Copyright Esselibri S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright Esselibri S.p.A."

Transcript

1

2 TUTTI I DIRITTI RISERVATI Vietata la riproduzione anche parziale Di particolare interesse per i lettori di questo volume segnaliamo: 35 - Compendio di diritto bancario 56 - Il promotore finanziario 56/4 - Ordinamento e compiti istituzionali della CONSOB Guida al concorso in Banca- Manuale di base 345/1 - Selezioni negli istituti bancari e finanziari - Test L31 - La rivalutazione monetaria e calcolo degli interessi L35/A - Antiriciclaggio SE/I10 - I finanziamenti alle imprese SE/I25 - Basilea 2 SE/I33 - La finanza consapevole Il catalogo aggiornato è consultabile sul sito: ove è anche possibile scaricare alcune pagine saggio dei testi pubblicati Ideazione e direzione scientifica del Prof. Federico del Giudice Aggiornamento del volume a cura del dott. Flavio Borgonovo Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs , n. 30) Finito di stampare nel mese di novembre 2008 dalla «Grafica Sud s.r.l.» - Via Censi dell Arco, 22 - Cercola (NA) per conto della ESSELIBRI S.p.A. - Via F. Russo, n. 33/D Napoli Grafica di copertina a cura di Giuseppe Ragno

3 PREMESSA Il Manuale di tecnica bancaria, giunto alla sua dodicesima edizione, è aggiornato alle più recenti novità legislative (tra le quali si segnalano quelle introdotte dal D.Lgs. 21 novembre 2007, n. 231, dal D.Lgs. 17 settembre 2007, n. 164 e dal D.L. 112/2008 cd. manovra d estate, conv. in L. 133/2008) che hanno interessato la disciplina negli ultimi tempi, la quale risente inevitabilmente dei cambiamenti del contesto economico e istituzionale in cui operano le banche e gli altri soggetti finanziari. Il volume, oltre ad analizzare le tradizionali operazioni bancarie raccolta del risparmio, concessioni dei prestiti e tipiche operazioni di servizio e gli strumenti innovativi introdotti in queste aree di attività (si pensi al servizio bancario di base, all impiego del rating, in seguito agli accordi di Basilea 2, all adozione degli IAS per la redazione del bilancio delle banche), dedica ampio spazio alle diverse tipologie di strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, strumenti derivati) e ai meccanismi di funzionamento dei mercati sui quali questi vengono negoziati, alle attività in valuta e di gestione collettiva del risparmio svolte dalle banche e al bilancio bancario. Arricchito da utili schematizzazioni, tabelle e schede di confronto, poste alla fine dei singoli capitoli, il testo si propone come un agile e completo strumento di studio, prestandosi all utilizzo da parte di studenti, candidati a pubblici concorsi e esami di abilitazione e operatori finanziari.

4

5 Capitolo 1 La banca e l ordinamento bancario italiano Sommario 1. Il mercato dei capitali Il credito Gli intermediari finanziari. 4. Il Testo Unico su banche e credito (TUB) La nozione di attività bancaria. 6. Le funzioni fondamentali delle banche moderne Le condizioni di equilibrio della gestione bancaria. 8. La gestione della liquidità La classificazione delle operazioni bancarie. 10. La mappa dei rischi della gestione bancaria Le autorità creditizie nazionali. 12. La vigilanza della Banca d Italia Il Sistema Europeo delle Banche Centrali (SEBC). 14. La Banca Centrale Europea (BCE) Gli aggregati monetari. 16. Il controllo della liquidità e la politica monetaria dell Eurosistema. 17. La struttura del sistema creditizio italiano I modelli strutturali delle banche. 19. La scelta tra banca universale e gruppo bancario polifunzionale. 20. Ufficio reclami e Ombudsman bancario Le banche cooperative. 22. Le particolari operazioni di credito. 23. La banca come soggetto abilitato all esercizio dei servizi e delle attività di investimento. 24. Gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale della Banca d Italia (art. 107 TUB). 25. Gli strumenti finanziari La banca virtuale Il marketing bancario. 28. La qualità totale in banca come obiettivo strategico. 29. Il sistema informativo delle imprese bancarie Il consorzio «Patti Chiari». 1. Il mercato dei capitali Il mercato dei capitali (capital market) è il mercato dove si realizza l incontro dei flussi di domanda e dei flussi di offerta di strumenti finanziari, mediante i quali i settori dell economia in avanzo di risorse finanziarie (ossia con risparmi superiori agli investimenti) trasferiscono fondi a quelli in disavanzo (cioè quelli a cui non è sufficiente il proprio risparmio per coprire i propri investimenti), direttamente o per il tramite di intermediari finanziari. Esso è articolato in diversi comparti; una prima distinzione è tra mercati diretti e mercati aperti. I mercati diretti sono quelli in cui debitore e creditore si scambiano direttamente gli strumenti finanziari concordando le condizioni di negoziazione. Tipico mercato diretto è quello delle operazioni bancarie, in cui si hanno contrattazioni dirette fra banca e cliente. Generalmente i mercati diretti hanno carattere locale. I mercati aperti sono quelli in cui gli scambi vengono effettuati secondo regole standardizzate in maniera impersonale, in base a prezzi noti a tutti i potenziali partecipanti. Tipico mercato aperto è la Borsa valori. I mercati aperti sono soprattutto a livello nazionale o internazionale.

6 6 Capitolo 1 Il mercato aperto è suddiviso, a sua volta, nei seguenti comparti: mercato monetario, mercato finanziario, mercato dei cambi. Il mercato monetario identifica il mercato nel quale si negoziano gli strumenti finanziari a breve termine (ad esempio, buoni ordinari del Tesoro, accettazioni bancarie ecc.). Un comparto del mercato monetario è il cosiddetto mercato interbancario, costituito dai depositi effettuati da una banca presso un altra, per un definito periodo di tempo o a vista, ad un prefissato tasso di interesse. Le principali caratteristiche del mercato monetario si possono riassumere nelle seguenti: basso grado di rischio, in connessione con l alto grado di solvibilità degli emittenti; alta liquidabilità dei titoli in quanto a breve termine e di immediata negoziabilità; impersonalità delle negoziazioni, in quanto tra gli operatori in surplus di tesoreria e gli operatori in deficit di tesoreria non vi è alcun rapporto personale diretto; vastità degli scambi e loro continuità grazie ad un elevato numero di operatori diversificati; prezzo, che è prevalentemente in funzione dei tassi di interesse a breve termine. Il mercato finanziario rappresenta il complesso delle negoziazioni relative a strumenti finanziari a medio-lungo termine, che includono sia le azioni sia le obbligazioni emesse dalle imprese, dal settore pubblico e dagli intermediari che operano nel campo degli strumenti finanziari a medio e lungo termine (mercato azionario, mercato obbligazionario, mercato dei buoni del Tesoro poliennali, mercato dei contratti futures, mercato delle opzioni ecc.). Il mercato dei cambi è il mercato delle banconote estere e delle divise estere; le prime sono utilizzate per i pagamenti nei viaggi all estero, le seconde per le operazioni commerciali. I corsi del cambio delle banconote e delle divise estere possono divergere. Gli intermediari che operano sul mercato dei cambi quotano due prezzi: il prezzo denaro, al quale sono disposti ad acquistare la valuta che viene loro offerta ed il prezzo lettera (superiore) al quale sono disposti a cedere la valuta che viene loro richiesta. Il differenziale denaro/lettera costituisce la remunerazione dell intermediario per il servizio di negoziazione svolto. Le operazioni che avvengono nel mercato dei cambi si distinguono in operazioni a pronti e operazioni a termine, dando così vita ai rispettivi: mercato dei cambi a pronti e mercato dei cambi a termine. Nel mercato a pronti il regolamento delle contrattazioni è immediato e avviene di norma il secondo giorno lavorativo successivo a quello di stipulazione in base al cambio spot, cioè al cambio del giorno in cui si è definita la negoziazione.

7 La banca e l ordinamento bancario italiano Nel mercato a termine al momento della stipulazione del contratto vengono stabiliti il quantitativo di valuta estera e la data di regolamento del prezzo che avverrà al cambio forward, cioè a quello della consegna effettiva. Nel considerare il mercato finanziario, si è soliti operare la distinzione tra mercato dei mutui e mercato mobiliare. Il mercato dei mutui è caratterizzato dal complesso degli scambi rappresentativi di finanziamenti con vincolo di credito assistiti da specifico contratto di mutuo. Il settore più rappresentativo del mercato finanziario è il mercato mobiliare, dove si realizzano prestiti a medio-lungo termine e finanziamenti a titolo di capitale di rischio imperniati, rispettivamente, sulla circolazione di obbligazioni (mercato obbligazionario) e di azioni (mercato azionario). Al mercato finanziario si rivolgono gli operatori richiedenti fondi per il finanziamento degli investimenti a medio-lungo ciclo di utilizzo. Gli offerenti sono invece gli operatori in surplus finanziario che vogliono investire il loro risparmio in modo durevole con disponibilità a media-lunga scadenza. I mercati finanziari si distinguono in mercati primari e mercati secondari. Il termine mercato primario identifica il complesso delle domande e delle offerte di titoli di nuova emissione che successivamente verranno scambiati sul mercato secondario. L attività di emissione e di collocamento viene svolta direttamente dall emittente o da altro soggetto incaricato del collocamento dall ente emittente; la sua funzione tipica è quella di procurare risorse finanziarie agli operatori in disavanzo. Il mercato secondario rappresenta invece il complesso delle negoziazioni di titoli già in circolazione presso il pubblico dei risparmiatori, originate dalla volontà degli operatori di effettuare nuovi investimenti ovvero dall intento di procedere allo smobilizzo di investimenti realizzati in epoche precedenti. In quest ottica, tutti gli scambi che si verificano sul mercato ufficiale (es.: Borsa valori, mercato Expandi) sono da considerarsi mercato secondario; così come sono di mercato secondario le negoziazioni realizzate presso il terzo mercato e presso il mercato di sportello. Il terzo mercato è costituito dal complesso delle negoziazioni di titoli non ammessi alla quotazione ufficiale né in borsa né al mercato Expandi. Il mercato di sportello è invece costituito dal complesso delle negoziazioni di titoli che avvengono presso gli sportelli delle banche. Il mercato mobiliare è suddiviso nei settori cosiddetti dei mercati regolamentati e dei mercati non regolamentati. I mercati regolamentati sono quelli istituiti o regolamentati dalla Commissione nazionale per le società e la Borsa (CONSOB), come, ad esempio, il mercato telematico e i mercati locali. I mercati non regolamentati, invece, sono quelli in cui si realizza un attività di tipo diretto senza ricorrere agli intermediari ufficiali, come, ad esempio, il mercato privato ed il mercato di sportello. 7

8 8 Capitolo 1 Affinché il mercato mobiliare possa svolgere con efficienza le funzioni ad esso attribuite (finanziamento, investimento, intermediazione) è necessario: che abbia un certo «spessore» nel senso che vi sia un elevato numero di titoli in circolazione; che vi sia continuità di scambi per volumi di titoli elevati rispetto a quelli in circolazione; che si verifichi una certa concentrazione delle negoziazioni; che vi sia trasparenza di comportamento da parte degli operatori e, quindi, adeguate informazioni sul mercato; che esista una componente speculativa con la funzione di sostenere il corso dei titoli che non hanno trovato stabile collocamento presso i risparmiatori, assicurando in ogni momento liquidità al mercato; che sia disponibile un ventaglio sufficientemente ampio di scadenze in grado di favorire scelte di portafoglio adeguate; che esistano organi di controllo super partes che contribuiscano a fissare norme adeguate al buon funzionamento del mercato e garantiscano il rispetto di tali norme da parte di tutti gli operatori. Mercato diretto Mercati regolamentati Mercato dei capitali Mercato monetario Mercato mobiliare Mercato aperto Mercato finanziario Mercati non regolamentati (OTC = over the counter) Mercato dei mutui Mercato dei cambi Mercato a termine Mercato a pronti

9 La banca e l ordinamento bancario italiano MERCATO PRIMARIO E MERCATO SECONDARIO: CARATTERISTICHE a) È l insieme delle operazioni di emissione e di collocamento delle attività finanziarie. Mercato b) Vi sono trattati i titoli di nuova emissione. primario c) Svolge funzioni di vero e proprio finanziamento. d) È il mercato degli emittenti e degli intermediari incaricati del collocamento. a) È il mercato dove avviene lo scambio delle attività finanziarie. Mercato b) Vi sono trattati i titoli già in circolazione. secondario c) Garantisce la liquidità delle attività finanziarie. d) È il mercato dei risparmiatori. Un buon funzionamento del mercato secondario, oltre a garantire una discreta liquidità artificiale alle attività finanziarie che vi sono negoziate, agevola sensibilmente il funzionamento del mercato primario offrendo termini di paragone per il prezzamento delle nuove attività finanziarie. Il mercato secondario è di gran lunga più importante del primario, in quanto i volumi di attività finanziarie in esso scambiati sono ben superiori ai volumi delle attività finanziarie di nuova emissione. 2. Il credito In senso economico, il credito consiste in uno scambio di ricchezza attualmente disponibile contro la promessa di una prestazione futura (controprestazione), quasi sempre con il pagamento di un interesse. In altri termini, il credito costituisce uno scambio di ricchezza con la particolare caratteristica che la prestazione e la controprestazione non sono contemporanee, ma separate da un determinato intervallo di tempo. In relazione alla natura delle prestazioni che sono oggetto di scambio, si distingue normalmente il credito monetario dal credito in natura. Il credito monetario è quello in cui la prestazione attuale e la controprestazione futura sono costituite da una quantità di denaro o di altri mezzi di pagamento. Il credito in natura, invece, è quello in cui la prestazione attuale e la controprestazione futura hanno per oggetto beni diversi dal denaro e dagli altri mezzi di pagamento. Con riferimento alla natura degli utilizzatori del credito, si può operare la distinzione tra: credito concesso alle aziende di produzione o imprese; credito concesso alle aziende di erogazione, famiglie o altre istituzioni senza finalità di lucro. 9

10 10 Capitolo 1 Il credito alle aziende di produzione, a sua volta, si suddivide in: credito all esercizio, finalizzato a soddisfare le occorrenze di fondi legate al rigiro del capitale circolante (es.: acquisto di scorte, smobilizzo di crediti commerciali ecc.); credito agli investimenti fissi, destinato a soddisfare le occorrenze di fondi legate all acquisizione di beni strumentali (ossia di beni a lungo ciclo di utilizzo non destinati alla vendita). Una distinzione di particolare rilevanza è quella tra credito diretto e credito indiretto. Sono operazioni di credito diretto quelle che si realizzano direttamente fra le parti interessate, ossia tra il creditore (operatore in surplus) ed il debitore (operatore in deficit). Soggetto in avanzo Credito diretto Soggetto in disavanzo finanziario finanziario Sono operazioni di credito indiretto quelle che si realizzano per il tramite di operatori che vengono definiti intermediari finanziari. Centri di formazione del risparmio Centri di investimento e di consumo Soggetti in avanzo Soggetti in disavanzo finanziario finanziario Raccolta di fondi Intermediari finanziari Impiego di fondi Nei moderni sistemi economici la mobilitazione delle risorse dalle unità in surplus alle unità in deficit avviene di regola tramite organizzazioni che hanno lo scopo di raccogliere e trasferire il credito. Queste organizzazioni sono le banche, la cui attività principale consiste nel raccogliere fondi, prevalentemente in forma di depositi, e nell erogarli soprattutto mediante prestiti. Nelle operazioni di credito monetario chi effettua la prestazione immediata affronta rischi economici e rischi finanziari. Il rischio economico riguarda l eventualità che il debitore non restituisca affatto, in tutto o in parte, le somme di denaro ricevute in prestito. Tale rischio comporta una definitiva perdita sul capitale non rimborsato e sugli interessi non corrisposti. Il rischio finanziario può definirsi come l eventualità che il debitore non rispetti il termine inizialmente convenuto per la prestazione futura, prestazione

11 La banca e l ordinamento bancario italiano che, peraltro, sarà effettuata con ragionevole certezza con un ritardo più o meno rilevante rispetto al termine inizialmente concordato. 3. Gli intermediari finanziari Gli intermediari finanziari sono organismi che hanno come obiettivo dichiarato quello di facilitare l incontro fra la domanda e l offerta di capitali. In generale, gli intermediari vengono distinti come segue: istituzioni creditizie (Banca d Italia ed enti creditizi che svolgono attività bancaria, banche); società di leasing e di factoring; investitori istituzionali (fondi comuni di investimento, gestioni fiduciarie di patrimoni mobiliari, società di investimento a capitale variabile, compagnie di assicurazione ecc.); altri intermediari specializzati e di professione. Agli intermediari finanziari vengono tradizionalmente riconosciute le seguenti funzioni: mobilizzazione del risparmio: gli intermediari finanziari attuano operazioni (passive) di raccolta fondi presso gli operatori in surplus (ossia con risparmi superiori agli investimenti), trasferendo poi le risorse finanziarie così ottenute agli operatori in deficit (cioè a quelli cui non è sufficiente il proprio risparmio per coprire i propri investimenti), mediante operazioni (attive) di impiego; riduzione del rischio attraverso la diversificazione degli investimenti effettuati; trasformazione delle scadenze delle attività finanziarie assunte ed emesse: gli intermediari finanziari hanno la capacità di effettuare, sia pure entro certi limiti, operazioni di impiego con scadenza diversa (più lunga) da quelle di raccolta. Le banche svolgono, accanto alle funzioni sopraindicate, un ulteriore funzione: la funzione monetaria, che si concreta nella capacità di questi organismi di mettere a disposizione del pubblico proprie passività (in particolare i depositi in conto corrente) aventi la funzione di mezzi di pagamento. Qui di seguito si delineano brevemente i caratteri essenziali dei principali intermediari finanziari non bancari: 1) compagnie di assicurazione: sono intermediari finanziari che assumono e gestiscono, istituzionalmente e sistematicamente, i rischi trasferiti loro dagli assicurati contro il pagamento di premi che vengono destinati ad investimenti patrimoniali (es.: concessione di prestiti, acquisto di titoli pubblici e privati); 2) fondi pensione: sono intermediari finanziari che gestiscono il risparmio loro conferito, sotto forma di contributi previdenziali, dai lavoratori e/o 11

12 12 Capitolo 1 datori di lavoro al fine di erogare ai beneficiari, al termine della loro vita lavorativa, una prestazione sotto forma di rendita vitalizia o una somma pari al montante dei versamenti ricevuti; 3) società di leasing: sono intermediari finanziari che assistono le imprese nell acquisto di beni strumentali svolgendo principalmente una funzione di finanziamento mediante la stipulazione di contratti di locazione finanziaria; 4) società di factoring: sono intermediari finanziari che acquistano dalle imprese i crediti che esse vantano nei confronti della clientela, accollandosi in qualche caso il rischio del mancato buon fine del credito (cessione pro soluto); 5) società di credito al consumo: sono intermediari che svolgono la loro attività nel campo dei prestiti alle famiglie, solitamente destinati al finanziamento dell acquisto di beni durevoli (es.: automobili); 6) società di gestione di fondi comuni di investimento: sono intermediari finanziari che raccolgono risorse finanziarie presso il pubblico dei risparmiatori e le gestiscono in modo collettivo investendole in valori mobiliari (fondi comuni mobiliari) o in immobili (fondi comuni immobiliari); 7) società di intermediazione mobiliare (SIM): sono società per azioni, aventi sede legale e direzione generale in Italia, autorizzate a svolgere servizi o attività di investimento cioè, quando hanno per oggetto strumenti finanziari, negoziazione per conto proprio (dealing), esecuzione di ordini per conto dei clienti, collocamento con garanzia (underwriting) o senza garanzia (selling) a favore dell emittente, gestione di patrimoni, consulenza in materia di investimenti, gestione di sistemi multilaterali di negoziazione; 8) imprese di investimento comunitarie ed extracomunitarie: sono imprese che, al pari delle SIM, sono autorizzate a prestare servizi o attività di investimento in Italia, ma che hanno sede legale e direzione generale in un medesimo Stato comunitario, diverso dall Italia (imprese di investimento comunitarie), o sede legale in uno Stato extracomunitario (imprese di investimento extracomunitarie); 9) società di investimento a capitale variabile (SICAV): sono società per azioni a statuto speciale il cui oggetto sociale è l investimento del proprio patrimonio in un portafoglio di valori mobiliari. In esse sono gli stessi partecipanti che, versando la quota, diventano soci e contribuiscono ad eleggere l organo amministrativo cui sarà affidato il compito di gestire il patrimonio sociale; 10) merchant banks (o banche d affari): sono intermediari finanziari che si occupano di finanziamenti in capitale di rischio e, in via subordinata, di debito, a società di dimensioni elevate. L attività principale e caratteristica delle merchant banks è costituita dall acquisizione di partecipazioni in società non quotate nei mercati regolamentati;

13 La banca e l ordinamento bancario italiano 11) istituti di moneta elettronica (IMEL): sono imprese, diverse dalle banche, che emettono moneta elettronica (art. 1, comma 2, lett. h-bis), TUB). Essi, insieme alle banche, risultano riservatari dell attività di emissione di moneta elettronica. La moneta elettronica è un valore monetario rappresentato da un credito nei confronti dell emittente, memorizzato su di un dispositivo elettronico, emesso previa ricezione di fondi di valore non inferiore al valore monetario emesso, accettato come mezzo di pagamento da soggetti diversi dall emittente. La Banca d Italia emana disposizioni volte a favorire lo sviluppo di questo strumento, ad assicurarne l affidabilità e a promuovere il regolare funzionamento del relativo circuito. Gli IMEL sono stati introdotti nel nostro ordinamento giuridico con la legge n. 39/2002; 12) Cassa depositi e prestiti S.p.A.: è una società controllata dal Ministero dell Economia e delle Finanze e partecipata al 30% dalle Fondazioni bancarie. Svolge l attività di erogazione di prestiti agli enti locali (gestione separata), di gestione della raccolta del risparmio postale, di holding di partecipazioni, di gestione ordinaria (deputata al finanziamento di opere, impianti, reti e dotazioni per la fornitura di servizi pubblici e di opere di bonifica). Nonostante la privatizzazione, la Cdp S.p.A. conserva un profilo ed un ruolo del tutto autonomi nel panorama italiano dell erogazione dei prestiti, svolgendo un attività intermedia a quella di banca e di intermediario finanziario ma senza sottostare alla specifica disciplina che governa tali operazioni. ATTIVITÀ E INTERMEDIARI FINANZIARI NEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Attività Esercizio congiunto della raccolta del risparmio tra il pubblico e dell erogazione del credito a breve e medio-lungo termine Leasing finanziario Factoring: attività di cessione dei crediti di impresa Gestione dei finanziamenti di credito al consumo Assunzione di partecipazioni nel capitale di imprese Sottoscrizione e collocamento titolo Banche Società di leasing Banche Società di factoring Banche Intermediari finanziari Società di credito al consumo Banche 13 Finanziarie di partecipazione Società di merchant banking e di venture capital Banche SIM Società di merchant banking Banche (Segue)

14 14 Capitolo 1 Negoziazione titoli in conto proprio e per conto terzi Gestione collettiva del risparmio Gestione individuale del risparmio Assicurazione vita e previdenza Assicurazione danni Offerta di strumenti di pagamento Servizi di incasso e pagamento Le banche presentano la specificità di essere gli unici operatori abilitati all esercizio congiunto del credito e della raccolta di fondi direttamente presso il pubblico. 4. Il Testo Unico su banche e credito (TUB) Agenti di cambio (solo per conto terzi) SIM Banche SGR SICAV SGR SIM Banche Società di assicurazione Istituti di previdenza Fondi pensione Società di assicurazione Banche autorizzate a svolgere funzione monetaria Società emittenti carte di credito Società di incasso e pagamento Banche Con il Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (TUB), approvato con decreto legislativo del 1 settembre 1993, n. 385, si è provveduto al riassetto, alla codificazione e alla delegificazione dell enorme mole di produzione normativa prodotta in materia dalla legge bancaria del 1936 in poi. I 162 articoli del TUB (di questi alcuni abrogati) ne sostituiscono oltre delle disposizioni precedenti. Rispetto alla precedente legge bancaria la quale constava di 105 articoli il TUB allarga il proprio raggio di azione ricomprendendo gli intermediari finanziari non bancari (artt ), il funzionamento dei sistemi di pagamento (art. 146), la trasparenza delle condizioni contrattuali (artt ), il credito al consumo (artt ). L ingresso di queste due ultime (e connesse) materie autorizza ad inserire tra le finalità perseguite dal TUB anche quella di proteggere i soggetti contrattualmente deboli. Per espressa esclusione della delega del Parlamento non sono comprese nel D.Lgs. n. 385/1993 le norme in materia di intermediazione mobiliare (contenute oggi negli artt del Testo Unico della Finanza D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58) e di tutela della concorrenza (previste dalla legge antitrust). Il legislatore ha conferito al TUB la natura di legge quadro, indicando quindi i principi guida e rinviando alle autorità creditizie, nell ambito della normati-

15 La banca e l ordinamento bancario italiano va secondaria, la regolamentazione degli aspetti più tecnici. Il TUB non contiene, infatti, disposizioni analitiche, che per la loro intrinseca complessità richiedono una regolamentazione minuziosa, data la mutevole realtà dei mercati finanziari. Il riordino della materia, necessario al fine di adeguarla alla nuova realtà in cui operano le banche e alle direttive europee, è stato realizzato intorno a tre principi fondamentali: 1) la libera concorrenza; 2) il rispetto delle regole di mercato; 3) il collocamento dell attività bancaria nell ambito dell attività d impresa. Il TUB si articola in nove titoli: Titolo I - Autorità creditizie. Le norme del Titolo I del TUB confermano sostanzialmente la distribuzione dei poteri fra le autorità creditizie (CICR, Ministero dell Economia e delle Finanze, Banca d Italia) statuita dalla legge bancaria del 1936, tenendo conto dell evoluzione successiva dell ordinamento. Titolo II - Banche. Come è noto, la legge bancaria del 1936 non conteneva una esplicita definizione né di attività bancaria né di banca. Si limitava a prevedere che «la raccolta del risparmio tra il pubblico sotto ogni forma e l esercizio del credito sono funzioni di interesse pubblico regolate dalle norme della presente legge» e, dal punto di vista soggettivo, per individuare gli operatori bancari faceva ricorso alle espressioni «azienda di credito» e «istituti di credito». Con il TUB i soggetti che svolgono attività bancaria hanno l univoca denominazione di banca ed il termine si applica a tutte le preesistenti categorie di aziende di credito e di istituti di credito. L attività bancaria è confermata come il congiunto esercizio della raccolta del risparmio tra il pubblico e dell erogazione del credito (art. 10). Trovano parimenti esplicita conferma il carattere d impresa dell attività e la riserva a favore delle banche. Alle banche è consentito, come previsto dal TUF, l esercizio di tutti i servizi di investimento mentre le sole attività che non possono svolgere direttamente sono la gestione collettiva del risparmio, riservata alle SGR e alle SICAV, e l attività assicurativa, attività peraltro effettuabili attraverso società controllate, con la struttura organizzativa del gruppo polifunzionale. Il TUB realizza in maniera compiuta il passaggio alla banca universale, ossia ad un soggetto despecializzato sotto il profilo istituzionale, temporale e operativo. Con l espressione despecializzazione istituzionale si vuole indicare l abolizione della distinzione fra aziende e istituti di credito che vengono unitariamente ricondotti all unica denominazione di banca. Per despecializzazione temporale si intende la possibilità per tutte le banche di raccogliere risparmio e di erogare credito sia a breve sia a medio-lungo termine. Per quanto attiene alla specializzazione operativa, si fa riferimento alla possibilità per tutte le banche di svolgere direttamente, oltre all attività bancaria, ogni altra attività finanziaria, secondo la disciplina propria di ciascuna, nonché attività connesse o strumentali, fatte salve le riserve di attività previste dalla legge (art. 10, comma 3). In tema di attività bancaria il TUB consente di operare in un ampio raggio di azione, che comprende anche l assunzione di partecipazioni industriali. Tuttavia, l ingresso delle banche nel capitale di rischio delle imprese non giunge a configurare la banca mista. Infatti non è consentita: la trasformazione dei depositi in partecipazioni, essendo fissata la regola secondo cui gli investimenti in partecipazioni ed immobili non possono eccedere l ammontare del patrimonio di vigilanza; 15

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli