Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre"

Transcript

1 Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo Urbino, a.a Decisioni finanziarie e informazione 1

2 Canali di trasferimento delle risorse finanziarie CANALE DIRETTO Unità in surplus SF > 0 S > I Intermediario creditizio Unità in deficit SF < 0 S < I CANALE INDIRETTO Flussi di risorse finanziarie Prof. Alessandro Berti 3 Sistema finanziario e intermediari Canale finanziario o circuito di intermediazione diretto ed autonomo L intervento dell intermediario avviene per necessità puramente tecniche Attività del broker (operatore istituzionale che agevola la stipulazione di contratti finanziari direttamente tra agenti, senza assumere il rischio della transazione). Prof. Alessandro Berti 4 2

3 Sistema finanziario e intermediari Canale finanziario o circuito di intermediazione diretto ed assistito L intervento dell intermediario è necessario per la ricerca e selezione della controparte Attività del dealer/market maker. Esempio: collocamento di azioni di nuova emissione per conto dell impresa emittente, negoziazione di strumenti finanziari primari, etc. Prof. Alessandro Berti 5 Sistema finanziario e intermediari Canale finanziario o circuito di intermediazione indiretto Trasferimento di strumenti finanziari secondari (secondary securities) Intermediario finanziario (trasformatore di scadenze e rischi): operatore istituzionale che si interpone nella stipulazione dei contratti finanziari nella veste di controparte degli agenti individuali e realizza un attività di trasformazione. Esempio: banche, società di credito al consumo, etc. Prof. Alessandro Berti 6 3

4 Efficienza del sistema finanziario Esistono differenti concetti di efficienza: Efficienza di completezza alla Arrow-Debreu Efficienza informativa Efficienza valutativa Efficienza operativa Efficienza allocativa Prof. Alessandro Berti 7 Efficienza di completezza L efficienza nel senso di Arrow-Debreu Un sistema finanziario è efficiente se assicura a tutti gli operatori contratti completi in relazione a tutti i possibili stati del mondo e consente di effettuare scambi relativi a tutte le scadenze future e a tutte le possibili eventualità I beni vengono distinti non solo per le caratteristiche merceologiche e per la collocazione spaziale e temporale, ma anche per lo stato di natura : un ombrello disponibile quando piove, va considerato diversamente da un ombrello disponibile in una giornata di sole Ogni bene sarà quindi dotato di mercati completi (e naturalmente si tratta di un mondo puramente ideale). Prof. Alessandro Berti 8 4

5 Efficienza informativa L efficienza informativa Un mercato finanziario è efficiente quando in ogni momento i prezzi dei titoli riflettono pienamente ed in modo corretto tutte le informazioni disponibili. Esistono tre stadi: Efficienza in forma debole: i prezzi incorporano tutte le informazioni di tipo storico Efficienza in forma semi-forte: i prezzi e le aspettative degli investitori si fondano anche sulle informazioni di dominio pubblico Efficienza in forma forte: i prezzi incorporano anche tutte le informazioni conoscibili su un azienda, comprese quelle disponibili all interno dell azienda stessa. Prof. Alessandro Berti 9 Efficienza valutativa L efficienza valutativa o fondamentale Un sistema finanziario è efficiente quando i prezzi esprimono i fondamentali economici del valore, cioè il valore scontato dei flussi di cassa attesi (dividendi futuri, premio al rischio richiesto) Fondamentale non significa oggettivo. Ad esempio, se esiste un fenomeno moda in base al quale gli investitori preferiscono alcuni titoli (e quindi sono disposti ad ottenere un rendimento inferiore), è coerente che essi abbiano prezzi superiori. Prof. Alessandro Berti 10 5

6 Efficienza operativa L efficienza operativa Un sistema finanziario è efficiente quando ogni impresa produce la quantità per la quale il costo medio è minimo e il prezzo prevalente sul mercato è uguale al minimo costo. Presuppone quindi l efficienza tecnica a livello di intermediario e l efficienza funzionale a livello di mercato La performance del mercato può essere valutata sulla base dell osservazione di parametri quali: Spessore Ampiezza Elasticità Prof. Alessandro Berti 11 Efficienza allocativa L efficienza allocativa Un mercato finanziario soddisfa questa condizione quando è in grado di allocare le risorse messe a disposizione dalle unità in surplus nel modo più efficiente possibile. È necessario che: Ogni investitore agisca in modo razionale (ricerchi il punto di massimo della propria funzione di utilità) Tutti i richiedenti fondi cerchino di dotarsi di una struttura finanziaria ottimale (il punto di minimo della funzione di costo del capitale) Prof. Alessandro Berti 12 6

7 Le decisioni finanziarie Il sistema finanziario ha il compito di conciliare le preferenze delle unità in surplus con quelle delle unità in deficit, riguardo alla domanda di attività finanziarie e passività finanziarie. Assume perciò importanza cruciale l'informazione circa tutti gli elementi che consentono la valutazione di un attività finanziaria. Prof. Alessandro Berti 13 L informazione Si definisce informazione ogni dato riferito alla singola attività finanziaria ed al suo emittente oppure all economia nel suo complesso. Si distinguono: informazione specifica; informazione generale; informazione pubblica; informazione privata. L informazione è un dato di input ma anche un dato di output del sistema. Il sistema produce informazioni attraverso: gli emittenti; le società di rating e di certificazione; le banche centrali; gli istituti di statistica; le reti di informazioni (ad es. Reuters); Prof. Alessandro Berti 14 7

8 L informazione (segue) Tuttavia, importanza ancora maggiore riveste il fatto che le informazioni: siano disponibili in ugual misura; siano disponibili allo stesso costo; siano disponibili a tutti i soggetti. Oppure vi siano, strutturalmente radicate nel sistema economico, differenze nella distribuzione delle informazioni stesse. Prof. Alessandro Berti 15 L informazione (segue) L'informazione utile ai fini finanziari parte dal dato elementare fino a giungere a vere e proprie infrastrutture informative, mettendo a disposizione del pubblico i dati esistenti, la rielaborazione statistica, le previsioni etc. : lo stato dell'informazione è una componente fondamentale della probabilità del verificarsi di un determinato evento. Prof. Alessandro Berti 16 8

9 L informazione (segue) Costi di informazione costi di acquisizione dei dati disponibili pubblicamente sull'economia in generale, ma, soprattutto, sui singoli debitori. L'informazione è tempestiva quando viene fornita in tempo economicamente utile. costi di acquisizione delle informazioni sul futuro, per produrre generali e/o specifiche previsioni sul futuro. Prof. Alessandro Berti 17 Le asimmetrie informative Se l'informazione è costosa è possibile che non sia uniformemente distribuita, è cioè possibile che sia distribuita in modo asimmetrico e ciò motiva la ricerca di informazioni a basso costo da parte dei soggetti; in generale, si parla di asimmetria informativa quando gli agenti economici dispongono di frammenti informativi diversi. Prof. Alessandro Berti 18 9

10 Le asimmetrie informative (segue) Quando l informazione non è distribuita in modo uniforme tra gli operatori si genera un grado di asimmetria informativa MODELLO DI AKERLOF (1970) AUTO PREZZO MAX FREQUENZA BUONE ,5 MEDIOCRI ,3 BIDONI 0 0,2 Le asimmetrie possono paralizzare gli scambi o produrre scambi in condizioni sub-ottimali Prof. Alessandro Berti 19 Le asimmetrie informative (segue) Le asimmetrie informative possono generare pratiche di selezione avversa e di moral hazard ASIMMETRIA PREZZO MEDIO SELEZIONE AVVERSA MORAL HAZARD POLITICA DEI PRESTITI POLIZZE ASSICURATIVE ATTIVI BANCARI E OBBLIGHI DI VIGILANZA Prof. Alessandro Berti 20 10

11 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi Esempio basato sul mercato delle auto usate = lemons o "bidoni" Domanda: perché un'auto usata, anche di pochi giorni, viene venduta ad un prezzo notevolmente più basso di quella nuova? Risposta di Akerlof: IL MODELLO DI AKERLOF in base alle informazioni disponibili. Prof. Alessandro Berti 21 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi (segue) L ipotesi di asimmetria informativa secondo Akerlof è la più realistica, poiché il venditore, avendo usato l'auto per un certo periodo di tempo, è in grado di giudicarne la qualità, al contrario del compratore. Si ha a questo punto l'assunzione cruciale del modello di Akerlof gli acquirenti sono del tutto incapaci di distinguere tra lemons ed auto buone. Prof. Alessandro Berti 22 11

12 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi (segue) Akerlof dimostra che l'asimmetria informativa danneggia in maniera evidente il lato della domanda, ma anche il lato dell'offerta; avviene così che le auto buone vengono vendute ad un prezzo inferiore a quello corretto. Prof. Alessandro Berti 23 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi finanziari L esistenza di asimmetrie: danneggia i datori di fondi; ma danneggia anche i "buoni" prenditori di fondi; in realtà la condizione ottimale per i venditori sarebbe quella di due prezzi di equilibrio distinti (separating equilibrium). Prof. Alessandro Berti 24 12

13 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi finanziari (segue) in finanza ciò significa che i prezzi = tassi dovrebbero essere differenziati a seconda della qualità = rischio del prenditore di fondi; in assenza di correttivi l'asimmetria informativa provoca un equilibrio unico (pooling equilibrium) poiché gli acquirenti sono incapaci di distinguere auto = progetti buoni dai lemons = progetti fallimentari. Prof. Alessandro Berti 25 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi finanziari (segue) così, ad esempio, il costo del credito accordato ai cattivi prenditori di fondi viene fatto pagare anche ai buoni prenditori di fondi (fenomeno del sussidio incrociato); tale fenomeno è tipico del mercato del credito, soprattutto di quello italiano. Prof. Alessandro Berti 26 13

14 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi finanziari (segue) In finanza si verifica: il razionamento del credito e/o l allocazione inefficiente delle risorse, poiché non vengono finanziati i progetti validi; il costo del credito è più elevato per i "buoni" prenditori di fondi, meno elevato per i "cattivi" prenditori di fondi. Prof. Alessandro Berti 27 Asimmetrie informative ed effetti sugli scambi finanziari (segue) In sintesi, secondo Akerlof: il sistema non trasmette tutta l'informazione e conduce quindi ad una situazione inefficiente; i prezzi divengono veicolo di informazione e gli acquirenti sono indotti a desumere la qualità dal prezzo; si crea un meccanismo allocativo inefficiente descritto dal fenomeno della selezione avversa (adverse selection). Prof. Alessandro Berti 28 14

15 Conseguenze delle asimmetrie informative EX ANTE SELEZIONE AVVERSA tale problema emerge quando nell'ambito di una transazione economica, una parte possiede informazioni rilevanti per la transazione stessa ma sconosciute alla controparte; si parla allora di informazioni nascoste = hidden information Prof. Alessandro Berti 29 Conseguenze delle asimmetrie informative EX POST RISCHIO MORALE (MORAL HAZARD) O COMPORTAMENTO OPPORTUNISTICO questo tipo di conseguenza dell'asimmetria nasce dopo la stipulazione del contratto, se azioni ed affermazioni di un individuo non possono essere perfettamente controllate dalla controparte; si parla in tal caso di azione nascosta, ma anche di comportamenti difformi da quelli pattuiti, che incrementano il rischio. Prof. Alessandro Berti 30 15

16 Conseguenze delle asimmetrie informative (segue) Possibili soluzioni alle asimmetrie: market signalling; per esempio mediante impegno diretto di capitale, sottoscrizione di nuove azioni, maggiore e più trasparente comunicazione incentivi che inducano l'agente ad intraprendere azioni preferite dalla controparte, anche nel proprio interesse; insider trading: accesso ad informazioni riservate (fonte di illeciti guadagni); razionamento: equilibri sub-ottimali, che nei mercati finanziari provocano una domanda sistematicamente superiore all offerta. Prof. Alessandro Berti 31 Conseguenze per il mercato del credito se aumenta il costo del credito le imprese con progetti meno rischiosi tendono ad uscire dal mercato, dominato dai prenditori più rischiosi, la conseguenza si definisce come adverse selection d'altra parte, se i tassi crescono, ogni impresa tenderà a scegliere i progetti più rischiosi e/o a ricercare extra-profitti, la conseguenza si definisce come moral hazard in entrambi i casi si verifica Razionamento del credito. Prof. Alessandro Berti 32 16

17 Asimmetrie informative e incertezza gli effetti dell'asimmetria informativa non sono da confondere con quelli dell'incertezza, poiché l'incertezza non impedisce l'individuazione dell'equilibrio di mercato, potendo esistere tanti mercati quanti sono gli stati possibili di natura, a cui i singoli beni sono indicizzati. al contrario, l'asimmetria informativa può condurre alla paralisi degli scambi o all'attuazione di scambi in condizioni sub-ottimali. Prof. Alessandro Berti 33 Il sorgere degli intermediari Esistenza degli intermediari finanziari: approcci teorici Prof. Alessandro Berti 34 17

18 Esistenza degli intermediari finanziari Approcci teorici: Teoria dei costi di transazione Intermediari: permettono il trasferimento delle risorse finanziarie con maggiore efficacia (per volumi) ed efficienza (costi minori). Costi di transazione: costi sostenuti da un singolo operatore per ricercare un altro agente disposto a stipulare un contratto finanziario, per scrivere il contratto, per prevedere le prestazioni relative a tutti gli stati di natura attesi e per accedere alle informazioni richieste. Prof. Alessandro Berti 35 Esistenza degli intermediari finanziari Approcci teorici: Teoria dell incertezza Intermediari: permettono il trasferimento delle risorse finanziarie attenuando i rischi associati a ciascuna operazione. Essi svolgono quindi una funzione di trasformazione dei rischi e delle scadenze. Prof. Alessandro Berti 36 18

19 Esistenza degli intermediari finanziari Approcci teorici: Teoria delle asimmetrie informative Intermediari: permettono lo scambio di informazioni riservate o interne che consente una valutazione più attendibile dell iniziativa ed affidabilità del prenditore, evitando o attenuando 1-Adverse selection: selezione degli investimenti che premia i progetti di qualità peggiore. 2-Moral hazard: assunzione di rischi crescenti o imprevisti a seguito di comportamenti opportunistici o scorretti del prenditore di fondi. Prof. Alessandro Berti 37 Informazione e intermediari Agli intermediari creditizi è pertanto demandato il compito di produrre, a costi accettabili, informazioni sulla situazione economica delle imprese, o prenditori di fondi. Si parla perciò di delegated monitoring da parte del risparmiatore e di rapporto di clientela (customer relationship) nei rapporti finanziari. Prof. Alessandro Berti 38 19

20 Modelli di decisione per famiglie ed imprese Prof. Alessandro Berti 39 Modelli di decisione MODELLI TEORICI PER LE DECISIONI DELLE FAMIGLIE MODELLI TEORICI PER LE DECISIONI DELLE IMPRESE QUANTITA + QUALITA DELL INFORMAZIONE DECISIONI FINANZIARIE Prof. Alessandro Berti 40 20

21 Le scelte finanziarie delle famiglie La modellizzazione classica relativa alle scelte finanziarie delle famiglie riconduce alla teoria del ciclo vitale, secondo la quale gli individui pianificano il loro risparmio in modo da assicurare una stabilizzazione nel tempo dei consumi CL = YN dove Y = reddito C = YN/L L = anni vissuti poiché N = età lavorativa S = Y - C S = risparmio avremo S = Y((L N)/ L) Il risparmio accumulato è uguale ad una frazione del reddito corrispondente alla quota di vita passata in pensione. Le scelte sono influenzate da: vita attesa, orizzonte d investimento, trade off rischio-rendimento, aspettative economiche, cultura economica e finanziaria. Prof. Alessandro Berti 41 Gestione finanziaria e ciclo di vita della famiglia Ogni soggetto possiede un determinato livello di: reddito permanente, che rappresenta l allocazione desiderata di risorse nel tempo; di reddito corrente. Il risparmio finanziario (positivo/negativo) serve ad adattare il reddito corrente al reddito permanente durante il ciclo di vita. Prof. Alessandro Berti 42 21

22 Gestione finanziaria e ciclo di vita della famiglia Ipotesi sottostanti al modello di Modigliani: lo stock iniziale e lo stock finale di ricchezza sono nulli; non vi sono trasferimenti intergenerazionali di ricchezza; il reddito corrente totale = reddito permanente totale. la funzione del risparmio e dell indebitamento consiste esclusivamente nel governare l allocazione delle risorse nel tempo, trasferendo reddito corrente da un periodo all altro. Prof. Alessandro Berti 43 Gestione finanziaria e ciclo di vita della famiglia INIZIO SVILUPPO Redditi, consumi e risparmio limitati Ridotte possibilità di effettuare investimenti reali e di accumulare attività finanziarie Indebitamento contenuto per capacità di rimborso incerta Redditi correnti e consumi in crescita Acquisto di beni durevoli e accumulo di ricchezza finanziaria Indebitamento per realizzare investimenti immobiliari Possibilità di indebitamento per capacità prospettica di rimborso Prof. Alessandro Berti 44 22

23 Gestione finanziaria e ciclo di vita della famiglia MATURITA DECLINO Redditi correnti in crescita a tassi ridotti e stabilizzazione dei consumi Stabilizzazione degli investimenti reali Risparmio utilizzato per rimborso dei debiti e per accumulo di attività finanziarie anche a fini previdenziali Redditi nulli Diminuzione dei consumi Utilizzo di rendite pensionistiche e previdenziali Disinvestimento di attività finanziarie Prof. Alessandro Berti 45 Y,C,S Reddito, consumo e risparmio nel ciclo vitale C 0 Y S tempo età Prof. Alessandro Berti 46 23

24 Patrimonio netto, debito, attività reali e finanziarie nel ciclo vitale AF,AR,PN PN AR 0 D AF tempo D età Prof. Alessandro Berti 47 Gestione finanziaria e ciclo di vita della famiglia In ogni periodo le decisioni di acquisizione e disinvestimento di attività e passività finanziarie sono determinate da: Equilibrio tra reddito monetario disponibile e consumi; Decisioni di investimento/disinvestimento in beni reali non destinati al consumo; Struttura finanziaria del periodo precedente; Previsioni per i periodi successivi. In base al modello un intermediario può segmentare la clientela per diversificare/differenziare la propria offerta. Prof. Alessandro Berti 48 24

25 Le scelte finanziarie delle imprese DECISIONI DI INVESTIMENTO in attività reali in attività finanziarie DECISIONI DI FINANZIAMENTO POLITICHE DEI DIVIDENDI DECISIONI DI FINANZA STRAORDINARIA politiche interne max utili reinvestiti struttura finanziaria Rapporti con intermediari Schemi di governance Valore dell impresa rapporti con intermediari struttura finanziaria vantaggi e costi di accesso al mercato Prof. Alessandro Berti 49 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Condizioni di equilibrio finanziario Ciclo di vita strategico Ciclo di vita, struttura finanziaria ottimale e ruolo degli intermediari Prof. Alessandro Berti 50 25

26 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Esistono varie nozioni di equilibrio finanziario: eliminazione del divario tra entrate ed uscite di cassa nel breve periodo; coerenza della struttura finanziaria dell impresa con riferimento alla strategia seguita; relazione tra rendimento reale e/o nominale del capitale investito e costo reale e/o nominale delle risorse finanziarie utilizzate; rapporto tra reddito operativo ed oneri finanziari; rapporto tra valore economico dell attivo e valore delle passività sottoscritte; relazione tra flusso netto di cassa totale e sviluppo aziendale. Prof. Alessandro Berti 51 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Per definire la strategia finanziaria ottimale dell impresa il modello di equilibrio finanziario deve: tradurre la dinamica finanziaria dell impresa in una situazione di struttura finanziaria; utilizzare in modo integrato sia le variabili finanziarie (flussi di cassa) sia quelle economiche (rendimenti e costi del capitale) esprimendo la relazione di interdipendenza; fare riferimento ad orizzonti di medio-lungo termine; utilizzare variabili facilmente collegabili alla strategia complessiva dell impresa per decodificare in chiave finanziaria la strategia globale. Prof. Alessandro Berti 52 26

27 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Condizioni di equilibrio finanziario Il modello di equilibrio finanziario dinamico dell impresa può essere definito con l impiego delle seguenti variabili: il tasso di sviluppo del fatturato V1 V 0 TSV 1 = V 0 nel periodo CI l intensità di capitale dell impresa V la capacità di autofinanziamento lordo, al netto dei flussi necessari per sostituire i fattori produttivi obsoleti FR ossia V + utili di periodo non distribuiti + quote ammortamento d esercizio - spese per rinnovi e/o sostituzioni + accantonamenti ai fondi rischi e spese future CI capitale investito V vendite del periodo Prof. Alessandro Berti 53 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Condizioni di equilibrio finanziario con le tre variabili definite è possibile quantificare in assoluto il fabbisogno finanziario esterno (o l'avanzo finanziario) nonché rappresentare, in senso dinamico, il punto di equilibrio finanziario dell'impresa: CI FR 0 ( V1 V0 ) = FC V FC<0: fabbisogno finanziario esterno periodale e incrementale FC>0: avanzo finanziario interno periodale e incrementale Prof. Alessandro Berti

28 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Modello del ciclo di vita dell impresa: il modello di equilibrio finanziario dinamico, che descrive il ciclo finanziario dell impresa, deve essere coniugato con un modello che rappresenti il ciclo strategico dell impresa stessa, ossia il modello del ciclo di vita. Prof. Alessandro Berti 55 Il ciclo di vita o ciclo strategico dell impresa V Fase di espansione del fabbisogno finanziario esterno Fase di generazione della liquidità INTROD. CRESCITA MATURITA t Prof. Alessandro Berti 56 28

29 Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa La struttura finanziaria Il piano di indebitamento/rimborso dell impresa deve rispettare i seguenti limiti: in ogni periodo il ricorso al debito non deve eccedere il fabbisogno esterno incrementabile; il rimborso del debito non deve eccedere l avanzo di cassa periodale. In ogni periodo le variazioni del debito non devono determinare un montante di indebitamento (ai tassi di interesse previsti) superiore al valore ideale di liquidazione/cassazione dell impresa. In ogni periodo il montante di indebitamento raggiunto non deve eccedere il valore attuale (ai tassi di interesse previsti) dei finanziamenti de dei rimborsi dei programmati. Prof. Alessandro Berti 57 Matrice di collegamento fra ciclo strategico e ciclo finanziario dell area d affari Fasi del ciclo strategico Tasso di sviluppo del fatt. VARIABILI FINANZIARIE Intensità del capitale Margine di autof. lordo sul fatt. Fasi del ciclo finanziario EVOLUZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA INIZIO E INTROD. Basso crescente Alta decrescente Basso decrescente Flussi di cassa negativi Capitalizzazione iniziale elevata Ulteriori apporti esterni di capitale proprio Leva fin. crescente CRESCITA Alto stabile Media stabile Medio stabile Transizione dei saldi di cassa da negativi a positivi Leva fin. cresce fino al punto di massima Diminuzione dell indebitamento MATURITA Medio decrescente Bassa decrescente Alto crescente Flussi di cassa positivi Ricapitalizzazione dell impresa Disponibilità di capitale proprio per diversificare Prof. Alessandro Berti 58 29

30 Fase del ciclo Ciclo di vita e intervento finanziario Intermediario Tipo di intervento Modalità di smobilizzo RICERCA E SVILUPPO Agevolazioni pubbliche tramite banche Contributi a fondo perduto Nessuna INTROD. Venture capital Partecipazioni maggioritarie o minoritarie qualificate abbinate ad apporti di risorse umane assenti Quotazione in Borsa Cessione a: merchant bank, imprese, manager Riacquisto CRESCITA Venture capital/ finanziarie fondi chiusi Partecipazioni minoritarie Idem MATURITA banche Partecipazioni minoritarie Quotazione in Borsa Prof. Alessandro Berti 59 Le attività degli intermediari finanziari Le attività degli intermediari si possono distinguere sulla base di differenti chiavi interpretative: a) segmentazione della domanda b) esistenza ed estensione della delega del cliente c) prodotti e processi per pagamenti, investimenti, finanziamenti e gestione dei rischi d) tipi di strumenti finanziari e) effetti e funzioni dell intermediazione Prof. Alessandro Berti 60 30

31 a) Segmentazione della domanda Suddividendo l attività per segmento di clientela e modalità di effettuazione del servizio, si distinguono: Private banking: prodotti e servizi destinati a privati (persone fisiche e famiglie) appartenenti a categorie di reddito e/o di ricchezza finanziaria superiori alla media. Vi rientrano la gestione di patrimoni, la consulenza fiscale, in materia successoria, etc. Corporate banking: prodotti e servizi destinati alle imprese di dimensioni non piccole e dotate di forma societaria (corporate). Vi rientrano la gestione delle operazioni sul capitale proprio, delle emissioni, dei rischi, etc. Retail banking: prodotti e servizi destinati al grande pubblico, composto sia da famiglie sia da imprese di piccole dimensioni. Vi rientrano i finanziamenti al consumo, i mutui ipotecari, i depositi in c/c, etc. Prof. Alessandro Berti 61 Dimensione relativa della domanda e grado di personalizzazione del servizio livello di personalizzazione del servizio dimensione relativa della domanda individuale e BASSO MEDIO ELEVATO soglia di accesso al servizio BASSA MEDIA ELEVATA Retail Banking Private & Corporate Banking Prof. Alessandro Berti 62 31

32 b) Modalità di svolgimento dell attività Le attività degli intermediari finanziari possono essere svolte attraverso: negoziazione in proprio; negoziazione delegata (con diversa ampiezza: esecuzione di ordini, gestione per conto, progettazione / organizzazione / collocamento di emissioni di valori mobiliari). Prof. Alessandro Berti 63 Modalità di svolgimento dell attività Le suddette modalità si differenziano: per il rischio assunto dall intermediario; per la diversa focalizzazione sul cliente; per la diversa evidenza contabile. Prof. Alessandro Berti 64 32

33 Estensione della delega Tipo di attività Natura del processo produttivo Figure istituzionali Natura della performance Supporto allo scambio diretto Produzione e diffusione informazioni Agenzie di rating SIM (consulenza alle famiglie e alle imprese) Intermediari orientati alla formazione di un margine di provvigioni Negoziazione delegata Produzione e diffusione informazioni / trasformazione del rischio Investitori istituzionali Intermediari con passività di mercato Negoziazione in proprio Produzione e diffusione informazioni / trasformazione e assunzione del rischio Venture capital Intermediari creditizi Formazione di un margine da plusvalenze Formazione di un margine da interessi Prof. Alessandro Berti 65 c) Processi e prodotti FUNZIONE ESERCIZIO DEL CREDITO ATTIVITA Credito a breve e a medio lungo termine Leasing finanziario Factoring TIPOLOGIA ISTITUZIONALE Banche Banche Società di leasing Banche Società di factoring Credito al consumo Banche Società finanziarie FINANZIAMENTO MOBILIARE Assunzione di partecipazioni in capitale d impresa Sottoscrizione e collocamento Banche Banche Finanziari di part.; Venture capital; fondi chiusi S.I.M. Prof. Alessandro Berti 66 33

34 Processi e prodotti (continua) FUNZIONE INTERMEDIAZIONE MOBILIARE GESTIONE DEL RISPARMIO COPERTURA DEI RISCHI ATTIVITA Negoziazione titoli c/proprio e c/terzi G.P.M. Gestione collettiva Assicurazioni danni Assicurazioni vita e previdenza TIPOLOGIA ISTITUZIONALE Banche Banche FCI e SICAV Assicurazioni S.I.M. S.I.M. Istituti di previdenza Fondi pensione SERVIZI DI PAGAMENTO Offerta di strumenti di pagamento Operazioni di incasso e pagamento Banche Banche Emittenti di carte di credito Società finanziarie Prof. Alessandro Berti 67 d) Tipi di strumenti finanziari A seconda del tipo di strumento finanziario utilizzato, le attività di intermediazione si distinguono in: intermediazione creditizia; intermediazione mobiliare; intermediazione assicurativa. Prof. Alessandro Berti 68 34

35 e) Effetti e funzioni dei processi di intermediazione L attività degli intermediari consiste anche in: produzione di informazione; servizi di brokeraggio; trasformazione delle scadenze e produzione di liquidità; trasformazione dei rischi. Prof. Alessandro Berti 69 Tipologie di intermediari Dealer / Broker Funzionale:Attività di supporto al funzionamento dei mercati Istituzionale: Broker (compravendita in nome e per conto altrui): SIM Dealer (compravendita di valori mobiliari in nome proprio e per conto altrui): Sim polifunzionali, merchant bank, venture capital Mediatori finanziari Gestori di portafoglio Funzionale: Operatori delegati da agenti finanziari ad effettuare scelte di investimento utilizzando le disponibilità da questi messe a disposizione. Gestori puri e gestori del tipo fondi Istituzionale: Società di gestione del risparmio (SGR) e società di investimento a capitale variabile (SICAV) Prof. Alessandro Berti 70 35

36 Tipologie di intermediari Banche Funzionale: Prevalente attività di trasformazione delle scadenze Funzione monetaria: depositi prelevabili a vista e senza preavviso ed accettati come mezzi di pagamento Funzione creditizia: stipulazione di contratti di debito attivi nei confronti dei prenditori di credito Intermediari finanziari Assicuratori Funzionale: Prevalente attività di trasformazione dei rischi Prof. Alessandro Berti 71 Modelli istituzionali Germania G.Bretagna Stati Uniti INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA Banca universale Retail banks Merchant banks Commercial banks INTERMEDIAZIONE MOBILIARE: DI SERVIZIO Banca universale Retail banks Merchant banks Investment banks INTERMEDIAZIONE MOBILIARE: CREDITIZIA Banca universale Merchant banks Investment banks INTERMEDIAZIONE MOBILIARE: PARTECIPATIVA Banca universale Merchant banks (di competenza ma poco presidiata) Investment banks (di competenza ma poco presidiata) L elevato sviluppo dei mercati mobiliari e l alto grado di autofinanziamento non richiedono un ruolo di tipo partecipativo Prof. Alessandro Berti 72 36

Modelli di economicità

Modelli di economicità Modelli di economicità Intermediari orientati alla formazione di un margine di interesse Intermediari orientati alla formazione di un margine da plusvalenze Intermediari orientati alla formazione di un

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa

Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Condizioni di equilibrio finanziario Il modello di equilibrio finanziario dinamico dell impresa può essere definito con l impiego delle seguenti variabili:

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1. LE FUNZIONI DELLA BANCA 2. GLI EQUILIBRI DELLA BANCA L EQUILIBRIO ECONOMICO L EQUILIBRIO FINANZIARIO L EQUILIBRIO PATRIMONIALE 3. I RISCHI

Dettagli

Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari

Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari I tre equilibri gestionali Equilibrio reddituale capacità di generare performance positive nel tempo Dipende dalla struttura dei costi e dei ricavi

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Il modello dell intermediario mobiliare L intermediario creditizio

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Il sistema finanziario

Il sistema finanziario Il sistema finanziario 1. Definizione Il sistema finanziario (SF) rappresenta la fondamentale struttura attraverso cui si svolge nell ambito di un dato contesto economico l attività finanziaria, ossia

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

SOCIETA DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE (SIM)

SOCIETA DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE (SIM) SOCIETA DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE (SIM) Gli intermediari offrono una pluralità di servizi (servizi d investimento o servizi di intermediazione mobiliare) diretti a facilitare l accesso degli operatori

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

2. Il cliente può beneficiare dei vantaggi di una gestione professionale e della diversificazione tipica dell investimento collettivo.

2. Il cliente può beneficiare dei vantaggi di una gestione professionale e della diversificazione tipica dell investimento collettivo. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 14 1.I fondi comuni di investimento sono investitori istituzionali che raccolgono le risorse finanziarie dei risparmiatori per investirle in portafogli diversificati di attività.

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1 1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche 1 Gli Intermediari nella teoria Modalità alternative attraverso le quali avviene lo scambio 1. Scambio diretto e autonomo: datori e prenditori

Dettagli

Le funzioni e ruolo della banca nel mercato finanziario. Giuseppe Squeo

Le funzioni e ruolo della banca nel mercato finanziario. Giuseppe Squeo Le funzioni e ruolo della banca nel mercato finanziario Giuseppe Squeo 1 Testo Marco Onado La banca come impresa Il Mulino ( 33) Pescaglini Compendio di Tecnica bancaria De Simone ( 16) (per approfondimenti

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento PERCORSO B IMPRESE BANCARIE Conto economico: commento delle voci e calcolo di risultati intermedi Il percorso B, relativo alle imprese bancarie,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Gli intermediari. Giuseppe G. Santorsola 1

Gli intermediari. Giuseppe G. Santorsola 1 Gli intermediari L attività svolta da ciascun intermediario si riflette nel suo bilancio. Le principali caratteristiche dell attività esercitata descrivono l orientamento del modello di economicità dell

Dettagli

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo 1 L evoluzione dei servizi bancari in Italia Struttura conto economico nel periodo 1993-2001 (valori in percentuale

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Materiali EIF. La struttura finanziaria dell economia. economia. di Daniele Previati. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. La struttura finanziaria dell economia. economia. di Daniele Previati. Università degli Studi Roma Tre La struttura finanziaria dell economia economia di Daniele Previati Ricordiamo le relazioni tra sviluppo economia reale e sistema finanziario Economia di baratto..moneta...economia monetaria. separazione

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario

Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario Tavoletta di argilla della terza dinastia reale sumera della città di Ur, datata 2046 A.C., con la quale si registra il pagamento al palazzo reale dell

Dettagli

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione?

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Rappresentano il luogo di scambio degli strumenti finanziari differenziazione e segmentazione dei mercati classificazioni

Dettagli

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) Mc Graw-Hill 2001, cap. 5 1 GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Dott. Livio Pasquetti Studio Paratore Pasquetti & Partners Seminario introduttivo Strumenti finanziari alternativi per l»edilizia residenziale

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE ARTICOLAZIONI DEL MERCATO DEI CAPITALI SOMMARIO: 1. Il mercato dei capitali. - 2. Tipologia dei mercati finanziari. - 3. Il mercato monetario e il mercato dei cambi. - 4. Il mercato mobiliare.

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio

Dettagli

Le fonti di finanziamento nel project financing

Le fonti di finanziamento nel project financing Le fonti di finanziamento nel project financing Giuseppe G. Santorsola Università Parthenope Aspetti generali La Finanza di Progetto nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta

Dettagli

La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari

La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari Stefano Deleo Investire Immobiliare SGR S.p.A. 12 luglio 2012 - Milano S.A.F.

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller.

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI LA VALUTAZIONE AZIENDALE E DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1 LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA LA STRATEGIA ECONOMICO-FINANZIARIA DECISIONI RILEVANTI: DI UN AZIENDA COMPRENDE TRE DECISIONI DI DIVIDENDO

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Classificazione del mercato dei capitali

Classificazione del mercato dei capitali Classificazione del mercato dei capitali Mercato dei capitali: complesso delle negoziazioni che si svolgono nel sistema finanziario Mercati creditizi Mercati mobiliari (circuito indiretto) (circuito diretto)

Dettagli

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI Cap. 1. La moneta e i bisogni di pagamento 1) Si illustrino i problemi che incontrano gli scambisti nel regolamento di uno scambio monetario.

Dettagli

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento:

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento: FINANZA AZIENDALE Appunti 5 - (9-6 CFU) Cap. 15 libro Project Financing La realizzazione di un progetto complesso (la costruzione di una centrale energetica, di una raffineria, di un oleodotto, di un impianto

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Premium Plan Fund 2 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO Mediolanum International Life Ltd., Compagnia di Assicurazioni sulla vita appartenente al GRUPPO MEDIOLANUM,

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Letture di riferimento: Bertinetti, Paragrafo 2.1 Il rischio rilevante per l azienda Rischio =

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia 1 2 Oggetto: Documento di Informazione relativo all operazione di fusione del fondo Arca Capitale Garantito Giugno 2013 nel fondo Arca

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Elementi costitutivi del sistema finanziario

Elementi costitutivi del sistema finanziario Elementi costitutivi del sistema finanziario Ordinamento Strumenti Sistema Finanziario Mercati Monetario e dei cambi obbligazionario di partecipazione di indebitamento di assicurazione Intermediari mobiliari

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I mercati finanziari

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I mercati finanziari Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I mercati finanziari Mercati creditizi e mobiliari I mercati si identificano con l insieme degli scambi di strumenti finanziari; Il collegamento tra unità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno

Dettagli

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 Indice Introduzione 1 3 2 1.4 Le autorità di vigilanza 11 2 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 33 3.1 Le origini della regolamentazione 34 3.3 La disciplina

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli