INDICE. L ORIGINE - pagg. 2 e 3 LA STORIA - pag. 3 PERCHé - pag. 4. IL CROLLO - pagg. 5 e 6 STUDI E CONFRONTI - pag. 7 SOCIETÁ D INVESTIMENTO - pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. L ORIGINE - pagg. 2 e 3 LA STORIA - pag. 3 PERCHé - pag. 4. IL CROLLO - pagg. 5 e 6 STUDI E CONFRONTI - pag. 7 SOCIETÁ D INVESTIMENTO - pag."

Transcript

1

2

3 INDICE L ORIGINE - pagg. 2 e 3 LA STORIA - pag. 3 PERCHé - pag. 4 IL CROLLO - pagg. 5 e 6 STUDI E CONFRONTI - pag. 7 SOCIETÁ D INVESTIMENTO - pag. 8 PROJECT FINANCING - pag. 9 L OPERATIVITÀ DI FINACIAL POWER - pag. 10 ATTIVITÀ DI MERCHANT BANKING - pag. 11 L INVESTIMENTO IMMOBILIARE - pag. 12 FINANZA ETICA - pagg. 13 e 14 L ETICA APPLICATA - pag.15 progettazione grafica e impaginazione by RY Studio production

4 L'ORIGINE DI FINANCIAL POWER La società di diritto inglese R.E.B.I.I Ltd ha costituito la Financial Power Ltd, società abilitata all attività finanziaria; una banca d affari rivolta allo sviluppo di programmi imprenditoriali di grande valenza economica. La Financial Power è stata costituita per essere una holding con attività di Merchant Bank, innovativa, progettata sulle necessità dei propri soci, che opera con trasparenza e riconosce il diritto al credito, con una visione attiva ed imprenditoriale, vicina alle aziende dinamiche che hanno l esigenza di un servizio finanziario sicuro e veloce. Financial Power è un importante gruppo finanziario composto da aziende operanti in diversi settori e mercati, nazionali ed internazionali, aperta all acquisizione di quote e partecipazioni di altri gruppi. È una società di diritto anglosassone con la sede principale a Londra, piazza d affari tra le più importanti al mondo, dove s incontrano la domanda e l offerta internazionale ed intersettoriale. In fase di start up, ricevuta l autorizzazione dell autorità inglese FCA - Financial Conduct Authority, potrà operare come banca nel mercato inglese e avrà la facoltà di aprire uno sportello on line, con capitale dichiarato in tutta Europa. Lo scopo di Financial Power è di essere per i propri soci un circuito finanziario internazionale, da cui le aziende ed i loro progetti imprenditoriali di sviluppo possono attingere risorse ed ausilio, senza subire le problematiche e gli iter a cui le banche italiane sottopongono i loro clienti. Il socio nonché azionista, è parte integrante di un sistema d investimento, che opera legalmente dall estero, liberamente ed agevolmente, su obiettivi di crescita e sviluppo economico ed imprenditoriale, verso i mercati di maggior profitto. Financial Power è la tipologia di Merchant Bank, che coordina ed offre servizi altamente qualificati, per specifici problemi aziendali. 02

5 Financial Power non è una banca di gestione, ma una sviluppatrice di servizi per il credito. La Financial Power nasce per essere una banca d affari moderna, con la struttura di una holding finanziaria che ha scelto di operare esclusivamente per i propri soci, di non essere limitata dall apertura di sportelli e filiali, non sottoposta alle autorizzazioni della Banca d Italia. Non avere gli sportelli aperti al pubblico è un agevolazione alle operazioni d investimento e sviluppo, perché chiunque può essere socio della Merchant Bank Financial Power e quindi accedere e beneficiare dei servizi bancari riservati. Un altro elemento fondamentale della Financial Power è quello di creare un gruppo solido, che raggiunga un ampio numero di imprese e aziende che siano azioniste della società e cooperanti allo sviluppo ed alla crescita. La complementarità delle aziende facenti parte del gruppo e la loro organizzazione per peculiarità e potenzialità, secondo principi e parametri commerciali, produttivi, finanziari e gestionali, sono la forza del sistema di sviluppo e crescita di Financial Power. L impiego razionale delle risorse aziendali, la gestione virtuosa delle energie umane, tecnologiche e finanziarie, sono la struttura portante della società. L immobilizzazione dei capitali e la limitazione dell operatività, propria delle aziende, presenti isolatamente in un solo mercato, non sono condizioni che si trovano all interno del gruppo Financial Power, poiché i programmi d espansione e le iniziative commerciali sono attuate secondo principi di mobilizzazione e di scambio. Su questo aspetto inoltre la Financial Power ha stabilito un fondo rischi annuo, con cui sostiene specificatamente le imprese associate. Financial Power è la tipologia di Merchant Bank, in grado di coordinare ed erogare servizi altamente qualificati, sviluppati ed attuati per specifici problemi aziendali e capaci di attrarre nuovi fruitori e soci. Questo consente a Financial Power di non essere una banca di gestione, ma bensì una sviluppatrice di servizi per il credito. 03

6 LA STORIA DEL PROGETTO FP Il progetto Financial Power nasce dall esperienza di alcuni imprenditori che nel corso del loro operato, benché mossi da un assoluta rettitudine morale, hanno subito sulle loro attività le difficoltà ed opposizioni di un sistema bancario chiuso e limitato. La politica bancaria italiana è sempre stata poco virtuosa nei confronti degli imprenditori, ancor di più oggi, dove emerge clamorosamente l inefficienza e il suo lobbismo. La Financial Power nasce dal rifiuto di questi imprenditori di accettare le condizioni di un sistema inoperante e passivo alle esigenze imprenditoriali e di sviluppo. Le banche tradizionali operano con finalità diverse da quelle che motivano i mercati nazionali, la crescita e lo sviluppo economico non sono una loro priorità, ma solo la gestione finanziaria. Il sistema bancario italiano ha esaurito le sue possibilità di partner economico, in quanto incapace di comprendere i tempi e le metodologie imprenditoriali. La mancata erogazione del credito è una delle maggiori cause del fallimento di attività industriali ed imprenditoriali, nonché una delle ragioni del prolungamento della crisi. 04

7 PERCHÉ FP Le aziende, gli imprenditori ed i privati hanno l opportunità di diventare comproprietari di una struttura finanziaria di nuova generazione, con il vantaggio di mobilizzare i propri capitali secondo strategie di collocamento e protezione delle risorse e degli investimenti. Solo una Merchant Bank come Financial Power con il suo sistema di diversificazione del mercato geografico, può generare un guadagno e una crescita del proprio valore azionario. La Financial Power è lo strumento finanziario, che il mercato imprenditoriale attendeva da tempo, perché ripercorre l esempio di sistemi associativi di successo, dove il fattore umano e il comune intento hanno fatto la differenza. Gli studi per questo progetto sono iniziati nel 1989 ed hanno raccolto i malcontenti di privati ed imprenditori, le necessità delle associazioni di categoria e le conclusioni del crollo del credito di cui hanno sofferto paesi tradizionali come l Italia (1). Sono stati confrontati con esempi in grado di fornire risposte ed interessanti prospettive, come i sistemi associativi cinesi (2) e le società indiane realizzate tra privati e imprenditori (3). 05

8 IL CROLLO DEL REDDITO PROGETTO RATING A MISURA D IMPRESA Il settore dell impresa oggi ha difficoltà nell attuare un piano di riconversione e riorganizzazione produttiva. Lo stato generale di crisi, unito al razionamento del credito da parte del sistema bancario, rende difficile un inversione di rotta. Il credito è la soluzione, ma le banche hanno abbandonato la loro funzione di partner, perché operano nel mercato soltanto per l acquisizione e la gestione finanziaria del cliente. La motivazione del fallimento di moltissime imprese è da ricercare nelle politiche creditizie, che hanno sottovalutato il valore umano ed imprenditoriale di certe realtà. Difatti la conservazione delle procedure e degli iter burocratici è la manifestazio-ne dell intenzione a non voler concedere il credito. Il credito è la soluzione, ma le banche hanno abbandonato la loro funzione di partner. 06

9 Financial Power è la banca che segue il business e protegge gli investimenti delle imprese. Il sistema bancario tradizionale non è in grado di restituire un profitto, in quanto i meccanismi finanziari convogliano le risorse nei circuiti internazionali di trading secondo motivazioni e regole sconosciute all investitore. Un economia virtuale che nel corso degli ultimi anni ha bruciato ingenti risorse economiche e distrutto sia grandi sia piccoli risparmiatori. Financial Power è la banca che segue il business e protegge gli investimenti delle imprese, perché è certa che dal mercato reale nascano le soluzioni per la produzione di ricchezza e di nuove risorse. Le idee imprenditoriali di successo sono il motore di un economia viva ed attiva e nel sistema finanziario la Merchant Bank è la struttura preposta all assistenza e alla difesa dell investimento. 07

10 INSIEME SUBITO PER ES STUDI E CONFRONTI RAPPORTI ASSOCIATIVI CINESI I gruppi associativi cinesi sono esempi di holdings finanziarie ed industriali in cui tutti i soci sono imprenditori ed azionisti, che arricchiscono il loro gruppo societario con contributi basati sulla propria partecipazione. In cambio ottengono assistenza amministrativa, fiscale, tecnico legale ed hanno la partecipazione finanziaria del gruppo per la realizzazione e lo sviluppo del proprio business. All interno i soci sono divisi per categorie di settore e ricevono commesse dagli affiliati per gestire e ridistribuire la concentrazione dei costi e dei guadagni. Il gruppo societario è garanzia di tutti, perché convoglia le risorse e sostiene il fatturato di tutti i soci, inoltre sviluppa la propria crescita con l acquisizione di sempre maggiori quote di mercato. Questo sistema associativo è una realtà economica e finanziaria solida ed in continuo sviluppo. In passato per noi occidentali questo raggruppamento di forze economiche era inapplicabile, adesso il nostro mercato interno è maturo per attuare una simile tipologia di partecipazione. Diventare socio Financial Power significa entrare nella logica economica anglosassone, dove la piccola e media imprenditoria ha sempre avuto un ruolo rilevante, a cui è sempre stata data fiducia e possibilità di sviluppo, con un imposizione fiscale agevolata ed adattata alle contingenze del momento storico. 08 L Europa richiedere alle imprese innovazione tecnologica, competitività dei prodotti e servizi, capacità imprenditoriale e finanziaria, non in ultimo disponibilità economica. Financial Power intende agevolare il cammino verso questa direzione, seguendo due orientamenti principali:

11 SOCIETÁ D INVESTIMENTO PARTECIPAZIONE INDIANA In India piccole realtà economiche sorte dal nulla, sono diventate esempi di successi imprenditoriali e finanziari. Questi piccoli progetti societari si sono trasformati in grandi realtà, associando privati ed aziende, piccoli e grandi investitori che in fine hanno coinvolto tre milioni d associati. Inizialmente i poteri forti e tradizionali dell economia interna si sono opposti alla crescita imprenditoriale e le banche hanno rifiutato il credito, ma la fiducia di soci privati e la loro coesione hanno dato potere finanziario. Ciò ha permesso l indipendenza economica dal sistema e neutralizzato le opposizioni dei poteri forti, conquistando il mercato in modo inattaccabile. SERE PIú FORTI DOPO a) nei confronti del sistema bancario: offrire una garanzia sicura sui crediti, grazie alle fideiussioni emesse, controllate dalla commissione tecnica. b) nei confronti dei soci: incrementare la capacità di credito, aggiungendo nuova disponibilità per l investimento e lo sviluppo. Il fattore associativo è un punto fondamentale del sistema adottato da Financial Power, poiché l unione di tanti investitori produce una forza contrattuale e finanziaria tale da poter realmente sostenere ed influenzare certe realtà economiche con profitto. 09

12 PROJECT FINANCING Il Project Financing (Finanziamento di Progetto) utilizzato da Financial Power è uno strumento destinato al finanziamento di specifici progetti imprenditoriali legati a determinati investimenti, economicamente e giuridicamente realizzabili, gestiti separatamente dal patrimonio aziendale dell impresa. Ben differente è il finanziamento all impresa (o corporate) basato sulla valutazione dell equilibrio economico-finanziario aziendale. Il Project Financing di Financial Power determina la realizzazione finanziaria di un progetto, in cui possono essere applicati gli strumenti tradizionali di finanziamento sia a titolo di capitale di rischio (equity) sia a titolo di debito (mutui a medio e lungo termine, prestiti subordinati, leasing, prestiti obbligazionari, anticipazioni Iva), sia infine, dove esistano i presupposti, contributi a fondo perduto (finanziamento pubblico). Financial Power elabora nuove strategie d intervento e coinvolge partner qualificati. 10

13 Financial Power opera con lo sviluppo di nuove prospettive, con l offerta di strumenti qualificati. L operatività di Financial Power percorre principalmente questi obiettivi: Settore Merchant Bank, che raggruppa tutti finanziamenti d investimento produttivo ed il Project Financing, gli investimenti garantiti e l acquisto di crediti. Settore Social Finance, che riunisce tutti i finanziamenti di sviluppo territoriale e sociale. Credito agricolo. Credito commerciale. Credito sportivo. Garanzie e fideiussioni. Recupero crediti: diretto ed indiretto. Inoltre Financial Power potrà operare con lo sviluppo di nuove prospettive, con l offerta di strumenti qualificati, l elaborazione di strategie d intervento ed il coinvolgimento di partner qualificati. Il modus operandi della società, per il controllo del credito, prevede un sistema rigido di gestione e sviluppo, attraverso la sua Divisione aziendale, Financial Power regola il flusso degli investimenti ed il collocamento, con la costituzione di specifiche società partecipate. Assume il ruolo di partner stakeholder o di conduttore del business, rafforza le relazioni tra soci e ne ricerca di nuovi. Sviluppa e mantiene competitivi i servizi di supporto, produce le analisi e valutazioni delle possibilità del mercato d investimento e del settore imprenditoriale di riferimento, individua i targets e fissa gli obiettivi. Ogni progetto deve essere convalidato dai risultati delle analisi, dalle prospettive e determinazioni di sostenibilità e dalla capacità di generare ritorni per i suoi finanziatori. Financial Power come banca d affari ha la possibilità di co-investire nelle attività in varie forme e con diversi gradi di garanzie accessorie. Con i classici finanziamenti diretti o quelli destinati al singolo affare, che consentono un investimento snello e rapido e una segregazione dal rischio aziendale, fino alla compartecipazione in SPV appositamente create.

14 ATTIVITÀ DI MERCHANT BANKING Il Merchant Banking consiste in una serie di attività di Corporate Finance in cui Financial Power vuole impegnarsi per fornire alle imprese servizi finanziari avanzati ed innovativi comprendenti principalmente: a) Private Equity (investimento nel capitale di rischio delle imprese mediante assunzione di partecipazioni societarie). b) M&A - Merger and Aquisition (finanza straordinaria d impresa finalizzata a ristrutturazioni societarie e di gruppi, anche mediante acquisizioni societarie ed a processi di riallocazione proprietaria). c) Financial Advising (consulenza finanziaria per l accompagnamento ed ammissione delle imprese alla quotazione in Borsa). d) I.P.O. - Initial Public Offering. 12

15 INVESTIMENTO IMMOBILIARE Una parte fondamentale dell'attività societaria resta l investimento immobiliare, come sosteneva il magnate del petrolio e dell'acciaio Andrew Carnegie: la proprietà immobiliare continua ad essere la spina dorsale di ogni fortuna, che aspiri a restare solida nel tempo... Financial Power per avere un ampia visione dell andamento del mercato internazionale, sarà collegata con i principali operatori sia imprenditoriali sia commerciali, Studi di progettazione e Tour operators. Le informazioni saranno sottoposte ad analisi ed elaborate in strategie d investimento, al fine di sviluppare le proprie risorse nei Paesi in cui è ragionevolmente prevedibile una situazione di stabilità politico-economica e crescita a lungo periodo. La gestione si baserà su efficaci programmi di compravendita, finanziamento per l edificazione e ristrutturazione di edilizia sociale o residenziale, commerciale o industriale, turistica ed alberghiera per la terza età. 13

16 RISPETTO E APPLICAZIONE DELLA FINANZA ETICA La finanza etica è l'organizzazione e la gestione dei servizi d intermediazione finanziaria con lo scopo di rispettare determinati valori morali e di raggiungere obiettivi ritenuti moralmente vincolanti. La finanza transnazionale rappresenta uno dei poteri forti che determina l'attuale situazione mondiale. Le operazioni speculative non hanno più nessun legame con l'economia reale, perché in grado di condizionare i governi, facendo crollare i costi della crisi su tutti i cittadini. A ciò si aggiunge l ormai cronica mancanza di trasparenza del sistema, la sempre maggiore distanza dei cittadini dalla finanza e la predisposizione sempre più spiccata alla delega delle scelte in campo finanziario. Colmare questo scollamento pretendendo trasparenza e facendo scelte consapevoli è il modo migliore per iniziare il cambiamento. La finanza etica è la leva culturale volta a cambiare l'attuale sistema economico ed i nostri stili di vita. In un mercato finanziario globalizzato le scelte dei consumatori assumono "valore politico". Come dice Alex Zanotelli "si vota ogni volta che si acquista qualcosa." e questo vale, forse anche di più, quando si sceglie dove destinare e a chi far gestire il propri risparmio. Cosa si intende per "finanza etica"? Questi due termini insieme stanno a esprimere un concetto semplice: la necessità di riportare la finanza e con essa i soggetti finanziari, a partire dalle banche, a svolgere la propria funzione originaria di garanti 14

17 Financial Power assiste il socio, al fine che l investimento sia produttivo ed efficace. del risparmio, di operatori che agevolino il suo trasferimento nel tempo e nello spazio e soprattutto sostengano lo sviluppo dell'economia reale, evitando gli impieghi puramente speculativi. Le più importanti banche etiche in Europa sono la Oekobank in Germania, che si sviluppa sull'onda di movimenti pacifisti ed ecologisti. Nel 1980 nasce la Triodosbank in Olanda, la quale ha filiali in Belgio ed Inghilterra e nel 1990 l'abs (Alternative Bank Swisse) fondata sui principi di partecipazione e trasparenza. Mentre nel mondo l esempio più importante, considerata la madre di tutte le banche etiche, è la Grameem Bank in Bangladesh che si occupa di microcredito. In Italia nel 1998 nasce Banca Etica come banca popolare, sull'esempio delle esperienze straniere, per colmare un vuoto economico e sociale: il finanziamento del terzo settore, sempre più relegato all attività benefica delle fondazioni. In Italia la finanza etica prende piede con le M.a.g. (mutua auto gestione), cooperative finanziarie autogestite che raccolgono il risparmio tra i propri soci per finanziare progetti con elevata utilità sociale, secondo i principi di trasparenza e partecipazione. Per "utilità sociale" si intende quell'insieme di attività e servizi volti al miglioramento della qualità della vita degli individui e dell'ambiente e che spesso non trovano un interlocutore abbastanza attento e sensibile nel circuito finanziario tradizionale. Il proliferare delle leggi crea una serie di restrizioni alle loro attività e il mondo M.a.g. si deve adeguare. Per alcune M.a.g si prospetta la necessità di creare una banca a livello nazionale e nel dicembre del 1994 viene costituita l'associazione Verso la Banca Etica. Contemporaneamente allo sviluppo della finanza etica in Italia, il mondo bancario tradizionale comincia ad interessarsi a questo segmento di mercato. 15

18 L ETICA APPLICATA Nasce per Financial Power la necessità di considerare e applicare che il credito, in tutte le sue forme, sia un diritto per tutti gli esseri umani. Su questa convinzione è basata la visione che il socio-cliente è un riferimento importante, con il quale instaurare un rapporto sincero e trasparente, teso a comprendere e rispettare le difficoltà e rivolto alla risoluzione dei problemi derivanti da situazioni di debito. sappiamo che il debitore non è sempre colpevole. Il sistema Financial Power con i suoi servizi finanziari e di consulenza diretta ed indiretta, con il suo management competente assiste il socio, al fine che l investimento sia produttivo ed efficace allo sviluppo dell imprenditore e dell azienda.

19 INSIEME SIAMO PIÚ FORTI 17

20

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

LOAN CAPITAL UNION. - Finanziamenti. - Mutui/Leasing. - Rating Basilea2

LOAN CAPITAL UNION. - Finanziamenti. - Mutui/Leasing. - Rating Basilea2 LCU BROKER -Schede- LOAN CAPITAL UNION - M&A - Private Equity - Finanziamenti - Family Office - IPO - Start up - Mutui/Leasing - Trends Analysis - MBO - APF - Rating Basilea2 - Trading Platform - Tesoreria

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli