Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. III: interazione, relazione, azione). (Selezione di diapositive)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. III: interazione, relazione, azione). (Selezione di diapositive)"

Transcript

1 Analisi dei media Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. III: interazione, relazione, azione). (Selezione di diapositive)

2 Cap. III MEDIA nuovi tipi di interazione (quasi-interazione mediata); nuove forme di relazione (televisibilità); nuovi tipi di azione (azioni a distanza).

3 AZIONI A DISTANZA 1. Azioni per altri lontani. 2. Azioni di risposta in contesti lontani. Thompson: i media stimolano l azione. L. Boltanski e S. Cohen: disimpegno dello spettatore (cfr. Zocchi A. M., Convergenza multimediale e analisi sociologica, il Segnalibro, Torino, 2005).

4 Media e azione Per approfondimenti: Boltanski L., Lo spettacolo del dolore. Morale umanitaria, media e politica, ed. or. 1993, Raffaello Cortina, Milano, Cohen S., Stati di negazione. La rimozione del dolore nella società contemporanea,ed. or. 2001, Carocci, Roma, 2002.

5 Immagini mediali Assenza di immagini: l evento non esiste o comunque è lontano, si dimentica facilmente. Ripetizione di immagini: l evento diventa astratto, quasi asettico. Presenza di immagini: rapporto tra immagini e azione.

6 Media/azione Thompson i media stimolano l azione Azioni a distanza: 1. Azioni per altri lontani. 2. Azioni di risposta in contesti lontani.

7 Azioni per altri lontani Quattro diverse forme di azione (p. 145): 1. messaggi al ricevente (diretti e indiretti); 2. attività quotidiana mediata; 3. eventi mediali; 4. azioni di fantasia.

8 Messaggi al ricevente (pp ) 1. Indiretti (es.: conferenze stampa, riprese dei dibattiti in parlamento, interviste televisive, talk show ). 2. Diretti (es.: notiziari tv, discorsi alla nazione del presidente o del primo ministro ). Es.: i discorsi di Bush dell 11 settembre.

9 11 settembre Evento mediale? Caratteristiche degli eventi mediali (p. 154): eventi storici (importanti, eccezionali); annunciati in anticipo e trasmessi in diretta; svolgono una funzione di integrazione.

10 Azioni per altri lontani Messaggi al ricevente (diretti e indiretti). Eventi mediali (es.: matrimoni tra reali, funerali di stato, giochi olimpici, ). Attività quotidiana mediata. Azioni di fantasia.

11 Attività quotidiana mediata (pp ) Azioni e interazioni della vita quotidiana costituiscono la ribalta della sfera di produzione.

12 Attività quotidiana mediata Sottotipi: Azione quotidiana filmata e trasmessa senza che i protagonisti ne siano consapevoli. es.: manifestazione pubblica (pp ). es.: candid camera Specchio segreto, Viaggio in seconda classe [Nanni Loy ( )] tv verità.

13 Attività quotidiana mediata + messaggio al ricevente (pp ) indiretto (es.: incontro tra capi di stato, congresso internazionale); diretto (es.: dirottamento di un aereo, atti terroristici).

14 Attività quotidiana mediata attività quotidiana simulata (p. 153) Es.: militari che fingono di impegnarsi in attività ordinarie (inseguimento) al solo scopo di essere filmati. Attività quotidiana simulata azione di fantasia. Azioni di fantasia: fiction teatro Fiction: azione per altri lontani, quindi priva delle reazioni immediate del pubblico.

15 Attività quotidiana mediata Sottotipi: Azione quotidiana filmata e trasmessa senza che i protagonisti ne siano consapevoli. Azioni quotidiane mediate con messaggio al ricevente indiretto. Azioni quotidiane mediate con messaggio al ricevente diretto. Attività quotidiana simulata.

16 Azione per altri lontani 1. Messaggi al ricevente (diretti e indiretti) 2. Eventi mediali. 3. Attività quotidiana mediata (sottotipi). 4. Azioni di fantasia.

17 Azioni di risposta in contesti lontani Concertate Coordinate Concertate = reazioni simili. Coordinate = reazioni simili coordinate. Es.: manifestazioni di critica e dissenso.

18 Riassumendo MEDIA Nuovi tipi di azione: azioni a distanza. Azioni per altri lontani (4 tipi: messaggi al ricevente, attività quotidiana mediata, eventi mediali, azioni di fantasia). Azioni di risposta in contesti lontani (2 tipi: azioni concertate, azioni coordinate).

Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. III - La nascita dell interazione mediata).

Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. III - La nascita dell interazione mediata). Analisi dei media Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. III - La nascita dell interazione mediata). (Selezione di diapositive) Cap. III. La nascita dell interazione mediata MEDIA

Dettagli

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO

I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO I Diplomi dell Istituto Italiano di Cultura SILLABO L Istituto Italiano di Cultura rilascia 5 Diplomi di conoscenza dell'italiano come lingua straniera secondo una scala di cinque livelli, disegnati in

Dettagli

Teoria della comunicazione A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2-2 0 1 3 L E Z I O N E N. 1

Teoria della comunicazione A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2-2 0 1 3 L E Z I O N E N. 1 Teoria della comunicazione A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2-2 0 1 3 L E Z I O N E N. 1 Teoria della comunicazione Testi di riferimento: Malizia P., Comunic-a-zioni. Strutture e contesti sociali dell

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi Analisi dei media Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Internet rivoluzione digitale [01] una rivoluzione non solo tecnologica: Essere digitali (Negroponte) Cultura

Dettagli

Ibridazione. Fact vs. Fiction

Ibridazione. Fact vs. Fiction Ibridazione Fact vs. Fiction Nozione di Patto comunicativo rapporto tra emittente e ricevente. Contratto indica che è un rapporto formalizzato e in cui i termini, le condizioni sono chiaramente stabilite

Dettagli

Il ruolo della comunicazione nella vita sociale

Il ruolo della comunicazione nella vita sociale LA COMUNICAZIONE Il ruolo della comunicazione nella vita sociale La comunicazione = attività umana fondamentale Vita sociale insieme di attività comunicative Gradi di complessità delle forme comunicative

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2015/2016

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 ANNO ACCADEMICO 2015/2016 OBIETTIVI FORMATIVI Il corso di Linguaggi del cinema, della televisione e dei new media si propone di affrontare gli aspetti del linguaggio audiovisivo in relazione alla sua evoluzione

Dettagli

Allegato C. Classificazione tipologie di programmi

Allegato C. Classificazione tipologie di programmi Allegato C Classificazione tipologie di programmi Tipologia dei programmi Dettagli sul programma Definizioni N Notiziari 1 Telegiornale Trasmissione a carattere informativo con programmazione quotidiana

Dettagli

Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. V La globalizzazione della comunicazione)

Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. V La globalizzazione della comunicazione) Analisi dei media Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. V La globalizzazione della comunicazione) (Selezione di diapositive) La globalizzazione della comunicazione 1. Emergere

Dettagli

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO + DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO L'esame è articolato in cinque prove: comprensione di testi scritti, competenza linguistica, comprensione di testi orali, produzione scritta e produzione orale.

Dettagli

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Report del PROF. FRANCO B. ASCANI - Presidente Federation Internationale Cinema Television Sportifs - Membro della Commissione Cultura ed Educazione

Dettagli

Pubblicità e P.R. nel turismo

Pubblicità e P.R. nel turismo Pubblicità e P.R. nel turismo 1 Il processo comunicativo Il condizionamento dell Ambiente EMITTENTE Scopo della Comunicazione Feed back Scelta del codice Fase di codifica Scelta del mezzo Emissione del

Dettagli

McLuhan: il medium è il messaggio

McLuhan: il medium è il messaggio McLuhan: il medium è il messaggio L espressione sta ad indicare che il vero messaggio che ogni medium trasmette è costituito anche dalla natura del medium stesso. Ogni medium va quindi studiato in base

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

I media e la politica

I media e la politica I media e la politica Rapporto media e politica 1) Media subordinati al sistema politico 2) Media che influenzano il sistema politico 3) Rapporto di negoziazione e reciproca influenza tra media e politica

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Sociologia della comunicazione

Sociologia della comunicazione Prof.ssa Lella Mazzoli Titolare del corso Orario delle lezioni Lun 17-19 Mar 9 11 Mer 9-11 Aula D1 Il corso si articola attorno a due momenti formativi: 1. Parte istituzionale Fornirà un inquadramento

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo)

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo) Progetto Europeo AGRI.LA: Agricolture and Landscape sostegno a favore delle azioni d informazione sulla Politica Agricola Comune ai sensi del reg. CE n. 814/2000 del Consiglio del 17/04/2004. Progetto

Dettagli

Torino, 8 Maggio2013

Torino, 8 Maggio2013 Torino, 8 Maggio2013 O I nativi digitali O La media education O La ricerca bambini e tv O Progettare percorsi di media education O Prospettive di sviluppo Nella società odierna i media pervadono il tempo

Dettagli

La regia del talk show

La regia del talk show La regia del talk show Letteralmente significa spettacolo della parola. Viene ereditato dagli USA. Il più celebre e il primo Talk Show (TS) italiano è il Maurizio Costanzo Show (1982). Il TS è l incontro

Dettagli

Etica della comunicazione pubblicitaria

Etica della comunicazione pubblicitaria La pubblicità Mira a influenzare pensieri e comportamenti L etimologia deriva dal latino pubblicare = far conoscere E diretta a informare e persuadere anche attraverso l esibizione di contenuti simbolici

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE

FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE INDICE Obiettivi Destinatari Metodologia didattica Coordinamento scientifico Programma Regolamento Obiettivi Valorizzare la comunicazione scritta,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Calendario Corso L ADDETTO STAMPA NELL ERA CROSSMEDIALE Corso dedicato agli addetti stampa della Pubblica Amministrazione

Dettagli

DIETRO IL TITOLO. Speciale BIG CAP DIETRO IL TITOLO SPECIALE BIG CAP

DIETRO IL TITOLO. Speciale BIG CAP DIETRO IL TITOLO SPECIALE BIG CAP DIETRO IL TITOLO Speciale BIG CAP Le Borse scendono? Sì, ma non deve essere un alibi. PREMESSA In momenti di crisi le Borse non sempre rispecchiano i reali valori delle aziende quotate. La volatilità dei

Dettagli

Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO UFFICIO STAMPA Piazza Dante, 15 TRENTO 38122

Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO UFFICIO STAMPA Piazza Dante, 15 TRENTO 38122 marca da bollo 14,62 Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO UFFICIO STAMPA Piazza Dante, 15 TRENTO 38122 DOMANDA DI CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO DEL SETTORE CINEMATOGRAFICO E AUDIOVISIVO. (L.P. 3 ottobre 2007

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

Corso di recitazione cinematografica NUCCIO AMBROSINO

Corso di recitazione cinematografica NUCCIO AMBROSINO Programma Corso di recitazione cinematografica NUCCIO AMBROSINO 1 - Incontro - 3 ore. - Presentazione e illustrazione del programma - Cenni sulla teoria della comunicazione e dell informazione - Mezzi

Dettagli

Marca da bollo Euro 14,62 Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO UFFICIO STAMPA Piazza Dante, 15 38122 TRENTO

Marca da bollo Euro 14,62 Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO UFFICIO STAMPA Piazza Dante, 15 38122 TRENTO Allegato A Marca da bollo Euro 14,62 Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO UFFICIO STAMPA Piazza Dante, 15 38122 TRENTO Oggetto: Domanda di contributo per il sostegno del settore cinematografico e audiovisivo.

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di formazione avanzata L ADDETTO STAMPA NELL ERA CROSSMEDIALE Programma formativo 2012 Indice 1. Obiettivi 2.

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

La prima edizione di MEETmeTONIGHT si è svolta nel 2012.

La prima edizione di MEETmeTONIGHT si è svolta nel 2012. COS E MEETmeTONIGHT >< MEETmeTONIGHT è la Notte dei Ricercatori in Lombardia, nasce all interno dell iniziativa Researchers Night promossa dalla Commissione Europea, che coinvolge ogni anno ricercatori

Dettagli

MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Prof. Arianna Alessandro

MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Prof. Arianna Alessandro CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA Corso aperto e massivo della Università di Murcia MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Blocco 3. La televisione come mezzo di rappresentazione sociale e strumento

Dettagli

GLI AUTORI. Alessandra Alessandri, Direttore di Ricerca

GLI AUTORI. Alessandra Alessandri, Direttore di Ricerca GLI AUTORI Alessandra Alessandri, Direttore di Ricerca 39 anni, Laurea in Comunicazioni Sociali e Master in Marketing e Comunicazione Publitalia. È entrata nel 1991 a Canale 5 sotto la direzione di Giorgio

Dettagli

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi Analisi dei media Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) P. F. Lazarsfeld (Vienna 1901 New York 1976) PERIODO VIENNESE 1929 Volume di statistica per psicologi (Statistisches

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO La par condicio e le altre norme sulla campagna elettorale 13 aprile 2015 2 INDICE Le spese elettorali dei candidati 3 La par

Dettagli

Master di I Livello in Critica Giornalistica di Teatro, Cinema, Musica e Televisione. a.a. 2010/2011 GUIDA DELLO STUDENTE

Master di I Livello in Critica Giornalistica di Teatro, Cinema, Musica e Televisione. a.a. 2010/2011 GUIDA DELLO STUDENTE Master di I Livello in Critica Giornalistica di Teatro, Cinema, Musica e Televisione a.a. 2010/2011 GUIDA DELLO STUDENTE TEATRO CRITICADELLADANZA Prof.ssaLeonettaBentivoglio Nelleduelezioniincuièsuddivisoilcorsosarannopresentatiesviluppaticriteri

Dettagli

egistozanca@inwind.it

egistozanca@inwind.it C U R R I C U L U M V I T A E E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Tel\Fax Cellulare E-mail Egisto Zanca egistozanca@inwind.it Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale Partita IVA Italiana

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

Comunicazione e media

Comunicazione e media Comunicazione e media (pp. 521 574 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Quanti media abbiamo oggi? Da 8 a 20 C era una volta la televisione e la radio, il giornale,

Dettagli

Corso di Marketing Lezione 14 La comunicazione Prof. Elena Cedrola

Corso di Marketing Lezione 14 La comunicazione Prof. Elena Cedrola Corso di Marketing Lezione 14 La comunicazione Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it www.economiamc.org/cedrola 1 Una definizione di comunicazione La comunicazione è stata definita come un processo

Dettagli

CAMPAGNA ANIA 2012/2013 RASSEGNA STAMPA 13 DICEMBRE 2012

CAMPAGNA ANIA 2012/2013 RASSEGNA STAMPA 13 DICEMBRE 2012 CAMPAGNA ANIA 2012/2013 RASSEGNA STAMPA 13 DICEMBRE 2012 SICUREZZA STRADALE: TOSCANI FIRMA CAMPAGNA ANIA = (AGI) - Roma, 13 dic. - Un clown invita con occhi penetranti a riflettere sul significato del

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI. Corso di laurea magistrale in ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della comunicazione pubblica e sociale TITOLO DELLA TESI Lo spettacolo del dolore

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CALENDARIO LEZIONI AULA MASTER IN GIORNALISMO 4 Marzo 2013 9.30-13.30 11 Marzo 2013 9.30-13.30 18 Marzo 2013 9.30-13.30 25 Marzo 2013 9.30-13.

CALENDARIO LEZIONI AULA MASTER IN GIORNALISMO 4 Marzo 2013 9.30-13.30 11 Marzo 2013 9.30-13.30 18 Marzo 2013 9.30-13.30 25 Marzo 2013 9.30-13. WORKSHOP A.A. 2012/2013 Ogni workshop ha la durata di 20 ore, pari a 2 CFU. La registrazione al workshop avverrà durante la prima lezione. La frequenza è obbligatoria e sarà ammessa un assenza pari a non

Dettagli

L'evento al Museo del Cinema di Palazzo Pignatelli

L'evento al Museo del Cinema di Palazzo Pignatelli L'evento al Museo del Cinema di Palazzo Pignatelli Regista, attori e tecnici alla conferenza stampa di Siracusa RICORDATO NANNI LOY A 20 ANNI DELLA SCOMPARSA Gelone... Segue da pag.1 Da sinistra: Pina

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

DELIBERA N. 244/13/CONS

DELIBERA N. 244/13/CONS DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DELLA SOCIETÀ SVILUPPO EDITORIA CALABRIA S.R.L. (QUOTIDIANO ON LINE IL CORRIERE DELLA CALABRIA ) PER LA VIOLAZIONE DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 E DELLE DISPOSIZIONI

Dettagli

Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico

Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico Decreto Ministro Poste e Telecomunicazioni 9 dicembre 1993, n. 581 Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico (G.U. n.8 del 12.1.1994) IL MINISTRO DELLE

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE. OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2

DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE. OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2 Comprensione della lingua orale DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2 - Comprende brevi messaggi contenenti lunghe pause che gli permettono di coglierne il senso. - Comprende

Dettagli

7 CONCORSO CIAKKARE. Ministero Pubblica Istruzione - Ufficio Scolastico Provinciale di Como

7 CONCORSO CIAKKARE. Ministero Pubblica Istruzione - Ufficio Scolastico Provinciale di Como 7 CONCORSO CIAKKARE Ministero Pubblica Istruzione - Ufficio Scolastico Provinciale di Como In collaborazione con: quotidiano La Provincia Slogan Marketing & Comunicazione Lake Como Film Festival Università

Dettagli

PUZZLE Media e politica. Collana diretta da Lorella Cedroni

PUZZLE Media e politica. Collana diretta da Lorella Cedroni PUZZLE Media e politica 11 Collana diretta da Lorella Cedroni Direttrice Lorella CEDRONI Sapienza Università di Roma Comitato scientifico Paula DIEHL Humboldt Universität, Berlin Gianpiero GAMALERI Università

Dettagli

MASTER IN COMUNICAZIONE SOCIALE

MASTER IN COMUNICAZIONE SOCIALE MASTER IN COMUNICAZIONE SOCIALE www.teologiatorino.it Ciclo di specializzazione in teologia morale con indirizzo sociale Facoltà Teologica dell Italia Settentrionale Il Master gode della partnership dell

Dettagli

Il potere dei mass media Pubblicato sul sito www.assodolab.it nella Sezione Contributi Multimediali in data 10 Agosto 2015, Pag. 4 n. 76.

Il potere dei mass media Pubblicato sul sito www.assodolab.it nella Sezione Contributi Multimediali in data 10 Agosto 2015, Pag. 4 n. 76. Il potere dei mass media Psicologia sociale Attività didattica di Scienze Umane con opzione economico sociale a cura di Danila Salvadore Strumento di presentazione per l'apprendimento di un modulo di psicologia

Dettagli

LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016

LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016 LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016 L uso dei social network e della tecnologia propone nuove riflessioni e strategie educative. Dal cyberbullismo alle opportunità creative, il panorama dei

Dettagli

L IDEA. e far conoscere gli ambienti montani d Italia e del mondo.

L IDEA. e far conoscere gli ambienti montani d Italia e del mondo. L IDEA L'Associazione Montagna Italia nasce nel 1996 con lo scopo di promuovere il turismo, il rispetto dell'ambiente, i beni culturali, le manifestazioni e le località montane in Italia e all'estero,

Dettagli

P R O G R A M M A E V E N T I

P R O G R A M M A E V E N T I P R O G R A M M A E V E N T I HD Forum Italia Conference 2015 Obiettivi HD Forum Italia e partnership con la Repubblica di San Marino Proporre all attenzione degli operatori e del pubblico gli ultimi sviluppi

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche Carlo Fiorentini Alfabeti ecologici Ministero dell ambiente Gruppo di Saggi costituito dal Sottosegretario

Dettagli

PASOLINI nei film conservati dall'archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico

PASOLINI nei film conservati dall'archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico PASOLINI nei film conservati dall'archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico Pier Paolo Pasolini regia: Carlo Di Carlo durata: 00:19:00 abstract: Il film traccia un ritratto di Pier Paolo

Dettagli

Alimentazione e Intelligenza Il progetto

Alimentazione e Intelligenza Il progetto Alimentazione e Intelligenza Il progetto In collaborazione con con il patrocinio di Comune di Cesena Alimentazione e Intelligenza mangiar bene migliora il rendimento Premessa Una corretta alimentazione

Dettagli

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia L esperienza da giovani banchieri dei ragazzi della è cominciata con un invito lanciato dalla loro sempre superattiva referente

Dettagli

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INCONTRO CON LA STAMPA PARLAMENTARE Sala del Mappamondo 20 dicembre 2012 INDICE Introduzione....3 Il sito Internet...4 La rassegna stampa...4 La Web tv...5

Dettagli

Pubblicità Sociale. Pubblicita Progresso

Pubblicità Sociale. Pubblicita Progresso Pubblicità Sociale La Pubblicità Sociale detta anche campagna di utilità sociale è quella forma di pubblicità che sfrutta le proprie caratteristiche principali con lo scopo di sensibilizzare l opinione

Dettagli

comunicazione Periodico d'informazione sul mondo della comunicazione In questo numero:

comunicazione Periodico d'informazione sul mondo della comunicazione In questo numero: In questo numero: Ragazzi che Tivù Il CORECOM per la tutela dei minori, dal controllo dei media alla prevenzione e informazione. Periodico d'informazione sul mondo della Qualità del servizio internet Banda

Dettagli

I MUSEI SCIENTIFICI ITALIANI VERSO LA SOSTENIBILITÀ

I MUSEI SCIENTIFICI ITALIANI VERSO LA SOSTENIBILITÀ I MUSEI SCIENTIFICI ITALIANI VERSO LA SOSTENIBILITÀ Possono i musei scientifici essere parte attiva nella costruzione di scenari futuri sostenibili? Quali obiettivi e attività possano assegnare ai musei

Dettagli

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV SONDALO SONDRIO MORBEGNO CHIAVENNA PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV DETERIMAZIONI IN ORDINE AGLI OBIETTIVI DI INTERESSE REGIONALE DEI DIRETTORI GENERALI DELLE AZIENDE OSPEDALIERE PER L ANNO 2008,

Dettagli

Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali.

Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali. Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali. L Operatore dei Servizi Sociali, con una specifica formazione professionale di carattere teorico e tecnico-pratico e nell ambito

Dettagli

Pari opportunità nei media

Pari opportunità nei media Immagine Comune di Ravenna Pari opportunità nei media Mussi bollini Presidente Commissione Pari Opportunità RAI Vice Direttore RAI Ragazzi La comunicazione televisiva può influenzare ciò che accade nella

Dettagli

Schema di classificazione delle sezioni della biblioteca

Schema di classificazione delle sezioni della biblioteca Comune di Ferrara U.O. Manifestazioni Culturali Videoteca VIGOR Schema di classificazione delle sezioni della biblioteca 000 Opere generali 000 Opere generali, enciclopedie, lexicon 010 Dizionari 020 Annuari,

Dettagli

La nascita e l evoluzione della TV Informazioni agli insegnanti

La nascita e l evoluzione della TV Informazioni agli insegnanti Informazioni agli insegnanti 1/6 Compito Gli alunni svolgono una serie di compiti su diversi temi e presentano i risultati in classe. Obiettivo Gli alunni si fanno un idea della storia della TV e del suo

Dettagli

COMPETENZE DI BASE IN LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012

COMPETENZE DI BASE IN LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: DISCIPLINE CONCORRENTI: COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Fonti di legittimazione: TRAGUARDI ALLA FINE DEL PRIMO CICLO L alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali

Dettagli

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente.

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente. LABORATORIO-MUSEO TECNOLOGIC@MENTE Tecnologic@mente, coordinato e gestito dalla Fondazione Natale Capellaro, in questi anni ha svolto un importante e fondamentale lavoro volto per la conservazione e, soprattutto,

Dettagli

GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI

GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI 1 2 Rigamonti ADV Design "Tutto è comunicazione: l arte, la politica, le città, la letteratura, il cinema; il linguaggio ne è parte dominante." Rigamonti ADV Design Rigamonti

Dettagli

Galleria del Corso. nel cuore della città di MILANO. destinazione EXPO Campo russo. Crescente per il mondo. Coltivato per il futuro

Galleria del Corso. nel cuore della città di MILANO. destinazione EXPO Campo russo. Crescente per il mondo. Coltivato per il futuro Galleria del Corso FUORI EXPO in Galleria del Corso MILANO destinazione EXPO Campo russo. Crescente per il mondo. Coltivato per il futuro nel cuore della città di MILANO MILANO MILANO sede di EXPO 2015,

Dettagli

Luca Romani regista televisivo videomaker

Luca Romani regista televisivo videomaker Luca Romani regista televisivo videomaker Via San Bonaventura, 2 PERUGIA Tel. 392 9598372 075 30709 e-mail: lucaromani@hotmail.it web: www.lucaromani.eu Luogo e data di nascita: Perugia, 26 marzo 1966

Dettagli

Marco Gui. La tv dopo la digitalizzazione

Marco Gui. La tv dopo la digitalizzazione Marco Gui 2 La tv dopo la digitalizzazione Mappa della tv italiana Terrestre Satellitare Cavo Umts/Wifi Analogico Rai, Mediaset, La7/Mtv, AllMusic, Sportitalia + locale Canali in chiaro: es. BBC World

Dettagli

Concorso Tena anno 2014: La passione di assistere Categoria: We-fitness

Concorso Tena anno 2014: La passione di assistere Categoria: We-fitness Casa residenza C.I.S.A. Mirandola MO Concorso Tena anno 2014: La passione di assistere Categoria: We-fitness Titolo del progetto: Ginnastica all e-specchio PREMESSA INTRODUZIONE Tutti sappiamo che l Italia

Dettagli

Necessità degli utenti sordi dal telefono alla WebRadio

Necessità degli utenti sordi dal telefono alla WebRadio Necessità degli utenti sordi dal telefono alla WebRadio Responsabile ona.i.r. per la Comunicazione con le Associazioni Conferenza stampa di presentazione ona.i.r. Sala delle Colonne, Camera dei Deputati

Dettagli

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione

2/3 - Cantieri di Cittadinanza: educare alla legalità e costruire partecipazione Regione Toscana Bando 2014 Contributi regionali per la promozione della cultura della legalità democratica www.regione.toscana.it/bandolegalita Progetti di educazione alla legalità offerti alle scuole

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PROGRAMMA ERASMUS+ MOBILITA AI FINI DI TIROCINIO A.A. 2015/2016

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PROGRAMMA ERASMUS+ MOBILITA AI FINI DI TIROCINIO A.A. 2015/2016 UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE A.A. 2015/2016 PROGETTO ERASMUS+ A.A. 2015-2016 Gli studenti interessati a svolgere uno stage all estero, nell ambito del programma Erasmus+,

Dettagli

Teoria della comunicazione. Anno Accademico 2012-2013 Lezione n. 3

Teoria della comunicazione. Anno Accademico 2012-2013 Lezione n. 3 Teoria della comunicazione Anno Accademico 2012-2013 Lezione n. 3 Oralità Qual è l importanza dell oralità nella nostra cultura multimediale? Testo di riferimento: R. K. Merton, On the Oral Transmission

Dettagli

Programma completo e info su www.oltrefoto.it e-mail: info@oltrefoto.it Tel. 349 0852080 345 4533841

Programma completo e info su www.oltrefoto.it e-mail: info@oltrefoto.it Tel. 349 0852080 345 4533841 OltreFoto Laboratorio Permanente di Fotografia 2003 2013: Il Decennale Programma completo e info su www.oltrefoto.it e-mail: info@oltrefoto.it Tel. 349 0852080 345 4533841 Comunicato Stampa In occasione

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1. Che cos è l Ordine Al Merito della Repubblica Italiana? L Ordine Al Merito della Repubblica Italiana è il primo degli Ordini cavallereschi nazionali.

Dettagli

ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA

ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine I.C. di Balsorano (AQ) - Scuola Secondaria di I Grado La pubblicità è l arte di convincere i consumatori La pubblicità

Dettagli

Mondi seriali. Il linguaggio della fiction

Mondi seriali. Il linguaggio della fiction Mondi seriali Il linguaggio della fiction Giovanni Prattichizzo 18/12/2012 1 Un uomo è sempre un narratore di storie, vive circondato dalle proprie storie e da quelle di altre persone, vede ogni cosa nei

Dettagli

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi

Analisi dei media. Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Angela Maria Zocchi Analisi dei media Parte prima Cultura, comunicazione e informazione. (Selezione di diapositive) Ottocento rivoluzione industriale; globalizzazione delle comunicazioni; penny press; telefono; cinema. Telefono

Dettagli

Le pietre e i cittadini

Le pietre e i cittadini Scuola, cittadinanza, sostenibilità Le pietre e i cittadini Progetto nazionale per l Educazione al Patrimonio 2015-16 Docente Perricone Pamela Tel. 3403581638 E mail: pamela.perricone@gmail.com Scuola

Dettagli

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione CARTA DI TORINO 2008 Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione Il testo è stato redatto dal Consiglio dell Ordine dei Giornalisti del Piemonte e dal Consiglio dell Ordine dei Medici Chirurghi

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN  PSICOLOGIA  MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO FINALITA : il corso propone di fornire agli studenti le nozioni di base della Medicina del lavoro al fine di

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

Regolamento della Ticino Film Commission Criteri di erogazione servizi e incentivi finanziari

Regolamento della Ticino Film Commission Criteri di erogazione servizi e incentivi finanziari Regolamento della Ticino Film Commission Criteri di erogazione servizi e incentivi finanziari Indice 1. Scopi della Ticino Film Commission... 2 2. Organizzazione e strategia... 2 3. Criteri di selezione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CON LA DITTA EVENTI &20 S.A.S. PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

CONTRATTO DI SERVIZIO CON LA DITTA EVENTI &20 S.A.S. PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI PORDENONE REG. INC. N. 1808 DEL 12/06/2008 ALLEGATO ALLA DETERMINA DIRIGENZIALE N. 1116 DEL 12/06/2008 CONTRATTO DI SERVIZIO CON LA DITTA EVENTI &20 S.A.S. PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Dettagli