Domanda e offerta di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domanda e offerta di lavoro"

Transcript

1 Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere. In particolare, continueremo a ipotizzare che chi compie questa scelta, cioè una impresa, spinga il livello della stessa (cioè della domanda di lavoro) sino al punto in cui il suo costo marginale è uguale al suo beneficio, o ricavo, marginale. Il discorso più tradizionale che l economia sa fare al proposito non è per nulla complesso, perché si considera una situazione semplificata in cui l impresa può scegliere liberamente quanto lavoro assumere ogni volta che debba decidere la quantità da produrre. Tuttavia, la scelta di assumere un lavoratore può dare luogo a conseguenze incerte, per esempio perché l impresa non conosce perfettamente le capacità del lavoratore. Infatti, non tutti i lavoratori offrono lo stesso tipo di lavoro, per cui può darsi che il salario orario influenzi non solo i costi ma anche i ricavi dell impresa. Il modello standard Supponiamo che Rossi debba gestire un impresa senza potere di mercato. Ogni giorno egli deve decidere quanto produrre, considerando i prezzi che deve pagare per i fattori della produzione e il prezzo al quale può vendere il suo prodotto. Ogni giorno, quindi, Rossi segue questa strana routine. La mattina, dopo aver letto sul sito web dell Associazione Industriali tutti i prezzi, si reca all agenzia del lavoro e a quella che affitta le macchine, dove ottiene i lavoratori e le macchine che gli servono per fare la produzione. Durante il giorno produce e la sera vende la produzione, licenzia i lavoratori e restituisce le macchine. Cosa succede se aumenta il prezzo che Rossi deve pagare per il lavoro, cioè il salario orario? I costi che Rossi deve sostenere dipendono dai prezzi dei fattori, oltre che dalla tecnologia. Dati i prezzi dei fattori, per ogni quantità che vuole produrre Rossi sceglierà la combinazione di macchine e lavoro che gli consente di produrre al costo più basso. Come si può intuire, se aumenta il salario orario Rossi potrebbe decidere di modificare il mix dei fattori utilizzati a favore del fattore che ora costa relativamente meno, cioè le macchine. Dunque potremmo attenderci che un aumento del salario induca Rossi a usare meno lavoro. Non sempre, però, Rossi può scegliere quante macchine usare: per lui le macchine possono essere un cosiddetto fattore fisso, e anche se il salario aumenta egli non può variarne la quantità. L unico fattore variabile è allora il lavoro. Per semplificare ulteriormente le cose, qui assumeremo che per produrre Rossi usi solo lavoro. Cosa succede in questo caso se aumenta il salario? Il criterio di scelta è spingere il livello di attività sino al punto in cui il costo marginale dell attività è pari al beneficio marginale; nel caso di un impresa il beneficio marginale equivale al ricavo marginale. Concentriamoci dunque nell attività di usare lavoro per la produzione, indicando con N la quantità di lavoro che si intende utilizzare 1. Innanzitutto, il costo marginale di una unità aggiuntiva di lavoro è dato dal salario unitario (per esempio, salario per ora di lavoro) che occorre pagare per assumere lavoro: ogni ora di lavoro deve 1 A lezione avevo spiegato anche una versione del presente racconto basata su un modo alternativo, ma equivalente di vedere le cose, dove l attività svolta è produrre quantità di un certo bene. Supponiamo che per ottenere una unità aggiuntiva di prodotto occorra una certa quantità aggiuntiva di lavoro, che chiamiamo N. Allora, se si vuole vendere una unità in più di prodotto si ottiene un ricavo aggiuntivo, o ricavo marginale, esattamente pari al prezzo P del prodotto. Supponendo concorrenza perfetta, o assenza di potere di mercato dell impresa, il prezzo di vendita rimane costante, e dunque tale è anche il ricavo marginale RMa. Il costo aggiuntivo da sopportare per produrre una unità in più, ovvero il costo marginale CMa, è invece dato dalla moltiplicazione fra la quantità aggiuntiva di lavoro necessaria per produrre una unità in più, N, e il prezzo unitario del lavoro, ovvero il salario W: quindi il costo marginale di una unità aggiuntiva di prodotto è N W. Si ipotizza di solito che produrre unità aggiuntive sia via via sempre più difficoltoso, cioè N deve aumentare per ogni nuova unità di prodotto: dunque, anche se il salario W è costante, il costo marginale N W deve aumentare, cioè è rappresentato da una curva crescente (dove in ascissa sta la quantità prodotta Q). Per passare da questa versione a quella rappresentata nel testo, basta osservare che la quantità di prodotto aggiuntivo, Q, che si può ottenere con una unità addizionale di lavoro è semplicemente il reciproco di N: infatti, se per produrre una unità aggiuntiva di prodotto occorrono 3 unità in più di lavoro ( N = 3), allora se si usa una unità aggiuntiva di lavoro il prodotto aggiuntivo che si può ottenere è 1/3 ( Q = 1/3). Questa quantità aggiuntiva di prodotto, che si ottiene usando una unità in più di lavoro, si chiama prodotto marginale del lavoro, e si indica con PMa N. Si noti infine che se N è crescente al crescere di Q e N, allora Q è decrescente. 1

2 essere pagata una certa somma, che indichiamo con W. Supponiamo che l impresa sia piccola sul mercato del lavoro (concorrenza perfetta), e che dunque il salario unitario rimanga invariato per qualsiasi quantità di lavoro che l impresa voglia domandare. Ne segue che il costo marginale del lavoro è costante per l impresa. Qual è invece il beneficio (o ricavo) marginale dell uso di lavoro? Esso consiste nel fatto che usando un unità aggiuntiva di lavoro si ottiene una certa quantità aggiuntiva di prodotto, che chiamiamo Q, che poi viene venduta per ottenerne un ricavo. Supponiamo che l impresa operi in concorrenza perfetta anche sul mercato del prodotto, cioè che il prezzo del suo prodotto rimanga costante al variare della quantità venduta dello stesso; dunque il ricavo derivante dall uso di una unità aggiuntiva di lavoro si può calcolare moltiplicando la quantità aggiuntiva di prodotto così ottenuto per il prezzo del prodotto. La quantità di prodotto ottenuta da una unità aggiuntiva di lavoro si chiama prodotto marginale del lavoro, in simboli PMa N ; indichiamo con P il prezzo di vendita del prodotto: possiamo dunque dire che il ricavo aggiuntivo è P PMa N. Questa grandezza viene chiamata valore del prodotto marginale del lavoro, in simboli VPMa N. Ora, una delle ipotesi più frequenti in microeconomia è che il prodotto marginale del lavoro sia decrescente al crescere della quantità di lavoro utilizzata: ogni successiva dose di lavoro diviene sempre meno produttiva, in quanto applicare dosi di lavoro aggiuntive ad un impianto fisso rende sempre meno. Dunque, benché il prezzo di vendita del prodotto rimanga costante quando si usa più lavoro, il VPMa N diminuisce in seguito al fatto che PMa N diminuisce all aumentare di N. Consideriamo, allora, la Fig. 1. Figura 1 L impresa riduce la domanda di lavoro quando il salario aumenta salario W 2 CMa 2 CMa 1 VPMa N 0 A B N Quando aumenta l uso di lavoro, N, il suo costo marginale rimane costante: se per esempio il salario è, il costo marginale del lavoro è CMa 1. Invece, quando aumenta l uso di lavoro il valore del suo prodotto marginale, VPMA N, diminuisce, come abbiamo argomentato sopra. Per ottenere il profitto più alto Rossi deve produrre la quantità in corrispondenza della quale il suo beneficio marginale, cioè il valore del prodotto marginale, è uguale al suo costo marginale. Allora, quando il salario è, e dunque il costo marginale è CMa 1, l impresa vuole utilizzare una quantità di lavoro pari a OB; se invece il salario diventa quando il salario diventa W 2, l impresa vuole utilizzare una quantità di lavoro pari a OA. In altri termini, quando aumenta il salario Rossi vuole utilizzar meno lavoro. La relazione appena nominata, che è una relazione decrescente fra salario e uso di lavoro, è detta curva di domanda di lavoro. Essa è decrescente come la curva D tracciata nella Fig. 2: se il salario aumenta da a W 2 l impresa domanda meno lavoro, OA anziché OB. Ciò sicuramente non rende felici coloro che perdono il posto di lavoro, ma in queste circostanze la risposta di Rossi potrebbe essere: i prezzi dei fattori non dipendono da me: non assumo altri lavoratori perché i salari sono alti, ma darei lavoro a qualche disoccupato se fossero più bassi. Questo è quanto possiamo concludere quando supponiamo che si possa comprare il lavoro come si acquista un bene di consumo, un hamburger appunto, andando al mercato ogni giorno e acquistandone quanto ne serve. 2

3 Figura 2 Una curva domanda di lavoro Salario W 2 D N 0 A B Lavoro Si rammenti che la curva di domanda di lavoro, ricavata da quella del VPMa N, è definita per un dato prezzo di vendita del prodotto dell impresa. Cosa accadrebbe se il prezzo di vendita dovesse, per esempio, aumentare? Si rammenti che il VPMa N è dato dalla moltiplicazione del prodotto marginale del lavoro, PMa N, per il prezzo di vendita P: dunque se il prezzo di vendita aumenta, il VPMa N aumenta, a parità di lavoro utilizzato e dunque di prodotto marginale fisico. Ne segue che se il prezzo aumenta (diminuisce) la curva del VPMa N, ovvero la curva di domanda di lavoro, si sposta verso l alto (basso). Per ottenere di più può essere necessario pagare di più Non tutti i lavoratori sono uguali: alcuni sono più preparati, oppure più motivati o anche più onesti degli altri. Poiché i lavoratori sono diversi tra loro, non tutti sono disposti ad accettare il medesimo salario per lavorare. Chi è consapevole di non avere buone capacità sarà più disposto ad accettare un salario basso, ma chi è consapevole di avere buone capacità può decidere di attendere per qualche tempo un occasione migliore. È probabile, dunque, che quando un impresa paga un salario alto possa avere una maggior quota di dipendenti con prestazioni elevate. Questo è un argomento che più oltre chiameremo di informazione nascosta. Quando aumenta la quota dei lavoratori con capacità elevate, è probabile che aumenti la produttività o efficienza del lavoro, cioè diminuisca la quantità di lavoro necessaria per ottenere un unità aggiuntiva di prodotto. Possiamo quindi modificare quanto abbiamo affermato nel paragrafo precedente, dove avevamo sostenuto che la quantità di lavoro necessaria per ottenere un unità aggiuntiva di prodotto dipende solo dal numero dei lavoratori già impiegati, e aumenta quando cresce tale numero. In altri termini, la produttività del lavoro aumenta solo se diminuisce il numero di lavoratori, cioè se diminuisce la quantità prodotta. Ora possiamo invece supporre che l efficienza del lavoro dipenda anche dal salario, e in particolare che essa aumenti quando il salario aumenta, per via del maggior incentivo a lavorare per i lavoratori con capacità elevate. Riconsideriamo dunque il caso di un impresa che sceglie quanto lavoro impiegare per ottenere il profitto più alto. La condizione che deve essere rispettata per ottenere il massimo profitto è che il prezzo sia pari al costo marginale, ma il costo marginale è il prodotto fra il salario unitario e la quantità di lavoro aggiuntiva che serve per produrre una unità addizionale. Dato il prezzo, quando aumenta il salario quella condizione può essere rispettata solo se diminuisce la quantità di lavoro necessaria per produrre un unità addizionale, cioè se aumenta la produttività del lavoro. Se la produttività del lavoro dipende solo dal numero di lavoratori occupati, l impresa otterrà questo risultato riducendo l uso del lavoro: questo era il senso delle precedenti Fig. 1 e 2. Se un aumento del salario, invece, provoca un aumento dell efficienza perché cresce la quota di lavoratori con elevate prestazioni che l impresa può assumere, i due effetti tendono a compensarsi, e il costo marginale tende a variare di poco a parità della quantità prodotta. In termini della Fig. 1, la curva 3

4 CMA 2 si sposta solo di poco verso l alto, e l impresa deve ridurre di poco la sua produzione, e dunque l utilizzo di lavoro. Consideriamo la Fig. 3. Quando la produttività del lavoro dipende solo dal numero dei lavoratori occupati, la curva di domanda di lavoro è quella indicata con D N, che è uguale alla curva D N della precedente Fig. 2. Quando l efficienza del lavoro, invece, dipende anche dal salario, la curva di domanda è quella indicata con D E. Se un aumento del salario provoca un aumento dell efficienza, la curva di domanda di lavoro è più verticale o, come si dice, più rigida: se il salario aumenta l impresa riduce l uso del lavoro in misura meno consistente. Per esempio, se il salario aumenta da a W 2, la quantità di lavoro domandata diminuisce di AD quando il salario non ha alcun effetto sulla produttività, ma diminuisce solo di un ammontare pari a BC quando ha questo effetto. Se questo effetto, poi, fosse davvero molto forte, potremmo osservare una curva di domanda D E verticale o quasi. Figura 3 Due possibili curve di domanda di lavoro Salario W 2 D N D E 0 A B C D Lavoro Questa osservazione può spiegare perché in molti casi, specie laddove la qualità del lavoro è rilevante, in seguito ad aumenti del salario le imprese non reagiscono come previsto dalla teoria semplice descritta nel paragrafo precedente, e mantengono piuttosto stabile il numero di lavoratori assunti. Si segnala, in chiusura, una ulteriore ipotesi implicita nel modello standard studiato all inizio: si ipotizza che, una volta assunti, i lavoratori si impegnino nel loro lavoro in modo del tutto consono con quanto loro richiesto dal contratto. Nel modello iniziale, infatti, la produttività (il prodotto marginale) del lavoro varia al variare della quantità di lavoro utilizzata (ovvero della quantità di prodotto ottenuto) per ragioni dipendenti dalla tecnologia, non dall impegno maggiore o minore dei lavoratori. In altri termini, qualsiasi lavoratore, se impiegato p. es. come centesimo lavoratore, avrebbe la medesima produttività marginale. Che il prodotto marginale del lavoro diminuisca all aumentare dell uso di lavoro dipende da ragioni esterne, per esempio dal fatto che si sta usando un impianto dato e dunque ogni successiva dose di lavoro rende sempre meno. Nel modello studiato appena dopo, quello con lavoratori di diversa efficienza, si supponeva che la diversa efficienza dei lavoratori fosse una loro caratteristica, per così dire, intrinseca : già prima di essere assunti alcuni erano più efficienti di altri. Non si deve confondere questo fenomeno con un altro: potrebbe darsi che, anche a parità di efficienza intrinseca, una volta messi al posto di lavoro alcuni lavorino meglio di altri, a causa del modo in cui il loro lavoro può essere controllato. Come vedremo più avanti, questo è un problema di azione nascosta. 4

5 2. L offerta di lavoro Come su tutti i mercati che si studiano in economia, se esiste una curva di domanda di lavoro esiste anche una curva di offerta. Si noti che il linguaggio ordinario può creare una certa confusione: mentre nel linguaggio ordinario si dice che un soggetto cerca lavoro, noi diremo che un lavoratore offre lavoro. Infatti, nel mercato del lavoro chi domanda lavoro sono le imprese, mentre chi lo offre sono i lavoratori. Qui di seguito daremo una rappresentazione molto semplice dell offerta di lavoro. Innanzitutto, offrire lavoro è un attività che costa sacrificio o pena: quindi occorre remunerare, con il salario W, chi decide di offrire lavoro; si rammenta che W è il salario per unità di lavoro (per esempio un ora), non la paga complessiva. In secondo luogo, è ragionevole supporre che ogni successiva ora di lavoro offerta (lavorata) da un lavoratore costituisca una sacrificio sempre maggiore. Dunque, per indurre un lavoratore a offrire ulteriori ore di lavoro occorre offrire un salario orario maggiore. Come vedete, la valutazione che il lavoratore dà del lavoro da lui offerto può essere espressa in termini di costo marginale, vale a dire il sacrificio aggiuntivo comportato da un ora aggiuntiva di lavoro; e tale costo marginale è crescente. Siccome il beneficio marginale del lavorare, per il lavoratore, è costituito dalla paga ricevuta per ogni ora di lavoro, il salario W, la scelta ottima del lavoratore è il livello di offerta di lavoro tale per cui il salario orario (beneficio marginale) è pari al costo (sacrificio) marginale. Se il salario cresce anche l offerta di lavoro N cresce, come espresso nella seguente figura Figura 4 Una curva di offerta di lavoro W Offerta (costo marginale) N 1 N Se il salario è il lavoratore offre N 1 ore di lavoro; se il salario dovesse aumentare (diminuire) l offerta di lavoro aumenterebbe (diminuirebbe). 3. Il mercato del lavoro nella versione standard Siccome tutti i lavoratori si comportano come appena descritto, allora anche l offerta complessiva, o di mercato, di lavoro aumenta all aumentare del salario orario. D altra parte, siccome tutte le imprese si comportano come quella di Rossi analizzata nel primo paragrafo, allora anche la domanda complessiva, o di mercato, di lavoro diminuisce all aumentare del salario. Per studiare cosa succede sul mercato del lavoro, basta allora sovrapporre le curve di domanda e offerta di mercato del lavoro, come nella seguente figura. 5

6 Figura 5 Il mercato del lavoro W Offerta S W * Domanda D D 1 S 1 N * N Solo in corrispondenza del livello W* del salario la domanda è uguale all offerta, e questa situazione si chiama ovviamente equilibrio del mercato del lavoro. Per ogni altro livello del salario non vi sarebbe equilibrio: per esempio, al livello la domanda di lavoro sarebbe D 1 e l offerta sarebbe S 1, e dunque vi sarebbe un eccesso di offerta di lavoro (viceversa, per un salario inferiore a W* vi sarebbe un eccesso di domanda). Ora, un eccesso di offerta sul mercato del lavoro significa disoccupazione: non tutti coloro che vorrebbero lavorare al salario dato riescono a trovare un posto di lavoro. Per esempio, in corrispondenza del salario la disoccupazione è misurata dal segmento D 1 S 1. Viceversa, quando il mercato del lavoro è in equilibrio si dice che c è piena occupazione: ciò significa non che tutti i lavoratori lavorano, ma che lavorano tutti quelli disposti a lavorare per il salario di W*. Se una delle due (o entrambe le) curve rappresentate nel grafico cambia la propria posizione, le condizioni di equilibrio (livello di occupazione e salario) si modificano. Come abbiamo già detto, la curva di domanda si può spostare se si modifica il prezzo di vendita del prodotto delle imprese: se il prezzo aumenta, allora la curva di domanda di lavoro si sposta verso l alto, e dunque sia il numero di occupati sia il salario di equilibrio aumentano. D altra parte, supponiamo che questo sia il mercato del lavoro dove operano le imprese di un settore molto specifico, per esempio le scarpe da basket. Se per qualche ragione il prezzo del prodotto di un altro settore (es. le scarpe da tennis) aumenta, le imprese di quell altro settore domandano più lavoro, e il salario pagato in quel settore aumenta. Allora i lavoratori nel settore delle scarpe da basket vorranno spostarsi verso le imprese dell altro settore: ecco che la curva di offerta di lavoro nel settore delle scarpe da basket si sposta verso sinistra (ovvero verso il basso). Insomma, il modello standard prevede che in seguito alle oscillazioni di prezzo di un qualsiasi bene (causate dai fenomeni più disparati, che sempre si verificano nella realtà) si dovrebbe assistere a continui licenziamenti, assunzioni, variazioni di salario in tutti i settori dell economia. Ma questo non pare proprio accadere nel mondo reale. Anche per questa ragione il modello standard appare poco appropriato a comprendere i fenomeni reali. 6

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus omanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus Il comportamento dei consumatori relativamente ad un certo bene viene, come noto, descritto di solito tramite una curva di domanda: una curva

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8. ESTERNALITÀ, BENI UBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8.1. Un fenomeno di esternalità positiva può essere segnalato, in equilibrio di concorrenza perfetta, dal fatto che 1) Il beneficio marginale sociale

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica (Gli esercizi sono suddivisi in base ai capitoli del testo di De Vincenti) CAPITOLO 3. IL MERCATO DEI BENI NEL MODELLO REDDITO-SPESA Esercizio.

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

11.1.6 I produttori eterogenei

11.1.6 I produttori eterogenei L equilibrio nei mercati concorrenziali 1 11.1.6 I produttori eterogenei Nel modello base della concorrenza perfetta, tutte le imprese utilizzano la stessa tecnologia e quindi hanno gli stessi costi di

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Lezione 10 Funzione di produzione ed

Lezione 10 Funzione di produzione ed Corso di Economica Politica prof. S. Papa Lezione 10 Funzione di produzione ed efficienza economica Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Costi e produzione 102 Da che dipendono i costi? Dipendono

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5

LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 LA COMBINAZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI CAP. 5 Appunti di estimo Il fine economico dell imprenditore Le motivazioni che spingono un imprenditore ad avviare attività di impresa sono: Produrre beni e servizi,

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Mario frequenta la facoltà di Biologia dell Università di Vattelapesca. Vuole avere un buon voto

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Capitolo 5: Preferenze

Capitolo 5: Preferenze Capitolo 5: Preferenze 5.1: Introduzione Le preferenze individuali alla base dell analisi dei capitoli 3 e 4 vengono rappresentate graficamente da curve di indifferenza parallele in direzione verticale

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

I ricavi ed i costi di produzione

I ricavi ed i costi di produzione I ricavi ed i costi di produzione Supponiamo che le imprese cerchino di operare secondo comportamenti efficienti, cioè comportamenti che raggiungono i fini desiderati con mezzi minimi (o, che è la stessa

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Tratto dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Capitolo 5. La produzione e i costi

Capitolo 5. La produzione e i costi Capitolo 5 La produzione e i costi Spostiamo l'attenzione sulle imprese La natura delle imprese L'impresa è una organizzazione, posseduta e gestita da privati, specializzata nella produzione La produzione

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VI IL MERCATO REALE PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il settore reale ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato Il vantaggio comparato Nel giorno di San Valentino la domanda statunitense di rose è di circa 10 milioni. Coltivare rose negli Stati Uniti d inverno è difficile. E necessario l uso di serre riscaldate.

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

ESERCITAZIONI di MICROECONOMIA (A-K) a.a. 2008/2009

ESERCITAZIONI di MICROECONOMIA (A-K) a.a. 2008/2009 ESERCITAZIONI di MICROECONOMIA (A-K) a.a. 28/29 M. Bonacina - Università degli Studi di Pavia monica.bonacina@unibocconi.it 1 INTERDIPENDENZA E VANTAGGI DEL COMMERCIO & LE FORZE DI MERCATO - Soluzioni

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Elasticità dell offerta rispetto al. prezzo. L elasticità dell offerta al prezzo misura la variazione della quantità offerta al variare del

Elasticità dell offerta rispetto al. prezzo. L elasticità dell offerta al prezzo misura la variazione della quantità offerta al variare del Elasticità dell offerta rispetto al prezzo L elasticità dell offerta al prezzo misura la variazione della quantità offerta al variare del prezzo. Formula ε= ΔQ/Q = (P/Q) x (1/pendenza) ΔP/P L offerta di

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa 1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa L esecuzione delle operazioni necessarie all impresa per svolgere il suo compito, cioè combinare fattori di produzione per ottenere un profitto, richiede

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 La nozione di breve e di lungo periodo Una assunzione rilevante della teoria del comportamento dell'impresa sviluppato in precedenza è che l'impresa

Dettagli

Lezione 25: Gli investimenti e la

Lezione 25: Gli investimenti e la Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 25: Gli investimenti e la scheda IS Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Comovimento di Ce Y -Italia 1. C è un chiaro comovimento tra fluttuazioni

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli da 17, 19, 20 e 21 Integrazione

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli da 17, 19, 20 e 21 Integrazione Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli da 17, 19, 20 e 21 Integrazione Abbiamo tre imprese: Domanda 1 Problema 2 cap17 IMPRESE Intelligence

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS

Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Comovimento di C e Y -Italia

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio.

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio. 7 novembre 2013 1) Supponete che la domanda di appartamenti a Cagliari sia p = 1000 5q, mentre l o erta sia q = 100. Trovate l equilibrio nel mercato degli appartamenti e disegnate il gra co. Supponete

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

Gli input sono detti anche fattori di produzione: terra, capitale, lavoro, materie prime.

Gli input sono detti anche fattori di produzione: terra, capitale, lavoro, materie prime. LA TECNOLOGIA Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. La tecnologia rientra tra vincoli naturali e si traduce nel fatto che solo alcuni modi di trasformare

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli