Confindustria Vicenza Assemblea generale, lunedì 20 aprile 2009 Parte pubblica. Intervento del presidente Roberto Zuccato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Confindustria Vicenza Assemblea generale, lunedì 20 aprile 2009 Parte pubblica. Intervento del presidente Roberto Zuccato"

Transcript

1 Confindustria Vicenza Assemblea generale, lunedì 20 aprile 2009 Parte pubblica Intervento del presidente Roberto Zuccato Signor Ministro, Autorità, Presidente Marcegaglia, Presidente Tomat, care colleghe, colleghi, amiche, amici, a tutti voi il mio più caloroso benvenuto. Un affettuoso benvenuto anche ai colleghi presidenti delle territoriali che mi onorano oggi con la loro presenza compatta, a dimostrazione di quanto le associazioni del nostro territorio siano in questo momento unite e vicine. «E' dalla crisi che nasce l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi la supera, supera se stesso senza essere superato. Senza crisi non ci sono sfide, e senza sfida la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non ci sono meriti. E' dalla crisi che affiora il meglio di ciascuno, poiché senza crisi ogni vento è una carezza». Sono parole di Albert Einstein, scritte nel 1955 e trovo che siano le parole più adatte a spiegare il titolo della nostra assemblea: Prepariamoci al meglio. E passato un anno da quando ho assunto la presidenza ed è cambiato il mondo. Non per merito mio. E neppure per mia colpa. Non avrei mai pensato - e non sono certo l'unico - che in pochi mesi il mondo sarebbe cambiato così profondamente. Avvenimenti di portata globale hanno coinvolto e in molti casi sconvolto l economia, la finanza e la politica, modificando i comportamenti delle imprese, dei consumatori, ma anche i modi di vita delle persone. Ci troviamo in mezzo alla crisi più difficile del dopoguerra. Difficile perché ha minato le basi del sistema economico e finanziario, ma anche la fiducia delle persone. Difficile perché noi stessi siamo diversi dai tempi della ricostruzione, dagli anni Settanta, dai primi 1

2 anni Novanta, dalle altre crisi che abbiamo attraversato nel dopoguerra. Allora, soprattutto fino agli anni Settanta, venivamo da condizioni difficili. Eravamo abituati alla parsimonia, alla fatica. Ma dopo aver conosciuto il benessere e lo sviluppo, le crisi fanno più paura e, soprattutto, si è meno abituati ad affrontarle, per ragioni pratiche, perché abbiamo cambiato modi di vita, ma anche di pensare. Perché abbiamo cambiato mentalità. A differenza del passato, da qualche tempo, non riusciamo più a immaginare un futuro. Per la prima volta, nel dopoguerra, la maggior parte di noi pensa che i propri figli, nel corso della loro vita, non riusciranno a migliorare e neppure a eguagliare la condizione di vita e la posizione sociale degli adulti. È come se l ascensore sociale si fosse bloccato. Dobbiamo però reagire! Dobbiamo tornare a dirci con chiarezza che le nostre difficoltà presenti non sono la fine della storia e neppure dello sviluppo. Anzi, proprio in una situazione difficile come questa, noi, imprenditori vicentini, abbiamo maggiori possibilità e capacità degli altri per reagire. Per riprenderci. Perché non abbiamo dimenticato le nostre radici, perché siamo imprenditori e siamo vicentini. Perché siamo quelli che partendo da un laboratorio artigianale e una vecchia macchina da cucire hanno costruito un marchio del made in Italy. Siamo quelli che, ricchi solo di queste idee, hanno lasciato il posto fisso e investito i soldi della liquidazione per mettersi in proprio. In fondo, altre volte prima di oggi si è detto che eravamo destinati a restare indietro oppure a retrocedere. Per le nostre stesse caratteristiche e specificità. Perché siamo imprenditori vicentini. Perché siamo legati alla comunità locale, alla famiglia, alle tradizioni; perché siamo troppo manifatturieri; un economia legata al fare, poco proiettati verso la finanza. Come vedete, la storia non solo non finisce, ma al contrario si ripete. E le nostre debolezze, come in passato, potrebbero tornarci utili. Elementi di forza, che ci rendono in grado di adattarci meglio alle difficoltà, di reagire ai cambiamenti. 2

3 Timidi segnali di ottimismo ci giungono proprio in questi giorni dall opinion panel della Fondazione Nordest, piuttosto che dalla Banca d Italia o dall Ocse. Dal mercato immobiliare degli Stati Uniti giungono i primi segnali di stabilizzazione. In Cina le componenti di produzione e ordinativi sono in decisa espansione. Sono timidi ma incoraggianti segnali soprattutto per noi che più di ogni altro sistema economico locale in Italia siamo proiettati nel mondo. Con le nostre imprese, i nostri prodotti, le nostre idee. E come in passato abbiamo dato prova, tante volte, di saper reagire, così, ne sono certo, avverrà anche questa volta. Proprio per le nostre caratteristiche. Per i nostri vizi che, una volta di più, si possono rivelare virtù. 1. Anzitutto perché siamo un sistema di imprese medie, ma soprattutto piccole e piccolissime. Ma non per questo prive di innovazione, come dimostrano molte ricerche ultima quella di Demos per Confindustria, presentata a Palermo il mese scorso. Siamo capaci di innovare, di adeguarci alle trasformazioni. Più di altri: capaci di fare sacrifici, come i nostri lavoratori, insieme ai nostri lavoratori. 2. Poi perché siamo un sistema produttivo manifatturiero, dove il terziario è cresciuto al servizio della produzione. Ci accusavano di non sfruttare appieno la finanza, di fidarci più dei prodotti visibili che di quelli invisibili. Oggi molti la pensano diversamente. La nostra debolezza per i prodotti manifatturieri si è rivelata una forza. Così come la nostra diversificazione di settore e sui mercati. Siamo piccoli e grandi al tempo stesso. 3. In terzo luogo perché siamo proiettati nel mondo, siamo globalizzati. E non abbiamo un solo sbocco. I nostri mercati sono diversi. Siamo aperti al mondo ma, al tempo stesso, abbiamo i piedi ben piantati per terra. Nella nostra terra, nella nostra comunità. E per questo riusciamo a muoverci nel mondo meglio di altri che non hanno radici. Noi sappiamo affrontare le crisi perché siamo circondati da una società imprenditoriale. 4. Perché siamo un sistema di imprese fatte di persone, da persone. Ci hanno spesso criticato e noi stessi l abbiamo fatto 3

4 per questa eccessiva personalizzazione. Peggio: per la caratteristica familiare di tante nostre aziende. Oggi si rivela una risorsa, perché gli imprenditori sanno affrontare meglio il rischio di impresa, quando l impresa è loro, della loro famiglia, quando ci mettono i soldi, la faccia. La loro stessa vita. 5. Perché siamo vicentini, siamo veneti. Anche quelli che vengono da altrove lo diventano. Diventano come noi molto in fretta. Anche i lavoratori immigrati. Imparano il dialetto, mentre i nostri figli lo ignorano. Per cui riusciamo ad integrare gli stranieri meglio di altre aree, anche se non ce ne accorgiamo o non lo vogliamo ammettere. Ma gli stranieri da noi lavorano nelle nostre imprese. E da noi chi lavora e chi fatica è uno di noi. 6. Perché noi vicentini sappiamo lavorare, faticare, in modo flessibile e inflessibile. Anni fa Giorgio Lago prese spunto da un articolo di Ilvo Diamanti che denunciava come ormai anche i veneti fossero stanchi. Logorati da tanto lavoro, ma anche dall insoddisfazione per l ambiente e i modi di vita. Lago gli replicò: «Se i veneti sono stanchi allora si riposino. E poi riprendano a lavorare». Perché siamo destinati, anzi, condannati alla fatica. Il nostro successo dipende tutto da lì. Dal lavoro duro, concreto. Dalla fatica. 7. Perché noi abbiamo fatto le nostre mille e mille imprese per necessità. Ci siamo messi in proprio perché l impiego pubblico ha un posto limitato da noi, perché il passaggio da lavoro dipendente a indipendente è sempre stato il principale canale di mobilità e di promozione sociale. Noi imprenditori vicentini, abbiamo innovato per necessità. Per reggere la competizione sui mercati internazionali, per non venire respinti. La crisi, tanto dura, così ampia, ci preoccupa e ci deve preoccupare. Ma per i motivi che ho detto non ci può spaventare. Noi più di altri abbiamo risorse che derivano dalla nostra società, dalla nostra tradizione, dalla nostra storia, dalla nostra specifica struttura produttiva. Tuttavia, i nostri vizi e le nostre virtù non ci immunizzano. Perché le cause e le fonti della crisi sono tante e sono lontane. In molti casi sfuggono al nostro controllo. Nel nuovo contesto internazionale 4

5 dobbiamo cambiare anche noi. La crisi, proprio per questo, è un opportunità da non perdere. Pochi giorni fa un autorevole osservatore delle economie occidentali, Richard Florida, ha detto al Festival delle Città Impresa: «La crisi attuale non è una nuova depressione. Il mondo si è fermato. Ha capito che non può continuare a correre verso prodotti e città che sprecano risorse. La globalizzazione si ferma da sola a 147 dollari al barile! Reset. Cambiamo direzione per poter crescere ancora». Siamo un sistema manifatturiero forte, ma nella green economy, che è senza dubbio la nuova fase dello sviluppo mondiale, dobbiamo ristrutturarci verso attività che sappiano incorporare efficienza energetica e ambientale. Perché c è una domanda crescente di questa conoscenza, nella manifattura, nei servizi e nel settore delle costruzioni. Vicenza è, e continuerà ad essere, una capitale mondiale del manifatturiero e della piccola impresa. Ma deve oggi passare a modelli avanzati di organizzazione industriale. Lo ripeto spesso, perché ne sono fermamente convinto: abbiamo bisogno di unire le forze. E in questo le aggregazioni possono essere lo strumento più efficace per affrontare le nuove dinamiche della globalizzazione, in maniera strutturata, sia dal punto di vista finanziario che da quello delle risorse umane. In questo senso le merchant banks ci possono davvero essere di grande aiuto. Verso quali mercati e quali territori conviene puntare l attenzione? L Europa e gli Stati Uniti sono un partner essenziale per noi. Se vogliamo pensare città sostenibili, se vogliamo sviluppare la meccanica intelligente, cioè la meccatronica, se vogliamo innovare nelle tecnologie della comunicazione e creare il mercato delle tecnologie green, allora dobbiamo dialogare con questi territori. L Occidente non è solo un mercato rilevante, è il territorio nel quale sperimentiamo le innovazioni più avanzate. Non dobbiamo limitarci ad essere fornitori di prodotti e componenti, ma progettisti di soluzioni innovative. Se siamo autorevoli sul mercato europeo possiamo e dobbiamo diventare un ponte verso i paesi emergenti, aree che secondo il 5

6 Fondo Monetario Internazionale possiedono un elevato potenziale di sviluppo. In primo luogo verso quei territori ricchi di materie prime e con risorse finanziare in eccesso rispetto agli impieghi interni: mi riferisco al BRICX (Brasile, Russia, India, Cina, Messico), ovviamente ai paesi del Medio Oriente e in secondo luogo ai paesi dell Est Europa e del Nord Africa. La nostra università e il CUOA devono diventare un sistema formativo integrato e aperto a studenti e imprenditori di tutte le nazioni. Già oggi il CUOA, l unica vera business school del Nordest, è un polo di eccellenza nazionale e internazionale sul tema della Lean Production. E l università, oltre ai corsi esistenti, già molto ben tarati sulle esigenze del nostro territorio, ha attivato quest anno un nuovo corso di ingegneria, dedicato all innovazione del prodotto, e si appresta a partire con un nuovo corso di economia specializzato sulla direzione d impresa. Proprio per questo Vicenza deve puntare a diventare una sorta di Harvard della piccola impresa a cui possano rivolgersi imprese e istituzioni interessate al nostro modello di organizzazione dell industria e della società. E non è un caso se uno dei primi impegni del mio mandato è stato proprio quello di valorizzare e rilanciare il patrimonio della formazione tecnica e scientifica, vera linfa vitale dell industria vicentina. Gli istituti tecnici, di cui è ricca la nostra provincia, già oggi, grazie alla collaborazione tra mondo della scuola e imprenditori, hanno visto aumentare in maniera consistente gli iscritti, con punte del 46% all Istituto Tecnico Alessandro Rossi di Vicenza, istituto da cui sono usciti nomi illustri, uno su tutti quello di Federico Faggin, padre del microprocessore. Abbiamo visto quanto l apertura del Passante di Mestre abbia contribuito alla definizione di un orizzonte metropolitano nel Veneto. Dobbiamo proseguire su questa strada con il completamento della Valdastico a Sud, che è già in corso, ma soprattutto con il prolungamento a Nord. Farla diventare una vera e propria 6

7 infrastruttura dell economia sostenibile e attorno ad essa riorganizzare gli insediamenti industriali. Oltre a questo servono alternative al traffico su gomma, come l alta velocità e la metropolitana di superficie. Infrastrutture in grado di migliorare l accessibilità e le condizioni insediative del nostro territorio. Sul tema Alta Velocità, lasciatemelo dire, si è perso fin troppo tempo, e soprattutto trovo insufficienti le risorse che sono state finora dedicate ad un opera essenziale per un territorio che tanto ha dato e continua a dare allo sviluppo del Paese. Forse che collegare Sicilia e Calabria è più importante che collegare il Nordest alle reti dello sviluppo europeo? Insomma, se è dal nostro sistema produttivo che può venire un contributo determinante per uscire dalla crisi, è altrettanto vero che tutto questo sarà più difficile e faticoso se la politica non sarà in grado di fare la sua parte. Qualcosa è stato fatto sul fronte del credito alle Pmi. Penso al potenziamento del fondo di garanzia ottenuto grazie all infaticabile opera di pressing della nostra Presidente Emma Marcegaglia. Penso all introduzione dei Tremonti Bond e agli altri interventi previsti nel decreto legge per gli incentivi alle aziende. Ma molto resta ancora da fare: va risolto l annoso problema dei ritardi nei pagamenti della Pubblica Amministrazione. Va ripristinata in toto la deducibilità degli interessi passivi. Deve essere introdotta la detassazione degli utili reinvestiti e dei capitali portati in azienda. In apertura ho citato alcune frasi di Einstein: «E dalla crisi che nasce l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie». Nell agenda del nostro Paese ci sono cose da fare, senza perdere tempo e senza indugi: Primo: una seria e profonda riforma del mercato del lavoro che semplifichi l accesso e migliori i sistemi di protezione sociale. 7

8 La settimana scorsa è stata firmata un intesa sulla riforma dei contratti di lavoro, che aggiorna accordi vecchi di 15 anni. Con le nuove norme si favorisce la contrattazione di secondo livello e il legame tra salario e produttività. E un passo avanti. E proprio per questo spiace che una parte importante del sindacato italiano non abbia voluto condividerlo. Si esce dalla burrasca tutti insieme, lavoratori e imprenditori. Secondo: riformare lo Stato. Il federalismo fiscale va bene, ma non è sufficiente decentrare responsabilità decisionali in periferia, se poi i nostri sindaci non hanno risorse per asfaltare le strade perché strangolati da un patto di stabilità che, e non capisco per quale motivo, vale solo per i comuni virtuosi del nostro territorio. Dobbiamo premiare l efficienza e l imprenditorialità nella Pubblica Amministrazione, semplificare, snellire, incentivare lo sviluppo competitivo delle utilities. In una parola dobbiamo avvicinare la politica alle esigenze delle imprese e dello sviluppo. Perché è evidente che la pressione fiscale è a livelli insopportabili tanto da deprimere la competitività delle nostre imprese. E per ridurla bisogna innanzitutto eliminare gli sprechi e avviare le riforme del sistema pensionistico e della sanità. La riforma del sistema dell istruzione e della ricerca. Sull analisi dei ritardi italiani, non manca mai un capitolo sulla necessità di migliorare il sistema educativo e in particolare l istruzione universitaria. La crisi, e il taglio dei finanziamenti, obbligano i nostri atenei a fare uno sforzo di fantasia e innovazione. Anche questa è un occasione imperdibile per provare a immaginare un rapporto diverso tra mondo dell Università e imprese. Proviamo allora a pensare a come finanziare l università attraverso risorse aggiuntive (sia pubbliche che private), ma soprattutto cerchiamo strade nuove per orientare i progetti di ricerca e la didattica avanzata come avviene, ad esempio, nella Silicon Valley. La crisi, insisto, è un occasione per rimettersi in gioco. Ciò che non dobbiamo fare è lasciarci intimidire. Dobbiamo sfuggire alla tentazione di fare da soli. Ci sono dei modi di dire che in alcuni momenti suonano come slogan, efficaci, utili a tirare su il morale, a galvanizzare. In altri 8

9 diventano invece dei programmi. Penso alla fortunata formula di Montezemolo: Fare squadra. Sicuramente giusta ieri. Ma oggi ancora di più perché diventa progettuale. Perché noi imprenditori vicentini, laboriosi, innovativi, creativi, disposti al sacrificio, attaccati alla tradizione e proiettati nel mondo, dalla crisi, da questa crisi, possiamo uscire migliori solo facendo squadra. Per la stessa ragione, penso che oggi assuma un significato maggiore anche la chiave di lettura che ho usato un anno fa: l apertura. Penso cioè che oggi più che mai sia pericolosa per noi la tentazione di chiuderci. Nella nostra azienda, nel nostro piccolo mondo locale, nella nostra associazione. In famiglia. Noi, l economia locale più globalizzata d Europa, dobbiamo aprirci: ai mercati e alle altre economie; alla società. Non siamo i paroni. Siamo vicentini tra i vicentini, lavoratori fra i lavoratori. Il nostro lavoro favorisce tutta la società. E le nostre difficoltà si rovesciano sulla vita di tutta la società. Perché noi ne siamo parte, una parte importante. Per questo dobbiamo aprirci. Abbiamo già fatto molto, ma non basta. Dobbiamo continuare su questa strada consapevoli che i risultati fin qui ottenuti non possono essere considerati che un punto di partenza. E pur tuttavia mi fa molto piacere evidenziare che, tra le categorie economiche della provincia, è iniziata una nuova stagione di condivisione e di collaborazione e che oggi, più che mai, la Camera di Commercio, grazie al suo Presidente Mincato, è un punto di riferimento per tutte le rappresentanze del mondo del lavoro vicentino. E sui temi che riguardano la difesa dell occupazione, le relazioni industriali e sindacali, tra le parti sociali esiste un forte patto di collaborazione e condivisione degli obiettivi. Ne è un esempio la proposta, lanciata assieme alla Cisl, e condivisa dalle altre sigle sindacali, di utilizzare le ore di cassa integrazione per fare formazione all interno delle imprese, eventualmente 9

10 utilizzando come docenti i manager stessi dell azienda e come risorse finanziarie quelle del Fondimpresa. Siamo convinti che le nostre imprese siano ideali centri di eccellenza per la formazione. In chiusura, lasciatemi aprire una parentesi per ricordare e mandare un affettuoso abbraccio ai nostri colleghi imprenditori e soprattutto alla popolazione abruzzese, così duramente colpita dal terremoto. A loro dico: vi siamo vicini e statene certi non ci dimenticheremo di voi. Come i nostri volontari sono con voi adesso così ci saremo anche dopo nella fase della ricostruzione. Si è detto che noi italiani sappiamo dare il meglio nelle situazioni più drammatiche. E sicuramente vero. La reazione che ha saputo offrire il Paese di fronte all emergenza, ha fatto emergere oltre al dolore e alla paura anche la forza, l orgoglio e lo spirito di partecipazione degli italiani. Dobbiamo imparare da queste virtù per comprendere come affrontare e superare la crisi economica che stiamo attraversando. L apertura, la parola d ordine che ho usato l anno scorso, oggi mi sembra ancora valida. Una via efficace per sfruttare la crisi e preparare un futuro migliore. Un anno dopo, cari colleghi, anch io mi sento cambiato. Non so se migliore. Sicuramente più responsabile. Grazie a questa esperienza, grazie a voi. E di certo non mi rassegnerò alla rassegnazione perché oggi, di fronte alle sfide che ci attendono, io, voi, noi tutti dobbiamo prepararci al meglio. Grazie. 10

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO-

INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO- DIPARTIMENTO IMPRESA ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO- ECONOMIC GROWTH:

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Lavorare dove inizia il futuro.

Lavorare dove inizia il futuro. Lavorare dove inizia il futuro. Volete una carriera con un futuro? Allora unitevi al team di Swiss Life. 2 Lavorare dove inizia il futuro. Swiss Life investe nel futuro dei suoi collaboratori. E voi? Chi

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA

LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA indagine AstraRicerche per Manageritalia e Edwi HR - 19 maggio 2014-1 LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

THE AUTOMOBILE SECTOR

THE AUTOMOBILE SECTOR Crisis in a Global Economy. Re-planning the Journey Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 16, 2011 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta16/acta16-montezemolo.pdf THE AUTOMOBILE SECTOR LUCA

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna

Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna CERIMONIA DI APERTURA DEI CORSI E DI CONSEGNA DEI DIPLOMI Anno Accademico 2010 / 2011 Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna Pisa, 4 dicembre 2010 1 Autorità, Rettori,

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

CONFERENZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO PROF. ANTONIO MARZANO IL BREVE E IL LUNGO PERIODO: IL RUOLO DELLE RIFORME

CONFERENZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO PROF. ANTONIO MARZANO IL BREVE E IL LUNGO PERIODO: IL RUOLO DELLE RIFORME CONFERENZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO PROF. ANTONIO MARZANO IL BREVE E IL LUNGO PERIODO: IL RUOLO DELLE RIFORME SCUOLA DI PERFEZIONAMENTO PER LE FORZE DI POLIZIA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Alimentare l impresa globale. Identità e posizionamento dell Industria Alimentare italiana nel mondo

Alimentare l impresa globale. Identità e posizionamento dell Industria Alimentare italiana nel mondo VII FORUM GIOVANI IMPRENDITORI FEDERALIMENTARE Alimentare l impresa globale. Identità e posizionamento dell Industria Alimentare italiana nel mondo Savelletri di Fasano 17-18 settembre 2010 Signore e Signori,

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

Intervento del Dott. Costanzo Jannotti Pecci Presidente Federturismo - Confindustria

Intervento del Dott. Costanzo Jannotti Pecci Presidente Federturismo - Confindustria 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Costanzo Jannotti Pecci Presidente Federturismo - Confindustria III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006

Dettagli

Bruxelles, 3 settembre 2014

Bruxelles, 3 settembre 2014 Presentazione del Programma della Presidenza italiana del Consiglio dell Unione Europea alla Commissione per la Cultura e l Istruzione del Parlamento Europeo Bruxelles, 3 settembre 2014 Caro Presidente

Dettagli

Imparare a disimparare

Imparare a disimparare Imparare a disimparare Quello che abbiamo imparato finora non è più adatto a un contesto economico e un mercato profondamente cambiati. È ora di far emergere nuove modalità di pensiero, azione e condivisione

Dettagli

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già Bozza dell intervento di Cosmo Colonna, del Dipartimento industria Cisl, al Policy Workshop: "La ripresa economica e la politica industriale e regionale: dalla strategia ai progetti" (Milano, 20 marzo

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Prof. Michele Tiraboschi

Prof. Michele Tiraboschi Discorso agli Artigiani in occasione dell assemblea celebrativa per i 60 anni dell Unione Artigiani- Confindustria Bergamo. Prof. Michele Tiraboschi Quando c è un compleanno si dovrebbe venire con un regalo,

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

Paolo Giaretta, sottosegretario allo Sviluppo Economico

Paolo Giaretta, sottosegretario allo Sviluppo Economico Paolo Giaretta, sottosegretario allo Sviluppo Economico INNOVAZIONE ED IMPRESE AD ALTA TECNOLOGIA Conclusioni convegno 2 febbraio 2007 Università di Padova Desidero ringraziare gli organizzatori del Convegno

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI Eccoci alla puntata finale del percorso di costruzione di un budget annuale: i visitatori del nostro sito www.controllogestionestrategico.it

Dettagli

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI Nel predisporre le linee guida del prossimo mandato della sezione Metalmeccanica ho ritenuto utile, più che trascrivere un programma

Dettagli

Dichiarazione di intenti. del Presidente. del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza INAIL

Dichiarazione di intenti. del Presidente. del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza INAIL Dichiarazione di intenti del Presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza INAIL Francesco Rampi Roma, 1 ottobre 2013 L occasione dell insediamento della quinta consiliatura del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Trento, 9 novembre 2006 DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327 BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Presidente. Io sono stato più parco nei consumi di tempo e quindi mi ritrovo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea Come le politiche industriali di innovazione dei servizi possono contribuire

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria Convegno 12/13 dicembre 2003 Fortezza da Basso V.le F.Strozzi 1 Regioni&Innovazione Idee ed azioni a confronto per costruire uno sviluppo duraturo e sostenibile Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Dettagli

Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1

Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1 Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1 Dal 15 settembre al 15 novembre si è svolta una grande consultazione pubblica sul documento del Governo la buona scuola in cui si delineano le linee programmatiche

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e la riduzione dei consumi

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e la riduzione dei consumi OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e la riduzione dei consumi Il Gazzettino, 15.05.2012 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

DIVENTARE AUTONOMI: UNA SFIDA PER GENITORI E FIGLI

DIVENTARE AUTONOMI: UNA SFIDA PER GENITORI E FIGLI Istituto Comprensivo Cesare Cantù Scuole elementari di via Dora Baltea e dei Braschi Scuola dell infanzia di via Dora Baltea DIVENTARE AUTONOMI: UNA SFIDA PER GENITORI E FIGLI "Un bambino cresce cadendo

Dettagli

Il caso Fusina (tratto dalla Tesi Innovazione e artigianalità nel made in Italy della D.ssa Manuela Marini Università degli Studi di Padova)

Il caso Fusina (tratto dalla Tesi Innovazione e artigianalità nel made in Italy della D.ssa Manuela Marini Università degli Studi di Padova) Il caso Fusina (tratto dalla Tesi Innovazione e artigianalità nel made in Italy della D.ssa Manuela Marini Università degli Studi di Padova) La storia Fusina è una piattaforma creativa di servizi di design

Dettagli

Intervista a Richard Florida: per battere la crisi ci vorrebbe un "Creativity Stimulus"

Intervista a Richard Florida: per battere la crisi ci vorrebbe un Creativity Stimulus 15 aprile 2009 Intervista a Richard Florida: per battere la crisi ci vorrebbe un "Creativity Stimulus" di Rosanna Santonocito La crisi mondiale? Quando sarà finita, spalancherà le porte alla nuova era

Dettagli

www.expoveneto.it EXPO 2015

www.expoveneto.it EXPO 2015 www.expoveneto.it La piattaforma web ufficiale della Regione Veneto per l EXPO 2015 L Esposizione Universale sarà un occasione straordinaria di supporto alla crescita e al rilancio economico, confermando

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

L ultima volta che sono venuto qui al meeting era l agosto del 2007. Si parlava della mia azienda eni, e del petrolio il cui prezzo saliva giorno

L ultima volta che sono venuto qui al meeting era l agosto del 2007. Si parlava della mia azienda eni, e del petrolio il cui prezzo saliva giorno Buonasera a tutti. L ultima volta che sono venuto qui al meeting era l agosto del 2007. Si parlava della mia azienda eni, e del petrolio il cui prezzo saliva giorno dopo giorno sostenuto da un mondo in

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Roma, 12 febbraio 2014 IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Le imprese, in attesa da troppo tempo di una ripresa che sembra non arrivare mai, chiedono azioni concrete e rapide e non più progetti astratti per la soluzione

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

SCUOLA & SISTEMA MODA

SCUOLA & SISTEMA MODA 12 SCUOLA & SISTEMA MODA Rilanciare la formazione tecnica e accademico-universitaria per un made in Italy competitivo. L esempio della Regione Lombardia Made in Italy e moda sono un binomio inscindibile

Dettagli

Lettera del Magnifico Rettore agli studenti

Lettera del Magnifico Rettore agli studenti Lettera del Magnifico Rettore agli studenti Cari Allieve e Allievi del Politecnico di Milano, In questi giorni ho ricevuto molti messaggi da parte Vostra. In essi vi sono domande volte a cercare di comprendere

Dettagli

Relazione Marco Demarie Il Piano Strategico sulla cultura. Il punto della situazione.

Relazione Marco Demarie Il Piano Strategico sulla cultura. Il punto della situazione. Relazione Marco Demarie Il Piano Strategico sulla cultura. Il punto della situazione. Ho il compito di fare il punto del lavoro svolto dalla Commissione Cultura nel corso degli ultimi mesi, a partire da

Dettagli

Conferenza di Servizio ITCG Ruffini di Imperia 7 ottobre 2008

Conferenza di Servizio ITCG Ruffini di Imperia 7 ottobre 2008 Conferenza di Servizio ITCG Ruffini di Imperia 7 ottobre 2008 Statuto Studenti Regolamenti di Istituto Patto Educativo di Corresponsabilità Dal DPR 235/2007: Art. 3 Patto educativo di corresponsabilità

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI LA GLOBALIZZAZIONE NEL TERZO MILLENNIO: LA SFIDA DELLE ECCELLENZE (SANREMO, 18 OTTOBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON.

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

PATTO. La Casa delle libertà basa il suo programma su quattro pilastri: famiglia, sviluppo, devoluzione, immigrazione.

PATTO. La Casa delle libertà basa il suo programma su quattro pilastri: famiglia, sviluppo, devoluzione, immigrazione. FI, AN, CCD - CDU e LN, le forze che insieme compongono la "Casa delle libertà", stringono tra di loro e presentano agli elettori, per la prossima legislatura e per il governo del Paese, il seguente PATTO

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014 CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali Milano, 13 Novembre 2014 Gentilissimi tutti e Gentilissimo Dott. Lamborghini, mi spiace molto non

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

Rassegna Stampa. Venerdì 25 maggio 2012

Rassegna Stampa. Venerdì 25 maggio 2012 Rassegna Stampa Venerdì 25 maggio 2012 Rassegna del 25 maggio 2012 SICI SGR Il Sole 24ore 33 SICI SCOMMETTE SU PMI 26 MILIONI IN TOSCANA Cesare Peruzzi 3 La Repubblica(firenze) 5 IMPRESE EMERGENTI, PRONTI

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO La flessibilità è entrata a far parte, ormai da molti anni, degli strumenti di gestione delle risorse umane, quale irrinunciabile opportunità per poter rispondere

Dettagli

L INDAGINE SUGLI ORIENTAMENTI DEGLI IMPRENDITORI DELLA GREEN ECONOMY

L INDAGINE SUGLI ORIENTAMENTI DEGLI IMPRENDITORI DELLA GREEN ECONOMY L INDAGINE SUGLI ORIENTAMENTI DEGLI IMPRENDITORI DELLA GREEN ECONOMY L indagine sugli orientamenti degli imprenditori della green economy, condotta tra aprile e maggio del 2014 dalla Fondazione per lo

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

RISPARMIO ED EFFICIENZA: La prima fonte di energia

RISPARMIO ED EFFICIENZA: La prima fonte di energia FEDERAZIONE NAZIONALE LAVORATORI EDILI AFFINI E DEL LEGNO Aderente alla Fédération Européenne des Travailleurs du Batiment et du Bois dans la CEE ( F.E.T.B.B. ) e alla Fédération Internationale des Travailleurs

Dettagli

POST MANAGER di Lorenzo Castelli, Bernardo Pandimiglio, Savino Paolella, Laura Tramezzani

POST MANAGER di Lorenzo Castelli, Bernardo Pandimiglio, Savino Paolella, Laura Tramezzani Indice Prefazione, di Michelangelo Patron e Gian Piero Scilio Premessa A chi è rivolto questo libro Chi ha scritto questo libro e perché 1. Appena uscito dall azienda: cosa fare 1.1. Elabora il lutto 1.2.

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Soluzioni. per le Imprese CHINA

Soluzioni. per le Imprese CHINA Soluzioni per le Imprese CHINA Il nostro team Fondazione Italia Cina e Camera di Commercio Italo Cinese hanno raggiunto un accordo di integrazione e hanno dato vita ad un unica sezione per l erogazione

Dettagli

SCENARIO. Il Comitato intende favorire azioni che rendano la nostra Associazione un punto di riferimento per tutte le Start Up innovative laziali

SCENARIO. Il Comitato intende favorire azioni che rendano la nostra Associazione un punto di riferimento per tutte le Start Up innovative laziali SCENARIO Nell attuale contesto di crisi è di vitale importanza, per il futuro economico e sociale del Paese, investire nello sviluppo di imprese innovative diversificando il sistema produttivo grazie alla

Dettagli

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione del Corso : Lavoro Dei Sogni Indice: INTRODUZIONE I 3Segreti Per Creare Un Business Online Di Successo Definisci Il Tuo Business Obiettivo

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 CRISI ECONOMICA + CRISI DEI MEDIA CARTACEI I dati sulla stampa quotidiana e periodica e sulle imprese editrici di giornali fotografano con nitidezza il quadro di un settore

Dettagli