Regolamenti attuativi della riforma degli ordinamenti professionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamenti attuativi della riforma degli ordinamenti professionali"

Transcript

1 1 Regolamenti attuativi della riforma degli ordinamenti professionali di Gianpaolo Valente e Roberta Vitale 1 La presente scheda propone un esame della normativa sul tema della riforma delle professioni alla luce delle recenti novità introdotte dal DPR n. 137, attuativo della riforma, e del DM n. 140, recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi del professionista. Dal punto di vista della sequenza degli interventi normativi, l art. 3 co. 5 del DL n. 138 ha fissato i principi per la riforma degli ordinamenti professionali nel sistema ordinistico, mentre l art. 10 co della L. 183/2011 quelli relativi all esercizio dell attività nella forma della società tra professionisti. L art. 9 del DL n. 1 ha, inoltre, abrogato le tariffe professionali e introdotto rilevanti modifiche in tema di determinazione del compenso per le prestazioni e tirocinio. Allo stato non risulta ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale il regolamento attuativo sulle società tra professionisti. indice 1 QUADRO NORMATIVO 1.1 Manovra di Ferragosto 2011 e regolamento attuativo Principi di delegificazione Regolamento attuativo Struttura Ambito applicativo Violazioni Decorrenza 1.2 Legge di stabilità DL liberalizzazioni Ratio Ambito applicativo Decorrenza 2 ACCESSO ALLA PROFESSIONE Regolamento attuativo Albo unico nazionale 3 LIBERA CONCORRENZA E PUBBLICITÀ INFORMATIVA Regolamento attuativo 3.1 Oggetto dell informativa 3.2 Mezzi dell informativa 3.3 Limiti Pubblicità comparativa 3.4 Violazioni e sanzioni 4 OBBLIGO DI ASSICURAZIONE PROFESSIONALE Regolamento attuativo: decorrenza 4.1 Ambito applicativo: destinatari 4.2 Oggetto della polizza 4.3 Obblighi informativi a favore del cliente 4.4 Violazioni e sanzioni 5 TIROCINIO Registro dei praticanti Esclusioni 5.1 Obbligatorietà 1 Schede di Aggiornamento on line

2 2 5.2 Durata 5.3 Modalità di svolgimento Svolgimento Pratica presso un professionista Corsi di formazione Interruzione Regime di incompatibilità 5.4 Rimborso forfetario 5.5 Ambito applicativo: decorrenza DL liberalizzazioni e dubbi applicativi 6 FORMAZIONE CONTINUA Regolamento attuativo Obbligo di aggiornamento e corsi di formazione Esclusioni 7 PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Regolamento attuativo 7.1 Consigli di disciplina territoriali Composizione e funzionamento Nomina Regime di incompatibilità Durata in carica 7.2 Consigli di disciplina nazionali 7.3 Disposizioni comuni 7.4 Esclusioni 8 DETERMINAZIONE DEL COMPENSO Abrogazione delle tariffe professionali Determinazione del compenso mediante accordo con il cliente 8.1 Liquidazione del compenso da parte di un organo giurisdizionale 8.2 Regolamento attuativo Ambito applicativo Destinatari Accordo delle parti Attività professionali Determinazione del compenso Esclusione del parere dell Ordine professionale Regole generali Disposizioni concernenti i Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Progetto di modifica del DM 140/ Disciplina transitoria e decorrenza Intervento delle Sezioni Unite della Cassazione 9 SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI Decorrenza e disciplina attuativa 9.1 Costituzione e presupposti Modelli societari e associativi già vigenti 9.2 Regolamento attuativo Struttura Ambito di applicazione e regime transitorio Conferimento ed esecuzione dell incarico professionale Partecipazione alla società tra professionisti Regime di iscrizione Iscrizione nella sezione speciale dell albo Comunicazione di variazione Diniego di iscrizione Cancellazione dall albo Regime disciplinare e responsabilità 10 FAC SIMILE DI LETTERA DI INCARICO PROFESSIONALE Schede di Aggiornamento on line

3 3 normativa DL n. 138, conv. L n. 148, art. 3 co. 5-5-ter DPR n. 137 DM n. 140 DL n. 1, conv. L n. 27, art. 9 L n. 183, art. 10 co chiarimenti ufficiali Parere Commissione Giustizia della Camera Parere Consiglio di Stato n Parere Consiglio di Stato n Parere Consiglio di Stato n Circ. Min. Giustizia Parere Min. Giustizia Scheda di lettura al Ddl. (A.C. 5025) Servizio Studi della Camera, Scheda di lettura al Ddl. (A.S. 3110) Servizio Studi del Senato, febbraio 2012 Comunicato stampa Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 11 chiarimenti di categoria Massima Comitato Triveneto dei Notai QA1 Studio CNDCEC novembre 2012 Nota informativa CNDCEC n. 75 Nota informativa CNDCEC n. 73 Pronto ordini CNDCEC n. 204 Studio CNDCEC luglio 2012 Pronto ordini n. 169 Circ. Fondazione Studi Consulenti del Lavoro n. 15 Nota informativa CNDCEC n. 61 Nota informativa CNDCEC n. 47 Studio Consiglio nazionale del Notariato n /I Nota informativa CNDCEC n. 45 Studio CNF n. 6 Nota informativa CNDCEC n. 21 Nota informativa CNDCEC n. 20 Comunicato CNF Pronto ordini CNDCEC n. 28 Nota informativa CNDCEC n. 3 Circ. CUP giurisprudenza Cass n Cass. SS.UU n Cass. SS.UU n Trib. Varese n Trib. Verona circ Trib. Termini Imerese Trib. Varese n TAR Brescia n Cass n dottrina AA.VV. Novità della «manovra di Ferragosto» (DL n. 138, conv. L n. 148), Schede di Aggiornamento on line, 8-9, 2011, p AA.VV. Novità della legge di stabilità 2012 (L n. 183), Schede di Aggiornamento, 12, 2011, p AA.VV. Novità della c.d. «Manovra Monti» (DL n. 201, conv. L n. 214), Schede di Aggiornamento on line, 1, 2012, p Busani A. Le società tra professionisti ferme al palo, Il Sole - 24 Ore, , p. 27 Busani A. Lo studio anche in società, Il Sole - 24 Ore, , p. 18 Busani A. Forma giuridica modulata sulle necessità dei soci, Il Sole - 24 Ore, , p. 18 Caponi R. Avvocati: l efficacia retroattiva dei parametri riduce l onorario anche per le attività anteriori, Guida al Diritto, 43, 2012, p Cavalluzzo N. Per la pratica limite a 18 mesi, Il Sole - 24 Ore, , p. 10 Ciniero S. Riforma delle professioni: tutte le novità del decreto attuativo, Pratica fiscale e professionale, 37, 2012, p. 12 ss. Schede di Aggiornamento on line

4 4 Costa G. Da chiarire se la pratica breve è retroattiva, Il Sole - 24 Ore, , p. 31 Costa G. Meglio fare preventivi scritti, Il Sole - 24 Ore, , p. 31 D Agnolo M. Pubblicità ammessa su tutti i media, Il Sole - 24 Ore, , p. 20 D Agnolo M. Sanzionato lo spot ingannevole, Il Sole - 24 Ore, , p. 20 D Alessio S. Professioni, tirocinio con forfait, Italia Oggi7, , p. 10 Damasco M. Le società tra professionisti devono aspettare, Il Quotidiano del Commercialista, Damasco M. Non retroattivo il tirocinio professionale di 18 mesi, Il Quotidiano del Commercialista, Damasco M. Nel nuovo regolamento, accolti i rilievi dei commercialisti e del CUP, Il Quotidiano del Commercialista, Del Bo J.M. Praticantato di 18 mesi per tutti, Il Sole - 24 Ore, , p. 3 Galimberti A. Ormai storia la querelle per le «insegne», Il Sole - 24 Ore, , p. 20 Galimberti A. Il giudice abbandona la tariffa, Il Sole - 24 Ore, , p. 18 Maciocchi P. Parametri retroattivi per i compensi dovuti agli avvocati, Il Sole - 24 Ore, , p. 27 Maglione V. e Parente G. Professioni, la road map della riforma, Il Sole - 24 Ore, , p. 3 Marino I. Le tariffe sono ancora in vigore, Italia Oggi, , p. 29 Mazza P. Professionisti: le misure a garanzia della libera concorrenza, Pratica fiscale e professionale, 7, 2012, p. 24 Milano F. Soci Stp tutti da pubblicizzare, Il Sole - 24 Ore, , p. 17 Negri G. Nuovo tirocinio non retroattivo, Il Sole - 24 Ore, , p. 21 Negri G. Il tirocinio breve di 18 mesi diventa retroattivo, Il Sole - 24 Ore, , p. 25 Negri G. L Università conferma: il tirocinio è retroattivo, Il Sole - 24 Ore, , p. 27 Negri G. Albi con giudici indipendenti, Il Sole - 24 Ore, , p. 16 Pacelli B. Chiarimenti sul tirocinio, Italia Oggi, , p. 29 Pacelli B. Copertura assicurativa, gli ordini non sono impreparati, Italia Oggi, , p. 23 Pacelli B. Più discipline, più rigore nella Stp, Italia Oggi, , p. 36 Pacelli B. Giallo sulle società tra professionisti, Italia Oggi, , p. 25 Pacelli B. Stp, il regolamento è pronto, Italia Oggi, , p. 28 Parigi P. Vetrina illuminata sui prezzi, Il Sole - 24 Ore, , p. 15 Quaranta R. Tirocinio professionale a 18 mesi, il CNDCEC chiede chiarezza ai Ministeri, Il Quotidiano del Commercialista, Quaranta R. Società tra professionisti, il CNDCEC condivide le critiche del CUP, Il Quotidiano del Commercialista, Quaranta R. Nessuna retroattività per il tirocinio ridotto, lo conferma il MIUR, Il Quotidiano del Commercialista, Quaranta R. Dietrofront del Ministero della Giustizia: il tirocinio ridotto è retroattivo, Il Quotidiano del Commercialista, Quaranta R. Il tirocinio «ridotto» dei commercialisti può essere retroattivo, Il Quotidiano del Commercialista, Quaranta R. Tirocinio ridotto retroattivo, ma almeno un anno deve essere svolto «post laurea», Il Quotidiano del Commercialista, Rossi A. Commentario breve al diritto delle società, a cura di Maffei Alberti A., Cedam, Padova, 2007, p. 11 Sacchettini E. Addio ai compensi minimi, spunta il preventivo, Guida al Diritto, 7, 2012, p. 46 Sacchettini E. Il tirocinio di 18 mesi inizia dall Università, Guida al Diritto, 7, 2012, p. 53 e 54 Sacchettini E Il rebus del rimborso spese forfettario ai praticanti, Guida al Diritto, 13, 2012, p. VIII - X Santilli G. Compensi ridotti senza il preventivo, Il Sole - 24 Ore, , p. 16 Saporito G. e Immovilli C. Ricorso agli indici se c è conflitto, Il Sole - 24 Ore, , p. 16 Saporito G. Il patto «dribbla» i parametri, Il Sole - 24 Ore, , p. 18 Siri M. Il cliente va informato su polizza e massimali, Il Sole - 24 Ore, , p. 55 Tosoni G.P. La formazione gioca la carta-mercato, Il Sole - 24 Ore, , p. 3 Ventura G. Tirocini, in studio almeno un anno, Italia Oggi, , p. 30 Ventura G. Un doppio tavolo con la Giustizia, Italia Oggi, , p. 38 Vitale R. Novità del DL 1/2012 convertito in tema di professioni (Tariffe, preventivo e tirocinio), Schede di Aggiornamento, 4, 2012, p Vitale R. Preventivo sul compenso, per il CNDCEC «consigliabile» la forma scritta, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Via libera al preventivo di massima per i professionisti, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Società tra professionisti, al via lo schema di regolamento, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Riforma delle professioni presto al completo, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Assicurazione professionale al via con pieno di dubbi, Il Quotidiano del Commercialista, Schede di Aggiornamento on line

5 5 Vitale R. Dal CNDCEC, la bozza di lettera di incarico professionale, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. DPR professioni, via libera dal Consiglio dei Ministri, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Accordo sui compensi vincolante per il giudice, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Assicurazione professionale obbligatoria fra un anno, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Determinazione del compenso libero fra le parti, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Riforma delle professioni senza DPR, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Riforma degli ordinamenti professionali «operativa», Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Formazione obbligatoria per tutti i professionisti, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Pubblicità informativa libera per il professionista, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. In Gazzetta Ufficiale i parametri guida per i compensi giudiziali, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Con la riforma, nuovi illeciti per il professionista, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Per i compensi giudiziali, meglio il preventivo in forma scritta, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Tariffe professionali solo a prestazioni terminate prima dell abrogazione, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Allo studio una proposta di modifica dei parametri per i compensi giudiziali, Il Quotidiano del Commercialista, Vitale R. Ausiliari del giudice fuori dai parametri guida, Quotidiano del Commercialista, QUADRO NORMATIVO L intervento normativo di riforma degli ordinamenti professionali ha visto la successione di una serie di disposizioni volte a modificare la disciplina delle professioni regolamentate. Si fa, in particolare, riferimento al DL 138/2011 convertito, alla L. 183/2011 e al DL 1/2012 convertito. La riforma degli ordinamenti professionali trova fondamento in un contesto normativo, nell ambito del quale si sono succedute diverse disposizioni di legge. In particolare, si fa riferimento ai seguenti interventi normativi: DL 138/2011, art. 3 co. 5-5-ter, relativo ai principi cardine della riforma da attuare, entro 12 mesi dall entrata in vigore del decreto stesso, mediante l adozione di un DPR; L. 183/2011, art. 10 co. 3-11, relativa alla società tra professionisti; DL 1/2012, art. 9, relativo a tariffe professionali, determinazione del compenso e tirocinio professionale; DPR 137/2012, relativo all attuazione della riforma professionale; DM 140/2012, recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi del professionista MANOVRA DI FERRAGOSTO 2011 E REGOLAMENTO ATTUATIVO 2012 L art. 3 co. 5 del DL n (c.d. manovra di Ferragosto ) così come modificato dall art. 9 del DL n. 1 4 e, ancor prima, dall art. 10 della L n ha fissato i principi ai quali devono uniformarsi gli ordinamenti professionali. Tale norma aveva previsto un termine di 12 mesi dalla data di entrata in vigore del citato decreto (testo in vigore dal ) per procedere alla riforma degli ordinamenti professionali mediante l adozione di un regolamento di delegificazione, in conformità ad alcuni principi espressamente stabiliti In tale quadro normativo, poi, si segnala anche la riforma dell ordinamento professionale forense, oggetto di un disegno di legge specifico. Il DL 138/2011 (in G.U n. 188), recante Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo, è stato convertito, con modificazioni, dalla L n. 148 (in G.U n. 216). Cfr. AA.VV. Novità della «manovra di Ferragosto» (DL n. 138, conv. L n. 148), Schede di Aggiornamento on line, 8-9, 2011, p Il DL 1/2012 (in G.U n. 19, S.O. n. 18), recante Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività, è stato convertito con modificazioni dalla L n. 27 (in G.U n. 71, S.O. n. 53). La L. 183/2011, recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2012) è stata pubblicata in G.U n. 265, S.O. n Schede di Aggiornamento on line

6 Principi di delegificazione Fra i principi elencati, vi sono quelli riguardanti (art. 3 co. 5 del DL 138/2011): l accesso alla professione libero e non discriminatorio (lett. a); la formazione continua permanente (lett. b); l effettività dello svolgimento del tirocinio (lett. c); l obbligo di idonea polizza professionale, per i rischi derivanti dall esercizio dell attività professionale (lett. e); la distinzione del ruolo amministrativo degli Ordini da quello deontologico, con l istituzione di appositi organi a livello territoriale e nazionale di disciplina composti da membri diversi dai consiglieri dell Ordine territoriale o dal Consiglio nazionale (lett. f); la libertà per il professionista di farsi pubblicità informativa (lett. g). Si fa presente che la lett. d) della disposizione citata è stata abrogata dall art. 9 co. 7 lett. c) del DL 1/2012. Tale lettera prevedeva che il compenso spettante al professionista è pattuito per iscritto all atto del conferimento dell incarico professionale [prendendo come riferimento le tariffe professionali. È ammessa la pattuizione dei compensi anche in deroga alle tariffe 6 ]. Il professionista è tenuto, nel rispetto del principio di trasparenza, a rendere noto al cliente il livello della complessità dell incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell incarico. In caso di mancata determinazione consensuale del compenso, quando il committente è un ente pubblico, in caso di liquidazione giudiziale dei compensi, ovvero nei casi in cui la prestazione professionale è resa nell interesse dei terzi si applicano le tariffe professionali stabilite con decreto dal Ministro della Giustizia. Come si vedrà nel successivo 1.3, l art. 9 del DL 1/2012 ha, tra l altro, previsto l obbligo di un preventivo di massima e di determinazione del compenso al momento del conferimento dell incarico. Principi di riforma Fig. 1 - Principi di delegificazione accesso alla professione libero e non discriminatorio (lett. a) formazione continua permanente (lett. b) effettività dello svolgimento del tirocinio (lett. c) pattuizione del compenso (lett. d) - abrogato obbligo di idonea polizza professionale (lett. e) distinzione del ruolo amministrativo degli Ordini da quello deontologico (lett. f) libertà per il professionista di farsi pubblicità informativa (lett. g) Regolamento attuativo Il regolamento attuativo dei principi contenuti nell art. 3 co. 5 lett. a) - g) del DL 138/2011 è stato emanato con il DPR n Il regolamento è entrato in vigore dal Struttura Il DPR è suddiviso in 4 Capi contenenti rispettivamente: disposizioni generali applicabili a tutte le professioni regolamentate (Capo I); disposizioni concernenti specifiche professioni, ed, in particolare: 6 7 Parole soppresse dall art. 10 co. 12 della L. 183/2011. In G.U n Si consenta di rinviare a Vitale R. Riforma degli ordinamenti professionali «operativa», Il Quotidiano del Commercialista, Si veda, anche, Ciniero S. Riforma delle professioni: tutte le novità del decreto attuativo, Pratica fiscale e professionale, 37, 2012, p. 12 ss. Il DPR attuativo è stato approvato dal Consiglio dei Ministri in data , apportando alcune modifiche alla prima versione del testo, in considerazione delle osservazioni poste sia dal Consiglio di Stato, nel parere n. 5262, in Banca Dati Eutekne, che dalla Commissione Giustizia della Camera, nel parere , in Banca Dati Eutekne, oltre alle indicazioni dei vari Ordini di categoria. Si consenta di rinviare a Vitale R. DPR professioni, via libera dal Consiglio dei Ministri, Il Quotidiano del Commercialista, Si veda, inoltre, Damasco M. Nel nuovo regolamento, accolti i rilievi dei commercialisti e del CUP, Il Quotidiano del Commercialista, Schede di Aggiornamento on line

7 7 avvocati (Capo II); notai (Capo III); disposizioni transitorie e finali (Capo IV). Ambito applicativo Il DPR 137/2012 si applica: alle professioni regolamentate; ai relativi professionisti (art. 1 co. 2 del DPR 137/2012). Per professione regolamentata si intende l attività o l insieme delle attività, riservate per espressa disposizione di legge o non riservate, il cui esercizio è consentito solo a seguito di iscrizione in Ordini o Collegi, quando l iscrizione risulta subordinata al possesso di qualifiche professionali o all accertamento di specifiche professionalità (art. 1 co. 1 lett. a) del DPR 137/2012). Per professionista si intende l esercente la professione regolamentata di cui sopra (art. 2 co. 1 lett. b) del DPR 137/2012). Le disposizioni del decreto non si applicano alle professioni sanitarie, in particolare, in tema di formazione continua permanente e in materia di istituzione di organi disciplinari. Violazioni Per la violazione di alcune disposizioni del DPR 137/2012 viene prevista a carico del professionista una sanzione disciplinare. Si fa riferimento, in particolare, alla violazione dei seguenti obblighi: l obbligo che la pubblicità informativa sia funzionale all oggetto, veritiera, corretta, rispettosa dell obbligo del segreto professionale e che non sia equivoca, ingannevole o denigratoria (art. 4 del DPR 137/2012); l obbligo di stipulare una polizza professionale (art. 5 del DPR 137/2012); l obbligo di formazione continua (art. 7 del DPR 137/2012). Il DPR non ha specificato però le tipologie di sanzioni, che sembrano quindi demandate alla regolamentazione di Ordini o Collegi 8. Decorrenza Le disposizioni del DPR 137/2012 trovano applicazione dal , vale a dire il giorno successivo alla data di entrata in vigore del decreto, coincidente, a sua volta, con il giorno successivo a quello della sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale 9, con l effetto di abrogare tutte le disposizioni regolamentari e legislative incompatibili. A tal proposito, si ricorda che l abrogazione delle norme vigenti sugli ordinamenti professionali in contrasto è stata fatta decorrere già dallo scorso ai sensi dell art. 3 co. 5-bis della L. 138/2011, il quale dispone che Le norme vigenti sugli ordinamenti professionali in contrasto con i principi di cui al comma 5, lettere da a) a g), sono abrogate con effetto dalla data di entrata in vigore del regolamento governativo di cui al comma 5 e, in ogni caso, dalla data del 13 agosto (così come ribadito dall art. 12 co. 2 del DPR 137/ ). Si precisa, inoltre, che non tutte le disposizioni del DPR 137/2012 risultano di immediata applicazione. Alcune disposizioni, infatti, trovano applicazione decorsi 12 mesi dalla entrata in vigore del decreto (come nel caso dell obbligo di stipula della polizza professionale); per altre si è rinviato a provvedimenti attuativi di Ordini o Collegi, con parere del Ministro vigilante (come nel caso della formazione continua e del procedimento disciplinare) Ad esempio, per i Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, fra le sanzioni disciplinari, vengono previste: la censura, consistente in una dichiarazione formale di biasimo, la sospensione dall esercizio professionale per un periodo di tempo non superiore a 2 anni, la radiazione dall albo (art. 52 del DLgs n. 139). Si consenta di rinviare a Vitale R. Con la riforma, nuovi illeciti per il professionista, Il Quotidiano del Commercialista, Coordinato disposto dagli artt. 12 co. 1 e 14 del DPR 137/2012. (Il DPR 137/2012 è stato pubblicato nella G.U n. 189). Comma inserito dall art. 10 co. 2 della L. 183/2011, come da ultimo modificato dall art. 33 co. 1 lett. a) del DL n. 201 (conv. L n. 214, pubblicata in G.U n. 300, S.O. n. 276). Si consenta di rinviare a Vitale R. Riforma delle professioni senza DPR, Il Quotidiano del Commercialista, L art. 12 co. 2 del DPR 137/2012 fa salve, poi, le disposizioni attuative di direttive di settore emanate dall Unione europea. Cfr. Maglione V. e Parente G. Professioni, la road map della riforma, Il Sole - 24 Ore, , p. 3. Schede di Aggiornamento on line

8 8 È stabilito, poi, che, entro il , il Governo dovrà provvedere a raccogliere le disposizioni che non risultano abrogate in un testo unico (art. 3 co. 5-ter del DL 138/ ) LEGGE DI STABILITÀ 2012 L art. 10 della L n ( Legge di stabilità 2012 ), così come integrato dall art. 9-bis del DL 1/2012, ha consentito espressamente, a partire dall e previa emanazione di un apposito regolamento attuativo, la costituzione di società per l esercizio di attività professionali regolamentate nel sistema ordinistico, secondo i modelli societari regolati dai titoli V e VI del libro V del codice civile. La L. 183/2011 segna il definitivo superamento del tradizionale divieto legislativo di esercizio delle attività professionali in forma societaria DL LIBERALIZZAZIONI Le modifiche introdotte dall art. 9 del DL 1/2012 (c.d. DL liberalizzazioni ) hanno riguardato: l abrogazione delle tariffe professionali; l obbligo di un preventivo di massima e di determinazione del compenso al momento del conferimento dell incarico; il rinvio ad un decreto attuativo per la determinazione dei parametri guida ai fini della liquidazione del compenso in sede giudiziale; la riduzione del tirocinio e l anticipazione del suo svolgimento ai fini dell iscrizione all Albo professionale. Novità del DL 1/2012 abolizione delle tariffe professionali obbligo per i professionisti di predisporre un preventivo di massima e di pattuire il compenso al momento del conferimento dell incarico rinvio ad alcuni parametri guida per la determinazione in sede giudiziale del compenso riduzione del tirocinio e anticipazione del suo svolgimento Fig. 2 - Novità del DL 1/2012 Ratio Con l art. 9 del DL 1/2012, il legislatore ha inteso perseguire i seguenti obiettivi: rendere libera la contrattazione tra professionista e cliente nella determinazione del compenso dovuto e favorire lo sviluppo della concorrenza tra i professionisti, riducendo così i costi per la collettività; tutelare i fruitori delle prestazioni professionali, incentivando la trasparenza; facilitare l ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, riducendo i tempi e semplificando le procedure per accedere all esercizio delle professioni intellettuali 17. Ambito applicativo L art. 9 del DL 1/2012 nella rubrica fa riferimento espressamente alle professioni regolamentate, con la precisazione al co. 1 nel sistema ordinistico Comma inserito dall art. 10 co. 2 della L. 183/2011, come da ultimo modificato dall art. 33 co. 1 lett. a) del DL 201/2011. Cfr. AA.VV. Novità della c.d. «Manovra Monti» (DL n. 201, L n. 214), Schede di Aggiornamento on line, 1, 2012, p Si veda anche AA.VV. Novità della legge di stabilità 2012 (L n. 183), Schede di Aggiornamento, 12, 2011, p Cfr. AA.VV. Novità della legge di stabilità 2012 (L n. 183), cit., p In particolare, la suddetta innovazione legislativa si inserisce in un quadro europeo volto alla massima espansione del principio di concorrenza, che vede le professioni come attività economiche produttrici di ricchezza. In tale contesto sovranazionale di domanda e offerta delle prestazioni professionali, ai fini della creazione di strutture organizzative di maggiore ampiezza e con più mezzi personali e materiali, così le forme societarie costituiscono utili strumenti per creare organizzazioni più efficienti. Cfr. parere Consiglio di Stato n. 4832, in Banca Dati Eutekne. Cfr. comunicato stampa Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 11, in Banca Dati Eutekne, il dossier Cresci Italia: più concorrenza, più infrastrutture nel segno dell equità, , pubblicato sul sito Internet e la Relazione tecnica allegata al Ddl. (A.S. 3110) di conversione del DL 1/2012, pubblicato sul sito Internet In dottrina, si veda Mazza P. Professionisti: le misure a garanzia della libera concorrenza, Pratica fiscale e professionale, 7, 2012, p. 24. Schede di Aggiornamento on line

9 9 Pertanto, il riferimento è alle professioni intellettuali per le quali è previsto un Ordine o Collegio. L interpretazione è supportata dalla definizione di professione regolamentata fornita da ultimo dal DPR 137/2012 all art. 1 co. 1 lett. a) 18. Decorrenza Il DL 1/2012 e, nello specifico, le disposizioni sulle professioni regolamentate sono entrate in vigore il Riforma delle professioni regolamentate DL 138/2011 L. 183/2011 (modificata dal DL 1/2012) DL 1/2012 fissazione dei principi di riforma DPR 137/2012 regolamentazione delle società tra professionisti DM attuativo non ancora pubblicato in G.U. abrogazione delle tariffe determinazione del compenso al momento del conferimento dell incarico e obbligatorietà del preventivo di massima liquidazione del compenso da parte di un organo giurisdizionale sulla base di parametri ministeriali DM 140/2012 durata e modalità di svolgimento del tirocinio Fig. 3 - Principali interventi di modifica in tema di professioni regolamentate 2 ACCESSO ALLA PROFESSIONE L accesso e l esercizio dell attività professionale sono liberi. L albo unico nazionale degli iscritti è formato dall insieme degli albi territoriali di ogni professione ed è tenuto dal consiglio nazionale competente. L art. 3 co. 5 del DL 138/2011 prevede che, fatto salvo l esame di Stato di cui all art. 33 Cost. 20 ai fini dell accesso alle professioni regolamentate, gli ordinamenti professionali devono garantire che l esercizio dell attività risponda: ai principi di libera concorrenza; alla presenza diffusa dei professionisti su tutto il territorio nazionale; alla differenziazione e pluralità di offerta che garantisca l effettiva possibilità di scelta degli utenti nell ambito della più ampia informazione relativamente ai servizi offerti. Non sono ammesse eccezioni. La lett. a) del co. 5 dell art. 3 citato, poi, prescrive che la riforma degli ordinamenti professionali deve essere volta ad assicurare: la libertà dell accesso alla professione; l autonomia e l indipendenza di giudizio, intellettuale e tecnica, del professionista circa il suo esercizio. È consentita, solo in determinati casi e se prescritta da una disposizione di legge, la limitazione sul numero di persone titolate ad esercitare una certa professione in tutto il territorio dello Stato o in una certa area geografica. Regolamento attuativo In attuazione della normativa sopra richiamata, per quanto riguarda l accesso alle professioni regolamentate, l art. 2 co. 1 del DPR 137/2012 ha affermato: Cfr. il precedente La data di entrata in vigore corrisponde al giorno di pubblicazione del DL 1/2012 in Gazzetta Ufficiale (art. 98 del DL 1/2012). In particolare, ai sensi dell art. 33 co. 5 Cost. È prescritto un esame di Stato per l ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l abilitazione all esercizio professionale. Schede di Aggiornamento on line

10 10 il pieno principio di libertà; il divieto delle limitazioni alle iscrizioni agli albi professionali che non siano fondate su espresse previsioni relative: al possesso o al riconoscimento dei titoli previsti dalla legge per la qualifica e l esercizio professionale; alla mancanza di condanne penali o disciplinari irrevocabili; ad altri motivi imperativi di interesse generale. Restano comunque ferme le regole sull esame di Stato di cui all art. 33 Cost. Per quanto riguarda, poi, l esercizio della professione, l art. 2 co. 2 del DPR 137/2012 ha stabilito il principio di libertà e autonomia e indipendenza di giudizio, intellettuale e tecnico. Viene aggiunto che la formazione di albi speciali, comportanti la legittimazione a specifici esercizi dell attività professionale fondati su specializzazioni ovvero titoli o esami ulteriori, è ammessa solo su espressa disposizione di legge. Inoltre: non sono ammesse limitazioni, sotto qualsiasi forma, anche attraverso previsioni deontologiche, del numero di persone titolate ad esercitare la professione, con attività anche abituale e prevalente, su tutto o parte del territorio dello Stato. Vengono fatte salve specifiche deroghe fondate su ragioni di interesse pubblico, quale la tutela della salute 21 (co. 3); sono vietate le limitazioni di carattere discriminatorio, anche in via indiretta, all accesso e all esercizio della professione, fondate sulla nazionalità del professionista o sulla sede legale dell associazione professionale o della società tra professionisti (co. 4). Albo unico nazionale L art. 3 del DPR 137/2012 ha previsto una regolamentazione anche con riferimento alla disciplina degli albi. Nello specifico, viene fatta una distinzione fra: albi territoriali, relativi alle singole professioni regolamentate, tenuti dai rispettivi consigli dell Ordine o del Collegio territoriale. Si tratta di albi pubblici, che contengono l anagrafe di tutti gli iscritti, con l annotazione dei provvedimenti disciplinari adottati nei loro confronti (co. 1); albo unico nazionale degli iscritti, che contiene l insieme degli albi territoriali di ogni professione, tenuto dal consiglio nazionale competente. Ai fini dell aggiornamento dell albo unico nazionale, i consigli territoriali devono fornire senza indugio per via telematica ai consigli nazionali tutte le informazioni rilevanti (co. 2) LIBERA CONCORRENZA E PUBBLICITÀ INFORMATIVA È ammessa con ogni mezzo la pubblicità informativa avente ad oggetto, in particolare, le attività professionali regolamentate. Ai sensi dell art. 3 co. 5 lett. g) del DL 138/2011, la pubblicità informativa, con ogni mezzo, avente ad oggetto l attività professionale, le specializzazioni ed i titoli professionali posseduti, la struttura dello studio ed i compensi delle prestazioni, è libera. Le informazioni devono essere trasparenti, veritiere, corrette e non devono essere equivoche, ingannevoli, denigratorie. A tal proposito, si ricorda che già l art. 2 co. 1 lett. b) del DL 223/2006 stabiliva, in conformità al principio comunitario di libera concorrenza e a quello di libertà di circolazione delle persone e dei servizi, nonché al fine di assicurare agli utenti un effettiva facoltà di scelta nell esercizio dei propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato, l abrogazione delle disposizioni legislative e regolamentari che prevedevano, con riferimento alle attività libero professionali e intellettuali, il divieto, anche parziale, di svolgere pubblicità informativa circa i titoli e le specializzazioni professionali, le caratteristiche del servizio offerto, il prezzo e i costi complessivi delle prestazioni secondo criteri di trasparenza e veridicità del messaggio il cui rispetto è verificato dall ordine Viene fatta salva l applicazione delle disposizioni sull esercizio delle funzioni notarili. La creazione di un unico albo riferito ad ogni professione è posto al fine di una migliore organizzazione e gestione delle informazioni contenute negli albi. Cfr. la Relazione illustrativa al DPR 137/2012. Schede di Aggiornamento on line

11 11 Regolamento attuativo La disciplina sull attività informativa dell attività professionale, riprendendo la norma primaria, è contenuta all art. 4 del DPR 137/ Con tale disposizione si è inteso incentivare la concorrenza 24. A tal proposito, si segnala che, rispetto all art. 2 co. 1 lett. b) del DL 223/2006, non vi è il riferimento alla verifica sulla trasparenza e veridicità della pubblicità da parte degli Ordini. Tale disposizione, in particolare, era già stata ritenuta dall Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato non giustificata nell ambito dell ordinamento giuridico, oltre che potenzialmente lesiva della concorrenza, posto che la competenza dell Autorità stessa sul controllo della correttezza, veridicità e non ingannevolezza dei messaggi pubblicitari diffusi è estesa a qualsiasi soggetto nell ambito dello svolgimento della propria attività economica, quindi anche ai soggetti che svolgono attività libero professionali e intellettuali OGGETTO DELL INFORMATIVA Viene ammessa la pubblicità informativa avente ad oggetto: l attività delle professioni regolamentate; le specializzazioni e i titoli posseduti attinenti alla professione; la struttura dello studio professionale (nel senso della sua composizione 26 ); i compensi richiesti per le prestazioni (art. 4 co. 1 del DPR 137/2012). 3.2 MEZZI DELL INFORMATIVA La pubblicità informativa è ammessa con ogni mezzo (art. 4 co. 1 del DPR 137/2012). Pertanto, non vi sarebbero limiti all utilizzo degli strumenti promozionali, che, a titolo esemplificativo, si possono così elencare: televisione e radio; giornali e brochure; mail e siti web; affissioni e volantini; posta; gadget; pubblicazioni; conferenze LIMITI Le informazioni rese mediante pubblicità: devono essere funzionali all oggetto 28, veritiere e corrette; non devono violare l obbligo del segreto professionale; non devono essere equivoche, ingannevoli o denigratorie (art. 4 co. 2 del DPR 137/2012) Si consenta di rinviare a Vitale R. Pubblicità informativa libera per il professionista, Il Quotidiano del Commercialista, Cfr. la Relazione illustrativa al DPR 137/2012. Cfr. la Relazione AGCM Proposte di riforma concorrenziale ai fini della Legge annuale per il mercato e la concorrenza - anno 2012 del Cfr. la Relazione illustrativa al DPR 137/2012. Cfr. D Agnolo M. Pubblicità ammessa su tutti i media, Il Sole - 24 Ore, , p. 20. Con tale riferimento, si potrebbe dubitare sulla possibilità di pubblicizzare da parte del professionista un attività non rientrante nell esercizio dell attività professionale stessa (ad esempio, sponsorizzazione di corsi di formazione o di eventi culturali, benefici e così via). Cfr. D Agnolo M. Pubblicità ammessa su tutti i media, cit. e Parigi P. Vetrina illuminata sui prezzi, Il Sole - 24 Ore, , p. 15. In senso negativo sembra esprimersi la Relazione illustrativa al DPR 137/2012, nella quale viene precisato che il riferimento alla pubblicità come funzionale all oggetto è stata mantenuta in quanto ritenuta utile ad evitare che la pubblicità possa assumere caratteri di eccentrica estraneità ai contenuti professionali stessi. Schede di Aggiornamento on line

12 12 Pubblicità comparativa Nella Relazione illustrativa al DPR 137/2012 viene precisato che nel concetto di pubblicità informativa va ricompresa la pubblicità comparativa in termini assoluti, non invece la pubblicità comparativa in senso stretto. Pertanto, non è possibile per il professionista fare raffronti con altri professionisti. 3.4 VIOLAZIONI E SANZIONI La violazione delle disposizioni sopra descritte: costituisce illecito disciplinare; integra una violazione delle disposizioni di cui al DLgs. 206/2005, recante il Codice del consumo, e il DLgs. 145/2007, in materia di pubblicità ingannevole (art. 4 co. 3 del DPR 137/2012) OBBLIGO DI ASSICURAZIONE PROFESSIONALE Entro il , il professionista è tenuto a stipulare idonea assicurazione professionale. L obbligo per il professionista di stipulare una polizza professionale è stato introdotto dall art. 3 co. 5 lett. e) del DL 138/2011, il quale prevede che a tutela del cliente, il professionista è tenuto a stipulare idonea assicurazione per i rischi derivanti dall esercizio dell attività professionale. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell assunzione dell incarico, gli estremi della polizza stipulata per la responsabilità professionale e il relativo massimale. Le condizioni generali delle polizze assicurative di cui al presente comma possono essere negoziate, in convenzione con i propri iscritti, dai Consigli Nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti. Detto obbligo è stato, poi, ripreso dall art. 9 co. 4 secondo paragrafo del DL 1/2012, nel quale viene precisato che, tra gli obblighi posti a carico del professionista, vi è anche quello di indicare al momento del conferimento dell incarico i dati relativi alla polizza assicurativa per eventuali danni che possono nascere nell esercizio dell attività professionale. Regolamento attuativo: decorrenza Il mancato intervento del legislatore sul coordinamento delle due disposizioni aveva suscitato alcuni dubbi applicativi in merito alla decorrenza dell obbligo di stipula di una assicurazione professionale 30. Con l emanazione del DPR 137/2012 è stata eliminata ogni incertezza, rinviando direttamente l obbligo di stipula della polizza professionale a 12 mesi dall entrata in vigore del decreto, al fine di consentire la negozia L Autorità garante, ad esempio, potrà, d ufficio o su istanza di ogni soggetto o organizzazione che ne abbia interesse, inibire la continuazione e eliminare gli effetti delle pratiche commerciali scorrette e della pubblicità ingannevole e comparativa illecita. L Autorità garante, poi, potrà provvedere alla sospensione provvisoria, con provvedimento motivato, qualora sussista particolare urgenza (art. 27 del DLgs. 206/2005 e art. 8 del DLgs. 145/2007). Cfr. D Agnolo M. Sanzionato lo spot ingannevole, Il Sole - 24 Ore, , p. 20 e Galimberti A. Ormai storia la querelle per le «insegne», Il Sole - 24 Ore, , p. 20. A tal proposito, si ricorda che la formulazione delle norme precedenti al DPR 137/2012 aveva indotto il Servizio studi del Senato, in occasione della conversione in legge del DL 1/2012 a richiamare l attenzione sull opportunità di un ulteriore approfondimento, occorrendo forse chiarire se l obbligo di stipulare una polizza assicurativa per i danni decorra immediatamente o se sia subordinato all adozione del regolamento di delegificazione di cui al citato articolo 3, comma 5, del decreto legge n. 138 del 2011, fermo restando, in questa seconda ipotesi, l obbligo immediato di indicare i dati della polizza, qualora essa sia stata stipulata (cfr. la Scheda di lettura al disegno di legge - A.S. 3110, Conversione in legge del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo, delle infrastrutture e la competitività, elaborato dal Servizio Studi del Senato, febbraio 2012, disponibile sul sito Internet Si veda, inoltre, la Scheda di lettura al disegno di legge - A.C. 5025, elaborato dal Servizio Studi della Camera, , disponibile sul sito Internet In sede di conversione, la disposizione non era stata modificata. Sul punto, comunque, gli Ordini professionali avevano concordato nel ritenere che l obbligatorietà della stipula dell assicurazione professionale sarebbe decorsa solo successivamente al , data fissata per la riforma degli ordinamenti in conformità alle previsioni del DL 138/2011. In particolare, secondo il CNDCEC, nella nota informativa n. 21, in Banca Dati Eutekne (nella versione rettificata così come da nota informativa n. 24/2012), fino a tale momento il professionista avrebbe dovuto comunicare espressamente al cliente solo l eventuale assenza di una copertura assicurativa. Sembrava minoritario, invece, l orientamento in favore dell applicazione immediata (quindi, dallo scorso ) già dell obbligo di stipula della polizza assicurativa, secondo una interpretazione strettamente letterale dell art. 9 co. 4 del DL 1/2012 che fa riferimento al carattere imperativo dell indicazione dei dati, quindi, conseguentemente, anche della stipula della polizza. Cfr. Pacelli B. Copertura assicurativa, gli ordini non sono impreparati, Italia Oggi, , p. 23. Inoltre, vi è chi ha ritenuto anche la posticipazione dell obbligo di comunicazione al cliente della copertura assicurativa all adeguamento da parte degli Ordini dei propri ordinamenti (quindi, da tale momento e, comunque, dal ). Cfr. Siri M. Il cliente va informato su polizza e massimali, Il Sole - 24 Ore, , p. 55. Schede di Aggiornamento on line

13 13 zione delle convenzioni collettive da parte dei consigli nazionali e degli enti previdenziali dei professionisti, in modo da garantire un implementazione coerente e completa 31 (art. 5 co. 3 del DPR 137/2012) AMBITO APPLICATIVO: DESTINATARI Relativamente all ambito applicativo della disposizione, con riferimento ai destinatari, non sembra che la norma sia estesa a tutti i professionisti iscritti ad un Ordine o Collegio 33. In via preliminare, occorre, infatti, considerarare che il regolamento si applica alle professioni regolamentate quale attività, o insieme delle attività, riservate per espressa disposizione di legge o non riservate, il cui esercizio è consentito solo a seguito di iscrizione in Ordini o Collegi, in via subordinata al possesso di qualifiche professionali o all accertamento di specifiche professionalità e ai relativi professionisti quali esercenti la professione regolamentata (art. 1 del DPR 137/2012). Inoltre, la polizza deve coprire i danni derivanti al cliente dall esercizio dell attività professionale (art. 5 co. 1 del DPR 137/2012). Lo stesso art. 3 co. 5 lett. e) del DL 138/2011 è finalizzato alla tutela del cliente, sembrando così presupporre una correlazione fra copertura assicurativa e sussistenza di un rapporto di clientela, rispetto alla quale si pone l esercizio dell attività professionale. La Relazione illustrativa al regolamento, poi, proprio con riferimento all oggetto dell assicurazione riferito alla copertura per i danni derivanti al cliente, esclude dall obbligo in questione i professionisti che operano nell ambito di un rapporto di lavoro dipendente, lasciando all interprete, negli altri casi, di valutare quando vi sia o no un rapporto di clientela, tale da imporre l obbligo di assicurazione. 4.2 OGGETTO DELLA POLIZZA La polizza assicurativa si estende ai danni derivanti al cliente dall esercizio: dell attività professionale; delle attività di custodia di documenti e valori ricevuti dal cliente medesimo (art. 5 co. 1 primo paragrafo del DPR 137/2012). 4.3 OBBLIGHI INFORMATIVI A FAVORE DEL CLIENTE L obbligo assicurativo, poi, è affiancato da un preciso obbligo informativo a favore del cliente. Infatti, l art. 5 co. 1 secondo paragrafo del DPR 137/2012, in modo conforme a quanto già stabilito sia nel DL 138/2011, sia all art. 9 co. 4 del DL 1/2012, dispone che grava sul professionista l obbligo di rendere noti al cliente, già al momento dell assunzione/conferimento dell incarico, i seguenti elementi: estremi della polizza; massimale; ogni variazione successiva. Circa la decorrenza, dalla formulazione della norma sembrerebbe che anche gli obblighi informativi siano da includere nel rinvio disposto dal legislatore all art. 5 co. 3 del DPR 137/2012, D altro canto, si ricorda che, secondo il CNDCEC, in relazione all art. 9 citato e prima dell emanazione del DPR 137/2012, il professionista avrebbe dovuto comunicare, almeno fino all entrata a regime dell obbligo di stipula della polizza, solo l eventuale mancanza di una copertura assicurativa VIOLAZIONI E SANZIONI La violazione di tali obblighi, quindi, si ritiene sia dell obbligo assicurativo sia di quello informativo, costituisce illecito disciplinare (art. 5 co. 2 del DPR 137/2012) Così la Relazione illustrativa al DPR 137/2012. Ai sensi dell art. 3 co. 5.1 (comma inserito dall art. 1 co. 3-bis del DL n. 89, convertito, con modificazioni, dalla L n. 132), Limitatamente agli esercenti le professioni sanitarie, gli obblighi di cui al comma 5, lettera e), si applicano decorso un anno dalla data di entrata in vigore del decreto del Presidente della Repubblica di cui all alinea del medesimo comma 5, e comunque non oltre l entrata in vigore di specifica disciplina riguardante la responsabilita civile e le relative condizioni assicurative degli esercenti le professioni sanitarie. Si consenta di rinviare a Vitale R. Assicurazione professionale obbligatoria fra un anno, Il Quotidiano del Commercialista, e Vitale R. Assicurazione professionale al via con pieno di dubbi, Il Quotidiano del Commercialista, Così il CNDCEC, nella nota informativa 21/2012, cit. Schede di Aggiornamento on line

14 14 Assicurazione professionale per il professionista iscritto in un Ordine o Collegio obbligo di stipulare una idonea polizza professionale rendere noto al cliente: estremi della polizza; massimale; ogni variazione successiva violazione illecito professionale Fig. 4 - Assicurazione professionale 5 TIROCINIO È stata prevista l anticipazione dello svolgimento del tirocinio, ridotto alla durata massima di 18 mesi, nel corso degli studi universitari e il riconoscimento a favore del tirocinante di un rimborso spese forfetario. La disciplina sul tirocinio per l accesso alla professione risulta dal combinato disposto dei seguenti articoli: art. 3 co. 5 lett. c) del DL 138/2011 e art. 6 del DPR 137/2012; art. 9 co. 4 quarto paragrafo e co. 6 del DL 1/2012. Registro dei praticanti Il registro dei praticanti, la cui iscrizione costituisce condizione per lo svolgimento del tirocinio stesso, è tenuto presso il consiglio dell Ordine o Collegio territoriale. Ai fini dell iscrizione, occorre il conseguimento del titolo di laurea o il diverso titolo di istruzione previsti dalla legge per l accesso alla professione regolamentata, salva l ipotesi dello svolgimento del tirocinio contestuale al percorso di studi 35 (art. 6 co. 2 del DPR 137/2012). Il certificato di compiuta pratica è rilasciato dal consiglio dell Ordine o Collegio presso il quale è stato svolto, che, però, perde efficacia decorsi 5 anni senza il superamento dell esame di Stato (se previsto). Segue la cancellazione del soggetto dal registro dei praticanti (art. 6 co. 12 del DPR 137/2012). Esclusioni Vengono escluse dalla normativa richiamata, in punto durata e modalità del tirocinio, le professioni sanitarie, per le quali resta ferma la normativa specifica vigente (art. 9 co. 6 terzo paragrafo del DL 1/2012 e art. 6 co. 1 secondo paragrafo e co. 4 quinto paragrafo del DPR 137/2012). 5.1 OBBLIGATORIETÀ Il tirocinio professionale è obbligatorio solo qualora sia previsto dai singoli ordinamenti professionali (art. 6 co. 1 primo paragrafo del DPR 137/2012). 5.2 DURATA La durata massima del tirocinio è di 18 mesi (art. 9 co. 6 primo paragrafo e art. 6 co. 1 primo paragrafo del DPR 137/2012). 35 Rimangono ferme le altre disposizioni previste dall ordinamento universitario. Schede di Aggiornamento on line

15 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO Secondo l art. 3 co. 5 lett. c) del DL 138/2011, la disciplina del tirocinio deve conformarsi a criteri che garantiscano l effettivo svolgimento dell attività formativa e il suo adeguamento costante all esigenza di assicurare il miglior esercizio della professione. Più precisamente, ai sensi dell art. 6 co. 1 terzo paragrafo del DPR 137/2012, il tirocinio consiste nell addestramento, a contenuto teorico e pratico, del praticante ed è finalizzato a conseguire le capacità necessarie per l esercizio e la gestione organizzativa della professione. I praticanti devono osservare gli stessi doveri e norme deontologiche dei professionisti e sono soggetti allo stesso potere disciplinare (art. 6 co. 8 del DPR 137/2012) Svolgimento Per quanto riguarda le modalità di svolgimento, viene stabilito che il tirocinio può consistere: nella pratica svolta presso un professionista; nella frequenza con profitto di specifici corsi di formazione professionale (art. 6 co. 9 primo paragrafo del DPR 137/2012). Inoltre, il tirocinio può essere svolto: per i primi 6 mesi, in concomitanza con l ultimo anno del corso di studio per il conseguimento della laurea necessaria. Per l anticipazione dello svolgimento del tirocinio è necessaria un apposita convenzione quadro stipulata tra il consiglio nazionale dell Ordine o Collegio, il Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) e il Ministro vigilante (art. 9 co. 6 primo paragrafo del DL 1/2012 e art. 6 co. 4 secondo paragrafo del DPR 137/2012) 36 ; presso Pubbliche Amministrazioni, al conseguimento del relativo titolo di studio, in presenza di analoghe convenzioni tra i predetti consigli nazionali degli Ordini o Collegi e il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione (art. 9 co. 6 secondo paragrafo del DL 1/2012 e art. 6 co. 4 quarto paragrafo del DPR 137/2012) 37 ; presso enti o professionisti di altri Paesi con titolo equivalente e abilitati all esercizio della professione, in misura non superiore a 6 mesi (art. 6 co. 4 primo paragrafo del DPR 137/2012). Pratica presso un professionista In merito al professionista affidatario, viene stabilito che: deve avere almeno 5 anni di anzianità di iscrizione all albo; non può assumere più di 3 praticanti contemporaneamente, salva l autorizzazione motivata del competente consiglio territoriale sulla base di criteri relativi all attività professionale del richiedente e l organizzazione della stessa 38 ; deve assicurare che il tirocinio si svolga in modo funzionale alla sua finalità (art. 6 co. 3 del DPR 137/2012). Corsi di formazione La frequenza dei corsi di formazione, che rimane facoltativa ed alternativa alla pratica svolta presso un professionista 39, non può avere una durata superiore a 6 mesi. I corsi di formazione possono essere organizzati da: Ordini o Collegi; associazioni di iscritti agli albi e altri soggetti, autorizzati dai consigli nazionali degli Ordini o Collegi, su proposta motivata di delibera al Ministro vigilante e parere vincolante dello stesso 40 (art. 6 co. 9 del DPR 137/2012) Si fa presente che l art. 6 co. 4 del DPR 137/2012, rispetto alle prescrizioni dell art. 9 co. 6 del DL 1/2012, ha aggiunto che l anticipazione del tirocinio può avvenire solo durante l ultimo anno del corso di studio e che per la convenzione quadro occorre l intervento anche del Ministro vigilante. Viene inserita anche la possibilità per i consigli territoriali e le università (pubbliche e private) di stipulare convenzioni per regolare i reciproci rapporti (art. 6 co. 4 terzo paragrafo del DPR 137/2012). Cfr. Sacchettini E. Il tirocinio di 18 mesi inizia dall Università, Guida al Diritto, 7, 2012, p. 53 e 54. I criteri saranno stabiliti con regolamento del consiglio nazionale dell Ordine o Collegio, previo parere vincolante del Ministro vigilante. Così la Relazione illustrativa al DPR 137/2012. Schede di Aggiornamento on line

16 16 Viene demandato ad un apposito regolamento attuativo del consiglio nazionale dell Ordine o Collegio, da emanarsi previo parere favorevole del Ministro vigilante, entro un anno dall entrata in vigore del DPR 137/2012, la disciplina relativa a: modalità e condizioni per l istituzione dei corsi di formazione, in modo da garantire la libertà e il pluralismo dell offerta formativa e della relativa scelta individuale; contenuti formativi essenziali dei corsi di formazione; durata minima dei corsi di formazione, prevedendo un carico didattico non inferiore a 200 ore; modalità e condizioni per la frequenza dei corsi di formazione da parte del praticante, per le verifiche intermedie e finali del profitto, affidate ad una commissione composta da professionisti e docenti universitari, in pari numero, e presieduta da un docente universitario. Ciò per garantire omogeneità di giudizio su tutto il territorio nazionale. Non sono riconosciuti compensi, indennità o gettoni di presenza ai membri della commissione (art. 6 co. 10 del DPR 137/2012). Per la piena operatività della norma, però, occorre anche la verifica dell idoneità dei corsi organizzati da parte del Ministro vigilante e la dichiarazione della data a decorrere dalla quale la disposizione ( ) è applicabile al tirocinio (art. 6 co. 11 del DPR 137/2012). È consentito alle regioni disciplinare l attribuzione di fondi per l organizzazione di scuole, corsi ed eventi di tirocinio professionale (art. 6 co. 13 del DPR 137/2012) Interruzione L interruzione del tirocinio non comporta sempre l inefficacia del periodo svolto in precedenza. In particolare, perché il periodo che precede l interruzione possa valere ai fini del computo finale per l accesso alla professione: nel caso di giustificato motivo, l interruzione non dovrà comunque superare i 9 mesi; nel caso non vi sia alcun giustificato motivo, l interruzione non potrà superare i 3 mesi (art. 6 co. 7 del DPR 137/2012) Regime di incompatibilità Il tirocinio non determina l incompatibilità assoluta con l assunzione di un altro rapporto di lavoro, potendo essere svolto in concomitanza con: un rapporto di pubblico impiego; un rapporto di lavoro subordinato privato. In entrambi i casi, però, in conformità al principio delega di cui all art. 3 co. 5 lett. c) del DL 138/2011 del tirocinio informato sull effettivo svolgimento dell attività formativa, il rapporto di lavoro deve prevedere modalità ed orari di lavori idonei a consentirne appunto l affettivo svolgimento 41 (art. 6 co. 5 del DPR 137/2012). 5.4 RIMBORSO FORFETARIO L art. 6 co. 6 del DPR 137/2012, precisando che il tirocinio professionale non determina l instaurazione di un rapporto di lavoro subordinato anche occasionale, fa salvo quanto stabilito dall art. 9 co. 4 quarto paragrafo del DL 1/2012, relativo al rimborso forfetario riconosciuto al tirocinante. A tal proposito, si ricorda che il legislatore, nella versione originaria del DL 1/2012, aveva previsto l abrogazione dell obbligo di corresponsione al tirocinante di un equo compenso di natura indennitaria, commisurato al suo concreto apporto 42 (di cui all abrogato art. 3 co. 5 lett. c) secondo paragrafo del DL 138/2011). In sede di conversione del decreto, tuttavia, tale disposizione di fatto è stata reinserita mediante il riferimento a un rimborso spese : concordato fra tirocinante e il proprio dominus; forfetario; Nella Relazione illustrativa al DPR 137/2012 viene precisato che l intervento del Ministro vigilante, nel procedimento deliberativo consiliare, ha finalità di tutela verso comportamenti anticoncorrenziali da parte degli organi dotati di potere autorizzatorio. Sul rispetto della disposizione vigila il consiglio dell Ordine o Collegio territoriale. Cfr. Sacchettini E Il rebus del rimborso spese forfettario ai praticanti, Guida al Diritto, 13, 2012, p. VIII - X. Schede di Aggiornamento on line

17 17 corrisposto dopo i primi sei mesi di tirocinio (art. 9 co. 4 ultimo paragrafo del DL 1/2012). Per il periodo antecedente, dunque, il tirocinante presterà la propria opera in maniera gratuita salvo naturalmente diverso accordo fra le parti 43. Tirocinio Art. 3 co. 5 lett. c) del DL 138/2011 La disciplina del tirocinio per l accesso alla professione deve conformarsi a criteri che garantiscano l effettivo svolgimento dell attività formativa e il suo adeguamento costante all esigenza di assicurare il miglior esercizio della professione Art. 9 co. 4 e 6 DL 1/2012 Art. 6 del DPR 137/2012 Durata massima del tirocinio a 18 mesi Possibilità di svolgere il tirocinio per i primi 6 mesi in concomitanza con il corso di studio per il conseguimento della laurea, sulla base di apposite convenzioni quadro fra consigli nazionali e MIUR Possibilità di svolgere il tirocinio all esito del corso di laurea presso Amministrazione pubbliche, sulla base di apposite convenzioni fra consigli nazionali e Ministro per la pubblica Amministrazione e la Semplificazione Riconoscimento di un rimborso forfetario dopo i primi 6 mesi di tirocinio Viene aggiunto il carattere obbligatorio del tirocinio solo se previsto dai singoli ordinamenti professionali Viene aggiunto che: il tirocinio può essere anticipato solo nell ultimo anno del corso di studio per il conseguimento della laurea; per la stipula della convenzione quadro occorre la partecipazione anche del Ministro vigilante; sono ammesse convenzioni, conformi alle convenzioni quadro generali, fra consigli territoriali e le università per regolare i reciproci rapporti Viene precisato che il tirocinio non determina l instaurazione di un rapporto di lavoro subordinato anche occasionale Il tirocinio può consistere nella: pratica svolta presso un professionista affidatario (con almeno 5 anni di anzianità, non più di 3 praticanti contemporaneamente salvo autorizzazione); frequenza con profitto di corsi di formazione professionale (per non più di 6 mesi) Il tirocinio può essere svolto in costanza di rapporto di pubblico impiego o rapporto di lavoro subordinato privato 5.5 AMBITO APPLICATIVO: DECORRENZA L art. 6 co. 14 del DPR 137/2012 ha previsto che le disposizioni sopra richiamate si applicano ai tirocini iniziati dal giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto, fermo quanto già previsto dall articolo 9, comma 6, del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27. L art. 9 co. 6 del DL 1/2012 ha sancito, in particolare, che il tirocinio può avere una durata massima di 18 mesi. La mancanza di una disciplina transitoria ha suscitato alcune perplessità in ordine al regime di decorrenza della norma. Si riportano di seguito gli orientamenti emersi in occasione dell emanazione del DL 1/2012 al fine di delineare il regime di decorrenza del tirocinio. DL liberalizzazioni e dubbi applicativi Relativamente alla riduzione del tirocinio professionale ad un massimo di 18 mesi, è stata riconosciuta l efficacia immediatamente precettiva della disposizione, quindi applicabile in primis ai nuovi tirocini, vale a dire a quelli iniziati a far data dall entrata in vigore del DL 1/2012 ( ). Più dubbia è stata, invece, l estensione dell ambito applicativo anche ai tirocini già in corso di svolgimento Cfr. D Alessio S. Professioni, tirocinio con forfait, Italia Oggi7, , p. 10. A tal proposito, si fa presente che secondo il CNDCEC (cfr. lettera CNDCEC , inviata ai Ministeri della Giustizia e dell Università - nota informativa n. 20, in Banca Dati Eutekne), l immediata precettività consegue dalla tecnica legislativa utilizzata dal legislatore per l introduzione della disposizione in commento, con la conseguenza, però, di creare un vuoto normativo: da un lato l impossibilità per i nuovi tirocinanti di svolgere il tirocinio secondo la precedente convenzione quadro stipulata tra il Consiglio Nazionale stesso e il MIUR, in quanto incompatibile con la disciplina vigente, dall altro l attesa della sigla delle nuove convenzioni regolanti i percorsi alternativi ai tirocini tradizionali. Sul punto, cfr. Quaranta R. Tirocinio professionale a 18 mesi, il Schede di Aggiornamento on line

18 18 Sul punto, il Ministero della Giustizia è intervenuto con due indicazioni interpretative di segno opposto. Con il parere , l Ufficio Legislativo del Ministro della Giustizia ha interpretato il quadro normativo vigente nel senso che la riduzione a 18 mesi non si applica ai tirocini iniziati prima dell entrata in vigore delle nuove disposizioni ( ). Infatti, né il DL 1/2012, né la relativa legge di conversione (L. 27/2012) contengono disposizioni transitorie che regolino le situazioni instaurate prima dell entrata in vigore dello stesso DL 1/2012. Pertanto, in applicazione dei principi generali in materia di efficacia della legge nel tempo 46, le nuove norme sono ( ) destinate a trovare applicazione solo quando il tirocinio è iniziato successivamente al 24 gennaio Poi, il Dipartimento per gli Affari di Giustizia e la Direzione generale della giustizia civile del Ministero della Giustizia, con la circ , hanno propeso per una diversa interpretazione dell art. 9 co. 6 del DL 1/2012, ritenendo l applicazione immediata del tirocinio ridotto a tutti i tirocini in corso, anche quelli iniziati prima dell entrata in vigore della nuova disposizione 49. Nelle motivazioni del Ministero vi sono in particolare le seguenti: lo spirito della volontà legislativa è quello di favorire l accesso alla professione dei giovani; con una interpretazione diversa si creerebbero situazioni di disparità di trattamento nell accesso alla professione in relazione alla data di inizio del tirocinio, in contrasto con il principio costituzionale di eguaglianza sancito dall art. 3 Cost. Verrebbero, cioè, fortemente penalizzati tutti i soggetti che hanno iniziato la pratica subito prima l entrata in vigore della norma. Premesso quanto sopra, l art. 6 co. 14 del DPR 137/2012 andrebbe letto alla luce di tale ultimo orientamento interpretativo 50. Pertanto, le disposizioni di cui all art. 6 del DPR 137/2012, trovano applicazione: innanzitutto ai nuovi tirocini ex art. 6 co. 14 del DPR 137/2012, cioè quelli iniziati dal giorno successivo alla data di entrata in vigore del DPR 137/2012, quindi dal ; poi, a tutti i tirocini in corso, cioè quelli iniziati ante o post ex art. 9 co. 6 del DL 1/2012 (e della circolare del Ministero della Giustizia , cit.), richiamato dallo stesso art. 6 co. 14 del DPR 137/ Tale interpretazione è confermata anche dal MIUR; con la nota informativa n , infatti, il CNDCEC ha reso noto che il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ha inviato lo scorso un CNDCEC chiede chiarezza ai Ministeri, Il Quotidiano del Commercialista, , Costa G. Da chiarire se la pratica breve è retroattiva, Il Sole - 24 Ore, , p. 31 e Pacelli B. Chiarimenti sul tirocinio, Italia Oggi, , p. 29. In merito, si è espresso anche il Consiglio Nazionale Forense CNF (studio CNF n. 6, in Banca Dati Eutekne, 11), il quale ha, innanzitutto, precisato che l operatività della norma è subordinata alla stipulazione delle Convenzioni per lo svolgimento del tirocinio. Poi, secondo il CNF, il legislatore non si sarebbe limitato a modificare solo il termine di durata del tirocinio, ma ne avrebbe mutato proprio la fisionomia e la stessa logica. Si tratterebbe cioè di un nuovo modello di tirocinio professionale che escluderebbe, quindi, secondo l interpretazione più ragionevole, i tirocini in corso di svolgimento. In Banca Dati Eutekne. Art. 11 delle disposizioni preliminari al codice civile. Cfr. Damasco M. Non retroattivo il tirocinio professionale di 18 mesi, Il Quotidiano del Commercialista, e Negri G. Nuovo tirocinio non retroattivo, Il Sole - 24 Ore, , p. 21. A tal proposito, si osserva che il parere dell ufficio legislativo del Ministero della Giustizia, reso al Consiglio nazionale Forense, è stato ritenuto applicabile ai tirocinanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, in quanto si tratta della prima presa di posizione ufficiale assunta da un Ministero (così, il CNDCEC, nella nota informativa n. 45, in Banca Dati Eutekne). Si veda, inoltre, la nota informativa del CNDCEC n. 47, in Banca Dati Eutekne, nella quale, riportando la lettera che il MIUR aveva inviato ai Rettori delle Università italiane, si ribadiva la posizione interpretativa assunta dal Ministero della Giustizia. Cfr. Quaranta R. Nessuna retroattività per il tirocinio ridotto, lo conferma il MIUR, Il Quotidiano del Commercialista, In Banca Dati Eutekne. Cfr. Quaranta R. Dietrofront del Ministero della Giustizia: il tirocinio ridotto è retroattivo, Il Quotidiano del Commercialista, e Negri G. Il tirocinio breve di 18 mesi diventa retroattivo, Il Sole - 24 Ore, , p. 25. In merito, il CNDCEC, nella nota informativa n. 61, in Banca Dati Eutekne, ha chiarito che anche in assenza di ulteriori precisazioni da parte del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, si può ipotizzare l applicazione della nuova interpretazione ai tirocinanti iscritti ante , sia nella sezione A sia nella sezione B dell albo. Cfr. Quaranta R. Il tirocinio «ridotto» dei commercialisti può essere retroattivo, Il Quotidiano del Commercialista, A richiamo della nota informativa 61/2012, cfr. Pronto ordini CNDCEC n. 204 e n. 169, entrambe in Banca Dati Eutekne. Cfr. Del Bo J.M. Praticantato di 18 mesi per tutti, Il Sole - 24 Ore, , p. 3. Cfr. Cavalluzzo N. Per la pratica limite a 18 mesi, Il Sole - 24 Ore, , p. 10. In Banca Dati Eutekne. Schede di Aggiornamento on line

19 19 parere ai rettori delle Università in tema di durata del tirocinio professionale alla luce delle novità introdotte dal DL 1/2012. È stato, in particolare, precisato che: possono essere ammessi all esame di Stato tutti coloro che hanno compiuto 18 mesi di tirocinio professionale, anche se il tirocinio ha avuto inizio antecedentemente al ; con riferimento al tirocinio contestuale agli studi, è comunque necessario lo svolgimento di un anno di tirocinio dopo il conseguimento della laurea. Pertanto, ai fini del rilascio di compiuta tirocinio, il CNDCEC ha chiarito che, nel caso di tirocini contestuali agli studi, non è sufficiente il mero compimento dei 18 mesi, ma è necessario: il conseguimento della laurea specialistica o magistrale; dopo il conseguimento della laurea specialistica/magistrale, il compimento di un anno di tirocinio. Ne deriva che il tirocinio svolto in convenzione potrà essere riconosciuto per un periodo massimo di 6 mesi 53. durata massima 18 mesi presso un professionista o mediante frequenza con profitto di corsi di formazione professionale (per non più di 6 mesi) Tirocinio svolgimento anticipazione per i primi 6 mesi durante l ultimo anno del corso di studi universitari o presso Amministrazioni pubbliche all esito del corso di laurea in costanza di rapporto di pubblico impiego o di rapporto di lavoro subordinato privato rimborso spese in via forfetaria dal 6 mese di tirocinio Fig. 5 - Modalità di svolgimento del tirocinio 6 FORMAZIONE CONTINUA Il professionista ha l obbligo di curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale. La violazione costituisce illecito disciplinare. L art. 3 co. 5 lett. b) del DL 138/2011 prevede l obbligo per il professionista di seguire percorsi di formazione continua permanente predisposti sulla base di appositi regolamenti emanati dai consigli nazionali, fermo restando quanto previsto dalla normativa vigente in materia di educazione continua in medicina (ECM). La violazione dell obbligo di formazione continua determina un illecito disciplinare e come tale è sanzionato sulla base di quanto stabilito dall ordinamento professionale che dovrà integrare tale previsione. Regolamento attuativo L art. 7 co. 1 del DPR 137/2012, in attuazione dell art. 3 co. 5 lett. b) citato: impone a tutti i professionisti l obbligo di curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale; delinea la violazione di tale obbligo come illecito disciplinare. La prescrizione risponde all esigenza di garantire la qualità ed efficienza della prestazione professionale nell interesse dell utente e della collettività e all obiettivo dello sviluppo professionale 54. Obbligo di aggiornamento e corsi di formazione L organizzazione dei corsi di formazione è consentita a: Ordini e Collegi; Cfr. Quaranta R. Tirocinio ridotto retroattivo, ma almeno un anno deve essere svolto «post laurea», Il Quotidiano del Commercialista, , Negri G. L Università conferma: il tirocinio è retroattivo, Il Sole - 24 Ore, , p. 27 e Ventura G. Tirocini, in studio almeno un anno, Italia Oggi, , p. 30. Si consenta di rinviare a Vitale R. Formazione obbligatoria per tutti i professionisti, Il Quotidiano del Commercialista, Si veda, inoltre, Tosoni G.P. La formazione gioca la carta-mercato, Il Sole - 24 Ore, , p. 3. Schede di Aggiornamento on line

20 20 associazioni di iscritti agli albi e altri soggetti, su autorizzazione dei consigli nazionali degli Ordini o Collegi, che consegue, dietro proposta motivata degli stessi, al parere vincolante del Ministro vigilante 55 (art. 7 co. 2 del DPR 137/2012). L attività di formazione, organizzata dagli Ordini o Collegi, può essere svolta anche in cooperazione o convenzione con altri soggetti (art. 7 co. 5 del DPR 137/2012). Per l organizzazione di scuole, corsi ed eventi di formazione professionale, le Regioni possono disciplinare l attribuzione di fondi (art. 7 co. 6 del DPR 137/2012). Inoltre, viene ammessa la possibilità di: convenzioni fra consigli nazionali e università per regole comuni di riconoscimento reciproco dei crediti formativi professionali e universitari; regolamenti comuni dei consigli nazionali, previo parere favorevole dei Ministri vigilanti, per crediti formativi professionali interdisciplinari (art. 7 co. 4 del DPR 137/2012). Viene demandato ad un apposito regolamento del consiglio nazionale dell Ordine o Collegio, da emanarsi previo parere favorevole del Ministro vigilante entro un anno dall entrata in vigore del DPR 137/2012, la disciplina relativa a (art. 7 co. 3 del DPR 137/2012): le modalità e le condizioni per l assolvimento dell obbligo di aggiornamento da parte degli iscritti e per la gestione e l organizzazione dell attività di aggiornamento a cura degli Ordini o Collegi territoriali, delle associazioni professionali e dei soggetti autorizzati; i requisiti minimi dei corsi di aggiornamento, che devono essere uniformi per tutto il territorio nazionale; il valore del credito formativo professionale, quale unità di misura della formazione continua. Esclusioni Viene fatta salva la normativa vigente sull educazione continua in medicina (art. 7 co. 7 del DPR 137/2012). Formazione continua il professionista è tenuto ad un continuo e costante aggiornamento violazione illecito disciplinare corsi organizzati da: Ordini e Collegi associazioni di iscritti ad albi e altri soggetti (su autorizzazione dei consigli nazionali degli Ordini o Collegi) regolamento attuativo del Consiglio nazionale dell Ordine o Collegio (entro 1 anno dall entrata in vigore del DPR 137/2012) Fig. 6 - Formazione continua obbligatoria 7 PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Viene attribuita la funzione disciplinare a organi diversi da quelli aventi funzioni amministrative. Per tale scopo, viene prevista l incompatibilità della carica di consigliere dell Ordine territoriale o di consigliere nazionale con quella di membro dei consigli di disciplina territoriali e nazionali corrispondenti. Ai sensi dell art. 3 co. 5 lett. f) del DL 138/2011, gli ordinamenti professionali dovranno prevedere l istituzione di organi a livello territoriale, diversi da quelli aventi funzioni amministrative, ai quali sono specificamente affidate l istruzione e la decisione delle questioni disciplinari e di un organo nazionale di disciplina. La carica di consigliere dell Ordine territoriale o di consigliere nazionale è incompatibile con quella di membro dei consigli di disciplina nazionali e territoriali. Le disposizioni della presente lettera non si applicano alle professioni sanitarie per le quali resta confermata la normativa vigente. 55 Così come in tema di tirocinio, la Relazione illustrativa al DPR 137/2012 ha precisato che l intervento del Ministro vigilante, nel procedimento deliberativo consiliare, ha finalità di tutela verso comportamenti anticoncorrenziali da parte degli organi dotati di potere autorizzatorio. Schede di Aggiornamento on line

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it cnpi@cnpi.it C.F. 80191430588 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli