L OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL GRUPPO: L ALLOCAZIONE DEL CAPITALE ED IL CONTROLLO DEI COSTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL GRUPPO: L ALLOCAZIONE DEL CAPITALE ED IL CONTROLLO DEI COSTI"

Transcript

1 I contributi delle attività di P&CdG alla creazione di valore aziendale nell attuale contesto di accelerazione tecnologica e di globalizzazione L OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL GRUPPO: L ALLOCAZIONE DEL CAPITALE ED IL CONTROLLO DEI COSTI Intervento Dr. Augusto Buscaglia Responsabile Pianificazione e Controllo di Gestione - Gruppo SANPAOLO IMI

2 Sommario 1. L evoluzione della struttura dei Gruppi bancari: le Aree di Business 3 L evoluzione dello scenario: multicanalità e open architecture 3 La struttura del Gruppo SANPAOLO IMI 3 Il conto economico e la redditività delle Aree di Business 2. L allocazione del capitale e le implicazioni del nuovo accordo di Basilea 3 L allocazione del capitale del Gruppo SANPAOLO IMI: l evoluzione in atto 3 Le azioni di razionalizzazione del capitale assorbito: societarizzazioni/cessioni di assets 3 L ottimizzazione del capitale 3 Le logiche di gestione del portafoglio di business 3 Il nuovo accordo di Basilea: implicazioni strategiche per le banche 3. Le azioni di razionalizzazione e di contenimento strutturale dei costi 3 La centralità del problema dei costi nel nuovo scenario 3 La ristrutturazione dei Gruppi dopo operazioni di acquisizione/fusione 3 Il nuovo approccio al problema dei costi: da azioni episodiche ad azioni strutturali 3 Le iniziative del Gruppo SANPAOLO IMI 1

3 L evoluzione della struttura dei Gruppi bancari: le Aree di Business

4 L evoluzione dello scenario Multicanalità e open architecture Società prodotto del Gruppo Wealth Management Investment banking Fondi comuni Assicurazioni vita Fondi pensione Leasing Investment banking Produttori esterni Fondi, assicurazioni vita, fondi pensione, portfolio management Advisory, trading, prodotti strutturati, nuovi prodotti retail... Rete di distribuzione del Gruppo Altre reti Sportelli tradizionali Banca telefonica Internet PFS Rete corporate Mercato indifferenziato Private Affluent Mass market Grandi imprese Medie imprese Segmenti di mercato 3

5 I vantaggi offerti dalla struttura multispecialist 3 Rispondere efficacemente al mutevole scenario competitivo 3 Diversificare le fonti di ricavo 3 Garantire una chiara individuazione della redditività di ciascun business 3 Allocare adeguatamente il patrimonio complessivo alle aree di attività 3 Ottenere una maggiore responsabilizzazione manageriale sui risultati 4

6 La struttura del Gruppo SANPAOLO IMI Retail Banking Rete Sanpaolo Banco di Napoli Altre reti (CR Firenze, CR Forlì, B.Cardine Banque Sanpaolo,, Inter-Europa Bank) (1) Funzioni Centrali Investimenti partecipativi Tesoreria Workout Immobiliare Funzioni di Capogruppo (1) In fase di attivazione. Wealth Management Sanpaolo IMI Asset Management Sanpaolo Vita - Sanpaolo Life Personal Financial Services Banca Fideuram Banca Sanpaolo Invest IMIWeb Bank Banca Private (1) Wholesale Banking Corporate Opere Pubbliche e Infrastrutture (Banca OPI) Investment Banking (BIM IMI) Merchant Banking (NHS) 5

7 Il conto economico per Aree di Business La rendicontazione reddituale della Capogruppo suddivisa per Aree di Business ha dovuto affrontare e risolvere le seguenti problematiche: 4 Individuazione dell area operativa di competenza dell Area di Business 4 Realizzazione di un adeguato sistema di tassi interni di trasferimento 4 Introduzione di commissioni figurative 4 Applicazione di un criterio di attribuzione dei costi che preservasse il controllo dei medesimi da parte delle Funzioni Centrali 4 Adozione di metodologie particolari di attribuzione delle rettifiche su crediti 6

8 La redditività delle Aree di Business Contributo Aree di Business all utile netto % su RORAC (dati primo semestre 2001) di Gruppo totale annualizzato (/milioni) Retail Banking Rete Sanpaolo (1) % 22,2% Banco di Napoli 20 3% 2,9% Wealth Management % 86,7% Personal Financial Services Fideuram 94 14% 28,1% Sanpaolo Invest 7 1% 14,1% IMIWeb Bank n.s. Wholesale Banking Corporate 53 8% 12,7% OOPP e Infrastrutture 37 5% 21,2% Investment Banking 26 4% 16,6% Merchant Banking 21 3% 10,5% Funzioni Centrali 34 5% n.s. Gruppo SANPAOLO IMI % 19,0% (1) Compresa l operatività delle società attribuite, nella nuova struttura, alle Aree Altre reti e Banca Private 7

9 L allocazione del capitale e le implicazioni del nuovo accordo di Basilea

10 I criteri di allocazione del capitale del Gruppo SANPAOLO IMI 3 Per le Aree la cui attività è svolta a livello di Capogruppo e società controllate ( Aree non societarizzate ), il capitale è allocato sulla base dei rischi (capitale economico) sia della Capogruppo sia delle società controllate. La metodologia adottata per la determinazione del capitale economico è quella del Value at Risk (VaR), che prende in considerazione i rischi creditizi, di mercato, operational (business risk, event risk). 3 Per le altre Aree la cui attività è svolta attraverso società autonome ( Aree societarizzate : Fideuram, Sanpaolo Invest, OPI, Investment Banking e Merchant Banking) viene preso a riferimento il patrimonio netto contabile. 9

11 L evoluzione in atto nei criteri di allocazione CAPITALE ASSEGNATO EX POST (capitale allocato = capitale assorbito) Aree non societarizzate: capitale variabile (trimestralmente) sulla base dei rischi medi assunti. Aree societarizzate: capitale costante a meno di interventi di natura straordinaria, ovvero aumenti di capitale a seguito di progetti di espansione del business e dei rischi assunti o, simmetricamente, riduzioni di capitale a seguito di contrazione dei rischi assunti. CAPITALE ASSEGNATO EX ANTE Aree non societarizzate: assegnazione di un capitale annuale, determinato in sede di budget attraverso la negoziazione tra Top Management e Aree di Affari in base alla situazione dei rischi ed alle previsioni di sviluppo delle singole Aree. Adeguamento (esclusivamente al rialzo) del capitale assegnato in caso di superamento in corso d anno. 10

12 Le azioni di razionalizzazione del capitale assorbito Enucleazione dei business e processo di societarizzazione Nell ultimo periodo il Gruppo SANPAOLO IMI ha affidato a specifiche società importanti settori di attività, puntando ad una sempre maggiore specializzazione del business. Data Operazione Descrizione Set.99 NHS (Merchant Banking) Costituzione, con la Compagnia di Sanpaolo, di Merchant Bank (mezzi propri: 750 Euro/mln) Ott.99 Spin-off immobiliare Cessione a Beni Stabili di immobili non strumentali, partecipazioni immobiliari e crediti a queste connessi Lug.00 Banca OPI (OOPP) Cessione di assets-liabilities (crediti a M/L termine) pari a circa 12 miliardi di Euro Lug.00 Banca Sanpaolo Invest Acquisizione di licenza bancaria Quotazione in borsa prevista per il 2002 Gen.01 IMIWeb Bank Acquisizione di licenza bancaria Securitisation / Cessioni di assets Mag.00/Dic.00 Cessioni pro-soluto di crediti in sofferenza per complessivi 756 milioni di Euro Mag.01 Cessione pro-soluto di 111 milioni di Euro di crediti in sofferenza Giu.01 Cessione Sanpaolo Immobiliare (45 milioni di Euro di crediti in sofferenza) Fine 01 Securitisation sintetica di circa 3 miliardi di Euro di impieghi Corporate 11

13 L ottimizzazione del capitale 100% 90% 80% 70% 60% Composizione struttura del capitale 100% 100% 16% 26% 9% Prestiti Subordinati Preferred shares Costo medio ponderato del capitale sceso dall 8,3% al 7,3% 100% 90% 80% 70% 60% Riallocazione del capitale 100% 100% 3% 7% 10% 17% 15% 13% 19% Capitale libero Funzioni Centrali Investmenti partecipativi Wholesale Banking 50% 50% 21% 8% PFS 40% 30% 20% 84% 65% Patrimonio netto 40% 30% 20% 7% 33% 47% Retail Banking 10% 10% 0% dicembre 1999 dicembre % dicembre 1999 dicembre 2000 Nel corso del 2000 il Gruppo SANPAOLO IMI ha effettuato significativi investimenti partecipativi (Banco Napoli, Cassa di Risparmio di Firenze, Santander Central Hispano, Wargny). La funding policy seguita ha permesso di ottimizzare la struttura del capitale, riducendone di un punto il costo medio. E stato eliminato l eccesso di free capital ed il capitale è stato riallocato a favore delle Aree a maggior potenziale di crescita. 12

14 Le logiche di gestione del portafoglio di business Redditività attuale Elevata Banca Fideuram Rete Sanpaolo: Distribuzione Produzione Banca Sanpaolo Invest Investment Banking retail Investire e crescere Contenuta Attività wholesale: Corporate OPI Merchant Banking Investment Banking wholesale Migliorare la performance Banco di Napoli Espansione su mercati esteri Creare opzioni per il futuro Contenuta Elevata Potenziale di up-side 13

15 Il nuovo accordo di Basilea I I TRE PILASTRI Requisiti minimi di di capitale Processo di di vigilanza prudenziale Più Più estesi e significativi obblighi di di disclosure Requisiti minimi a copertura di di rischi di di credito di di mercato operativi Tre alternative per il calcolo del rischio di credito: - standardised approach - foundation approach internal rating - advanced approach 14

16 L approccio Internal rating based Variabili: Foundation approach Advanced approach Probability of Default (PD) Expected Exposure at Default (EAD) Loss Given Default (LGD) Maturity (M) / = stimate/calcolate internamente = fornite dai supervisor 7 15

17 Perimetri Le implicazioni strategiche: impatto sul capitale delle società Gruppo Finanziario diversificato Holding Banca con operatività internazionale Banca con operatività internazionale Banca con operatività internazionale Banca con operativà domestica Società d'intermediazione Assicurazioni: deduzione o metodi alternativi 16

18 La variabilità dei requisiti di capitale per le imprese Capitale (in %) Attuale Standard Standardised Approach Foundation approach AAA AA+ AA A+ A A- BBB+ BBB BB+ BB AA- BBB- BB- B+ B B- CCC CC Equivalente del Rating S&P 17

19 Le implicazioni strategiche: l impatto sui prodotti / mercati Possibile credit crunch Maggiore differenziazione del pricing Capital management più dinamico Scelte mirate di di segmenti operativi Settori favoriti: Settori sfavoriti: Da Da valutare nei nei diversi paesi: Top Top quality // Mortgage Carte di di credito // Middle market imprese Retail (escluso mortgage) 18

20 L impatto per le banche Attuale Standardised IRB Foundation +101% Corporate 100-6% +9,9% +60% -23% +39,7% Min Media Max Min Media Max Attuale Standardised +61% IRB Foundation +92% Retail % +3,5% -13,9% -72% Min Media Max Min Media Max Fonte: IIF (campione di 30 Gruppi bancari internazionali) 19

21 Le azioni di razionalizzazione e di contenimento strutturale dei costi

22 La centralità del problema dei costi nel nuovo scenario Cultura Cultura poco poco orientata alla alla creazione di di valore valore Elevati Elevati margini margini da da interessi e finanziari Boom Boom del del risparmio gestito gestito La situazione di partenza La situazione attuale Scarsa attenzione ai costi Azioni episodiche (dilazioni piuttosto che interventi strutturali) Significative operazioni di di acquisizione/fusione Frammentazione delle delle fonti fonti di di reddito reddito (scomparsa dei dei settori settori operativi ad ad elevata elevata redditività) Competizione europea // internazionale Ristrutturazione e contenimento costi in primo piano 21

23 Recenti operazioni di acquisizione/dismissione di società Acquisizioni Cessioni Banca di Legnano Nuova Banca Mediterranea 22

24 Spese amministrative e ammortamenti Spese amministrative Var. % I semestre 2001 / I semestre 2000 Ammortamenti operativi Var. % I semestre 2001 / I semestre 2000 SANPAOLO IMI +1,8 Unicredito Italiano +13,5 (*) SANPAOLO IMI +36,2 Unicredito Italiano +25,0 IntesaBCI +1,6 IntesaBCI +2,1 Monte dei Paschi +6,1 Monte dei Paschi +35,4-6,1 Banca di Roma Banca di Roma +11,0 BNL +5,2 BNL +9,4 (*) Circa 8% escludendo l effetto del consolidamento di Pioneer. AMPI SPAZI DI DI MIGLIORAMENTO 23

25 Da azioni episodiche ad azioni strutturali OTTICA DI MEDIO / LUNGO PERIODO 3 Forte condivisione da parte del Top Management 3 Intelligente individuazione delle aree di intervento 3 Responsabilizzazione e piani incentivi 3 Coinvolgimento di tutti in modo percepito come equo 3 Costante monitoraggio dei risultati attraverso un processo istituzionalizzato 24

26 Le iniziative del Gruppo SANPAOLO IMI Progetto MOI MOI (macchina (macchina operativa operativa integrata) integrata) Azioni Azioni di di razionalizzazione e di di contenimento dei dei costi costi Piattaforma informatica comune per Capogruppo e Banco di Napoli (sistemi informativi e funzioni di supporto) Riduzione costi di IT e attività ausiliarie Disponibilità per BdN del sistema informativo multicanale della Capogruppo Estensibilità della piattaforma ad altre banche, interne o esterne al Gruppo Definizione delle responsabilità (Controllo di Gestione / Pianificazione risorse) Individuazione delle aree di intervento (aree in perdita / inefficienti / scarsamente redditizie) Definizione degli interventi su: - processo assunzioni di Gruppo - piano di incentivi - piano di reinvestimento risparmi RISULTATI ATTESI: A breve breve termine: termine: Crescita Crescita zero zero delle delle spese spese amministrative amministrative per per il il A regime regime (2003): (2003): Riduzione Riduzione strutturale strutturale degli degli organici organici di di circa circa unità unità Diminuzione Diminuzione delle delle spese spese amministrative amministrative di di circa circa milioni milioni di di Euro Euro (10% (10% del del livello livello registrato registrato nell esercizio nell esercizio 2000) 2000) 25

Relazione trimestrale al 31 marzo 2000

Relazione trimestrale al 31 marzo 2000 SANPAOLO IMI S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2000 Società per azioni Sede principale in Torino, Piazza San Carlo 156 Sede secondaria in Roma, Viale dell Arte 25 Registro delle imprese n. 4382/91

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Venerdì 23 Aprile 2004 Auditorium di Palazzo Montani-Antaldi BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE MASSIMO BIANCONI DIRETTORE GENERALE DI BANCA DELLE MARCHE 1 Contenuti del documento BASILEA 2 LA

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004 Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca I primi tre mesi confermano la crescita registrata nel passato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Il modello di business divisionalizzato delle banche e la contestuale

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA 0 Economia reale e monetaria REGOLE REGOLE BANCA Concorrenza IMPRESA Comunicazione Competenze Mercati creditizi e finanziari Tecnologia 1 REGOLE.. IAS/IFRS BASILEA 2 2.. ASPETTI Autonomia Interdipendenza

Dettagli

SOCIETÀ PER AZIONI SEDE PRINCIPALE IN TORINO, PIAZZA SAN CARLO 156 SEDE SECONDARIA IN ROMA, VIALE DELL ARTE 25

SOCIETÀ PER AZIONI SEDE PRINCIPALE IN TORINO, PIAZZA SAN CARLO 156 SEDE SECONDARIA IN ROMA, VIALE DELL ARTE 25 Bilancio 1999 SOCIETÀ PER AZIONI SEDE PRINCIPALE IN TORINO, PIAZZA SAN CARLO 156 SEDE SECONDARIA IN ROMA, VIALE DELL ARTE 25 REGISTRO DELLE IMPRESE N. 4382/91 TRIBUNALE DI TORINO CAPOGRUPPO DEL GRUPPO

Dettagli

SOCIETÀ PER AZIONI SEDE PRINCIPALE IN TORINO, PIAZZA SAN CARLO 156 SEDE SECONDARIA IN ROMA, VIALE DELL ARTE 25

SOCIETÀ PER AZIONI SEDE PRINCIPALE IN TORINO, PIAZZA SAN CARLO 156 SEDE SECONDARIA IN ROMA, VIALE DELL ARTE 25 Bilancio 2000 SOCIETÀ PER AZIONI SEDE PRINCIPALE IN TORINO, PIAZZA SAN CARLO 156 SEDE SECONDARIA IN ROMA, VIALE DELL ARTE 25 REGISTRO DELLE IMPRESE DI TORINO N. 06210280019 CAPITALE SOCIALE EURO 3.931.250.954,4

Dettagli

www.onetimeconsulting.it www..it

www.onetimeconsulting.it www..it www.onetimeconsulting.it www..it Comune di Fossalta di Piave Basilea 2 Basilea 2 - Indice 1. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 2. Perché Basilea? 3. I principi base di Basilea 1 e 2 4. Il

Dettagli

Analisi di Bilancio e Basilea 2

Analisi di Bilancio e Basilea 2 Analisi di Bilancio e Basilea 2 a cura del GRUPPO DI STUDIO BASILEA 2 di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it basilea2@opendotcom.it tel. 0171449311 1 CHE COSA E BASILEA 2 L Accordo e la normativa di riferimento

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Storia e Missione. 1946 Fondazione

Storia e Missione. 1946 Fondazione Storia e Missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla ricostruzione

Dettagli

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE The New Basel Capital Accord Area di applicazione Diversified financial Group HOLDING Internationally active bank (banca con operatività internazionale) Domestic bank

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1 Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Storia e missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER BECOMING BPER 5 S : Solidità - Semplicità Specializzazione Selettività Stakeholders Linee Guida del Piano 1. Rafforzamento

Dettagli

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private L incrocio tra clusterizzazione e approccio di finanza comportamentale Il delegatore impegnato Informato di finanza

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

La pianificazione ed il controllo di gestione di una rete bancaria. Il caso Sanpaolo

La pianificazione ed il controllo di gestione di una rete bancaria. Il caso Sanpaolo Lodi, 24 / 25 Ottobre 2003 10 Convention dei Soci A.P.B. La pianificazione ed il controllo di gestione di una rete bancaria. Il caso Sanpaolo Piero Boccassino Responsabile Controllo di Gestione Direzione

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa prof. Stefano Caselli Università Bocconi Brescia, 10 ottobre 2006 Prof. Stefano Caselli - 10 ottobre 2006 1 I temi in agenda L inevitabile

Dettagli

Introduzione all attività bancaria

Introduzione all attività bancaria Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Introduzione all attività bancaria Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Organizzazione Lezioni nella fascia oraria 16,45-19,00 Ricevimenti

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013 Mediobanca 30 giugno 2013 Storia e missione 1946 Fondazione Anni 1950-70 Sviluppo Anni 1970-80 Ristrutturazione dell industria italiana Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche

Dettagli

Operazioni di Project Finance

Operazioni di Project Finance Università degli Studi di Milano-Bicocca Anno Accademico 2005 / 2006 Operazioni di Project Finance Corso di Risk Management S Milano, 22 Marzo 2006 definizione Finanziamento tipicamente di natura bancaria:

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell

Dettagli

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è una delle prime banche popolari italiane ispirate al movimento popolare cooperativo del credito. Nel tempo, grazie all

Dettagli

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile.

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. 78 Valorizzare in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. FINMECCANICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2011 performance

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2011

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2011 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2011 Utile netto: Utile netto normalizzato (*) : 2 trim. a 741 mln. di euro, +12,1% rispetto a 661 mln. del 1 trim. 1 sem. a 1.402

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA IMI: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA BANCA IMI: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA BANCA IMI: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015 Risultato netto consolidato di 228 milioni di euro, in aumento del 26% rispetto ai 181 milioni al 31 marzo 2014 Margine di intermediazione

Dettagli

Misurare la redditività della banca

Misurare la redditività della banca Misurare la redditività della banca Milano, settembre 2013 dr.giliberto Camillo dr.ferfoglia Marco Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata/partial

Dettagli

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 Comunicazione di Simona Caselli Direttore commerciale e sviluppo CCFS www.ccfs.it caselli@ccfs.it Il contesto di riferimento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES CODICE CIVILE SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES CODICE CIVILE SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES CODICE CIVILE SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI BANCA POPOLARE DELL ADRIATICO S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A. INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA. Politiche di gestione del rischio di credito

INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA. Politiche di gestione del rischio di credito 1.1. RISCHIO DI CREDITO Le strategie, le facoltà e le regole di concessione e gestione del credito nel Gruppo sono indirizzate: al raggiungimento di un obiettivo di crescita delle attività creditizie sostenibile

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE

RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE Comunicato stampa RIUNITO IL CDA DI BANCA CR FIRENZE Approvati i risultati dell esercizio 2007 UTILE NETTO CONSOLIDATO: Euro 185 milioni, in crescita del 6,9% rispetto all utile netto consolidato del 2006

Dettagli

Un nuovo rapporto impresa/banca

Un nuovo rapporto impresa/banca Basilea 2: sfide e opportunità Un nuovo rapporto impresa/banca Cremona 19/12/06 Agenda Il rapporto Banca - Impresa Intesa Basilea Uno strumento di dialogo Basilea 2 in pratica Le principali aree di impatto

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

L evoluzione dal Private Banking al Global Wealth Management come fattore critico di successo

L evoluzione dal Private Banking al Global Wealth Management come fattore critico di successo L evoluzione dal Private Banking al Global Wealth Management come fattore critico di successo Valerio Pacelli Vice Direttore Generale 1 Chi è Banca Steinhauslin Banca Steinhauslin & C. rappresenta uno

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO

BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO Premesse e principi generali La nuova regolamentazione sull adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Rating interni e controllo del rischio di credito

Rating interni e controllo del rischio di credito interni e controllo del rischio di credito Fernando Metelli Banca Popolare di Milano Newfin Bocconi, 31 marzo 2004 1 1 - L ambiente in cui si sviluppa l applicazione di Basilea2 4,50% 4,00% 3,50% 3,00%

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011 Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane Confindustria, 1 Febbraio 2011 Temi trattati Presenza ed operatività del sistema bancario in Tunisia Struttura e profilo di rischio del sistema

Dettagli