D.M. 17 febbraio 2009, n. 29. Effetti della cancellazione dall elenco. di Roberto Moro Visconti (*)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.M. 17 febbraio 2009, n. 29. Effetti della cancellazione dall elenco. di Roberto Moro Visconti (*)"

Transcript

1 2796 ATTUALITÀ D.M. 17 febbraio 2009, n. 29 Holding familiari Effetti della cancellazione dall elenco ex art. 113 del testo unico bancario di Roberto Moro Visconti (*) Le holding iscritte all elenco di cui dall art. 113 del testo unico bancario, che gestiscono partecipazioni senza svolgere congiuntamente altra attività finanziaria nei confronti delle proprie partecipate, dovranno presentare alla Banca d Italia istanza di cancellazione. È quanto stabilisce il D.M. n. 29 del 17 febbraio 2009, in vigore dal 18 aprile Ai fini fiscali, la cancellazione dall elenco di cui all art. 113 ha come conseguenza automatica la fuoriuscita dall imponibile Irap della sommatoria degli interessi attivi e passivi rappresentati in bilancio; non pacifica appare invece l applicazione alle holding della restrizione alla deducibilità degli interessi passivi ai fini Ires nei limiti del 30% del ROL. 1. Premessa (*) Ai fini dell iscrizione negli elenchi di cui all art. 113 ovvero agli artt. 106 e 107 del Tub (testo unico bancario, approvato con D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385), rileva l attività, svolta in via esclusiva ovvero prevalente, di assunzione di partecipazioni eseguita o meno nei confronti del pubblico. Secondo il D.M. 17 febbraio 2009, n. 29, art. 6 1, per assunzione di partecipazioni si intende l acquisizione e la gestione di titoli o altri diritti (*) Docente di Finanza Aziendale presso l Università Cattolica di Milano - Dottore commercialista in Milano. 1 In alla voce documentazione on line. sul capitale di società da cui consegue un legame con le partecipate 2. L attività di assunzione di partecipazione in ogni caso si presume quando al soggetto partecipante spetta almeno un decimo dei voti esercitabili nell assemblea ordinaria della partecipata. Sempre secondo il citato D.M. n. 29/2009, art. 9, comma 6, l attività esclusiva o prevalente di assunzione di partecipazioni si considera effettuata nei confronti del pubblico quando è svolta nei confronti dei terzi con carattere di professionalità (ad esempio, merchant banks, società di leasing, intermediari in cambi, società di factoring ), al di fuori del gruppo a cui l intermediario appartiene, e le partecipazioni siano acquisite nell ambito di un progetto finalizzato alla loro cessione dopo lo svolgimento di interventi volti alla riorganizzazione o allo sviluppo aziendale o al soddisfacimento di esigenze finanziarie delle partecipate. Ai fini dell iscrizione negli elenchi di cui agli artt. 106 o 107 del Tub ovvero di cui all art. 113, rilevano anche le clausole statutarie previste nell oggetto sociale della holding. Finora era genericamente disposto l obbligo di iscrizione all elenco ex art. 113 del Tub per tutti i soggetti che esercitavano, in via esclusiva o prevalente, attività di assunzione di partecipazioni non nei confronti del pubblico. 2 Lo stesso provvedimento introduce novità, analizzate dalla circolare Assoholding n. 4 del 16 aprile 2009 (in anche per le finanziarie che svolgono attività di leasing, factoring, credito al consumo, servizi di pagamento (e altro) iscritte negli appositi elenchi di cui agli artt. 106 e 107 del Tub.

2 Attività finanziarie ATTUALITÀ 2797 Da qui l iscrizione all elenco di cui all art. 113 di oltre società (nel tempo leggermente ridotte e oggi di poco superiori alle unità), talora anche di persone o addirittura società semplici, che spesso sono da lunghi anni totalmente i- nattive e hanno la sola conseguenza di appesantire gli elenchi tenuti dall Ufficio Indagini Finanziarie, senza che da ciò risulti alcuna utilità sostanziale ai fini dei controlli antiriciclaggio. L art. 12, comma 3, del D.M. n. 29/2009 stabilisce, invece, che l attività di assunzione di partecipazioni rileva ai fini dell iscrizione solo se svolta congiuntamente ad altra attività finanziaria nei confronti delle partecipate. Dunque, per le holding che svolgono attività partecipativa meramente statica, quali molte holding familiari o holding captive all interno di gruppi, non vi è più il fastidioso obbligo di iscrizione al predetto elenco. L obbligo, invece, permane per le holding che svolgono anche altre attività finanziarie dinamiche nei confronti delle società partecipate, quali, ad esempio, la concessione di finanziamenti soci, la gestione accentrata della tesoreria di gruppo (c.d. cash pooling ) 3 e leasing, lease back 4 o factoring infragruppo (captive). Trattasi, peraltro, di fattispecie particolarmente frequenti, che costringeranno diverse migliaia di holding ex art. 113 a rimanere iscritte all elenco, considerando che tra le attività tipiche di una holding, anche se non operante nei confronti del pubblico, rilevano proprio i prestiti intercompany. Il D.M. n. 29/2009, art. 23, comma 4, demanda infine alla Banca d Italia il compito di definire le modalità di cancellazione dall elenco ex art. 113 del Tub, per i quali cade l obbligo di iscrizione. A tal fine, secondo la circolare interpretativa n. 4 del 16 aprile 2009 di Assoholding, chi procede alla cancellazione dall elenco dovrà comunque consegnare alla Banca d Italia l archivio unico informatico e comunicare in via telematica all archivio dell Agenzia delle Entrate la cancellazione della casella di posta elettronica certificata utilizzata per le indagini finanziarie, avendo però cura di mantenere un periodo di osservazione 3 Che comprende servizi di pagamento e attività di incasso e trasferimento fondi, di trasmissione o esecuzione di ordini di pagamento, di compensazione di crediti e debiti. 4 Le attività di sale and lease back infragruppo sono da valutare con estrema cautela, essendo spesso considerate fiscalmente elusive in quanto prive di valide ragioni economiche. di 30 giorni durante i quali eventuali richieste di indagini dovranno comunque essere elaborate ed inviate all Agenzia. 2. Conseguenze fiscali della cancellazione dall elenco ex art. 113 del Tub Sotto il profilo fiscale, la conseguenza immediata della cancellazione dall iscrizione al predetto elenco di cui all art. 113 del Tub sarà la fuoriuscita dall imponibile Irap della sommatoria tra gli interessi attivi e passivi rappresentati in bilancio. Ciò in quanto, ai sensi dell art. 6, comma 9, del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, al valore della produzione netta delle società iscritte nell albo di cui all art. 113 del Tub, calcolato secondo le disposizioni di cui all art. 5 del medesimo D.Lgs. n. 446/1997 in tema di società di capitali 5, va aggiunta la differenza tra gli interessi attivi e proventi assimilati e gli interessi passivi e oneri assimilati. Gli interessi passivi concorrono alla formazione del valore della produzione nella misura del 96 per cento del loro ammontare 6. Come evidenziato invece dalla circ. n. 4/2009 di Assoholding, le conseguenze sul piano della deducibilità degli interessi passivi, ai fini Ires ex art. 96 del Tuir, limitata al 30% del ROL (Reddito Operativo Lordo), saranno meno immediate 7. 5 Secondo cui la base imponibile Irap è determinata dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell articolo 2425 del codice civile, con esclusione delle voci di cui ai numeri 9), 10), lettere c) e d), 12) e 13), così come risultanti dal conto economico dell esercizio. 6 Si veda anche G. De Vito, Interessi passivi in bilico, in Il Sole-24 Ore del 17 aprile 2009, pag Secondo l art. 96, comma 1, del Tuir, gli interessi passivi e gli oneri assimilati (ad esclusione di quelli ricompresi nel costo dei beni) delle società di capitali, al netto degli interessi attivi e dei proventi assimilati, sono ammessi in deduzione solo entro il 30% del reddito operativo lordo (ROL). Ai sensi del comma 2 del predetto art. 96 del Tuir, per risultato operativo lordo si intende la differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere a) e b) dell art del codice civile, con esclusione delle voci di cui al numero 10, lettere a) e b) (ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali e materiali), e dei canoni di locazione finanziaria di beni strumentali, così come risultanti dal conto economico dell esercizio. Per approfondimenti, si veda R. Moro Visconti, Finanziaria 2008: reddito operativo lordo (ROL) e deducibilità degli interessi passivi nel Ddl Finanziaria 2008, in il fisco n. 44/2007, fascicolo n. 1, pag. 6338; P. Pisoni-F. Bava-D. Busso, Finanziaria 2008: deducibilità degli interessi passivi e risultato operativo lordo - Aspetti operativi e scritture contabili, in il fisco n. 8/2008, fascicolo n. 1, pag. 1329; S. Trettel, Interessi passivi e holding di partecipazioni industriali, in Corriere tributario n. 14/2008, pag

3 2798 ATTUALITÀ Attività finanziarie Tale limite penalizza ingiustamente le holding, soprattutto quelle pure, che hanno spesso un risultato operativo tendente a zero, a meno che non addebitino alle partecipate management fees con un ricarico rispetto ai costi sostenuti (operazione non sempre agevole, anche perché spesso le holding hanno una struttura molto snella, che non consente loro un attività di advisory). Infatti, a differenza del predetto art. 6 del D.Lgs n. 446/1997 in tema di Irap, l art. 96, comma 5, del Tuir, prevede che la deducibilità degli interessi passivi nei limiti del 30% del ROL si applica alle società che esercitano in via esclusiva o prevalente l attività di assunzione di partecipazioni in società esercenti attività diversa da quelle creditizia o finanziaria, a prescindere, pertanto, dall iscrizione in appositi elenchi del Tub. La possibilità di dedurre gli interessi passivi per il 96% del loro ammontare, come prescrive l art. 96, comma 5-bis, del Tuir, dipende, dunque, solamente dal tipo di partecipazioni detenute 8 e non rileva, in tale ambito, nemmeno la tipologia di schemi di bilancio adottati 9. La recente ris. n. 91/E del 2 aprile ha risolto solo in parte il problema. Nel caso di holding che detiene partecipazioni in una o più sub-holding, che, a loro volta, detengono partecipazioni di ultima istanza in società industriali e commerciali, la deducibilità degli interessi passivi nel limite del ROL resterebbe circoscritta alle sole sub-holding 11, sempreché le sub-holding medesime non si cancellino dall elenco ex art. 113 del Tub, altrimenti le sub-holding derubricate dall elenco non potrebbero essere qualificate come finanziarie e anche la holding, di conseguenza, sarebbe attratta per trasparenza al regime del ROL. Le holding potrebbero essere escluse dalle limitazioni sulla deducibilità degli interessi passivi se solo l Amministrazione finanziaria: 8 È il caso delle holding bancarie o assicurative e delle holding finanziarie. 9 Si veda il paragrafo In il fisco n. 15/2009, fascicolo n. 1, pag In tal senso, secondo la circ. n. 2 di Assoholding del 22 aprile 2008 (in il fisco n. 23/2008, fascicolo n. 1, pag. 4205), le holding di partecipazioni possono considerarsi comunque escluse dalle limitazioni sulla deducibilità degli interessi passivi, di cui al nuovo art. 96 del Tuir, qualora la gestione del gruppo sia adottata attraverso la previsione di una sub-holding, interposta tra la holding e le società partecipate. In questo caso, infatti, la partecipata sub-holding svolge un attività finanziaria di assunzione di partecipazioni, anche se non nei confronti del pubblico, ma nei confronti delle proprie partecipate. le considerasse opportunamente società finanziarie; ovvero consentisse di includere fra i ricavi della gestione caratteristica, che rilevano ai fini del calcolo del ROL, i dividendi percepiti, come è lecito che sia, visto che, da un punto di vista sostanziale, è innegabile che il mestiere tipico o caratteristico di una holding sia anzitutto quello di raccogliere frutti (dividendi e talora capital gains) dalle sue partecipate e che gli schemi di bilancio civilistici previsti per le società industriali, commerciali o di servizi mal si adattino alla peculiarità delle holding, che semplicemente fanno un mestiere diverso. 3. Holding pure e holding miste Con riferimento all attività esercitata, le holding possono essere pure, se la loro attività consiste in via esclusiva o prevalente nell assunzione di partecipazioni. Le holding miste si differenziano dalle holding pure per il fatto che, oltre alla detenzione di partecipazioni, esse svolgono anche un attività operativa (produttiva, commerciale, immobiliare, di servizi ) che può essere prevalente o minoritaria 12. Le differenze tra holding pure o miste possono essere molto rilevanti, sotto il profilo fiscale, contabile (per gli schemi di bilancio ad esse applicabili), valutativo e giuridico (iscrizione o meno all elenco di cui all art. 113 del Tub 13 D.Lgs. n. 385/1993 o agli elenchi di cui agli artt. 106 e 107 del Tub). In particolare, le holding: iscritte all elenco ex art. 113 del Tub redigono il bilancio secondo gli schemi civilistici; iscritte agli elenchi ex artt. 106 e 107 redigono il bilancio secondo le norme sugli enti finanziari e creditizi e cioè secondo gli schemi proposti dalla circ. n. 262 della Banca d Italia del 22 dicembre e secondo i principi contabili internazionali Ias/Ifrs. La distinzione tra holding e sub-holding pure o, rispettivamente, miste può rilevare anche ai fini dell applicazione della participation exemption 15, 12 Per approfondimenti, si veda: R. Moro Visconti, Le holding, in Il Sole-24 Ore, 2007, Milano; R. Moro Visconti, La fiscalità delle holding, in il fisco n. 25/2008, fascicolo n. 1, pag L iscrizione deve obbligatoriamente avvenire se l attività finanziaria è prevalente (con riferimento a ricavi e attività) ovvero se vi è oggetto sociale chiaramente finanziario e se si verificano i requisiti della recente modifica normativa. 14 In allegato al provv. Banca d Italia 22 dicembre 2005, in banca dati fisconline. 15 Si rammenti che i requisiti di commercialità e residenza vanno verificati in capo alle partecipate di ultima istanza; la

4 Attività finanziarie ATTUALITÀ 2799 così come l attività commerciale o meno delle partecipate e la contabilizzazione delle partecipazioni tra le immobilizzazioni o come beni merce nel circolante, evento che postula un attività di trading di norma poco consona ad holding ex art. 113 chiuse nei confronti del pubblico e più in sintonia con l attività di merchant banking ricompresa nelle società ex artt. 106 o 107 del Tub. 4. Disapplicazione senza istanza della normativa sulle società di comodo alle holding Come è noto, il D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla L. 4 agosto 2006, n. 248, e la L. 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007) avevano inasprito la complessa e mutevole normativa sulle c.d. società di comodo, contenuta nell art. 30 della L. 23 dicembre 1994, n. 724, non prevedendo alcuna esimente per le holding, le quali, pertanto, dovevano presentare l apposita istanza di disapplicazione della normativa 16. Successivamente, la circ. n. 5/E del 2 febbraio aveva più opportunamente individuato alcune situazioni oggettive, a titolo meramente esemplificativo, che avrebbero potuto giustificare il riscontro positivo dell istanza per le holding 18 : società partecipate con riserve di utili non sufficienti, in caso di integrale distribuzione, a consentire alla holding di superare il test di operatività; sub-holding non deve costituire a tal fine uno schermo tra la holding e le partecipate operative. 16 Per maggiori approfondimenti, si veda, ex plurimis: A. Mastroberti, Il punto sulla disciplina delle società non operative, in Azienda & Fisco n. 23/2008; R. Moro Visconti, Holding società di comodo : recenti casi di disapplicazione secondo la prassi ministeriale, in il fisco n. 48/2007, fascicolo n. 1, pag. 6907; R. Moro Visconti, Holding non operative: novità normative e interpello disapplicativo, in il fisco n. 9/2007, fascicolo n. 1, pag. 1236; M. Posarelli, L istanza per la disapplicazione della disciplina antielusiva sulle società di comodo: gli aspetti procedurali dopo la circolare n. 14/E del 15 marzo 2007, in il fisco n. 14/2007, fascicolo n. 1, pag. 2029; M. Valentini, Società di comodo: holding industriali ed Irap, in La Settimana fiscale n. 9/2007, pag. 21; G. Vasapolli-A. Vasapolli, Le partecipazioni escluse dalla normativa sulle società di comodo, in Corriere tributario n. 15/2008, pag In il fisco n. 6/2007, fascicolo n. 2, pag In tal senso, secondo la circ. n. 11/E del 16 febbraio 2007, paragrafo 6.7. (in il fisco n. 8/2007, fascicolo n. 2, pag. 1088), potranno trovare accoglimento le istanze delle holding in tutti i casi in cui la normativa sia stata disapplicata nei confronti delle partecipate, ma anche quando si dimostri, ad esempio, che l eventuale distribuzione di tutti gli utili della partecipata non sarebbe stata comunque sufficiente per evidenziare proventi almeno pari a quelli minimi determinati in via presuntiva con l applicazione dei coefficienti. mancata distribuzione di dividendi da parte delle partecipate dovuta alla necessità di coprire con le riserve di utili esistenti le perdite conseguite 19 ; società partecipate che si trovano in fase di avvio dell attività; società partecipate che operano in settori in crisi; società costituite quali Special Purpouse Vehicle (SPV), che dimostrano di dover necessariamente impiegare i proventi conseguiti dalla società target per il rimborso dei debiti contratti per l acquisto della target stessa. Per quanto concerne, invece, le holding immobiliari che hanno per oggetto la realizzazione e la successiva locazione di immobili, la citata circ. n. 5/E (paragrafo 4.5) aveva, inoltre, rilevato che sarebbe stato possibile disapplicare la normativa sulle società non operative in presenza di particolari situazioni oggettive, fra cui rilevano, a titolo di esempio, le seguenti: la società immobiliare ha iscritte in bilancio e- sclusivamente immobilizzazioni in corso di realizzazione (in costruzione o radicale ristrutturazione), da destinare successivamente alla locazione, ma non suscettibili, momentaneamente, di produrre un reddito, ancorché minimo; dimostrata impossibilità, per la società immobiliare, di praticare canoni di locazione sufficienti per superare il test di operatività, ovvero per conseguire un reddito effettivo superiore a quello minimo presunto; dimostrata impossibilità di modificare i contratti di locazione in corso (se sono ad equo canone, ben difficilmente superano le soglie minime di operatività); temporanea inagibilità dell immobile, da documentare adeguatamente. La successiva circ. n. 44/E del 9 luglio 2007, paragrafo , aveva, invece, ribadito che, per le holding iscritte nell albo di cui all art. 113 del Tub, l esclusione automatica dalla disciplina 19 La circ. n. 25/E, paragrafo 8, del 4 maggio 2007 (in il fisco n. 19/2007, fascicolo n. 2, pag. 2661) specifica che costituisce, inoltre, circostanza utile ai fini dell accoglimento dell istanza disapplicativa il fatto che la società partecipata, pur disponendo di utili e riserve di utili teoricamente sufficienti in ipotesi di integrale distribuzione a consentire il superamento del test di operatività da parte della holding partecipante, non abbia proceduto alla relativa distribuzione in attuazione di un piano di autofinanziamento finalizzato al concreto rafforzamento dell attività produttiva, sempreché venga dimostrato che l utile sia stato (o sarà) effettivamente investito. 20 In il fisco n. 29/2007, fascicolo n. 2, pag

5 2800 ATTUALITÀ Attività finanziarie sulle società non operative non ricorre, in quanto per tali soggetti non sussiste l obbligo di costituirsi sotto forma di società di capitali per svolgere dette attività in via esclusiva (essendovi, come anticipato, molte holding ex art. 113 in forma di società di persone). Il provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate n , del 14 febbraio 2008, art. 1, lettera e), ha invece disposto che possono disapplicare la disciplina sulle società di comodo, senza dover assolvere all onere di presentare istanza di interpello, le società che detengono partecipazioni in società non considerate di comodo 21. Pertanto, se le partecipate sono società operative, alla holding non è applicabile la normativa sulle società di comodo 22, seguendo un ragionevole e sostanziale principio di trasparenza che opportunamente fa risalire alla holding i requisiti di esenzione della partecipata. 5. Considerazioni di sintesi Il riconosciuto ruolo ampiamente positivo rivestito dalle holding familiari 23, tra le altre cose 21 La lettera f) del comma 128 dell art. 1 della legge finanziaria 2008 (L. n. 244 del 24 dicembre 2007) aveva, infatti, introdotto il nuovo comma 4-ter dell art. 30 della L. n. 724/1994, a norma del quale con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate avrebbero potuto essere individuate ulteriori situazioni oggettive in presenza delle quali sarebbe consentito ai contribuenti di disapplicare in modo automatico le disposizioni sulle società di comodo, senza dover assolvere all onere di presentare istanza di interpello ai sensi dell art. 37-bis, comma 8, del D.P.R. n. 29 settembre 1973, n Si veda anche G. Gavelli-A. Versari, Provv. Ag. Entrate n del 14 febbraio Le novità in materia di società di comodo, in il fisco n. 11/2008, fascicolo n. 1, pag La holding consente di razionalizzare la struttura finanziaria, anche attraverso una tesoreria centralizzata, eliminando il ricorso ai soci nello spostamento intercompany di risorse o nel loro utilizzo per nuovi investimenti; la flessibilità finanziaria cresce, anche per la migliore immagine di gruppo verso i finanziatori esterni e per le sinergie dimensionali, che lo rendono più appetibile e meno rischioso per i finanziatori; la holding razionalizza l erogazione di dividendi alla famiglia, dopo averli raccolti dalle società operative controllate, considerando le specifiche esigenze di autofinanziamento; il trasferimento generazionale può essere pianificato, anzitutto sotto il profilo civilistico e fiscale, direttamente al livello più elevato della struttura societaria di gruppo, con risparmio di costi e imposte; la holding può consentire, in Italia e altri ordinamenti, la tassazione di gruppo su una base imponibile consolidata; la holding razionalizza il controllo societario (anche attraverso patti di famiglia) e preserva le società operative dai dissidi familiari; la holding può avere benefici fiscali (participation exemption; Iva di gruppo, tassazione per trasparenza in capo ai soci...). utile strumento per frapporre uno schermo giuridico tra la famiglia che cresce con la deriva generazionale e le società operative, trova in una normativa fiscale farraginosa e penalizzante un ingiustificato ostacolo, che non agevola e non incentiva né la costituzione di nuove holding né l auspicato rimpatrio di holding estere. L incertezza normativa ostacola una seria pianificazione fiscale: basti pensare alla percentuale di imponibilità delle plusvalenze ai fini della participation exemption, cambiata innumerevoli volte e oggi pare assestata al 5%, o ancora alle restrizioni in tema di consolidato fiscale, con la tassazione al 5% dei dividendi, che hanno reso tale strumento inappetibile ai più, con buona pace dell opzione triennale spesso esercitata su più favorevoli presupposti normativi allora vigenti (è come se le regole del calcio cambiassero a partita in corso ). La volubilità del legislatore fiscale, preoccupato da contingenti ragioni erariali, lungi dall incrementare il gettito, crea un danno reputazionale e sistemico difficile da superare, anche perché assai meno diffuso all estero. Anche le norme su società di comodo e ROL appaiono farraginose e penalizzanti, soprattutto in un contesto di mercato fortemente recessivo, in cui esse hanno un ruolo chiaramente prociclico, che esaspera il trend economico, ponendo obiettivi di redditività minima difficilmente realizzabili in una fase recessiva. Il piccolo passo avanti, ai fini della semplificazione, rappresentato dall esclusione dall art. 113 del Tub delle holding familiari statiche, è sicuramente da accogliere con favore da parte sia dei soggetti controllati, sia dei controllanti, anche se si auspica una più ampia portata esclusiva, posto che i finanziamenti soci e la tesoreria centralizzata, fenomeni frequentissimi e anzi spesso alla base delle motivazioni che spingono a valutare l opportunità di costituire una holding, ben difficilmente possono creare problemi tali da indurre a mantenere un attività vigilata, che ben più opportunamente dovrebbe concentrarsi su altre fattispecie oggi a tutti note, in primis la presenza di titoli tossici nei bilanci bancari. Si auspicano, pertanto, ulteriori e ben più coraggiosi interventi semplificatori, in ambito fiscale e di controlli finanziari, in un ottica di corretta prevalenza della sostanza sulla forma, che consenta al nostro Paese di avvicinarsi alla legislazione e alla prassi applicativa degli altri Paesi occidentali, coi quali quotidianamente competiamo e ci confrontiamo.

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES IRAP Fonti Circolare Assonime n. 46/2009 Risoluzione 38/E del 26/2/2003 Nota Assoholding n. 6 del 14/12/2010 Circolare Ministeriale 141/E

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO Dott. Enrico ZANETTI Lavoro autonomo, impresa e altre criticità delle dichiarazioni dei redditi PROFILI INTRODUTTIVI PROSPETTO NEL QUADRO RF 2 AMBITO DI APPLICAZIONE ESCLUSIONE

Dettagli

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 SEGRETERIA PROVINCIALE - TORINO La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 A cura di Riccardo Perinetto DAL 2012 ESISTONO DUE TIPOLOGIE DI SOCIETA DI COMODO SOCIETA NON OPERATIVE (problemi ricavi)

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

Circolare informativa n.1/2015

Circolare informativa n.1/2015 Dott. Giuseppina Sica D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a A l b o u n i c o A V n. 6 2 7 R e v i s o r e d e i C o n t i n. 1 3 6. 6 9 2 C o n s u l e n t e T e c n i c o t r i b u n a l e A V n.

Dettagli

La disciplina delle holding industriali e gli effetti dell abrogazione dell art. 113 del TUB.

La disciplina delle holding industriali e gli effetti dell abrogazione dell art. 113 del TUB. La disciplina delle holding industriali e gli effetti dell abrogazione dell art. 113 del TUB. Alberto Marengo 10/12/2010 Sommario: 1. Premessa - 2. Le tipologie di holding - 3. La disciplina degli interessi

Dettagli

COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI

COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI video FISCO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CASO PRATICO del 20.04.2011 n. 0376-775130 www.ratiofad.it COSTI BLACK-LIST IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI Artt. 110, 166, 167, 168 e 168-bis D.P.R. 22.12.1986, n.

Dettagli

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Premessa Il D.Lgs. n.446/97 distingue i criteri di determinazione della base

Dettagli

Edilizia: regimi fiscali ai fini IVA e dirette e agevolazioni

Edilizia: regimi fiscali ai fini IVA e dirette e agevolazioni Salvatore Albanese Rosita Donzì Edilizia: regimi fiscali ai fini IVA e dirette e agevolazioni Risparmio energetico, interventi di ristrutturazione, ecc. ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (DLgs. 14.9.2015 n. 147) - Disposizioni di rilevanza interna

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (DLgs. 14.9.2015 n. 147) - Disposizioni di rilevanza interna Studio Menichini Dottori Commercialisti Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (DLgs. 14.9.2015 n. 147) - Disposizioni di rilevanza interna 1 1 PREMESSA Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori INDICE PREMESSA... 9 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori 1. Premessa: le riforme che hanno interessato la disciplina dei

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

La disciplina delle CFC

La disciplina delle CFC La disciplina delle CFC Novedrate, 9 ottobre 2013 dott. Andrea DE VIDO La CFC (Controlled Foreign Companies) e quella tecnica con la quale: un soggetto residente in un Paese ad alta fiscalità fa svolgere

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003 ASSOCIATI: prof. dott. GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona commercialista revisore contabile dott. MINO CASTELLANI commercialista revisore contabile dott.

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari

La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari La deduzione di interessi passivi ed oneri finanziari Thomas Tassani Università degli Studi di Università degli Studi di Fiscalità Finanziaria Aspetti di criticità nella tassazione Dal lato attivo, alta

Dettagli

OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in materia di Controlled Foreign Companies (CFC) Risposte a quesiti

OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in materia di Controlled Foreign Companies (CFC) Risposte a quesiti CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Settore Fiscalità Internazionale e Agevolazioni Ufficio Fiscalità Internazionale Imposte Dirette Roma, 26 maggio 2011 Alle Direzioni Regionali e Provinciali

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari Disciplina fiscale Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari definizione Definizione di SICAF: OICR chiuso costituito in forma di società per azioni a capitale fisso

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

Schema di decreto legislativo sull internazionalizzazione delle imprese: le novità principali

Schema di decreto legislativo sull internazionalizzazione delle imprese: le novità principali Ufficio Studi Schema di decreto legislativo sull internazionalizzazione delle imprese: le novità principali Schema di decreto legislativo delegato recante misure per la crescita e l internazionalizzazione

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

La disciplina fiscale delle Start-up

La disciplina fiscale delle Start-up S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PER UN RILANCIO DELLE PMI: STRUMENTI, FINANZIAMENTI, MERCATI ED INCENTIVI FISCALI La disciplina fiscale delle Start-up Dott. Attilio Picolli 7 Febbraio 2013,

Dettagli

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE Milano, 5 aprile 2013 Informazioni tributarie 1.4/04/2013 A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE 1. PEX REGIME DI PARTECIPATION EXEMPTION. NUOVI CHIARIMENTI. (CIRCOLARE N. 7/E DELL

Dettagli

PARTE A COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE 1. PREMESSA 17. 2. CHI PUÒ FRUIRE DELLA DETRAZIONE 18 2.1. I familiari conviventi 20

PARTE A COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE 1. PREMESSA 17. 2. CHI PUÒ FRUIRE DELLA DETRAZIONE 18 2.1. I familiari conviventi 20 ANALISI PARTE A COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE CAPITOLO 1 LA DISCIPLINA DELLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (PER LE PERSONE FISICHE) di Armando Cravino 1. PREMESSA 17 2. CHI PUÒ FRUIRE DELLA DETRAZIONE 18

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11

INDICE. Premessa... pag. 11 INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI NEL REDDITO DI IMPRESA 1. La cessione delle partecipazioni nel reddito d impresa... pag. 13 1.1 I diversi regimi fiscali applicabili

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

PARTE A Norme generali: novità 2006. CAPITOLO 1 LA NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE FISCALI di Marco Cossetto e Roberto Frascinelli

PARTE A Norme generali: novità 2006. CAPITOLO 1 LA NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE FISCALI di Marco Cossetto e Roberto Frascinelli ANALISI PARTE A Norme generali: novità 2006 CAPITOLO 1 LA NUOVA DISCIPLINA DEL RIPORTO DELLE PERDITE FISCALI di Marco Cossetto e Roberto Frascinelli 1. PREMESSA 17 2. PERDITE DELLE IMPRESE MINORI E DEI

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali RISOLUZIONE N. 29/E Roma, 18 marzo 2015 OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali Con l interpello specificato in oggetto, concernente l

Dettagli

Circolare monotematica LUGLIO 2015

Circolare monotematica LUGLIO 2015 Circolare monotematica LUGLIO 2015 1 OPERARE ALL ESTERO Novità in corso di introduzione per effetto del Decreto legislativo, ancora in esame, in attuazione della Legge delega 11 Marzo 2014, n.23 1. NOVITA

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO Numero circolare 8 Data 14/10/2011 Abstract: Rif.to normativo: LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO La legge di conversione della c.d. manovra di ferragosto ha in buona parte confermato le

Dettagli

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 La legge Finanziaria 2007 è nuovamente intervenuta sulla disciplina delle società non operative, già oggetto di modifiche da parte del Decreto

Dettagli

OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in materia di Controlled Foreign Companies (CFC) Risposte a quesiti

OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in materia di Controlled Foreign Companies (CFC) Risposte a quesiti CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 26 maggio 2011 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in materia di Controlled Foreign Companies (CFC) Risposte a quesiti Agenzia delle Entrate Direzione Centrale

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa DIVIDENDI La società che distribuisce dividendi dovrà individuare i beneficiari ed applicare, eventualmente, le ritenute con obbligo di rivalsa (art. 27/600). Beneficiari: Art. 47 - Beneficiari - Persone

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

Dal 2010 è entrato a far parte dell'ordine dei Giornalisti, Albo Pubblicisti; mentre dal 2011 è membro della giuria del premio "Di padre in figlio".

Dal 2010 è entrato a far parte dell'ordine dei Giornalisti, Albo Pubblicisti; mentre dal 2011 è membro della giuria del premio Di padre in figlio. Leo De Rosa (studio legale e tributario Russo De Rosa Associati) Laureato con pieni voti assoluti e lode presso l'università Bocconi di Milano, si è specializzato in operazioni di Private Equity, Corporate

Dettagli

Restyling per la deducibilità degli interessi passivi

Restyling per la deducibilità degli interessi passivi Restyling per la deducibilità degli interessi passivi di Gian Marco Committeri (*) Con lo schema di Decreto crescita e internazionalizzazione, approvato in esame preliminare dal Consiglio dei Ministri

Dettagli

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (Schema di decreto legislativo n. 161-bis) N. 252 30 luglio 2015 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni Misure

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 28 Ottobre 2013 Oggetto: Circolare n. 35/2013 del 28 Ottobre

Dettagli

Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi. Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale

Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi. Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale Le schede di pratica professionale di Ennio Vial e Vita Pozzi Circolare n.7/e/13: la Pex in ipotesi di holding residenti in un paradiso fiscale Introduzione L articolo 87 del DPR n.917/86 prevede un esenzione

Dettagli

ESPERIENZE PROFESSIONALI

ESPERIENZE PROFESSIONALI LEO DE ROSA Nato a Larino (CB) il 07 giugno 1973 Via Verri, 8 20121 Milano Telefono: 0291431200 e-mail: leo.derosa@rdra.it ESPERIENZE PROFESSIONALI Dal gennaio 2007 socio fondatore dello studio legale

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 158 del 12 vembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bozza Legge di Stabilità 2016. Regime forfettario e regimi agevolati: cosa ci aspetta nel 2016? Gentile cliente, con

Dettagli

Tavecchio & Associati Dottori Commercialisti - Revisori Contabili. Milano, 27 gennaio 2009. Spettabile Cliente CIRCOLARI INFORMATIVE TEMATICHE

Tavecchio & Associati Dottori Commercialisti - Revisori Contabili. Milano, 27 gennaio 2009. Spettabile Cliente CIRCOLARI INFORMATIVE TEMATICHE Tavecchio & Associati Dottori Commercialisti - Revisori Contabili ANDREA TAVECCHIO MASSIMO CALDARA ELISABETTA DE LORENZI MANFREDI TERZI (*) DANIEL VISMARA PAOLA CACCAMO (*) of counsel FAMILY OFFICE UNIT

Dettagli

Impianti fotovoltaici: profili catastali e fiscali

Impianti fotovoltaici: profili catastali e fiscali n 03 del 17 gennaio 2014 circolare n 55 del 16 gennaio 2014 referente BERENZI/mr Impianti fotovoltaici: profili catastali e fiscali La circolare dell Agenzia delle Entrate n. 36/2013 ha fornito chiarimenti

Dettagli

Contributi regionali per la certificazione di qualità

Contributi regionali per la certificazione di qualità Agevolazioni & Incentivi Contributi regionali per la certificazione di qualità I contributi regionali (o in c/capitale) per la certificazione di qualità sono compatibili con gli incentivi fiscali per la

Dettagli

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche.

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Roma, 22 gennaio 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Quesito Nell ambito dei Piani di Sviluppo

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

3. Il reddito imponibile fiscale

3. Il reddito imponibile fiscale 3. Il reddito imponibile fiscale 3.1 Principi di determinazione del reddito d impresa 3.1.1 Il principio della dipendenza del reddito imponibile dal risultato di bilancio In ogni sistema tributario, al

Dettagli

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Nell imminenza delle scadenze relative alle dichiarazioni dei redditi per l esercizio 2004 ed al versamento delle imposte ad esse

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 326/E

RISOLUZIONE N. 326/E RISOLUZIONE N. 326/E Roma, 30 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello n. - Art. 11, legge 27/7/2000, n. 212 Istante: ALFA Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR),

Dettagli

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Con la C.M. n.33/e del 17 giugno 2010 l Agenzia delle Entrate ha fornito

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

Ditte individuali e società di persone: opzione/revoca metodo di determinazione Irap

Ditte individuali e società di persone: opzione/revoca metodo di determinazione Irap Numero 43/2014 Pagina 1 di 11 Ditte individuali e società di persone: opzione/revoca metodo di determinazione Irap Numero : 43/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE OPZIONE IRAP ARTT.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

Riforma fiscale. Relatori: Dott. Heinz Peter Hager Dott. Dietmar Huber Dott. ssa Barbara Scampuddu

Riforma fiscale. Relatori: Dott. Heinz Peter Hager Dott. Dietmar Huber Dott. ssa Barbara Scampuddu Riforma fiscale Relatori: Dott. Heinz Peter Hager Dott. Dietmar Huber Dott. ssa Barbara Scampuddu Camera di Commercio Italo-Germanica Via Borgogna 2 20122 Milano Tel. 02 7780711 E-mail: info.mi@hager-partners.it

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

SICAF sotto la lente: i nuovi fondi chiusi e le opportunità di mercato. Paolo Ludovici

SICAF sotto la lente: i nuovi fondi chiusi e le opportunità di mercato. Paolo Ludovici SICAF sotto la lente: i nuovi fondi chiusi e le opportunità di mercato Paolo Ludovici Art. 9, comma 2, d.lgs 44/2014: «alle società di investimento a capitale fisso (SICAF) diverse da quelle immobiliari,

Dettagli

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986)

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) (Roberto M. Cagnazzo) CAMERA AVVOCATI TRIBUTARISTI DI TORINO Torino, 10 Ottobre 2012 DISCIPLINA

Dettagli

CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI. a cura di Eugenio Romita

CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI. a cura di Eugenio Romita CESSIONE E CONFERIMENTO D AZIENDA E DI PARTECIPAZIONI a cura di Eugenio Romita 1 CESSIONE D AZIENDA 2 2 Cessione d azienda Isolamento (salvo eccezioni) rispetto alle altre operazioni straordinarie creato

Dettagli

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE aprile MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE Principali novità A cura di Roberta Braga Dottore commercialista in Mantova. Indice 1. Premessa 2. Novità in tema di reddito di impresa e/o di lavoro autonomo

Dettagli

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Giugno 2013 I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Gabriella Antonaci, Studio Legale e Tributario

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA APPROFONDIMENTI 12 febbraio 2008 Copyright 2000-2006 Wolters Kluwer Italia. Riproduzione Vietata. REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA di Annibale Dodero tratto da IPSOA, Corriere Tributario, n.

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

IPERCONSULTING PROFESSIONISTI PER PICCOLE E MEDIE IMPRESE

IPERCONSULTING PROFESSIONISTI PER PICCOLE E MEDIE IMPRESE ACE (Aiuto alla Crescita Economica) Art. 1 D.L. 06 dicembre 2011 n. 201 L ACE (Aiuto alla crescita economica), l agevolazione introdotta dal decreto Salva Italia (Dl 201/2011) per rafforzare il sistema

Dettagli

1. PREMESSA 13 2. IL FONDO PATRIMONIALE 13 3. IL TRUST 14 4. IL NEGOZIO DI INTESTAZIONE FIDUCIARIA 16 5. LE SOCIETÀ HOLDING 17

1. PREMESSA 13 2. IL FONDO PATRIMONIALE 13 3. IL TRUST 14 4. IL NEGOZIO DI INTESTAZIONE FIDUCIARIA 16 5. LE SOCIETÀ HOLDING 17 ANALISI CAPITOLO 1 BREVE INTRODUZIONE SUGLI ISTITUTI DEL FONDO PATRIMONIALE, DEL TRUST, DELL INTESTAZIONE FIDUCIARIA E SULLE SOCIETÀ HOLDING di Gianluca Cristofori e Maurizio Marullo 1. PREMESSA 13 2.

Dettagli

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico INTERESSI PASSIVI Gli interessi passivi di qualsiasi natura vanno imputati al conto economico per competenza. Si considerano assimilati agli interessi passivi: - le commissioni passive su finanziamenti

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Il principio di trasparenza. IRPEF. IRES. REGIME DELLE CFC Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Dott.ssa Barbara Gilardi Titolo della lezione Schema I PARTE

Dettagli

ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3

ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3 ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3 OGGETTO: Le imposte sul reddito nel bilancio di esercizio e le connesse scritture contabili - Introduzione La presente nota operativa ha lo scopo di evidenziare la normativa

Dettagli

ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA

ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Prof. ssa Loredana CARPENTIERI Diretta 17 maggio 2010 CIRCOLARE N. 46/E DEL 3 NOVEMBRE 2009 Adempimenti dichiarativi per costi da operazioni con

Dettagli

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1. 1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.2 La dematerializzazione delle azioni 1.1.2.1 Profili fiscali 1.1.3

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

IMMOBILI dei PROFESSIONISTI

IMMOBILI dei PROFESSIONISTI Imposte dirette IMMOBILI dei PROFESSIONISTI DEDUCIBILITÀ delle QUOTE di AMMORTAMENTO e dei CANONI di LEASING MODIFICHE dal 2010 di Pierpaolo Ceroli e Claudio Sabbatini QUADRO NORMATIVO L art. 1, co. 334

Dettagli

Rivalutazione beni d impresa

Rivalutazione beni d impresa Legge di stabilità 2014 art. 1, commi 140-146 2 PUÒ ESSERE ANCHE SOLO CIVILISTICA? Ossia il maggior valore può essere iscritto in bilancio senza assolvere l imposta sostitutiva, e quindi senza rilevare

Dettagli

RISOLUZIONE N.345/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N.345/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N.345/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Trasferimento in Italia della sede legale

Dettagli