Tassazione delle rendite finanziarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tassazione delle rendite finanziarie"

Transcript

1 Tassazione delle rendite finanziarie Qual'è la normativa di riferimento per il calcolo della ritenuta fiscale sulle rendite finanziarie? Trattasi del Decreto Legge n. 66 del 24 aprile 2014 Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale, la cui legge di conversione n 89 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale in data 23 giugno Quali sono le principali modifiche apportate dal D.L. n. 66/2014? Le principali modifiche sono: Aumento al 26% (in luogo del previgente 20%) dell'aliquota sulle ritenute/imposte sostitutive applicabili ai redditi di capitale e ai redditi diversi di natura finanziaria con alcune eccezioni di seguito dettagliate; riduzione da 20% a 12.5% della tassazione prevista per i titoli emessi da enti territoriali esteri compresi nella cosiddetta "white list". Si tratta di titoli pubblici emessi dagli Stati esteri compresi nell'elenco degli Stati che consentono un adeguato scambio di informazioni inclusi nella lista cui fa riferimento l'art bis del Tuir (in attesa dell'emanazione del decreto attualmente il riferimento rimane il D.M. 04/09/1996 e ss.) Possibilità di affrancare con l'aliquota del 20% le plusvalenze/minusvalenze dei titoli posseduti al 30/06/2014. Continuano a rappresentare un'eccezione (perché è confermata l'aliquota del 12,5%) i redditi derivanti da: Titoli di stato italiani Titoli obbligazionari emessi da amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo, enti territoriali - es. BOC - e di enti pubblici istituiti per l'esercizio diretto di servizi pubblici in regime di monopolio, buoni postali fruttiferi Titoli di enti e organismi internazionali costituiti in base ad accordi resi esecutivi in Italia (es. Bers, Bei, Ceca, Birs, Euratom) Le aliquote riportate si applicano ai "soggetti persone fisiche residenti". Redditi da capitale (es. interessi, cedole, dividendi) Aliquota sino al 30/06/2014 Aliquota dal 01/07/2014 Affrancamento tramite CRELOVE Obbligazioni dei grandi emittenti (banche e soc. quot.) e obbligazioni private italiane (a prescindere durata e tasso). 20,00% 26,00% Si Fondi immobiliari italiani, Sicav italiane e Sicav comunitarie armonizzate, quote di OICR, inclusi ETF ed ETC, prestito titoli. 20,00% 26,00% No Titoli di stato, equiparati e sovrannazionali 12,50% 12,50% No Titoli di stato "white list" 20,00% 12,50% No Titoli di stato emessi dagli stati diversi dai precedenti 20,00% 26,00% Si

2 Redditi diversi (es. capital gain) Aliquota sino al 30/06/2014* Aliquota dal 01/07/2014** Affrancamento tramite CRELOVE Titoli di stato ed equiparati e sovrannazionali 12,50% 12,50% No Titoli di stato white list (DM 04/09/1996) 12,50% 12,50% No Titoli azionari e titoli di stato emessi dagli stati diversi dai precedenti e obbligazione dei grandi emittenti (banche e soc. quot.) 20,00% 26,00% Si Fondi immobiliari italiani, Sicav italiane e Sicav comunitarie armonizzate e armonizzate equiparati, altre Sicav estere 20,00% 26,00% No Derivati 20,00% 26,00% No * L'aliquota del 20% veniva applicata su un imponibile compensato con eventuali minusvalenze pregresse, ridotte al 62,50% se realizzate fino alla data del 31 dicembre ** L'aliquota del 26% viene applicata su un imponibile compensato con una quota parte di eventuali minusvalenze pregresse, in particolare: a) una quota pari al 48,08 per cento, se sono realizzate fino alla data del 31 dicembre 2011; b) una quota pari al 76,92 per cento, se sono realizzate dal 1 gennaio 2012 al 30 giugno 2014; Restano fermi i limiti temporali di deduzione previsti dagli articoli 68, comma 5, del medesimo testo unico e 6, comma 5, del decreto legislativo 21 novembre 1997, n. 461 (le minusvalenze sono compensabili con eventuali plusvalenze maturate, con data valuta successiva, nell'anno in corso e negli anni successivi, ma non oltre il quarto). In base a quali criteri si applica la nuova aliquota? Le nuove aliquote entreranno in vigore a decorrere dal prossimo 1 luglio 2014, con regole particolari di passaggio dalle vecchie aliquote a quelle nuove. In sintesi, riportiamo di seguito i criteri a cui occorre fare riferimento. In generale, la nuova aliquota si applica ai redditi di capitale (ad esempio interessi) esigibili a decorrere dal 1 luglio 2014 ed ai redditi diversi di natura finanziaria (c.d. capital gain ad esempio derivanti dalla vendita/rimborso di titoli) realizzati da tale data. Tali termini possono variare a seconda della tipologia dei rapporti in essere. Vi sono tuttavia talune eccezioni, le più significative sono: per gli interessi sui conti correnti e sui depositi bancari vale il criterio della maturazione, con decorrenza sempre dal 1 luglio 2014; per i dividendi vale il momento di percezione, con la conseguenza che quelli incassati con valuta dal giorno 01/07/2014 vengono assoggettati alla ritenuta del 26% (criterio di cassa); per i redditi da pronti contro termine stipulati anteriormente al 1 luglio 2014 su obbligazioni e titoli similari soggetti ad imposta sostitutiva di cui al D. Lgs. n. 239/1996 ed aventi durata non superiore ai 12 mesi, vale la regola di decorrenza dal giorno successivo alla data di scadenza del pct; per i redditi derivanti dai contratti di assicurazione sottoscritti fino al 30 giugno 2014, vale il criterio di maturazione; per i redditi di capitale delle obbligazioni soggette al D.lgs 239/96 (ad esempio i prestiti obbligazionari emessi dalle banche) vale ancora il criterio della maturazione; Per quest ultimo caso il passaggio all aliquota del 26% avviene peraltro attraverso un particolare regime transitorio che pone sull intermediario finanziario l obbligo di effettuare, nei confronti del possessore delle obbligazioni senza cedola o con cedola non inferiore a un anno dalla data del 30 giugno 2014, il contestuale addebito dell imposta vigente sino al 30/06/2014 (20%) ed accredito del 26% sugli interessi maturati a tale data (cosiddetta normalizzazione ). Invece, per gli altri titoli, diversi dai precedenti, gli addebiti e accrediti saranno effettuati in occasione della scadenza della cedola o della cessione o rimborso del titolo.

3 Ho delle obbligazioni in portafoglio, cosa cambia? La variazione delle aliquote avviene attraverso un particolare regime transitorio che pone sull'intermediario finanziario l'obbligo di effettuare, nei confronti del possessore delle obbligazioni, il contestuale addebito dell'imposta vigente sino al 30/06/2014 (20,00%) e accredito del 26% sugli interessi maturati a tale data (la cosiddetta "normalizzazione"). In sostanza, i redditi di capitale (cedole, "scarti d'emissione") in corso di maturazione alla data del 30/06/2014 vengono assoggettati, alla data della corresponsione, alla nuova aliquota per la sola parte maturanda dal 01/07/2014, mantenendo ferma l'aliquota previgente per la quota già maturata. Pertanto, per le obbligazioni titoli di Stato estero non "white list", obbligazioni domestiche e estere si procede con le seguenti operazioni in conto corrente (data valuta: 30/06/2014) che determinano un accredito netto del 6% sul maturato al 30/06/2014: accredito del 26% contestuale addebito del 20% per i titoli emessi da enti territoriali esteri compresi nella cosiddetta "white list" addebito del 20% contestuale accredito del 12.5% Questa procedura, definita di "normalizzazione", è finalizzata a compensare la maggiore o minore tassazione applicata a partire dal 01/07/2014 in modo tale che quanto maturato al 30/06/2014 sia tassato con la l'aliquota previgente (20%), mentre quanto maturato dal 01/07/2014 in poi sia tassato con la nuova aliquota (26%). Si informa che la "normalizzazione", verrà effettuata entro il giorno 31/08/2014 sulla base dei titoli della specie posseduti al 30/06/2014 e troverà evidenza in apposite scritture nel relativo e/c di conto corrente. Nota bene. Se si possiedono in dossier titoli: Obbligazioni titoli pubblici dello Stato italiano (BOT, CCT,CTZ,BTP,BTPI) Obbligazioni titoli pubblici territoriali (regionali, provinciali e comunali italiane) Non verrà disposta alcuna operazione, perché la ritenuta (su redditi di capitale e redditi diversi) rimane invariata al 12,50%. Cosa si intende per affrancamento ai fini fiscali dei valori dei titoli posseduti al 30/06/2014 e fino a quando si può esercitare? La norma prevede un regime opzionale di allineamento dei valori degli strumenti finanziari ai fini del calcolo dei redditi diversi di cui all'art. 67, comma 1, lett. da c-bis) a c-quinquies), del Tuir, in base al quale il contribuente può decidere di richiedere l'affrancamento per i valori di tutti gli strumenti finanziari affrancabili presenti in portafoglio al 30/06/2014 nonché alla data dell'esercizio dell'opzione, versando l'imposta sostitutiva del 20% sui redditi maturati sino alla medesima data, simulando ai soli fini fiscali un'operazione di cessione. Quantità affrancabile. Nel caso in cui, tra la chiusura del giorno 30/06/2014 e la data di esercizio dell affrancamento, la quantità in portafoglio di ciascun titolo fosse cambiata (es: per vendita parziale oppure in caso di nuovo acquisto) sarà possibile affrancare esclusivamente il quantitativo minore, ossia sarà consentito esercitare l opzione per i quantitativi presenti in portafoglio sia alla data di entrata in vigore del D.L. 66/2014 sia alla data di presentazione della richiesta. L allineamento riguarda solo i rapporti in regime di risparmio amministrato e dichiarativo. L opzione deve riguardare tutti gli strumenti finanziari posseduti nel regime del risparmio amministrato ovvero tutti gli strumenti finanziari posseduti nel regime della dichiarazione, ad eccezione dei valori delle quote di OICR di cui all art. 67, comma 1, lett- c-ter del TUIR (es: ETF, ETC oppure ETN quotati sul segmento ETF Plus di Borsa Italiana). Per quanto riguarda la gestione degli OICR (es: Fondi Comuni di investimento, quote di Sicav) non è prevista alcuna procedura di affrancamento ma un peculiare regime transitorio: la Società di Gestione (il Soggetto Incaricato dei Pagamenti nel caso di azioni di sicav) applicherà la nuova aliquota del 26% sui proventi maturati al 30 giugno 2014 ma realizzati a partire dal 1 luglio 2014 in occasione di rimborso, cessione o liquidazione delle quote.

4 Come si può esercitare l opzione di affrancamento e fino a quando è possibile farlo? L esercizio dell opzione in regime «amministrato» deve essere effettuato entro il 30 settembre 2014, mediante apposita comunicazione reperibile sul sito della Banca, firmata da inviare tramite: - fax al nr prevede che l imposta sostitutiva debba essere conteggiata e versata dagli intermediari entro il 16 novembre 2014, ricevendone apposita provvista dal contribuente. L esercizio dell opzione in regime «dichiarativo» è effettuato in sede di dichiarazione annuale dei redditi per l anno 2014 e prevede che l imposta sostitutiva debba essere corrisposta entro il 16 novembre Le eventuali minusvalenze nette (cioè quelle che residuano dopo la compensazione con le analoghe plusvalenze) che originano dall affrancamento possono essere utilizzate, entro 4 anni dalla maturazione: per una quota pari al 48,08 %, se sono realizzate fino alla data del 31 dicembre 2011 per una quota pari al 76,92 %, se sono realizzate dal 1 gennaio 2012 al 30 giugno 2014 Restano fermi i limiti temporali di deduzione previsti dagli articoli 68, comma 5, del medesimo testo unico e 6, comma 5, del decreto legislativo 21 novembre 1997, n Cosa avviene delle minusvalenze realizzate fino al 30/06/2014? Le minusvalenze, perdite e differenziali negativi di cui all art. 67, comma 1, lett. da c-bis) a c-quater), del Tuir realizzate fino al 30/06/2014, a partire dal 1 luglio 2014, sono portate in deduzione dalle plusvalenze e dagli altri redditi diversi realizzati. A seconda della data valuta di maturazione delle minusvalenze possiamo avere due casistiche: Minusvalenze maturate fino al 31/12/2011. A partire dal 1 luglio 2014, sono portate in deduzione dalle plusvalenze e dagli altri redditi diversi realizzati a nuovo, per una quota pari al 48,08% del loro ammontare, fermo restando il limite temporale di riportabilità (entro il quarto anno successivo a quello in cui la minusvalenza è stata realizzata). La quota del 48,08% rappresenta il rapporto tra la vecchia aliquota vigente fino al 31/12/2011 (12,50%) e la nuova aliquota (26%). Minusvalenze maturate tra il 01/01/2012 ed il 30/06/2014. A partire dal 1 luglio 2014, sono portate in deduzione dalle plusvalenze e dagli altri redditi diversi realizzati a nuovo, per una quota pari al 76,92% del loro ammontare, fermo restando il limite temporale di riportabilità (entro il quarto anno successivo a quello in cui la minusvalenza è stata realizzata). ). La norma consente, in tal modo, all investitore di compensare solo parzialmente le minusvalenze realizzate prima del 1 luglio 2014 (con aliquota del 20,00%) con plusvalenze realizzate successivamente. La quota del 76,92% rappresenta il rapporto tra la vecchia aliquota (20,00%) e la nuova aliquota (26%). I titoli acquistati dall 1/7/2014, potranno comunque rientrare nell affrancamento? No, l opzione per l affrancamento riguarda solo i titoli posseduti al 30/06/2014. Quali sono le eccezioni al cambio di aliquota? I titoli per i quali le previste modifiche normative non avranno effetto sono principalmente quelli riportati in premessa (v. titoli di Stato ed equiparati etc.) In particolare, la norma prevede per tali fattispecie che: per i redditi di capitale derivanti dal possesso dei predetti titoli resta ferma l aliquota del 12,50% (v. D.Lgs. n. 239/96); per i redditi diversi realizzati dal 1 luglio 2014, l aliquota di tassazione passa, in via generale, dall attuale 20% al 26%. Ai fini della liquidazione dell imposta sostitutiva su tali redditi diversi di natura finanziaria, i redditi derivanti dalle obbligazioni e dagli altri titoli di cui all art. 31 del D.P.R. n. 601/1973 sono computati nella misura del 48,08% dell ammontare realizzato (26% sul 48,08 = 12,50%).

5 Come sono contabilizzate le minusvalenze/plusvalenze derivanti dalla compravendita di ETF/ETC/ETN negoziabili presso il segmento ETF Plus di Borsa Italiana? A seguito dell entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 44 del 4 marzo 2014 vi sono stati cambiamenti circa il trattamento fiscale delle minusvalenze/plusvalenze relative a questo tipo di strumenti: a partire dal 9 aprile 2014 tutti i proventi (positivi) sono trattati come reddito di capitale ed assoggettati a tassazione (aliquota: 26%), indipendentemente dal fatto che vi siano minusvalenze pregresse oppure no, mentre tutte le eventuali minusvalenze sono trattate come reddito diverso e, pertanto, sono compensabili con successive plusvalenze maturate nell anno fiscale corrente oppure entro i quattro anni successivi. Per effetto di queste novità il valore del NAV dell ETF non risulta quindi più rilevante ai fini fiscali. Come avviene per la negoziazione di altri strumenti (es: azioni), nel caso in cui la posizione in portafoglio si sia formata sulla base di più operazioni, il prezzo di carico è determinato secondo il principio del costo medio ponderato per la quantità. Anche i proventi periodici (dividendi) eventualmente distribuiti dagli ETF sono considerati come redditi di capitale e sono quindi accreditati all investitore al netto della ritenuta d imposta ordinaria (26%). Come saranno gestite eventuali plusvalenze su ETF / ETC / ETN? E bene precisare che, per questa categoria di strumenti, non è disponibile l opzione dell affrancamento in quanto è stato previsto in peculiare regime transitorio. CRELOVE provvederà a determinare, per ciascuna posizione, l eventuale plusvalenza maturata al 30/06; successivamente, al momento in cui la posizione verrà chiusa, l eventuale plusvalenza sarà determinata in questo modo: Esempio 1 Quantità = 100 Prezzo di carico = 10 Prezzo al 30/06 = 15 In questo caso viene determinato un accantonamento pari a (15-10) * 100 = 500 Successivamente possiamo avere queste due casistiche: 1A) Se in data 15/07/2014 il titolo vale 18 viene realizzata una plusvalenza pari ad 800 e la tassazione avverrà nel seguente modo: 500 tassati con aliquota al 20% 300 tassati con aliquota al 26% (plusvalenza realizzata plusvalenza accantonata) 1B) Se in data 15/07/2014 il prezzo scende ad 8 sarà realizzata una minusvalenza pari a 200 che andrà ad azzerare l accantonamento determinato al 30/06 e non saranno addebitate imposte. Esempio 2 Al 30/06 il prezzo di mercato del titolo è 5. Poiché vi è una minusvalenza non verrà determinato nessun accantonamento e le eventuali plusvalenze future saranno tassate con aliquota al 26% al momento in cui la posizione sarà chiusa. Tassazione sugli interessi di conto corrente e sui Conti Deposito Qual è la normativa di riferimento per il calcolo della ritenuta fiscale sugli interessi di conto corrente e gli interessi maturati sui conti deposito? Trattasi del Decreto Legge n. 66 del 24 aprile 2014 Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale, la cui legge di conversione n 89 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale in data 23 giugno Quali sono le principali novità introdotte dal Decreto Legge n 66/2014 inerenti gli interessi di conto corrente e gli interessi dei conti deposito? La principale novità applicabile agli interessi di conto corrente e agli interessi maturati sugli altri depositi bancari, introdotta dal decreto, è la variazione della ritenuta fiscale che passa dal 1 luglio 2014 dal 20% al 26%. Come funziona la tassazione degli interessi di conto corrente? Per i conti correnti che prevedono una remunerazione, l accredito in conto corrente degli interessi maturati avviene già al netto della ritenuta fiscale tempo per tempo vigente. CRELOVE non prevede liquidazione anticipata degli interessi, pertanto quanto accreditato fino al 30/06/2014 è tassato con aliquota del 20%, mentre quanto accreditato a partire dal 01/07/2014 è tassato con la nuova aliquota del 26%.

6 Tassazione sui redditi di natura finanziaria per investimenti in Fondi e Sicav Qual è la normativa di riferimento per il calcolo della ritenuta fiscale sugli investimenti in fondi e sicav? Trattasi del Decreto Legge n. 66 del 24 aprile 2014 Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale,la cui legge di conversione n 89 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale in data 23 giugno Quali sono le principali novità introdotte dal Decreto Legge n 66/2014 inerenti gli investimenti in fondi e sicav? La principale novità introdotta dal decreto è l incremento al 26% delle ritenute e delle imposte sostitutive sui redditi di capitale e sui redditi diversi di natura finanziaria a partire dal 1 luglio Ricordiamo che mentre le plusvalenze derivanti da investimento in OICR si configurano come reddito da capitale le eventuali minusvalenze sono redditi diversi di natura finanziaria. Quali sono le eventuali eccezioni? La nuova aliquota non si applica sui proventi di OICR che investono in titoli di Stato (o titoli equiparati), titoli emessi da enti territoriali di Stati inclusi nella cosidetta white list e Obbligazioni emesse da Stati inclusi nella nella cosidetta white list. Come funziona l affrancamento? Per quanto riguarda la gestione degli altri OICR (es: Fondi Comuni di investimento, quote di sicav) non è prevista alcuna procedura di affrancamento; la Società di Gestione (il Soggetto Incaricato dei Pagamenti nel caso di azioni di sicav) in occasione di rimborso, cessione o liquidazione delle quote applicherà l aliquota del 20% per i proventi realizzati fino al 30 giugno 2014 (calcolati sulla base del valori-quota al 30 giugno 2014) e quella del 26% per i proventi realizzati dal 1 luglio Cosa accade per le minusvalenze? Eventuali minusvalenze residue (quindi redditi diversi negativi) al 30 giugno 2014 possono essere portate in deduzione di plusvalenze (configuranti redditi diversi di natura finanziaria) realizzate dopo il 1 luglio 2014 per una quota pari al 48.08% del loro ammontare, se realizzate fino al 31 dicembre 2011 (fino a quando l'aliquota era del 12.50%) e per una quota del 76.92%, se realizzate dal 1 gennaio 2012 al 30 giugno 2014.

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli