Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri"

Transcript

1 Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri LA NOTA Monitoraggio sulla legislazione, la giurisprudenza, le disposizioni fiscali e previdenziali, gli indicatori economici attinenti la professione degli ingegneri 1 15 giugno 2008 Roma, giugno 2008

2 1 15 GIUGNO 2008 Riforma degli Ordini La determinazione delle tariffe minime e massime per le prestazioni dei professionisti, in particolare degli avvocati, è compatibile con le norme sulla libera concorrenza del Trattato Ue. È il principio affermato dalla Corte di giustizia nell'ordinanza nella causa C-386/07 che, su rinvio pregiudiziale del Consiglio di Stato, è tornata a pronunciarsi sugli onorari degli avvocati prima della legge Bersani, riconoscendo di fatto che il precedente regime, previsto nel regio decreto 1578 del 27 novembre 1933, non era in contrasto con le norme comunitarie Antitrust. Che si applicano, ha chiarito la Corte - anche agli Stati, tenuti a rimuovere i sistemi che eliminano l'effetto utile delle regole di concorrenza. La controversia vedeva contrapposti, da un lato, un gruppo di società private e, dall'altro, una Asl del Veneto. Al termine di una vicenda processuale che aveva visto l'asl soccombente, il giudice amministrativo aveva liquidato le spese conteggiando una somma inferiore ai minimi tariffari rispetto agli importi fissati dal Consiglio nazionale forense e approvati con decreto ministeriale 127/04. La deroga, in linea con le norme interne, era consentita se motivata dal giudice della causa. La Corte di giustizia ha, prima di tutto, lanciato un monito: la questione delle tariffe è ormai consolidata nella propria giurisprudenza grazie alle sentenze Arduino, Cipolla e all'ordinanza Mauri. Di conseguenza, i giudici nazionali possono direttamente rifarsi a queste decisioni e applicarne i principi, senza seguire la strada di un nuovo rinvio pregiudiziale a Lussemburgo. Non solo. I principi fissati sono trasponibili a ogni caso che riguardi la determinazione degli onorari. In pratica, se le tariffe minime e massime sono decise secondo il precedente modello italiano, ora modificato dalla Bersani, passano indenni al vaglio delle regole comunitarie Antitrust e sono quindi applicabili alle questioni precedenti all'entrata in vigore del nuovo regime. Anche perché sono stati rispettati i parametri fissati da Lussemburgo: infatti, lo Stato, pur chiamando in causa gli Ordini, non ha «revocato alla propria normativa il suo carattere pubblico delegando ad operatori privati la responsabilità di adottare decisioni di intervento nel settore economico». Questo vuol dire che lo Stato può affidare il compito di elaborare le tariffe a un'organizzazione professionale - come il Consiglio nazionale forense - ma deve mantenere un potere di controllo e decisionale nell'applicazione delle tariffe, con un atto di approvazione, in mancanza del quale il progetto non avrebbe efficacia e l'atto interno perderebbe il suo carattere pubblico. 2

3 Secondo l Autorità garante della concorrenza e del mercato, a poco o a nulla sono serviti gli interventi legislativi del 2006 per eliminare l'obbligatorietà dei minimi tariffari e i vincoli su pubblicità e società professionali se poi gli Ordini hanno potuto aggirare le aperture verso il mercato. Parola dell'antitrust. L'autorità ha inviato i risultati «poco confortanti» sul mercato dei servizi professionali ai principali esponenti dell'esecutivo e al parlamento. Nelle «considerazioni e proposte per una regolazione proconcorrenziale dei mercati a sostegno della crescita economica» (AS453) il garante non usa mezzi termini quando si tocca il settore professioni ed evidenzia «la piena consapevolezza degli interessi fondamentali del singolo e della collettività collegati ai servizi professionali». Ma denuncia che «i principi di concorrenza possono essere applicati in modo compatibile con le esigenze di protezione sociale e di tutela degli interessi pubblici che devono essere garantiti dalla regolazione dei servizi professionali». Specifica attenzione è riservata alle questioni relative all'accesso, alle esclusive, alla struttura e funzione degli Ordini e alla determinazione delle tariffe. L'accesso a una professione deve essere, in linea di principio, libero «salve le ipotesi in cui dimostrate esigenze di tutela di interessi generali impongano la necessità di particolari requisiti di ordine morale e/o tecnico. Mentre il periodo di tirocinio per l'iscrizione a un albo deve essere proporzionato alle esigenze di apprendimento pratico delle diverse professioni e potersi svolgere non solo presso il professionista, ma anche presso strutture, pubbliche e private, che esercitino la medesima attività e, se possibile, nell'ambito degli stessi corsi di studio». A ogni modo vanno comunque eliminati i regimi di limitazione numerica degli accessi previsti per alcune professioni, notai e medici del Ssn in testa. I1 ministro della Giustizia Angelino Alfano mette d'accordo ordini e associazioni. La notizia, almeno sulla carta, che il guardasigilli terrà per se la delega sulla riforma delle professioni ha fatto tirare, infatti, un sospiro di sollievo al mondo delle professioni tout-court che, per la prima volta, incredibile a dirsi, si trova compatto e unito. Nella speranza che si arrivi a una riforma del settore e che, soprattutto, si faccia in fretta. Del resto, come ha dichiarato il vicepresidente del Comitato unitario delle professioni (Cup) Roberto Orlandi, il fatto che il ministro abbia tenuto per se la delega fa pensare che il riordino del settore sia talmente delicato che Alfano se ne voglia occupare in prima persona. 3

4 1 15 GIUGNO 2008 Riconoscimento qualifiche professionali Mentre in Italia è nel vivo la polemica tra ordini e associazioni professionali sul decreto che definisce il ruolo di queste ultime per la messa a punto delle piattaforme formative, le notizie che arrivano dall'europa non sono buone. È proprio della scorsa settimana l'ultimo richiamo della Commissione a otto Stati ritardatari nel recepimento della direttiva 36 sulle qualifiche professionali, la cui scadenza era fissata al 20 ottobre A oggi il nostro Paese rientra nel club dei "virtuosi" che hanno legiferato sulla materia, insieme a Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Malta, Romania, Repubblica Ceca e Slovacchia. Tutti gli altri mancano all'appello: Cipro, Grecia, Lussemburgo, Portogallo e Spagna non hanno ancora avviato l'iter, mentre nel resto dell'unione europea si sta lavorando per "adottare" il provvedimento. E, a quanto risulta al dipartimento italiano delle Politiche comunitarie «gli Stati ritardatari a marzo hanno informato la Commissione di poter completare il recepimento della direttiva entro la metà o la fine dell'anno». Eqf, Ecvet, Llp, Ects. Non sono le parole in codice di un nuovo linguaggio informatico, ma gli acronimi dei quattro elementi chiave della strategia dell'unione europea per favorire la mobilità di "discenti" e lavoratori all'interno della Comunità. Eqf, European qualifications framework, è una griglia di otto livelli: per ciascun "gradino" una recente raccomandazione della Ue ha specificato conoscenze, abilità e competenze richieste. Ogni Stato è chiamato a stabilire, entro il 2010, le regole di corrispondenza tra i propri titoli di studio e gli otto livelli comunitari. Se il meccanismo andrà a regime i lavoratori avranno così un curriculum di facile lettura in tutta Europa, con l'indicazione chiara delle qualifiche ottenute, dove registrare anche i traguardi centrati oltre confine sul versante della formazione. Qui entra in gioco Llp (Lifelong learning programme) che coinvolge i cittadini di ogni età in iniziative di apprendimento (la più nota, rivolta agli studenti universitari è l'erasmus). Ci sono però difficoltà nella conversione dei bonus guadagnati all'interno di Paesi diversi: Ects, che misura i crediti universitari, pur essendo nato nel 1989, non è ancora entrato a regime in tutti gli atenei ed Ecvet, il "traduttore" dei corsi professionali, è nella fase di progettazione. Anche Europass, il portafoglio delle competenze che tutti possono compilare o richiedere partendo da un sito creato ad hoc (http://europass.cedefop.europa. eu/), non ha ancora dato i risultati sperati. 4

5 Riforma dell Università Dopo l'onda lunga innescata dalla riforma del «3+2», è iniziato il riflusso. Il prossimo anno accademico i corsi di laurea attivati dalle università italiane saranno oltre il 6% in meno rispetto a quelli del Secondo i dati raccolti dal Sole 24 Ore del lunedì interpellando tutte le università, il totale scende da 5412 a 5.073, con un calo di 339 corsi. La riduzione è frutto della riforma universitaria, che chiede agli atenei italiani di riprogettare tutti i corsi di laurea. 5

6 Legislazione sui lavori pubblici, appalti e opere pubbliche, energia, sicurezza sul lavoro, fisco, previdenza giurisprudenza Ordini, altre professioni Per quanto riguarda la legislazione sui lavori pubblici: il regolamento di attuazione del Codice degli appalti torna in alto mare. I1 26 maggio la Corte dei conti ha, infatti, negato la registrazione al provvedimento e lo ha rinviato al ministero delle Infrastrutture con una serie di rilievi. Le censure riguardano sia la procedura seguita che alcune singole norme. Per quanto riguarda l'iter, la sezione del controllo sulle Infrastrutture della Corte, contesta un mancato passaggio al Consiglio di Stato. Tutto risale all'estate scorsa quando l'ex ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro, intervenne sul Codice degli appalti e varò il secondo decreto correttivo, con una serie di novità importanti. Per accelerare al massimo anche l'approvazione del regolamento, con il Governo Prodi già in bilico, però Di Pietro adeguò il regolamento alle sue correzioni, ma trascurò di portare il testo corretto di nuovo al Consiglio di Stato. E proprio questo mancato passaggio viene ora censurato dalla Corte dei conti; il ministero delle Infrastrutture e Trasporti cerca di correre ai ripari dopo la bocciatura della Corte conti del regolamento di attuazione del Codice degli appalti e medita un rimedio dall'approvazione rapida del terzo decreto correttivo del Codice. L'obiettivo è non ritardare ulteriormente il già lungo iter verso l'entrata in vigore del regolamento che va a completare la normativa per i contratti di lavori, servizi e forniture. Ma la strada tracciata dai magistrati contabili appare molto lunga e impervia. La soluzione tecnica che stanno mettendo a punto a Porta Pia scommette sull'arrivo di un altro testo sempre in materia di appalti: 6

7 il terzo decreto correttivo del Codice. Si punta a trasferire in questa norma - di rango primario - tutto quel che i magistrati contabili (e il Consiglio di Stato) hanno criticato e classificato come «extra regolamento». Tutte le norme cioè che vanno oltre il Codice e non possono essere definite di mera attuazione. Promuovendole dentro al decreto di modifica del decreto legislativo 163/2006 verrebbero meno tutti i problemi giuridici. Ma anche qui gli ostacoli da superare non sono pochi: in teoria la delega per modificare il Codice scade il 30 giugno. Un primo tentativo di Matteoli di farsi dare un anno in più, con un emendamento al Dl 59/2008, è già stato bocciato. Ora il ministro scommette su un'interpretazione elastica di questa scadenza, che sarebbe comunque rispettata semplicemente avviando l'iter del decreto correttivo entro il 30 giugno. Anche se poi il testo andrebbe in «Gazzetta Ufficiale» dopo quella data. Ma resta da capire se questa interpretazione sarà condivisa anche dai giuristi del Consiglio di Stato. In parallelo, proseguirebbe l'iter del regolamento, alleggerito delle norme contestate. Dopo le censure della Corte dei Conti servono un nuovo passaggio al Consiglio di Stato e una terza lettura al Consiglio dei ministri; i1 Governo fa marcia indietro sugli arbitrati. Il via libera alla proroga per la moratoria sulle liti private negli appalti è rimasto solo sulla carta. Quella ufficiale di Palazzo Chigi. Annunciata con grande enfasi nel comunicato stampa dopo il Consiglio dei ministri del 31 maggio, in realtà della proroga di altri sei mesi per i giudici privati non c'è traccia nel testo ufficiale del decreto legge. La pubblicazione sulla «Gazzetta Ufficiale» del decreto legge 97/2008 sulla spesa pubblica ha riservato un'amara sorpresa ai costruttori: dal testo finale del decreto è scomparso lo slittamento del divieto di ricorrere agli arbitrati per le liti legate agli appalti di lavori, servizi e forniture. E questo, appunto, nonostante che il comunicato del Consiglio dei ministri desse per approvata la proroga «al 1 7

8 gennaio 2009 del divieto di ricorso agli arbitrati per risolvere le controversie in tema di contratti pubblici»; la responsabilità solidale sulle ritenute fiscali, a partire da martedì 10 giugno 2008, non sussiste più tra committente e appaltatore; essa rimane invece, tra appaltatore e subappaltatore. Sembra questa la conseguenza della pubblicazione sulla «Gazzetta Ufficiale» del 3 giugno del decreto legge 97/2008. Il provvedimento, nell'abrogare gli adempimenti amministrativi in materia di responsabilità solidale degli appalti, contenuti nel decreto ministeriale 25 febbraio 2008 n. 74, conferma la norma contenuta al comma 28 dell'articolo 35 della legge 248/2006. Proprio l'articolo 35 della legge 248/ 2006 (commi da 28 a 34) ha introdotto alcune disposizioni in materia di responsabilità solidale tra appaltatore e subappaltatore per quanto riguarda le ritenute fiscali, previdenziali e assicurative in relazione ai rapporti di lavoro subordinato; i1 meccanismo di esclusione automatica delle offerte anomale per gli appalti di importo inferiore alla soglia comunitaria deve ritenersi, in linea di principio, incompatibile con l'ordinamento comunitario. Tuttavia l'incompatibilità non sussiste in due particolari ipotesi: nel caso si tratti di appalti che non presentano un interesse transfrontaliero certo; ovvero per appalti che, pur presentando questo interesse, siano caratterizzati da un numero di offerte talmente elevato da rendere praticamente impossibile il ricorso al diverso sistema dell'esclusione previa verifica in contraddittorio. Questi principi sono stati affermati dalla Corte di giustizia europea con la sentenza del 15 maggio 2008, che ancora una volta torna a occuparsi della normativa italiana in materia di offerte anomale al fine di verificarne la compatibilità con le previsioni del diritto comunitario; 8

9 per l'iscrizione all'albo dei tecnici dipendenti i relativi oneri finanziari non possono essere posti a carico del bilancio dell'ente, il quale resta estraneo al rapporto esistente tra dipendente e relativo ordine professionale. Questo è l'indirizzo che ha elaborato la Corte dei Conti, sezione di controllo regione Marche, con il parere n. 9 del 3 giugno 2008, in risposta a una richiesta di parere da parte dell'amministrazione provinciale di Pesaro e Urbino; nella valutazione di proposte per project financing l'amministrazione può anche evitare l'esame comparativo se ritiene che una di esse, singolarmente considerata, non risulti rispondente agli elementi di valutazione previsti dalla legge. E' quanto ha affermato il Consiglio di Stato, sezione quinta, con la decisione del 20 maggio 2008 n rispetto all'esclusione di una proposta per la realizzazione di un intervento in project financing; negli appalti pubblici di lavori, servizi e forniture nei settori speciali (articoli del Plgs 163/2006) la norma (articolo 226) sui contenuti dell'invito a presentare offerte o a negoziare non prevede alcuna forma di pubblicità delle sedute di gara. Ma ciò non esclude il rispetto del principio di pubblicità, perché «la ratio ispiratrice olla pubblicità delle sedute di gara è comunque in ogni procedura concorsuale di scelta del contraente relativa a qualsiasi contratto pubblico di lavori, servizi e forniture, ed è rivolta a tutelare le esigenze di trasparenza e imparzialità che devono guidare l'azione amministrativa e che caratterizzano tutta la disciplina dell'evidenza pubblica». In questi termini si è espressa la Sesta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza n. 1856/2008. Per quanto riguarda gli appalti e le opere pubbliche: sono in arrivo due nuovi fondi targati Cassa depositi e prestiti per rilanciare le opere pubbliche "tariffabili" 9

10 come autostrade, aeroporti, porti e infrastrutture di rilevanza sociale o del settore idrico ed eolico. Con una potenza di fuoco di minimo 7 miliardi. In pole position il Fondo rotativo per le infrastrutture strategiche (Fris): concederà finanziamenti agevolati che andranno a sostituire del tutto o in parte il fondo perduto dello Stato. È pronto per il decollo con 6 miliardi di dote aumentabili a 12. In gestazione invece il Fondo di garanzia opere pubbliche (Fgop): avviato forse con 1 miliardo servirà a coprire il rischio di liquidità e il valore finale del progetto a favore del soggetto aggiudicatore. La Cassa attingerà i fondi dal risparmio postale e coprirà il rischio con capitale proprio. «Il finanziamento agevolato è una importante leva finanziaria soprattutto per far decollare le opere realizzabili con la finanza di progetto, quelle che generano flussi di cassa», ha spiegato il direttore generale della Cdp Antonino Turicchi; dopo l'approvazione della convenzione unica, Autostrade per l'italia (gruppo Atlantia) è pronta a investire circa 18 miliardi di euro in nuove opere, in Italia e all'estero. Ad annunciarlo, a margine del Festival internazionale dell'ambiente a Milano, l'amministratore delegato di Atlantia e del gruppo Autostrade, Giovanni Castellucci; la mancanza di fondi pubblici da destinare al mercato degli appalti sta trasformando il "Dna" dei bandi di lavori a favore delle procedure che prevedono l'impiego di capitali privati. In questo contesto il project financing conquista anno dopo anno terreno, visto che quasi il 30% del valore delle opere mandate in gara prevede ormai questa formula. I dati di Cresme Europa servizi e dell'osservatorio nazionale del partenariato pubblico-privato ricostruiscono l'andamento del Ppp a partire dal 2002, quando le gare della seconda fase del project financing insieme alle concessioni di costruzione e gestione totalizzarono 1,544 miliardi, pari a un peso sul mercato del 6,3 per 10

11 cento. L'anno seguente la cifra salì a 4,51 miliardi (per un'incidenza del 13,2%) per poi scendere ai 4,192 miliardi del 2004 (quota del 12,1 per cento). Il 2005 e il 2006 sono stati due anni di forte incremento, visto che il partenariato pubblico-privato ha raggiunto rispettivamente 6,662 miliardi (19,2%) e 8,373 miliardi (27,7 per cento). L'anno scorso invece, a causa anche delle novità normative entrate in vigore in estate, la procedura che vede direttamente coinvolti i privati è scesa a 5,711 miliardi: un risultato che comunque ha consentito alla finanza di progetto di mantenere una quota di mercato del 19,1 per cento. Il 2008 si è aperto invece con numeri da record grazie anche ad alcune maxiopere stradali. Nel primo quadrimestre il Cresme ha rilevato bandi di Pf per un valore totale di 2,337 miliardi, un importo che corrisponde al 28,1% di quello promosso nel mercato complessivo da gennaio ad aprile; nove infrastrutture prioritarie e la richiesta di una dote di 15 miliardi nel biennio per le grandi opere e per il sistema italiano dei trasporti. È il documento ancora riservato del ministero delle Infrastrutture con cui Altero Matteoli imposterà la politica delle grandi opere strategiche nazionali per la prima parte della legislatura. La relazione costituirà anche il capitolo introduttivo del «Dpef infrastrutture» che, come ogni anno, sarà allegato a fine giugno al Dpef predisposto dal ministero dell'economia; i più che insistono nel definirli «a fondo perduto» dovranno ricredersi: i concorsi hanno ripreso a marciare raggiungendo, in oltre i due terzi dei casi, almeno lo stadio del definitivo. Secondo l'indagine condotta da «Progetti e Concorsi» sulle competizioni aggiudicate nel 2006, sono sei i concept che hanno varcato la soglia «cantiere», un paio quelli che hanno già incassato o sono prossimi all'esecutivo. Nella tabella pubblicata in pagina si contano poi altri numerosi definitivi consegnati e altri prossimi alla 11

12 definizione. Diminuiscono rispetto all'anno precedente i casi di clamoroso insuccesso, con progetti rimasti al palo e solo in pochi casi è stato compiuto solo il piccolo step del preliminare. Piccoli passi in avanti che colpiscono soprattutto se paragonati a un'analoga inchiesta condotta un anno e mezzo fa dalla rivista e da cui emerse che soltanto un progetto su due aveva raggiunto lo stadio della cantierabilità. Per quanto concerne l energia: i1 tema dell'energia è tornato prepotentemente alla ribalta sulla scena mondiale per numerose e intrecciate ragioni,rispettivamente, economiche, per la corsa dei prezzi delle materie prime e in particolare del petrolio; ambientali, per le conseguenze sul clima che la sempre crescente domanda di energia determina; e politiche, per il riemergere di un potere e di una capacità di influenza basata sul controllo delle materie prime da parte dei paesi detentori delle riserve. Gli ingegneri, attenti a mediare tra l'esigenza di tutela dell'ambiente e la necessità di sviluppo, per il quale l'energia rappresenta un elemento chiave, non stanno a guardare. Per questo hanno deciso di approfondire lo scenario energetico e farsi partecipi del ritorno del dibattito sul nucleare che sta monopolizzando le cronache dei giornali. «L'obiettivo», ha dichiarato il presidente Paolo Stefanelli, intervenendo al convegno organizzato dal Cni, Open Space-Abitare la terra, recentemente a Lecce, «è di accogliere il confronto sul tema coniugando profilo tecnico e capacità di comunicazione con la società civile, rispetto alla quale la categoria dei professionisti ha una responsabilità forte che intende assumere con un impegno in prima linea».per questo dai lavori pugliesi è emersa forte la richiesta al nuovo governo di una Conferenza nazionale dell'energia e dell'ambiente. Per offrire un contributo originale nel delineare una nuova strategia energetica per l'italia, il Consiglio nazionale degli ingegneri, attraverso il suo Centro studi, ha monitorato 12

13 il sistema energetico italiano, confrontandolo con quello di altri paesi e facendone emergere i punti di debolezza (molti) e punti di forza (pochi), sulla base di cinque indicatori: dipendenza dalle fonti fossili (dato dal rap porto tra il fabbisogno di energie soddisfatto attraverso l'utilizzo di fonti fossili e il fabbisogno interno lordo); efficienza energetica (dato dal rapporto tra la domanda per usi finali e il fabbisogno interno lordo); incidenza delle fonti rinnovabili (dato dal rapporto tra il fabbisogno soddisfatto attraverso l'utilizzo delle fonti rinnovabili e il fabbisogno interno lordo); dipendenza energetica dall'estero (data dal rapporto tra le importazioni nette di energia e il fabbisogno interno lordo); incidenza del nucleare (dato dal rapporto tra il fabbisogno soddisfatto attraverso l'energia nucleare e il fabbisogno interno lordo). Per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro: Edilizia e territorio di lunedì 2 giugno 2008 pubblica il commento al Testo Unico sulla sicurezza (Dlgs 81/2008). In sintesi, notevoli modifiche si rilevano nel sistema sanzionatorio adottato dal Dlgs 81/2008, che approva il Testo unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Poiché i titoli contenuti nel Testo unico, per la parte sostanziale, sono undici, vi sono altrettanti gruppi di sanzioni. Di questi, il primo si riferisce alle disposizioni generali; gli altri, invece, si riferiscono alle disposizioni più specifiche che disciplinano le modalità di esecuzione delle misure protezionistiche individuali e collettive per le varie attività. Il Testo unico raddoppia le sanzioni per le violazioni delle imprese edili. Mentre per i coordinatori che non predispongono il piano di sicurezza la pena dell'arresto rimane invariata (da tre a sei mesi), ma l'alternativa è il pagamento di una somma tra i tremila e i 12mila euro. Per quanto riguarda il fisco: 13

14 i contribuenti che rispettano i requisiti previsti per il regime dei minimi possono ritenersi esclusi dall'irap. Disco rosso, invece, per le imprese, che integrano sempre i presupposti del tributo regionale. Con la circolare n. 45, l'agenzia delle Entrate prova a far luce sul concetto di autonoma organizzazione, ai fini dell'applicazione dell'irap per i lavoratori autonomi. Sono chiarimenti giunti peraltro sul filo di lana, a pochissimi giorni dalla scadenza del 16 giugno; nella certezza della mancanza del presupposto oggettivo per l'assoggettamento all'irap, il professionista può evitare la compilazione del relativo quadro e la relativa mancanza non inciderà, né sul corretto invio telematico del modello Unico, né precluderà l'attività di controllo da parte dell'amministrazione finanziaria. Questa è l'indicazione più interessante emersa nella risposta immediata (question time) fornita dal sottosegretario all'economia, Daniele Molgora, all'interrogazione proposta in Commissione finanze della Camera da Maurizio Leo (Pdl), riguardo alle modalità di applicazione dell'imposta sulle attività produttive (Irap), alla luce dei numerosi e recenti indirizzi della giurisprudenza di merito, con particolare riferimento alla corretta definizione di «autonoma organizzazione»; tutte le operazioni indicate agli articoli 8, 8-bis, 9, 71 e 72 del decreto Iva impediscono di entrare nel regime dei minimi. Così, chi ha effettuato nel 2007 cessioni di beni e prestazioni di servizi, di importo superiore a 258,00 euro, all'istituto universitario europeo, nell'esercizio delle proprie funzioni istituzionali, non potrà usufruire del nuovo regime introdotto dalla Finanziaria A chiarirlo è l'agenzia delle Entrate con la risoluzione 12 giugno 2008, n. 241/E; i1 contributo integrativo a percentuale che il professionista applica sul totale dei compensi e versa alla Cassa di previdenza non è un onere deducibile; 14

15 l'ufficio tuttavia per recuperare il maggior tributo deve notificare un avviso di accertamento adeguatamente motivato e non può liquidare l'imposta a norma dell'articolo 36-bis del dpr 600/73. Sono le motivazioni che si ricavano dall'esame congiunto di due sentenze: la prima, la n. 5/4/08 depositata in segreteria il 13 marzo scorso dalla sezione quarta della Commissione tributaria regionale del Lazio, riguarda l'indetraibilità del contributo a percentuale; l'altro principio, che tuttavia impone la necessità all'ufficio di notificare un accertamento motivato, è stato espresso nella sentenza n /2007 dalla sezione tributaria della Cassazione. Per quanto riguarda la previdenza: le Casse professionali vogliono allearsi per valorizzare gli investimenti. «Insieme - dice Francesco Attaguile, presidente dell'ente di previdenza del notariato - possiamo avere le risorse per rilevare immobili di grande valore, dismessi, per esempio, da gruppi bancari. Si pensi ai vantaggi in termini di redditività che derivano dalla gestione di un bene destinato a servizi e locato a un unico conduttore affidabile». Non è, però, solo l'appetibilità delle offerte immobiliari a tentare le Casse verso le sinergie. L'orgoglio di partecipare al finanziamento delle infrastrutture lo rivendica Paola Muratorio, presidente di Inarcassa. «Molti enti di previdenza professionali - ricorda - hanno messo risorse nel fondo F2I per le grandi opere». Il nuovo profilo delle Casse negli investimenti è emerso a margine del convegno promosso a Roma dalla Cassa dei ragionieri. Per quanto concerne la giurisprudenza Ordini: l'ordine professionale può costituirsi parte civile nel processo penale per chiedere il risarcimento danni subìto per effetto dell'abusivo esercizio di professione. 15

16 Lo ribadisce la Corte di Cassazione con la sentenza n , depositata martedì 3 giugno 2008; nel caso di annullamento della prova scritta per copiatura reciproca, la commissione può annullare direttamente gli elaborati presentati da due o più candidati in base al mero accertamento della loro corrispondenza e senza necessità di ulteriori indagini e motivazioni. Questo è quanto ha sancito il Tar Emilia Romagna-Bologna, prima sezione, con la sentenza del 2 maggio 2008 n Per quanto concerne le altre professioni: ridefinire la responsabilità professionale in ambito civilistico e la colpa medica in quello penale. Garantire con l'accreditamento delle strutture pubbliche e private la qualità dei servizio e non la quantità delle prestazioni. Tenere al riparo l'ordine dalle voglie dei «sostenitori del libero mercato». Liberare la gestione e l'autonomia professionale dalle bramosie della politica. Mantenere il numero chiuso a Medicina ma guardando ai nuovi bisogni sanitari. Tutelare le donne, che sono «sempre più il futuro della professione». E ancora, irrinunciabile: creare un federalismo fiscale davvero equo e solidale, che però assicuri la crescita del Sud con politiche serie e rigorose. Nell'incipit hanno scomodato perfino Marcel Proust («Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell'avere nuovi occhi»). E forse non poteva essere altrimenti. Perché a Fiuggi i medici d'italia, sotto l'egida della FnomCeo, l'ordine nazionale, si sono dati una linea d'azione comune, salvo chi (la Cgil) in aperto dissenso non ha partecipato. La «dichiarazione di consenso» finale vuole appunto essere i nuovi occhi di Proust. O meglio, rappresenta la summa di un «nuovo Patto, una nuova alleanza tecnica, civile e sociale» proposto alla politica e al Governo. Un approccio unitario gradito al Governo che promesso «ampia attenzione»; 16

17 l'attività di consulenza aziendale non rientra tra quelle riservate a dottori commercialisti, ragionieri e periti commerciali. Non vanno cioè considerate tra quelle da assegnare in via esclusiva agli iscritti a un Albo professionale. Lo chiarisce la Corte di cassazione nella sentenza n depositata il 12 giugno

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi LINEA OPERATIVA PON ATAS Appalto di forniture e servizi Evoluzione normativa (1) Fino agli anni 70 del secolo scorso la principale fonte normativa di carattere generale in materia di servizi e forniture

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

Ritardi di Pagamento

Ritardi di Pagamento Ritardi di Pagamento Recepimento Direttiva Late Payments Direttiva 2011/7/UE (Late Payments) Recepita con decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020 Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili Riferimenti normativi Atti normativi comunitari, nazionali e regionali, unitamente alle principali disposizioni

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Commissione istruttoria per le politiche del lavoro e dei sistemi produttivi (II) Osservazioni e proposte I servizi di gestione degli immobili: il facility

Dettagli

ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE

ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE DECRETO BERSANI E LIBERE PROFESSIONI ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE Il decreto legge n. 223 del 04 luglio 2006 (in G.U. n. 153 del 04/07/2006) ha determinato la giusta reazione

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 24 AL 30 OTTOBRE 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 24 AL 30 OTTOBRE 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 24 AL 30 OTTOBRE 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Revisione contabile E in corso di emanazione un

Dettagli

Foglio interno per l informazione agli iscritti

Foglio interno per l informazione agli iscritti Marzo 2008 In allegato inviamo copia della circolare n. 2/2008 emessa dalla Cassa Mutua Nazionale per il Personale delle Banche di Credito Cooperativo ed avente per oggetto Trattamento fiscale dei contributi

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

Circolare N.119 del 18 Luglio 2013

Circolare N.119 del 18 Luglio 2013 Circolare N.119 del 18 Luglio 2013 Novità in materia di mediazione civile e commerciale. Ripristinata l obbligatorietà Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, con l art. 84 del DL

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato PROTOCOLLO DI INTESA TRA l AUTORITA PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI E L AUTORITA GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L Autorità per le garanzie

Dettagli

Il leasing immobiliare per la pubblica Amministrazione: il punto di vista della SOCIETA DI LEASING

Il leasing immobiliare per la pubblica Amministrazione: il punto di vista della SOCIETA DI LEASING Manuel Farina Il leasing immobiliare per la pubblica Amministrazione: il punto di vista della SOCIETA DI LEASING FUNZIONE LEASING PUBBLICO per la Pubblica Amministrazione al 31.12.15 Contratti stipulati:

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi

Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi SEZIONE B DISABILI E STRANIERI Articolo 4, comma 27 Efficace attuazione del diritto al lavoro dei disabili Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi di Maria Giovannone, Rossana Lonero, Valentina

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 23 luglio 2009 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 28 novembre 2009, n.278, concernente

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo 1991 - La certificazione energetica degli edifici in Italia è un idea che parte da lontano, tanto che il percorso compie proprio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

Promotori finanziari ed IRAP

Promotori finanziari ed IRAP Promotori finanziari ed IRAP Nuove sentenze e le opzioni di cui dispone il pf PREMESSA Resta sempre vivo l interesse per il tema della debenza, o meno, dell IRAP i capo ai promotori finanziari. Va ribadito

Dettagli

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 1. NULLITÀ DELLA CLAUSOLA DEL BANDO CHE IMPONE LA CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 2. VERIFICA DI ANOMALIA E UTILE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA TESTO COORDINATO DELL ARTICOLO 3, COMMA 5, decreto legge 13 agosto 2011, n. 138 (c.d. manovra economica bis), conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148, integrato dalla legge 12 novembre 2011, n. 183 (c.d.

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del deputato BENCINI Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche d'affari Onorevoli Colleghi! Tra le cause della

Dettagli

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit.

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT 1. Programmazione attività 2015. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. Torino, 27 gennaio 2015 A cura dei dottori

Dettagli

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il

1. Quadro normativo. 1 Per comprendere meglio la ratio della normativa in materia pare utile richiamare l'art. 239 del TUEL il Revisori dei conti degli enti locali: Il TAR Lazio ritiene legittima la nuova procedura di estrazione a sorte degli iscritti negli elenchi regionali di cui al decreto del Ministero dell interno 23/2012.

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%)

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) GUIDA ALL APPLICAZIONE DEL DECRETO 83/2012 ART. 11 CONVERTITO CON LEGGE 7 AGOSTO 2012 N 134 (SETTEMBRE 2012) Indice: 1. INTRODUZIONE...2 2. TESTO DISPOSIZIONE: ARTICOLO

Dettagli

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 Mediazione Civile Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 dicembre 2009 A cura della Commissione Arbitrato e Conciliazione Presidente Flavia Silla Componenti

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro)

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro) Schema di disegno di legge recante: Delega al Governo per l emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Audizione presso le Commissioni riunite VI (Finanze) e X (Attività produttive, commercio e turismo) della Camera dei Deputati: istruttoria legislativa sul disegno di legge C.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Legislatura 17 ATTO CAMERA

Legislatura 17 ATTO CAMERA Camera dei Deputati Legislatura 17 ATTO CAMERA Sindacato Ispettivo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA IN COMMISSIONE : 5/04255 presentata da FRAGOMELI GIAN MARIO il 10/12/2014 nella seduta numero 347

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: PERIODICITA, TEMPISTICA E MODALITA DI PRESENTAZIONE Dispensa chiusa il 21/02/2010

ELENCHI INTRASTAT 2010: PERIODICITA, TEMPISTICA E MODALITA DI PRESENTAZIONE Dispensa chiusa il 21/02/2010 Alla data di redazione di queste note, non erano ancora stati emanati il D.M. e il Decreto direttoriale dell Agenzia delle Dogane che hanno visto la luce lunedì 22/02/2010 con la loro pubblicazione sul

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata La dichiarazione precompilata Paolo Savini Direttore Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 23 novembre 2015 La dichiarazione precompilata Cambia radicalmente il paradigma PRIMA: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE \ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE SCHEDA INFORMATIVA SU : IL GIUDICATO ESTERNO NEL PROCESSO TRIBUTARIO A) SCELTA DEL TEMA : RAGIONI.

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 FAQ TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/04-01-2013 RTI : HP Enterprise Services Italia S.r.l. Selex ES S.p.A.

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 96 22.05.2015 Rimborso pensioni: il piano del Governo Approvato il D.L. Pensioni per i pensionati che si sono visti bloccare

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica

Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica Art. 1 - Oggetto La Fondazione Rosselli, istituto di ricerca indipendente e no-profit che opera nell ambito delle scienze

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE*

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* Giugno 2005 Comunicato n. 68/2005 Legge n. 62/2005 Disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza dell Italia alle Comunità

Dettagli

NOTA INTERPRETATIVA. Prologo

NOTA INTERPRETATIVA. Prologo NOTA INTERPRETATIVA Prime osservazioni sull affidamento dei servizi pubblici locali e sulla tariffa del servizio idrico integrato in esito al referendum abrogativo del 12 e 13 giugno 2011. Prologo In seguito

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 10 del 20 Gennaio 2011 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Tracciabilità appalti: nuovi chiarimenti operativi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla in merito

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

DETERMINAZIONE OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA ALLE STRADE BIANCHE DEL COMUNE DI POMARANCE.

DETERMINAZIONE OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA ALLE STRADE BIANCHE DEL COMUNE DI POMARANCE. COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa PROGRESSIVO GENERALE N. 843 SETTORE : GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio : Lavori Pubblici DETERMINAZIONE N. 473 del 31.12.2014. copia OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 74 15.04.2013 Voucher: i chiarimenti dell INPS Per instaurare un rapporto occasionale accessorio è necessario effettuare la

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI Valerio de GIOIA COME SI SCRIVE L ATTO GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Con la collaborazione di Giovanna SPIRITO Carlo TANGARI PREMESSA Nella preparazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 143/E

RISOLUZIONE N. 143/E RISOLUZIONE N. 143/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 giugno 2003 Oggetto: Istanza di interpello - Credito d imposta investimenti aree svantaggiate - Articolo 8 della legge 23 dicembre

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Aprile 2013 FISCALITA DOCUMENTI INTERPRETATIVI Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate in merito alla partecipation exemption L Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori

Dettagli

2002, così come convertito dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, per violazione

2002, così come convertito dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, per violazione D.L. 7 febbraio 2002, n. 7 (1). Misure urgenti per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale (2) (3) (4). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34. (2) Convertito in legge, con

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali

Commissione Protocolli. Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali Commissione Protocolli Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali Il notaio chiamato a stipulare un atto modificativo di società di persone è tenuto ad integrare, con la modifica approvata,

Dettagli

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 CIRCOLARE n. 40/E Direzione Centrale Normativa Alle Direzioni regionali e provincial Roma, 28 luglio 2010 OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

LEGGE DELEGA L. 123 del 3.8.2007

LEGGE DELEGA L. 123 del 3.8.2007 DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA REGGIO EMILIA SERVIZI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO LEGGE DELEGA L. 123 del 3.8.2007 Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega

Dettagli

Professionisti e accesso ai fondi: una strada in salita la partita è aperta - ai rappresentanti delle professioni tocca ora convincere le Regioni

Professionisti e accesso ai fondi: una strada in salita la partita è aperta - ai rappresentanti delle professioni tocca ora convincere le Regioni 24 Aprile 2014 Professionisti e accesso ai fondi: una strada in salita la partita è aperta - ai rappresentanti delle professioni tocca ora convincere le Regioni Da alcune settimane si è iniziato a parlare

Dettagli

Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 01 agosto 2012 TITOLO I DISPOSIZIONE GENERALI Art.1

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI. Art. 1. Natura giuridica

STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI. Art. 1. Natura giuridica STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI Art. 1. Natura giuridica 1. L'Agenzia nazionale per i giovani, di seguito denominata: "Agenzia", e' agenzia di diritto pubblico ai sensi dell'articolo 8 del

Dettagli

i dossier PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE

i dossier PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE 373 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com PAGAMENTI DELLA PA DOPO UN ANNO DI ANNUNCI EVANESCENTI DA PARTE DEL GOVERNO MONTI IL COMMISSARIO EU TAJANI SBLOCCA LA SITUAZIONE 20 marzo 2013

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli