CONVEGNO DEONTOLOGIA 28 SETTEMBRE 2012 IL COMPENSO DELL AVVOCATO - I NUOVI PARAMETRI TARIFFARI EX DM 140/ PROBLEMATICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVEGNO DEONTOLOGIA 28 SETTEMBRE 2012 IL COMPENSO DELL AVVOCATO - I NUOVI PARAMETRI TARIFFARI EX DM 140/2012 - PROBLEMATICHE"

Transcript

1 CONVEGNO DEONTOLOGIA 28 SETTEMBRE 2012 IL COMPENSO DELL AVVOCATO - I NUOVI PARAMETRI TARIFFARI EX DM 140/ PROBLEMATICHE Colleghe, colleghi, amici, Un grazie affettuoso a tutti per la partecipazione massiccia, dovuta penso alla stringente attualità della questione che sottopongo alla Vostra attenzione oggi, con l intento di evidenziare problematiche e criticità piuttosto che offrire soluzioni. Forse parecchi di Voi sono venuti oggi a questo convegno con la convinzione o con la speranza di trovare soluzioni ai tanti problemi che si pongono con la liberalizzazione della professione e l adozione dei parametri tariffari, debbo disilludervi subito, non ho nessuna bacchetta magica, cercherò soltanto di evidenziare le incongruenze della normativa e di darvi, con la modestia del caso, qualche suggerimento personale. Noto con piacere la presenza di numerosi over, voglio dire colleghi esentati dalla partecipazione ai corsi di formazione per anzianità di iscrizione, significa che l oggetto del convegno interessa o piuttosto preoccupa e questo mi aiuta ad illudermi che il mio sforzo non sia stato vano.

2 Prima di tuffarci nell oggetto del convegno, consentitemi di spendere due parole sulla situazione del nostro tribunale, sopravvissuto alla falcidia della revisione delle circoscrizioni giudiziarie, anche se l obiettivo iniziale della nostra lotta era più ambizioso, ovvero ottenere un congruo ampliamento della circoscrizione; ricorderete la delibera assembleare con la quale avevamo ipotizzato la costituzione di un tribunale del Cilento, con competenza territoriale da Capaccio a Sapri; in tal senso non tutto è perduto in quanto sono ancora possibili aggiustamenti e modifiche delle circoscrizioni ferme restando le soppressioni durante i prossimi dodici mesi. Ed è a tale obiettivo che sarà dedicato il nostro impegno ed i nostri sforzi. Anche se a Voi il risultato finale della battaglia combattuta per il tribunale sarà sembrato ovvio (forse perché non avete vissuto momenti drammatici o sofferto le tensioni scoppiate in altri fori), così non è stato e senza vanteria alcuna - ritengo che l operato di questo Consiglio dell Ordine, del Vostro Consiglio dell Ordine sia stato determinato, razionale, discreto e concreto, forse senza slanci eroici ma anche senza sbavature: debbo perciò ringraziare e penso che Voi tutti Vi unirete nel ringraziamento tutti i consiglieri, 2

3 miei compagni d arme in questa battaglia, che si sono impegnati con unità, dedizione e sacrificio del loro tempo. Grazie a tutti. Voglio ancora darvi una notizia interessante. Con il DPR 137/2012 del 7 agosto 2012, pubblicato in G.U. del 14 agosto (Regolamento di attuazioine dei pricipi dettati dall art.3 comma 5 DL. 138/2011 in materia di professioni regolamentate) è da intendersi abrogata la legge 339/03 in forza degli artt. 2 e 12 del DPR medesimo, con data agosto Cosa significa? Significa che a partire dal mese di agosto 2012 scorso sono abrogati i divieti che non consentivano l iscrizione all albo degli avvocati dei dipendenti pubblici part time e dei dipendenti in un rapporto di lavoro privato subordinato. Secondo la mio modesta opinione a questo punto - dovrebbero scomparire anche gli albi speciali, che non avrebbero più ragion d essere, ma di ciò parleremo diffusamente in un prossimo convegno che, Vi anticipo, terremo ad Agropoli al fine di alleviare il comprensibile disagio cui sottoponiamo i colleghi saracini che si sobbarcano la trasferta a Vallo ad ogni corso. Posso dirvi che il nostro Ordine si è prontamente adeguato alla novità e sono già disponibili i moduli di iscrizione aggiornati. E veniamo alle dolenti note. 3

4 Con l emanazione del Decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del 20 luglio 2012, contenente il Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le professioni regolarmente vigilate dal Ministero della Giustizia, ai sensi dell articolo 9 del decreto legge 24 gennaio 2012 n. 1, convertito, con modificazioni, nella legge 24 marzo 2012 n. 27, è stato completato, almeno dal punto di vista normativo, il processo di modifica delle disposizioni che regolano la determinazione del compenso per l attività professionale dell avvocato. Le norme contenute nel citato DM 240/2012 integrano, per alcuni aspetti, il DL 1/2012, ed è soprattutto alla luce del confronto di queste due norme che valuteremo le novità che ci riguardano e sicuamente ci affliggeranno. Riducendo ai minimi termini il significato della riforma, si può dire che le tariffe sono state abrogate, i diritti ed il rimborso forfettario sono scomparsi dalla nota spese, è praticamente indispensabile stipulare un contratto scritto con il cliente all atto del conferimento dell incarico. Questo in estrema sintesi, più avanti vedremo nel dettaglio. 4

5 Debbo informarvi che il Consiglio Nazionale Forense, con deliberazione adottata in data 5 settembre 2012, ha deciso di impugnare dinanzi al TAR i regolamenti dell esecutivo su professioni e parametri. Il decreto legge nr. 1 del 2012 (e la legge di conversione nr. 27) si riferiscono a tutti i nuovi incarichi, dato che la disposizione prevede che il compenso sia obbligatoriamente pattuito al momento dell incarico professionale, quindi rimangono esclusi dalla normativa in questione i compensi dei mandati professionali in corso di attuazione, e perciò tutti quelli relativi ai giudizi già iniziati. Tanto sicuramente per quanto riguarda il rapporto avvocato-cliente. Qualche problema pratico potrebbe porsi per quanto riguarda la liquidazione giudiziale dei compensi operata dal magistrato; qualche pronuncia di merito, al riguardo ha ritenuto l applicabilità delle vecchie tariffe sino alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto, ovvero sino al 23 luglio 2012, nel senso che soltanto per le prestazioni professionali rese dopo tale data il giudice dovrebbe effettuare la liquidazione con i parametri. La proroga all utilizzabilità delle tariffe era, peraltro, esplicitamente contenuta nel dl 1/2012. Anche tale soluzione, senonchè, implica delle dificoltà operative, in quanto il giudice dovrebbe operare la 5

6 liquidazione delle competenze applicando la vecchia tariffa alle prestazioni rese ante riforma, con annesso il rimborso forfettario del 12,5% previsto, rimborso che va invece escluso per le prestazioni successive al 24 luglio Naturalmente tale distinguo non appare applicabile al rapporto avvocato-cliente che, se sorto in epoca anteriore al 24 gennaio 2012, resta regolato dalle tariffe abrogate. Non mi pare che di tanto si possa dubitare, anche perché, diversamente opinando, si dovrebbe poter stipulare un contratto d opera integrativo per le prestazioni effettuate in favore del cliente successivamente al 23 luglio 2012 ed al riguardo manca qualsiasi accenno nella legge. Ritengo, in ogni caso, che non si possa assolutamente parlare di retroattività dell efficacia dei parametri, men che meno per quanto riguarda il rapporto avvocato-cliente. E facile, però, ipotizzare che qualche giudice, nel liquidare le spese poste a carico del soccombente, ritenga di utilizzare tout court i parametri, evitandosi coì il fastidio di una liquidazione mista (tariffe e parametri in base al tempo della prestazione) ed evitando di complicarsi la vita. Io non la intendo così ma dato per scontato lo stakanovismo dei giudici - possiamo aspettarcelo. 6

7 Il Governo attuale si è proposto di riformare, nell interesse dei consumatori e dell economia nazionale, il vetusto sistema delle professioni ed in particolare di dare ampia chiarezza e consapevolezza sui costi ai quali gli utenti andranno incontro, nel caso in cui dovessero fare un patto con un avvocato (ma questo vale anche per le altre professioni ordinistiche). In sostanza si vuole, mediante un preventivo ed un accordo scritto, fissare con certezza i costi legali e dare la possibilità al singolo consumatore di comparare le diverse opzioni possibili e, quindi, di scegliere, in tutta scienza e coscienza, a chi rivolgersi. Il fine, astrattamente considerato, si può dire giusto e condivisibile; gli strumenti pratici scelti e soprattutto le implicazioni specie di sistema che si prospettano, tutt altro. Ciò che è in gioco, infatti, non è tanto la precisa definizione, magari utile anche ai fini di ispezioni fiscali o, assai più inverosimilmente, per mandare in soffitta ogni presunzione tributaria sull entità dei proventi, del compenso dovuto all avvocato, ma la natura stessa del rapporto fiduciario. Purtroppo, ciò che cambia non è tanto e soltanto l aspetto economico del rapporto tra avvocato e cliente, ma la natura stessa di esso, il quale da questa visuale diviene innanzitutto un rapporto 7

8 patrimoniale, perdendo ogni sostanziale rilevanza giuridica l aspetto fiduciario e professionale. E, come vedremo più avanti, viene ad essere inficiato anche il rapporto avvocato-cliente. Quella che è stata sbandierata come una delle maggiori innovazioni contenute nel decreto legge sulle liberalizzazioni, cioè l abrogazione delle tariffe, ha in realtà una valenza assoltamente simbolica. Difatti lo scardinamento del sistema tariffario, con l abolizione dei minimi, era stato già attuato nel 2006 con la famosa legge Bersani. Un serio approccio al tema sarebbe dovuto partire da un analisi degli effetti che in concreto l abolizione dell obbligatorietà delle tariffe minime ha determinato sul versante dei benefici per i consumatori nonché per le micro, piccole e medie imprese: probabilmente tale analisi avrebbe condotto da un lato a qualche sorpresa in negativo per gli oppositori del sistema tariffario, dall altro avrebbe certamente consentito di verificare i vantaggi significativi di cui hanno beneficiato le grandi imprese, le banche, le assicurazioni ed in generale i grossi clienti a discapito dei professionisti. Imprese, banche ed assicurazioni che hanno pressato perché la riforma si facesse e che sono poi, in definitiva, i veri beneficiari della riforma stessa. L unica novità rilevante è, in realtà, costituita dall abolizione dei massimi tariffari, sicchè il professionista potrà pattuire qualunque 8

9 compenso con il cliente, purchè quest ultimo sia adeguato all importanza dell opera, come si legge nel contesto del terzo comma dell art. 9 del decreto 1/2012. Si passa, dunque, da un sistema in cui l adeguatezza del compenso all importanza dell opera veniva ad essere tradotta in numeri (calibrati sulla complessità dell incarico e sul suo valore economico) ad un sistema in cui la valutazione della sua sussistenza rischia di rimanere affidata, nei fatti, a meccanismi vagamente equitativi e, di fatto, più aleatori e pericolosi. E veramente incomprensibile capire quali effetti possa avere l abrogazione delle tariffe sulla crescita economica e sull incremento della concorrenza. Su quest ultima, poi, il numero di avvocati all attualità e siamo già tanti, quanti quelli dell intera Europa dovrebbe essere ulteriormente implementato, quando è un dato assolutamente pacifico che siamo fin troppi, tant è che il Consiglio Nazionale Forense ha da tempo allo studio norme per ridurre l accesso indiscriminato alla professione. Vi dò un notizia in tempo reale: oggi è fissata una riunione in via Arenula con il Ministro della Giustizia ed i vertici degli organismi forensi e delle Università per concertare un sistema che limiti fortemente l accesso alla professione. Vi anticipo pure che manca la 9

10 sintonia sul punto dove fissare lo sbarramento (all atto dell iscrizione all Università, al momento della laurea o alla specializzazione). La contraddittorietà palese del provvedimento adottato dal Governo sta nel fatto che, abolite le tariffe, quest ultimo si è reso immediatamente conto della necessità della loro esistenza in un sistema razionale. Ovviamente ha cambiato loro nome, definendole parametri, la cui determinazione è avvenuta mediante il decreto ministeriale contenente le tabelle allegate alla legge 27/2012. Consideriamo, ora l utilizzo dei parametri nella sede propria ipotizzata nella legge, ovvero quella della statuizione sulle spese giudiziali da parte del giudice. Non sarà certamente possibile per il giudice operare una valutazione tenendo come parametro quanto pattuito tra l avvocato della parte vittoriosa e quest ultima, anzitutto perché il contratto stipulato fra avvocato e cliente è efficace solo inter partes e non nei confronti di terzi, ex art codice civile. Anche perché, se così fosse, non occorre una fantasia notevole per immaginare condotte speculative, basate sul presupposto della solvibilità della controparte (ad esempio una banca o una compagnia di assicurazione). Ciò nonostante il comma 1 dell art. 1 del DM 140/2012 assegna una priorità all accordo delle parti intorno al compenso e di ciò è 10

11 chiamato a tenere conto anche il giudice. Il comma 1 (secondo il quale il giudice applica i parametri in assenza di accordo tra le parti) va letto in combinato disposto con il successivo comma 6, che statuisce che l assenza di prova del preventivo di massima costituisce elemento di valutazione negativa da parte dell organo giurisdizionale per la liquidazione del compenso. Riflettiamo per un momento sull ipotesi in cui venga iniziata una causa civile e l avvocato diligentemente inserisca nel proprio fascicolo come pare richiedere la norma citata copia del contratto sottoscritto con il cliente-parte. Di tale accordo sul piano economico il giudice dovrebbe tenere conto in sede di liquidazione del compenso, senonchè: a) Nel caso in cui la parte sia soccombente e la vicenda delle spese legali segua (come non sempre, per la verità, avviene) la soccombenza, il giudice non interverrà sull argomento, trattandosi di questione tra privati e il cliente-parte soccombente sarà naturalmente obbligato al pagamento del compenso convenuto contrattualmente con il legale (ma è ben evidente che la sua produzione in giudizio non avrà avuto il benchè minimo rilievo pratico); 11

12 b) Nel caso in cui il cliente sia la parte vittoriosa, il giudice non potrà che almeno di regola essere vincolato ai parametri del decreto anche perché, per esempio, l avvocato e il cliente potrebbero aver concordato, per l ipotesi di vittoria della causa, un compenso irragionevole dunque assai superiore a qualunque parametro; nella fattispecie non si vede come del libero accordo tra due privati si dovrebbe fare carico un terzo (cioè la controparte soccombente) estraneo al medesimo. D altra parte, se è vero che la liquidazione giudiziale non pregiudica ulteriori richieste economiche dell avvocato al cliente parte vittoriosa, l assenza di un contratto scritto costringerebbe il professionista a rivolgersi al giudice per vedersi riconosciuto l ulteriore compenso rispetto a quello liquidato in sentenza, con l onere di comprovare il relativo diritto di credito. Tali considerazioni sono ovviamente ripetibili anche per le fattispecie di mezzo (soccombenza ripartita tra le parti) e. confermando l importanza della definizione del compenso tra professionista e cliente, avvertono altresì della sua totale inutilità dinanzi all autorità giudiziaria. Da cui consegue la stravaganza del citato comma 6: se questo preventivo di massima al giudice di fatto non serve, allora perché il medesimo è chiamato a sanzionare peraltro con piena ed 12

13 illimitata ed irragionevole discrezione, stando alla lettera della norma l assenza del contratto scritto nel fascicolo di parte? L unica spiegazione è che si sia voluto enfatizzare di per sé a prescindere dall effettivo rilievo pratico della statuizione l obbligo di stipulazione di un contratto. E ancora, ipotizzando la mancanza del consenso preventivo fra avvocato e cliente in ordine al compenso, quest ultimo dovrà essere determinato dal giudice, atteso che l inottemperanza all obbligo della pattuizione ha come conseguenza soltanto la necessità per il professionista in assenza di pagamento da parte del cliente di esperire un azione finalizzata alla liquidazione del compenso, non certamente la perdita del diritto al compenso per l attività svolta. L indubbia complessità dell attuale quadro normativo e la molteplicità di ipotesi che si potrebbero verificare mi inducono a suggerirvi come ho già fatto in un precente convegno subito dopo il DL 1/2012 di regolare bene il rapporto con il cliente attraverso la stipula di un contratto scritto che disciplini il conferimento dell incarico professionale e la conseguente determinazione del compenso dovuto all avvocato. Ciò soprattutto in considerazione del disposto dell art terzo comma del codice civile, che sancisce la nullità 13

14 del patto tra avvocato e cliente avente ad oggetto i compensi professionali se non redatto in forma scritta. Tale norma, infatti, pur prevista per disciplinare i patti in deroga alle tariffe, rimane in vigore e potrebbe essere richiamata per giustificare la obbligatorietà ad substantiam della forma scritta della pattuizione. In caso di mancata pattuizione del compenso, invero, non vi è la nullità dell intero rapporto professionale, ma solo la nullità dell accordo sul compenso, che rende necessario il ricorso al giudice per l effettiva liquidazione ex art secondo comma codice civile, sentito il parere dell associazione professionale alla quale il professionista appartiene, in misura adeguata all importanza dell opera ed al decoro della professione. Più avanti torneremo sull articolo 2233 cc. E, più specificamente, sull inutilità del parere del Consiglio dell Ordine. E ancora, passando al comma 7 del menzionato articolo 1, parliamo sempre del DM 140/2012, ci troviamo davanti ad una norma oserei dire insulsa. Da un lato si prevedono degli scaglioni e dei valori, si disciplinano le misure delle possibili variazioni percentuali in aumento o in diminuzione dei compensi, dall altro si vanificano queste previsioni 14

15 con una disposizione dal significato inequivoco: In nessun caso le soglie numeriche indicate, anche a mezzo di percentuale, sia nei minimi che nei massimi, per la liquidazione del compenso, nel presente decreto e nelle tabelle allegate, sono vincolanti per la liquidazione stessa. Forse si sarebbe dovuto quantomeno aggiungere che il giudice che si discosti significativamente dai parametri dovrebbe adeguatamente motivare le ragioni di fatto e/o di diritto che lo hanno portato alla diversa determinazione. Altrimenti si aprirà lo spazio ad una liquidazione arbitraria e, in quanto tale, iniqua. E adesso leggiamo il comma 6 dell articolo 4, altra disposizione ambigua, confusa e foriere per noi di guai : Costittuisce elemento di valutazione negativa, in sede di liquidazione giudiziale del compenso, l adozione di condotte abusive tali da ostacolare la definizione dei procedimenti in tempi ragionevoli. E di tutta evidenza che questa norma inserisce un elemento sinanche pericoloso nella dinamica processuale e nella progettazione e attuazione di una strategia difensiva da parte dell avvocato (e quindi nella difesa dei diritti e degli interessi della parte assistita), in quanto non è dato sapere cosa s intenda per condotte abusive e, in assenza di una chiara individuazione del 15

16 comportamento che si intende sanzionare, in astratto qualunque atto, istanza o iniziativa che si presti obiettivamente e pur inintenzionalmente ad allungare i tempi del processo possono essere compresi in questa locuzione, con i pericoli ed i rischi che ognuno può facilmente immaginare. Ma i problemi non finiscono qui. Leggiamo insieme il testo dell articolo 10 del DM 140/2012; Nel caso di responsabilità processuale ai sensi dell articolo 96 del codice di procedura civile, ovvero, comunque, nei casi d inammissibilità o improponibilità o improcedibilità della domanda, il compenso dovuto all avvocato è ridotto, di regola, del 50 per cento rispetto a quello liquidabile a norma dell articolo 11 (ovvero con i parametri). Occorre rilevare subito che: 1) l articolo 10 mette in un unico calderone fattispecie irragionevolmente diverse come sono, da un lato, la responsabilità processuale aggravata di cui all art. 96 c.p.c. e, dall altro, l inammissibilità, l improponibilità e/o l improcedibilità della domanda; 2) spesso inammissibilità, improponibilità ed improcedibilità non sono esiti del tutto ipotizzabili (almeno con un ragionevole margine di certezza) sin dal momento della domanda e con 16

17 ciò intendo riferirmi alla sussistenza di disposizioni di legge difficilmente interpretabili, oscure, ambigue e va aggiunto al carattere spesso ondivago e perfino contraddittorio delle pronunce giurisprudenziali, ai non infrequenti revirement. Non può, peraltro, sottacersi che nell ipotesi di una pronuncia di inamissibilità, improponibilità o improcedibilità della domanda, la parte nel cui interesse sia stato proposto l atto si dovrà ritenere soccombente e, dunque, la sanzione della riduzione del compenso sembra non interessare tanto la pronuncia del giudice quanto, piuttosto, interferire pericolosamente nel rapporto tra avvocato e cliente: con il paradosso che un cliente perfettamente informato della difficoltà della causa da intraprendere, che abbia condiviso ed anzi caldamente perorato al proprio avvocato l iniziativa processuale pur densa di rischi, si troverebbe nella condizione di contraddire la propria stessa decisione, allettato dalla possibilità di invocare e pretendere un sostanzioso risparmio di spesa. Tale evenienza, nondimeno, rischia di iniettare nel rapporto tra cliente ed avvocato delle pericolose riserve mentali, suscettibili di nuocere ad un sereno svolgimento della professione e ad una piena garanzia del diritto di difesa. 17

18 Altro problema che nasce dalla lettura dl DM 140 è quello relativo al compenso dell avvocato per l attività stragiudiziale svolta in favore del cliente. L articolo 1, comma 1 del decreto circoscrive l ambito di applicazione della disciplina alla liquidazione dei compensi da parte di un soggetto avente natura giurisdizionale (letteralmente l articolo all incipit recita: L organo giurisdizionale che deve liquidare il compenso dei professionisti ). I parametri debbono dunque offrire al giudice i criteri ed i limiti entro cui definire, nell ambito e a causa dell avvio di un procedimento, il compenso del professionista. La domanda sorge spontanea: che ne è dell attività stragiudiziale? Che ne è di quella congerie di prestazioni di consulenza, di trattazione della controversia in sede non o pre-contenziosa ivi inclusa l assistenza nelle negoziazioni o nelle conciliazioni fino all assistenza, per esempio, ad enti e imprese nelle attività contrattuali o di gestione, dove non sono previsti l intervento e la decisione di un giudice e che pure una parte rilevante hanno ormai nell evoluzione di una professione sempre meno forense? Come ha giustamente evidenziato il Consiglio Nazionale Forense, i parametri di cui al decreto 140 sono utilizzabili nei rapporti tra privati, senonchè l articolo 3 del decreto stesso, dedicato all attività 18

19 stragiudiziale non fa alcun riferimento a tabelle allegate e quindi a dati numerici. Sono esclusivamente presenti dei criteri deputati alla definizione del compenso piuttosto che scaglioni e correlati valori, come invece si prevede per l attività giudiziale. Dimenticanza involontaria o il solito pasticcio del legislatore? Sta di fatto che il problema certamente si pone. Cosa fare? Le soluzioni possibili, a mio modesto avviso, sono due: a) regolarsi in base all esperienza professionale e predeterminare il compenso facendo il calcolo in base alle tariffe professionali abrogate relative alle prestazioni stragiudiziali; b) applicare analogicamente i parametri previsti per l attività giudiziale. Principi di logicità e coerenza con lo spirito della legge dovrebbero far propendere per la seconda ipotesi, ma l omologia dovrebbe essere limitata alla fase di studio della controversia, non riscontrandosi normalmente l assenza di un attività introduttiva, di un attività istruttoria e di un attività decisoria. Rimane scoperto, l ampio fronte della redazione di atti, contratti etc. 19

20 Quale può essere la soluzione? Sfruttare lo spirito della liberalizzazione e porre al centro della definizione dei compensi l accordo negoziale tra avvocato e cliente, cercando di essere corretti nella determinazione del compenso e rapportandolo il più possibile alla difficoltà del problema da affrontare ed al suo valore economico. Se dunque il professionista ha stipulato il contratto d opera con il cliente, il problema è superabile, ma Vi renderete conto delle difficoltà che incontrerà l avvocato che, privo di contratto con il cliente, ricorra al giudice per la liquidazione dell attività stragiudiziale svolta. Forse questa liberalizzazione improvvisa necessita da parte nostra di un po di tempo per essere metabolizzata e concretamente attuata, forse è soltanto un problema di adattamento alla novità, problema complicato soprattutto per quelli di noi che non sono di primo pelo dall assuefazione a schemi ed impostazioni divelti dalla riforma. Un problema pratico ed immediato che si è posto a tutti noi è quello della redazione di un atto di precetto: come fare ad indicare le voci di diritti e quella di onorario, atteso che la tariffa professionale che li indica in base alle fasce di valore è stata abrogata? 20

21 Ribadisco quanto a suo tempo anticipatovi: la tariffa è stata abrogata, e con essa sono scomparsi i diritti, ai quali eravamo tanto affezionati. E sopravvissuto alla falcidia l onorario per la redazione dell atto di precetto, nella misura indicata nei parametri. Quindi l atto di precetto dovrà essere redatto intimando il pagamento del capitale, degli interessi legali o convenzionali, delle spese borsuali e dell onorario. Se non fosse espressamente previsto dal codice di rito come atto propedeutico all esecuzione forzata, suggerirei provocatoriamente di rinunciare all atto di precetto. Ovviamente con il cliente, prima della redazione dell atto, cioè al momento del conferimento dell incarico, si può pattuire un compenso per il precetto più sostanzioso della miseria indicata nei parametri. Ribadisco, poi, che l abrogazione delle tariffe comporta anche l impossibilità di richiedere al cliente, ovviamente per gli incarichi assunti dopo il 24 gennaio 2012 il rimborso forfettario del 12,5% fissato dall art. 14 della Tariffa Civile e dall art. 8 di quella penale, così come non sarà più possibile determinare in base alla tariffa il compenso per gli arbitri. 21

22 La previsione dell obligo per il professionista di fornire il preventivo, unitamente all abrogazione delle tariffe, è stata la novità più strombazzata dai media. Vediamo, invece, qual è l esatta previsione della norma e quali deduzioni e interpretazioni sono possibili. Il tenore letterale dell art. 9, quarto comma del DL 1/2012, così come convertito nella Legge 27/2012. è il seguente, e non è inutile ribadirlo essendo una norma piuttosto confusa, in parte contraddittoria ed in parte anche mal formulata. Il compenso per le prestazioni professionali è pattuito al momento del conferimento dell incarico professionale. Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per danni provocati nell esercizio dell attività professionale. In ogni caso la misura del compenso, previamente resa nota al cliente anche in forma scritta se da questi richiesta, deve essere adeguata all importanza dell opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. 22

23 Ed il comma 5 del medesimo art. 9 recita: Sono abrogate le disposizioni vigenti che per la determinazione del compenso del professionista rinviano alle tariffe di cui al comma 1. Diversi commentatori hanno interpretato la norma nel senso che l espressione previamente resa nota al cliente anche in forma scritta se da questi richiesta vada intesa come previsione di un preventivo da parte del professionista al cliente. Ciò hanno ritenuto di leggere perché la stesura originaria del decreto usava proprio il termine preventivo poi scomparso nel testo definitivo, nel quale compare, invece, l avverbio previamente. Non sono d accordo con questa interpretazione e cerco di spiegarvi perché. Sia nel linguaggio comune che nella pratica degli affari, sia anche nella terminologia legale (pensate, ad esempio ai bilanci) un preventivo è per sua natura qualcosa di provvisorio, destinato a poter variare in funzione di componenti non previsti nel momento inziale; non a caso al preventivo segue, una volta esaurita la prestazione o concluso il periodo di riferimento, un consuntivo. Se il legislatore avesse inteso prescrivere per il professionista l obbligo del preventivo, la previsione che il compenso per le prestazioni professionali è pattuito al momento del conferimento 23

24 dell incarico professionale si sovrapporrebbe inutilmente alla redazione del contratto; diversamente saremmo in ipotesi di sostanziale incomprensibilità giuridica del testo. Ovvero, delle due l una. O si ammette come sarebbe logico e giusto che quanto indicato nel preventivo possa poi, in sede di consuntivo, essere fatto oggetto di aumento (o diminuzione) in relazione alla prestazione concretamente erogata dal professionista ma ciò confliggerebbe con il tenore letterale della norma, che non parla di consuntivo oppure si ritiene che il preventivo rappresenti in sostanza la modalità di comunicazione della misura del compenso, ed allora non di preventivo si tratta, bensì di contratto, avendo rilevanza il preventivo non considerato a sé stante ma in quanto trasfuso nel contratto d opera professionale. D altronde, se si affermasse l invariabilità del compenso rispetto a quanto indicato nel preventivo, si tratterebbe di una norma del tutto irrazionale che imporrebbe al professionista di prevedere sin dall inizio l entità totale del suo compenso in relazione ad una prestazione quasi sempre del tutto incerta quanto alla sua durata, alle specifiche attività in cui si dovrà articolare ed alla complessità del suo svolgimento, complessità spesso dipendente da fattori 24

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 Sezione quarta La retribuzione del professionista Questionario n. 4 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 2. Possono essere derogati i minimi tariffari?...» 31 3. Quali sono le azioni

Dettagli

Decreto ingiuntivo e nuovi parametri: è ancora necessario il visto dell Ordine?Tribunale Varese, sez. I civile, decreto 11.10.

Decreto ingiuntivo e nuovi parametri: è ancora necessario il visto dell Ordine?Tribunale Varese, sez. I civile, decreto 11.10. Decreto ingiuntivo e nuovi parametri: è ancora necessario il visto dell Ordine?Tribunale Varese, sez. I civile, decreto 11.10.2012 commento (Andrea Bulgarelli) Il decreto ingiuntivo del tribunale di Varese

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le professioni regolamentate

Dettagli

Parte I Normativa sui compensi dell avvocato

Parte I Normativa sui compensi dell avvocato Parte I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 10 marzo 2014, n. 55. Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell art.13,

Dettagli

Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali

Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Edizioni Il Momento Legislativo s.r.l. Liquidazione giudiziale dell attività legale 2 INDICE Determinazione

Dettagli

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo.

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. (ex articolo 9 del DL 90/2014, convertito in L. 114/2014 approvato con Deliberazione

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le

Dettagli

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense Egregio Collega, il tuo quesito, in buona sostanza, è il seguente: In base alla normativa vigente, sono ripetibili dal soccombente le spese generali e/o forfettarie non liquidate dal Giudice nella sentenza?

Dettagli

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Dr. Giuseppe Paulato Art. 2233 c.c. Il compenso, se non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL COMPENSO

DETERMINAZIONE DEL COMPENSO DETERMINAZIONE DEL COMPENSO Per rendere consapevole la decisione del Cliente e trasparente il rapporto che si va ad instaurare abbiamo creato questo documento che spiega i criteri per la determinazione

Dettagli

INFORMATIVA PUBBLICA

INFORMATIVA PUBBLICA Presidi Ospedalieri: Bollate, Garbagnate M.se, Passirana, Rho INFORMATIVA PUBBLICA PER L AGGIORNAMENTO DI UN ELENCO DI AVVOCATI CUI CONFERIRE EVENTUALI INCARICHI DI : DIFESA/RAPPRESENTANZA IN GIUDIZIO

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI ALL ENTE Il presente regolamento, composto da n. 19 articoli, è stato approvato dal Commissario

Dettagli

(facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile)

(facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile) (facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile) CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig.... nato a... il..., cod. fisc...., residente in..., via..., n....

Dettagli

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26 PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 - Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per

Dettagli

Tariffe degli onorari, diritti e indennità spettanti agli avvocati per le prestazioni giudiziali in materia civile, amministrativa e tributaria

Tariffe degli onorari, diritti e indennità spettanti agli avvocati per le prestazioni giudiziali in materia civile, amministrativa e tributaria CAPITOLO I Allegato al decreto del ministro della Giustizia Tariffe degli onorari, diritti e indennità spettanti agli avvocati per le prestazioni giudiziali in materia civile, amministrativa e tributaria

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE.

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. *********************** Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di

Dettagli

PARERI di CONGRUITA PARCELLE

PARERI di CONGRUITA PARCELLE RACCOLTA DELIBERE E MASSIME del Consiglio dell Ordine di Sassari dal 01.02.2010 aggiornata al 26.02.2014 a cura del Consigliere Segretario avv. Silvio Zicconi in Tema di : PARERI di CONGRUITA PARCELLE

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012 Numero 00161/2013 e data 18/01/2013 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012 NUMERO AFFARE 12463/2012 OGGETTO:

Dettagli

A COSA SERVE L OPINAMENTO DELLE PARCELLE PROFESSIONALI

A COSA SERVE L OPINAMENTO DELLE PARCELLE PROFESSIONALI 1. Premesse S:\ORDINE\2013\articolipersito\ opinamento A COSA SERVE L OPINAMENTO DELLE PARCELLE PROFESSIONALI Premetto che, seppure a fasi alterne, forse anche a causa del periodo di stagnazione economica

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER IL CONFERIMENTO DA PARTE DELL AUTOMOBILE CLUB PRATO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA A NORMA DELL ART.

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER IL CONFERIMENTO DA PARTE DELL AUTOMOBILE CLUB PRATO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA A NORMA DELL ART. REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER IL CONFERIMENTO DA PARTE DELL AUTOMOBILE CLUB PRATO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA A NORMA DELL ART. 7, COMMI 6 E 6 BIS, DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001,

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA Adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione

Dettagli

EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006

EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006 Regolamento per il servizio legale RO/038 CITTA DI SANTENA Edizione 2 Revisione 0 NORMAZIONE EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006 2 Rev.0

Dettagli

I nuovi parametri forensi, la proposta del CNF: una prima analisi dell auspicata novella. di Filippo Pistone

I nuovi parametri forensi, la proposta del CNF: una prima analisi dell auspicata novella. di Filippo Pistone Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 ----------------------------------------------- I nuovi parametri forensi, la proposta del CNF: una prima analisi dell auspicata

Dettagli

RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi

RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi LEGGE 14 settembre 2011, n. 148 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

(facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività penale)

(facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività penale) (facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività penale) CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig.... nato a... il..., cod. fisc...., residente in..., via..., n....

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

PREVENTIVO CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE., nato a ( ) il e residente in., alla Via, cod. fisc., (identificato

PREVENTIVO CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE., nato a ( ) il e residente in., alla Via, cod. fisc., (identificato PREVENTIVO CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge tra :, nato a ( ) il e residente in, alla Via, cod. fisc., (identificato con

Dettagli

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha RELAZIONE SULLE MODIFICHE APPORTATE AL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE IN APPLICAZIONE DEL D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248. A distanza di poco più

Dettagli

Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002.

Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002. Al Sig. Presidente del Tribunale di Patti Oggetto: Patrocinio a spese dello Stato nel processo civile. Recupero delle spese nelle ipotesi previste dall art. 134 del D.P.R. n. 115/2002. I seguenti quesiti,

Dettagli

Parametri d.m. 140/2012

Parametri d.m. 140/2012 Parametri d.m. 140/2012 Allegato a Il Notiziatio Novembre 2012 TABELLE DELLE NOTE SPESE E PROSPETTI DEI COMPENSI PROFESSIONALI PROCEDIMENTI DI INGIUNZIONE - TRIBUNALE pag 2 PARAMETRI d.m. 20 luglio 2012,

Dettagli

Comune di Baranzate Provincia di Milano

Comune di Baranzate Provincia di Milano Comune di Baranzate Provincia di Milano Area Segreteria Generale Personale - CED REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI ALL ENTE Approvato con delibera di Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

REQUISITI GENERALI MODALITA DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

REQUISITI GENERALI MODALITA DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AVVISO per la costituzione di un Albo aziendale di Avvocati esterni finalizzato al conferimento di incarichi di patrocinio legale per la difesa in giudizio dell Azienda USL 4 Teramo In esecuzione della

Dettagli

Criteri per la determinazione del compenso forfettario

Criteri per la determinazione del compenso forfettario Via Di Pettorano N.11 73100 LECCE Tel/fax 0832.492179 Cell.338.7079547 Pec:avvannagentile@pecavvocati.com Mail:anna_gentile@tin.it AVV. ANNA GENTILE L avv. Anna Gentile, con studio legale in Lecce alla

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO GIUDIZIALE E STRAGIUDIZIALE E MODALITA DI CONFERIMENTO INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione del

Dettagli

ORDINE dei DOTTORI COMMERCIALISTI di IVREA PINEROLO TORINO

ORDINE dei DOTTORI COMMERCIALISTI di IVREA PINEROLO TORINO Incontro del 18 ottobre 2006, ore 18.00 - Tariffa e Deontologia Dott. Pier Vittorio Vietti - Formazione Professionale Continua Deontologia e Azione Disciplinare Dott. Mario Pia Delle Professioni Intellettuali

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

PROPOSTA DI PARAMETRI PER L' ATTIVITÀ FORENSE

PROPOSTA DI PARAMETRI PER L' ATTIVITÀ FORENSE PROPOSTA DI PARAMETRI PER L' ATTIVITÀ FORENSE ROMA 12 MAGGIO 2012 Consiglio Nazionale Forense INDICE RELAZIONE COMMISSIONE TARIFFE NORMATIVA TABELLE RELAZIONE COMMISSIONE TARIFFE Sin dal suo insediamento,

Dettagli

Comune di Palma di Montechiaro Provincia di Agrigento

Comune di Palma di Montechiaro Provincia di Agrigento Comune di Palma di Montechiaro Provincia di Agrigento DISCIPLINARE D ONERI/SCHEMA DI CONTRATTO Oggetto: Contratto di Appalto servizio giuridico-legale per il Comune di Palma di Montechiaro PREMESSE - Il

Dettagli

I crediti dell'avvocato

I crediti dell'avvocato Alumni Litubium Claviere (TO) - 12 e 13 Dicembre 2104 I crediti dell'avvocato Nuovi e vecchi scenari dopo le recenti riforme I rapporti con i clienti 2 Prima Durante Dopo Premessa: riforma del Tariffario

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB PADOVA

AUTOMOBILE CLUB PADOVA AUTOMOBILE CLUB PADOVA REGOLAMENTO RECANTE LE LINEE GUIDA PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI (art. 7, commi 6 e 6bis, D.Lgs. n. 165/2001) Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO AD AVVOCATI ESTERNI DI INCARICHI PER L ASSISTENZA E PATROCINIO LEGALE DELL AZIENDA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO AD AVVOCATI ESTERNI DI INCARICHI PER L ASSISTENZA E PATROCINIO LEGALE DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO AD AVVOCATI ESTERNI DI INCARICHI PER L ASSISTENZA E PATROCINIO LEGALE DELL AZIENDA ART. 1) Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità per la formazione, la tenuta

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a MODIFICHE AL D.M. 140/2012 Premessa Con la Riforma delle Professioni ed il Decreto Parametri si è inteso abbandonare una logica di predeterminazione amministrativa

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI Art. 1 Disposizioni generali Il presente regolamento disciplina in via generale i rapporti, anche

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE., nato a ( ) il e residente in., alla Via, cod. fisc., (identificato

CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE., nato a ( ) il e residente in., alla Via, cod. fisc., (identificato CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge tra :, nato a ( ) il e residente in, alla Via, cod. fisc., (identificato con valido documento

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche:

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: 1) copertura delle spese giudiziali e stragiudiziali, sia civili che penali;

Dettagli

LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012

LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012 AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Regionale delle Marche LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012 1 LA NORMA La mediazione ( Il reclamo e la mediazione ) è stata inserita nel

Dettagli

NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA. Art. 1. Determinazione consensuale del compenso

NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA. Art. 1. Determinazione consensuale del compenso PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE NORMATIVA DELIBERATA NELLA SEDUTA AMMINISTRATIVA STRAORDINARIA DEL 03/05/2013 NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1420 del 19/12/2013 OGGETTO: Regolamento per l'affidamento di incarichi legali. Il Direttore della SC Legale e Assicurazioni

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI A PROFESSIONISTI ESTERNI ALL ENTE

PROVINCIA DI BRINDISI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI A PROFESSIONISTI ESTERNI ALL ENTE PROVINCIA DI BRINDISI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI A PROFESSIONISTI ESTERNI ALL ENTE Approvato con delibera n. 9 del 31.01.2013 del Commissario Straordinario con i poteri della Giunta

Dettagli

Capitolo 6 IL COMPENSO DELL AVVOCATO

Capitolo 6 IL COMPENSO DELL AVVOCATO Capitolo 6 IL COMPENSO DELL AVVOCATO di Alessia Vanni Sommario: 1. Il diritto dell avvocato al compenso. 2. La determinazione consensuale (la regola). 3. La determinazione unilaterale (l eccezione): dalle

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO IL GIUDIZIO DI COGNIZIONE: 1) L AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER CONVALIDA DI SFRATTO LA FASE SOMMARIA

Dettagli

A. CONSIDERAZIONI GENERALI

A. CONSIDERAZIONI GENERALI A. CONSIDERAZIONI GENERALI L'art. 13 della L. 31.12.2012 n. 247 (Ordinamento Professionale Forense) prevede, al comma 6, un decreto emanato dal Ministro della Giustizia, su proposta del C.N.F., che indichi

Dettagli

c) per l'attività stragiudiziale viene introdotto un criterio percentualistico, indicato nella misura tra il 5 e il 20% del valore dell'affare;

c) per l'attività stragiudiziale viene introdotto un criterio percentualistico, indicato nella misura tra il 5 e il 20% del valore dell'affare; E al Ministero della Giustizia si lavora per modificare i parametri e l'accesso alla professione forense. La proposta di modifica del Ministero della Giustizia al D.M. 140/2012 Diritto e giustizia.it di

Dettagli

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria Comune n. 178 di del 20-03-2009 Argenta PROVINCIA DI FERRARA Determinazione SETTORE: Ragioneria OGGETTO: Incarico Legale all Avvocato Riccardo Caniato per l assistenza preliminare in giudizio e la costituzione

Dettagli

Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle

Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle Venezia 21 luglio 2009 Massimo Mellacina (Consigliere Delegato Area Tariffe) Le novità della tariffa ed il parere di liquidazione parcelle Venezia 21 luglio 2009 Parere liquidazione parcelle 1 Fonti normative

Dettagli

Parametri e Tariffa professionale a confronto

Parametri e Tariffa professionale a confronto S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La valorizzazione economica delle prestazioni professionali Parametri e Tariffa professionale a confronto Dott. Rag. Angelo Di Leva 3 aprile 2014 Sala Convegni

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Municipale n. 13 del 18 gennaio 2012 1 Titolo I - ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA Il presente protocollo recepisce le indicazioni emerse all interno del gruppo di lavoro istituito all interno

Dettagli

I compensi dell avvocato

I compensi dell avvocato I compensi dell avvocato Introduzione La disciplina dei compensi dell avvocato per l attività professionale resa in favore del cliente è dettata dall art. 13 L. 31/12/2012 n. 247, «Nuova disciplina dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax.

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. Studio Legale MM & PARTNERS Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. 02/76407336 Mediazione Civile & Commerciale Avv. Maria Sorbini m.sorbini@mmjus.it INDICE: 1. DOPO UN TORMENTATO

Dettagli

DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA

DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA Approvata con Deliberazione della Giunta Provinciale n. 3 del 14.1.2013 INDICE: Art. 1 Oggetto della disciplina

Dettagli

CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI

CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI 2 ATTIVITÀ ESECUTIVA E TUTELA GIURISDIZIONALE 5 CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI SOMMARIO: 1. Orientamenti generali e schema della disciplina del processo di esecuzione. 2.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI SCHEMA CONVENZIONE ALLEGATO 1 SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI L anno 2014, il giorno. del mese di, in Paternò (CT), nei

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE Il PCT nel decreto legge 24 giugno 2014, n. 90 (Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l efficienza degli uffici giudiziari) Sommario: 1. Premessa. 2. Entrata in vigore

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE RELATIVO ALLA PROPOSTA DI CONTRATTO E ALLE CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER IL RESTAURO DI BENI MOBILI Premessa: Visto l art. 35 del D.Lgs. 206/2005

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 232 del 24 /08/2006 Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l ordinamento

Dettagli

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA. - Fonte normativa: art. 2 e ss. del d.l. 12.9.2014 n. 132 convertito in l. 10.11.2014 n. 162

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA. - Fonte normativa: art. 2 e ss. del d.l. 12.9.2014 n. 132 convertito in l. 10.11.2014 n. 162 LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA - Fonte normativa: art. 2 e ss. del d.l. 12.9.2014 n. 132 convertito in l. 10.11.2014 n. 162 - Informazioni al cliente: è dovere deontologico degli avvocati informare il cliente,

Dettagli

CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE

CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig..., C.F.., residente in, Via, in proprio / quale legale rappresentante di, con sede in, P. IVA, (d ora innanzi il Cliente ), identificato come

Dettagli

Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci. AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita

Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci. AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci UO: Settore Affari Generali AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita Avviso pubblico per la formazione di elenco di professionisti cui conferire incarichi

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione RELAZIONE CONTENENTE LE OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA DI CUI AL TITOLO IX (INTERMEDIARI DI ASSICURAZIONE

Dettagli

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa.

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Verona, Gentile Cliente Via.. C.F... PREVENTIVO DI MASSIMA OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Come da Sua cortese richiesta, con la presente,

Dettagli

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico I. R. C. C.S. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO DELLA BASILICATA Rionero in Vulture (PZ) C. R. O. B. 85028 Rionero in Vulture (PZ) Via Padre Pio, 1 P.

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

2) La presenza del praticante alle udienze civili dovrà risultare dal provvedimento del giudice che chiude il verbale. 3) L assistenza alle udienze

2) La presenza del praticante alle udienze civili dovrà risultare dal provvedimento del giudice che chiude il verbale. 3) L assistenza alle udienze REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E PER L ESERCIZIO DEL PATROCINIO La pratica forense costituisce un momento essenziale del percorso formativo dell avvocato e svolge la funzione essenziale di consentire

Dettagli

COMUNE DI MOLA DI BARI

COMUNE DI MOLA DI BARI COMUNE DI MOLA DI BARI DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ESTERNI I N D I C E ART. 1 - ART. 2 ART. 3 - ART. 4 ART. 5 - ART. 6 ART. 7 - ART. 8 - ART. 9 ART. 10 ART. 11 - ART. 12 - ART.

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta dal 6 marzo l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp

Dettagli

REGOLAMENTO di PROCEDURA dell ORGANISMO di MEDIAZIONE e CONCILIAZIONE FORENSE di PESARO (OMCFP)

REGOLAMENTO di PROCEDURA dell ORGANISMO di MEDIAZIONE e CONCILIAZIONE FORENSE di PESARO (OMCFP) (All. A dello Statuto) REGOLAMENTO di PROCEDURA dell ORGANISMO di MEDIAZIONE e CONCILIAZIONE FORENSE di PESARO (OMCFP) Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi degli artt. 2 e 5 del D. Lgs. n. 28/10 e

Dettagli

INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M.

INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M. INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M. 8 aprile 2004 n. 127 a cura del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pordenone CRITERI GENERALI Tariffa applicabile La tariffa applicabile

Dettagli

L arbitrato internazionale: perchè e come

L arbitrato internazionale: perchè e come 12 PROMOZIONE FIRENZE n.1, gennaio/giugno 2006 L arbitrato internazionale: perchè e come * Professore ordinario dell Università di Firenze; Avvocato Vincenzo Vigoriti * I - L arbitrato è l istituto che

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA PER CONFERIMENTO

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA PER CONFERIMENTO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER IL CONFERIMENTO DA PARTE DELL AUTOMOBILE CLUB ALESSANDRIA DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA A NORMA DELL ARTICOLO 7, COMMI 6 E 6 BIS, DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

ASSOLOGISTICA PACENGO DI LAZISE (VR) 12.11.2014 GLOBAL SUMMIT - LOGISTICS & MANUFACTURING

ASSOLOGISTICA PACENGO DI LAZISE (VR) 12.11.2014 GLOBAL SUMMIT - LOGISTICS & MANUFACTURING ASSOLOGISTICA PACENGO DI LAZISE (VR) 12.11.2014 GLOBAL SUMMIT - LOGISTICS & MANUFACTURING La responsabilità del Committente in relazione ai costi minimi di esercizio dell autotrasporto RELAZIONE DI ROSADA

Dettagli

Capitolo. Dalle tariffe ai parametri ministeriali. 2.1 L abrogazione delle tariffe. Sommario

Capitolo. Dalle tariffe ai parametri ministeriali. 2.1 L abrogazione delle tariffe. Sommario Capitolo 2 Dalle tariffe ai parametri ministeriali Sommario 2.1 L abrogazione delle tariffe. - 2.2 Il previgente sistema tariffario era in linea con la normativa europea. - 2.3 Alla liquidazione dei compensi

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MONZA DI MONZA Aggiornamento del prontuario per la liquidazione degli onorari ai difensori dei cittadini non abbienti ammessi al patrocinio a spese

Dettagli

da 0,01 a 1.100,00 da 2.000,01 a 60.000,00 20.000,00 1. Fase di studio della controversia da 5.200,01 a 26.000,00 52.000,00

da 0,01 a 1.100,00 da 2.000,01 a 60.000,00 20.000,00 1. Fase di studio della controversia da 5.200,01 a 26.000,00 52.000,00 TABELLE ALLEGATE AL D.M. 55/2014 COMPENSI PROFESSIONALI AVVOCATI Sono state introdotte alcune modifiche rispetto alla normativa precedente: 1) è stato reintrodotto il rimborso per spese forfettarie, che

Dettagli

VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE

VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE 1. LE FASI La liquidazione deve essere effettuata tenendo conto della attività prestata dal difensore in relazione a cinque fasi individuate dal legislatore (Studio, Introduttiva,Istruttoria,

Dettagli

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere 2008-2011 IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE RITENUTO CHE: a) L art. 1 DPR 101/90 dispone che la pratica forense deve essere svolta con assiduità, diligenza e che la stessa si svolge principalmente

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione n. AC 149/19 del 01.03.2012 del Commissario Straordinario con poteri del Consiglio Comunale REGOLAMENTO PER

Dettagli

Modera: avv. Stefano Dalla Verità Direttore della Fondazione Forense Bolognese

Modera: avv. Stefano Dalla Verità Direttore della Fondazione Forense Bolognese Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Bologna Fondazione Forense Bolognese (CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA) Evento in materia di deontologia e ordinamento professionale FORMAZIONE CONTINUA

Dettagli