L Abrogazione del Tariffario Forense profili operativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Abrogazione del Tariffario Forense profili operativi"

Transcript

1 L Abrogazione del Tariffario Forense profili operativi Il c.d. Decreto Cresci Italia (D.L. 1/2012), versione consolidata, dedica l art. 9 alle professioni regolamentate, disponendo al comma I che sono abrogate le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico. Tale disposizione va letta in combinato disposto con il comma V, dello stesso articolo, che, con eguale perentorietà dispone che sono abrogate le disposizioni vigenti che, per la determinazione del compenso del professionista, rinviano alle tariffe di cui al comma 1. Il legislatore ha, così facendo, voluto scardinare il precedente regime di quantificazione degli emolumenti degli Avvocati, incentrato sul c.d. Tariffario Forense. Del resto, già il c.d. Decreto Bersani (D.L. 223/2006), art. 2 comma I, lett. a), introducendo la derogabilità delle tariffe minime ed abrogando il divieto di patto di quota lite, aveva superato il rigidismo del previgente sistema tariffario, che limitava la negoziabilità degli emolumenti forensi al di sotto dei minimi tariffari. Il legislatore del 2006, aveva trasformato un sistema basato su quelli che il diritto comunitario definisce prezzi fissi, ad uno basato su prezzi raccomandati, con l eccezione del c.d. limite massimo dei diritti ed onorari che restava inderogabile per le parti. D altro canto, anche se fortemente ampliata la libertà negoziale delle parti, non era stato abrogato il Tariffario Forense, che oltre ad essere applicato in assenza di accordo fra avvocato ed assistito sull ammontare del compenso dell attività professionale, rimaneva, soprattutto, come ineliminabile parametro di riferimento per l intera categoria forense. Il c.d. Decreto Cresci Italia è andata oltre abrogando integralmente il Tariffario forense ed introducendo un regime che differenzia i rapporti interni, cioè fra professionista e cliente, da quelli esterni, fra parte e controparte

2 Il c.d. rapporto interno è il profilo patrimoniale del mandato professionale che si instaura fra l avvocato ed il proprio assistito relativo ai criteri di quantificazione dell emolumento professionale. Norma cardine, al riguardo, è il comma IV dell art. 9 del c.d. Cresci Italia, secondo cui il compenso per le prestazioni professionali è pattuito, nelle forme previste dall'ordinamento, al momento del conferimento dell'incarico professionale. Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attività professionale. In ogni caso la misura del compenso è previamente resa nota al cliente con un preventivo di massima, deve essere adeguata all'importanza dell'opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. La ratio della norma, in ossequio all art. 41 Cost., comma I, che sancisce che l'iniziativa economica privata è libera, è di favorire la libera negoziazione fra cliente e professionista dell emolumento spettante a quest ultimo per l attività svolta attraverso l abrogazione del tariffario forense e l instaurazione di un obbligo de facto di pattuizione degli aspetti patrimoniali del mandato, all atto di conferimento dello stesso. L abrogazione del tariffario sembrerebbe estendersi solo ai mandati conferiti successivamente all entrata in vigore del Decreto Legge, in caso contrario avremmo l assurdo che il cliente ed il professionista si troverebbero nella necessità di negoziare il compenso relativo ad attività già espletate ed in relazione alle quali, al momento del conferimento dell incarico, avevano fatto affidamento sulla vigenza del Tariffario Forense. Il patto sul compenso, qualora validamente formato, non dovrebbe essere oggetto di sindacato di merito da parte del giudice, il quale non può certo sostituire il proprio apprezzamento personale al consenso validamente formato dalle parti, ciò sia in quanto non esistono più tariffe in grado di indirizzare le valutazioni del giudice, sia in quanto la - 2 -

3 valorizzazione della libertà di iniziativa economica non ammette più gli antichi rigidismi tariffari. Inoltre si badi che il patto di quantificazione dell emolumento, a norma dell art. 2233, comma III, C.C. deve essere redatto inderogabilmente in forma scritta, pena la nullità dello stesso. Ci si può chiedere cosa succeda se il patto scritto sul compenso si sostanzi in una mera formula di stile che rinvii ai criteri contenuti nell abrogato Tariffario Forense. In tal caso, la perentorietà del comma I art. 9 del Decreto Cresci Italia sembrerebbe far propendere per la nullità integrale del patto. Risultato non diverso, si desume ottenersi in caso di semplice riproduzione, nel patto sul compenso, delle medesime tabelle del tariffario forense, in quanto chiara elusione della ratio della norma legislativa. Le parti, al contrario, potranno, liberamente, fare riferimento e rinviare ai Decreti Ministeriali previsti al comma II dell art. 9, una volta che questi saranno emanati. Problema più spinoso è quello di come quantificare l emolumento spettante al professionista nel caso di nullità del patto che stabilisce il compenso o addirittura di sua assenza. In tal caso, a norma dell art. 36 Cost., sicuramente al professionista spetta un corrispettivo proporzionale alla quantità e qualità del suo lavoro e sufficiente ad assicurare a se ed alla sua famiglia una esistenza libera e dignitosa. Per la quantificazione dello stesso, si potrebbe ipotizzare di utilizzare i parametri che saranno previsti dal Decreto Ministeriale ex art. 9 comma II D.L. 1/2012. Questi potrebbero essere facilmente applicati nel caso di specie sia in quanto sufficientemente specifici sia in quanto equi. Al contrario, però, non vi è nessuna norma di legge che autorizzi tale uso ed inoltre si avrebbe il risultato di passare da un sistema incentrato sul tariffario professionale ad uno incentrato sui Decreti Ministeriali

4 Diversamente si potrebbe ipotizzare una valorizzazione dell ultimo periodo, del comma I dell art. 2233, e quindi una determinazione del compenso ad opera del giudice dietro parere del Consiglio dell Ordine degli Avvocati. Da ultimo si ricorda che la legge di conversione del Decreto Legge non considera più la trasgressione del comma IV dell art. 9 come integrante un illecito disciplinare. Un tema diverso è quello dei rapporti fra parte e controparte, il c.d. rapporto esterno, cioè il rimborso delle spese giudiziali che la parte soccombente è condannata a sostenere in favore di quella vittoriosa. Principio costituzionale centrale, in questo caso, è il diritto di azione in giudizio ex art. 24 Cost., invero la condanna della parte soccombente a sostenere le spese giudiziali della parte vittoriosa altro non è che un istituto risarcitorio del danno subito dalla parte per essere stata costretta ad adire l autorità giudiziaria per vedersi riconosciuto un proprio diritto ovvero per essersi dovuta difendere in giudizio avverso una domanda infondata. In quest ottica, l istituto della condanna alle spese riveste un ruolo servente dell art. 24 Cost, utile a permettere che la tutela giudiziaria non sia limitata, esclusivamente, a quei diritti il cui valore sia sufficientemente elevato da giustificare l azione in giudizio. All emanazione del D.L. 1/2012 si è posto il problema dell assenza di una norma transitoria che indicasse i parametri a cui le Autorità giudiziarie si dovessero attenere nella liquidazione delle spese di giudizio, in attesa dell emanazione dei Decreti Ministeriali previsti dall art. 9 comma II. Basti pensare che il Giudice di Pace di Lecce, con pronuncia n. 596/2012 ha disposto la compensazione delle spese nonostante l esclusiva soccombenza di una parte e ciò in attesa di indicazione da parte del legislatore circa i criteri di liquidazione delle spese processuali, a seguito dell abolizione delle tariffe professionali ovvero che il Tribunale di Cosenza, con Ord. 8501/2012, ha sollevato questione di legittimità costituzionale, della norma che ha abrogato il tariffario forense, per manifesta irragionevolezza, per non permettere al giudice di liquidare le spese

5 Non sono mancate pronunce più ragionevoli, come quella del Tribunale di Catanzaro, che con Ordinanza del , precedente alla legge di conversione, ha considerato, in via discrezionale, applicabili le abrogate tariffe professionali come mero parametro di riferimento, in attesa dell emanazione dei Decreti Ministeriali; ovvero quella del Tribunale di Varese che con Decreto Ingiuntivo n. 140 del 3 febbraio 2012 ha ritenuto che il Giudice nel liquidare le spese giudiziali, ai sensi dell art C.C., possa fare riferimento ai c.d. standards liquidativi precedentemente applicati, alla nota spese giudiziale predisposta dallo stesso difensore ed alle tabelle orientative adottate, in modo condiviso, da Ufficio Giudiziario e Consiglio dell Ordine. Sull argomento sono intervenuti diversi Presidenti di Tribunale e di Corte d Appello, compresi quelli di Napoli, che hanno dettato diversi criteri guida aventi valore orientativo sia per i giudici che per gli avvocati. Fortunatamente, quello che appariva come il più incombente problema posto in essere dal Decreto Legge 1/2012 è stato risolto dal legislatore nella Legge di Conversione, che ha previsto che le tariffe forensi continuino ad applicarsi, limitatamente alla liquidazione delle spese giudiziali, fino alla data di entrata in vigore dei decreti ministeriali e, comunque, non oltre il centoventesimo giorno dalla data di entrata in vigore della legge di conversione. L art. 9, come novellato, ha risolto qualsivoglia problema in tutte le ipotesi in cui le spese di giudizio vengono liquidate da un Autorità Giudiziaria, compreso, quindi, i procedimenti di ingiunzione di pagamento. Si evidenzia, inoltre, il diverso problema affrontato dal Tribunale di Catanzaro con Sentenza del , secondo il quale l abrogazione delle tariffe forensi costituisce un vero e proprio jus superveniens che estende i propri effetti, nei giudizi in essere, anche alle attività professionali espletate prima dell entrata in vigore del Decreto Legge, con la conseguenza che anche per quelle il Giudice dovrà liquidare le spese giudiziali secondo i parametri degli emanandi Decreti Ministeriali In sostanza si è ritenuto non applicabile il principio tempus regit actum alla liquidazione delle spese di lite

6 PRECETTO Diverso è il discorso relativo alle spese accessorie, cioè ai diritti e gli onorari successivi al titolo esecutivo, che normalmente vengono richiesti nell atto di precetto. Invero, la Giurisprudenza dominante ha da tempo riconosciuto la c.d. facoltà di autoliquidazione, secondo cui il creditore istante può intimare, nell atto di precetto, oltre che il debito principale anche le c.d. spese accessorie, cioè spese vive, diritti e onorari ad esso inerenti, salvo il diritto del debitore di proporre opposizione qualora le stesse siano quantificate in maniera non congrua. Del resto, non si può tacere che il citato orientamento non è mai stato accolto in maniera unanime dalla Giurisprudenza, non essendo mancate negli anni pronunce che negassero qualsivoglia facoltà autoliquidativa da parte dell Avvocato ovvero che limitassero la stessa alle voci contenute nella parte II della Tabella B, cioè ai soli diritti dell Avvocato nel processo di esecuzione. La formula del comma III dell art. 9 del Decreto Cresci Italia, che limita l applicazione delle tariffe vigenti alle spese giudiziali, sembrerebbe escludere proprio la c.d. autoliquidazione, sia perché il precetto è un atto stragiudiziale, sia perché la liquidazione delle spese non viene effettuata da alcuna autorità giudiziaria, ma dallo stesso Avvocato. In quest ottica, l Ufficio Studi del Consiglio Nazionale Forense in alcune Osservazioni del consiglia al creditore di evitare l autoliquidazione e richiedere la liquidazione delle spese accessorie direttamente al Giudice dell Esecuzione. Questa soluzione, se da una parte pone al riparo dal rischio di pericolose opposizioni, dall altro espone il creditore al diverso pericolo che il debitore, ricevuta la notifica dell atto di precetto, paghi consensualmente, con la conseguenza che le spese accessorie potrebbero essere recuperate solo in un autonomo giudizio di cognizione. Il Presidente del Tribunale di Verona e di quello di Venezia, nei rispettivi criteri guida, propongono la diversa soluzione di applicare il tariffario forense aggiungendo nell atto di - 6 -

7 precetto la seguente formula: con espressa riserva di adeguare i compensi sopra indicati ai parametri che verranno stabiliti dal DM di cui all art. 9 secondo comma del D.L. 1/2012 ed obbligo di restituzione dei compensi eccedenti in ipotesi percepiti. Mentre nell ipotesi in cui si opti di non quantificare le spese accessorie secondo le tariffe abrogate, allora si dovrebbero inserire nel precetto soltanto l importo capitale, gli interessi, le spese liquidate nel titolo e aggiungere la seguente formula: oltre ai compensi successivi da determinare in base all emanando DM di cui all art. 9 secondo comma del D.L. 1/2012 da liquidarsi dal Giudice dell Esecuzione o, in difetto, da azionare con separato atto di precetto. Tutto ciò sempre nella speranza che il Decreto Ministeriale ex comma II art. 9 D.L. 1/2012 risolva il problema prevedendo esplicitamente un criterio, anche forfettario, di autoliquidazione delle spese accessorie dell atto di precetto. Ipotesi di cui si può fortemente dubitare, atteso che il comma II dell art. 9 del D.L. citato, restringe l applicazione dei parametri del Decreto Ministeriale da emanarsi, ai casi di liquidazione da parte di un organo giurisdizionale, escludendo quindi la c.d. autoliquidazione. Al fine di giungere ad un soluzione dell annoso problema, può essere utile analizzare distintamente le 3 diverse ipotesi interpretative: - Il creditore rinuncia definitivamente di chiedere al debitore le c.d. spese accessorie; - Il creditore rinuncia temporaneamente, nell atto di precetto, di chiedere le c.d. spese accessorie, riservandosi di agire in separata sede per il recupero delle stesse; - Il creditore chiede nell atto di precetto, oltre alle somme liquidate dall autorità giudiziaria, anche le c.d. spese accessorie. Nel primo caso, il creditore redigerà un atto di precetto che porta unicamente le voci liquidate dall autorità giudiziaria nel titolo esecutivo e le spese vive liquidate dal cancelliere e dall ufficiale giudiziario, mentre rinuncia definitivamente a richiedere ogni ulteriore somma corrispettiva delle attività compiute successivamente all emissione del titolo

8 Questa ipotesi che potremmo considerare ultragarantista, in quanto pone il creditore a riparo da qualsivoglia opposizione al precetto avente ad oggetto sia le singole voci, sia lo stesso diritto del creditore di liquidarsi autonomamente le spese sostenute, è sicuramente quella maggiormente conforme all impianto del codice di procedura civile che riconosce il potere di liquidare le spese giudiziali esclusivamente al giudice, al cancelliere ed all ufficiale giudiziario. In tal modo, però, il creditore finisce per addossarsi i costi derivanti dal mancato adempimento spontaneo del debitore e ciò non solo in antitesi a qualsivoglia principio di giustizia sostanziale, ma soprattutto in violazione del principio costituzionale del diritto di azione ex art. 24 Cost. Inoltre, una tale interpretazione normativa avrebbe il sicuro effetto di favorire comportamenti dilatori del debitore che sarebbe portato a non pagare ed ad attendere la notifica dell atto di precetto, con un ingente aggravio del carico di lavoro degli ufficiali giudiziari e ciò in violazione dei principi del buon andamento dei pubblici uffici. L indicata ipotesi interpretativa, quindi, se da un lato risulta conforme al codice di procedura civile, dall altro è in stridente contrasto con una lettura costituzionalmente orientata dello stesso codice. La seconda ipotesi interpretativa prevede che il creditore rediga un atto di precetto che porta unicamente le voci liquidate dall autorità giudiziaria nel titolo esecutivo e le spese vive liquidate dal cancelliere e dall ufficiale giudiziario e successivamente agisca, con un autonomo giudizio, al recupero delle c.d. spese accessorie. Così facendo, si configurerebbe un meccanismo complesso in due tempi, secondo il quale il creditore intimerebbe immediatamente, con l atto di precetto, il pagamento delle spese giudiziali liquidate dal giudice ed, in un secondo momento, agirebbe con un ordinaria azione di risarcimento del danno ex art c.c. per vedersi riconosciuti i costi successivi e dipendenti dall emissione del titolo esecutivo

9 Tale ipotesi interpretativa, è da scartare fermamente in quanto andrebbe a configurare un ipotesi di frazionamento del credito a danno del debitore. Invero la Cassazione, Sezioni Unite, con pronuncia n /2007, relativa a 4 giudizi di opposizione riuniti aventi ad oggetto 4 distinti decreti ingiuntivi emessi dal Giudice di Pace di Giulianova a favore del medesimo creditore avverso il medesimo debitore per dei crediti fatturati in maniera distinta ha affermato il seguente principio di diritto è contraria alla regola generale di correttezza e buona fede, in relazione al dovere inderogabile di solidarietà di cui all'art. 2 Cost., e si risolve in abuso del processo (ostativo all'esame della domanda), il frazionamento giudiziale (contestuale o sequenziale) di un credito unitario, ciò in quanto il canone generale di buona fede oggettiva e correttezza, in ragione del suo porsi in sinergia con il dovere inderogabile di solidarietà di cui all'art. 2 Cost., è divenuto principio generale, costituzionalmente orientato del nostro ordinamento, inglobante anche obblighi di protezione della persona e delle cose della controparte. Invero, se il criterio della buona fede costituisce strumento, per il giudice, atto a controllare, anche in senso modificativo o integrativo, lo statuto negoziale, in funzione di garanzia del giusto equilibrio degli opposti interessi, a maggior ragione deve riconoscersi che un siffatto originario equilibrio del rapporto obbligatorio, debba essere mantenuto fermo in ogni successiva fase, anche giudiziale, dello stesso e non possa quindi essere alterato, ad iniziativa del creditore, in danno del debitore. Nulla rileva che il frazionamento del credito possa rispondere ad un interesse non necessariamente emulativo del creditore (come quello appunto di adire un giudice inferiore, più celere nella soluzione delle controversie, confidando nell'adempimento spontaneo da parte del debitore del residuo debito), poiché è decisivo il rilievo che resterebbe comunque lesiva del principio di buona fede, la scissione del contenuto della obbligazione operata dal creditore, per esclusiva propria utilità con unilaterale modificazione aggravativa della posizione del suo debitore. La Suprema Corte, con la successiva pronuncia n /09, è andata oltre riconoscendo la possibilità, per il debitore ingiunto, di far valere con un unica azione l improponibilità - 9 -

10 delle domande giudiziali aventi ad oggetto una frazione di un unico credito, ponendo in luce come dal principio di economia processuale consegua l ammissibilità di un unico atto di opposizione avverso più ingiunzioni emesse su ricorso del medesimo creditore nei confronti dello stesso debitore. Quindi, se è vietato al creditore frazionare un unico credito in molteplici azioni giudiziarie, anche non contestuali, ed anche se la disarticolazione giudiziale corrisponde ad un effettivo interesse del creditore, ugualmente è da credere che il creditore non possa agire, con un autonomo giudizio, per richiedere il pagamento delle spese sostenute in esecuzione di un titolo esecutivo ed a questo strettamente dipendenti. Se la correttezza e la buona fede è elevata a principio generale del nostro ordinamento anche in ambito giudiziale, ciò sarà tanto più vero in relazione a quegli oneri strettamente connessi all esecuzione del titolo esecutivo. Si aggiunga che, nel caso di specie, si potrebbe configurare l assurdo di un infinita serie di giudizi che si originano l uno dall altro, tutti a spese del debitore. Infatti, qualora ammettessimo la possibilità per il creditore di agire con un separato giudizio per richiedere il pagamento delle c.d. spese accessorie, dovremmo ammettere anche la possibilità di agire, successivamente, con un ulteriore autonomo giudizio per richiedere il pagamento delle c.d. spese accessorie del titolo esecutivo che porta le spese accessorie dell originario titolo esecutivo. In parole più semplici, ogni titolo esecutivo comporta degli oneri di messa in esecuzione e quindi giustificherebbe un autonoma azione per ottenere un ulteriore titolo esecutivo, che a sua volta comporterebbe ulteriori oneri di messa in esecuzione. la terza ipotesi interpretativa prevede che il creditore richieda al debitore, nell atto di precetto, il pagamento, oltre delle somma liquidate dal giudice, anche di tutte le spese accessorie strettamente inerenti dal titolo esecutivo

11 Ciò garantisce una molteplicità di vantaggi: il creditore viene soddisfatto immediatamente delle spese sostenute in esecuzione del precetto, il debitore non è gravato da molteplici giudizi e si riduce al minimo l attività degli ufficiali giudiziari e del giudice. Queste considerazioni fanno propendere, decisamente, per la citata scelta interpretativa e per il relativo potere del procuratore del creditore di autoliquidarsi le spese accessorie. Il problema, chiaramente, è quello di individuare con quali criteri procedere all autoliquidazione delle spese accessorie, atteso che come detto l art. 9 del D.L. 1/2012, se interpretato letteralmente, esclude l applicazione sia dei Decreti Ministeriali previsti dal comma II, sia delle tariffe professionali in via transitoria. L unica soluzione sembra quella di procedere ad un interpretazione in via analogica che valorizzi un principio di equità fra le attività professionali liquidate da un organo giudiziario e quelle autoliquidate dallo stesso procuratore. In ragione di quanto sopra, i criteri previsti dai Decreti Ministeriali previsti dall art. 9 del D.L. 1/2012 dovrebbero applicarsi in via analogica a tutte le ipotesi di autoliquidazione, al di là dei casi di liquidazione da parte di un organo giurisdizionale. A ben vedere il legislatore ha intitolato il Decreto Legge in questione Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività e con lo stesso ha voluto valorizzare la libertà di iniziativa economica e non certamente favorire comportamenti dilatori da parte del debitore. Infatti, l abrogazione delle tariffe forensi è stata attuata nell idea di favorire la libera negoziabilità fra le parti del compenso spettate al professionista, mentre non si riscontra alcun indice che faccia presumere la volontà di modificare gli istituti disciplinanti i c.d. rapporti esterni. Le medesime considerazioni sono enunciabili, anche, a sostegno dell utilizzo dell abrogato tariffario forense, in via transitoria, per la redazione dei precetti. Lucio Militerni Ersilio Luca Capone

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli