Il Presidente apre i lavori dell Assemblea e mette in discussione l O.G..

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Presidente apre i lavori dell Assemblea e mette in discussione l O.G.."

Transcript

1 Il 9 maggio 2012, alle ore 18.30, in Torre del Greco, Villa De Nicola, si è costituita l Assemblea dell Unione Regionale degli Ordini Forensi della Campania per discutere e deliberare il seguente ordine del giorno: 1. Proposte dell Avvocatura su Ordinamento Forense (riunione CNF del 12/05/2012); 2. Uffici Giudiziari; 3. Cassa Nazionale Forense (passaggio da sistema retributivo a sistema contributivo); 4. Sciopero bianco; 5. Varie. Sono presenti: Avv. Prof. Franco Tortorano Presidente dell Unione; Avv. Maria Masi V. Presidente Unione Regionale Avv. Gennaro Torrese Presidente Ordine di T.A. e Segretario dell Unione; Avv. Camillo Cancellario Presidente Ordine di Benevento e Tesoriere dell Unione; Avv. Francesco Caia Presidente Ordine di Napoli Avv. Americo Montera Presidente Ordine Salerno Avv. Bruno Piacci Consigliere CNF Avv. Aniello Cosimato Presidente Ordine di Nocera Inferiore; Avv. Bruno Salzarulo Presidente S. Angelo dei Lombardi; Avv. Carmine Monaco Presidente Ordine di Ariano Irpino Avv. Fabio Benigni Presidente Ordine Avellino Avv. Francesco Urraro Presidente Ordine di Nola Avv. Rosina Casertano Direttivo Unione Regionale Avv. Gabriele Amodio - Consigliere Ordine SMCV con delega del Presidente dell Ordine; Avv. Agostino Maione Delegato e componente Giunta OUA Avv. Marcello Luparella delegato OUA Avv. Michele Gallozzi delegato OUA Avv. Francesco Petitto Ordine Avvocati Ariano Irpino Avv. Giuseppe Trimonti Ordine S. Angelo dei Lombardi Avv. Edmondo Caprio - Ordine Avvocati Salerno Avv. Carmine Freda Ordine Avvocati Avellino Avv. Francesco Iandoli - Ordine Avellino Il Presidente comunica che l Avv. Palmiero non è presente per improrogabili impegni. Il Presidente apre i lavori dell Assemblea e mette in discussione l O.G.. Capo 1 dell ODG: Proposte dell Avvocatura su Ordinamento Forense (riunione CNF del 12/05/2012) Il Presidente riferisce di aver partecipato alla riunione indetta dal CNF per i giorni Aprile u.s. ed di aver depositato il documento dell Unione Regionale concordato con i Presidenti degli Ordini in data 23/04/2012; documento che viene letto e trascritto nel presente verbale Al Presidente del Consiglio Nazionale Forense Per un contributo alla proposta emendativa del progetto di riforma AC 3900 da presentare al Parlamento entro il 27 aprile p.v., si premette che l obiettiva esigenza di non entrare in palese contrasto con i deliberati del Congresso Straordinario dell Avvocatura, e dati i tempi estremamente ristretti, l Unione Regionale degli Ordini Forensi della Campania, richiama il deliberato dell Assemblea dell 11 aprile 2012, e preliminarmente ribadisce che, ogni eventuale modifica della normativa contenuta

2 nella legge di riforma dell ordinamento forense, approvata dal Senato, ed oggi all esame della Camera, risulterebbe in contrasto con i deliberati che sul punto ha adottato il Congresso Straordinario e che comunque imporrebbe una particolare disamina e valutazione. Tuttavia, ed al fine di offrire comunque un contributo migliorativo del testo all esame della Camera dei Deputati, si evidenzia e comunica quanto segue. 1 - Il testo, di cui al progetto di legge AC 3900 già approvato dal Senato, in generale, ma specificamente per quanto concerne i sei punti segnalati dal CNF, appare congruo ed accettabile. La sua approvazione anche alla Camera dei Deputati sarebbe per la Classe - ad avviso dell Unione - una eventualità indiscutibilmente favorevole. Ciò detto, nella convinzione che sia assurdo proporre emendamenti che peggiorino il disegno di legge, sul presupposto che vi sarebbero delle indicazioni (provenienti dalle forze politiche???), delle quali si è avuta conferma nella riunione al C.N.F. del 12 aprile 2012, che escluderebbero l approvazione del testo nella formulazione approvata dal Senato, in quanto in contrasto con quanto ha disposto il decreto n. 1/2012, convertito in legge, sulle liberalizzazioni, l Unione si limita ad indicare i punti irrinunciabili per ciascun argomento unitamente a delle parziali e non stravolgenti proposte di emendamenti al testo. 1 - Tariffe Rilevato che l esercizio del patrocinio difensivo nel processo risponde ad interessi generali e della parte di cui l avvocato ha assunto la difesa, la previsione di tariffe e di minimi inderogabili rimane una garanzia di qualità della prestazione difensiva a tutela di interessi generali che l ordinamento garantisce attesa la specificità della professione forense e che prevalgono rispetto al generale principio di libertà di iniziativa economica e concorrenza. E pertanto irrinunciabile il ripristino delle tariffe giudiziali, debitamente rivalutate e semplificate nella loro articolazione, prevedendole, inoltre, per tutte le fasi propedeutiche all esecuzione ed a quelle successive; in particolare, sono irrinunciabili i minimi tariffari. In via del tutto gradata, e per rispondere alle sollecitazioni di modifiche, si può al massimo prevedere che la derogabilità dei minimi tariffari sia resa possibile per le prestazioni di consulenza stragiudiziale. Relativamente al preventivo di massima dei compensi, ferma l inderogabilità dei minimi tariffari, sia pure con le eccezioni innanzi esposte, non sembra praticabile, atteso l elevato contenzioso che potrebbe sorgere tra la parte e l avvocato e la non facile decisione delle relative questioni, la previsione della nullità della pattuizione di un compenso minimo manifestamente non adeguato all opera prestata, tale da potere determinare un peggioramento della qualità del servizio. 2 - Disciplinare E irrinunciabile l attribuzione agli Ordini della funzione disciplinare e la non assegnazione della medesima funzione ad organismi estranei all Avvocatura, pur nella distinzione tra Consigli istruttori e Organi di decisione, secondo la struttura del testo in esame, che appare congrua e condivisibile. In via gradata, qualora si ritenesse di attribuire le due competenze (istruttoria e decisionale) ad un Organo distrettuale, si ritiene che detto organo dovrebbe essere composto da avvocati designati ai Consigli dell Ordine del Distretto in seduta plenaria. 3 - Società tra professionisti La esclusione di soci di mero capitale nelle società tra professionisti, risponde all inderogabile esigenza di carattere generale di garantire l indipendenza dell avvocato nell esercizio dell attività professionale e per cui non è accettabile alcuna proposta che deroghi a tale principio. 4 - Accesso Varie osservazioni si potrebbero fare al testo, onde migliorarlo. Appare tuttavia irrinunciabile che il tirocinio abbia luogo, per la maggior parte del tempo previsto, presso lo studio di un avvocato. Qualora si dovesse insistere per un periodo di pratica presso le università, si dovrà insistere nel chiedere una partecipazione dei locali consigli dell ordine degli avvocati alla formulazione dei programmi ed alla materiale attività didattica. Vanno anche previste e disciplinate precise forme di controllo da parte dei Consigli dell Ordine sull accesso del praticante all abilitazione post annuale della professione forense.

3 5 - Art. 20 Quanto previsto dall art. 20 del testo all esame della Camera, sembra essere in netto contrasto con il diritto del cittadino al libero esercizio al lavoro, alterare la concorrenza ed aggravare il sistema complessivo della previdenza. Pertanto, anche associandoci a quanto sul punto già esposto da numerosi rappresentanti di ordini, si evidenzia la necessità di una rivisitazione dell indicata normativa, limitando la revisione degli albi alla verifica della sola permanenza dei requisiti per l iscrizione. 6 - Specializzazioni L attribuzione della qualità di specialista deve essere attribuita sulla base di una valutazione sulla durata, sulla quantità e sulla qualificazione delle questioni trattate nello specifico ambito di specializzazione, effettuata dai Consigli degli Ordini territoriali. La specializzazione peraltro non dovrebbe riguardare le tradizionali partizioni della giurisdizione e, quindi, del relativo esercizio professionale (civile, penale amministrativo), ma materie specifiche all interno di queste. Il Presidente riferisce altresì che il CNF: A - ha redatto ed inviato il documento conclusivo di dette riunioni che viene letto in assemblea ed allegato al presente sub 1- A) ; B - ha convocato i Presidenti degli Ordini, delle Unione Regionali Forensi, della Cassa Forense, dell OUA e delle Associazioni Forensi per un incontro sabato 12 maggio 2012, ore 10.oo in Roma per presentare i progetti del CNF su: a - tariffe forensi parametri; b - circoscrizioni giudiziarie; Comunicazioni sul tema dell art. 3 co 5 lettera f) L. 148/2011, di cui si trascrive il testo: f) gli ordinamenti professionali dovranno prevedere l'istituzione di organi a livello territoriale, diversi da quelli aventi funzioni amministrative, ai quali sono specificamente affidate l'istruzione e la decisione delle questioni disciplinari e di un organo nazionale di disciplina. La carica di consigliere dell'ordine territoriale o di consigliere nazionale è incompatibile con quella di membro dei consigli di disciplina nazionali e territoriali. Le disposizioni della presente lettera non si applicano alle professioni sanitarie per le quali resta confermata la normativa vigente;. Si apre la discussione ed il Presidente Caia riferisce sull esito dell incontro da lui tenuto, nella qualità di Presidente del Consiglio dell Ordine di Napoli, a Roma l 8 maggio u.s. con il Presidente della Camera, On. Fini ed il Presidente della Commissione Giustizia, On. Buongiorno, incontro nel quale: il Presidente Fini ha ribadito l esigenza ed il generale interesse a che la legge sull ordinamento forense concluda il suo iter parlamentare nel corso della presente legislatura; l On. Buongiorno, pur evidenziando che non c è unanimità in Commissione Giustizia per la calendarizzazione del disegno di legge, ha assicurato il suo l impegno affinché tanto avvenga in tempi brevi e su richiesta del Presidente Caia si è dichiarata disponibile ad un incontro con l Avvocatura: e ciò anche nella prossima riunione indetta dal CNF a Roma per il 12 p.v.. Altro tema trattato nell incontro è quello sulla geografia giudiziaria (GdP) soprattutto con la Buongiorno che dovrà esaminare con la Commissione Giustizia lo schema di decreto legislativo, interventi in ordine ai quali il Presidente Caia ha rimarcato la necessità di non tener presente solo l aspetto economico e su questo ha trovato d accordo la Presidente Bongiorno. All esito degli interventi, l Assemblea, all unanimità, Rilevato che il documento conclusivo che il CNF ha inviato con riferimento alla riunione del Aprile 2012 sostanzialmente richiama, peraltro ampliandole, le osservazioni contenute nel documento dell Unione Regionale del 24 aprile u.s.; Ribadisce quanto in detto documento l Unione ha indicato in ordine agli indicati principi normativi e sull inderogabile mantenimento di detti principi nell Ordinamento Forense, oggi all esame della Camera dei Deputati; principi normativi che vanno ribaditi anche al Ministro della

4 Giustizia qualora il Governo dovesse dare attuazione alla delega sulla riforma degli ordini professionali e Raccomanda alle istituzioni forensi, C.N.F. ed O.U.A. relativamente alle Tariffe Parametri di tenere comunque conto di quanto rilevato e dichiarato dall Unione nel documento del in ordine all irrinunciabile ripristino delle tariffe giudiziali, debitamente rivalutate e semplificate nella loro articolazione, prevedendole, inoltre, per tutte le fasi propedeutiche all esecuzione ed a quelle successive ed anche in particolare, alla irrinunciabilità dei minimi tariffari. Ma che tuttavia, anche per rispondere alle sollecitazioni di modifiche ed evitare addebiti di ingiustificata chiusura dell Avvocatura alle generali esigenze di conseguire riduzioni dei costi delle prestazioni professionali, si può comunque prevedere la derogabilità dei minimi tariffari per le prestazioni di consulenza stragiudiziale. Quanto al preventivo di massima dei compensi, ferma l inderogabilità dei minimi tariffari, si ribadisce che non sembra praticabile, atteso l elevato contenzioso che potrebbe sorgere tra la parte e l avvocato e la non facile decisione delle relative questioni, la previsione della nullità della pattuizione di un compenso minimo manifestamente non adeguato all opera prestata, tale da potere determinare un peggioramento della qualità del servizio. Sempre con riferimento al capo relativo alle proposte da formulare in tema di Ordinamento Forense il Presidente chiede all Assemblea di valutare la possibilità di una proposta anche provocatoria che dia il senso di quanto sia compromessa ed avvilita la tutela dei diritti del cittadino nel processo e la dignità dell avvocato difensore, nell esercizio della difesa con le spese, diritti ed onorari di difesa a carico dello Stato (DPR del 30 maggio 2002 n. 115). L Assemblea, udita la relazione del Presidente RILEVA Che il diritto di difesa per i non abbienti, a spese dello Stato, è principio costituzionalmente garantito ; Che il pagamento dei compensi agli Avvocati che prestano la loro attività professionale a favore di chi è stato ammesso al gratuito patrocinio o alla difesa d ufficio nel penale è subordinato alla presentazione ed alla approvazione del decreto di liquidazione ; Che è oramai prassi la sussistenza di gravi ritardi nella liquidazione degli stessi; Che i tempi di emissione in gran parte dei tribunali non è inferiore ai 12/18 mesi; Che i fondi destinati annualmente dal Ministero sono evidentemente incongrui rispetto alle necessità tenendo conto che per ragioni di bilancio comunque non possono essere utilizzati fondi statali istituiti per l anno successivo; Che il Ministero non può non farsi carico delle finalità sottese al principio costituzionale; Che tale prassi svilisce il ruolo e la funzione dell avvocato e di fatto vanifica la tutela costituzionale del diritto alla difesa dei meno abbienti Che la recente abolizione delle tariffe professionali rende oltremodo incerta oltre che complicata la quantificazione del giusto compenso DELIBERA A - Di intervenire presso il Ministero affinché istituisca maggiori e più cospicui fondi da destinarsi alla tutela del diritto alla difesa dei meno abbienti; B - Di intervenire presso i competenti Uffici Giudiziari affinché siano garantiti il rispetto e il decoro della prestazione professionale e tempi celeri per la liquidazione; C - Di proporre la compensazione dei crediti vantati dai professionisti, a seguito di liquidazioni degli uffici competenti per la difesa d ufficio e/o per il gratuito patrocinio, con gli oneri fiscali che gli indicati professionisti sono tenuti a corrispondere all Ufficio delle Entrate; D - Di promuovere presso i propri iscritti, ove necessario e laddove si reiterino le prassi censurate, il ricorso alla Corte Europea di Strasburgo per censurare l ingiustificato ritardo dei pagamenti e per porre in esecuzione il decreto di liquidazione in favore dell avvocato che abbia

5 già adempiuto alla difesa e al patrocinio dei meno abbienti. ****** Capo 2 dell ODG: Uffici Giudiziari. All esito degli interventi, l Assemblea, all unanimità, Raccomanda alle istituzioni forensi, C.N.F. ed O.U.A. Relativamente alle Circoscrizioni giudiziarie (Tribunali e Sezioni Distaccate) di tenere presente e ribadire al Ministro della Giustizia ed alle Commissioni Giustizia del Senato e Camera dei Deputati quanto dall Avvocatura ed anche da questa Unione Regionale da tempo evidenziato e richiesto in tutte le sedi che ogni eventuale provvedimento di abolizione e di accorpamento delle sedi dei Tribunali e delle Sezioni distaccate dei Tribunali deve essere attuato nel rispetto della normativa della legge delega e previa audizione delle istituzioni politiche e dell Avvocatura di ogni circoscrizione interessata al provvedimento. Relativamente alle Circoscrizioni giudiziarie (Giudici di Pace): di tenere presente e ribadire al Ministro della Giustizia ed alle Commissioni Giustizia del Senato e Camera dei Deputati quanto dall Avvocatura ed anche da questa Unione Regionale da tempo evidenziato e richiesto in tutte le sedi, che la Legge delega, non può e non deve attribuire al Governo, nella qualità di Legislatore delegato, poteri discrezionali assoluti sulla soppressione delle sedi del Giudice di Pace ma deve imporre che il Governo tenga sempre: a - tenere presente e contemperare l obiettivo di risoluzione dei costi con l incidenza che l abolizione della sede ha sull indotto socio-economico delle comunità già sedi degli uffici soppressi; b dei maggiori costi che comunque dovranno sopportare gli uffici dei Giudici di Pace ai quali verranno accorpate le competenze territoriali relative ai giudizi degli uffici giudiziari soppressi, e della inconfutabile circostanza che gli uffici giudiziari incorporanti non hanno sedi e personale ausiliario idoneo al detto ricevimento; c che riducendo in maniera indiscriminata le sedi degli uffici del Giudice di Pace si arreca una grave violazione del principio di prossimitività della giustizia al cittadino che intende adire alla giurisdizione e nel contempo di fatto anche vanifica la recente novella ha elevato ad 1.000,00 il diritto di autodifesa della parte nel giudizio. Ritiene Che relativamente alle Circoscrizioni giudiziarie (Giudici di Pace) e sempre per le indicati ragioni urgenti ed improrogabili si appalesano gli interventi degli Enti locali al fine di scongiurare immotivate soppressioni degli Uffici dei Giudici di Pace e, comunque per l assunzione anche mediante accordi consortili - dei costi delle strutture e del personale ausiliario delle sedi dei Giudici di Pace che andranno soppresse così mantenendo in funzione gli Uffici che si intendono sopprimere. Manda all Ufficio di Presidenza dell Unione Regionale della Campania di Inviare estratto copia del presente deliberato alle istituzioni forensi, C.N.F., O.U.A. ed, in particolare, per quanto riguarda la Regione Campania: A al Presidente della Giunta Regionale della Campania, On. Stefano Caldoro; B ai Presidenti delle Province della Regione Campania; C ai Sindaci del Comuni, sedi del Giudice di Pace; D ai Segretari regionali e provinciali dei partiti presenti nel Consiglio Regionale della Campania; E ai presidenti dei Consigli dell Ordine dei Distretti delle Corti d Appello di Napoli e Salerno e Chiedere

6 al Presidente della Regione Campania, On. Stefano Caldoro di convocare un tavolo di confronto con tutte le istituzioni interessate unitamente ad un rappresentante politico ovvero amministrativo del Ministero della Giustizia per una iniziale ed immediata disamina dei problemi tutti innanzi esposti e la individuazione di reali ed efficaci correttivi nel superiore interesse delle comunità campane. Capo 3 dell O.G. Cassa Nazionale Forense (passaggio da sistema retributivo a sistema contributivo). l Assemblea all unanimità delibera di rinviare alla prossima seduta la discussione del Capo ed all esito di un relazione scritta dei delegati alla Cassa Nazionale. Capo 4 dell O.G. Sciopero bianco. Relativamente alla proposta dell OUA di proclamare lo sciopero bianco per un mese e precisamente dal 15 maggio al 15 giugno, proposta che è stata formulata dall OUA su sollecitazioni dei COA di Forlì e Trani che hanno assunto già delibere in tal senso, il presidente Tortorano invita i Presidenti dei COA ad esprimere l orientamento del proprio Foro. Il Presidente Torrese dichiara di aver indetto per la prima volta e proprio in occasione dell indicata proposta una sorta di assemblea telematica tra i suoi iscritti chiedendo di esprimersi sull opportunità di aderire alla proposta dell OUA: domanda alla quale hanno dato riscontro favorevole quasi duecento iscritti a dispetto di una decina che si sono espressi in senso contrario. Ciò nonostante, aderendo all invito all Unità e alla conformità delle azioni proposta dal Presidente Montera, soprattutto con riferimento al metodo, il Presidente Torrese si dichiara disponibile ad adeguarsi al deliberato dell Unione. L avv. Gabriele Amodio, presente con delega del Presidente Diana del Foro di Santa Maria dichiara che nonostante la proposta presenti molte difficoltà, soprattutto sotto il profilo pratico e di attuazione, il Consiglio sollecitato dalla base sarebbe propenso ad aderire. In tal senso si è espresso anche il Presidente Salzarulo dichiarando anche che il CO di Sant Angelo dei Lombardi, in esecuzione della delibera OUA ha anche stampato i manifesti per pubblicizzare lo sciopero bianco. Contrari alla proposta così come articolata dall OUA si sono dichiarati il Presidente Caia il quale ha evidenziato come tale forma di protesta sia di complessa attuazione per un grande Foro ed ha sottolineato la necessità di rivedere unitamente ai delegati e componenti la Giunta che l OUA presenti nuove forme di protesta e di comunicazione della stessa. In tal senso, ovvero, sulla evidente difficoltà ad attuare una così complessa forma di protesta si sono espressi anche: il Presidente Montera del CO di Salerno; il Presidente Cancellario del CO di Benevento ed il Presidente Benigni del CO di Avellino; in particolare il Presidente Urraro del CO di Nola ha dichiarato di aver convocato sull argomento un assemblea che ha deliberato di costituire una sorta di commissione preposta ad individuare di concerto con l Ordine forme e misure alternative di protesta e proposta. All esito degli interventi, l Assemblea, fatta salva l autonomia di ciascun Ordine, all unanimità, ha deliberato di propone ai Consigli dei distretti di Napoli e di Salerno di indire in ogni Tribunale, preferibilmente lo stesso giorno (per avere maggiore eco anche sui media) una giornata di sciopero bianco con l indicazione Il contributo dell avvocato alla soluzione delle disfunzioni del sistema processuale civile e contestuale conferenza stampa a cui invitare le Istituzioni politiche e la Magistratura. Capo 6 dell O.G. Varie. 1 - Il Presidente Torrese comunica e legge all Assemblea la Delibera del C.O degli Avvocati del che si trascrive nel presente verbale:

7 Il Consiglio, ha preso atto che il Tribunale di Torre Annunziata nel dichiarare il fallimento della Dieulemar spa, società di grande rilevo anche sotto il profilo dell ampiezza del passivo esposto, ha nominato quale curatore fallimentare un terna di professionisti esterna al Foro Oplontino. Il Consiglio, non volendo minimamente entrare nella valutazione delle professionalità nominate, esprime il proprio fermo disappunto e la vibrata protesta del foro, poiché tale scelta, non potendo altrimenti giustificarsi, innanzitutto sembrerebbe esprimere un atteggiamento di preconcetta sfiducia e disprezzo delle professionalità del nostro circondario che, in nulla, sono seconde ad altre, ed anche perché viola protocolli di intesa ed accordi tra l'avvocatura ed i vertici giudiziari del nostro Tribunale. Tali protocolli sono operanti in tutti i Tribunali se è vero - come è vero che giammai si è verificato che per nomine di incarichi giudiziari di competenza di altri Tribunali, pure viciniori, si sia fatto riferimento ad avvocati del nostro ordine. Di qui la necessità che magistrati, ancora così ancestralmente legati ai territori di loro provenienza o pregiudizialmente diffidenti confermino e/o spingano domande di trasferimento, lasciando ad altri che intendono collaborare con la locale avvocatura, le delicate funzioni attualmente da essi esercitate, atteso che tra i nostri iscritti vi sono professionalità di eccellenza, dovunque riconosciuta, anche in ambito universitario. Non senza dire che le contestate nomine, in quanto espressione di altre e lontane regioni, determineranno inevitabilmente l'esorbitante aumento dei costi della procedura (trasferte, spese di viaggio e di alloggio etc.) a tutto danno dei creditori della società fallita. L'Ordine a tutela della dignità dei propri iscritti proclama lo stato di agitazione della classe, interrompendo la normale ed istituzionale collaborazione con i vertici degli Uffici Giudiziari. Di tale deliberazione verrà data la massima diffusione e la stessa verrà comunicata al Presidente del Tribunale, al Presidente della Corte di Appello, al Consiglio Superiore della Magistratura e al Ministro di Giustizia. Il Consigliere Segretario Il Presidente Avv. Ciriaco Sammaria Avv. Gennaro Torrese *

8 Unione Regionale degli Ordini Forensi della Campania L Assemblea, con la sola astensione del Presidente Torrese, all unanimità, condivide le ragioni della protesta e manifesta la propria solidarietà al Foro di Torre Annunziata, anche augurandosi che, attesa la fondatezza dei rilievi mossi dal C.O. di Torre Annunziata, possa essere al più presto ripristinata la normale ed istituzionale collaborazione dell intero Foro Oplontino con i vertici degli Uffici giudiziari e manda all Ufficio di Presidenza di comunicare il presente deliberato al Presidente della Corte di Appello di Napoli, al Presidente del Tribunale di Torre Annunziata ed al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torre Annunziata. ****** 2 - Il Presidente Caia comunica che l Ordine di Napoli ha organizzato in S. Maria di Castellabate dall 8 al 10 giugno 2012, il X Stage di Diritto dell Unione Europea Andrea Cafiero ed invita i Presidenti dei C.O. della Regione Campania a partecipare all evento anche chiedendo di dare pubblicità allo Stage presso gli iscritti dei propri Ordini. ****** Alle ore 21,30 il Presidente dichiara chiusi i lavori dell Assemblea. Il Segretario Avv. Gennaro Torrese Il Presidente Avv. Prof. Franco Tortorano Pagina 8 di 8 TORRE DEL GRECO VIA TIRONI 8 (VILLA DE NICOLA)

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA (Testo approvato in via preliminare dal Consiglio Nazionale Forense il 21 febbraio 2014) SOMMARIO RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO... 2 BASE NORMATIVA: ARTICOLI RILEVANTI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DEONTOLOGICO FORENSE (Testo approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 17 aprile 1997 ed aggiornato con le modifiche introdotte il 16 ottobre 1999, il 26 ottobre 2002, il 27 gennaio

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli COMUNE DI NAPOLI Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli (approvato con delibera di Consiglio comunale n. 238 del 10.7.02) TITOLO I Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli