Introduzione al mercato dei capitali. Econofisica AA 2008/2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al mercato dei capitali. Econofisica AA 2008/2009"

Transcript

1 Introduzione al mercato dei capitali Econofisica AA 2008/2009

2 Obiettivi del corso Presentare le ipotesi su cui si regge il mercato finanziario; Definire alcuni strumenti che compongono il mercato finanziario; Introdurre alla valutazione e alla gestione di questi strumenti.

3 Argomenti del corso Introduzione al mercato dei capitali La modellizzazione dei dati finanziari Opzioni su azioni ed indici I tassi d interesse e ( derivati sui tassi?) Frontiera efficiente e risk management

4 Esami Gli esami avranno una parte scritta da fare a casa che si ispira agli esercizi svolti in classe DOMANDA: volete portare il vostro portatile o preferite usare l'aula informatica? una parte orale di discussione per verificare la comprensione

5 Testi Le trasparenze NON bastano. Testi consigliati sono: J.C. Hull Options, Futures, and Other Derivatives R. N. Mantegna, H. E. Stanley An Introduction to Econophysics J.-P. Bouchard, M. Potters Theory of Finantial Risks

6 Link utili Wilmott forum Nuclearphinance

7 Programmi utili Octave (clone open source di matlab) R (clone open source di S) Openoffice (clone open source di Office)

8 Introduzione all econofisica Cosa accomuna l economia alla fisica (I)? Grande numero di individui organizzati in sistemi dinamici, volatili, complessi sensibili a vincoli ambientali esterni che evolvono secondo una struttura interna generata dalle relazioni tra individui membri del sistema

9 Introduzione all econofisica Cosa accomuna l economia alla fisica (II)? L approccio sintetico microanalitico. La comprensione del sistema nella sua globalità e dell effetto sul comportamento globale delle singole parti costituenti e delle loro interrelazioni

10 Introduzione all econofisica Alcuni concetti portati dalla fisica all economia Le leggi della natura governano i mercati I valori relativi dei beni materiali sono governati da una legge di equilibrio

11 Introduzione all'econofisica CAVEAT EMPTOR! Un allibratore chiede ad un'ingegnere, ad un fisico ed ad un matematico una formula per calcolare quale cavallo vincerà una corsa. Dopo un pò di tempo i tre tornano indietro coi risultati. L'ingegnere dice Il problema è troppo complesso, non si può risolvere. Il matematico dice ho dimostrato che la soluzione è unica. Il fisico dice ho risolto tutto nell'approssimazione di cavallo sferico

12 Orientarsi nel mondo della finanza Perché il sistema finanziario? Come è fatto il sistema? Quali sono gli strumenti? Quali sono le possibili posizioni?

13 Il ruolo del sistema finanziario Motivazione (I) Permettere lo scambio di contratti e servizi con lo scopo di desincronizzare i flussi in entrata e i flussi in uscita degli agenti finanziari 7 Income Consumption 0 Row 5 Row 6 Row 7 Row 8 Row 9 Row 10 Row 11 Row 12 Row 13 Row 14

14 Il ruolo del sistema finanziario Motivazione (II) Perchè desincronizzare? I flussi in entrata sono discreti (es. stipendio) I flussi in uscita sono continui (es. alimentazione) I flussi in uscita devono garantire uno standard della qualità di vita verosimilmente costante anche quando i flussi in uscita sono scarsi e/o nulli

15 Il ruolo del sistema finanziario Le dimensioni (I) Dimensione tempo Gli strumenti del sistema finanziario per desincronizzare i flussi di un agente devono far coincidere quelli dei diversi agenti in termini di Quantità Scadenze Liquidità Domanda = Offerta

16 Il ruolo del sistema finanziario Le dimensioni (II) Dimensione rischio Incertezza del futuro Desiderio di garantirsi un livello di consumption costante Gli strumenti del sistema finanziario devono garantire Diversificazione per ridurre il rischio Assicurazione, fornendo strumenti di copertura dai rischi impliciti in altri strumenti Domanda = Offerta & Completezza del mercato

17 Gli strumenti (1) : il denaro Il denaro sostituisce i vari beni e servizi sottostanti in uno scambio (sistema dei prezzi), facilitando gli scambi immediati Il denaro facilita la gestione delle promesse nel tempo: pagare oggi per avere poi, avere oggi per pagare poi, accordarsi oggi su un prezzo futuro per uno scambio futuro C e un prezzo per il tempo che passa: un uovo oggi (certo) vale più di un uovo domani (inutilizzabile oggi e a volte incerto)

18 I flussi di denaro nel mondo della finanza Banche commerciali e di investimento prestiti Mercati finanziari tasso ufficiale di sconto, moneta, obbligazioni statali Tesoro, Banca Centrale (BCE, FED) depositi Famiglie e Imprese (Società) Assicurazioni obbligazioni di società azioni

19 Le sorgenti di finanziamento per le famiglie Una famiglia chiede denaro a: Prestiti Personali (individui) Banche commerciali (e società di credito personale) Es.: una famiglia vuole una casa nuova che costa 100, che non ha. Può però contare su un reddito costante di 10 all anno, che in parte consuma. Chiede ad altre persone (parenti, amici) Chiede ad una banca un mutuo: un prestito di 100 al 5% annuo (composto), dopo 20 anni ripaga prestito e interessi (usando come garanzia sul debito un ipoteca sulla stessa casa) Es.: un individuo vuole un oggetto che costa 10, che ora non ha. Può usare una carta di credito e pagare a fine mese con gli interessi

20 Le sorgenti di finanziamento per le imprese Una impresa chiede denaro a: Banche commerciali Mercato obbligazionario Mercato azionario Es.: un impresa vuole uno stabilimento che costa 100 e rende 20 all anno, ma non ha 100. Senza il prestito non potrebbe crescere. Chiede ad una banca un prestito di 100 al 5% annuo (non composto), dopo 20 anni ripaga prestito e interessi ( ) e va in utile Emette un obbligazione: valore 100, cedola 10, scadenza 10 anni Divide il suo capitale in azioni (appartenenti ai proprietari), poi aumenta il capitale emettendo altre azioni sul mercato

21 Le assicurazioni e l incertezza (rischio) Garantirsi da una spesa incerta futura con una spesa certa immediata Assicurazioni Es.: un individuo vuole garantirsi dalla possibilità di subire un danno Stipula con un assicurazione una polizza danni pagando subito un premio. Se il danno non si verifica, perde il premio. Se il danno si verifica, perde il premio ma non paga il danno Es.: un individuo vuole garantirsi una pensione certa tra 20 anni Stipula con un assicurazione una polizza vita (caso vita). Paga subito un premio e tra 20 anni comincerà a ricevere pagamenti periodici fino alla sua morte. L assicurazione investe il premio nel mercato obbligazionario La più grossa struttura assicurativa in Italia e l INPS:

22 Le banche commerciali Hanno come clienti famiglie e imprese Raccolgono capitali sotto forma di depositi Distribuiscono capitali sotto forma di prestiti Lucrano sulla differenza di interessi tra depositi e prestiti Lucrano sulle commissioni e sui servizi (tenuta conto corrente e conto titoli, Bancomat, cambi, bonifici, distribuzioni prodotti finanziari) Nel dopoguerra in Italia è stata creata una banca industriale, Mediobanca, per il finanzamento a medio termine alle sole imprese. Le altre banche dovevano essere solo commerciali.

23 Le banche di investimento (o d affari o merchant bank ) (2007/8) Non hanno sportelli, non si basano su depositi/prestiti assistono le società nella quotazione in borsa allocano le obbligazioni per una società (underwriting) seguono le procedure di fusione e acquisizione (M&A) organizzano transazioni OTC di obbligazioni e derivati fanno compravendita di titoli (azioni) per proprio conto progettano nuovi strumenti finanziari (derivati) I giganti storici americani: Merril Lynch, Morgan Stanley, Salomon Brothers, Goldman Sachs, Lehman. Negli USA le banche commerciali e di investimento erano separate (Glass-Steagall). In Italia, Mediobanca aveva anche funzioni di merchant bank. Ora le banche di investimento sono molte.

24 Le banche di investimento (o d affari o merchant bank ) (2009) Non hanno sportelli, non si basano su depositi/prestiti assistono le società nella quotazione in borsa allocano le obbligazioni per una società (underwriting) seguono le procedure di fusione e acquisizione (M&A) organizzano transazioni OTC di obbligazioni e derivati fanno compravendita di titoli (azioni) per proprio conto progettano nuovi strumenti finanziari (derivati) I giganti storici americani: Merril Lynch ( in BoA), Morgan Stanley (traditional), Goldman Sachs (traditional), Lehman (fallita 600G$). In Italia, Mediobanca aveva anche funzioni di merchant bank. Ora le banche di investimento sono molte.

25 Le banche centrali (1) Immettono o distruggono moneta Prestano alle altre banche (tasso ufficiale di sconto) Emettono (e ricomprano) obbligazioni statali a varie scadenze per conto del governo, definendo la struttura del debito pubblico Nei sistemi occidentali sono indipendenti dal governo ma non possono rifiutare l emissione di obbligazioni (debito pubblico)

26 Le banche centrali (2) Strumenti monetari delle banche centrali Tassi bassi a breve (o immissione di moneta) facilità di credito, espansione e riduzione della disoccupazione Tassi alti a breve: contrazione e riduzione dell inflazione Come fanno? Main refinancing rate (federal fund rate): Marginal lending rate Deposit rate Prezzi delle obbligazioni a scadenze lunghe (cedole): controllo sul costo dei mutui per le famiglie e su parte dei debiti delle imprese con Open Market Operations

27 Banche centrali (3) Sistema europeo (BCE +Banche Centrali Nazionali) Obiettivo: stabilità dei prezzi.

28 Banche centrali (4) Sistema americano FED (Board of Governors + 12 Federal Reserve Banks) Obiettivi: stabilità dei prezzi, crescita

29 Gli strumenti (1) Alcuni esempi Comparto Equity Azioni Indici azionari Fondi azionari ed ETF Futures su Opzioni su

30 Gli strumenti (2) Alcuni esempi Comparto Interest (obbligazione governative) Zero Coupon Obbligazioni a tasso fisso (Fixed Income) Obbligazioni a tasso variabile (Floating) Titoli indicizzati semplici Titoli indicizzati complessi Futures su Opzioni su Interest rate swap

31 Gli strumenti (3) Alcuni esempi Comparto Credit Obbligazioni corporate Credit linked notes Derivati sul credito Credit Default Swap

32 Gli strumenti (4) Comparto Currency Futures su Opzioni su Currency swap Comparto commodity Commodity fisica Futures su Opzioni su Commodity swap ETC

33 Lo strumento finanziario del prestito: l obbligazione La forma più semplice niente cedole= =zero coupon bond Comprare un obbligazione significa: prestare C 0 all interesse istantaneo r per un tempo T per ottenere alla fine C T =C 0 e r T C 0 Es.: i BOT al 10%: si presta 90.5 per 1Y riavere 100 a scadenza

34 Lo strumento finanziario della proprietà: l azione (1) Un azione (stock) conferisce un diritto di proprietà su di una società (condiviso con gli altri azionisti) Si può partecipare alla gestione dell impresa, durante le assemblee dei soci

35 Lo strumento finanziario della proprietà: l azione (2) Se l impresa fallisce per debiti, non si risponde con il proprio capitale: un azione non può avere valore negativo Sono un contratto anonimo (indicato solo il nome della società emittente ed il valore nominale)

36 Lo strumento finanziario della proprietà: l azione (3) I soci di una società versano un capitale ed emettono titoli di proprietà (azioni) che rappresentano frazioni di capitale (valore nominale) La società investe il capitale e fa utili L assemblea dei soci decide quale parte di questi utili è reinvestita e quale parte è distribuita ai soci come dividendo sull azione

37 Lo strumento finanziario della proprietà: l azione (4) I dividendi ed il valore di un azione Le azioni sono come obbligazioni con cedole incerte Le azioni hanno anche un valore intrinseco: il prezzo di un azione riflette le aspettative sugli utili futuri. Anche non distribuendo dividendi una società in crescita può remunerare i soci col valore crescente delle sue azioni.

38 Gli indici azionari (1) Esempio: In un mercato ci sono 2 diverse azioni scambiate, S 1 e S 2. S 1 ha valore nominale 10 e ce ne sono 15, solo 8 sono però mediamente comprabili S 2 ha valore nominale 20 e ce ne sono 25, solo 10 sono mediamente comprabili Nel mercato c è quindi un valore nominale di 15*10+25*20=650

39 Gli indici azionari (2) Il valore di mercato di S 1 e S 2 cambia nel tempo t Si può formare degli indici media pesata dei prezzi del mercato capitalization-weighed o market valueweighed come NASDAQ e CAC40 I(t)=(150/650) S 1 (t)+(500/650) S 2 (t) price-weigthed come DJIA I t =S 1 t S 2 t Nota: non tengono conto di split, merge,delisting

40 Gli indici azionari (3) Esempi il MIB30 è l indice azionario della Borsa Italiana costruito con i 30 titoli a maggiore capitalizzazione S&P MIB è l'indice dei principali 40 titoli dal 20/09/2003 che è circa market-value La loro composizione viene periodicamente aggiornata. Gli indici possono essere a volte scambiati come azioni (ETF)

41 Formazione dei mercati finanziari (1) Un obbligazione (bond) comprata direttamente da una società (corporate bond) o dal Governo (government bond) può essere rivenduta a terzi. Si crea così un mercato obbligazionario. L obbligazione potrà passare di mano fino al suo rimborso.

42 Formazione dei mercati finanziari (2) Un azione (stock) comprata direttamente da una società può essere rivenduta a terzi. Si crea così un mercato azionario. L azione potrà passare di mano fino allo scioglimento dell impresa o al ritiro dell azione stessa.

43 Formazione dei mercati finanziari (3) Un obbligazione, come un azione, oltre al suo valore ha quindi un prezzo di mercato, che varia continuamente Esistono per le obbligazioni e le azioni dei mercati regolamentati: le borse valori. Obbligazioni e azioni scambiate fuori da questi mercati sono dette essere scambiate over the counter (OTC), cioè sul banco

44 Le borse azionarie (stock exchange) Una borsa valori è di solito una società privata Opera come intermediario negli scambi di azioni o obbligazioni (ma anche contratti su beni o contratti derivati). Cerca di trovare compratori per ogni offerta e venditori per ogni richiesta. Una compravendita in borsa non è in realtà fatta tra un compratore ed un venditore, ma tra compratore e borsa e tra venditore e borsa Forma i prezzi da domanda e offerta e li rende pubblici. Fa in modo che tutti gli scambi avvengano in maniera regolare, garantendo che i contratti siano onorati La Borsa di Milano è controllata da banche italiane: tratta azioni, obbligazioni, future e opzioni

45 Il forward L archetipo del contratto derivato moderno E un contratto finanziario basato sullo scambio di un bene sottostante che è anche oggetto di trattazione su un mercato. E quindi un contratto derivato. E' trattato OTC. Al tempo t=0 ci si scambia una promessa. Al tempo t=t si scambia del denaro per il bene. E quindi un contratto a termine.

46 Future, Opzioni e Swap Trattati in un mercato regolamentato Future: è l'obbligo di comprare/vendere un certo asset ad un certo prezzo in un certa data Opzione: è la possibilità di comprare/vendere un certo asset ad un certo prezzo in un certa data Swap: è l'obbligo di scambiare due flussi di cassa in una certa data

47 Altri mercati finanziari Mercati per le obbligazioni Le borse merci (CME) Le borse future (CBOT, LIFFE) Le borse per le opzioni (CBOE) Chicago Board of Trade Chicago Board Option Exchange In italia i derivati vengono trattati all'idem

48 Trattative: la formazione dei prezzi Quali sono i modi per determinare un prezzo? Quali sono i modi per attribuire il costo di ingresso in un contratto? 1. Mano invisibile: sporchi, maledetti e subito. 2. Aspettazione: entra in gioco un futuro incerto. 3. Arbitraggio: il mare è pieno di squali.

49 La mano invisibile Un bene è scambiato in un mercato, dove è trattato in denaro. Domande ed offerte si incontrano, e formano un prezzo. Questo prezzo può variare nel tempo, ma in ogni istante è il miglior prezzo possibile (per es. perché tutte le informazioni sul bene ottenibili in quell istante sono contenute nel prezzo: ipotesi del mercato efficiente di E.Fama). E come se una mano invisibile regolasse il mercato, che nonostante fluttui, trova istante per istante il prezzo più corretto Il mercato sceglie anche i tassi di interesse per le varie scadenze

50 Aspettazione (1) Alice propone a Bob di lanciare una moneta. Se viene testa Alice dà 1 a Bob Se viene croce non gli dà nulla Alice non vuole né perdere né vincere con B (gioco equo). Quanto deve far pagare Alice una puntata a Bob nell incertezza del futuro?

51 Aspettazione (2) Soluzione: Alice e Bob si aspettano che in media Bob vinca la metà delle volte (dopo 1000 turni Bob avrà vinto circa 500). trovano giusto che B paghi 1/2 per ogni turno (dopo 1000 turni avrà Alice avuto 500 ed avrà pagato circa 500). Se non si usa questo prezzo, alla lunga uno dei due si arricchirà a spese dell altro.

52 Aspettazione (3) E il ragionamento che usano le assicurazioni per trovare il premio da far pagare all assicurato. E un ragionamento che funziona in un rapporto uno a molti, o per transazioni tra A e B ripetute molte volte

53 L arbitraggio (1) vendere quello che costa troppo (anche se non lo si ha), comprare quello che costa troppo poco (anche se si devono prendere a prestito i soldi), (senza mai metterci soldi propri). e mettersi ad aspettare sul bordo del fiume. SENZA RISCHIO

54 L arbitraggio (2) vendere oggi a tanto (anche quello che non si ha, ossia vendere allo scoperto) incassando oggi consegnando il bene domani a meno l operatore assume oggi una posizione corta (short) è un operazioni a pronti

55 L arbitraggio (3) comprare a poco pagando oggi ricevendo il bene oggi vendeno domani a tanto l operatore assume oggi una posizione lunga (long). è un operazioni a pronti.

56 Prezzare un forward (1) Contratto di vendita: Alice si accorda con Bob per vendere 1 tonnellata di grano, tra 1 anno da oggi. Il prezzo del grano è deciso oggi a t=0, lo scambio denaro-grano avviene tra 1 anno a T=1Y. Problema: qual'è il giusto prezzo P del forward?

57 Prezzare un forward (2) Il costo attuale del grano è S 0 =100. Se il prezzo forward è 100 le possibili posizioni fra un anno sono: prezzo grano stipulato oggi prezzo grano tra 1 anno posizione di Alice posizione di Bob

58 Prezzare un forward (3) Le due parti sono incerte nella stessa maniera circa il prezzo del grano nel futuro. Ognuna delle due parti vuole difendersi (coprirsi) dal rischio di variazioni sfavorevoli a se stessa del prezzo del grano. Entrando nel contratto di acquisto o vendita, ognuna delle due parti accetta lo stesso rischio dell altra, in maniera simmetrica.

59 Prezzare un forward (4) Il contratto è una compravendita di merce L ingresso nel forward (=la promessa) costa zero Il prezzo del grano ad un anno (S T prezzo forward) non è zero ma non è conosciuto mentre il prezzo attuale è (S 0 prezzo spot) conosciuto

60 Prezzare un forward (5) Soluzione al problema del forward. niente costi S 0 è il prezzo del grano ora a t=0 r è il tasso d interesse (comune a tutti) T è il tempo alla scadenza il prezzo forward del grano è F =S 0 e r T Cosa succederebbe con altri valori?

61 Prezzare un forward (6) Strategie di arbitraggio: troppo Se l'aquirente Bob quota il forward a F+E, allora il venditore Alice vende a Bob un forward al prezzo F+E (va short), prende in prestito S 0 al tasso r (dovrà rendere S 0 e rt ), compra con S 0 subito il grano (va long). Dopo un anno Alice consegna a Bob il grano, riceve S 0 e rt +E da Bob, rimborsa con S 0 e rt il prestito ricevuto, lucra E.

62 Prezzare un forward (7) Strategie di arbitraggio: poco Se l'aquirente Bob quota il forward a F-E, allora il venditore Alice diventa aquirente compra da Bob un forward al prezzo F-E, vende subito il grano a S 0 con consegna fra 1 anno, (sempre possibile?) investe S 0 al tasso r. Dopo un anno Alice riceve S 0 e rt, compra da Bob a F-E=S 0 e rt -E il grano, consegna il grano, lucra E.

63 Prezzare un forward (8) Note sull'arbitraggio Deve essere possibile la vendita allo scoperto. Altrimenti si può prendere in prestito del grano o magari lo si ha già: questo non è legato ad un tasso di interesse (es.: azioni)

64 Prezzare un forward (9) Note sull'arbitraggio Se non è possibile la vendita allo scoperto basta che il sottostante asset sia considerato da molti come oggetto di investimento e che quindi ci siano delle persone che lo abbiano e lo possano vendere e poi vogliano ricomprarlo. Se non vale neanche ciò F S 0 e r T

65 Prezzare un forward (9) Note sull'arbitraggio Se è Alice a fare la quotazione sbagliata, Bob può seguire le stesse strategie. Se esistono dei prezzi sbagliati, gli arbitraggisti le sfrutteranno: porteranno così i prezzi alla condizione ottimale di assenza di possibiltà di arbitraggio. L arbitraggio è senza rischio

66 Prezzare un future (1) Il future è un forward che può essere comprato e venduto in un mercato regolamentato, con maggiore sicurezza del forward (sistema dei margini e leva finanziaria) E scambiato dal 1848 al Chicago Board of Trade.

67 Prezzare un future (2) copertura dal rischio e speculazione Inventato durante la guerra civile americana, per bloccare il prezzo delle provvigioni all esercito (copertura) Verso la fine della guerra, si svilupparono delle scommesse direzionali (speculazione) Corner e contromisure Margini

68 Prezzare un future (3) Il sottostante può essere merce o bene finanziario Future su grano, metalli Future su obbligazioni (BTP, T-bond, Bund) Future su indici di borsa (FIB30,miniFIB) Future su valute Future sui tassi di interesse (eurodollari) Si vedranno derivati su derivati: opzioni su future su btp

69 Prezzare un future (4) Il margine Compriamo 1 future su oro (100 once) per l'acquisto a 400 $/oncia il valore del contratto è $ dobbiamo depositare 2000$ di margine (initial margin), una specie di deposito cauzionale

70 Prezzare un future (5) Il margine il prezzo del'oro scende a 397 $/oncia abbiamo perso 3*100$ il margine è ora 1700$ (marking to market) poiché i 300$ vengono dati a chi è short analogamente se l'oro sale

71 Prezzare un future (6) Qual'è il prezzo di un future alla sua creazione? Approsimativamente quello di un forward ma se il sottostante è fortemente correlato con il tasso r che varia nel tempo allora chi è long guadagna due volte se il prezzo sale: guadagna dal margine che gli viene dato guadagna dagli interessi sul margine Più attrattivo del forward => più caro

72 Prezzare un future (7) Qual'è il prezzo di un future dopo la sua creazione? Dall'esempio fatto sui margini si vede che approsimativamente vale la differenza fra il prezzo attuale ed il prezzo concordato all'atto della sua creazione.

73 Derivati e Risk Management (1) Tre tipi di uso del future Copertura (hedging) contro le oscillazioni in salita o discesa del sottostante: copertura avversione al rischio Sfruttare le possibilità di arbitraggio (arbitrage) sul disallineamento dei prezzi nel tempo: indifferenza al rischio Scommesse (speculate) direzionali con leva finanziaria (leverage). Si può speculare su grandi quantità di sottostante senza possederlo: assunzione di rischio

74 Swap (1) Vediamo un Interest Rate Swap (IRS). Alice (propenso al rischio) vuole indebitarsi a tasso variabile. Gli fanno 12% fisso o Libor+1% variabile. Bob (contrario al rischio) vuole indebitarsi a tasso fisso. Gli fanno 14% fisso o Libor+2% variabile ( ergo meno affidabile di Alice!). Vogliono tutti e due lo stesso prestito P. LIBOR= London Interbank Offered Rate

75 Swap (2) Entrando nello swap, Alice prende a prestito sul mercato P al 12% che presta a Bob al 13%, prende a prestito da Bob P a Libor+1.5%. Bob prende a prestito P sul mercato a Libor+2%, riceve in prestito da Alice P al 13% e presta P ad Alice a Libor+1.5%. Alla scadenza Alice ottiene P a Libor+0.5 (-12%+13%-Libor-1.5%) e Bob ottiene P al 13.50% (-Libor-2%-13%+Libor+1.5%)

76 Swap (3) Si scambia solo l interesse da pagare su un debito, non il capitale. Chi paga a tasso fisso pagherà a tasso variabile e viceversa. Tutt e due le parti ricavano vantaggio. Costo d ingresso zero, tasso fisso detto swap rate. Problema: qual'è il prezzo di un contratto IRS dopo che è stato firmato?

77 Prezzare un opzione.. (1) Vendita di una CALL europea: Alice si accorda con Bob per avere il diritto di comprare 1 azione che oggi vale S tra T=1 anno da oggi ad un prezzo K (strike) (anche molto diverso da S) Alice compra un diritto, non una merce: potrà comprare ma, se vuole, potrà anche non comprare. Paga un prezzo per questo diritto il premio C dell opzione.

78 Prezzare un opzione.. (2) Vendita di una CALL europea: Alice si accorda con Bob per avere il diritto di comprare 1 azione che oggi vale S tra T=1 anno da oggi ad un prezzo K (strike) Problema: qual'è il giusto prezzo c della CALL?

79 Prezzare un'opzione.. (3) Il costo attuale del'azione è S 0 =100. Lo strike K=120. Le possibili posizioni fra un anno sono: prezzo oggi prezzo fra un anno posizione di Alice posizione di Bob c -c c-30 c

80 Prezzare un opzione.. (4) Le due parti sono incerte nella stessa maniera circa il prezzo dell'azione. Entrando nel contratto di acquisto o vendita, le due parti non hanno lo stesso rischio, la posizione è asimmetrica: il possibile guadagno di Alice è illimitato mentre la perdita è limitata (per Bob è l'opposto). Per questo il prezzo è più difficile da ottenere però...

81 Prezzare un'opzione.. (5) Strategie di arbitraggio: troppo Se il venditore Bob quota l'opzione a c > S 0, allora Alice diventa venditore compra un'azione a S 0, vende una call a c ottenendo c-s 0. Dopo un anno Alice se S T > K, consegna l'azione e guadagna K+(c- S 0 )>K se S T < K, vende l'azione a S T e guadagna S T +(c-s 0 )>0

82 Prezzare un'opzione.. (6) Strategie di arbitraggio: poco Se l'opzione quota a c < S 0 -K exp(- r T), allora l'aquirente Alice compra da Bob una call a c, vende subito l'azione a S 0 con consegna fra 1 anno, investe S 0 -c al tasso r. Dopo un anno Alice riceve (S 0 -c) e rt, se S T <K il portafoglio vale (S 0 -c) e rt -S T >K-S T >0 se S T >K il portafoglio vale (S 0 -c) e rt +(S T -K)-S T >0

83 Prezzare un'opzione.. (7) Poco in un altro modo Compariamo i due portafogli A) 1 call e contanti per K exp(-rt), B) 1 azione Dopo un'anno B) vale S T, il valore del'azione a T A) vale max( S T,K) perché i contanti investiti sono diventati K se S T <K il portafoglio vale solo K se S T >K il portafoglio vale S T >K Quindi c+k exp(-r T) S 0

84 Prezzare un opzione.. (8) Vendita di una PUT europea: Alice si accorda con Bob per avere il diritto di vendere 1 azione che oggi vale S tra T=1 anno da oggi ad un prezzo K (strike) Problema: qual'è il giusto prezzo p della PUT?

85 Prezzare un'opzione.. (9) Poco di una PUT Compariamo i due portafogli C) 1 put e lunghi di 1 azione, D) contanti per K exp(-rt) Dopo un'anno D) vale K C) vale max( S T,K) perché se S T <K esercito la put ed il portafoglio vale K se S T >K non esercito la put ed il portafoglio vale S T >K Quindi p+s 0 K exp(-r T)

86 Prezzare un'opzione.. (10) Esercizio: prezzo minimo di una PUT Mostrare che p K exp(-r T)

87 Prezzare un'opzione.. (11) PUT-CALL parity I due portafogli A) 1 call e contanti per K exp(-rt), C) 1 put e lunghi di 1 azione, Dopo un'anno valgono max( S T,K) Quindi p+s 0 = c+ K exp(-r T) ESEMPIO FONDAMENTALE DELLA TECNICA DEL PORTAFOGLIO DI REPLICA!

88 Prezzare altri derivati (1) Esempio fondamentale per il portafoglio di replica Nel 1986 la Standard Oil emise dei bond strutturato: alla scadenza ripagava il capitale senza intersessi più 0,17 *min( max( 0, P -25$), 15$) dove P è il Prezzo del barile alla scadenza. Domanda: qual'e' il prezzo?

89 Prezzare altri derivati (2) Esempio fondamentale per il portafoglio di replica Il prezzo? Usiamo il portafoglio di replica Il payoff dell'obbligazione si può replicare con 1) zero coupon bond con r=0 2) lungo su 0.17 call sul barile con strike a K=25$ 3) corto su 0,17 call sul barile con strike a K=40$

90 Prezzare altri derivati (3) Esempio interessante GEITHNER PUT (2009) Step 1: If a bank has a pool of residential mortgages with $100 face value that it is seeking to divest, the bank would approach the FDIC (Federal Deposit Insurance Corporation) Step 2: The FDIC would determine, according to the above process, that they would be willing to leverage the pool at a 6-to-1 debt-to-equity ratio (non recourse loan). Step 3: The pool would then be auctioned by the FDIC. The highest bid K from the private sector would be the winner and would form a Public-Private Investment Fund to purchase the pool of mortgages.

91 Prezzare altri derivati (4) Esempio interessante GEITHNER PUT (2009) Step 4: Of this K purchase price, the FDIC would provide guarantees for 6/7*K of financing, leaving K/7 of equity. Step 5: The Treasury would then provide 50% of the equity funding required on a side-by-side basis with the investor. Step 6: The private investor would then manage the servicing of the asset pool and the timing of its disposition on an ongoing basis using asset managers approved and subject to oversight by the FDIC.

92 Prezzare altri derivati (5) Esempio interessante GEITHNER PUT (2009) Le parole chiavi sono non recourse loan ossia non ripagabile... Il precedente processo è equivalente per l'investitore privato ad un guadagno di E= S K S K 1 K S K S 7 E=S K 6 K S K S =S K 6 Put K 7 7 se si assume per semplicita' che nel caso di perdite queste vengano divise equamente fra presito ed investimento.

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI PRODOTTI Gestione liquidità c/c di corrispondenza (bancario o postale) e strumenti di

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario Nozioni di Matematica Finanziaria 51 Analisi si scenario 103 Piani di ammortamento Rendite Regimi di capitalizzazione semplice e composta Tassi equivalenti

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni Introduzione alle opzioni Tipi di Opzioni La call è un opzione di acquisto La put è un opzione di vendita Le opzioni europee possono essere esercitate solo alla scadenza Le opzioni americane possono essere

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Rischio di credito Gestione dei rischi 5) Risk management 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti trattati

Dettagli

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni 1.Compro Azioni Question #1: Cos' è una Azione (un titolo azionario)? A) E' un Titolo rappresentativo della quota di una società B) E' una ricevuta per investire C) E' una assicurazione Question #2: Perchè

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (41 punti) Lei ha iniziato a lavorare quale analista obbligazionario. Il primo giorno di lavoro si trova confrontato con il seguente portafoglio obbligazionario

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli 1. I Tassi di interesse Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Strumenti (in generale) Un titolo rappresenta un diritto sui redditi futuri dell emittente o sulle sue attività Un

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni QUIZ CAPITOLO 19 Introduzione alle opzioni 1. La Figura 19.13a rappresenta un venditore dell opzione call; la Figura 19.13b un acquirente dell opzione call. 2. a. Il prezzo di esercizio dell opzione put

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI Cap. 1. La moneta e i bisogni di pagamento 1) Si illustrino i problemi che incontrano gli scambisti nel regolamento di uno scambio monetario.

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina.

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. La Fed ieri ha tranquillizzato i mercato dicendo che terrà i tassi bassi fino al 2013. La conseguenza è stata che il T-note è schizzato a 131 il suo massimo

Dettagli

IL CONTESTO Dove Siamo

IL CONTESTO Dove Siamo IL CONTESTO Dove Siamo INFLAZIONE MEDIA IN ITALIA NEGLI ULTIMI 60 ANNI Inflazione ai minimi storici oggi non è più un problema. Tassi reali a: breve termine (1-3 anni) vicini allo 0 tassi reali a medio

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

GUADAGNARE CON LE OBBLIGAZIONI. Gianni Lupotto

GUADAGNARE CON LE OBBLIGAZIONI. Gianni Lupotto GUADAGNARE CON LE OBBLIGAZIONI Gianni Lupotto www.lupotto.info Torino Milano Roma 2 Ci trovate anche su BOND TV BOND TV Tutti i Martedì ore 19:30 Repliche in settimana Sky canale 507 oppure www.cubovision.it/tv/class-cnbc

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Fausto Tenini - Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Cash flow stream ( Successione di Flussi di Cassa)

Cash flow stream ( Successione di Flussi di Cassa) Cash flow stream ( Successione di Flussi di Cassa) Investimento è definito come un impiego di risorse effettuato allo scopo di ottenere un guadagno più avanti nel tempo. Investimento monetario è l impiego

Dettagli

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Il rischio di cambio Luisa Graziani 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Comprendere il mercato dei cambi per proteggersi

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Dott. Gabriele Sabato Luglio 2003 Abstract Lo sviluppo dei prodotti derivati ha interessato anche quelli su valute che permettono

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari SULLA STRUTTURA FINANZIARIA DI CONTRATTI ASSICURATIVI LINKED CON MINIMO GARANTITO SOMMARIO 1. Introduzione

Dettagli

Reverse Convertible OPPURE

Reverse Convertible OPPURE Rischio Rischio Rischio Investor Education Emissioni L ingegnerizzazione di una : I diversi profili Covered Warrant.8.1.12.1.16.8.1.12.1.16 Obbligazioni Strutturate 2 Rendimento.16.1.12.1.8 Rendimento.16.1.12.1.8

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA anno accademico 2007/2008 modulo n. 1 Lezioni 6 Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria LE OPTION Contratto a termine mediante

Dettagli

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics CompAM FUND Società d'investimento a Capitale Variabile (SICAV) Sede legale: 4, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg Registro delle imprese lussemburghese N B92095 COMUNICAZIONE AGLI AZIONISTI I. COMPARTO

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a medio - lungo termine CTZ: Certificati del Tesoro zero coupon ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Finanziamento tramite debiti 5) Risk management Introduzione alle opzioni 6) Temi speciali di finanza aziendale

Dettagli

La struttura a Termine dei Tassi d interesse

La struttura a Termine dei Tassi d interesse La struttura a Termine dei Tassi d interesse Idee fondamentali Il tempo è rischio, quindi 100 domani non valgono 100 oggi. Ergo si deve attualizzare, ossia trovare il valore attuale dei 100 domani. Tuttosi

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Il Sig. X è un gestore obbligazionario cui è stata assegnata la gestione del comparto obbligazionario internazionale

Dettagli