1. La domanda e l'offerta di servizi bancari a supporto dell'internazionalizzazione delle imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. La domanda e l'offerta di servizi bancari a supporto dell'internazionalizzazione delle imprese"

Transcript

1 Università degli Studi di Parma Corso di ECONOMIA DEI MERCATI E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI INTERNAZIONALI mod La domanda e l'offerta di servizi bancari a supporto dell'internazionalizzazione delle imprese Prof. Paola Schwizer LAMIB A.A. 2009/2010

2 Indice 1. Il sistema dei prodotti e servizi del corporate banking 1.1 Commercial Banking 1.2 Investment Banking 2. Le forme di internazionalizzazione delle imprese 3. La domanda di servizi finanziari in relazione ai fabbisogni e alle caratteristiche strutturali delle imprese 4. Le tipologie di intermediari coinvolti 2

3 1. Il sistema dei prodotti e servizi del corporate banking I servizi bancari alle imprese che internazionalizzano la propria attività rientrano tipicamente nel Corporate Banking Corporate Banking area di prodotti e servizi finanziari messi a disposizione delle imprese non finanziarie si differenzia tipicamente dal retail, dal private e dall institutional banking si divide nelle due sotto-aree dell Investment Banking e del Commercial Banking in genere costituisce una unità organizzativa autonoma (strutture divisionali) 3

4 1. Il sistema dei prodotti e servizi del corporate banking Corporate Banking Investment Banking Commercial Banking Risk management Corporate finance Capital markets Merchant banking Project finance Asset management Advisory Foreign Trade Financial Services Cash management Corporate lending 4

5 1.1. Il Commercial Banking Il Commercial Banking comprende tutti i prodotti/servizi frutto dell attività di intermediazione creditizia tipica della banca (raccolta del risparmio presso il pubblico ed esercizio del credito) Cash management Corporate lending 5

6 1.1.1 Cash management I conti correnti e in generale i conti di deposito consentono l impiego di temporanee esigenze di liquidità e favoriscono l accesso al sistema dei pagamenti (cash management) In quest area, la banca supporta il ciclo acquistitrasformazione-vendite delle imprese, anche quando questo comporta transazioni con controparti estere 6

7 1.1.1 Cash management: prodotti e servizi tipici Rivolti a tutta la clientela: assegno, carte di pagamento, ecc. Rivolti alle imprese per ottimizzazione tesoreria: MAV, RIBA, RID Per regolamento con controparti estere, vi sono anche altri strumenti specifici: rimesse documentarie, lettere di credito, operazioni di countertrade, gestione di trasferimenti monetari sull estero 7

8 a) La rimessa documentaria E uno strumento di pagamento che subordina il regolamento dell importo pattuito tra le parti non tanto alla consegna della merce quanto piuttosto al trasferimento di tutti i suoi documenti rappresentativi, che costituiscono la prova dell avvenuta spedizione della merci (ad esempio fatture, documenti di trasporto, ecc.) La banca, su espresso mandato della propria clientela, provvede ad inviare i documenti originali alla banca estera, fornendo alla stessa le opportune istruzioni per la consegna dei documenti stessi al trassato (acquirente) La consegna può avvenire dietro pagamento da parte dell importatore del corrispettivo pattuito (clausola D/P) o dietro accettazione degli effetti spiccati dall esportatore nei confronti dell importatore all atto della consegna della merce al vettore 8

9 b) La lettera di credito (stand by letter of credit) E un effetto emesso dalla banca su ordine dell importatore e contiene l impegno irrevocabile della banca a pagare il prezzo previsto nel contratto, nel caso in cui tale pagamento non sia stato effettuato dall ordinante La banca addebita sui conti dell importatore l importo versato alla banca dell esportatore a fronte dell eventuale utilizzo della stand by 9

10 c)il countertrade Scambio, che avviene tra controparti private o che si inserisce nell ambito di accordi di cooperazione industriale tra due paesi Prevede che la consegna delle merci o la prestazione di servizi a un paese siano vincolate, in tutto o in parte, all acquisto di merci o servizi da quel medesimo paese Si svolge in diverse forme tecnichela banca si occupa del ritiro e della successiva collocazione delle merci sul mercato, nonché della predisposizione degli strumenti di raccolta necessari per consentire la contabilizzazione e il regolamento degli scambi 10

11 c)il countertrade: forme tecniche Barter Counterpurchase contratto con il quale l esportatore riceve merci in cambio dei prodotti esportati contratto nel quale l esportazione di prodotti viene regolata con pagamento in parte in valuta e in parte in beni; è caratterizzato dal fatto che vi sono due contratti o più: il contratto principale relativo all esportazione della merce ed il contratto accessorio che prevede l impegno dell esportatore ad acquistare dei beni dall importatore in pagamento della merce esportata Buy-back Offset contratto utilizzato per forniture di impianti chiavi-in mano, dove il pagamento viene effettuato con la vendita di prodotti fabbricati dall impianto stesso un operazione di compensazione industriale in cui lo stesso importatore partecipa alla realizzazione del prodotto attraverso la fornitura di materie prime, prodotti locali, manodopera Switch trading o accordo di clearing figura di countertrade particolare, caratterizzata dal fatto che i pagamenti delle merci scambiate non vengono effettuati in valute controvertibili, ma vengono registrati presso le rispettive banche centrali in un conto detto appunto conto di clearing 11

12 12

13 d) I servizi di gestione dei trasferimenti monetari sull estero Servizi di trasferimento di moneta all estero, funzionali ad esempio alla creazione di una provvista strumentale alla realizzazione di investimenti strutturali, all apertura di reti distributive, al regolamento di transazioni future E fondamentale che la banca operi, in questo ambito, con professionalità e competenza e nel rispetto delle normative internazionali E importante che la banca partecipi ad un vasto network di relazioni con banche estere, che le consenta di operare anche in aree geografiche meno sviluppate e caratterizzate da elevato rischio paese 13

14 1.1.2 Corporate lending Riguarda l erogazione di finanziamenti alle imprese ai fini del soddisfacimento dei bisogni di investimento crediti monetari a breve e m/l termine crediti non monetari (di firma) 14

15 a) Crediti monetari a breve termine Tipiche linee di credito a breve termine pro solvendo: apertura di credito in c/c, sconto di effetti, anticipo sbf, anticipazione su merci, credito per elasticità di cassa, finanziamento tramite compravendita di valori mobiliari pronti contro termine pro soluto: factoring Tipologie specifiche a supporto dell internazionalizzazione delle imprese: forfaiting factoring internazionale 15

16 Forfaiting Consiste nella cessione pro soluto da parte dell esportatore di effetti rappresentativi di una sottostante transazione commerciale tipicamente commercial paper o polizze di credito commerciale a un istituzione finanziaria specializzata detta forfaiter L esportatore riceve immediatamente il pagamento dell effetto al netto di interessi e commissioni, smobilizzando così il proprio credito commerciale In genere è utilizzato in caso di export di beni strumentali e può essere quindi anche a medio termine 16

17 Factoring internazionale Riguarda contratti in cui cedente e debitore ceduto appartengono a paesi diversi Si distingue in export factoring: il factor acquista i crediti dei venditori nazionali (esportatori) vs. importatori esteri import factoring: il factor acquista i crediti degli esportatori esteri vs. importatori nazionali Prevede la presenza di due factor: il factor nazionale e il factor estero Il factor nazionale si fa cedere pro soluto dall esportatore i crediti vantati nei confronti dei clienti esteri, potendo anche concedere anticipazioni su di essi e, a sua volta li cede al factor estero, il quale approva i crediti assumendosi di fatto il rischio di insolvenza dei debitori ceduti, li gestisce fino ad avvenuto incasso, dopo il quale provvede a trasferire la relativa disponibilità al factor nazionale 17

18 b) Crediti monetari a m/l termine Tipiche forme di finanziamento a m/l termine: mutui linee di credito revolving, stand by, evergreen, step up finanziamenti con struttura bid line linee di credito mezzanino (prestiti subordinati, ecc.) finanziamenti agevolati (incluso i prestiti partecipativi) leasing finanziario 18

19 b) Crediti monetari a m/l termine Tipologie specifiche a supporto dell internazionalizzazione delle imprese: credito acquirente (operazioni triangolari) credito fornitore forfaiting leasing internazionale 19

20 c) Crediti non monetari Soddisfano in prima istanza i bisogni di copertura dei rischi cui sono esposte le controparti dell impresa affidata Si dividono in garanzie reali e personali; queste ultime possono essere di natura cambiaria (accettazione, avallo) o no (fidejussione) Forme tipiche a favore delle imprese coinvolte in processi di internazionalizzazione sono: credito documentario confirming garanzie bancarie internazionali 20

21 Credito documentario (1/2) E l impegno assunto da una banca (detta emittente), su istruzioni e per conto di un compratore estero (ordinante), a favore di un venditore nazionale (beneficiario) La banca effettuerà la prestazione prevista nel credito stesso (pagamento a vista o differito, accettazione, negoziazione di tratte a vista o a scadenza) a favore del beneficiario, sino alla concorrenza di una somma prestabilita ed entro una scadenza prefissata, contro la presentazione dei documenti richiesti e a condizione che siano rispettati tutti i termini e le condizioni del credito La banca del venditore (avvisante o notificatrice) assume il ruolo di intermediaria notificando al beneficiario l impegno della banca emittente 21

22 Credito documentario (2/2) Il credito documentario puo assumere diverse forme tecniche, a seconda delle sue caratteristiche: revocabile/irrevocabile presenza o no di un impegno della banca avvisante piazza di domiciliazione (e utilizzo) prestazione prevista da parte della banca emittente credito concesso in un unica soluzione o in più tranches; credito revolving 22

23 Confirming (conferma di ordine) Il contratto prevede che l esportatore ceda la proprietà della merce a un intermediario (Confirming House), che a sua volta la trasferisce all importatore, dal quale aveva ricevuto l incarico di procedere all acquisto Una volta che la CH ha accordato la propria conferma di ordine, il venditore è tutelato dal rischio di rifiuto della merce da parte dell acquirente finale 23

24 Garanzie bancarie internazionali Assumono la forma tecnica di bond Rappresentano contratti autonomi di garanzia, sganciati dai contratti di fornitura sottostanti (molto diffusi in contratti di appalto) Le forme tecniche principali sono: Bid bond (garanzia per il mantenimento dell offerta, in appalti) Advance payment bond (garanzia sugli acconti versati) Performance bond (garanzia per la buona esecuzione del contratto) 24

25 1.2. L Investment Banking Area che comprende tutti i prodotti e servizi, a contenuto non tipicamente creditizio, finalizzati al soddisfacimento di esigenze finanziarie complesse e di carattere straordinario Si basa in genere su servizi di consulting & advisory (consulenza legale, fiscale e finanziaria) e big size deals (attività come fusioni e acquisizioni, caratterizzate da alti costi fissi) e di norma con un approccio internazionale/multimercato Comprende diverse aree d affari (cfr. slide 4) 25

26 Risk management Area che comprende tutti i prodotti e servizi finalizzati all individuazione, alla misurazione e alla copertura dei rischi finanziari e non, cui sono esposte le imprese nello svolgimento della propria attività tipica (include un servizio di consulenza): contratti derivati (futures, swap, options, forward contracts) per copertura rischi di credito, di regolamento, di cambio, di tasso, di prezzo di valori mobiliari e commodities, di inflazione contratti OTC negoziabili con banche, enti pubblici o organismi sopranazionali per la gestione dei rischi commerciali e industriali e per la copertura del rischio paese (SACE) polizze assicurative 26

27 Risk management: SACE SACE S.p.A. è una Agenzia di Credito all'esportazione, ed assume in assicurazione e/o in riassicurazione i rischi a cui sono esposte le aziende italiane nelle loro transazioni internazionali e negli investimenti all'estero. SACE nasce nel 1977 in seguito alla Legge 227/77 come Sezione speciale per l'assicurazione del Credito all'esportazione dell Istituto Nazionale Assicurazione. Con il Decreto Legislativo 143/08 diventa Istituto per i Servizi Assicurativi del Commercio Estero, diventando in seguito Ente Pubblico Economico. Nel 2004, con la Legge 326/04 diventa Sace S.p.A.. SACE, controllata al 100% dal Ministero dell Economia e delle Finanze, offre una gamma complessa di strumenti per l'assicurazione del credito, la protezione degli investimenti, l'erogazione di cauzioni e garanzie finanziarie. L' assicurazione del credito è la riduzione o il trasferimento verso terzi dei rischi di insolvenza. L'assicurazione comprende, in senso economicofinanziario, anche la gestione e il finanziamento del credito. 27

28 Corporate Finance Interventi e operazioni posti in essere al fine di ottimizzare le esigenze finanziarie delle imprese Operazioni di finanza straordinaria Sostengono obiettivi quali: la crescita dell impresa per linee esterne, l ingresso in nuovi mercati, ridimensionamento dell attività operativa, focalizzazione su specifiche aree di business, riassetto della compagine societaria per conflitti tra soci o problemi di successione, realizzazione di alleanze strategiche, ristrutturazione di aziende in crisi 28

29 Advisory Attività consulenziale offerta alle imprese, relativa a: consulenza strategica, es. piani di ingresso in nuovi paesi, ricerca di partner esteri assistenza e garanzie a imprese che partecipano a gare internazionali d appalto supporto al commercio internazionale (es. assistenza nei rapporti con autorità locali, gestione documentazione, recupero crediti, ecc.) 29

30 Capital Markets Finanza mobiliare Include prodotti e servizi finalizzati ad agevolare l accesso delle imprese al mercato dei capitali servizi di mercato primario: origination, organizzazione, sottoscrizione e collocamento di valori mobiliari di nuova emissione (ad esempio, in caso di quotazione su borse estere) servizi di mercato secondario: brokerage, dealing, market making (ad esempio relativamente a titoli in valuta per gestione del rischio di cambio; riconfigurazione assetto proprietario) 30

31 Merchant banking Offerta di servizi di finanziamento alle imprese secondo forme e modalità tecniche alternative al lending tradizionale Assunzione di partecipazione temporanea all impresa Utile quando l ingresso in mercati esteri rende conveniente o obbligatoria la costituzione di società miste con partner esteri l IF assumendo a sua volta una quota del capitale della società mista può contribuire ad aumentarne lo standing creditizio 31

32 Project finance Operazioni finanziarie tramite le quali è possibile realizzare investimenti infrastrutturali e investimenti in beni strumentali di ingenti dimensioni La specificità dell operazione consiste nel fatto che il progetto di investimento viene isolato da un punto di vista societario, gestionale e finanziario dal complesso delle altre attività dei soggetti promotori dell iniziativa (sponsor), siano essi privati o pubblici, mediante la creazione di un veicolo societario ad hoc (special purpose vehicle o società-progetto), che risulta titolare di tutti i diritti relativi all operazione e stipula contratti con tutte le parti impegnate a vario titolo nell operazione 32

33 Project finance La principale garanzia per il rimborso dei finanziamenti é rappresentata dai flussi di cassa del progetto, che si devono manifestare con adeguati livelli di certezza, e da una efficace gestione dei rischi legati all iniziativa, che permette di limitare la possibilità che i flussi di cassa previsti vengano meno La valutazione di sostenibilità economico/finanziaria della singola iniziativa si basa esclusivamente sulla qualità (intesa come capacità di generare flussi di cassa a fronte di un determinato livello di rischio) del singolo progetto e non su merito creditizio dei singoli azionisti 33

34 Project finance Rispetto all alternativa rappresentata dalla concessione di finanziamenti direttamente alla impresa sponsor, consiste nella limitata o nulla possibilità delle banche di rivalersi sulla impresa sponsor nel caso in cui il progetto dovesse rivelarsi underperforming Molte imprese domestiche attive sui mercati esteri partecipano a operazioni di PF come sponsor, costruttori, fornitori o gestori di operazioni finalizzate alla costruzione o gestione di grandi impianti produttivi o di opere pubbliche 34

35 Project finance: il ponte sullo stretto La copertura finanziaria dovrebbe essere ripartita su due voci pubbliche per un totale di euro e su un «residuo in project financing» che dai documenti del governo ammonterebbe a milioni (al netto degli oneri finanziari). La quota pubblica sarebbe quindi del 43% contro il 57% di quella privata. Se consideriamo anche il costo degli oneri finanziari la quota pubblica scende al 39,4% contro il 60,6% di quella in project financing. Nella sostanza viene rispettato il rapporto caratteristico del primo piano finanziario del L'andamento dei mercati finanziari e le vicende controverse del Ponte rischiano di rendere però più difficile il reperimento di risorse private, anche perché vanno aggiornate le stime del traffico di veicoli che dovrebbe dare il cash flow dell'opera Il Sole 24 Ore, 23 dicembre

36 Asset management Comprende i servizi di gestione di patrimoni su base individuale e su base collettiva Include i servizi accessori di trading e di consulenza (fiscale, finanziaria, legale) inerenti l attività di gestione Imprese che hanno intrapreso percorsi di internazionalizzazione possono ricorrere a servizi di AM per la gestione di eccedenze di liquidità (esportatori) o per la gestione di investimenti immobiliari connessi alla realizzazione di investimenti diretti all estero Altri servizi di AM possono essere finalizzati alla protezione di patrimoni di imprese impegnate nella costituzione di società miste con partner esteri (es. investment trust) 36

37 I Foreign Trade Financial Services Corporate Banking Investment Banking Commercial Banking Foreign Trade Financial Services Forfaiting Factoring internazionale Credito acquirente/fornitore Leasing internazionale Crediti documentari Confirming Granzie bancarie internazionali Lettere di credito stand by Rimesse documentarie Countertrade Gestione di trasf. mon sull estero Consulenza per partecipazione a gare internazionali Consulenza strategica Consulenza in tema di commercio internazionale Creazione e partecipazione di società miste 37

38 SIMEST (Società italiana per le imprese all estero) La SIMEST è stata istituita come società per azioni nel 1990 (Legge n. 100 del ) È controllata dal Governo Italiano che detiene il 76% del pacchetto azionario, ed è partecipata da banche, associazioni imprenditoriali e di categoria La SIMEST è stata creata per promuovere il processo di internazionalizzazione delle imprese italiane ed assistere gli imprenditori nelle loro attività all estero e pertanto: per gli investimenti all estero sottoscrive fino al 25% del capitale delle società estere partecipate da imprese italiane agevola il finanziamento di quote sottoscritte dal partner italiano in società o imprese all estero gestisce fondi di Venture Capital per gli scambi commerciali agevola crediti all esportazione finanzia studi di prefattibilità, fattibilità e programmi di assistenza tecnica finanzia programmi di penetrazione commerciale SIMEST inoltre fornisce servizi di assistenza e consulenza per tutte le fasi dell avvio e della realizzazione di investimenti all estero. 38

39 2. Le forme di internazionalizzazione delle imprese Esportazione di beni e servizi Accordi commerciali Accordi produttivi Investimenti diretti esteri (investimento in almeno il 10% del capitale sociale in azioni ordinarie in un impresa estera al fine di instaurare un interesse duraturo e una relazione di lungo periodo e esercitare una significativa influenza sul management dell impresa partecipata) 39

40 Esportazione di beni e servizi Esportazione di beni e servizi Vantaggi Limitato impiego di risorse Rischio contenuto Svantaggi Barriere commerciali Costi di trasporto Difficoltà di monitoraggio della clientela locale 40

41 Accordi commerciali Forma Vantaggi Svantaggi Agenti di rappresentanza Concessionario o distributore in esclusiva Franchising (concessione dell uso del marchio e del know how commerciale al distributore) Limitato impiego di risorse Conoscenza del mercato da parte dell agente e reputazione dello stesso Rete di vendita già sviluppata Riduzione costi di trasporto e costi amministrativi Servizi post vendita Conoscenza del mercato Ripartizione del rischio Riduzione costi fissi Rischio di insolvenza in capo all impresa Monitoraggio del rappresentante Condivisione di ricavi Monitoraggio del distributore anche per evitare danni reputazionali al marchio 41

42 Accordi commerciali: esempi 08 set Nycomed Italia, che fa capo al gruppo farmaceutico globale che commercializza prodotti ospedalieri, specialistici, di primary care e OTC, ha siglato quattro importanti accordi commerciali con realta' italiane che ridisegnano il portfolio prodotti e caratterizzeranno lo sviluppo del gruppo. In una nota la societa' precisa che si tratta di un accordo di licenza con Giuliani S.p.A. per la distribuzione in Italia di Mesavancol, un nuovo farmaco indicato nel trattamento della Rettocolite Ulcerosa (RCU), che permette a Nycomed in Italia di rafforzare in modo significativo la propria presenza nella gastroenterologia. Il lancio di Mesavancol e' previsto a inizio Il secondo accordo e' stato concluso con Theramex S.p.A. e prevede il ritorno nel portfolio Nycomed del brand Orotre, per il trattamento dell'osteoporosi. Il terzo e' un accordo di outlicensing a Gruenenthal Formenti del patch Matrifen a base di fentanile (per il trattamento del dolore oncologico) e il quarto un'intesa di co-marketing con Recordati per la commercializzazione di Sylodix, il nuovo farmaco indicato per il trattamento dei sintomi dell'iperplasia prostatica benigna (IPB). Sylodix sara' commercializzato a partire dal 2010 ed andra' a rafforzare la presenza di Nycomed in Italia nell'urologia. Sylodix e' attualmente al vaglio delle autorita' dell'emea e se ne prevede la commercializzazione in Italia nella seconda meta' del

43 Accordi produttivi Forma Vantaggi Svantaggi Outsourcing di beni e servizi (subfornitura) Accesso a risorse meno costose o più facilmente reperibili Flessibilità di ingresso e uscita dal mercato Rischio di comportamenti opportunistici delle parti (es. beni contraffatti venduti su mercati paralleli) Rischio di ritardi nelle consegne o di bassa qualità della produzione Barriere commerciali Costi di trasporto Subfornitura in regime di traffico di perfezionamento passivo (codice doganale comunitario) - consente di far effettuare lavorazioni o riparazioni di merci in paesi terzi con parziale o totale esenzione del pagamento dei diritti doganali al momento della reimportazione delle merci Costo della mano d opera inferiore Subfornitura in regime di traffico di perfezionamento attivo (codice doganale comunitario) - consente alle imprese di importare con sospensione del pagamento del dazio - merci da riparare o materie prime e/o semilavorati da impiegare nella fabbricazione di prodotti, che saranno successivamente riesportati in paesi extra-comunitari Approvvigionarsi di merci a costi preferenziali Rivendita nel mercato internazionale a prezzi competitivi e concorrenziali rispetto a quelli praticati da altri paesi ricchi di materie prime o dove queste arrivano a costi più bassi 43

44 Accordi produttivi Forma Vantaggi Svantaggi Patti per il trasferimento di tecnologia o competenze a partner esteri (ed ev. di beni strumentali) -Accordi di licenza (dietro royalties) -Cessione del brevetto Possibilità di cedere tecnologie obsolete nel proprio paese Possibilità di avvicinarsi a mercati esteri e instaurare relazioni di lungo periodo con i partner Rischio di dissipazione di competenze Costi elevati per alto impiego di risorse tecniche in fase di trasferimento delle tecnologie 44

45 Investimenti diretti Sono convenienti se portano contemporaneamente tre tipi di vantaggi: -di proprietà (particolari conoscenze dell impresa sotto il profilo tecnologico e organizzativo) -di localizzazione (benefici connessi all operare su un determinato mercato) -di internalizzazione (l impresa riceve dei benefici dal mantenere al proprio interno una particolare fase della catena del valore, le economie di scala a livello di impresa sono maggiori di quelle a livello di impianto) 45

46 Investimenti diretti Forma Vantaggi Svantaggi Joint venture Fusione o acquisizione di imprese locali Investimento diretto con condivisione di rischi Sfruttare le conoscenze e i contatti locali dei partner Tempi rapidi di ingresso Acquisizione di competenze di imprese locali Rischio di inadempienze contrattuali Limitazione dell indipendenza dell impresa nelle scelte gestionali Investimento ex novo (greenfield) Autonomia elevata nella gestione Tempi lunghi Richiede conoscenze approfondite del contesto locale 46

47 Investimenti diretti A fini commerciali A fini produttivi (verticali/orizzontali) 47

48 Accordi produttivi e investimenti diretti LEADER EUROPEO DEI LEGUMI Nata nel 1984, l'azienda è leader mondiale nel settore dei legumi e dei cereali e produce a marchio delle principali catene mainstream e della distribuzione specializzate. Occupa 650 persone in 5 stabilimenti in Europa, Asia e America Latina. 48

49 3. La domanda di servizi finanziari Criteri usati dagli IF per segmentare il sistema di offerta dei servizi finanziari all internazionalizzazione Le caratteristiche della domanda di servizi finanziari a supporto dell internazionalizzazione dipendono da alcuni fattori relativi alla struttura delle imprese: tipologia di impresa (familiare vs. proprietà diversificata; partecipate da IF, come merchant bank o fondi chiusi) stadio di sviluppo stadio di sviluppo del processo di internazionalizzazione tipologia di bisogno 49

50 3. La domanda di servizi finanziari: stadio di sviluppo Diversi prodotti e servizi di supporto all internazionalizzazione fatturato introduzione sviluppo maturità declino t 50

51 3. La domanda di servizi finanziari: stadio del processo di internazionalizzazione iniziale intermedio avanzato Individuazione di controparti Avvio delle negoziazioni Organizzazione di missioni all estero Dimostrazione di affidabilità Consolidare la presenza all estero Sviluppare nuove forme di presenza sui diversi mercati Migliorare la gestione dei rischi Minimizzare i costi operativi Migliorare la qualità percepita dei propri prodotti Sofisticazione crescente dei servizi di supporto all internazionalizzazione 51

52 3. La domanda di servizi finanziari: tipologie di bisogno Investimenti in capitale circolante Investimenti in capitale fisso Reputazione in mercati esteri Copertura rischi Consulenza 52

53 4. Le tipologie di intermediari coinvolti Banche commerciali domestiche Filiali estere di banche domestiche Banche internazionali Banche del paese estero di destinazione Intermediari finanziari non bancari Consorzi export o società di consulenza Altri operatori internazionali (grandi società specializzate) 53

54 Una visione di insieme Prodotti/ servizi delle banche Forma di internazionalizzazione Tipologia di impresa Stadio di sviluppo Tipo di bisogno soddisfatto Tipo di intermediario coinvolto 54

55 I cluster tipici in Italia (Onida, 2006) Struttura proprietaria Vocazione internazionale Alta Bassa Familiare Non familiare piccole Non familiare medio-grandi Piccole imprese che estendono saltuariamente oltre confine la propria attività e che richiedono servizi finanziari semplici e standard (servizi di pagamento privi di garanzie e raccolta informazioni) Esportano tipicamente beni di consumo oltre a lavorare come subfornitori Piccole imprese molto proiettate sui mercati esteri richiedono servizi di finanziamento all export e consulenza ad alto valore aggiunto Svolgono attività di subfornitura ed export di beni di consumo Imprese con fatturato tra 50 e 200 milioni di ad alta proiezione internazionale che richiedono soprattutto crediti di firma e copertura dei rischi oltre ché assistenza nell organizzazione di missioni e fiere Esportano beni di consumo e strumentali ed effettuano IDE commerciali Grandi imprese, spesso gruppi, che richiedono servizi finanziari complessi ad alto valore aggiunto (es. derivati per copertura del rischio di cambio) Esportano tipicamente beni strumentali o effettuano IDE produttivi 55

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli