Fondi per le infrastrutture, fondi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondi per le infrastrutture, fondi"

Transcript

1 RAPPORTO Fondazioni bancarie, merchant bank del sociale Sono iniziative di "mission related investment"realizzati attraverso l'allocazione delpatrimonio stabile hanno un obiettivo di ritorno sociale Sgr, la leva delle merchant bank del sociale Dai fondi per le infrastrutture ai fondi di private equity è un fiorire di iniziative che rafforzano il ruolo delle Fondazioni quale terzo pilastro dello sviluppo. E la trasformazione dello statuto della Cassa depositi e prestiti, con la creazione di società di risparmio, potrebbe fare da volano PAOLAJADELUCA Fondi per le infrastrutture, fondi per la dotazione di capitale di rischio nelle partnership pubblico-privato, fondi dì fondi di private equity a sostegno delle piccole e medie imprese, fondi per l'housing sociale, è tutto un fiorire di iniziative chenelgiro dipochi anni promettono di fare delle Fondazioni bancarie vere e proprie merchant bank del sociale. La trasformazione dello statuto della Cdp, la Cassa depositi e prestiti, della quale le Fondazioni bancarie sono azioniste al 30 percento, potrebbe, anzi dovrebbe, fare da volano a questa metamorfosi. L'autorizzazione a creare Sgr, società di gestio - ne delrisparmio, come Cdpi, destinata a&'housing sociale e, prossimamente, quelle che nasceranno dal neonato fondo per le Pmi - le due grandi novità dell'ultimo anno - rappresentano infatti uno strumento per consolidare un modello di sviluppo orientato a quello che gli esperti chiamano venture phikmtrophy, un termine sotto il quale si raccoglie più genericamente il concetto di un investimento istituzionale finalizzato al sociale ma senza perdere di vista l'ottica del rendimento. UnodegliesempilooffreTT venture, il fondo per il trasferimento deirisultatidellaricercatecnologica dalle università eleimprese, promosso dalla Cariplo, di Cuneo, di Forlì, di Teramo e Parma in collaborazione con la camera di commercio di Milano. Con una ^ ^ dotazione inii senni ziale di 60 xs^ia _ dintenrento nidieuropuntaa dall'edilizia «^ ^ popolare cadialmenolso, ai più innovativo capace ^ veico. nanotecnologie larealtre500mi. lioni tra prestiti bancari e partner industriali e finanziari. E' evidente il ruolo dimoltiplicatore di risorse che questo tipo di investimenti può avere in quei settori dove, come per la ricerca scientifica, gli stanziamenti pubblici sono in calo. Ma che non perdono il loro valore strategico per l'industria e la competitività di un paese. Al mondo della ricerca le Fondazioni scientifiche hanno destinato, secondo i dati Acri relativi a!2008,ill5percento delle loro erogazioni. Ma si tratta di donazioni pure. Il discorso cambia quando si tratta di mettere in moto formule innovative: i cosiddetti mission-related investment. «Si tratta di investimenti finanziari, realizzati quindiattraversol'allocazionedelpatrimonio stabile, non della quota di esso dedicato all'attività erogatoria, il cui obiettivo non sia solo quello di un ritorno economico, ma anche di un ritorno sociale coerente con la missione della fondazione», racconta David Dal Maso, presidente di Avanzi Sri Research, osservatorio privilegiato per lo studio delle attività di finanzaeticaedi impresa a responsabilità sociale sostenuta. Le grandi Fondazioni si sono già attrezzate. Simuovein questa direzione il Programma Housing della Compagnia di San Paolo, partito nel 2006, che sta realizzando residenze temporanee nelle aree di Porta Palazzo e di San Salvano a Torino e partecipa ad altri interventi in network con fondazioni vicine, come la Crtela di Cuneo. Mala Compagnia di San Paolo ha attivato mission related investment anche in altri settori, dove è possibile usare la leva del private equity, legati allosviluppolocaleetecnologico: è presente in Innogest, la più grande Srg nel campo del venture capital, in Piemontech, a sua volta partecipata da varie istituzioni e investitori locali. E' inoltre tra i sottoscrittori delfondo PPP Italia, fondo chiuso di investimento specializzato in progetti di partenariato pubblico-privato. «Partecipiamo attravero Fondaco Sgr, controllata da Compagnia di San Paolo, insieme a Cariparo e Carisbo. In generale abbiamo costruito meccanismi finanziari consentano di tenere sotto controllo e bilanciare i rischi», raccontapiero Gastaldo, segretario generale Compagnia di San Paolo. L'investimento della fondazione non è quasi mai diretto, come provano i casi di venture philantrophy d'oltreoceano, che vedono la municipalità di New York tra le prime a cimentarsi in questo ambito. «Più frequentemente, avviene attraverso uno strumento, per esempio, un fondo - spiega Davide Dal Maso- il che consente di suddividere ilrischioe di accedere a professionalità non banali, necessarie per esempio nell'analisi del businessplan delle imprese che si va afinanziare». La crisi non ha risparmiato le Fondazioni, che ora aspettano con ansia le assemblee bancarie nelle quali si decidono gli eventuali dividendi, uno dei proventi chiave, dai quali dipende il mantenimento del patrimonio, obiettivo che le Fondazioninon possono perdere d'occhio proprio per le loro finalità istituzionali. A questo fine i mission related investment possono rivelarsi strategici per bilanciaregli alti ebassi del mercato. Soprattutto se individuano settori dall'elevato potenziale di sviluppo. Cornei! campo dell'energia, anche alternativa, e delle utility, verso le quali molte Fondazioni si sono mosse. La Cri. per esempio, ha partecipato per sei anni all'erogazione di fondi nel progetto Firenze Hydrolab, programma di ricerca avanzata per la produzione, immagazzinamento ed utilizzazione dell'idrogeno come vettore energetico: un progetto ritenuto talmente valido da aver dichiarato la disponibilità a sostenere, nei primi anni, l'avvio delprogetto stesso. Investimenti anticiclici è la parola d'ordine di Monte dei Paschi, con un comparto immobilizzato rivolto alla sottoscrizione di strumenti o veicoli ad alto contenuto innovativo. È questo il caso, ad esempio, della partnership tra Cassa depositi e prestiti, Toscana Innovazione, F2i, Sator e Clessidra. C e poi la partecipazione in Finanziaria Senese di Sviluppo, in Sansedoni, società di gestione e sviluppo immobiliare; infine nella tenuta Fontanafredda, a Barolo, un tempo di Banca Mps, oggi della e di due soci privati, uno dei quali è Oscar Farinetti, it'signoreataly". La Mps in partnership con la Scuola Normale di Pisa ha anche avviato la costituzione della società Siena Nanotech, che avrà sede a Poggibonsi, specializzata nel trasferimento tecnologico di nuove scoperte nell'ambito delle nanotecnologie. Ma il successo del venture philantrophy non si misura in soldi. «L'aspetto interessante è che da questi investimenti possa essere ricavato un dividendo "misto", dato da una componente economica e da una socio-ambientale», afferma DalMaso. Come dire, una eventuale riduzione del rendimento finanziario è comunque sempre compensatadaibeneficisociali.e'quello che fa la differenza tra un investimento in termini di stakeholder, da quello da puro shareholder. Il tema del dibattito attuale, alla luce della tempesta finanziaria globale. ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 3

2 Il patrimonio Le prime 6 fondazioni bancarie; anno 2008, in miliardi di euro C.R. Provincie Lombarde Monte dei Paschi di Siena' San Paolo di Torino C.R.Verona Vicenza 8.A. C.R. Torino C.R. O al netto deff avario oe 3^3: GIUSEPPE GUZZETTI Presidente Acri e presidente Cariplo CARLO GABBI Presidente Cariparma frale protagoniste della nascita di TTVenture OLTRE LE DONAZIONI Questi investimenti non toccano il capitale destinato alle erogazioni I principali settori beneficiari delie erogazioni Fondazioni bancarie, in % Beni e attività artistiche Ricerca istruzione e formazione Volontariato, beneficenza Sviluppo locale Salute pubblica 30,6 ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 4

3 LA NOVITÀ Borsa italiana si propone come socio dei fondo per le Pmi Un sostegno per le realtà minori che intendono crescere soprattutto con l'occhio rivolto ai mercati esteri Unnuovofondoperlepiccoleemedie imprese lanciato dal Tesoro e partecipato dalla Cdp, Cassa depositi e prestiti, e dalle tre principali banche italiane. La nuova iniziativa si inserisce nel piano di trasformazione della Cdp, i cui azionisti sono il ministero dell' economiae 66 fondazioni exbancarie con il 30% di quote che, grazie alle recenti modifiche statutarie consentiranno alla società guidata da Massimo Varazzani di estendere ulteriormente l'operatività. In particolare, la società potrà partecipare a fondi comuni di investimento il cui oggetto sociale realizzi i fini istituzionali della Cdp. L'operazione dovrebbe avvenire principalmente attraverso lacostituzione difondi difondi, ma è previsto anche l'ingresso di mi- Fondazioni bancarie, gii attivi noranzanel capitale, il co-investimento inaiti i fondi e finanziamenti subordinati convertibili. Il costituendo fondo italiano di investimento per le Pmi, destinato a fare da volano allo sviluppo del territorio, è uno dei primi esempi della nuova rotta imboccata dalla Cdp. Il Fondo italiano di investimento per le Pmi è finalizzato alla ricapitalizzazione delle aziende con fatturato tra 10 e 100 milioni di euro che puntano ad accrescere le loro quote di mercato, soprattutto all'estero. A sottoscrivere il primo miliardo del fondo saranno Cdp, Unicredit, Mps e Banca Intesa, per una durata massima di 14 anni. L'obiettivo ambizioso è di arrivare a un capitale di 3 miliardi di euro. La costituzione della Sgr, società di gestione del fondo è prevista per metà di febbraio e l'inizio degli investimenti per fine giugno. In vista, ci sono altre novità: secondo ì rumor si profila come prossimo socio Borsa italiana. (r.r.) ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 5

4 I nuovi mecenati che non badano a spese per l'arte Moltissime Fondazioni investono nell'acquisto e nella salvaguardia di dipinti, sculture, collezioni archeologiche. E nel restauro di antichi palazzi. Nelle loro sedi, trasformate spesso in autentici musei privati, custodiscono capolavori dei secoli passati ma non trascurano nemmeno gli artisti moderni ed emergenti LUDOVICO PRATESI Per anni hanno acquistato opered'arte,conloscopodi documentare la storia e le personalità più interessanti e vivaci delle regioni italiane. Così le fondazioni bancarie hanno creato un patrimonio di inestimabile valore, costruito nel tempo con pazienza e dedizione. Una maniera di inve - stire sull'arte generosa e sapiente, che permette oggi ad alcune città della penisola di avere veri e propri musei privati, gestiti con cura e attenzione. Occorre ricordare infatti che delle 88 realtà censite dall'acri (Associazione fondazioni e casse di risparmio), più della metà investe nell'arte, ma non sempre per costituire una propria collezione. Così ci sorto istituzioni che possono vantarsi di avere trasformato le proprie sedi in musei, dove vengono organizzate mostre temporanee, come la, la Carisbo di Bologna, la Monte dei Paschi a Siena o la Carisma di Macerata, mentre altre custodiscono i propri capolavori d'arte senza impegnarsi in eventi espositivi. Ma quali e quanti sono i tesori delle fondazioni? In che modo queste istituzioni hanno tenuto alto per decenni il vessillo dell'arte italiana in un paese dove il collezionismo pubblico per troppo tempo non è stato né attivo né lungimirante? Cominciamo dal contemporaneo, rimasto negletto nella gerarchia degli acquisti effettuati dallo Stato fino agli anni Novanta, quando è stata finalmente aggiornata la collezione della Galleria Nazionale d'arte Moderna e avviata quella del MAxxi, il Museo delle Arti del Ventunesimo Secolo. In questo settore la parte del leone spetta alla CRT di Torino, che nel 2000 ha costituito un organo espressamente dedicato all'arte moderna e contemporanea per arricchire e valorizzare il patrimonio artistico piemontese. Presieduta da Fulvio Gianaria, si avvale di un comitato scientifico composto da cinque direttori di museo, che suggeriscono le opere da acquistare, esposte nei due più importanti musei pubblici della città sabauda, la Galleria d'arte Moderna e il Castello di Rivoli. La raccolta della CRT riunisce circa250operediartistiitalianied internazionali dalsecondo dopoguerra ad oggi, che vanno dai dipintiastrattidicarlaaccardi, Piero Dorazio e Gastone Novelli ai Concetti Spaziali di Lucio Fontana, dalle sculture dei protagonisti dell'arte Povera come Alighiero Boetti, Giulio Paolini, Mario Merz o Luciano Fabro ai dipinti dei "transavanguardisti" Enzo Cucchi e Mimmo Paladino, fino ai linguaggi più contemporanei come la fotografia, rappresentata da opere di maestri come Luigi Ghiri e Mario Giacomelli ma anche da artisti delle ultime generazioni come Thomas Ruffo Paola Pivi. Molto presente nel versante del contemporaneo è anche la Carisbo a Bologna, presieduta da Fabio Roversi Monaco, mecenate e appassionato d'arte, impegnata in un programma denso di attività espositive dedicate ali ' arte d'oggi che si tengono in varie sedi, dal palazzo Saraceni alla chiesa di San Giorgio in Poggiale, dove il 21 gennaio si è inaugurata un'installazione permanente di Claudio Parmiggiani. La collezione della Carisbo va, comunque, dal Seicento al contemporaneo, e annovera alcuni capolavori come La Sibilla Samia (1651) del Guercino, Dimostrazione del XX Settembre (1915) di Giacomo Balla, Dorma vicina al tavolo (1937)diFeliceCasoratioInterior Garden di Francesco Clemente. Altrettanto variegata la raccolta della, presieduta da un altro amante dell'arte, il professor Emmanuele Emanuele, nominato pochi mesi fa presidente dell'azienda Speciale Palaexpò. Esposta al Museo del Corso, dove il prossimo 16 febbraio si inaugura un'ampia mostraantologicadedicataalpittore americano Edward Hopper, comprende una Deposizione del manieristafrancesco Salviati, un intenso ritratto della principessa Ludovisi di Pompeo Batoni e un grazioso ritratto di famiglia di Armando Spadini. Grande attenzione all'arte anche nella fondazione di Venezia, che da più di un secolo lega le sue acquisizioni alla Biennale, ed ha raccolto un insieme di dipinti firmati da maestri come Umberto Boccioni, Fortunato Depero, Felice Carena, Emilio Vedova e Giulio Turcato, oltre ad una pregevole raccolta di vetri d'artista. Così come alla Cariplo, che Fin dal 1823 colleziona arte, dai marmi antichi ai dipinti barocchi e neoclassici, per un totale di più di 200 opere. Più tradizionale la collezione della fondazione Monte dei Paschi di Siena, che riunisce 51 dipinti antichi, tra i quali una splendida Madonna col Bambino, capolavoro del primo Trecento attribuito a Segna di Bonaventura, allievo di Duccio da Buoninsegna. Degna di nota è anche l'attività delle fondazioni legate a città di provincia, che svolgono un ruolo di testimoni e garanti _, T delle correnti ****,e 9f tì artistiche legate amedanclw al territorio, cod, 2 T h,c,a me la Carisma raccolgono che ha sede nel '"J525? palazzo Ricci a suiiemiono Macerata, dove sono esposti alcuni rari dipinti di Scipione ( uno dei protagonisti dell'arte italianatrale due guerre) o la fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, che ha allestite nei saloni di palazzo Montani Arnaldi un itinerario dell'arte marchigiana e non solo dal Trecento al Novecento, che va dai dipinti alle ceramiche, dalle incisioni ai libretti di Gioacchino Rossini. Una missione perfettamente compiuta dalla fondazione Banco di Sicilia, che ha sede a Palermo, nella villa Zito, dove custodisce collezioni archeologiche e numismatiche, oltre ad una pinacoteca con 120 dipinti di scuola siciliana dell'ottocento e 150 del Novecento. Originale infine la raccolta della fondazione Banco di Napoli, dedicata principalmente a documenti d'archivio di scritture patrimoniali e bancarie: un altro modo per conservare la storia della propria città. Le quotazioni Andamento dei prezzi òtóisasters Fonte: ArtIndex&!arf<ét ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 6

5 Lepartecipazioni'bancarie sono ancora cresciute grazie alk sottoscrizione degli aumenti di capitale Sono quelli lanciati da numerosi colossi del credito per far fronte alla crisi globale dell'economia I proventi delle Fondazioni bancarie Composizione % 100 WALTER GALBIATI I Altri proventi ordinari e straord. I Ris. gestioni gestione fìnanz. "t Dividendi abte pariedp. Ré. gestione patrimoniali Si Dividendi da Conferttaria Milano Lo dice il loro nome, Fondazioni di origine bancaria. E non è quindi un caso che la maggior parte del patrimonio di questi enti sia investito per lo più nelle banche del nostro Paese. Del resto i nomi delle principali protagoniste del settore figurano trai socidicontrollo dei colossi del credito italiani. Sono la Cariplo, la Monte dei Paschi, la Compagnia di San Paolo, la Cassa di Risparmio di Verona e la Cassa di Risparmio di Torino. Nelle loro mani è concentrato una buona fetta del capitale di Unicredit e IntesaSanPaolo, i due più grandi player nazionali e del Monte dei Paschi. Nel complesso, secondo un rapporto dell'acri (l'associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio spa), agli 88 enti del settore fanno capo partecipazioni bancarie per 18,9 miliardi di euro e rappresentano il 32,4% del totale attivo dei loro bilanci contro il 25,9% del Laquotaècresciuta pervia della sottoscrizione dei numerosi aumenti di capitale che le banche hanno dovuto lanciare nel 2008 per rafforzare i propri patrimoni a seguitodellacrisi finanziaria che ha minato le basi dell'economia mondiale. Ma anche per l'andamento dei mercati che ha inciso negativamente sul valore di altre poste dell 'attivo. E in cosa investono di altro le Fondazioni bancarie? Ben il 63,7% delle attività fruttifere, pari a 37,3 miliardi di euro è investito in strumenti finanziari: 25,3 miliardi sono attività finanziarie gestite in proprio o tramite terzi, 11,3 miliardi partecipazioni in società diverse dalla conferi - tariae0,7miliardi investimenti in società strumentali. Gli investimenti in attività immobiliari sono invece poco più dell' 1 % dell'attivo. V. il bilancio 2008 della ( Cariplo, per esempio, fa ben comprendere quali siano gli investimenti tipo degli enti. Alla fine dell'esercizio il patrimonio netto della era investito per il 66,7% in investimenti indiretti (soprattutto fondi), per il 31,28% In partecipazioni, per 1' 1,8% in obbligazioni a tassi agevolati ("mission connected investments") e per lo 0,22% in opere d'arte, Immobili strumentali e beni mobili strumentali. Per quanto riguarda l'asset allocation, il 19,44% era in strumenti di mercato monetario, Der il 37,34% in strumenti obbligazionari, per il 34,45% nel comparto azionario Euro ed ùifine per l'8,78% nel comparto azionario extra-euro. Come tutti gli investitori, quindi, anche le fondazioni devono non solo conservare il patrimonio, ma anche cercare di farlo fruttare per finanziare le attività di cui sono sponsor. E, stando alle previsioni di una delle più importanti cased'affari svizzere, la Ubs, il 2010 potrebbe essere un annodi soddisfazioniperil principale asset delle Fondazioni, le banche. Secondo gli analisti dell'istituto svizzero, quello appena iniziato sarà un anno con i primi mesi caratterizzati dabassi tassi di interesse, ridotta crescita degli impieghi e aumento dei crediti in sofferenza. Ma con una seconda parte dell 'anno in cui con la ripresa dei tassi di interesse, le banche tornerannoacrescere.dopodueanni di contrazione degli utili, le attese sono per una ripresa nel 2010 e nel Secondo Ubs, un aumento dei lassi dell' 1 % avrebbe un impatto positivo sugli utili del 12% e del 5% sui margini di interesse. Il che significa un possibile aumento dei dividendi. Molti economisti credono poi che la congiuntura porterà con con sé anche le Borse: i dieci maggiori gestori americani prevedono per esempio che Wall Street salirà dell'i 1% nel 2010, mentre il principale colosso del credito Usa, Bankof America, calcola che, nonostante i rialzi del 2009, i prezzi delle azioni siano tutt'ora sotto la media dell'ultimo decennio in rapporto agli utili. I proventi delle Fondazioni bancarie Composizione % 100 i Altri proventi ordinali e straord. i Ris. gestione inv. fìnanz. r Dividendi B Ris. gestione patrimoniali a Dividendi da Conferitarta ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 8

6 Social housing, la lunga partenza ora i progetti possono decollare Il miliardo messo a disposizione dalla Cassa depositi e prestiti fa scattare la corsa degli enti locali ai progetti di costruzione di case da dare in affitto calmierato: ce ne sono già 7-8 ai blocchi di partenza Gli alloggi in affitto sullo stock residenziale In % sul totale ADRIANO BON AFEDE X Etutto un fiorire di iniziative. Il prossimo decollo del Fondo nazionale della Cassa depositi e prestiti per l'housing sociale, che parte con una dotazione iniziale di 1 miliardo di euro, sta stuzzicando l'interesse di Comuni e privati. Quel fondo, infatti, potrà investire in iniziative locali fino al 40 per cento del costo dell'iniziativa, e certo questo rende desiderabile approntare un'operazione per la costruzione di case a basso costo da destinare all'edilizia sociale. Ci sono almeno 7-8 progetti già a livello avanzato, sparsi fra Piemonte, Veneto, Marche, Lazio Toscana, Campania, Puglia. Secondo la Housing Sociale (l'organismo che fa capo alla Cariplo e opera a livello lombardo ma da poco ha allargato la sua operatività su scala nazionale) nell'arco di un anno- un anno e mezzo molti di questi progetti partiranno. «Certo - spiega Sergio Urbani, consigliere delegato della - bisogna considerare che gli iter per la realizzazione di progetti di social housing sono sempre lunghe, dovendo tener conto della complessità urbanistica e sociale, mentre direi che la parte finanziaria si può risolvere in tempi abbastanza brevi, soprattutto adesso che è.. T partito il primo Interessate fondo della giovani coppie cassadepositie e chi non può prestiti E senza permettersi considerare l'acquisto che è ^, avoro di un alloggio un ^ ^ & tecnici al ministero delle Infrastrutture per indire una procedura che selezioni altre sgr che creino fondi nazionali, da aggiungersi a quello della Cdp». Le previsioni della stessa Cassa depositi e prestiti dicono che il solo fondo della Cdp potrà mettere in moto iniziative pari a 5 miliardi. Le speranze sono davvero tante, anche perché è dagli anni Ottanta che è di fatto ferma l'edilizia sociale. I costruttori, da parte loro, hanno cercato in questi anni di andare incontro alle esigenze di chi non può spendere molto, di fatto riducendo le superna e rendendole più funzionali. Ma certo questo non può bastare ad affrontare i problemi di chi non arriva neppure a pagare non tanto un mutuo quanto un canone. L'operazione di social housing può risolvere il problema delle giovani coppie e di quanti non possono permettersi l'acquisto di una casa offrendo, a prezzo calmierato, un canone di affitto. Tuttavia questa operazione, per quanto bella sulla carta, non è di facile attuazione. Sono numerosi gli "attori" che devono intervenire. Prima di tutto, ovviamente, i Comuni. Si sa che ormai da tempo hanno dovuto ridurre gli investimenti per rispettare il "patto di stabilità". Questa del social housing è una buona novità per gli enti locali. Infatti qui di soldi se ne devono trovare pochi. Infatti normalmente ci si mette d'accordo con i privati che possiedono le aree. I privati cedonoalcomunerareain cambio della riserva di edificabilità di una parte (in genere il per cento) del totale. Poiarrivailmomento di coinvolgere tutti coloro che metteranno dei soldi o realizzeranno l'opera (Fondazioni bancarie, ex Iacp, cooperative, imprenditori edili, ecc.). Il fatto che d'ora in avantipotranno arrivare anche soldi dal Fondo della Cassa depositi e prestiti (e da altri eventuali futuri fondi privati al tal scopo costituiti) sarà un ulteriore elemento di spinta positiva. C ' è una domanda di fondo : visto che si tratta di case che devono costare poco, e rendere poco, come si trova la quadratura del cerchio visto che rutti i soggetti vorranno comunque realizzare dei guadagni? Sì, è vero, qui nessuno vuole "regalare" i quattrini. Però è vero che ci sono molti soggetti, a cominciare dalla Cassa depositi e prestiti, che svolge un ruolo istituzionale, che si accontentano di poco. Ovvero di una remunerazione al di sotto della media di mercato. La stessa Cassa deve remunerare i correntisti postali, ma si sa che questa raccolta ha un costo minore della media del mercato. Anche le Fondazioni bancarie - molto importanti a livello locale dove si progettano e si pensano gli interventi - si accontentano di una remunerazione bassa. E così forse anche gli ex Iacp. Per quanto riguarda i Comuni, abbiamo già mostrato che il loro intervento è fondamentale perché mette a disposizione l'area su cui si costruirà in modo da evitare le lungaggini burocratiche degli espropri e le inevitabili contestazioni sul prezzo di acquisizione. Fatto questo, anche i Comuni possono sottoscrivere le quote del fondo locale che promuoverà l'iniziativa di costruzione, ma anche loro avranno diritto a una piccola remunerazione. Imprenditori e cooperative di costruzione pretenderanno la loro giusta remunerazione per la loro attività, ma all'interno di un quadro di compatibilità. Mettendo (faticosamente) insieme tutti questi tasselli il social housing è fatto. FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Pag. 10

7 Milano Le attese sono per le assemblee delle banche che si terranno tra aprile e maggio. Saràinquell'occasionechesi decideranno i dividendi da distribuire ai soci per l'anno in corso. E le attese sono soprattutto delle Fondazioni bancarie, che come dice lo stesso nome, contano soprattutto sulle remunerazioni delle partecipazioni negli istituti di credito per distribuire sul territorio la loro munificenza. Gli ultimi dati disponibili sono relativi al E i bilanci par- lano di rendimenti tutto som mato decenti, visti il terremoto che ha colpito il settore dopo il fallimento Redditività in calo per la crisi La speranza del recupero si attende dalle assemblee delle banche di aprile e maggio di Lehman Brothers. I proventi totali (generati dalla somma dei proventi ordinari e straordinari) sono stati di 3,2 miliardi di euro, in calo del 19,4%rispettoai3,95del2007.La redditivitànettamediadelpatrimonio complessivo delle Fonli totale dei flussi è in discesa ma i dividendi da conferitane sono aumentati dazioni passa dall'8% al 5,4%, ma se si prendono in considerazionesololepartecipazionibancarie a valore di libro si registra un tasso medio di rendimento in aumento dal 14,8% del 2007 al 15,7%. Lo spaccato dei proventi conferma la tenuta e la validità degli investimenti nelle banche, nonostante la legge abbia imposto una riduzione alle Fondazioni. Sebbene il totale dei flussi ordinari delle Fondazioni, pari a 2,6 miliardi, sia diminuito del 31% circarispetto all'esercizioprecedente, i dividendi derivanti dalle partecipazioni nelle conferitarie (circa 2,3 miliardi) sono aumentati del 15% e, nella composizione totale dei proventi ordinari, la loro incidenza è passata dal 51,4%al78,5%.Iproventi straordinari sono stati pari a 546,6 milioni (contro i 131,6 milioni del 2007). A soffrire sono state le gestioni patrimoniale individuali e gli altri investimenti finanziari. (w.g.) FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Pag. 11

8 Dodici milioni per l'abruzzo la solidarietà è la parola d'ordine Li hanno stanziati le Fondazioni bancarie, un modello soprattutto italiano. All'estero infatti i veri protagonisti sono i privati: grandi filantropi e fondi costituti su base locale BILLGATES La Bill& Melinda Gates è la più grande al mondo con 28 miliardi di patrimonio Fondazioni bancarie, erogazioni tra pubblico e privato Quota % degli importi gg Enti privati gj Enti pubblici *. - Fonte' Acri 62,7 63, ROBERTO IMBOTTA Presidente della Carispaq, Cassa di risparmio della provincia dell'aquila Atti di liberalità in tanti settori che vanno, tra l'altro, dal sociale alla ricerca LUIGI DELL'OLIO Milano Dodici milioni per l'abruzzo. A metà gennaio l'acri, che rappresenta le fondazioni di origine bancaria, hamesso a disposizione dodici milioni di euro suddivisi tra un'iniziativa di sistema per le università, le istituzioni culturali e le realtà produttive locali e singoli progetti sostenuti dalle fondazioni aderenti. Sei milioni sono stati raccolti direttamente attraverso un progetto Acri, gli altri sei da un gruppo di fondazioni, capitanate da Carispaq, la fondazione della Cassa di Risparmio della provincia dell'aquila, dalla fondazione Pescarabruzzo e dalla Carichieti. Un'iniziativa che ha confermato il ruolo svolto da queste realtà non profit. Secondo il consuntivo 2008 dell'acri, le 88 realtà aderenti all'associazione possono contare complessivamente su un patrimonio di 48,85 miliardi di euro (+0,2% sul 2007). Attraverso gli utili derivanti dai propri investimenti (in primis le partecipazioni azionarie negli istituti di credito),questisoggettiognianno erogano gratuitamente intorno al miliardo e mezzo di euro. «Laparticolarità delle fondazioni di origine bancaria spiega Stefano Marchettini, direttore generale dell'acri stanelfatto che intervengono con atti di liberalità in una pluralità di settori che vanno dall'arte alla cultura, dalla ricerca alla formazione, al sostegno alle categorie sociali deboli, allo sviluppo delle comunità locali, tramite progetti realizzati sia direttamente, sia da soggetti terzi privati o pubblici, purché non profit». Unpesochenonhaparinelresto dell'occidente. «Ci sono realtà simili in alcuni paesi europei come la Germania e la Svezia, ma non raggiungono le dimensioni riscontrate in Italia», spiega Gianpaolo Barbetta, docente di Economia dei sistemi di welfare all'università Cattolica. «Tuttavia altrove sono molto sviluppate le fondazioni private, nate da patrimoni privati o delle aziende, che invece nella Penisola hanno un peso marginale». Barbetta attribuisce quest'ultimo aspetto a due ordini dimotivi: «Innanzitutto c'è una ragione culturale: la filantropia è più avvertita in altri paesi occidentali e questo ha spinto diverse multinazionali a creare fondazioni già molti anni fa. In secondo luogo, questo realtà nascono soprattutto in occasione dei passaggi generazionali, quando 0 patrimonio viene suddiviso tra molti eredi». Una strada finora percorsa solo da poche aziende in Italia e che trova riscontro nella ricerca "Family Foundation Philantrophy" realizzata dalla Cass Business School di Londra, mettendo a confronto la situazione nel nostro paese, in GranBretagna, Germania e Stati Uniti. Il quadro che emerge vede, da noi, solo poche fondazioni private degne di nota: tra le altre, Giorgio Cini, Pierfranco e Luisa Mariani, Giovanni Agnelli, Benetton Studi e Ricercha, Silvio Tronchetti Provera. «Realtà non paragonabili a quelle statunitensi, dove le fondazioni vengono scelte per l'impatto che esercitano sul pubblico e per la capacità di indurre cambiamenti sociali, grazie alla loro indipendenza e alle risorse sociali e finanziarie su cui possono contare riflette Deborah Bolognesi, una delle autrici Nella nostra ricerca abbiamo invece trovato grandi difficoltà a reperire informazioni, segno di una scarsa aperturaalconfronto e dipocaattenzione verso l'apprendimento delle migliori pratiche internazionali». Proprio negli Usa ha sedelapiùgrandealmondo.la Bill & Melinda Gates, creata dal fondatore di Microsoft e dalla moglie, con un patrimonio di circa 28 miliardi di dollari, attiva nella ricerca medica, nella lotta all'aids e alla malaria, nel miglioramento delle condizioni di vita nei paesi in via di sviluppo e nell'educazione. Ma grandi fondazioni private ci sono anche in Gran Bretagna (su tutte la Welcome TrustelaGatsbyCharitable Foundation) e in Germania (Bertelsmann Stiftung). Proprio dagli Stati Uniti, secondo Barbetta, l'italia potrebbe prendere esempio: «Il modello più facile da esportare riguarda le cosiddette community foundation spiegail docente Si tratta di fondazioni che fanno riferimento ai territori e che possono crescere attraverso le erogazioni, anche contenute, di molti soggetti. Negli ultimi anni sono nate le prime realtà di questo tipo nel nostro paese, ma i margini di crescita restano ampi». ACRI - SISTEMA FONDAZIONI Pag. 12

9 Dopo il perìodo di formazione In trenta hanno già ottenuto un contratto Milano Un sostegno finanziario all'avvio di tirocini aziendali per i giovani di Salerno affinché, da questo periodo di conoscenza reciproca, nascano nuove occasioni di lavoro. È il succo del progetto "Job Training" avviato dalla Fonda- zione Cassa di Risparmio Salernitana, dal Comune di Salerno e dall'università locale per combattere la piaga della disoccupazione nel territorio e tamponare l'ondata migratoria verso 0 Nord. I giovani residenti a Salerno, che non debbono avere più di 30 anni ed essere laureati da non più di 24 mesi, possono avanzare la loro candidatura, che viene messa in relazione con le offerte delle aziende. La Salerno, via ad un progetto per il lavoro Si chiama "Job Training": organizza e finanzia tirocini nelle aziende per giovani laureati, nellasuaqualitàdi soggetto gestore e attuatore dei tirocini aziendali, svolge un'attività di direct mailingcon esse. Le aziende ospitantipossono avere sede nell'intero territorio nazionale, ma a fronte di domande in sovrannumero costituisce titolo preferenziale la localizzazione dell'attività nel comprensorio salernitano. In cambio dell'opportunità offerta, le imprese ricevono un contributo di euro, mentre ai giovani vanno 350 euro a titolo di rimborso spese. I tirocini durano tre mesi, eventualmente rinnovabili: 800 le richieste fin qui arrivate e 210 i giovani avviati all'esperienza diformazione sul campo. Per trenta di loro il tirocinio si è già trasformato in un contratto di lavoro. La promozione della formazione in azienda è al centro del dibattito politico: nei giorni scorsi il Governo è stato battuto alla Camera su una mozione del Pd che prevede l'impegno a finanziare l'inserimento di almeno loomila giovani del Mezzogiorno attraverso periodi di stage. (L d. o.) FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Pag. 14

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO REGIONALE DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE E DEI COSTI DI MANUTENZIONE RISTRUTTURAZIONE E RESTAURO DELLE OPERE EDILI PREMESSO CHE: - La Camera

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli