Capitolo I. Il quadro normativo del processo di liberalizzazione delle professioni. La riforma nazionale e le realtà regionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo I. Il quadro normativo del processo di liberalizzazione delle professioni. La riforma nazionale e le realtà regionali"

Transcript

1 Capitolo I Il quadro normativo del processo di liberalizzazione delle professioni. La riforma nazionale e le realtà regionali Cecilia Tinonin Il momento di grave difficoltà in cui le economie europee si trovano ad operare ha richiesto soluzioni normative che, ispirate ad una logica neo-classica, utilizzino lo strumento di riduzione dello spazio d intervento pubblico nella regolamentazione del comportamento dell agente economico a favore di una più marcata espansione dell istituzione del libero Mercato, per promuovere il fine ultimo identificato nel processo di crescita economica. Nel Gennaio 2012, il decreto Cresci-Italia ha manifestato l aderenza alla logica della deregulation come stimolo alla crescita perseguendo l obiettivo di rendere il mercato dei servizi professionali efficiente e trasparente attraverso una riforma delle professioni che mira ad ampliare le possibilità di scelta ai consumatori. In particolar modo, l intenzione del Legislatore di introdurre maggiore concorrenza e semplificazione nel settore dei servizi professionali prende corpo nella volontà di disciplinare: (a) il contenuto dei contratti di prestazione d opera professionale; (b) gli oneri informativi a carico del professionista; (c) l abrogazione del sistema di determinazione legislativa dei compensi-tariffe professionali; d) le società tra professionisti. Questo capitolo descrive, quindi, codesta normativa e fornisce in modo dettagliato i contenuti di quelle che presto saranno nuove consuetudini per tutti gli agenti economici interessati. In seguito alla panoramica sulla legislazione nazionale, il Capitolo analizza le più importanti realtà regionali per individuare le bestpractices in materia di raccordo tra il mercato dei servizi professionali e la Pubblica Amministrazione a livello locale. 1.1 I contenuti della Riforma: la liberalizzazione delle professioni a livello nazionale La situazione straordinaria di necessità ed urgenza in cui il legislatore si è trovato ad operare è riflessa dallo stesso strumento legislativo scelto per disciplinare a livello normativo il processo di liberalizzazione, ovvero il decreto-legge. Come sancito dall articolo 77 della Costituzione italiana e regolato ai sensi dell articolo 15 della legge n. 400/1988, il decreto-legge permette infatti che in taluni casi il Governo possa temporaneamente svolgere una funzione legislativa vagliata dal Parlamento entro 60 giorni dall emanazione del decreto, pena la perdita di efficacia del decreto stesso. L iter legislativo che ha portato all entrata in vigore della disciplina sulle liberalizzazioni consta quindi di due tappe principali (tabella 1.1.1). La prima riguarda la riunione collegiale del Consiglio dei Ministri, tenutasi il 20 Gennaio 2012 e presieduta dal Presidente del Consiglio Mario Monti in cui è stato varato il primo pacchetto di misure volte a incentivare la concorrenza (decreto legge n.1/2012) in settori chiavi 1

2 dell economia italiana, incluso il mondo delle professioni. Tale decreto legge denominato dallo stesso Presidente Monti come decreto Cresci-Italia è stato siglato e promulgato dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il 24 Gennaio 2012 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale in data 25 Gennaio La seconda tappa è rappresentata invece dall approvazione da parte del Parlamento della legge 27/2012 di conversione del decreto-legge 1/2012 in data 23 Marzo 2012 e pubblicato sul numero 71 della Gazzetta Ufficiale pubblicata in data 24 Marzo Data la portata storica e l urgenza del processo di riforma introdotto in prima istanza dal decreto-legge, il Governo ha richiesto e ottenuto la fiducia sia per rispettare la soglia temporale entro la quale la legge di conversione poteva essere adottata sia per bloccare le richieste di modifica contenute nei emendamenti depositati 2. L iter legislativo ha tuttavia apportato modifiche sostanziali tra i due testi proprio con particolare riguardo alla riforma delle professioni ed in particolare alla disciplina sul rapporto professionistacliente 3. Modalità e determinazione del compenso del professionista: i nuovi obblighi Con l entrata in vigore del decreto liberalizzazioni, la regolamentazione del mercato dei servizi offerti dai professionisti è attualmente disciplinata dall art.9 e dai decreti e regolamenti attuativi da adottarsi entro i prossimi sei mesi. In particolare, il legislatore ha optato per continuare il processo di riforma introdotto dal decreto legge 4 luglio 2006 n. 233, noto come Decreto Bersani, il quale si era posto come obiettivo ultimo l abolizione definitiva delle tariffe professionali ma che di fatto si era limitato all abrogazione dei minimi tariffari. Infatti, il decreto liberalizzazioni al comma I e al comma V dell art. 9 sancisce rispettivamente l abrogazione delle tariffe professionali regolamentate dal sistema ordinistico così come l abrogazione delle disposizioni vigenti che per la determinazione del compenso del professionista rinviano alle tariffe di cui al comma I. Pertanto, il decreto legge 1/2012 toglie vita alle soglie minime e massime dei tariffari professionali da cui ne consegue l abolizione delle tariffe dei notai disciplinata dal capo V, titolo III, delle legge 16 Febbraio 1913 n. 89 così come del termine tariffe nel primo comma dell art del Codice civile. Risulta necessario sottolineare l importanza della lettura congiunta dei due commi in quanto: Giova precisare, innanzi tutto, che le regole fissate dall articolo 9, del dl 1/2012 si applicano a tutte le attività professionali. Il primo comma, 1 Gazzetta Ufficiale n. 19 del 24 Gennaio, Decreto Legge sulla concorrenza, le liberalizzazioni e le infrastrutture (numero 1 del 2012). 2 La fiducia è stata ottenuta con 449 voti favorevoli, 79 voti contrari e 29 astensioni. Per quanto riguarda invece la votazione alla Camera della legge 27/2012, la votazione è risultata in 365 voti favorevoli, 61 voti contrari e 6 astensioni. E da ricordare che in Parlamento più di 200 deputati sono professionisti (notai, avvocati, etc) i quali sono stati chiamati ad adottare un pacchetto di riforme volto a disciplinare i loro stessi interessi. 2

3 quello che dispone l abrogazione delle tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico sembrerebbe circoscrivere la portata applicativa alle sole professioni organizzate in ordini professionali ma la funzione della norma è più probabilmente quella di individuare con precisione l oggetto della clausola abrogativa, atteso che le tariffe professionali sono in verità disperse in una pluralità di fonti a volte si tratta di decreti ministeriali (avvocati), altre volte perfino di fonti di rango primario (geometra) che il Legislatore non ha saputo o voluto dettagliare (Il Sole 24 Ore: 2012, p. 17). Essendo stata quindi introdotta l abolizione delle tariffe, sia minime che massime, nella determinazione del compenso, il criterio a cui il professionista deve fare riferimento riguarda solamente l adeguatezza della remunerazione in base all importanza dell opera, come si legge al comma IV dell art. 9 oltre che dai diversi codici deontologici 4. Venendo quindi meno il riferimento a criteri oggettivi per la determinazione del compenso, questo fatto di fatto rischia di modificare profondamente un sistema nel quale l adeguatezza del compenso all importanza dell opera era sempre tradotta in numeri (risultanti da ponderate valutazioni circa la complessità dell incarico e il suo valore economico), portandolo verso un sistema in cui la valutazione dell adeguatezza del compenso rischia di rimanere affidata, nei fatti, a meccanismi vagamente equitativi, i cui elementi caratterizzanti non sono stati in alcun modo individuati nel corpo normativo dettata dal commentato articolo 9 (Il Sole 24 Ore: 2012, p. 16). L avvenuta mancanza di un sistema di riferimento oggettivo e comune, quale il sistema tariffario, non lascia quindi libero il professionista di pattuire qualunque compenso con il cliente in quanto un compenso non adeguato, rispecchiato da un offerta troppo bassa, lede il decoro e la dignità dell Ordine professionale 5. Tabella 1.1.1: Principali tappe per l adozione delle norme sul processo di liberalizzazione (anno 2012) Iter legislativo Primo esame collegiale del Consiglio dei Ministri per varare il Decreto Legge sulle liberalizzazioni n.1/2012 Il Parlamento approva il Decreto Legge 1/2012 Il Presidente della Repubblica sigla e vara il Decreto Legge 1/2012 Entra in vigore e viene pubblicato il Decreto Legge 1/2012 Approvazione della Camera dei Deputati della Legge n. 27/2012 di conversione del Decreto Legge 1/2012 Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 71 della Legge n.27/2012 Data 20 Gennaio 23 Gennaio 24 Gennaio 25 Gennaio 23 Marzo 24 Marzo 4 Il comma IV dell articolo 9 prevede che la misura del compenso sia adeguata all importanza dell opera, riproducendo parzialmente quanto già disposto dall articolo 2233, comma 2, del Codice civile in materia di determinazione del compenso del professionista intellettuale. Tale norma, infatti, oltre all importanza dell opera, fa riferimento a un altro criterio di valutazione/adeguatezza del compenso del professionista, individuato nel decoro della professione. Il decoro è canone normativo riferibile al più alto valore della dignità, che la Costituzione della Repubblica non manca di richiamare nella norma fondamentale che disciplina i criteri generali di retribuzione del lavoro (di tutto il lavoro, non solo quello dipendente), l articolo 36 della Costituzione, certamente riferibile anche ai professionisti quando richiama l esigenza che il compenso sia parametrato alla qualità e quantità del lavoro e comunque sufficiente ad assicurare a sé e alla propria famiglia un esistenza libera e (appunto) dignitosa (Il Sole 24 Ore: 2012, p. 22). 5 Recentemente, il Consiglio nazionale forense, con decisione depositata il 2 marzo 2012, ha stabilito che la pubblicità dei servizi professionali offerti a costi molto bassi è lesiva del decoro dell Avvocatura ed è quindi sanzionabile. Per il Consiglio nazionale la proposta commerciale che offra servizi professionali offerti a costi molto bassi lede il decoro della professione a prescindere dalla corrispondenza o meno alle indicazioni tariffarie, dovendosi considerare l adeguatezza del compenso al valore e all importanza della singola attività posta in essere ( Il Sole 24 Ore: 2012, p. 16). 3

4 La scomparsa dei sistemi tariffari per la determinazione del compenso è da considerarsi limitatamente con riguardo alle regolamentazioni ordinistiche, mentre permangono valide le tariffe giudiziarie, ovvero quelle che regolano i compensi spettanti per l esercizio delle funzioni giudiziarie o ausiliarie. Inoltre, nelle ipotesi a) di liquidazione giudiziale dei compensi di attività ausiliarie richieste direttamente da organi giudiziari, b) di mancata pattuizione del compenso professionale al momento del conferimento dell incarico e c) di impossibilità di determinazione dello stesso secondo gli usi, il giudice è rivestito della possibilità di stabilire l entità del compenso in misura adeguata all importanza dell opera e al decoro della professione, sentito il parere dell associazione professionale a cui il professionista conviene 6. Per questo motivo, come si legge al comma II: [ ] nel caso di liquidazione da parte di un organo giurisdizionale, il compenso del professionista è determinato con riferimento a parametri stabiliti con decreto del Ministro vigilante da adottarsi nel termine di centoventi giorni successivi alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Entro lo stesso termine con decreto del Ministro della Giustizia di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze sono anche stabiliti i parametri per oneri e contribuzioni alle casse professionali e agli archivi precedentemente basati sulle tariffe. Nell ottica di evitare un vuoto normativo, il ministro della Giustizia, in risposta ad una interrogazione parlamentare avvenuta in data 2 febbraio 2012, ha chiarito che l applicazione delle tariffe professionali abrogate è da ritenersi valida fino al momento di entrata in vigore dei decreti ministeriali, previsti dal comma II dell art. 9, che dovranno stabilire i parametri ai quali dovrà attenersi il giudice in caso di liquidazione del compenso del professionista. L ulteriore novità introdotta dal decreto-legge liberalizzazioni in materia di rapporto tra professionisti e clientela riguarda la futura consuetudine dell obbligo di preventivo 7. Originariamente, come predisposto dall art. 9 comma III del dl 1/2012, il professionista avrebbe commesso illecito disciplinare qualora al momento del conferimento dell incarico il compenso non fosse stato precedentemente pattuito, e siglato in forma scritta se richiesto dal cliente, attraverso uno specifico preventivo nel quale doveva essere resa nota l entità del compenso per le singole prestazioni e comprensivo di spese, oneri e contributi. La versione definitiva del testo normativo al comma IV dell art. 9 elimina invece l obbligatorietà del preventivo in forma scritta anche se richiesto dal cliente così come la conseguente possibilità di incorrere in un illecito disciplinare per la violazione di tale obbligo 8. Alla luce della 6 Per quanto riguarda la liquidazione delle parcelle da parte dei Consigli degli ordini territoriali, il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (CNDCEC) ha sottolineato che codesti Consigli siano legittimati a continuare a liquidare parcelle per gli incarichi conclusi e/o assunti dai professionisti prima dell entrata in vigore del decreto liberalizzazioni, in virtù del art. 11 delle preleggi secondo cui la legge non può che disporre che per l avvenire. Inoltre, il CNDCEC ritiene necessario il ruolo dei Consigli degli ordini territoriali nell affiancare il giudice nella comprensione della complessità della prestazione resa, sulla base della permanenza in vigore dell art del Codice civile il quale, in materia di compenso, prevede il richiamo al parere dell associazione professionale di cui il professionista è membro. 7 Tale norma non ha effetto retroattivo. 8 Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nell informativa 7 marzo 2012 n. 21/12, pubblicata dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, consiglia di redigere sia il preventivo, 4

5 possibilità di mutamenti di circostanze durante l operato del professionista, il legislatore ha quindi preferito introdurre l obbligatorietà di un preventivo di massima contenente indicazioni generali, eventualmente e preferibilmente in forma scritta, in cui la misura del compenso sia resa nota al cliente e comprensiva di tutte le voci di spesa per le singole prestazioni, oneri, e contributi. Per i nuovi conferimenti di incarico, quindi, il professionista è ineluttabilmente chiamato a fornire una stima dettagliata e complessiva del compenso. Al mutarsi delle circostanze oggettive, inoltre, il professionista è chiamato a fornire un nuovo preventivo di massima inclusivo degli ulteriori costi 9. Con riguardo all ambito di applicazione della norma riguardante il preventivo ed il compenso, l art. 9 comma IV si riferisce in modo generico alle prestazioni professionali perciò si ritiene che il campo di applicazione si estenda anche oltre le professioni regolamentate, a quell area un po indistinta e dai confini inevitabilmente mobili alla quale ci si riferisce parlando di nuove professioni o professioni non ordinistiche (Il Sole 24 Ore: 2012, p. 17). Oltre alla fase di pattuizione e determinazione del compenso, il legislatore ha inoltre disciplinato la fase del conferimento dell incarico reiterando in particolare due nuovi obblighi: (a) rendere noto al cliente il grado di complessità dell incarico e (b) fornire al cliente i dati della polizza assicurativa per eventuali danni provocati nell esercizio dell attività professionale. Come evidenziato dal Sole 24 Ore (2012, p. 13): Circa l obbligo di informativa per gli aspetti non connessi agli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento dell incarico fino alla sua conclusione, aspetti che, come già detto, dovranno trovare rappresentazione quantitativa all interno del preventivo di massima, si tratta di adempiere ad un precetto già presente in molti codici deontologici contenenti l insieme di principi e regole che il professionista appartenente deve osservare nell esercizio della professione. Tabella 1.1.2: I nuovi obblighi Conferimento dell incarico Presentazione del preventivo di massima Informativa circa il grado di complessità dell incarico Obbligo di stipulare polizza assicurativa Rc professionale Obbligo di indicazione degli estremi polizza assicurativa Rc professionale Fonte: Il Sole 24 Ore-Aprile 2012 Sì, non obbligatorio in forma scritta Sì, non obbligatorio in forma scritta Sì No, decorrerà dal 13 Agosto 2012 Sì, se non è ancora stata stipulata, obbligo di indicare l assenza di polizza sia il conferimento dell incarico e la definizione del compenso sempre in forma scritta. Inoltre, con specifico riferimento all Avvocatura, si legge quanto segue: Anche se le norme in esame non lo dicono espressamente, l accordo sul compenso deve essere scritto: lo si ricava dal combinato disposto dell articolo 9, comma 4, e dell articolo 2233 del Codice civile, il cui comma terzo sancisce la nullità dei patti sul compenso tra avvocati e clienti che non siano redatti in forma scritta, (Il Sole 24 Ore: 2012, p. 18). 9 La ragione della modifica del comma III dell art. 9 del dl 1/2012 è proprio da ricercarsi nell impossibilità del professionista di prevedere con esattezza eventuali ed esogene deviazioni di corso risultanti in ulteriori costi rispetto a ciò che sarebbe pattuito in un preventivo iniziale. 5

6 Si veda ad esempio l articolo 22 del Codice deontologico della professione di dottore commercialista e di esperto contabile il quale prevede che il professionista fornisca al cliente informazioni chiare e complete sugli elementi essenziali ed eventuali rischi della pratica affidatagli. Per quanto riguarda invece la stipulazione obbligatoria di una polizza assicurativa da parte del professionista e la conseguente indicazione degli estremi a tutela del cliente, tale vincolo è già stato disciplinato all art. 3, comma V, lettera e) del dl 138/2011, convertito dalla legge 148/2011 quando prevede che a partire dal 13 agosto 2012 il professionista, al momento dell assunzione dell incarico, sia tenuto a fornire i dati riguardante la polizza assicurativa e il relativo massimale al cliente. La lettura congiunta delle due norme sancisce quindi che per tutti i conferimenti avvenuti dopo l entrata in vigore della legge 27/2012 il professionista è tenuto a informare la sua clientela sull eventuale esistenza o assenza di una polizza assicurativa (fornendone i dati ma non necessariamente il massimale), la quale invece diverrà obbligatoria solo a partire dal 13 agosto Tabella 1.1.3: La normativa sulle tariffe (DL 1/2012), convertito dalla legge 27/2012 Articolo 9, comma I Sono abrogate le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico Articolo 9, comma II Per le liquidazioni giudiziali si applicano nuovi parametri da approvare per decreto entro 120 giorni Articolo 9, comma III Risposta del ministro della Giustizia a interrogazione parlamentare 2 febbraio 2012 Per liquidazione spese giudiziali e per compensi non determinati fra le parti, le tariffe abrogate vigenti si applicano sino all entrata in vigore dei nuovi parametri Articolo 9, comma IV Il compenso deve essere adeguato all importanza dell opera Articolo 9, comma V Sono abrogate le disposizioni vigenti che per la determinazione del compenso del Liquidazione parcelle da parte dei Consigli degli ordini territoriali (Cndcec, informativa n.21/12) Fonte: Il Sole 24 Ore-Aprile 2012 professionista rinviano alle tariffe abrogate I Consigli degli ordini territoriali continuano a liquidare le parcelle che si riferiscono a incarichi conclusi e/o assunti dai professionisti prima dell entrata in vigore del decreto e peri quali non sia stato previamente concordato con il cliente il compenso Tirocini e nuovi professionisti La riforma delle professioni dedica spazio e tempo anche alle fasce più giovani appartenenti al mondo professionale. Innanzitutto, l articolo 6 stabilisce che la durata del tirocinio previsto per l accesso alle professioni regolamentate non può essere superiore ai diciotto mesi e che per i primi sei mesi, il tirocinio può essere svolto, in presenza di un apposita convenzione quadro stipulata tra i consigli nazionali degli Ordini e il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, in concomitanza col corso di studio per il conseguimento della laurea di primo livello o della laurea magistrale o specialistica. Analoghe convenzioni possono essere stipulate tra i Consigli nazionali degli Ordini e il Ministero per la Pubblica Amministrazione e la semplificazione per lo svolgimento del tirocinio presse pubbliche 6

7 amministrazioni, all esito del corso di laurea 10. Oltre a ciò, al tirocinante è riconosciuto il diritto di un rimborso spese forfettariamente concordato dopo i primi sei mesi di tirocinio. La normativa apre inoltre un varco importante per l accesso di nuovi e giovani professionisti alle caste professionali. Seppur inspirata ad un ottica di libera concorrenza e determinazione dei nuovi accessi da parte del Mercato, la riforma delle professioni stabilisce dall alto un numero chiuso di quelli che presto diventeranno i nuovi professionisti. In particolare, l articolo 11 del Decreto aumenta il numero delle farmacie, abbassando a abitanti per farmacia il criterio di riferimento della relativa pianta organica. In particolare, il quorum minimo demografico, per l apertura di una farmacia cresce a abitanti -rispetto ai previsti dal testo originario del decreto legge-, risultando comunque inferiore ai previgenti parametri demografici (5.000 abitanti per comuni fino a abitanti e abitanti per gli altri comuni) 11. Per quanto riguarda la modalità di ampliamento, le Regioni e le Province Autonome dovranno bandire un concorso straordinario per soli titoli entro 60 giorni dall invio dei dati comunali di revisione delle piante organiche, per il conferimento delle nuovi sedi, dalla cui assegnazione sono esclusi i comuni 12. Tale concorso è concluso il 24 Marzo Infine, una rilevante novità riguarda la parità di condizioni dei titolari di parafarmacie nella valutazione dell esercizio professionale. Oltre che attraverso l aumento dei posti stabiliti dalla tabella notarile, il decreto si è posto l obiettivo di incrementare il numero dei notai anche disponendo che entro il 31 dicembre 2012 dovranno essere espletate le procedure di tre distinti concorsi, per complessivi 550 nuovi posti da notaio (200 posti concorso bandito con decreto direttoriale del 28 dicembre 2009; 200 posti concorso bandito con decreto del 27 dicembre 2010 e 150 posti concorso bandito con decreto del 27 dicembre 2011). Entro il 31 dicembre 2013, inoltre, dovrà essere bandito un nuovo concorso per la nomina di fino a 500 nuovi posti da notaio. Stessa cosa dovrà essere fatta anche entro il 31 dicembre Le disposizioni del presente comma non si applicano alle professioni sanitarie per le quali resta confermata la normativa vigente. 11 Nel caso di eccedenza di abitanti, per l apertura di un ulteriore farmacia, l eccedenza deve essere maggiore del 50 per cento di abitanti ossia superiore a 1651 abitanti. 12 In caso di inadempienza degli enti preposti nell'espletamento del concorso straordinario, il Decreto dispone che: a) la Regione e le province autonome provvedono con un proprio atto, entro i successivi sessanta giorni dalla mancata comunicazione da parte del Comune, dei dati relativi alla pianta organica delle farmacie; b) il Consiglio dei Ministri nomina un apposito commissario sostitutivo della Regione o della Provincia autonoma, espletando anche le procedure concorsuali previste, quando gli enti medesimi non provvedano nei confronti del Comune inadempiente, ovvero non provvedano a bandire il concorso straordinario e a concluderlo entro i termini previsti. 7

8 Sanzioni e illeciti disciplinari Occorre ora interrogarsi sulle possibili ricadute legali qualora il professionista non sia coerente con quanto disciplinato nei nuovi precetti legislativi. Il testo originario del decreto legge aveva infatti previsto un illecito disciplinare qualora il professionista venisse meno all obbligo di pattuire preventivamente il compenso con il cliente al momento del conferimento dell incarico. Tale norma, tuttavia, non compare nel testo di legge definitivo che prevede, come abbiamo visto in precedenza, solamente la sottoscrizione di un preventivo di massima, assai meno vincolante di ciò che era stato originariamente proposto. Così come approvata in via definitiva, la Riforma, quindi, non solo non prevede esplicitamente nessuno provvedimento in materia disciplinare ma fa venir meno anche quegli obblighi specificatamente sanzionabili legati all inottemperanza di rispettare il sistema tariffario posto precedentemente in essere per definire le soglie dei compensi professionali. Il sistema di sanzioni, tuttavia, viene inserito in modo meno esplicito di quanto si potesse supporre in un primo momento. Infatti, l articolo 5 del decreto introduce l articolo 37-bis nel Codice del consumo (Dgls 6 Settembre 2005, n. 206), il quale a sua volta denomina l Autorità garante della concorrenza e del mercato ad assicurare la vessatorietà delle clausole all interno dei contratti tra i professionisti e gli utenti stipulati secondo i criteri contrattualistici generali. Ne consegue, quindi, che i professionisti vengono equiparati giuridicamente alle imprese qualora l Autorità garante ritenga necessario esercitare i poteri istruttori a lei concessi dall articolo 14 della legge 287/1990 (norme a tutela della concorrenza e del mercato). In tal caso, il professionista è tenuto obbligatoriamente a fornire informazioni e documentazione in modo veritiero all Autorità, pena una sanzione amministrativa pecuniaria variabile da a euro. Società tra professionisti Il quadro normativo di riferimento ha fino ad ora analizzato la regolamentazione introdotta recentemente dal legislatore riguardante il rapporto tra professionista e consumatore. Per completare la legislazione in materia di riforma del mercato dei servizi professionali, è necessario però esaminare anche la disciplina in merito alle società tra professionisti. Il D.L. 1/2012 emana infatti l articolo 10 della legge di stabilità (l.183/2011), la quale a sua volta prevede, a partire dal 1 Gennaio 2012, l opportunità di costituire società aventi per oggetto l esercizio di attività professionali come regolate dai Titoli V e VI del Libro V del Codice Civile, ovvero società di persone (S.n.c. e S.a.s.), società di capitale (S.r.l, S.p.a, S.a.p.a) e società cooperative. Il testo delle legge di conversione del Decreto Liberalizzazioni, all articolo 9-bis, si inserisce in tale disciplina sancendo: a) i requisiti per la costituzione di una società cooperativa tra professionisti; b) i limiti alla partecipazione dei soci aventi finalità di investimento nel capitale sociale; c)l estensione della tutela del segreto professionale anche all interno di 8

9 codeste società. Fermo restando la principale novità introdotta dalla legge di stabilità, ovvero che l attività professionale può essere svolta attraverso strutture societarie che assumono una propria responsabilità patrimoniale per il servizio erogato, l articolo 9-bis del D.l. aggiunge a tale scenario il requisito secondo cui le cooperative di professionisti non possono essere costituite da un numero di soci inferiori a tre. Tale normativa ha valenza non solo per le società di nuova costituzione, ma anche per le vecchie società tra professionisti le quali sono però chiamate a revisionare il loro atto costitutivo, in modo che sia garantito: a) l esercizio in via esclusiva dell attività professionale da parte dei soci; b) l ammissione di soli soci iscritti a ordini, albi e collegi; c) il numero dei soci professionisti e la partecipazione al capitale sociale dei professionisti deve essere tale da determinare la maggioranza dei due terzi nelle deliberazioni o decisioni dei soci; d) i soci capitali non possono sottoscrivere più di un terzo del capitale sociale al fine di consentire ai soci professionisti di manifestare i due terzi dei voti; e) il mancato rispetto di codeste condizioni è causa di scioglimento della società; f) le regole riguardanti l esecuzione dell incarico professionale che deve essere eseguito solamente dai soci abilitati; g) la stipula di una polizza assicurativa per coprire i rischi legati alla responsabilità civile per i possibili danni causati ai clienti dai singoli professionisti; h) le modalità di esclusione del socio che sia cancellato dal rispettivo albo con provvedimento definitivo e il conseguente rispetto della rappresentanza per i due terzi dei soci professionisti. Inoltre, la nuova disciplina crea la possibilità di istituire società tra professionisti per l esercizio di più attività professionali, fermo restando l obbligo di rispettare il codice deontologico e il sistema di sanzioni disciplinari legati alla propria attività professionale. In particolare, il decreto liberalizzazioni prescrive che il socio professionista può opporre agli altri soci il segreto concernente le attività professionali a lui affidate a tutela del cliente, il quale è dotato della libertà di scegliere il professionista erogatore del servizio. Tabella 1.1.4: Il quadro delle novità in materia di società tra professionisti Società cooperative Il numero dei soci non può essere inferiore a tre Delibere Il numero dei soci professionisti o la partecipazione al capitale sociale deve essere tale da determinare la maggioranza dei due terzi nelle deliberazioni o decisioni dei Scioglimento della società e cancellazione dall albo Polizza assicurativa Segreto professionale Associazioni professionali e altri modelli societari Fonte: Il Sole 24 Ore-Aprile 2012 soci La società si scioglie se viene meno sia la maggioranza numerica dei soci professionisti, sia se questi non possiedono la maggioranza del capitale sociale. In pratica manca la maggioranza dei due terzi nelle deliberazioni o decisioni dei soci Obbligo per la società di stipulare una polizza assicurativa per la copertura dei rischi professionali Il socio professionista può opporre agli altri soci il segreto concernente le attività professionali a lui affidate Rimangono in vita se vigenti alla data di entrata in vigore della legge 9

10 1.2 Il Professional Day e le realtà regionali 13 Il Decreto liberalizzazioni, proprio per le novità di rilievo introdotte, è stato motivo di numerosi scioperi e contestazioni da parte dei soggetti di cui la normativa tocca interessi specifici. Con riferimento alle categorie professionali, le quali tipicamente non sono soggette a manifestazioni pubbliche di protesta, il Professional Day è stata la giornata di movimentazione organizzata e convocata dal Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi professionali (CUP), da Professioni Area Tecnica (PAT), dalla Associazione delle Casse di Previdenza dei Professionisti (ADEPP) e dalle altre componenti del mondo professionale, tenutosi in data 1 Marzo 2012 presso la sede centrale dell Auditorium della Conciliazione a Roma e in collegamento multimediale con 150 sedi italiane. L agenda del Professional Day, attraverso un confronto diretto tra il Governo, i principali attori della politica italiana e le rappresentanze delle professioni, si è focalizzata sul contributo che i professionisti italiani, stimati a iscritti agli Ordini Professionali (Il Corriere della Sera, Liberalizzazioni: le nuove regole per i professionisti : 2012) e di cui la metà risulta avere meno di 45 anni, possono apportare alla crescita del Paese in un momento di difficile recessione economica e di cambiamento normativo 14. Il nucleo centrale del dibattito è stata la sicurezza del futuro lavorativo dei professionisti italiani, ed in particolare le modalità con cui il Governo ha scelto di procedere alla riforma delle professioni. Nell intervento di Maurizio Sansone, Presidente del Collegio dei Periti Industriali di Napoli, si legge infatti quanto segue: Siamo d accordo a modifiche che coinvolgano i nostri ordinamenti, ma chiediamo che queste non siano unilaterali, ma concordate. Proprio per dar voce alle esigenze del mondo professionale, ogni ordine ha formulato proposte concrete relative al settore di appartenenza da consegnare al Presidente del Consiglio, Mario Monti, di cui quattro hanno assunto particolare rilievo sulla stampa nazionale. Gli ingegneri italiani, rappresentati da Armando Zambrano, Presidente del Consiglio nazionale di questa categoria, propongono di: Innovare, semplificare e razionalizzare le procedure normative, ma anche di investire nella ricerca per tutelare la sicurezza e la salute dei cittadini passando per un ampio piano di rigenerazione urbana nell ottica della sostenibilità, crocevia di un approccio sistemico multidisciplinare improntato a una progettazione etica. Con lo sguardo rivolto ai giovani. Inoltre, la categoria avanza una proposta in merito al percorso di accesso in quanto non essendo previsto il tirocinio obbligatorio, il progetto è quella di riconoscere ufficialmente il tirocinio volontario. Armando Zingales, Presidente Nazionale dei Chimici, ha invece lanciato l idea di istituire 13 La disciplina delle professioni rientra, ai sensi dell articolo 117, comma 3, della Costituzione nell ambito della competenza legislativa concorrente. 14 Secondo i dati pubblicati su Ediltecnico, il mondo delle Professioni in Italia è quantificato come segue: iscritti agli Ordini professionali; 27 Ordini e Collegi Professionali; 118 sedi regionali; sedi territoriali; 40% la dimensione della presenza femminile; 30% gli iscritti tra i 30 e 40 anni; 3,59 milioni il valore del bacino occupazionale complessivo; 3,4% l incremento annuo medio dei professionisti dal 2000; 15,1% del Prodotto Interno Lordo Nazionale; 195,8 miliardi di euro il volume di affari complessivo; gli iscritti alle Casse Previdenziali privati; oltre 42 miliardi il patrimonio aggregato degli Enti Previdenziali Privati. 10

11 una Authority che sia espressione degli Ordini professionali in quanto: L attuale Antitrust non è sufficiente per reggere la sfida delle liberalizzazioni così concepite dall Esecutivo. Come chimici proponiamo che gli ordini professionali siano essi stessi delle vere e proprie Authority con poteri maggiori da definire. Le proposte più specifiche arrivano invece dai Consulenti del Lavoro e dai Commercialisti. I primi richiedono un costo del lavoro più basso, ovvero la riduzione del cuneo fiscale, mentre i secondi domandano maggiore tutela per i diritti dei contribuenti attraverso l istituzione di un Magistrato tributario con conoscenze tecniche sia in campo giuridico che economico-contabile 15. Muovendosi lungo l asse di sussidiarietà, un livello critico per il mondo delle professioni è quello delle realtà regionali, sia perché più vicine all offerta ed alla domanda di servizi professionali, sia perché molto spazio rimane libero per istituire e migliorare i sistemi di governance locale tra fornitori di servizi e Pubblica Amministrazione, come sancito dal decreto legislativo 2 febbraio 2006, n. 30 (Ricognizione dei principi fondamentali in materia di professioni, ai sensi dell'articolo 1 della legge 5 giugno 2003, n. 131), che individua le professioni quale materia di legislazione concorrente, nella quale spetta alle regioni l'esercizio della potestà legislativa ed allo Stato la definizione dei principi fondamentali 16. L esperienza della Toscana Con la legge regionale 73/2008 (Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali) la Regione Toscana si pone come innovatrice in tema di disciplina del raccordo tra il mondo delle professioni intellettuali e la Giunta regionale, in veste di pubblica amministrazione 17. Tale norma infatti istituisce la Commissione regionale dei soggetti professionali, la quale non solo ha finalità operative quale la valorizzazione e l incentivazione dell innovazione delle attività professionali anche attraverso la costituzione di un soggetto consortile multidisciplinare a servizio dei professionisti e degli utenti, ma che è inoltre dotata di un potere 15 Come si legge sul Corriere della Sera-Archivio storico, Attualmente per pagare un netto di euro un azienda ne spende Il problema è il cuneo fiscale, la differenza, cioè, tra quanto viene percepito al netto dal dipendente e il reale costo complessivo per l azienda. Un differenziale che in Italia raggiunge l assurda quota del 114%. La soluzione prospettata dai professionisti si muoverebbe su tre fronti: ridurre di 5 punti percentuali il contributo dell azienda; dimezzare il costo Irap e forfetizzare il prelievo Irpef al 10% almeno per la fascia di reddito fino a 26 mila euro. Anche i lavoratori potrebbero contribuire rinunciando a una parte di ferie. Dall incrocio di queste misure il cuneo fiscale si ridurrebbe al 84.52% con benefici sia per il datore di lavoro ma anche per il dipendente che vedrebbe aumentato il suo salario netto di almeno 100 euro mensile. 16 Il capo II del decreto individua dunque i principi fondamentali ai quali le regioni dovranno attenersi nell'esercizio della potestà legislativa. Tra questi, in particolare, la libertà di esercizio della professione, quale espressione del più ampio principio della libertà di iniziativa economica, il divieto di qualsiasi discriminazione di genere, il rispetto della disciplina sociale a tutela della concorrenza e del mercato e della libertà di accesso alle professioni. Il capo III, all'articolo 6, stabilisce inoltre che per le regioni a statuto speciale resta fermo quanto previsto dall'articolo 11 della legge 5 giugno 2003, n Gli estremi dei lavori preparatori sono i seguenti: Proposta di legge della Giunta regionale n. 12 datata 8 Settembre 2008; Proposta di legge del Consiglio regionale n. 286 datata 10 Settembre Proponente: Assessore Agostino Fragai, Assegnata alla Terza Commissione consiliare, Messaggio della Commissione in data 18 Dicembre 2008, Approvata in data 30 Dicembre La legge regionale 73/2008 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 46 in data 31 Dicembre

12 finanziario per la creazione del Consorzio stesso e per il supporto all accesso ed all esercizio delle attività professionali, con particolare attenzione alle donne ed ai giovani. Con riguardo alla composizione e al funzionamento, il piano normativo sancisce che codesta Commissione sia nominata ogni tre anni dal Presidente di Giunta regionale e sia composta da: a) l Assessore regionale competente in materia di professioni che la presiede; b) un rappresentante regionale per ogni associazione, fondazione o altra istituzione di carattere privato riconosciuta e rappresentativa a livello regionale di una professione ordinistica o di professione associata di prestatori d opera intellettuali. In particolare, oltre il Presidente, il numero totale dei membri, che posso essere confermati per una sola volta successivamente alla nomina, è 47, di cui: a) 22 membri provenienti dalle professioni ordinistiche; b) 22 dalle professioni associate di prestatori d opera intellettuale; c) 3 dalle rappresentanze sindacali datoriali per le professioni senza necessità di personalità giuridica ai fini della presenza in commissione. La Commissione si riunisce una volta ogni due mesi oppure ogniqualvolta almeno sette membri ne richiedano espressamente la convocazione. Inoltre, per favorire il dialogo tra i prestatori di servizi professionali e gli utenti delle attività professionali, una volta all anno sono invitati alla riunione anche i rappresentanti nominati dal comitato regionale dei consumatori ed utenti. Le competenze della Commissione così formata riguardano la formulazione di proposte e pareri in materia di mercato dei servizi professionali, con una speciale attenzione: a) agli atti di programmazione e alle proposte di legislazione regionale connesse alla tutela delle attività professionali e degli utenti delle medesime; b) alla semplificazione delle procedure amministrative; c) ai processi di innovazione delle attività professionali. Oltre all istituzione della Commissione, la legge regionale 73/2008 disciplina la creazione e le modalità di supporto finanziario di un Consorzio dei servizi professionali aperto a tutti i soggetti interessati (professionali e utenti) e con competenze multidisciplinari di iniziativa autonoma. In particolare, il Consorzio è dotato delle seguenti funzioni specifiche: a) servizi di agenzia formativa; b) interventi di informatizzazione e di creazione di reti telematiche a fine di interscambio informativo o di erogazione dei servizi, anche in relazione a progetti di informatizzazione di servizi promossi dalla Regione; c) cooperazione con la Regione per l aggiornamento dei contenuti delle qualifiche professionali; d) informazioni sui mezzi di conciliazione esistenti in caso di controversie tra i prestatori di servizi professionali e gli utenti; e) diffusione, attraverso l individuazione delle migliori pratiche, dei risultati delle iniziative sperimentali adottate sul territorio regionale; f) promozione delle attività dei professionisti attraverso la costante informazione sui programmi ed attività disposti in materia di professioni dall Unione Europea. 12

13 La portata innovatrice della normativa regionale non riguarda solamente il piano operativo teso ad istituire una governance favorevole alla crescita e all innovazione attraverso la creazione di istituzioni a componenti mista pubblico-privata, ma anche quello finanziario. La l.r. 73/2008 all articolo 9 infatti affianca alla Commissione ed al Consorzio anche un Fondo regionale di rotazione per le professioni per la concessione di agevolazioni finanziarie per i giovani professionisti. Come si legge dalla normativa, il Fondo provvede alla concessione di garanzia per: a) i prestiti d onore per gli esercenti la pratica od il tirocinio professionale e per gli appartenenti alle associazioni di professionisti prestatori d opera intellettuale di età non superiore ai trenta anni. Il prestito è erogato per le spese di acquisizione di strumenti informatici; b) prestiti ai giovani con età inferiore ai quaranta anni, finalizzati al supporto delle spese di impianto dei nuovi studi professionali, mediante: 1) progetti di avvio e sviluppo di studi professionali, con priorità per quelli organizzati, nelle forme previste dalla legge, in modo associato od intersettoriale tra giovani professionisti; 2) programmi per l acquisizione di beni strumentali innovativi e tecnologie per l attività professionale, in coerenza con le iniziative regionali di sviluppo e standardizzazione delle tecnologie dell informazione e della conoscenza; 3) progetti finalizzati a garantire la sicurezza dei locali in cui si svolte l attività professionale. Le disposizione di carattere finanziario della l.r. 73/2008 allocano ,00 alla spesa complessiva di copertura delle tre istituzioni, ed in particolare ,00 per il soggetto consortile multidisciplinare, e ,00 per la costituzione del Fondo regionale di rotazione. La legge finanziaria della Regione Toscana, pubblicata sul Bollettino Ufficiale del 31 Dicembre 2010, all articolo 131 introduce sostanziali modifiche a quanto disciplinato dalla precedente legge regionale all articolo 9 in materia di sostegno finanziario alla innovazione delle attività professionali intellettuali in quanto si passa dal finanziamento di singoli professionisti al finanziamento di specifiche attività promosse da soggetti professionali variamente organizzati (La Rete dei Saperi: 2011, p. 12). La nuova disciplina amplia difatti la copertura finanziaria di progetti innovativi includendo tra coloro aventi diritto non solo i giovani ma anche gli ordini o collegi ed associazioni professionali, anche di secondo grado. Si legge inoltre al comma 3 dell articolo 131: Il Fondo provvede altresì al finanziamento di progetti innovativi proposti da ordini, collegi od associazioni professionali, anche di secondo grado, realizzati secondo modelli uniformi e metodologie comuni definite dal soggetto. I progetti possono avere ad oggetto la migliore strutturazione od organizzazione di ordini, collegi od associazioni, per il cofinanziamento di quote di progetti europei o azioni od attività che innovino i servizi professionali verso gli utenti Per quanto riguarda l allocazione delle risorse, la normativa (comma IV, Articolo 131) stabilisce che il cinquanta per cento dell ammontare del Fondo è riservato ai prestiti d onore per gli esercenti la pratica od il tirocinio professionale e per gli appartenenti alle associazioni di professionisti prestatori d opera intellettuali così come per i prestiti finalizzati al supporto 13

14 Per l identificazione dei riferimenti di codesti progetti innovativi, la nuova disciplina assegna quindi al Consorzio l ulteriore compito di assistenza metodologica al sistema professionale. Tale compito è stato accolto con una documentazione, approvata dalla Regione con provvedimento regionale, in cui il Consorzio Professional Service individua le linee metodologiche a cui il sistema professioni deve adeguarsi nel momento di redazione delle domande. Quattro sono i concetti chiave che caratterizzano le linee guida: 1) sviluppare la progettualità; 2) far emergere progetti innovativi; 3) far emergere progetti di ampio impatto sul sistema delle professioni; 4) agevolare la fattibilità dei progetti. Coerentemente con la funzione informativa del Consorzio, lo sviluppo della progettualità è perseguito operativamente dall apertura di un front office a cui coloro che sono interessati a presentare domande di finanziamento possono rivolgersi e ottenere sessioni di lavoro congiunte in cui vengono trasmesse conoscenze di Project Management. L emersione di progetti innovativi invece fa riferimento sia alla innovazione di prodotto che a quella di processo. La prima si focalizza sul prodotto adottando in particolar modo il punto di vista dell utente finale, mentre l innovazione di prodotto accentua il punto di vista del produttore stesso del servizio ed ambisce a conseguire prodotti o servizi consueti con nuove modalità produttive, come ad esempio l uso di tecnologie e sistemi informativi, l organizzazione produttiva e le relazioni esterne. Terzo, l impatto che il progetto innovativo deve perseguire sul mercato dei servizi professionali è valutato come una rappresentazione del beneficio conseguito. Infine, la fattibilità del progetto rispecchia i canoni di coerenza tra gli obiettivi del progetto stesso e modalità e tempistiche di implementazione. Fino ad ora, il numero di progetti finanziati è stato di 186, di cui 124 per uomini e 62 per donne professioniste. L esperienza del Lazio Nella proposta di legge n. 86 del 18 Ottobre 2010, la Regione Lazio duplica l iniziativa toscana anche se con alcune modifiche in termini di criteri per la selezione dei progetti. La proposta di legge, infatti, propone di: a) istituire una Commissione Regionale delle professioni, quale sede di raccordo tra la Regione e le Professioni; b) sostenere finanziariamente la creazione di un consorzio multidisciplinare, a sostegno degli utenti e dei professionisti, promossa dalle professioni ordinistiche; c) istituire un apposito fondo di rotazione, la cui dotazione è da determinare annualmente con legge regionale di bilancio annuale di previsione, per il sostegno all accesso ed all esercizio delle attività professionali, con particolare attenzione alle donne e ai giovani. Le innovazioni introdotte dalla Regione Lazio riguardano in particolar modo le agevolazioni finanziarie, le quali prendono la forma di: a) prestiti d onore per gli esercenti la pratica o il tirocinio professionale, di età non superiore ai trentacinque anni; il prestito è delle spese di impianto di nuovi studi professionali, mentre il rimanente cinquanta per cento è assegnato ai progetti per garantire la sicurezza dei locali in cui si svolge l attività professionale. 14

15 erogato per le spese di acquisizione di strumenti legati all attività professionale; b) prestiti ai giovani con età inferiore ai quarantacinque anni, finalizzati alle spese di impianto di nuovi studi professionali, mediante programmi per l acquisizione di beni strumentali innovativi e tecnologie per l attività professionale; c) prestiti a tutti i professionisti che istituiscano progetti di avvio e sviluppo di studi professionali, anche quelli organizzati, nelle forme previste dalla legge, in modo associato e intersettoriale tra professionisti; d) progetti finalizzati a garantire la sicurezza dei locali in cui si svolge l attività professionale. L esperienza della Sardegna Con la proposta di legge n. 163 del 15 Aprile 2010, la Regione Sardegna da avvio al processo normativo per promuovere le attività professionali anche in attuazione di politiche europee attraverso l istituzione di una Commissione regionale dei soggetti professionali con lo specifico obiettivo di creare un collegamento tra la Giunta regionale, il Consiglio regionale e le professioni per l elaborazione di atti di governo, di programmazione economica e di norme regionali; di un soggetto consortile multidisciplinare aperto a tutti i soggetti professionali interessati, per svolgere attività formative, informative e operative, e di mantenimento di legami con le attività esterne per esportare i contenuti di qualità delle professioni; di un Fondo regionale di rotazione, dotato di ,00 euro per l anno 2010, per le specifiche agevolazioni. In particolare, il Fondo di Rotazione è chiamato ad agevolare: a) i prestiti alle giovani e ai giovani già abilitati alla professione di età non superiore ai trenta anni, per le spese di acquisizione di strumenti informatici, partecipazione a corsi e iniziative di formazione; b) prestiti alle giovani e ai giovani con età inferiore a quaranta anni, finalizzati al supporto delle spese di impianto dei nuovi studi professionali, mediante: 1) progetti di avvio e sviluppo di studi professionali, con priorità per quelli organizzati, nelle forme previste dalla legge, in modo associato od intersettoriale tra giovani professionisti; 2) programmi per l acquisizione di beni strumentali innovativi e tecnologie per l attività professionale in coerenza con le iniziative regionali di sviluppo e standardizzazione delle tecnologie dell informazione e della conoscenza; 3) progetti finalizzati a garantire la sicurezza dei locali in cui si svolge l attività professionale. L esperienza del Piemonte La Regione Piemonte, con la proposta di legge n. 52 del 26 Luglio 2010, divenuta Legge regionale n. 19 il 10 Ottobre 2011, ed intitolata Norme in materia di sostegno alle professioni intellettuali ordinistiche, ripropone il modello di governance lanciato dalla Regione Toscana e caratterizzato dall istituzione di una Commissione Regionale per le Professioni, un soggetto consortile 15

16 multidisciplinare a servizio delle professioni e degli utenti e il Fondo di Rotazione per il sostegno all accesso e all esercizio delle attività professionali, con particolare riguardo alle donne e ai giovani. In particolare, il Fondo dotato di ,00 euro per il biennio 2010/2011 si impegnava a sostenere finanziariamente: a) i prestiti d onore per gli esercenti la pratica od il tirocinio professionale, di età non superiore ai trenta anni. Tale prestito è stato erogato a favore della copertura finanziaria per le spese di acquisizione di strumenti informatici ai giovani con età inferiore ai quaranta anni, finalizzati al supporto delle spese di impianto di nuovi studi professionali, mediante programmi per l acquisizione di beni strumentali innovativi e tecnologie per l attività professionale, in coerenza con le iniziative regionali di sviluppo e standardizzazione delle tecnologie dell informazione e della conoscenza; b) prestiti a tutti i professionisti che istituiscano progetti di avvio e sviluppo di studi professionali, con priorità per quelli organizzati, nelle forme previste dalla legge, in modo associato od intersettoriale tra professionisti. L esperienza della Provincia autonoma di Trento Con la legge provinciale n. 4 del 14 Febbraio 2007, intitolata Interventi per favorire l accesso alla professione e la formazione continua nelle professioni intellettuali, pubblicata il 27 Febbraio 2007, la Provincia autonoma di Trento supporta la formazione e l accesso agli ordini e ai collegi trentini delle professioni attraverso la sistematica organizzazione di progetti formativi che migliorino la preparazione agli esami di Stati e che favoriscano la formazione continua e l aggiornamento di coloro già iscritti agli Albi e ai registri degli ordini e collegi 19. A tali fine, la Provincia può destinare parte delle risorse stanziate: al finanziamento di accordi di programma o di convenzioni con ordini professionali, anche con il coinvolgimento di università e di centri di ricerca e di alta formazione professionale, allo scopo di concorrere e di sostenere i processi di formazione permanente nonché di promuovere, di implementare e di sostenere la definizione e l'utilizzo di strumenti e di metodologie in favore della tutela della qualità dell'attività professionale, anche attraverso forme di certificazione di processo e di prodotto. Tali accordi e convenzioni prevedono iniziative che specificatamente favoriscano: 1) la certificazione, con riferimento a standard europei, della qualità dei servizi professionali anche in base all'utilizzo delle forme di esercizio associato della professione nonché di attività interprofessionali; 2) la promozione dell'adozione e dell'utilizzo di metodologie e di procedure certificate per assicurare la qualità e la trasparenza del rapporto tra il cittadino-cliente e il professionista; 3) l'adozione di metodologie e di strumenti operativi per sostenere la formazione continua dei professionisti e la certificazione dei crediti 19 Periodicamente, la Giunta provinciale è chiamata a definire ed aggiornare i criteri e le modalità per la determinazione ed erogazione dei finanziamenti, per i quali nel biennio 2007/2008 è stata autorizzata la spesa di euro per ciascuno degli esercizi finanziari 2007 e

17 professionali per attività svolte e per la formazione erogata e frequentata, nel rispetto delle discipline nazionali e comunitari; 4) l'adozione di metodologie per il monitoraggio della qualità dei servizi professionali. In termini di raccordo tra il mondo dei servizi intellettuali e Pubblica Amministrazione, l art. 5 della suddetta legge provinciale stabilisce che la Provincia convochi annualmente i rappresentati degli ordini e dei collegi per promuovere il coordinamento e la verifica degli interventi specificati dalla normativa provinciale. Inoltre, si promuove il confronto con le associazioni dei consumatori maggiormente rappresentative a livello provinciale e con il Consiglio delle autonomie locali per migliorare gli interventi attraverso la conoscenza dei bisogni del cittadino-cliente. L esperienza della Sicilia Attualmente in discussione all Assemblea regionale, il ddl sulla promozione e tutela delle libere professioni in Sicilia prevede l istituzione di una Consulta regionale per la promozione e la qualifica delle libere professioni al fine di incentivare la partecipazione degli Ordini e dei Collegi professionali all implementazione della politica regionale. Si demanda quindi a codesta istituzione, la cui composizione è aperta a tutti gli organismi professionali che ne facciano richiesta, il compito di individuare gli ostacoli e le possibili soluzioni alla tutela delle libere professioni attraverso la formulazione di proposte e pare sui disegni di legge in suddetta materia 20. Per quanto riguarda la composizione della Consulta, il testo dispone che essa sia costituita da un rappresentante di ogni organismo professionale che ne presenti richiesta e dall Assessore competente nonché presieduta dal Presidente della Regione. Con il Disegno di legge n. 830 del 14 Dicembre 2011 intitolato Incentivi per la pratica professionale in Sicilia, il legislatore si pone inoltre l obiettivo secondo cui: i neolaureati, in procinto di iniziare il loro periodo di praticantato professionale, siano messi nelle condizioni di conseguire un percorso formativo, un arricchimento professionale, ma anche una gratificazione economica e di: responsabilizzare il professionista, presso il cui studio il praticante esegue il proprio tirocinio, prevedendo che il sostegno finanziario erogato dalla Regione sia accompagnato anche da un compenso economico obbligatorio a carico del professionista. In particolare, il supporto finanziario regionale prende la forma di un voucher formativo di cui i destinatari sono appunto i giovani titolari di diploma di laurea che svolgono pratica professionale ai fini del futuro esercizio di una professione intellettuale presso studi di professionisti iscritti agli albi, ordini e collegi della Regione Sicilia. In termini economici, il beneficio pubblico è stabilito a euro annui ed erogato dall Assessorato regionale 20 Per quanto riguarda l ammissione degli organismi professionali alla Consulta, essi sono tenuti a presentare all ufficio regionale competente la documentazione relativa alla costituzione dell Organismo, lo statuto, il regolamento, la composizione, il numero dei soci e l indirizzo della sede. 17

18 dell Istruzione e della Formazione professionale. In termini invece di supporto privato, il disegno di legge prevede che il professionista che prende in carico nel proprio studio professionale il praticante eroghi obbligatoriamente al beneficiario un compenso economico pari a 2.400,00 euro annui. Infine, per il periodo 2012/2014, la proposta di legge destina per la sua attuazione una spesa pari a migliaia di euro annui da imputare nel bilancio della Regione. L esperienza della Campania Nella proposta di legge Norme per il comparto del Lavoro Autonomo dei Giovani Professionisti (Registro Generale 220), ad iniziativa del Consigliere Antonio Marciano, depositata il 29 giugno 2011, anche la Regione Campania focalizza le sue risorse su un target ben specifico, ovvero l accesso dei giovani al mercato delle professioni intellettuali. In primis, il testo predispone che la legislazione regionale e la programmazione comunitaria estendano, per quanto compatibile, i finanziamenti, le agevolazioni e gli incentivi previsti per le imprese anche ai professionisti, con particolare attenzione ai giovani professionisti. A tal riguardo, la Regione estende alle aggregazioni professionali tra giovani professionisti i crediti d imposta riconosciuti alle imprese, limitatamente alle previsioni annuali di spesa previste nella legge di bilancio regionale. Inoltre, il testo normativo favorisce le aggregazioni tra professionisti e interprofessionali costituite in prevalenza da giovani professionisti e quelle che costituiscono sedi operative all estero nei principali mercati emergenti attraverso l istituzione di un apposito fondo di ,00 per l anno finanziario 2012, nonché mediante il riconoscimento di agevolazioni fiscali, limitatamente alle previsioni annuali di spesa contenute nella legge di Bilancio regionale 21. Come si evince dal titolo della normativa, il Legislatore ha voluto dedicare maggiore spazio alla facilitazione dell accesso al mondo professionali dei giovani. Tale obiettivo è perseguito con quattro iniziative specifiche: 1) l istituzione di un fondo di ,00 per l anno finanziario 2012 per borse di studio e agevolazioni fiscali per l inizio dell attività, limitatamente alle previsioni annuali di spesa contenute nella legge di bilancio regionale, per i giovani meritevoli e in situazioni di disagio economico; 2) l istituzione di un apposito fondo regionale di ,00 per l anno finanziario 2012, per i tirocinanti operanti nell ambito della regione, a condizione che il dominus riconosca un equo compenso, oltre al rimborso obbligatorio delle spese, secondo le modalità previste dal comma 4 21 A riguardo, la proposta di legge disciplina quanto segue: L attività dei soci e dei collaboratori o addetti è soggetta alla disciplina vigente per l esercizio delle professioni intellettuali delle singole professioni ed alla normativa generale con particolare riferimento alle previsioni della Legge 14 settembre 2011 n. 148, della Legge 12 novembre 2011 n. 183 e della Legge 24 marzo 2012 n. 27. E costituita un associazione temporanea regionale tra professionisti quando tre o più professionisti, anche in società tra loro, così come disciplinate dalle leggi 14 settembre 2011 n. 148, 12 novembre 2011 n. 183 e 24 marzo 2012 n. 27 convengono di riunirsi per eseguire in comune un opera o un mandato professionale determinato. Tale associazione può configurarsi liberamente, nei limiti imposti dalla legislazione nazionale e secondo le forme consentite. 18

19 dell articolo 9 della legge 24 marzo 2012 n. 27, tenuto conto dell effettivo apporto di lavoro, con riferimento al regime tariffario delle prestazioni rese; 3) stilare specifiche convenzioni con le associazioni ed i sindacati di professionisti per favorire la collocazione presso studi professionali di giovani che non sono in grado di individuare il professionista per il praticantato; 4) destinare agevolazioni fiscali, amministrative o tributarie nella realizzazione delle forme di pubblicità dei giovani professionisti. Tabella 1.2.1: Riferimenti normativi - Regioni Regione Normativa Campania Registro Generale 220 Lazio Disegno di legge n Ottobre 2010 Piemonte Legge regionale n Ottobre 2011 Toscana Legge regionale n Settembre 2008 Provincia autonoma di Trento Legge provinciale n.4 14 Febbraio 2007 Sardegna Disegno di legge n Aprile 2010 Sicilia Disegno di legge n Dicembre 2011 Conclusioni Il Decreto liberalizzazioni segna una tappa importante nel contesto politico italiano in quanto per primo introduce nella normativa nazionale significative modifiche riguardanti il mondo dei servizi professionali. L intento del legislatore, infatti, è stato proprio quello di trasformare ciò che spesso viene definito come un sistema chiuso di caste in un mercato aperto ed efficiente in grado di fornire al consumatore, non solo italiano ma anche europeo, prezzi competitivi per servizi ad alto contenuto di conoscenza. Sulla carta, quindi, si è scelta la strada della deregulation dell economia del know-how tecnico per poter rilanciare un Paese afflitto, come tanti, da una drammatica crisi riscontrabile sia sul piano economico reale che su quello finanziario così come per poter rispondere positivamente alla normativa comunitaria. Oltre all individuazione del mondo delle professioni come settore prioritario per l intervento liberalizzante, opinabile sono anche gli strumenti con cui il Governo modifica le abitudini quotidiane di milioni di professionisti e consumatori. Difatti, il Decreto Cresci-Italia rimarrà noto ai posteri per l abrogazione di un sistema tariffario che fungeva da riferimento oggettivo e condiviso per la stipulazione del compenso del professionista e che nei fatti era già stato abrogato nel 2006 dal Decreto Bersani; si pone l obiettivo di annullare le barriere di entrata per i più giovani in un settore che negli ultimi dieci anni ha raddoppiato il numero degli iscritti ( ) e di cui la metà hanno meno di 45 anni; indebolisce l illecito disciplinare non prevedendolo affatto nella legge di conversione; introduce nuovi obblighi informativi come quello di segnalare all utente le generalità dell assicurazione senza però prevedere l obbligo di comunicare anche il massimale. Una strada alternativa sarebbe potuta essere 19

20 quella di rafforzare la cooperazione tra Stato-Regioni sulla competenza concorrente in materia di professioni in quanto queste ultime più vicine alle esigenze del tessuto economico locale e quindi con più capacità di individuare gli ostacoli e le soluzioni alternative al potenziamento del mercato della conoscenza come strategia di rilancio dell economia e del sistema sociale. In questo senso, la panoramica offerta in questa breve rassegna normativa sottolinea l esistenza di valide iniziative, come quella della Regione Toscana, atte a creare un sistema di raccordo tra il mondo dei professionisti, utenti e Pubblica Amministrazione che permetta un dialogo proficuo per l identificazione ed il supporto di progetti in cui la parola d ordine sia innovazione. Bibliografia Il Sole 24 Ore, (2012) Professionisti Liberalizzazioni e Altre Novità, Il Sole 24 Ore. De Luca, R., (2012) Professionisti Privilegiati e Parassiti. La grande mistificazione,italia Oggi Sitografia: shtml?uuid=AaeXzlzE sedi-sul-territorio_ html bilanci/cassa-ragionieri/2012/03/02/13_d.shtml?uuid=97ec5f9c e1-a536-65a26f49768d&docrulesview=libero o=professional%20day:%20non%20solo%20protesta.%20anche%20proposte 4.shtml ml 20

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI

NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI Art. 1 (Finalità e oggetto della legge) 1. La presente legge, nel rispetto del decreto legislativo 2 febbraio 2006,

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA La seguente

Dettagli

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Michele Lapenna Consigliere Tesoriere Consiglio Nazionale Ingegneri 1 LA GENESI DELLA RIFORMA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale.

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 29 del 27 aprile

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Le Societa' Tra Professionisti

Le Societa' Tra Professionisti Il quadro normativo: disposizioni generali Nel corso degli ultimi due anni si sono susseguiti dei provvedimenti che hanno previsto e regolamentato un nuovo modello organizzativo: Le Società Tra Professionisti

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* novembre 2006

RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* novembre 2006 RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* novembre 2006 Comunicato n. 111/2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri- 25 settembre 2006 Individuazione dell autorità centrale per la ricezione delle

Dettagli

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.)

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.) COMMISSIONE ALBO, ORDINAMENTO E TUTELA SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.) (Decr. Min. Giust. n. 34 dell 8/2/2013) 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L. 1815 del 23 novembre 1939 (Legge disciplinante l esercizio

Dettagli

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Dr. Giuseppe Paulato Art. 2233 c.c. Il compenso, se non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011 UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra Bari, 9 settembre 2011 1 RIFORMA PROFESSIONI LIBERALIZZARE o DEREGOLAMENTARE? Liberalizzare:

Dettagli

Circolare N.126 del 31 Luglio 2013

Circolare N.126 del 31 Luglio 2013 Circolare N.126 del 31 Luglio 2013 RC professionisti. Dal 15 agosto diventa un obbligo! Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che entro il prossimo 15.08.2013, secondo quanto previsto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale.

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 48 del

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Circolare N.120 del 4 Settembre 2012 Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Professioni regolamentate: più tempo per la copertura assicurativa Gentile cliente, con la presente

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di Regolamento di riordino dell Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV, ai sensi dell articolo 26 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1,

Dettagli

STATUTO. DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1. "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste

STATUTO. DELLA FONDAZIONE proposta ARTICOLO 1. Assidipost-Federmanager (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste STATUTO DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1 "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste Italiane) aderente a "Federmanager" e "CIDA" (Confederazione Italiana Dirigenti

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1090 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VIETTI Delega al Governo per la riforma della disciplina delle persone giuridiche e delle

Dettagli

RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi

RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi RIFORMA DELLE PROFESSIONI Contrattazione dell'incarico professionale RC professionale Compensi LEGGE 14 settembre 2011, n. 148 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2006, n. 20

Legge regionale 18 dicembre 2006, n. 20 Legge regionale 18 dicembre 2006, n. 20 Riordino delle professioni turistiche di accompagnamento e dei servizi. LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2006, n. 20 Riordino delle professioni turistiche di accompagnamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma 32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori di

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Focus di pratica professionale di Andrea Bongi Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Il comma 3 dell art.10 della c.d. Legge di stabilità per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI Redatto ai sensi della legge 23 dicembre 1998 n 461, del decreto legislativo n 153 del 17 maggio 1999 e dell'atto di indirizzo del Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica del

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti di Luca Ferrari ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA REVISIONE LEGALE L esercizio della revisione legale é riservato ai soggetti

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell articolo 9 della legge 31

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 17 maggio 2012 A tutti gli Iscritti all Albo e p.c. Al Consiglio dell Ordine Nazionale degli Attuari Ai Comitati Regionali All Istituto Italiano degli Attuari Prot. n. 066/2012

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2208 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (POLETTI)

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA TESTO COORDINATO DELL ARTICOLO 3, COMMA 5, decreto legge 13 agosto 2011, n. 138 (c.d. manovra economica bis), conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148, integrato dalla legge 12 novembre 2011, n. 183 (c.d.

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse

La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse PROFESSIONE INTELLETTUALE ART. 2229 COD.CIV. La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse generale della

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Municipale n. 13 del 18 gennaio 2012 1 Titolo I - ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. n 413 Salerno, lì 24 Marzo 2012 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 51/2012. Decreto Legge sulle Liberalizzazioni: il testo definitivamente approvato

Dettagli

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia:

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia: ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI OPERATIVI PER LA GOVERNANCE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DI PARMA E DEGLI ENTI AZIENDE ED ISTITUZIONI (DELIB. G.C. 355/38 2013) Con lettera del 6 Giugno 2013 prot. 96974/2013

Dettagli

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI SOCIETA TRA PROFESSIONISTI La Società tra professionisti STP è stata introdotta e riconosciuta da poco nel nostro ordinamento come società mono o multi disciplinare regolamentata dal D.M. 8 febbraio 2013

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari Statuto Approvato con Decreto AFAM n. 273 del 6 settembre 2004. TITOLO I - Principi generali Art. 1 - Definizioni e riferimenti 1. In attuazione dell art. 33 della Costituzione, vista la legge 21 dicembre

Dettagli

RIFORMA DELLE PROFESSIONI PRINCIPI ISPIRATORI

RIFORMA DELLE PROFESSIONI PRINCIPI ISPIRATORI FEDERAZIONE ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI CONSERVATORI TOSCANI AREZZO GROSSETO LIVORNO LUCCA PISTOIA PRATO SIENA FAD formazione a distanza Seminario formativo valido per 4 CFP obbligatori in materia

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Enti privatizzati. 2. Gestione. 3. Vigilanza. 4. Albo. 5. Personale. Elenco A. D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 (1).

Epigrafe. Premessa. 1. Enti privatizzati. 2. Gestione. 3. Vigilanza. 4. Albo. 5. Personale. Elenco A. D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 (1). D.Lgs. 30-6-1994 n. 509 Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma 32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori di forme

Dettagli

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione TESTO Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione NOTE CAPO I - PERSONALE Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono abrogati l articolo 16 del

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE D.Lvo 39/2010 - Artt. 5 Parere: CONSOB Concerto NO Regolamento sulla formazione continua dei revisori BOZZA Regolamento del Ministro dell economia e delle finanze concernente le modalità del perfezionamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 3-01-1985 REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 3-01-1985 REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 3-01-1985 REGIONE CAMPANIA >. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

Liberalizzazione delle attività economiche

Liberalizzazione delle attività economiche LE NOVITÀ DEL "DECRETO LIBERALIZZAZIONI" e del DECRETO SVILUPPO Il D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività" convertito

Dettagli

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e movimenti politici, nonché misure per garantire la trasparenza

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA Regolamento 2012-2014 Data di approvazione 11 settembre 2012 INDICE Pag. 2 Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Ordinamento

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive Delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013-2015 della Regione autonoma Trentino- Alto Adige (Legge finanziaria) 1 Art. 1 (Sviluppo

Dettagli

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Costituzione 1. Con deliberazione del 21 febbraio 2011, ai sensi dell'art. 18 del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 e

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha RELAZIONE SULLE MODIFICHE APPORTATE AL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE IN APPLICAZIONE DEL D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248. A distanza di poco più

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE Regione Piemonte Proposta di legge regionale d iniziativa consiliare Oggetto n. 248 Istituzione dell anagrafe degli eletti Con il presente progetto

Dettagli

Novità in tema di regolamenti del registro dei revisori legali. Agenda

Novità in tema di regolamenti del registro dei revisori legali. Agenda Novità in tema di regolamenti del registro dei revisori legali 9 aprile 2013, Dott. Daniele Bernardi Agenda I regolamenti di attuazione, I compensi per gli incarichi di revisione legale, L indipendenza

Dettagli

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Protocollo d Intesa TRA PROVINCIA di CUNEO E ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Per la promozione, l elaborazione, la gestione di Progetti

Dettagli

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ. Regolamento degli incentivi per la progettazione e la gestione interna di lavori pubblici e strumenti urbanistici (Approvato con deliberazione n. 3/GM del 5.1.2012) PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

e) all utilizzo di adeguati strumenti di comunicazione plurilingue, anche realizzati per via telematica.

e) all utilizzo di adeguati strumenti di comunicazione plurilingue, anche realizzati per via telematica. BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE AI CENTRI DI AGGREGAZIONE E PER LA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INTERNO PER PROGETTAZIONE O ATTI DI PIANIFICAZIONE (Art.18, commi 1 e 2, Legge 11 febbraio 1994

Dettagli

COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza) COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 Il principio di Trasparenza deve essere inteso come accessibilità totale, anche attraverso lo strumento

Dettagli

NOTAI, COMMERCIALISTI E AVVOCATI ADDIO ALLE TARIFFE CON QUALCHE FALLA

NOTAI, COMMERCIALISTI E AVVOCATI ADDIO ALLE TARIFFE CON QUALCHE FALLA LIBERE PROFESSIONI Avvocati, commercialisti, notai e "tutti gli altri": addio alle tariffe con qualche falla Antonio Ciccia Il compenso diventa unico per le professioni ordinistiche. Si abbandona la parcellizzazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi AS 1120 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità per il 2014) Disposizioni di interesse per la professione forense SCHEDA DI ANALISI * Art. 9, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE Circolare 29 del 12 dicembre 2014 Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE 1 Premessa... 3 2 Operazioni straordinarie delle società di persone

Dettagli

Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento

Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento Questo articolo prende in esame il nuovo assetto normativo che regola la determinazione dei compensi professionali,

Dettagli