(Finanze) Mercoledì 16 settembre Commissione VI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(Finanze) Mercoledì 16 settembre 1992 31 Commissione VI"

Transcript

1 Mercoledì 16 settembre Commissione VI VI COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze) IN SEDE LEGISLATIVA Mercoledì 16 settembre 1992, ore 16,15. Presidenza del Presidente Manfredo MAN FREDI. Intervengono i sottosegretari di Stato per il tesoro Piergiovanni Malvestio e per le finanze Stefano de Luca. Disegno di legge: Adeguamento alle direttive 83/181/CEE e 83/183/ CEE, del 28 marzo 1983, come modificate, rispettivamente, dalle direttive 88/331/CEE, del 13 giugno 1988, e 89/604/CEE, del 23 novembre 1989, concernenti franchigie fiscali applicabili a talune importazioni definitive di beni (956). (Parere della I, della III, della V, della X Commissione e della Commissione speciale per le politiche comunitarie). (Seguito della discussione e rinvio). La Commissione prosegue la discussione del disegno di legge. Nessuno chiedendo di parlare, il presidente Manfredo MANFREDI dichiara chiusa la discussione sulle linee generali. Il relatore Adriano BIASUTTI (gruppo della DC), intervenendo in replica, ricorda come tutti i gruppi si siano espressi in senso favorevole all'approvazione del testo, che pertanto sollecita. Avendo il rappresentante del Governo rinunciato ad intervenire, il presidente Manfredo MANFREDI avverte che, non essendo ancora pervenuti i pareri delle Commissioni competenti, nella seduta odierna la Commissione potrà procedere all'esame dell'articolo unico ma non alla votazione finale del disegno di legge. Comunica quindi che all'articolo unico sono stati presentati i seguenti emendamento e articoli aggiuntivi: Aliarticolo 1 aggiungere il seguente comma 5: È recepita la direttiva CEE 69/335. Asquini. Dopo Varticolo 1 aggiungere il seguente: ART. I-bis. 1. È recepita la direttiva CEE 69/335.

2 Mercoledì 16 settembre Commissione VI 2. Tutte le norme in palese contraddizione con tale direttiva si intendono abrogate Asquini. Dopo Varticolo 1 aggiungere il seguente: ART. I-bis. 1. È recepita la direttiva CEE 69/ In applicazione alla direttiva CEE è soppresso il comma 19 dell'articolo 3 della legge n. 17/ All'onere derivante dall'applicazione del presente articolo si fa fronte mediante le modifiche legislative di cui all'allegato A ALLEGATO A Asquini. Sono abrogati l'articolo 8 del regio decreto n del 26 agosto 1937 e l'articolo 5, comma 4, legge n. 388 del 24 luglio È abrogato l'articolo 7 della legge n. 121 del 25 marzo È abrogato l'articolo 5, comma 34, della legge n. 53 dell'8 marzo È abrogato l'articolo 5, comma 1 della legge n. 146 del 24 aprile È abrogato l'articolo 1, comma 6, della legge n. 440 dell'8 agosto È abrogato l'articolo 1 della legge n. 38 del 27 febbraio È abrogato l'articolo 74, comma 5, del n. 633, del 26 ottobre È abrogato l'articolo 65 del regio decreto n del 30 dicembre È abrogato l'articolo 111, comma 3, del n. 917, del 22 dicembre È abrogato l'articolo 103, comma 3, del È abrogato l'articolo 65, comma 1, del È abrogato l'articolo 33, comma 3, del È abrogato l'articolo 10, comma 1 T, del È abrogato l'articolo 10, comma 1 N, del È abrogato l'articolo 8, comma 2, della legge n. 752 dell'8 novembre È abrogato l'articolo 10-bis Ali. A del n. 642 del 26 ottobre È abrogato l'articolo 4, comma 4, del n. 633, del 26 ottobre È abrogato l'articolo 3, comma 4, L. A del n. 633, del 26 ottobre È abrogato l'articolo 34-Hs del decreto del Presidente della Repubblica n. 601, del 29 È abrogato l'articolo 21 del decreto del È abrogato l'articolo 70, comma 5 del T.U. n. 76, del 30 marzo È abrogato l'articolo 3 del decreto del È abrogato l'articolo 2 del decreto del È abrogato l'articolo 1 del decreto del È abrogato l'articolo 65, comma 2, L. A del m 917, del 22 dicembre È abrogato l'articolo 48 del decreto del Presidente della Repubblica n. 917 del 22 dicembre 1986 e l'articolo 3, comma 1 della legge n. 381 dell'i 1 dicembre È abrogato l'articolo 12, comma 1, 2 della legge n. 163, del 30 aprile 1985,

3 Mercoledì 16 settembre Commissione VI nonché l'articolo 65, comma 3 del decreto del Presidente della Repubblica n. 917, del 22 dicembre 1986 e l'articolo 2, comma 4 del decreto-legge n. 69 del 2 dicembre È abrogato l'articolo 33, comma 1, del n. 601, del 29 È abrogato l'articolo 6, comma 1, del n. 601, del 29 È abrogato l'articolo 4, comma 1, del decreto-legge n. 120, del 22 maggio 1990, nonché l'articolo 6, comma 1 del decretolegge n. 192 del 21 luglio 1990 e l'articolo 6, comma 1 del decreto-legge n. 261 del 15 settembre È abrogato l'articolo 21 del decreto del È abrogato l'articolo 8, comma 4, del decreto-legge n. 474 del 20 novembre È abrogato l'articolo 4, comma 4, del decreto-legge n. 8 del 26 gennaio È abrogato l'articolo 14, còmma 5, della legge n. 64 del 1 marzo È abrogato l'articolo 101, comma 1, del n. 218 del 26 marzo È abrogato l'articolo 34-bis, comma 1, del decreto-legge n. 69 del 2 marzo 1989 (legge n. 154). È abrogato l'articolo 8, comma 34, della legge n. 67 dell'i 1 novembre Il deputato Roberto ASQUINI (gruppo della lega nord) fa presente che i suoi emendamenti tendono al recepimento formale della direttiva 69/335 soggetta nel passato a svariate interpretazioni, soprattutto in materia di tassa sulle società. Dopo aver ricordato alla Commissione che la direttiva citata è applicata in tutti gli altri Stati membri della CEE, illustra specificamente il contenuto degli emendamenti. Il presidente Manfredo MANFREDI, nel ricordare al deputato Asquini le procedure per il recepimento delle direttive, che garantiscono l'adeguamento dell 'ordinamento nazionale a quello comunitario, osserva che dovrebbe ritenere inammissibili gli emendamenti presentati, per l'estraneità della materia, e invita il presentatore al ritiro, avvertendo che, in caso contrario, non potrebbe che sospendere l'esame del disegno di legge ed investire della questione la Presidenza della Camera. Il deputato Gianna SERRA (gruppo PDS), pur concordando con l'inammissibilità degli emendamenti, ricorda come la questione della tassa sulle società sia stata parzialmente affrontata in sede di conversione in legge del decreto-legge n. 333 e ritiene che, inoltre, il recepimento della direttiva 69/335 andrebbe affrontato nel complesso delle disposizioni da essa recate. A tal proposito chiede al Governo quale sia il suo orientamento per arrivare al recepimento della direttiva. Il presidente Manfredo MANFREDI, nel ribadire la posizione da lui precedentemente espressa, invita i componenti della Commissione a non entrare nel merito della questione e ritiene piuttosto opportuno sollecitare il Governo ad adottare la necessaria iniziativa legislativa per il recepimento della direttiva 69/335. Il deputato Roberto ASQUINI (gruppo della lega nord) ritira i suoi emendamenti ed annuncia la presentazione di una sua proposta di legge, raccomandandone sin d'ora un rapido inserimento all'ordine del giorno della Commissione. Il presidente Manfredo MANFREDI assicura il collega Asquini che l'ufficio di presidenza si occuperà della calendarizzazione della sua preannunciata proposta di legge, non appena assegnata. Rinvia quindi ad altra seduta il seguito della discussione del disegno di legge. La seduta termina alle 16,35.

4 Mercoledì 16 settembre Commissione VI IN SEDE REFERENTE Mercoledì 16 settembre 1992, ore 16,35. Presidenza del Presidente Manfredo MAN FREDI. Intervengono i sottosegretari di Stato per il tesoro, Piergiovanni Malvestio e per le finanze, Stefano de Luca. Proposte di legge: PIRO ed altri: Istituzione e disciplina dei fondi di investimento mobiliare chiusi (261). ROSINI ed altri: Istituzione e disciplina dei fondi comuni di investimento mobiliare chiusi (856). (Parere della II e della V Commissione). PELLICANO ed altri: Istituzione e disciplina dei fondi comuni di investimento mobiliare chiusi (998). TURCI ed altri: Istituzione dei fondi di investimento mobiliari chiusi a rìschio e regime fiscale dell'attività di investimento istituzionale nel capitale a rìschio (1429). (Parere della I, della II e della V Commissione). (Seguito dell'esame e rinvio con di un Comitato ristretto). nomina La Commissione prosegue Tesarne delle proposte di legge. Il presidente Manfredo MANFREDI avverte che nel frattempo è stata assegnata anche la proposta di legge Turci ed altri n. 1429, che compare pertanto all'ordine del giorno. Un'altra proposta di legge è stata inoltre presentata da colleghi del gruppo PSI, ma non ancora assegnata. Il deputato Giancarlo SITRA (gruppo del PDS) osserva anzitutto che se il provvedimento sui fondi chiusi non si è tradotto in legge nelle ultime legislature ciò è dovuto in primo luogo alla scarsa volontà delle maggioranze che sostenevano i governi nel frattempo succedutisi di mettere realmente questo strumento finanziario a disposizione delle piccole e medie imprese. Il PDS esprime pertanto la sua disponibilità a recuperare il tempo perduto favorendo una rapida approvazione del provvedimento, più che mai necessario in questo periodo, in cui le imprese interessate soffrono in modo particolare della congiuntura e della stretta creditizia in atto. La proposta del relatore di assumere come testo base il progetto n. 856 rischia però di allungare i tempi, in quanto proprio il testo approvato dal Senato nella passata legislatura e qui riprodotto fu causa del mancato decollo del provvedimento, comportando problemi di stabilità, in danno dei sottoscrittori, e consentendo speculazioni ai gestori. Il testo presentato nel marzo 1991 dal relatore Fiori nell'ambito del Comitato ristretto teneva invece conto anche delle altre proposte di legge in esame all'epoca, e su quel testo è ora modellata, con le opportune modifiche, la proposta di legge 1429 presentata dal suo gruppo. Nella scorsa legislatura le difficoltà si incentrano in modo particolare sul regime fiscale, sul quale segnatamente si registrò un disaccordo tra il Tesoro e le Finanze. Occorre ora ricercare nell'ambito del Comitato ristretto un accordo che consenta la definizione di un testo da trasmettere poi alle Commissioni investite del provvedimento in sede consultiva, al fine di ottenere il trasferimento in sede legislativa. Con il decreto legislativo n. 83 del 1992 viene ammodernato in gran parte l'impianto della legge n. 77 del 1983, istitutiva di fondi comuni di investimento, sulla scorta delle novità normative nel frattempo intervenute, a partire dalla legge n. 1 del 1991 sulle SIM. IL PDS è convinto dell'incostituzionalità di quel decreto legislativo, che reca rilevanti modifiche normative al di fuori della delega, abbassando anzitutto il carico tributario sul patrimonio dei fondi, eliminando il vincolo della consistenza minima di azioni e obbligazioni convertibili sul totale, aumentando il credito d'imposta sui proventi derivanti dalla partecipazione al fondo: da tutto ciò deriva una riduzione di gettito non autorizzata dal Parlamento e comunque priva di copertura, e su questi aspetti il suo gruppo intende provocare un chiarimento da parte del Governo, mediante una interrogazione ai ministri del tesoro e delle finanze.

5 Mercoledì 16 settembre Commissione VI Quanto al merito della proposta di legge 1429, essa si discosta in alcuni punti importanti dal contenuto delle altre proposte di legge all'ordine del giorno. Il capitale minimo sarebbe fissato in 5 miliardi, e la gestione affidabile anche a merchant banks, ciò che stimolerebbe una forte professoinalità nei soggetti dell'intermediazione. Ciascuna società potrebbe poi gestire anche più fondi, aumentando percentualmente il capitale. L'autorizzazione e la vigilanza dovrebbero essere affidate alla CONSOB d'intesa con la Banca d'italia, piuttosto che al Ministero del tesoro. L'emissione di quote, trattabili al mercato ristretto, potrebbe essere unica, per una durata minima di dieci anni, e il loro valore unitario non dovrebbe essere inferiore a 100 milioni. Quanto alla composizione patrimoniale, la percentuale di titoli non quotati dovrebbe oscillare tra le soglie del 40 e del 70 per cento. In ordine infine alla concentrazione, non dovrebbe essere consentita la detenzione di azioni o quote della stessa società oltre il 30 per cento del capitale sociale. Il vero discrimine della proposta di legge 1429 rispetto alle altre risiede tuttavia nel trattamento tributario: anziché ricorrere al meccanismo del sostituto d'imposta si prevede infatti di ricondurre a progressività l'imposizione sui proventi al netto dell'indice dei prezzi al consumo, in tal modo incoraggiando il ricorso a fondi propri: si eviterebbero così disparità di trattamento e perdita di gettito. Il suo gruppo è contrario ad agevolazioni indiscriminate a tutte le piccole e medie imprese, e favorevole invece a concentrare le risorse su quelle ritenute meritevoli, al fine di evitare un uso clientelare dello strumento che si vuole istituire. Nel ribadire la volontà del gruppo del PDS di arricchire il quadro normativo con l'istituzione dei fondi chiusi, concorda con la proposta di nominare un Comitato ristretto, sollecitando in particolare che vengano ascoltati gli operatori del settore. Il deputato Beppe GARESIO (gruppo del PSI), nel ricordare che il suo gruppo ha presentato una nuova proposta di legge in materia, in attesa di assegnazione, ritiene che debba essere accelerato per quanto possibile l'iter, riservandosi di intervenire nel dettaglio nell'ambito del Comitato ristretto. Il deputato Franco PIRO (gruppo del PSI) osserva che le proposte di legge tengono conto delle norme entrate nell'ordinamento dopo l'approvazione da parte del Senato, nel 1988, del testo sui fondi chiusi. Spetterebbe però al Governo, a questo punto, precisare nella sua responsabilità quali sono i margini che si prefige di rispettare per quanto riguarda in particolare il trattamento tributario. Occorrerà quindi chiarire se si intende indirizzare i fondi chiusi alla generalità dei risparmiatori oppure solo agli investitori istituzionali mediante la fissazione di soglie: nella sostanza, infatti, con i fondi chiusi si realizza un finanziamento da parte dei privati alle piccole e medie imprese, in quanto il contributo dello Stato si pone solo come incentivo. Il presidente Manfredo MANFREDI, nel convenire sull'esistenza dei nodi preliminari indicati dal collega Piro, ricorda che il dibattito verte comunque sulle proposte di legge così come sono formulate. Il Governo è chiamato a dare il suo contributo nell'ambito del dibattito, e in particolare nel corso del lavoro del Comitato ristretto; in quella sede sarà poi possibile procedere alle audizioni cui si è fatto cenno. Il deputato Claudio PIOLI (gruppo della Lega nord) concorda con l'istituzione del Comitato ristretto. Preannuncia che in quella sede la Lega nord presenterà delle proposte a tutela del risparmiatore, che non appare adeguatamente garantito dalle proposte di legge in esame, volte a favorire le piccole e medie imprese. Il relatore Giacomo ROSINI (gruppo DC) dopo aver rilevato il consenso registratosi sulla sua proposta metodologica, per arrivare alla rapida approvazione del testo, sollecita il rappresentante del Governo a manifestare il suo orientamento,

6 Mercoledì 16 settembre Commissione VI anche in questa fase, soprattutto sul tema del trattamento tributario dei fondi chiusi. Il sottosegretario Piergiovanni MALVE- STIO, osservando che le proposte di legge all'esame della Commissione investono la competenza di più ministeri, al fine di consentirne una valutazione complessiva da parte dell'esecutivo si riserva di intervenire in sede di Comitato ristretto. La Commissione procede quindi alla nomina del Comitato ristretto, i cui componenti saranno indicati sulla base delle designazioni dei gruppi. La seduta termina alle 17,10.

Attuazione della direttiva 2011/61/UE, in materia di fondi di investimento alternativi

Attuazione della direttiva 2011/61/UE, in materia di fondi di investimento alternativi Attuazione della direttiva 2011/61/UE, in materia di fondi di investimento alternativi (Schema di decreto legislativo n. 55) N. 51 15 gennaio 2014 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA -------------------- XVII LEGISLATURA ------------------ 6 a Commissione permanente (FINANZE E TESORO) 284ª seduta: martedì 20 ottobre 2015, ore 15 285ª seduta: mercoledì 21 ottobre

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

IX COMMISSIONE PERMANENTE

IX COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 16 settembre 2015 166 Commissione IX IX COMMISSIONE PERMANENTE (Trasporti, poste e telecomunicazioni) S O M M A R I O SEDE CONSULTIVA: Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Nuovo testo

Dettagli

Legislatura 17 ATTO CAMERA

Legislatura 17 ATTO CAMERA Camera dei Deputati Legislatura 17 ATTO CAMERA Sindacato Ispettivo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA IN COMMISSIONE : 5/03940 presentata da GEBHARD RENATE il 04/11/2014 nella seduta numero 324 Assegnato

Dettagli

ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA. del 25 marzo 2015. sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13)

ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA. del 25 marzo 2015. sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13) IT ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 marzo 2015 sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13) Introduzione e base giuridica Il 20 febbraio 2015 la Banca centrale europea (BCE) ha

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/40/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott.ssa Simonetta Rosa Dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 10 aprile 1998, n. 137 DISPOSIZIONI CORRETTIVE DEL DECRETO LEGISLATIVO 15 DICEMBRE 1997, n. 446, CONCERNENTE L'ISTITUZIONE DELL'IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITA' PRODUTTIVE, LA REVISIONE

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

Vigente al: 5-6-2015 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Vigente al: 5-6-2015 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 7 maggio 2015, n. 66 Norme per l'attuazione della direttiva 2013/14/UE, che modifica le direttive 2003/41/CE, 2009/65/CE e 2011/61/UE, e per l'adeguamento alle disposizioni del regolamento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA L. 13 maggio 1983, n. 197. Ristrutturazione della Cassa depositi e prestiti. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; la seguente legge: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA -------------------- XVII LEGISLATURA ------------------ 6 a Commissione permanente (FINANZE E TESORO) *316ª seduta: giovedì 28 gennaio 2016, ore 12 ORDINE DEL GIORNO PROCEDURE

Dettagli

Legislatura 17 ATTO CAMERA

Legislatura 17 ATTO CAMERA Camera dei Deputati Legislatura 17 ATTO CAMERA Sindacato Ispettivo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA IN COMMISSIONE : 5/04255 presentata da FRAGOMELI GIAN MARIO il 10/12/2014 nella seduta numero 347

Dettagli

I1 Ministro dell 'Economia e delle Finanze

I1 Ministro dell 'Economia e delle Finanze 1 Ministro dell 'Economia e delle Finanze Vista la legge 26 gennaio 1961, n. 29, recante la disciplina della riscossione dei carichi in materia di tasse e di imposte indirette sugli affari; Visto il decreto

Dettagli

(ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI, RICERCA SCIENTIFICA, SPETTACOLO E SPORT)

(ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI, RICERCA SCIENTIFICA, SPETTACOLO E SPORT) Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2146-A RELAZIONE DELLA 7ª COMMISSIONE PERMANENTE (ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI, RICERCA SCIENTIFICA, SPETTACOLO E SPORT) (Relatore BEVILACQUA) Comunicata

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull'organizzazione dei mercati mobiliari.

Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull'organizzazione dei mercati mobiliari. TITOLO I Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare e disposizioni sull'organizzazione dei mercati mobiliari. Disciplina dell'attività di intermediazione mobiliare Art 4. Partecipazione al capitale

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA IX LEGISLATURA (N. 2123) DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri (CRAXI) dal Ministro del Tesoro (GORIA) e dal Ministro dell'interno (SCALFARO) di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA X LEGISLATURA N. DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri (GORIA) e dal Ministro dell'industria, del Commercio e dell' Artigianato (BATTAGLIA) di concerto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA IX LEGISLATURA (N. 582-A) RELAZIONE DELLA 10 COMMISSIONE (INDUSTRIA, COMMERCIO, TURISMO) PERMANENTE (RELATORE VETTORI) Comunicata alla Presidenza il 21 marzo 1984 SUL DISEGNO DI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA L. 13 maggio 1983, n. 197. Ristrutturazione della Cassa depositi e prestiti. (Testo integrato con le modifiche apportate dall'art. 7, D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 284; dall'art. 13, L. 24 dicembre 1993, n.

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

3. Regime fiscale dei partecipanti... 15

3. Regime fiscale dei partecipanti... 15 Circolare n. 33/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 luglio 2011 OGGETTO: Articolo 2, commi da 62 a 79, del decreto-legge del 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla legge 26

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 24 DICEMBRE 1957, n. 1295 (GU n. 009 del 13/01/1958) COSTITUZIONE DI UN ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO CON SEDE IN ROMA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.9 DEL 13 GENNAIO 1958) URN: urn:nir:stato:legge:1957-12-24;1295

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

7ª COMMISSIONE PERMANENTE

7ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 7ª COMMISSIONE PERMANENTE (Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport) DISEGNI DI LEGGE IN SEDE DELIBERANTE 18º Resoconto stenografico

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 Maggio 2007, n. 62 Regolamento per l'adeguamento alle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in materia di forme pensionistiche

Dettagli

OSSERVATORIO N. 04 1. PROGETTI DI LEGGE ANNUNCIATI E/O ASSEGNATI

OSSERVATORIO N. 04 1. PROGETTI DI LEGGE ANNUNCIATI E/O ASSEGNATI FITA OSSERVATORIO N. 04 1. PROGETTI DI LEGGE ANNUNCIATI E/O ASSEGNATI 1.1. C A M E R A 1.1. 17.01. La proposta di legge 5449 ( Disposizioni per la realizzazione e il finanziamento della produzione di carte

Dettagli

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 1 Macerata, 14 novembre IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 2 Macerata, 14 novembre LE INIZIATIVE A LIVELLO EUROPEO: EUVECA, EUSEF Il 17 aprile 2013 sono stati pubblicati: (i) il

Dettagli

DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85

DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85 DECRETO LEGGE 16 maggio 2008 n. 85 Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell'articolo 1, commi 376 e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. Pubblicato nella

Dettagli

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Disposizioni concernenti gli obblighi di comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti da parte dei soggetti abilitati e degli agenti di cambio.

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 28

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 28 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 28 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) INTERROGAZIONI 385ª seduta: mercoledì 24 ottobre 2012 Presidenza del presidente BALDASSARRI

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

in B.U. R.S. n. 14 del 30-3-2.007 sommario CIRC R(19) 7_07 Pag: 1

in B.U. R.S. n. 14 del 30-3-2.007 sommario CIRC R(19) 7_07 Pag: 1 CIRC R(19) 7_07 Pag: 1 Circolare Regione Sicilia Commercio n. 7 del 19/03/2007 Decreto legge 4 luglio 2006, n.223, convertito, con modificazioni, nella legge 4 agosto 2006, n.248. Articoli 3, 4, 5 e 11.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XXIV n. 10 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) d iniziativa del senatore CONTI approvata il 29 giugno 2010 ai sensi dell articolo

Dettagli

Pagina 1 di 6 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Pagina 1 di 6 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Pagina 1 di 6 DECRETO 14 ottobre 2005, n.256 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Modifiche al regolamento emanato con decreto ministeriale 24 maggio 1999, n. 228, attuativo dell'articolo 37 del TUF,

Dettagli

Oggetto: Autotrasporto Nuovo regime tariffario - Costi medi chilometrici del gasolio del mese di ottobre 2008.

Oggetto: Autotrasporto Nuovo regime tariffario - Costi medi chilometrici del gasolio del mese di ottobre 2008. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 21 novembre

Dettagli

X COMMISSIONE PERMANENTE

X COMMISSIONE PERMANENTE Giovedì 18 febbraio 2010 180 Commissione X X COMMISSIONE PERMANENTE (Attività produttive, commercio e turismo) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sui

Dettagli

V COMMISSIONE PERMANENTE

V COMMISSIONE PERMANENTE Giovedì 21 marzo 1991-13 Commissione V V COMMISSIONE PERMANENTE (Bilancio, tesoro e programmazione) IN SEDE CONSULTIVA Giovedì 21 marzo 1991, ore 12,45. Presidenza del Presidente Mario D'ACQUI- STO. Interviene

Dettagli

MINISTERO DEL TESORO. 17, comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996;

MINISTERO DEL TESORO. 17, comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996; MINISTERO DEL TESORO DECRETO 21 novembre 1996, n. 703 (G.U. 22 febbraio 1997, 44) Regolamento recante norme sui criteri e sui limiti di investimento delle risorse dei fondi di pensione e sulle regole in

Dettagli

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Regime di perequazione specifica aziendale per le imprese di distribuzione elettrica con meno di 5.000 punti di prelievo, ai sensi dell articolo 38, comma

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

XIV COMMISSIONE PERMANENTE

XIV COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 26 luglio 2000 127 Commissione XIV XIV COMMISSIONE PERMANENTE (Politiche dell Unione europea) S O M M A R I O ATTI COMUNITARI: Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio per

Dettagli

STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI. Art. 1. Natura giuridica

STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI. Art. 1. Natura giuridica STATUTO DELL'AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI Art. 1. Natura giuridica 1. L'Agenzia nazionale per i giovani, di seguito denominata: "Agenzia", e' agenzia di diritto pubblico ai sensi dell'articolo 8 del

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

17, comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996; MINISTERO DEL TESORO

17, comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996; MINISTERO DEL TESORO MINISTERO DEL TESORO DECRETO 21 novembre 1996, n. 703 (G.U. 22 febbraio 1997, 44) Regolamento recante norme sui criteri e sui limiti di investimento delle risorse dei fondi di pensione e sulle regole in

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

D.M.703/96. comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996; MINISTERO DEL TESORO

D.M.703/96. comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996; MINISTERO DEL TESORO MINISTERO DEL TESORO DECRETO 21 novembre 1996, n. 703 (G.U. 22 febbraio 1997, 44) Regolamento recante norme sui criteri e sui limiti di investimento delle risorse dei fondi di pensione e sulle regole in

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA IX LEGISLATURA 6 a COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e Tesoro) 8 RESOCONTO STENOGRAFICO SEDUTA DI MARTEDÌ 13 MARZO 1984 Presidenza del Presidente VENANZETTI INDICE Disegni di legge

Dettagli

Rassegna di informazioni ANMIL

Rassegna di informazioni ANMIL ASSOCIAZIONE NAZIONALE FRA LAVORATORI MUTILATI E INVALIDI DEL LAVORO ANNO V numero 18 14 maggio 2010 Rassegna di informazioni ANMIL a cura dell Ufficio I Servizi Istituzionali Direzione generale Redazione:

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale Legge 21 novembre 2000, n. 342 Misure in materia fiscale Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25 novembre 2000 - Supplemento Ordinario Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Art.

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'industria, il commercio estero, la ricerca e l'energia ***I PROGETTO DI RELAZIONE

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'industria, il commercio estero, la ricerca e l'energia ***I PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione per l'industria, il commercio estero, la ricerca e l'energia 5 aprile 2001 PROVVISORIO 2000/0328(COD) ***I PROGETTO DI RELAZIONE sulla proposta di regolamento del

Dettagli

Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 24 settembre 2015

Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 24 settembre 2015 Numero 02871/2015 e data 22/10/2015 Spedizione R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 24 settembre 2015 NUMERO AFFARE 01548/2015

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 26 giugno 2006

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 26 giugno 2006 CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 giugno 2006 OGGETTO: Trattamento fiscale delle prestazioni rese da fondi integrativi di previdenza costituiti presso gli enti di cui

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 3.4.2014 L 100/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 342/2014 DELLA COMMISSIONE del 21 gennaio 2014 che integra la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga REGIONE PIEMONTE BU47 22/11/2012 Legge regionale 16 novembre 2012, n. 13. Ulteriori modifiche alla legge regionale 9 giugno 1994, n. 18 (Norme di attuazione della legge 8 novembre 1991, n. 381 'Disciplina

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014 del 29 agosto 2014 1) OICVM: pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea la Direttiva 2014/91/UE di modifica della Direttiva 2009/65/CE 2) CRD IV: pubblicato

Dettagli

COMUNE DI SAN BONIFACIO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN BONIFACIO Provincia di Verona DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 30/11/2009 OGGETTO: Convenzione con la per la gestione del servizio di trasporto degli alunni disabili frequentanti gli istituti scolastici superiori e i

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO l'articolo 3 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56

Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56 Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56 "Attuazione della direttiva 2001/97/CE in materia di prevenzione dell'uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi da attività illecite" pubblicato

Dettagli

IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6.

IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6. IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6. ABROGAZIONI 1 1. SINTESI Con la re-istituzione dell imposta sulle successioni

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLIC

SENATO DELLA REPUBBLIC SENATO DELLA REPUBBLIC VII LEGISLATURA (N. 498 e 481-A) RELAZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE 8 a (Lavori pubblici, Comunicazioni) e 10 a (Industria, Commercio, Turismo) (RELATORE GIROTTI) sui DISEGNI DI

Dettagli

LUCISANO MEDIA GROUP S.P.A.

LUCISANO MEDIA GROUP S.P.A. LUCISANO MEDIA GROUP S.P.A. Assemblea ordinaria dei soci del 30 aprile 2015 Il giorno 30 aprile 2015, alle ore 9:00, si è riunita in Via G. Romagnosi n. 20, in Roma, presso la sede sociale, in unica convocazione,

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013 Numero 00503/2015 e data 19/02/2015 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013 OGGETTO: Autorita' garante della

Dettagli

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO 3.4.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 98/3 COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO DECISIONE DEL COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO del 27 gennaio 2014 su un quadro di coordinamento

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

CIRCOLARE N.22/E. Roma, 11 luglio 2014

CIRCOLARE N.22/E. Roma, 11 luglio 2014 CIRCOLARE N.22/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 11 luglio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA IT ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 30 luglio 2012 in merito alla riforma della vigilanza sulle assicurazioni e sul risparmio previdenziale (CON/2012/61) Introduzione e base giuridica

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544 AUDIZIONE DELLA FEDERAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELL AEROSPAZIO, DIFESA E SICUREZZA () E DELL ASSOCIAZIONE PER I SERVIZI, LE APPLICAZIONI E LE TECNOLOGIE ICT PER LO SPAZIO () AUDIZIONE INFORMALE NELL

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e movimenti politici, nonché misure per garantire la trasparenza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Vili LEGISLATURA (N. 1432) DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri (FORLANI) e dal Ministro della Sanità (ANIASI) COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) Presentata alla Presidenza il 24 settembre 1999. (Relatore: TESTA) SUL DISEGNO DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) Presentata alla Presidenza il 24 settembre 1999. (Relatore: TESTA) SUL DISEGNO DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6322-A RELAZIONE DELLA V COMMISSIONE PERMANENTE (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) Presentata alla Presidenza il 24 settembre 1999 (Relatore:

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1740

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1740 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 1740 Detrazioni per spese di ristrutturazione edilizia effettuate da contribuenti di età superiore a settantacinque e a ottanta anni 24/11/2015-10:34 Indice

Dettagli

D.Lgs. 20-11-1990 n. 357 Disposizioni sulla previdenza degli enti pubblici creditizi. Pubblicato nella Gazz. Uff. 3 dicembre 1990, n. 282, S.O.

D.Lgs. 20-11-1990 n. 357 Disposizioni sulla previdenza degli enti pubblici creditizi. Pubblicato nella Gazz. Uff. 3 dicembre 1990, n. 282, S.O. D.Lgs. 20-11-1990 n. 357 Disposizioni sulla previdenza degli enti pubblici creditizi. Pubblicato nella Gazz. Uff. 3 dicembre 1990, n. 282, S.O. 5. Trasformazione degli attuali fondi pensionistici e loro

Dettagli

CONFERENZA UNIFICATA. Roma 6 giugno 2012 ore 15.00. Informativa resa

CONFERENZA UNIFICATA. Roma 6 giugno 2012 ore 15.00. Informativa resa CONFERENZA UNIFICATA Roma 6 giugno 2012 ore 15.00 PUNTO O.D.G. ESITI Approvazione del verbale del 10 maggio 2012 Approvati 1) Informativa in merito alla consultazione pubblica per l adozione di provvedimenti

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016 SCHEMA DI REGOLAMENTO IVASS N. DEL CONCERNENTE LE INFORMAZIONI QUANTITATIVE PERIODICHE DA TRASMETTERE ALL IVASS AI FINI DI STABILITÀ FINANZIARIA E DI VIGILANZA MACROPRUDENZIALE

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

(1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 2 marzo 1999, n. 50.

(1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 2 marzo 1999, n. 50. L. 26-2-1999 n. 42 Disposizioni in materia di professioni sanitarie. Pubblicata nella Gazz. Uff. 2 marzo 1999, n. 50. L. 26 febbraio 1999, n. 42 (1). Disposizioni in materia di professioni sanitarie. (1)

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA -------------------- XVII LEGISLATURA --------------------

SENATO DELLA REPUBBLICA -------------------- XVII LEGISLATURA -------------------- SENATO DELLA REPUBBLICA -------------------- XVII LEGISLATURA -------------------- 7 a Commissione permanente (ISTRUZIONE PUBBLICA, BENI CULTURALI, RICERCA SCIENTIFICA, SPETTACOLO E SPORT) *250ª seduta:

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni; D.P.R. 14 maggio 2007, n. 86 (1). Regolamento per il riordino degli organismi operanti presso il Ministero della salute, a norma dell'articolo 29 del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206. "Codice del consumo, a norma dell'articolo 7 della legge 29 luglio 2003, n. 229"

Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206. Codice del consumo, a norma dell'articolo 7 della legge 29 luglio 2003, n. 229 Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 "Codice del consumo, a norma dell'articolo 7 della legge 29 luglio 2003, n. 229" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 235 del 8 ottobre 2005 - Supplemento

Dettagli

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA IT PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 14 febbraio 2011 relativo alla partecipazione dell Italia agli interventi del Fondo monetario internazionale per fronteggiare la crisi finanziaria (CON/2011/10)

Dettagli

INDICE GENERALE. Mercoledì 15 ottobre 2008 320 Indice Generale COMITATO PER LA LEGISLAZIONE GIUNTA DELLE ELEZIONI GIUNTA PER LE AUTORIZZAZIONI

INDICE GENERALE. Mercoledì 15 ottobre 2008 320 Indice Generale COMITATO PER LA LEGISLAZIONE GIUNTA DELLE ELEZIONI GIUNTA PER LE AUTORIZZAZIONI Mercoledì 15 ottobre 2008 320 Indice Generale INDICE GENERALE COMITATO PER LA LEGISLAZIONE ESAME AI SENSI DELL ARTICOLO 16-BIS, COMMA 6-BIS, DEL REGOLAMENTO: energia. Esame nuovo testo C. 1441-ter Governo

Dettagli

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza 1 Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza In un momento in cui l economia inizia a riprendersi e il Paese a crescere, sono importanti le parole dell Autorità Garante della

Dettagli