PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA. Appalto per l affidamento dei servizi relativi a. Appalto per l affidamento dei servizi relativi a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA. Appalto per l affidamento dei servizi relativi a. Appalto per l affidamento dei servizi relativi a"

Transcript

1 PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA II DIPARTIMENTO 4 Servizio AMBIENTE ENERGIA POLIZIA PROVINCIALE PROTEZIONE CIVILE CENTRO DIREZIONALE NUOVALUCE COD. FISC Appalto per l affidamento dei servizi relativi a Appalto per l affidamento dei servizi relativi a Efficientamento energetico e ottimizzazione dei Efficientamento energetico e ottimizzazione dei consumi negli edifici patrimoniali e scolastici di consumi negli edifici patrimoniali e scolastici di pertinenza provinciale mediante la gestione del pertinenza provinciale mediante la gestione del sistema termoelettrico CODICE CUP: D34I CODICE CIG: ELABORATO 01 RELAZIONE TECNICA IL R.U.P. DIRIGENTE DEL 4 SERVIZIO

2 Lo sviluppo delle fonti rinnovabili, anche a seguito della sottoscrizione del protocollo di Kyoto, che prevede il raggiungimento dell obiettivo (20% di riduzione dei consumi, 20% di produzione da fonti rinnovabili, 20% di riduzione delle emissioni di gas serra), è una priorità dell UE e dell Italia, in quanto aumenta la sicurezza dell approvvigionamento energetico, favorisce l occupazione, il coinvolgimento delle realtà locali e consente di ridurre l impatto ambientale associato al ciclo energetico. La normativa vigente sia a livello di Unione Europea sia a livello nazionale indirizza gli Enti Locali verso un approccio integrato in una logica di rifunzionalizzazione ed ottimizzazione della gestione di tutti i sistemi che determinano consumi energetici. Le linee guida della Regione Siciliana per la realizzazione del piano energetico regionale ed ambientale siciliano, già condivise dalla Giunta Regionale hanno sancito il ricorso alla politica della sostituzione delle fonti fossili mediante un progressivo ricorso alle FER. La prima più importante, quella a costo nullo, è costituita dal risparmio energetico. La Provincia di Catania, nella qualità di Ente territoriale intermedio (art. 3 D.Lgs 267/2000 e sue modifiche ed integrazioni: "La Provincia, ente locale intermedio tra Comune e Regione, rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi, ne promuove e ne coordina lo sviluppo"), intende contribuire al raggiungimento degli obiettivi del Protocollo di Kyoto, in particolare promuovendo la riduzione dei consumi, l efficientamento degli edifici e degli impianti, la produzione da fonti alternative e rinnovabili. La Provincia Regionale di Catania nell'ambito delle funzioni di programmazione, di indirizzo e di coordinamento spettanti alla Regione, oltre alle attività più ampiamente individuate quale area metropolitana, provvede: 1. alla tutela dell'ambiente ed alle attività di prevenzione e di controllo dell'inquinamento, 2. al miglioramento della qualità della vita nei propri territori; 3. all organizzazione del territorio e la tutela dell ambiente, da perseguire anche attraverso l implementazione di azioni ed attività in materia di politiche energetiche, La Provincia Regionale di Catania, coerentemente con la politica comunitaria e con la normativa nazionale e regionale, ed a integrazione delle proprie strategie di sviluppo territoriale, ha previsto nel documento di Pianificazione strategica per gli anni (PSSE - Programma di Sviluppo Socio Economico), la implementazione di un Piano Energetico Provinciale, che contenga un approfondimento di tutta una serie di elementi ambientali riguardanti: lo stato dei consumi degli edifici pubblici, le emissioni inquinanti e clima-alteranti, e che preveda anche un Piano d Azione Provinciale orientato verso la gestione della domanda di energia. La realizzazione del Piano Energetico Provinciale si rende necessaria a seguito dei profondi mutamenti intervenuti nella normativa del settore energetico, nell evoluzione delle politiche di decentramento che, a partire dal D.lgs. 31 marzo 1998 n.112, hanno trasferito alla Regioni e agli Enti Locali funzioni e competenze in materia ambientale ed energetica ed a seguito dell evolversi della legislazione regionale, con particolare riferimento alla legge 12 dicembre 2003 n 26 e alla legge 15 dicembre 2004 n 39, che detta norme per il risparmio energetico negli edifici e per la riduzione delle emissioni inquinanti e clima-alteranti. La Provincia Regionale di Catania intende inserire nel redigendo Piano anche un programma integrato a livello locale, che comprenda azioni dimostrative per la riduzione delle emissioni climaalteranti e che tenda al perseguimento dell'autosufficienza energetica tramite lo sfruttamento delle energie rinnovabili e la riduzione dei consumi. Tale azione si attua, tra l altro, implementando il servizio previsto dal presente appalto e che vede come passaggi obbligati le seguenti realizzazioni: 1

3 Anagrafe energetica : finalizzata alla determinazione preliminare della impronta energetica del patrimonio edilizio della Provincia Regionale, da realizzare attraverso: il censimento Energetico degli Edifici di proprietà; l implementazione di un banca dati energetica collegata ad un sistema di georeferenziazione (Web-GIS), contenente le informazioni utili alla rappresentazione energetica del patrimonio immobiliare ed alla caratterizzazione di valori energetici di riferimento al fine di individuare priorità di intervento ed efficaci linee di azione, politiche e tecniche finalizzate al risparmio energetico; la valutazione delle emissioni al fine di pervenire ad una mappa degli effetti ambientali correlata all impegno energetico complessivo. Efficientamento degli edifici provinciali, finalizzato alla riduzione del fabbisogno energetico complessivo degli edifici del Patrimonio immobiliare di proprietà della Provincia di Catania attraverso azioni e interventi su strutture, involucri, impianti, domotica e utenza, che promuovano la riduzione degli sprechi energetici, assicurino il miglioramento delle performance energetiche dell involucro edilizio, conseguano un innalzamento della efficienza degli impianti e modifichino lo stile di vita degli utenti pur mantenendo costante e addirittura migliorando il confort ambientale. Produzione di energia da fonti diverse da quella fossile: in ossequio al Protocollo di Kyoto, vengono previste produzioni di energia elettrica e termica da Fonti di Energia Rinnovabile (FER) in sostituzione della produzione da fonte fossile con l obiettivo di rendere disponibile energia carbon free con conseguente abbattimento dei gas serra. Si valuta lo scenario del cambiamento attraverso l istallazione di impianti per la produzione di energia da fonte rinnovabile (fotovoltaico, solare e cogenerazione), in sostituzione o in affiancamento degli attuali impianti. Gli interventi sopra descritti sono da ascriversi al patrimonio immobiliare di proprietà della Provincia di Catania, in relazione al quale risultano identificabili tre specifiche categorie, riferibili a singoli immobili che, per natura e caratteristiche specifiche, presentano aspetti qualificanti ai fini della rappresentazione del progetto: Centro Direzionale Via Nuovaluce, con una articolazione strutturale e dimensionale che consente di poter realizzare interventi avanzati di efficientamento, ed installare impianti di produzione attraverso l utilizzo di FER anche in assetto cogenerativo/trigenerativo che qualificano particolarmente il complesso, attuale sede istituzionale della Provincia. Centro fieristico Le Ciminiere, complesso destinato al pubblico per mostre, fiere, convegni, e che come il Centro direzionale, presentando una articolazione strutturale e dimensionale rilevante, consente di poter realizzare interventi avanzati di efficientamento, di installare impianti di produzione attraverso l utilizzo di FER anche in assetto cogenerativo / trigenerativo ed assicurare inoltre la generazione di acqua calda sanitaria - ACS per gli impieghi di fluidi a bassa entalpia e per il sistema solar cooling. Centro sportivo Palacannizzaro, in quanto complesso destinato ad attività sportiva, per il quale si prevede oltre agli interventi di efficientamento e produzione di energia elettrica fotovoltaica, l installazione di un impianto solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria destinata alla alimentazione dei servizi correlati alla sua gestione sportiva. ed ulteriore due categorie, relative a raggruppamenti di immobili destinati a Scuole e/o Uffici : con vincoli di natura archeologica, storica, paesaggistica e di P.R.G., per i quali il conseguimento degli permessi autorizzativi degli interventi di progetto, risentirà dei tempi necessari all ottenimento dei vari n.o. degli Enti preposti. 2

4 senza vincoli da riferire a due distinte classi identificate in relazione alle condizioni di efficientamento delle strutture, dal momento che lo stato dell edificio, in termini di manutenzione, messa a norma degli impianti ed interventi strutturali eventualmente necessari (anche di manutenzione straordinaria) comporterà, da un lato, una maggiore spesa di investimento e, dall altro, una maggior possibilità di contrazione dei fabbisogni energetici con conseguente risparmio economico rispetto alla situazione attuale. Tutte le suddette attività sono di competenza, all interno dell Amministrazione provinciale dal Servizio 4 Ambiente, Energia, Polizia Provinciale e Protezione Civile del II Dipartimento Gestione tecnica, che ha, tra i compiti assegnati, la progettazione e la realizzazione di interventi di efficientamento energetico del patrimonio immobiliare dell Ente, attività che consente di contribuire al raggiungimento di tutti e tre degli obiettivi di Kyoto. Le competenze del Servizio sono state recentemente ridefinite con Delibera di Giunta n. 4 del 4/2/2011; di seguito si riportano quelle relative alle politiche energetiche: Piano Energetico Provinciale. Progettazione e realizzazione di interventi di efficientamento energetico del patrimonio immobiliare provinciale. Rapporti con l Agenzia provinciale dell Energia e dell Ambiente. L Agenzia Provinciale dell Energia e dell Ambiente (APEA) è una società a responsabilità limitata con Capitale Sociale di Euro (100% Provincia Regionale di Catania) che si dovrà dotare di un apposita struttura dedicata e qualificata, in grado di supportare la Provincia e più in generale il territorio nelle azioni mirate al conseguimento degli obiettivi energetici fissati dalla Commissione Europea, mediante funzioni di: - indirizzo, programmazione e coordinamento per la diffusione di pratiche di pianificazione e gestione energetica territoriale finalizzata alla promozione dell uso razionale dell energia, nella stesura di piani energetici e nella loro applicazione; - sviluppo delle conoscenze energetico ambientali dei consumatori di energia attraverso la creazione di un centro di informazione sull efficienza energetica per diffondere l educazione ambientale ed accrescere la sensibilità in materia di risparmio energetico e di fonti energetiche rinnovabili - informazione sui meccanismi e sull evoluzione del mercato energetico, per fornire informazioni sui prodotti e sulle tecnologie disponibili, ed essere uno dei riferimenti territoriali riguardo alla conoscenza, la diffusione e l applicazione di leggi e normativa di settore - fornitura di servizi, studi e diagnostica energetica territoriale - consulenzana finalizzata all orientamento nell uso razionale dell energia, nell utilizzo delle fonti rinnovabili ed al rispetto dell ambiente. L APEA, in particolare, è stata impegnata nelle azioni propedeutiche per la redazione del Piano energetico provinciale, ha dato il necessario supporto tecnico scientifico per la definizione dei dati, dei parametri e degli standard necessari alla strutturazione dell appalto ed alla determinazione della base d asta, attività confluita, in parte nella scheda progetto Assistenza tecnica per realizzare l efficientamento ENERGETICO DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA del programma ELENA, di cui si è richiesto il finanziamento alla banca europea degli investimenti, è stata costituita nel corso del 2009, attività che ha portato ad una previsione di investimenti necessari ad efficientare il patrimonio edilizio della provincia pari ad euro ,00, con un risparmio annuo di euro ,00 e ad una previsione di investimenti per produrre energia elettrica, termica e frigorifera pari euro ,00 a fronte di un risparmio 3

5 annuo di euro ,00, per un totale complessivo di investimenti previsti pari ad euro ,00 e ad un risparmio complessivo previsto pari ad euro ,00. Ciò premesso, si rende, necessario, per il raggiungimento dei citati obiettivi, sia incentivare l uso delle fonti energetiche rinnovabili negli immobili di proprietà dell Ente, sia assumere l intera gestione del Sistema termoelettrico, consistente nella manutenzione ordinaria e straordinaria e riqualificazione degli impianti elettrici, termici, condizionamento e climatizzazione. L esercizio, il controllo, la manutenzione e la gestione degli impianti, è, infatti, rilevante ai fini dell attuazione degli obiettivi della politica energetica, in quanto incide sul contenimento dei consumi, sull eliminazione degli sprechi e sul miglioramento delle performance degli impianti a beneficio dell efficienza e del rendimento degli stessi, e permette il raggiungimento degli obiettivi suddetti. L attuazione di quanto sopra specificato può essere realizzato in maniera ottimale, conformandosi ai principi di efficacia, efficienza ed economicità della azione amministrativa, mediante l Affidamento del Servizio di cui al progetto Affidamento dei servizi relativi a Efficientamento energetico e ottimizzazione dei consumi negli edifici patrimoniali e scolastici di pertinenza provinciale mediante la gestione del Sistema Termoelettrico, che comprende, quindi, anche la realizzazione di interventi che fanno ricorso all uso di fonti energetiche rinnovabili, quali ad esempio: 1. Impianti elettrici: rinegoziazione dei contratti di fornitura con un solo gestore, ottimizzazione dei consumi, manutenzione ordinaria e straordinaria e la gestione amministrativa del ciclo elettrico, Revisione periodica degli impianti di terra, implementazione sistemi di tele controllo e tele gestione, Implementazione di sistemi per utilizzo di fonti alternative (solare fotovoltaico, microeolico, cogenerazione, trigenerazione, ecc ); 2. Impianti di riscaldamento e condizionamento: ottimizzazione dei consumi prevedendo anche la trasformazione di centrali termiche da gasolio a metano, installazioni di valvole termostatiche sui radiatori ecc., ottimizzazione del funzionamento degli impianti di condizionamento estivo/invernale, manutenzione ordinaria e straordinaria con assunzione della figura del Terzo responsabile e la gestione amministrativa del ciclo termico, implementazione sistemi di tele controllo e tele gestione, implementazione di sistemi per utilizzo di fonti alternative (solare termico, biomasse, geotermia, cogenerazione, trigenerazione, ecc ). Il Servizio ha predisposto un progetto per gli edifici utilizzati dall Amministrazione provinciale mirante all efficientamento energetico, all ottimizzazione dei consumi ed alla installazione di impianti per la produzione di energia fonti alternative o rinnovabili. Il progetto prevede che l affidatario debba, a fronte del pagamento del corrispettivo previsto per la fornitura di energia elettrica, gasolio e gas e la manutenzione dei relativi impianti tecnologici, previa volturazione dei contratti esistenti per energia elettrica, gasolio e gas ovvero stipula di nuovi contratti, assicurare la gestione e la manutenzione degli impianti tecnologici gestiti attualmente dalla Provincia, corrispondendo gli oneri per le forniture energetiche a distributori e fornitori, nonché assicurare i servizi di diagnosi per tutti gli edifici e gli impianti utilizzati, provvedendo anche a finanziare e progettare tutte le nuove installazioni che dovesse ritenere necessarie, garantendo all Amministrazione il raggiungimento dei risultati energetici, ambientali ed economici previsti nel Capitolato ed assumendone i relativi rischi imprenditoriali. L importo dell affidamento è di ,00 annui, (A+B+C) come sotto specificato e suddiviso: A) /anno ,00: spesa storica dei consumi di energia elettrica della Provincia per tutte le proprie utenze scaturente da un valore di /anno ,00 ottenuto dai consuntivi annui relativi agli anni ( edifici e pubblica illuminazione ), cui va sottratto 4

6 l importo di /anno relativo alla pubblica illuminazione, che non fa parte del progetto; B) /anno ,00: spesa storica dei consumi per riscaldamento della Provincia per tutte le proprie utenze considerata con un valore di /anno ,00 per Gasolio ed /anno ,00 per Metano ottenuti dai consuntivi relativi agli anni ( edifici ); C) /anno : spesa storica per manutenzione ordinaria e straordinaria valutata dal Servizio Manutenzione Edifici scolastici, in /anno PER UN TOTALE ANNUO LORDO di ,00 comprensivo di ,02 per I.V.A, che moltiplicato per 20 anni è pari ad ,00 I.V.A. compresa. Così suddivisi : PER SERVIZI E FORNITURE: PER 1 (UNO) ANNO PER 20 ANNI ,71 BASE D ASTA SOGGETTA A RIBASSO , ,27 PER ONERI PER LA SICUREZZA , ,98 TOTALE IMPONIBILE ,60 PER SOMME A DISPOSIZIONE DELL AMMINISTRAZIONE: ,02 PER IVA AL 21% ,40 ULTERIORI SOMME (IVA COMPRESA) A DISPOSIZIONE DELL AMMINISTRAZIONE PER IL 1 ANNO: ,00 PER COMPENSI COMMISSIONE DI GARA e RUP; ,00 PER SPESE PUBBLICITÀ GARA D'APPALTO, ESITI DI GARA E CONTRIBUTO ALL'AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI LL.PP.; TOTALE COMPLESSIVO 1 ANNO ,00 TOTALE COMPLESSIVO ANNI SUCCESSIVI ,00 Il progetto è finalizzato all ottimizzazione dell utilizzo delle risorse finanziarie ed umane profuse per la gestione energetica del patrimonio immobiliare destinato alle attività istituzionali dell Ente attraverso un nuovo processo di gestione energetica basato sull affidamento, attraverso un bando di evidenza pubblica, a operatori specializzati e qualificati che agiranno secondo le logiche Enery Saving Company (E.S.Co.) e che rispondano alle esigenze di realizzare il risparmio energetico e l ottimizzazione delle risorse mediante la progettazione e la applicazione di misure finalizzate a raggiungere gli obiettivi di risparmio ed efficienza prefissati quali, ad esempio, il miglioramento dell involucro edilizio, degli impianti, dei sistemi e delle tecnologie impiegate, che costituiranno il guadagno della società aggiudicataria, anche tenendo presente che una parte di esso dovrà essere riconosciuto alla Provincia di Regionale Catania. Il progetto prevede che la Provincia di Catania non debba affrontare direttamente alcun tipo di investimento né per l applicazione degli interventi previsti su involucro e impianti, né per finanziare 5

7 i lavori effettuati dalla E.S.Co. per la realizzazione di nuovi impianti di produzione da FER, né per assicurare i necessari interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, né per assicurare gli intervento di adeguamento di edifici ed impianti, né per assicurare gli interventi non previsti e non prevedibili, ma che debba mettere a disposizione un canone basato sulla spesa attualmente affrontata per energia elettrica, gasolio e metano, che ammonta (dati ) a ,00, da cui si dovrà detrarre il ribasso derivante dalla gara. La società aggiudicataria dovrà assicurare la gestione di tutti gli impianti elettrici e termici a servizio degli edifici utilizzati dalla Provincia di Catania e finanziare autonomamente ogni attività necessaria agli interventi di efficientamento (i cui valori minimi sono stabiliti dal bando di gara, mentre i valori effettivi saranno stabiliti con l aggiudicazione, dal momento che costituiscono uno degli elementi dell offerta economica) e di produzione da fonti alternative o rinnovabili (i cui valori minimi sono stabiliti dal bando di gara, mentre i valori effettivi saranno stabiliti con l aggiudicazione, dal momento che costituiscono uno degli elementi dell offerta economica). La società aggiudicataria si ripagherà della propria attività sia attraverso il canone corrisposto dalla Provincia sia attraverso l incasso di parte dei vantaggi economici derivanti dal risparmio energetico e dalla produzione di energia ottenuto a seguito della implementazione delle soluzioni tecniche realizzate: tutti i vantaggi economici derivanti dai risparmi energetici e dalla produzione di energia nonché la differenza tra la bolletta energetica pre e post intervento migliorativo spetterà infatti, in quota-parte, alla E.S.Co. e, in quota-parte, all Amministrazione provinciale: il valore minimo di tale ultima quota è stabilito dal bando di gara, mentre il valore effettivo sarà stabilito con l aggiudicazione, dal momento che costituisce uno degli elementi dell offerta economica. Il capitolato tecnico prevede che i criteri di aggiudicazione siano i seguenti: Punto A - Offerta Tecnica riguardante la proposta del sistema integrato dei servizi offerti, (massimo di 60, sessanta, punti). Punto B Tempi di realizzazione delle opere necessarie all efficientamento ed alla produzione di energia da fonti rinnovabili o alternative (massimo di 10, dieci, punti) Punto C - Offerta economica, riguardante il prezzo a base d asta e le quote che l appaltatore dovrà riconoscere o ricevere dalla stazione appaltante (massimo di 30, trenta, punti). Il punteggio del singolo concorrente sarà calcolato utilizzando la formula II) dell allegato P) Contratti relativi a forniture e a altri servizi: metodi di calcolo per l offerta economicamente più vantaggiosa, allegato al D.Lgs 207 del 5/10/2010 pubblicato nel supplemento ordinario n. 270L alla GURI n. 288 del I fattori ponderali assegnati ai singoli elementi di valutazione dei punti sopraindicati sono indicati dettagliatamente nel Capitolato d Appalto, Allegato 2 del Bando, Il Capitolato prevede, inoltre, che, allo scadere del contratto (20 anni), la Provincia diventerà proprietaria delle soluzioni adottate e delle parti di impianto migliorate e, quindi, beneficerà della maggiore efficienza del proprio sistema energetico ottimizzato e potrà decidere se curare in proprio la gestione oppure se affidarla nuovamente, attraverso un bando pubblico e le modalità che saranno in quel momento individuate, ad una E.S.Co. Il progetto, seppure basato su spese che impegnano i bilanci per esercizi successivi al primo per un periodo di venti anni, consta nella somministrazione di servizi a carattere continuativo, mentre sono interventi accessori, ancorché necessari per raggiungere gli obiettivi di Capitolato, tutti i lavori, i servizi e le forniture finalizzati a ridurre i consumi energetici ed a produrre energia da fonti alternative o rinnovabili. 6

8 Il servizio, così come descritto nel Capitolato tecnico, si ritiene sia innovativo e non rinvenibile tra quelli oggetto delle convenzioni CONSIP, per la natura e le caratteristiche del progetto, per le sue caratteristiche di integrazione tra fornitura di servizi, realizzazione di interventi di diversa natura, alcuni dei quali con caratteristiche assolutamente innovative, e per le altre motivazioni sopra esposte, per cui si rende necessario, piuttosto che procedere ad affidamenti separati sulla base delle convenzioni CONSIP, procedere ad un affidamento ad un affidatario unico che operi con le caratteristiche di E.S.Co., in modo tale da poter fornire un servizio integrato, assicurare l unitarietà degli interventi ed il raggiungimento dei risultati. Il progetto, per quanto sopra detto, trova la relativa copertura finanziaria dai seguenti capitoli. U per ,00; U per ,00; U per ,00; U per ,00; U per ,00, per un totale di ,00, per base d asta, oneri per la sicurezza ed IVA U per ,00, per un totale di ,00, per ulteriori somme a disposizione, che, sommato al precedente impegno di ,00, porta ad un impegno totale di ,00 Il progetto trova, altresì, copertura nei proventi del risparmio energetico che l appaltatore è obbligato a conseguire, nei proventi dalla produzione di energia elettrica che l appaltatore è obbligato a conseguire e da tutti gli altri proventi come certificati verdi, certificati bianchi, guadagni di cui una parte andranno alla Provincia ed una parte resteranno all Appaltatore sia come guadagno sia per compensare i costi dell eventuale adeguamento degli impianti e degli edifici che si rendesse necessario per effettuare gli interventi che l appaltatore riterrà di doler realizzare per raggiungere gli obiettivi previsti. IL R.U.P. DIRIGENTE DEL 4 SERVIZIO 7

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l.

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. ESCO ENERGY PALERMO è una società consortile senza scopo di lucro istituita con delibera del Consiglio Provinciale

Dettagli

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care 8 a Conferenza di Responsible Care Strumenti finanziari per supportare lo Sviluppo Sostenibile dell Industria. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica Maurizio Cenci Direttore

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA "REGIONE ETERNIT FREE"

PROTOCOLLO DI INTESA REGIONE ETERNIT FREE ALLEGATO SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA "REGIONE ETERNIT FREE" TRA REGIONE ABRUZZO E ANCI ABRUZZO LEGAMBIENTE AZZEROCO 2 1 L anno 2011, il giorno.., del mese di, presso la sede della Regione Abruzzo in

Dettagli

La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici

La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Venezia, 10 dicembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti

Dettagli

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Padova, 17 novembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio

Dettagli

BANDO AMBIENTENERGIA 2015

BANDO AMBIENTENERGIA 2015 BANDO AMBIENTENERGIA 2015 Misura Formazione di Energy Manager Livello II Bando per la selezione dei Comuni interessati a beneficiare del servizio Pagina 1 di 8 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 OGGETTO... 5 SOGGETTI

Dettagli

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI)

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Procedura aperta per la progettazione, fornitura e installazione di impianti solari termici e fotovoltaici,

Dettagli

ENERGY EFFICIENCY ENERGY SERVICE COMPANY ENERGY EFFICIENCY ENERGY SERVICE COMPANY ENERGY + EFFICIENCY

ENERGY EFFICIENCY ENERGY SERVICE COMPANY ENERGY EFFICIENCY ENERGY SERVICE COMPANY ENERGY + EFFICIENCY ENERGY + EFFICIENCY 1 2esco.it Il punto di riferimento per le imprese che puntano ad ottimizzare i propri consumi, attraverso il risparmio energetico. 2E Energy Efficiency è nata con lo scopo di assistere

Dettagli

La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli interventi, equità dei costi, sostenibilità ambientale

La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli interventi, equità dei costi, sostenibilità ambientale Progetti di efficienza energetica nella Pubblica Amministrazione: azioni e strategie per superare gli ostacoli La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli

Dettagli

CHIARIMENTI - n.2 RISPOSTE A DOMANDE PERVENUTE

CHIARIMENTI - n.2 RISPOSTE A DOMANDE PERVENUTE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ENERGIA E TECNOLOGICO PER GLI IMPIANTI DI PERTINENZA DEL COMUNE DI PISTOIA CHIARIMENTI - n.2 1. Nonostante siano state ricevute alcune richieste di proroga

Dettagli

LA QUESTIONE ENERGETICA NELL EDILIZIA POPOLARE RICCARDO VALZ GRIS

LA QUESTIONE ENERGETICA NELL EDILIZIA POPOLARE RICCARDO VALZ GRIS LA QUESTIONE ENERGETICA NELL EDILIZIA POPOLARE RICCARDO VALZ GRIS RESPONSABILE ENERGIA - Giunta Esecutiva FEDERCASA I COSTI ENERGETICI UNA QUESTIONE SOCIALE Costo medio per locazione 70 /mese Costo indicativo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici

AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici SETTORE URBANISTICA AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici Premesso: - che è intendimento del comune di Francofonte

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

I contratti di rendimento. Marcello Antinucci ECUBA srl CBW Bologna 19-20 marzo 2013

I contratti di rendimento. Marcello Antinucci ECUBA srl CBW Bologna 19-20 marzo 2013 I contratti di rendimento energetico Marcello Antinucci ECUBA srl CBW Bologna 19-20 marzo 2013 Fonte normativa: Dlgs 115/2008 Art. 2. Definizioni l) «contratto di rendimento energetico»: accordo contrattuale

Dettagli

Consip SIE 3. Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3. Servizio Integrato Energia

Consip SIE 3. Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3. Servizio Integrato Energia Consip SIE 3 Servizio Integrato Energia per le Pubbliche Amministrazioni Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3 La Pubblica Amministrazione è attualmente impegnata

Dettagli

Prospettive delle politiche di efficienza energetica e opportunità per l Italia

Prospettive delle politiche di efficienza energetica e opportunità per l Italia Seconda Conferenza nazionale sull efficienza energetica, Roma, 19 ottobre, 2010 Prospettive delle politiche di efficienza energetica e opportunità per l Italia Molocchi, resp. Studi Amici della Terra Italia

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

I vantaggi della riqualificazione energetica

I vantaggi della riqualificazione energetica www.arcoservizi.it I vantaggi della riqualificazione energetica Nel 2010, le famiglie europee hanno consumato quasi il 13% in più di energia rispetto al 1990, generando il 25% delle emissioni di gas a

Dettagli

Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007

Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007 Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007 Seminario Strumenti finanziari ed incentivi a supporto del risparmio energetico Incentivi statali la Finanziaria 2007 La Finanziaria 2007 ha introdotto

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

ENERGIA OBIETTIVO EFFICIENZA. Eriberto Melloni Luca Gentile. I2t3-Onlus partner del Polo di Innovazione POLIS

ENERGIA OBIETTIVO EFFICIENZA. Eriberto Melloni Luca Gentile. I2t3-Onlus partner del Polo di Innovazione POLIS ENERGIA OBIETTIVO EFFICIENZA Eriberto Melloni Luca Gentile I2t3-Onlus partner del Polo di Innovazione POLIS Ente strumentale per il trasferimento tecnologico dell Universit Università di Firenze I2t3 si

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI IMOLA. E L'AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER LA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI IMOLA. E L'AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER LA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI IMOLA. E L'AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA PER INTERVENTI DIRETTI A MIGLIORARE L'EFFICIENZA ENERGETICA E L'UTILIZZO

Dettagli

Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2

Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2 Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2 nel rispetto degli obiettivi di Kyoto A solo due anni dalla sua approvazione è

Dettagli

Politiche regionali per l efficienza energetica

Politiche regionali per l efficienza energetica Politiche regionali per l efficienza energetica Giuliano Vendrame Sez Energia Regione del Veneto Venezia, 15 dicembre 2015 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio Energetico - Efficienza

Dettagli

"Contratti e bancabilità per l'efficienza energetica degli edifici"

Contratti e bancabilità per l'efficienza energetica degli edifici "Contratti e bancabilità per l'efficienza energetica degli edifici" La proprietà pubblica: opportunità/ difficoltà attuative in Toscana Firenze, 21 giugno 2012 Dott. Rita Montagni Regione Toscana DG Politiche

Dettagli

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Treviso, 25 marzo 2015 Dal 2008 attraverso il Patto dei Sindaci, le città firmatarie si sono impegnate

Dettagli

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia L allegato energetico al Regolamento Edilizio arch. filippo loiodice 12 ottobre 2011 Passirano I pesi in media.. in media.senza

Dettagli

I servizi offerti dalle ESCO

I servizi offerti dalle ESCO I servizi offerti dalle ESCO Uni 11352 Aziende di Servizi Energetici Sergio LA MURA Direttore Tecnico R&I Napoli, 10 Aprile 2015 2 3 Da Norma 11352 e DLgs 115/08 art 2 e dal recente DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Uniamo le energie generiamo efficienza

Uniamo le energie generiamo efficienza Uniamo le energie generiamo efficienza Il mondo dell efficienza energetica e le Energy Service Company (E.S.Co.) Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Claudio G. Ferrari Presidente Federesco

Dettagli

COMUNE DI VENTOTENE BANDO DI GARA

COMUNE DI VENTOTENE BANDO DI GARA COMUNE DI VENTOTENE BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DI FORNITURA E INSTALLAZIONE DI OPERE ED IMPIANTI A COMPLETAMENTO DELLA SALA POLIVALENTE, NELL AMBITO DEL FINANZIAMENTO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE BANDO FONTI

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

dalla natura l energia per la vita

dalla natura l energia per la vita dalla natura l energia per la vita dalla natura l energia per la vita È racchiusa in questa frase l identità di Ciesse Energia. Poche parole per definire un azienda convinta che progresso e sviluppo, in

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO FRESH

IL PROGETTO EUROPEO FRESH PROGETTO FRESH PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2015 IL PROGETTO EUROPEO FRESH Strumenti per la riqualificazione energetica del patrimonio di edilizia residenziale sociale esistente EDIFICIO RESIDENZIALE

Dettagli

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012);

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012); ALLEGATO A Regolamento di attuazione dell articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 2011, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012). Fondo di garanzia per investimenti in energie rinnovabili Indice

Dettagli

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale di Gabriella De Maio La strategia energetica europea L UE considera l energia come un fattore essenziale

Dettagli

Progetto di riqualificazione energetica immobili pubblici attraverso il contratto Rendimento energetico Il caso di Busseto

Progetto di riqualificazione energetica immobili pubblici attraverso il contratto Rendimento energetico Il caso di Busseto Progetto di riqualificazione energetica immobili pubblici attraverso il contratto Rendimento energetico Il caso di Busseto Chi siamo CHIOMA Greenvolts è un network di professionisti che si occupa di progettazione

Dettagli

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili.

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Mynews Ottobre 2008 In questo numero Gentile lettore, In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Ecco le ultime novità:

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

Ritenuto necessario provvedere in merito;

Ritenuto necessario provvedere in merito; PROGRAMMA TRIENNALE LL.PP. 2010/2012. AGGIORNAMENTO SCHEMA. APPROVAZIONE PROGETTO PRELIMINARE PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO.- LA GIUNTA COMUNALE Premesso: 1. che la direttiva dell Unione Europea

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Settore Sviluppo Energetico Sostenibile ENERGY MANAGEMENT NEL SETTORE PUBBLICO Lo schema di Energy Performance Contracting della Regione Piemonte Torino, 26 novembre 2013 Sala Stemmi Provincia di Torino Regione Piemonte - Filippo BARETTI I CONTRATTI

Dettagli

Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica

Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica Percorsi e strumenti finanziari per lo sviluppo degli investimenti in ambito ambientale e dell efficienza energetica per le Imprese Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica

Dettagli

L energia. La riqualificazione e l efficienza. energetica: obiettivi ambientali e obblighi

L energia. La riqualificazione e l efficienza. energetica: obiettivi ambientali e obblighi La riqualificazione e l efficienza L energia energetica: per uscire dalla obiettivi ambientali e obblighi crisi: di legge le opportunità per la riqualificazione energetica degli edifici Sara Vito Assessore

Dettagli

Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania

Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania Premessa R. Lanzafame Con la recente istituzione dell Agenzia per l Energia e l Ambiente, APEA 1 S.r.l. l Amministrazione provinciale

Dettagli

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014 Risparmiare si può con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico Energy Imperia, 11 luglio 2014 Service COmpany CORE BUSINESS DI AURA ENERGY Nuova mission Nel 2012 Aura Energy, conseguentemente

Dettagli

PROGETTI PER L EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE STRADALE PROVINCIALE. Mestre, Auditorium del Centro Servizi 1 della Provincia di Venezia

PROGETTI PER L EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE STRADALE PROVINCIALE. Mestre, Auditorium del Centro Servizi 1 della Provincia di Venezia PROGETTI PER L EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE STRADALE PROVINCIALE 29 giugno 2012 29 giugno 2012 Mestre, Auditorium del Centro Servizi 1 della Provincia di Venezia INDICE DELLA PRESENTAZIONE La Provincia

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Incentivi per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni Ministero dello sviluppo economico Dipartimento Energia - DGENRE - Div.

Dettagli

La riqualificazione energetica delle città: l esperienza in corso dei Condomini Intelligenti a Genova. 27 giugno 2012 - Prato

La riqualificazione energetica delle città: l esperienza in corso dei Condomini Intelligenti a Genova. 27 giugno 2012 - Prato La riqualificazione energetica delle città: l esperienza in corso dei Condomini Intelligenti a Genova 27 giugno 2012 - Prato 1 L AMBITO I paesi industrializzati hanno l obiettivo di ridurre dell 80% entro

Dettagli

Energie rinnovabili ed efficienza energetica

Energie rinnovabili ed efficienza energetica 06_Energia:06_Energia 22-01-2010 14:37 Pagina 93 Energie rinnovabili ed efficienza energetica Impianto fotovoltaico realizzato a Taverna (CZ) 06_Energia:06_Energia 22-01-2010 14:37 Pagina 94 L obiettivo

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per le strutture ricettive: dall audit energetico alle scelte strategiche. Incontro ISNART Varese Aprile 2010

Soluzioni impiantistiche per le strutture ricettive: dall audit energetico alle scelte strategiche. Incontro ISNART Varese Aprile 2010 Soluzioni impiantistiche per le strutture ricettive: dall audit energetico alle scelte strategiche Incontro ISNART Varese Aprile 2010 Martedì 27.04.2010 OBIETTIVO della presentazione: Esistenza di un percorso

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA

PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIANIFICAZIONE E GESTIONE ENERGETICA CEV nell ambito del Patto dei Sindaci promuove la pianificazione energetica attraverso i PAES

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SCUOLE ED UNIVERSITA. Torino, 21 ottobre 2013

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SCUOLE ED UNIVERSITA. Torino, 21 ottobre 2013 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SCUOLE ED UNIVERSITA Torino, 21 ottobre 2013 1 INDICE Disposizioni urgenti Direttiva 2010/31/UE Mutui per edilizia scolastica Conto Termico Certificati Bianchi 2 DECRETO-LEGGE

Dettagli

Il presente progetto viene elaborato ai sensi dell art. 279 del D.P.R. 207/2010.

Il presente progetto viene elaborato ai sensi dell art. 279 del D.P.R. 207/2010. PROGETTO PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA PER IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E UTENZE RELATIVE A TUTTI GLI EDIFICI/STRUTTURE DI COMPETENZA DELLE AMMINISTRAZIONI DEI SEGUENTI COMUNI:

Dettagli

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Energy Med Napoli, 23/03/2012 Marco Ballicu, Unità affari istituzionali e regolamentari EGL Italia S.p.A. Una società del Gruppo Indice

Dettagli

Programma ASPEA: Regolamento di attuazione

Programma ASPEA: Regolamento di attuazione Allegato A Programma ASPEA: Regolamento di attuazione 1 di 8 GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA ASPEA Con il Programma ASPEA (Azzeramento SPesa Energetica Associati), il Consorzio ASMEZ intende semplificare l

Dettagli

Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi: strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica

Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi: strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica : strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica Claudio G. Ferrari Presidente Esco Italia Erba, 04 dicembre 2009 FINANZIA ENERGIA 3-4 dicembre 2009 Lariofiere, Erba AGENDA

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE FABBRICATI Fascicolo n. 2013/06.06.02/000002 DETERMINAZIONE N. 1976 del 30/09/2013 OGGETTO: DETERMINA A CONTRATTARE PER SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA

Dettagli

Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi. Simone Uggetti Assessore all Ambiente Comune di Lodi

Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi. Simone Uggetti Assessore all Ambiente Comune di Lodi CITTA DI LODI Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi I comuni, l'energia, l ambiente e la tutela del cittadino: esperienze, innovazioni e finanziamenti Simone Uggetti Assessore

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Piano d azione: Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Area AMBIENTE Bando con scadenza 29 giugno 2007: Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Il problema

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 ALLEGATO B SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO PROGETTUALE RELATIVO ALLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AD ACCEDERE AI

Dettagli

Agenzia Regionale Per l Ambiente Della Calabria POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.

Agenzia Regionale Per l Ambiente Della Calabria POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 LINEA DI INTERVENTO 2.1.2. ARPACAL Agenzia Regionale Per l Ambiente Della Calabria POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA PER IL DIPARTIMENTO

Dettagli

Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro scolastico Lodrone di Storo. Piano Economico e Finanziario

Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro scolastico Lodrone di Storo. Piano Economico e Finanziario Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro scolastico Lodrone di Storo Piano Economico e Finanziario Ottobre 2010 Introduzione 1) Nell ambito degli impegni assunti dalle

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA : APPROCCIO METODOLOGICO ED OBIETTIVI

EFFICIENZA ENERGETICA : APPROCCIO METODOLOGICO ED OBIETTIVI EFFICIENZA ENERGETICA : APPROCCIO METODOLOGICO ED OBIETTIVI Bros Consulenza s.r.l.s. P.iva: 08605710964 Sede legale: Galleria Buenos Aires 7, 20124 Milano tel.: 02.394.35.901 fax: 02.871.53.810 Sede operativa:

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 31/03/2015 è una associazione no profit per lo sviluppo energetico sostenibile del

Dettagli

Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia

Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia Mauro Brolis Divisione Energia INFRASTRUTTURE LOMBARDE SPA Green house ed altri esempi virtuosi per lo sviluppo della

Dettagli

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro pluriuso di Storo. Piano Economico e Finanziario Caso Base Iniziale

Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro pluriuso di Storo. Piano Economico e Finanziario Caso Base Iniziale Comune di Storo ESCO BIM e Comuni del Chiese Spa Impianto fotovoltaico Centro pluriuso di Storo Piano Economico e Finanziario Caso Base Iniziale Giugno 2009 Introduzione 1) Nell ambito degli impegni assunti

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all attuazione del PAES

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all attuazione del PAES PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo Area Ambiente bando 2012 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all

Dettagli

INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR

INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR 991/2013 ( CRITERI E MODALITA PER UTILIZZO RISORSE DESTINATE ALL EDILIZIA SCOLASTICA - BILANCIO DI PREVISIONE 2013, PROGRAMMA OPERATIVO ANNUALE APPROVATO

Dettagli

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 Il provvedimento stabilisce un quadro di misure per la promozione

Dettagli

Efficienza per pianificare l energia

Efficienza per pianificare l energia Efficienza per pianificare l energia Simona Murroni - Assessorato Industria - Servizio Energia La RAS - Assessorato Industria Servizio Energia Sta redigendo il Piano Energetico Regionale Ambientale di

Dettagli

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS;

19 Vista la L.R. 65/2010, che proroga al 2011 i piani e programmi regionali in attesa dell approvazione del nuovo PRS; riferimento agli importi attuali dello stipendio tabellare, dell indennità di vacanza contrattuale e della retribuzione di posizione percepiti dai dirigenti regionali di ruolo responsabili di area di coordinamento,

Dettagli

Oggetto: Approvazione protocollo d intesa con la Soc. ENEL.si S.r.l. per lo sviluppo delle energie rinnovabili.

Oggetto: Approvazione protocollo d intesa con la Soc. ENEL.si S.r.l. per lo sviluppo delle energie rinnovabili. Estratto dalla delibera del Consiglio Comunale n.52 del 10.8.2009 Oggetto: Approvazione protocollo d intesa con la Soc. ENEL.si S.r.l. per lo sviluppo delle energie rinnovabili. -Il Sindaco relaziona in

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI)

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI) Sommario 1. Canone per attività manutentive e gestionali:...3 1.1. Canone per quota assistenza, gestione e manutenzione impianti di climatizzazione e FER...3 1.2. Canone per quota assistenza, gestione

Dettagli

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore Risorse geotermiche di media e bassa temperatura in Italia. Potenziale, Prospettive di mercato, Azioni. Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore geotermico Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU

Dettagli

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni PRIVATI, tipologia e

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI

IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI INFORMATIVA N. 149 07 GIUGNO 2013 IMPOSTE DIRETTE IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI Art. 1, comma 48, Legge n. 220/2010

Dettagli

COMUNE DI SAN NICOLA MANFREDI Provincia di Benevento AREA TECNICO-MANUTENTIVA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA

COMUNE DI SAN NICOLA MANFREDI Provincia di Benevento AREA TECNICO-MANUTENTIVA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA COMUNE DI SAN NICOLA MANFREDI Provincia di Benevento AREA TECNICO-MANUTENTIVA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA N. 165 del Reg. Serv. Del 17-10-2013 N. 239 del Reg. Gen. del 17-10-2013 OGGETTO:

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

POR FESR 2014-2020. Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici

POR FESR 2014-2020. Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici POR FESR 2014-2020 Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici Presentazione di iniziative per interventi di sostegno all efficienza

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA Palermo 9 marzo 2005 L uso razionale delle risorse energetiche è un tema di crescente rilevanza nelle politiche di sviluppo

Dettagli