LA «PRESA DI PAROLA» NELLE ESEQUIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA «PRESA DI PAROLA» NELLE ESEQUIE"

Transcript

1 LA «PRESA DI PAROLA» NELLE ESEQUIE SITUAZIONE, OPPORTUNITÀ, INDICAZIONI Paolo Sartor Mentre mi accingevo a stendere queste note, il teleschermo trasmetteva le immagini delle esequie di alcuni soldati italiani uccisi in Iraq. La celebrazione dei «funerali di stato» era presieduta dall Ordinario militare, che stava leggendo un omelia alquanto misurata nei toni e densa di contenuti tratti dalle Scritture e dall insegnamento della Chiesa. Raramente ho visto applicare in maniera così fedele l indicazione del Rito delle esequie promulgato dopo il Vaticano II, che chiede di tenere «una breve omelia, evitando però lo stile di un elogio funebre» 1. In effetti il presule è riuscito a parlare con tono misurato, sobrio, teso più alla sostanza del messaggio di fede che alla commemorazione dei caduti; mi domandavo però se la signorilità del tratto e la pacatezza dell eloquio non potessero risultare in qualche modo «freddi» alle persone presenti al rito, in particolare ai familiari dei militari defunti. Lo stesso RE, del resto, non disgiunge la proclamazione del significato salvifico della Pasqua di Cristo dall esigenza che tale significato sia colto come messaggio consolante dagli uomini e dalle donne: «La liturgia cristiana dei funerali è una celebrazione del mistero pasquale di Cristo Signore. Nelle esequie la Chiesa prega che i suoi figli, incorporati per il battesimo a Cristo morto e risorto, passino con lui dalla morte alla vita [...]. È per questo che la Chiesa, madre pietosa, offre per i defunti il sacrificio eucaristico, memoriale della Pasqua di Cristo, e innalza preghiere e compie suffragi; e poiché tutti i fedeli sono uniti in Cristo, tutti ne risentono vantaggio: aiuto spirituale i defunti, consolazione e speranza quanti ne piangono la scomparsa» (RE, Premesse, 1) All equilibrio estremo e alla totale assenza di pathos nell omelia ricordata devono aver contribuito non poco la ripresa televisiva e l amplificazio- 1 Rito delle esequie, CEI, Roma 1974 (ed. typ. 15 agosto 1969), n. 63 (Esequie degli adulti - Celebrazione della messa). Sulla stessa linea anche i nn. 69 (Esequie degli adulti - Senza la messa: = n. 63), 95 (Esequie degli adulti - Al cimitero senza la messa: «Si tenga una breve omelia, a meno che non si faccia presso il sepolcro»); 131 (Esequie dei bambini - Celebrazione con la messa: «Si tenga una breve omelia»), 137 (Esequie dei bambini - senza la messa: = n. 95). D ora in poi si indicherà il rituale con la sigla RE (quello della Liturgia ambrosiana con la sigla RE-Ambr). 93/6(2006) Rivista Liturgica

2 ne mediatica ormai attesa per le prediche dei funerali di stato. Ma ciò che conta è rilevare l esigenza di un annuncio davvero significativo, condotto con una modalità che rispetti la natura dell omelia liturgica, in un contesto sociale e culturale che non pare certo il più adatto ad accogliere la riflessione su «la visione cristiana della morte, la preparazione alla morte, la serietà della morte» L AFASIA CONTEMPORANEA SUL MORIRE Non è questa la sede per una considerazione approfondita delle difficoltà che il tema della morte propone alla coscienza cristiana e alla stessa pastorale; è però evidente che difficoltà e lacune sono da ricollegare all ostinata rimozione del pensiero della morte nella cultura corrente. In particolare la «medicalizzazione» del momento del morire 3, aggiungendosi alla diffusa privatizzazione della famiglia e alla connessa declinazione solo affettiva dei rapporti familiari, conduce a pensare che tale contemporanea rimozione non sia operazione meramente formale 4. Non stupisce, quindi, di poter riscontrare una tendenziale e almeno parziale afasia del discorso cristiano sulle cose ultime, riscontrata anche a un analisi recente di vari testi catechistici, dove dall ars moriendi si passa alla raccomandazione del vivere buono e alla considerazione delle realtà escatologiche, ignorando però il morire in sé stesso 5. 2 Come sottolinea l editoriale La morte e il dono di sé, in «La Rivista del Clero Italiano» 73 (1992) : «In una società nella quale si nasce in una clinica e si muore in un ospedale (Augé) la morte non solo è sempre meno vista nel suo lato brutale e impotente [...] ma essa è sempre di più letta e percepita (cioè culturalmente interpretata) come una scelta deliberata dei soggetti dinanzi a un organismo che oggettivamente non può più operare in modo umano. [...] La struttura ospedaliera, la degenza e le analisi specialistiche, il tentativo di ricorrere a un intervento chirurgico, il sorgere di complicazioni, permettono di situare il decesso come una sorta di evento inevitabile, in qualche caso preferibile allo stato di malattia e a scenari comunque sempre più problematici connessi al suo aggravarsi»: S. ABBRUZZESE, Domanda simbolica e contesti di razionalizzazione nella gestione dell evento morte, in «Ambrosius» 79 (2003) : Al riguardo, si veda la ricognizione fenomenologica proposta a suo tempo da CONSIGLIO PRESBITERALE MILANESE, Nascere e morire in Occidente, in «La Rivista del Clero Italiano» 72 (1991) : La riflessione si richiama, tra l altro, alle opere dello storico PH. ARIÈS (soprattutto L uomo e la morte dal Medioevo a oggi, Laterza, Bari ) e della psicologa E. KÜBLER-ROSS, La morte e il morire, Cittadella, Assisi Cf. E. COMBI, Quando corpus morietur. Per un approccio catechistico alla morte, in «Ambrosius» 79 (2003) [76] Paolo Sartor

3 Ora, sarebbe sorprendente se su questo punto la celebrazione cristiana si distanziasse di molto dalla catechesi, dato che il referente contenutistico non cambia (quello che possiamo chiamare il «sapere» del liturgo-omileta-catecheta). Rispetto alla considerazione catechistica, occorre però introdurre una variabile propria della liturgia: il fatto che esiste un «luogo» deputato all annuncio circa la morte e la speranza cristiana, ed è appunto la celebrazione liturgica delle esequie. In proposito X. Durand rammenta che non è infrequente, da parte dei preti, intendere le esequie come luogo privilegiato di evangelizzazione, sia nei confronti di coloro che non praticano la fede cristiana, sia nei confronti di quanti normalmente frequentano. Infatti «tous les pasteurs savent [...] la difficulté de ceux qui se disent chrétiens à entrer dans un language de foi en la résurrection des morts» 6. In particolare, richiamandosi al RE, l autore francese fa notare l incoerenza tra l invito a tener conto della varietà delle assemblee riunite ai funerali cristiani e la laconicità in merito all omelia, che pur potrebbe avere qualche carta da spendere per favorire una reale attenzione alla diversificazione dell assemblea. Non a caso, tra le non frequentissime occasioni nelle quali i media si occupano di liturgia e di omelia, vi è almeno in Italia la già menzionata situazione della predica tenuta durante eventi luttuosi di portata tale da meritare l attenzione della stampa e della televisione. Talvolta, anzi, sembra che spetti appunto alla sola omelia di offrire il senso di quanto sta avvenendo, e perciò le parole del presidente dell assemblea vengono sottoposte a vaglio accurato alla ricerca di qualche frase «memorabile» o almeno degna di menzione in un articolo o un servizio radiotelevisivo. 2. UNA PRESA DI PAROLA DISTRIBUITA IN PIÙ MOMENTI I giornalisti probabilmente rimarrebbero stupiti nell apprendere che l omelia è solo uno dei momenti di «presa di parola» previsti nella celebrazione delle esequie: essa ha certamente la funzione di esprimere un senso per coloro che partecipano al rito, ma unitamente e in armonia con la scelta e la proclamazione delle letture scritturistiche, con l esecuzione delle monizioni previste, con la gestione dei momenti di preghiera dei fedeli e di commiato. Ne consegue che per comprendere lo statuto di questa particolare omelia occorre riferirsi a quanto viene affermato a proposito della Liturgia della Parola, che per il RE ha un ruolo importante, perché «proclama il mistero pasquale, nutre la speranza di ritrovarsi nel regno, manifesta i legami profondi che uniscono i morti ai vivi ed esorta alla testimonianza della vita cristiana» 7. Ecco allora che, in continuità con queste indicazioni, l omelia funebre dovrebbe favorire il passaggio dal mistero pasquale annunciato dalle letture 6 X. DURAND, Prédication de laïcs aux funérailles, in «La Maison-Dieu» 227 (2001) : RE, n. 88. La «presa di parola» nelle esequie [77] 897

4 bibliche alla testimonianza attuale della fede, attraverso la misteriosa comunione tra vivi e morti. D altra parte, vale per il Lezionario delle esequie, e quindi per l omelia, quanto annota F. Brovelli in margine all esame dell intero RE: «Il problema consiste non nella trasposizione meccanica [...], bensì nello sforzo di far vivere nella concreta celebrazione il clima, i valori e le prospettive coi quali la Chiesa d oggi intende porre la testimonianza della fede e della comunione di fronte alla realtà della morte» 8. Sotto questo profilo della «creazione di un clima» nell assemblea, colpisce il fatto che i Praenotanda non prevedano, a livello di omelia liturgica dei funerali, un intervento più «personale» da parte del celebrante. Come scrive ancora Durand, un ipotesi interpretativa potrebbe essere che «une prise de parole personnelle et personalisée est à répartir tout au long de la célébration où la présence est d autant plus vive qu elle devient absence et séparation. La monition d ouverture (mot d accueil), le commentaire homilétique de la parole de Dieu, l invitation au dernier adieu ménagent plusieurs moments où peut être rappelée simplement mais clairement la grâce du mystère pascal pour l espérance des hommes confrontés à la mort d un proche ou d un ami 9. Queste considerazioni aiutano a non dissociare mai l omelia dal suo contesto, ovvero dall intera liturgia esequiale. Il problema della predicazione liturgica della morte si trova così precisato come quello delle opportunità e delle difficoltà di una presa di parola (del presidente, ma anche dei lettori, del commentatore e dei fedeli stessi) durante la celebrazione cristiana della morte. Tale precisazione corrisponde del resto alla connotazione specificamente cattolica del culto cui ci riferiamo. In effetti, come scrive un autore protestante, «nella tradizione riformata la liturgia non ha mai avuto gran peso: il culto protestante è centrato sulla parola, parola letta, parola spiegata, parola predicata»; al contrario, «nella tradizione cattolico-romana è la celebrazione eucaristia durante la messa a costituire il centro e non l omelia» UNO SGUARDO ALLA SITUAZIONE Se passiamo dalle indicazioni di principio già non abbondantissime alla realizzazione pratica, sarebbe prezioso poter disporre di qualche verifica empirica relativa all insieme della celebrazione esequiale, cosa che invece non 8 F. BROVELLI, Esequie, in D. SARTORE- A.M. TRIACCA (edd.), Nuovo dizionario di liturgia, Paoline, Roma 1984, pp , qui p DURAND, Prédication de laïcs, cit., p E. GENRE, Introduzione, in D. BONHOEFFER, La Parola predicata. Corso di omiletica a Finkenwalde, Claudiana, Torino 1995, p. 11. D altra parte, è lo stesso autore a sottolineare un paradosso recente: mentre nel mondo protestante si starebbe riservando una minore attenzione al sermone del pastore, dopo il concilio nel mondo cattolico la predica avrebbe assunto un nuovo rilievo. 898 [78] Paolo Sartor

5 si dà. La letteratura si limita a registrare alcune impressioni, anche se ben fondate nella sensibilità liturgica e nell esperienza pastorale 11. Quanto alla possibilità di adattare e di ri-creare le monizioni previste da rito, per esempio, è stato notato acutamente, a proposito della seconda ristampa aggiornata del RE-Ambr, che «nella vecchia e nella nuova edizione [le monizioni] sono sempre introdotte con l espressione con le seguenti od altre simili parole, ma sono per lo più usate» dagli operatori pastorali così come sono scritte nel libro liturgico 12. Non risulta che le cose vadano diversamente nelle diocesi che utilizzano il rituale della liturgia romana: il testo suggerito rappresenta una «scialuppa di salvataggio» buona in tutte le occasioni, anche quando la conoscenza del defunto per il quale si prega o la familiarità con i presenti domanderebbero di utilizzare maggiormente delle facoltà di adattamento e di creatività che sono lasciate al presidente dell assemblea. Per quanto attiene, inoltre, alla preghiera dei fedeli, occorre chiedersi se i problemi dell orazione comune nei funerali siano sostanzialmente diversi da quelli che può globalmente incontrare oggi la pratica diffusa della preghiera dei fedeli: la tendenziale riduzione a ulteriore «lettura» proclamata, la difficile condivisione tra i fedeli, la preferenza della quantità alla qualità, la frequente inosservanza dell articolazione di massima proposta nei Praenotanda. Quanto al momento del congedo finale, si devono probabilmente lamentare la «pigrizia» rilevata per le monizioni in genere. Con l aggravio che la fretta o la sciatteria compaiono in un momento, per quanto limitato come spazio, che di natura sua prevede un accento per così dire «fatico» o «lirico». In certi casi pensiamo alle esequie di persone note alla comunità, e tipicamente dei familiari di un presbitero può essere rivestito di maggiore comunicativa e «calore» il momento dei ringraziamenti finali e degli eventuali avvisi rispetto appunto a quello dell ultimo saluto (che appare consegnato al rito in quanto tale, al dettato stabilito dai formulari, alla successione dei momenti previsti e perciò sottratti a ogni dimensione di pathos). Alla luce di queste invero troppo brevi considerazioni, siamo rimandati al problema di partenza: preso atto dell indubitabile «distanza» della morte dalla vita, indotta dalle forme civili complessive, a quali considerazioni può ricorrere il pastore per restituire invece pertinenza alla «vicinanza» obiettiva della morte alla vita di ogni uomo? Poiché gli spazi di presa di parola nella liturgia diversi dalla predicazione sembrano poco sfruttati, passiamo a vedere se almeno l omelia offra opportunità degne di nota. 11 Cf. F. DI MOLFETTA, Esequie, in M. SODI - A.M. TRIACCA (edd.), Dizionario di omiletica, LDC-Velar, Leumann-Gorle 1998, pp con la bibliografia ivi indicata. 12 L. MANGANINI, La seconda ristampa aggiornata del Rito delle esequie, in «Ambrosius» 79 (2003) : 107, dove conclude: «Le nuove monizioni hanno un respiro più biblico e anche un linguaggio più vivo». La «presa di parola» nelle esequie [79] 899

6 4. CIRCA L OMELIA SULLA MORTE: UN PENSIERO OBIETTIVAMENTE «FASTIDIOSO» Da anni si lamenta l assenza di una verifica empirica interdisciplinare sulla predicazione in Italia, e in ogni caso neppure le ricerche dei decenni scorsi si sono occupate delle omelie dei funerali 13 ; si deve perciò continuare sulla via della registrazione di qualche impressione di fondo, suggerendo che non pare la stessa cosa parlare della morte in occasione della scomparsa recente di una persona conosciuta, la cui «presenza» e «ricordo» risultano palpabili nella celebrazione, e viceversa toccare l argomento in una celebrazione domenicale, sollecitati dalle letture scritturistiche o dall argomento della festa. Una futura auspicabile analisi delle omelie dei funerali potrebbe attendersi di registrare in questo contesto un parlare per così dire «consolatorio». Nel caso delle esequie, in effetti, si trasmette l immagine della religione come unica parola di fronte al dramma che la morte propone: «Accanto al cuore che piange c è sempre lo sguardo della fede che manifesta la disponibilità all ascolto per una consolazione che può venire solo da colui che si è proclamato la risurrezione e la vita» 14. Pare invece diverso il modo di occuparsi della morte nelle usuali omelie festive, dove dovrebbe essere più agevole ritrovare i tratti già descritti dal catecheta circa la tendenziale lacuna sul morire e l indulgenza sul «qui e oggi» della morale cristiana e sul «non ancora» del dopo morte Cf. Ricerca interdisciplinare sulla predicazione, EDB, Bologna 1973; G. BUS- SETTI - P. CORBETTA - F. RICARDI, Religione e periferia. Ricerca sull atteggiamento religioso in un quartiere di Milano, Il Mulino, Bologna 1974, pp ; P. SAR- TOR, L omelia a Milano dal concilio a oggi attraverso le indagini empiriche», in «La Scuola Cattolica» 124 (1996) ; S. BORELLO, Comunicazione e liturgia: per un analisi linguistica delle omelie, tesi di laurea in Linguistica generale discussa presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli studi di Torino (Corso di laurea in Scienze della comunicazione) nell a.a. 2001/2002; al di fuori del nostro paese, cf. almeno il recente contributo di E. GUENELEY, Quand la prédication se prête à l analyse..., in «La Maison-Dieu» 227 (2002) DI MOLFETTA, Esequie, cit., p In attesa che forze migliori pongano mano a un inchiesta dedicata a questo tema omiletico, non resta che rifarsi a un lavoro accademico di una decina di anni fa, il cui campione di riferimento era composto dalle prediche di una domenica di avvento (la III ambrosiana e I romana) e della solennità dell Immacolata concezione: cf. P. SARTOR, La «predicazione mariana», oggi. Dati e interrogativi alla luce di una verifica sul campo, in «Marianum» 46 (1994) ; G. AMBROSIO - P. SARTOR, L omelia senza identità precisa, in «Rivista di Pastorale Liturgica»188 (1995) Ora il materiale proposto dalle omelie considerate appare di due tipi: i riferimenti brevi al tema della morte nel quadro delle conseguenze del peccato originale; pochi esempi in cui ritorna il repertorio simbolico caratteristico della predica sulla morte della predicazione convenzionale. Poiché il pensiero alla morte è di somma utilità per la vita presente, i sacerdoti talvolta si lamentano del modo in cui esso è spesso 900 [80] Paolo Sartor

7 Al di là delle distinzioni tra omelia nelle esequie e predica festiva, può essere ripetuto quanto scriveva oltre un decennio fa l editorialista della «Rivista del Clero Italiano»: quello della morte «è un pensiero che infastidisce, e non sempre i predicatori hanno il coraggio di infastidire» 16. In effetti una delle conclusioni dell analisi socio-linguistica di S. Borello dedicata alla semantica dei testi omiletici rileva che «gli aggettivi sono numerosissimi, in molti casi l uso è ridondante ed estetizzante» 17. La ricercatrice richiama al riguardo una tendenza, rilevata a suo tempo da chi scrive e stigmatizzata come «linguaggio estetizzante», consistente nel rischio di un ricorso a «un parlare rotondo, a un aggettivazione ridondante, a una scelta di diminutivi, esclamativi, vezzeggiativi, che dice e non dice» 18. La tendenza «sposta la direzione prevista dalla celebrazione dal Signore all assemblea alle relazioni interpersonali tra le persone presenti e a volte tra l assemblea e l omileta privilegiando un transfert psico-affettivo, rassicurante e esaltante, alla coerenza della celebrazione liturgica» 19. È quello che C. Biscontin, dal canto suo, stigmatizza come «il proposito di radunare i partecipanti-ascoltatori in un grembo emotivamente e affettivamente caloroso, come risposta a bisogni che vanno in questa direzione» 20. Se la predicazione liturgica contemporanea si muove in questa linea, non stupisce che il pensiero della morte possa infastidire e che alla lacuna culturale finisca per corrispondere analoga lacuna pastorale. Può accadere insomma che il predicatore ritenga «che alcune insistenze rischiano di presentare un vangelo negativo, più preoccupato della vita futura che di quella presente, più attento a sottolineare la verità delle cose che a mostrare il loro valore». Si comprende allora che proclami il vangelo come «una notizia che dà senso al vivere nel mondo» e che parli «della vita nuova vittoriosa sulla morte che Gesù ha dischiuso alla speranza dell uomo. Ma non parli della morte» 21. considerato: o lo si emargina per esorcizzarlo, oppure lo si valuta solo nei suoi aspetti negativi. Sembrano dunque acquisiti a questi riferimenti, peraltro sporadici, al tema della morte alcuni dei luoghi comuni della denuncia corrente nei confronti della rimozione della morte nella cultura contemporanea. Manca in realtà una significativa attenzione al fenomeno antropologico-culturale della rimozione della morte nella cultura contemporanea, capace di andare oltre i luoghi comuni. Per una rilettura sintetica, cf. anche P. SARTOR, La morte nella predicazione liturgica. Appunti per una verifica della pratica dell omelia nelle esequie e nella Messa festiva, in «Ambrosius» 79 (2003) La morte e il dono di sé, cit., p BORELLO, Comunicazione e liturgia, cit., p SARTOR, La «predicazione mariana», cit., p BORELLO, Comunicazione e liturgia, cit., p C. BISCONTIN, Omelia e tendenze moraleggianti testuali e ad extra. Limiti di tolleranza, in A. CATELLA (ed.), L omelia: un messaggio a rischio, EMP-Abbazia di Santa Giustina, Padova 1996, pp , qui p La morte e il dono di sé, cit., p. 722 (corsivo nel testo). La «presa di parola» nelle esequie [81] 901

8 5. TRA OGGETTIVITÀ DELL ANNUNCIO E SOGGETTIVITÀ DELL ELOGIO: UNA PROPOSTA PASTORALE Torniamo in chiusura sul tema cui si alludeva iniziando: la difficoltà del predicatore a seguire la normativa che impone una predicazione ex textu e non un elogio del defunto 22. Si comprende bene l intenzione degli estensori dei testi liturgici: i panegirici si riferiscono ai santi, non ai cristiani comuni; la lode in ogni caso spetta a Dio, non alle persone umane; nella sua Parola e non nelle vicende quotidiane va rinvenuta la via di salvezza che soccorre ogni uomo e ogni donna. D altra parte, tale indicazione risulta segnare talvolta i confini di una via troppo stretta per l omileta; lo conferma il fatto che spesso l indicazione non trova riscontro nella pratica pastorale diffusa 23. Per dirlo in maniera probabilmente riduttiva, ma forse non del tutto inadeguata, le prediche nei funerali si possono raggruppare sotto due tipologie di fondo: quelle che assumono la forma di riflessioni ed esortazioni sul tema della morte e della speranza cristiana, sia pure con le incertezze e le lacune esaminate (e sono le prediche più frequenti, quelle tenute in occasione di esequie di persone poco note alla comunità e al celebrante) e quelle che al contrario assumono forma meno generica, alludendo alla vita, alle scelte e alla morte della persona per la quale si prega (e si tratta delle prediche tenute alle esequie di persone conosciute). Nel primo caso, l omileta compie il proprio dovere di «educatore delle fede» 24 e contribuisce alla testimonianza complessiva della comunità cristiana, ben sapendo che «nel celebrare le esequie dei loro fratelli, i cristiani intendono affermare senza reticenze la loro speranza nella vita eterna» 25 ; d altra parte egli corre il rischio di risultare alquanto generico e ripetitivo (e infatti il timore, nel caso di una verifica empirica che si appuntasse più volte sulla stessa chiesa e sullo stesso predicatore, è appunto quello della constatazione di una ripetizione). Nel secondo caso, il predicatore rischia di imboccare la strada dell encomio o elogio funebre, la cui forma e il cui stile andrebbero invece evitati con cura nei funerali cristiani, chiamati a essere anzitutto «celebrazione del mistero pasquale di Cristo» 26. Inoltre in entrambi i casi, ma forse soprattutto nel secondo esiste un pericolo ulteriore: quello di ridurre a poca cosa, oppure 22 Cf. RE, n Un ulteriore conferma si potrebbe vedere nell aggiunta a cura della CEI che rinvia al momento dell «ultima raccomandazione e commiato» eventuali «parole di cristiano commento nei riguardi del defunto»: cf. RE, Premesse, n Sul sacerdote fidei educator durante la celebrazione delle esequie, si vedano le indicazioni di DI MOLFETTA, Esequie, cit., pp RE, n RE, n [82] Paolo Sartor

9 di strumentalizzare, il riferimento alle letture proclamate: si devono ascoltare le letture, ma poi... si parla del defunto! Il fenomeno pare abbastanza frequente, e del resto ci appelliamo all esperienza e alla sensibilità umana e pastorale del lettore per domandare se il desiderio dell omileta di rivolgersi ai partecipanti con un discorso che non appaia scontato o generico sia cosa in sé riprovevole. E peraltro è ben sensata la denuncia del ritorno a un omelia non biblica, agli stilemi dell elogio che poco spazio lascia al vero obiettivo dell intervento pastorale, inteso come «servizio prestato dalla fede all uomo d oggi per aiutarlo a ritrovare e a costruire certezze vere e a resistere alla radicale tentazione di vivere senza speranza» 27. In casi dove appare praticamente inevitabile e pastoralmente opportuno riferirsi in maniera abbastanza diffusa alla vicenda umana e cristiana del defunto, ci chiediamo se non potrebbe essere più corretto scegliere le letture o almeno la pericope evangelica in base al profilo della persona per la quale si vuole pregare Dio. Per esempio, si tengono le omelie di una persona molto anziana, che ha mostrato serenità nella malattia e ha confidato nella forza che viene dalla fede? Si potrebbe opportunamente proclamare una delle pericopi sinottiche che narrano la guarigione della suocera di Simon Pietro (Mt 8,14-15 e parr.), indugiando poi nel commento del brano e nei riferimenti probabilmente non artificiali alla vicenda del defunto. Oppure si sta per ricordare una persona dotata di un certo carattere, di temperamento netto ma insieme capace di scelte di fede? Sarebbe bene leggere l elogio di Gesù per Natanaele, «un israelita in cui non vi è falsità» (Gv 1,47), o proclamare la parabola dei due figli di Mt 21,28-32, sottolineando l atteggiamento di colui che dopo aver detto che non sarebbe andato nella vigna in realtà ci va e compie l opera del Padre. E così via, attualizzando il vangelo mediante il richiamo di eventuali elementi notevoli della vicenda del defunto. Anche a questo proposito, riteniamo con F. Brovelli che il RE vada considerato come «un modello celebrativo» non esaustivo delle molteplici possibilità liturgiche e pastorali: esso «può avere una molteplicità di interpretazioni e di attuazioni» 28. Per questa ragione, almeno in taluni casi, è possibile ipotizzare che la scelta proposta dal Lezionario delle esequie possa utilmente venire integrata, a tutto vantaggio di una predicazione maggiormente capace di rapporto con la Parola e con la vita. Piazza Fontana, 2 I Milano P. S. 27 BROVELLI, Esequie, cit., p Ivi La «presa di parola» nelle esequie [83] 903

Cantare le Esequie. Indicazioni per un repertorio diocesano comune di canti per il Rito delle Esequie

Cantare le Esequie. Indicazioni per un repertorio diocesano comune di canti per il Rito delle Esequie CURIA VESCOVILE DI CREMONA UFFICIO PER IL CULTO DIVINO Curia Vescovile di Cremona Piazza S. Antonio Maria Zaccaria, 5 Te. 0372 495011 Fax 0372 495017 liturgia@diocesidicremona.it Cantare le Esequie Indicazioni

Dettagli

DECRETO circa le Esequie Religiose

DECRETO circa le Esequie Religiose Diocesi Oppido-Palmi DECRETO circa le Esequie Religiose Prot.n 417/08/DE Vista l opportunità emersa nel Consiglio Presbiterale dell 11 aprile 2008 di dare una nuova Regolamentazione diocesana alle Esequie

Dettagli

Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni

Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni UFFICIO LITURGICO DIOCESANO Proclamiamo la tua risurrezione I. Il nuovo sussidio della CEI Proclamiamo la tua risurrezione E questo il titolo dell ultima pubblicazione a

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Diocesi di Crema UFFICIO LITURGICO DIOCESANO. Crema, 5 novembre 2007. Ai Rev.mi. Sacerdoti. L o r o S e d i

Diocesi di Crema UFFICIO LITURGICO DIOCESANO. Crema, 5 novembre 2007. Ai Rev.mi. Sacerdoti. L o r o S e d i Diocesi di Crema UFFICIO LITURGICO DIOCESANO Crema, 5 novembre 2007 Ai Rev.mi Sacerdoti L o r o S e d i Oggetto: Nuovo Lezionario - Sussidio per il rito delle esequie La Chiesa italiana, dopo la definitiva

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

L Arcivescovo di Reggio Calabria - Bova

L Arcivescovo di Reggio Calabria - Bova L Arcivescovo di Reggio Calabria - Bova A. 204/09 C PRESENTAZIONE Carissimi confratelli Presbiteri, la Nota Pastorale sulla celebrazione delle esequie, che di seguito viene pubblicata, è nata per rispondere

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

Le processioni nel Benedizionale italiano

Le processioni nel Benedizionale italiano Daniele Piazzi Le processioni nel Benedizionale italiano 1. Benedizioni al termine di una processione Il Benedizionale italiano ha tra i suoi peculiari adattamenti dei suggerimenti per processioni tradizionali

Dettagli

NOTA PASTORALE. Riflessioni e indicazioni circa la celebrazione delle Messe

NOTA PASTORALE. Riflessioni e indicazioni circa la celebrazione delle Messe NOTA PASTORALE Riflessioni e indicazioni circa la celebrazione delle Messe Sommario Presentazione pag. 3 1. Introduzione pag. 4 2. Riflessione teologica-pastorale pag. 5 3. Orientamenti per la prassi pastorale

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni 74. «Il tempo nel cristianesimo ha un importanza fondamentale. Nel tempo viene creato il mondo, al suo interno si svolge la storia della salvezza,

Dettagli

RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO. 13 dicembre 2015. Terza domenica di Avvento

RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO. 13 dicembre 2015. Terza domenica di Avvento RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO 13 dicembre 2015 Terza domenica di Avvento Premesse Di seguito si suggerisce uno schema di celebrazione per l inizio dell anno giubilare. Il presente testo può essere utilizzati

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Rito delle Esequie. Motivazioni e caratteristiche Comunicato della CEI. hiesa in Italia LITURGIA

Rito delle Esequie. Motivazioni e caratteristiche Comunicato della CEI. hiesa in Italia LITURGIA C hiesa in Italia LITURGIA Rito delle Esequie Conferenza Episcopale Italiana «Numerosi sono gli adattamenti di natura rituale e testuale introdotti nella seconda edizione italiana» del Rito delle Esequie,

Dettagli

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI 1 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC 3 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC Una valenza formativa peculiare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense. Anno accademico 2008/2009

Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense. Anno accademico 2008/2009 Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense Anno accademico 2008/2009 Elaborato in occasione del corso di francescanesimo: L anima francescana.

Dettagli

U na celebre affermazione di. Spiritualità. e dei sacramenti che si celebrano per diventare cristiani. A livello antropologico

U na celebre affermazione di. Spiritualità. e dei sacramenti che si celebrano per diventare cristiani. A livello antropologico Spiritualità L iniziazione Liniziazione CRISTIA di don GIUSEPPE RUPPI U na celebre affermazione di Tertulliano recita: «Cristiani non si nasce ma si diventa». In base a questa convinzione, fin dai primi

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira

Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Che cosa chiedi alla Chiesa di Dio? Lettera pastorale per la Quaresima 2013 di Monsignor Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera è da leggere in tutte le celebrazioni liturgiche del 17 febbraio

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE III - Questionario Le seguenti domande permettono alle Chiese particolari

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

B- L UNZIONE DEGLI INFERMI Luogo teologico della tenerezza e misericordia di Dio. 1. Il fondamento biblico - teologico dell Unzione degli infermi

B- L UNZIONE DEGLI INFERMI Luogo teologico della tenerezza e misericordia di Dio. 1. Il fondamento biblico - teologico dell Unzione degli infermi 1 Approcci Pastorali 8 marzo 2010 B- L UNZIONE DEGLI INFERMI Luogo teologico della tenerezza e misericordia di Dio Dr.essa sr Riccarda Lazzari 1. Il fondamento biblico - teologico dell Unzione degli infermi

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ Il fuoco che scalda 57. Celebrare insieme l Eucaristia come festa di tutta la comunità e nutrimento per il cammino, imparare a vivere la comunione e la

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICA FONDAMENTALE La Rivelazione cristiana di Dio: - L idea di rivelazione nel Concilio Vaticano I e nel Concilio

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

il nuovo Rito delle Esequie supplemento al n. di Novembre 2012 della rivista il Regno del Sacro Cuore

il nuovo Rito delle Esequie supplemento al n. di Novembre 2012 della rivista il Regno del Sacro Cuore supplemento al n. di Novembre 2012 della rivista il Regno del Sacro Cuore VILLAGGIOdel FANCIULLO il il nuovo Rito delle Esequie Via Scipione dal Ferro 4 40138 BOLOGNA villaggio@dehoniani.it http://villaggio.dehoniani.it

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it. NELL ora DELLA MORTE

Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it. NELL ora DELLA MORTE Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it ANNUNCIARE LA VITA NELL ora DELLA MORTE 2 3 Gli orientamenti offerti alla Diocesi

Dettagli

CAMMINARE INSIEME Padrini collaboratori dei genitori

CAMMINARE INSIEME Padrini collaboratori dei genitori Sesta catechesi post-battesimale dei padrini Obiettivi CAMMINARE INSIEME Padrini collaboratori dei genitori Chi accoglie questo bambino nel mio nome, dice Gesù, accoglie me (Luca 9,48) L incontro -possibilmente

Dettagli

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI TSC: L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distinge la specificità di salvezza del Cristianesimo; identifica

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015 2 Anno L uomo in Cristo DIOCESI DI MILANO Zona Pastorale IV Decanato di Bollate INTRODUZIONE La rivelazione cristiana, oltre a comunicarci il volto di

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Apertura dell anno pastorale 2015-2016

Apertura dell anno pastorale 2015-2016 Apertura dell anno pastorale 2015-2016 Tempio di S. Nicolò, 18 settembre 2015 Fratelli e sorelle carissimi, vi saluto tutti con affetto e con gioia, lieto di poter ancora una volta vivere con voi, presbiteri,

Dettagli

LA CELEBRAZIONE DEL SACRAMENTO DELLA CONFERMAZIONE. Aspetto liturgico

LA CELEBRAZIONE DEL SACRAMENTO DELLA CONFERMAZIONE. Aspetto liturgico LA CELEBRAZIONE DEL SACRAMENTO DELLA CONFERMAZIONE Premessa Le presenti indicazioni nascono dall esigenza, emersa in questi anni, di assicurare alla celebrazione del sacramento della Confermazione il rispetto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN PANCRAZIO SALENTINO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI 2 anni e1/2-3-4-5 ANNI Numero sezioni: 11 ANNO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA L IRC fa sì che gli alunni riflettano e si interroghino sul senso della loro esperienza per elaborare ed esprimere un progetto di vita, che si integri nel mondo reale in

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali.

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. I nostri organizzatori e direttori tecnici di funerali italiani sono fieri dell allestimento di funerali per famiglie cattoliche

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

G I O VANNI PAOLO II PELLEGRINO IN SANTA MARIA MAGGIORE La «Statio» mariana di Papa Giovanni Paolo II

G I O VANNI PAOLO II PELLEGRINO IN SANTA MARIA MAGGIORE La «Statio» mariana di Papa Giovanni Paolo II JU A N ES Q U E R D A BI F E T G I O VANNI PAOLO II PELLEGRINO IN SANTA MARIA MAGGIORE La «Statio» mariana di Papa Giovanni Paolo II R o m a Centro di Cultura Mariana «Madre della Chiesa» 2 0 0 1 S O M

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani Segni e simboli nei sacramenti "In quanto essere corporale e spirituale insieme, l'uomo esprime e percepisce le realtà spirituali attraverso segni e simboli materiali" (CCC, n. 1146). Gesù, con i segni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale)

RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale) RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale) OBIETTIVI DI DIO E L UOMO -Imparare a rispettare la propria e l altrui individualità per costruire

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli