Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre"

Transcript

1 Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo Urbino, a.a Decisioni finanziarie e informazione 1

2 Canali di trasferimento delle risorse finanziarie CANALE DIRETTO Unità in surplus SF > 0 S > I Intermediario creditizio Unità in deficit SF < 0 S < I CANALE INDIRETTO Flussi di risorse finanziarie Prof. Alessandro Berti 3 Sistema finanziario e intermediari Canale finanziario o circuito di intermediazione diretto ed autonomo L intervento dell intermediario avviene per necessità puramente tecniche Attività del broker (operatore istituzionale che agevola la stipulazione di contratti finanziari direttamente tra agenti, senza assumere il rischio della transazione). Prof. Alessandro Berti 4 2

3 Sistema finanziario e intermediari Canale finanziario o circuito di intermediazione diretto ed assistito L intervento dell intermediario è necessario per la ricerca e selezione della controparte Attività del dealer/market maker. Esempio: collocamento di azioni di nuova emissione per conto dell impresa emittente, negoziazione di strumenti finanziari primari, etc. Prof. Alessandro Berti 5 Sistema finanziario e intermediari Canale finanziario o circuito di intermediazione indiretto Trasferimento di strumenti finanziari secondari (secondary securities) Intermediario finanziario (trasformatore di scadenze e rischi): operatore istituzionale che si interpone nella stipulazione dei contratti finanziari nella veste di controparte degli agenti individuali e realizza un attività di trasformazione. Esempio: banche, società di credito al consumo, etc. Prof. Alessandro Berti 6 3

4 Efficienza del sistema finanziario Esistono differenti concetti di efficienza: Efficienza di completezza alla Arrow-Debreu Efficienza informativa Efficienza valutativa Efficienza operativa Efficienza allocativa Prof. Alessandro Berti 7 Efficienza di completezza L efficienza nel senso di Arrow-Debreu Un sistema finanziario è efficiente se assicura a tutti gli operatori contratti completi in relazione a tutti i possibili stati del mondo e consente di effettuare scambi relativi a tutte le scadenze future e a tutte le possibili eventualità I beni vengono distinti non solo per le caratteristiche merceologiche e per la collocazione spaziale e temporale, ma anche per lo stato di natura : un ombrello disponibile quando piove, va considerato diversamente da un ombrello disponibile in una giornata di sole Ogni bene sarà quindi dotato di mercati completi (e naturalmente si tratta di un mondo puramente ideale). Prof. Alessandro Berti 8 4

5 Efficienza informativa L efficienza informativa Un mercato finanziario è efficiente quando in ogni momento i prezzi dei titoli riflettono pienamente ed in modo corretto tutte le informazioni disponibili. Esistono tre stadi: Efficienza in forma debole: i prezzi incorporano tutte le informazioni di tipo storico Efficienza in forma semi-forte: i prezzi e le aspettative degli investitori si fondano anche sulle informazioni di dominio pubblico Efficienza in forma forte: i prezzi incorporano anche tutte le informazioni conoscibili su un azienda, comprese quelle disponibili all interno dell azienda stessa. Prof. Alessandro Berti 9 Efficienza valutativa L efficienza valutativa o fondamentale Un sistema finanziario è efficiente quando i prezzi esprimono i fondamentali economici del valore, cioè il valore scontato dei flussi di cassa attesi (dividendi futuri, premio al rischio richiesto) Fondamentale non significa oggettivo. Ad esempio, se esiste un fenomeno moda in base al quale gli investitori preferiscono alcuni titoli (e quindi sono disposti ad ottenere un rendimento inferiore), è coerente che essi abbiano prezzi superiori. Prof. Alessandro Berti 10 5

6 Efficienza operativa L efficienza operativa Un sistema finanziario è efficiente quando ogni impresa produce la quantità per la quale il costo medio è minimo e il prezzo prevalente sul mercato è uguale al minimo costo. Presuppone quindi l efficienza tecnica a livello di intermediario e l efficienza funzionale a livello di mercato La performance del mercato può essere valutata sulla base dell osservazione di parametri quali: Spessore Ampiezza Elasticità Prof. Alessandro Berti 11 Efficienza allocativa L efficienza allocativa Un mercato finanziario soddisfa questa condizione quando è in grado di allocare le risorse messe a disposizione dalle unità in surplus nel modo più efficiente possibile. È necessario che: Ogni investitore agisca in modo razionale (ricerchi il punto di massimo della propria funzione di utilità) Tutti i richiedenti fondi cerchino di dotarsi di una struttura finanziaria ottimale (il punto di minimo della funzione di costo del capitale) Prof. Alessandro Berti 12 6

7 Le decisioni finanziarie Il sistema finanziario ha il compito di conciliare le preferenze delle unità in surplus con quelle delle unità in deficit, riguardo alla domanda di attività finanziarie e passività finanziarie. Assume perciò importanza cruciale l'informazione circa tutti gli elementi che consentono la valutazione di un attività finanziaria. Prof. Alessandro Berti 13 L informazione Si definisce informazione ogni dato riferito alla singola attività finanziaria ed al suo emittente oppure all economia nel suo complesso. Si distinguono: informazione specifica; informazione generale; informazione pubblica; informazione privata. L informazione è un dato di input ma anche un dato di output del sistema. Il sistema produce informazioni attraverso: gli emittenti; le società di rating e di certificazione; le banche centrali; gli istituti di statistica; le reti di informazioni (ad es. Reuters); Prof. Alessandro Berti 14 7

8 L informazione (segue) Tuttavia, importanza ancora maggiore riveste il fatto che le informazioni: siano disponibili in ugual misura; siano disponibili allo stesso costo; siano disponibili a tutti i soggetti. Oppure vi siano, strutturalmente radicate nel sistema economico, differenze nella distribuzione delle informazioni stesse. Prof. Alessandro Berti 15 L informazione (segue) L'informazione utile ai fini finanziari parte dal dato elementare fino a giungere a vere e proprie infrastrutture informative, mettendo a disposizione del pubblico i dati esistenti, la rielaborazione statistica, le previsioni etc. : lo stato dell'informazione è una componente fondamentale della probabilità del verificarsi di un determinato evento. Prof. Alessandro Berti 16 8

9 L informazione (segue) Costi di informazione costi di acquisizione dei dati disponibili pubblicamente sull'economia in generale, ma, soprattutto, sui singoli debitori. L'informazione è tempestiva quando viene fornita in tempo economicamente utile. costi di acquisizione delle informazioni sul futuro, per produrre generali e/o specifiche previsioni sul futuro. Prof. Alessandro Berti 17 Le asimmetrie informative Se l'informazione è costosa è possibile che non sia uniformemente distribuita, è cioè possibile che sia distribuita in modo asimmetrico e ciò motiva la ricerca di informazioni a basso costo da parte dei soggetti; in generale, si parla di asimmetria informativa quando gli agenti economici dispongono di frammenti informativi diversi. Prof. Alessandro Berti 18 9

10 Le asimmetrie informative (segue) Quando l informazione non è distribuita in modo uniforme tra gli operatori si genera un grado di asimmetria informativa MODELLO DI AKERLOF (1970) AUTO PREZZO MAX FREQUENZA BUONE ,5 MEDIOCRI ,3 BIDONI 0 0,2 Le asimmetrie possono paralizzare gli scambi o produrre scambi in condizioni sub-ottimali Prof. Alessandro Berti 19 Le asimmetrie informative (segue) Le asimmetrie informative possono generare pratiche di selezione avversa e di moral hazard ASIMMETRIA PREZZO MEDIO SELEZIONE AVVERSA MORAL HAZARD POLITICA DEI PRESTITI POLIZZE ASSICURATIVE ATTIVI BANCARI E OBBLIGHI DI VIGILANZA Prof. Alessandro Berti 20 10

11 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi Esempio basato sul mercato delle auto usate = lemons o "bidoni" Domanda: perché un'auto usata, anche di pochi giorni, viene venduta ad un prezzo notevolmente più basso di quella nuova? Risposta di Akerlof: IL MODELLO DI AKERLOF in base alle informazioni disponibili. Prof. Alessandro Berti 21 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi (segue) L ipotesi di asimmetria informativa secondo Akerlof è la più realistica, poiché il venditore, avendo usato l'auto per un certo periodo di tempo, è in grado di giudicarne la qualità, al contrario del compratore. Si ha a questo punto l'assunzione cruciale del modello di Akerlof gli acquirenti sono del tutto incapaci di distinguere tra lemons ed auto buone. Prof. Alessandro Berti 22 11

12 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi (segue) Akerlof dimostra che l'asimmetria informativa danneggia in maniera evidente il lato della domanda, ma anche il lato dell'offerta; avviene così che le auto buone vengono vendute ad un prezzo inferiore a quello corretto. Prof. Alessandro Berti 23 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi finanziari L esistenza di asimmetrie: danneggia i datori di fondi; ma danneggia anche i "buoni" prenditori di fondi; in realtà la condizione ottimale per i venditori sarebbe quella di due prezzi di equilibrio distinti (separating equilibrium). Prof. Alessandro Berti 24 12

13 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi finanziari (segue) in finanza ciò significa che i prezzi = tassi dovrebbero essere differenziati a seconda della qualità = rischio del prenditore di fondi; in assenza di correttivi l'asimmetria informativa provoca un equilibrio unico (pooling equilibrium) poiché gli acquirenti sono incapaci di distinguere auto = progetti buoni dai lemons = progetti fallimentari. Prof. Alessandro Berti 25 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi finanziari (segue) così, ad esempio, il costo del credito accordato ai cattivi prenditori di fondi viene fatto pagare anche ai buoni prenditori di fondi (fenomeno del sussidio incrociato); tale fenomeno è tipico del mercato del credito, soprattutto di quello italiano. Prof. Alessandro Berti 26 13

14 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi finanziari (segue) In finanza si verifica: il razionamento del credito e/o l allocazione inefficiente delle risorse, poiché non vengono finanziati i progetti validi; il costo del credito è più elevato per i "buoni" prenditori di fondi, meno elevato per i "cattivi" prenditori di fondi. Prof. Alessandro Berti 27 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi finanziari (segue) In sintesi, secondo Akerlof: il sistema non trasmette tutta l'informazione e conduce quindi ad una situazione inefficiente; i prezzi divengono veicolo di informazione e gli acquirenti sono indotti a desumere la qualità dal prezzo; si crea un meccanismo allocativo inefficiente descritto dal fenomeno della selezione avversa (adverse selection). Prof. Alessandro Berti 28 14

15 Conseguenze delle asimmetrie informative EX ANTE SELEZIONE AVVERSA tale problema emerge quando nell'ambito di una transazione economica, una parte possiede informazioni rilevanti per la transazione stessa ma sconosciute alla controparte; si parla allora di informazioni nascoste = hidden information Prof. Alessandro Berti 29 Conseguenze delle asimmetrie informative EX POST RISCHIO MORALE (MORAL HAZARD) O COMPORTAMENTO OPPORTUNISTICO questo tipo di conseguenza dell'asimmetria nasce dopo la stipulazione del contratto, se azioni ed affermazioni di un individuo non possono essere perfettamente controllate dalla controparte; si parla in tal caso di azione nascosta, ma anche di comportamenti difformi da quelli pattuiti, che incrementano il rischio. Prof. Alessandro Berti 30 15

16 Conseguenze delle asimmetrie informative (segue) Possibili soluzioni alle asimmetrie: market signalling; per esempio mediante impegno diretto di capitale, sottoscrizione di nuove azioni, maggiore e più trasparente comunicazione incentivi che inducano l'agente ad intraprendere azioni preferite dalla controparte, anche nel proprio interesse; insider trading: accesso ad informazioni riservate (fonte di illeciti guadagni); razionamento: equilibri sub-ottimali, che nei mercati finanziari provocano una domanda sistematicamente superiore all offerta. Prof. Alessandro Berti 31 Conseguenze per il mercato del credito se aumenta il costo del credito le imprese con progetti meno rischiosi tendono ad uscire dal mercato, dominato dai prenditori più rischiosi, la conseguenza si definisce come adverse selection d'altra parte, se i tassi crescono, ogni impresa tenderà a scegliere i progetti più rischiosi e/o a ricercare extra-profitti, la conseguenza si definisce come moral hazard in entrambi i casi si verifica Razionamento del credito. Prof. Alessandro Berti 32 16

17 Asimmetrie informative e incertezza gli effetti dell'asimmetria informativa non sono da confondere con quelli dell'incertezza, poiché l'incertezza non impedisce l'individuazione dell'equilibrio di mercato, potendo esistere tanti mercati quanti sono gli stati possibili di natura, a cui i singoli beni sono indicizzati. al contrario, l'asimmetria informativa può condurre alla paralisi degli scambi o all'attuazione di scambi in condizioni sub-ottimali. Prof. Alessandro Berti 33 Il sorgere degli intermediari Esistenza degli intermediari finanziari: approcci teorici Prof. Alessandro Berti 34 17

18 Esistenza degli intermediari finanziari Approcci teorici: Teoria dei costi di transazione Intermediari: permettono il trasferimento delle risorse finanziarie con maggiore efficacia (per volumi) ed efficienza (costi minori). Costi di transazione: costi sostenuti da un singolo operatore per ricercare un altro agente disposto a stipulare un contratto finanziario, per scrivere il contratto, per prevedere le prestazioni relative a tutti gli stati di natura attesi e per accedere alle informazioni richieste. Prof. Alessandro Berti 35 Esistenza degli intermediari finanziari Approcci teorici: Teoria dell incertezza Intermediari: permettono il trasferimento delle risorse finanziarie attenuando i rischi associati a ciascuna operazione. Essi svolgono quindi una funzione di trasformazione dei rischi e delle scadenze. Prof. Alessandro Berti 36 18

19 Esistenza degli intermediari finanziari Approcci teorici: Teoria delle asimmetrie informative Intermediari: permettono lo scambio di informazioni riservate o interne che consente una valutazione più attendibile dell iniziativa ed affidabilità del prenditore, evitando o attenuando 1-Adverse selection: selezione degli investimenti che premia i progetti di qualità peggiore. 2-Moral hazard: assunzione di rischi crescenti o imprevisti a seguito di comportamenti opportunistici o scorretti del prenditore di fondi. Prof. Alessandro Berti 37 Informazione e intermediari Agli intermediari creditizi è pertanto demandato il compito di produrre, a costi accettabili, informazioni sulla situazione economica delle imprese, o prenditori di fondi. Si parla perciò di delegated monitoring da parte del risparmiatore e di rapporto di clientela (customer relationship) nei rapporti finanziari. Prof. Alessandro Berti 38 19

20 Modelli di decisione per famiglie ed imprese Prof. Alessandro Berti 39 Modelli di decisione MODELLI TEORICI PER LE DECISIONI DELLE FAMIGLIE MODELLI TEORICI PER LE DECISIONI DELLE IMPRESE QUANTITA + QUALITA DELL INFORMAZIONE DECISIONI FINANZIARIE Prof. Alessandro Berti 40 20

21 Le scelte finanziarie delle famiglie La modellizzazione classica relativa alle scelte finanziarie delle famiglie riconduce alla teoria del ciclo vitale, secondo la quale gli individui pianificano il loro risparmio in modo da assicurare una stabilizzazione nel tempo dei consumi CL = YN dove Y = reddito C = YN/L L = anni vissuti poiché N = età lavorativa S = Y - C S = risparmio avremo S = Y((L N)/ L) Il risparmio accumulato è uguale ad una frazione del reddito corrispondente alla quota di vita passata in pensione. Le scelte sono influenzate da: vita attesa, orizzonte d investimento, trade off rischio-rendimento, aspettative economiche, cultura economica e finanziaria. Prof. Alessandro Berti 41 Gestione finanziaria e ciclo di vita della famiglia Ogni soggetto possiede un determinato livello di: reddito permanente, che rappresenta l allocazione desiderata di risorse nel tempo; di reddito corrente. Il risparmio finanziario (positivo/negativo) serve ad adattare il reddito corrente al reddito permanente durante il ciclo di vita. Prof. Alessandro Berti 42 21

22 Gestione finanziaria e ciclo di vita della famiglia Ipotesi sottostanti al modello di Modigliani: lo stock iniziale e lo stock finale di ricchezza sono nulli; non vi sono trasferimenti intergenerazionali di ricchezza; il reddito corrente totale = reddito permanente totale. la funzione del risparmio e dell indebitamento consiste esclusivamente nel governare l allocazione delle risorse nel tempo, trasferendo reddito corrente da un periodo all altro. Prof. Alessandro Berti 43 Gestione finanziaria e ciclo di vita della famiglia INIZIO SVILUPPO Redditi, consumi e risparmio limitati Ridotte possibilità di effettuare investimenti reali e di accumulare attività finanziarie Indebitamento contenuto per capacità di rimborso incerta Redditi correnti e consumi in crescita Acquisto di beni durevoli e accumulo di ricchezza finanziaria Indebitamento per realizzare investimenti immobiliari Possibilità di indebitamento per capacità prospettica di rimborso Prof. Alessandro Berti 44 22

23 Gestione finanziaria e ciclo di vita della famiglia MATURITA DECLINO Redditi correnti in crescita a tassi ridotti e stabilizzazione dei consumi Stabilizzazione degli investimenti reali Risparmio utilizzato per rimborso dei debiti e per accumulo di attività finanziarie anche a fini previdenziali Redditi nulli Diminuzione dei consumi Utilizzo di rendite pensionistiche e previdenziali Disinvestimento di attività finanziarie Prof. Alessandro Berti 45 Y,C,S Reddito, consumo e risparmio nel ciclo vitale C 0 Y S tempo età Prof. Alessandro Berti 46 23

24 Patrimonio netto, debito, attività reali e finanziarie nel ciclo vitale AF,AR,PN PN AR 0 D AF tempo D età Prof. Alessandro Berti 47 Gestione finanziaria e ciclo di vita della famiglia In ogni periodo le decisioni di acquisizione e disinvestimento di attività e passività finanziarie sono determinate da: Equilibrio tra reddito monetario disponibile e consumi; Decisioni di investimento/disinvestimento in beni reali non destinati al consumo; Struttura finanziaria del periodo precedente; Previsioni per i periodi successivi. In base al modello un intermediario può segmentare la clientela per diversificare/differenziare la propria offerta. Prof. Alessandro Berti 48 24

25 Le scelte finanziarie delle imprese DECISIONI DI INVESTIMENTO in attività reali in attività finanziarie DECISIONI DI FINANZIAMENTO POLITICHE DEI DIVIDENDI DECISIONI DI FINANZA STRAORDINARIA politiche interne max utili reinvestiti struttura finanziaria Rapporti con intermediari Schemi di governance Valore dell impresa rapporti con intermediari struttura finanziaria vantaggi e costi di accesso al mercato Prof. Alessandro Berti 49 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Condizioni di equilibrio finanziario Ciclo di vita strategico Ciclo di vita, struttura finanziaria ottimale e ruolo degli intermediari Prof. Alessandro Berti 50 25

26 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Esistono varie nozioni di equilibrio finanziario: eliminazione del divario tra entrate ed uscite di cassa nel breve periodo; coerenza della struttura finanziaria dell impresa con riferimento alla strategia seguita; relazione tra rendimento reale e/o nominale del capitale investito e costo reale e/o nominale delle risorse finanziarie utilizzate; rapporto tra reddito operativo ed oneri finanziari; rapporto tra valore economico dell attivo e valore delle passività sottoscritte; relazione tra flusso netto di cassa totale e sviluppo aziendale. Prof. Alessandro Berti 51 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Per definire la strategia finanziaria ottimale dell impresa il modello di equilibrio finanziario deve: tradurre la dinamica finanziaria dell impresa in una situazione di struttura finanziaria; utilizzare in modo integrato sia le variabili finanziarie (flussi di cassa) sia quelle economiche (rendimenti e costi del capitale) esprimendo la relazione di interdipendenza; fare riferimento ad orizzonti di medio-lungo termine; utilizzare variabili facilmente collegabili alla strategia complessiva dell impresa per decodificare in chiave finanziaria la strategia globale. Prof. Alessandro Berti 52 26

27 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Condizioni di equilibrio finanziario Il modello di equilibrio finanziario dinamico dell impresa può essere definito con l impiego delle seguenti variabili: il tasso di sviluppo del fatturato V1 V 0 TSV 1 = V 0 nel periodo CI l intensità di capitale dell impresa V la capacità di autofinanziamento lordo, al netto dei flussi necessari per sostituire i fattori produttivi obsoleti FR ossia V + utili di periodo non distribuiti + quote ammortamento d esercizio - spese per rinnovi e/o sostituzioni + accantonamenti ai fondi rischi e spese future CI capitale investito V vendite del periodo Prof. Alessandro Berti 53 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Condizioni di equilibrio finanziario con le tre variabili definite è possibile quantificare in assoluto il fabbisogno finanziario esterno (o l'avanzo finanziario) nonché rappresentare, in senso dinamico, il punto di equilibrio finanziario dell'impresa: CI FR 0 ( V1 V0 ) = FC V FC<0: fabbisogno finanziario esterno periodale e incrementale FC>0: avanzo finanziario interno periodale e incrementale Prof. Alessandro Berti

28 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Modello del ciclo di vita dell impresa: il modello di equilibrio finanziario dinamico, che descrive il ciclo finanziario dell impresa, deve essere coniugato con un modello che rappresenti il ciclo strategico dell impresa stessa, ossia il modello del ciclo di vita. Prof. Alessandro Berti 55 Il ciclo di vita o ciclo strategico dell impresa V Fase di espansione del fabbisogno finanziario esterno Fase di generazione della liquidità INTROD. CRESCITA MATURITA t Prof. Alessandro Berti 56 28

29 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa La struttura finanziaria Il piano di indebitamento/rimborso dell impresa deve rispettare i seguenti limiti: in ogni periodo il ricorso al debito non deve eccedere il fabbisogno esterno incrementabile; il rimborso del debito non deve eccedere l avanzo di cassa periodale. In ogni periodo le variazioni del debito non devono determinare un montante di indebitamento (ai tassi di interesse previsti) superiore al valore ideale di liquidazione/cassazione dell impresa. In ogni periodo il montante di indebitamento raggiunto non deve eccedere il valore attuale (ai tassi di interesse previsti) dei finanziamenti de dei rimborsi dei programmati. Prof. Alessandro Berti 57 Matrice di collegamento fra ciclo strategico e ciclo finanziario dell area d affari Fasi del ciclo strategico Tasso di sviluppo del fatt. VARIABILI FINANZIARIE Intensità del capitale Margine di autof. lordo sul fatt. Fasi del ciclo finanziario EVOLUZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA INIZIO E INTROD. Basso crescente Alta decrescente Basso decrescente Flussi di cassa negativi Capitalizzazione iniziale elevata Ulteriori apporti esterni di capitale proprio Leva fin. crescente CRESCITA Alto stabile Media stabile Medio stabile Transizione dei saldi di cassa da negativi a positivi Leva fin. cresce fino al punto di massima Diminuzione dell indebitamento MATURITA Medio decrescente Bassa decrescente Alto crescente Flussi di cassa positivi Ricapitalizzazione dell impresa Disponibilità di capitale proprio per diversificare Prof. Alessandro Berti 58 29

30 Fase del ciclo Ciclo di vita e intervento finanziario Intermediario Tipo di intervento Modalità di smobilizzo RICERCA E SVILUPPO Agevolazioni pubbliche tramite banche Contributi a fondo perduto Nessuna INTROD. Venture capital Partecipazioni maggioritarie o minoritarie qualificate abbinate ad apporti di risorse umane assenti Quotazione in Borsa Cessione a: merchant bank, imprese, manager Riacquisto CRESCITA Venture capital/ finanziarie fondi chiusi Partecipazioni minoritarie Idem MATURITA banche Partecipazioni minoritarie Quotazione in Borsa Prof. Alessandro Berti 59 Le attività degli intermediari finanziari Le attività degli intermediari si possono distinguere sulla base di differenti chiavi interpretative: a) segmentazione della domanda b) esistenza ed estensione della delega del cliente c) prodotti e processi per pagamenti, investimenti, finanziamenti e gestione dei rischi d) tipi di strumenti finanziari e) effetti e funzioni dell intermediazione Prof. Alessandro Berti 60 30

31 a) Segmentazione della domanda Suddividendo l attività per segmento di clientela e modalità di effettuazione del servizio, si distinguono: Private banking: prodotti e servizi destinati a privati (persone fisiche e famiglie) appartenenti a categorie di reddito e/o di ricchezza finanziaria superiori alla media. Vi rientrano la gestione di patrimoni, la consulenza fiscale, in materia successoria, etc. Corporate banking: prodotti e servizi destinati alle imprese di dimensioni non piccole e dotate di forma societaria (corporate). Vi rientrano la gestione delle operazioni sul capitale proprio, delle emissioni, dei rischi, etc. Retail banking: prodotti e servizi destinati al grande pubblico, composto sia da famiglie sia da imprese di piccole dimensioni. Vi rientrano i finanziamenti al consumo, i mutui ipotecari, i depositi in c/c, etc. Prof. Alessandro Berti 61 Dimensione relativa della domanda e grado di personalizzazione del servizio livello di personalizzazione del servizio dimensione relativa della domanda individuale e BASSO MEDIO ELEVATO soglia di accesso al servizio BASSA MEDIA ELEVATA Retail Banking Private & Corporate Banking Prof. Alessandro Berti 62 31

32 b) Modalità di svolgimento dell attività Le attività degli intermediari finanziari possono essere svolte attraverso: negoziazione in proprio; negoziazione delegata (con diversa ampiezza: esecuzione di ordini, gestione per conto, progettazione / organizzazione / collocamento di emissioni di valori mobiliari). Prof. Alessandro Berti 63 Modalità di svolgimento dell attività Le suddette modalità si differenziano: per il rischio assunto dall intermediario; per la diversa focalizzazione sul cliente; per la diversa evidenza contabile. Prof. Alessandro Berti 64 32

33 Estensione della delega Tipo di attività Natura del processo produttivo Figure istituzionali Natura della performance Supporto allo scambio diretto Produzione e diffusione informazioni Agenzie di rating SIM (consulenza alle famiglie e alle imprese) Intermediari orientati alla formazione di un margine di provvigioni Negoziazione delegata Produzione e diffusione informazioni / trasformazione del rischio Investitori istituzionali Intermediari con passività di mercato Negoziazione in proprio Produzione e diffusione informazioni / trasformazione e assunzione del rischio Venture capital Intermediari creditizi Formazione di un margine da plusvalenze Formazione di un margine da interessi Prof. Alessandro Berti 65 c) Processi e prodotti FUNZIONE ESERCIZIO DEL CREDITO ATTIVITA Credito a breve e a medio lungo termine Leasing finanziario Factoring TIPOLOGIA ISTITUZIONALE Banche Banche Società di leasing Banche Società di factoring Credito al consumo Banche Società finanziarie FINANZIAMENTO MOBILIARE Assunzione di partecipazioni in capitale d impresa Sottoscrizione e collocamento Banche Banche Finanziari di part.; Venture capital; fondi chiusi S.I.M. Prof. Alessandro Berti 66 33

34 Processi e prodotti (continua) FUNZIONE INTERMEDIAZIONE MOBILIARE GESTIONE DEL RISPARMIO COPERTURA DEI RISCHI ATTIVITA Negoziazione titoli c/proprio e c/terzi G.P.M. Gestione collettiva Assicurazioni danni Assicurazioni vita e previdenza TIPOLOGIA ISTITUZIONALE Banche Banche FCI e SICAV Assicurazioni S.I.M. S.I.M. Istituti di previdenza Fondi pensione SERVIZI DI PAGAMENTO Offerta di strumenti di pagamento Operazioni di incasso e pagamento Banche Banche Emittenti di carte di credito Società finanziarie Prof. Alessandro Berti 67 d) Tipi di strumenti finanziari A seconda del tipo di strumento finanziario utilizzato, le attività di intermediazione si distinguono in: intermediazione creditizia; intermediazione mobiliare; intermediazione assicurativa. Prof. Alessandro Berti 68 34

35 e) Effetti e funzioni dei processi di intermediazione L attività degli intermediari consiste anche in: produzione di informazione; servizi di brokeraggio; trasformazione delle scadenze e produzione di liquidità; trasformazione dei rischi. Prof. Alessandro Berti 69 Tipologie di intermediari Dealer / Broker Funzionale:Attività di supporto al funzionamento dei mercati Istituzionale: Broker (compravendita in nome e per conto altrui): SIM Dealer (compravendita di valori mobiliari in nome proprio e per conto altrui): Sim polifunzionali, merchant bank, venture capital Mediatori finanziari Gestori di portafoglio Funzionale: Operatori delegati da agenti finanziari ad effettuare scelte di investimento utilizzando le disponibilità da questi messe a disposizione. Gestori puri e gestori del tipo fondi Istituzionale: Società di gestione del risparmio (SGR) e società di investimento a capitale variabile (SICAV) Prof. Alessandro Berti 70 35

36 Tipologie di intermediari Banche Funzionale: Prevalente attività di trasformazione delle scadenze Funzione monetaria: depositi prelevabili a vista e senza preavviso ed accettati come mezzi di pagamento Funzione creditizia: stipulazione di contratti di debito attivi nei confronti dei prenditori di credito Intermediari finanziari Assicuratori Funzionale: Prevalente attività di trasformazione dei rischi Prof. Alessandro Berti 71 Modelli istituzionali Germania G.Bretagna Stati Uniti INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA Banca universale Retail banks Merchant banks Commercial banks INTERMEDIAZIONE MOBILIARE: DI SERVIZIO Banca universale Retail banks Merchant banks Investment banks INTERMEDIAZIONE MOBILIARE: CREDITIZIA Banca universale Merchant banks Investment banks INTERMEDIAZIONE MOBILIARE: PARTECIPATIVA Banca universale Merchant banks (di competenza ma poco presidiata) Investment banks (di competenza ma poco presidiata) L elevato sviluppo dei mercati mobiliari e l alto grado di autofinanziamento non richiedono un ruolo di tipo partecipativo Prof. Alessandro Berti 72 36

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Le dinamiche di una situazione finanziaria

Le dinamiche di una situazione finanziaria FORMAZIONE CONTINUA AGI LOMBARDIA VIA LENTASIO 7 MILANO Le dinamiche di una situazione finanziaria Prof. Riccardo Bauer PER POTER LEGGERE UN BILANCIO BISOGNA CONOSCERE LE DINAMICHE RELATIVE Significa conoscere

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli