L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL 2007-08"

Transcript

1 1 La valutazione L EFFICACIA DELLE MISURE DI POLITICA ATTIVA DEL LAVORO REALIZZATE IN PROVINCIA DI TORINO NEL Esiti occupazionali a 24 dalla partecipazione Vengono qui riassunti i risultati della valutazione delle misure di politica attiva del lavoro attuate dalla Provincia di Torino nel Lo scopo della valutazione è verificare se tali misure abbiano migliorato la condizione lavorativa dei disoccupati che ne hanno usufruito. Le analisi, svolte in precedenza per stimare gli effetti a 12 dalla partecipazione agli interventi, sono replicate ora a 24 di distanza. Le misure Le misure esaminate prevedono l erogazione di servizi di consulenza individuale e di incontro domanda-offerta mirati alla ricollocazione dei disoccupati. Le misure si differenziano per l intensità dei servizi offerti, ma soprattutto per le popolazioni di riferimento: lavoratori provenienti da aziende in crisi, per la misura Ricollocazione ; disoccupati con gravi problemi di inserimento nel mercato del lavoro, per la misura Occupabilità ; disoccupati con problemi lievi di inserimento, per la misura Rinforzo. I risultati a 12 Le analisi a 12 dalla partecipazione evidenziavano significativi miglioramenti nella situazione lavorativa degli utenti: era soprattutto visibile un aumento delle opportunità di trovare un lavoro a termine (l era invece modesto sulla probabilità di assunzione stabile). I risultati presentavano notevoli differenze tra le tre misure: i miglioramenti erano evidenti per i alle misure di Ricollocazione e Occupabilità (in entrambi i casi si rilevava anche un apprezzabile aumento nel tasso di occupazione a 12 ), mentre la misura Rinforzo non comportava visibili miglioramenti. Quali sono invece i benefici nel medio periodo? I risultati a 24 I benefici della partecipazione permangono a distanza di 24, in misura simile a quanto osservato a 12 : partecipare alla misura Ricollocazione comporta una maggiore facilità nel trovare un nuovo lavoro a termine. I benefici sono più evidenti per i lavoratori in mobilità con diritto all indennità, per i quali a 24 si osserva anche un aumento nella un lavoro stabile e nel tempo complessivamente speso in condizioni di occupazione; pure partecipare alla misura Occupabilità comporta un aumento nelle chance di trovare un lavoro a termine. A 24 di distanza la percentuale di occupati è superiore a quella attesa in assenza di intervento, ma nella misura di pochi punti; la misura Rinforzo non ha prodotto effetti rilevanti. Pagina 1/9

2 2 L efficacia della misura Ricollocazione La misura Ricollocazione per i lavoratori senza indennità favorisce episodi di lavoro a termine La misura Ricollocazione ha coinvolto complessivamente lavoratori (di cui circa in mobilità). Il 70% circa dei presi in carico ha trovato un lavoro entro 12 dalla convocazione, e a 24 la percentuale è del 80%, mentre in assenza di partecipazione solo il 65% avrebbe trovato un lavoro. Si tratta di una differenza da ricondurre a episodi di lavoro a termine (le chance di trovare un lavoro stabile non aumentano), che complessivamente non incidono sulla regolarità del lavoro: il tempo medio speso in condizioni di occupazione è di 10 su 24, solo marginalmente superiore a quello che si sarebbe osservato in assenza dell'intervento. 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% +14% un lavoro entro 24 +2% un lavoro a TI entro 24 valore +1% % di tempo lavorato in 24 +3% % di occupati a 24 Fonte: nostra elaborazione su dati della Provincia (Sistema Informativo Lavoro Piemonte) Gli effetti della misura Ricollocazione per i lavoratori con indennità sono molto positivi Le evidenze relative ai percettori di indennità (i sono circa 250) sono più marcate: la un lavoro è del 75% (praticamente la stessa osservata già a 12 ), superiore di 30 punti rispetto a quella attesa in assenza di partecipazione. In questo caso anche le chance di trovare un lavoro stabile aumentano in modo apprezzabile (la probabilità è del 9%, sarebbe stata del 3%), ed è visibile l'influenza delle maggiori opportunità lavorative nel medio periodo: i riescono a mantenersi occupati mediamente per 8 su 24, e senza l'intervento avrebbero lavorato per meno di 6. 80% 70% +29% 60% 50% 40% 30% +9% +11% 20% 10% 0% un lavoro entro 24 +6% un lavoro a TI entro 24 % di tempo lavorato in 24 % di occupati a 24 valore Fonte: nostra elaborazione su dati della Provincia (Sistema Informativo Lavoro Piemonte) Pagina 2/9

3 3 L efficacia della misura Occupabilità La misura Occupabilità favorisce gli episodi lavorativi a termine La misura di Occupabilità ha coinvolto complessivamente lavoratori. Nei 24 successivi alla convocazione più del 70% degli utenti ha trovato un impiego, in misura molto maggiore di quanti lo avrebbero trovato senza partecipare (sarebbero stati meno del 50%). La partecipazione all'intervento produce un diffuso miglioramento, anche se di incidenza contenuta sulla storia occupazionale complessiva: il tempo complessivamente lavorato aumenta di circa 3 punti percentuali (3 settimane di lavoro), e lo stesso vale per le chance di trovare un lavoro a tempo indeterminato (18% invece di 15%). 80% 70% +26% 60% 50% 40% 30% 20% 10% +3% +3% +3% 0% un lavoro entro 24 un lavoro a TI entro 24 valore % di tempo lavorato in 24 % di occupati a 24 Fonte: nostra elaborazione su dati della Provincia (Sistema Informativo Lavoro Piemonte) Il ruolo dei tirocini nel miglioramento delle prospettive occupazionali La differenza tra l sulle chance di trovare un lavoro e quello sulla regolarità nello stato di occupazione va spiegato anche in questo caso nella caratterizzazione degli impieghi trovati: si tratta in generale di esperienze a termine di breve durata. Tra queste vanno evidenziati i tirocini: sono espressamente previste dai programmatori dell intervento, e hanno riguardato ben il 25% dei. Parte dell aumento nella probabilità di avviamento è quindi da ricondurre all attivazione di tirocini che costituiscono parte integrante del progetto: l aumento di 26 punti percentuali è da addebitare ai tirocini nella misura di 10 punti. L sulle altre grandezze considerate resta quasi invariato, che nell analisi si considerino o meno i tirocini. Pagina 3/9

4 4 L efficacia della misura Rinforzo La misura Rinforzo non produce effetti visibili Nell intervento Rinforzo sono stati coinvolti lavoratori. L'analisi a 12 dalla partecipazione non evidenziava particolari benefici derivanti dall'intervento, e le stime a 24 confermano i risultati precedenti. Nei 24 successivi alla convocazione, tre su quattro hanno trovato un'occupazione. Se non avessero partecipato, le chance sarebbero state quasi le stesse (73% invece di 76%). Si possono trarre le medesime conclusioni analizzando le misure relative alla stabilità lavorativa, per le quali gli effetti stimati sono anche inferiori. Un partecipante su 5 trova un lavoro a tempo indeterminato entro 24, e la percentuale di tempo spesa da occupati è di circa 8 su 24. In assenza dell'intervento i risultati sarebbero stati praticamente identici. 90% 80% +4% 70% 60% 50% 40% 30% 20% -1% -1% -1% 10% 0% un lavoro entro 24 un lavoro a TI entro 24 % di tempo lavorato in 24 % di occupati a 24 valore Fonte: nostra elaborazione su dati della Provincia (Sistema Informativo Lavoro Piemonte) Esistono soggetti che beneficiano in maniera particolare della partecipazione? I risultati presentati illustrano quale sia stato il beneficio medio della partecipazione a uno degli interventi di politica attiva per i disoccupati della provincia. L insieme dei ha caratteristiche abbastanza eterogenee, e ha quindi senso chiedersi se a persone con caratteristiche diverse corrispondano benefici diversi. Il disegno dei tre interventi già mira a servire tre differenti popolazioni (disoccupati più o meno deboli nelle misure Occupabilità e Rinforzo, persone che hanno perso un lavoro fisso nella misura Ricollocazione), ognuna delle quali resta comunque caratterizzata al suo interno da un certo grado di eterogeneità. A un secondo stadio l analisi è stata quindi replicata separatamente per gruppi con diverse caratteristiche (demografiche e di background lavorativo), senza tuttavia individuare differenze notevoli tra le categorie analizzate. Le stime per ogni gruppo sono sintetizzate in appendice. Progetto Valutazione - Laboratorio Ida Rossi ASVAPP - via Donati 17, Torino tel: fax: Pagina 4/9

5 5 STIME GENERALI Rinforzo Occupabilità Probabilità di trovare un lavoro 78% 74% +4% * 74% 48% +26% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 20% 21% -1% 18% 15% +3% * Percentuale di tempo lavorato 33% 34% -1% 26% 23% +3% * Probabilità di occupazione a 24 37% 38% -1% 27% 24% +3% * Probabilità di trovare un lavoro 80% 66% +14% * 75% 46% +29% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 16% 14% +2% 9% 3% +6% * Percentuale di tempo lavorato 43% 42% +1% 33% 24% +9% * Probabilità di occupazione a 24 46% 43% +3% * 35% 24% +11% * TIROCINANTI ESCLUSI Rinforzo Occupabilità Probabilità di trovare un lavoro 76% 73% +3% * 63% 47% +16% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 20% 21% -1% 18% 15% +3% * Percentuale di tempo lavorato 33% 34% -1% 24% 23% +1% Probabilità di occupazione a 24 37% 38% -1% 27% 24% +3% * Probabilità di trovare un lavoro 80% 65% +15% * 75% 44% +31% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 16% 14% +2% 9% 2% +7% * Percentuale di tempo lavorato 43% 42% +1% 32% 24% +8% * Probabilità di occupazione a 24 46% 42% +4% * 34% 24% +10% * Pagina 5/9

6 6 MASCHI Rinforzo Occupabilità Probabilità di trovare un lavoro 79% 75% +4% * 72% 46% +26% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 17% 16% +1% 15% 10% +5% * Percentuale di tempo lavorato 31% 33% -1% 23% 18% +5% * Probabilità di occupazione a 24 33% 34% -1% 21% 17% +4% Probabilità di trovare un lavoro 84% 69% +15% * 77% 53% +24% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 17% 15% +2% 14% 5% +9% * Percentuale di tempo lavorato 44% 40% +4% * 33% 31% +2% Probabilità di occupazione a 24 45% 40% +5% * 36% 29% +7% FEMMINE Rinforzo Occupabilità Probabilità di trovare un lavoro 77% 74% +3% * 74% 49% +25% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 21% 23% -2% 19% 16% +3% * Percentuale di tempo lavorato 34% 35% -1% 28% 24% +4% * Probabilità di occupazione a 24 39% 40% -1% 30% 25% +5% * Probabilità di trovare un lavoro 78% 64% +14% * 74% 33% +41% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 15% 12% +3% 8% 7% +1% Percentuale di tempo lavorato 42% 44% -2% 30% 21% +9% * Probabilità di occupazione a 24 47% 44% +3% 31% 27% +4% Pagina 6/9

7 7 DIPLOMATI Rinforzo Occupabilità Probabilità di trovare un lavoro 82% 77% +5% * 76% 52% +24% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 18% 19% -1% 17% 14% +3% Percentuale di tempo lavorato 36% 38% -2% 29% 27% +2% Probabilità di occupazione a 24 40% 41% -1% 30% 27% +3% Probabilità di trovare un lavoro 80% 62% +18% * 80% 25% +55% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 16% 10% +6% * 35% 2% +33% * Percentuale di tempo lavorato 48% 43% +5% * 37% 16% +21% * Probabilità di occupazione a 24 51% 41% +10% * 11% 7% +4% * nota: campione di scarsa numerosità NON DIPLOMATI Rinforzo Occupabilità Probabilità di trovare un lavoro 74% 72% +2% 73% 47% +26% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 21% 23% -2% 18% 16% +2% Percentuale di tempo lavorato 30% 31% -1% 25% 21% +4% * Probabilità di occupazione a 24 34% 34% 0% 26% 23% +3% * Probabilità di trovare un lavoro 80% 68% +12% * 71% 32% +39% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 16% 15% 1% 5% 2% +3% Percentuale di tempo lavorato 40% 42% -2% 26% 17% +9% * Probabilità di occupazione a 24 43% 45% -2% 26% 21% +5% Pagina 7/9

8 8 44 ANNI O MENO Rinforzo Occupabilità Probabilità di trovare un lavoro 79% 77% +2% * 74% 50% +24% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 19% 20% -1%* 19% 14% +5% * Percentuale di tempo lavorato 34% 35% -1% 27% 23% +4% * Probabilità di occupazione a 24 37% 39% -2% 28% 24% +4% * 45 ANNI O PIU Rinforzo Occupabilità Probabilità di trovare un lavoro 69% 62% +7% * 71% 46% +25% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 25% 24% +1% 16% 18% -2% Percentuale di tempo lavorato 31% 30% +1% 26% 21% +5% * Probabilità di occupazione a 24 36% 34% +2% 25% 23% +2% 39 ANNI O MENO Probabilità di trovare un lavoro 87% 74% +13% * 82% 46% +36% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 23% 19% +4% 5% 2% +3% Percentuale di tempo lavorato 49% 47% +2% 46% 30% +16% Probabilità di occupazione a 24 53% 48% +5% 53% 43% +10% nota: campione di scarsa numerosità ANNI Probabilità di trovare un lavoro 80% 69% +11% * 66% 53% +13% Probabilità di trovare un lavoro a TI 13% 16% -3% 10% 1% +9% Percentuale di tempo lavorato 44% 42% +2% 27% 39% -12% Probabilità di occupazione a 24 49% 45% +4% 28% 48% -20% nota: campione di scarsa numerosità 50 ANNI O PIU Probabilità di trovare un lavoro 69% 41% +28% * 66% 27% +39% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 11% 6% +5% * 2% 1% +1% Percentuale di tempo lavorato 32% 35% -3% 23% 11% +12% * Probabilità di occupazione a 24 32% 34% -2% 23% 12% +11% nota: campione di scarsa numerosità Pagina 8/9

9 9 NON OCCUPATI DA ALMENO 6 MESI Rinforzo Occupabilità Probabilità di trovare un lavoro 76% 72% +4% * 68% 40% +28% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 18% 19% -1% 16% 13% +3% * Percentuale di tempo lavorato 27% 27% 0% 19% 13% +6% * Probabilità di occupazione a 24 33% 33% 0% 22% 16% +6% * NON OCCUPATI DA MENO DI 6 MESI Rinforzo Occupabilità Probabilità di trovare un lavoro 80% 79% +1% 83% 68% +15% * Probabilità di trovare un lavoro a TI 22% 25% -3% 23% 18% +5% * Percentuale di tempo lavorato 41% 43% -2% 41% 43% -2% Probabilità di occupazione a 24 42% 44% -2% 37% 39% -2% Pagina 9/9

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principali facoltà che preparano gli ADDETTI AL FRONT OFFICE

Dettagli

L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte

L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte L EFFICACIA DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER DISOCCUPATI: i risultati di una analisi condotta in Piemonte Valentina Battiloro (ASVAPP Progetto Valutazione) Luca Mo Costabella (ASVAPP Progetto

Dettagli

Il profiling dei disoccupati basato sull occupabilità: un alternativa di targeting in assenza di evidenza sull efficacia degli interventi

Il profiling dei disoccupati basato sull occupabilità: un alternativa di targeting in assenza di evidenza sull efficacia degli interventi Il profiling dei disoccupati basato sull occupabilità: un alternativa di targeting in assenza di evidenza sull efficacia degli interventi Luca Mo Costabella Mirare gli interventi sulla base della loro

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PIEMONTE

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PIEMONTE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PIEMONTE ESITI LAVORATIVI DEI LICENZIATI NELL ANNO 2007-2008 L e c a r a t t e r i s t i c h e d e i l i c e n z i a t i d a i c o r s i d i f o r m a z i o n e 2 I corsi

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

ACTL Osservatorio Stage

ACTL Osservatorio Stage ACTL Osservatorio Stage 1 Dal 1999 ACTL Sportello Stage è il maggior ente italiano di promozione degli stage. Nel 2011 ha promosso 7284 stage in tutto il territorio nazionale. 2 Gli stage attivati nel

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO. di cui all art. 6

TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO. di cui all art. 6 TABELLA D ESPERIENZA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO L ACCREDITAMENTO di cui all art. 6 1 Tabella D: ESPERIENZA - SERVIZI PER IL LAVORO GENERALI OBBIGATORI Aree Funzionali I, II, III e IV Documenti da presentare

Dettagli

Allegato 3. La Dote Unica Lavoro. Il sistema delle fasce ad intensità di aiuto. Aggiornamento del modello di profilazione per accedere alla DUL

Allegato 3. La Dote Unica Lavoro. Il sistema delle fasce ad intensità di aiuto. Aggiornamento del modello di profilazione per accedere alla DUL Allegato 3 La Dote Unica Lavoro Il sistema delle fasce ad intensità di aiuto Aggiornamento del modello di profilazione per accedere alla DUL Documento elaborato da ARIFL 3 dicembre 2015 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 19 OTTOBRE

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 19 OTTOBRE GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 19 OTTOBRE 215 SOMMARIO Dall adesione alla presa in carico - Focus 1, 2 e 3 Distribuzione delle prese in carico per fascia

Dettagli

Scelte di istruzione e mercato del lavoro. Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale

Scelte di istruzione e mercato del lavoro. Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale Scelte di istruzione e mercato del lavoro Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale Perché istruirsi? 1. L istruzione come bene di consumo : mi piace studiare 2.L istruzione come bene di investimento

Dettagli

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO L indagine sugli esiti occupazionali dei corsi di formazione ha preso in considerazione i corsi Nof del biennio 2002/2003 e i post-diploma del 2003, analizzando

Dettagli

L Outplacement. come supporto per la ricollocazione professionale PRESENTAZIONE CONVEGNO 19 NOVEMBRE 2013

L Outplacement. come supporto per la ricollocazione professionale PRESENTAZIONE CONVEGNO 19 NOVEMBRE 2013 L Outplacement come supporto per la ricollocazione professionale PRESENTAZIONE CONVEGNO 19 NOVEMBRE 2013 3 La spesa per le politiche del lavoro in Europa e INTOO in Italia Spesa per le politiche del mercato

Dettagli

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 30 NOVEMBRE

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 30 NOVEMBRE GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 3 NOVEMBRE 215 SOMMARIO Dall adesione alla presa in carico - Focus 1, 2 e 3 Distribuzione delle prese in carico per fascia

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DGR 748 del 04/10/2013 Regione Lombardia Segretaria Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Fulvia Colombini Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Annalisa Radice Paolo Vieri

Dettagli

Gli stranieri alla ricerca del lavoro

Gli stranieri alla ricerca del lavoro STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Gli stranieri alla ricerca del lavoro Dinamiche occupazionali straniere, caratteristiche e modalità di ricerca del lavoro desiderato dai disoccupati stranieri

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Occupati in Lombardia! DOTE unica

Occupati in Lombardia! DOTE unica Occupati in Lombardia! DOTE unica lavoro Regione Lombardia, per rispondere alla difficile situazione sul fronte dell occupazione, ha creato un nuovo modello per le politiche attive per il lavoro: Dote

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 16 MAGGIO

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 16 MAGGIO GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 16 MAGGIO 2016 SOMMARIO Dall adesione alla presa in carico - Focus 1, 2 e 3 Distribuzione delle prese in carico per fascia

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

Lombardia 2011: occupazione e politiche del lavoro dopo tre anni di crisi. Risultati e prospettive

Lombardia 2011: occupazione e politiche del lavoro dopo tre anni di crisi. Risultati e prospettive Fondazione Anna Kuliscioff Lombardia 2011: occupazione e politiche del lavoro dopo tre anni di crisi. Risultati e prospettive ALESSANDRO BORGIALLI Responsabile Nazionale Politiche del Lavoro ADECCO Agenda

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 0 1 1 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer PER UNA CRESCITA SOSTENIBILE: L APPROCCIO WELFARE TO WORK NEL QUADRO DELLE SFIDE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Le riforme adottate dalla Germania Riforme del mercato del lavoro - Le riforme del mercato del

Dettagli

DALL INTUIZIONE DELL OCCUPABILITA ALLA MISURAZIONE DELL OCCUPABILITA : ALCUNI ESPERIMENTI REALIZZATI IN PROVINCIA DI TORINO

DALL INTUIZIONE DELL OCCUPABILITA ALLA MISURAZIONE DELL OCCUPABILITA : ALCUNI ESPERIMENTI REALIZZATI IN PROVINCIA DI TORINO DALL INTUIZIONE DELL OCCUPABILITA ALLA MISURAZIONE DELL OCCUPABILITA : ALCUNI ESPERIMENTI REALIZZATI IN PROVINCIA DI TORINO A cura dell Osservatorio sul mercato del lavoro della Provincia di Torino e del

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia!

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! Nota informativa ottobre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! E stato pubblicato il decreto della Regione Lombardia contenente l Avviso della Dote

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli

Comunicato stampa del 6 agosto 2015

Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Crisi dell edilizia in Sardegna: crollo degli investimenti pubblici e privati e rubinetti a secco per il credito le cause prevalenti La Sardegna è infatti una delle

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

PROGETTI di INSERIMENTO LAVORATIVO ANNO 2012

PROGETTI di INSERIMENTO LAVORATIVO ANNO 2012 PROGETTI di INSERIMENTO LAVORATIVO ANNO 2012 Ogni abitudine rende la nostra mano più ingegnosa e meno agile il nostro ingegno. Friedrich Nietzsche - E stato un anno difficile, che ha visto prevalere alcune

Dettagli

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro Allegato A) al capitolato speciale d appalto Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro SERVIZIO/AZIONE OBIETTIVI ATTIVITÀ Informazione orientativa (Macro intervento 1) Raccogliere

Dettagli

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO COOPERATIVA SOCIALE DI SOLIDARIETÀ PROMOZIONE LAVORO CARTA SERVIZI SERVIZI AL LAVORO Ente accreditato per la Formazione Superiore presso la Regione Veneto con Decreto 854 del 08/08/2003 Ente accreditato

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

DOTE LAVORO 2012 MOBILITÀ IN DEROGA

DOTE LAVORO 2012 MOBILITÀ IN DEROGA DOTE LAVORO 2012 MOBILITÀ IN DEROGA CONTINUIAMO " A DOTARCI CONTRO LA CRISI Per il quarto anno consecutivo La Regione del Veneto ha promosso attraverso lo strumento della Dote Lavoro, percorsi di politica

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA. a cura di Donata Orlati

PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA. a cura di Donata Orlati PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA a cura di Donata Orlati Sono stati avviati i primi incontri con i Sindaci dei Comuni capofila dei Piani di Zona, anche laddove,

Dettagli

PROMOTORE FINANZIARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

PROMOTORE FINANZIARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? PROMOTORE FINANZIARIO STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara i PROMOTORI FINANZIARI è Economia, con i

Dettagli

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi nel settore edile a Novara Anno 2011-2012

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi nel settore edile a Novara Anno 2011-2012 Indagine sui fabbisogni professionali e formativi nel settore edile a Novara Anno 2011-2012 a cura di SCUOLA EDILE NOVARESE Scuola Edile Novarese Pagina 1 di 17 1. Introduzione p. 3 1.1 Obiettivi p. 3

Dettagli

Modelli di monitoraggio e valutazione delle. sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta.

Modelli di monitoraggio e valutazione delle. sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta. Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta. Coordinatore: Prof. Massimo Zanetti

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012)

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) MISURE/45 Aprile 2013 1. Introduzione e sintesi Il numero di licenziamenti registrati in Italia nel corso del 2012,

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

SERVIZIO [TO]BIKE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI

SERVIZIO [TO]BIKE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI SERVIZIO [TO]BIKE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI 25 febbraio 2013 indagine eseguita a Novembre 2012 curata dalla dott.ssa Elena Amistà in collaborazione con il Servizio Qualità della Città di

Dettagli

Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione

Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione Bollettino mensile N. 9 ottobre 2014 Ultime da fuori Il piano di rafforzamento amministrativo A cura della redazione Migliore capacità di spesa e maggiore efficacia di FESR e FSE: questi i principali obiettivi

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

INSEGNANTE DI SCUOLA PRIMARIA STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

INSEGNANTE DI SCUOLA PRIMARIA STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? INSEGNANTE DI SCUOLA PRIMARIA STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale facoltà che prepara gli INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA

DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA " " CONTINUIAMO A DOTARCI CONTRO LA CRISI Per il quarto anno consecutivo La Regione del Veneto ha promosso attraverso lo strumento della Dote Lavoro, percorsi

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 10 ANALISI DEGLI INVESTIMENTI In questa

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEGLI ESITI OCCUPAZIONALI DEGLI INTERVENTI FORMATIVI ATTUATI DALL AGENZIA DEL LAVORO 1 Premessa L Agenzia del Lavoro della Provincia autonoma di Trento (PaT), presso cui si incardina

Dettagli

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

1. IL SERVIZIO I.L.CO.M.

1. IL SERVIZIO I.L.CO.M. REPORT ATTIVITÀ SERVIZIO I.L.Co.M. 2012 1. IL SERVIZIO I.L.CO.M. Il servizio I.L.Co.M., realizzato dalla Società Pubblica Zona Ovest di Torino Srl su incarico dei Comuni di Grugliasco e Collegno in convenzione

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Analisi dei residui. Test Esatto di Fisher. Differenza fra proporzioni

Analisi dei residui. Test Esatto di Fisher. Differenza fra proporzioni Statistica Economica Materiale didattico a cura del docente Analisi dei residui Test Esatto di Fisher Differenza fra proporzioni 1 Analisi dei residui Il test statistico ed il suo p-valore riassumono la

Dettagli

Elena Ragazzi, CNR Ceris

Elena Ragazzi, CNR Ceris VALUTAZIONE DEL POR FSE DELLA REGIONE PIEMONTE OB. 2 COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PER IL PERIODO 2007-2013 Rapporto di placement 2013 Qualificati e specializzati 2012 Elena Ragazzi, CNR Ceris

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

L IMPATTO DEL JOBS ACT SULLE SCELTE DI ASSUNZIONE DELLE AZIENDE. www.gigroup.com

L IMPATTO DEL JOBS ACT SULLE SCELTE DI ASSUNZIONE DELLE AZIENDE. www.gigroup.com L IMPATTO DEL JOBS ACT SULLE SCELTE DI ASSUNZIONE DELLE AZIENDE www.gigroup.com L OBIETTIVO IDENTIFICARE LE OPINIONI DI HR MANAGER E IMPRENDITORI SUL JOBS ACT E I SUOI EFFETTI SIA SULL OCCUPAZIONE (MERCATO

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

PROGETTISTA MULTIMEDIALE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

PROGETTISTA MULTIMEDIALE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? PROGETTISTA MULTIMEDIALE STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati Le principali facoltà che preparano i PROGETTISTI MULTIMEDIALI sono Lettere

Dettagli

Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale

Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale Il mercato del lavoro in Veneto Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale Venezia, 17 febbraio 2012 PERCHÉ UN CONTRATTO REGIONALE DI ATTIVITÀ (1/6) OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN VENETO

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Provincia di Bergamo I servizi dei centri per l Impiego Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Lavoro e Politiche Le Politiche del Lavoro: Mirano a Interventi per regolare le modalità

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

LE PREVISIONI DELLE FAMIGLIE

LE PREVISIONI DELLE FAMIGLIE LE PREVISIONI DELLE FAMIGLIE Trieste aprile 2013 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica del Comune

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Famiglie e povertà: l esperienza trentina del Reddito di Garanzia e la sua valutazione

Famiglie e povertà: l esperienza trentina del Reddito di Garanzia e la sua valutazione Famiglie e povertà: l esperienza trentina del Reddito di Garanzia e la sua valutazione Antonio Schizzerotto, Nadir Zanini, Silvia Girardi & Loris Vergolini IRVAPP: Istituto per la Ricerca Valutativa sulle

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI PARTE 9 RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.1.1 Casa 9.1.2 Istruzione e formazione 9.1.3 Occupazione 9.1.4 Assistenza sociale di base 9.2 Modalità di esecuzione

Dettagli

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori

Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà famiglie e consumatori Liberalizzazione del mercato elettrico: chi tutelerà 23 Aprile 2015 Ennio Fano 1 Nelle recenti settimane sul tema dell energia elettrica si sono succedute: A) la proposta dell Autorità sulla riforma delle

Dettagli

Azioni: la nuova opzione sicura

Azioni: la nuova opzione sicura 6 Azioni Update II/2014 Azioni: la nuova opzione sicura In un orizzonte d investimento di lungo periodo le azioni sono più sicure rispetto alle obbligazioni governative con rating elevati. Tutto dipende

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino ALLEGATO SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO REGIONALE DISABILI ULTERIORMENTE ASSEGNATE AL PIANO PROVINCIALE FRD 2008-10 CON LA

Dettagli

La mobilità del mercato del Lavoro: una sfida per il sistema dei servizi

La mobilità del mercato del Lavoro: una sfida per il sistema dei servizi La mobilità del mercato del Lavoro: una sfida per il sistema dei servizi Mario Mezzanzanica Direttore Scientifico CRISP Avviamenti e Cessazioni 2000-2007* * i dati del 2007 sono relativi al primo semestre

Dettagli

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ

REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 REDDITO E RISPARMIO DELLE FAMIGLIE E PROFITTI DELLE SOCIETÀ Nel terzo trimestre del 2013 il reddito disponibile delle famiglie conmatrici in valori correnti è aumentato

Dettagli