di Aldo Stesuri Amministrazione e Finanza >> Finanza aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Aldo Stesuri Amministrazione e Finanza >> Finanza aziendale"

Transcript

1 CASH POOLING: LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI NELLA <<THIN CAPITALIZATION RULE>> di Aldo Stesuri Amministrazione e Finanza >> Finanza aziendale

2 PREMESSA Una delle principali novità introdotte dalla riforma fiscale è costituita dalla disciplina che limita la deducibilità degli interessi passivi in ipotesi di finanziamenti diretti o indiretti da parte del socio o di sue parti correlate. La menzionata normativa è meglio nota con il termine di «thin capitalization rule» ed è considerata, dalla maggior parte della dottrina, di natura principalmente antielusiva. I criteri applicativi della disposizione contenuta nel novellato art. 98 del TUIR sono notevolmente articolati e complessi e richiedono particolare attenzione sia da parte del contribuente sia da parte del fisco in sede di verifica. La norma richiede, inoltre, una valutazione di merito circa la sua concreta applicazione a fattispecie che potrebbero integrare o meno le condizioni di legge previste dalla specifica disciplina. Si considerino, a titolo esemplificativo, le operazione di MLBO (Merger Leverage By Out) e le forme di finanziamento accentrato di tipo cash pooling. In particolare, oggetto della presente analisi sono proprio le menzionate forme di finanziamento accentrato, al fine di verificare se le medesime sono soggette o meno alle limitazioni introdotte dalla thin capitalization rule. LE OPERAZIONI DI CASH POOLING La norma sulla sottocapitalizzazione nominale delle imprese (thin capitalization rule) potrebbe avere un influenza indiretta nell ambito di specifici sistemi di tesoreria utilizzati spesso dai gruppi multinazionali e definiti sistemi di cash pooling. Infatti, in correlazione al tipo di rapporto contrattuale che viene instaurato fra le parti, allorché sia configurabile la concessione di un finanziamento intercompany con la maturazione di interessi attivi a favore del pooler e di interessi passivi per le altre parti dell accordo di tesoreria, si potrebbe ipotizzare l applicabilità della disciplina in commento. Classicamente, il cash pooling è costituito da un sistema che prevede l esistenza di una entità giuridica (pooler) che agisce quale centro di tesoreria e che gestisce un conto corrente accentrato (conto di pool) sul quale confluiscono tutti i saldi di conto corrente di ciascuna società consociata. Normalmente, la società pooler (casa madre) stipula un contratto con un istituto bancario (contratto di pool) in forza del quale la stessa aprirà presso l istituto di credito il contro corrente accentrato. In epoca successiva, tra le società del gruppo e la società pooler vengono sottoscritti appositi contratti di conto corrente che giustificano le singole posizioni creditorie e debitorie ed il trasferimento dei saldi dei singoli conti su quello accentrato tenuto dal pooler. Il compito della società che agisce come pooler è, quindi, quello di reperire le risorse finanziarie che occorrono per soddisfare le diverse esigenze delle società consociate o controllate che partecipano al pooling per mezzo del ricorso diretto al sistema creditizio. Tenuto conto che si possono configurare diverse tipologie di cash pooling, le principali sono riconducibili, in via principale, a due categorie: notional cash pooling, denominato anche netting; zero balance system. La prima figura contrattuale, come sopra evidenziato, determina una «stanza di compensazione» attraverso la quale tutte le società del gruppo possono regolare le reciproche posizioni di credito e di debito derivanti da transazioni di tipo commerciale. In breve, da un punto di vista operativo, le società che partecipano al pooling regolano esclusivamente il saldo «netto» che residua dopo l applicazione della summenzionata compensazione. L elemento caratterizzante questa specifica forma di pooling è data dal fatto che, in pratica, non si realizza alcuna movimentazione di saldi dai singoli conti correnti. La seconda figura contrattuale prevede il trasferimento giornaliero, da parte dell istituto di credito coinvolto nell operazione, dei saldi attivi e la copertura dei saldi negativi dei risultati dei singoli conti correnti ad un conto centralizzato intestato al pooler. Pagina 2 di 7

3 In particolare, a differenza del notional cash pooling, in questo caso si realizza una effettiva movimentazione dei singoli conti correnti. Nell ipotesi in cui il saldo trasferito sia passivo, il pooler deve provvedere ad accreditare alla società consociata una somma di eguale importo; se, invece, il saldo è attivo, il relativo importo viene trasferito in capo al pooler. Il menzionato sistema è definito di zero balancing, in quanto il saldo del conto decentrato deve essere sempre pari a zero. Alla scadenza del contratto il pooler deve effettuare la liquidazione dei saldi derivanti dai vari movimenti attuando anche il calcolo degli interessi attivi e passivi maturati. A titolo meramente esemplificativo, si consideri l'esempio grafico riportato nella Tavola 1, che simula uno zero balance system. Tavola 1 «Zero balance system»: esempio Banca A Società A Banca B Società B Holding Banca Holding Banca C Società C Nota: a) ognuna delle società del gruppo apre un conto corrente con la propria banca; b) ciascuna delle stesse società apre un conto corrente aziendale con la holding nel quale vengono registrati i trasferimenti e vengono accreditati e addebitati gli interessi alle società. Normalmente gli interessi attivi in favore della holding superano di qualche punto percentuale gli interessi passivi in danno della holding quale compensazione del servizio di tesoreria che essa ha posto in essere in favore delle altre società del gruppo; c) la holding apre un conto corrente con la propria banca che funge da tesoreria centralizzata e che riceve i saldi attivi delle banche delle singole società e che trasferisce alle stesse banche i fondi necessari per azzerare gli eventuali saldi passivi delle stesse società. In senso opposto, si consideri nella Tavola 2 il differente esempio grafico che illustra un notional cash pooling. Tavola 2 «Notional cash pooling»: esempio Società A Società B Banca «K» Società C Nota: a) ogni società apre un proprio conto corrente bancario con la Banca K; b) La Banca K compensa i saldi dei conti correnti delle varie società; c) il calcolo degli interessi complessivi dovuti avviene sulla base del saldo compensato. Pagina 3 di 7

4 INQUADRAMENTO CIVILISTICO DEL CONTRATTO: DIFFICOLTA INTERPRETATIVE Fatte queste doverose premesse sul sistema di funzionamento di un cash pooling e sulle sue possibili diverse configurazioni, è ora necessario dire che già la disciplina civilistica del contratto crea grosse difficoltà di natura interpretativa e qualificatoria. Il contratto in oggetto deve essere ricondotto nella figura dei contratti «atipici», ai sensi dell art. 1322, c.c.. Invero, esistono diversi tentativi operati dalla dottrina di ricondurre il medesimo accordo nelle figure tipiche previste dal Codice civile, quali: il rapporto di conto corrente non bancario, il contratto di mutuo, quello di apertura di credito e il conto corrente bancario. La riqualifazione del cash pooling nell ambito del rapporto di conto corrente è stata esclusa da una parte della dottrina, soprattutto nel caso in cui il conto corrente non sia utilizzato dalle parti anche per regolare rapporti di natura commerciale, ma venga utilizzato con il solo scopo di ottenere finanziamenti. Infatti, il contratto di conto corrente dovrebbe essere uno strumento per la gestione di crediti originati da altri rapporti giuridici sottostanti diversi da quelli inerenti il contratto principale, con la conseguente applicabilità di norme che disciplinano il contratto di mutuo o di apertura di credito. Le difficoltà qualificatorie hanno portato la dottrina maggioritaria a ricondurre lo schema contrattuale in esame nell ambito del conto corrente o del conto corrente bancario. Il punto di comunanza espresso dai diversi orientamenti è che, comunque, si sarebbe al di fuori della fattispecie del «mutuo», così come delineato dall art. 1813, c.c., in quanto quest ultimo si sostanzia in un accordo nel quale una parte consegna all altra una determinata quantità di denaro e l altra si obbliga a restituire altrettante cose della stessa specie e qualità. DISCIPLINA TRIBUTARIA La difficoltà di qualificare da un punto di vista civilistico il contratto ha determinato correlate problematiche inerenti alla corretta individuazione della disciplina tributaria effettivamente applicabile al cash pooling. Un esempio per tutti è relativo alla effettiva applicabilità delle «ritenute fiscali» sugli interessi maturati o compensati nell ambito delle complesse operazioni che coinvolgono lo schema di finanziamento in oggetto. Sul punto, è utile evidenziare la posizione assunta dal Ministero delle finanze nell ambito di recenti risoluzioni ministeriali. Ad esempio, nella R.M. n. 58/E del 27 febbraio 2002, l Agenzia delle Entrate ha espressamente escluso l applicazione delle ritenute fiscali sugli interessi maturati nel cash pooling a saldi zero (zero balamce system), in quanto non si sarebbe in presenza di operazioni riconducibili al prestito di denaro 1. In senso difforme, lo stesso Ministero, con la R.M. n. 194/E/2003, ha previsto l applicazione delle ritenute fiscali sugli interessi maturati nel contesto dei notional cash pooling, in quanto ha individuato nell ambito dello schema di tesoreria in oggetto un «prestito di denaro». Analogo problema di natura interpretativa si pone con riferimento alla possibile applicazione della novellata disciplina della thin capitalization. Invero, sulla effettiva applicabilità della disciplina antielusiva della sottocapitalizzazione, in ipotesi di cash pooling, la dottrina ha avanzato diverse tesi fra loro contrastanti. Una di queste afferma, in linea generale, la non applicabilità del regime di thin capitalization all ipotesi di cash pooling, in quanto, trattandosi di un sistema di tesoreria «centralizzato» di gruppo, mancherebbe l unilateralità del rapporto. Tale orientamento, ad avviso di chi scrive, è solo parzialmente condivisibile perchè bisognerebbe considerare nel dettaglio la tipologia di cash pooling che le parti hanno inteso porre in essere. 1 Nella fattispecie, la mancata riconducibilità ad operazioni di prestito di denaro verterebbe su elementi quali: la reciprocità delle rimesse fra la holding e le altre società del gruppo, l indisponibilità e l inesigibilità del saldo maturato sul conto corrente di corrispondenza, etc.. Pagina 4 di 7

5 In senso opposto, esiste anche una parte della dottrina che, pur non prendendo una posizione netta e attendendo eventuali chiarimenti da parte dell Amministrazione finanziaria, afferma essere arduo sottrarre il contratto in discussione alla disciplina della thin capitalization rule. Ancora, altri autori hanno espresso un diverso orientamento a seconda del tipo di configurazione assunta dal cash pooling. In particolare, se si fosse in presenza di un notional cash pooling, in conformità con la posizione già espressa dal Ministero (vedi supra R.M. n. 194/E/2003), l azzeramento dei saldi dei conti correnti bancari delle singole consociate dovrebbe considerarsi virtuale ma non effettivo, in quanto i saldi stessi sono considerati come unico saldo globale di tutte le società del gruppo nei confronti della banca presso cui è aperto il conto corrente intestato alla capogruppo, con la conseguente maturazione di interessi passivi. Ne conseguirebbe che la possibilità di compensazione garantita dalla capogruppo permetterebbe di attribuire al contratto in oggetto una veste assimilabile a quella di un contratto di finanziamento garantito dalla società capogruppo in grado di generare interessi passivi nei confronti delle consociate. In tale ipotesi, la disciplna antielusiva troverebbe piena applicazione. Ove si fosse in presenza di un balance zero system, invece, la norma sulla thin capitalization non sarebbe applicabile. Ad avviso di chi scrive, l orientamento che era maggiormente condivisibile - prima della emanazione dei successivi e più recenti chiarimenti ministeriali (vedi infra C.M. n. 11/E del 17 marzo 2005) - era quello espresso dalla dottrina che si era uniformata alla citata posizione ministeriale. Sul punto, inoltre, qualche ulteriore considerazione era già stata avanzata da parte dello scrivente sulla base dell interpretazione letterale della norma che detta la disciplina della thin capitalization rule, la quale dispone al comma 4, dell art. 98, del TUIR: «rilevano i finanziamenti erogati o garantiti dal socio qualificato e da sue parti correlate (...) intendendo per tali quelli derivanti da mutui, da depositi in denaro e da ogni altro rapporto di natura finanziaria (...)». Infatti, un interpretazione lata della disposizione di legge avrebbe potuto far concludere che il contratto di cash pooling, nelle sue diverse configurazioni, poteva, comunque, ricadere nel novero delle operazioni ivi richiamate. In particolare, bisognava chiarire l effettiva portata della dizione «finanziamenti derivanti da ogni altro rapporto di natura finanziaria», poiché sebbene possa anche non configurarsi un «mutuo» o un effettivo prestito di denaro nel contratto di tesoreria, non vi è dubbio che si sia in presenza di un rapporto di natura finanziaria nel quale la holding (casa madre) svolge un ruolo fondamentale e spesso di «garanzia». In questo caso, l esclusione operata dal Ministero, in merito all applicazione della ritenuta fiscale sugli interessi maturati, basata sulla mancanza di un rapporto di prestito di denaro, non sembrerebbe estendersi tout court quale esclusione per la thin capitalization a fronte della stessa motivazione. Nonostante la difficoltà di inquadrare in sede civilistica il contratto in questione, l elemento di rilievo che faceva propendere per l applicazione dell istituto fiscale (thin capitalization) era la riconducibilità dello stesso nel novero dei rapporti che hanno per oggetto il denaro e l'effettiva disponibilità di risorse finanziarie delle quali singolarmente le società beneficiarie che vertono in situazioni di deficit patrimoniale non potrebbero disporre. Sul punto, la copertura delle posizioni «passive» delle società consociate che partecipano al contratto di tesoreria diventa operativa in virtù della posizione complessiva finanziaria del gruppo ed è determinata dalla capacità di ottenere credito da parte degli altri soggetti che partecipano al cash pooling (casa madre e/o altre consociate). Questa situazione si palesa da sempre sicuramente nell ambito del notional cash pooling, dove il saldo attivo del gruppo funge da garanzia del finanziamento concesso dalla banca alle società, anche se sembrava non poter essere esclusa, prima dei chiarimenti ministeriali successivamente intervenuti, neppure con riferimento allo zero balance system, perchè, anche in tale ipotesi, le società del gruppo in situazione di deficit possono ottenere l azzeramento dei conti correnti bancari specifici (vedi Tavola 1) anche attraverso i saldi attivi di conto corrente bancario che si riversano presso la banca della holding ovvero attraverso il saldo attivo della holding stessa. Pagina 5 di 7

6 In epoca recente, infatti, un aiuto sostanziale nel dirimere la complessa interpretazione è stato dato proprio dal Ministero delle finanze. Quest ultimo, con la C.M. n. 11/E del 17 marzo 2005, ha fornito precise indicazioni circa l applicabilità della thin capitalization rule nell'ambito del cash pooling. In particolare, nel documento richiamato è stato espressamente affermato che la disciplina della thin capitalization non si applica in presenza del contratto di zero balance cash pooling, mentre rileva ai fini del notional cash pooling. Sulla base delle recenti indicazioni fornite dal Ministero delle finanze, è possibile, quindi, affermare che la disciplina della thin capitalization è applicabile ai contratti di cash pooling che assumono i connotati del notional cash pooling, mentre è irrilevante nelle forme contrattuali che assumono i connotati del zero balance cash pooling. Da un punto di vista operativo è però sempre indispensabile analizzare il singolo contratto di tesoreria al fine di verificare con precisione quali sono i vincoli che sorgono in capo alle società che partecipano al cash pooling ed anche i relativi diritti. Ciò perchè diversi possono essere gli schemi contrattuali posti in essere dalle parti coinvolte nelle operazioni e diverse le conseguenze per le società in situazione di deficit finanziario. In ultima analisi, si segnala come sarebbe opportuno introdurre l istituto dell interpello anche per la thin capitalization al fine di permettere al contribuente di conoscere la posizione del fisco in relazioni a contratti di cash pooling che non rientrano in alcuna delle due forme summenzionate. LINKS SANPAOLO: Cash Pooling e Servizi di Tesoreria accentrata Links Sanpaolo offre una gamma completa di servizi di Tesoreria, informativi e dispositivi. In particolare, attraverso Links Sanpaolo, le imprese dotate di una rete internazionale di filiali e/o sussidiarie, possono dotarsi di una gestione accentrata della tesoreria allo scopo di ottimizzare i flussi finanziari e la liquidita', razionalizzando anche i fabbisogni di capitali. Ciò è possibile grazie all'adesione di Sanpaolo IMI ad IBOS, un network di 16 primari istituti bancari in tutto il mondo, che consente di rendere estremamente vantaggiosi ed efficaci gli scambi di flussi e di informazioni tra diversi paesi. Tra i servizi erogati da Links Sanpaolo ricordiamo: Cash pooling, Balance Enquiry, SWIFT Request for Transfer, Rimpatrio fondi. Scoprili nell'area Estero! Pagina 6 di 7

7 GLOSSARIO Deficit patrimoniale Il deficit patrimoniale deriva dalla differenza tra le attività e le passività. Rappresenta il disavanzo del bilancio, con eccedenza dei valori passivi su quelli attivi. Istituto dell interpello L istituto dell interpello è stato più volte oggetto di interventi interpretativi da parte dell Amministrazione Finanziaria. Con la sua introduzione anche l ordinamento fiscale italiano si è adeguato a quello degli altri Paesi dell Unione Europea. La funzione dell istituto è quella di attribuire al contribuente la possibilità di interpellare il Fisco per ottenere un parere sulla corretta interpretazione di determinate operazioni, e quindi, di creare un rapporto di dialogo tra l Amministrazione Finanziaria e il cittadino.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: Amministrazione & Finanza Quindicinale di gestione, pianificazione e controllo aziendale Copyright: WKI - Ipsoa Editore Pagina 7 di 7

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Roma, 08 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello. XY S.r.l - Art. 26-bis del DPR 29 settembre 1973, n. 600- Contratto denominato notional

Dettagli

CASH POOLING. Avv. Lara Garlassi Avvocato in Reggio Emilia e Londra

CASH POOLING. Avv. Lara Garlassi Avvocato in Reggio Emilia e Londra CASH POOLING 1 IL CASH POOLING Sistema di tesoreria accentrata applicabile ai gruppi di imprese VANTAGGI concentrazione e gestione efficiente dei flussi finanziari e di liquidità nell'ambito del gruppo

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 58/E Roma, 27 febbraio 2002 OGGETTO: Interpello n.954-130/2001. Articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n.212. Contratto di tesoreria accentrata Cash pooling. Applicabilità del regime di

Dettagli

Contratti infragruppo Il contratto di cash pooling

Contratti infragruppo Il contratto di cash pooling ELENA GILARDI Contratti infragruppo Il contratto di cash pooling INDEX: 1.1. Contratti infragruppo 1.2. Il contratto di cash pooling - 1.2.1 Funzione del cash pooling 1.2.2 Qualificazione giuridica del

Dettagli

Circolare del 5 Maggio 2007 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 5 Maggio 2007 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 5 Maggio 2007 a cura dello Studio De Vito e Associati ANAGRAFE DEI CONTI Sono intervenuti in questa circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr. Davide Tersigni. 00198 Roma 20122

Dettagli

Disponibilità liquide

Disponibilità liquide OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Disponibilità liquide BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il 15 luglio 2016 all indirizzo

Dettagli

OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi

OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi OIC 14 Disponibilità liquide Sintesi dei principali interventi Nel quadro di una revisione complessiva del corpus dei principi contabili nazionali si è ritenuto che il principio OIC 14 fosse la sede più

Dettagli

Disponibilità liquide

Disponibilità liquide OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Disponibilità liquide BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il 15 luglio 2016 all indirizzo

Dettagli

RISOLUZIONE N.278/E. Con istanza di interpello presentata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N.278/E. Con istanza di interpello presentata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N.278/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,04 luglio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - trattamento fiscale del contratto

Dettagli

di Marco Piacenti Risorse umane >> Fondi pensione www.intesasanpaoloimprese.com

di Marco Piacenti Risorse umane >> Fondi pensione www.intesasanpaoloimprese.com PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI di Marco Piacenti Risorse umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Iscritti dall'anno 2007...4 Soggetti già iscritti alla data della riforma: regime transitorio...7

Dettagli

Disponibilità liquide

Disponibilità liquide OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Disponibilità liquide Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI

COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI video FISCO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CASO PRATICO del 20.04.2011 n. 0376-775130 www.ratiofad.it COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI Artt. 110, 166, 167, 168 e 168-bis D.P.R. 22.12.1986, n.

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE FRA IRES E NUOVO DIRITTO SOCIETARIO. Torino, 21 aprile 2004

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE FRA IRES E NUOVO DIRITTO SOCIETARIO. Torino, 21 aprile 2004 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE FRA IRES E NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Torino, 21 aprile 2004 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE FRA IRES E NUOVO DIRITTO SOCIETARIO La thin capitalisation Prof. Tommaso Di Tanno

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

di Patrizia Della Serra

di Patrizia Della Serra TFR E FONDI PENSIONE COSA CAMBIA PER LE AZIENDE di Patrizia Della Serra Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Il Tfr fino al 31 dicembre 2006...4 Il Tfr dall'1 gennaio 2007...4 Agevolazioni

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

LA DEDUZIONE DELLE PERDITE SU CREDITI NEL MODELLO UNICO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino

LA DEDUZIONE DELLE PERDITE SU CREDITI NEL MODELLO UNICO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino LA DEDUZIONE DELLE PERDITE SU CREDITI NEL MODELLO UNICO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino Considerazioni iniziali Le modifiche alla disciplina che regola la deducibilità delle perdite

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12/08/2003 Oggetto: Istanza di interpello - Art. 67 e 71 TUIR Deducibilità ammortamenti finanziari e svalutazione crediti in caso di

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009 RISOLUZIONE N. 263/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Soggetto passivo d imposta nel concordato fallimentare

Dettagli

Genova, 10 marzo 2016. Titolo OIC 14 Le disponibilità liquide. Sede di svolgimento Genova

Genova, 10 marzo 2016. Titolo OIC 14 Le disponibilità liquide. Sede di svolgimento Genova Genova, 10 marzo 2016 Titolo OIC 14 Le disponibilità liquide Sede di svolgimento Genova 1 Il cash pooling Cash pooling: si concentra nella figura di un unico soggetto, che generalmente fa capo alla capo

Dettagli

OGGETTO: Trattamento fiscale dell associazione medica esercente la medicina di gruppo

OGGETTO: Trattamento fiscale dell associazione medica esercente la medicina di gruppo RISOLUZIONE 369/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dell associazione medica esercente la medicina di gruppo Con l istanza di interpello di

Dettagli

Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni

Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni Nell ambito della disciplina

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI PER I SOGGETTI IRES

LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI PER I SOGGETTI IRES LA DEDUCIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI PER I SOGGETTI IRES a cura di Sandro Cerato Come noto, l art. 1, co. 33, lettere a), b), c), d), g) n. 2, i), l) e q), L. 24.12.2007, n. 244, oltre ad aver abrogato

Dettagli

COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA

COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA COME TRATTARE IL PRESTITO DI UN SOCIO NEI CONFRONTI DI UNA COOPERATIVA Le problematiche che attengono alla concessione di un finanziamento da parte dei soci di una società sono diverse, a secondo che si

Dettagli

Perdite su crediti e UNICO 2013

Perdite su crediti e UNICO 2013 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ FISCALI E FOCUS FINALE SU MODELLI UNICO 2013 Perdite su crediti e UNICO 2013 Dott. Gianluca Cristofori 25 settembre 2013 - Sala Orlando - Corso Venezia,

Dettagli

Gli interessi passivi secondo Assonime: spunti di riflessione alla luce delle precisazioni fornite con la circolare n.46

Gli interessi passivi secondo Assonime: spunti di riflessione alla luce delle precisazioni fornite con la circolare n.46 Focus di pratica professionale di Michele Avesani Gli interessi passivi secondo Assonime: spunti di riflessione alla luce delle precisazioni fornite con la circolare n.46 Premessa La Legge finanziaria

Dettagli

Riforma Tremonti: la posizione dei soci ed i rapporti con la società

Riforma Tremonti: la posizione dei soci ed i rapporti con la società Riforma Tremonti: la posizione dei soci ed i rapporti con la società Relatore: Andrea Vasapolli Vasapolli & Associati 4/11/03 Vasapolli & Associati - Torino Milano Bologna 1 Obiettivi della riforma con

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986

LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986 COMMISSIONE IMPOSTE DIRETTE LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986 a cura di Stefano Coleti, Anna Gallo, Biagio Lanzillotti, Luigi Migliore, Annamaria Simonetti 1. RIFERIMENTI

Dettagli

Roma, 06 luglio 2009. Quesito

Roma, 06 luglio 2009. Quesito RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 luglio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Fusione tra società residenti in altri Stati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 42/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 Oggetto: Operazione di aggregazione aziendale tra due società inglesi e secondo le disposizioni del Regno Unito.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 328/E. Roma, 30 luglio 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 328/E. Roma, 30 luglio 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 328/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 luglio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello -Credito su acconti per ritenute su interessi bancari Richiesta di utilizzo in compensazione

Dettagli

«THIN CAP»: TECNICHE di VERIFICA CONSISTENZA e REMUNERAZIONE MEDIA FINANZIAMENTI dei SOCI

«THIN CAP»: TECNICHE di VERIFICA CONSISTENZA e REMUNERAZIONE MEDIA FINANZIAMENTI dei SOCI «THIN CAP»: TECNICHE di VERIFICA CONSISTENZA e REMUNERAZIONE MEDIA FINANZIAMENTI dei SOCI Analisi del meccanismo antielusivo ex art. 98 del Tuir, atto a contrastare quei finanziamenti che aggirano le norme

Dettagli

RISOLUZIONE N. 151/E. Roma, 11 giugno 2009

RISOLUZIONE N. 151/E. Roma, 11 giugno 2009 RISOLUZIONE N. 151/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 giugno 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 - Redditi di capitale corrisposti a soggetti non

Dettagli

Riferimenti Legge 27 dicembre 2013, n. 147; Agenzia delle entrate, Circolare del 4 giugno 2014, n. 14/E.

Riferimenti Legge 27 dicembre 2013, n. 147; Agenzia delle entrate, Circolare del 4 giugno 2014, n. 14/E. Rettifiche e riprese di valore dei crediti verso la clientela operate dalle banche: la disciplina IRAP del Dott. Roberto Baudino e del Dott. Roberto Munno L Approfondimento Dal 1 gennaio 2013 il sistema

Dettagli

Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS

Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * Perdite derivanti dalla cessione di crediti: soggetti IAS e non IAS In un precedente intervento su questa stessa rivista

Dettagli

Tassazione delle sopravvenienze attive

Tassazione delle sopravvenienze attive Tassazione delle sopravvenienze attive Sopravvenienze attive Art. 88, comma 4, del TUIR (sostituito) Non si considerano sopravvenienze attive i versamenti in denaro o in natura fatti a fondo perduto o

Dettagli

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo 1 L evoluzione dei servizi bancari in Italia Struttura conto economico nel periodo 1993-2001 (valori in percentuale

Dettagli

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Rag. Fabio Mongiardini. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi NUOVO REGIME DELLE PERDITE SU CREDITI Rag. Fabio Mongiardini 1 Art. 33 DL 83/2012 (DECRETO SVILUPPO) Importanti novità in materia di perdite su crediti sia nell ambito di procedure concorsuali sia al di

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Studio E. GUARDUCCI - C. LORENZINI & ASSOCIATI dottori commercialisti

Studio E. GUARDUCCI - C. LORENZINI & ASSOCIATI dottori commercialisti Dott. Enrico Guarducci Dott. Domenico Ciafardoni Dott. Salvatore Marchese Ai Preg.mi Signori Clienti Loro Sedi Perugia, 23.03.2010 Approfondimento n. 1/2010 RISERVATO ALLE SOCIETA DI CAPITALI E DI PERSONE

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA n. 4/2004

NOTA INFORMATIVA n. 4/2004 ASSOCIATI: prof. dott. GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona dott. MINO CASTELLANI dott. CLAUDIO UBINI dott. ALBERTO CASTAGNETTI STUDIO Dottori Commercialisti

Dettagli

RISOLUZIONE N.32/E Oggetto: Istanza di

RISOLUZIONE N.32/E Oggetto: Istanza di RISOLUZIONE N.32/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di Interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo

Dettagli

1. PREMESSA 13 2. IL FONDO PATRIMONIALE 13 3. IL TRUST 14 4. IL NEGOZIO DI INTESTAZIONE FIDUCIARIA 16 5. LE SOCIETÀ HOLDING 17

1. PREMESSA 13 2. IL FONDO PATRIMONIALE 13 3. IL TRUST 14 4. IL NEGOZIO DI INTESTAZIONE FIDUCIARIA 16 5. LE SOCIETÀ HOLDING 17 ANALISI CAPITOLO 1 BREVE INTRODUZIONE SUGLI ISTITUTI DEL FONDO PATRIMONIALE, DEL TRUST, DELL INTESTAZIONE FIDUCIARIA E SULLE SOCIETÀ HOLDING di Gianluca Cristofori e Maurizio Marullo 1. PREMESSA 13 2.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 gennaio 2011 OGGETTO: Consulenza Giuridica - Rapporto di concessione Beni realizzati dalla società concedente e beni realizzati dalla società concessionaria

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

PER INIZIARE. Flussi da ERP

PER INIZIARE. Flussi da ERP PER INIZIARE Il lavoro inizia con la raccolta delle condizioni bancarie tramite un questionario e/o tramite lo studio delle contabili e delle liquidazioni periodiche. Le condizioni possono essere condivise

Dettagli

La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari

La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari Thomas Tassani Università degli Studi di Università degli Studi di Fiscalità Finanziaria Aspetti di criticità nella tassazione Dal lato attivo, alta

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze ID: 2429376-17/07/2015 Ogni riproduzione su supporto cartaceo costituisce una copia del documento elettronico originale firmato digitalmente e conservato presso MEF ai sensi della normativa vigente. Ministero

Dettagli

Circolare Informativa n. 17/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 8 giugno 2000

Circolare Informativa n. 17/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 8 giugno 2000 Circolare Informativa n. 17/2000 Alle Società Consorziate Roma, 8 giugno 2000 Rif. 470 Oggetto: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine Finanziamenti posti in essere all estero Risoluzione

Dettagli

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale Redditi di capitale Redditi di capitale - art. 44, co. 1 L art. 44 individua i redditi di capitale con una elencazione esaustiva, ma al tempo stesso si chiude (alla lett. h) del comma 1) con una fattispecie

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Tesoreria. di Rupert Limentani (*)

Tesoreria. di Rupert Limentani (*) Tesoreria Tecniche Finanza aziendale, il ruolo del tesoriere di Rupert Limentani (*) Con questo contributo si vuole mettere in evidenza la strategicità della figura del tesoriere: i suoi compiti non si

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 11/006 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER ANTICIPO MUTUI FOTOVOLTAICI

FOGLIO INFORMATIVO N. 11/006 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER ANTICIPO MUTUI FOTOVOLTAICI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

LUCA RUGGERI. Nota a commento Tribunale Pistoia del 17 febbraio 2010

LUCA RUGGERI. Nota a commento Tribunale Pistoia del 17 febbraio 2010 BREVI NOTE CIRCA IL CASH POOLING LUCA RUGGERI Nota a commento Tribunale Pistoia del 17 febbraio 2010 I. Il caso. Alcuni dipendenti di una società propongono opposizione allo stato passivo, relativo al

Dettagli

«Transfer pricing» e contratti di finanziamento: la congruità dei tassi di interesse. di Piergiorgio Valente

«Transfer pricing» e contratti di finanziamento: la congruità dei tassi di interesse. di Piergiorgio Valente «Transfer pricing» e contratti di finanziamento: la congruità dei tassi di interesse Fiscalità di Piergiorgio Valente Al fine di accertare la comparabilità dei finanziamenti, con l obiettivo di individuare

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

di Marco Mazzetti di Pietralata Estero >> Convenzioni internazionali

di Marco Mazzetti di Pietralata Estero >> Convenzioni internazionali I PAGAMENTI DI INTERESSI E ROYALTY TRA SOCIETA RESIDENTI NELL UE di Marco Mazzetti di Pietralata Estero >> Convenzioni internazionali Come noto, con il dlgs 30 maggio 2005 n. 143 ( 1 ) è stata recepita

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito

Foglio Informativo Conto Deposito INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Terra d Otranto Società Cooperativa. Sede Legale Via Cesare Battisti, n. 27, 73041 Carmiano (Lecce) Sede Amministrativa Viale Leopardi, n. 73, 73100,

Dettagli

IL CONTO CORRENTE INFORMAZIONI UTILI

IL CONTO CORRENTE INFORMAZIONI UTILI IL CONTO CORRENTE INFORMAZIONI UTILI IL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE Il conto corrente è il contratto con il quale le parti si obbligano ad annotare in un conto i crediti derivanti da reciproche rimesse

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Tassazione dei redditi di fonte estera e redditi dei non residenti Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito I II PARTE 1 Tassazione

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO

PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO PERDITE SU CREDITI E CRISI DI IMPRESA: LE NOVITÀ DEL DECRETO INTERNAZIONALIZZAZIONE DI LUCA GAIANI DOTTORE COMMERCIALISTA 1. Competenza delle perdite su crediti Il decreto legislativo sulla internazionalizzazione

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 03/2006 del 13 febbraio 2006 Trasferte dei dipendenti ed Amministratori In relazione all argomento di cui in oggetto, considerando che la sua disciplina fiscale risulta di non facile lettura

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA CREDITO ORDINARIA IN CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA CREDITO ORDINARIA IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO APERTURA CREDITO ORDINARIA IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Ostuni Società Cooperativa Largo Mons. Italo Pignatelli n.2 72017 Ostuni Tel.: 0831-301241

Dettagli

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali RISOLUZIONE N. 29/E Roma, 18 marzo 2015 OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali Con l interpello specificato in oggetto, concernente l

Dettagli

QUESITO DEBITO ESPRESSO IN VALUTA ESTERA

QUESITO DEBITO ESPRESSO IN VALUTA ESTERA QUESITO DEBITO ESPRESSO IN VALUTA ESTERA ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se da detta

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

I Rischi insiti nel commercio internazionale

I Rischi insiti nel commercio internazionale I Rischi insiti nel commercio internazionale Nel commercio internazionale esistono varie tipologie di rischio: occorre conoscerle per valutare quali coprire, quali cedere e quali accollarsi consapevolmente

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 230/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 230/E QUESITO RISOLUZIONE N. 230/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 giugno 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 n. 954-173/2008 - Incentivi fiscali alle operazioni

Dettagli

Decisione N. 2481 del 22 aprile 2014

Decisione N. 2481 del 22 aprile 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) ROSSI (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CORAPI Membro designato da Associazione

Dettagli

ALLA DIREZIONE GENERALE DI TUTTE LE ASSOCIATE. CIRCOLARE N. 33/2012 SERIE FISCALE Roma, 9 novembre 2012

ALLA DIREZIONE GENERALE DI TUTTE LE ASSOCIATE. CIRCOLARE N. 33/2012 SERIE FISCALE Roma, 9 novembre 2012 CIRCOLARE N. 33/2012 SERIE FISCALE Roma, 9 novembre 2012 ALLA DIREZIONE GENERALE DI TUTTE LE ASSOCIATE Oggetto: Leasing fotovoltaico. Tassazione ai fini dell imposta di registro del contratto di cessione

Dettagli

Dal 2010 è entrato a far parte dell'ordine dei Giornalisti, Albo Pubblicisti; mentre dal 2011 è membro della giuria del premio "Di padre in figlio".

Dal 2010 è entrato a far parte dell'ordine dei Giornalisti, Albo Pubblicisti; mentre dal 2011 è membro della giuria del premio Di padre in figlio. Leo De Rosa (studio legale e tributario Russo De Rosa Associati) Laureato con pieni voti assoluti e lode presso l'università Bocconi di Milano, si è specializzato in operazioni di Private Equity, Corporate

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI DELLE HOLDING

INDICE. Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI DELLE HOLDING INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI DELLE HOLDING 1. La scelta del tipo di società... pag. 13 1.1 Introduzione... pag. 13 1.2 Il problema della commercialità... pag. 13 1.3 L utilizzo

Dettagli

Sistemi amministrativi e gestionali Erp nazionali e internazionali

Sistemi amministrativi e gestionali Erp nazionali e internazionali la tua tesoreria Le banche Gli standard CBI (Corporate Banking Interbancario) del 1997 hanno uniformato i Lo Swift è lo strumento usato dalle banche di tutto il mondo per trasferire e standard SWIFT risale

Dettagli

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Con la C.M. n.33/e del 17 giugno 2010 l Agenzia delle Entrate ha fornito

Dettagli

Trusts. La tassazione dei dividendi percepiti dal trust

Trusts. La tassazione dei dividendi percepiti dal trust La tassazione dei dividendi percepiti dal trust L art. 1, comma 655, della legge di stabilità 2015 (1) pone fine ad un regime fiscale di indubbio vantaggio che aveva caratterizzato l imposizione dei dividendi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo a. APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (Offerta a Clientela Altri)

FOGLIO INFORMATIVO. relativo a. APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (Offerta a Clientela Altri) FOGLIO INFORMATIVO relativo a APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (Offerta a Clientela Altri) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3-20825

Dettagli

Foglio informativo n. 175/011. Finanziamenti a Breve Termine. Finanziamento per anticipo prenotazioni alberghiere.

Foglio informativo n. 175/011. Finanziamenti a Breve Termine. Finanziamento per anticipo prenotazioni alberghiere. Foglio informativo n. 175/011. Finanziamenti a Breve Termine. Finanziamento per anticipo prenotazioni alberghiere. Informazioni sulla banca. Banca di Credito Sardo S.p.A. Sede Legale e Amministrativa:

Dettagli

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi PARERE TECNICO GIURIDICO SUL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICAZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA AD UNA COOPERATIVA DI LAVORO E VALENZA DEI LIMITI DIMENSIONALI DOPO L EMANAZIONE DELLA LEGGE 14 FEBBRAIO 2003, N. 30

Dettagli

6ª Commissione permanente (Finanze) della Camera dei deputati. Audizione sulla proposta di legge n. 1899

6ª Commissione permanente (Finanze) della Camera dei deputati. Audizione sulla proposta di legge n. 1899 6ª Commissione permanente (Finanze) della Camera dei deputati Audizione sulla proposta di legge n. 1899 Proposta di legge in materia di riconoscimento della detrazione delle spese per interventi di recupero

Dettagli

Bilancio. Contabilizzazione IAS del TFR e deduzione fiscale: una derivazione dimezzata?

Bilancio. Contabilizzazione IAS del TFR e deduzione fiscale: una derivazione dimezzata? Contabilizzazione IAS del TFR e deduzione fiscale: una derivazione dimezzata? di Riccardo Acernese La contabilizzazione del TFR con il metodo attuariale avrebbe potuto concettualmente consentire un accantonamento

Dettagli