Il supporto della banca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il supporto della banca"

Transcript

1 Il supporto della banca Il Gruppo Intesa Sanpaolo si è affermato in questi anni come uno dei principali finanziatori delle famiglie e delle imprese che investono nel settore dell energia pulita e del controllo delle emissioni, che si conferma tra quelli trainanti per il superamento della crisi in atto. Gli obiettivi fissati a livello di Paese richiedono investimenti considerevoli, che la banca sta sostenendo a tutto campo, fornendo anche consulenza per accedere alle fonti di finanziamento pubblico e stipulando accordi di collaborazione con i principali operatori del settore e con le più importanti associazioni (APER, GIFI e ASSOSOLARE), anche al fine di promuovere la diffusione delle energie rinnovabili ed assistere la comune clientela in tutte le fasi dell investimento, dalla progettazione alla copertura finanziaria ed assicurativa. Il nostro Paese ha goduto di una situazione privilegiata, con gli incentivi più interessanti a livello europeo per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili: il conto energia per il fotovoltaico offre la sostenibilità degli investimenti, garantendo una buona redditività per gli investitori e la tariffa unica omnicomprensiva per le altre tipologia di impianti (fino a 1MW) apre nuove opportunità per le biomasse, l idroelettrico e l eolico, facilitando anche l accesso al credito per gli imprenditori. Il Gruppo Intesa Sanpaolo offre una vasta gamma di finanziamenti a supporto di investimenti nel settore dell energia e dell ambiente, a partire dalle famiglie sino ai grandi progetti industriali. Per le piccole e medie imprese Intesa Sanpaolo ha messo a punto specifiche soluzioni di finanziamento che, grazie agli accordi quadro con il Gestore Servizi Elettrici (GSE), possono essere garantiti direttamente dalla cessione dei crediti derivanti dagli incentivi (conto energia e tariffa unica omnicom pren - siva). Oltre ai finanziamenti a medio lungo termine un rilevante numero di impianti per la produzione di energia rinnovabile è stato sostenuto attraverso operazioni di leasing, tramite Leasint, che mette a disposizione delle imprese soluzioni su misura. L offerta di finanziamenti si rivolge anche alle ESCO ( Energy Service Company ), società che assumono il rischio finanziario dell intervento in ambito energetico e partecipano a una parte dei benefici economici prodotti nel tempo dall intervento stesso. Intesa Sanpaolo e il Ministero dell Ambiente hanno avviato un percorso di collaborazione relativo al sostegno del Patto dei Sindaci (progetto lanciato dalla Commissione Europea per coinvolgere attivamente le città nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale), al fine di promuovere l iniziativa presso i Comuni che non vi hanno ancora aderito e supportare quelli che hanno già aderito nella redazione dei PAES (Piani di Azione per l energia sostenibile). Gli interventi possono essere di diverse tipologie, tra cui fotovoltaico, solare termico, cogenerazione da biomasse o biogas, illuminazione pubblica (ad es. la sostituzione di lampade a sodio con lampade a led), isolamento termico di edifici e molte altre. Il Gruppo interviene considerevolmente nel settore anche attraverso operazioni di project finance in Italia ed all estero nei comparti del fotovoltaico, dell eolico, dell idroelettrico e delle biomasse. L offerta, in particolare per il fotovoltaico,è completata dalle attività di private equity e dal comparto dei fondi chiusi Equiter, società del Gruppo che investe capitali di rischio per sviluppare le infrastrutture, valorizzare il territorio e promuovere il partenariato pubblico privato in Italia e all estero. Particolare rilevanza strategica in questa fase rivestono gli investimenti nella ricerca e nell innovazione tecnologica, indispensabili per ridurre i costi di realizzazione degli impianti e garantire uno sviluppo futuro, anche nel momento in cui il sistema incentivante verrà ridimensionato, in linea con quanto avvenuto nel resto dell Europa. Anche in questo campo, il Gruppo Intesa Sanpaolo affianca gli imprenditori con competenze e strumenti finanziari adeguati al sostegno dei costi di ricerca e di sviluppo. Le competenze del Gruppo al servizio del cliente. Intesa Sanpaolo ha investito molto nella formazione del personale. I gestori della banca assistono la clientela sia nella fase di valutazione preliminare del progetto, sia nell iter di concessione del credito. In questo contesto ad esempio, tutte le filiali del Gruppo dispongono di un applicativo che consente di valutare la produttività di un impianto fotovoltaico, in base alla localizzazione, alle caratteristiche ed all esposizione dell impianto stesso. La rete Filiali si avvale inoltre di un desk specialistico interamente dedicato al settore Energy, che fa capo a Mediocredito Italiano, la banca del Gruppo Intesa Sanpaolo al servizio delle PMI per le attività di credito a medio lungo termine, dal credito ordinario e agevolato agli incentivi alla ricerca & sviluppo. 1

2 IL SUPPORTO Il Desk Energy è in grado di valutare progetti relativi a impianti energetici di diverse dimensioni e tipologie e di mettere a punto soluzioni su misura per le esigenze più complesse e articolate. Esso dispone delle competenze che si sono storicamente create nel Gruppo e che hanno visto lo sviluppo di prodotti specifici di sostegno dell ambiente con l obiettivo di aiutare le imprese a diventare sempre più efficienti e indipendenti dal punto di vista energetico. Per quanto riguarda invece il leasing, la rete delle Filiali fa riferimento a Leasint, la società del Gruppo Intesa Sanpaolo che detiene la leadership del leasing italiano per l energia da fonti rinnovabili ed ha finanziato impianti per oltre 1 Gjgawatt di potenza complessiva. La vasta esperienza del team dedicato a tali prodotti permette a Leasint di valutare, finanziare e seguire la realizzazione di ogni tipo di impianto, fornendo implicitamente consulenza alla clientela in tutte le fasi del progetto. Una particolare attenzione viene poi dedicata alle imprese del settore agricolo, agroalimentare ed agroenergetico, attraverso Agriventure - centro di competenza del Gruppo che fornisce consulenza per le imprese del settore - e agli enti religiosi e terzo settore, attraverso Banca Prossima. Nelle pagine seguenti vengono illustrate le specifiche soluzioni di finanziamento a medio lungo termine per un importo compreso, in linea di massima, tra euro e di euro. Per investimenti di importo superiore, o che comunque necessitino di forme di finanziamento con caratteristiche diverse da quelle indicate nelle successive schede, sono previste soluzioni personalizzate o di project financing, realizzabili attraverso i nostri consulenti specializzati. Un focus particolare è dedicato inoltre ai finanziamenti a sostegno della ricerca e innovazione e ai servizi per accedere ai programmi di finanziamento dell Unione Europea. AVVERTENZA. Questa sezione ha la finalità di illustrare - per scopo pubblicitario e promozionale - le caratteristiche essenziali dei prodotti di finanziamento dedicati indicando alcune delle relative principali caratteristiche. Per un informazione completa circa le condizioni contrattuali dei prodotti, si invita a consultare i relativi FOGLI INFORMATIVI della Banca e di terzi disponibili in Filiale e sul sito internet della Banca. La Banca può modificare in qualsiasi momento le caratteristiche e le condizioni contrattuali dei prodotti offerti. La concessione del finanziamento è subordinata alla valutazione della Banca. Prima della sottoscrizione di una polizza assicurativa leggere attentamente il Fascicolo Informativo disponibile sul sito della Compagnia e presso le Filiali della Banca. FINANZIAMENTO FOTOVOLTAICO Finanziamento Fotovoltaico Imprese è un finanziamento a medio - lungo termine per l acquisto o la realizzazione di impianti solari fotovoltaici. Il Finanziamento Fotovoltaico è specificatamente dedicato a tutte le Imprese, di qualsiasi settore merceologico, che intendono effettuare investimenti per la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da pannelli fotovoltaici. Cosa finanzia. Finanziamento destinato a sostenere la progettazione, realizzazione e installazione di impianti di produzione di energia elettrica da pannelli fotovoltaici. Il Finanziamento Fotovoltaico è sempre assistito dalla cessione del credito derivante dalla concessione da parte del GSE (Gestore dei Servizi Elettrici S.p.A.) delle tariffe incentivanti previste dalla normativa di riferimento. I progetti, di norma, devono avere una durata non superiore ai 24 mesi a partire dalla data di presentazione della richiesta di finanziamento. Il finanziamento può essere concesso fino al 100% degli investimenti documentati (IVA esclusa), per un importo massimo di ,00. Il finanziamento può essere richiesto anche in presenza di agevolazioni pubbliche, purché l ammontare complessivo non superi il 100% del controvalore del progetto. Caratteristiche specifiche. Durata. Il finanziamento è erogabile con una durata compresa tra un minimo di 3 anni e fino ad un massimo di 15 anni compreso: 2

3 un periodo destinato alle anticipazioni in conto finanziamento, non superiore a 24 mesi, da erogarsi in base allo stato di avanzamento degli investimenti, nel caso in cui il finanziamento venga erogato in più soluzioni; un periodo di pre-ammortamento compreso tra 6 e 12 mesi, nel caso di erogazione in un unica soluzione. IL SUPPORTO Tasso. Il finanziamento può essere regolato a Tasso Fisso o a Tasso variabile: Finanziamento a tasso variabile: prevede che il tasso di interesse possa variare a scadenze prestabilite rispetto al tasso di partenza secondo le oscillazioni del parametro di riferimento (Euribor base 360 a 3 mesi rilevato il penultimo giorno lavorativo bancario del mese precedente la decorrenza di ciascuna rata). Il tasso variabile è consigliabile alle imprese che vogliono un tasso sempre in linea con l andamento del mercato e possono sostenere eventuali aumenti dell importo delle rate. Il rischio principale è legato alla possibilità di variazione del tasso di interesse in aumento rispetto al tasso iniziale con conseguente aumento dell importo delle rate. Finanziamento a tasso fisso: prevede che il tasso di interesse rimanga fisso per tutta la durata del finanziamento. Lo svantaggio è non poter sfruttare eventuali riduzioni dei tassi di mercato. Il tasso fisso è consigliabile alle imprese che vogliono essere certe, sin dal momento della firma del contratto, della misura del tasso, degli importi delle singole rate e dell ammontare complessivo del debito da restituire, indipendentemente dalle variazioni delle condizioni di mercato. In caso di finanziamento con erogazioni a stato avanzamento lavori (s.a.l.): l erogazione avviene di norma in tre quote in funzione degli impegni di spesa e dello stato di avanzamento del programma di investimento. Con l erogazione a saldo, che avviene al completamento dei lavori, il finanziamento viene messo in ammortamento. Nel periodo di erogazioni a stato avanzamento vengono corrisposti solo interessi; il tasso applicato è sempre variabile in funzione dell Euribor base 360 a 6 mesi (aggiornato mensilmente rilevando il valore dell Euribor il penultimo giorno lavorativo del mese precedente) più lo spread. Gli interessi vengono liquidati semestralmente alle scadenze fisse del 30/6 e 31/12. Nel periodo di ammortamento il tasso può essere fisso o variabile, come descritto ai punti precedenti. Modalità di rimborso. Il rimborso del finanziamento può avvenire mediante: in caso di finanziamento regolato a tasso fisso, un piano di ammortamento a rate costanti, comprensive di capitale e interessi (piano francese); in caso di finanziamento regolato a tasso variabile un piano di ammortamento a quote costanti di capitale (piano italiano). Le rate sono composte da una quota a rimborso del capitale ed una quota a rimborso di interessi. Le rate sono posticipate e decorrono dal giorno di stipula del contratto. La periodicità delle rate è semestrale nella fase di anticipazioni in conto finanziamento, trimestrale nella fase di ammortamento. Garanzie. Il finanziamento deve sempre essere assistito dalla cessione integrale del credito GSE (Gestore dei Servizi Elettrici S.p.A.), derivante dalla concessione alla parte mutuataria delle tariffe incentivanti previste dalla normativa di riferimento. L atto deve essere stipulato tramite atto pubblico o scrittura privata autenticata da notaio. Alla scadenza finale del finanziamento o in caso di sua estinzione anticipata, si dovrà stipulare un atto di cessione inverso. (definito dal GSE.Atto di retrocessione) con il quale la Banca retrocederà all impresa il credito di cui era divenuta beneficiaria. Con questa modalità di erogazione, la cessione del credito GSE è materialmente acquisibile solo successivamente all entrata in esercizio dell impianto fotovoltaico ed all erogazione del mutuo; nel contratto di finanziamento è pertanto indicato un termine entro il quale l impresa si impegna a provvedere alla cessione del credito e a presentare la polizza assicurativa all risk, pena la facoltà della Banca di risolvere il contratto. L Impresa è sempre tenuta a stipulare un assicurazione all risk (vincolata a favore della Banca e depositata presso la medesima per tutta la durata dell operazione) sull impianto fotovoltaico contro i danni diretti (fulmine, incendi, furto, ecc.) e indiretti (fermo impianti per danni assicurati). La Banca può inoltre richiedere, in funzione a valutazioni di merito creditizio, garanzie reali o personali nonché vincoli o specifiche cautele. I vantaggi del finanziamento Fotovoltaico. Il finanziamento Fotovoltaico può finanziare fino al 100% del costo dell investimento e prevede la possibilità di erogazione a stato avanzamento lavori (s.a.l.), di norma in tre quote in funzione degli impegni di spesa assunti dall impresa e della documentazione dell avanzamento del programma di investimento. Con l erogazione a saldo, che avviene al completamento dei lavori, il finanziamento viene messo in ammortamento. 3

4 IL SUPPORTO Foglio Informativo n. 145 = Finanziamento Fotovoltaico. FINANZIAMENTO ENERGIA IMPRESE Finanziamento Energia Imprese è destinato a sostenere i piani di investimento delle imprese finalizzati a realizzare impianti efficienti di produzione di energia, a diversificare le fonti energetiche e/o razionalizzare i consumi. Il finanziamento è specificatamente dedicato a tutte le imprese, di qualsiasi settore, che intendono effettuare investimenti di efficientamento e diversificazione energetica. Cosa finanzia. Il finanziamento Energia Imprese consente di finanziare fino all 80% degli investimenti documentati (IVA esclusa) relativi. I progetti di norma devono avere una durata non superiore ai 24 mesi a partire dalla data di presentazione della richiesta di finanziamento e in particolare: investimenti finalizzati alla realizzazione/ampliamento di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili e assimilate, all ammodernamento/riconversione di quelli convenzionali, al risparmio energetico nei processi produttivi ad alta intensità energetica (compresi i costi di progettazione, terreni, opere civili, macchine, cavidotti, trasformatori, quadri elettrici, allacciamenti ecc.). L importo del finanziamento è compreso, di norma, tra un minimo di ,00 e un massimo di ,00. Possono essere finanziate anche spese sostenute nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda. I programmi devono essere compatibili con le normative ambientali previste. Il finanziamento può essere richiesto anche in presenza di agevolazioni pubbliche, purché l ammontare complessivo non superi il 100% del controvalore del progetto. Le caratteristiche. Durata. Il finanziamento è erogabile con una durata compresa tra un minimo di 5 anni e fino a un massimo di 10 anni, comprensivo di un periodo destinato alle anticipazioni in conto finanziamento, non superiore a 30 mesi, da erogarsi in base allo stato di avanzamento degli investimenti. Tasso. Il finanziamento è disponibile con l applicazione di un tasso variabile: è previsto che il tasso di interesse possa variare a scadenze prestabilite rispetto al tasso di partenza secondo le oscillazioni del parametro di riferimento (Euribor base 360 a 3 mesi rilevato il penultimo giorno lavorativo bancario del mese precedente la decorrenza di ciascuna rata). Il tasso variabile è consigliabile alle imprese che vogliono un tasso sempre in linea con l andamento del mercato e possono sostenere eventuali aumenti dell importo delle rate. Il rischio principale è legato alla possibilità di variazione del tasso di interesse in aumento rispetto al tasso iniziale con conseguente aumento dell importo delle rate. Nel caso di Finanziamenti a Stato Avanzamento lavori, nel periodo di erogazioni vengono corrisposti solo interessi; il tasso applicato è sempre variabile in funzione dell Euribor base 360 a 6 mesi (aggiornato mensilmente rilevando il valore dell Euribor il penultimo giorno lavorativo bancario del mese precedente) più lo spread. Gli interessi vengono liquidati semestralmente alle scadenze fisse del 30/6 e 31/12. Nel periodo di ammortamento il tasso è variabile ed il rimborso avviene mediante pagamento posticipato di rate comprensive di capitale ed interesse a decorrere dal 1 giorno del mese successivo a quello della stipula dell atto di erogazione finale con messa in ammortamento. Modalità di rimborso. Il rimborso del prestito avviene in base al Piano di ammortamento Italiano con il pagamento di rate composte da una quota a rimborso del capitale ed una quota a rimborso di interessi e con periodicità trimestrale. Garanzie. La Banca può richiedere, in funzione a valutazioni di merito creditizio, garanzie reali o personali nonché vincoli o specifiche cautele. 4

5 I vantaggi del finanziamento Energia Imprese. Energia Imprese prevede la possibilità di erogazione a stato avanzamento lavori (s.a.l.), di norma in tre quote in funzione degli impegni di spesa assunti dall impresa e della documentazione dell avanzamento del programma di investimento. Con l erogazione a saldo, che avviene al completamento dei lavori, il finanziamento viene messo in ammortamento. IL SUPPORTO Foglio Informativo n. 103 = Finanziamenti Energia Imprese. FINANZIAMENTO ENERGIA BUSINESS Il Finanziamento Energia Business dà la possibilità di affrontare i costi iniziali dell impianto e di sostenere il costo dell investimento anche grazie alla vendita di energia alle tariffe agevolate previste dal sistema di incentivazione pubblica. Si rivolge ai professionisti e alle piccole imprese con fatturato di gruppo inferiore a 2,5 milioni di euro e accordato di gruppo inferiore a 1 milione di euro (c.d. Small Business) che appartengono ai settori industria, agroindustria, agricoltura, artigianato, commercio, servizi e turismo. Cosa finanzia. Finanziamento Energia Business è il finanziamento a medio lungo termine finalizzato alla realizzazione e all acquisto di impianti fotovoltaici destinati alla produzione/vendita di energia elettrica. Il finanziamento Energia Business può coprire fino ad un massimo del 100% dell'investimento (al netto di IVA) sulla base della spesa documentata. L importo finanziabile va da euro fino a un massimo di euro. Il finanziamento è cumulabile con eventuali interventi pubblici, purché l ammontare complessivo non superi il 100% delle spese previste. Le caratteristiche. Il Finanziamento Energia Business si caratterizza per: Durata: variabile da 2 a 15 anni; non è previsto preammortamento. Prefinanziamento: è previsto fino al 60% dell importo del finanziamento eventualmente aumentabile all'80% in presenza della documentazione relativa all'avvenuto allacciamento alla rete e del contratto di connessione rilasciati dal gestore della Rete per la durata massima di 9 mesi (12 mesi in presenza di garanzia consortile). È utilizzabile anche in più soluzioni, alla presentazione delle singole fatture relative alla realizzazione dell impianto, con contestuale disposizione di bonifico per il pagamento. Tasso del Finanziamento: fisso o variabile. Periodicità rate: mensili, trimestrali o semestrali. Garanzie e cautele. Per accedere al finanziamento sono richieste le seguenti garanzie obbligatorie: cessione del credito pro solvendo, formalizzata tramite atto pubblico o scrittura privata autenticata da notaio ed inviata a GSE a mezzo raccomandata A.R. a valere su assegnazione della tariffa incentivante; polizza assicurativa all risk, vincolata a favore della banca, contro i rischi diretti (eventi atmosferici, fulmine, incendio, furto) e indiretti (fermo impianto per danni assicurati) con durata pari alla vita del finanziamento. La Banca può inoltre richiedere, in funzione a valutazioni di merito creditizio, garanzie pignoratizie o personali nonché vincoli o specifiche cautele. I vantaggi di Finanziamento Energia Business. Il Finanziamento Energia Business offre quindi: Convenienza, perché il tasso d interesse è competitivo e l opzione tasso fisso è prevista anche per le durate più lunghe. Flessibilità per la restituzione del debito, perchè il finanziamento ha una durata prevista fino a 15 anni, in modo da allineare l investimento effettuato ai ricavi o agli incentivi derivanti dalla vendita dell energia prodotta. Semplicità, perchè oltre alle garanzie obbligatorie per accedere al prefinanziamento basterà presentare le fatture e la relativa disposizione di pagamento. Riferimenti: Foglio Informativo n. 128 = Finanziamento Energia Business. Foglio Informativo n. 309 = Finanziamento Energia Business con polizza. 5

6 IL SUPPORTO LEASENERGY Leasenergy è il leasing volto a promuovere ed a finanziare le moderne tecnologie a supporto della generazione di energia da fonti rinnovabili. Centrali ed impianti fotovoltaici; Centrali ed impianti eolici; Centrali ed impianti a biomasse e di cogenerazione; Centrali ed impianti idroelettrici; Centrali ed impianti geotermici. Leasenergy si rivolge alle imprese di qualsiasi dimensione. Le caratteristiche. I vantaggi: Possibilità di accedere alle incentivazioni previste dal Conto Energia ; Realizzazione degli investimenti previsti, senza utilizzare la propria liquidità; Frazionamento dell IVA con il pagamento dei canoni periodici; Possibilità di finanziamento dell impianto anche in costruzione, con fornitori diversi e pagamenti a stato avanzamento lavori; Possibilità di fruire di polizza assicurativa di Compagnia del Gruppo che prevede coperture coerenti con il prodotto (solo per impianti fotovoltaici). Le condizioni economiche. Caratteristiche del piano finanziario se Leasing immobiliare: Durata Anticipo Riscatto Preammortamento Canoni periodici Manutenzione Assicurazione 216 mesi Dal 10% al 30% del valore del bene. Su deroga Leasint possibilità di canone costante 1% del valore del bene Solo per impianti in costruzione e se richiesta, possibilità di posticipare la decorrenza sino a 6 mesi Mensili e su richiesta bimestrali o trimestrali. Decorrenza: posticipata Obbligatoria per tutta la durata del contratto Obbligatoria a carico dell utilizzatore (in convenzione o diretta) con garanzia fermo impianto. La polizza può essere sottoscritta presso una primaria Compagnia di Assicurazione Caratteristiche del piano finanziario se Leasing strumentale: Durata Anticipo Riscatto Preammortamento Canoni periodici Manutenzione Assicurazione Minimo 89 mesi. Massimo 180 mesi Dal 10% al 30% del valore del bene. Su deroga Leasint possibilità di canone costante 1% del valore del bene Solo per impianti in costruzione e se richiesta, possibilità di posticipare la decorrenza sino a 6 mesi Mensili e su richiesta bimestrali o trimestrali. Decorrenza: posticipata Obbligatoria per tutta la durata del contratto Obbligatoria a carico dell utilizzatore (in convenzione o diretta) con garanzia fermo impianto. La polizza può essere sottoscritta presso una primaria Compagnia di Assicurazione Per le condizioni economiche e contrattuali di Leasenergy fare riferimento al Foglio Informativo n. 005 della Società Leasint S.p.A. 6

7 AEDIFICA BIOEDILIZIA IL SUPPORTO Aedifica è la linea di finanziamenti a medio/lungo termine che il Gruppo Intesa Sanpaolo dedica alle imprese che operano nel settore delle costruzioni edilizie. Aedifica Bioedilizia è un finanziamento per le Imprese edili che costruiscono o ristrutturano immobili con i criteri dell edilizia Bioedilizia e Biosostenibilità. Aedifica si rivolge a: imprese (individuali e società) e cooperative edilizie; soggetti con esigenze di vendita frazionata degli immobili. Cosa finanzia. Aedifica consente di finanziare: l acquisto, la costruzione, la ristrutturazione e l ammodernamento di immobili a uso abitativo e non abitativo; la vendita frazionata di edifici a uso abitativo e non abitativo già ultimati. Le caratteristiche. Aedifica prevede erogazioni, a favore dell impresa, correlate allo stato di avanzamento dei lavori rilevato dalla banca, fino alla concorrenza dell importo concesso per la costruzione o la ristrutturazione degli immobili. In sede di erogazione finale del finanziamento e ripartizione in lotti (unità immobiliari) da accollare agli acquirenti (tramite uno o più atti di ripartizione con messa in ammortamento del mutuo), le caratteristiche dei singoli mutui variano in funzione della destinazione degli immobili e delle esigenze degli acquirenti. Immobili a destinazione abitativa: se l acquirente finale è una persona fisica, la durata e le condizioni di tasso che regolano i singoli mutui rispecchiano, di norma, quelli della linea Domus (la specifica linea di mutui per Privati della banca); se l acquirente finale è un impresa, la durata del mutuo varia, di norma, da 5 a 20 anni ed è regolato sia a tasso fisso sia a tasso variabile. Il rimborso è previsto mediante rate mensili o semestrali. Per le unità immobiliari invendute, i cui lotti restano in capo all impresa costruttrice, si praticheranno le condizioni economiche previste per i mutui con destinazione non abitativa. Immobili a destinazione non abitativa: la durata del mutuo varia, di norma, da 5 a 15 anni; il tasso può essere fisso o variabile. Il rimborso è previsto mediante rate mensili o semestrali. Il rimborso del finanziamento può avvenire mediante: un piano di ammortamento a rate costanti, comprensive di capitale e interessi (piano francese) in caso di finanziamento regolato a tasso fisso; un piano di ammortamento che prevede quote di capitale rideterminate per ciascuna rata, in caso di finanziamento regolato a tasso variabile. In pratica a ogni rata si determina la quota di capitale da rimborsare con la tecnica del piano francese per la durata residua risultante al momento del calcolo, ovviamente utilizzando il tasso variabile previsto contrattualmente (in caso di marginali variazioni del parametro di tasso la rata resta sostanzialmente costante). Nel periodo in cui sussistono anticipazioni correlate allo stato di avanzamento dei lavori, gli interessi sono determinati a tasso variabile con pagamento al e di ogni anno. Garanzie e cautele. Il finanziamento deve essere garantito da ipoteca di I grado economico sull immobile oggetto dell intervento (o altro immobile) e deve possedere i requisiti del credito fondiario. I vantaggi di Aedifica Bioedilizia. Intesa Sanpaolo premia con le condizioni particolari di Aedifica Bioedilizia le iniziative edilizie che intendano certificare la biosostenibilità dell edificio, un fattore di valorizzazione degli edifici anche in tempi di saturazione del mercato immobiliare, nonché attestazione di qualità edilizia. Ai fini dell applicazione di tali condizioni, l impresa dovrà produrre, prima della stipula del contratto di mutuo, la documentazione idonea alla predetta certificazione (c.d. Protocollo ITACA ) che dovrà prevedere il raggiungimento di determinati obiettivi minimi. Foglio Informativo n. 033 = Linea Aedifica. 7

8 IL SUPPORTO NOVA+ Finanziamenti a medio termine per investimenti in ricerca e innovazione Nova+ è una specifica linea di finanziamento di Mediocredito Italiano, Banca del Gruppo Intesa Sanpaolo, destinata a supportare, attraverso soluzioni finanziarie mirate e servizi di assistenza specialistica, le imprese che investono in progetti di ricerca, sviluppo e innovazione. Una gamma di prodotti in grado di finanziare anche l immaterialità delle idee e dei progetti degli imprenditori che vogliono innovare per mantenersi competitivi. Alle imprese di qualsiasi settore e dimensione, escluse quelle operanti nel settore degli armamenti. Le caratteristiche. Modalità di valutazione dei progetti. I finanziamenti Nova+ prevedono di affiancare alla tradizionale analisi del merito di credito una valutazione tecnico-industriale del progetto di innovazione. Ciò consente alla Banca di comprendere le ricadute industriali derivanti dagli investimenti e quindi di valorizzare le strategie di sviluppo delineate dagli imprenditori. Importo finanziato. L ammontare del finanziamento, che di norma non prevede il ricorso a garanzie reali, può raggiungere anche il 100% dell investimento. È possibile accedere al finanziamento anche se l investimento dovesse beneficiare di altre agevolazioni pubbliche già accordate, purché gestite da soggetti non appartenenti al Gruppo Intesa Sanpaolo. Durata. La durata è di 5 anni, incluso un pre-ammortamento di 18 mesi, estendibile, nel caso di progetti di ricerca e sviluppo, a 7 anni, incluso un pre-ammortamento di massimo 30 mesi. Modalità di erogazione. L erogazione, sempre in anticipo rispetto al momento dell investimento, può avvenire in un unica o in più soluzioni, in funzione delle esigenze del piano di investimento. Accesso a provvista BEI. È prevista la possibilità di utilizzare, fino ad esaurimento, fondi messi a disposizione da BEI (Banca Europea per gli Investimenti). I vantaggi per le imprese consistono nell esenzione dall imposta sostitutiva (0,25% dell importo erogato) e nella riduzione dello spread. Le soluzioni di Nova+ Nova+ è un prodotto flessibile e si articola in 4 soluzioni, a seconda della strategia scelta dall impresa per migliorare il proprio livello tecnologico e/o la propria struttura aziendale: Nova+ Ricerca Per progetti di ricerca e sviluppo svolti dall impresa attraverso competenze interne e destinati alla realizzazione di nuovi prodotti, processi e servizi tecnologicamente innovativi per il cliente. Nova+ Acquisto Per l acquisizione dal mercato di sistemi e conoscenze utili all arricchimento del contenuto tecnologico di prodotti, processi e servizi dell impresa e al miglioramento della propria organizzazione. Nova+ Infocom Per la realizzazione di un piano organico di investimenti volto ad innovare i Sistemi Informativi Aziendali dell impresa, sia attraverso l utilizzo di competenze interne sia attraverso l acquisizione di innovazione dal mercato. Nova+ Università Per commesse finalizzate alla realizzazione di studi, sviluppi e trasferimenti di tecnologia da parte di Università italiane e di Centri di Ricerca Pubblici e Privati destinati a innovare organizzazione, processi e prodotti dell impresa richiedente. 8

9 Le competenze di Mediocredito Italiano. Mediocredito Italiano, la banca del Gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nello sviluppo delle piccole e medie imprese, offre competenze distintive e consulenze tecnologico-industriale a tutte le imprese che vogliono investire nella ricerca e sviluppo. IL SUPPORTO L esperienza nella gestione delle agevolazioni ministeriali consente inoltre di offrire alle imprese una consulenza specializzata per il conseguimento dei contributi pubblici alla ricerca e all innovazione. Il team dedicato alle imprese che innovano. Mediocredito Italiano mette a disposizione delle imprese una struttura specialistica dedicata agli investimenti in ricerca e sviluppo, composta da un pool di ingegneri specializzati nei diversi settori merceologici e accreditati come esperti UE, un team di legali, costantemente aggiornato in merito alle opportunità di agevolazione del credito, ed esperti di contabilità industriale. Si tratta di una squadra in grado di fornire un servizio di consulenza tecnologica e industriale a tutto tondo per supportare concretamente le decisioni di investimento degli imprenditori ed affiancarli nel rapporto con le Università. I partner scientifici. Nell ambito dei progetti di ricerca, grazie alla collaborazione con prestigiose Università convenzionate, Mediocredito Italiano potrà, su richiesta, affiancare gli imprenditori nel dialogo con gli Atenei favorendo un accesso diretto e mirato alle più avanzate strutture di ricerca e sviluppo tecnologico attive in Italia. Contatti. Per approfondimenti, assistenza e altre informazioni è possibile rivolgersi alla Filiale Imprese o al centro Corporate di riferimento (elenco disponibile sul sito oppure direttamente a Mediocredito Italiano (sito scrivendo a 9

10 IL SUPPORTO INTESA SANPAOLO EURODESK: supporto alle imprese nell accesso alle opportunità di finanziamento offerte dall Unione europea Il Gruppo Intesa Sanpaolo, attraverso Intesa Sanpaolo Eurodesk, offre un assistenza a 360 gradi per accompagnare le imprese italiane passo passo nella partecipazione ai programmi di finanziamento europei. Le opportunità di crescita offerte dai Programmi della Commissione Europea sono una risorsa sempre più importante per il mondo imprenditoriale, ma le procedure d accesso ai bandi europei restano complesse e spesso poco conosciute. È per questo che le imprese hanno bisogno di essere informate e assistite professionalmente. Intesa Sanpaolo Eurodesk è la società del Gruppo Intesa Sanpaolo con sede a Bruxelles che offre una risposta concreta ed efficace alla necessità delle imprese italiane di accedere in misura maggiore ai finanziamenti a fondo perduto erogati dalla Commissione Europea. Intesa Sanpaolo Eurodesk promuove inoltre le attività di ricerca e sviluppo tecnologico e di innovazione incoraggiando la cooperazione tra il mondo accademico, industriale e finanziario e intervenendo come partner di progetti internazionali finanziati dalla Comunità europea. I vostri programmi di sviluppo hanno trovato nuove risorse Square de Meeûs, Brussels, Belgium Tel Fax I servizi di Intesa Sanpaolo Eurodesk. Consulenza personalizzata. Sulla base del settore di interesse dell impresa cliente, sono disponibili piani personalizzati di assistenza che includono: Servizi informativi e di monitoraggio sulle politiche comunitarie e le principali opportunità di finanziamento che ne derivano. Mappatura dei bandi europei di potenziale interesse e fornitura della relativa documentazione. Analisi preliminare del progetto del cliente. Consulenza per la strutturazione di partenariati internazionali. Consulenza strategica nei contatti con le Istituzioni europee. Supporto nella redazione e presentazione dei progetti. Segnalazione quotidiana dei bandi di gara comunitari per la fornitura di beni, servizi e lavori. Formazione. Intesa Sanpaolo Eurodesk promuove programmi di formazione sulle politiche e i programmi di finanziamento dell Unione europea, personalizzati in base alle esigenze dell impresa cliente. Obiettivo della formazione è di illustrare i meccanismi d accesso e le caratteristiche dei principali finanziamenti concessi dall Unione europea, con un focus su quelli per la ricerca e l innovazione tecnologica. Informazione. Il sito web di Intesa Sanpaolo Eurodesk (www.intesasanpaoloeurodesk.com) fornisce notizie aggiornate su eventi, politiche e pubblicazione dei bandi europei per la ricerca e l innovazione tecnologica. La registrazione è gratuita e consente di accedere a quattro desk settoriali: Agrifood / Energia e Ambiente / ICT / Salute. È possibile seguire gli ultimi aggiornamenti di Intesa Sanpaolo Eurodesk anche su Twitter e su 10

11 FINANZIAMENTI ALLE ESCO IL SUPPORTO Le E.S.Co. acronimo di Energy Service Company sono società che assumono il rischio finanziario dell intervento in ambito energetico e partecipano a una parte dei benefici economici prodotti nel tempo dall intervento stesso. Gli interventi possono essere di diverse tipologie, tra cui il fotovoltaico, il solare termico, la cogenerazione da biomasse o biogas, l illuminazione pubblica (ad es. la sostituzione di lampade a sodio con lampade a led), l isolamento termico di edifici e molte altre. Le ESCO rivestono un ruolo importante, poiché possono essere un elemento propulsore di grande valore per lo sviluppo del risparmio energetico in Italia, soprattutto in ambito pubblico. Per questo motivo, Intesa Sanpaolo e il Ministero dell Ambiente hanno avviato un percorso di collaborazione relativo al sostegno del Patto dei Sindaci (l iniziativa lanciata dalla Commissione Europea per coinvolgere attivamente le città nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale), al fine di promuovere l iniziativa presso i Comuni che non vi hanno ancora aderito e supportare quelli che hanno già aderito nella redazione dei PAES (Piani di Azione per l energia sostenibile). Le ESCO devono saper abbinare competenze tecniche, relazioni commerciali sul territorio, una struttura finanziaria solida e la capacità di allargare in futuro la propria base di capitale al crescere dell attività. Intesa Sanpaolo ha sperimentato con successo le prime soluzioni finalizzate a finanziare le Esco su interventi destinati ad Enti Pubblici sia per impianti a fonti rinnovabili, sia per realizzazioni in ambito di efficienza energetica. Le valutazioni necessarie per l istruttoria di un finanziamento ad una ESCO sono: Solidità della Esco dal punto di vista patrimoniale/reddituale. Grande rilevanza assume il profilo professionale e bancario di soci e amministratori. Il capitale di rischio investito nel progetto. La banca molto difficilmente finanzia con debito il 100% dell investimento: è necessario che una quota indicativamente pari al 30% dell investimento complessivo sia rappresentato da mezzi propri della Esco investiti nel progetto come capitale di rischio. In alcuni casi è possibile che una parte del capitale di rischio sia rappresentato da fondi pubblici destinati alla tipologia di intervento o da garanzie fidejussorie rilasciate dall Ente Pubblico beneficiario del progetto. Una volta definita la struttura equity/debito del progetto, in funzione della tipologia di intervento, è possibile individuare specifici flussi reddituali che possono fungere da garanzia del finanziamento, come ad esempio la cessione del credito della tariffa incentivante GSE nel caso di impianti foto voltaici. Le ESCO vengono finanziate utilizzando i prodotti standard previsti dalla Banca per il finanziamento alle aziende in ambito energetico (Energia Business, Finanziamento Fotovoltaico per investimenti in ambito fotovoltaico, Investimenti Business/Energia Business per altre tipologie di investimenti, o dalla Leasint con operazioni di leasing immobiliare o strumentale). FINANZIAMENTO SOSTENIBILITÀ BUSINESS Il Finanziamento Sostenibilità Business ti dà la possibilità di affrontare i costi degli interventi finalizzati allo sviluppo sostenibile del territorio, alla tutela dell ambiente e al miglioramento della sicurezza sui luoghi di lavoro. Si rivolge ai professionisti e alle imprese Small Business che appartengono ai settori industria, agroindustria, agricoltura, artigianato, commercio, servizi e turismo. Cosa finanzia. Finanziamento Sostenibilità Business è il finanziamento a medio termine finalizzato: alla rimozione e allo smaltimento di manufatti contenenti cemento amianto dagli edifici; alla coibentazione e ad altre finalità collegate alla riduzione dell impatto ambientale; al miglioramento della sicurezza sui luoghi di lavoro (anche attraverso iniziative formative). Il Finanziamento Sostenibilità Business copre fino al 100% dell investimento (al netto di Iva), sulla base della spesa documentata. L importo finanziabile va fino a un massimo di euro. Il finanziamento è cumulabile con eventuali interventi pubblici, purché l ammontare complessivo non superi il 100% delle spese previste. 11

12 IL SUPPORTO Le caratteristiche. Il Finanziamento Sostenibilità Business si caratterizza per: Durata: variabile da 2 a 5 anni; è ammesso un periodo di preammortamento di 6 mesi. Tasso del Finanziamento: fisso o variabile. Periodicità rate: mensili, trimestrali o semestrali. Garanzie e cautele. Per la rimozione e smaltimento dell amianto, l Impresa dovrà rilasciare la documentazione attestante il trattamento/smaltimento eseguito da parte di nominativo qualificato ed autorizzato secondo quanto previsto dalla normativa vigente in tema di rifiuti pericolosi (i soggetti che provvedono alla rimozione e trattamento di amianto devono essere registrati presso le ASL ed iscritti all apposito Albo Nazionale Smaltitori nonchè possedere i certificati di sicurezza e specializzazione rilasciati dal Ministero dell Ambiente. Le tecniche di smaltimento sono regolamentate dal D.M. 6/9/1994) e successivo rilascio di certificazioni di restituibilità degli ambienti bonificati. La Banca può richiedere, in funzione a valutazioni di merito creditizio, garanzie personali o pignoratizie nonché vincoli o specifiche cautele. I vantaggi di Finanziamento Sostenibilità Business. Il Finanziamento Sostenibilità Business a Medio Termine offre quindi: Flessibilità nella definizione del piano di rimborso, perché il finanziamento ha una durata prevista fino a 5 anni, e nella scelta della periodicità delle rate. Semplicità, perché per accedere al finanziamento basterà presentare le fatture e la relativa documentazione prodotta obbligatoriamente dall impresa che si occupa della rimozione e smaltimento. Foglio informativo n. 147 Finanziamento Investimenti Business FINANZIAMENTO SOSTENIBILITÀ BREVE TERMINE PER LE IMPRESE CON PIANO DI RIENTRO Finanziamento Sostenibilità Breve Termine è il finanziamento a breve termine per le Imprese che investono in ambiente e sicurezza. Il Finanziamento Sostenibilità BT è specificatamente dedicato a tutte le Imprese, (individuali e società) che investono nel campo della sostenibilità ambientale e sicurezza sul lavoro. Cosa finanzia. Il finanziamento viene concesso a fronte di esigenze finanziarie direttamente finalizzate a tutte le attività inerenti la sostenibilità ambientale, alla formazione e alla sicurezza e salubrità dell ambiente di lavoro e può coprire fino al 100% dell importo degli investimenti documentati (IVA esclusa) riferibili a: Tutela Ambientale - Eco-Turismo; smaltimento rifiuti; trattamento delle acque; gestione degli imballaggi; utilizzo di materie prime eco sostenibili. Eco-sharing - Cicli, ciclomotori, auto elettriche ad uso aziendale e condiviso; realizzazione di parcheggi attrezzati, colonnine di ricarica, impianti ad energia rinnovabile a supporto; acquisto dei mezzi. Efficienza energetica - Impiego di macchinari o impianti più efficienti o ecologici (anche con certificazioni/diagnosi energetiche). Certificazioni ambientali - Ecolabel e altri marchi di qualità ecologica. Sicurezza sul lavoro - Formazione; incremento del livello di sicurezza; qualità degli ambienti. Caratteristiche specifiche. Durata. Il finanziamento è erogabile con una durata correlata all investimento, con un massimo di 18 mesi meno un giorno. Tasso. Gli interessi vengono conteggiati, per tutta la durata del finanziamento, utilizzando un tasso variabile o 12

13 un tasso fisso in funzione di quanto previsto dal contratto. La tipologia di tasso prefissata (fisso/variabile) non può variare nel corso della durata del finanziamento. tasso variabile: sono variabili sia il tasso di interesse sia l importo delle singole rate (rata variabile). Il tasso variabile è consigliabile a chi vuole un tasso sempre in linea con l andamento del mercato e può sostenere eventuali aumenti dell importo delle rate. Il rischio principale è legato alla possibilità di variazione del tasso di interesse in aumento rispetto al tasso iniziale con conseguente aumento dell'importo delle rate. tasso fisso: rimangono fissi per tutta la durata del prestito sia il tasso di interesse sia l importo delle singole rate (rata costante). Il tasso fisso è consigliabile a chi vuole essere certo, sin dal momento della firma del contratto, della misura del tasso, degli importi delle singole rate e dell ammontare complessivo del debito da restituire, indipendentemente dalle variazioni delle condizioni di mercato. Lo svantaggio è non poter sfruttare eventuali riduzioni di tassi di mercato. IL SUPPORTO Modalità di rimborso. Il rimborso del finanziamento avviene mediante pagamento posticipato di rate comprensive di capitale ed interesse. Fanno eccezione i finanziamenti che prevedono la restituzione del capitale in una unica soluzione sull ultima rata (finanziamento.bullet.). Le rate possono avere periodicità mensile, bimestrale, trimestrale e semestrale con scadenza ad ogni giorno del mese, determinata dal giorno di stipula del contratto unico. Gli interessi decorrono dal giorno successivo a quello di stipula del contratto. Nell eventuale periodo iniziale di preammortamento le rate sono costituite dalla sola quota interessi. Garanzie. A insindacabile giudizio della Banca a scelta tra quelle in uso per operazioni della specie, comprese le garanzie rilasciate dalle Cooperative e dai Consorzi di Garanzia. I vantaggi del finanziamento Sostenibilità BT. Gestione Liquidità: possibilità di ottenere un finanziamento per esigenze di liquidità connesse ai temi inerenti la sostenibilità ambientale. Convenienza: possibilità di fruire delle condizioni previste per il prodotto a fronte della destinazione specifica del finanziamento. Flessibilità: scelta della modalità del piano di ammortamento e della periodicità rateale, sulla scorta delle esigenze specifiche. Foglio Informativo n. 056 = Finanziamento Sostenibilità Breve Termine per le imprese con piano di rientro. LA PROMOZIONE DELLE TECNOLOGIE PIÙ INNOVATIVE L innovazione tecnologica gioca un ruolo fondamentale nel settore dell energia sostenibile:nuove fonti energetiche, sistemi di produzione di energia sempre più efficienti ed economici, dispositivi e processi mirati a ridurre i consumi degli usi finali sono solo alcuni esempi che indicano quanto il settore sia profondamente caratterizzato da una continua evoluzione. Intesa Sanpaolo ha fra i suoi obiettivi principali il supporto dell innovazione, e con questo proposito la Divisione Corporate Investment Banking ha predisposto un offerta integrata di iniziative per promuovere la diffusione delle tecnologie più innovative. START-UP INITIATIVE La Intesa Sanpaolo Start-Up Initiative è un programma per la formazione e la promozione di aziende in fase di start-up ad alto contenuto tecnologico. Alle aziende in fase di start-up in cerca di investitori, che offrano prodotti o servizi con tecnologie innovative. 13

14 IL SUPPORTO Ad investitori istituzionali, business angels, aziende o private investors in cerca di opportunità di investimento. Cosa propone. Il processo prevede un periodo formativo per le start-up finalizzato a costruire una presentazione efficace del business plan e l organizzazione di eventi dedicati, sia in Italia che presso le nostre sedi estere in cui le aziende selezionate incontrano investitori in capitale di rischio. La StartUp Initiative si articola in più edizioni nel corso dell anno, dedicate a settori tecnologici differenti tra cui quello del Cleantech (energie rinnovabili, efficienza energetica, acqua e ambiente). T.O.P. - TECHNOLOGICAL OPPORTUNITY PROPOSAL L iniziativa T.O.P. (Technological Opportunity Proposal) è un servizio dedicato mirato ad offrire opportunità di investimento in tecnologie innovative prossime allo sviluppo industriale o già mature, con un approccio di open innovation. Imprese Corporate interessate a valutare acquisizione di tecnologie offerte da aziende in fase di crescita (come quelle presenti nei portafogli dei Venture Capitals). Cosa propone. Intesa Sanpaolo si propone di offrire un servizio dedicato specifico per ciascun Cliente: Raccolta di indicazioni sulle specifiche tecnologiche obiettivo di innovazione del Cliente; Scouting di aziende target con tecnologie che rispondano alle specifiche; Incontro tra Cliente e azienda target per finalizzare la acquisizione di tecnologia (attraverso M&A, Licensing brevettuali o altre possibili partnership). L iniziativa T.O.P. è focalizzata su ambiti tecnologici specifici, tra cui il Cleantech (energie rinnovabili, efficienza energetica, acqua e ambiente), per offrire opportunità di livello qualitativo elevato, puntando sui settori più strategici per lo sviluppo dell economia. Ufficio Promozione della Ricerca Intesa Sanpaolo - Divisione Corporate e Investment Banking Direzione Risorse e Sviluppo - Servizio Innovazione e Marketing FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTI Il Fondo italiano di Investimenti è un fondo mobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati, promosso dal Ministero dell Economia e delle Finanza; soci fondatori della società di gestione (SGR) sono il Ministero stesso, Cassa Depositi e Prestiti, Intesa Sanpaolo, Unicredit, Monte dei Paschi di Siena, Abi e Confindustria. Il Fondo ha l obiettivo di creare una fascia ampia di aziende classificabili come medi campioni nazionali che, pur mantenendo la flessibilità e l innovazione tipica delle PMI, possano disporre di una struttura patrimoniale e manageriale adeguata e di una governance funzionale per competere meglio sui mercati internazionali. Il Fondo si rivolge prevalentemente ad imprese italiane in fase di sviluppo con ambizioni di crescita interna e/o esterna e fatturato indicativamente compreso tra 10 e 100 milioni di euro. Sono considerati elementi fondamentali: presenza di chiari progetti e prospettive di sviluppo interessanti a livello nazionale e soprattutto internazionale; 14

15 progetti di consolidamento e/o aggregazione; prospettive di valorizzazione di marchi, brevetti e know-how; disponibilità dell azionariato esistente ad aprire la governance dell Impresa al Fondo. Il Fondo è attento anche ad investimenti in società che, nel rispetto dei requisiti sopra esposti, presentino esigenze di ricambio generazionale o problemi di governance che possano limitarne l espressione delle potenzialità reddituali ed industriali. Sono escluse dall intervento del Fondo le Start up e le società operanti nei settori immobiliare e dei servizi finanziari. Il Fondo non investe in presenza di situazioni di turnaround 1, procedure esecutive in corso, posizioni in sofferenza. IL SUPPORTO Cosa finanzia. Il Fondo investe in: assunzione di partecipazioni dirette di minoranza nel capitale di imprese italiane; assunzioni di partecipazioni dirette di minoranza nel capitale di imprese italiane in coinvestimento con altri fondi specializzati; interventi come fondo di fondi investendo in altri fondi che condividano la politica di investimento e gli obiettivi del Fondo. Attraverso la sua attività il Fondo è in grado di apportare alle aziende oggetto di investimento i capitali necessari per affrontare processi di: sviluppo; aggregazione; internazionalizzazione; ricambio generazionale; riorganizzazione societaria. Caratteristiche specifiche. Il processo di investimento in fase di ingresso si basa tipicamente sulla condivisione con la proprietà delle aziende degli obiettivi industriali e finanziari, delle modalità di governance e di quelle relative all uscita (processo, tempistiche di massima) mediante apposite clausole statuarie ed accordi parasociali. La durata della permanenza del Fondo nel capitale delle aziende e dipenderà dalle caratteristiche e dai tempi di maturazione del progetto industriale di crescita sottostante l intervento. I vantaggi. Il Fondo garantisce alle aziende oggetto di investimento: l accesso a un network imprenditoriale di elevata qualità derivante dall esperienza e dalle caratteristiche dei soggetti promotori; un supporto strategico e manageriale di eccellenza anche grazie alla possibilità di inserimento nei Consigli di Amministrazione di professionisti di comprovata esperienza in relazione alle singole aree di business; maggiore credibilità e capacità negoziale nei confronti dell intero sistema dei clienti e fornitori del - l azienda stessa. Riferimenti: 1 Non sono da considerare tali situazioni di momentanea tensione finanziaria o di difficoltà industriale conseguenti alla recente congiuntura esterna per il periodo

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia

Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia INTRODUZIONE L energia rappresenta una delle principali sfide che l UE è chiamata ad affrontare nei prossimi anni. Se da un lato, vi è la necessità di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli