TRIBUNALE DI PERUGIA. I Sezione Civile REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE DI PERUGIA. I Sezione Civile REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO"

Transcript

1 Abstract. È nulla la clausola che impone la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi all interno di un contratto di conto corrente bancario stipulato prima dell entrata in vigore del d.lgs 4 agosto 1999, n. 34 e della connessa delibera Cicr di attuazione emanata il 9 febbraio Infatti, nonostante tali norme prevedano la validità delle clausole di capitalizzazione trimestrale precedentemente pattuite, con l unico limite dell obbligo di adeguarle, con i tempi e le procedure indicate, alla nuova normativa pena l inefficacia delle stesse, le stesse sono state dichiarate, proprio relativamente al punto controverso, incostituzionali per eccesso di delega (Corte cost., sent. n. 425/2000). Per l effetto il Giudicante aderisce all oramai consolidato orientamento della Corte di Cassazione che, nel considerare quello della capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi un uso negoziale e non normativo, ritiene la clausola che lo sancisce, ponendosi questa in contrasto con l art c.c, affetta da nullità rilevabile anche d ufficio (Cass. SS.UU., 04 novembre 2004, n Sul punto si veda anche C. App. Perugia 06 marzo 2008). Sono parimenti nulle le clausole contrattuali che individuano il tasso di interesse passivo, se superiore a quello legale, in base agli usi praticati sulla medesima piazza anche se pattuite prima dell entrata in vigore della l. 17 febbraio 1992 n. 154 e del testo unico bancario del 1993 che, introducendo norme sulla trasparenza a tutela del cliente, comminano espressamente quella sanzione per tali clausole contrattuali. Anche in questo caso la pronuncia del Tribunale si pone nel solco già tracciato dalla Suprema Corte che ritiene le stesse clausole comunque nulle per contrasto con l art. 1284, comma 3, c.c., ritenendo non assolto l onere formale nei casi in cui il riferimento agli usi sia tanto generico da non permettere una concreta ed immediata identificazione della previsione cui le parti facevano riferimento per l individuazione dell ammontare del tasso degli interessi passivi.

2 TRIBUNALE DI PERUGIA I Sezione Civile REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice istruttore del Tribunale di Perugia, dott. XXXX, in funzione di giudice monocratico, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al N. XXXX tra: XXXX e XXXX, rappresentati e difesi dall Avv. XXXX del Foro di XXXX ed elettivamente domiciliati presso lo studio dell avv. XXXX, sito in XXXX, in Via XXXX n. XXXX, come da delega in atti; attori e YYYY Banca S.p.a. nella qualità di successore nel rapporto di Banca YYYY S.p.a, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in YYYY Via YYYY n. YYYY presso lo studio dell Avv. YYYY che la rappresenta e difende con l Avv. YYYY; convenuto

3 Oggetto: contratto di conto corrente Conclusioni del procuratore dell opponente: come da atto di citazione. Conclusioni del procuratore della opposta: come da comparsa di costituzione e risposta. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione notificato il XXXX, XXXX e ZZZZ, citavano in giudizio la Banca YYYY (alla quale poi succedeva nel rapporto giuridico la QQQQ Banca S.p.a.) ricostruendo in primo luogo i rapporti con l istituto di credito ed in particolare quelli relativi al rapporto di conto corrente n. XXXX aperto da XXXX il indicavano infine gli attori che la Banca YYYY con raccomandata del aveva intimato loro - a ZZZZ quale fideiussore - il pagamento della somma di lire quale saldo passivo del contratto di conto corrente al Nel merito, ricostruendosi le vicende normative e giurisprudenziali la domanda degli attori era volta ad accertare: - la violazione da parte della Banca QQQQ delle norme in tema di capitalizzazione unilaterale degli interessi trimestrali e della clausola di massimo scoperto, con richiesta di dichiarati non dovuti gli interessi capitalizzati trimestralmente e per l effetto di condannare la banca convenuta alla restituzione degli stessi interessi oltre che delle commissioni di massimo scoperto; - la violazione degli articoli 117 (laddove prescrive a pena di nullità la forma scritta per i contratti bancari, senza possibilità di concludere contratti oralmente o per facta concludentia) e 126 del D.Lgs n 385/1993 (laddove prevede che l obbligo di indicare per le aperture di credito il massimale e la scadenza eventuale del credito, il tasso di interesse annuo ed il dettaglio

4 analitico degli oneri applicabili dal momento della conclusione del contratto, le condizioni che possono determinare la modifica durante l esecuzione del contratto, le modalità di recesso del contratto) essendo stati sottoscritti i contratti dal XXXX senza che vi fosse stata l indicazione del tasso di interesse da applicare da parte della banca, lasciato in bianco; di conseguenza gli attori chiedevano che fossero dichiarati nulli i contratti di credito stipulati da XXXX e non dovuti i relativi interessi; - la violazione da parte della banca delle norme in materia di usura, con applicazione di interessi usurari al contratto di conto corrente; pertanto gli attori chiedevano che fossero dichiarati non dovuti gli interessi così applicati e di condannare la banca convenuta alla restituzione delle somme pagate quali interessi usurai. Ancora, gli attori chiedevano che fosse dichiarata nulla la fideiussione prestata dalla signora ZZZZ (stipulata il vedi doc. 6) perché contraria al disposto dell art c.c, poiché si trattava di una fideiussione ominibus indeterminata quindi contraria all art. 10 della legge 154/92 rimasto poi in vigore ex art. 161 d.lgs. 385/1993; chiedevano quindi che fosse dichiarata la liberazione della attrice da ogni vincolo fideiussorio. Ancora, gli attori ritenevano che, riconosciuta l applicazione di tassi di interesse usurari, si concretizzava la commissione di un reato ai loro danni e quindi formulavano domanda di risarcimento del danno, anche morale. Il danno poi andava riconosciuto loro per la violazione delle norme in materia di correttezza e buona fede, attraverso la applicazione di interessi su interessi, con aggravamento della esposizione debitoria degli attori con l obbligo per la banca di risarcire il danno arrecato. Gli attori quantificavano il danno in Lire (pari ad Euro ,69) o in una somma maggiore o minore che fosse stata ritenuta comunque di giustizia: Il tutto oltre agli interessi legali e rivalutazione monetaria dal momento della ingiusta percezione delle somme a titolo di interessi legali alla

5 loro restituzione e, per quanto attiene al risarcimento del danno, dalla data dei fatti al saldo. Si costituiva in giudizio la Banca QQQQ S.p.a. la quale affermava legittimità della capitalizzazione trimestrale degli interessi e della clausole di massimo scoperto, quale uso normativo, l uso della forma scritta per la stipula di tutti i contratti conclusi tra le parti, la mancata contestazione degli estratti di conto corrente che la banca inviava, prodotti dalla banca, il riconoscimento del debito operato dal debitore; contestava l applicazione di tassi di interesse usurari, l esistenza di condotte contrarie alla buona fede, essendo aumentato il debito degli attori era non avere loro versato somma sul conto corrente. Affermava poi la banca che la fideiussione prestata da ZZZZ aveva il limite di lire , sicchè le deduzioni attoree erano del tutto infondate. La Banca QQQQ S.p.a. pertanto oltre al rigetto delle domande degli attori, proponeva domanda riconvenzionale, chiedendo che gli attori fossero condannati al pagamento nei suoi confronti della somma di Lire ,121, oltre gli interessi legali dalla data di chiusura del Conto al saldo, quale saldo passivo del /09, ovvero al pagamento della somma maggiore o minore che sarebbe risultata dovuta, con o senza capitalizzazione trimestrale degli interessi Nel corso del processo si procedeva all esecuzione di c.t.u. Con decreto presidenziale del 30/4/2008 la causa era assegnata a questo giudice in sostituzione del precedente trasferito ad altro ufficio. Quindi, sulle conclusioni in epigrafe trascritte, la causa veniva trattenuta in decisione all udienza del , concedendo alle parti termine ordinario per il deposito degli scritti conclusivi. MOTIVI DELLA DECISIONE Va preliminarmente rilevato che è del tutto incontestato tra le parti che la banca abbia applicato la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi ed abbia previsto ed applicato le cd. clausole di massimo scoperto. Orbene, questo

6 giudice aderisce all indirizzo largamente prevalente della giurisprudenza più recente fatto proprio anche dalle Sezioni Unite della Cassazione che ritiene che tali clausole contrattuali siano nulle perché in contrasto con il divieto di mero rinvio agli usi contenuto nella L.154/1992 e nel T.U. bancario n.385/1993 ed in violazione dell art c.c. Ovviamente, la nullità colpisce solo le clausole è non l intero contratto, come invece chiede l attore: deve dunque dichiararsi la nullità delle clausole contrattuali che prevedono la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi. La giurisprudenza di legittimità a partire dal 1999, mutando il precedente orientamento, ha affermato che la capitalizzazione trimestrale degli interessi da parte della banca sui saldi di conto corrente passivi per il cliente non costituisce un uso normativo, ma un uso negoziale, essendo stata tale diversa periodicità della capitalizzazione (più breve rispetto a quella annuale applicata a favore dei clienti sui saldi di conto corrente per lui attivi alla fine di ciascun anno solare) adottata per la prima volta in via generale su iniziativa dell ABI nel 1952 e non essendo connotata la reiterazione del comportamento dalla opinio iuris ac necessitatis (Cass.30/3/1999 n.3096; nello stesso senso Cass. 16/3/1999 n.2374). Dall inesistenza di un uso normativo ch legittima la c.d. capitalizzazione trimestrale degli interessi discende la nullità della clausola contenuta nel contratto di conto corrente bancario e che contiene la previsione di detta capitalizzazione in violazione del disposto dell art c.c. che vieta l anatocismo. A seguito del suddetto mutamento giurisprudenziale, è intervenuto il legislatore con decreto legislativo 4/8/1999 n. 34 che sanciva la validità delle clausole in questione contenute nei contratti di conto corrente bancario. Sollevata da vari giudici la questione di legittimità costituzionale del citato decreto legislativo sotto il profilo dell eccesso di delega, la Corte Costituzionale con sentenza numero 425 del 17 ottobre 2000 ha dichiarato l illegittimità costituzionale (in riferimento all articolo 76 Cost per eccesso di delega) dell articolo 25 comma 3 del decreto legislativo n. 34 del 1999 nella parte in cui stabilisce che le clausole relative alla produzione di interessi sugli interessi maturati, contenute nei

7 Contratti bancari stipulati anteriormente alla data di entrata in vigore della delibera del Cicr relativa alle modalità e criteri per la produzione di interessi su interessi maturati nelle operazioni poste in essere nell esercizio dell attività bancaria (delibera poi emessa il 9 febbraio 2000 ed entrata in vigore il 22 aprile 2000), siano valide ed efficaci fino a tale data e che, dopo di essa, debbono essere adeguate a pena di inefficacia da farsi valere solo dal cliente - al disposto della menzionata delibera, con le modalità ed i tempi ivi previsti (Corte Cost. sent.n.425 del 2000). La Suprema Corte a Sezioni Unite con pronuncia n del 4/11/2004 si è nuovamente Pronunciata al riguardo, affermando che in tema di capitalizzazione trimestrale degli interessi sui saldi di conto corrente bancario passivi per il cliente, a seguito della sentenza della Corte Costituzionale n. 425 del 2000, che ha dichiarato costituzionalmente illegittimo, per violazione dell all. 76, Cost., l art. 25 comma terzo D.Lgs. n. 342 del 1999, il quale aveva fatto salva la validità e l efficacia - fino all entrata in vigore della delibera CICR di cui al comma 2 del medesimo art delle clausole anatocistiche stipulate in precedenza, siffatte clausole, secondo i principi che regolano la successione delle leggi nel tempo, sono disciplinate dalla normativa anteriormente in vigore e, quindi, sono da considerare nulle in quanto stipulate in violazione dell art, 1283, cod. civ., perché basate su un uso negoziale, anziché su un uso normativo, mancando di quest ultimo il necessario requisito soggettivo, consistente nella consapevolezza di prestare osservanza, operando in un certo modo, ad una norma giuridica, per la convinzione che il comportamento tenuto è giuridicamente obbligatorio, in quanto conforme ad una norma che già esiste o che si reputa debba fare parte dell ordinamento giuridico ( opinio juris ac necessitatis ); infatti, va escluso che detto requisito soggettivo sia venuto meno soltanto a seguito delle decisioni della Corte di Cassazione che, a partire dal 1999, modificando il precedente orientamento giurisprudenziale, hanno ritenuto la nullità delle clausole in esame, perché non fondate su di un uso normativo, dato che la funzione della giurisprudenza è meramente ricognitiva dell esistenza e del contenuto della regola, non già creativa della stessa, e,

8 conseguentemente, in presenza di una ricognizione, anche reiterata nel tempo, rivelatasi poi inesatta nel ritenerne l esistenza, la ricognizione correttiva ha efficacia retroattiva, poiché, diversamente, si determinerebbe la consolidazione medio tempore di una regola che avrebbe la sua fonte esclusiva nelle sentenze che, erroneamente presupponendola, l avrebbero creata (Cass /2004). Trattandosi di nullità di clausole del contratto sulla cui base la banca chiede l adempimento della prestazione dovuta dal correntista (pagamento del saldo passivo comprensivo degli interessi maturati e da maturare), tale nullità può e deve essere rilevata d ufficio dal giudice a norma dell art.1421 c.c. (cfr., in tal senso, fra le altre, Cass.4/11/2004 n.21095; Cass.25/2/2005 n,4094; Cass. 19/5/2005 n.10599). Come detto, parimenti nulla è la previsione contrattuale che per la determinazione del tasso di interesse passivo fa riferimento al tasso normalmente praticato sulla medesima piazza. Anche sul punto è sufficiente richiamare il recente orientamento della Cassazione, secondo cui in tema di contratti bancari, nel regime anteriore alla entrata in vigore della legge 17 febbraio 1992 n. 154, e del successivo t.u. sulla disciplina bancaria che introducono norme nuove, a carattere non retroattivo, in tema di trasparenza bancaria, vietando, tra l altro, espressamente il rinvio agli usi di piazza - la convenzione relativa agli interessi è validamente stipulata, in ossequio al disposto dell articolo 1284 comma terzo c.c. (che è norma imperativa, la cui violazione determina nullità assoluta ed insanabile), quando il relativo tasso risulti determinabile e controllabile in base a criteri in detta convenzione oggettivamente indicati e richiamati; pertanto, una clausola contenente un generico riferimento alle condizioni usualmente praticate dalle aziende di credito sulla piazza può ritenersi valida ed univoca solo se coordinata alla esistenza di vincolanti discipline fissate su larga scala nazionale con accordi interbancari, nel rispetto delle regole di concorrenza e non anche quando tali accordi contengano riferimenti a tipologie di tassi praticati su scala locale e non consentano, per la loro genericità, di stabilire a quale previsione le parti abbiano inteso fare concreto riferimento (Cass.18/4/2001

9 n.5675; nello stesso senso Cass.n.9465 del 2000; Cass.n 6247 del 1998 e Cass.n del 1997). Pertanto, il contratto di conto corrente è viziato sia per quanto attiene alla indeterminatezza della clausola che consente alla banca di individuare unilateralmente il tasso di interesse passivo sulla base di generiche condizioni praticate sulla piazza sia per la capitalizzazione trimestrale degli interessi medesimi. Altre conseguenze dell indirizzo ora sostenuto sono che la banca non può mai sanare in maniera retroattiva gli effetti della clausola nulla e, per i contratti sorti prima della delibera Cicr, che per la disciplina della capitalizzazione trimestrale reciproca è necessaria un nuovo accordo negoziale tra le parti. Ancora, l affermazione netta delle Sezioni Unite sul divieto di anatocismo ha fatto ritenere non condivisibili le tesi, pur affermate dalla giurisprudenza di merito sulla legittimità della richiesta di pagamento degli interessi capitalizzati trimestralmente perché obbligazioni naturali (cfr. Cass, 84/2262) o ex art, 1831 c.c. (tesi per la quale l obbligo di corresponsione degli interessi trimestrali deriverebbe dalla disciplina della chiusura periodica del conto, chiusura che darebbe vita alla capitalizzazione periodica degli interessi nel senso che essi, subito dopo la riapertura del conto, diventerebbe automaticamente la prima posta creditoria, in conto capitale, del conto riaperto; si è obiettato che l art c.c, non è richiamato dall art c.c. per le operazioni bancarie in conto corrente, né del fatto che resta comunque ingiustificata ed incomprensibile la chiusura differenziata cliente/banca). Ritiene inoltre questo giudice che una volta affermata la nullità della capitalizzazione trimestrale la conseguenza sia che gli interessi non possano mai essere capitalizzati, stante il divieto dell anatocismo, salvo il caso in cui il rapporto contrattuale venga rinegoziato tra le parti, sulla regola della parità della capitalizzazione. La tesi della capitalizzazione annuale degli interessi, sostenuta fra l altro dalla banca convenuta si fonda sul conteggio annuale degli interessi previsto dall art, 1284 comma 1 c.c.: tale tesi non è condivisibile l annualità del calcolo degli interessi

10 non significa che dopo un anno gli interessi debbano essere liquidati e divengano capitale, a sua volta suscettibile di produrre interessi, perché, come hanno affermato le Sezioni Unite della Corte di Cassazione (sentenza 9653/0 1) il debito di interessi non perde mai tale natura e resta sempre soggetto ai limiti dell art, 1283 c.c. Secondo la tesi della banca invece, alla capitalizzazione trimestrale si sostituirebbe quella annuale, che è sempre vietata dall art c.c.; né il divieto dell art cc, è superabile solo per la realizzata parità fra interessi attivi e passivi, parità che comunque costituisce un fatto neutro che non esclude la sussistenza della capitalizzazione e non vale a sanare la mancanza di un uso derogatorio ovvero di una specifica norma di legge autorizzante il superamento dei limiti dell art, 1283 c.c. (tale norma di legge si è avuta solo dopo, appunto con l art, 25 comma 2 D.Lgs. 432/99 e la Delibera attuativa CICR). Inoltre, a differenza di quanto sostenuto dalla banca, la mancata contestazione degli estratti conto inviati al cliente non sana le nullità rilevate, perché le decadenze fissate dagli art, 1832 c.c. e 119 TUB si riferiscono solo ad errori contabili e non riguardano eventuali invalidità delle operazioni negoziali poste a fondamento delle appostazioni contabili (Cass. 06/10376, 01/10129 e 96/1978). Ovviamente, la nullità della clausola che prevede la capitalizzazione degli interessi trimestrali non determina che alla banca non spetti alcun interesse: il criterio di calcolo degli interessi è il seguente. L attore è tenuto a pagare alla banca gli interessi calcolati secondo il tasso legale annuale ex art c.c., se il rapporto giuridico come nel caso in esame - è sorto prima dell entrata in vigore della legge sulla trasparenza (luglio 1992), o ex art. 117 tub solo ove il rapporto giuridico sia sorto successivamente alla data indicata o in base ad una nuova disposizione contrattuale concordata da entrambe le parti ove risulti prodotta. Nel caso in esame, dalla c.t.u, emerge che il contratto di conto corrente XXXX è stato aperto in data ed è da considerarsi chiuso in data , allorché l istituto di credito aveva posto in sofferenza il conto corrente. Emerge ancora che la capitalizzazione degli interessi trimestrali è avvenuta effettivamente, con applicazione, illecita, del cd. anatocismo.

11 Deve ancora rilevarsi che il c.t.u. non ha avuto a sua disposizione, perché non prodotta dalle parti, la documentazione relativa ad alcuni periodi (dal al primo trimestre 91; al terzo e quarto trimestre 91; al primo trimestre 93; al quarto trimestre 94; al quarto trimestre 95). Orbene, tenuto conto che le parti hanno ciascuna presentato una domanda, tale mancanza di prova non può che riverberarsi a carico delle stesse parti, non potendo essere presi in considerazione in maniera analitica i periodi prima indicati ai fini della ricostruzione delle partite di dare avere. Inoltre, deve rilevarsi che, dichiarata la nullità delle clausole di capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi e delle clausole di massimo scoperto, non può procedersi ad una condanna alla restituzione delle somme, che non risultano essere state corrisposte. In ogni caso, deve rilevarsi che attraverso la c.t.u. si è determinato il saldo passivo effettivo del capitale, quello cioè risultante dalla epurazione della capitalizzazione trimestrale degli interessi e delle commissioni di massimo scoperto; tale saldo passio è stato determinato dal c.t.u., in base alle tabelle di calcolo, in lire (cfr. la c.t.u. nel quesito 2 e la tabella allegata sub a in fine; pari ad euro ,30). Quanto alla somma dovuta dall attore a titolo di interesse, occorre distinguere due periodi. Il primo periodo è quello che va dal momento in cui sono stati forniti elementi di prova e di ricostruzione e di valutazione al c.t.u. e quindi al giudice fino al secondo trimestre del 1997, per il quale devono applicarsi, come indicato anche dal c.t.u., gli interessi legali. Per il periodo successivo il c.t.u. ha determinato anche il tasso effettivo globale applicato dalla banca ed ha accertato che, salvo che per il secondo trimestre del 1997, la banca ha applicato dal terzo trimestre 1997 e fino al secondo trimestre del 2000, tassi effettivi globali superiori ai cd. tassi soglia. Va preliminarmente rilevato che nel caso in esame trova applicazione la disciplina dei cd tassi soglia perché il contratto, pur essendo stato stipulato prima dell entrata

12 in vigore della legge 108/96, prevedeva la determinazione del tasso di interesse secondo gli usi su piazza, con una clausola dunque nulla per inosservanza del combinato disposto degli artt comma 3 e 1346 c.c.: tale clausola rende non determinabile l oggetto della pattuizione, ossia la misura degli interessi passivi, per mancanza di criteri certi, univoci e predeterminati di individuazione delle condizioni abitualmente praticate sulla piazza (così la più recente giurisprudenza, tra cui vedi ad esempio Cass. 03/14684 e 02/13823), Si tratta di una nullità, fra l altro, esplicitamente eccepita dall attore. Pertanto, di fatto, la banca determinava unilateralmente le condizioni di applicazione dei tassi di interesse, volta per volta, potendoli modificare unilateralmente sicchè, novando il rapporto sull entità del tasso di interesse, gli interessi stessi divengono convenuti nell epoca di entrata in vigore della legge 108/96 (ed in particolare dopo l entrata in vigore del primo DM attuativo, il DM pubblicato nella GU n. 76). Tale interpretazione è preferibile rispetto a quella sostenuta dalla banca convenuta, perché essendo del tutto indeterminato il contratto quanto al tasso di interesse, per effetto del riferimento agli usi su piazza è avvenuta una determinazione unilaterale del tasso di interesse, e quindi una nuova convenzione, imposta all attore, dell entità del tasso di interesse, non originariamente prevista. Dunque, pur in presenza di un contratto stipulato prima dell entrata in vigore della legge 108/96, la determinazione del tasso di interesse unilaterale della banca, che operi anche le variazioni quantitative, fa si che il tasso sia convenuto all atto della comunicazione della variazione o della sua concreta applicazione, sicchè se ciò sia avvenuto nell epoca di entrata in vigore della legge 108/96 si rientra nell ambito di applicabilità dell art, 1 comma i del D.L. 29 dicembre 2000, n. 394, convertito, con modificazioni, nella L. 28 febbraio 2001, n. 24, secondo il quale ai fini dell applicazione dell art. 644 c.p. e dell art c.c., comma 2, si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, a qualunque titolo, indipendentemente dal momento del loro pagamento.

13 Deve dunque ritenersi che la banca abbia applicato tassi di interesse usurari. Le prime conseguenze giuridiche di tale comportamento della banca di applicazione di tassi di interesse usurari sono la nullità della clausola di applicazione degli interessi e, soprattutto la non debenza di alcun interesse (art comma 2 c.c.) per tale periodo. Pertanto, per determinare la somma dovuta a titolo di interesse passivo dall attore XXXX, possono essere prese in considerazione solo le somme calcolate dal c.t.u. dal secondo trimestre del 1991 fino al secondo trimestre del 1997, con applicazione corretta, come detto, del tasso legale. I periodi che devono essere presi in considerazione sono i seguenti: 2 TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE O% TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE %

14 2 TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % TRIMESTRE % totale Dunque, gli interessi che l attore XXXX che è tenuto a corrispondere applicando i criteri legali assommano a lire (pari ad euro 5.518,86). Pertanto, tenuto conto che la banca ha proposto domanda riconvenzionale per il saldo passivo del c/c n. XXXX, l attore XXXX deve essere condannato a corrispondere alla banca la somma di lire ,831 (pari ad euro ,30) quale sorta capitale e lire (pari ad euro 5.518,86) quali interessi legali, per complessive lire , pari ad euro ,16. Trattandosi di debito di valuta, sulla sorte capitale decorrono gli interessi legali dalla domanda giudiziale. Va rigettata la domanda relativa alla nullità del contratto di fideiussione del , sottoscritto dalla attrice ZZZZ perché infondata in fatto. Dall analisi del contratto, come correttamente sostenuto dalla banca convenuta, emerge infatti che la fideiussione prestata da ZZZZ aveva il limite di lire 58,500,000 (pari ad euro ,73).

15 La domanda di risarcimento del danno non può essere accolta per le considerazioni che seguono. Va in primo luogo osservato che il complesso e controverso iter giurisprudenziale e normativo in tema di capitalizzazione degli interessi legali e clausole di massimo scoperto già induce ad escludere la sussistenza di un comportamento in mala fede della banca, posto che tali clausole erano state riconosciute anche valide ed operanti prima degli indirizzi più restrittivi della giurisprudenza. Quanto al danno subito dalla applicazione degli interessi usurari, esso risulta in parte mitigato dalla eliminazione dell obbligo di pagare le somme non dovute. Per il resto gli attori non hanno dato prova dell aver subito un danno diverso ed ulteriore, concretamente monetizzabile dal giudice. Infine, l applicazione dei tassi di interessi usurari non coincide con la concretizzazione della fattispecie penale, che impone la sussistenza del dolo, laddove la stessa applicabilità dei tassi di interesse usurai ai rapporti sorti prima della legge 108/96 è stata alquanto controversa, tanto da richiedere l intervento del legislatore con una interpretazione autentica con indirizzi giurisprudenziali divergenti. Tenuto conto della particolare natura della questione e della soccombenza reciproca, sussistono giustificati motivi per dichiarare interamente compensate tra le parti le spese di giustizia; spese nelle quali rientrano anche quelle di c.t.u. P.Q.M. Il Tribunale di Perugia, definitivamente pronunciando sull azione proposta, con citazione notificata il %%%%, da XXXX e ZZZZ nei confronti di Banca YYYY (alla quale poi succedeva nel rapporto giuridico la QQQQ Banca S.p.a.) in persona del legale rappresentante pro tempore, nel contraddittorio tra le parti, contrariis reiectis, così provvede: a) In parziale accoglimento della domanda, dichiara la nullità delle clausole di capitalizzazione trimestrale ed unilaterale degli interessi trimestrali e della clausola di massimo scoperto;

16 b) Dichiara non dovuti, perché superiori al tasso di interesse usuraio, i tassi convenuti ed applicati a partire dal terzo trimestre 1997 e fino al secondo trimestre del 2000; c) Rigetta le altre domande degli attori. d) In accoglimento parziale della domanda riconvenzionale del convenuto, condanna XXXX e ZZZZ, quale fideiussore e nei limiti della somma di lire (pari ad euro ,73), a pagare a Banca YYYY (alla quale poi succedeva nel rapporto giuridico la QQQQ Banca S.p.a.) in persona del legale rappresentante pro tempore, la somma di lire (pari ad euro ,30) quale sorta capitale e lire (pari ad euro 5.518,86) quali interessi legali, per complessive lire , pari ad euro ,16, oltre gli interessi legali dalla domanda giudiziale sulla sorte capitale; e) dichiara interamente compensate tra le parti le spese del procedimento. Manda alla cancelleria per gli adempimenti di competenza. Perugia, deciso il 19 ottobre IL GIUDICE

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

L anatocismo in materia bancaria: nullità delle clausole di capitalizzazione trimestrale degli interessi e della commissione di massimo scoperto

L anatocismo in materia bancaria: nullità delle clausole di capitalizzazione trimestrale degli interessi e della commissione di massimo scoperto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Decisione N. 77 del 10 gennaio 2014

Decisione N. 77 del 10 gennaio 2014 IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente del Collegio ABF di Roma Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente del Collegio ABF di Milano Presidente Membro effettivo

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo

La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo Dott. Adalciso Bruzzone La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo Dr. Adalciso Bruzzone Quadro Direttivo

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli