D.M. 17 febbraio 2009, n. 29. Effetti della cancellazione dall elenco. di Roberto Moro Visconti (*)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.M. 17 febbraio 2009, n. 29. Effetti della cancellazione dall elenco. di Roberto Moro Visconti (*)"

Transcript

1 2796 ATTUALITÀ D.M. 17 febbraio 2009, n. 29 Holding familiari Effetti della cancellazione dall elenco ex art. 113 del testo unico bancario di Roberto Moro Visconti (*) Le holding iscritte all elenco di cui dall art. 113 del testo unico bancario, che gestiscono partecipazioni senza svolgere congiuntamente altra attività finanziaria nei confronti delle proprie partecipate, dovranno presentare alla Banca d Italia istanza di cancellazione. È quanto stabilisce il D.M. n. 29 del 17 febbraio 2009, in vigore dal 18 aprile Ai fini fiscali, la cancellazione dall elenco di cui all art. 113 ha come conseguenza automatica la fuoriuscita dall imponibile Irap della sommatoria degli interessi attivi e passivi rappresentati in bilancio; non pacifica appare invece l applicazione alle holding della restrizione alla deducibilità degli interessi passivi ai fini Ires nei limiti del 30% del ROL. 1. Premessa (*) Ai fini dell iscrizione negli elenchi di cui all art. 113 ovvero agli artt. 106 e 107 del Tub (testo unico bancario, approvato con D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385), rileva l attività, svolta in via esclusiva ovvero prevalente, di assunzione di partecipazioni eseguita o meno nei confronti del pubblico. Secondo il D.M. 17 febbraio 2009, n. 29, art. 6 1, per assunzione di partecipazioni si intende l acquisizione e la gestione di titoli o altri diritti (*) Docente di Finanza Aziendale presso l Università Cattolica di Milano - Dottore commercialista in Milano. 1 In alla voce documentazione on line. sul capitale di società da cui consegue un legame con le partecipate 2. L attività di assunzione di partecipazione in ogni caso si presume quando al soggetto partecipante spetta almeno un decimo dei voti esercitabili nell assemblea ordinaria della partecipata. Sempre secondo il citato D.M. n. 29/2009, art. 9, comma 6, l attività esclusiva o prevalente di assunzione di partecipazioni si considera effettuata nei confronti del pubblico quando è svolta nei confronti dei terzi con carattere di professionalità (ad esempio, merchant banks, società di leasing, intermediari in cambi, società di factoring ), al di fuori del gruppo a cui l intermediario appartiene, e le partecipazioni siano acquisite nell ambito di un progetto finalizzato alla loro cessione dopo lo svolgimento di interventi volti alla riorganizzazione o allo sviluppo aziendale o al soddisfacimento di esigenze finanziarie delle partecipate. Ai fini dell iscrizione negli elenchi di cui agli artt. 106 o 107 del Tub ovvero di cui all art. 113, rilevano anche le clausole statutarie previste nell oggetto sociale della holding. Finora era genericamente disposto l obbligo di iscrizione all elenco ex art. 113 del Tub per tutti i soggetti che esercitavano, in via esclusiva o prevalente, attività di assunzione di partecipazioni non nei confronti del pubblico. 2 Lo stesso provvedimento introduce novità, analizzate dalla circolare Assoholding n. 4 del 16 aprile 2009 (in anche per le finanziarie che svolgono attività di leasing, factoring, credito al consumo, servizi di pagamento (e altro) iscritte negli appositi elenchi di cui agli artt. 106 e 107 del Tub.

2 Attività finanziarie ATTUALITÀ 2797 Da qui l iscrizione all elenco di cui all art. 113 di oltre società (nel tempo leggermente ridotte e oggi di poco superiori alle unità), talora anche di persone o addirittura società semplici, che spesso sono da lunghi anni totalmente i- nattive e hanno la sola conseguenza di appesantire gli elenchi tenuti dall Ufficio Indagini Finanziarie, senza che da ciò risulti alcuna utilità sostanziale ai fini dei controlli antiriciclaggio. L art. 12, comma 3, del D.M. n. 29/2009 stabilisce, invece, che l attività di assunzione di partecipazioni rileva ai fini dell iscrizione solo se svolta congiuntamente ad altra attività finanziaria nei confronti delle partecipate. Dunque, per le holding che svolgono attività partecipativa meramente statica, quali molte holding familiari o holding captive all interno di gruppi, non vi è più il fastidioso obbligo di iscrizione al predetto elenco. L obbligo, invece, permane per le holding che svolgono anche altre attività finanziarie dinamiche nei confronti delle società partecipate, quali, ad esempio, la concessione di finanziamenti soci, la gestione accentrata della tesoreria di gruppo (c.d. cash pooling ) 3 e leasing, lease back 4 o factoring infragruppo (captive). Trattasi, peraltro, di fattispecie particolarmente frequenti, che costringeranno diverse migliaia di holding ex art. 113 a rimanere iscritte all elenco, considerando che tra le attività tipiche di una holding, anche se non operante nei confronti del pubblico, rilevano proprio i prestiti intercompany. Il D.M. n. 29/2009, art. 23, comma 4, demanda infine alla Banca d Italia il compito di definire le modalità di cancellazione dall elenco ex art. 113 del Tub, per i quali cade l obbligo di iscrizione. A tal fine, secondo la circolare interpretativa n. 4 del 16 aprile 2009 di Assoholding, chi procede alla cancellazione dall elenco dovrà comunque consegnare alla Banca d Italia l archivio unico informatico e comunicare in via telematica all archivio dell Agenzia delle Entrate la cancellazione della casella di posta elettronica certificata utilizzata per le indagini finanziarie, avendo però cura di mantenere un periodo di osservazione 3 Che comprende servizi di pagamento e attività di incasso e trasferimento fondi, di trasmissione o esecuzione di ordini di pagamento, di compensazione di crediti e debiti. 4 Le attività di sale and lease back infragruppo sono da valutare con estrema cautela, essendo spesso considerate fiscalmente elusive in quanto prive di valide ragioni economiche. di 30 giorni durante i quali eventuali richieste di indagini dovranno comunque essere elaborate ed inviate all Agenzia. 2. Conseguenze fiscali della cancellazione dall elenco ex art. 113 del Tub Sotto il profilo fiscale, la conseguenza immediata della cancellazione dall iscrizione al predetto elenco di cui all art. 113 del Tub sarà la fuoriuscita dall imponibile Irap della sommatoria tra gli interessi attivi e passivi rappresentati in bilancio. Ciò in quanto, ai sensi dell art. 6, comma 9, del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, al valore della produzione netta delle società iscritte nell albo di cui all art. 113 del Tub, calcolato secondo le disposizioni di cui all art. 5 del medesimo D.Lgs. n. 446/1997 in tema di società di capitali 5, va aggiunta la differenza tra gli interessi attivi e proventi assimilati e gli interessi passivi e oneri assimilati. Gli interessi passivi concorrono alla formazione del valore della produzione nella misura del 96 per cento del loro ammontare 6. Come evidenziato invece dalla circ. n. 4/2009 di Assoholding, le conseguenze sul piano della deducibilità degli interessi passivi, ai fini Ires ex art. 96 del Tuir, limitata al 30% del ROL (Reddito Operativo Lordo), saranno meno immediate 7. 5 Secondo cui la base imponibile Irap è determinata dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell articolo 2425 del codice civile, con esclusione delle voci di cui ai numeri 9), 10), lettere c) e d), 12) e 13), così come risultanti dal conto economico dell esercizio. 6 Si veda anche G. De Vito, Interessi passivi in bilico, in Il Sole-24 Ore del 17 aprile 2009, pag Secondo l art. 96, comma 1, del Tuir, gli interessi passivi e gli oneri assimilati (ad esclusione di quelli ricompresi nel costo dei beni) delle società di capitali, al netto degli interessi attivi e dei proventi assimilati, sono ammessi in deduzione solo entro il 30% del reddito operativo lordo (ROL). Ai sensi del comma 2 del predetto art. 96 del Tuir, per risultato operativo lordo si intende la differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere a) e b) dell art del codice civile, con esclusione delle voci di cui al numero 10, lettere a) e b) (ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali e materiali), e dei canoni di locazione finanziaria di beni strumentali, così come risultanti dal conto economico dell esercizio. Per approfondimenti, si veda R. Moro Visconti, Finanziaria 2008: reddito operativo lordo (ROL) e deducibilità degli interessi passivi nel Ddl Finanziaria 2008, in il fisco n. 44/2007, fascicolo n. 1, pag. 6338; P. Pisoni-F. Bava-D. Busso, Finanziaria 2008: deducibilità degli interessi passivi e risultato operativo lordo - Aspetti operativi e scritture contabili, in il fisco n. 8/2008, fascicolo n. 1, pag. 1329; S. Trettel, Interessi passivi e holding di partecipazioni industriali, in Corriere tributario n. 14/2008, pag

3 2798 ATTUALITÀ Attività finanziarie Tale limite penalizza ingiustamente le holding, soprattutto quelle pure, che hanno spesso un risultato operativo tendente a zero, a meno che non addebitino alle partecipate management fees con un ricarico rispetto ai costi sostenuti (operazione non sempre agevole, anche perché spesso le holding hanno una struttura molto snella, che non consente loro un attività di advisory). Infatti, a differenza del predetto art. 6 del D.Lgs n. 446/1997 in tema di Irap, l art. 96, comma 5, del Tuir, prevede che la deducibilità degli interessi passivi nei limiti del 30% del ROL si applica alle società che esercitano in via esclusiva o prevalente l attività di assunzione di partecipazioni in società esercenti attività diversa da quelle creditizia o finanziaria, a prescindere, pertanto, dall iscrizione in appositi elenchi del Tub. La possibilità di dedurre gli interessi passivi per il 96% del loro ammontare, come prescrive l art. 96, comma 5-bis, del Tuir, dipende, dunque, solamente dal tipo di partecipazioni detenute 8 e non rileva, in tale ambito, nemmeno la tipologia di schemi di bilancio adottati 9. La recente ris. n. 91/E del 2 aprile ha risolto solo in parte il problema. Nel caso di holding che detiene partecipazioni in una o più sub-holding, che, a loro volta, detengono partecipazioni di ultima istanza in società industriali e commerciali, la deducibilità degli interessi passivi nel limite del ROL resterebbe circoscritta alle sole sub-holding 11, sempreché le sub-holding medesime non si cancellino dall elenco ex art. 113 del Tub, altrimenti le sub-holding derubricate dall elenco non potrebbero essere qualificate come finanziarie e anche la holding, di conseguenza, sarebbe attratta per trasparenza al regime del ROL. Le holding potrebbero essere escluse dalle limitazioni sulla deducibilità degli interessi passivi se solo l Amministrazione finanziaria: 8 È il caso delle holding bancarie o assicurative e delle holding finanziarie. 9 Si veda il paragrafo In il fisco n. 15/2009, fascicolo n. 1, pag In tal senso, secondo la circ. n. 2 di Assoholding del 22 aprile 2008 (in il fisco n. 23/2008, fascicolo n. 1, pag. 4205), le holding di partecipazioni possono considerarsi comunque escluse dalle limitazioni sulla deducibilità degli interessi passivi, di cui al nuovo art. 96 del Tuir, qualora la gestione del gruppo sia adottata attraverso la previsione di una sub-holding, interposta tra la holding e le società partecipate. In questo caso, infatti, la partecipata sub-holding svolge un attività finanziaria di assunzione di partecipazioni, anche se non nei confronti del pubblico, ma nei confronti delle proprie partecipate. le considerasse opportunamente società finanziarie; ovvero consentisse di includere fra i ricavi della gestione caratteristica, che rilevano ai fini del calcolo del ROL, i dividendi percepiti, come è lecito che sia, visto che, da un punto di vista sostanziale, è innegabile che il mestiere tipico o caratteristico di una holding sia anzitutto quello di raccogliere frutti (dividendi e talora capital gains) dalle sue partecipate e che gli schemi di bilancio civilistici previsti per le società industriali, commerciali o di servizi mal si adattino alla peculiarità delle holding, che semplicemente fanno un mestiere diverso. 3. Holding pure e holding miste Con riferimento all attività esercitata, le holding possono essere pure, se la loro attività consiste in via esclusiva o prevalente nell assunzione di partecipazioni. Le holding miste si differenziano dalle holding pure per il fatto che, oltre alla detenzione di partecipazioni, esse svolgono anche un attività operativa (produttiva, commerciale, immobiliare, di servizi ) che può essere prevalente o minoritaria 12. Le differenze tra holding pure o miste possono essere molto rilevanti, sotto il profilo fiscale, contabile (per gli schemi di bilancio ad esse applicabili), valutativo e giuridico (iscrizione o meno all elenco di cui all art. 113 del Tub 13 D.Lgs. n. 385/1993 o agli elenchi di cui agli artt. 106 e 107 del Tub). In particolare, le holding: iscritte all elenco ex art. 113 del Tub redigono il bilancio secondo gli schemi civilistici; iscritte agli elenchi ex artt. 106 e 107 redigono il bilancio secondo le norme sugli enti finanziari e creditizi e cioè secondo gli schemi proposti dalla circ. n. 262 della Banca d Italia del 22 dicembre e secondo i principi contabili internazionali Ias/Ifrs. La distinzione tra holding e sub-holding pure o, rispettivamente, miste può rilevare anche ai fini dell applicazione della participation exemption 15, 12 Per approfondimenti, si veda: R. Moro Visconti, Le holding, in Il Sole-24 Ore, 2007, Milano; R. Moro Visconti, La fiscalità delle holding, in il fisco n. 25/2008, fascicolo n. 1, pag L iscrizione deve obbligatoriamente avvenire se l attività finanziaria è prevalente (con riferimento a ricavi e attività) ovvero se vi è oggetto sociale chiaramente finanziario e se si verificano i requisiti della recente modifica normativa. 14 In allegato al provv. Banca d Italia 22 dicembre 2005, in banca dati fisconline. 15 Si rammenti che i requisiti di commercialità e residenza vanno verificati in capo alle partecipate di ultima istanza; la

4 Attività finanziarie ATTUALITÀ 2799 così come l attività commerciale o meno delle partecipate e la contabilizzazione delle partecipazioni tra le immobilizzazioni o come beni merce nel circolante, evento che postula un attività di trading di norma poco consona ad holding ex art. 113 chiuse nei confronti del pubblico e più in sintonia con l attività di merchant banking ricompresa nelle società ex artt. 106 o 107 del Tub. 4. Disapplicazione senza istanza della normativa sulle società di comodo alle holding Come è noto, il D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla L. 4 agosto 2006, n. 248, e la L. 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007) avevano inasprito la complessa e mutevole normativa sulle c.d. società di comodo, contenuta nell art. 30 della L. 23 dicembre 1994, n. 724, non prevedendo alcuna esimente per le holding, le quali, pertanto, dovevano presentare l apposita istanza di disapplicazione della normativa 16. Successivamente, la circ. n. 5/E del 2 febbraio aveva più opportunamente individuato alcune situazioni oggettive, a titolo meramente esemplificativo, che avrebbero potuto giustificare il riscontro positivo dell istanza per le holding 18 : società partecipate con riserve di utili non sufficienti, in caso di integrale distribuzione, a consentire alla holding di superare il test di operatività; sub-holding non deve costituire a tal fine uno schermo tra la holding e le partecipate operative. 16 Per maggiori approfondimenti, si veda, ex plurimis: A. Mastroberti, Il punto sulla disciplina delle società non operative, in Azienda & Fisco n. 23/2008; R. Moro Visconti, Holding società di comodo : recenti casi di disapplicazione secondo la prassi ministeriale, in il fisco n. 48/2007, fascicolo n. 1, pag. 6907; R. Moro Visconti, Holding non operative: novità normative e interpello disapplicativo, in il fisco n. 9/2007, fascicolo n. 1, pag. 1236; M. Posarelli, L istanza per la disapplicazione della disciplina antielusiva sulle società di comodo: gli aspetti procedurali dopo la circolare n. 14/E del 15 marzo 2007, in il fisco n. 14/2007, fascicolo n. 1, pag. 2029; M. Valentini, Società di comodo: holding industriali ed Irap, in La Settimana fiscale n. 9/2007, pag. 21; G. Vasapolli-A. Vasapolli, Le partecipazioni escluse dalla normativa sulle società di comodo, in Corriere tributario n. 15/2008, pag In il fisco n. 6/2007, fascicolo n. 2, pag In tal senso, secondo la circ. n. 11/E del 16 febbraio 2007, paragrafo 6.7. (in il fisco n. 8/2007, fascicolo n. 2, pag. 1088), potranno trovare accoglimento le istanze delle holding in tutti i casi in cui la normativa sia stata disapplicata nei confronti delle partecipate, ma anche quando si dimostri, ad esempio, che l eventuale distribuzione di tutti gli utili della partecipata non sarebbe stata comunque sufficiente per evidenziare proventi almeno pari a quelli minimi determinati in via presuntiva con l applicazione dei coefficienti. mancata distribuzione di dividendi da parte delle partecipate dovuta alla necessità di coprire con le riserve di utili esistenti le perdite conseguite 19 ; società partecipate che si trovano in fase di avvio dell attività; società partecipate che operano in settori in crisi; società costituite quali Special Purpouse Vehicle (SPV), che dimostrano di dover necessariamente impiegare i proventi conseguiti dalla società target per il rimborso dei debiti contratti per l acquisto della target stessa. Per quanto concerne, invece, le holding immobiliari che hanno per oggetto la realizzazione e la successiva locazione di immobili, la citata circ. n. 5/E (paragrafo 4.5) aveva, inoltre, rilevato che sarebbe stato possibile disapplicare la normativa sulle società non operative in presenza di particolari situazioni oggettive, fra cui rilevano, a titolo di esempio, le seguenti: la società immobiliare ha iscritte in bilancio e- sclusivamente immobilizzazioni in corso di realizzazione (in costruzione o radicale ristrutturazione), da destinare successivamente alla locazione, ma non suscettibili, momentaneamente, di produrre un reddito, ancorché minimo; dimostrata impossibilità, per la società immobiliare, di praticare canoni di locazione sufficienti per superare il test di operatività, ovvero per conseguire un reddito effettivo superiore a quello minimo presunto; dimostrata impossibilità di modificare i contratti di locazione in corso (se sono ad equo canone, ben difficilmente superano le soglie minime di operatività); temporanea inagibilità dell immobile, da documentare adeguatamente. La successiva circ. n. 44/E del 9 luglio 2007, paragrafo , aveva, invece, ribadito che, per le holding iscritte nell albo di cui all art. 113 del Tub, l esclusione automatica dalla disciplina 19 La circ. n. 25/E, paragrafo 8, del 4 maggio 2007 (in il fisco n. 19/2007, fascicolo n. 2, pag. 2661) specifica che costituisce, inoltre, circostanza utile ai fini dell accoglimento dell istanza disapplicativa il fatto che la società partecipata, pur disponendo di utili e riserve di utili teoricamente sufficienti in ipotesi di integrale distribuzione a consentire il superamento del test di operatività da parte della holding partecipante, non abbia proceduto alla relativa distribuzione in attuazione di un piano di autofinanziamento finalizzato al concreto rafforzamento dell attività produttiva, sempreché venga dimostrato che l utile sia stato (o sarà) effettivamente investito. 20 In il fisco n. 29/2007, fascicolo n. 2, pag

5 2800 ATTUALITÀ Attività finanziarie sulle società non operative non ricorre, in quanto per tali soggetti non sussiste l obbligo di costituirsi sotto forma di società di capitali per svolgere dette attività in via esclusiva (essendovi, come anticipato, molte holding ex art. 113 in forma di società di persone). Il provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate n , del 14 febbraio 2008, art. 1, lettera e), ha invece disposto che possono disapplicare la disciplina sulle società di comodo, senza dover assolvere all onere di presentare istanza di interpello, le società che detengono partecipazioni in società non considerate di comodo 21. Pertanto, se le partecipate sono società operative, alla holding non è applicabile la normativa sulle società di comodo 22, seguendo un ragionevole e sostanziale principio di trasparenza che opportunamente fa risalire alla holding i requisiti di esenzione della partecipata. 5. Considerazioni di sintesi Il riconosciuto ruolo ampiamente positivo rivestito dalle holding familiari 23, tra le altre cose 21 La lettera f) del comma 128 dell art. 1 della legge finanziaria 2008 (L. n. 244 del 24 dicembre 2007) aveva, infatti, introdotto il nuovo comma 4-ter dell art. 30 della L. n. 724/1994, a norma del quale con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate avrebbero potuto essere individuate ulteriori situazioni oggettive in presenza delle quali sarebbe consentito ai contribuenti di disapplicare in modo automatico le disposizioni sulle società di comodo, senza dover assolvere all onere di presentare istanza di interpello ai sensi dell art. 37-bis, comma 8, del D.P.R. n. 29 settembre 1973, n Si veda anche G. Gavelli-A. Versari, Provv. Ag. Entrate n del 14 febbraio Le novità in materia di società di comodo, in il fisco n. 11/2008, fascicolo n. 1, pag La holding consente di razionalizzare la struttura finanziaria, anche attraverso una tesoreria centralizzata, eliminando il ricorso ai soci nello spostamento intercompany di risorse o nel loro utilizzo per nuovi investimenti; la flessibilità finanziaria cresce, anche per la migliore immagine di gruppo verso i finanziatori esterni e per le sinergie dimensionali, che lo rendono più appetibile e meno rischioso per i finanziatori; la holding razionalizza l erogazione di dividendi alla famiglia, dopo averli raccolti dalle società operative controllate, considerando le specifiche esigenze di autofinanziamento; il trasferimento generazionale può essere pianificato, anzitutto sotto il profilo civilistico e fiscale, direttamente al livello più elevato della struttura societaria di gruppo, con risparmio di costi e imposte; la holding può consentire, in Italia e altri ordinamenti, la tassazione di gruppo su una base imponibile consolidata; la holding razionalizza il controllo societario (anche attraverso patti di famiglia) e preserva le società operative dai dissidi familiari; la holding può avere benefici fiscali (participation exemption; Iva di gruppo, tassazione per trasparenza in capo ai soci...). utile strumento per frapporre uno schermo giuridico tra la famiglia che cresce con la deriva generazionale e le società operative, trova in una normativa fiscale farraginosa e penalizzante un ingiustificato ostacolo, che non agevola e non incentiva né la costituzione di nuove holding né l auspicato rimpatrio di holding estere. L incertezza normativa ostacola una seria pianificazione fiscale: basti pensare alla percentuale di imponibilità delle plusvalenze ai fini della participation exemption, cambiata innumerevoli volte e oggi pare assestata al 5%, o ancora alle restrizioni in tema di consolidato fiscale, con la tassazione al 5% dei dividendi, che hanno reso tale strumento inappetibile ai più, con buona pace dell opzione triennale spesso esercitata su più favorevoli presupposti normativi allora vigenti (è come se le regole del calcio cambiassero a partita in corso ). La volubilità del legislatore fiscale, preoccupato da contingenti ragioni erariali, lungi dall incrementare il gettito, crea un danno reputazionale e sistemico difficile da superare, anche perché assai meno diffuso all estero. Anche le norme su società di comodo e ROL appaiono farraginose e penalizzanti, soprattutto in un contesto di mercato fortemente recessivo, in cui esse hanno un ruolo chiaramente prociclico, che esaspera il trend economico, ponendo obiettivi di redditività minima difficilmente realizzabili in una fase recessiva. Il piccolo passo avanti, ai fini della semplificazione, rappresentato dall esclusione dall art. 113 del Tub delle holding familiari statiche, è sicuramente da accogliere con favore da parte sia dei soggetti controllati, sia dei controllanti, anche se si auspica una più ampia portata esclusiva, posto che i finanziamenti soci e la tesoreria centralizzata, fenomeni frequentissimi e anzi spesso alla base delle motivazioni che spingono a valutare l opportunità di costituire una holding, ben difficilmente possono creare problemi tali da indurre a mantenere un attività vigilata, che ben più opportunamente dovrebbe concentrarsi su altre fattispecie oggi a tutti note, in primis la presenza di titoli tossici nei bilanci bancari. Si auspicano, pertanto, ulteriori e ben più coraggiosi interventi semplificatori, in ambito fiscale e di controlli finanziari, in un ottica di corretta prevalenza della sostanza sulla forma, che consenta al nostro Paese di avvicinarsi alla legislazione e alla prassi applicativa degli altri Paesi occidentali, coi quali quotidianamente competiamo e ci confrontiamo.

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir

Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir N. 11 del 23.03.2012 I Focus A cura di Ennio Vial e Gioacchino De Pasquale Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir Lo scopo del presente lavoro è illustrare la

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali CIRCOLARE N.36/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 19 dicembre 2013 Allegati: 1 OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali 2 INDICE Premessa...4

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli