RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE"

Transcript

1 RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11

2 Struttura del controllo sui rischi Valore delle rimanenze determinato da: Rilevazione fisica delle quantità Controllo dei cartellini d inventario e compilazione degli elenchi delle rimanenze Determinazione dei costi unitari Cut-off, riscontro e concordanza fisicocontabile Valore netto di realizzo 2

3 Conte fisiche - Obiettivo Tutte le quantità di rimanenze di magazzino che appartengono all impresa sono accuratamente determinate e registrate 3

4 Conte fisiche - Rischi Le rimanenze non di proprietà (conto deposito, attrezzatura, etc.) sono incluse nelle conte fisiche e valorizzate Rimanenze di proprietà non incluse nelle conte fisiche Le conte fisiche non sono corrette o duplicate L unità di misura adottata differisce da quella utilizzata per la valutazione Lo stato di completamento non è correttamente identificato I dati delle conte non sono correttamente registrati sui cartellini di inventario 4

5 Conte fisiche Tecniche di controllo (1/3) Istruzioni scritte diffuse a tutto il personale coinvolto e dovrebbero includere: Composizione delle squadre, individuazione dei nomi dei responsabili delle operazioni inventariali Procedure per la corretta rilevazione del cut-off Identificazione delle rimanenze da includere nelle conte e viceversa Descrizione dei cartellini e modalità di compilazione Procedure di conta (doppie conte, conversioni, etc.) Gestione delle differenze da doppia conta e comparazione con contabilità analitica Procedure per il controllo dei cartellini 5

6 Conte fisiche Tecniche di controllo (2/3) Le squadre di conta devono avere adeguata conoscenza dei prodotti nonché del loro grado di completamento Netta separazione delle rimanenze di terzi Disponibilità di cartellini prestampati Seconde conte a campione effettuate da squadre diverse Presenza di personale direttivo Rimanenze dislocate in modo tale da consentire conta accurata 6

7 Conte fisiche Tecniche di controllo (3/3) Per le rimanenze presso terzi: Conferma scritta della quantità in giacenza Partecipazione alla conta fisica del personale della società Controllo dell accuratezza dei fattori di conversione Annullamento dei cartellini non utilizzati e relativa approvazione Verifica hash total Riconciliazione fisico-contabile 7

8 Conte fisiche Procedure di verifica Osservazione generale delle operazioni inventariali e visitare tutto il magazzino per identificare aree non inventariate Esame della riconciliazione fisico-contabile e delle modalità di gestione delle differenze Effettuazione conte fisiche e riscontro del risultato con le risultanze inventariali Esaminare con il personale direttivo le determinazione dello stato di completamento delle rimanenze Esaminare i risultati inventariali per le rimanenze giacenti all esterno dell impresa 8

9 Controllo dei cartellini - Obiettivo Tutte le quantità contate nel corso della rilevazione fisica sono accuratamente elencate negli elenchi delle rimanenze di magazzino 9

10 Controllo cartellini - Rischi Duplicazione dei cartellini Cartellini utilizzati non restituiti per la successiva elaborazione Cartellini non utilizzati impiegati successivamente per compilare l elenco delle rimanenze Dati dei cartellini non correttamente elaborati Cartellini duplicati o omessi nella elaborazione Costi unitari non correttamente associati alle singole voci Errate conversioni 10

11 Controllo cartellini Tecniche di controllo (1/2) Controllo cartellini svolto da chi non ha contato Cartellini prenumerati e controllati numericamente, emessi in blocchi e assegnati a ciascuna area di conta Controllo di tutti i cartellini emessi, utilizzati, non utilizzati o cancellati: Controllo della sequenza numerica dei cartellini prima che vengano restituiti con evidenza di quelli mancanti Utilizzo di doppia copia dei cartellini (una va affissa alle rimanenze) Le conte effettuate dal personale direttivo vengono riscontrate con i cartellini e con l imputazione a sistema da personale che non ha partecipato alla rilevazione fisica segue 11

12 Controllo cartellini Tecniche di controllo (2/2) Controllo dell input a sistema dei cartellini Elenco sequenziale cartellini con indicazione dello stato (utilizzato, mancante, etc.) e verifica coerenza con quanto immesso a sistema Controllo sul corretto utilizzo del costo unitario L elenco delle rimanenze è esaminato da una persona esperta per individuare errori (completezza o accuratezza aritmetica) 12

13 Controllo cartellini Procedure di verifica (1/3) Osservazione e discussione con i responsabili per il controllo dei cartellini per determinare l operatività delle tecniche di controllo Limitata osservazione del procedimento relativo alla restituzione dei cartellini e alla relativa registrazione Discussione con il personale direttivo sui problemi emersi e loro risoluzione. Comparazione del numero totale dei cartellini utilizzati, con il totale dei cartellini elaborati. Raffronto tra il valore totale dell elenco delle rimanenze per cartellino d inventario in ordine sequenziale con il totale valore delle rimanenze di magazzino. segue 13

14 Controllo cartellini Procedure di verifica (2/3) Verifica che il personale direttivo abbia esaminato le voci non valorizzate e che abbia approvato l attribuzione del valore di voci complesse o di valore significativo. Osservazione e discussione per determinare che i cartellini elaborati siano stati verificati (input) Verifica dell utilizzo degli archivi corretti dei relativi costi per valorizzare le quantità di rimanenze. Riscontro a campione degli archivi dei costi per accertare la loro corrispondenza. Esame degli elenchi finali di rimanenze di magazzino per evidenti errori. Controllo dell accuratezza aritmetica Accertamento della effettuazione dei collegamenti tra i sondaggi della esistenza fisica e il controllo dei cartellini effettuati dal personale direttivo. segue 14

15 Controllo cartellini Procedure di verifica (3/3) Collegamento delle limitate conte fisiche e dei sondaggi sul controllo dei cartellini effettuati dal revisore alle risultanze contabili. Esame dell elenco finale delle rimanenze di magazzino per eventuali rettifiche significative. Raffronto dei livelli delle rimanenze e dell utile lordo nei vari esercizi per ciascuna categoria di rimanenze e per gruppi di prodotti ottenendo le necessarie spiegazioni per eventuali variazioni significative segue 15

16 Costi unitari - Obiettivo Le quandtà fisiche delle rimanenze sono moldplicate per i cosd unitari che rappresentano i cosd effeivi capitalizzabili, determinad con condnuità nel tempo e applicad in funzione della ipotesi di flusso fisico dei cosd 16

17 Costi unitari - Obiettivo Le quandtà fisiche delle rimanenze sono moldplicate per i cosd unitari che rappresentano i cosd effeivi capitalizzabili, determinad con condnuità nel tempo e applicad in funzione della ipotesi di flusso fisico dei cosd 17

18 Costi unitari - Rischi I costi unitari non rappresentano i costi effettivi. I costi unitari non includono tutti i costi effettivamente capitalizzabili I costi unitari includono costi che non sono capitalizzabili in conformità ai corretti principi contabili La valutazione delle rimanenze non riflette la ipotesi di flusso dei costi. La formulazione dei costi unitari non coincide con l effettiva sequenza del processo produttivo. Il metodo di costo adottato non è accettabile ai fini tributari. Il metodo di costo non è applicato con continuità nel tempo. 18

19 Costi unitari Tecniche di controllo (1/4) Qualificato ufficio di contabilità dei costi che controlla e aggiorna i costi unitari. Tutti i costi unitari sono documentati da rendiconti analitici che indicano un accurata preparazione Le modifiche e le integrazioni dell archivio dei costi sono propriamente controllate ed approvate I costi unitari sono definiti e o rivisti da personale adeguato (contabilità, ufficio tecnico, acquisti e produzione) per assicurare che gli stessi siano rappresentativi della produzione effettiva. I costi unitari sono dettagliati per operazioni segue 19

20 Costi unitari Tecniche di controllo (2/4) Revisioni dei costi unitari quando si modificano le condizioni (modifiche nei costi, nei metodi di produzione e nella capacità produttiva) per assicurare che rappresentino i costi effettivi e escludano inefficienze. Contabilità dei costi prevede un tempestivo aggiornamento dei costi per variazioni nei costi di materiali, manodopera e spese generali di produzione. Se impiegati i costi standard, le varianze sono correttamente calcolate, esaminate dalla Direzione ed utilizzate per effettuare revisioni dei costi standard I costi unitari includono anche gli scarti e i costi di rilavorazione, mentre gli scarti eccessivi sono esclusi dai costi unitari dei prodotti finiti. segue 20

21 Costi unitari Tecniche di controllo (3/4) Il costo generale di produzione è esaminato dalla Direzione per accertare la continuità di applicazione nel tempo e la conformità con i corretti principi contabili L attribuzione delle spese generali di produzione ai singoli prodotti è effettuata in base ad indici fondati su una normale capacità produttiva, e coerenti nel tempo (capacità produttiva inutilizzata non ricompresa nelle rimanenze di magazzino) L Ufficio contabilità dei costi adotta procedure ben definite per applicare i costi unitari alle rimanenze di magazzino in funzione delle ipotesi di flusso di costo adottate. segue 21

22 Costi unitari Tecniche di controllo (4/4) La valutazione attraverso gli stati di avanzamento e completamento è effettuata (in via informatica o manualmente) dal personale dell Ufficio contabilità costi La valutazione delle maggiori voci è rivista dal personale direttivo. 22

23 Costi unitari Procedure di verifica (1/3) Procedure di conformità vs sondaggi di dettaglio Possibili test di conformità effettuati a una data preliminare: Rivedere i controlli sulla manutenzione degli archivi base (distinta base, costi standard, ecc.), che influenzano in modo significativo la valutazione. Tale esame dovrebbe comprendere: discussione ed analisi dei controlli con l ufficio contabilità costi, il controllo di produzione, gli uffici tecnici, ecc.; osservazione relativa alla manutenzione degli archivi; Riscontro evidenza dei controlli quali la approvazione per tutte le modifiche, il controllo batch, ecc., e verifica della completezza degli archivi modificati segue 23

24 Costi unitari Procedure di verifica (2/3) Rivedere i controlli sulla determinazione dei costi unitari: Discutere con la contabilità costi le procedure per la determinazione dei costi relativi alle materie prime, alla manodopera ed alle spese generali di produzione; Accertare che i dati immessi nel sistema derivino dagli uffici tecnici, dalla produzione e dall ufficio acquisti; Osservare, discutere e ricalcolare le modifiche di un campione molto limitato (es. non più di dieci di costi unitari), per convalidare l effettiva applicazione delle procedure e riscontro con la contabilità dei costi Collegare le fonti utilizzate (archivi acquisti, manodopera, spese generali di produzione) ai sondaggi sui controlli delle spese; segue 24

25 Costi unitari Procedure di verifica (3/3) Esaminare la contabilità dei costi per individuare la corretta e accurata preparazione, le date delle modifiche, ecc. Accertare gli elementi che formano i costi generali di fabbricazione e la base per la attribuzione di tali costi ai prodotti Verificare la loro continuità di applicazione nel tempo, ragionevolezza e approvazione da parte del personale direttivo. Accertare se sono stati considerati gli effetti di significativi cambiamenti nella produzione; Esaminare le varianze che sono state rilevate fino alla data più recente e determinare se i provvedimenti presi per aggiornare i costi standard sono stati appropriati. 25

26 Cut-off - Obiettivo I saldi della contabilità generale relativi alle rimanenze di magazzino sono accuratamente riscontrati con i totali derivanti dalle conte fisiche e le eventuali differenze (rettifiche) sono correttamente registrate. 26

27 Cut-off - Rischi Le operazioni del periodo immediatamente precedente o successivo alla data di inventario fisico non sono registrate in contabilità o riflesse nella riconciliazione fisico-contabile La data di rilevazione delle rimanenze non coincide con la data di chiusura e pertanto sono da considerare ulteriori voci nello riconciliazione fisico-contabile La riconciliazione fisico-contabile non riflette tutte le voci o è preparata in modo non corretto; Le rettifiche fisico-contabile sono registrate senza effettuare ulteriori indagini relativamente ad ammontari inusuali ; Le rettifiche non autorizzate sono rilevate in contabilità. 27

28 Cut-off Tecniche di controllo (1/3) Istruzioni scritte sono diffuse per la conta fisica delle rimanenze e includono i seguenti controlli: Date, tempi ed aree (ricevimento, spedizioni magazzini) del cut-off; Procedure per il ricevimento, spedizione e trasferimento delle merci verificatesi nel giorno o nei giorni delle conte (separazione delle merci ed esclusione dalle conte); Procedure per registrare e rendicontare il numero dei documenti utilizzati per documentare le operazioni di cut-off; Indicazione sui documenti che le voci relative alle transazioni di cui al punto c) sono state incluse o escluse dalle conte fisiche; Coordinamento tra il personale direttivo e personale operativo per assicurare che i documenti base coincidano con la effettiva inclusione/esclusione delle voci dalle conte; Controllo del cut-off del personale non coinvolto nel procedimento di conta e di elaborazione di tutte le voci interessate al cut-off. 28

29 Cut-off Tecniche di controllo (2/3) I documenti elaborati prima e dopo la data della conta sono esaminati per assicurare la loro registrazione nel corretto periodo contabile o la loro inclusione nella riconciliazione fisico-contabile Esame degli ordini di acquisto non ancora evasi la cui consegna era prevista da lungo tempo. Esame delle bolle di ricevimento merci che non hanno trovato riscontro con le fatture fornitori Sono impiegati programmi di lavoro e di rendicontazione per la preparazione della riconciliazione fisico-contabile Il personale direttivo esamina la riconciliazione fisico-contabile ed i documenti di supporto delle principali voci. 29

30 Cut-off Tecniche di controllo (3/3) Le rettifiche per ammontari inusuali sono oggetto di analisi dal personale che ha una completa conoscenza della contabilità analitica di magazzino. Le rettifiche finali tra le risultanze fisiche e quelle contabili delle rimanenze di magazzino sono approvate ad un appropriato livello di personale direttivo. 30

31 Cut-off Procedure di verifica Discussione con il personale direttivo dei problemi emersi e della loro soluzione Indagine su transazioni di importo rilevante effettuate prima e dopo la rilevazione fisica e relativa modalità di gestione Esame dei fogli di lavoro relativi alla riconciliazione fisicocontabile ed accertamenti delle voci in riconciliazione Esame della documentazione di supporto per voci inusuali; Esame degli accertamenti effettuati dal personale e delle spiegazioni fornite relative a differenze e rettifiche fisico-contabili di importi inusuali; Comparazione dell utile lordo percentuale per i periodi precedenti e successivi alla data delle rilevazioni fisiche; Accertamento che le rettifiche finali siano state approvate al livello più appropriato. segue 31

32 Cut-off - Obiettivo I saldi della contabilità generale relativi alle rimanenze di magazzino sono accuratamente riscontrati con i totali derivanti dalle conte fisiche e le eventuali differenze (rettifiche) sono correttamente registrate. 32

33 Valore netto di realizzo - Obiettivo Le rimanenze di magazzino non sono iscrime per un valore eccedente il valore nemo di realizzo 33

34 Valore netto di realizzo Rischi Le voci con problemi di realizzabilità non sono identificate; Fondi di per voci che non richiedono svalutazioni; I fondi di svalutazione non riflettono le condizioni economiche, il risultato di eventuali cessioni avvenute successivamente o non risultano conformi ai corretti principi contabili; Errori di accuratezza aritmetica o concettuali nel determinare il valore netto di vendita, gli ammontari delle riserve, ecc.; I fondi di svalutazione non sono determinati per ciascuna voce delle rimanenze su base individuale, ma compensate con altre voci per le quali la svalutazione non è necessaria. 34

35 Valore netto di realizzo Tecniche di controllo (2/3) sono preparati rendiconti periodici e riflettono la percentuale di utile lordo realizzata su vendite o sui previsti margini relativi alle lavorazioni in corso; Il costo di sostituzione per le materie prime i cui prezzi hanno forti oscillazioni sono controllati dall ufficio acquisti e comunicate alla direzione per la loro corretta valutazione; Sono fissate procedure per la individuazione di rimanenze eccedenti e obsolete. Tali analisi sono effettuate periodicamente, almeno una volta nell esercizio, da personale competente. Le quantità sono raffrontate con le vendite o con altri dati che indicano l utilizzo di tali merci e prodotti. Eventuali voci che hanno la caratteristica di lenta movimentazione sono oggetto di ulteriori investigazioni. 35

36 Valore netto di realizzo Tecniche di controllo (3/3) Commenti su voci di lento movimento sono ottenute da tutti gli uffici interessati (ufficio tecnico, produzione, ufficio vendite). Andamenti stagionali o più recenti sono propriamente considerati. Un esame è effettuato per tutte le voci con un basso valore unitario. Queste ultime possono ricomprendere la maggioranza delle voci per le quali è richiesta una riserva (in genere queste voci sono quelle che ricevono una minore attenzione). Controlli sono in atto per assicurare che tutte le voci di magazzino sono incluse nei raffronti tra le quantità in giacenza e le quantità risultanti dalle vendite 36

37 Valore netto di realizzo procedure di verifica (1/2) Colloqui con i responsabili delle attività di attribuzione del valore netto di realizzo e per il calcolo dei relativi fondi per accertare se le procedure sono state applicate Analizzare l attività operativa dell impresa con i dirigenti dei vari reparti (vendite, produzione, acquisti, ufficio tecnico) per accertare la ragionevolezza delle previsioni di vendita al fine di individuare potenziali eccedenze di stock; Esaminare le istruzioni relative all analisi della eccedenze di stock e dell obsolescenza per accertare che siano coerenti con i controlli svolti in esercizi precedenti. Accertare che la analisi dell eccedenza dello stock e dell obsolescenza sia effettuata sulla base di archivi base risultanti dalla rilevazione fisica delle quantità; 37

38 Valore netto di realizzo procedure di verifica (2/2) Collegare il previsto utilizzo delle rimanenze risultante dall analisi delle possibili eccedenze, con le previsioni di vendita. Selezionare un campione per comparare le eccedenze con le previsioni di vendita. Discutere il personale direttivo i risultati delle loro analisi per quanto attiene la costituzione di eventuali fondi. Accertare che i risultati siano ragionevoli e fondati su una applicazione coerente delle procedure; Comparare i fondi di svalutazione con gli esercizi precedenti ed ottenere spiegazioni delle variazioni Raffrontare i fondi di svalutazione con il totale lordo delle rimanenze di magazzino per accertare la ragionevolezza della percentuale risultante dalla costituzione del fondo. 38

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

LE RIMANENZE DI MAGAZZINO GENERALITÀ LE RIMANENZE DI MAGAZZINO febbraio 08 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO SONO COSTITUITE DA MERCI E PRODOTTI CHE SONO IN GIACENZA IN ATTESA DELLA VENDITA O PER ESSERE IMPIEGATI NEL PROCESSO PRODUTTIVO.

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. Rimanenze di esercizio. per la REVISIONE. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla RIMANENZE di MAGAZZINO Analisi della «posta» di bilancio dedicata alle rimanenze, ossia quei beni che formano oggetto dell attività imprenditoriale insieme a tutti i beni materiali

Dettagli

DEBITI VERSO FORNITORI

DEBITI VERSO FORNITORI DEBITI VERSO FORNITORI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Obbligazioni per acquisto di merci o servizi. Art. 2424 c.c. D)

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche

Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche Disponibilità Liquide e Debi1 verso Banche Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Generalità Disposizioni del codice civile art. 2424 Disponibilità

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO

IL CONTROLLO DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO IL CONTROLLO DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO Relatore: Dott. Aldo Cecilia Loiacono OPEN Dot Com Spa Servizio: Nome servizio Pag. 1 PREMESSA INDISPENSABILE: COME ORGANIZZARE E FARE LA REVISONE CONTABILE 1.

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

DISPONIBILITÀ LIQUIDE E DEBITI VERSO BANCHE

DISPONIBILITÀ LIQUIDE E DEBITI VERSO BANCHE DISPONIBILITÀ LIQUIDE E DEBITI VERSO BANCHE GENERALITÀ DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE ART. 2424 DISPONIBILITÀ LIQUIDE: O. DEPOSITI BANCARI E POSTALI; O. ASSEGNI; O. DENARO E VALORI IN CASSA ( INCLUDONO

Dettagli

IL PROCESSO DI REVISIONE. Procedure di revisione in merito a Disponibilità liquide, debiti verso banche e rimanenze

IL PROCESSO DI REVISIONE. Procedure di revisione in merito a Disponibilità liquide, debiti verso banche e rimanenze IL PROCESSO DI REVISIONE. Procedure di revisione in merito a Disponibilità liquide, debiti verso banche e rimanenze Universita di Roma Facolta di Economia Corso di Revisione Aziendale - anno 2014-2015

Dettagli

TITOLI E PARTECIPAZIONI (RELATIVI AD IMPRESE MANIFATTURIERE E COMMERCIALI)

TITOLI E PARTECIPAZIONI (RELATIVI AD IMPRESE MANIFATTURIERE E COMMERCIALI) TITOLI E PARTECIPAZIONI (RELATIVI AD IMPRESE MANIFATTURIERE E COMMERCIALI) Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Generalità Classificazione: Titoli

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

non conclusi alla data di rilevazione delle risultanze contabili periodiche (beni fungibili);

non conclusi alla data di rilevazione delle risultanze contabili periodiche (beni fungibili); Verifiche di sostanza sul magazzino Premessa Le verifiche di sostanza sul magazzino variano a seconda della natura e dell industria in cui opera l azienda e del fatto che si tratti di un azienda commerciale

Dettagli

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1 PARTECIPAZIONI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Art. 2424 b iii immobilizzazioni finanziarie. Partecipazioni Crediti Altri

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Operational Audit: Macerata Plant Kick-off Detailed scope Daniele 2 Bruni: Esercitazione

Dettagli

Revisione legale e controllo qualità: inventariofisico delle giacenze di magazzino

Revisione legale e controllo qualità: inventariofisico delle giacenze di magazzino Revisione legale e controllo qualità: inventariofisico delle giacenze di magazzino di Alberto Pesenato (*) Il controllo di qualità stabilito dal D.Lgs. n. 39/2010 e basato sui principi di revisione ISA:

Dettagli

Cassa e banche: quadro di riferimento

Cassa e banche: quadro di riferimento Cassa e banche: quadro di riferimento Art. 2426 c.c. n. 8. : valutazione al valore presumibile di realizzazione dei crediti Principi contabili CNDCeR: 14 Disponibilità liquide 26 Operazioni in valuta estera

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

Sezione G => G100 Altri Crediti

Sezione G => G100 Altri Crediti 358 Sezione G => G100 Altri Crediti OBIETTIVI Verificare che i crediti verso altri non clienti: - accertare che i crediti verso altri esposti in bilancio siano relativi a reali transazioni e rappresentino

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE Università RomaTre. Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno Accademico 07-08 1 PREMESSA RACCOLTA SUFFICIENTI ED APPROPRIATI ELEMENTI PROBATIVI LA È SVOLTA IN BASE A VERIFICHE DI CAMPIONI

Dettagli

3 La revisione del sistema di controllo interno

3 La revisione del sistema di controllo interno 3 La revisione del sistema di controllo interno Secondo i vecchi Principi di revisione italiani, il sistema di controllo interno 1 è l insieme delle direttive, delle procedure e delle tecniche adottate

Dettagli

Logistica magazzino: Inventari

Logistica magazzino: Inventari Logistica magazzino: Inventari Indice Premessa 2 Scheda rilevazioni 2 Registrazione rilevazioni 3 Filtro 3 Ricerca 3 Cancella 3 Stampa 4 Creazione rettifiche 4 Creazione rettifiche inventario 4 Azzeramento

Dettagli

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013

Valutazione del SCI da parte del revisore. Caso Elettronica Italia Soluzioni. Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Rif sm/fb 1 Valutazione del SCI da parte del revisore Caso Elettronica Italia Soluzioni Corso di revisione aziendale anno accademico 2012-2013 Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli

Dettagli

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Computer-Assisted Audit Technique (CAAT)

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Computer-Assisted Audit Technique (CAAT) Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Computer-Assisted Audit Technique (CAAT) Indice degli argomenti Introduzione Metodologia Esempi Conclusioni Slide 2 Introduzione Metodologia Esempi

Dettagli

IL PROCESSO DI REVISIONE.

IL PROCESSO DI REVISIONE. IL PROCESSO DI REVISIONE. 4) Esecuzione piano di audit (1 di 3): Procedure di inventario fisico, Analisi comparativa, Procedure di revisione in merito a Disponibilità liquide, debiti verso banche e rimanenze!

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Sezione E => E100 Rimanenze

Sezione E => E100 Rimanenze 336 Sezione E => E100 Rimanenze OBIETTIVI Verificare che le rimanenze di materie prime, lavori in corso e prodotti finiti - sono riflesse in bilancio; - esistono fisicamente e sono possedute per essere

Dettagli

Aziende Editrici BREVE GUIDA

Aziende Editrici BREVE GUIDA Gestione Aziende Editrici BREVE GUIDA ( Logiche di funzionamento e modalità d uso ) 1 sommario Introduzione... 3 Regime IVA Speciale Liquidazione e Registro Editori...3 Valorizzazione e Chiusura Magazzini

Dettagli

Tecniche di revisione e le Carte di lavoro. FQR srl - Formazione e Qualità nella Revisione

Tecniche di revisione e le Carte di lavoro. FQR srl - Formazione e Qualità nella Revisione Tecniche di revisione e le Carte di lavoro 1 Agenda Tecniche di revisione Aspetti generali Circolarizzazioni Inventario Carte di Lavoro L organizzazione delle carte di lavoro Caso pratico: Carte di lavoro

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

BILANCIO CONTABILITÀ. revisione legale. di Antonio Cavaliere

BILANCIO CONTABILITÀ. revisione legale. di Antonio Cavaliere revisione legale Guida alla REVISIONE della TESORERIA (CASSA e BANCHE) Approfondiamo la «posta» di bilancio dedicata alla ovvero alla revisione delle disponibilità liquide e dei debiti di natura finanziaria,

Dettagli

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

Il principio ISA Italia n. 230 'La documentazione della revisione contabile' Silvia Fossati

Il principio ISA Italia n. 230 'La documentazione della revisione contabile' Silvia Fossati Il principio 'La documentazione della revisione contabile' Silvia Fossati - La documentazione della revisione contabile Documentazione di revisione (anche "carte di lavoro"): l'evidenza documentale delle

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA. Indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA. Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2014

Dettagli

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT Da alcuni anni l ISTAT e il DPS hanno avviato un attività sistematica di raffronto

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Processi di. produzione e gestione del magazzino

Processi di. produzione e gestione del magazzino Master in Economia Aziendale & Management Dipartimento di Economia Aziendale E. Giannessi Processi di produzione e gestione del magazzino Alessandro Capodaglio 4/4/2007 Capodaglio e Associati 1 IL MODELLO

Dettagli

marzo 2012 Le rimanenze di magazzino aspetti di Revisione

marzo 2012 Le rimanenze di magazzino aspetti di Revisione marzo 2012 Le rimanenze di magazzino aspetti di Revisione Indice Obiettivo della Revisione Attività del revisore Il rischio di revisione e le componenti del rischio Obiettivo della revisione delle rimanenze

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

Pre System s.p.a. Relazione del Collegio Sindacale sul bilancio al 31/12/2011

Pre System s.p.a. Relazione del Collegio Sindacale sul bilancio al 31/12/2011 PRE SYSTEM SPA Sede in Sedegliano (UD), SS 463 Z.I. Pannellia Capitale sociale euro 2.000.000,00 interamente versato Registro delle Imprese di Udine e Codice fiscale n. 02001710306 RELAZIONE DEL COLLEGIO

Dettagli

LOTTI DI MAGAZZINO. Gestione dei Lotti di Magazzino. Release 5.20 Manuale Operativo

LOTTI DI MAGAZZINO. Gestione dei Lotti di Magazzino. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo LOTTI DI MAGAZZINO Gestione dei Lotti di Magazzino In questo manuale sono descritte le procedure per gestire correttamente i lotti di magazzino ed i lotti di trasformazione.

Dettagli

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito 1 ISA 610 USING THE WORK OF INTERNAL AUDITORS Questo principio tratta

Dettagli

Le rimanenze P.C. 13 IAS 2

Le rimanenze P.C. 13 IAS 2 P.C. 13 IAS 2 1 Gli elementi patrimoniali destinati ad essere utilizzati durevolmente devono essere iscritti nell attivo patrimoniale in base a tale destinazione (articolo 2424-bis, comma 1, cod. civ.)

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE

VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE COLLEGIO SINDACALE CON REVISIONE LEGALE NELLE PMI VERIFICA, nel corso dell esercizio, della REGOLARE TENUTA della CONTABILITA e della CORRETTA RILEVAZIONE dei FATTI di GESTIONE FIORANNA NEGRI ASSIREVI

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Treviso L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DI REVISIONE LEGALE 23 novembre 2010 Relatore: dott. Marco Della Putta 1 Indice: a) La pianificazione della

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/243 DATA DI ENTRATA IN VIGORE 29. A eccezione dei paragrafi 23 e 24, il presente Principio contabile internazionale è entrato in vigore a partire

Dettagli

Il CONTROLLO CONTABILE. a cura di Andrea Rossi

Il CONTROLLO CONTABILE. a cura di Andrea Rossi Il CONTROLLO CONTABILE a cura di Andrea Rossi Overview del processo di revisione Fase prelim inare Fase di verifica sul bilancio Determ inazione della materialità Valutazione rischio di individuazione

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

Con istanza di interpello, concernente l'interpretazione del dpr n. 633 del 1972, è stato esposto il seguente

Con istanza di interpello, concernente l'interpretazione del dpr n. 633 del 1972, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 166/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 novembre2005 OGGETTO: IVA. Differenze riscontrate dal depositante in occasione di inventari periodici presso il magazzino del depositario.

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

www.zinformatica.net A G UIDAUIDA A W O R L D

www.zinformatica.net A G UIDAUIDA A W O R L D M www.zinformatica.net A G UIDAUIDA A W O R L D SOMMARIO INTRODUZIONE...3 I comandi di base...5 I comandi di base...6 Avvio...7 Gestione Clienti...7 Gestione Fornitori...8 Gestione Prodotti...9 Help...10

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La comprensione dell impresa e del suo contesto e la valutazione dei rischi di errori significativi Ottobre 2013 Indice 1. La comprensione dell impresa e del suo contesto

Dettagli

CONTO ECONOMICO. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11

CONTO ECONOMICO. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 CONTO ECONOMICO Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Forma e contenuto conto economico (art. 2425 cc) A. Valore della produzione 1. Ricavi delle

Dettagli

CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO

CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO CAPITOLO IV LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO 1 DOCUMENTO 230: LA DOCUMENTAZIONE DEL LAVORO Il revisore può avere una conoscenza approfondita della società revisionata e della sua attività, in ragione dei rapporti

Dettagli

Raccolta, verifica e quadratura dei tributi e degli oneri riflessi a carico dell Ente

Raccolta, verifica e quadratura dei tributi e degli oneri riflessi a carico dell Ente CONTABILITA ATTIVITA /PROCEDIMENTI UFFICIO I - R.E. - CONTABILITA, BILANCIO E SERVIZI A TERZI Area Tipologia Modalità di adempimento Termine iniziale Termine finale Atto conclusivo Responsa bile del procedim

Dettagli

IL PROCESSO DI REVISIONE.

IL PROCESSO DI REVISIONE. IL PROCESSO DI REVISIONE. 5) segue Esecuzione piano di audit (2 di 3): Procedure di revisione in merito a Crediti e Immobilizzazioni materiali ed immateriali! " # $ %&'&$%&'' (# % %&'' 1 Post traguardo

Dettagli

Allegato A Tenuta e redazione delle carte di lavoro

Allegato A Tenuta e redazione delle carte di lavoro Indice 1 Finalità del documento... 2 2 Definizione... 2 3 Obiettivi... 2 4 Requisiti delle carte di lavoro... 2 5 Forma, contenuto ed ampiezza delle carte di lavoro... 3 6 Modalità e principi di compilazione...

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie

OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie OIC 21: Partecipazioni e azioni proprie Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Linea Azienda. Lavori di Fine Anno

Linea Azienda. Lavori di Fine Anno Linea Azienda Lavori di Fine Anno I contenuti del presente manuale si riferiscono ad una specifica versione del prodotto e possono essere soggetti a modifiche senza preavviso. Le immagini che riproducono

Dettagli

King Commesse e Cantieri. Gestione Impiantisti

King Commesse e Cantieri. Gestione Impiantisti King Commesse e Cantieri Gestione Impiantisti Gestione Commesse e Cantieri per Impiantisti... 3 Controllo dei Materiali... 4 Movimentazioni di magazzino... 5 Valorizzazioni... 8 Gestione del personale...

Dettagli

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Modello di Rapporto annuale di controllo a norma dell articolo 62 par. 1, lettera d) punto i) del Regolamento (CE) n. 1083/2006 e dell articolo 18 paragrafo

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO (adattato da: Guide to Quality Control for Small- and Medium-Sized Practices, Second Edition, IFAC, ottobre 2010) A. Premessa 1. Hai ottenuto

Dettagli

CONDIZIONI PER LA FRUIZIONE DELLA FUNZIONALITA DI INVIO ELETTRONICO DELLA FATTURA

CONDIZIONI PER LA FRUIZIONE DELLA FUNZIONALITA DI INVIO ELETTRONICO DELLA FATTURA CONDIZIONI PER LA FRUIZIONE DELLA FUNZIONALITA DI INVIO ELETTRONICO DELLA FATTURA PREMESSO CHE: 1. Nell ambito della propria attività di impresa, SKY Italia S.r.l. e la sua controllata Telecare S.r.l.

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

I controlli generali IT riguardano l organizzazione della funzione IT, le attività di acquisizione e manutenzione del software, le procedure di sicurezza logica e fisica, i controlli sul funzionamento

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili. Realizzato in collaborazione con

PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili. Realizzato in collaborazione con PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili Realizzato in collaborazione con Procedura Valutazione Beni Immobili Descrizione Generale: Il seguente flusso descrive le procedure operative, nonché gli attori

Dettagli

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori

Registrazione partecipanti. I controlli di I livello. Domande /Confronto. Chiusura lavori Registrazione partecipanti Il controllo contabile della Relazione finale I controlli di I livello Domande /Confronto Chiusura lavori Costi eleggibili art. II.14.1 dell Accordo di sovvenzione I costi, per

Dettagli

Come ti controllo l azienda

Come ti controllo l azienda Comprensione e valutazione Come ti controllo l azienda Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all azienda soprattutto in tempo di automatizzazione

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

" COPIA CORRISPONDENTE AI DOCUMENTI CONSERVATI PRESSO LA SOCIETA ". ***

 COPIA CORRISPONDENTE AI DOCUMENTI CONSERVATI PRESSO LA SOCIETA . *** " Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite la Camera di Commercio di Reggio Emilia, Autorizzazione n.10/e del 15/02/2001 emanata dall'ufficio delle Entrate di Reggio Emilia ". " COPIA CORRISPONDENTE

Dettagli

Revisione legale e controllo qualità: le «Asserzioni»

Revisione legale e controllo qualità: le «Asserzioni» Revisione legale e qualità: le «Asserzioni» Alberto Pesenato (*) Per poter esprimere un giuzio sul bilancio il revisore legale scompone l obiettivo finale riferito al bilancio nel suo complesso in sotto

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DELLA CERTIFICABILITÀ: PROCEDURE DI COMPETENZA DELLA S.S. SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICI

PIANO ATTUATIVO DELLA CERTIFICABILITÀ: PROCEDURE DI COMPETENZA DELLA S.S. SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICI PIANO ATTUATIVO DELLA CERTIFICABILITÀ: PROCEDURE DI COMPETENZA DELLA S.S. SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICI Obiettivo A3) Disporre di sistemi informativi che consentano la gestione ottimale dei dati contabili

Dettagli

GESTIONE ARCHIVI INVENTARI

GESTIONE ARCHIVI INVENTARI GESTIONE ARCHIVI INVENTARI Sommario 1. FLUSSO OPERATIVO... 1 2. PARAMETRI AZIENDA (Archivi Azienda/Parametri Parametri azienda Parametri azienda)... 2 3. GENERAZIONE ARCHIVIO INVENTARI (Magazzino Attività

Dettagli

Il criterio generale di valutazione delle rimanenze (1): COST OR MARKET

Il criterio generale di valutazione delle rimanenze (1): COST OR MARKET Il criterio generale di valutazione delle rimanenze (1): COST OR MARKET Codice Civile: «le rimanenze sono iscritte al costo di acquisto o di produzione, calcolato secondo il n. 1 (cfr. immobilizzazioni),

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE EVENTI SUCCESSIVI

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE EVENTI SUCCESSIVI IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

affermazioni di bilancio Titoli ... analisi fattori di rischio criticità di bilancio

affermazioni di bilancio Titoli ... analisi fattori di rischio criticità di bilancio Titoli affermazioni di bilancio analisi fattori di rischio... criticità di bilancio Titoli procedure di revisione natura estensione tempistica criticità di bilancio... TITOLI principali aree di bilancio

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del profitto Diversi tipi di impresa Obiettivo dell impresa: massimo profitto Profitto Economico e Profitto Contabile Costo Economico (Costo Opportunità) Profitto Normale e Extra-Profitto

Dettagli

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino MAP Rimanenze (OIC 13) A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino L articolo approfondisce nella sua completezza il contenuto dell OIC 13, nuovo Principio Contabile sulle rimanenze di

Dettagli

Inventario di Magazzino Manuale Utente. Inventario di Magazzino Manuale Utente

Inventario di Magazzino Manuale Utente. Inventario di Magazzino Manuale Utente Inventario di Magazzino Manuale Utente Paragrafo-Pagina di Pagine 1-1 di 9 Versione 10 del 23/01/2014 SOMMARIO 1 A Chi è destinato... 1-3 2 Prerequisiti... 2-3 3 Obiettivi... 3-3 4 Durata della formazione...

Dettagli

AVT/033B/14 IN ALTO INnovazione per Aziende e LavoraTOri. Fondimpresa - Avviso 4/2014 PROGRAMMA DIDATTICO

AVT/033B/14 IN ALTO INnovazione per Aziende e LavoraTOri. Fondimpresa - Avviso 4/2014 PROGRAMMA DIDATTICO AVT/033B/14 IN ALTO INnovazione per Aziende e LavoraTOri Fondimpresa Avviso 4/2014 PROGRAMMA DIDATTICO Docente: Fabrizio Reitano Titolo azione formativa: Digitalizzare l impresa, metodologie / tecnologie

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

Gestione Fidi Manuale Utente. Gestione Fidi Manuale Utente

Gestione Fidi Manuale Utente. Gestione Fidi Manuale Utente Gestione Fidi Manuale Utente Paragrafo-Pagina di Pagine 1-1 di 7 Versione 118 del 28/03/2014 SOMMARIO 1 A Chi è destinato... 1-3 2 Pre requisiti... 2-3 3 Obiettivi... 3-3 4 Durata della formazione... 4-3

Dettagli

Relatore: Antonino Galatà. Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012

Relatore: Antonino Galatà. Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012 Relatore: Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012 DEFINIZIONE DI CAPITALE CIRCOLANTE Il Capitale Circolante (o Working Capital) di un azienda è tecnicamente formato da una serie di macro voci

Dettagli

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità Q SISTEMA INFORMATIVO PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG Soluzioni Informatiche di Qualità SIMAG I Moduli di SIMAG Dati tecnici e costi Distinta base La distinta base è lo strumento più

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

Sezione C => C100 Immobilizzazioni materiali

Sezione C => C100 Immobilizzazioni materiali 322 PARTE SECONDA - IMPOSTAZIONE LOGICA STANDARD CARTE DI LAVORO Sezione C => C100 Immobilizzazioni materiali OBIETTIVI Verificare che tutte le immobilizzazioni materiali: - i cui oneri e benefici derivanti

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli