Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri"

Transcript

1 Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri LA NOTA Monitoraggio sulla legislazione, la giurisprudenza, le disposizioni fiscali e previdenziali, gli indicatori economici attinenti la professione degli ingegneri 1 15 aprile 2008 Roma, aprile 2008

2 1 15 APRILE 2008 Riforma degli ordini professionali Promossi in tre: geometri, periti industriali e psicologi. Bocciati, benché in via transitoria, in 11, in particolare architetti e ingegneri, avvocati e geologi. Non hanno ancora aperto appieno nei loro codici deontologici, le porte alla pubblicità, specie comparativa (solo i geometri la prevedono); e non hanno ancora abbassato le tariffe consentendo di scendere sotto la soglia minima, come la Legge Bersani impone. A più di un anno dalla data ultima consentita per l'applicazione, il primo gennaio 2007, della legge Bersani 248 sulle liberalizzazioni, è questo il primo verdetto, parziale, dell'antitrust sugli Ordini professionali. «A oggi, si sono adeguati alla legge meno del 30% dei 14 ordini professionali e collegi esaminati - dice Giuseppe Galasso, responsabile Direzione industria e servizi dell'autorità guidata da Antonio Catricalà, anticipando i risultati parziali dell'indagine conoscitiva avviata nel gennaio 2007 che dovrebbe essere chiusa per giugno - Permane una concorrenza insufficiente in relazione ai punti essenziali dell'esercizio delle professioni. I prezzi delle prestazioni sono ancora legati a parametri definiti e si nota una chiusura alla modernizzazione organizzativa». Le accuse lanciate da Antonio Catricalà all immobilismo e alla resistenza ai cambiamenti culturali di categorie come avvocati, ingegneri e architetti hanno scatenato dure reazioni dagli Ordini. Da ultimo, hanno preso parola gli ingegneri guidati da Paolo Stefanelli, che ha definito le affermazioni del garante completamente estranee alla realtà professionale degli ingegneri italiani che svolgono un ruolo centrale nello sviluppo tecnologico ed economico e nella competitività del nostro paese. Sullo stesso tema, Italia Oggi di martedì 15 aprile, pubblica una intervista, sempre, a Paolo Stefanelli dal titolo Ingegneri, nessuna barriera all accesso. La Commissione europea stringe il cerchio e aumenta la pressione sull'italia, affinché faccia cadere i tetti sulle tariffe massime imposte agli avvocati. Il commissario al Mercato interno, Charlie McCreevy ha inviato un parere motivato a Roma, secondo stadio della procedura d'infrazione, per l'esistenza di tariffe forensi massime obbligatorie anche in campi, come il diritto commerciale o societario, nei quali non sono giustificate dall'esigenza di garantire il diritto dei cittadini alla difesa. Se l'italia non farà cadere i tetti esistenti entro due mesi, scatterà il deferimento alla Corte di Giustizia europea. L'intervento di Bruxelles, avviato con una lettera dimessa in 2

3 mora anticipata dal Sole 24 Ore del 23 marzo scorso, è volto soprattutto a eliminare vincoli ingiustificati all'attività sul mercato italiano di grandi studi legali stranieri. E a tutelare perciò anche il diritto di imprese o professionisti italiani di rivolgersi a law firms di altri Paesi europei, qualora lo ritengano più opportuno a prescindere dagli alti onorari. Sempre sul tema delle tariffe si segnala l articolo pubblicato dal Financial Times il 18 aprile dal titolo Uno studio legale britannico criticato per una tariffa da 6,2 milioni di euro. Il divieto di pubblicità per i professionisti non è una violazione della normativa comunitaria antitrust. A condizione che sia fissato dallo Stato e non da operatori privati o da associazioni d'imprese. Con la sentenza depositata il 13 marzo scorso (causa C-446/85), la Corte di giustizia delle Comunità europee "blinda" le leggi interne che limitano la pubblicità ai liberi professionisti e applica, per la prima volta anche in questo settore, il principio affermato in diverse sentenze, nelle quali la Corte ha riconosciuto, con riferimento alle tariffe minime e massime, che non c'è una violazione delle regole di concorrenza se interviene un organo dello Stato a stabilire le tariffe per le prestazioni professionali. L'intervento statale e il carattere pubblico della normativa mettono al riparo anche le restrizioni in materia di pubblicità perché, chiarisce la Corte di giustizia, non si può equiparare una legge a una decisione di un'associazione di imprese o a una pratica concordata, queste sì vietate dal diritto comunitario, in grado di falsare il gioco della concorrenza all'interno del mercato comune. 3

4 1 15 APRILE 2008 Legislazione sui lavori pubblici, appalti e opere pubbliche, SOA, edilizia e urbanistica, Norme tecniche per le costruzioni, sicurezza sul lavoro, incarichi pubblica amministrazione, previdenza professionisti, studi di settore, ricerca e innovazione, mercato del lavoro, formazione continua avvocati Per quanto riguarda la legislazione sui lavori pubblici: la disciplina sulla responsabilità solidale delle aziende in regime di appalto e/o subappalto, delineata dal Dl 223/06, sta per diventare operativa. Infatti, il decreto 25 febbraio che regolamenta i controlli dell'appaltatore sul subappaltatore è stato firmato dai ministri dell'economia e del Lavoro: la disciplina entrerà in vigore 60 giorni dopo la pubblicazione sulla «Gazzetta Ufficiale». Il decreto muove dall'articolo 35, commi da 28 a 33 del Dl 223/06 (convertito dalla legge 248/06), che ha modificato la materia degli appalti e subappalti. Le novità riguardano: la responsabilità solidale per il versamento di ritenute fiscali sui redditi da lavoro dipendente e di premi assicurativi (oltre ai contributi previdenziali, già previsti da norme precedenti); la possibilità di interrompere la responsabilità solidale sulle ritenute contributive e fiscali nell'ipotesi in cui vengano effettuati particolari controlli da parte dell'appaltatore. La norma non vale per il committente, che può essere destinatario solo di una sanzione amministrativa. Il decreto 25 febbraio definisce, appunto, i controlli per interrompere la responsabilità solidale; c è ancora incertezza in Campania sulla disciplina che regola gli appalti, i servizi e le forniture, cioè la legge regionale 3/2007. La Regione brancola nel buio dopo che il Consiglio dei ministri ha deciso, il 19 marzo scorso, di impugnare di fronte alla Corte costituzionale alcune delle norme di modifica del testo unico campano, contenute nell'articolo 27 della legge regionale 4

5 1/2008. «Allo stato non c'è ancora alcuna decisione su come procedere - spiega Maria Buono, dirigente del settore legislativo e dell'osservatorio pronunce giurisdizionali in materia legislativa della Campania». «Stiamo valutando la fondatezza dell'impugnativa del- Governo» - prosegue Due i percorsi possibili. Il primo è di predisporre un disegno di legge che modifichi le norme contestate, da portare in Consiglio regionale per l'approvazione e, nell'attesa, comunicare al Governo che questa è la strada intrapresa. L'alternativa è di insistere nel giudizio facendo opposizione all'impugnativa ; nel campo dei lavori pubblici la società di progetto che sia aggiudicataria di un appalto concesso in project financing, anche se fa eseguire i lavori dai soci o da terzi tramite un consorzio ad hoc, non è soggetta al regime del cosiddetto reverse charge. Questo è l'indirizzo e- mergente dalla recente risoluzione ministeriale del 18 marzo 2008, n. 101/E, dell'agenzia delle entrate, direzione normativa e contenzioso, che in risposta all'interpello presentato da una società di progetto, aggiudicataria di un contratto di concessione avente a oggetto la progettazione e l'esecuzione dei lavori di completamento di un complesso ospedaliero, ha escluso tale fattispecie dall'applicazione dell'articolo 17, comma 6, lettera a, del dpr 26 ottobre 1972, n. 633, che impone appunto il meccanismo dell'inversione contabile; l'elaborazione del piano paesaggistico dovrà essere il frutto di un lavoro comune, di una concertazione, o meglio di una copianificazione tra lo Stato e la singola Regione. Ma l'ultima parola spetta sempre allo Stato. Lo ha detto a chiare lettere la Corte costituzionale nella sentenza 367/2007 e lo ha chiaramente recepito anche il nuovo Codice Urbani, giunto alla sua terza riscrittura, nelle modifiche alla parte terza; in una gara di appalto le referenze del concorrente non possono essere valutate in sede di offerta. È quanto ha 5

6 stabilito il Consiglio di Stato con la sentenza della quinta sezione del 4 marzo 2008 n. 912 in una vicenda in cui una stazione appaltante aveva previsto, fra gli e- lementi di valutazione delle offerte di un appalto da aggiudicare con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, alcuni elementi che facevano riferimento a profili che il ricorrente aveva ritenuto di carattere soggettivo e non oggettivo. Per quanto riguarda gli appalti e le opere pubbliche: per realizzare un'opera pubblica di valore superiore ai 50 milioni di euro nel settore dei trasporti ci vogliono in Italia mediamente giorni, quasi 11 anni (10 anni, 9 mesi e 15 giorni). Per la progettazione se ne vanno in media giorni (3 anni e 4 mesi), per l'appalto (gara e aggiudicazione) 365 giorni (un anno preciso), mentre per realizzare materialmente l'opera occorrono giorni, sei anni e mezzo. I tempi migliorano invece per le opere medie, 7 anni, due mesi e 15 giorni per quelle tra 10 e 50 milioni di euro, e per quelle piccole, 4 anni e mezzo per quelle tra 5 e 10 milioni. Per quasi tutte, comunque, emerge una pressoché sistematico sforamento delle previsioni temporali iniziali, in media del 30-40%. I dati emergono dallo studio «I tempi di attuazione delle opere pubbliche» elaborato dal Dipartimento politiche di sviluppo (Dps) del Ministero dello Sviluppo Economico. È la prima volta che lo studio viene realizzato dal Dipartimento sviluppo (che fino a metà 2007 faceva capo al ministero dell'economia), e soprattutto è la prima volta che un'indagine sulle opere pubbliche riguarda 14 mila casi e non un campione ristretto è la Spagna il paese europeo che ha raggiunto negli ultimi 10 anni performance straordinarie nella costruzione di opere pubbliche. In 36 mesi sono stati realizzati 56 km della linea Metrosud della metropolitana di Madrid, con 8 stazioni di interscambio e 28 stazioni ordinarie. La Germania non è da meno, così come Francia 6

7 e Gran Bretagna. Sono la completezza e la precisione della progettazione, la rapidità e l efficienza nella esecuzione dei lavori, a connotare il successo di questi paesi, come dimostra anche uno studio pubblicato dall Oice, curato da Claudio Rangone e Daniel Raccah; dal 2004 ad oggi i costi delle reti di trasporto transeuropee (Ten), perlomeno per quanto riguarda i 30 progetti prioritari, sono lievitati mediamente dell'11,6% passando da 340 a 379 miliardi di euro. Rispetto alle tabelle di marcia originarie, i tempi di realizzazione si sono allungati del 21%. «Sono aumenti fisiologici e non patologici, riflettono la fase di maturazione dei progetti» commenta Paolo Costa, il presidente della commissione Trasporti dell'europarlamento; primo trimestre del 2008 positivo per il valore delle gare di ingegneria e architettura, che però calano del 30% nel loro numero rispetto al pruno trimestre del 2007 e registrano ribassi sempre maggiori; preoccupazioni dell'oice, l'associazione delle società di ingegneria e architettura, per l'incertezza normativa dovuta al mancato varo del regolamento del Codice e alla procedura di infrazione della Commissione europea. E quanto si desume dai dati diffusi ieri dall'osservatorio Oice/Informatel di marzo, che evidenzia un confronto con il primo trimestre 2007 positivo per il valore complessivo posto a base d'asta pari al 34,5%, ma con un calo del numero dei bandi del 29,4%; più risorse alle infrastrutture, per colmare il gap con la media europea. Procedure più snelle per approvare le opere. Un fisco più orientato allo sviluppo nel settore dell'edilizia. Ma anche nuovi meccanismi per premiare le imprese "virtuose" nei lavori pubblici e per favorirne la crescita dimensionale. Con un ricco elenco di temi e proposte l'associazione dei costruttori edili (Ance) si è presentata al candidato premier del Pd, Walter Veltroni, per un faccia a faccia, pubblico, con i vertici associativi, nella sede nazionale di Roma. Poi è stata la vol- 7

8 ta del candidato del Pdl, Silvio Berlusconi, seguito da Pierferdinando Casini, candidato dell'udc. È la prima volta che l'ance riesce a mettere uno dietro l'altro i principali candidati premier alle politiche. Un'occasione dovuta sia al peso oggettivo dell'edilizia (150 miliardi di euro), sia al rilievo che infrastrutture e politiche per la casa rivestono nei programmi elettorali. L'Ance fa notare che nel periodo l'italia ha investito nelle infrastrutture circa un punto di Pil in meno della media europea, il 2% contro il 2,9%. Ciò significa - spiega l'ance - che «il nostro Paese, solo per allinearsi, avrebbe dovuto investire circa 12 miliardi di euro in più all'anno negli ultimi dieci anni, rispetto a quanto realmente speso» (circa 27 miliardi l'anno). L'associazione propone allora di «destinare maggiori risorse alle infrastrutture», comprimendo la spesa corrente nel bilancio pubblico. Si propone anche di trovare una nuova procedura che valorizzi il project financing, dopo l'abolizione della prelazione al promotore. Per quanto riguarda le Soa: un organismo di attestazione Soa può anche svolgere attività di certificazione della qualità aziendale, senza che ciò leda la sua indipendenza di giudizio. È quanto afferma il Tar del Lazio, sezione terza, con la sentenza 21 marzo 2008, n che annulla il provvedimento dell'autorità per la vigilanza sui contratti pubblici con il quale un anno fa, precisamente il 3 aprile 2007, era stato disposto il divieto per la Soa Rina spa. (partecipata al 99% da Rina spa, società che a sua volta svolge attività di certificazione della qualità aziendale) di e- sercizio congiunto delle attività di certificazione e attestazione nei confronti della stessa impresa (di costruzioni). Per quanto concerne edilizia ed urbanistica: le norme urbanistiche regionali varate prima del Testo Unico edilizia del 2001 e confliggenti con lo stesso Te- 8

9 sto unico, cedono il passo alla norma nazionale, ritenuta prevalente dall'adunanza plenaria del Consiglio di Stato che si è espressa con la decisione n. 2 depositata il 7 aprile. Sentenza che lascia aperti margini di discussione per quanto concerne le disposizioni regionali approvate successivamente al Dpr 380 del Sul punto il massimo consesso di Palazzo Spada ha preferito non esprimersi, ma non ha avuto dubbi sulla sorte della legge della Regione Lazio n. 24 del 1977, che prevedeva una validità quinquennale per le misure di salvaguardia, mentre il Testo unico edilizia fissa un termine triennale. Il contenzioso si era instaurato tra il Comune di Roma e una società di costruzioni che il 23 marzo 2006, tre anni e tre giorni dopo l'adozione del piano regolatore, aveva presentato una richiesta di permesso di costruire. Per quanto riguarda le Norme tecniche per le costruzioni: Italia Oggi di sabato 12 aprile 2008 ha pubblicato una lettera di Pietro Antonio de Paola, presidente del Consiglio nazionale dei geologi dal titolo Sicurezza a rischio con le nuove Norme tecniche. Nell intervento si illustrano le ragioni che hanno portato il Consiglio nazionale dei geologi nella seduta del 26 marzo 2008 ad impugnare dinanzi al competente Tar del Lazio, il D.m Norme tecniche per le costruzioni. Secondo i geologi le Norme tecniche hanno omesso, in più parti, fondamentali attività conoscitive delle caratteristiche geologiche delle aree interessate dalla costruzione di opere di ingegneria civile; dette conoscenze, che afferiscono la professionalità geologica, sono invece contemplate, sempre secondo i geologi, in tutte le altre precedenti normative tecniche. Tali omissioni assumono carattere di rilevante gravità, non solo per la categoria professionale dei geologi, in quanto estromessa da taluni ambiti della progettazione, sia pubblica che privata, ma anche per gli stessi progettisti, in quanto resi privi delle specifiche, fondamentali e insostituibili acquisizioni geologico-tecnico ambientali, con evidenti pregiudizi e danni degli interessi dell'intera collettività sotto il triplice profilo, economico, 9

10 della sicurezza e delle risorse naturali e ambientali. I citati pregiudizi economici e di sicurezza connessi con l'applicazione del testo delle nuove «Norme tecniche per le costruzioni», pubblicato sulla G.U. n. 29 del , derivano, secondo i geologi, anche da sostanziali difformità tra detto testo e quello approvato dall'assemblea generale del Consiglio superiore dei lavori con voto 74 reso nelle adunanze dei 13 e 27 luglio Le difformità rilevate tra i due testi sono oltre 220, di cui 70 sono modifiche sostanziali e significative (modifiche di parametri quantitativi afferenti strutture, verifiche, sicurezza), oltre 90 riguardano modifiche del testo e le restanti 60 circa sono modifiche redazionali e di ortografia. Tutte le sopra accennate modificazioni risultano apportate in fase di emanazione dal ministero delle Infrastrutture e, quindi, in patente violazione di legge ed eccesso di potere, da organo diverso da quello preposto dall'ordinamento per la redazione delle «Norme tecniche», quale l'assemblea generale del Consiglio superiore dei lavori pubblici, avente in sè le competenze scientifico-professionali adeguate e congrue per tale redazione. Inoltre, la difformità sostanziale tra il testo approvato dall'assemblea generale del Consiglio superiore dei lavori e quello pubblicato sulla G.U. n. 29 del comporta, secondo i geologi, anche gravi ed insanabili vizi di adozione dei provvedimento che invalidano lo stesso in toto inficiandolo di illegittimità radicale ed assoluta. Per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro: il Testo unico per la sicurezza e la salute sul lavoro taglia il traguardo. Il Consiglio dei ministri ha, infatti, approvato in via definitiva, il 1 aprile, il decreto legislativo che dà attuazione alla delega prevista dalla legge n. 123 del 2007 e che riordina, in parte innovandola anche profondamente, la legislazione in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro. A partire dal campo di applicazione: non più solo lavoratori dipendenti, ma anche autonomi e parasubordinati beneficeranno delle misure antinfortunistiche, in quale settore pubblico o privato prestino la loro attività. Modalità speciali 10

11 potranno essere individuate per l'applicazione della disciplina in alcuni settori della pubblica amministrazione (per esempio, forze di polizia, scuole e università o volontariato), così come regole ad hoc sono previste per alcune categorie di lavoratori. Per esempio, nei confronti dei collaboratori a progetto le misure di tutela si applicano quando la prestazione è svolta nei luoghi di lavoro del committente, mentre nel caso di lavoro accessorio non valgono per i piccoli lavori domestici a carattere straordinario. Sui datori di lavoro, come già previsto dal Dlgs n. 626/94, incombe l'obbligo di effettuare la valutazione dei rischi (il Testo unico concede tre mesi di tempo per adeguarsi alle nuove regole), a- dottare tutti i provvedimenti necessari per la loro eliminazione o riduzione, informare e formare i lavoratori; con il nuovo Testo unico della sicurezza cambiano i corsi per i coordinatori della sicurezza. La versione dei provvedimento varata lo scorso 1 aprile dal Consiglio dei ministri uniforma i percorsi formativi istituiti dall'articolo 10 del Dlgs 494/1996 e supplisce, quindi, al divario in termini di preparazione che scaturiva dalla difformità dei corsi precedenti. Se il monte ore complessivo risulta invariato, nell'allegato XIV al Testo u- nico vengono elencate con grande rigore, soprattutto rispetto alle scarne disposizioni della «494», le materie che saranno oggetto di insegnamento. Tra le innovazioni c'è l'introduzione dell'obbligo di svolgere attività pratica. In particolare, le 120 ore totali vengono distinte in 96 da dedicare alla teoria e le restanti 24 da impiegare in esercitazioni. Ma la novità principale è l'arrivo della verifica finale e dell'obbligo di aggiornamento quinquennale di 40 ore, che, secondo l'interpretazione corrente e in attesa di un chiarimento da parte del ministero del Lavoro, dovrebbe essere esteso anche ai coordinatori già abilitati. Per quanto riguarda gli incarichi professionali nella pubblica amministrazione: 11

12 i1 requisito della comprovata specializzazione universitaria non vincola gli enti di ricerca nel conferimento di incarichi. Questo perché l'articolo 51, comma 6 della legge n.449/1997 che detta regole specifiche per gli a- tenei e gli istituti di ricerca, prevale sulla norma di carattere generale contenuta nell'articolo 7, comma 6, del Testo unico sul pubblico impiego (Dlgs n.165/2001) così come modificato dalla Finanziaria Questa deroga però non esonera gli enti dal rispetto di tutti gli altri principi rigorosi imposti dalla manovra di bilancio. Su tutti l'obbligo di utilizzare e rendere pubbliche procedure comparative per il conferimento delle collaborazioni. Con il parere n.28/2008, dell 8 aprile 2008, firmato dal direttore dell'ufficio personale della pubblica amministrazione Francesco Verbaro, il dipartimento della Funzione pubblica è nuovamente tornato sulla spinosa questione dei requisiti per gli incarichi, ribadendo quanto già affermato nella circolare n.2 dell'11 marzo scorso e nel parere n.24 del 31 marzo. E cioè che nei settori disciplinati da leggi speciali (si pensi ai tanti giornalisti che lavorano nella p.a. e negli enti locali, ma anche, appunto, alle università e agli enti di ricerca) le amministrazioni non sono obbligate ad affidare collaborazioni (occasionali o coordinate e continuative), con contratti di lavoro autonomo, necessariamente a esperti di comprovata esperienza universitaria. Per quanto riguarda la previdenza professionisti: ora il documento di riordino della previdenza privata può essere considerato veramente un punto di partenza tecnico per la maggioranza che prenderà le redini del governo il 15 aprile. Così la soddisfazione di Maurizio De Tilla, presidente dell'associazione che riunisce le Casse dei professionisti (Adepp), dopo la condivisione di un memorandum che fornisce una serie di indicazioni per un modello di Welfare professionale che ne rispetti a pieno le peculiarità delle casse. Il documento che esce a doppia firma, Adepp e Ministero del 12

13 lavoro, è stato spedito anche al Ministero dell'economia per ottenerne l'adesione. Il memorandum riconosce, in modo chiaro e definitivo, la natura privata degli enti previdenziali, tracciandone il loro profilo di autonomia: lo Stato assume a tutti gli effetti il ruolo di regolatore e non di gestore o erogatore diretto dei servizi previdenziali. In concreto questo significherà che le circolari e gli atti ministeriali, adattandosi a questo nuovo principio, fisseranno regole compatibili e gli organi pubblici eserciteranno una funzione unicamente di controllo. Le Casse saranno escluse dall'elenco Istat delle amministrazioni pubbliche con la probabile istituzione di una sezione a parte. In concreto, questo significa autonomia gestionale e normativa nel concorrere a svolgere bene il ruolo di sistema previdenziale a vantaggio dei professionisti. Per quanto riguarda gli studi di settore: una nuova mappa territoriale, indicatori di normalità economica specifici per studio di settore, correttivi congiunturali per i settori manifatturieri in difficoltà. Sono queste le principali novità contenute nei decreti del 6 marzo 2008 del ministero dell'economia (pubblicati in supplemento straordinario alla «Gazzetta Ufficiale» n. 76 del 31 marzo 2008 ) con i quali sono stati varati i "misuratori" di congruità e coerenza dei dati indicati dai contribuenti alle prese con la tornata dichiarativa del 2008 sull'anno di imposta Nel questionario di quest'anno è stata prevista, poi, una complessiva semplificazione dei dati rilevanti che i contribuenti sono chiamati a indicare ai fini dell'applicazione degli studi. Quella fornita con Gerico 2008 è una mappa dell'italia completamente rinnovata, con molti cambiamenti a favore dei contribuenti con la revisione al ribasso dell'indice di ricchezza di molti comuni. Per quanto riguarda la ricerca e l innovazione: 13

14 pochi soldi in più, ma subito, e ben mirati. Bastano 100 milioni di euro l'anno al Cnr, 500 «al complesso della ricerca italiana». Per avviare il riscatto, frenare la fuga dei cervelli «che continuano i vincere i concorsi internazionali, un po' perché sono costretti ad andarsene, ma soprattutto perché sono bravi». Non serve molto per il rilancio della dissanguata ricerca italiana. «Diamo un segnale. I risultati verranno. Poi rafforzeremo la strategia». Questo è quanto richiesto al Governo che verrà da parte di Luciano Maiani, neopresidente del Cnr e già direttore del Cern. Per quanto concerne il mercato del lavoro: tempi brevi per l'arrivo della blue card europea, il superpermesso per immigrati laureati o specializzati assunti da imprese comunitarie disposte a pagare loro stipendi almeno tripli rispetto a quanto percepito nel paese d origine. L iter di approvazione della direttiva in materia procede infatti spedito, e il provvedimento, proposto dalla Commissione nell'ottobre dello scorso anno, dovrebbe essere approvato entro il 2008 dal Parlamento di Strasburgo. La versione europea della green card americana riguarderà in particolare quattro categorie di lavoratori da privilegiare sia per l'ingresso che per l'integrazione: i lavoratori "altamente qualificati", che avranno diritto per primi alla blue card, i lavoratori stagionali e gli stagisti remunerati, seguiti infine dai lavoratori distaccati all'estero. L'ambizione dichiarata dell'unione europea è quella di correggere la tendenza che oggi fa preferire ai "cervelli" dei paesi in via di sviluppo le offerte più allettanti di Stati Uniti, Canada e Australia. A oggi gli immigrati altamente qualificati dell'unione europea, a cominciare dagli ingegneri, non superano lo 0,9% dei lavoratori, contro il 3,5% degli Stati Uniti, il 7,3% del Canada e il 9,9% dell'australia. Per quanto riguarda la formazione continua degli avvocati: 14

15 oltre duemila avvocati a lezione di diritti fondamentali per garantirne una adeguata difesa soprattutto presso le Corti europee, imparando regole e procedure. Si apre a Roma il III congresso di aggiornamento forense, con il quale il Consiglio nazionale forense inaugura il sistema della formazione continua degli avvocati. «L'Europa offre sempre maggiori spazi professionali agli avvocati- spiega il presidente del Consiglio nazionale forense, Guido Alpa - per perorare le cause dei loro assistiti. Basti pensare alla possibilità di presentare ricorsi diretti alla Corte europea dei diritti dell'uomo, che continua a condannare l'italia per la lungaggine dei processi»; boccata d'ossigeno per il Consiglio nazionale forense, che strappa una parziale vittoria davanti al Tar Lazio sul regolamento per la formazione continua. Che continua a restare in vigore malgrado sia stata presentata una richiesta di sospensiva da parte di alcuni legali che ne contestano l'impianto e hanno presentato un ricorso per l'annullamento degli atti di adozione del provvedimento. Il presidente del Tar Lazio, che ha preso atto di una successiva richiesta della difesa degli stessi ricorrenti, ha ritenuto di riunire al merito l'istanza cautelare e ha anticipato che la trattazione verrà presumibilmente fissata non prima del 2009, senza però indicare ancora una data precisa. Resta così operativo l'obbligo deontologico per tutti gli avvocati iscritti all'albo di mantenere e migliorare la propria preparazione professionale, curandone l'aggiornamento e partecipando alle attività di formazione professionale. Ogni avvocato dovrà partecipare agli eventi di formazione conseguendo nel corso del triennio almeno 90 crediti formativi (di cui almeno 20 in ogni singolo anno) che saranno attribuiti nel numero di uno per ciascuna ora di partecipazione (con limite massimo di 24 crediti per ciascun evento formativo). Le materie sono libere, ma ogni legale deve assicurare almeno 15 crediti formativi nel triennio dedicati ad avvenimenti con oggetto l'ordinamento professionale, previdenziale e la deontologia. 15

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Michele Lapenna Consigliere Tesoriere Consiglio Nazionale Ingegneri 1 LA GENESI DELLA RIFORMA

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il Revisori dei conti degli enti locali: Il TAR Lazio ritiene legittima la nuova procedura di estrazione a sorte degli iscritti negli elenchi regionali di cui al decreto del Ministero dell interno 23/2012.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI PRESSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (Gazzetta Ufficiale n. 53 del 5 marzo 2007) Regolamento per la formazione continua SOMMARIO Introduzione Pagina 3 Titolo I Disposizioni generali

Dettagli

AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO D: In che cosa consiste l aggiornamento professionale obbligatorio? R: Il primo comma dell art. 7 del DPR 137/2012 stabilisce che al fine di garantire la

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico.

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico. Pag. 142-143 Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008. Testo del decreto-legge Testo del decreto-legge comprendente

Dettagli

Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore. Nota Circolare UPPA n. 01/08. Roma, lì 8 Gennaio 2008

Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore. Nota Circolare UPPA n. 01/08. Roma, lì 8 Gennaio 2008 Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore Nota Circolare UPPA n. 01/08, lì 8 Gennaio 2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011 UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra Bari, 9 settembre 2011 1 RIFORMA PROFESSIONI LIBERALIZZARE o DEREGOLAMENTARE? Liberalizzare:

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI Decreto Legislativo n. 50 del 18 aprile 2016

IL NUOVO CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI Decreto Legislativo n. 50 del 18 aprile 2016 IL NUOVO CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI Decreto Legislativo n. 50 del 18 aprile 2016 (pubblicato in G.U. il 19/04/2016) LA QUALIFICAZIONE DEGLI OPERATORI ECONOMICI Art. 83 Criteri di selezione I criteri

Dettagli

Le novità in materia di verifica delle offerte anomale nei pubblici appalti alla luce del recente decreto anticrisi.

Le novità in materia di verifica delle offerte anomale nei pubblici appalti alla luce del recente decreto anticrisi. Le novità in materia di verifica delle offerte anomale nei pubblici appalti alla luce del recente decreto anticrisi. di Stefano Cresta* Il delicato tema delle c.d. offerte anomale e, in particolare il

Dettagli

Le fasi operative nell'esperimento di gare di appalto di lavori, servizi e forniture secondo il Codice dei contratti pubblici

Le fasi operative nell'esperimento di gare di appalto di lavori, servizi e forniture secondo il Codice dei contratti pubblici Appalti pubblici Le fasi operative nell'esperimento di gare di appalto di lavori, servizi e forniture secondo il Codice dei contratti pubblici Questo contributo ha la finalità di illustrare, in modo sistematico

Dettagli

Conferenza Nazionale degli Ordini

Conferenza Nazionale degli Ordini Conferenza Nazionale degli Ordini Definizione di un nuovo quadro normativo per il settore dei lavori pubblici, in recepimento della direttiva 2014/24/UE Consiglio Nazionale Consiglio dell Ordine Nazionale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BANDO DI GARA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BANDO DI GARA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO - I.1) Denominazione: Università degli Studi di Milano, Divisione

Dettagli

ASSESSORATO AL LAVORO. Legge regionale. Disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e qualità del lavoro

ASSESSORATO AL LAVORO. Legge regionale. Disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e qualità del lavoro ASSESSORATO AL LAVORO Legge regionale Disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e qualità del lavoro 1 Art. 1 (Principi e finalità) 1. La Regione esercita le competenze legislative previste

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA

CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA PER LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI SUGLI APPALTI PUBBLICI DI SERVIZI E FORNITURE NELL AMBITO ICT

Dettagli

NEWS/CIRCOLARI/NORMATIVA/INTERPELLI

NEWS/CIRCOLARI/NORMATIVA/INTERPELLI Roma, 1 luglio 2015 Alle ASSOCIAZIONI ADERENTI LORO SEDI OGGETTO: NEWSLETTER GIUSLAVORISTICA NEWS/CIRCOLARI/NORMATIVA/INTERPELLI INAIL: dal 1 luglio operativo il servizio Durc On Line L INAIL, con la circolare

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LAGONEGRO CIRCOLARE ATTUATIVA E INTERPRETATIVA DEL NUOVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LAGONEGRO CIRCOLARE ATTUATIVA E INTERPRETATIVA DEL NUOVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LAGONEGRO CIRCOLARE ATTUATIVA E INTERPRETATIVA DEL NUOVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE approvata dal Consiglio dell Ordine

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 21.10.2008 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1285/2007, presentata da Giovanni Maria Turra, cittadino italiano, a nome della Società Centro

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 13/04/2012

Direzione Centrale Entrate. Roma, 13/04/2012 Direzione Centrale Entrate Roma, 13/04/2012 Circolare n. 54 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione News per i Clienti dello studio del 6 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Pagina 1 di 5

AVVISO PUBBLICO. Pagina 1 di 5 AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI A CUI ATTINGERE PER L INVITO NELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO DI CONTRATTI PUBBLICI, CON PROCEDURA NEGOZIATA O IN ECONOMIA, RELATIVI A LAVORI,

Dettagli

UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI

UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI CIRCOLARE INTERPRETATIVA E ATTUATIVA DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE TRIENNIO 2008-2010 approvata dall'unione Lombarda dei Consigli dell'ordine degli Avvocati

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO. In attuazione dell art.7 del D.P.R. 7 agosto 2012 n.137 Formazione Continua

REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO. In attuazione dell art.7 del D.P.R. 7 agosto 2012 n.137 Formazione Continua INTRODUZIONE 1 Il D,P.R. 7 agosto 2012, art.7, comma 1 riporta come: Al fine di garantire la qualita' ed efficienza della prestazione professionale, nel migliore interesse dell'utente e della collettivita',

Dettagli

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro)

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro) Schema di disegno di legge recante: Delega al Governo per l emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto

Dettagli

Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento

Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento Questo articolo prende in esame il nuovo assetto normativo che regola la determinazione dei compensi professionali,

Dettagli

LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI PER GLI ENTI LOCALI DEL DECRETO LEGGE DI SEMPLIFICAZIONE (N. 5/2012) di Arturo Bianco

LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI PER GLI ENTI LOCALI DEL DECRETO LEGGE DI SEMPLIFICAZIONE (N. 5/2012) di Arturo Bianco LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI PER GLI ENTI LOCALI DEL DECRETO LEGGE DI SEMPLIFICAZIONE (N. 5/2012) di Arturo Bianco Articolo 1 Articolo 2 La conclusione dei procedimenti Asseverazione della SCIA Articolo

Dettagli

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER IL PAESAGGIO (art. 81 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 e art. 148 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 D.G.R. n. VIII/7977 del 6 agosto 2008 e D.G.R. n. VIII/8139 del

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Formazione professionale continua FAQ

Formazione professionale continua FAQ Formazione professionale continua FAQ 1) In cosa consiste la formazione professionale obbligatoria? L art. 7 del DPR 137/2012 e l art. 5 del Regolamento per l'aggiornamento e sviluppo professionale continuo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2686 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca (MORATTI)

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Quando nel 2004, come CNVVF siamo stati chiamati a partecipare alla stesura del Testo Unitario

Dettagli

CONTROLLI FISCALI PER LE PA PER PAGAMENTI SUPERIORI A 10.000 EURO

CONTROLLI FISCALI PER LE PA PER PAGAMENTI SUPERIORI A 10.000 EURO CONTROLLI FISCALI PER LE PA PER PAGAMENTI SUPERIORI A 10.000 EURO - a cura Federico Gavioli - Il Collegato alla legge Finanziaria per il 2007 ha introdotto importanti novità in materia di controlli fiscali

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

Ferie, rimborsabilità solo a fine rapporto; indennità per riposo non goduto alla risoluzione del contratto

Ferie, rimborsabilità solo a fine rapporto; indennità per riposo non goduto alla risoluzione del contratto Il principio fissato dal dlgs n. 66/03 sull'orario di lavoro Ferie, rimborsabilità solo a fine rapporto; indennità per riposo non goduto alla risoluzione del contratto Il periodo di ferie non godute è

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MIGNANO MARZANO Corso Umberto 1, 208 81049 MIGNANO MONTELUNGO (CE) Tel. e Fax: 0823/904424 C.F.: 95005860614 e-mail: ceic8ax00c@istruzione.it PEC: ceic8ax00c@pec.istruzione.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 2029 del 3 agosto 2010

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 2029 del 3 agosto 2010 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: DIREZIONE COMMERCIO Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto Maurizio Conte Marialuisa

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Fisco & Contabilità N. 09. La raccolta che non lascia spazio all immaginazione

Fisco & Contabilità N. 09. La raccolta che non lascia spazio all immaginazione Fisco & Contabilità La raccolta che non lascia spazio all immaginazione N. 09 07.03.2012 Il Decreto Semplificazioni fiscali chiarisce la sorte dei ratei e risconti I costi a cavallo d esercizio possono

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SENATO ACCADEMICO 20 maggio 2011, 22 novembre 2011, 23 maggio 2012 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 maggio 2011, 29 novembre 2011, 30 maggio 2012 D.R. D.R. 6/6/2011, n. 534, D.R. 12/12/2011, n. 1323, D.R.

Dettagli

RASSEGNA INFO/NORMATIVA N. 5/2014 - MESE DI MAGGIO 2014 SETTORE UFFICIO STUDI E DOCUMENTAZIONE. a cura di Antonio Di Martino

RASSEGNA INFO/NORMATIVA N. 5/2014 - MESE DI MAGGIO 2014 SETTORE UFFICIO STUDI E DOCUMENTAZIONE. a cura di Antonio Di Martino LEGGE 2 maggio 2014, n. 68 RASSEGNA INFO/NORMATIVA N. 5/2014 - MESE DI MAGGIO 2014 SETTORE UFFICIO STUDI E DOCUMENTAZIONE a cura di Antonio Di Martino LEGGI, DECRETI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI Conversione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* novembre 2006

RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* novembre 2006 RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* novembre 2006 Comunicato n. 111/2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri- 25 settembre 2006 Individuazione dell autorità centrale per la ricezione delle

Dettagli

1) Ricorso al TAR del Lazio D.M. MIUR n 353/2014 ( graduatorie per il sostegno)

1) Ricorso al TAR del Lazio D.M. MIUR n 353/2014 ( graduatorie per il sostegno) 16/09/2014 IMPORTANTE 1) Ricorso al TAR del Lazio D.M. MIUR n 353/2014 ( graduatorie per il sostegno) in data 15/9/2014, lo Studio Legale Avv. Maurizio Cassaro ha notificato per il SAESE e per i suoi Tesserati,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Guida al Lavoro IL IL SOLE 24 ORE PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR

Guida al Lavoro IL IL SOLE 24 ORE PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Articoli IL Contributi e somme a carico del datore: l Inps illustra il regime previdenziale Antonino Cannioto Esperto in materia previdenziale Giuseppe Maccarone Consulente del lavoro in Roma 18 L Istituto

Dettagli

Comune di QUARTO D'ALTINO Provincia di Venezia

Comune di QUARTO D'ALTINO Provincia di Venezia SULL'AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DELLE LAMPADE VOTIVE Verifica conformità ai requisiti dell'ordinamento europeo e definizione degli obblighi di \\srv-pdc\areadoc\tecnico\bilancio S3\ARTICOLO 34\LAMPADA

Dettagli

Il sottoscritto nato il a in qualità di dell impresa. con sede in con codice fiscale n. con partita IVA n.

Il sottoscritto nato il a in qualità di dell impresa. con sede in con codice fiscale n. con partita IVA n. SCHEMA DI ISTANZA IN BOLLO DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONI PREVISTE AL NUMERO 16 - PUNTI 1 E 2- DELLA NOTA INTEGRATIVA DEL BANDO DI GARA DA RENDERE DA OGNI SINGOLO CONCORRENTE PARTECIPANTE [denominazione

Dettagli

Primo Contributo per la definizione di un nuovo quadro normativo per il settore dei lavori pubblici, in recepimento della direttiva n 2014/24/UE

Primo Contributo per la definizione di un nuovo quadro normativo per il settore dei lavori pubblici, in recepimento della direttiva n 2014/24/UE Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori; Chimici; Dottori Agronomi e Forestali; Geologi; Geometri, Ingegneri; Periti Agrari; Periti industriali; Tecnologi Alimentari Primo Contributo per

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

INDICE ARTICOLO 1. Istituzione del sistema di qualificazione - classifiche. ARTICOLO 2 Requisiti per le iscrizioni

INDICE ARTICOLO 1. Istituzione del sistema di qualificazione - classifiche. ARTICOLO 2 Requisiti per le iscrizioni Decreto del Presidente della Repubblica Regolamento recante istituzione del sistema di qualificazione per i contraenti generali delle opere strategiche e di preminente interesse nazionale, ai sensi dell

Dettagli

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1)

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Disposizioni urgenti in materia sanitaria e socio-assistenziale. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 gennaio 1993, n. 14 e convertito in legge, con modificazioni,

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 (Finalità ed effetti della qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi)

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 (Finalità ed effetti della qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi) REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE, AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 8, LETTERA g), del DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 e successive modifiche. Il Presidente della Repubblica, acquisito

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.2 del 13.03.2013. Legge n. 68/1999, le novità dopo le recenti riforme

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.2 del 13.03.2013. Legge n. 68/1999, le novità dopo le recenti riforme Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.2 del 13.03.2013 Legge n. 68/1999, le novità dopo le recenti riforme Nel corso dell ultimo periodo la materia del collocamento obbligatorio ha

Dettagli

Ufficio Legislativo e Affari Giuridici. Roma, 28 settembre 2006. Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI

Ufficio Legislativo e Affari Giuridici. Roma, 28 settembre 2006. Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ufficio Legislativo e Affari Giuridici Roma, 28 settembre 2006 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ai Responsabili ANVA, FIEPeT, FIESA Loro sedi e indirizzi Prot.n. 3909.11/2006 GDA

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Febbraio 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 24 Ottobre 2007 Documento unico di regolarita' contributiva. IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Visto l'art. 2 della legge 22 novembre

Dettagli

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE A cura di Maria Cristina Colombo professore a contratto al Politecnico di Milano - avvocato

Dettagli

LINEE COMUNI DI ORIENTAMENTO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO DELLA SCUOLA

LINEE COMUNI DI ORIENTAMENTO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO DELLA SCUOLA LINEE COMUNI DI ORIENTAMENTO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO DELLA SCUOLA Per la piena contrattualizzazione del rapporto di lavoro. Il Contratto come diritto dei lavoratori riconosciuto dalla Costituzione.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI BOLOGNA

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI BOLOGNA PROTOCOLLO D INTESA PER FAVORIRE E PROMUOVERE L'UTILIZZO DELLO STRUMENTO CONCORSUALE NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO INNOVATIVO DI RIGENERAZIONE E AMMODERNAMENTO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA SCOLASTICA

Dettagli

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE*

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* Giugno 2005 Comunicato n. 68/2005 Legge n. 62/2005 Disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza dell Italia alle Comunità

Dettagli

IN QUESTA NEWSLETTER:

IN QUESTA NEWSLETTER: Newsletter a cura della Commissione Controllo Societario dell'odcec di Milano n. 2/3, maggio-giugno 2014 Coordinata e redatta da: Giorgio Morettini - Massimiliano Pergami (hanno partecipato alla redazione

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi LINEA OPERATIVA PON ATAS Appalto di forniture e servizi Evoluzione normativa (1) Fino agli anni 70 del secolo scorso la principale fonte normativa di carattere generale in materia di servizi e forniture

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Gli Enti in house - circuito di rimborso

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Gli Enti in house - circuito di rimborso LINEA OPERATIVA PON ATAS Gli Enti in house - circuito di rimborso Dir. 18-6-1992 n. 92/50/CEE Direttiva del Consiglio che coordina le procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di servizi Articolo

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 Primi indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnici abilitati alla certificazione

Dettagli

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042 Avv. Ivan Tosco, PhD Studio Legale Secci & Medda 1 XXIII CONGRESSO NAZIONALE GIQAR Ospedaletto di Pescantina

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

IL PERCORSO NORMATIVO PER ATTUARE LE PROPOSTE PER L A.S. 2015-2016

IL PERCORSO NORMATIVO PER ATTUARE LE PROPOSTE PER L A.S. 2015-2016 IL PERCORSO NORMATIVO PER ATTUARE LE PROPOSTE PER L A.S. 2015-2016 Qual è il percorso normativo più efficace per attuare la riforma della scuola in tempo utile per l'inizio dell'anno scolastico 2015/2016?

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau

Ufficio Studi CODAU. Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Quesito sull applicabilità della normativa sui buoni pasto ai Direttori

Dettagli

Deliberazione n. 1/2008/P

Deliberazione n. 1/2008/P Deliberazione n. 1/2008/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione del controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato nell adunanza congiunta del I e II Collegio

Dettagli

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1 1. E vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda

Dettagli

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture USG 246 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA APPROVVIGIONAMENTI E PATRIMONIO Servizio negoziale Settore supporto e consulenza all'attività dei RUP Via Balbi, 5-16126 Genova tel. 010/20951631 e-mail: supportorup@unige.it

Dettagli

MODELLO 1. Oneri di sicurezza non soggetti a ribasso d asta: 10.000,00 (euro diecimilavirgolazero)

MODELLO 1. Oneri di sicurezza non soggetti a ribasso d asta: 10.000,00 (euro diecimilavirgolazero) MODELLO 1 ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA AI SENSI DEGLI ARTT. 46, 47 E 76 DEL DPR 445/2000 E S.M.I. Stazione appaltante: Azienda

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

LEGGE DELEGA L. 123 del 3.8.2007

LEGGE DELEGA L. 123 del 3.8.2007 DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA REGGIO EMILIA SERVIZI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO LEGGE DELEGA L. 123 del 3.8.2007 Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega

Dettagli

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi?

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi? Nel merito del parere espresso dalla corte dei conti, sezione della Lombardia 441/2013 si evidenzia: Primo quesito: ai fini dell inserimento nel piano triennale delle singole voci di spesa, è necessario

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER I PROFESSIONISTI QUALIFICATI ADACI

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER I PROFESSIONISTI QUALIFICATI ADACI REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER I PROFESSIONISTI QUALIFICATI ADACI *** IL CONSIGLIO NAZIONALE ADACI considerato che a se medesimo e ai Consigli di Sezione è affidato il compito di tutelare e

Dettagli

Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163

Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Atto di segnalazione n.

Dettagli

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI APPALTI RISERVATI INTRODUCE NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA LA FIGURA DEL LABORATORIO PROTETTO QUALE NUOVA FORMA DI IMPRESA SOCIALE Con l emanazione, in attuazione delle direttive

Dettagli

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 3 giugno 2014, n. 326 Misure urgenti per l'applicazione delle disposizioni contenute nel decreto legge 24 aprile 2014, n. 66 finalizzate

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli