Analisi Ambientale (AA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi Ambientale (AA)"

Transcript

1 Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini

2 INDICE 1. INTRODUZIONE PREMESSA MODALITÀ 3 2. INFORMAZIONI GENERALI SUL SITO E SULLE ATTIVITA DESCRIZIONE ED UBICAZIONE DEL SITO DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ E DEI SERVIZI INDIVIDUAZIONE ASPETTI AMBIENTALI PRESCRIZIONI AMBIENTALI APPLICABILI 7 3. ASPETTI AMBIENTALI MATERIE PRIME, PRODOTTI E CONTAMINAZIONE DEL SUOLO CONSUMI IDRICI ED ENERGETICI Acqua Energia EMISSIONI IN ATMOSFERA Parco auto aziendale SCARICHI IDRICI RIFIUTI Rifiuti interni Rifiuti da attività di manutenzione SISTRI e Registro di carico e scarico RUMORE POLI CLORO BIFENILI - POLI CLORO TRIFENILI (PCB/PCT) SOSTANZE LESIVE DELLO STRATO DI OZONO E GAS SERRA AMIANTO ELETTROSMOG INQUINAMENTO LUMINOSO ASPETTI AMBIENTALI INDIRETTI Traffico veicolare indotto... Errore. Il segnalibro non è definito Manutenzione ditte esterne INDIVIDUAZIONE ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI ALLEGATI ALLEGATO 1: PLANIMETRIE GENERALI ALLEGATO 2: TABELLA DI VALUTAZIONE ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI ALLEGATO 3: VALUTAZIONE ASPETTI AMBIENTALI, IDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI E VALUTAZIONE DEI RISCHI 14 PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 2 di 14

3 1. INTRODUZIONE 1.1. Premessa PAL Servizi S.r.l. considera sicurezza e impatto ambientale come priorità principali durante lo svolgimento della propria attività; il fine è realizzare dei sistemi funzionali ed efficienti che rispettino, difendano e valorizzino l ambiente. A prova di quanto affermato, PAL Servizi S.r.l. ha intrapreso un percorso per l implementazione di un sistema di gestione ambientale secondo la norma ISO 14001:2004 che ha l obiettivo di rendere le attività aziendali efficaci ed efficienti in tutti gli ambiti. PAL Servizi S.r.l. è impegnata a portare i temi del risparmio energetico e dello sviluppo sostenibile nell erogazione dei propri servizi. L Azienda, inoltre, promuove e diffonde obiettivi di miglioramento specifici con l intento di influire sulla cultura della tutela del territorio, dell ambiente e della prevenzione dell inquinamento, coerentemente con le normative vigenti, attraverso l utilizzo di tecnologie e prodotti a basso impatto ambientale nel rispetto del territorio, della sicurezza e della salute della collettività. Allo scopo di implementare e mantenere il Sistema di Gestione Ambientale nel rispetto dei requisiti della norma UNI EN ISO 14001:2004 è stata effettuata un analisi dei dati ambientali e dell organizzazione ed è stato elaborato il presente documento che ne riassume i contenuti. I risultati dell analisi ambientale iniziale verranno utilizzati come base di riferimento per la definizione degli obiettivi e traguardi ambientali Modalità Nell Analisi Ambientale (AA) sono stati analizzati gli aspetti ambientali connessi alle attività svolte e valutati gli impatti al fine di determinare quelli più significativi sui quali focalizzare l attenzione ed approntare adeguati obiettivi di miglioramento nell ambito del Sistema di gestione ambientale. Si è pertanto attivato un processo di identificazione e valutazione degli aspetti ambientali relativi al sito e alle attività di PAL Servizi S.r.l., che si è svolto tramite le seguenti fasi: 1 individuazione delle attività dell organizzazione cui possono essere correlati aspetti ambientali; 2 identificazione degli aspetti ambientali correlati alle attività precedentemente individuate; 3 identificazione degli impatti ambientali conseguenti agli aspetti ambientali identificati; 4 valutazione della significatività dell impatto ambientale (svolta secondo i requisiti di una specifica procedura documentale); 5 Individuazione delle aree di miglioramento delle prestazioni ambientali sul piano tecnico e gestionale. PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 3 di 14

4 Il quadro di riferimento degli aspetti ambientali è stato individuato attraverso un'analisi iniziale della realtà aziendale, considerando tra l altro: contesto ambientale in cui l azienda opera; prescrizioni legislative applicabili; servizi erogati; depositi e stoccaggi di materie prime e rifiuti; L analisi della situazione ambientale si è basata principalmente su: la raccolta di informazioni e dati, quali: permessi ed autorizzazioni, risultati dei monitoraggi, schemi e dati di impianti e ove necessario analisi storica del sito; le interviste con il personale coinvolto, sia a livello operativo, sia a livello gestionale; la visita diretta presso la sede dell azienda 2. INFORMAZIONI GENERALI SUL SITO E SULLE ATTIVITA 2.1. Descrizione ed ubicazione del sito PAL Servizi S.r.l. opera a Mogliano Veneto (TV). Il sito si colloca in area di classe V Zona prevalentemente industriale. L attività si installata nel sito all inizio di gennaio In precedenza l immobile era adibito ad attività produttiva (maglificio). Successivamente è stato riconvertito in uffici e magazzini. Nello specifico l attività si svolge prevalentemente all interno dello stabile dove vengono svolte sia l attività commerciale e di amministrazione che quelle legate alla pianificazione e all erogazione del servizio. Le attività di assistenza tecnica vengono invece svolte direttamente presso i clienti. Il personale è costituito da dieci unità, due soci, sette dipendenti e 1 collaboratore esterno, come di seguito suddivisi: Macro Area N. dipendenti Amministrazione 2 Commerciale 2 Assistenza tecnica Descrizione delle attività e dei servizi Il servizio fornito da PAL Servizi S.r.l. consiste nella vendita, installazione e assistenza presso cliente di prodotti elettronici nell ambito IT, in particolare macchine da stampa prevalentemente marchiati Sharp e Develop. Inoltre, in un ottica di crescita anche dal punto di vista Software, PAL Servizi sta sviluppando un applicazione dedicata ai propri prodotti ad integrazione e miglioramento del servizio. Il nuovo software al momento è stato installato su due clienti, ma l azienda ha intenzione di svilupparlo in modo tale da renderlo un prodotto più facilmente commercializzabile. Si pensa di completare il progetto entro la fine dell anno PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 4 di 14

5 Segue una descrizione delle macro aree citate al punto 2.1. Amministrazione Si occupa della gestione finanziaria e contabile (clienti e fornitori), gestione risorse umane e logistica. Commerciale L attività svolta riguarda la gestione commerciale sui clienti acquisiti e prospect. L attività si incentra principalmente sulla vendita delle apparecchiature da stampa e del relativo servizio di assistenza. Assistenza Tecnica Si occupa della gestione dell installazione delle apparecchiature e degli interventi tecnici, a partire dalla pianificazione per concludersi con la realizzazione dell intervento e l eventuale rispristino della funzionalità dell apparecchiatura. PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 5 di 14

6 2.3. Individuazione aspetti ambientali Si riporta nella tabella sottostante l individuazione degli aspetti ambientali per le attività effettuate da PAL Servizi S.r.l. Impatto Attività Materie Prime & suolo Idriche Consumo di risorse Energetiche Emissioni in Atmosfera Scarichi Idrici Rifiuti (PCB/PCT) Rumore HCFC Gas Serra Amianto Elettrosmog Inquinamento luminoso Tutte le attività (Necessità di infrastruttura e di struttura) X X X X X X Amministrazione X X X Commerciale X X X X Assistenza tecnica X X X X PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 6 di 14

7 2.4. Prescrizioni ambientali applicabili Per il sito di via Raffaello 19/A Mogliano Veneto e per le relative attività che vi vengono svolte, di seguito viene presentato il quadro delle principali autorizzazioni e degli adempimenti legali vigenti: ARGOMENTO PRINCIPALE RIF. LEGISLATIVO D.M. 151/2011 Certificato Prevenzione Incendi Conformità infrastrutture Consumo energetico Rifiuti D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10/03/98 D.M. 16/02/1982 D.P.R. 462/2001 D.P.R. 425 del 22/04/1994 D.Lgs. 152/06 e s.m.i. L. n 10 del 09/01/1991 D.Lgs /12/2010 D.M. 17/12/2009 D.Lgs. 188/2008 D.Lgs. 4/08 D. Lgs 152/06 DPCM 24/12/2002 DM 02/05/06 PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 7 di 14

8 3. ASPETTI AMBIENTALI 3.1. Materie prime, prodotti e contaminazione del suolo Come descritto, la principale attività di PAL Servizi S.r.l. è riconducibile a commercializzazione, installazione e assistenza di apparecchiature da stampa per uffici. Presso il sito di via Raffaello 19/A Mogliano Veneto (TV) sono ubicati gli ufficio in cui vengono svolte le attività amministrative e commerciali dell azienda, nonché la pianificazione degli interventi tecnici. Per le esigenze di stampa legate alle attività di ufficio, nell anno 2012 è stata utilizzata carta in quantità di 426,4 Kg. PAL Servizi utilizza, per espletare l attività di assistenza tecnica, alcune sostanze chimiche in quantità esigue. In particolar modo tali sostanze sono utilizzate come detergenti per la pulizia delle carrozzerie delle apparecchiature. Per ogni sostanza si provvede sempre al reperimento della specifica scheda di sicurezza che viene messa a disposizione nei luoghi di utilizzo e consegnata ai tecnici. All interno dei luoghi di lavoro sono presenti alcune batterie al piombo per l apertura/chiusura del cancello automatico per il funzionamento dei gruppi UPS del server. Come previsto dalla legislazione vigente PAL Servizi S.r.l. ha provveduto a dotarsi di apposito kit di materiale assorbente/neutralizzante. PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 8 di 14

9 3.2. Consumi idrici ed energetici Acqua L approvvigionamento idrico della sede aziendale dove opera PAL Servizi S.r.l. avviene attraverso l acquedotto comunale di Mogliano Veneto. L azienda nello specifico utilizza la risorsa idrica per finalità equivalenti ad un uso civile. Periodo Consumo (m 3 ) Anno Gli scarichi idrici sono esclusivamente ad uso civile e sono determinati dai soli servizi igienici (rif. Paragrafo 3.4) Energia L Azienda utilizza energia elettrica per l illuminazione dei locali e per le utilities presenti in ufficio. Le fonti sono costituite da: a) energia elettrica per: corpi illuminanti apparecchiature varie di ufficio pompe di calore per il riscaldamento/raffreddamento dei locali b) gasolio per: autoveicoli aziendale Nell anno 2012 il consumo di energia elettrica è risultato pari a KWh. Gasolio Il gasolio viene utilizzato per la locomozione degli autoveicoli aziendali, utilizzati per le attività commerciali e di assistenza tecnica. Il gasolio utilizzato nell anno 2012 è pari a 8.123,17 litri. PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 9 di 14

10 La tabella seguente costituisce un riepilogo dei consumi energetici relativi all anno 2012 Anno Consumo Elettricità (KWh) Consumo gasolio (l) Nel corso dell anno 2012 sono stati consumati 12,64 TEP. Non è stato raggiunto il limite di 1000 TEP per la nomina dell Energy Manager Emissioni in atmosfera Le emissioni in atmosfera all interno del sito sono generate da: 1. Parco auto aziendale Parco auto aziendale Il parco auto aziendale è costituito da 6 veicoli che vengono utilizzati dal personale di PAL Servizi S.r.l. nello svolgimento delle proprie attività lavorative (trasporto persone, commerciale, assistenza tecnica). La manutenzione di questi veicoli viene effettuata presso centri autorizzati che, oltre ad effettuare la normale manutenzione, verificano periodicamente la conformità alle normative vigenti in merito alle emissioni in atmosfera. Le informazioni in merito alle scadenze previste per legge sono tenute sotto controllo e registrate all interno delle schede tecniche attrezzature Scarichi idrici E presente l autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura per acque reflue relative al sito in oggetto; ad ogni modo gli scarichi idrici prodotti da PAL Servizi S.r.l. sono di tipo civile Rifiuti Rifiuti interni I rifiuti prodotti presso la sede di PAL Servizi S.r.l., derivanti dalle attività di ufficio, sono rifiuti speciali non pericolosi assimilabili agli urbani. Essi sono raccolti in maniera differenziata all interno dell azienda e conferiti al comune tramite la società municipalizzata. Le cartucce toner esauste vengono ritirate in convenzione con il Comune di Mogliano Veneto attraverso la cooperativa Il Grillo. PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 10 di 14

11 In azienda possono essere prodotti rifiuti di apparecchiature elettroniche e parti di ricambio non riparabili che vengono gestiti come rifiuti speciali non pericolosi (codici CER , ) Rifiuti da attività di manutenzione Durante l attività di assistenza tecnica è possibile che presso la sede del cliente vengano sostituite delle parti di ricambio. Tali materiali vengono sempre portati in azienda per verificarne l eventuale ripristino. Per questo motivo non si configurano mai come rifiuti prodotti presso il cliente. La natura dei materiali cambia, da parti di ricambio a rifiuti, presso la sede di PAL Servizi, che provvede al loro smaltimento come rifiuti interni SISTRI e Registro di carico e scarico L azienda svolge la propria attività nell ambito del commercio e dei servizi producendo, di conseguenza, rifiuti speciali non pericolosi classificati alle lettere e) ed f) dell art. 184, comma 3 del D.Lgs. 152/06. Secondo l art. 188-ter, comma 1 del D.Lgs. 152/06 l azienda non è tra i soggetti obbligati all iscrizione al SISTRI, ma è individuata tra i soggetti che vi possono aderire su base volontaria (art. 188-ter, comma 2 lettera d). L art. 190, comma 1 individua i soggetti obbligati alla tenuta del registro di carico e scarico tra quelli che, pur potendo aderire al SISTRI su base volontaria, non lo hanno fatto. Si tratta dei soggetti di cui all art. 188-ter, comma 2, lettera a) e b) che vengono indicati di seguito: a) gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti pericolosi, ivi compresi quelli di cui all art. 212, comma 8 del D.Lgs. 152/06; b) le imprese e gli enti produttori di rifiuti speciali non pericolosi, di cui all articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g) con più di dieci dipendenti, nonché le imprese e gli enti che effettuano operazioni di smaltimento o recupero di rifiuti e che producano per effetto di tale attività rifiuti non pericolosi, indipendentemente dal numero di dipendenti. Dato che PAL Servizi non si configura in nessuna delle fattispecie sopra descritte non è obbligata alla tenuta del registro di carico e scarico rifiuti Rumore L azienda è ubicata in un area attribuita alla Classe V Aree prevalentemente industriali delle classi di zonizzazione acustica comunale, previste dalla Legge 447/95. Conformemente a quanto definito dalla Legge 447 del 1995, l azienda ha provveduto a far redigere, da parte di un tecnico competente, una valutazione del rumore esterno delle attività svolte presso la sede di PAL Servizi S.r.l., da cui si evince che l attività rientra nei limiti di emissione previsti dalla legge. La valutazione del rumore esterno è disponibile presso l amministrazione Poli Cloro Bifenili - Poli Cloro Trifenili (PCB/PCT) Non risultano presenti apparecchiature contenenti PCB/PCT. PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 11 di 14

12 3.8. Sostanze lesive dello strato di ozono e gas serra Per quanto riguarda gli halon, non vi sono apparecchi antincendio con questo estinguente: presso l azienda sono in uso estintori idrici e a CO 2. Nel sito non sono presenti apparecchiature (gruppi frigoriferi, condizionatori) contenenti sostanze controllate. Sono presenti apparecchiature contenenti gas ad effetto serra. Apparecchiatura Gas Quantità Condizionatori Sharp R410A < 3Kg Frigorifero R134A < 3Kg 3.9. Amianto Non risultano presenti manufatti contenenti Amianto Elettrosmog Non risultano presenti apparecchiature che emettono radiazioni ionizzanti o elettromagnetiche Inquinamento Luminoso All interno dell azienda non sono presenti fonti di illuminazione esterna. PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 12 di 14

13 3.12. Aspetti ambientali indiretti Mobilità L attività di PAL Servizi S.r.l. genera aspetti ambientali indiretti in particolare legati agli spostamenti in auto dei dipendenti per raggiungere il posto di lavoro e degli agenti che utilizzano i propri veicoli per svolgere le attività commerciali presso i clienti Manutenzione ditte esterne PAL Servizi S.r.l. ha definito le modalità di gestione degli impatti ambientali prodotti durante l attività dei fornitori presso la propria sede all interno dei contratti di servizio o in dichiarazioni rilasciate dal fornitore. Servizio Fornitore Servizi pulizie CPS Vending machine Gemil Boccioni Acqua Water Time Gli aspetti ambientali associati alle attività di manutenzione sopracitate riguardano: Generazione di rifiuti Logistica PAL Servizi S.r.l. utilizza vettori per la consegna di consumabili e parti di ricambio. Non è possibile monitorare l impatto generato da tali trasporti. Comunque l azienda si affida a trasportatori riconosciuti a livello nazionale che sono in grado di dare garanzie sulla corretta gestione dei propri mezzi (es. UPS). PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 13 di 14

14 4. INDIVIDUAZIONE ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI Vedasi Allegato 2 : Tabella di valutazione aspetti ambientali significativi. 5. ALLEGATI 5.1. Allegato 1: Planimetrie generali 5.2. Allegato 2: Tabella di valutazione aspetti ambientali significativi 5.3. Allegato 3: Valutazione aspetti ambientali, identificazione dei pericoli e valutazione dei rischi PAL Servizi S.r.l. - DOCUMENTO INTERNO Pag. 14 di 14

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL

L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL 1 Nocera Inferiore 19/11/2012 L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL La New That Srl è presente sul mercato da oltre 40 anni. L azienda da sempre interessata alle più significative dinamiche di mercato,

Dettagli

DITTA: DENOMINAZIONE (RAGIONE SOCIALE): SEDE LEGALE: UBICAZIONE DELL ESERCIZIO:

DITTA: DENOMINAZIONE (RAGIONE SOCIALE): SEDE LEGALE: UBICAZIONE DELL ESERCIZIO: Schema di Relazione tecnica. DIA SANITARIA per STABILIMENTO O LABORATORIO DI PRODUZIONE, PREPARAZIONE E CONFEZIONAMENTO OD ESERCIZIO COMMERCIALE, NONCHE DEPOSITO DI SOSTANZE ALIMENTARI Lettera a) del quadro

Dettagli

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L.

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale ambiente e lavori pubblici Servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico e ambientale Via Giulia, 75 34126 TRIESTE (TS) FRIULANA COSTRUZIONI

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Pag.: 1/9 INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4. MODALITÀ OPERATIVE...3 4.2. Identificazione dei parametri da monitorare...3

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

Istruzione Operativa 4.4.6/4 Gestione fornitori

Istruzione Operativa 4.4.6/4 Gestione fornitori pag. 1 di 7 Istruzione Operativa 4.4.6/4 (UNI EN ISO 14001:04 - Regolamento CE n. 761/2001 EMAS) 1. Scopo... 2 2. Campo Di Applicazione... 2 3. Modalità Di Gestione... 2 4. Linee guida per l approvvigionamento

Dettagli

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98)

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98) REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana AZIENDA U.S.L.N 1 DI MASSA E CARRARA Gruppo Operativo Nuovi Insediamenti Produttivi Via

Dettagli

1. INDICAZIONI GENERALI

1. INDICAZIONI GENERALI DIRETTIVE INERENTI L ATTIVITA DI VERIFICA DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE - AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI 1. INDICAZIONI

Dettagli

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014 Identificazione del Installazione IPPC Ragione sociale Sede Legale Sede Operativa F.LLI SANTINI SRL Via Giotto 4/A Bolzano Via Giotto snc Bolzano Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi

Dettagli

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità Servizi di pulizia ed altri servizi per le - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro

Dettagli

Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare.

Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare. 1 GUIDA ALLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare. INDICE 1. Introduzione: la sicurezza sui luoghi di lavoro

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

S.U.A.P. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO RICHIESTO

S.U.A.P. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO RICHIESTO Numero pratica / Responsabile del Procemento: S.U.A.P. Data avvio del Procemento DESCRIZIONE DELL INTERVENTO RICHIESTO AI FINI DELL AUTORIZZAZIONE PER LA REALIZZAZIONE, L AMPLIAMENTO, LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Numero di pratica / Responsabile del Procedimento: S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Data di avvio del Procedimento Spazio riservato all ufficio

Dettagli

LA BANCA E L'AMBIENTE

LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE Abbiamo maturato negli anni una sempre maggiore sensibilità verso le tematiche ecologiche e verso la tutela dell ambiente, nonostante la nostra organizzazione

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

Nominativo/Ragione Sociale: Residenza/Sede: Provincia. Via : n C.F./P.IVA. Telefono: Cellulare Mail

Nominativo/Ragione Sociale: Residenza/Sede: Provincia. Via : n C.F./P.IVA. Telefono: Cellulare Mail Comune di Piaggine Provincia di Salerno Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: Arch. Angelo Prinzo P.G. OGGETTO: Richiesta di agibilità totale parziale Bollo da 14,62 Il sottoscritto

Dettagli

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 SR.G.GE.S.A..S.A. SRL Società Gestione Servizi Ambientali www.sogesa.biz Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 Il contenuto di questo documento è di proprietà della So.. La riproduzione, la comunicazione

Dettagli

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE AGI COMUNE DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE MODULO DI RICHIESTA AGIBILITÀ PROTOCOLLO GENERALE Marca da Bollo 16,00 NUMERO PROTOCOLLO AGIBILITÀ ANNO 201 AL SINDACO DEL COMUNE DI GUSPINI

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE AZIENDA U.S.L. 12 Viareggio Dipartimento di Prevenzione Gruppo di Lavoro Nuovi Insediamenti Produttivi MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE (art. 19 Legge 241/90 s.m.i.) QUADRO A Il Modulo

Dettagli

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i) SITO IN VIA/LOCALITA

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i) SITO IN VIA/LOCALITA . BOLLO COMUNE DI ROFRANO Settore Urbanistica RISERVATO ALL UFFICIO ARCHIVIAZIONE DEL PROCEDIMENTO RISERVATO AL PROTOCOLLO PRATICA EDILIZIA N DEL / / RISERVATO ALL UFFICIO ACCETTAZIONE VERIFICA ELABORATI

Dettagli

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio DITTA A.E.T.

Dettagli

Il Sistema integrato qualità, ambiente e sicurezza

Il Sistema integrato qualità, ambiente e sicurezza Il Sistema integrato qualità, ambiente e sicurezza Riferimenti normativi Qualità UNI EN ISO 9001 Ambiente UNI EN ISO 14001 Sicurezza OHSAS 18001 Tutte e tre le normative sono compatibili ed in alcuni casi

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

- Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno 2015 -

- Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno 2015 - - Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno 2015-1. Premessa Remedia TSR s.r.l. (d ora in poi Remedia) è la società di servizi, interamente controllata da Consorzio ReMedia, che organizza e gestisce

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SCHEDA INFORMATIVA PARERE NIP SCHEDA INFORMATIVA NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI D DITTA (ragione sociale) legale rappresentante (me,cogme, titolarità)

Dettagli

Qualità - Sicurezza - Ambiente

Qualità - Sicurezza - Ambiente Qualità - Sicurezza - Ambiente Qualità Sicurezza Ambiente UNI EN ISO 9001 BS OH SAS 18001 UNI EN ISO 14001:2004 DPR 547/1955 Il rischio è il prodotto tra la probabilità e la gravità R x G 1 2 3 4 1 1 2

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

WWW.STUDIOGREENLINE.IT

WWW.STUDIOGREENLINE.IT WWW.STUDIOGREENLINE.IT STUDIO GREENLINE Greenline nasce nel 1996 con la riunione al suo interno di professionisti multidisciplinari per le diverse esperienze professionali espletate. Obiettivo: la creazione

Dettagli

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Numero di pratica / Responsabile del Procedimento: S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Data di avvio del Procedimento Spazio riservato all ufficio

Dettagli

A.P.M. S.p.a. (Azienda Pluriservizi Macerata)

A.P.M. S.p.a. (Azienda Pluriservizi Macerata) Pagina 1 di 7 PROCEDURA GESTIONALE INFORMAZIONI PER APPALTATORI Copia n Copia n : 0 Rev. Data Motivo Redazione e Verifica Approvazione 0 01/06/2007 Prima emissione 1 12/01/2009 Recepimento ISO 9001:2008

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Modulo 1: IL RISCHIO DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE - 20 ore ARGOMENTO SINTETICO PROGRAMMA DOCENTE

Modulo 1: IL RISCHIO DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE - 20 ore ARGOMENTO SINTETICO PROGRAMMA DOCENTE Corsi di Aggiornamento per Responsabili e Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione Sede svolgimento: Sala Conferenze Ordine Ingegneri della Provincia di Latina Modulo 1: IL RISCHIO DA APPARECCHIATURE

Dettagli

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ ED AGIBILITÀ DELL IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art 25 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i., e con le modalità di cui all art

Dettagli

QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI?

QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI? Sicurezza, Igiene del Lavoro, Problematiche Ambientali QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI? una guida pratica per verificare la completezza degli obblighi di

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi PRESENTAZIONE SI.ECO. è la Società che fornisce servizi di consulenza specialistica qualitativamente elevati ad Enti Pubblici ed Aziende private nel settore della gestione del territorio, dell ambiente

Dettagli

l agenzia delle aziende

l agenzia delle aziende l agenzia un nuovo servizio di ETRA dedicato alle imprese del territorio l agenzia Futuro sostenibile l agenzia Nasce un nuovo servizio per rispondere rapidamente alle aziende. Un numero diretto per dialogare

Dettagli

INFORMARIFIUTI MAGGIO

INFORMARIFIUTI MAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AMBIENTE INFORMARIFIUTI MAGGIO 2008 Circolare per le amministrazioni locali su tutto quanto fa rifiuto SOMMARIO Nuovo decreto CENTRI DI RACCOLTA Produzione rifiuti urbani -

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica

PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica DOCUMENTO REDATTO IN COLLABORAZIONE CON: PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica Il presente documento costituisce la relazione annuale sul piano di monitoraggio e controllo come prevista

Dettagli

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici.

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Premessa Dal 27 Agosto entra pienamente in funzione il il DM 5 luglio 2012 definito (Quinto Conto Energia), le tariffe incentivanti

Dettagli

Rapporto tecnico istruttorio a supporto della valutazione di domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ai sensi del D. Lgs.

Rapporto tecnico istruttorio a supporto della valutazione di domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ai sensi del D. Lgs. Rapporto tecnico istruttorio a supporto della valutazione di domanda di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ai sensi del D. Lgs. 59/05 Numero del rapporto: 2/QUINQUIES/BN Ditta: Moccia Industria

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014 Identificazione del Installazione IPPC Ragione sociale Sede Legale Sede Operativa F.LLI SANTINI SRL Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Tipo di installazione Esistente soggetta

Dettagli

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La norma UNI 9994-1, in vigore dal 20 Giugno 2013, sostituisce la UNI 9994 del 2003. Essa

Dettagli

FOTOCOPIATRICI 23 Criteri di sostenibilità

FOTOCOPIATRICI 23 Criteri di sostenibilità FOTOCOIATRICI 23 Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Fornitura in noleggio di Fotocopiatrici multifunzione di fascia alta a basso impatto ambientale, beni opzionali e servizi connessi.

Dettagli

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net LA POLITICA E LA MISSION La MEDI srl opera nel settore della Progettazione, Smontaggi,

Dettagli

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380 N. Prot. Bollo.16,00 Provincia dell Aquila Sportello Unico per l Edilizia ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il sottoscritto cod.

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità.

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Marca da bollo 16,00 All Ufficio Tecnico per l edilizia del Comune di 22032 ALBESE CON CASSANO OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SCHEMA DI COLLAUDO IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art. 10 del D.P.R. 160/2010, lettera b) Il presente modello deve essere presentato ogni qualvolta

Dettagli

Condizioni Generali ANCI-CDCNPA

Condizioni Generali ANCI-CDCNPA Condizioni Generali ANCI-CDCNPA per il ritiro di pile accumulatori industriali e per veicoli dai Centri di Raccolta Comunali 1 Oggetto ed ambito applicativo Le presenti prescrizioni costituiscono condizioni

Dettagli

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Company profile MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Sede Legale Strada della Repubblica, 66 43121 Parma Sede amministrativa Via Rampognana,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DITTA

SCHEDA INFORMATIVA DITTA Al Comune di SUAP NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE ATTIVITA' RAPPRESENTANTE LEGALE Tel Cell Fax P. IVA e mail Modulistica predisposta dalla ASL 4 Chiavarese Dipartimento

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

Sede Operativa : Zona Industriale Due Pini Montalto di Castro (VT) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO E OCCUPAZIONALE

Sede Operativa : Zona Industriale Due Pini Montalto di Castro (VT) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO E OCCUPAZIONALE Determinazione n. B6548 del 20 dicembre 2010 OGGETTO: VALLONE S.r.l. - ai sensi dell art.208, comma 20 del e s.m.i., relativamente ad un impianto di stoccaggio e trattamento per il recupero di R.A.E.E.

Dettagli

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di,

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di, FAC-SIMILE DOMANDA COLLAUDO marca da bollo Spett.le COMUNE DI VERZUOLO Area di Vigilanza Ufficio Commercio Attività Produttive Tramite Sportello Unico per le Attività Produttive Associato Piazza G.Marconi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) PER L INTERVENTO DI: avente titolo alla presentazione della richiesta In qualità di:

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) PER L INTERVENTO DI: avente titolo alla presentazione della richiesta In qualità di: AL COMUNE DI CASACALENDA (CB) Corso Roma n. 78 86043 Casacalenda (CB) UFFICIO TECNICO RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA BOLLO. 16,00 PRATICA N ANNO PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01)

Dettagli

NOTIFICA ART. 67* D.Lgs. 81/08

NOTIFICA ART. 67* D.Lgs. 81/08 NOTIFICA ART. 67* D.Lgs. 81/08 n. 2 copie in carta semplice il presente modello deve essere presentato unitamente alla domanda unica SUAP Il sottoscritto Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita

Dettagli

COMUNE DI CASSACCO. Comun di Cjassà. Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere della Giunta COPIA N. 3

COMUNE DI CASSACCO. Comun di Cjassà. Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere della Giunta COPIA N. 3 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere della Giunta COPIA N. 3 OGGETTO: Approvazione realizzazione Centro di Raccolta RAEE presso immobile

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Personale e Organizzazione - Tutela Ambientale UFFICIO Rifiuti, Emissioni in Atmosfera, Inquinamenti e Bonifiche N. Mecc. PDET-1333-2013 del 20/05/2013 Atto N. 1331 del 21/05/2013

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ.

PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ. PRATICA N ANNO BOLLO PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva, residente/ con sede in Via civ. avente titolo alla presentazione della

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

Oggetto Richiesta di attivazione Procedimento Unico ai sensi del D. Lgs 31 marzo 1998 n 112 e del D.P.R.

Oggetto Richiesta di attivazione Procedimento Unico ai sensi del D. Lgs 31 marzo 1998 n 112 e del D.P.R. Protocollo Generale Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Del Comune di Santa Teresa di Riva Oggetto Richiesta di attivazione Procedimento Unico ai sensi del D. Lgs 31 marzo 1998 n 112 e

Dettagli

Verifica della conformità normativa 2

Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2 Per una corretta gestione della sicurezza è necessario predisporre (vedi allegato 2.A.) e archiviare l apposita documentazione. 2.1 Elenco documentazione Certificato

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 6 1 06.02.2014 Rev. Generale 0 01.10.2013 CEPAS srl Presidente Comitato

Dettagli

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl IL SITO E LE ATTIVITÀ La RIME 1 è una società che svolge

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i.

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i. RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a Arch./Ing./Geom./Per.Ind. nato/a

Dettagli

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI

Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! SERVIZI Certificazione del Personale e dell Azienda SITUAZIONE!!!!! 1 Regolamento CE 303/2008 2aprile 2008 Si ricorda che deve essere certificato la persona fisica che svolge le seguenti attività: a) Controllo

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

SEZIONE 1 - Notizie generali. Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi e non pericolosi

SEZIONE 1 - Notizie generali. Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi e non pericolosi Pagina 1 di 7 SEZIONE 1 - Notizie generali Azienda : CLERICO PRIMINO s.r.l. Indirizzo sede operativa: Via Provinciale, n. 54 - Camburzano Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

FUTURIS ETRUSCA S.R.L.

FUTURIS ETRUSCA S.R.L. FUTURIS ETRUSCA S.R.L. PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL Relazione progetto dismissione impianto Via Squartini, 14 Centro Work Service Ospedaletto (PI) Tel

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Modulo

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Modulo Ditta Modulo XY N. Rev. 0 Bilancio ambientale Pagina: 1/1 Input Output Materie: Prodotti: Materiali di supporto: Rifiuti: Sostanze pericolose: Altri materiali Scarichi: MODULO 1: Bilancio ambientale Energia:

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. "Chiavarese" Via G.B.

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. Chiavarese Via G.B. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI "Chiavarese" Via G.B. Ghio 9 NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE

Dettagli