Dei Verbum SULLA DIVINA RIVELAZIONE PROEMIO 1. In religioso ascolto della parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, il santo Concilio fa sue queste parole di san Giovanni:

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

I CHE COS È L ESEGESI?

I CHE COS È L ESEGESI? I CHE COS È L ESEGESI? Esegesi è una parola di origine greca (greco: exégesis) usata da Tucidide nel senso di «racconto, esposizione», da Polibio nel senso di «spiegazione, commento», da Platone nel senso

Dettagli

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To)

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

L amore più grande I II III. Anno Pastorale 2014-2015

L amore più grande I II III. Anno Pastorale 2014-2015 L amore più grande Anno Pastorale 2014-2015 I II III Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it L amore più grande Anno Pastorale

Dettagli

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29)

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) QUARESIMA-PASQUA 2015 ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) Tutte le opere dell'uomo proseguono inesorabilmente condotte dal tempo che mai si arresta. Anche l'anno pastorale corre veloce sui binari della

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

SI APRIRONO LORO GLI OCCHI LO RICONOBBERO E LO ANNUNZIARONO

SI APRIRONO LORO GLI OCCHI LO RICONOBBERO E LO ANNUNZIARONO DIOCESI DI ROMA CONVEGNO DIOCESANO 2009 SI APRIRONO LORO GLI OCCHI LO RICONOBBERO E LO ANNUNZIARONO APPARTENENZA ECCLESIALE E CORRESPONSABILITÀ PASTORALE RELAZIONI DI SINTESI 1 SINTESI DELLE RELAZIONI

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

La santità al femminile

La santità al femminile Chiavari, 25 settembre 2010. La santità al femminile Introduzione Prima di parlare di santità al femminile, vorrei dedicare la prima parte della nostra riflessione alla santità e alla sua condizione nella

Dettagli

CELEBRAZIONE DELL ANNUNCIO A MARIA INTRODUZIONE

CELEBRAZIONE DELL ANNUNCIO A MARIA INTRODUZIONE CELEBRAZIONE DELL ANNUNCIO A MARIA INTRODUZIONE 1. Con il nome di celebrazione dell'annuncio a Maria si designa qui una struttura celebrativa in cui il pio esercizio viene inquadrato in un contesto biblico-eucologico

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore

Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore Vita di Maria (XVII): Risurrezione e Ascensione del Signore I Vangeli non includono la Madonna nel gruppo di donne che la domenica si è recata a lavare il corpo del Signore. La sua assenza apre alla speranza

Dettagli

LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA. Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi. Gv 20,21

LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA. Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi. Gv 20,21 LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi Gv 20,21 LETTERA PASTORALE PER L ANNO 2013-2014 LUCIANO MONARI vescovo di brescia Come il Padre ha mandato me, anch io

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

la comunità educante

la comunità educante la comunità educante angelo Scola cardinale arcivescovo di milano la comunità educante Nota sulla proposta pastorale del triennio 2011-2014 isbn 978-88-6894-017-1 Il bene della famiglia Per confermare

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli