TRIBUNALE DI PERUGIA. I Sezione Civile REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE DI PERUGIA. I Sezione Civile REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO"

Transcript

1 Abstract. È nulla la clausola che impone la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi all interno di un contratto di conto corrente bancario stipulato prima dell entrata in vigore del d.lgs 4 agosto 1999, n. 34 e della connessa delibera Cicr di attuazione emanata il 9 febbraio Infatti, nonostante tali norme prevedano la validità delle clausole di capitalizzazione trimestrale precedentemente pattuite, con l unico limite dell obbligo di adeguarle, con i tempi e le procedure indicate, alla nuova normativa pena l inefficacia delle stesse, le stesse sono state dichiarate, proprio relativamente al punto controverso, incostituzionali per eccesso di delega (Corte cost., sent. n. 425/2000). Per l effetto il Giudicante aderisce all oramai consolidato orientamento della Corte di Cassazione che, nel considerare quello della capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi un uso negoziale e non normativo, ritiene la clausola che lo sancisce, ponendosi questa in contrasto con l art c.c, affetta da nullità rilevabile anche d ufficio (Cass. SS.UU., 04 novembre 2004, n Sul punto si veda anche C. App. Perugia 06 marzo 2008). Sono parimenti nulle le clausole contrattuali che individuano il tasso di interesse passivo, se superiore a quello legale, in base agli usi praticati sulla medesima piazza anche se pattuite prima dell entrata in vigore della l. 17 febbraio 1992 n. 154 e del testo unico bancario del 1993 che, introducendo norme sulla trasparenza a tutela del cliente, comminano espressamente quella sanzione per tali clausole contrattuali. Anche in questo caso la pronuncia del Tribunale si pone nel solco già tracciato dalla Suprema Corte che ritiene le stesse clausole comunque nulle per contrasto con l art. 1284, comma 3, c.c., ritenendo non assolto l onere formale nei casi in cui il riferimento agli usi sia tanto generico da non permettere una concreta ed immediata identificazione della previsione cui le parti facevano riferimento per l individuazione dell ammontare del tasso degli interessi passivi.

2 TRIBUNALE DI PERUGIA I Sezione Civile REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice istruttore del Tribunale di Perugia, dott. XXXX, in funzione di giudice monocratico, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al N. XXXX tra: XXXX e XXXX, rappresentati e difesi dall Avv. XXXX del Foro di XXXX ed elettivamente domiciliati presso lo studio dell avv. XXXX, sito in XXXX, in Via XXXX n. XXXX, come da delega in atti; attori e YYYY Banca S.p.a. nella qualità di successore nel rapporto di Banca YYYY S.p.a, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in YYYY Via YYYY n. YYYY presso lo studio dell Avv. YYYY che la rappresenta e difende con l Avv. YYYY; convenuto

3 Oggetto: contratto di conto corrente Conclusioni del procuratore dell opponente: come da atto di citazione. Conclusioni del procuratore della opposta: come da comparsa di costituzione e risposta. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione notificato il XXXX, XXXX e ZZZZ, citavano in giudizio la Banca YYYY (alla quale poi succedeva nel rapporto giuridico la QQQQ Banca S.p.a.) ricostruendo in primo luogo i rapporti con l istituto di credito ed in particolare quelli relativi al rapporto di conto corrente n. XXXX aperto da XXXX il indicavano infine gli attori che la Banca YYYY con raccomandata del aveva intimato loro - a ZZZZ quale fideiussore - il pagamento della somma di lire quale saldo passivo del contratto di conto corrente al Nel merito, ricostruendosi le vicende normative e giurisprudenziali la domanda degli attori era volta ad accertare: - la violazione da parte della Banca QQQQ delle norme in tema di capitalizzazione unilaterale degli interessi trimestrali e della clausola di massimo scoperto, con richiesta di dichiarati non dovuti gli interessi capitalizzati trimestralmente e per l effetto di condannare la banca convenuta alla restituzione degli stessi interessi oltre che delle commissioni di massimo scoperto; - la violazione degli articoli 117 (laddove prescrive a pena di nullità la forma scritta per i contratti bancari, senza possibilità di concludere contratti oralmente o per facta concludentia) e 126 del D.Lgs n 385/1993 (laddove prevede che l obbligo di indicare per le aperture di credito il massimale e la scadenza eventuale del credito, il tasso di interesse annuo ed il dettaglio

4 analitico degli oneri applicabili dal momento della conclusione del contratto, le condizioni che possono determinare la modifica durante l esecuzione del contratto, le modalità di recesso del contratto) essendo stati sottoscritti i contratti dal XXXX senza che vi fosse stata l indicazione del tasso di interesse da applicare da parte della banca, lasciato in bianco; di conseguenza gli attori chiedevano che fossero dichiarati nulli i contratti di credito stipulati da XXXX e non dovuti i relativi interessi; - la violazione da parte della banca delle norme in materia di usura, con applicazione di interessi usurari al contratto di conto corrente; pertanto gli attori chiedevano che fossero dichiarati non dovuti gli interessi così applicati e di condannare la banca convenuta alla restituzione delle somme pagate quali interessi usurai. Ancora, gli attori chiedevano che fosse dichiarata nulla la fideiussione prestata dalla signora ZZZZ (stipulata il vedi doc. 6) perché contraria al disposto dell art c.c, poiché si trattava di una fideiussione ominibus indeterminata quindi contraria all art. 10 della legge 154/92 rimasto poi in vigore ex art. 161 d.lgs. 385/1993; chiedevano quindi che fosse dichiarata la liberazione della attrice da ogni vincolo fideiussorio. Ancora, gli attori ritenevano che, riconosciuta l applicazione di tassi di interesse usurari, si concretizzava la commissione di un reato ai loro danni e quindi formulavano domanda di risarcimento del danno, anche morale. Il danno poi andava riconosciuto loro per la violazione delle norme in materia di correttezza e buona fede, attraverso la applicazione di interessi su interessi, con aggravamento della esposizione debitoria degli attori con l obbligo per la banca di risarcire il danno arrecato. Gli attori quantificavano il danno in Lire (pari ad Euro ,69) o in una somma maggiore o minore che fosse stata ritenuta comunque di giustizia: Il tutto oltre agli interessi legali e rivalutazione monetaria dal momento della ingiusta percezione delle somme a titolo di interessi legali alla

5 loro restituzione e, per quanto attiene al risarcimento del danno, dalla data dei fatti al saldo. Si costituiva in giudizio la Banca QQQQ S.p.a. la quale affermava legittimità della capitalizzazione trimestrale degli interessi e della clausole di massimo scoperto, quale uso normativo, l uso della forma scritta per la stipula di tutti i contratti conclusi tra le parti, la mancata contestazione degli estratti di conto corrente che la banca inviava, prodotti dalla banca, il riconoscimento del debito operato dal debitore; contestava l applicazione di tassi di interesse usurari, l esistenza di condotte contrarie alla buona fede, essendo aumentato il debito degli attori era non avere loro versato somma sul conto corrente. Affermava poi la banca che la fideiussione prestata da ZZZZ aveva il limite di lire , sicchè le deduzioni attoree erano del tutto infondate. La Banca QQQQ S.p.a. pertanto oltre al rigetto delle domande degli attori, proponeva domanda riconvenzionale, chiedendo che gli attori fossero condannati al pagamento nei suoi confronti della somma di Lire ,121, oltre gli interessi legali dalla data di chiusura del Conto al saldo, quale saldo passivo del /09, ovvero al pagamento della somma maggiore o minore che sarebbe risultata dovuta, con o senza capitalizzazione trimestrale degli interessi Nel corso del processo si procedeva all esecuzione di c.t.u. Con decreto presidenziale del 30/4/2008 la causa era assegnata a questo giudice in sostituzione del precedente trasferito ad altro ufficio. Quindi, sulle conclusioni in epigrafe trascritte, la causa veniva trattenuta in decisione all udienza del , concedendo alle parti termine ordinario per il deposito degli scritti conclusivi. MOTIVI DELLA DECISIONE Va preliminarmente rilevato che è del tutto incontestato tra le parti che la banca abbia applicato la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi ed abbia previsto ed applicato le cd. clausole di massimo scoperto. Orbene, questo

6 giudice aderisce all indirizzo largamente prevalente della giurisprudenza più recente fatto proprio anche dalle Sezioni Unite della Cassazione che ritiene che tali clausole contrattuali siano nulle perché in contrasto con il divieto di mero rinvio agli usi contenuto nella L.154/1992 e nel T.U. bancario n.385/1993 ed in violazione dell art c.c. Ovviamente, la nullità colpisce solo le clausole è non l intero contratto, come invece chiede l attore: deve dunque dichiararsi la nullità delle clausole contrattuali che prevedono la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi. La giurisprudenza di legittimità a partire dal 1999, mutando il precedente orientamento, ha affermato che la capitalizzazione trimestrale degli interessi da parte della banca sui saldi di conto corrente passivi per il cliente non costituisce un uso normativo, ma un uso negoziale, essendo stata tale diversa periodicità della capitalizzazione (più breve rispetto a quella annuale applicata a favore dei clienti sui saldi di conto corrente per lui attivi alla fine di ciascun anno solare) adottata per la prima volta in via generale su iniziativa dell ABI nel 1952 e non essendo connotata la reiterazione del comportamento dalla opinio iuris ac necessitatis (Cass.30/3/1999 n.3096; nello stesso senso Cass. 16/3/1999 n.2374). Dall inesistenza di un uso normativo ch legittima la c.d. capitalizzazione trimestrale degli interessi discende la nullità della clausola contenuta nel contratto di conto corrente bancario e che contiene la previsione di detta capitalizzazione in violazione del disposto dell art c.c. che vieta l anatocismo. A seguito del suddetto mutamento giurisprudenziale, è intervenuto il legislatore con decreto legislativo 4/8/1999 n. 34 che sanciva la validità delle clausole in questione contenute nei contratti di conto corrente bancario. Sollevata da vari giudici la questione di legittimità costituzionale del citato decreto legislativo sotto il profilo dell eccesso di delega, la Corte Costituzionale con sentenza numero 425 del 17 ottobre 2000 ha dichiarato l illegittimità costituzionale (in riferimento all articolo 76 Cost per eccesso di delega) dell articolo 25 comma 3 del decreto legislativo n. 34 del 1999 nella parte in cui stabilisce che le clausole relative alla produzione di interessi sugli interessi maturati, contenute nei

7 Contratti bancari stipulati anteriormente alla data di entrata in vigore della delibera del Cicr relativa alle modalità e criteri per la produzione di interessi su interessi maturati nelle operazioni poste in essere nell esercizio dell attività bancaria (delibera poi emessa il 9 febbraio 2000 ed entrata in vigore il 22 aprile 2000), siano valide ed efficaci fino a tale data e che, dopo di essa, debbono essere adeguate a pena di inefficacia da farsi valere solo dal cliente - al disposto della menzionata delibera, con le modalità ed i tempi ivi previsti (Corte Cost. sent.n.425 del 2000). La Suprema Corte a Sezioni Unite con pronuncia n del 4/11/2004 si è nuovamente Pronunciata al riguardo, affermando che in tema di capitalizzazione trimestrale degli interessi sui saldi di conto corrente bancario passivi per il cliente, a seguito della sentenza della Corte Costituzionale n. 425 del 2000, che ha dichiarato costituzionalmente illegittimo, per violazione dell all. 76, Cost., l art. 25 comma terzo D.Lgs. n. 342 del 1999, il quale aveva fatto salva la validità e l efficacia - fino all entrata in vigore della delibera CICR di cui al comma 2 del medesimo art delle clausole anatocistiche stipulate in precedenza, siffatte clausole, secondo i principi che regolano la successione delle leggi nel tempo, sono disciplinate dalla normativa anteriormente in vigore e, quindi, sono da considerare nulle in quanto stipulate in violazione dell art, 1283, cod. civ., perché basate su un uso negoziale, anziché su un uso normativo, mancando di quest ultimo il necessario requisito soggettivo, consistente nella consapevolezza di prestare osservanza, operando in un certo modo, ad una norma giuridica, per la convinzione che il comportamento tenuto è giuridicamente obbligatorio, in quanto conforme ad una norma che già esiste o che si reputa debba fare parte dell ordinamento giuridico ( opinio juris ac necessitatis ); infatti, va escluso che detto requisito soggettivo sia venuto meno soltanto a seguito delle decisioni della Corte di Cassazione che, a partire dal 1999, modificando il precedente orientamento giurisprudenziale, hanno ritenuto la nullità delle clausole in esame, perché non fondate su di un uso normativo, dato che la funzione della giurisprudenza è meramente ricognitiva dell esistenza e del contenuto della regola, non già creativa della stessa, e,

8 conseguentemente, in presenza di una ricognizione, anche reiterata nel tempo, rivelatasi poi inesatta nel ritenerne l esistenza, la ricognizione correttiva ha efficacia retroattiva, poiché, diversamente, si determinerebbe la consolidazione medio tempore di una regola che avrebbe la sua fonte esclusiva nelle sentenze che, erroneamente presupponendola, l avrebbero creata (Cass /2004). Trattandosi di nullità di clausole del contratto sulla cui base la banca chiede l adempimento della prestazione dovuta dal correntista (pagamento del saldo passivo comprensivo degli interessi maturati e da maturare), tale nullità può e deve essere rilevata d ufficio dal giudice a norma dell art.1421 c.c. (cfr., in tal senso, fra le altre, Cass.4/11/2004 n.21095; Cass.25/2/2005 n,4094; Cass. 19/5/2005 n.10599). Come detto, parimenti nulla è la previsione contrattuale che per la determinazione del tasso di interesse passivo fa riferimento al tasso normalmente praticato sulla medesima piazza. Anche sul punto è sufficiente richiamare il recente orientamento della Cassazione, secondo cui in tema di contratti bancari, nel regime anteriore alla entrata in vigore della legge 17 febbraio 1992 n. 154, e del successivo t.u. sulla disciplina bancaria che introducono norme nuove, a carattere non retroattivo, in tema di trasparenza bancaria, vietando, tra l altro, espressamente il rinvio agli usi di piazza - la convenzione relativa agli interessi è validamente stipulata, in ossequio al disposto dell articolo 1284 comma terzo c.c. (che è norma imperativa, la cui violazione determina nullità assoluta ed insanabile), quando il relativo tasso risulti determinabile e controllabile in base a criteri in detta convenzione oggettivamente indicati e richiamati; pertanto, una clausola contenente un generico riferimento alle condizioni usualmente praticate dalle aziende di credito sulla piazza può ritenersi valida ed univoca solo se coordinata alla esistenza di vincolanti discipline fissate su larga scala nazionale con accordi interbancari, nel rispetto delle regole di concorrenza e non anche quando tali accordi contengano riferimenti a tipologie di tassi praticati su scala locale e non consentano, per la loro genericità, di stabilire a quale previsione le parti abbiano inteso fare concreto riferimento (Cass.18/4/2001

9 n.5675; nello stesso senso Cass.n.9465 del 2000; Cass.n 6247 del 1998 e Cass.n del 1997). Pertanto, il contratto di conto corrente è viziato sia per quanto attiene alla indeterminatezza della clausola che consente alla banca di individuare unilateralmente il tasso di interesse passivo sulla base di generiche condizioni praticate sulla piazza sia per la capitalizzazione trimestrale degli interessi medesimi. Altre conseguenze dell indirizzo ora sostenuto sono che la banca non può mai sanare in maniera retroattiva gli effetti della clausola nulla e, per i contratti sorti prima della delibera Cicr, che per la disciplina della capitalizzazione trimestrale reciproca è necessaria un nuovo accordo negoziale tra le parti. Ancora, l affermazione netta delle Sezioni Unite sul divieto di anatocismo ha fatto ritenere non condivisibili le tesi, pur affermate dalla giurisprudenza di merito sulla legittimità della richiesta di pagamento degli interessi capitalizzati trimestralmente perché obbligazioni naturali (cfr. Cass, 84/2262) o ex art, 1831 c.c. (tesi per la quale l obbligo di corresponsione degli interessi trimestrali deriverebbe dalla disciplina della chiusura periodica del conto, chiusura che darebbe vita alla capitalizzazione periodica degli interessi nel senso che essi, subito dopo la riapertura del conto, diventerebbe automaticamente la prima posta creditoria, in conto capitale, del conto riaperto; si è obiettato che l art c.c, non è richiamato dall art c.c. per le operazioni bancarie in conto corrente, né del fatto che resta comunque ingiustificata ed incomprensibile la chiusura differenziata cliente/banca). Ritiene inoltre questo giudice che una volta affermata la nullità della capitalizzazione trimestrale la conseguenza sia che gli interessi non possano mai essere capitalizzati, stante il divieto dell anatocismo, salvo il caso in cui il rapporto contrattuale venga rinegoziato tra le parti, sulla regola della parità della capitalizzazione. La tesi della capitalizzazione annuale degli interessi, sostenuta fra l altro dalla banca convenuta si fonda sul conteggio annuale degli interessi previsto dall art, 1284 comma 1 c.c.: tale tesi non è condivisibile l annualità del calcolo degli interessi

10 non significa che dopo un anno gli interessi debbano essere liquidati e divengano capitale, a sua volta suscettibile di produrre interessi, perché, come hanno affermato le Sezioni Unite della Corte di Cassazione (sentenza 9653/0 1) il debito di interessi non perde mai tale natura e resta sempre soggetto ai limiti dell art, 1283 c.c. Secondo la tesi della banca invece, alla capitalizzazione trimestrale si sostituirebbe quella annuale, che è sempre vietata dall art c.c.; né il divieto dell art cc, è superabile solo per la realizzata parità fra interessi attivi e passivi, parità che comunque costituisce un fatto neutro che non esclude la sussistenza della capitalizzazione e non vale a sanare la mancanza di un uso derogatorio ovvero di una specifica norma di legge autorizzante il superamento dei limiti dell art, 1283 c.c. (tale norma di legge si è avuta solo dopo, appunto con l art, 25 comma 2 D.Lgs. 432/99 e la Delibera attuativa CICR). Inoltre, a differenza di quanto sostenuto dalla banca, la mancata contestazione degli estratti conto inviati al cliente non sana le nullità rilevate, perché le decadenze fissate dagli art, 1832 c.c. e 119 TUB si riferiscono solo ad errori contabili e non riguardano eventuali invalidità delle operazioni negoziali poste a fondamento delle appostazioni contabili (Cass. 06/10376, 01/10129 e 96/1978). Ovviamente, la nullità della clausola che prevede la capitalizzazione degli interessi trimestrali non determina che alla banca non spetti alcun interesse: il criterio di calcolo degli interessi è il seguente. L attore è tenuto a pagare alla banca gli interessi calcolati secondo il tasso legale annuale ex art c.c., se il rapporto giuridico come nel caso in esame - è sorto prima dell entrata in vigore della legge sulla trasparenza (luglio 1992), o ex art. 117 tub solo ove il rapporto giuridico sia sorto successivamente alla data indicata o in base ad una nuova disposizione contrattuale concordata da entrambe le parti ove risulti prodotta. Nel caso in esame, dalla c.t.u, emerge che il contratto di conto corrente XXXX è stato aperto in data ed è da considerarsi chiuso in data , allorché l istituto di credito aveva posto in sofferenza il conto corrente. Emerge ancora che la capitalizzazione degli interessi trimestrali è avvenuta effettivamente, con applicazione, illecita, del cd. anatocismo.

11 Deve ancora rilevarsi che il c.t.u. non ha avuto a sua disposizione, perché non prodotta dalle parti, la documentazione relativa ad alcuni periodi (dal al primo trimestre 91; al terzo e quarto trimestre 91; al primo trimestre 93; al quarto trimestre 94; al quarto trimestre 95). Orbene, tenuto conto che le parti hanno ciascuna presentato una domanda, tale mancanza di prova non può che riverberarsi a carico delle stesse parti, non potendo essere presi in considerazione in maniera analitica i periodi prima indicati ai fini della ricostruzione delle partite di dare avere. Inoltre, deve rilevarsi che, dichiarata la nullità delle clausole di capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi e delle clausole di massimo scoperto, non può procedersi ad una condanna alla restituzione delle somme, che non risultano essere state corrisposte. In ogni caso, deve rilevarsi che attraverso la c.t.u. si è determinato il saldo passivo effettivo del capitale, quello cioè risultante dalla epurazione della capitalizzazione trimestrale degli interessi e delle commissioni di massimo scoperto; tale saldo passio è stato determinato dal c.t.u., in base alle tabelle di calcolo, in lire (cfr. la c.t.u. nel quesito 2 e la tabella allegata sub a in fine; pari ad euro ,30). Quanto alla somma dovuta dall attore a titolo di interesse, occorre distinguere due periodi. Il primo periodo è quello che va dal momento in cui sono stati forniti elementi di prova e di ricostruzione e di valutazione al c.t.u. e quindi al giudice fino al secondo trimestre del 1997, per il quale devono applicarsi, come indicato anche dal c.t.u., gli interessi legali. Per il periodo successivo il c.t.u. ha determinato anche il tasso effettivo globale applicato dalla banca ed ha accertato che, salvo che per il secondo trimestre del 1997, la banca ha applicato dal terzo trimestre 1997 e fino al secondo trimestre del 2000, tassi effettivi globali superiori ai cd. tassi soglia. Va preliminarmente rilevato che nel caso in esame trova applicazione la disciplina dei cd tassi soglia perché il contratto, pur essendo stato stipulato prima dell entrata

12 in vigore della legge 108/96, prevedeva la determinazione del tasso di interesse secondo gli usi su piazza, con una clausola dunque nulla per inosservanza del combinato disposto degli artt comma 3 e 1346 c.c.: tale clausola rende non determinabile l oggetto della pattuizione, ossia la misura degli interessi passivi, per mancanza di criteri certi, univoci e predeterminati di individuazione delle condizioni abitualmente praticate sulla piazza (così la più recente giurisprudenza, tra cui vedi ad esempio Cass. 03/14684 e 02/13823), Si tratta di una nullità, fra l altro, esplicitamente eccepita dall attore. Pertanto, di fatto, la banca determinava unilateralmente le condizioni di applicazione dei tassi di interesse, volta per volta, potendoli modificare unilateralmente sicchè, novando il rapporto sull entità del tasso di interesse, gli interessi stessi divengono convenuti nell epoca di entrata in vigore della legge 108/96 (ed in particolare dopo l entrata in vigore del primo DM attuativo, il DM pubblicato nella GU n. 76). Tale interpretazione è preferibile rispetto a quella sostenuta dalla banca convenuta, perché essendo del tutto indeterminato il contratto quanto al tasso di interesse, per effetto del riferimento agli usi su piazza è avvenuta una determinazione unilaterale del tasso di interesse, e quindi una nuova convenzione, imposta all attore, dell entità del tasso di interesse, non originariamente prevista. Dunque, pur in presenza di un contratto stipulato prima dell entrata in vigore della legge 108/96, la determinazione del tasso di interesse unilaterale della banca, che operi anche le variazioni quantitative, fa si che il tasso sia convenuto all atto della comunicazione della variazione o della sua concreta applicazione, sicchè se ciò sia avvenuto nell epoca di entrata in vigore della legge 108/96 si rientra nell ambito di applicabilità dell art, 1 comma i del D.L. 29 dicembre 2000, n. 394, convertito, con modificazioni, nella L. 28 febbraio 2001, n. 24, secondo il quale ai fini dell applicazione dell art. 644 c.p. e dell art c.c., comma 2, si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, a qualunque titolo, indipendentemente dal momento del loro pagamento.

13 Deve dunque ritenersi che la banca abbia applicato tassi di interesse usurari. Le prime conseguenze giuridiche di tale comportamento della banca di applicazione di tassi di interesse usurari sono la nullità della clausola di applicazione degli interessi e, soprattutto la non debenza di alcun interesse (art comma 2 c.c.) per tale periodo. Pertanto, per determinare la somma dovuta a titolo di interesse passivo dall attore XXXX, possono essere prese in considerazione solo le somme calcolate dal c.t.u. dal secondo trimestre del 1991 fino al secondo trimestre del 1997, con applicazione corretta, come detto, del tasso legale. I periodi che devono essere presi in considerazione sono i seguenti: 2 TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE O% TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE %

14 2 TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % totale Dunque, gli interessi che l attore XXXX che è tenuto a corrispondere applicando i criteri legali assommano a lire (pari ad euro 5.518,86). Pertanto, tenuto conto che la banca ha proposto domanda riconvenzionale per il saldo passivo del c/c n. XXXX, l attore XXXX deve essere condannato a corrispondere alla banca la somma di lire ,831 (pari ad euro ,30) quale sorta capitale e lire (pari ad euro 5.518,86) quali interessi legali, per complessive lire , pari ad euro ,16. Trattandosi di debito di valuta, sulla sorte capitale decorrono gli interessi legali dalla domanda giudiziale. Va rigettata la domanda relativa alla nullità del contratto di fideiussione del , sottoscritto dalla attrice ZZZZ perché infondata in fatto. Dall analisi del contratto, come correttamente sostenuto dalla banca convenuta, emerge infatti che la fideiussione prestata da ZZZZ aveva il limite di lire 58,500,000 (pari ad euro ,73).

15 La domanda di risarcimento del danno non può essere accolta per le considerazioni che seguono. Va in primo luogo osservato che il complesso e controverso iter giurisprudenziale e normativo in tema di capitalizzazione degli interessi legali e clausole di massimo scoperto già induce ad escludere la sussistenza di un comportamento in mala fede della banca, posto che tali clausole erano state riconosciute anche valide ed operanti prima degli indirizzi più restrittivi della giurisprudenza. Quanto al danno subito dalla applicazione degli interessi usurari, esso risulta in parte mitigato dalla eliminazione dell obbligo di pagare le somme non dovute. Per il resto gli attori non hanno dato prova dell aver subito un danno diverso ed ulteriore, concretamente monetizzabile dal giudice. Infine, l applicazione dei tassi di interessi usurari non coincide con la concretizzazione della fattispecie penale, che impone la sussistenza del dolo, laddove la stessa applicabilità dei tassi di interesse usurai ai rapporti sorti prima della legge 108/96 è stata alquanto controversa, tanto da richiedere l intervento del legislatore con una interpretazione autentica con indirizzi giurisprudenziali divergenti. Tenuto conto della particolare natura della questione e della soccombenza reciproca, sussistono giustificati motivi per dichiarare interamente compensate tra le parti le spese di giustizia; spese nelle quali rientrano anche quelle di c.t.u. P.Q.M. Il Tribunale di Perugia, definitivamente pronunciando sull azione proposta, con citazione notificata il %%%%, da XXXX e ZZZZ nei confronti di Banca YYYY (alla quale poi succedeva nel rapporto giuridico la QQQQ Banca S.p.a.) in persona del legale rappresentante pro tempore, nel contraddittorio tra le parti, contrariis reiectis, così provvede: a) In parziale accoglimento della domanda, dichiara la nullità delle clausole di capitalizzazione trimestrale ed unilaterale degli interessi trimestrali e della clausola di massimo scoperto;

16 b) Dichiara non dovuti, perché superiori al tasso di interesse usuraio, i tassi convenuti ed applicati a partire dal terzo trimestre 1997 e fino al secondo trimestre del 2000; c) Rigetta le altre domande degli attori. d) In accoglimento parziale della domanda riconvenzionale del convenuto, condanna XXXX e ZZZZ, quale fideiussore e nei limiti della somma di lire (pari ad euro ,73), a pagare a Banca YYYY (alla quale poi succedeva nel rapporto giuridico la QQQQ Banca S.p.a.) in persona del legale rappresentante pro tempore, la somma di lire (pari ad euro ,30) quale sorta capitale e lire (pari ad euro 5.518,86) quali interessi legali, per complessive lire , pari ad euro ,16, oltre gli interessi legali dalla domanda giudiziale sulla sorte capitale; e) dichiara interamente compensate tra le parti le spese del procedimento. Manda alla cancelleria per gli adempimenti di competenza. Perugia, deciso il 19 ottobre IL GIUDICE

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia Il tema dell'anatocismo ha acceso in questi anni un vivace dibattito alimentato tanto dal legislatore quanto dalla giurisprudenza, sull'inciso contenuto nell'art. 1283 c.c. - usi contrari- nel quadro della

Dettagli

Sentenza n. 767/2015 pubbl. il 27/06/2015 RG n. 4586/2012

Sentenza n. 767/2015 pubbl. il 27/06/2015 RG n. 4586/2012 N. R.G. 4586/2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di PRATO Unica CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Maria Novella Legnaioli ha pronunciato la seguente

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

L ANATOCISMO. (aspetti pratici) Corso di Formazione Professionale per Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

L ANATOCISMO. (aspetti pratici) Corso di Formazione Professionale per Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili L ANATOCISMO (aspetti pratici) Corso di Formazione Professionale per Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Materia: tecnica professionale Mercoledì 02/03/2016 Docente: Dott.ssa Simona

Dettagli

QUESITI IN TEMA BANCARIO

QUESITI IN TEMA BANCARIO QUESITI IN TEMA BANCARIO SEZIONE CIVILE - TRIBUNALE DI LIVORNO VERSIONE DEL 21.12.2014 1) COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO. Se il rapporto è costituito ANTE 29.01.2009 12. Se il rapporto è costituito POST

Dettagli

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e 1. Introduzione Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e contabile del rapporto di conto corrente, dedichiamo il presente al tema della pattuizione del tasso

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

IL CONTO CORRENTE L ANATOCISMO

IL CONTO CORRENTE L ANATOCISMO IL CONTO CORRENTE L ANATOCISMO L ANATOCISMO È la produzione di interessi da interessi appositamente capitalizzati Nella gestione del conto corrente quando la Banca, liquidando le competenze trimestrali,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra N RG 64615/2013 TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n rg 64615/2013 BEMA CERAMICHE SRL DEBORAH BETTI CONSUELO BETTI STEFANO BETTI PIERA PELUCCHI tra BANCA POPOLARE DI

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno de Carolis Presidente Avv. Alessandro Leproux Prof. Avv. Andrea Gemma Prof. Avv. Gustavo Olivieri Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato

Dettagli

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C...

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C... Relazione finale 26 ottobre 2010 Cliente: Pippo S.r.l. Istituto bancario: Banca S.p.A. C/C n.4177739 2 SOMMARIO 1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario

Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario intervento a cura del Rag. Alberto Leggi INTRODUZIONE Da qualche tempo cercavo sulla rete qualche sito che fosse di ausilio ai consulenti

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato da

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

Orbene, ai fini della ricostruzione dell andamento del rapporto contrattuale di conto corrente, assume rilevanza, nella specie, innanzitutto la

Orbene, ai fini della ricostruzione dell andamento del rapporto contrattuale di conto corrente, assume rilevanza, nella specie, innanzitutto la Nel caso di contratto di conto corrente bancario concluso prima della legge sulla trasparenza bancaria (l n. 17.2.1992, n. 154, successivamente confluita nel t.u. in materia bancaria 1.9.1993, n. 385),

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE in persona del giudice unico dott. Stefano cardinali, ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile

Dettagli

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere.

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. MUTUI FONDIARI: Risoluzione del contratto. C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. Premessa. L anatocismo viene praticato oltre che sui conti correnti anche sui

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

USURA BANCARIA: COME SI DETERMINA IL REALE TASSO APPLICATO DALLA BANCA NEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE (c.d. TAEG o Tasso Annuo Effettivo)

USURA BANCARIA: COME SI DETERMINA IL REALE TASSO APPLICATO DALLA BANCA NEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE (c.d. TAEG o Tasso Annuo Effettivo) USURA BANCARIA: COME SI DETERMINA IL REALE TASSO APPLICATO DALLA BANCA NEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE (c.d. TAEG o Tasso Annuo Effettivo) Se vuoi acquistare questo interessantissimo ebook clicca qui SCHEDA

Dettagli

Anatocismo e Usura Bancaria. Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom

Anatocismo e Usura Bancaria. Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom Anatocismo e Usura Bancaria Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom 1 ANATOCISMO USURA RILEVAZIONI CONTABILI ERRATE COSTI OCCULTI INDETERMINATEZZA DELLE CONDIZIONI CONTI CORRENTI MUTUI LEASING DERIVATI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI CALTANISSETTA. Sezione Lavoro SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI CALTANISSETTA. Sezione Lavoro SENTENZA Pubblicata in GIUS 18/2000, p. 2133 e ss. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CALTANISSETTA Sent. Civ. N. 475/00 Reg. Gen. 1886/99 Cronologico 3133 TRIBUNALE DI CALTANISSETTA Sezione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE CONTENUTO DEL CONTRATTO DI CONTO CORRENTE L'art. 117 del Testo Unico Bancario (T.U.B.), impone la forma scritta del contratto di conto corrente Inoltre ai commi

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI 1 GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI Per l illustrazione delle opzioni di ricalcolo ex Cass. SU 24418/10 si veda l apposita guida Per ricevere assistenza, segnalare eventuali malfunzionamenti

Dettagli

Trento, Bassano del Grappa, Tezze sul Brenta. www.ifa-nordest.it

Trento, Bassano del Grappa, Tezze sul Brenta. www.ifa-nordest.it Trento, Bassano del Grappa, Tezze sul Brenta www.ifa-nordest.it Anatocismo Interessi ultralegali Commissioni di massimo scoperto Usura bancaria Di cosa si tratta? Anatocismo: Costituisce il criterio di

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. avv. Vincenzo Meli Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da

come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da Egr. Sig. Tommaso Bortolomiol, come da accordi Le inviamo qui di seguito alcune massime tratte da altrettante sentenze emesse da diversi Tribunali Italiani in materia di ripetibilità di quanto addebitato

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè

Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè Anatocismo Interessi ultralegali Commissione di massimo scoperto ARGOMENTI Usura bancaria Costituisce il criterio di calcolo degli interessi applicato dalle

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E USURA) SOMMARIO

PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E USURA) SOMMARIO PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E ) INTESTARIO CONTO...XXX BANCA...YYY NUMERO C.C...123456 TIPOLOGIA CONTO...ORDINARIO DATA APERTURA CONTO/PRIMO ESTRATTO DISPONIBILE...01/01/2004 DATA CHI/ULTIMO ESTRATTO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

Decisione N. 535 del 26 gennaio 2015

Decisione N. 535 del 26 gennaio 2015 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI (MI) SANTONI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico, Dott. Antonio Scalera, ha pronunciato la seguente nella causa iscritta

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Alessandro Leproux.. Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015 CHESSA S.R.L tra GAIAS GIUSEPPE AUTOTRASPORTI e ATTORE CONVENUTO Oggi 18 febbraio 2016 innanzi al dott. Cinzia Caleffi,

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA. Nella causa iscritta al n. XXXX del Ruolo Generale degli Affari Contenziosi Civili TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA. Nella causa iscritta al n. XXXX del Ruolo Generale degli Affari Contenziosi Civili TRA Abstract: Il viaggiatore che voglia ottenere risarcimento del danno da vacanza rovinata determinato da inesatto adempimento del contratto di viaggio non deve agire contro l agenzia di viaggi quando questa

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Pagina 1 di 6 Cassazione Civile CONTRATTI BANCARI - INGIUNZIONE (PROCEDIMENTO PER) Cass. civ. Sez. I, Sent., 11-01-2013, n. 603 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. La clausola che prevede la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi, nota come «solecismo finanziario», va ritenuta nulla in quanto non integra un uso normativo idoneo a derogare

Dettagli

Dr. Giovanni Battista Frescura *

Dr. Giovanni Battista Frescura * Dr. Giovanni Battista Frescura * Centro servizi peritali (immobili e contratti bancari) Valdagno (VI) Via Bellini 6,Tel/fax 0445.412545, Email csvaldagno@assimai.it P.iva 022225740246 - N. rea 216490 Illustrazione

Dettagli

N R23 8 Rø.Gen. N. Sent. I L ( i Rep. REPUBBLICA ITALIANA 8 Cron. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PADOVA.

N R23 8 Rø.Gen. N. Sent. I L ( i Rep. REPUBBLICA ITALIANA 8 Cron. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PADOVA. seguente in persona del Giudice Unico dott. ssa Manuela Elburgo ha pronunciato la Sezione I civile IL TRIBUNALE DI PADOVA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO r I L ( i Rep. REPUBBLICA ITALIANA 8 Cron. N R23 8

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla

Dettagli

PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E USURA) SOMMARIO

PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E USURA) SOMMARIO PERIZIA ECONOMETRICA (ANATOCISMO E USURA) INTESTARIO CONTO...XXX BANCA...YYY NUMERO C.C...123456 TIPOLOGIA CONTO...ORDINARIO DATA APERTURA CONTO/PRIMO ESTRATTO DISPONIBILE...01/01/2004 DATA CHIUSURA/ULTIMO

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura

Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura Avv. Lanfranco Biasiucci Dipartimento Bancario Finanziario Contenzioso: presente e futuro Conto Corrente e finanziamenti operativi (fidi, aperture

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 24.1.2014, ore 12.30, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n 1155/10 R.A.C.C., promossa da - (A) S.r.l.,

Dettagli

IL TRIBUNALE DI BARI - SEZIONE DISTACCATA DI MONOPOLI - S E N T E N Z A

IL TRIBUNALE DI BARI - SEZIONE DISTACCATA DI MONOPOLI - S E N T E N Z A Sent. n. REPUBBLICA ITALIANA In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI BARI - SEZIONE DISTACCATA DI MONOPOLI - in composizione monocratica nella persona del Giudice Unico Dott. Valentino Lenoci, ha pronunziato

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 REPUBBLICA ITALIANA Suprema Corte di Cassazione Sezione III sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO FATTO

COLLEGIO DI MILANO FATTO COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario composto dai Signori: Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Massimiliano Silvetti Avv. Michele Maccarone IL COLLEGIO DI ROMA Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CORAPI Membro designato da Associazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Allineandosi all attuale orientamento giurisprudenziale in materia di responsabilità del Ministero della Salute per omessa vigilanza sulla produzione e sulla distribuzione dei vaccini e del sangue

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX Determinazione dirigenziale n. 6 del 19 marzo 2015 Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

[Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

[Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE N. R.G. 2288/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marcello Pisanu ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore)

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof. Avv. Emanuele Lucchini

Dettagli

FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE

FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE Il contenzioso bancario alla luce delle recenti novità normative e della sentenza della Corte Costituzionale n. 78/2012 Il quesito per il C.T.U. RELATORE:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Napoli Sezione civile II

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Napoli Sezione civile II Negli ultimi anni, con l aggravarsi della crisi economica deflagrata nel 2008, il contenzioso cliente banca è cresciuto a dismisura e (a parte le contestazioni relative ai prodotti derivati) le doglianze

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Tribunale di Monza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Tribunale di Monza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Monza Sezione Terza Sezione Il Tribunale, nella persona del giudice unico Dott. Giovanni Battista Nardecchia ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013)

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO Nella Riunione del 19 gennaio 2015; VISTA

Dettagli