Q U A D E R N I RIVISTA QUADRIMESTRALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Q U A D E R N I RIVISTA QUADRIMESTRALE"

Transcript

1 Q U A D E R N I RIVISTA QUADRIMESTRALE DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRINDISI Anno V - N Autorizzazione Tribunale di Brindisi n. 10 del 16 maggio 2001 Testata associata all' A.STA.F. Sommario EDITORIALE di Augusto Conte 3 ARGOMENTI DI ATTUALITÀ FORENSE Biennio di pratica forense di Ottavio Carparelli 6 Direttore Responsabile Augusto CONTE Comitato di redazione Cesare ATTOLINI, Giancarlo CAMAS- SA, Stella COMITANGELO, Claudio CONSALES, Cosimo COSTANTINO, Marcello FALCONE, Dario LOLLI, Mauro MASIELLO, Antonio MAURINO, Leonardo MUSA, Carlo PANZUTI, Massimo RENNA, Angelo ROMA, Teodoro SELICATO Direzione ORDINE DEGLI AVVOCATI PRESSO IL TRIBUNALE DI BRINDISI Palazzo di Giustizia Viale Liguria, 1 - Tel. 0831/ BRINDISI Redazione e pubblicità EDIZIONI DEL GRIFO via V. Monti, 18 - Lecce tel. 0832/ fax 0832/ Stampa Tiemme (ind. grafica - Manduria) Tutti gli iscritti all'ordine possono collaborare alla rivista del Consiglio con articoli su problemi di interesse generale: la Direzione si riserva la facoltà di non pubblicare gli articoli che pervengono. I dattiloscritti non vengono restituiti. Tiratura n copie ATTIVITÀ DEL CONSIGLIO Relazione morale del Presidente alla Assemblea ordinaria del 23/ di Augusto Conte 14 Nota diffusa in occasione della Giornata europea della Giustizia Civile (Brindisi, ) di Augusto Conte 32 Relazione sulla successione di tariffe forensi di Marcello Falcone 34 Commiato di Luciano Guastella di Augusto Conte 39 Solenne Liturgia per gli avvocati defunti 41 Il Rinnovamento della Tradizione Intorno alla cerimonia sulla "Toga d'oro" e "Toga d'onore" di Carlo Panzuti 43 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE Parere sull'esonero dall'ascrizione biennale nel registro dei praticanti per gli iscritti 61 Note sulla Relazione dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato del 18 nov di Guido Alpa 66 OPINIONI E DOCUMENTI La sentenza di condanna a morte del Brigante Cotturelli Giuseppe a cura di Augusto Conte 79 Disposizione concernente la non applicabilità alla professione di avvocato a cura dell'onorevole Gazzarra 87 NOTE DI STORIA FORENSE La "Pratica criminale" nel '700 nel Regno di Napoli IN COPERTINA: San Pancrazio Salentino, Castello Arcivescovile iniziato nel 1221 dall'arcivescovo di Brindisi, Pellegrino I.

2 a cura di Augusto Conte 90 CONVEGNI E CONGRESSI - Associazione Nazionale Stampa Forense VII Consulta Medioevo o Rinascimento nelle professioni. Accesso e numero chiuso: ipocrisia o realismo? (Brindisi, 30 settembre - 1 ottobre 2005) 96 - Relazione introduttiva di Augusto Conte 99 - Relazione di Gino Falleri Mozione finale XXVIII Congresso Nazionale dell'avvocatura Italiana Amministrare la Giustizia: gli Avvocati per governare il cambiamento (Milano, novembre 2005) di Claudio Consales Documento politico XXVIII Congresso Nazionale dell'avvocatura Italiana di Guido Alpa I Congressi nella storia dell'avvocatura Principi di un nuovo ordinamento professionale. Accesso alla professione (Cagliari 1973) di Pietro Lecciso Intervento sull'accesso di Lucio Caprioli 192 DIRITTO & ROVESCIO a cura di C'è su un togato 196 SAGGISTICA E NARRATIVA FORENSE - Guglielmo Sabatini, "Delitti, delinquenti e pene nella Divina Commedia" di Augusto Conte Michele Salazar, "L'avvocato di carta" di Guido Alpa Umberto Vincenti - Alarico Mariani Marini - Francesco Cavalla, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRINDISI Presidente Cons. Segr. Cons. Tesor. Avv. Augusto CONTE Avv. Carlo PANZUTI Avv. Teodoro SELICATO Consiglieri Avv. Cesare ATTOLINI Avv. Giancarlo CAMASSA Avv. Stella COMITANGELO Avv. Claudio CONSALES Avv. Marcello FALCONE Avv. Dario LOLLI Avv. Mauro MASIELLO Avv. Antonio MAURINO Avv. Leonardo MUSA Avv. Massimo RENNA Avv. Tommaso RESTA Avv. Angelo ROMA

3 EDITORIALE EDITORIALE di AUGUSTO CONTE La resistenza della Avvocatura sfibrata da riforme che, non accompagnate da aumenti di organici e di risorse strutturali, non la aiutano a soddisfare la esigenza della collettività ad una giustizia che abbia tempi accettabili senza compromettere le garanzie ad iniziative invasive della professione soggette a logiche imprenditoriali che compromettono l indipendenza della attività intellettuali e l autonomia dei giudizi tecnici, con danno dei professionisti e degli utenti, deve farsi più dura se si vuole mantenere la sua specifica funzione, assegnata dalla Costituzione, di soggetto garante del diritto inalienabile di difesa dei cittadini. Resistere non per conservare prerogative classiste fuori dalla società moderna, o privilegi che la escludano da impegni e ruoli di rilevanza pubblicistica a favore della collettività, ma per preservare da liberalizzazioni selvagge la professione forense, al fine di garantire la tutela dei diritti della persona, coincidendo la sua indipendenza e la sua autonomia con l interesse generale a una difesa effettiva che si fonda anche sull affidamento della clientela nella correttezza e qualità delle prestazioni e, quindi, nella fiducia che va rinsaldata e non messa in crisi da norme del tutto contrastanti con la stessa pretesa liberalizzazione delle professioni. L Avvocatura non manifesta solo diffidenza, ma assoluta contrarietà alla abolizione dei divieti di accaparramento della clientela e di atteggiamenti concorrenziali verso i colleghi e alla eliminazione del sistema tariffario e alla abolizione dei minimi, che comporterebbero una anarchia nei criteri ispiratori della attività, non più controllabile, e deleteria non solo per il decoro e l onore della categoria (che non sono principi astratti, ma un modo di essere di una Avvocatura seria e responsabile), ma anche per la stessa clientela che sarebbe male Quaderni 3

4 EDITORIALE orientata e peggio servita da offerte di lusinghieri e ingannevoli sconti sulle parcelle, al posto di parametri certi, o di improbabili risultati delle prestazioni. L Autorità Garante per la Concorrenza e per il Mercato ha compiuto una sottostima nel ritenere che la Avvocatura si sia mostrata restìa alla applicabilità di regole tipiche delle imprese nelle professioni libere, essendo vero invece che la categoria forense in particolare, che esercita la sua funzione nell ambito della giurisdizione, non solo si mostra ma è del tutto contraria, come ha ben rappresentato il Presidente Nazionale Guido Alpa nella replica, di seguito pubblicata, alla relazione dell AGCM del sui servizi professionali, che fa seguito alla Indagine conoscitiva dell cui più volte si è fatto negativo riferimento anche negli Editoriali di QUADERNI. L Avvocatura non crede che il decollo delle professioni libere, e di quella legale in particolare, sia collegato alla qualificazione dell esercizio dell attività intellettuale come attività di impresa: le professioni tecniche che si sono mostrate sensibili a essere considerate imprese, non sono mosse da esigenze di liberalizzazione ma da concreto interesse a disciplinare il servizio reso secondo modalità imprenditoriali, essendo le prestazioni del tutto diverse da quelle legali in genere e forensi in particolare, che fondano il rapporto con gli assistiti su principi che nulla hanno a che vedere con le regole e, in specie, con la pubblicità nella offerta dei servizi e con la concorrenza con i colleghi, essendo le prestazioni rese con applicazioni di natura intellettuale a seguito di scelte tecnico-conoscitive, i cui risultati sono dinamicamente conseguiti nel corso di una dialettica processuale e determinati da un organo terzo decidente. La conoscenza delle problematiche connesse all esercizio della professione, che nasce dalla fiducia e si sviluppa in prestazioni di natura giurisdizionale, orientate da criteri di tecnica giuridico-forense, guidate da regole di comportamento su cui si fonda l etica professionale, costituisce patrimonio storico-morale dell Avvocatura, alla cui rappresentanza istituzionale, per conseguenza, spetta, in esclusiva, la prerogativa di fornire indicazioni vincolanti sulle norme ordinamentali che possano essere adottate a tutela sia della professione che 4 Quaderni

5 EDITORIALE della collettività, e che servano a rinsaldare il rapporto di fiducia tra cliente e Avvocato. Alla salvaguardia dei professionisti legali è connesso il potenziamento degli Ordini circondariali, sia pure con l introduzione di modifiche nella struttura e nell organizzazione, ai quali compete di tutelare l Avvocato e l intera categoria forense, qualificandone con l appartenenza all Ordine la qualità e la correttezza, e rinsaldandone, di conseguenza, la autonomia e l indipendenza che costituiscono anche garanzia di libertà per la collettività. Quaderni 5

6 ARGOMENTI DI ATTUALITÀ FORENSE ARGOMENTI DI ATTUALITÀ FORENSE Biennio di pratica forense: il titolo valutabile ex art. 17, co. 114, legge n. 127/1997, nella sentenza 5/10/2005, n del Consiglio di Stato di OTTAVIO CARPARELLI* Pare non debba più dubitarsi dell idoneità del diploma di specializzazione rilasciato dalle Scuole di Specializzazione per le professioni legali, a costituire valido titolo sostitutivo di uno dei due anni di pratica professionale, richiesti dall art. 17, n. 5 del regio decreto legge 27 novembre 1933 n. 1578, ai fini dell ammissione all esame di abilitazione all esercizio della professione di avvocato. È, sostanzialmente, quanto affermato dal Consiglio di Stato, con la sentenza in rassegna. Con tale decisione, il Massimo Organo di Giustizia amministrativa, riformando la pronuncia di primo di grado del TAR Calabria, da un lato, ha ritenuto illegittimo il diniego opposto dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Lamezia Terme al rilascio, in favore dell istante, del certificato di compiuta pratica forense, e, dall altro, ha confermato ed irrobustito il più recente orientamento giurisprudenziale (1) (2) (3) (4), secondo cui il predetto diploma di specializzazione sostituisce, a tutti gli effetti di legge, un anno di praticantato tradizionale (attività di tirocinio teorico pratico presso uno studio legale e di presenza alle udienze civili e penali). Il Consiglio di Stato, nella specie, ha affrontato, come si suol dire, 1 * Avvocato del Foro di Brindisi 6 Quaderni

7 ARGOMENTI DI ATTUALITÀ FORENSE funditus la questione: ha, infatti, preventivamente effettuato un analitica e completa ricognizione delle fonti normative regolanti specificatamente la controversa questione, e, successivamente, sulla base di tale ricognizione, è motivatamente giunto alla conclusione della piena e legittima sostituibilità di un anno di pratica forense (intesa in senso tradizionale), con il possesso del diploma di specializzazione rilasciato dalle Scuole di Specializzazione per professioni legali. In particolare, il Consiglio di Stato, nel ricostruire il quadro storico normativo afferente la questione della durata minima del periodo di pratica professionale forense, necessario al fine di poter sostenere validamente l esame di avvocato, ha espressamente richiamato: - il regio decreto legge 27 novembre 1933, n. 1578, convertito in legge 22 gennaio 1934, n. 36, recante Ordinamento delle professioni di avvocato e procuratore, che prevede: a) all articolo 8, comma 1, che i laureati in giurisprudenza, che svolgono la pratica prevista dall articolo 1), sono iscritti, a domanda e previa certificazione del procuratore (avvocato) di cui frequentano lo studio, in un registro speciale tenuto dal consiglio dell Ordine degli Avvocati presso il tribunale nella cui circoscrizione hanno la residenza, e sono sottoposti al potere disciplinare del Consiglio stesso; b) all articolo 14, lett. C) che i Consigli dell Ordine degli avvocati vigilano sull esercizio della pratica forense; c) all articolo 17 che per ottenere l iscrizione nell Albo dei procuratori (avvocati) è necessario, tra l altro, aver compiuto lodevolmente e proficuamente un periodo di pratica, frequentando lo studio di un procuratore ed assistendo alle udienze civili e penali della Corte d Appello almeno per due anni consecutivi, posteriormente alla laurea, nei modi che saranno stabiliti con le norme da emanarsi a termini dell articolo 101,ovvero avere esercitato, per lo stesso periodo di tempo, il patrocinio davanti alle Preture ai sensi dell art.8 (n. 5) e essere riuscito vincitore, entro il numero dei posti messi a concorso, nell esame preveduto nell art. 20 (n. 6); d) all articolo 19, comma 4 (sostituito dall articolo 1 della legge Quaderni 7

8 ARGOMENTI DI ATTUALITÀ FORENSE 20 aprile 1989 n. 142), che agli esami (per l abilitazione all esercizio della professione di procuratore [avvocato] possono partecipare i praticanti che abbiano compiuto la prescritta pratica entro il giorno 10 del mese di novembre. - la legge 24 luglio 1985, n. 406 ( modifiche alla disciplina del patrocinio davanti alle preture e degli esami per la professione di [procuratore legale]), che all art? 2, comma 1, prevede espressamente che il periodo di pratica previsto dall articolo 17, n. 5), del regio decreto 27 novembre 1933, n. 1578, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 22 gennaio 1934, n. 36, e successive modificazioni, per l ammissione all esame di procuratore legale [avvocato], non può avere durata inferiore a due anni. - il D.P.R. 10 aprile 1990, n. 101, con il quale è stato emanato il Regolamento relativo alla pratica forense per l ammissione all esame di procuratore legale (avvocato); in particolare, il comma 3 dell articolo 1 di tale decreto stabilisce che la frequenza dello studio può essere sostituita, per un periodo non superiore ad un anno, dalla frequenza di uno dei corsi post-universitari previsti dall articolo 18 del regio decreto legge n del 1933; il successivo comma 4 prevede che costituisce integrazione della pratica forense, contestuale al suo svolgimento secondo le modalità del presente articolo, la frequenza di scuole di formazione professionale istituite a norma dell articolo 3 (dai consigli dell Ordine: queste ai sensi del comma 2, del predetto articolo 3, organizzano corsi nell ambito del un biennio e devono avere un indirizzo teorico pratico, comprendente anche lo studio della deontologia e della normativa sulla previdenza forense). - il comma 114 dell articolo 17 della legge 15 maggio 1997, n. 127 (Misure urgenti per lo snellimento dell attività amministrativa e dei procedimenti di decione e di controllo) che ha successivamente disposto che, anche in deroga alle vigenti disposizioni relative all accesso alle professioni di avvocato e notaio, il diploma di specializzazione di cui al comma 113 costituisce, nei termini definiti con successivo decreto del ministro della giustizia, di concerto con il ministro del- 8 Quaderni

9 ARGOMENTI DI ATTUALITÀ FORENSE l Università e della ricerca scientifica e tecnologica, titolo valutabile ai fini del compimento del relativo periodo di pratica. - il decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398 (Modifica alla disciplina del concorso per uditore giudiziario e norme sulle scuole di specializzazione per le professioni legali, a norma dell articolo 17, commi 113 e 114, della legge 15 maggio 1997, n. 127), che, all articolo 16, rubricato Scuola di specializzazione per le professioni legali stabilisce, al comma 1, dispone che le scuole di specializzazione per le professioni legali sono disciplinate, salvo quanto previsto dal presente articolo, ai sensi dell articolo 4, comma 1, della legge 19 novembre 1990, n. 341 e al comma 2 che esse prevedono alla formazione comune dei laureati in giurisprudenza attraverso l approfondimento teorico, integrato da esperienze pratiche, finalizzato all assunzione dell impiego di magistrato ordinario o all esercizio delle professioni di avvocato o notaio. - l articolo 4 della legge 19 novembre 1990, n. 341 (Riforma degli ordinamenti didattici universitari), che, all articolo 4, stabilisce, al primo comma, che il diploma di specializzazione si consegue, successivamente alla laurea, al termine di un corso di studi di durata non inferiore a due anni finalizzato alla formazione di specialisti in settori professionali determinati. - da ultimo, il decreto del Ministero della Giustizia 11 dicembre 2001, n. 475, con il quale è stato emanato il regolamento concernente la valutazione del diploma conseguito presso le scuole di specializzazione per le professioni legali ai fini della pratica forense e notarile, ai sensi dell articolo 17, comma 114, della legge 15 maggio 1997, n Detto regolamento è formato da un solo articolo che così dispone: Il diploma di specializzazione, conseguito presso le scuole di specializzazione per le professioni legali di cui all articolo 16 del decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398, e successive modificazioni, è valutato ai fini del compimento del periodo di pratica per l accesso alle professioni di avvocato e notaio per il periodo di un anno. Dopo la ricostruzione del quadro normativo di riferimento, il Quaderni 9

10 ARGOMENTI DI ATTUALITÀ FORENSE Giudice di appello ha affermato che, secondo il proprio avviso, la soluzione della res controversa va individuata nell esatta accezione da assegnare all espressione letterale titolo valutabile utilizzata dal legislatore al comma 114 dell articolo 17 della legge 15 maggio 1997 n. 127, con riferimento al diploma di specializzazione rilasciato dalle Scuole universitarie di specializzazione per le professioni legali. Più in dettaglio, se, il conseguimento di tale diploma da parte dell aspirante avvocato, sostituisca integralmente, a tutti gli effetti di legge, uno dei due anni di pratica richiesti dall art. 17, n. 5 del regio decreto legge 27 novembre 1933 n Il Collegio ha ritenuto di dare soluzione positiva al suddetto quesito, sulla scorta delle seguenti duplici precipue argomentazioni: a) la previsione normativa di cui al co. 114 dell art. 17 della legge 15 maggio 1997, n. 127, in forza della quale il diploma di specializzazione è ritenuto valutabile ai fini del periodo di pratica per l ammissione all esame di abilitazione all esercizio della professione legale, è espressamente concepita dal legislatore come una deroga alle disposizioni vigenti relative all accesso alla professione di avvocato; b) la ratio delle disposizioni normative contenute nella legge 15 maggio 1997 n. 127 coincide con una sostanziale esigenza di un riordino (Misure urgenti per lo snellimento dell attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e controllo); ne consegue che ad avviso del Supremo Consenso deve ragionevolmente dedursi che la suddetta deroga normativa non abbia intaccato i principi fondamentali disciplinanti l accesso alla professione di avvocato, ma esclusivamente le modalità tramite le quali tale storica professione si articola. E ciò, avuto riguardo sempre e tuttavia agli imprescindibili requisiti, tutelati dai predetti preminenti principi, dell idonea ed adeguata preparazione teorica e pratica dell avvocato, e della piena conoscenza, da parte dell aspirante avvocato, dei diritti e dei doveri del professionista (deontologia professionale). Dunque, ad avviso del Consiglio di Stato, avendo il legislatore concepito la previsione normativa di cui al comma 114 dell articolo 10 Quaderni

11 ARGOMENTI DI ATTUALITÀ FORENSE 17 della legge 15 maggio 1997, n. 127 sulla scorta della quale il diploma di specializzazione è ritenuto titolo valutabile ai fini del periodo di pratica per l ammissione all esame di avvocato come una deroga alle disposizioni vigenti afferenti soltanto le modalità di accesso e di articolazione della professione forense, e non già come una deroga ai principi fondamentali circa l accesso alla medesima professione, tale deroga non può non essere correttamente interpretata nel senso che il legislatore ha inteso consentire agli aspiranti avvocati di sostituire utilmente uno dei due anni di praticantato tradizionale, con il conseguimento del diploma di specializzazione delle Scuole di specializzazione delle scuole forensi rilasciate dalle Università degli Studi. Con l ulteriore conseguenza che ha aggiunto il Giudice di secondo grado la valutazione effettuata dal legislatore, secondo cui tale titolo valutabile è sicuramente idoneo a consentire al praticante di impadronirsi di quella complessa formazione teorico-professionale che i futuri avvocati devono necessariamente possedere, non può essere considerata né irragionevole, né irrazionale. Corroborano tale convinzione del Giudice di appello, anche le specifiche modalità di conseguimento del diploma di specializzazione rilasciato dalle Scuole universitarie di specializzazione per le professioni legali, ed i non secondari relativi sistemi di controllo sull effettiva osservanza, tassativamente previsti dall art. 16 del decreto legislativo 17 novembre 1997 n In proposito, ha osservato, in particolare, il Giudice adìto che tali modalità e sistemi di controllo della correlata osservanza, secondo il pensiero del legislatore, contribuiscono ad individuare nel diploma di specializzazione rilasciato dalle Scuole universitarie di specializzazione per le professioni legali, un valido titolo valutabile ai fini dell ammissione all esame di abilitazione all esercizio della professione di avvocato, e, segnatamente, un titolo idoneo a contenere nel limite di un solo anno, e non già due, il periodo di pratica professionale cui fa riferimento l art. 17, n. 5, R.D.L. n del Al lume delle superiori argomentazioni, il Consiglio di Stato, con riferimento allo specifico caso sindacato, ha, pertanto, riformato la Quaderni 11

12 ARGOMENTI DI ATTUALITÀ FORENSE sentenza di primo grado impugnata, ed ha annullato ritenedolo illegittimo il diniego opposto dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Lamezia Terme all appellante, avendo quest ultimo dimostrato sia di aver compiuto un anno di pratica professionale tradizionale, sia di essere in possesso del diploma di specializzazione rilasciato dalle Scuole di specializzazione per le professioni legali. Non può non aggiungersi, al riguardo, che, in virtù dei principi affermati con l annotata decisione, secondo il Massimo Organo di Giustizia amministrativa, il Consiglio dell Ordine competente, in fattispecie simili a quella oggetto della decisione in commento, è sostanzialmente tenuto a rilasciare, in favore del soggetto interessato, il certificato di compiuta pratica professionale all aspirante avvocato, purché questi: - sia iscritto nell apposito registro; - produca al momento della richiesta di tale certificato idonea attestazione del conseguimento del diploma di specializzazione rilasciato dalle Scuole universitarie di specializzazione per le professioni legali; - produca, altresì, la documentazione idonea a dimostrare l effettivo espletamento di un proficuo e lodevole periodo di tirocinio professionale della durata di un anno, durante il quale il praticante deve aver concretamente partecipato alle udienze, e deve aver posto in essere tutte le ulteriori attività previste dall ordinamento forense; il tutto come attestato dal libretto di pratica, ove sono riportate le relative attestazioni dell avvocato presso il cui studio è stata effettuata la pratica medesima. È evidente, pertanto, la limitazione del potere discrezionale del Consiglio dell Ordine, in presenza dei suelencati presupposti, con riferimento al rilascio del certificato di compiuta pratica in favore del soggetto interessato, proprio in forza della legittima valenza sostitutiva riconosciuta dal legislatore al diploma conseguito presso le Scuole di Specializzazione per le professioni legali, rispetto ad uno dei due anni di pratica (tradizionale) richiesti dall art. 17, n. 5 del R.D.L n In conclusione, non può non evidenziarsi, che, tuttavia, il Supremo 12 Quaderni

13 ARGOMENTI DI ATTUALITÀ FORENSE Collegio in armonia con la preoccupazione del legislatore di far osservare i summenzionati principi fondamentali per l accesso alla professionale forense (idonea ed adeguata preparazione teorica e pratica dell avvocato, consapevolezza della funzione sociale esercitata, piena conoscenza, da parte dell aspirante avvocato, dei diritti e dei doveri del professionista c.d. deontologia professionale) non ha mancato di esternare le proprie perplessità in merito alla utile valutabilità (sostanziale scomputo di un anno di pratica) del più volte citato diploma di specializzazione, ai fini del biennio della pratica forense richiesto dal legislatore, in relazioni alle possibili concrete difficoltà concernenti la contestualità della frequenza della Scuola di Specializzazione, e del compimento della pratica professionale presso uno studio legale. * * * La direzione del Consiglio di Stato in commento non è condivisa da molti Ordini Forensi; il C.N.F. pronunciandosi sulla questione, ha emesso il parere pubblicato nella rubrica di settore. (1) Cons. Stato, Sez. IV, ordinanza 25 maggio 2004 n. 2378, consultabile in giustizia-amministrativa.it, ove, tra l altro, si legge testualmente: Considerato, a primo esame, che non risulta esservi stata sovrapposizione temporale tra frequenza della Scuola e svolgimento del tirocinio, nel senso che le appellate risultano in possesso del titolo e di un anno di tirocinio certificato; Ritenuto, a un maggior approfondimento della questione di diritto, che, in tale contesto, non assume rilevanza ostantiva al rilascio del certificato di compiuta pratica il fatto che il periodo complessivo risulti inferiore al biennio solare. (2) V., nello stesso senso, TAR Lazio, Sez. III sentenza 4 maggio 2005 n. 3312, in questa Rivista n. 5/2005, pag. _ htm (3) V. nello stesso senso TAR Sardegna, Sez. I sentenza 28 aprile 2005 n. 3312, in questa Rivista, pag.http://www.lexitalia.it/p/51/tarsardegna1_ htm (4) TAR, Puglia Lecce Sez. I, 2 dicembre 2004, n. 8391, in questa Rivista, paghttp://www.lexitalia.it/p/tar/tarpugliale1_ htm (sull illegittimità del diniego di V. anche rilascio del certificato di compiuta pratica ad un praticante avvocato che ha svolto un anno di pratica professionale ed ha conseguito il diploma la Scuola per le professioni legali). Quaderni 13

14 ATTIVITÀ DEL CONSIGLIO ATTIVITÀ DEL CONSIGLIO Relazione morale del Presidente alla Assemblea ordinaria del 23/ di AUGUSTO CONTE Introduzione La relazione morale del Presidente alla Avvocatura circondariale riunita in Assemblea Ordinaria consente al Consiglio dell Ordine di riassumere al consesso istituzionale forense del territorio le attività svolte nel corso del biennio di esercizio, ma soprattutto di compiere una verifica, insieme a tutti i Colleghi intervenuti, della situazione generale della professione forense, in riferimento alla amministrazione della giustizia e nel contesto sociale, in relazione anche ai compiti di rilevanza pubblicistica che vedono l Avvocatura sempre più significativamente protagonista. Il Consiglio dell Ordine ha ispirato le proprie iniziative non soltanto all intento di accrescere la qualità dei professionisti nei suoi compiti e nelle sue funzioni a tutela degli assistiti, ma anche alla finalità di attribuire alla categoria forense il posto di rilievo che le compete nel contesto sociale e culturale del circondario e di esaltarne l immagine di unico soggetto abilitato a garantire la tutela dei diritti. Il ruolo dei professionisti legali ha assunto una dimensione e una importanza in ogni ambito, in funzione della sempre maggiore diffusione dei diritti tradizionali e della configurazione di diritti nuovi, molti dei quali apparsi sul panorama ordinamentale e giurisprudenziale grazie all impegno e allo stimolo culturale e giuridico dell Avvocatura; pertanto francamente sconcertano alcune iniziative normative volte a proteggere aspetti economici che tendenzialmente mirano a escludere 14 Quaderni

15 ATTIVITÀ DEL CONSIGLIO l intervento dei tecnici del diritto, cui soltanto, per dettato costituzionale, è riservata la pratica e concreta attuazione della individuazione e del riconoscimento dei diritti dei singoli e della collettività. Pertanto uno dei compiti essenziali degli Ordini Forensi e dei suoi rappresentanti è costituito dal dovere di diffondere la cultura del diritto alla difesa, come diritto primario e inalienabile: dovere che il Consiglio dell Ordine di Brindisi ha la presunzione di avere adempiuto, avendo portato la presenza, non passiva e inerte, ma attiva e propositiva, in ogni occasione in cui venivano dibattute problematiche che potevano suscitare l interesse della Avvocatura, nella sua rappresentanza istituzionale, ad essere presente, per esprimere le sue potenzialità e per richiamare l attenzione della collettività ad essere informata sulle sue prerogative. Un rilevante significato, e una utilità non solo per l Avvocatura, ma per l intero territorio, ha spiegato la indizione della Conferenza Territoriale sulla Giustizia del , con la quale il Consiglio dell Ordine (come ho spiegato nella introduzione dei lavori), nell assolvimento di adempimenti connessi alla funzione istituzionale e quale soggetto politico che svolge compiti di natura politico-forense ha inteso riunire le rappresentanze parlamentari e le autorità amministrative e giudiziarie del Circondario, per dibattere i problemi della amministrazione della giustizia e per richiamare alla pubblica opinione la necessità, per ragioni storiche, economiche e giudiziarie, di mantenere l assetto del Circondario del Tribunale di Brindisi e, come dissi in apertura della sessione, di potenziare il sistema di amministrazione della giustizia nel territorio, al fine di qualificare e valorizzare non soltanto l attività della Magistratura, ma l attività di tutta quanta l Avvocatura, nell interesse degli utenti del servizio della giustizia. In sintonia con tutta l Avvocatura nazionale, il Consiglio non ha mancato di esprimere il proprio convincimento di non poter derogare alla funzione costituzionale della attività difensiva, che costituisce un valore assoluto del nostro ordinamento giuridico, e che rende l Avvocatura stessa garante del bene giustizia, quale aspetto, insostituibile e irrinunciabile, del bene libertà. Quaderni 15

16 ATTIVITÀ DEL CONSIGLIO E per garantire tali beni inalienabili l Avvocatura non può che essere a sua volta libera e indipendente, anche da condizionamenti ispirati a esclusivi principi di natura economica e spietatamente concorrenziali. L Avvocatura intera deve opporre resistenza a iniziative invasive della professione legale soggette a logiche imprenditoriali che compromettono l indipendenza delle attività intellettuali e l autonomia del giudizio tecnico, non per conservare prerogative classiste di retroguardia, o privilegi che la tengano indenne da impegni di rilevanza pubblicistica, ma per garantire una difesa effettiva che si fondi essenzialmente sull affidamento della clientela e sulla fiducia che deve essere rinsaldata soprattutto dalla correttezza e dalla qualità delle prestazioni. L onore e il decoro della categoria forense non devono essere appannati da accaparramenti selvaggi della clientela o da atteggiamenti concorrenziali verso i Colleghi, che sono deleteri non solo per una categoria seria e responsabile, ma anche per la stessa clientela posta alla mercè di incontrollabili ed enfatiche campagne pubblicitarie e da offerte di prestazioni solo apparentemente non remunerate o con sconti ingannevoli. Ogni riforma della Avvocatura in senso ordinamentale e deontologico non può che essere orientata a valorizzare la funzione primaria della difesa dei diritti, con la quale non sono conciliabili regole tipiche delle logiche economiche e di mercato, essendo diversi i valori tutelati dalla Avvocatura, dai servizi prestati nella ordinaria attività dalle imprese commerciali cui sono attibuiti. La salvaguardia delle prerogative dei professionisti legali non può che competere alle Istituzioni Forensi Nazionali e agli Ordini Circondariali, le cui funzioni, sia pure ammodernate nella loro organizzazione ed esercizio, rimangono imprescindibili punti di riferimento e di orientamento per garantire alla collettività degli utenti qualità nelle prestazioni e correttezza nei comportamenti e per tutelare gli Avvocati nell esercizio libero e autonomo, nei confronti di chicchessia, della professione. Il Consiglio dell Ordine di Brindisi ha la ragionevole consapevo- 16 Quaderni

17 ATTIVITÀ DEL CONSIGLIO lezza di avere agito nelle direzioni e nelle dimensioni più opportune, avvedute ed equilibrate, per la tutela degli iscritti e per la garanzia degli utenti. L attività amministrativa Gli iscritti nell Albo hanno raggiunto il ragguardevole numero di Avvocati (le donne-avvocato sono 443), di cui 213 Patrocinanti dinanzi alle Giurisdizioni Superiori (solo 18 donne), e di 900 Praticanti iscritti nel Registro (il numero delle donne è di 490 e quindi superiore a quello dei maschi che è di 410), di cui 191 Abilitati al Patrocinio: la totalità dei professionisti legali e dei praticanti della Provincia raggiunge il numero di iscritti. Il considerevole aumento di questi ultimi anni comporta una attività di gestione ordinaria che hanno richiesto, e richiedono, tempo e dedizione. Il Consiglio nel corso del biennio ha tenuto circa 80 adunanze nel corso delle quali si è impegnato a valutare domande di iscrizione e cancellazione (spesso comportanti approfondimenti valutativi di natura ordinamentale); richieste di iscrizioni per trasferimenti da altre sedi (con rilevante attenzione per quelle determinate dalla assunzione di funzioni giurisdizionali onorarie); pareri di conguità sulle parcelle (anche queste spesso richiedenti soluzioni di particolari problemi); rilascio di certificati di compiuta pratica, con la connessa verifica sulla effettività e continuità, per sostenere l esame di Avvocato; a studiare problematiche derivanti dalla parziale entrata in vigore del Codice della privacy, con la stesura di vademecum e prontuari; alla determinazione dei criteri per la riscossione delle quote di iscrizione impostata a sistemi moderni in adempimento delle norme sulla contabilità finanziaria; alla soluzione di problematiche insorte per le attività di notificazione degli atti e per gli orari di apertura al pubblico di cancellerie del Tribunale e segreterie della Procura; agli adempimenti richiesti per la pubblicazione dell Albo, che è stato diffuso nell aprile 2005 unitamente alla ristampa del Codice Deontologico Quaderni 17

18 ATTIVITÀ DEL CONSIGLIO aggiornato; a sostenere le iniziative volte all aggiornamento, anche informatico, delle strutture giudiziarie, quali la edificazione del tunnel di congiungimento tra uffici di Tribunale e Procura e G.I.P. e la progettazione degli Uffici del Giudice di Pace munito di parcheggio; a sviluppare una aggiornata modulistica per agevolare la compilazione e la valutazione delle domande di ammissione al patrocinio per i non abbienti; a diffondere i criteri di applicazione in materia civile, penale e amministrativa delle nuove tariffe forensi, per poi riferirne alle indette riunioni di aggiornamento. Tanta mole di attività, ad onta dell impegno profuso dal personale e per il quale l Avvocatura deve esprimere il ringraziamento, peraltro coralmente e pubblicamente già manifestato in occasione del collocamento a riposo di Luciano Guastella, esigeva, ed esige, adeguato personale del quale il Consiglio deve assolutamente dotarsi, per sostenere le esigenze degli iscritti, che in qualche caso (e specialmente nel rilascio di parcelle, che è interesse di tutti, e dello stesso Consiglio, esitare celermente) ha subito qualche ritardo in dipendenza di situazioni oggettive (le iscrizioni e il rilascio di certificati di compiuta pratica che si accavallano tra la fine di ottobre e i primi di novembre sostanzialmente paralizzano l altra attività ordinaria). Il Consiglio è intervenuto moltissime volte collegialmente o con l impiego delle funzioni a me spettanti, per comporre questioni insorte fra Colleghi o con clienti, spesso determinate da difficoltà oggettive o da particolari situazioni dalle quali esula la correttezza e la competenza dei Colleghi. Il Consiglio ha dovuto, in sede disciplinare, occuparsi dei procedimenti sorti a seguito di segnalazioni o di ufficio: i fatti di rilevanza deontologica segnalati che sfociano in procedimenti sono fortunatamente limititatissimi a cospetto del numero degli iscritti e del numero di doglianze, molte volte infondate o esagerate, che vengono inviate. In ogni caso il Consiglio ha svolto il suo non agevole compito con serenità e obbiettività, e sempre in vista della tutela della categoria. 18 Quaderni

19 ATTIVITÀ DEL CONSIGLIO L attività di etica forense. La formazione e l aggiornamento professionale e deontologico Come è riportato nella Introduzione il Consiglio ha compiuto tutto quanto di propria competenza per salvaguardare il principio di autonomia e indipendenza della Avvocatura da ogni tipo di condizionamenti; la partecipazione a incontri e dibattiti del Consiglio e miei personali, a partire dagli incontri di orientamento professionale con le scolaresche dell ultimo anno di studi, e fino alle partecipazioni alle Assemblee dei Presidenti di Ordine, ripetutamente indette dal Consiglio Nazionale Forense, ha avuto sempre la finalità di diffondere la presenza della Avvocatura del Circondario di Brindisi, nel territorio e in sede nazionale; la nostra Rivista QUADERNI, quale veicolo di informativa di vita forense, ha contribuito a espandere la cultura della difesa e i principi di legalità insiti nella professione forense, Al fine di richiamare fin dall inizio i valori cui si ispira la nostra professione e l alto significato della appartenenza all Ordine, il Consiglio ha mantenuto e potenziato le Cerimonie della Consegna dei Tesserini ai Praticanti, del giuramento degli Abilitati nelle mani del Presidente del Tribunale, del giuramento degli Avvocati dinanzi al Tribunale Collegiale. Le cerimonie, tutte alla presenza mia e di Consiglieri dell Ordine, e per la consegna dei Tesserini, oltre che del Presidente del Tribunale, del Procuratore della Repeubblica, costituiscono momento essenziale in una cultura forense che voglia rispettare la tradizione: lo svolgimento delle cerimonie è sempre più seguito dalle famiglie degli iscritti, che svolgono un decisivo compito di sostegno, morale ed economico, nelle fasi iniziali della pratica e della professione forense, e dagli Avvocati che assumono i praticanti negli Studi, il cui ruolo il Consiglio ritiene decisivo e imprescindibile per un corretto, consapevole e responsabile percorso formativo. Il consenso delle famiglie e degli Avvocati, ma soprattutto dei diretti interessati, ha impegnato il Consiglio a rendere sempre più solenne e austere le cerimonie, che svolgono una funzione non formale, ma sostanziale sulla credibilità e affidabilità della categoria. La cerimonia che più si inserisce nel quadro storico dell Avvocatura Quaderni 19

20 ATTIVITÀ DEL CONSIGLIO del Circondario di Brindisi, facendone parte integrante del patrimonio storico-forense, è la consegna della Toga d Oro, agli Avvocati con cinquanta anni di attività, e della Toga d Onore agli Avvocati primi classificati agli esami di Avvocato, che rappresenta, nella simbologia della toga, e nella funzione della tutela dei diritti che la stessa rappresenta, la libertà e la continuità della professione forense. Il Consiglio ha posto grande cura nell aggiornamento e nella formazione professionale. La indizione del convegno su L Etica delle professioni e nelle attività giuridiche ed economiche tenutosi presso l Istituto Alberghero il 2 e 3 aprile 2004, che il Consiglio ha condiviso con gli altri Ordini professionali della Provincia, con il patrocinio dell Università degli Studi di Bari, ha consentito di compiere un approfondimento e una divulgazione dei criteri etici che devono ispirare i comportamenti professionali nelle specifiche attività. Il Consiglio ha quindi indetto con gli Ordini dei Dottori Commercialisti, l Ordine dei Ragionieri della Provincia di Brindisi, e l Università degli Studi di Bari e di Lecce, un Master in Diritto Societario che si è svolto dall aprile al giugno Il Consiglio ha prediposto una modulistica concernente gli adempimenti indispensabili per adempiere alle norme che gli Avvocati sono tenuti ad osservare in materia di privacy divulgandola in fotocopia e redigendo due successive note di aggiornamento che sono state pubblicate, come Speciale privacy nei numeri 1 e 2/2004 della Rivista QUADERNI (individuabile dal colore azzurro delle pagine); le note, redatte a seguito della partecipazione mia e di Consiglieri a riunioni del Consiglio Nazionale Forense con i funzionari del Garante per la privacy costituiscono un utile ausilio per i richiesti adempimenti e sono state apprezzate dallo stesso Direttore Generale del Garante. Il Consiglio ha anche aderito alla iniziativa delle categorie professionali interessate agli adempimenti sulla privacy, nella quale sono stato invitato a svolgere la relazione introduttiva, di indizione di un incontro divulgativo, tenutosi nella Masseria S.Lucia. Il Consiglio ha aderito e partecipato all interessante Convegno di Otranto su Corte Costituzionale e processi di decisione politica, 20 Quaderni

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

Consiglio di Stato Sezione quarta - decisione 5 aprile-5 ottobre 2005, n. 5353 Presidente Venturini Relatore Saltelli Ricorrente Galeno

Consiglio di Stato Sezione quarta - decisione 5 aprile-5 ottobre 2005, n. 5353 Presidente Venturini Relatore Saltelli Ricorrente Galeno La scuola di specializzazione vale un anno di pratica forense Scuole Bassanini, la frequenza vale un anno di pratica. Lo ha ribadito la quarta sezione del Consiglio di Stato con la decisione 5353/05 (depositata

Dettagli

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato.

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. CONSIGLIO DI STATO CONCORSO (scad. 13 giugno 2011) Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. IL PRESIDENTE Visto il regio decreto 26 giugno 1924, n. 1054, che approva il Testo

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 5 Regolamento ai sensi dell art. 22 L. n. 247/12 sui corsi per l iscrizione all Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori IL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo

Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo 1.- L art. 73 del d. l. 21. 6. 2013 n. 69 convertito con modifiche nella legge 9. 8. 2013 n. 98 ha introdotto la possibilità, per i laureati

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO e ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO Via dei Portoghesi n. 12 - Roma All Ufficio

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense Allegato alla Delibera CdO n.52/2008 del 25/3/2008 ARTICOLO 1 ( Domanda) CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO Regolamento della pratica forense Il praticante che intenda iscriversi deve presentare,

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO Confronto tra i Principi di fondo irrinunciabili per l Avvocatura italiana individuati il 17 ottobre 2009 e il testo approvato dal Senato nel novembre 2010: 1) La specialità dell ordinamento professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in giurisprudenza che intenda iscriversi al Registro Speciale dei praticanti

Dettagli

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 ARTICOLO 1 Il praticante che intenda iscriversi deve presentare, oltre ai documenti richiesti dall art.

Dettagli

Curriculum vitae della dott.ssa Tamara De Amicis

Curriculum vitae della dott.ssa Tamara De Amicis Curriculum vitae della dott.ssa Tamara De Amicis Titoli di studio Ho conseguito il diploma di maturità classica presso il Liceo ginnasio Orazio di Roma con la votazione massima, ed il diploma di laurea

Dettagli

Regolamento delle Scuole UCPI

Regolamento delle Scuole UCPI Regolamento delle Scuole UCPI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente regolamento disciplina l attività di formazione e di qualificazione professionale dell avvocato penalista,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in Giurisprudenza che intenda

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione n. AC 149/19 del 01.03.2012 del Commissario Straordinario con poteri del Consiglio Comunale REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente regolamento s intende per praticante chi sta svolgendo l iter formativo previsto dall art. 3 comma 5 D.L. 13 agosto 2011

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere 2008-2011 IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE RITENUTO CHE: a) L art. 1 DPR 101/90 dispone che la pratica forense deve essere svolta con assiduità, diligenza e che la stessa si svolge principalmente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA L Ordine dei farmacisti è un Ente pubblico non economico ausiliario dello Stato, sotto la vigilanza di alcuni Ministeri. Rappresenta tutti i farmacisti

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati:

Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO CNF DEL 13/7/2007 Articolo 1. Definizioni Nell ambito del presente atto: 1) per Regolamento

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO ART. 73 D.L.

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO ART. 73 D.L. TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO EX ART. 73 D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98, e ss.mm.) DECRETO N. 118/14 IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2016-2018 (approvato nella seduta di Consiglio del 13 gennaio 2016) 1. Introduzione:

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALLA POSIZIONE ECONOMICA C1 ALLA POSIZIONE ECONOMICA C2 profilo Socio Educativo decorrenza

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALL AREA B ALL AREA C, POSIZIONE C1 In applicazione degli artt.11 e 14 del CCNL concernente

Dettagli

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI RELAZIONE DEL COORDINATORE AVV. ALBERTO MASSIGNANI ALL ASSEMBLEA DELL UNIONE TENUTASI A PERUGIA

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO UNICO. per la Pratica Forense e l esercizio del Patrocinio. Titolo I. La Pratica Forense.

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO UNICO. per la Pratica Forense e l esercizio del Patrocinio. Titolo I. La Pratica Forense. ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO UNICO per la Pratica Forense e l esercizio del Patrocinio Titolo I La Pratica Forense Articolo 1 Il praticante Avvocato regolarmente iscritto nell apposito

Dettagli

Deliberazione n. 119/2015/PAR

Deliberazione n. 119/2015/PAR Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L'ESERCIZIO DEL PATROCINIO APPROVATO DAL CONSIGLIO DELL ORDINE NELLA SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 Iscrizione Art. 1

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale BANDO PER L AMMISSIONE ALLA PRATICA FORENSE PRESSO L'AVVOCATURA DELL'INPS

Istituto Nazionale Previdenza Sociale BANDO PER L AMMISSIONE ALLA PRATICA FORENSE PRESSO L'AVVOCATURA DELL'INPS Istituto Nazionale Previdenza Sociale BANDO PER L AMMISSIONE ALLA PRATICA FORENSE PRESSO L'AVVOCATURA DELL'INPS L Istituto Nazionale Previdenza Sociale - I.N.P.S. pubblica il presente bando per l ammissione

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

A. S. 1612 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell arretrato in materia di Processo Civile

A. S. 1612 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell arretrato in materia di Processo Civile SENATO DELLA REPUBBLICA II COMMISSIONE PERMANENTE GIUSTIZIA A. S. 1612 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell arretrato in materia di Processo Civile BREVI

Dettagli

Camera Penale Franco Bricola di Bologna

Camera Penale Franco Bricola di Bologna Camera Penale Franco Bricola di Bologna In data 22 luglio 2010 si riunisce il Consiglio Direttivo della Camera Penale Franco Bricola di Bologna. Sono presenti gli avvocati Elisabetta d Errico, Gianluca

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sezione terza, sentenza n. 3312/2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il diploma rilasciato dalle scuole di specializzazione per le professioni legali equivale ad un anno di pratica presso uno studio legale - TAR LAZIO, Sezione III, Sentenza n. 3312 del 04/05/2005 Il praticante

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Città di Torre del Greco

Città di Torre del Greco Città di Torre del Greco Provincia di Napoli Settore Avvocatura e Contratti AVVISO PUBBLICO SELEZIONE, PER TITOLI E COLLOQUIO, DI N. 6 (SEI) LAUREATI IN GIURISPRUDENZA, IN POSSESSO DEI REQUISITI PER L

Dettagli

87660544 intestato all'odcec Torre Annunziata

87660544 intestato all'odcec Torre Annunziata ALL. 1.1 C1 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TORRE ANNUNZIATA (Circoscrizione del Tribunale di Torre Annunziata) DOCUMENTI DA PRODURRE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO LE DOMANDE

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE DIPARTIMENTO GIURIDICO AVVISO PUBBLICO PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE

Dettagli

Il Responsabile del Procedimento

Il Responsabile del Procedimento AVVISO PUBBLICO di procedura comparativa per conferimento incarico di domiciliazione avanti il Tribunale di Roma nel procedimento di ingiunzione nei confronti del Ministero della Giustizia e successive

Dettagli

COMUNE DI CAMPOSANO. Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI CAMPOSANO. Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI LEGALI COMUNE DI CAMPOSANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI LEGALI ART.1 Il presente Regolamento disciplina gli incarichi conferiti per l espletamento di attività di assistenza

Dettagli

Compiti istituzionali dell'ordine:

Compiti istituzionali dell'ordine: ORDINE PROVINCIALE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CARTA DEI SERVIZI Cos è l Ordine dei Farmacisti e cosa fa L Ordine, a differenza delle altre organizzazioni fra farmacisti, è un Ente

Dettagli

La Formazione professionale continua

La Formazione professionale continua La Formazione professionale continua E scattato per gli avvocati l obbligo della formazione professionale continua, con la partecipazione (obbligatoria) ad eventi formativi per conseguire in un triennio

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

Visto il D.Lgs. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna ;

Visto il D.Lgs. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna ; Settore Risorse Umane e Centrale Unica di Committenza Oggetto: Avviso di selezione pubblica per il reclutamento di n. 1 praticante avvocato per l espletamento del tirocinio forense presso l Avvocatura

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell articolo 9 della legge 31

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 311 del 25 settembre

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

Simonetta Garbati. Via Ciusa, n. 21 Cagliari 09131 Ufficio 070-4092411 sgarbati@provincia.cagliari.it

Simonetta Garbati. Via Ciusa, n. 21 Cagliari 09131 Ufficio 070-4092411 sgarbati@provincia.cagliari.it Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Simonetta Garbati Via Ciusa, n. 21 Cagliari 09131 Ufficio 070-4092411 sgarbati@provincia.cagliari.it Sesso femminile Data di nascita 18/10/1961 Nazionalità Italiana

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE CAPO I Iscrizione al Registro Speciale dei Praticanti 1 Il laureato che intenda avviarsi alla

Dettagli

Bando di esame di abilitazione all'esercizio della professione di Avvocato - Sessione 2010. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

Bando di esame di abilitazione all'esercizio della professione di Avvocato - Sessione 2010. IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Bando di esame di abilitazione all'esercizio della professione di Avvocato - Sessione 2010. (G.U. n. 58 del 23-7-2010-4 a serie speciale) IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Visti il regio decreto-legge 27 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI REGOLAMENTO AVVOCATI ELENCO SPECIALE NAPOLI 2015 Prefazione Con l art. 23 della L. 247/12, istitutiva del nuovo ordinamento forense, viene portato a termine

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3916 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBIERI, CARLUCCI Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari

Dettagli

SCHEDA DI LETTURA Regolamento per lo svolgimento del tirocinio mediante frequenza di corsi di formazione professionale Roma, aprile 2016 Indice Aspetti generali Descrizione del contenuto 3 5 2 Aspetti

Dettagli

Diritto 1. Ammissibilità soggettiva ed oggettiva. 1.1 1.2 1.3

Diritto 1. Ammissibilità soggettiva ed oggettiva. 1.1 1.2 1.3 Deliberazione n. 140/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Bando di esame per l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato - sessione 2013.

Bando di esame per l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato - sessione 2013. MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, CONCORSO (scad. 11 novembre 2013) Bando di esame per l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato - sessione 2013. (GU 4a Serie Speciale - Concorsi ed Esami n.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI ART. 1 Finalità della Scuola 1. E' istituita, presso il Dipartimento di

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO

REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO ARTICOLO 1 DOMANDA E COMUNICAZIONI DEL PRATICANTE 1) Il praticante, al momento della presentazione della domanda di iscrizione al registro

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIUSEPPINA GIGLIOTTI Indirizzo 7,PIAZZA E.TORRICELLI, 56126 PISA, ITALIA Telefono 349-0077224 Fax E-mail

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Ufficio Legislativo Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Alla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee e per conoscenza al Segretariato Generale Oggetto:

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 232 del 24 /08/2006 Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l ordinamento

Dettagli

COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA

COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA C.A.P. 70024 Partita Iva 0036498722 Codice Fiscale 82000970721 PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI (approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

Publika.it. Del. n. 452/2012/PAR

Publika.it. Del. n. 452/2012/PAR Assunzione a tempo determinato per sostituzione maternità e art. 9, comma 28, d.l. 78/2010 Corte dei Conti Toscana, deliberazione n. 452/2012/PAR del 12 dicembre 2012 commento e testo Publika.it La Corte

Dettagli

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con:

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con: Diritto Tributario Master Universitario di secondo livello Facoltà di Economia III edizione Anno Accademico 2013/2014 In collaborazione con: L Università Cattolica del Sacro Cuore attiva per l anno accademico

Dettagli

Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria

Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA approvato con modifiche e integrazioni il 24 luglio 2009. REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA

Dettagli

CURRICULUM. Avv. Giuseppe Frugis, nato a Bari il 21.4.1941, ed ivi residente alla via C. Rosalba 10.

CURRICULUM. Avv. Giuseppe Frugis, nato a Bari il 21.4.1941, ed ivi residente alla via C. Rosalba 10. CURRICULUM Avv. Giuseppe Frugis, nato a Bari il 21.4.1941, ed ivi residente alla via C. Rosalba 10. Laureato in giurisprudenza presso l Università di Bari il 21.4.1970; Avvocato dal 4.5.74 ; Abilitato

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX CAPITOLO I LINEAMENTI DI ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE 1. Ordinamento professionale forense, pluralità degli ordinamenti

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Avvocatura Settore Diritto Civile. raffaellaparodi@comune.genova.it. Settore diritto civile

CURRICULUM VITAE. Avvocatura Settore Diritto Civile. raffaellaparodi@comune.genova.it. Settore diritto civile CURRICULUM VITAE A INFORMAZIONI PERSONALI Nome PARODI RAFFAELLA matricola 515930 Struttura di appartenenza Avvocatura Settore Diritto Civile Telefono 010.55.72.467-3299077364 Fax 010.55.72.695 010.55.72.847

Dettagli

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO Istituto Regionale di Ricerca Sperimentazione e Aggiornamento Educativi per il Lazio Prot. n. 4298/P Roma, 12 aprile 1999 LA PRESIDENTE VISTA la L. 6 luglio 1940, n. 1038, concernente

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLII BARI, 7 OTTOBRE 2011 N. 156 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Verona - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; - visto il decreto legislativo

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede di essere iscritto/a al Registro dei Praticanti Avvocati. Il/La sottoscritto/a consapevole

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb.

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb. ACCORDO tra L Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Pesaro e Urbino e il dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12 recante Norme per l ordinamento

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, SENTENZA R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, composto dai Signori: Stefano Baccarini Germana Panzironi Giulia Ferrari

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 Il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria nella seduta del sentito il relatore Domenico CHINDEMI; emana la seguente risoluzione: (MODIFICA E INTEGRAZIONE

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli