Fondi per le infrastrutture, fondi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondi per le infrastrutture, fondi"

Transcript

1 RAPPORTO Fondazioni bancarie, merchant bank del sociale Sono iniziative di "mission related investment"realizzati attraverso l'allocazione delpatrimonio stabile hanno un obiettivo di ritorno sociale Sgr, la leva delle merchant bank del sociale Dai fondi per le infrastrutture ai fondi di private equity è un fiorire di iniziative che rafforzano il ruolo delle Fondazioni quale terzo pilastro dello sviluppo. E la trasformazione dello statuto della Cassa depositi e prestiti, con la creazione di società di risparmio, potrebbe fare da volano PAOLAJADELUCA Fondi per le infrastrutture, fondi per la dotazione di capitale di rischio nelle partnership pubblico-privato, fondi dì fondi di private equity a sostegno delle piccole e medie imprese, fondi per l'housing sociale, è tutto un fiorire di iniziative chenelgiro dipochi anni promettono di fare delle Fondazioni bancarie vere e proprie merchant bank del sociale. La trasformazione dello statuto della Cdp, la Cassa depositi e prestiti, della quale le Fondazioni bancarie sono azioniste al 30 percento, potrebbe, anzi dovrebbe, fare da volano a questa metamorfosi. L'autorizzazione a creare Sgr, società di gestio - ne delrisparmio, come Cdpi, destinata a&'housing sociale e, prossimamente, quelle che nasceranno dal neonato fondo per le Pmi - le due grandi novità dell'ultimo anno - rappresentano infatti uno strumento per consolidare un modello di sviluppo orientato a quello che gli esperti chiamano venture phikmtrophy, un termine sotto il quale si raccoglie più genericamente il concetto di un investimento istituzionale finalizzato al sociale ma senza perdere di vista l'ottica del rendimento. UnodegliesempilooffreTT venture, il fondo per il trasferimento deirisultatidellaricercatecnologica dalle università eleimprese, promosso dalla Cariplo, di Cuneo, di Forlì, di Teramo e Parma in collaborazione con la camera di commercio di Milano. Con una ^ ^ dotazione inii senni ziale di 60 xs^ia _ dintenrento nidieuropuntaa dall'edilizia «^ ^ popolare cadialmenolso, ai più innovativo capace ^ veico. nanotecnologie larealtre500mi. lioni tra prestiti bancari e partner industriali e finanziari. E' evidente il ruolo dimoltiplicatore di risorse che questo tipo di investimenti può avere in quei settori dove, come per la ricerca scientifica, gli stanziamenti pubblici sono in calo. Ma che non perdono il loro valore strategico per l'industria e la competitività di un paese. Al mondo della ricerca le Fondazioni scientifiche hanno destinato, secondo i dati Acri relativi a!2008,ill5percento delle loro erogazioni. Ma si tratta di donazioni pure. Il discorso cambia quando si tratta di mettere in moto formule innovative: i cosiddetti mission-related investment. «Si tratta di investimenti finanziari, realizzati quindiattraversol'allocazionedelpatrimonio stabile, non della quota di esso dedicato all'attività erogatoria, il cui obiettivo non sia solo quello di un ritorno economico, ma anche di un ritorno sociale coerente con la missione della fondazione», racconta David Dal Maso, presidente di Avanzi Sri Research, osservatorio privilegiato per lo studio delle attività di finanzaeticaedi impresa a responsabilità sociale sostenuta. Le grandi Fondazioni si sono già attrezzate. Simuovein questa direzione il Programma Housing della Compagnia di San Paolo, partito nel 2006, che sta realizzando residenze temporanee nelle aree di Porta Palazzo e di San Salvano a Torino e partecipa ad altri interventi in network con fondazioni vicine, come la Crtela di Cuneo. Mala Compagnia di San Paolo ha attivato mission related investment anche in altri settori, dove è possibile usare la leva del private equity, legati allosviluppolocaleetecnologico: è presente in Innogest, la più grande Srg nel campo del venture capital, in Piemontech, a sua volta partecipata da varie istituzioni e investitori locali. E' inoltre tra i sottoscrittori delfondo PPP Italia, fondo chiuso di investimento specializzato in progetti di partenariato pubblico-privato. «Partecipiamo attravero Fondaco Sgr, controllata da Compagnia di San Paolo, insieme a Cariparo e Carisbo. In generale abbiamo costruito meccanismi finanziari consentano di tenere sotto controllo e bilanciare i rischi», raccontapiero Gastaldo, segretario generale Compagnia di San Paolo. L'investimento della fondazione non è quasi mai diretto, come provano i casi di venture philantrophy d'oltreoceano, che vedono la municipalità di New York tra le prime a cimentarsi in questo ambito. «Più frequentemente, avviene attraverso uno strumento, per esempio, un fondo - spiega Davide Dal Maso- il che consente di suddividere ilrischioe di accedere a professionalità non banali, necessarie per esempio nell'analisi del businessplan delle imprese che si va afinanziare». La crisi non ha risparmiato le Fondazioni, che ora aspettano con ansia le assemblee bancarie nelle quali si decidono gli eventuali dividendi, uno dei proventi chiave, dai quali dipende il mantenimento del patrimonio, obiettivo che le Fondazioninon possono perdere d'occhio proprio per le loro finalità istituzionali. A questo fine i mission related investment possono rivelarsi strategici per bilanciaregli alti ebassi del mercato. Soprattutto se individuano settori dall'elevato potenziale di sviluppo. Cornei! campo dell'energia, anche alternativa, e delle utility, verso le quali molte Fondazioni si sono mosse. La Cri. per esempio, ha partecipato per sei anni all'erogazione di fondi nel progetto Firenze Hydrolab, programma di ricerca avanzata per la produzione, immagazzinamento ed utilizzazione dell'idrogeno come vettore energetico: un progetto ritenuto talmente valido da aver dichiarato la disponibilità a sostenere, nei primi anni, l'avvio delprogetto stesso. Investimenti anticiclici è la parola d'ordine di Monte dei Paschi, con un comparto immobilizzato rivolto alla sottoscrizione di strumenti o veicoli ad alto contenuto innovativo. È questo il caso, ad esempio, della partnership tra Cassa depositi e prestiti, Toscana Innovazione, F2i, Sator e Clessidra. C e poi la partecipazione in Finanziaria Senese di Sviluppo, in Sansedoni, società di gestione e sviluppo immobiliare; infine nella tenuta Fontanafredda, a Barolo, un tempo di Banca Mps, oggi della e di due soci privati, uno dei quali è Oscar Farinetti, it'signoreataly". La Mps in partnership con la Scuola Normale di Pisa ha anche avviato la costituzione della società Siena Nanotech, che avrà sede a Poggibonsi, specializzata nel trasferimento tecnologico di nuove scoperte nell'ambito delle nanotecnologie. Ma il successo del venture philantrophy non si misura in soldi. «L'aspetto interessante è che da questi investimenti possa essere ricavato un dividendo "misto", dato da una componente economica e da una socio-ambientale», afferma DalMaso. Come dire, una eventuale riduzione del rendimento finanziario è comunque sempre compensatadaibeneficisociali.e'quello che fa la differenza tra un investimento in termini di stakeholder, da quello da puro shareholder. Il tema del dibattito attuale, alla luce della tempesta finanziaria globale. ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 3

2 Il patrimonio Le prime 6 fondazioni bancarie; anno 2008, in miliardi di euro C.R. Provincie Lombarde Monte dei Paschi di Siena' San Paolo di Torino C.R.Verona Vicenza 8.A. C.R. Torino C.R. O al netto deff avario oe 3^3: GIUSEPPE GUZZETTI Presidente Acri e presidente Cariplo CARLO GABBI Presidente Cariparma frale protagoniste della nascita di TTVenture OLTRE LE DONAZIONI Questi investimenti non toccano il capitale destinato alle erogazioni I principali settori beneficiari delie erogazioni Fondazioni bancarie, in % Beni e attività artistiche Ricerca istruzione e formazione Volontariato, beneficenza Sviluppo locale Salute pubblica 30,6 ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 4

3 LA NOVITÀ Borsa italiana si propone come socio dei fondo per le Pmi Un sostegno per le realtà minori che intendono crescere soprattutto con l'occhio rivolto ai mercati esteri Unnuovofondoperlepiccoleemedie imprese lanciato dal Tesoro e partecipato dalla Cdp, Cassa depositi e prestiti, e dalle tre principali banche italiane. La nuova iniziativa si inserisce nel piano di trasformazione della Cdp, i cui azionisti sono il ministero dell' economiae 66 fondazioni exbancarie con il 30% di quote che, grazie alle recenti modifiche statutarie consentiranno alla società guidata da Massimo Varazzani di estendere ulteriormente l'operatività. In particolare, la società potrà partecipare a fondi comuni di investimento il cui oggetto sociale realizzi i fini istituzionali della Cdp. L'operazione dovrebbe avvenire principalmente attraverso lacostituzione difondi difondi, ma è previsto anche l'ingresso di mi- Fondazioni bancarie, gii attivi noranzanel capitale, il co-investimento inaiti i fondi e finanziamenti subordinati convertibili. Il costituendo fondo italiano di investimento per le Pmi, destinato a fare da volano allo sviluppo del territorio, è uno dei primi esempi della nuova rotta imboccata dalla Cdp. Il Fondo italiano di investimento per le Pmi è finalizzato alla ricapitalizzazione delle aziende con fatturato tra 10 e 100 milioni di euro che puntano ad accrescere le loro quote di mercato, soprattutto all'estero. A sottoscrivere il primo miliardo del fondo saranno Cdp, Unicredit, Mps e Banca Intesa, per una durata massima di 14 anni. L'obiettivo ambizioso è di arrivare a un capitale di 3 miliardi di euro. La costituzione della Sgr, società di gestione del fondo è prevista per metà di febbraio e l'inizio degli investimenti per fine giugno. In vista, ci sono altre novità: secondo ì rumor si profila come prossimo socio Borsa italiana. (r.r.) ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 5

4 I nuovi mecenati che non badano a spese per l'arte Moltissime Fondazioni investono nell'acquisto e nella salvaguardia di dipinti, sculture, collezioni archeologiche. E nel restauro di antichi palazzi. Nelle loro sedi, trasformate spesso in autentici musei privati, custodiscono capolavori dei secoli passati ma non trascurano nemmeno gli artisti moderni ed emergenti LUDOVICO PRATESI Per anni hanno acquistato opered'arte,conloscopodi documentare la storia e le personalità più interessanti e vivaci delle regioni italiane. Così le fondazioni bancarie hanno creato un patrimonio di inestimabile valore, costruito nel tempo con pazienza e dedizione. Una maniera di inve - stire sull'arte generosa e sapiente, che permette oggi ad alcune città della penisola di avere veri e propri musei privati, gestiti con cura e attenzione. Occorre ricordare infatti che delle 88 realtà censite dall'acri (Associazione fondazioni e casse di risparmio), più della metà investe nell'arte, ma non sempre per costituire una propria collezione. Così ci sorto istituzioni che possono vantarsi di avere trasformato le proprie sedi in musei, dove vengono organizzate mostre temporanee, come la, la Carisbo di Bologna, la Monte dei Paschi a Siena o la Carisma di Macerata, mentre altre custodiscono i propri capolavori d'arte senza impegnarsi in eventi espositivi. Ma quali e quanti sono i tesori delle fondazioni? In che modo queste istituzioni hanno tenuto alto per decenni il vessillo dell'arte italiana in un paese dove il collezionismo pubblico per troppo tempo non è stato né attivo né lungimirante? Cominciamo dal contemporaneo, rimasto negletto nella gerarchia degli acquisti effettuati dallo Stato fino agli anni Novanta, quando è stata finalmente aggiornata la collezione della Galleria Nazionale d'arte Moderna e avviata quella del MAxxi, il Museo delle Arti del Ventunesimo Secolo. In questo settore la parte del leone spetta alla CRT di Torino, che nel 2000 ha costituito un organo espressamente dedicato all'arte moderna e contemporanea per arricchire e valorizzare il patrimonio artistico piemontese. Presieduta da Fulvio Gianaria, si avvale di un comitato scientifico composto da cinque direttori di museo, che suggeriscono le opere da acquistare, esposte nei due più importanti musei pubblici della città sabauda, la Galleria d'arte Moderna e il Castello di Rivoli. La raccolta della CRT riunisce circa250operediartistiitalianied internazionali dalsecondo dopoguerra ad oggi, che vanno dai dipintiastrattidicarlaaccardi, Piero Dorazio e Gastone Novelli ai Concetti Spaziali di Lucio Fontana, dalle sculture dei protagonisti dell'arte Povera come Alighiero Boetti, Giulio Paolini, Mario Merz o Luciano Fabro ai dipinti dei "transavanguardisti" Enzo Cucchi e Mimmo Paladino, fino ai linguaggi più contemporanei come la fotografia, rappresentata da opere di maestri come Luigi Ghiri e Mario Giacomelli ma anche da artisti delle ultime generazioni come Thomas Ruffo Paola Pivi. Molto presente nel versante del contemporaneo è anche la Carisbo a Bologna, presieduta da Fabio Roversi Monaco, mecenate e appassionato d'arte, impegnata in un programma denso di attività espositive dedicate ali ' arte d'oggi che si tengono in varie sedi, dal palazzo Saraceni alla chiesa di San Giorgio in Poggiale, dove il 21 gennaio si è inaugurata un'installazione permanente di Claudio Parmiggiani. La collezione della Carisbo va, comunque, dal Seicento al contemporaneo, e annovera alcuni capolavori come La Sibilla Samia (1651) del Guercino, Dimostrazione del XX Settembre (1915) di Giacomo Balla, Dorma vicina al tavolo (1937)diFeliceCasoratioInterior Garden di Francesco Clemente. Altrettanto variegata la raccolta della, presieduta da un altro amante dell'arte, il professor Emmanuele Emanuele, nominato pochi mesi fa presidente dell'azienda Speciale Palaexpò. Esposta al Museo del Corso, dove il prossimo 16 febbraio si inaugura un'ampia mostraantologicadedicataalpittore americano Edward Hopper, comprende una Deposizione del manieristafrancesco Salviati, un intenso ritratto della principessa Ludovisi di Pompeo Batoni e un grazioso ritratto di famiglia di Armando Spadini. Grande attenzione all'arte anche nella fondazione di Venezia, che da più di un secolo lega le sue acquisizioni alla Biennale, ed ha raccolto un insieme di dipinti firmati da maestri come Umberto Boccioni, Fortunato Depero, Felice Carena, Emilio Vedova e Giulio Turcato, oltre ad una pregevole raccolta di vetri d'artista. Così come alla Cariplo, che Fin dal 1823 colleziona arte, dai marmi antichi ai dipinti barocchi e neoclassici, per un totale di più di 200 opere. Più tradizionale la collezione della fondazione Monte dei Paschi di Siena, che riunisce 51 dipinti antichi, tra i quali una splendida Madonna col Bambino, capolavoro del primo Trecento attribuito a Segna di Bonaventura, allievo di Duccio da Buoninsegna. Degna di nota è anche l'attività delle fondazioni legate a città di provincia, che svolgono un ruolo di testimoni e garanti _, T delle correnti ****,e 9f tì artistiche legate amedanclw al territorio, cod, 2 T h,c,a me la Carisma raccolgono che ha sede nel '"J525? palazzo Ricci a suiiemiono Macerata, dove sono esposti alcuni rari dipinti di Scipione ( uno dei protagonisti dell'arte italianatrale due guerre) o la fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, che ha allestite nei saloni di palazzo Montani Arnaldi un itinerario dell'arte marchigiana e non solo dal Trecento al Novecento, che va dai dipinti alle ceramiche, dalle incisioni ai libretti di Gioacchino Rossini. Una missione perfettamente compiuta dalla fondazione Banco di Sicilia, che ha sede a Palermo, nella villa Zito, dove custodisce collezioni archeologiche e numismatiche, oltre ad una pinacoteca con 120 dipinti di scuola siciliana dell'ottocento e 150 del Novecento. Originale infine la raccolta della fondazione Banco di Napoli, dedicata principalmente a documenti d'archivio di scritture patrimoniali e bancarie: un altro modo per conservare la storia della propria città. Le quotazioni Andamento dei prezzi òtóisasters Fonte: ArtIndex&!arf<ét ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 6

5 Lepartecipazioni'bancarie sono ancora cresciute grazie alk sottoscrizione degli aumenti di capitale Sono quelli lanciati da numerosi colossi del credito per far fronte alla crisi globale dell'economia I proventi delle Fondazioni bancarie Composizione % 100 WALTER GALBIATI I Altri proventi ordinari e straord. I Ris. gestioni gestione fìnanz. "t Dividendi abte pariedp. Ré. gestione patrimoniali Si Dividendi da Conferttaria Milano Lo dice il loro nome, Fondazioni di origine bancaria. E non è quindi un caso che la maggior parte del patrimonio di questi enti sia investito per lo più nelle banche del nostro Paese. Del resto i nomi delle principali protagoniste del settore figurano trai socidicontrollo dei colossi del credito italiani. Sono la Cariplo, la Monte dei Paschi, la Compagnia di San Paolo, la Cassa di Risparmio di Verona e la Cassa di Risparmio di Torino. Nelle loro mani è concentrato una buona fetta del capitale di Unicredit e IntesaSanPaolo, i due più grandi player nazionali e del Monte dei Paschi. Nel complesso, secondo un rapporto dell'acri (l'associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio spa), agli 88 enti del settore fanno capo partecipazioni bancarie per 18,9 miliardi di euro e rappresentano il 32,4% del totale attivo dei loro bilanci contro il 25,9% del Laquotaècresciuta pervia della sottoscrizione dei numerosi aumenti di capitale che le banche hanno dovuto lanciare nel 2008 per rafforzare i propri patrimoni a seguitodellacrisi finanziaria che ha minato le basi dell'economia mondiale. Ma anche per l'andamento dei mercati che ha inciso negativamente sul valore di altre poste dell 'attivo. E in cosa investono di altro le Fondazioni bancarie? Ben il 63,7% delle attività fruttifere, pari a 37,3 miliardi di euro è investito in strumenti finanziari: 25,3 miliardi sono attività finanziarie gestite in proprio o tramite terzi, 11,3 miliardi partecipazioni in società diverse dalla conferi - tariae0,7miliardi investimenti in società strumentali. Gli investimenti in attività immobiliari sono invece poco più dell' 1 % dell'attivo. V. il bilancio 2008 della ( Cariplo, per esempio, fa ben comprendere quali siano gli investimenti tipo degli enti. Alla fine dell'esercizio il patrimonio netto della era investito per il 66,7% in investimenti indiretti (soprattutto fondi), per il 31,28% In partecipazioni, per 1' 1,8% in obbligazioni a tassi agevolati ("mission connected investments") e per lo 0,22% in opere d'arte, Immobili strumentali e beni mobili strumentali. Per quanto riguarda l'asset allocation, il 19,44% era in strumenti di mercato monetario, Der il 37,34% in strumenti obbligazionari, per il 34,45% nel comparto azionario Euro ed ùifine per l'8,78% nel comparto azionario extra-euro. Come tutti gli investitori, quindi, anche le fondazioni devono non solo conservare il patrimonio, ma anche cercare di farlo fruttare per finanziare le attività di cui sono sponsor. E, stando alle previsioni di una delle più importanti cased'affari svizzere, la Ubs, il 2010 potrebbe essere un annodi soddisfazioniperil principale asset delle Fondazioni, le banche. Secondo gli analisti dell'istituto svizzero, quello appena iniziato sarà un anno con i primi mesi caratterizzati dabassi tassi di interesse, ridotta crescita degli impieghi e aumento dei crediti in sofferenza. Ma con una seconda parte dell 'anno in cui con la ripresa dei tassi di interesse, le banche tornerannoacrescere.dopodueanni di contrazione degli utili, le attese sono per una ripresa nel 2010 e nel Secondo Ubs, un aumento dei lassi dell' 1 % avrebbe un impatto positivo sugli utili del 12% e del 5% sui margini di interesse. Il che significa un possibile aumento dei dividendi. Molti economisti credono poi che la congiuntura porterà con con sé anche le Borse: i dieci maggiori gestori americani prevedono per esempio che Wall Street salirà dell'i 1% nel 2010, mentre il principale colosso del credito Usa, Bankof America, calcola che, nonostante i rialzi del 2009, i prezzi delle azioni siano tutt'ora sotto la media dell'ultimo decennio in rapporto agli utili. I proventi delle Fondazioni bancarie Composizione % 100 i Altri proventi ordinali e straord. i Ris. gestione inv. fìnanz. r Dividendi B Ris. gestione patrimoniali a Dividendi da Conferitarta ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 8

6 Social housing, la lunga partenza ora i progetti possono decollare Il miliardo messo a disposizione dalla Cassa depositi e prestiti fa scattare la corsa degli enti locali ai progetti di costruzione di case da dare in affitto calmierato: ce ne sono già 7-8 ai blocchi di partenza Gli alloggi in affitto sullo stock residenziale In % sul totale ADRIANO BON AFEDE X Etutto un fiorire di iniziative. Il prossimo decollo del Fondo nazionale della Cassa depositi e prestiti per l'housing sociale, che parte con una dotazione iniziale di 1 miliardo di euro, sta stuzzicando l'interesse di Comuni e privati. Quel fondo, infatti, potrà investire in iniziative locali fino al 40 per cento del costo dell'iniziativa, e certo questo rende desiderabile approntare un'operazione per la costruzione di case a basso costo da destinare all'edilizia sociale. Ci sono almeno 7-8 progetti già a livello avanzato, sparsi fra Piemonte, Veneto, Marche, Lazio Toscana, Campania, Puglia. Secondo la Housing Sociale (l'organismo che fa capo alla Cariplo e opera a livello lombardo ma da poco ha allargato la sua operatività su scala nazionale) nell'arco di un anno- un anno e mezzo molti di questi progetti partiranno. «Certo - spiega Sergio Urbani, consigliere delegato della - bisogna considerare che gli iter per la realizzazione di progetti di social housing sono sempre lunghe, dovendo tener conto della complessità urbanistica e sociale, mentre direi che la parte finanziaria si può risolvere in tempi abbastanza brevi, soprattutto adesso che è.. T partito il primo Interessate fondo della giovani coppie cassadepositie e chi non può prestiti E senza permettersi considerare l'acquisto che è ^, avoro di un alloggio un ^ ^ & tecnici al ministero delle Infrastrutture per indire una procedura che selezioni altre sgr che creino fondi nazionali, da aggiungersi a quello della Cdp». Le previsioni della stessa Cassa depositi e prestiti dicono che il solo fondo della Cdp potrà mettere in moto iniziative pari a 5 miliardi. Le speranze sono davvero tante, anche perché è dagli anni Ottanta che è di fatto ferma l'edilizia sociale. I costruttori, da parte loro, hanno cercato in questi anni di andare incontro alle esigenze di chi non può spendere molto, di fatto riducendo le superna e rendendole più funzionali. Ma certo questo non può bastare ad affrontare i problemi di chi non arriva neppure a pagare non tanto un mutuo quanto un canone. L'operazione di social housing può risolvere il problema delle giovani coppie e di quanti non possono permettersi l'acquisto di una casa offrendo, a prezzo calmierato, un canone di affitto. Tuttavia questa operazione, per quanto bella sulla carta, non è di facile attuazione. Sono numerosi gli "attori" che devono intervenire. Prima di tutto, ovviamente, i Comuni. Si sa che ormai da tempo hanno dovuto ridurre gli investimenti per rispettare il "patto di stabilità". Questa del social housing è una buona novità per gli enti locali. Infatti qui di soldi se ne devono trovare pochi. Infatti normalmente ci si mette d'accordo con i privati che possiedono le aree. I privati cedonoalcomunerareain cambio della riserva di edificabilità di una parte (in genere il per cento) del totale. Poiarrivailmomento di coinvolgere tutti coloro che metteranno dei soldi o realizzeranno l'opera (Fondazioni bancarie, ex Iacp, cooperative, imprenditori edili, ecc.). Il fatto che d'ora in avantipotranno arrivare anche soldi dal Fondo della Cassa depositi e prestiti (e da altri eventuali futuri fondi privati al tal scopo costituiti) sarà un ulteriore elemento di spinta positiva. C ' è una domanda di fondo : visto che si tratta di case che devono costare poco, e rendere poco, come si trova la quadratura del cerchio visto che rutti i soggetti vorranno comunque realizzare dei guadagni? Sì, è vero, qui nessuno vuole "regalare" i quattrini. Però è vero che ci sono molti soggetti, a cominciare dalla Cassa depositi e prestiti, che svolge un ruolo istituzionale, che si accontentano di poco. Ovvero di una remunerazione al di sotto della media di mercato. La stessa Cassa deve remunerare i correntisti postali, ma si sa che questa raccolta ha un costo minore della media del mercato. Anche le Fondazioni bancarie - molto importanti a livello locale dove si progettano e si pensano gli interventi - si accontentano di una remunerazione bassa. E così forse anche gli ex Iacp. Per quanto riguarda i Comuni, abbiamo già mostrato che il loro intervento è fondamentale perché mette a disposizione l'area su cui si costruirà in modo da evitare le lungaggini burocratiche degli espropri e le inevitabili contestazioni sul prezzo di acquisizione. Fatto questo, anche i Comuni possono sottoscrivere le quote del fondo locale che promuoverà l'iniziativa di costruzione, ma anche loro avranno diritto a una piccola remunerazione. Imprenditori e cooperative di costruzione pretenderanno la loro giusta remunerazione per la loro attività, ma all'interno di un quadro di compatibilità. Mettendo (faticosamente) insieme tutti questi tasselli il social housing è fatto. FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Pag. 10

7 Milano Le attese sono per le assemblee delle banche che si terranno tra aprile e maggio. Saràinquell'occasionechesi decideranno i dividendi da distribuire ai soci per l'anno in corso. E le attese sono soprattutto delle Fondazioni bancarie, che come dice lo stesso nome, contano soprattutto sulle remunerazioni delle partecipazioni negli istituti di credito per distribuire sul territorio la loro munificenza. Gli ultimi dati disponibili sono relativi al E i bilanci par- lano di rendimenti tutto som mato decenti, visti il terremoto che ha colpito il settore dopo il fallimento Redditività in calo per la crisi La speranza del recupero si attende dalle assemblee delle banche di aprile e maggio di Lehman Brothers. I proventi totali (generati dalla somma dei proventi ordinari e straordinari) sono stati di 3,2 miliardi di euro, in calo del 19,4%rispettoai3,95del2007.La redditivitànettamediadelpatrimonio complessivo delle Fonli totale dei flussi è in discesa ma i dividendi da conferitane sono aumentati dazioni passa dall'8% al 5,4%, ma se si prendono in considerazionesololepartecipazionibancarie a valore di libro si registra un tasso medio di rendimento in aumento dal 14,8% del 2007 al 15,7%. Lo spaccato dei proventi conferma la tenuta e la validità degli investimenti nelle banche, nonostante la legge abbia imposto una riduzione alle Fondazioni. Sebbene il totale dei flussi ordinari delle Fondazioni, pari a 2,6 miliardi, sia diminuito del 31% circarispetto all'esercizioprecedente, i dividendi derivanti dalle partecipazioni nelle conferitarie (circa 2,3 miliardi) sono aumentati del 15% e, nella composizione totale dei proventi ordinari, la loro incidenza è passata dal 51,4%al78,5%.Iproventi straordinari sono stati pari a 546,6 milioni (contro i 131,6 milioni del 2007). A soffrire sono state le gestioni patrimoniale individuali e gli altri investimenti finanziari. (w.g.) FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Pag. 11

8 Dodici milioni per l'abruzzo la solidarietà è la parola d'ordine Li hanno stanziati le Fondazioni bancarie, un modello soprattutto italiano. All'estero infatti i veri protagonisti sono i privati: grandi filantropi e fondi costituti su base locale BILLGATES La Bill& Melinda Gates è la più grande al mondo con 28 miliardi di patrimonio Fondazioni bancarie, erogazioni tra pubblico e privato Quota % degli importi gg Enti privati gj Enti pubblici *. - Fonte' Acri 62,7 63, ROBERTO IMBOTTA Presidente della Carispaq, Cassa di risparmio della provincia dell'aquila Atti di liberalità in tanti settori che vanno, tra l'altro, dal sociale alla ricerca LUIGI DELL'OLIO Milano Dodici milioni per l'abruzzo. A metà gennaio l'acri, che rappresenta le fondazioni di origine bancaria, hamesso a disposizione dodici milioni di euro suddivisi tra un'iniziativa di sistema per le università, le istituzioni culturali e le realtà produttive locali e singoli progetti sostenuti dalle fondazioni aderenti. Sei milioni sono stati raccolti direttamente attraverso un progetto Acri, gli altri sei da un gruppo di fondazioni, capitanate da Carispaq, la fondazione della Cassa di Risparmio della provincia dell'aquila, dalla fondazione Pescarabruzzo e dalla Carichieti. Un'iniziativa che ha confermato il ruolo svolto da queste realtà non profit. Secondo il consuntivo 2008 dell'acri, le 88 realtà aderenti all'associazione possono contare complessivamente su un patrimonio di 48,85 miliardi di euro (+0,2% sul 2007). Attraverso gli utili derivanti dai propri investimenti (in primis le partecipazioni azionarie negli istituti di credito),questisoggettiognianno erogano gratuitamente intorno al miliardo e mezzo di euro. «Laparticolarità delle fondazioni di origine bancaria spiega Stefano Marchettini, direttore generale dell'acri stanelfatto che intervengono con atti di liberalità in una pluralità di settori che vanno dall'arte alla cultura, dalla ricerca alla formazione, al sostegno alle categorie sociali deboli, allo sviluppo delle comunità locali, tramite progetti realizzati sia direttamente, sia da soggetti terzi privati o pubblici, purché non profit». Unpesochenonhaparinelresto dell'occidente. «Ci sono realtà simili in alcuni paesi europei come la Germania e la Svezia, ma non raggiungono le dimensioni riscontrate in Italia», spiega Gianpaolo Barbetta, docente di Economia dei sistemi di welfare all'università Cattolica. «Tuttavia altrove sono molto sviluppate le fondazioni private, nate da patrimoni privati o delle aziende, che invece nella Penisola hanno un peso marginale». Barbetta attribuisce quest'ultimo aspetto a due ordini dimotivi: «Innanzitutto c'è una ragione culturale: la filantropia è più avvertita in altri paesi occidentali e questo ha spinto diverse multinazionali a creare fondazioni già molti anni fa. In secondo luogo, questo realtà nascono soprattutto in occasione dei passaggi generazionali, quando 0 patrimonio viene suddiviso tra molti eredi». Una strada finora percorsa solo da poche aziende in Italia e che trova riscontro nella ricerca "Family Foundation Philantrophy" realizzata dalla Cass Business School di Londra, mettendo a confronto la situazione nel nostro paese, in GranBretagna, Germania e Stati Uniti. Il quadro che emerge vede, da noi, solo poche fondazioni private degne di nota: tra le altre, Giorgio Cini, Pierfranco e Luisa Mariani, Giovanni Agnelli, Benetton Studi e Ricercha, Silvio Tronchetti Provera. «Realtà non paragonabili a quelle statunitensi, dove le fondazioni vengono scelte per l'impatto che esercitano sul pubblico e per la capacità di indurre cambiamenti sociali, grazie alla loro indipendenza e alle risorse sociali e finanziarie su cui possono contare riflette Deborah Bolognesi, una delle autrici Nella nostra ricerca abbiamo invece trovato grandi difficoltà a reperire informazioni, segno di una scarsa aperturaalconfronto e dipocaattenzione verso l'apprendimento delle migliori pratiche internazionali». Proprio negli Usa ha sedelapiùgrandealmondo.la Bill & Melinda Gates, creata dal fondatore di Microsoft e dalla moglie, con un patrimonio di circa 28 miliardi di dollari, attiva nella ricerca medica, nella lotta all'aids e alla malaria, nel miglioramento delle condizioni di vita nei paesi in via di sviluppo e nell'educazione. Ma grandi fondazioni private ci sono anche in Gran Bretagna (su tutte la Welcome TrustelaGatsbyCharitable Foundation) e in Germania (Bertelsmann Stiftung). Proprio dagli Stati Uniti, secondo Barbetta, l'italia potrebbe prendere esempio: «Il modello più facile da esportare riguarda le cosiddette community foundation spiegail docente Si tratta di fondazioni che fanno riferimento ai territori e che possono crescere attraverso le erogazioni, anche contenute, di molti soggetti. Negli ultimi anni sono nate le prime realtà di questo tipo nel nostro paese, ma i margini di crescita restano ampi». ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 12

9 Dopo il perìodo di formazione In trenta hanno già ottenuto un contratto Milano Un sostegno finanziario all'avvio di tirocini aziendali per i giovani di Salerno affinché, da questo periodo di conoscenza reciproca, nascano nuove occasioni di lavoro. È il succo del progetto "Job Training" avviato dalla Fonda- zione Cassa di Risparmio Salernitana, dal Comune di Salerno e dall'università locale per combattere la piaga della disoccupazione nel territorio e tamponare l'ondata migratoria verso 0 Nord. I giovani residenti a Salerno, che non debbono avere più di 30 anni ed essere laureati da non più di 24 mesi, possono avanzare la loro candidatura, che viene messa in relazione con le offerte delle aziende. La Salerno, via ad un progetto per il lavoro Si chiama "Job Training": organizza e finanzia tirocini nelle aziende per giovani laureati, nellasuaqualitàdi soggetto gestore e attuatore dei tirocini aziendali, svolge un'attività di direct mailingcon esse. Le aziende ospitantipossono avere sede nell'intero territorio nazionale, ma a fronte di domande in sovrannumero costituisce titolo preferenziale la localizzazione dell'attività nel comprensorio salernitano. In cambio dell'opportunità offerta, le imprese ricevono un contributo di euro, mentre ai giovani vanno 350 euro a titolo di rimborso spese. I tirocini durano tre mesi, eventualmente rinnovabili: 800 le richieste fin qui arrivate e 210 i giovani avviati all'esperienza diformazione sul campo. Per trenta di loro il tirocinio si è già trasformato in un contratto di lavoro. La promozione della formazione in azienda è al centro del dibattito politico: nei giorni scorsi il Governo è stato battuto alla Camera su una mozione del Pd che prevede l'impegno a finanziare l'inserimento di almeno loomila giovani del Mezzogiorno attraverso periodi di stage. (L d. o.) FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Pag. 14

Giovedì 18 Giugno 2015 P. 24

Giovedì 18 Giugno 2015 P. 24 Giovedì 18 Giugno 2015 P. 24 1 Giovedì 18 Giugno 2015 P. 24 2 3 Giovedì 18 Giugno 2015 P. 23 4 Giovedì 18 Giugno 2015 P. 13 5 6 Giovedì 18 Giugno 2015 P. 19 7 8 Palermo Giovedì 18 Giugno 2015 P. II-III

Dettagli

Investimenti deliberati da CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare (dati aggiornati al 24 settembre 2014)

Investimenti deliberati da CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare (dati aggiornati al 24 settembre 2014) Investimenti deliberati da CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare (dati aggiornati al 24 settembre 2014) Il Fia ha finora assunto complessivamente delibere definitive d investimento

Dettagli

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale.

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale. 19/11/2012 Veneto Casa Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale Storia e prospettive future 15 Novembre 2012 I.I. BENI Beni STABILI Stabili Gestioni GESTIONI S.P.A S.P.A. SGR - SGR

Dettagli

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING EDILIZIA PRIVATA SOCIALE, LA SFIDA DEI FONDI IMMOBILIARI (AGI) - Palermo, 8 mar. - Si e' svolto oggi presso la Fondazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Inaugurato Campus Monneret, una nuova residenza universitaria per la città

COMUNICATO STAMPA. Inaugurato Campus Monneret, una nuova residenza universitaria per la città COMUNICATO STAMPA Inaugurato Campus Monneret, una nuova residenza universitaria per la città Un iniziativa di Fondazione Cariplo e di Fondazione Housing Sociale, con il sostegno finanziario di Cassa Depositi

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

Art. 41 (Immobili uso abitativo)

Art. 41 (Immobili uso abitativo) Articolo 41 (Incremento del patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa) Per incrementare il patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa, con particolare

Dettagli

Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale

Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale 17 Ottobre 2012 Giacomo Morri, Topic Leader Real Estate BAA, Docente SDA Bocconi Paola Delmonte, Dirigente CDP Investimenti SGR,

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l edilizia privata Sociale FONDI IMMOBILIARI E HOUSING SOCIALE Roberto Brustia CBA Studio Legale e Tributario febbraio 2011 Premessa Per Social Housing si

Dettagli

Le politiche abitative Quali politiche per quali contesti? Giulia Cordella Corso politica sociale 2014-2015 giulia.cordella@gmail.com Cosa sono Interventi che si muovono per assicurare agli individui e

Dettagli

Investimenti deliberati dal cda di CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare

Investimenti deliberati dal cda di CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare Investimenti deliberati dal cda di CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare aggiornamento al 31 luglio 2015 Fondo: Parma Social House Ammontare obiettivo: 145 mln Investimento

Dettagli

www.fondazionecrt.it

www.fondazionecrt.it www.fondazionecrt.it Che cos è la Fondazione CRT La Fondazione CRT prende forma nel 1991 dalla Cassa di Risparmio di Torino, da cui eredita la missione filantropica e il nome: nasce infatti nel contesto

Dettagli

Fondo Housing Toscano

Fondo Housing Toscano Fondo Housing Toscano HOUSING SOCIALE_ Definizione Nuova offerta di alloggi e servizi con forte connotazione sociale per coloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato per

Dettagli

Promosso SHR il primo Fondo di Social Housing a Roma

Promosso SHR il primo Fondo di Social Housing a Roma Dossier Stampa a cura dell Ufficio stampa 20 giugno 2013 Promosso SHR il primo Fondo di Social Housing a Roma art Ufficio Stampa 20-GIU-2013 da pag. 22 Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario,

Dettagli

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010 Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale Torino, 4 Febbraio 2010 Premessa Nel febbraio 2009 Cassa Depositi e Presiti Spa (CDP), ACRI ed ABI hanno costituito CDP Investimenti Sgr S.p.A. (CDPI

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014 Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO MILANO 30 Gennaio 2014 Temi trattati Il mercato della locazione in Italia: trend recenti di contratti, domanda, offerta, quotazioni

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione 28 febbraio 2013 Salone d Onore del Comune di Cuneo 1.CHE COS È IL

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING Emergenza casa a Pisa: Convegno sulle soluzioni possibili Mercoledì 16 marzo alla stazione Leopolda Edilizia sociale, città, governo del territorio." I dati e il quadro di partenza sono molto preoccupanti.

Dettagli

Investire Immobiliare SGR Domenico Bilotta Direttore Generale, Sergio Catalano Direttore Asset Management, Paola di Pasquale Fund Manager

Investire Immobiliare SGR Domenico Bilotta Direttore Generale, Sergio Catalano Direttore Asset Management, Paola di Pasquale Fund Manager Approfondimento sul tema dell'housing sociale e dei fondi comuni di investimento immobiliare quali strumenti per la rivitalizzazione dei centri storici e per sviluppare nuove comunità solidali. Fermo,

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI

IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI Position Paper ASVI IMPACT FINANCE: COMPETENZE PER ACCEDERVI a cura di R. Randazzo e M. Crescenzi, 11 luglio 2012. Indice 1. Alcune domande d impatto sociale, M. Crescenzi, R. Randazzo p. 2 2. Abstract

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010

Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010 Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010 1 Documento di Programmazione Annuale Anno 2010 Premessa Il documento programmatico previsionale per l esercizio 2010 è redatto secondo le previsioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Presentazione 2 REPORT ANNUALE

Presentazione 2 REPORT ANNUALE Presentazione 2 REPORT ANNUALE Investitori istituzionali italiani: iscritti, risorse e gestori dei patrimoni previdenziali per l anno 2014 A cura del Centro Studi e Ricerche di Itinerari Previdenziali

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 Art. 1. Finalità e oggetto della legge 1. La Repubblica italiana riconosce il valore sociale e la funzione dell attività di volontariato

Dettagli

Capitali di rischio per le infrastrutture e il partenariato pubblico privato

Capitali di rischio per le infrastrutture e il partenariato pubblico privato Capitali di rischio per le infrastrutture e il partenariato pubblico privato OTTOBRE 2009 www.equiterspa.com 1 Contenuti 1 Profilo 2 Mercato di riferimento 3 Struttura, Portafoglio e Contatti 2 Obiettivi

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

IL PUBBLICO DEI MUSEI DI ARTE CONTEMPORANEA (Centro Studi e Ricerche Associazione Civita)

IL PUBBLICO DEI MUSEI DI ARTE CONTEMPORANEA (Centro Studi e Ricerche Associazione Civita) IL PUBBLICO DEI MUSEI DI ARTE CONTEMPORANEA (Centro Studi e Ricerche Associazione Civita) L indagine L indagine sul pubblico dell arte contemporanea, condotta dal Centro Studi e Ricerche dell Associazione

Dettagli

Legge 11/08/1991 Num. 266. Legge-quadro sul volontariato (in Gazz. Uff., 22 agosto, n. 196) Preambolo

Legge 11/08/1991 Num. 266. Legge-quadro sul volontariato (in Gazz. Uff., 22 agosto, n. 196) Preambolo Legge 11/08/1991 Num. 266 Legge-quadro sul volontariato (in Gazz. Uff., 22 agosto, n. 196) Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; Il Presidente della Repubblica:

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Brancaccio febbraio 2011 Il contesto di riferimento Con

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Documento di sintesi del progetto Roma, 16 dicembre 2009 Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Indice L obiettivo

Dettagli

LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA

LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Abruzzo Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell Aquila Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti Fondazione Pescarabruzzo Fondazione

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015 Le imprese a Bologna nel 2014 Marzo 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Intervento Avv. Giuseppe Guzzetti Presidente Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Intervento Avv. Giuseppe Guzzetti Presidente Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Intervento Avv. Giuseppe Guzzetti Presidente Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Aga - Efc Roma - 16 Maggio 2009 Buon giorno a tutti: ai Colleghi delle Fondazioni italiane e, soprattutto,

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

a. Il museo Madre Alimentazione: fondo del bilancio ordinario regionale, fondi di origine europea, ricavi propri, sponsorizzazioni e partenariati

a. Il museo Madre Alimentazione: fondo del bilancio ordinario regionale, fondi di origine europea, ricavi propri, sponsorizzazioni e partenariati I CINQUE CERCHI Indirizzi strategici della Fondazione Donnaregina 2012-2014 Cerchio 1. STRATEGIA SU DIMENSIONE METROPOLITANA a. Il museo Madre Alimentazione: fondo del bilancio ordinario regionale, fondi

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Maria Luisa Del Gatto Dipartimento BEST, Politecnico di Milano Giordana Ferri Fondazione Housing Sociale

Dettagli

COBE DIREZIONALE S.P.A. Società soggetta a direzione e coordinamento di COMUNE DI BERGAMO. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

COBE DIREZIONALE S.P.A. Società soggetta a direzione e coordinamento di COMUNE DI BERGAMO. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 COBE DIREZIONALE S.P.A. Società soggetta a direzione e coordinamento di COMUNE DI BERGAMO Sede in Piazza Matteotti n. 27-24122 BERGAMO Capitale sociale 750.000,00 i.v. Relazione sulla gestione del bilancio

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE. Norme in materia di edilizia residenziale pubblica e housing sociale. Relazione

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE. Norme in materia di edilizia residenziale pubblica e housing sociale. Relazione PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme in materia di edilizia residenziale pubblica e housing sociale Relazione Con la presente legge si intende procedere ad un riassetto del comparto dell edilizia residenziale,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Opportunità socioeconomica per rilanciare il settore edile, il mercato immobiliare e quello degli

Dettagli

SEZIONE II. Relazione Economica e Finanziaria LA GESTIONE DEL PATRIMONIO E LA STRATEGIA D INVESTIMENTO ADOTTATA

SEZIONE II. Relazione Economica e Finanziaria LA GESTIONE DEL PATRIMONIO E LA STRATEGIA D INVESTIMENTO ADOTTATA SEZIONE II Relazione Economica e Finanziaria LA GESTIONE DEL PATRIMONIO E LA STRATEGIA D INVESTIMENTO ADOTTATA Il quadro di riferimento Cominciato sotto il segno di due eventi la strage di Parigi e la

Dettagli

CDPI Sgr Cassa Depositi e Prestiti Sp ACRI

CDPI Sgr Cassa Depositi e Prestiti Sp ACRI Social Housing Il Social Housing nasce dall esigenza di risolvere il disagio abitativo delle famiglie a reddito medio e medio basso che, pur non rientrando nei piani di edilizia popolare, non riescono

Dettagli

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Ufficio Ricerca e Studi Asti, 28 novembre 2014 Perché Social housing La questione abitativa in Italia ha acquisito, nel corso degli ultimi

Dettagli

Centro Studi sul Non Profit

Centro Studi sul Non Profit RICERCA COMPARATIVA: IL FUND E PEOPLE RAISING PER LA SANITA IN ITALIA, NEGLI STATI UNITI D AMERICA E REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA E IRLANDA DEL NORD (Ricerca completata in data 30/09/2011) di Raffaele

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Marchettini Marzo 2011 Contenuti del documento Il mercato

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 1 agosto 2014

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 1 agosto 2014 Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 03604/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti MP 1/C CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2011

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2011 1. LA COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI SOCIALI AL 31.12.2011 PRESIDENTE ONORARIO Salvatore Settis CONSIGLIO DIRETTIVO Paolo Cavaglione Presidente Silvia Mascheroni

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

Legge 11 agosto 1991, n. 266. "Legge-quadro sul volontariato" (Pubblicata in G.U. 22 agosto 1991, n. 196)

Legge 11 agosto 1991, n. 266. Legge-quadro sul volontariato (Pubblicata in G.U. 22 agosto 1991, n. 196) Legge 11 agosto 1991, n. 266 "Legge-quadro sul volontariato" (Pubblicata in G.U. 22 agosto 1991, n. 196) 1. Finalità e oggetto della legge. - 1. La Repubblica italiana riconosce il valore sociale e la

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO M A G G I O 2002 DODICI Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA Alla sua elaborazione hanno partecipato: Paolo Andreozzi

Dettagli

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE Reagire alla crisi: 610 Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE 10 Reagire alla crisi Se sei un imprenditore e hai bisogno di nuovi finanziamenti o

Dettagli

STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL

STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL QUADERNO TECNICO STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL CREDITO OTTOBRE 2013 STRUMENTI E AZIONI: ACCORDO ABI-CONFINDUSTRIA 2013 FONDO JESSICA TRANCHED COVER (EX DGR ACCELERAZIONE DELLA SPESA DEI FONDI EUROPEI)

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013

L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013 RISERVATO E CONFIDENZIALE L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013 Fondazione Housing Sociale nasce per rispondere a un bisogno La Fondazione Housing Sociale ( FHS o la Fondazione

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2014. Milano, 25.03.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2014. Milano, 25.03.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2014 Milano, 25.03.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Il rafforzamento delle attività nel Real Estate IV Risultati di

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

CONVEGNO CASA IMMIGRATI.

CONVEGNO CASA IMMIGRATI. CONVEGNO CASA IMMIGRATI. Percorsi possibili Il contesto attuale Nello studio sugli insediamenti degli immigrati nella nostra provincia, si deduce che è avvenuto in modo omogeneo nell intero territorio

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno

Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno Nel 2011 ad iniziativa di Fondazione Tercas e Fondazione CARISAP è stato istituito il Fondo Housing Sociale (HS) Italia Centrale,

Dettagli

INDIRIZZI, CRITICITÀ ED ESPERIENZE NELLA STRUTTURAZIONE DEI FONDI DI HOUSING SOCIALE

INDIRIZZI, CRITICITÀ ED ESPERIENZE NELLA STRUTTURAZIONE DEI FONDI DI HOUSING SOCIALE INDIRIZZI, CRITICITÀ ED ESPERIENZE NELLA STRUTTURAZIONE DEI FONDI DI HOUSING SOCIALE Convegno I fondi di investimento immobiliare Strumenti per promuovere interventi di edilizia privata sociale e per valorizzare

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 2004-2005) - 50 100 150 200 250 300 350

Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 2004-2005) - 50 100 150 200 250 300 350 Camera dei Deputati 81 Senato della Repubblica Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 040) Migliaia 0 0 10 0 20 300 30 Piemonte 0,0 Valle

Dettagli

ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI

ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI VOLUMI ATTIVITA' Volumi x 000 1.1 Consistenze (al lordo della cartolarizzazione) 1.2 Credito cartolarizzato credito in essere

Dettagli

21 CONGRESSO NAZIONALE ACRI IDENTITA, RADICI DEL FUTURO Siena, 10-11 giugno 2009 Sessione dedicata alle Fondazioni ore 14,15 Saluto i relatori ed i

21 CONGRESSO NAZIONALE ACRI IDENTITA, RADICI DEL FUTURO Siena, 10-11 giugno 2009 Sessione dedicata alle Fondazioni ore 14,15 Saluto i relatori ed i 21 CONGRESSO NAZIONALE ACRI IDENTITA, RADICI DEL FUTURO Siena, 10-11 giugno 2009 Sessione dedicata alle Fondazioni ore 14,15 Saluto i relatori ed i congressisti, e sono lieto di presiedere la sessione

Dettagli

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE

UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE UNA STRATEGIA PER LA CULTURA. UNA STRATEGIA PER IL PAESE Rapporto Annuale Federculture 2013 - Roma e Lazio, dati e tendenze - La dotazione culturale e l offerta Il territorio del Lazio, con all interno

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO I DATI DI GREENITALY DI FONDAZIONE SYMBOLA E UNIONCAMERE DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO 372MILA IMPRESE (24,5% DEL TOTALE) PUNTANO SULLA GREEN

Dettagli

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI Milano, 26 Novembre 2010 L intervento pubblico: principi di intervento Nel contesto odierno l intervento pubblico deve essere finalizzato a : Individuare soluzioni per

Dettagli

La classe media americana non è più la più ricca del mondo

La classe media americana non è più la più ricca del mondo RESeT INTERNAZIONALE The New York Times DAVID LEONHARDT E KEVIN QUEALY ED. IT. DI MARIA CARANNANTE 22 aprile 2014 La classe media americana non è più la più ricca del mondo La classe media americana, a

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Verona 25 Novembre 2010 Le principali tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE DI CUI ALL ART. 2501-TER CODICE CIVILE

PROGETTO DI FUSIONE DI CUI ALL ART. 2501-TER CODICE CIVILE PROGETTO DI FUSIONE DI CUI ALL ART. 2501-TER CODICE CIVILE [QUESTA PAGINA È STATA LASCIATA INTENZIONALMENTE IN BIANCO] PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE IN BANCA INTESA S.P.A. DI SANPAOLO IMI S.P.A.

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli